Trattamento dell'epatite C con Sofosbuvir e Daclatasvir

Metastasi

La combinazione di Sofosbuvir e Daclatasvir è il metodo più accessibile ed efficace per il trattamento dell'epatite C. Prima di usare il farmaco, è necessario consultare uno specialista e familiarizzare con le istruzioni per l'uso. Secondo i medici, il miglior effetto della terapia si ottiene combinando questi due generici. È possibile acquistare medicinali in Russia ad un prezzo ragionevole tramite il fornitore ufficiale via Internet. La terapia dell'epatite C viene spesso eseguita con l'aiuto di generici Sofosbuvir e Daclatasvir. Con il loro aiuto vengono trattati tutti i genotipi conosciuti del virus. Lo schema di trattamento è scelto dal medico, in base alle caratteristiche del problema.

Prezzo e dove acquistare Daclatasvir con Sofosbuvir

Daclatasvir e Sofosbuvir in Russia finora possono essere ordinati solo tramite il produttore ad un prezzo fisso.

Puoi assumere farmaci in diversi modi:

  1. Senza intermediari su Internet. Al momento dell'acquisto di un prodotto sul sito è necessario leggere tutte le recensioni su un particolare venditore. Un sicuro segno di vendere un falso è un prezzo troppo basso.
  2. In India, nel paese in cui vengono prodotte le merci. I farmaci generici economici sono disponibili con il marchio Hepcinat (Sofosbuvir) e Natdac (Daclatasvir). Per evitare problemi durante l'acquisto di fondi, è necessario portare un certificato di registrazione con epatite C.
  3. Con spedizione internazionale. Il prodotto può essere ricevuto entro 2 settimane. La mancanza di consegna internazionale - dovrà pagare un extra per i servizi di corriere e fare un pagamento anticipato per le merci.

Quanto è Sofosbuvir con Daclatasvir

È possibile acquistare farmaci senza intermediari al costo di:

Prezzi per Sofosbuvir:

  • Mosca - 15.000 rubli.
  • San Pietroburgo - 15.000 rubli.
  • Samara - 15.000 rubli.
  • Ekaterinburg - 15.000 rubli.
  • Ucraina, Kiev - 6470 UAH.
  • Dnipro (Dnipropetrovsk) - 6470 UAH.
  • Bielorussia, Minsk - 490 bel.rubley
  • India: $ 246

Vai al sito Web del fornitore

Prezzi per Daclatasvir:

  • Mosca - 9000 rubli.
  • San Pietroburgo - 9000 rubli.
  • Voronezh - 9000 rubli.
  • Novosibirsk - 9000 rubli.
  • Ucraina, Kiev - 3880 UAH.
  • Dnipro (Dnipropetrovsk) - 3880 UAH.
  • Bielorussia, Minsk - 295 bel.rubley
  • India - $ 148

Vai al sito Web del fornitore

Specialisti prescrivono e altri farmaci nella lotta contro la patologia, per esempio, American - Daklinza o Sovaldi. Ma questi fondi hanno uno svantaggio serio - un costo molto alto. A causa delle proprietà simili dei medicinali prodotti in India - Sofosbuvir e Daclatasvir, un maggior numero di pazienti ha avuto la possibilità di guarire.

Recensioni dei medici su Daclatasvir e Sofosbuvir

Daclatasvir e Sofosbuvir in Russia sono stati prescritti dal 2016, ma durante questo breve periodo gli agenti sono riusciti a ottenere feedback positivi dai medici. Gli esperti sottolineano diverse proprietà degli agenti che li rendono efficaci nel trattamento dell'epatite C:

  • Sofosbuvir è un inibitore della proteina virale NS5A, cioè la sostanza attiva del farmaco blocca il virus, impedendone l'ulteriore riproduzione nel corpo.
  • I componenti di Daclatasvir inibiscono il virus del patogeno della patologia, impedendole di diffondersi in cellule sane.

Il virus non ha avuto il tempo di sviluppare resistenza ai componenti dei farmaci generici, a differenza degli interferoni, il cui trattamento è oggi considerato inefficace.

Di seguito sono riportate alcune recensioni degli esperti sui farmaci discussi.

Durante la mia pratica medica, gli interferoni hanno mostrato basse prestazioni nel trattamento dell'epatite C. I e i miei colleghi hanno preferito i generici dall'India - Hepcinat e Natdac. Dopo il loro uso nei pazienti, c'è una tendenza positiva nella lotta contro la malattia. L'unico inconveniente di questi fondi è l'alto costo.

Tra gli aspetti positivi dell'uso di droghe vorrei sottolineare: 1) la lista minima delle reazioni avverse; 2) la lotta contro i genotipi della malattia di tutti i tipi; 3) un risultato evidente dopo due settimane di assunzione di fondi.

Posso dire con sicurezza che Sofosbuvir e Daclatasvir sono i mezzi migliori e più convenienti nella lotta contro la patologia, che sono noti alla medicina al momento.

Vladimir Ilyin, specialista in malattie virali. Esperienza - 11 anni.

Durante il mio lavoro con i pazienti, ho osservato l'emergere di nuovi farmaci per il trattamento dell'epatite C, hanno anche attirato i costi economici e la pubblicità brillante, ma l'effetto non era speciale ei pazienti (a seconda delle caratteristiche della malattia) erano costretti ad acquistare costosi farmaci fatti dagli americani. E, ecco, ho sentito parlare dell'efficacia di Indian Sofosbuvir e Daclatasvir non dalle pubblicità, ma dai miei colleghi. Queste droghe costituivano un'eccezione tra gli altri strumenti di bilancio, ma inefficaci. Una valida alternativa alla medicina americana.

Nikolay Zotov, epatologo. Esperienza - 17 anni.

Testimonianze dei pazienti sul trattamento con Daclatasvir e Sofosbuvir

Su Internet, è possibile trovare recensioni di pazienti che hanno trattato l'epatite C con Daclatasvir e Sofosbuvir.

L'epatite C è stata diagnosticata nel 2015. Il medico mi ha prescritto l'interferone alfa terapia e ha riferito che dopo questo farmaco possono verificarsi effetti collaterali sotto forma di febbre e mal di testa. Un tale effetto dall'assunzione di interferone mi ha spaventato, così sono salita sul forum per leggere le recensioni di coloro che sono guariti dall'epatite C.

Su Internet, gli acquirenti hanno parlato positivamente dei farmaci generici indiani Daclatasvir e Sofosbuvir. Ho ordinato le pillole Hepcinat e Natdac sul sito web di Natco Pharma, ho pagato i prodotti con una carta elettronica e dopo 20 giorni ho ricevuto un prodotto generico.

Alla settimana 3 del trattamento, ha passato l'analisi PCR per identificare l'agente eziologico dell'epatite C nel corpo e ha ricevuto risultati negativi. Cioè, il test del sangue biochimico è tornato alla normalità solo 3 settimane dopo l'assunzione delle pillole. Ho terminato un ciclo di terapia di 3 mesi e ri-testato. Il risultato è lo stesso: NEGATIVO.

Timur, 32 anni, Mosca.

Sono stato trovato per avere l'epatite virale C nel 1997. A quel tempo, per una persona, una tale diagnosi era una frase, dal momento che c'erano pochissimi fondi con effetti antivirali. Il dottore fece solo un gesto impotente e disse che per la medicina attuale era impotente contro questa malattia.

Già ora, dopo aver letto i forum sulle conseguenze della malattia, mi sono reso conto che la malattia può manifestarsi in qualsiasi momento e causare la morte. Nel 2016, ho appreso dai miei amici che in cliniche retribuite gli epatologi offrono un moderno regime di trattamento con generici indiani. Si rivolse a uno specialista e mi prescrisse un corso di 3 mesi per prendere Sofosbuvir e Daclatasvir. Il prezzo delle droghe "morde", ma non c'erano altre opzioni.

