Trapianto di fegato

Sintomi

Sfortunatamente, a volte le malattie del fegato non sono curabili: cirrosi, epatite virale, cancro, ecc. Poi si verificano cambiamenti irreversibili nella struttura cellulare della ghiandola e cessa di svolgere le sue funzioni. Come risultato di cambiamenti patologici, il paziente muore gradualmente a causa di grave intossicazione del corpo.

Tuttavia, non disperare, c'è una soluzione - un trapianto di fegato. Questa è un'operazione chirurgica, durante la quale il paziente viene sostituito con una ghiandola sana prelevata da un donatore. Il trapianto di fegato non garantisce un esito positivo, ma offre a una persona la possibilità di una vita piena. A proposito di chi viene mostrata l'operazione, come succede e quanto costa, sarà discusso ulteriormente.

Storia e statistica

Per la prima volta un trapianto della ghiandola più grande fu eseguito nel 1963 negli Stati Uniti (Denver, Colorado). Un organo donatore è stato prelevato da una persona deceduta. Questa è una procedura molto complicata, poiché il tessuto epatico è facilmente danneggiato. Per questo motivo, è estremamente difficile mantenere l'integrità della ghiandola e trapiantarla. Un altro serio problema sulla strada del successo del trapianto è la risposta immunitaria al tessuto estraneo. Per risolvere questo problema sono stati utilizzati farmaci che impediscono al sistema immunitario del ricevente di danneggiare l'organo trapiantato.

I leader nel trapianto di fegato sono gli Stati Uniti, il Giappone e l'Europa. I medici moderni trapiantarono diverse migliaia di organi all'anno. Tuttavia, nonostante questo risultato, non tutti i pazienti che sono in attesa di intervento chirurgico vivono per vederlo.

Nella seconda metà degli anni '80, i medici hanno imparato che il fegato è in grado di recuperare da solo. Poi i medici hanno deciso di provare a trapiantare una parte della ghiandola. Il paziente è stato trapiantato nella parte sinistra dell'organo di un parente di sangue.

Il trapianto di fegato in Russia viene effettuato nei centri speciali di Mosca, San Pietroburgo e in altre città.

Molte persone sono interessate alla domanda su quanto tempo vivono dopo un trapianto di ghiandola. Secondo le statistiche mediche, il 60% dei pazienti sopravvive in media 5 anni dopo la procedura. Circa il 40% delle persone con fegato trapiantato può vivere per circa 20 anni.

Fai questo test e scopri se hai problemi al fegato.

Tipi di donazione e selezione di pazienti

Il trapianto di fegato ortotopico è una procedura complicata e costosa. I medici eseguono un trapianto di fegato da un donatore vivo o da un paziente deceduto con un fegato sano. Se il paziente non ha firmato il rifiuto di donare i suoi organi, dopo la sua morte il suo fegato può essere rimosso per salvare la vita di un'altra persona.

Un donatore di fegato vivo può essere correlato al paziente. Inoltre, una persona che ha lo stesso gruppo sanguigno o compatibile del ricevente (il paziente che riceve il fegato) ha il diritto di diventare donatore.

Secondo i medici, un trapianto di fegato correlato è una soluzione molto redditizia al problema. Di norma, il ferro di buona qualità attecchisce rapidamente, inoltre i medici hanno l'opportunità di prepararsi meglio alla procedura.

Prima di un trapianto di organi, il donatore deve sottoporsi a un esame completo, dopodiché i medici decideranno sulla possibilità di un intervento chirurgico. Durante la diagnosi vengono rilevati il ​​tipo di sangue, la compatibilità del tessuto del donatore con il paziente, ecc. Anche l'altezza e il peso di una persona sana sono importanti. Inoltre, prima di dare il consenso a una donazione di fegato, i medici controllano il suo stato psicologico.

I medici moderni raccomandano di trovare un donatore vivente, poiché questo metodo ha molti vantaggi:

  • Il trapianto si abitua più velocemente. Più che nell'89% dei giovani pazienti, l'organo attecchisce con successo.
  • Ci vuole meno tempo per preparare la ghiandola.
  • Il periodo di preparazione specifica è accorciato - ischemia fredda.
  • Un donatore dal vivo è più facile da trovare.

Ma ci sono anche degli svantaggi di questo metodo. Dopo l'intervento chirurgico, potrebbero esserci conseguenze pericolose per il donatore. Quindi la funzionalità dell'organo è disturbata, compaiono gravi complicanze.

