I linfociti sono sollevati

Diete

Linfocita (LYM) è come "censura" del nostro corpo. I linfociti sono responsabili della sorveglianza immunitaria del nostro corpo. Ci sono recettori speciali nel corpo del linfocita, che vengono attivati ​​al contatto con una proteina cellulare aliena.

Il linfocita non vive un paio di tre giorni, come "tipici" globuli bianchi, ma da diversi mesi e più di 20 anni.

Le singole cellule dei linfociti possono nascere e vivere fino a quando la persona muore! Rispetto ai globuli rossi, diametro molto piccolo 7-10 micron. La principale differenza tra un linfocita e tutti i leucociti nel sangue, dà loro la capacità di passare facilmente nei tessuti del corpo e tornare al sangue.

La percentuale di linfociti nel sangue dal 20 al 40% è considerata normale. Ci sono più linfociti nei tessuti che nel sangue o viceversa. Questo è considerato normale, alcuni linfociti possono differire dai loro "fratelli" che vivono in luoghi diversi del corpo e appartengono a tipi diversi.

  • La specificità della funzione linfocitaria inclusa nel gruppo dei leucociti è la sorveglianza immunitaria, un'incredibile capacità di riconoscere nel corpo secondo il principio del "proprio" e "di qualcun altro". Non distrugge i batteri, a differenza di altri leucociti, ma le loro cellule malate, cellule modificate da virus, mutazioni e cellule cancerose in una fase precoce.

Tasso di linfociti

  • Neonati 15 - 35
  • fino a 2 settimane 22 - 55
  • Da 2 settimane a 1 anno 45 - 70
  • Da 1 anno a 2 anni 37 - 60
  • Dai 2 ai 5 anni 33 - 55
  • Dai 6 ai 7 anni 30-50
  • Da 8 a 9 anni 30 - 50
  • Da 9 a 11 anni 30 - 46
  • Dai 12 ai 15 anni 30 - 45
  • Da 16 anni e adulti da 20 a 40 anni

Una condizione in cui i linfociti sono elevati nel sangue di un flusso sanguigno periferico è chiamata linfocitosi. La linfocitosi non deve essere valutata come un aumento dei linfociti da solo, ma come un fenomeno complesso che interessa tutti i tipi di leucociti e la loro formula di leucociti, il contenuto assoluto di leucociti e il loro rapporto percentuale.

Se hai un alto livello di linfociti, chiedi al tuo medico che tipo di linfocitosi hai:

Linfocitosi reattiva - manifestata in una malattia infettiva o insufficienza nell'immunità.

Linfocitosi maligna - può essere un segnale di leucemia ematica manifestata in forma cronica e malattia linfoproliferativa acuta.

Perché i linfociti sono elevati

Quando i linfociti sono elevati in un adulto, questo può indicare una reazione del sistema immunitario a qualsiasi malattia o condizione occulta che si verifica nel corpo. Questa reazione dovrebbe essere risolta entro 1-2 mesi dalla cessazione dell'azione del fattore che la causa nelle malattie croniche e acute. Può essere accompagnato da un aumento dei linfonodi, un ingrossamento della milza e del fegato in un paziente.

Ciò non dovrebbe causare il panico nel paziente per lo sviluppo dell'oncologia, poiché solo un medico può determinarlo. Al fine di determinare quale tipo di linfocitosi è presente, il medico prescrive test aggiuntivi per:

  • patologie dei linfociti stessi;
  • analisi del midollo osseo;
  • test genetici molecolari.

Ciascuno dei tipi di globuli bianchi svolge la sua funzione di protezione contro virus e batteri, cellule estranee. La linfocitosi assoluta è caratterizzata da un grande eccesso di linfociti in malattie come:

  • epatite,
  • mononucleosi infettiva,
  • malattie del sistema endocrino
  • linfosarcoma
  • cancro
  • Danno virale, virus linfotropico

Quando hai bisogno di suonare l'allarme?

È necessario prestare attenzione quando, quando si dona un emocromo completo, si rileva costantemente un numero maggiore di linfociti nel sangue. Quando un aumento dei linfociti è accompagnato da un aumento dei linfonodi, fegato, milza. In questi casi, è necessario contattare uno specialista, oncologo, ematologo.

Potrebbe essere necessario condurre analisi aggiuntive:

  • radiografia del torace,
  • Ultrasuoni degli organi interni
  • esame citologico e istologico del midollo osseo,
  • tomografia computerizzata.
  • Linfonodi ingrossati
  • Disturbi del sonno
  • nausea
  • Perdita di appetito
  • temperatura elevata
  • vomito
  • Milza ingrandita
  • diarrea
  • Fegato ingrandito
  • costipazione
  • brividi
  • Bassa temperatura
  • Tonsille ingrandite
  • esaurimento
  • Menomazione generale
  • Infiammazione della corteccia cerebrale
  • Infezioni del naso
  • Infezioni della mucosa orale

Cause di linfocitosi

  • Reazioni farmaco-mediate
  • Malattia da siero
  • ferita
  • Dopo la rimozione della milza
  • Fumatori maligni
  • Linfocitosi da linfociti granulari giganti
  • Artrite reumatoide
  • Malattie endocrine:
  • ipertiroidismo

Pre-cancro e malattie del cancro

  • malattia linfoproliferativa delle cellule B
  • timoma maligno
  • leucemia linfatica cronica
  • leucemia linfoblastica acuta
  • linfoma maligno non-Hodgkin

I linfociti sono elevati nei bambini.

Il motivo più comune per cui i linfociti sono elevati nei bambini può essere la lotta del corpo contro le infezioni. Va notato che essi sono elevati nei bambini per qualche tempo dopo aver sofferto di una malattia infettiva, che non dovrebbe causare particolare preoccupazione ai genitori dei bambini.

Ma in ogni caso, è necessario consultare un medico, poiché l'aumento dei linfociti del bambino può essere dovuto ad altri motivi, ad esempio nell'asma, il linfosarcoma. Ecco alcune delle malattie che causano i leucociti elevati in un bambino: morbillo, tubercolosi, epatite, leucemia linfatica, pertosse.

Formula di leucociti per bambini di diverse età

Perché i linfociti sono abbassati

La situazione in cui i linfociti si abbassano viene chiamata linfopenia (questa è una diminuzione del loro numero). Quantità riducendo al contempo meno

Spiegazione della formula dei leucociti: norma e cause della deviazione degli indicatori

La formula dei leucociti consente di ottenere informazioni sul livello complessivo dei leucociti nel sangue, nonché sulla percentuale dei loro vari tipi. I dati ottenuti sono espressi in percentuale ed è possibile ottenere un leucogramma quando si esegue un esame del sangue generale. Nel caso in cui dopo la ricerca condotta la formula dei leucociti sia normale, allora possiamo parlare dell'assenza di eventuali malattie nel corpo del paziente.

Analisi del sangue - formula dei leucociti

Il valore di leykoformuly nello studio del sangue

La formula dei leucociti si riferisce a una certa percentuale di vari tipi di leucociti, la cui determinazione viene effettuata durante un'analisi del sangue clinica. Questo rapporto è di solito permanente e indica che le funzioni protettive del corpo sono normali.

Nel caso in cui la progressione di varie patologie infettive e infiammatorie inizi nel corpo di un adulto o di un bambino, vi è un cambiamento evidente nella formula dei leucociti. Tali cambiamenti non sono specifici per una particolare malattia, tuttavia, spesso varie deviazioni dagli indicatori standard consentono allo specialista di concludere circa l'intensità del processo patologico.

Lo studio della formula dei leucociti consente di valutare la gravità della malattia infettiva, nonché l'efficacia della terapia.

In alcuni casi, questa analisi consente di stabilire con precisione la diagnosi.

Tipi di globuli bianchi

La formula dei leucociti riflette il rapporto tra i seguenti tipi di leucociti:

Ogni varietà di globuli bianchi ha una struttura e uno scopo peculiari e svolge anche una funzione specifica nel corpo:

  • Il compito principale dei linfociti è l'eliminazione di microrganismi estranei e cellule cancerose, nonché la normalizzazione del processo di produzione di anticorpi.
  • I monociti sono attivamente coinvolti nella fagocitosi e neutralizzano corpi di origine straniera.
  • Gli enzofili si distinguono per la loro capacità di muoversi e partecipare alla fagocitosi. Inoltre, sono più attivamente coinvolti nello sviluppo di reazioni allergiche infiammatorie, così come nella cattura e rilascio di istamina.
  • I neutrofili svolgono una protezione fagocitaria nel corpo, cioè prendono parte attiva all'eliminazione di corpi estranei. Inoltre, sono coinvolti nella produzione di sostanze che hanno un effetto battericida.
  • I basofili sono coinvolti nel garantire la migrazione di vari tipi di globuli bianchi nel luogo di localizzazione del processo infiammatorio. Inoltre, sono partecipanti attivi nelle reazioni allergiche.

Caratteristiche dell'analisi

Nomina e preparazione per l'analisi del sangue per leykoformulu

Lo studio per determinare la formula dei leucociti è nominato da uno specialista nei seguenti casi:

  • la necessità di identificare e confermare le patologie di una malattia infettiva o infiammatoria
  • diagnostica di malattie e neoplasie di vari gruppi sanguigni
  • valutazione dell'efficacia della terapia prescritta per il trattamento di alcune malattie
  • fase preparatoria per la chirurgia

Per ottenere risultati accurati e affidabili dal paziente è necessario aderire a un determinato preparato:

  1. è necessario donare il sangue per la ricerca al mattino a stomaco vuoto, è permesso solo bere dell'acqua
  2. poche ore prima l'analisi dovrebbe abbandonare l'uso di cibi grassi e bevande alcoliche
  3. 2-3 giorni prima dell'orario stabilito per lo studio non devono essere eseguiti carichi fisici sul corpo
  4. dall'ultimo pasto e donazione di sangue per l'analisi dovrebbe richiedere almeno 10-12 ore

Il materiale per lo studio è il sangue venoso, che viene visualizzato al microscopio per determinare la formula dei leucociti.

Inoltre, viene utilizzato un analizzatore automatico per ottenere i risultati dello studio.

Norma nei bambini

Decifrare leucoformuly nei bambini: la norma

Quando un bambino nasce, i conteggi dei neutrofili standard variano dal 60 al 65% e i linfociti costituiscono il 25-30%. Tuttavia, già nel secondo giorno della sua vita, c'è una diminuzione graduale del livello dei neutrofili nel sangue di un bambino e un aumento attivo dei linfociti. A circa 4-5 giorni c'è un rapporto uguale di questi tipi di leucociti, e costituiscono circa il 40-45%.

Già alla fine del primo mese di vita, nella formula dei leucociti si verifica una diminuzione del livello dei neutrofili e dei linfociti. Questo numero di globuli bianchi rimane invariato fino alla fine del primo anno di vita di un bambino, e quindi inizia il processo inverso, cioè c'è una diminuzione della conta dei linfociti e un aumento dei neutrofili.

A circa 4-5 anni, c'è un secondo livellamento del contenuto di neutrofili e linfociti, cioè, il loro contenuto nel corpo del bambino diventa uguale.

Dopo questa età, la formula dei leucociti conterrà circa il 60-70% dei neutrofili e il 20-40% dei linfociti.

Norma negli adulti

Quando si studia la formula dei leucociti negli adulti, si richiama l'attenzione sui seguenti indicatori:

  • il contenuto di linfociti dovrebbe variare tra 19-37%
  • il livello dei monociti può raggiungere il 3-11%
  • la concentrazione dei neutrofili della banda può raggiungere l'1-6%
  • i neutrofili segmentati vanno dal 47 al 72%
  • il contenuto di basofili deve essere compreso tra 0-1%
  • il livello di eosinofili non deve superare lo 0,5-5%

Nel caso in cui il processo patologico progredisca nel corpo umano, possono verificarsi deviazioni dalla norma.