Ho ordinato i beni da solo su Internet. All'inizio, era molto preoccupata del fatto che i farmaci fossero inefficaci, dal momento che non avevano effetti collaterali, come nel trattamento con l'interferone. Per questo motivo, ho superato nuovamente i test dopo 2 settimane. Il risultato è stato piacevolmente sorpreso - l'analisi della biochimica è stata migliore rispetto al 1996 (prima dell'infezione da epatite). Così ho vinto la malattia con cui ho vissuto a lungo.

Irina, 41 anni, Krasnodar.

Istruzioni per l'uso di Sofosbuvir e Daclatasvir

Le istruzioni per l'uso di Sofosbuvir e Daclatasvir descrivono la composizione dei farmaci e le controindicazioni al loro uso. Nonostante ciò, il trattamento con i farmaci generici può essere iniziato solo dopo aver consultato un medico. Lo specialista ti dirà come prendere i soldi a seconda del genotipo del virus dell'epatite.

Sofosbuvir è bevuto una volta, una pillola al giorno. La capsula è desiderabile da ingoiare, ma non masticare. Gli effetti collaterali dell'uso di farmaci generici secondo il parere dei pazienti guariti sono stati osservati solo nell'8-10% dei casi.

Daclatasvir viene assunto anche una volta al giorno. La pillola non viene schiacciata prima del consumo e assunta con i pasti. La durata del trattamento e il dosaggio dell'agente sono determinati dal medico curante. Il corso di trattamento con generici dall'India dura in media da 12 a 24 settimane.

Lo schema di trattamento per il primo genotipo del virus:

Come prendere Sofosbuvir e Daclatasvir

Il trattamento dell'epatite C cronica per molti anni è rimasto inefficace. L'uso del cosiddetto "gold standard", cioè interferone e ribavirina, non ha portato il recupero desiderato e la remissione in più del 50% dei pazienti. Solo con l'avvento di farmaci antivirali diretti, come Sofosbuvir e Daclatasvir, è stato possibile ottenere un risultato positivo nel 100% dei casi.

Il virus dell'epatite C è caratterizzato da una grande variabilità, cioè molte variazioni genetiche del patogeno si formano nel corpo del paziente, che non sono in grado di rilevare e distruggere il sistema immunitario di una persona. L'uso di farmaci con azione mediata (interferoni, induttori di interferone) non è sempre efficace - ci sono frequenti casi di risposta parziale alla terapia (solo biochimica o solo virologica), oltre che recidiva della malattia.

Il trattamento dell'HCV con Sofosbuvir e Dakltasvir ha dimostrato eccellenti prestazioni ed efficacia in tutti i pazienti. Questa è davvero una possibilità concreta per un pieno recupero.

Caratteristiche distintive del meccanismo d'azione

Sofosbuvir è il primo farmaco ad avere un effetto antivirale diretto. Viene introdotto nel processo di replicazione dell'RNA virale influenzando l'enzima RNA polimerasi di tipo NS5B. Senza questo enzima, il processo di "assemblaggio" di un intero filamento di RNA virale da singoli componenti è impossibile. Il principio attivo di Sofosbuvir blocca questo processo, quindi la formazione di nuove copie del virus diventa impossibile.

A seguito di studi clinici e di laboratorio, Sofosbuvir è risultato essere attivo contro i virus di tipo 1, 2, 3 e 4 dell'epatite C. La sua attività antivirale contro genotipi 5 e 6 non è stata ancora provata, tuttavia, queste varianti dell'agente causale dell'epatite C sono rare nel continente europeo.

Una differenza importante di Sofosbuvir è la presenza estremamente rara della resistenza iniziale delle cellule epatiche del paziente al suo principio attivo, nonché la formazione di resistenza nel processo di trattamento.

Daklatasvir è un agente antivirale altamente specifico che agisce solo contro il virus dell'epatite C e non ha un effetto significativo su altri virus del DNA e dell'RNA. Il suo meccanismo d'azione è leggermente diverso da Sofosbuvir.

Daclatasvir agisce su un altro tipo di enzima RNA polimerasi - NS5A, cioè l'agente patogeno dell'epatite C non ha possibilità di replicarsi, tutti i percorsi vengono interrotti. Una caratteristica importante di Daclatasvir rispetto a Sofosbuvir è la sua comprovata attività antivirale contro tutti i genotipi del virus (1, 2, 3, 4, 5, 6).

Entrambi i farmaci sono ben e rapidamente assorbiti dopo somministrazione orale (cioè sotto forma di compresse o capsule), quindi non è necessario creare e utilizzare una forma di iniezione di queste forme di dosaggio. Daclatasvir e Sofosbuvir circolano a lungo nel sangue e nel fegato del paziente, quindi è sufficiente una singola dose (1 volta al giorno). Dopo diversi giorni di assunzione regolare, nei tessuti si forma una concentrazione costante di entrambe le sostanze attive.

I risultati degli studi clinici

Non solo le caratteristiche farmacologiche dei farmaci, ma anche la loro efficacia clinica è molto importante per il medico e il paziente, cioè, la probabilità di curare questa malattia è alta, se assunta secondo il programma prescritto.

Le prove cliniche di Sofosbuvir e Daclatasvir sono piuttosto estese e quindi informative. Nessuno degli studi su larga scala di questi farmaci non fu usato come monoterapia (cioè separatamente), il prerequisito era il loro uso solo nello stesso tempo.

Prima dell'inizio del trattamento antivirale, era richiesta la genotipizzazione, che determinava il tipo di virus dell'epatite C. I pazienti con genotipo 1, 2, 3 o 4 senza segni di decompensazione epatica sono stati inclusi negli studi clinici che valutavano l'efficacia della duplice terapia con queste sostanze. Il dosaggio standard di Sofosbuvir era 400 mg e Daclatasvir 30-60 mg. La durata della terapia variava da 12 a 24 settimane.

I migliori risultati sono stati osservati in pazienti con genotipo 1 - tutti, senza eccezioni, dopo aver completato il ciclo di trattamento antivirale, sono stati osservati un virus virologico persistente (nessun virus nel sangue) e una risposta biochimica (normalizzazione di tutti i campioni di fegato). Risultati un po 'peggiori sono stati riportati in pazienti con genotipi 2 e 3 - una risposta completa al trattamento (una combinazione di una risposta biochimica e virologica) è stata osservata solo nell'86% dei pazienti.

Tutti i protocolli internazionali per il trattamento dell'epatite C sottolineano che è solo appropriato utilizzare questi farmaci insieme, per valutare l'effetto della monoterapia solo da Sofosbuvir o se Daclatasvir da solo non sia pratico.

Indicazioni per l'uso

Le droghe originali e i loro analoghi dovrebbero essere presi in queste situazioni:

  • con epatite C di nuova diagnosi (genotipo 1-4), cioè senza trattamento preventivo;
  • con la ricomparsa dell'epatite virale cronica C (gli stessi genotipi);
  • con un episodio non riuscito di precedente trattamento con interferoni e ribavirina (con cautela);
  • se necessario, trattamento antivirale in pazienti con funzionalità epatica compensata (con cautela);
  • per carcinoma epatocellulare, se il paziente è in attesa di trapianto di fegato;
  • con l'associazione di epatite C e HIV - infezione.