Questo è, in effetti, un lavoro di gioielleria, quando il chirurgo rimuove una piccola parte del fegato che dovrebbe adattarsi al paziente. In questo caso, il medico rischia un donatore, le cui condizioni possono peggiorare. Inoltre, dopo il trapianto c'è il rischio di recidiva della malattia, a causa della quale aveva bisogno di un trapianto.

Il fegato può essere trapiantato da una persona deceduta il cui cervello è morto, e il cuore e altri organi stanno funzionando. Quindi, a condizione che il fegato del defunto sia adatto al ricevente sotto tutti gli aspetti, può essere trapiantato.

Spesso nei forum tematici puoi vedere annunci: "diventerò un donatore di fegato!". Tuttavia, non tutti possono diventare uno. I medici evidenziano i principali requisiti per i potenziali donatori:

  • Una persona deve avere più di 18 anni.
  • Il gruppo sanguigno del donatore e del ricevente deve corrispondere.
  • Una persona che vuole diventare donatore deve essere in salute, come confermato dall'analisi. Non c'è l'HIV, l'epatite virale.
  • La dimensione della ghiandola del donatore deve corrispondere alle dimensioni del corpo del paziente.

I medici non approvano la candidatura di una persona se il suo fegato è danneggiato a causa di malattie, abuso di alcool, uso prolungato di farmaci forti, ecc.

I pazienti che si aspettano un trapianto sono divisi in gruppi a basso e alto rischio. Innanzitutto, la chirurgia viene eseguita su pazienti di un gruppo ad alto rischio. Tuttavia, durante l'attesa di un organo, la malattia si sviluppa e il paziente può diventare un gruppo ad alto rischio.

Indicazioni per il trapianto di ghiandole

I medici distinguono le seguenti indicazioni per il trapianto di un organo donatore:

  • La cirrosi. Il trapianto di fegato per cirrosi è il più comune. Negli stadi successivi della malattia aumenta la probabilità di insufficienza epatica, che minaccia di deprimere le funzioni dell'organo. Quindi il paziente perde conoscenza, il suo respiro e la circolazione sanguigna sono disturbati.
  • Epatite virale Per l'epatite C e altre forme di malattia, oltre all'epatite A, può essere necessario un trapianto di ghiandole.
  • Insufficienza epatica acuta. Una o più funzioni d'organo sono compromesse a causa del danneggiamento del tessuto epatico dopo grave avvelenamento del corpo.
  • Patologie dello sviluppo del tratto biliare.
  • Neoplasie nel fegato. Il trapianto viene eseguito sul cancro solo se il tumore si trova nella ghiandola. In caso di metastasi multiple (focus secondario del processo patologico) che si diffondono ad altri organi, l'operazione non viene eseguita. Inoltre, il trapianto è necessario quando si forma un gran numero di cisti nei tessuti epatici.
  • L'emocromatosi è una patologia ereditaria in cui il metabolismo del ferro è disturbato, di conseguenza si accumula nell'organo.
  • La fibrosi cistica è una malattia genetica che causa danni sistemici al fegato e ad altre ghiandole.
  • La distrofia epatocerebrale è una malattia congenita del metabolismo del rame, che colpisce il sistema nervoso centrale e altri organi (incluso il fegato).

Le malattie di cui sopra sono abbastanza pericolose, in quanto causano la comparsa di cicatrici sui tessuti del fegato. A causa di cambiamenti irreversibili, le funzioni del corpo sono soppresse.

L'intervento chirurgico è necessario per gravi epatiti o cirrosi, quando aumenta la probabilità che il paziente non viva più di un anno. Quindi la condizione della ghiandola si sta deteriorando rapidamente e i medici non possono fermare questo processo. Un trapianto è prescritto se la qualità della vita del paziente è diminuita e non può servirsi da solo.

Quando un trapianto è controindicato?

Il trapianto di fegato è proibito per le seguenti malattie e condizioni:

  • Malattie infettive (tubercolosi, infiammazione ossea, ecc.) Che si stanno sviluppando attivamente.
  • Gravi malattie del cuore, polmoni e altri organi
  • Metastasi di tumori maligni.
  • Lesioni o malattie del cervello.
  • Un paziente che per un motivo o per l'altro non può assumere farmaci per tutta la vita.
  • Persone che abusano regolarmente di alcol, fumo o droghe.

L'operazione discutibile sarà nel seguente gruppo di pazienti:

  • I bambini sotto i 2 anni.
  • Pazienti con più di 60 anni.
  • L'obesità.
  • C'è una domanda sul trapianto di diversi organi interni.
  • I pazienti con sindrome di Budd-Chiari sono una violazione del flusso sanguigno a causa di un blocco della vena portale del fegato con coaguli di sangue.
  • Il trapianto di fegato e altri organi dello spazio addominale è stato effettuato prima.