Deviazioni dalla norma

Formula dei leucociti: diminuzione e aumento degli indicatori

La linfocitosi, che è accompagnata da un aumento del contenuto di linfociti nel corpo umano, può indicare lo sviluppo di:

Se viene rilevato un basso numero di leucociti nel corpo umano, lo sviluppo può essere valutato:

  • malattie di origine infettiva
  • lupus eritematoso sistemico
  • disfunzione renale
  • mancanza di vitamine nel corpo
  • progressione e radioterapia di natura acuta
  • trattamento con corticosteroidi

Un aumento della conta dei neutrofili è un indicatore dei seguenti disturbi:

  • sviluppo di sanguinamento acuto
  • alta concentrazione di sostanze tossiche nel sangue
  • sviluppo di malattie di origine batterica
  • prendendo corticosteroidi

In tal caso, se la decodifica della ricerca condotta riflette un basso numero di neutrofili, ciò può verificarsi per i seguenti motivi:

  • sviluppo di patologie di origine autoimmune
  • presenza di intolleranza ai singoli farmaci
  • effetti sul corpo delle radiazioni ionizzanti
  • progressione delle malattie infettive

Il sollevamento del monocita può verificarsi come risultato di:

  • infezioni causate da diversi batteri
  • progressione dell'artrite reumatoide e del lupus eritematoso
  • sviluppo di infezioni parassitarie
  • leucemia

La combinazione di valutare bassi livelli di monociti con indicatori di formula linfocitica consente di diagnosticare la tubercolosi polmonare. Il contenuto di un numero maggiore di basofili indica lo sviluppo nel corpo umano della leucemia mieloide di natura cronica ed eritrite.

Ulteriori informazioni sui leucociti nel sangue possono essere trovate nel video.

Quando si valuta la formula dei leucociti, è possibile rilevare un contenuto elevato di eosinofili e ciò accade:

  • con una reazione allergica
  • con scarlattina
  • con malattie parassitarie
  • nelle patologie della pelle
  • con leucemia eosinofila

Per ridurre gli eosinofili negli esseri umani può con la progressione della febbre tifoide o con una maggiore attività di adrenocorticosteroidi.

La decodifica dei leucogrammi viene effettuata prendendo in considerazione i turni nucleari, dove si richiama l'attenzione sul rapporto tra neutrofili maturi e immaturi. Normalmente, una persona sana non dovrebbe avere mielociti e giovani neutrofili in un esame del sangue.

Nel caso in cui lo sviluppo di patologie acute di origine batterica si verifichi nel corpo, ciò provoca un aumento del contenuto di neutrofili stabici.

Con una grave forma di patologia, si osserva la comparsa di giovani e mielociti, cioè c'è un cambiamento della formula dei leucociti sul lato destro. In questo caso, parlando dello sviluppo di patologie di origine infettiva, così come questa condizione è caratteristica di acidosi e coma. Quando si sposta a destra, aumenta il contenuto delle forme mature e appaiono i granulociti ipersegmentati. Tipicamente, questo fenomeno si verifica in questa condizione patologica del corpo, come l'anemia megaloblastica.

Oggi la formula dei leucociti è di fondamentale importanza. Condurre un esame del sangue generale con la rilevazione del leucogramma permette di giudicare la presenza nel corpo di gravi processi patologici, l'efficacia del trattamento e la possibile prognosi.

Che cos'è una formula di leucociti e come viene calcolata

Uno dei componenti del test del sangue è una formula di leucociti. I medici raccomandano la sua definizione per qualsiasi patologia, in quanto è sensibile a molte patologie. Nell'articolo analizzeremo tutti i possibili cambiamenti nel numero di leucociti e cosa significano.

Tipi di globuli bianchi

Emocromo completo è composto da diversi indicatori. Tutti sono riflessi nelle proprie unità di misura, con simboli in lettere latine.

Pertanto, quando si riceve un esame del sangue (leucogramma) sulle mani, decifrare i valori è utile a qualsiasi persona:

Formula di leucociti registrata separatamente. Riflette il rapporto tra il numero di globuli bianchi e l'un l'altro. Questo è importante per una diagnosi clinica, poiché tutti i leucociti non sono gli stessi.

Ci sono diverse varietà di loro che differiscono nelle loro funzioni nel corpo umano:

neutrofili

Una delle celle più versatili. Attivato da qualsiasi infiammazione, sia batterica o virale. I neutrofili distruggono qualsiasi sostanza estranea, emettendo componenti chimici che attraggono altre cellule infiammatorie. Pertanto, qualsiasi reazione infiammatoria è essenzialmente innescata dai neutrofili.

Le cellule di neutrofili sono anche divise in base alla loro maturità:

  • I mielociti e i metamelociti sono giovani cellule giovani che non svolgono alcuna funzione. Una persona sana non li ha nel sangue.
  • Cellule staminali: cellule in via di maturazione che si trovano sempre nel sangue. Il loro numero aumenta drammaticamente durante l'insorgenza dell'infezione.
  • Segmentale: le cellule più mature e mature. Svolgono tutte le funzioni di protezione del corpo inerente ai neutrofili. I neutrofili segmentali sono l'ultimo stadio nello sviluppo dei mielociti.
al contenuto ↑

linfociti

Queste sono cellule che svolgono il secondo stadio della risposta immunitaria. Arrivano al sito di infiammazione, reagendo alle sostanze chimiche secrete dai neutrofili.

I linfociti secernono diversi tipi:

  • B-linfociti - creare anticorpi contro le infezioni virali e batteriche.
  • Aiutanti e assassini dei linfociti T - iniziano il lavoro dei linfociti B e distruggono autonomamente le cellule virali.
  • Gli assassini naturali sono in grado di uccidere le cellule che hanno infettato il virus o che hanno subito un cambiamento di tumore.
al contenuto ↑

monociti

Simile in funzione ai neutrofili. Il lavoro principale dei monociti consiste nel distruggere il materiale alieno. Eseguono il loro compito usando la fagocitosi.

Questo è il processo di assorbimento dei monociti da parte di un batterio, virus o qualsiasi altro agente patogeno. All'interno della cella, questo elemento muore, dando informazioni sui monociti sulla loro struttura. In futuro, aiuterà i linfociti B a sviluppare anticorpi contro questo agente patogeno.

Eosinofili e basofili

Queste sono cellule coinvolte in reazioni allergiche. Il loro numero aumenta drammaticamente se un'allergia a una sostanza si sviluppa nel corpo umano.

È a causa degli elementi chimici che rilasciano eosinofili che una persona sviluppa sintomi di una reazione allergica acuta:

  • Il viso si gonfia;
  • C'è un colpo di tosse o naso che cola;
  • La pelle si arrossa;
  • C'è un'eruzione cutanea.

Oltre alle allergie, gli eosinofili reagiscono anche ai parassiti. È stato dimostrato che il numero di eosinofili aumenta se c'è una infezione parassitaria nel corpo, come Giardia o oftalchia. Ciò è dovuto alla reazione degli eosinofili agli antigeni parassitari che entrano nel sangue.

Funzione dei leucociti

Leykoformula non per niente è costituito da diversi componenti. Ciascuna di queste cellule è importante per fornire al corpo un'immunità sana. Tutto inizia con l'ingresso di batteri o virus nel corpo umano. Il microbo patogeno viene assorbito dal neutrofilo, che svolge la sua digestione - fagocitosi.

Dopo la fagocitosi, il neutrofilo trattiene una particella microbica, mostrandola ai linfociti. I linfociti T e i linfociti B organizzano insieme un attacco al patogeno. Le cellule B creano una massa di anticorpi che sono ideali per questo batterio. Solo tali azioni congiunte forniscono una risposta immunitaria durante ogni infezione. Pertanto, il rapporto tra le cellule di leucogramma è così importante.

Valori normali di leucogramma

In ogni laboratorio, valori diversi possono essere considerati normali, a seconda della tecnologia e del reagente utilizzato dai tecnici. Pertanto, l'analisi nell'osservazione dinamica dovrebbe essere eseguita in un laboratorio. Ciò manterrà i valori corretti e traccia chiaramente le dinamiche.

Ma ci sono criteri medi che possono essere usati se il laboratorio non ha fornito i suoi dati.

La velocità del numero di cellule dipende fortemente dal sesso e dall'età della persona.

Come è l'analisi

Il sangue per determinare il numero di leucociti può essere assunto in due modi:

  • Capillare - da un dito.
  • Venoso: dalla vena periferica.

Indicatori di analisi, presi in modi diversi, possono variare anche da una sola persona. Ma di solito queste modifiche non superano i valori normali. Come metodo di conteggio, un esame al microscopio di sangue era sempre usato prima. Viene eseguito da un assistente di laboratorio, contando il numero di cellule nei campi di vista al microscopio.

Il calcolo viene eseguito su 100 celle, quindi il risultato finale è comodo da impostare in percentuale. Prima di contare i neutrofili o altre cellule, il campo visivo è diviso mentalmente in 3 aree da un bordo all'altro.

Oggi molti laboratori usano un analizzatore automatico. Questo è un apparato che conta tutte le celle possibili che incontra.

Quando si utilizza un analizzatore ematologico, è possibile visualizzare più celle in breve tempo. Ma in casi controversi, la preferenza è data alla visione al microscopio da parte di un assistente di laboratorio. Una persona può identificare piccole differenze nell'aspetto delle cellule che possono parlare di patologia.

Perché determinare leykoformulyu

Un gran numero di indicatori leykoformuly gli permette di rispondere a molte malattie. Un'analisi correttamente calcolata in termini di salute e malattia sarà di grande aiuto per il medico.

Quando un medico invia per determinare il numero di leucociti, ha diversi obiettivi:

  • Assistenza nella diagnosi;
  • Determinazione della gravità o dell'attività del processo;
  • Dinamica del recupero;
  • La reazione o la mancanza di ciò ai farmaci;
  • Individuazione precoce delle complicanze.
al contenuto ↑

Cambiamenti nel numero e nella proporzione nel leucogramma

Quando si calcola la percentuale di cellule di neutrofili, viene necessariamente visualizzato il rapporto tra forme mature e giovani di leucociti. Ciò consente di comprendere il grado di nitidezza del processo e la sua gravità.

Con un aumento del numero di cellule staminali e nucleari nell'analisi, si dice sullo spostamento della formula dei leucociti a sinistra, poiché queste cellule si trovano a sinistra nella forma. Questo parla di una risposta immunitaria attiva. In alcuni casi, l'aspetto delle cellule più immature nel sangue periferico può parlare di una malattia oncologica.

Tabella del rapporto delle forme di neutrofili come percentuale del numero totale di globuli bianchi.

In casi controversi o in studi clinici, può essere utilizzata la definizione dell'indice di intossicazione da leucociti (LII). Questo è il rapporto tra le forme immature di neutrofili che appaiono nell'infiammazione acuta ad altre cellule - linfociti, monociti, eosinofili.

I valori dell'indice sono calcolati in base all'età e al sesso. Il numero indice indicativo è 0.6.

Le ragioni per l'aumento o la diminuzione dei leucociti

L'aumento del numero di neutrofili si verifica quando:

  • Infezioni batteriche - angina, pielonefrite, polmonite;
  • Intossicazione di qualsiasi natura;
  • Assunzione di glucocorticosteroidi - prednisone;
  • Brucia la malattia;
  • Cancrena, infarto.

La diminuzione del numero di neutrofili accompagna:

  • Infezioni batteriche gravi - brucellosi, tubercolosi;
  • Infezioni virali - morbillo, rosolia;
  • Impatto delle tossine sul midollo osseo;
  • Malattia da radiazioni;
  • Malattie autoimmuni

La ragione principale del cambiamento nel numero di cellule linfocitarie è un diverso tipo di infezione. I linfociti B maturano nel midollo osseo e i linfociti T nel timo. Questa distinzione sottolinea che le loro funzioni differiscono. Ma nelle analisi non importa quale delle frazioni è aumentata. Il laboratorio esamina il numero totale di linfociti.

La linfocitosi o un numero maggiore di linfociti si verificano quando:

  • Infezioni batteriche croniche - tubercolosi, sifilide, brucellosi;
  • Malattie virali acute - influenza, varicella, morbillo;
  • Tumori del sistema sanguigno - linfomi;
  • Disfunzione ormonale - ipotiroidismo;
  • Anemia da macrocita - carenza folica;
  • Patologie autoimmuni - lupus eritematoso sistemico.

Un numero ridotto di linfociti o linfocitosi accompagna:

  • Immunodeficienza primaria - sindrome di Di Georgie;
  • Immunodeficienze secondarie - infezione da HIV;
  • Assunzione di glucocorticosteroidi - prednisone;
  • Infezioni batteriche acute - polmonite da streptococco;
  • Effetti tossici sul midollo osseo: radiazioni, metalli pesanti.

I monociti non hanno quasi alcun significato clinico, se sono considerati individualmente. Pertanto, di solito i loro cambiamenti sono valutati in combinazione con altri indicatori leucocitari.

I monociti di solito aumentano quando:

  • Infezioni batteriche;
  • Invasioni parassitarie;
  • Tumori del sistema sanguigno.

Una diminuzione del numero di monociti non si trova praticamente senza leucocitopenia totale. Pertanto, non ha valore diagnostico. Vale la pena menzionare la mononucleosi infettiva. Questa è un'infezione virale, il cui principale criterio è la rilevazione di cellule mononucleate nel sangue.