È importante capire che qualsiasi sostanza medicinale, inclusa la combinazione specificata, ha un numero di effetti collaterali. Solo uno specialista può decidere se un farmaco e la loro combinazione sono controindicati o autorizzati in ogni caso specifico. Un punto speciale è la valutazione della compatibilità di Daclatasvir e Sofosbuvir con agenti cardiologici. Il medico curante determina la frequenza con cui superare i test e i loro componenti.

Tentativi indipendenti di curare l'epatite C virale cronica possono causare danni irreparabili al paziente.

Schemi di applicazione a seconda del genotipo

Il gruppo target per l'utilizzo di una combinazione di Daclatasvir e Sofosbuvir è costituito da pazienti con un genotipo specifico del virus dell'epatite C.

Protocolli internazionali per il trattamento dell'epatite indicano i seguenti criteri per il trattamento efficace dei farmaci antivirali per l'epatite C cronica:

  • mancanza di cambiamenti fibrotici significativi (F0-F1);
  • alta attività di AlAt e AsAt;
  • peso corporeo del paziente non superiore a 75 kg;
  • giovane età (fino a 45 anni);
  • appartenente alla razza europea;
  • genere femminile;
  • carica virale moderata non superiore a 600 mila copie per 1 ml;
  • qualsiasi genotipo, ma non il primo.

Il rispetto di questi criteri offre la massima possibilità di recupero, tendente al 100%. In altri casi, anche il trattamento è efficace, ma la probabilità di recupero è inferiore al 100%.

Dopo aver condotto una diagnosi completa, il medico curante determina per quanto tempo Sofosbuvir e Daclatasvir devono essere assunti, se è necessario bere anche altri antivirali. Nel corso del trattamento (con una certa frequenza) e dopo il completamento dell'intero corso, il paziente viene riesaminato. Durante il corso della terapia, l'alcol è completamente escluso.

I regimi di associazione di Daclatasvir e Sofosbuvir differiscono nella durata e nella necessità di usare altre sostanze antivirali. I dosaggi di entrambi i principi attivi sono standard. Le istruzioni per l'uso di Sofosbuvir indicano che è necessaria solo una compressa (capsula) al giorno, cioè 400 mg al mattino o alla sera, preferibilmente alla stessa ora.

Istruzioni per l'uso Daclatasvira chiama 2 possibili dosaggi - 30 e 60 mg di ingrediente attivo. Al giorno è necessario assumere solo una pillola (capsula), di solito 60 mg; Il dosaggio può essere ridotto a 30 mg se la combinazione dei principi attivi è scarsamente tollerata.

Pazienti con genotipo 1

Nei pazienti con il primo genotipo, è importante determinare il sottotipo, dal momento che si trovano il genotipo 1b e 1a. Questa sfumatura è importante dal punto di vista della combinazione con altri principi attivi.

I pazienti con genotipo 1a ricevono Daclatasvir e Sofosbuvir in associazione con Asunaprevir e Ribavirina per 24 settimane.

I pazienti con epatite C cronica con genotipo 1b ricevono Daclatasvir e Sofosbuvir in associazione solo con Asunaprevir (senza Ribavirina) anche per 24 settimane.

Antiossidanti ed epatoprotettori possono essere inclusi nella terapia complessa.

Pazienti con genotipi 2, 3 e 4

Anche i pazienti con genotipo 2, 3 o 4 sono sottoposti a genotipizzazione, ma non è così importante che viene determinato il genotipo 3a e 3b, poiché il regime di trattamento non cambia.

In tutti questi casi, è prescritta solo la combinazione di Sofosbuvir e Daclatasvir nel dosaggio terapeutico standard (400 mg + 60 mg) per 12 settimane (3 mesi), a condizione che il paziente non abbia precedentemente ricevuto alcun altro trattamento.

Un aumento della durata della terapia e l'inclusione di altre sostanze attive con un meccanismo di azione antivirale è considerato inappropriato.

Pazienti con genotipo 5, 6

Secondo le raccomandazioni dell'Associazione europea per il trattamento delle malattie del fegato (2015), la combinazione di Daclatasvir e Sofosbuvir non è utilizzata in tali pazienti, poiché la sua efficacia clinica non è stata dimostrata.

Le raccomandazioni successive degli anni 2016-2017 suggeriscono di utilizzare questa combinazione di principi attivi con i genotipi 5 e 6, ma con meno probabilità di un risultato positivo rispetto ad altri genotipi.

Questi genotipi del virus dell'epatite C sono rari nella regione europea. I seguenti regimi di trattamento sono usati per trattare questi pazienti:

  • Sofosbuvir + ribavirina + interferone pegilato;
  • Sofosbuvir + Ledipasvir.

Ci sono anche combinazioni di altri farmaci antivirali, ma la loro efficacia clinica è allo studio.

Pazienti con recidiva della malattia e dopo episodi di trattamento non riusciti

Ci sono casi in cui il trattamento con interferoni peghilati non ha portato l'effetto desiderato. A tali pazienti può essere prescritta una combinazione di Daclatasvir e Sofosbuvir senza componenti aggiuntivi, ma la durata del trattamento aumenta ed è di 24 settimane.

Lo stesso sarà il trattamento di pazienti in attesa di un trapianto di fegato o con cirrosi del tessuto epatico.

Controindicazioni

Le controindicazioni all'uso di Daclatasvir e Sofosbuvir non sono eccessive, ma richiedono attenzione. Questi includono:

  • carenza acquisita o congenita di un enzima come la lattasi;
  • l'età del paziente è troppo giovane (sotto i 18 anni);
  • allattamento o gravidanza in una donna;
  • uso costante di farmaci antiepilettici, rifampicina, desametasone.

L'ultimo punto può essere considerato come una controindicazione relativa se tale terapia può essere temporaneamente interrotta e al paziente viene prescritto il trattamento antivirale necessario.

Effetti collaterali sul corpo

La valutazione degli effetti collaterali è possibile solo come risultato dell'uso di una combinazione di Daclatasvir e Sofosbuvir, la possibilità di valutare gli effetti collaterali di una qualsiasi sostanza attiva non è possibile.

Le revisioni degli effetti collaterali di Sofosbuvir e Daclatasvir sono poche. La maggior parte dei pazienti nota la loro buona tollerabilità. Tra le possibili reazioni negative più significative sono le seguenti:

(più del 10% dei pazienti esaminati)

(meno del 10% dei pazienti)

  • debolezza immotivata, non associata a un aumento dello sforzo fisico;
  • dolore alla testa e lieve vertigine.
  • disturbo del sonno; l'anemia;
  • perdita o assottigliamento dei capelli;
  • dolore moderato nei muscoli e nelle articolazioni;
  • varie eruzioni cutanee;
  • diarrea senza impurità patologiche, gonfiore, dolore addominale, nausea, vomito;
  • irritabilità e / o depressione;
  • congestione nasale e / o tosse secca;

Di regola, non è necessario regolare la dose dei farmaci. Solo in casi isolati i pazienti hanno dovuto interrompere il trattamento in anticipo a causa della scarsa tolleranza.

Elenco di farmaci generici

Gli analoghi del Sovaldi originale contenente Sofosbuvir sono:

Sostituti di Daklinza originale con principio attivo Daclatasvir:

Terapia antivirale finanziaria

Compra i farmaci originali sulla base di non tutti i pazienti. Attualmente, l'India e l'Egitto hanno stabilito una produzione su larga scala di tutti gli ingredienti attivi per l'efficace trattamento antivirale dell'epatite cronica C. L'acquisto di farmaci generici è una possibilità concreta di una cura completa, il costo del corso è 67.000-72.000 rubli, che è molto inferiore al prezzo del farmaco originale.