Per scoprire se hai controindicazioni, devi diagnosticare.

Preparazione per la chirurgia

Prima di un trapianto di fegato, il paziente deve sottoporsi a molte ricerche. È necessario che il dottore sia convinto che il paziente accetterà un trapianto.

A tale scopo, al paziente vengono prescritti i seguenti test:

  • CBC per emoglobina, globuli rossi, globuli bianchi, piastrine.
  • Esame biochimico del sangue e delle urine per determinare il livello di sostanze chimiche biologicamente importanti, vari prodotti metabolici e la loro trasformazione in fluidi biologici umani.
  • Analisi clinica delle urine per valutare le sue caratteristiche fisico-chimiche, microscopia dei sedimenti.
  • Un esame del sangue per rilevare la concentrazione di ammoniaca, fosfatasi alcalina, proteine ​​totali, così come le sue frazioni, ecc.
  • Esame del sangue per il colesterolo.
  • Un coagulogramma è uno studio che mostra la coagulazione del sangue.
  • Analisi di AFP (α-fetoproteina).
  • Diagnosi per l'identificazione dei gruppi sanguigni e degli accessori Rh.
  • Analisi dell'ormone tiroideo.
  • Esame del sangue sierologico per l'individuazione di anticorpi contro il virus dell'AIDS, l'epatite, il citomegalovirus, l'herpes, ecc.
  • Test della tubercolina (test di Mantoux).
  • Esame batteriologico di urina, feci.
  • Un esame del sangue per i marcatori tumorali è uno studio per rilevare specifiche proteine ​​prodotte dalle cellule maligne.

Inoltre, prima dell'operazione, viene eseguita la diagnostica strumentale: esame ecografico del fegato, degli organi addominali, dei dotti biliari. L'ecografia Doppler aiuterà a determinare lo stato dei vasi epatici. Inoltre, al paziente viene prescritta una scansione TC del fegato e del peritoneo.

Se necessario, il medico prescrive l'arteriografia, l'aortografia della ghiandola, l'esame a raggi X dei dotti biliari. A volte ai pazienti viene mostrata la biopsia (prelievo intravitale di frammenti di tessuto) dei raggi X del fegato, del torace e delle ossa. In alcuni casi, non fare a meno di un elettrocardiogramma e degli ultrasuoni del cuore.

Prima dell'intervento chirurgico, i metodi di esame endoscopico possono chiarire: endoscopia endoscopica (esofagogastroduodenoscopia), colonscopia dell'intestino.

Dopo la diagnosi, i medici determinano se il paziente può sottoporsi a un trapianto di fegato. Se la risposta è sì, il paziente deve seguire una dieta, eseguire esercizi speciali prima dell'intervento chirurgico. Inoltre, è necessario escludere alcol e sigarette dalla vita. Prima della procedura, il paziente deve assumere i farmaci prescritti dal medico. Allo stesso tempo, dovresti essere attento alle tue condizioni e, se compaiono sintomi sospetti, consulta immediatamente un medico.

Fasi di funzionamento

Il trapianto di ghiandole è una procedura complessa che richiede la presenza di un chirurgo, di un epatologo e di un coordinatore. Se altri sintomi compaiono in sala operatoria, possono invitare un cardiologo o un pneumologo. Fai un trapianto da 4 a 12 ore.

Le azioni dei medici durante il trapianto di fegato:

  1. Innanzitutto, con l'aiuto di uno strumento speciale, l'organo viene dissanguato.
  2. Quindi viene effettuato il drenaggio nello spazio addominale e viene eseguito anche il drenaggio della cistifellea e dei suoi dotti.
  3. I medici tagliano i vasi sanguigni che trasportano il sangue al fegato e quindi rimuovono la ghiandola malata.
  4. A questo punto, le pompe speciali pompano il sangue dalle gambe e lo rimettono nella corrente principale.
  5. Quindi viene applicato il fegato del donatore o la sua parte, e le vene e i dotti biliari sono collegati ad esso.
  6. La cistifellea viene rimossa insieme al fegato malato, con un trapianto non è innestato.

Dopo l'intervento, il paziente è in ospedale per 20-25 giorni. Durante questo periodo, la ghiandola trapiantata non è ancora funzionante, viene usato un apparato speciale per sostenere il corpo.