Queste sono cellule che sembrano monociti ma sono anormali. In una persona sana, la rilevazione di cellule mononucleate nel sangue è inaccettabile.

Eosinofili e basofili sono un criterio per le reazioni allergiche e alcune malattie infettive. Anche la stima del loro numero dipende fortemente dal numero totale di leucociti nel test del sangue.

L'aumento più comune nel numero di eosinofili si verifica quando:

  • Granuloma eosinofilo;
  • Leucemia eosinofila;
  • Invasioni parassitarie;
  • Scarlattina;
  • Reazioni allergiche;
  • Dermatosi cronica: psoriasi, eczema.

Gli eosinofili bassi accompagnano:

  • Assunzione di farmaci corticosteroidi;
  • Alcune infezioni gravi, come la febbre tifoide.
al contenuto ↑

Cosa può dire il conteggio ematico dei leucociti?

I conteggi di sangue caratterizzano lo stato di salute umana e possono facilitare notevolmente la diagnosi. Grazie alla definizione della formula dei leucociti, possiamo assumere il tipo di malattia, giudicare il suo decorso, la presenza di complicanze e persino prevederne l'esito. E capire i cambiamenti nel corpo aiuterà a decifrare il leucogramma.

Cosa mostra il conteggio ematico dei leucociti?

La formula del sangue dei leucociti è il rapporto tra diversi tipi di leucociti, solitamente espressi in percentuale. Lo studio è condotto come parte di un esame del sangue generale.

I globuli bianchi sono chiamati globuli bianchi, che rappresentano il sistema immunitario del corpo. Le loro funzioni principali sono:

  • protezione contro i microrganismi che possono causare problemi di salute;
  • partecipazione ai processi che si verificano nel corpo quando esposti a vari fattori patogeni e che causano interruzioni della vita normale (varie malattie, effetti di sostanze nocive, stress).

Si distinguono i seguenti tipi di leucociti:

  1. Eosinofili. Manifesto in malattie allergiche, parassitarie, infettive, autoimmuni e oncologiche.
  2. Neutrofili. Proteggere dalle infezioni, in grado di distruggere virus e batteri. Classificato in:
    • i mielociti (nascenti) ei metamyelociti (giovani - derivati ​​da mielociti) sono assenti nel sangue di una persona sana, si formano solo in casi estremi, con le malattie più gravi;
    • codificatore di bastoncelli (giovane) - il loro numero aumenta con le malattie batteriche se i neutrofili segmentati non riescono a far fronte all'infezione;
    • segmentato (maturo) - rappresentato nel numero più grande, fornisce la difesa immunitaria del corpo in uno stato sano.
  3. Linfociti. Sono detergenti particolari: sono in grado di rilevare, riconoscere e distruggere gli antigeni e anche prendere parte alla sintesi degli anticorpi (composti in grado di stimolare le cellule linfoidi, formare e regolare la risposta immunitaria del corpo), fornire memoria immunitaria.
  4. Monociti. Il loro compito principale è quello di assorbire e digerire cellule morte, morte o resti di distrutti, batteri e altre particelle estranee.
  5. Basofili. Le funzioni di queste cellule non sono completamente comprese. È noto che prendono parte a reazioni allergiche, nei processi di coagulazione del sangue, sono attivate dall'infiammazione.

Le cellule plasmatiche (plasmacellule) sono coinvolte nella formazione di anticorpi e sono normalmente presenti in quantità molto basse solo nel sangue dei bambini, negli adulti sono assenti e possono comparire solo nel caso di patologie.

Lo studio delle caratteristiche qualitative e quantitative dei leucociti può aiutare a formulare una diagnosi, poiché con qualsiasi cambiamento nel corpo la percentuale di alcuni tipi di cellule del sangue aumenta o diminuisce a causa di un aumento o diminuzione in un certo grado di altri.

Il medico prescrive questo test per:

  • avere un'idea della gravità delle condizioni del paziente, giudicare il decorso della malattia o del processo patologico, conoscere la presenza di complicanze;
  • stabilire la causa della malattia;
  • valutare l'efficacia del trattamento prescritto;
  • prevedere l'esito della malattia;
  • in alcuni casi, valutare la diagnosi clinica.

Tecnica di analisi di conduzione, conteggio e decodifica

Per calcolare la formula dei leucociti con uno striscio di sangue, alcune manipolazioni vengono eseguite, essiccate, trattate con coloranti speciali ed esaminate al microscopio. L'assistente di laboratorio contrassegna quelle cellule del sangue che cadono nel suo campo visivo, e lo fa fino a quando il totale è di 100 (a volte 200) cellule.

La distribuzione dei leucociti sulla superficie dello smear è disomogenea: quelli più pesanti (eosinofili, basofili e monociti) si trovano più vicini ai bordi e quelli più leggeri (i linfociti) sono più vicini al centro.

Quando si calcola può essere utilizzato in 2 modi:

  • Metodo Schilling Consiste nel determinare il numero di leucociti in quattro aree dello striscio.
  • Metodo Filipchenko. In questo caso, il tratto è diviso mentalmente in 3 parti e contato in una linea trasversale diritta da un bordo all'altro.

Su un foglio di carta nelle colonne corrispondenti indica il numero. Successivamente, viene calcolato ogni tipo di conteggio dei leucociti: quante cellule sono state trovate.

Va tenuto presente che il conteggio delle cellule in uno striscio di sangue nel determinare la formula dei leucociti è un metodo molto impreciso, poiché ci sono molti fattori difficili da rimuovere che introducono un errore: errori nel prelievo di sangue, preparazione e colorazione di uno striscio, soggettività umana nell'interpretazione delle cellule. Una caratteristica di alcuni tipi di cellule (monociti, basofili, eosinofili) è che sono distribuiti in modo non uniforme nello striscio.

Se necessario, vengono calcolati gli indici dei leucociti, che rappresentano il rapporto tra le varie forme di leucociti contenuti nel sangue del paziente e talvolta viene utilizzato l'indicatore ESR nella formula (tasso di sedimentazione degli eritrociti).

Gli indici dei leucociti mostrano il grado di intossicazione e caratterizzano lo stato del potenziale di adattamento dell'organismo - la capacità di adattarsi agli effetti dei fattori tossici e di affrontarli. Inoltre consentono:

  • ottenere informazioni sulle condizioni del paziente;
  • valutare le prestazioni del sistema immunitario umano;
  • studia la resistenza del corpo;
  • scoprire il livello di reattività immunologica (lo sviluppo di reazioni immunologiche da parte del corpo in risposta all'esposizione a parassiti o sostanze antigeniche) in caso di danni a vari organi.

Formula dei leucociti

Formula leucocitaria (leucogramma) - la percentuale dei principali tipi di leucociti: neutrofili, eosinofili, basofili, linfociti e monociti.

neutrofili

I neutrofili sono il gruppo più numeroso di leucociti. A seconda del grado di maturità, ci sono neutrofili giovani, pugnalati e segmentati. La funzione principale dei neutrofili nel corpo è la fagocitosi dei microrganismi. L'aspettativa di vita dei neutrofili è di 5-9 giorni.

I limiti del normale contenuto di neutrofili nella formula dei leucociti:

I neutrofili stab sono normalmente 1-6%.

Elevati livelli di neutrofili nella formula dei leucociti si verificano quando:

  • Malattie infettive: batteriche, fungine (candidosi), spirochetosi, alcune virali, rickettsial, parassitarie
  • Processo infiammatorio: reumatismi, artrite reumatoide, necrosi ischemica, gotta, colite, pancreatite, nefrite, miosite, tiroidite, dermatite, peritonite
  • Intossicazione: diabete, uremia, eclampsia, necrosi degli epatociti
  • Malattie del sangue: malattie mieloproliferative, condizione dopo rimozione della milza (splenectomia), anemia emolitica, emorragia, leucemia cronica idiopatica
  • fumo
  • Eccitazione mentale ed emotiva
  • Esposizione ad alte (basse) temperature, esercizio fisico, dolore, ferite, ustioni, gravidanza, parto, anoressia, dopo interventi chirurgici
  • Neoplasie maligne: tumori di varia localizzazione
  • Assunzione di acetilcolina, clorpropamide, corticosteroidi, corticotropina, digitale, endotossine, epinefrina, etilenglicole, eparina, insetticidi, norepinefrina, potassio clorato, trementina, istamina
  • Avvelenamento da piombo, mercurio
  • Consumo di caseina (che si trova nei prodotti di latte acido)

Bassi livelli di neutrofili nella formula dei leucociti possono verificarsi quando:

  • Malattie infettive: infezioni batteriche (tifo, paratifo, brucellosi), virali e debilitanti
  • Malattie del sangue: anemia aplastica, leucemia acuta da malattia, neuropatia idiopatica, ipersplenismo, anemia megaloblastica, anemia dovuta a diminuzione della funzionalità del midollo osseo, anemia sideropenica, emoglobinuria parossistica notturna
  • Altre malattie come shock anafilattico, ipotiroidismo, tireotossicosi, ipopituitarismo, cirrosi epatica, neutropenia ricorrente, neutropenia congenita, sindrome di Chediak-Higashi
  • Ipersensibilità a farmaci anestetici, anticonvulsivanti, antistaminici, antimicrobici, antitiroidei, antivirali, cardiovascolari, diuretici, ipoglicemici e altri
  • L'uso di farmaci antitumorali

L'aumento del numero di neutrofili nel sangue di adolescenti e feriti: indica la presenza di perdita di sangue o un processo infiammatorio acuto nel corpo.

eosinofili

Gli eosinofili sono cellule mobili in grado di fagocitare, ma la loro attività fagocitaria è inferiore a quella dei neutrofili. È stato stabilito il ruolo degli eosinofili nelle reazioni a proteine ​​estranee, nelle reazioni allergiche e anafilattiche, in cui sono coinvolti nel metabolismo dell'istamina prodotta dai mastociti del tessuto connettivo. Un ruolo importante è svolto nell'immunità antielminica. Gli eosinofili si trovano nel sangue periferico per meno di 12 ore e poi passano nel tessuto. I loro bersagli sono organi come la pelle, i polmoni e il tratto gastrointestinale.

I limiti del normale contenuto di eosinofili nella formula dei leucociti:

Livelli elevati di eosinofili nella formula dei leucociti si verificano quando:

  • Reazioni allergiche ai farmaci, come anticonvulsivanti (carbamazepina, cloramfenicolo), antibiotici (eritromicina, penicillina, tetracicline, vancomicina), sulfonamidi, farmaci antitubercolari, fenotiazidi
  • L'uso di acido aminosalicilico, clorpropamide, imipramina, mefenesina, nitrofurantoina, penicillina, sulfasalazina, sulfonamidi (in tutti questi casi, eosinofilia è parte integrante della sindrome di Leffler)
  • L'uso di allopurinolo, dapsone, etretinat, metotrexano, metildopa, nafarelina, penicillamina, procarbazina, triamterene

I livelli ridotti di eosinofili nella formula dei leucociti si verificano quando:

  • Infezioni purulente, dopo parto, chirurgia, shock
  • Assunzione di corticotropina, epinferina, glucocorticoide, metisergide, niacina (acido nicotinico), procainamide

basofili

I basofili mediano l'infiammazione e secernono il fattore cheotossico eosinofilico. La degenerazione dei basofili si verifica nelle reazioni di ipersensibilità di tipo immediato (ad esempio nell'asma, anafilassi, eruzioni cutanee, che possono essere associate ad arrossamento della pelle). Il meccanismo di innesco della degranulazione anafilattica è un recettore per la classe di immunoglobuline E. I basofili, che secernono eparina e istamina, sono coinvolti nella regolazione della coagulazione del sangue e della permeabilità vascolare. Nei basofili del sangue periferico sono circa 1-2 ore.

I limiti del normale contenuto di basofili nella formula dei leucociti:

Elevati livelli di basofili nella formula dei leucociti possono verificarsi quando

  • Myxedema, colite ulcerosa, sinusite cronica, varicella, reazioni di ipersensibilità alimentare, uso di alcuni farmaci o inalanti
  • Reazioni all'introduzione di proteine ​​estranee, nefrosi, anemia emolitica cronica, malattia di Hodgkin, condizione dopo la rimozione della milza (splenectomia)
  • Accettazione di estrogeni, farmaci antitiroidei, desipramina

I livelli ridotti di basofili nella formula dei leucociti si verificano quando:

  • ipertiroidismo
  • Ovulazione, gravidanza, stress
  • Malattie infettive acute
  • Sindrome di Cushing
  • L'uso di corticosteroidi, corticotropina, chemioterapia, procainamide, tiopentano, irradiazione a raggi X

linfociti

Tra i linfociti vi sono tre principali classi funzionali: linfociti B, linfociti T e linfociti nulli. La funzione principale dei linfociti è partecipare alle risposte immunitarie. La funzione principale dei linfociti B è di assicurare l'immunità umorale, i linfociti T - fornendo reazioni di immunità cellulare e regolazione dell'immunità umorale. I linfociti zero sono considerati una popolazione di riserva di linfociti indifferenziati. La durata della vita dei linfociti varia da diverse settimane a diversi anni.