È possibile ordinare la consegna dei farmaci necessari presso le farmacie o presso un rappresentante medico di una società farmaceutica indiana. Gli specialisti aiutano a navigare il prezzo e il numero di pacchetti necessari. Sui siti Web delle aziende che organizzano consegne dirette dall'India, è stata creata un'interfaccia user-friendly, in cui vengono visualizzati vari farmaci antivirali, il loro prezzo e il modulo di rilascio.

Recensioni

Natalia, 39 anni:

"Due anni fa, ho ricevuto un trattamento con interferone e ribavirina. Dopo il corso mi sentivo bene. Ora controllato e trovato di nuovo transaminasi di nuovo. Nominato Sofosbuvir e Daclatasvir. Accetto 3 settimane, nessuna reazione avversa. "

Sergey, 42 anni:

"Dopo l'intervento chirurgico e la trasfusione di sangue, è stato ottenuto il virus dell'epatite C. È stato esaminato, il medico ha raccomandato Daclatasvir e Sofosbuvir, poiché è stato rilevato 1 genotipo. Dopo il completamento del ciclo di trattamento, tutti i test sono normali. "

conclusione

La combinazione di Daclatasvir e Sofosbuvir è uno dei regimi terapeutici più popolari per l'epatite cronica C. Oltre alla sua efficacia, è anche caratterizzata da accessibilità, grazie a farmaci generici indiani ed egiziani.

Acquista Sofosbuvir e Daclatasvir. Effetti collaterali, corso e regime di trattamento.

Il trattamento dell'epatite C virale fino al 2011 è stato basato sull'uso di una combinazione di interferone con ribavirina, ma i risultati della terapia a lungo termine sono stati deludenti - circa il 45% di quelli guariti. Inoltre, l'effetto collaterale derivante dall'uso di queste droghe ha rovinato il quadro generale. I pazienti si sono lamentati di indisposizione, perdita di capelli e, cosa più importante - una depressione profonda, fino al tentativo di suicidio.

Nel 2011 è stata realizzata una scoperta innovativa che ha offerto alle persone con epatite C la possibilità di guarire senza gravi conseguenze. Questa scoperta è stata l'ultima generazione di farmaci antivirali, Sofosbuvir e Daclatasvir. L'efficacia dell'uso di una combinazione di farmaci è fino al 90-100%. Numerosi studi clinici hanno portato alla conclusione che l'uso di questi farmaci non è solo efficace, ma anche sicuro. Sofosbuvir e Daclatasvir causano minimi effetti collaterali durante il trattamento.

Quali possono essere gli effetti negativi del consumo di farmaci Sofosbuvir e Daclatasvir?

Rispetto a tutti i regimi di trattamento esistenti, Sofosbuvir e Daclatasvir hanno una minima quantità di effetti collaterali.

Gli effetti indesiderati più comuni che si sviluppano in circa un paziente su 10 sono:

  1. Mal di testa.
  2. Sindrome di Asthenic.
  3. Nausea.

Gli effetti collaterali che si verificano in meno di un paziente su dieci sono i seguenti:

  1. Da parte del tratto gastrointestinale: perdita di appetito, diarrea o stitichezza, distensione addominale, dolore addominale.
  2. Dal lato del sistema nervoso centrale: sonno povero, vertigini, instabilità dell'andatura, ansia, ipereccitabilità.
  3. Anemia.
  4. Dolore nei muscoli e nelle articolazioni.
  5. Pelle secca

Va detto che quando co-somministrati con Sofosbuvir, Daclatasvir e Amiodarone, i pazienti sviluppano grave bradicardia. In uno studio indipendente, ci sono stati casi di installazione di un pacemaker al fine di garantire un'adeguata funzione cardiaca.

La ricezione di fondi per l'epatite C viene effettuata rigorosamente sotto la supervisione di un medico. Con lo sviluppo di qualsiasi sintomo, devi riferirlo al medico.

Non è consigliabile interrompere l'assunzione di Sofosbuvir e Daclatasvir se si verifica un effetto collaterale. Inoltre, le compresse devono essere prese rigorosamente in tempo per mantenere una concentrazione sufficiente del principio attivo nel sangue.

Per eliminare i sintomi avversi, è prescritto un trattamento sintomatico. La sindrome del dolore viene eliminata prendendo antidolorifici non narcotici. In caso di nausea e vomito, viene somministrata metoclopramide (regolata). L'anemia, di norma, non più del primo grado, non richiede correzione. Quando i sintomi si sviluppano da parte del sistema nervoso centrale, non è consigliabile guidare veicoli o eseguire casi che richiedono maggiore attenzione.

Insieme al trattamento antivirale non si possono assumere barbiturici, reserpina, erba di San Giovanni.

La combinazione di farmaci Sofosbuvir e Daclatasvir non causa effetti collaterali dopo la fine della ricezione.

Panoramica dei farmaci, dei regimi, dei dosaggi e della durata della terapia

Il daclatasvir è un medicinale che ha un effetto specifico sull'RNA del virus dell'epatite C. Gli Stati Uniti producono un farmaco chiamato Daklins.

Il meccanismo d'azione è basato sull'inibizione della proteina NS5A, che è responsabile della replicazione del virus dell'epatite C. In questo caso, il gruppo del virione è bloccato - una particella virale formata che contiene acido nucleico (RNA) e un capside (guscio). In parole semplici, si può affermare che Daclatasvir riduce il numero di virus nel sangue periferico, cioè riduce la carica virale.

L'effetto antivirale è diretto contro i quattro genotipi del virus.

Il farmaco viene somministrato per via orale. Lo strumento è disponibile in un dosaggio di 30 mg e 60 mg. Si raccomanda di prendere una pillola una volta al giorno, non combinandola con una dieta. Il farmaco non viene masticato, annaffiato con abbondante acqua. L'escrezione del principio attivo avviene dai reni. La durata del trattamento dipende dal genotipo del virus e dal regime.

Sofosbuvir si riferisce anche a farmaci antivirali.

Il meccanismo d'azione è quello di bloccare l'RNA polimerasi.

L'azione è diretta contro tutti e quattro i genotipi del virus.

Lo strumento viene utilizzato una volta al giorno, per via orale alla dose di 400 mg. Il tablet non mastica, in quanto ha un sapore amaro. I mezzi di ricezione dovrebbero essere combinati con il cibo, bere molti liquidi. È molto importante usare il farmaco secondo lo schema a intervalli regolari, alla stessa ora. Se per qualsiasi motivo il ricevimento del farmaco non si verifica in tempo e il ritardo è inferiore a 12 ore, allora puoi prendere una pillola. Se è trascorsa più della metà della giornata, è necessario assumere la dose successiva alla solita ora.

La combinazione di questi farmaci è la più efficace di quelli esistenti. C'è un effetto antivirale anche nel trattamento del genotipo dell'epatite C 3, che è più aggressivo e meno curabile.

Nel primo tipo, il regime terapeutico è il seguente: Daclatasvir 60 mg e Sofosbuvir 400 mg per 3 mesi. L'efficacia del trattamento è del 100% dei casi di cura.

Nel secondo genotipo, Daclatasvir + Sofosbuvir viene utilizzato in un dosaggio standard per 6 mesi. Efficienza - 100%.

Il terzo tipo viene trattato con una combinazione di Daclatasvir + Sofosbuvir in un dosaggio standard per 3 mesi con un'efficienza del 97%. Quando aggiunto allo schema Ribavirina - 100%.

Se il paziente ha cirrosi, la combinazione di Daclatasvir + Sofosbuvir viene utilizzata per 3 mesi. L'efficacia della terapia è del 57%.