Quindi viene effettuata una terapia preventiva (soppressiva) per il sistema immunitario. Pertanto, i medici stanno cercando di impedire il rigetto dell'innesto. Il trattamento dura sei mesi dopo l'intervento. Inoltre, al paziente vengono prescritti farmaci per migliorare la circolazione del sangue, che prevengono i coaguli di sangue.

Complicazioni e prognosi dopo trapianto di fegato

Immediatamente dopo l'intervento chirurgico, aumenta la probabilità delle seguenti complicanze:

  • Il trapianto è inattivo. La ghiandola spesso non funziona dopo un trapianto da un donatore deceduto. Se il ricevente è stato trapiantato con una ghiandola donatrice viva, questa complicanza è meno comune. Quindi il dottore solleva la questione della ri-operazione.
  • Reazioni di immunità Nel periodo postoperatorio si verifica spesso il rigetto del trapianto. Il rigetto acuto può essere controllato, ma cronico - no. Se l'organo viene trapiantato da un donatore vivente, che è anche un parente, il rigetto è raro.
  • L'emorragia si verifica nel 7,5% dei pazienti.
  • Patologie vascolari: restringimento del lume dell'arteria epatica, blocco dei vasi sanguigni con coaguli di sangue, sindrome del furto. Queste sono complicazioni rare e pericolose, dopo lo sviluppo di cui può essere necessaria una seconda operazione.
  • Blocco o restringimento della vena porta della ghiandola. L'indagine ecografica aiuterà a rivelare questa complicazione.
  • Chiusura del lume del fegato. Questa complicazione è una conseguenza dell'errore medico. Di solito si manifesta durante il trapianto di parti del corpo.
  • Il restringimento del lume delle vie biliari e il flusso della bile. Questa patologia è stata osservata nel 25% dei pazienti.
  • La sindrome delle piccole dimensioni del fegato trapiantato. Una complicazione si manifesta nel trapianto di un organo da una persona vivente, se i medici commettono un errore nel calcolare le sue dimensioni. Se i sintomi compaiono più di 2 giorni, è prescritto ripetere l'intervento chirurgico.
  • Infezione da accesso. Spesso la complicazione non manifesta sintomi e c'è il rischio di polmonite e persino di morte del paziente. Per prevenire l'infezione, al paziente vengono prescritti farmaci antibatterici, che impiega fino a quando i medici rimuovono i sistemi di drenaggio e i cateteri.

I pazienti sono interessati alla domanda su quanto vivere dopo il trapianto di organi. Se la condizione della persona prima dell'operazione è grave, allora la morte è osservata nel 50% dei casi. Se il ricevente si sentiva bene prima del trapianto, allora circa l'85% dei pazienti sopravvive.

Alta probabilità di esito fatale nei pazienti con le seguenti diagnosi:

  • Formazioni oncologiche nella ghiandola.
  • Epatite di tipo B o forma grave di epatite A, accompagnata da insufficienza epatica acuta.
  • Occlusione della vena porta.
  • Pazienti da 65 anni.
  • Pazienti che hanno precedentemente eseguito l'operazione.

Un anno dopo il trapianto, il 40% dei pazienti del gruppo ad alto rischio muoiono, e dopo 5 anni, più del 68%. Nel migliore dei casi, le persone dopo l'intervento chirurgico vivono 10 anni o più.

Trattamento post-trapianto

Dopo un trapianto di fegato, il trattamento deve essere continuato per prevenire complicanze. A tale scopo, il paziente deve osservare le seguenti regole:

  • Assunzione regolare di farmaci per sopprimere il rifiuto.
  • Diagnostica periodica per monitorare le condizioni del corpo.
  • Dieta rigorosa
  • Si raccomanda di riposare di più in modo che il corpo si riprenda più velocemente.
  • Rinunciare completamente a alcol e fumo.

Dopo l'intervento, è importante attenersi a una dieta per non sovraccaricare il fegato. È necessario escludere dal menu cibi fritti, grassi, prodotti affumicati. Mangiare 4 volte al giorno in piccole porzioni. Puoi mangiare verdure e frutta.

In base a queste regole, i pazienti vivono per 10 anni o più.

Costo della procedura

Il trapianto di fegato in caso di cirrosi e altre malattie in Russia è effettuato da istituti ben noti di trapianti. I centri più popolari includono a Mosca e San Pietroburgo: il Centro scientifico di chirurgia nominato. Accademico Petrovsky, Istituto di Transplantologia. Sklifasovskogo, NTSH RAMS, ecc. Specialisti qualificati che lavorano regolarmente lì, effettuano operazioni simili con l'uso di attrezzature moderne.