Emocromo leucocitario

La formula dei leucociti del sangue (formula del sangue, leucogramma) è il contenuto relativo di ciascun tipo di globuli bianchi nel sangue.

Il conteggio del sangue dei leucociti è

la percentuale di diversi tipi di leucociti.

Il conteggio dei leucociti viene eseguito al microscopio, gli strisci di sangue periferico macchiati vengono visualizzati e vengono contate almeno 100 cellule. Solo con una diminuzione significativa del numero totale di leucociti, vengono esaminate solo 50 e anche 30 cellule e quindi viene ricavato il rapporto percentuale di alcuni tipi di leucociti.

La formula dei leucociti non tiene conto dell'assoluto, ma del contenuto relativo di alcuni tipi di leucociti: neutrofili, eosinofili, basofili, linfociti e monociti.

Un aumento del numero dei neutrofili è neutrofilia (leucocitosi neutrofila), una diminuzione è la neutropenia (leucopenia neutrofila). Totale, -filia - crescita, -penia - caduta. E così con tutti i leucociti.

Secondo i risultati della formula dei leucociti, è impossibile giudicare il numero totale di leucociti nel sangue. Quindi, con i leucociti alti (più di 10 * 10 9 / l) i rapporti tra loro possono rimanere entro il range normale e, con una formula di leucociti alterata, il numero di leucociti può rimanere completamente "sano". Pertanto, è importante valutare due indicatori contemporaneamente e il numero di leucociti e formula dei leucociti.

Poiché i neutrofili e i linfociti predominano, i cambiamenti nei rapporti tra di essi sono più evidenti.

La deviazione del numero, le proporzioni delle singole forme e la struttura di una formula di leucociti dipende dal tipo e dalla malattia dell'agente patogeno, dalla natura, dal decorso e dalla prevalenza della malattia, dalla reazione rapida dell'immunità - dalla capacità di combattere.

testimonianza

  • qualsiasi esame preventivo (pianificazione della gravidanza, prima dell'intervento chirurgico, ecc.)
  • tutte le malattie, la formula dei leucociti è inclusa nel conteggio ematico completo
  • esacerbazione di qualsiasi malattia cronica - bronchite cronica, reumatismi, morbo di Crohn, epatite
  • dolore addominale acuto, sudorazione notturna, perdita di peso, mancanza di respiro, diarrea, linfonodi ingrossati

Indicazioni sui sintomi per l'analisi generale del sangue con la formula dei leucociti

  • aumento della temperatura corporea
  • brividi
  • dolore alle articolazioni
  • dolori muscolari
  • mal di testa
  • sudorazioni notturne

Cosa influenza il risultato?

I rapporti quantitativi delle specie di leucociti nella formula dei leucociti sono stabili.

Cause di fluttuazioni minori:

  • stress fisico e psico-emotivo
  • assunzione di cibo prima di donare il sangue
  • fumo
  • gravidanza e parto
  • fumo
  • sui farmaci

Norm%

- neutrofili

  • metamyelocytes (giovane) 0-1
  • pugnalato 1-6
  • segment-core - 47-74

Riguardo le norme della formula dei leucociti nei bambini, leggi qui.

Il "calcolo" della formula dei leucociti viene oggi effettuato da analizzatori ematologici automatici (per ulteriori informazioni, vedere il link), e solo allora lo striscio di sangue viene esaminato dal medico.

Sposta a sinistra

Lo spostamento della formula dei leucociti a sinistra - l'apparizione nel sangue di un gran numero di giovani neutrofili - banda e giovani. Osservato con la lotta attiva dell'organismo con l'agente patogeno. Un segno favorevole della malattia.

Sposta a destra

Spostati a destra - la manifestazione dell'invecchiamento dei neutrofili senza reintegro di cellule giovani. Solo i neutrofili nucleari segmentati con segni di invecchiamento si trovano nello striscio (ipersegmentazione del nucleo).

trascrizione

È necessario decifrare la formula dei leucociti "passo dopo passo", valutando ciascun tipo di cellule, legandole a un numero assoluto di leucociti, i sintomi.

neutrofili

Un aumento del numero di neutrofili (neutrofilia) è più comune di un aumento del numero di altri leucociti.

Leucocitosi neutrofila accompagna infezioni batteriche, avvelenamento e malattie con necrosi tissutale. A volte succede con una reazione leucemoide - un cambiamento nel sangue di natura reattiva, simile alla leucemia.

  • neutrofilia reattiva (risposta) - la reazione del corpo in risposta all'influenza del patogeno
  1. infezioni batteriche acute (non tutte!) - polmonite, colangite, sinusite, faringite, ascesso peritonsillare, salmonellosi, scarlattina, parotite, infezione da meningococco, ascesso polmonare, peritonite, ecc.
  2. tassi particolarmente elevati di neutrofili (fino a 50 * 10 9 / l) con infezioni purulente da stafilococco e streptococco
  3. infiammazione acuta - artrite reumatoide, malattia infiammatoria intestinale (morbo di Crohn, colite ulcerosa), glomerulonefrite acuta
  4. danno tissutale - traumi, interventi chirurgici, ustioni, infarto miocardico, parto
  5. tumori, come risposta alla necrosi tissutale, che accompagna la crescita tumorale - cancro ai polmoni, carcinoma ovarico, sindrome da lisi tumorale acuta
  • Neurofilia maligna - una manifestazione della malattia del midollo osseo rosso (tumore del sangue)

Nella leucemia mieloide cronica, il numero totale di leucociti è molto ampio, solitamente superiore a 50 * 10 9 / le talvolta 500 * 10 9 / l.

Le cause del declino dei neutrofili sono la neutropenia.

  1. infezioni batteriche - febbre tifoide, febbre paratifo, tularemia, endocardite infettiva subacuta, tubercolosi polmonare
  2. infezioni virali - mononucleosi infettiva, morbillo
  3. angina degli agranulociti
  4. l'effetto di radiazioni, avvelenamento da benzene, citostatici
  5. mancanza di vitamina B12 e acido folico

linfociti

Le ragioni per l'aumento dei linfociti (linfocitosi) nella formula del sangue:

  1. mononucleosi infettiva (angina delle cellule linfoidi) - un'infezione acuta causata dal virus Epstein-Barr, la causa più comune di linfocitosi isolata. Adolescenti e giovani malati. Sintomi di mononukleoz infettivo - mal di gola, febbre, stanchezza, nausea, mal di testa. I linfonodi del collo sono ingranditi. I linfociti aumentano 1-5 giorni dopo l'insorgenza della malattia, un picco di 10-30 * 10 9 / l, e poi gradualmente tornano alla normalità entro 1-2 mesi
  2. Infezioni virali - infezione da citomegalovirus, fasi iniziali dell'HIV, epatite virale, rosolia, varicella
  3. infezioni batteriche croniche - tubercolosi, pertosse (l'agente eziologico è il batterio, ma linfocitosi nel sangue, toxoplasmosi
  4. linfoma non hodgkin
  5. leucemia linfatica cronica - il numero totale di leucociti è generalmente aumentato a 50-100 * 10 9 / l

Una grave linfocitosi (più di 50 * 10 9 / l) negli anziani richiede una diagnosi differenziale di leucemia linfatica cronica.

Nella formula dei leucociti, i linfociti diminuiscono nelle seguenti condizioni:

  • ipoplasia del timo
  • alfa gamma globulinemia congenita
  • megakaryoblastoma
  • tubercolosi comune dei linfonodi (spesso associata a neutropenia)
  • lupus eritematoso sistemico
  • sindrome da radiazioni acute
  • stress

eosinofili

Eosinofilia: un aumento degli eosinofili nel sangue è meno comune della neutrofilia o della linfocitosi. Le principali cause di eosinofilia sono:

  1. malattie pazasitiche - ascariasis, strongiloidosi, schistosomiasi, opisthorchiasis
  2. malattie causate da protozoi - giardiasi, amebiasi
  3. allergie - raffreddore da fieno, eczema, asma, allergie alimentari
  4. endocardite lefflera, periarterite nodosa
  5. leucemia cronica
  6. a volte eosinofilia si verifica nel linfoma di Hodgkin

Eosinopenia: diminuzione del numero di eosinofili nella formula dei leucociti. Raramente incontrato.

  • introduzione di ormone adenocorticotropo
  • La sindrome di Cushing
  • situazioni stressanti

monociti

Monocitosi - un aumento del numero di monociti, un sintomo di laboratorio della leucemia monocitica cronica. Nella tubercolosi polmonare, la monocitosi accompagna la fase acuta della malattia.

basofili

Basofilia - un aumento del contenuto di basofili nel sangue periferico.

  • malattie del sangue - leucemia mieloide cronica ed eritmia
  • colite ulcerosa

La formula dei leucociti, essendo uno studio semplice e ampiamente disponibile in combinazione con un esame del sangue generale, fornisce risposte a molte domande. Ti permette di diagnosticare la malattia anche prima dei primi reclami, di riconoscere l'agente patogeno, di prescrivere un piano di trattamento. Senza la formula dei leucociti, è impossibile diagnosticare il cancro del sangue.

Linfociti WBC elevati

Scritto da admin

I linfociti sono sollevati

Linfocita (LYM) è come "censura" del nostro corpo. I linfociti sono responsabili della sorveglianza immunitaria del nostro corpo. Ci sono recettori speciali nel corpo del linfocita, che vengono attivati ​​al contatto con una proteina cellulare aliena.

Sommario:

Il linfocita non vive un paio di tre giorni, come "tipici" globuli bianchi, ma da diversi mesi e più di 20 anni.

Le singole cellule dei linfociti possono nascere e vivere fino a quando la persona muore! Rispetto ai globuli rossi, diametro molto piccolo 7-10 micron. La principale differenza tra un linfocita e tutti i leucociti nel sangue, dà loro la capacità di passare facilmente nei tessuti del corpo e tornare al sangue.

La percentuale di linfociti nel sangue dal 20 al 40% è considerata normale. Ci sono più linfociti nei tessuti che nel sangue o viceversa. Questo è considerato normale, alcuni linfociti possono differire dai loro "fratelli" che vivono in luoghi diversi del corpo e appartengono a tipi diversi.

  • La specificità della funzione linfocitaria inclusa nel gruppo dei leucociti è la sorveglianza immunitaria, un'incredibile capacità di riconoscere nel corpo secondo il principio del "proprio" e "di qualcun altro". Non distrugge i batteri, a differenza di altri leucociti, ma le loro cellule malate, cellule modificate da virus, mutazioni e cellule cancerose in una fase precoce.

Tasso di linfociti

  • neonati
  • fino a 2 settimane
  • Da 2 settimane a 1 anno
  • Da 1 anno a 2 anni
  • Da 2 a 5 anni
  • Dai 6 ai 7 anni
  • Da 8 a 9 anni
  • Dai 9 agli 11 anni
  • Da 12 a 15 anni
  • Da 16 anni e adulti

Una condizione in cui i linfociti sono elevati nel sangue di un flusso sanguigno periferico è chiamata linfocitosi. La linfocitosi non deve essere valutata come un aumento dei linfociti da solo, ma come un fenomeno complesso che interessa tutti i tipi di leucociti e la loro formula di leucociti, il contenuto assoluto di leucociti e il loro rapporto percentuale.

Se hai un alto livello di linfociti, chiedi al tuo medico che tipo di linfocitosi hai:

Linfocitosi reattiva - manifestata in una malattia infettiva o insufficienza nell'immunità.

Linfocitosi maligna - può essere un segnale di leucemia ematica manifestata in forma cronica e malattia linfoproliferativa acuta.

Perché i linfociti sono elevati

Linfocitosi reattiva: la reazione del sistema immunitario a qualsiasi malattia o condizione presente nel corpo. Questa reazione dovrebbe essere risolta entro 1-2 mesi dalla cessazione dell'azione del fattore che la causa nelle malattie croniche e acute. Può essere accompagnato da un aumento dei linfonodi, un ingrossamento della milza e del fegato in un paziente.