Il quarto genotipo richiede un trattamento con l'aggiunta di interferone e ribavirina per 6 mesi.

I virus dell'epatite C cinque e sei sono trattati con una combinazione di Daclatasvir + Sofosbuvir in dosi standard per 3 mesi.

Le raccomandazioni del 2016 escludono l'interferone pegilato dai regimi di trattamento dell'epatite C. È raccomandata solo la terapia di associazione con diversi farmaci. Anche regimi di trattamento appositamente sviluppati per i corsi infruttuosi che utilizzano interferone e ribavirina.

Si può dire che il progresso della scienza nel trattamento dell'epatite C ha superato tutte le aspettative. Se 10 anni fa l'epatite virale era considerata cronica, si chiamava "l'assassino gentile", ma oggi è del tutto possibile riprendersi. L'unico aspetto negativo è che i regimi terapeutici moderni non sono alla portata di tutti, anche con l'uso di farmaci generici indiani. In Russia, la questione degli appalti pubblici degli ultimi farmaci antivirali dai paesi - produttori e lo sviluppo di controparti nazionali.

Dove è sicuro acquistare Sofosbuvir?
HCV24 ACCESS PROGRAM - la giusta rotta per il recupero! Tutti gli ordini sono coperti da una garanzia estesa: 100% di successo o rimborso.

Efficienza di sofosbuvir e daclatasvir nel trattamento dell'epatite C

L'epatite è una patologia infettiva del fegato e del dotto biliare. È l'epatite al plurale, poiché ce ne sono diversi (A, B, C, D, E). Sì, e queste forme sono divise in diverse sottospecie. E se l'epatite D, E per noi non costituisce una minaccia significativa, dal momento che "crescono" fuori dalla nostra zona climatica, allora i primi tre sono del tutto reali.

Le patologie di tipo A, e in alcuni casi (con corso acuto) B, non possono essere trascurate, dal momento che ci sono alcuni segni specifici, tra cui ittero, scolorimento delle feci e l'acquisizione di un colore della birra da parte delle urine.

Quindi, come l'epatite C, che è anche chiamata il "gentiluomo assassino", potrebbe non manifestarsi per anni, vivendo nel corpo umano e colpendo il suo fegato. I sintomi clinici sono praticamente assenti, lo stato di salute non peggiora. Ma fino a un certo punto.

Gli infettologi sostengono che circa il 15% dei pazienti con epatite C può essere curato senza aiuto e anche inosservato da soli. Che male in modo indiscutibile, così inosservato e recuperato. Che possa essere o meno - lascia che rimanga sulla coscienza dei luminari della medicina che stanno spingendo questa versione.

Considereremo i principi di trattamento dell'epatite C con Sofosbuvir e Daclatasvir. Questo schema terapeutico è riconosciuto come uno dei più efficaci e relativamente sicuri, poiché tutti i farmaci per il trattamento di questa malattia sono molto attivi e aggressivi, hanno molti effetti collaterali.

Pericolo di malattia

Prima di considerare farmaci specifici per il trattamento dell'epatite C, è imperativo menzionare che praticamente tutti possono essere infettati dal virus. Se gli scettici affermano di essere al cento per cento protetti dall'infezione, poiché sono "non tossicodipendenti e non prostitute", quindi sono profondamente in errore. Per dimostrarlo, considera i modi moderni di trasmissione, o meglio l'infezione, con il virus dell'epatite C.

È trasmesso principalmente da ematogeni, cioè attraverso il sangue. In quali casi il sangue è una fonte di infezione?

  • I consumatori di droga per via parenterale costituiscono ancora la maggioranza di quelli infetti. L'uso generale di siringhe con tracce di sangue fa la sua cosa "nera".
  • Tatuaggi, piercing, saloni di unghie, dove non controllano attentamente la sterilità degli strumenti che sono in contatto diretto con il sangue del cliente. In tali istituzioni, ferite e sangue sono all'ordine del giorno.
  • Nella vita di tutti i giorni, il rischio di infezione è minimo, ma possibile. Il virus non viene trasmesso da goccioline trasportate dall'aria o attraverso strette di mano, uso di utensili comuni e altri utensili domestici. Ma se il sangue del paziente o del trasportatore entra nella ferita aperta della famiglia, l'infezione è possibile (anche attraverso uno spazzolino da denti, per non parlare degli accessori da barba).
  • La trasmissione da madre a figlio durante lo sviluppo fetale è solo del 5%. Ma durante il parto, quando un bambino passa attraverso il canale del parto di una madre malata, l'infezione non può essere evitata in alcun modo.
  • Durante le manipolazioni mediche, quando c'è una violazione dell'integrità della pelle, durante le operazioni, trasfusioni di sangue e dei suoi componenti. Questa via di trasmissione ha luogo nei paesi sottosviluppati, sebbene abbiamo ancora il "fattore umano".
  • Il personale medico che si occupa di sangue è a rischio.
  • Il modo sessuale è solo il 3-5% del totale. E anche allora, se il sesso non è protetto, ci sono molti partner sessuali che spesso cambiano.

Sulla base di queste informazioni, possiamo concludere che non solo "personalità asociali" (come una volta hanno detto) hanno l'opportunità di catturare l'epatite C. Nessuno è assicurato dall'infezione. Se esiste una cura per l'epatite C, ogni persona deve saperlo.

Statistiche tristi Più di 170 milioni di persone sul pianeta hanno l'epatite di tipo C. Ogni anno ne vengono infettati altri 3-4 milioni, se prima la malattia era considerata abbastanza "giovane" (l'età dei pazienti variava da 20-25 a 45-50 anni), ora di nuovo le persone infette dopo una parte piuttosto impressionante sono persone dopo 55 anni.

I meccanismi di azione di questi farmaci

Il virus di tipo C cronico richiede un trattamento complesso. Sfortunatamente, è già nella forma cronica che l'epatite si trova nel corpo. In alcuni casi, per caso, alla successiva visita medica o all'esame per problemi completamente diversi.

Tandem Sofosbuvir e Daclatasvir si sono dimostrati abbastanza efficaci ed efficaci nel trattamento di tutti i genotipi dell'epatite C (1,2,3,4). Questa combinazione blocca la riproduzione del virus e il suo rilascio nel sangue, minimizzando così l'effetto sul fegato. E con le prospettive più brillanti e in caso di un primo appello per il trattamento - ti permette di riprendersi completamente dalla malattia.

Sofosbuvir ha un effetto soppressivo sul patogeno e Daclatasvir distrugge un virus indebolito. Un tale "doppio colpo" rende possibile combattere efficacemente l'epatite C, anche nella fase di sviluppo della cirrosi epatica.

Sulla base dei risultati degli studi clinici, gli scienziati sostengono che il trattamento dell'epatite C con Sofosbuvir in associazione con Daclatasvir è efficace nel 90% dei casi.

Tuttavia, ciascuno di questi farmaci ha le sue chiare indicazioni, controindicazioni e possibili effetti collaterali.

SOFOSBUVIR

Il farmaco è prescritto in caso di forme croniche di epatite C di tutti e quattro i genotipi. Per una maggiore efficacia, di solito è combinato con altri farmaci.

Lo specialista prende in considerazione le caratteristiche individuali del paziente, l'età (i pazienti con più di 60 anni sono prescritti con estrema cautela), la salute generale, la presenza di altre patologie croniche e la risposta del paziente al trattamento.