Ciò non dovrebbe causare il panico nel paziente per lo sviluppo dell'oncologia, poiché solo un medico può determinarlo. Al fine di determinare quale tipo di linfocitosi è presente, il medico prescrive test aggiuntivi per:

  • patologie dei linfociti stessi;
  • analisi del midollo osseo;
  • test genetici molecolari.

Ciascuno dei tipi di globuli bianchi svolge la sua funzione di protezione contro virus e batteri, cellule estranee. La linfocitosi assoluta è caratterizzata da un grande eccesso di linfociti in malattie come:

  • epatite,
  • mononucleosi infettiva,
  • malattie del sistema endocrino
  • linfosarcoma
  • cancro
  • Danno virale, virus linfotropico

Quando hai bisogno di suonare l'allarme?

È necessario prestare attenzione quando, quando si dona un emocromo completo, si rileva costantemente un numero maggiore di linfociti nel sangue. Quando un aumento dei linfociti è accompagnato da un aumento dei linfonodi, fegato, milza. In questi casi, è necessario contattare uno specialista, oncologo, ematologo.

Potrebbe essere necessario condurre analisi aggiuntive:

  • radiografia del torace,
  • Ultrasuoni degli organi interni
  • esame citologico e istologico del midollo osseo,
  • tomografia computerizzata.
  • Linfonodi ingrossati
  • Disturbi del sonno
  • nausea
  • Perdita di appetito
  • temperatura elevata
  • vomito
  • Milza ingrandita
  • diarrea
  • Fegato ingrandito
  • costipazione
  • brividi
  • Bassa temperatura
  • Tonsille ingrandite
  • esaurimento
  • Menomazione generale
  • Infiammazione della corteccia cerebrale
  • Infezioni del naso
  • Infezioni della mucosa orale

Cause di linfocitosi

  • Reazioni farmaco-mediate
  • Malattia da siero
  • ferita
  • Dopo la rimozione della milza
  • Fumatori maligni
  • Linfocitosi da linfociti granulari giganti

Pre-cancro e malattie del cancro

  • malattia linfoproliferativa delle cellule B
  • timoma maligno
  • leucemia linfatica cronica
  • leucemia linfoblastica acuta
  • linfoma maligno non-Hodgkin

I linfociti sono elevati nei bambini.

Il motivo più comune per cui i linfociti sono elevati nei bambini può essere la lotta del corpo contro le infezioni. Va notato che essi sono elevati nei bambini per qualche tempo dopo aver sofferto di una malattia infettiva, che non dovrebbe causare particolare preoccupazione ai genitori dei bambini.

Ma in ogni caso, è necessario consultare un medico, poiché l'aumento dei linfociti del bambino può essere dovuto ad altri motivi, ad esempio nell'asma, il linfosarcoma. Ecco alcune delle malattie che causano i leucociti elevati in un bambino: morbillo, tubercolosi, epatite, leucemia linfatica, pertosse.

Formula di leucociti per bambini di diverse età

Perché i linfociti sono abbassati

La situazione in cui i linfociti si abbassano viene chiamata linfopenia (questa è una diminuzione del loro numero). Quantità riducendo al contempo meno

I livelli dei linfociti sono testati per vari motivi. Uno dei motivi è a scopo preventivo o quando si sospetta dell'esistenza di malattie o avvelenamenti. Questa analisi dei linfociti viene effettuata anche per valutare l'efficacia di alcuni farmaci e informazioni riguardanti il ​​corretto corso del trattamento, la sua efficacia per un particolare paziente. L'analisi del limite è spesso prescritta per la diagnosi di malattie come:

  • la presenza di batteri;
  • leucemia cronica;
  • linfocitopenia;
  • linfocitosi;
  • mononucleosi;
  • SARS - sindrome respiratoria acuta;
  • con un sistema immunitario indebolito.

Accade spesso che i test sui linfociti vengano a volte eseguiti di nuovo. Questo è fatto al fine di confermare o negare i risultati ottenuti in precedenza.

Esistono diversi tipi di linfociti e ciascuno svolge una propria funzione specifica nel corpo.

Tipi di linfociti NK (dal killer inglese. Natural killer):

Spiegazione della formula dei leucociti: norma e cause della deviazione degli indicatori

La formula dei leucociti consente di ottenere informazioni sul livello complessivo dei leucociti nel sangue, nonché sulla percentuale dei loro vari tipi. I dati ottenuti sono espressi in percentuale ed è possibile ottenere un leucogramma quando si esegue un esame del sangue generale. Nel caso in cui dopo la ricerca condotta la formula dei leucociti sia normale, allora possiamo parlare dell'assenza di eventuali malattie nel corpo del paziente.

Analisi del sangue - formula dei leucociti

Il valore di leykoformuly nello studio del sangue

La formula dei leucociti si riferisce a una certa percentuale di vari tipi di leucociti, la cui determinazione viene effettuata durante un'analisi del sangue clinica. Questo rapporto è di solito permanente e indica che le funzioni protettive del corpo sono normali.

Nel caso in cui la progressione di varie patologie infettive e infiammatorie inizi nel corpo di un adulto o di un bambino, vi è un cambiamento evidente nella formula dei leucociti. Tali cambiamenti non sono specifici per una particolare malattia, tuttavia, spesso varie deviazioni dagli indicatori standard consentono allo specialista di concludere circa l'intensità del processo patologico.

Lo studio della formula dei leucociti consente di valutare la gravità della malattia infettiva, nonché l'efficacia della terapia.

In alcuni casi, questa analisi consente di stabilire con precisione la diagnosi.

Tipi di globuli bianchi

La formula dei leucociti riflette il rapporto tra i seguenti tipi di leucociti:

Ogni varietà di globuli bianchi ha una struttura e uno scopo peculiari e svolge anche una funzione specifica nel corpo:

  • Il compito principale dei linfociti è l'eliminazione di microrganismi estranei e cellule cancerose, nonché la normalizzazione del processo di produzione di anticorpi.
  • I monociti sono attivamente coinvolti nella fagocitosi e neutralizzano corpi di origine straniera.
  • Gli enzofili si distinguono per la loro capacità di muoversi e partecipare alla fagocitosi. Inoltre, sono più attivamente coinvolti nello sviluppo di reazioni allergiche infiammatorie, così come nella cattura e rilascio di istamina.
  • I neutrofili svolgono una protezione fagocitaria nel corpo, cioè prendono parte attiva all'eliminazione di corpi estranei. Inoltre, sono coinvolti nella produzione di sostanze che hanno un effetto battericida.
  • I basofili sono coinvolti nel garantire la migrazione di vari tipi di globuli bianchi nel luogo di localizzazione del processo infiammatorio. Inoltre, sono partecipanti attivi nelle reazioni allergiche.

Caratteristiche dell'analisi

Nomina e preparazione per l'analisi del sangue per leykoformulu

Lo studio per determinare la formula dei leucociti è nominato da uno specialista nei seguenti casi:

  • la necessità di identificare e confermare le patologie di una malattia infettiva o infiammatoria
  • diagnostica di malattie e neoplasie di vari gruppi sanguigni
  • valutazione dell'efficacia della terapia prescritta per il trattamento di alcune malattie
  • fase preparatoria per la chirurgia

Per ottenere risultati accurati e affidabili dal paziente è necessario aderire a un determinato preparato:

  1. è necessario donare il sangue per la ricerca al mattino a stomaco vuoto, è permesso solo bere dell'acqua
  2. poche ore prima l'analisi dovrebbe abbandonare l'uso di cibi grassi e bevande alcoliche
  3. 2-3 giorni prima dell'orario stabilito per lo studio non devono essere eseguiti carichi fisici sul corpo
  4. dall'ultimo pasto e la donazione di sangue per l'analisi dovrebbero richiedere almeno ore

Il materiale per lo studio è il sangue venoso, che viene visualizzato al microscopio per determinare la formula dei leucociti.

Inoltre, viene utilizzato un analizzatore automatico per ottenere i risultati dello studio.

Norma nei bambini

Decifrare leucoformuly nei bambini: la norma

Quando un bambino nasce, i conteggi dei neutrofili standard variano dal 60 al 65% e i linfociti costituiscono il 25-30%. Tuttavia, già nel secondo giorno della sua vita, c'è una diminuzione graduale del livello dei neutrofili nel sangue di un bambino e un aumento attivo dei linfociti. A circa 4-5 giorni c'è un rapporto uguale di questi tipi di leucociti, e costituiscono circa il 40-45%.

Già alla fine del primo mese di vita, nella formula dei leucociti si verifica una diminuzione del livello dei neutrofili e dei linfociti. Questo numero di globuli bianchi rimane invariato fino alla fine del primo anno di vita di un bambino, e quindi inizia il processo inverso, cioè c'è una diminuzione della conta dei linfociti e un aumento dei neutrofili.

A circa 4-5 anni, c'è un secondo livellamento del contenuto di neutrofili e linfociti, cioè, il loro contenuto nel corpo del bambino diventa uguale.

Dopo questa età, la formula dei leucociti si legge per contenere circa la% di neutrofili e% di linfociti.

Norma negli adulti

Quando si studia la formula dei leucociti negli adulti, si richiama l'attenzione sui seguenti indicatori:

  • il contenuto di linfociti dovrebbe variare tra 19-37%
  • il livello dei monociti può raggiungere il 3-11%
  • la concentrazione dei neutrofili della banda può raggiungere l'1-6%
  • i neutrofili segmentati vanno dal 47 al 72%
  • il contenuto di basofili deve essere compreso tra 0-1%
  • il livello di eosinofili non deve superare lo 0,5-5%

Nel caso in cui il processo patologico progredisca nel corpo umano, possono verificarsi deviazioni dalla norma.

Deviazioni dalla norma

Formula dei leucociti: diminuzione e aumento degli indicatori

La linfocitosi, che è accompagnata da un aumento del contenuto di linfociti nel corpo umano, può indicare lo sviluppo di:

Se viene rilevato un basso numero di leucociti nel corpo umano, lo sviluppo può essere valutato:

  • malattie di origine infettiva
  • lupus eritematoso sistemico
  • disfunzione renale
  • mancanza di vitamine nel corpo
  • progressione e radioterapia di natura acuta
  • trattamento con corticosteroidi

Un aumento della conta dei neutrofili è un indicatore dei seguenti disturbi:

  • sviluppo di sanguinamento acuto
  • alta concentrazione di sostanze tossiche nel sangue
  • sviluppo di malattie di origine batterica
  • prendendo corticosteroidi

In tal caso, se la decodifica della ricerca condotta riflette un basso numero di neutrofili, ciò può verificarsi per i seguenti motivi:

  • sviluppo di patologie di origine autoimmune
  • presenza di intolleranza ai singoli farmaci
  • effetti sul corpo delle radiazioni ionizzanti
  • progressione delle malattie infettive

Il sollevamento del monocita può verificarsi come risultato di:

  • infezioni causate da diversi batteri
  • progressione dell'artrite reumatoide e del lupus eritematoso
  • sviluppo di infezioni parassitarie
  • leucemia

La combinazione di valutare bassi livelli di monociti con indicatori di formula linfocitica consente di diagnosticare la tubercolosi polmonare. Il contenuto di un numero maggiore di basofili indica lo sviluppo nel corpo umano della leucemia mieloide di natura cronica ed eritrite.

Ulteriori informazioni sui leucociti nel sangue possono essere trovate nel video.

Quando si valuta la formula dei leucociti, è possibile rilevare un contenuto elevato di eosinofili e ciò accade:

  • con una reazione allergica
  • con scarlattina
  • con malattie parassitarie
  • nelle patologie della pelle
  • con leucemia eosinofila

Per ridurre gli eosinofili negli esseri umani può con la progressione della febbre tifoide o con una maggiore attività di adrenocorticosteroidi.

La decodifica dei leucogrammi viene effettuata prendendo in considerazione i turni nucleari, dove si richiama l'attenzione sul rapporto tra neutrofili maturi e immaturi. Normalmente, una persona sana non dovrebbe avere mielociti e giovani neutrofili in un esame del sangue.

Nel caso in cui lo sviluppo di patologie acute di origine batterica si verifichi nel corpo, ciò provoca un aumento del contenuto di neutrofili stabici.

Con una grave forma di patologia, si osserva la comparsa di giovani e mielociti, cioè c'è un cambiamento della formula dei leucociti sul lato destro. In questo caso, parlando dello sviluppo di patologie di origine infettiva, così come questa condizione è caratteristica di acidosi e coma. Quando si sposta a destra, aumenta il contenuto delle forme mature e appaiono i granulociti ipersegmentati. Tipicamente, questo fenomeno si verifica in questa condizione patologica del corpo, come l'anemia megaloblastica.