Inoltre, le indicazioni per l'uso del farmaco sono le seguenti condizioni di un paziente con epatite C cronica:

  • debolezza generale, stanchezza eccessiva, con conseguente riduzione delle prestazioni, sonnolenza durante il giorno e insonnia notturna;
  • debolezza muscolare, crampi occasionali e dolore;
  • pesantezza e disagio nell'addome (nella regione addominale con localizzazione nell'ipocondrio destro e sinistro);
  • dolore nella proiezione del fegato, irradiato alla schiena;
  • diarrea o stitichezza accompagnate da nausea e vomito;
  • stasi della bile;
  • insufficienza epatica;
  • aumento della dimensione del corpo;
  • il verificarsi di ematomi multipli in tutto il corpo;
  • epistassi frequenti

Il trattamento con Sofosbuvir in tale manifestazione clinica della patologia sarà efficace, poiché lo specialista sarà in grado di valutare la gravità del decorso della malattia e prescrivere il dosaggio desiderato del farmaco.

Controindicazioni e caratteristiche dell'appuntamento

Come ogni medicina, Sofosbuvir ha una serie di controindicazioni. Questi includono:

  • ipersensibilità a uno qualsiasi dei componenti del farmaco;
  • grave patologia renale, sia acuta e cronica;
  • gravi malattie del sistema cardiovascolare;
  • valvola cardiaca artificiale. (Secondo alcuni dati, in presenza di un pacemaker, l'agente non è raccomandato per l'uso);
  • sindrome convulsa di qualsiasi genesi;
  • storia di tumori.

Le donne, durante l'attesa del bambino e durante il periodo dell'allattamento, sono severamente vietate di eseguire la terapia con questo farmaco a causa del suo impatto negativo sul bambino. Inoltre, l'età è inferiore a 18 anni per controindicazioni assolute.

Daclatasvir

Il farmaco è una nuova generazione. Contiene una sostanza speciale che può distruggere completamente il virus. Tuttavia, è usato nella terapia complessa più spesso che indipendentemente.

Se come singolo farmaco, Daclatasvir è raccomandato per i genotipi 2 e 3, quindi per 1 e 4, è solo in combinazione con Sofosbuvir.

La necessità di trattare l'epatite C con una combinazione di questi farmaci deriva dalla direzione della loro azione. Si completano a vicenda. Sofosbuvir indebolisce il virus e Daclatasvir distrugge i resti del virus.

Assumere le compresse di Daclatasvir è controindicato in:

  • intolleranza individuale, come componente principale del farmaco, e tutti i suoi componenti;
  • durante la gravidanza e durante l'allattamento al seno;
  • età fino a 18 anni.

Con la cirrosi diagnosticata del fegato, è necessario prescrivere il farmaco con molta attenzione e monitorare costantemente le condizioni del paziente.

Possibili reazioni avverse

Sofosbuvir e Daclatasvir sono generalmente ben tollerati dai pazienti. Se il trattamento viene eseguito correttamente, secondo lo schema prescritto, senza superare il dosaggio e seguendo tutte le raccomandazioni, lo sviluppo di effetti collaterali è estremamente raro.

Ma con il trattamento a lungo termine, la reazione individuale del corpo e la coincidenza di diversi fattori negativi, possono verificarsi le seguenti reazioni avverse:

  • vertigini parossistiche e mal di testa di varia intensità;
  • dolore addominale parossistico, localizzato nella proiezione dello stomaco e del fegato;
  • aumento del nervosismo, frequenti sbalzi d'umore, reazioni inadeguate a ciò che sta accadendo, che sono caratterizzate da attacchi di rabbia irragionevole;
  • nausea al vomito, perdita di appetito e perdita di peso;
  • violazione della sedia - spesso diarrea, meno stitichezza, flatulenza;
  • sonnolenza durante le ore diurne, insonnia notturna (condizione permanente, che a sua volta scompare nel tempo);
  • possibile sviluppo di anemia, diminuzione dell'emoglobina e dell'ematocrito;
  • dolore nei muscoli e nelle articolazioni;
  • reazioni allergiche, il più delle volte arrossamento della pelle e prurito;
  • diminuzione dell'udito e dell'acuità visiva.

Se il paziente ha notato sintomi fastidiosi, deve interrompere immediatamente l'assunzione dei farmaci e contattare il medico. Potrebbe essere necessario regolare il dosaggio dei farmaci, assegnare un altro regime di trattamento o addirittura sostituire i farmaci.

La dieta può anche influenzare lo sviluppo degli effetti collaterali, la loro intensità. È necessario al momento del trattamento con i suddetti mezzi per escludere dalla dieta cibi fritti, grassi e piccanti, alcool. Se riesci a smettere di fumare. Queste misure generali non solo riducono al minimo gli eventi avversi, ma accelerano anche l'effetto terapeutico del trattamento.

Regime di trattamento standard

Per il trattamento dell'epatite C non ci possono essere standard rigorosi che vengono applicati rigorosamente. In ogni caso, il medico prende una decisione in base ai singoli indicatori del paziente. Tuttavia, esiste un protocollo generalmente accettato, sulla base del quale lo schema variabile è costruito per ciascun paziente.

  • Genotipi 1b e 4, nonché 3 senza cirrosi. La combinazione di farmaci viene applicata per tre mesi. Se ci sono mezzi nello schema per bloccare specifici composti proteici, allora il corso può essere di sei mesi.
  • Genotipi 1 e 4 con cirrosi nella fase di compensazione. Il corso terapeutico è di 6 mesi. Se il trattamento è stato effettuato precedentemente, allora è tagliato a metà.
  • Genotipi 1 e 4 con grave cirrosi nelle fasi successive. Si raccomanda di collegare Ribavirina al tandem di farmaci e assumere le compresse per 24 settimane.
  • Genotipo 3 con cirrosi nella fase di compensazione. Il corso è di sei mesi, completato da Ribavirin.
  • Genotipo 4. Il trattamento nelle prime 24 settimane viene effettuato con Sofosbuvir. Quindi, collega Daclatasvir e Ribavirin per un massimo di un anno. Ma se durante la somministrazione di farmaci per 11 settimane, c'è un notevole miglioramento delle prestazioni (in particolare, appare una risposta virologica), quindi vengono assunti farmaci aggiuntivi per non più di 12 settimane.

Come prendere

È imperativo che tu prenda una pillola mentre mangi, in ogni caso non a stomaco vuoto.

Attenzione! Nella prima settimana di trattamento, può verificarsi vomito, che si sviluppa spontaneamente, di solito 1,5-2 ore dopo l'assunzione del medicinale. Si raccomanda di bere una compressa in più dopo la scomparsa della nausea.

Se si verificano tali reazioni, è necessario informare il medico. Forse, all'inizio è necessario ridurre il dosaggio e gradualmente andare agli indicatori richiesti per evitare tale disagio.

L'assunzione di droga deve essere effettuata una volta al giorno, all'incirca nello stesso tempo, in modo che la concentrazione del principio attivo nel corpo sia costantemente allo stesso livello. Questo è l'unico modo per ottenere il massimo effetto terapeutico del trattamento.

Se per qualche motivo il tempo è mancato, ma il tempo di ritardo è di non più di 12 ore, allora puoi prendere la dose successiva. Se più - allora la prossima ricezione dovrebbe essere effettuata nel tempo consueto senza tener conto del mancato.

La terapia dell'epatite C con Sofosbuvir può essere eseguita sia in combinazione che come singolo farmaco principale. Considerando che Daclatasvir è usato raramente come monoterapia, ma solo in un complesso in cui è efficace in combinazione con Sofosbuvir

Alcune caratteristiche dei farmaci

Oltre agli effetti collaterali che possono svilupparsi durante la terapia con Sofosbuvir e Daclatasvir, ci sono alcune caratteristiche di questi farmaci. Possono influenzare il solito modo di vivere, ma solo leggermente. Alcune restrizioni sulla durata del trattamento della malattia non porteranno un significativo disagio. Soprattutto se si considera che "all'orizzonte" si sta liberando di una malattia o minimizzando i sintomi.