Oggi la formula dei leucociti è di fondamentale importanza. Condurre un esame del sangue generale con la rilevazione del leucogramma permette di giudicare la presenza nel corpo di gravi processi patologici, l'efficacia del trattamento e la possibile prognosi.

Notato un errore? Selezionalo e premi Ctrl + Invio per dircelo.

Aggiungi un commento Annulla risposta

In continuazione dell'articolo

Siamo nel sociale. networking

Commenti

  • GRANT - 25/09/2017
  • Tatyana - 25/09/2017
  • Ilona - 24/05/2017
  • Lara - 22/03/2017
  • Tatyana - 22/03/2017
  • Mila - 21/09/2017

Soggetti di domande

analisi

Ultrasuoni / RM

Facebook

Nuove domande e risposte

Copyright © 2017 · diagnozlab.com | Tutti i diritti riservati. Mosca, st. Trofimova, 33 | Contatto | Mappa del sito

Il contenuto di questa pagina è solo a scopo informativo e informativo e non può e non costituisce un'offerta pubblica, che è definita dall'art. 437 del codice civile. Le informazioni fornite sono solo a scopo informativo e non sostituiscono l'esame e la consultazione con un medico. Ci sono controindicazioni e possibili effetti collaterali, consultare uno specialista specializzato.

Formula dei leucociti

Formula leucocitaria (leucogramma) - la percentuale dei principali tipi di leucociti: neutrofili, eosinofili, basofili, linfociti e monociti.

neutrofili

I neutrofili sono il gruppo più numeroso di leucociti. A seconda del grado di maturità, ci sono neutrofili giovani, pugnalati e segmentati. La funzione principale dei neutrofili nel corpo è la fagocitosi dei microrganismi. L'aspettativa di vita dei neutrofili è di 5-9 giorni.

I limiti del normale contenuto di neutrofili nella formula dei leucociti:

I neutrofili stab sono normalmente 1-6%.

Elevati livelli di neutrofili nella formula dei leucociti si verificano quando:

  • Malattie infettive: batteriche, fungine (candidosi), spirochetosi, alcune virali, rickettsial, parassitarie
  • Processo infiammatorio: reumatismi, artrite reumatoide, necrosi ischemica, gotta, colite, pancreatite, nefrite, miosite, tiroidite, dermatite, peritonite
  • Intossicazione: diabete, uremia, eclampsia, necrosi degli epatociti
  • Malattie del sangue: malattie mieloproliferative, condizione dopo rimozione della milza (splenectomia), anemia emolitica, emorragia, leucemia cronica idiopatica
  • fumo
  • Eccitazione mentale ed emotiva
  • Esposizione ad alte (basse) temperature, esercizio fisico, dolore, ferite, ustioni, gravidanza, parto, anoressia, dopo interventi chirurgici
  • Neoplasie maligne: tumori di varia localizzazione
  • Assunzione di acetilcolina, clorpropamide, corticosteroidi, corticotropina, digitale, endotossine, epinefrina, etilenglicole, eparina, insetticidi, norepinefrina, potassio clorato, trementina, istamina
  • Avvelenamento da piombo, mercurio
  • Consumo di caseina (che si trova nei prodotti di latte acido)

Bassi livelli di neutrofili nella formula dei leucociti possono verificarsi quando:

  • Malattie infettive: infezioni batteriche (tifo, paratifo, brucellosi), virali e debilitanti
  • Malattie del sangue: anemia aplastica, leucemia acuta da malattia, neuropatia idiopatica, ipersplenismo, anemia megaloblastica, anemia dovuta a diminuzione della funzionalità del midollo osseo, anemia sideropenica, emoglobinuria parossistica notturna
  • Altre malattie come shock anafilattico, ipotiroidismo, tireotossicosi, ipopituitarismo, cirrosi epatica, neutropenia ricorrente, neutropenia congenita, sindrome di Chediak-Higashi
  • Ipersensibilità a farmaci anestetici, anticonvulsivanti, antistaminici, antimicrobici, antitiroidei, antivirali, cardiovascolari, diuretici, ipoglicemici e altri
  • L'uso di farmaci antitumorali

L'aumento del numero di neutrofili nel sangue di adolescenti e feriti: indica la presenza di perdita di sangue o un processo infiammatorio acuto nel corpo.

eosinofili

Gli eosinofili sono cellule mobili in grado di fagocitare, ma la loro attività fagocitaria è inferiore a quella dei neutrofili. È stato stabilito il ruolo degli eosinofili nelle reazioni a proteine ​​estranee, nelle reazioni allergiche e anafilattiche, in cui sono coinvolti nel metabolismo dell'istamina prodotta dai mastociti del tessuto connettivo. Un ruolo importante è svolto nell'immunità antielminica. Gli eosinofili si trovano nel sangue periferico per meno di 12 ore e poi passano nel tessuto. I loro bersagli sono organi come la pelle, i polmoni e il tratto gastrointestinale.

I limiti del normale contenuto di eosinofili nella formula dei leucociti:

Livelli elevati di eosinofili nella formula dei leucociti si verificano quando:

  • Reazioni allergiche ai farmaci, come anticonvulsivanti (carbamazepina, cloramfenicolo), antibiotici (eritromicina, penicillina, tetracicline, vancomicina), sulfonamidi, farmaci antitubercolari, fenotiazidi
  • L'uso di acido aminosalicilico, clorpropamide, imipramina, mefenesina, nitrofurantoina, penicillina, sulfasalazina, sulfonamidi (in tutti questi casi, eosinofilia è parte integrante della sindrome di Leffler)
  • L'uso di allopurinolo, dapsone, etretinat, metotrexano, metildopa, nafarelina, penicillamina, procarbazina, triamterene

I livelli ridotti di eosinofili nella formula dei leucociti si verificano quando:

  • Infezioni purulente, dopo parto, chirurgia, shock
  • Assunzione di corticotropina, epinferina, glucocorticoide, metisergide, niacina (acido nicotinico), procainamide

basofili

I basofili mediano l'infiammazione e secernono il fattore cheotossico eosinofilico. La degenerazione dei basofili si verifica nelle reazioni di ipersensibilità di tipo immediato (ad esempio nell'asma, anafilassi, eruzioni cutanee, che possono essere associate ad arrossamento della pelle). Il meccanismo di innesco della degranulazione anafilattica è un recettore per la classe di immunoglobuline E. I basofili, che secernono eparina e istamina, sono coinvolti nella regolazione della coagulazione del sangue e della permeabilità vascolare. Nei basofili del sangue periferico sono circa 1-2 ore.

I limiti del normale contenuto di basofili nella formula dei leucociti:

Elevati livelli di basofili nella formula dei leucociti possono verificarsi quando

  • Myxedema, colite ulcerosa, sinusite cronica, varicella, reazioni di ipersensibilità alimentare, uso di alcuni farmaci o inalanti
  • Reazioni all'introduzione di proteine ​​estranee, nefrosi, anemia emolitica cronica, malattia di Hodgkin, condizione dopo la rimozione della milza (splenectomia)
  • Accettazione di estrogeni, farmaci antitiroidei, desipramina

I livelli ridotti di basofili nella formula dei leucociti si verificano quando:

  • ipertiroidismo
  • Ovulazione, gravidanza, stress
  • Malattie infettive acute
  • Sindrome di Cushing
  • L'uso di corticosteroidi, corticotropina, chemioterapia, procainamide, tiopentano, irradiazione a raggi X

linfociti

Tra i linfociti vi sono tre principali classi funzionali: linfociti B, linfociti T e linfociti nulli. La funzione principale dei linfociti è partecipare alle risposte immunitarie. La funzione principale dei linfociti B è di assicurare l'immunità umorale, i linfociti T - fornendo reazioni di immunità cellulare e regolazione dell'immunità umorale. I linfociti zero sono considerati una popolazione di riserva di linfociti indifferenziati. La durata della vita dei linfociti varia da diverse settimane a diversi anni.

Limiti del contenuto dei linfociti nella formula dei leucociti:

Elevati livelli di linfociti nella formula dei leucociti avviene quando

  • Malattie infettive (mononucleosi infettiva, linfocitosi infettiva, epatite virale, infezione da citomegalovirus, pertosse, toxoplasmosi, virus dell'herpes di tipo 6, rosolia, infezione acuta da HIV)
  • Assunzione di albuterolo, acido aminosalicilico, adrenalina, griseofulvina, isoproterenolo, levodopa, analgesici narcotici, niacinamide, norepinefrina, fenitoina, mefenitoina, composti organici di arsenico, acido valproico
  • Avvelenamento con disolfuro di carbonio, piombo o tetracloroetanolo

I livelli ridotti di linfociti nella formula dei leucociti si verificano quando:

  • Malattie del sangue: leucemia linfocitica, linfosarcoma, malattia a catena pesante
  • Infezioni acute e malattie, tubercolosi miliare, linfoma di Hodgkin, lupus eritematoso sistemico, anemia aplastica, insufficienza renale, cancro allo stadio terminale
  • Stati di immunodeficienza associati a una diminuzione del numero di linfociti T
  • L'uso di siero anti-linfocitario, asparaginasi, clorambucile, corticotropina, glucocorticoidi, litio, mecloretamina, metisergide, niacina
  • Dopo le sessioni di irradiazione con radioterapia

monociti

I monociti circolanti del sangue sono un pool mobile di cellule relativamente immature che si stanno spostando dal midollo osseo ai tessuti. I monociti appartengono al sistema macrofagico del corpo. Le cellule di questo sistema sono in grado di assorbire i patogeni di microrganismi, la presenza sulla membrana dei recettori per i principali strumenti del sistema immunitario, le immunoglobuline e il complemento. Il tempo di permanenza dei monociti nel sangue periferico va da 1,5 giorni a 4 giorni.

I limiti del normale contenuto di monociti nella formula dei leucociti:

Livelli elevati di monociti nella formula dei leucociti possono verificarsi quando:

  • Malattie infettive (endocardite settica, infezioni virali, fungine, rickettsial, protozoiche)
  • Granulomatosi (tubercolosi, sifilide, brucellosi, sarcoidosi, colite ulcerosa)
  • Malattie del sangue (leucemia monocitica acuta, leucemia mielomonocitica acuta, sindrome dismielopoetica, malattie mieloproliferative, mieloma, linfoma granulomatosi e altri linfomi, neutropenia di diversa origine, anemia aplastica durante il periodo di recupero)
  • Lupus eritematoso sistemico, artrite reumatoide
  • Avvelenamento con disolfuro di carbonio, fosforo o tetracloroetano
  • Uso di griseofulvina, aloperidolo, mifenitoina (raro), metsutsimimida, prednisolone

I livelli ridotti di monociti nella formula dei leucociti si verificano quando:

  • Anemia aplastica, leucemia a cellule capellute

Decisioni sane

TOP 10

test

Portale della tua salute ZdravoE ©.

Formula dei leucociti

La formula dei leucociti include la determinazione della quantità relativa (%) di neutrofili, linfociti, eosinofili, basofili, monociti.

Lo studio della formula dei leucociti è di grande importanza nella diagnosi di malattie ematologiche, infettive e infiammatorie, oltre a valutare la gravità della condizione e l'efficacia della terapia. Allo stesso tempo, i cambiamenti nella formula dei leucociti non sono specifici - possono avere un carattere simile in diverse malattie o, al contrario, diversamente dai cambiamenti possono verificarsi nella stessa patologia in diversi pazienti.

La formula dei leucociti ha caratteristiche legate all'età, quindi i suoi cambiamenti dovrebbero essere valutati dalla posizione della norma di età (questo è particolarmente importante quando si esaminano i bambini).

Metodo di determinazione: microscopia di uno striscio di sangue da parte di un medico di laboratorio con un conteggio di leucociti per 100 cellule.

Leucociti (globuli bianchi, globuli bianchi)

In base alle caratteristiche morfologiche (tipo di nucleo, presenza e natura delle inclusioni citoplasmatiche), esistono 5 tipi principali di leucociti: neutrofili, linfociti, monociti, eosinofili e basofili. Inoltre, i leucociti variano nel grado di maturità. La maggior parte delle cellule precursori delle forme mature dei leucociti (adolescenti, mielociti, promielociti, forme esplosive di cellule), così come le plasmacellule, le giovani cellule nucleari delle serie eritroidi, ecc., Appaiono nel sangue periferico solo nel caso di patologia.

Diversi tipi di leucociti svolgono funzioni diverse, quindi la determinazione del rapporto tra diversi tipi di leucociti, il mantenimento di forme giovani, l'identificazione di forme cellulari patologiche, la descrizione di cambiamenti caratteristici nella morfologia delle cellule, che riflette il cambiamento nella loro attività funzionale, fornisce preziose informazioni diagnostiche.