  • Durante il trattamento con i suddetti farmaci, si sconsiglia di mettersi al volante, di eseguire qualsiasi azione correlata alla concentrazione e alla velocità di reazione. La specificità dei principi attivi è tale da non attenuare l'attività del sistema nervoso, inibire i processi reattivi e ridurre la concentrazione.
  • Quando si pianifica una gravidanza, i coniugi devono considerare che questa coppia di farmaci può influenzare significativamente il bambino. Di conseguenza, il periodo di concepimento è meglio rimandare al momento in cui il trattamento termina e passa un certo periodo, in modo che i farmaci possano essere rimossi dal sangue di colui che è stato trattato.
  • La combinazione di farmaci per l'epatite B con altri farmaci può portare a conseguenze imprevedibili, persino alla morte. Prima di utilizzare qualsiasi farmaco durante un ciclo di terapia per l'epatite, è necessario consultare un medico per evitare conseguenze negative.
  • Epatoprotettori e antibiotici intestinali rallentano l'assorbimento dei farmaci antivirali, che peggiora l'effetto del trattamento.

Il trattamento con questi farmaci è positivamente caratterizzato da medici e pazienti sottoposti a terapia. Le caratteristiche distintive a favore di un tale trattamento di combinazione sono chiamate:

  • buona tolleranza dei farmaci con un minimo di effetti collaterali e controindicazioni rispetto ad altri farmaci simili;
  • applicare (con alta cautela e con monitoraggio costante delle condizioni generali) per insufficienza renale ed epatica;
  • l'efficacia del trattamento è di circa il 90%, che è parecchie volte superiore rispetto ad altri metodi;
  • il rischio di ricorrenza è minimo, il risultato è persistente e di lunga durata.

Tuttavia, ci sono ancora alcune regole, la cui attuazione garantisce non solo l'effetto massimo, ma anche un'ulteriore salute.

Raccomandazioni generali

Queste regole devono essere strettamente seguite durante il trattamento. Ma in futuro porteranno solo positivi. E non solo per i malati, ma per le persone sane, non saranno superflui.

  • Un totale rifiuto delle cattive abitudini, in particolare l'uso di alcol (anche in piccole dosi e anche debole), il fumo.
  • Conformità con la modalità e la qualità del cibo. Dovrebbe essere frazionario, necessariamente regolare. Per escludere piatti fritti, speziati, troppo salati e piccanti che sovraccaricano il tratto digestivo dalla dieta.
  • Bevi molti liquidi. Mentre prendi le pillole - almeno 1 litro al giorno, poi - se necessario, ma anche preferibilmente non meno.
  • Durante il corso di Sofosbuvir, si raccomanda di limitare le bevande con un alto contenuto di caffeina, in quanto vi è il rischio di un aumento della pressione sanguigna.
  • L'esercizio dovrebbe essere presente su base obbligatoria, ma sono moderati e fattibili.
  • Camminando all'aria aperta, le attività all'aperto rafforzeranno le condizioni generali del corpo.

Durante il corso del trattamento, si raccomanda di astenersi dalle procedure termiche e dal surriscaldamento del corpo. Bagni, saune, spiagge, solarium e altri eventi simili dovrebbero essere posticipati fino a tempi migliori.

Ogni persona deve rendersi conto che può ottenere l'epatite C ovunque, e nessuno è immune dalle infezioni nel mondo moderno. Ma una diagnosi del genere non è una frase. È solo necessario essere attenti alla propria salute e in tempo per cercare aiuto se si verificano anche i problemi più lievi.

Generics Sofosbuvir e Daclatasvir: trattamento dell'epatite C, uso ed effetti collaterali

L'epatite C è una grave malattia del fegato che può essere fatale. Richiede un trattamento obbligatorio e i farmaci devono essere prescritti solo dal medico curante. Con la giusta terapia, la probabilità di recupero è massimizzata. Per questo sono usati vari farmaci, ma il più efficace tra questi sono Sofosbuvir e Daclatasvir.

Brevemente sull'epatite C

L'epatite C è un virus resistente che può mantenere la sua attività nell'ambiente esterno per un massimo di 4 giorni. A una temperatura di 60 gradi, può vivere per 30 minuti, e in acqua bollente - 2 minuti.

Questo tipo di virus viene trasmesso in diversi modi attraverso il flusso sanguigno:

  • trasfusione;
  • uso di droghe;
  • sesso non protetto;
  • visitare il negozio di tatuaggi e l'odontoiatria;
  • durante il parto dalla madre al neonato.

Vivere nella stessa casa con una persona infetta può essere abbastanza sicuro, ma solo se si seguono le regole di igiene e cura. Tutti gli articoli per l'igiene personale (forbici, rasoio, spazzolino da denti) devono essere personalizzati. Se una persona con epatite C viene ferita, la ferita deve essere disinfettata.

Vale la pena ricordare che la malattia non viene trasmessa da goccioline trasportate dall'aria, quindi abbracci, strette di mano, baci e l'uso degli stessi utensili, vestiti e asciugamani sono al sicuro.

Cosa sono i generici?

I farmaci americani sono il mezzo più efficace per il trattamento dell'epatite C. Il loro unico inconveniente è l'alto costo, quindi non tutti i pazienti possono comprarli. Tuttavia, i generici indiani a basso prezzo verranno in soccorso. Questi sono farmaci che hanno chiuso un brevetto.

I produttori cessano di svilupparli e promuoverli ulteriormente, quindi i loro prezzi sono significativamente ridotti. Ma allo stesso tempo la loro qualità rimane la stessa di prima, cioè i generici sono analoghi di farmaci più costosi.

Alcuni di loro hanno nomi simili con medicine originali.

La tabella mostra un elenco degli analoghi più popolari dei farmaci usati nell'epatite C:

  • Altevir
  • ALFARON
  • PegIntron
  • IFN
  • Atsigerpin
  • Rebetol
  • Ribavin
  • ribamidil
  • Ribapeg
  • Ribarin
  • Ribby
  • Trivorin
  • SOFOSBUVIR
  • Sofolanork
  • Heptsvir
  • Hepsinat
  • Virsa
  • SoviHep
  • Sofovir
  • MayHep
  • Daclatasvir
  • DaklaHep
  • Daklasem
  • Daklafab

Generici più popolari

In India, i generici Sovaldi e Daklins sono stati sviluppati e rilasciati sul mercato medico. Si tratta di Sofosbuvir e Daclatasvir. Secondo l'opinione medica, questi farmaci sono più efficaci contro l'epatite C, specialmente con ribavirina e interferone.

Sobosbuvir

Sofosbuvir è un analogo di Sovaldi. È usato per sbarazzarsi dei virus 1-4 genotipi. È prodotto in India e nel nostro paese. La terapia e il dosaggio di questo agente antivirale sono prescritti sulla base del genotipo della malattia epatica. Il regime di trattamento cambia quando il paziente sviluppa altre patologie (HIV, cirrosi, effetti collaterali del farmaco, ecc.).

Il farmaco è disponibile sotto forma di compresse con una glassa marrone, che consiste in biossido di titanio, glicole polietilenico, ossido di ferro, talco e alcool. Questo guscio si dissolve rapidamente nello stomaco.

I componenti del tablet stesso includono:

  • SOFOSBUVIR;
  • stearato di magnesio;
  • biossido di silicio colloidale;
  • mannitolo;
  • sodio croscarmelloso;
  • cellulosa microcristallina.

Queste compresse sono prescritte per la fase cronica dell'epatite C. Dosaggio - 1 compressa una volta al giorno. Si raccomanda di non masticare il tablet, perché ha un sapore amaro. È usato con cibo, acqua potabile. Conservare il farmaco dovrebbe essere ad una temperatura di 15-30 gradi.

Sofosbuvir ha effetti collaterali come nausea, vertigini, mal di testa e stanchezza.

In rari casi possono manifestarsi prurito, diarrea, irritabilità, febbre, secchezza delle fauci, visione offuscata, dolori muscolari e allergie. Ma tali spiacevoli conseguenze si verificano solo nel 10% dei pazienti, e principalmente in caso di sovradosaggio o di uso di droghe a stomaco vuoto.

Questo farmaco non è raccomandato per i bambini sotto i 18 anni di età, le donne in gravidanza e in allattamento, nonché per l'intolleranza individuale delle sue sostanze costituenti. Inoltre, Sofosbuvir deve essere assunto con estrema cautela e solo su prescrizione medica per una donna che desidera iniziare una gravidanza e in età riproduttiva.

Nelle patologie vascolari e insufficienza epatica, il trattamento deve essere effettuato senza interferone e in condizioni stazionarie sotto controllo medico.

Daclatasvir

Daclatasvir è un analogo della droga Daklins, che include:

  • biossido di silicio;
  • stearato di magnesio;
  • daklatasvirdigidrohlorid;
  • sodio croscarmelloso;
  • cellulosa;

Rilascio del modulo - compresse in un guscio di pellicola verde. Questo farmaco è un inibitore del virus 5A. Protegge le cellule sane dall'infezione virale. È prescritto per il trattamento dell'epatite C di tutti i genotipi. Allo stesso tempo, è ben combinato con altri farmaci.

La ricezione Daklatasvira può esser nominata solo da un dottore che prende in considerazione la malattia, la sua gravità e complicazioni. Quando è combinato con Sofosbuvir, l'attività antivirale di entrambi i farmaci aumenta.

Il dosaggio al giorno è di 1-2 compresse. Dovrebbero essere lavati giù con acqua, senza masticare. Controindicazioni all'assunzione di pillole - allattamento, gravidanza, intolleranza al lattosio e una reazione allergica ai componenti.

Con l'uso a lungo termine del farmaco può sviluppare effetti collaterali:

  • mancanza di appetito;
  • periodi di nausea;
  • mal di testa ed emicranie;
  • dolore nell'ipocondrio destro e nell'addome;
  • feci alterate;
  • pelle secca;
  • alopecia;
  • la debolezza;
  • dolore alle articolazioni e ai muscoli;
  • l'anemia;
  • insonnia;
  • stomatiti;
  • aumento della pressione sanguigna;
  • vertigini.

I suddetti sintomi spiacevoli possono insorgere dopo un trattamento a lungo termine e solo nel 10% dei pazienti. Un prerequisito per il trattamento è rinunciare a sigarette e alcol.

Trattamento dell'epatite C con farmaci generici

L'uso di questi generici indiani per il trattamento dell'epatite C è possibile con l'uso simultaneo di ribavirina e interferone. Con il loro aiuto, è possibile curare completamente la malattia, oltre a prevenire l'insorgenza di complicazioni e recidive.

La maggior parte dei pazienti a cui è stato prescritto questo trattamento, nota che hanno eliminato tutti i sintomi della patologia. Inoltre, i marcatori della malattia cessano di essere rilevati nelle analisi, che è la prova di una cura. È possibile alleviare le condizioni del paziente anche con l'insorgenza della cirrosi.

Al primo sospetto di epatite C, dovresti consultare un gastroenterologo o un epatologo.

In futuro, sarà necessario sottoporsi alle seguenti procedure:

  • raccolta dei campioni;
  • determinazione del carico di virus, ad es. HCV RNA;
  • delucidazione del genotipo dell'epatite;
  • analisi del sangue biochimica;
  • biopsia;
  • prescrizione del trattamento tenendo conto di tutti i risultati ottenuti.

applicazione

Molte persone non sospettano nemmeno di avere l'epatite C, dal momento che il decorso della malattia può essere asintomatico per lungo tempo. Il componente principale di questo virus è l'acido ribonucleico, vale a dire materiale genetico che aiuta a infettare il fegato e a produrre sostanze simili. Tutto ciò porta alla distruzione del corpo.

Tuttavia, l'unicità del fegato sta nel suo restauro e rigenerazione. Ma se la capacità di recupero è compromessa, allora il tessuto è coperto da cicatrici, vale a dire. la fibrosi si sviluppa

L'ultima fase di questa patologia (l'intero fegato è coperto da cicatrici) è la cirrosi. In futuro, questo può portare all'oncologia.

La medicina moderna ha fatto un importante passo avanti nel trattamento di una malattia così insidiosa come l'epatite C. Per questo, vengono utilizzati i farmaci Sofosbuvir e Daclatasvir. La loro azione si basa su una molecola che può sconfiggere una malattia, anche di una forma grave. Inoltre, il corso del trattamento è di soli tre mesi.

  • Il trattamento del virus dell'epatite C è una combinazione di farmaci generici. Sofosbuvir inibisce l'acido ribonucleico, impedendo in tal modo un'ulteriore progressione della malattia. Il vantaggio di farmaci innovativi è l'impatto solo su questo virus, a differenza dei vecchi mezzi. Questa proprietà è tipica delle droghe di azione diretta, che impediscono la diffusione del virus. I genotipi dell'epatite 1 e 4 sono trattati in associazione con ribavirina e peginterferone e i genotipi 2 e 3 sono trattati solo con ribavirina.
  • La principale proprietà di Daclatasvir è la soppressione delle proteine ​​virali e impedire loro di entrare nel sangue. I farmaci precursori hanno cambiato la composizione del sangue. Questo generico impedisce semplicemente al virus di danneggiare le cellule sane.

compatibilità

Determini come prendere la medicina, può solo un dottore. Il dosaggio e la correlazione con altri farmaci dipendono dal genotipo della malattia.

La terapia dura in media 12 settimane. Se l'efficacia del trattamento è assente o quasi impercettibile, viene estesa per lo stesso periodo. In caso di fibrosi o cirrosi, il trattamento dura 6 mesi.

  • Sofosbuvir non deve essere assunto contemporaneamente agli induttori della glicoproteina (fenitoina, carbamazepina, ecc.). Con la combinazione di Sofosbuvir con Telaprevir e Boceprevir, gli effetti indesiderati appaiono più spesso.
  • Istruzioni per l'uso Daclatasvir afferma che non è consigliabile assumerlo in combinazione con fenofarbital, desametasone, fenitoina, rifabutina, rifampicina e carbamazepina. Per il trattamento dei genotipi dell'epatite 1 e 4, il farmaco viene assunto insieme a Sofosbuvir e Ledipasvir. Gli effetti collaterali possono essere più pronunciati quando questo generico è combinato con Peginterferone e Asunaprevir.

Dove comprare

Il primo generico è entrato nel mercato solo un anno fa in India. Sono stati venduti a Mumbai e Delhi. Ma poi sono diventati più accessibili, quindi ora possono essere acquistati in modo sicuro attraverso Internet. Tuttavia, a causa dell'aumento della domanda, c'era anche il rischio di essere catturati da fornitori "disonesti".

Pertanto, prima di effettuare un ordine, è necessario accertarsi dell'affidabilità del venditore effettuando ricerche sulle recensioni online su di lui. I siti di un giorno di solito non hanno riferimenti diversi dalle recensioni false sul sito del fornitore stesso.