Alcune varianti di formula dei leucociti dei cambiamenti (shift):

Uno spostamento a sinistra (un numero maggiore di neutrofili stab nel sangue è presente, la comparsa di metamelociti (giovani), i mielociti è possibile) può indicare:

  • Malattie infettive acute;
  • Sovraccarico fisico;
  • Acidosi e coma.

Uno spostamento a destra (i granulociti ipersegmentati compaiono nel sangue) può indicare:

  • Anemia megaloblastica;
  • Malattie dei reni e del fegato;
  • Condizione dopo trasfusione di sangue.

Ringiovanimento cellulare significativo:

  • La cosiddetta "crisi blastica" - la presenza di sole cellule regionali: leucemia acuta, metastasi di neoplasie maligne, esacerbazione della leucemia cronica;
  • "Insuccesso" della formula dei leucociti - blast cellule, promielociti e cellule mature, non ci sono forme intermedie: è caratteristica del debutto della leucemia acuta.

Cambiamenti nel livello delle singole popolazioni di leucociti:

La neutrofilia è un aumento del numero totale di leucociti a causa dei neutrofili.

Neutropenia - una diminuzione del contenuto di neutrofili.

Linfocitosi - un aumento del contenuto di linfociti.

Linfopenia - una diminuzione del contenuto di linfociti.

Eosinofilia - un aumento del contenuto di eosinofili.

Eosinopenia - una diminuzione del contenuto di eosinofili.

Monocitosi: aumento del contenuto di monociti.

Monopenia (monocitopenia) - una diminuzione del contenuto di monociti.

I neutrofili sono la varietà più abbondante di globuli bianchi, rappresentano il 50-75% di tutti i leucociti. E così chiamato per l'aspetto dei granuli citoplasmatici quando macchiato da Giemsa. A seconda del grado di maturità e della forma del nucleo, il sangue periferico viene utilizzato per allocare i neutrofili di base (più giovani) e segmentati (maturi). Cellule più giovani della serie neutrofila - giovani (metamelociti), mielociti, promielociti - compaiono nel sangue periferico nel caso di patologia e sono prove di stimolazione della formazione di cellule di questa specie. La loro funzione principale è quella di proteggere dalle infezioni da chemiotassi (movimento diretto verso agenti stimolanti) e dalla fagocitosi (assorbimento e digestione) di microrganismi estranei.

Valori di riferimento: in bambini e adulti, a seconda dell'età

Aumento del livello dei neutrofili (neutrofilia, neutrofilia):

  • Infezioni (causate da batteri, funghi, protozoi, rickettsiae, alcuni virus, spirochete);
  • Processi infiammatori (reumatismo, artrite reumatoide, pancreatite, dermatite, peritonite, tiroidite);
  • Condizione dopo l'intervento chirurgico;
  • Necrosi del tessuto ischemico (infarto di organi interni - miocardio, rene, ecc.);
  • Intossicazioni endogene (diabete mellito, uremia, eclampsia, necrosi degli epatociti);
  • Tensione fisica e stress emotivo e situazioni stressanti: gli effetti del caldo, del freddo, del dolore, delle ustioni e del parto, durante la gravidanza, con paura, rabbia, gioia;
  • Malattie oncologiche (tumori di vari organi);
  • Assunzione di alcuni farmaci, come corticosteroidi, digitale, eparina, acetilcolina;
  • Avvelenamento da piombo, mercurio, glicole etilenico, insetticidi.

Abbassamento dei livelli di neutrofili (neutropenia):

  • Alcune infezioni sono causate da batteri (febbre tifoide e paratifo, brucellosi), virus (influenza, morbillo, varicella, epatite virale, rosolia), protozoi (malaria), rickettsiae (tifo), infezioni prolungate negli anziani e persone indebolite;
  • Malattie del sistema ematico (anemia ipo-e aplastica, megaloblastica e ferro-deficiente, emoglobinuria parossistica notturna, leucemia acuta, ipersplenismo);
  • Neutropenie congenite (agranulocitosi ereditaria);
  • Shock anafilattico;
  • ipertiroidismo;
  • Effetti di citostatici, farmaci antitumorali;
  • Neutropenia da farmaci associata a ipersensibilità degli individui all'azione di alcuni farmaci (farmaci anti-infiammatori non steroidei, anticonvulsivi, antistaminici, antibiotici, antivirali, farmaci psicotropi, farmaci che agiscono sul sistema cardiovascolare, diuretici, farmaci antidiabetici).

I linfociti sono una popolazione di leucociti che fornisce la sorveglianza immunitaria (riconoscimento di "one-to-one"), la formazione e la regolazione della risposta immunitaria umorale e cellulare e la fornitura di memoria immunitaria.

I linfociti costituiscono il% del numero totale di leucociti. Sono in grado di riconoscere vari antigeni a causa della presenza di speciali recettori sulla superficie cellulare. Diverse sottopopolazioni di linfociti svolgono varie funzioni - forniscono un'efficace immunità cellulare (incluso rigetto del trapianto, distruzione delle cellule tumorali), risposta umorale (nella forma della sintesi di anticorpi a proteine ​​estranee - immunoglobuline di varie classi). Linfociti attraverso l'isolamento dei regolatori proteici - le citochine sono coinvolte nella regolazione della risposta immunitaria e nella coordinazione dell'intero sistema immunitario, queste cellule sono associate alla fornitura di memoria immunologica (la capacità del corpo di accelerare e rafforzare la risposta immunitaria quando si ri-incontrano con un agente alieno).

Valori di riferimento: in bambini e adulti, a seconda dell'età

Livelli elevati di linfociti (linfocitosi):

  • Malattie infettive: mononucleosi infettiva, epatite virale, infezione da citomegalovirus, pertosse, ARVI, toxoplasmosi, herpes, rosolia, infezione da HIV;
  • Malattie del sangue: leucemia linfatica acuta e cronica; linfosarcoma, una malattia di catene pesanti - malattia di Franklin;
  • Avvelenamento con tetracloroetano, piombo, arsenico, disolfuro di carbonio;
  • Trattamento con farmaci come levodopa, fenitoina, acido valproico, analgesici narcotici.

Diminuzione del livello dei linfociti (linfopenia):

  • Infezioni e malattie acute;
  • Tubercolosi miliare;
  • Perdita di linfa attraverso l'intestino;
  • la malattia di Hodgkin;
  • Lupus eritematoso sistemico;
  • Anemia aplastica;
  • Insufficienza renale;
  • Stadio terminale del cancro;
  • Immunodeficienza (con carenza di cellule T);
  • Terapia a raggi X;
  • Assunzione di farmaci con effetto citostatico (clorambucile, asparaginasi), glucocorticoidi, somministrazione di siero anti-linfocitario.

Gli eosinofili (i granuli citoplasmatici sono colorati con coloranti acidi) sono leucociti coinvolti nella risposta del corpo a malattie parassitarie, allergiche, autoimmuni, infettive e oncologiche. I cambiamenti eosinofili nel leucoformula si verificano quando la componente allergica è inclusa nella patogenesi della malattia, che è accompagnata da una sovrapproduzione di IgE. Queste cellule sono coinvolte in reazioni tissutali, in cui sono coinvolti parassiti o anticorpi della classe IgE, hanno un effetto citotossico sui parassiti.

La valutazione della dinamica dei cambiamenti nel numero di eosinofili durante il processo infiammatorio ha un valore prognostico. L'eosinopenia (una diminuzione del numero di eosinofili nel sangue inferiore all'1%) è spesso osservata all'inizio dell'infiammazione. L'eosinofilia (aumento del numero di eosinofili> 5%) corrisponde all'inizio del recupero. Tuttavia, un numero di malattie infettive e di altro tipo con un alto livello di IgE è caratterizzato da eosinofilia dopo la fine del processo infiammatorio, che indica che la reazione immunitaria con la sua componente allergica è incompleta. Allo stesso tempo, una diminuzione del numero di eosinofili nella fase attiva della malattia spesso indica la gravità del processo ed è un segno sfavorevole. In generale, il cambiamento nel numero di eosinofili nel sangue periferico è il risultato di uno squilibrio nei processi di produzione cellulare nel midollo osseo, nella loro migrazione e disintegrazione nei tessuti.

Valori di riferimento: in bambini e adulti, a seconda dell'età

Elevazione (eosinofilia):

  • Sensibilizzazione allergica del corpo (asma bronchiale, rinite allergica, pollinosi, dermatite atopica, eczema, vasculite granulomatosa eosinofila, allergia alimentare);
  • Allergie ai farmaci (spesso per i seguenti farmaci: aspirina, aminofillina, prednisone, carbamazepina, penicilline, cloramfenicolo, sulfonamidi, tetracicline, farmaci anti-tubercolari);
  • Malattie della pelle (eczema, dermatite erpetiforme);
  • Invasioni parassitarie - elmintiche e protozoi (giardiasi, echinococcosi, ascariasis, trichinosi, strongiloidosi, opistorsiasi, toxocarosi, ecc.);
  • Il periodo acuto di malattie infettive (scarlattina, varicella, tubercolosi, mononucleosi infettiva, gonorrea);
  • Tumori maligni (soprattutto metastatici e con necrosi);
  • Malattie proliferative del sistema ematopoietico (linfogranulematoz, leucemia acuta e cronica, linfoma, policitemia, malattie mieloproliferative, stato dopo splenectomia, sindrome ipereosinofila);
  • Processi infiammatori del tessuto connettivo (periarterite nodosa, artrite reumatoide, scleroderma sistemico);
  • Malattie polmonari - sarcoidosi, polmonite polmonare eosinofila, istiocitosi da cellule di Langerhans, pleurite eosinofila, infiltrazione eosinofila polmonare (malattia di Leffler);
  • Infarto miocardico (sintomo avverso).
  • La fase iniziale del processo infiammatorio;
  • Infezioni purulente gravi;
  • Shock, stress;
  • Intossicazione con vari composti chimici, metalli pesanti.

I monociti - le cellule più grandi tra i leucociti, non contengono granuli. Partecipano alla formazione e alla regolazione della risposta immunitaria, svolgendo la funzione di presentazione dell'antigene ai linfociti ed essendo una fonte di sostanze biologicamente attive, incluse le citochine regolatorie. Hanno la capacità di differenziazione locale - sono i precursori dei macrofagi (che trasformano dopo aver lasciato il flusso sanguigno). I monociti costituiscono il 3-9% di tutti i leucociti, sono capaci di movimento ameboide, mostrano attività fagocitaria e battericida pronunciata. I macrofagi sono in grado di assorbire fino a 100 microbi, mentre i neutrofili sono solo 20-30. Appaiono al centro dell'infiammazione dopo i neutrofili e mostrano la massima attività in un ambiente acido in cui i neutrofili perdono la loro attività. Nel centro dell'infiammazione, i macrofagi fagocitano i microbi, i leucociti morti, le cellule danneggiate del tessuto infiammato, eliminando il fuoco dell'infiammazione e preparandolo per la rigenerazione. Per questa funzione, i macrofagi sono chiamati "tergicristalli".

Valori di riferimento: in bambini e adulti, a seconda dell'età

Aumento dei livelli di monociti (monocitosi):

  • infezioni (eziologia virale, fungina, protozoaria e rickettsiale), nonché il periodo di recupero dopo infezioni acute;
  • granulomatosi: tubercolosi, sifilide, brucellosi, sarcoidosi, colite ulcerosa (non specifica);
  • collagenosi sistemica (lupus eritematoso sistemico), artrite reumatoide, periarterite nodosa;
  • malattie del sangue (leucemia acuta monocitica e mielomonocitica, malattie mieloproliferative, mieloma, linfogranulomatosi);
  • avvelenamento con fosforo, tetracloroetano.

Diminuzione del livello dei monociti (monocitopenia):

  • anemia aplastica (danno del midollo osseo);
  • leucemia a cellule capellute;
  • infezioni piogeniche;
  • parto;
  • interventi operativi;
  • condizioni di shock;
  • assunzione di glucocorticoidi.

La più piccola popolazione di leucociti. I granuli sono colorati con coloranti basici. I basofili sono coinvolti in reazioni infiammatorie allergiche e cellulari di tipo ritardato nella pelle e in altri tessuti, causando iperemia, formazione di essudato e aumento della permeabilità capillare. Contiene sostanze biologicamente attive come eparina e istamina (simili ai mastociti del tessuto connettivo). Durante la degranulazione, i leucociti basofili iniziano lo sviluppo di una reazione anafilattica di ipersensibilità immediata.

Valori di riferimento: 0 - 0,5%

Aumento del livello di basofili (basofilia):

  • leucemia mieloide cronica (associazione eosinofila-basofila);
  • mixedema (ipotiroidismo);
  • varicella;
  • ipersensibilità al cibo o ai farmaci;
  • reazione all'introduzione di proteine ​​estranee;
  • nefrosi;
  • anemia emolitica cronica;
  • condizione dopo splenectomia;
  • La malattia di Hodgkin;
  • trattamento con estrogeni, farmaci antitiroidei;
  • colite ulcerosa.

6. Il numero o percentuale di cellule centrali

I moderni analizzatori ematologici, quando si calcola il numero di leucociti, distribuiscono queste cellule per volume e calcolano ciascuna frazione separatamente. Ma il rapporto delle dimensioni delle cellule nel dispositivo e negli strisci macchiati di sangue è diverso. Ciò è dovuto al fatto che per calcolare la concentrazione dei leucociti è necessario distruggere i globuli rossi, poiché le dimensioni dei leucociti sono vicine alle dimensioni degli eritrociti. Per questo, l'emolitico viene aggiunto alla frazione di sangue, che distrugge le membrane degli eritrociti, mentre i leucociti rimangono intatti.

Dopo questo trattamento con una soluzione litica, varie forme di leucociti subiscono variazioni di dimensioni a vari livelli. La regione di piccoli volumi è formata da linfociti, che sotto l'azione dell'emolytic hanno ridotto significativamente il volume. I neutrofili, al contrario, si trovano nella regione di grandi volumi. Tra di loro c'è una zona di cosiddetti "leucociti medi", in cui cadono basofili, eosinofili e monociti.

Gli indicatori normali di celle medie indicano il rapporto corretto di tipi di leucociti in questa popolazione. Quando gli indicatori patologici devono visualizzare la formula dei leucociti.

Il rapporto delle dimensioni delle cellule negli strisci di sangue colorati e nel dispositivo dopo il trattamento con la soluzione di lisi

Dimensione delle cellule mediante analisi visiva delle macchie

I seguenti valori vengono emessi dal dispositivo:

Conta dei linfociti assoluti

Unità: x109 celle / L

Valori di riferimento: 0.8-4.0 × 109 celle / L

Linfocitosi assoluta:> 4,0 × 109 cellule / L

Linfocitosi relativa:> 40%

Linfocitopenia assoluta: 7,0 × 109 cellule / L

Neutrofilia relativa:> 70%

Unità: x109 celle / L

Valori di riferimento: 0,1-0,9 × 109 cellule / L

La percentuale di cellule medie (eosinofili, basofili)

La formula dei leucociti (percentuale di linfociti, granulociti, monociti, eosinofili, basofili) viene calcolata osservando uno striscio di sangue macchiato al microscopio da un tecnico di laboratorio.

Formula di leucociti (con microscopia di striscio di sangue nel rilevamento di alterazioni patologiche)

Formula di leucociti - la percentuale di varie forme di leucociti nel siero e il conteggio del loro numero per unità di volume. In presenza di forme atipiche di cellule, il sangue viene esaminato al microscopio. A differenza degli eritrociti, la cui popolazione è omogenea, i leucociti sono divisi in 5 tipi diversi per aspetto e funzione: neutrofili, linfociti, monociti, eosinofili, basofili.

Il rapporto tra varie forme di leucociti nel sangue, conteggio differenziato di leucociti, leucocitogramma, leucogramma, conta ematica, conta leucocitaria.

Conteggio differenziale leucocitario, differenziale periferico, differenziale WBC.

* 10 ^ 9 / l (10 in art.9 / l).

Quale biomateriale può essere utilizzato per la ricerca?

Venoso, sangue capillare.

Come prepararsi per lo studio?

  • Escludere dalla dieta alcolica un giorno prima di donare il sangue.
  • Non mangiare per 2-3 ore prima dello studio (puoi bere acqua non gassata pulita).
  • Elimina lo stress fisico ed emotivo e non fumare 30 minuti prima dell'analisi.

Informazioni generali sullo studio

I leucociti, come le altre cellule del sangue, si formano nel midollo osseo. La loro funzione principale - la lotta contro l'infezione, così come la risposta al danno tissutale.

A differenza degli eritrociti, la cui popolazione è omogenea, i leucociti sono divisi in 5 tipi diversi per aspetto e funzione: neutrofili, linfociti, monociti, eosinofili, basofili.

I leucociti sono formati da cellule staminali del midollo osseo. Non vivono a lungo, quindi sono costantemente aggiornati. La produzione di leucociti nel midollo osseo aumenta in risposta a qualsiasi danno tissutale, che è parte della normale risposta infiammatoria. Diversi tipi di leucociti hanno funzioni leggermente diverse, ma sono in grado di interazioni coordinate attraverso la "comunicazione" con l'uso di alcune sostanze - le citochine.

Per lungo tempo, la formula dei leucociti è stata calcolata manualmente, ma gli analizzatori moderni consentono di effettuare uno studio molto più accurato in modalità automatica (il medico esamina le cellule, l'analizzatore - diverse migliaia). Se l'analizzatore determina forme di cellule atipiche o deviazioni significative dai valori di riferimento, la formula dei leucociti è completata da un esame microscopico di uno striscio di sangue che consente di diagnosticare alcune malattie, come la mononucleosi infettiva, determinare la gravità del processo infettivo, descrivere il tipo di cellule atipiche rilevate nella leucemia.

I neutrofili, il più numeroso dei leucociti, sono i primi a combattere l'infezione e il primo ad apparire sul sito del danno tissutale. I neutrofili hanno un nucleo diviso in diversi segmenti, quindi sono anche chiamati neutrofili segmentati o leucociti polimorfonucleati. Questi nomi, tuttavia, si riferiscono solo ai neutrofili maturi. Le forme di maturazione (adolescenza, stenopeia) contengono un nucleo intero.

Al centro dell'infezione, i neutrofili circondano i batteri e li eliminano attraverso la fagocitosi.

Linfociti - una delle parti più importanti del sistema immunitario, sono di grande importanza nella distruzione dei virus e nella lotta contro le infezioni croniche. Ci sono due tipi di linfociti - T e B (nella formula dei leucociti, il conteggio dei tipi di leucociti non è separato). I linfociti B producono anticorpi - proteine ​​speciali che si legano a proteine ​​estranee (antigeni) sulla superficie di virus, batteri, funghi, protozoi. Le cellule contenenti anticorpi contenenti antigeni sono disponibili per i neutrofili e i monociti che li uccidono. I linfociti T sono in grado di distruggere le cellule infette e prevenire la diffusione dell'infezione. Riconoscono e distruggono anche le cellule tumorali.

I monociti nel corpo non sono molto, ma svolgono una funzione estremamente importante. Dopo una breve circolazione nel sangue (20-40 ore), si spostano nei tessuti, dove si trasformano in macrofagi. I macrofagi sono in grado di distruggere le cellule, così come i neutrofili, e di mantenere sulla loro superficie proteine ​​estranee a cui reagiscono i linfociti. Svolgono un ruolo nel mantenimento dell'infiammazione in alcune malattie infiammatorie croniche, come l'artrite reumatoide.

Gli eosinofili contengono una piccola quantità nel sangue, sono anche in grado di fagocitare, ma svolgono principalmente un ruolo diverso: combattono i parassiti e partecipano attivamente alle reazioni allergiche.

Anche il sangue dei basofili è un po '. Si muovono nei tessuti dove si trasformano in mastociti. Quando vengono attivati, l'istamina viene rilasciata da loro, causando sintomi di allergia (prurito, bruciore, arrossamento).

A cosa serve la ricerca?

  • Valutare la capacità del corpo di resistere alle infezioni.
  • Per determinare la gravità delle allergie, così come la presenza di parassiti nel corpo.
  • Per identificare gli effetti avversi di alcuni farmaci.
  • Valutare la risposta immunitaria alle infezioni virali.
  • Per la diagnosi differenziale della leucemia e per valutare l'efficacia del loro trattamento.
  • Per monitorare gli effetti sul corpo della chemioterapia.

Quando è programmato uno studio?

  • Insieme ad un esame del sangue generale durante gli esami medici programmati, preparazione per la chirurgia.
  • Con una malattia infettiva (o il sospetto di esso).
  • Se vi è il sospetto di infiammazione, una malattia allergica o infezione da parassiti.
  • Quando si prescrivono determinati farmaci.
  • Con la leucemia.
  • Quando si controlla per varie malattie.

La formula dei leucociti viene solitamente interpretata in base al numero totale di leucociti. Se si discosta dalla norma, allora l'orientamento sul rapporto percentuale delle cellule nella formula dei leucociti può portare a conclusioni errate. In queste situazioni, la valutazione viene effettuata sulla base del numero assoluto di ciascun tipo di cellule (in un litro - / 1 - o microlitro - 10 9 / l). Un aumento o una diminuzione del numero di qualsiasi popolazione cellulare viene indicato come "neutrofilia" e "neutropenia", "linfocitosi" e "linfopenia", "monocitosi" e "monocitopenia", ecc.

Molto spesso, il livello dei neutrofili è elevato nelle infezioni batteriche e fungine acute. A volte, in risposta a un'infezione, la produzione di neutrofili aumenta così tanto che le forme immature di neutrofili entrano nel flusso sanguigno e il numero di pugnalate aumenta. Questo è chiamato spostamento dei leucociti a sinistra e indica l'attività della risposta del midollo osseo all'infezione.

C'è anche uno spostamento della formula dei leucociti a destra, quando diminuisce il numero di forme di stabulazione e aumenta il numero di forme segmentate. Questo accade con anemia megaloblastica, malattie del fegato e dei reni.

Altre cause di aumento dei livelli di neutrofili:

  • malattie infiammatorie sistemiche, pancreatite, infarto del miocardio, ustioni (come reazione al danno tissutale),
  • cancro del midollo osseo.

Il numero di neutrofili può diminuire con:

  • massicce infezioni batteriche e sepsi, nei casi in cui il midollo osseo non ha il tempo di riprodurre una quantità sufficiente di neutrofili,
  • infezioni virali (influenza, morbillo, epatite B),
  • anemia aplastica (una condizione in cui il lavoro del midollo osseo è depresso), B12-anemia da carenza,
  • cancro del midollo osseo e metastasi di altri tumori nel midollo osseo.

Cause dei livelli elevati di linfociti:

  • mononucleosi infettiva e altre infezioni virali (citomegalovirus, rosolia, varicella, toxoplasmosi),
  • alcune infezioni batteriche (tubercolosi, pertosse),
  • malattie oncologiche del midollo osseo (leucemia linfatica cronica) e linfonodi (linfoma non Hodgkin).

Motivi per abbassare i livelli dei linfociti:

  • infezioni batteriche acute
  • l'influenza
  • anemia aplastica,
  • prendendo prednisone,
  • AIDS,
  • lupus eritematoso sistemico,
  • alcune malattie congenite del neonato (sindrome di Di George).

Motivi per aumentare il livello di monociti:

  • infezioni batteriche acute
  • la tubercolosi,
  • endocardite batterica subacuta,
  • la sifilide,
  • cancro del midollo osseo e linfonodi,
  • cancro dello stomaco, ghiandole mammarie, ovaie,
  • malattie del tessuto connettivo
  • sarcoidosi.

Ragioni per ridurre il livello di monociti:

Le cause più comuni di aumento dei livelli di eosinofili sono:

  • malattie allergiche (asma bronchiale, raffreddore da fieno, allergie alimentari, eczema),
  • infezione da vermi parassiti,
  • reazione allergica ai farmaci (antibiotici, allopurinolo, eparina, propranololo, ecc.).

Motivi più rari per il loro aumento:

  • Sindrome di Leflera,
  • sindrome ipereosinofila
  • malattie sistemiche del tessuto connettivo
  • cancro del midollo osseo e linfonodi.

Il numero di eosinofili può diminuire con:

  • infezioni batteriche acute
  • La sindrome di Cushing
  • Sindrome di Goodpasture,
  • prendendo prednisone.

Basofili: 0 - 0,08 * 10 ^ 9 / l.

Basofili,%: 0 - 1,2%.

L'aumento del contenuto di basofili è raro: con cancro del midollo osseo e linfonodi, policitemia vera, malattie allergiche.

Il numero di basofili può diminuire nella fase acuta dell'infezione, ipertiroidismo, terapia prolungata con corticosteroidi (prednisone).

Chi fa lo studio?

Medico generico, terapista, pediatra, chirurgo, specialista in malattie infettive, ematologo, ginecologo, urologo.