I pazienti sono interessati a quanto costa un'operazione in Russia. Le cliniche statali offrono questo servizio completamente gratuito secondo le quote del budget federale. Inoltre, molti studi (ultrasuoni, risonanza magnetica, ecc.) Sono effettuati a spese del fondo di assicurazione obbligatoria. Il prezzo dell'operazione sugli standard statali varia da 80.000 a 90.000 rubli.

Per fare un confronto: una diagnosi completa in Germania costa circa 6.000 euro e il trapianto costa 200.000 euro. In Israele, l'operazione può essere effettuata per 160.000 - 180.000 euro. Il costo del trapianto di fegato in Turchia è di circa 100.000 euro, e in America - fino a 500.000 dollari.

Revisioni dei pazienti sul trapianto di fegato

Secondo i medici, un trapianto di fegato è un'operazione complicata che ha un risultato diverso. I giovani pazienti guariscono più velocemente e più facilmente rispetto agli anziani. E le persone con più di 50 anni, che hanno molte diagnosi correlate, spesso muoiono.

Recensioni del paziente sul trapianto di ghiandole:

Sulla base di quanto precede, si può concludere che un trapianto di fegato è un'operazione complessa che viene eseguita con una disfunzione d'organo. La procedura non termina sempre correttamente. Tuttavia, questa è la possibilità di vivere di una persona. Trapianto di trapianto migliore da un parente del sangue. E per evitare complicazioni pericolose nel periodo postoperatorio, il paziente deve condurre uno stile di vita sano (evitare alcol, fumare, una corretta alimentazione, ecc.) E assumere i farmaci prescritti dal medico. Inoltre, è necessario essere esaminati regolarmente da un medico per monitorare le condizioni dell'innesto e, se necessario, adottare misure terapeutiche.

Gli effetti di un trapianto di fegato

Oggi molte persone sono preoccupate per la domanda se sia possibile trapiantare un fegato e quante persone vivono dopo un trapianto di fegato. Il trapianto è un'operazione complessa, è prescritto per oncologia, cirrosi e alcune malattie.

Chiunque abbia una buona salute può essere un donatore. Dopo l'operazione, sono possibili alcune conseguenze negative sia per il paziente che per la persona che ha accettato di diventare donatore.

Indicazioni per la chirurgia

Il trapianto per la maggior parte è dovuto alla cirrosi, che si sviluppa in pazienti con epatite C e B, alcolismo, alcune malattie. I pazienti con cancro al fegato necessitano anche di trapianto quando i tumori maligni sono inutilizzabili. Le indicazioni per la procedura sono anche:

  • anomalie congenite dell'organo;
  • insufficienza renale grave, complicata da cirrosi di forma scompensata;
  • tossine da danno d'organo acuto;
  • policistico;
  • fibrosi cistica;
  • patologi progressisti di tipo diffuso;

Controindicazioni

Ci sono alcune proibizioni per la chirurgia dei trapianti chirurgici.

  • precedenti interventi chirurgici;
  • trombosi della vena porta;
  • età avanzata;
  • grave obesità.
  • gravi malattie infettive nella fase cronica;
  • patologia grave del cuore e del sistema nervoso centrale;
  • cancro con ampie metastasi.

Trapianto di fegato e suoi tipi

L'operazione viene eseguita in centri specializzati nel dipartimento di trapiantologia. La procedura è complicata, potrebbe continuare per più di 12 ore. Esistono due tipi principali di trapianti:

Nel primo caso avviene una resezione parziale o completa dell'organo, il fegato del donatore viene posto nel suo posto fisiologico. Con il trapianto eterotopico, l'organo malato non viene rimosso e viene effettuato un trapianto sano nella regione del rene o della milza.

Dopo il trapianto, i pazienti necessitano di un lungo periodo di riabilitazione, seguito dall'osservazione di un medico.

Selezione dei donatori

Il modo più efficace e meno pericoloso è quello di raccogliere un organo da un donatore vivente. I requisiti principali per un donatore di fegato sono una buona salute e il desiderio di aiutare una persona malata.

È stata anche dimostrata l'efficacia del trapianto da un parente, in questo caso le probabilità che il fegato si acclimatasse aumentino significativamente e il paziente è psicologicamente molto più facile.

È anche possibile trapiantare e postumi. In questa situazione, la recinzione si verifica in caso di morte di un cervello o di un cuore, l'operazione deve essere eseguita urgentemente.

Gli effetti di un trapianto di fegato

La probabilità di complicanze dopo questa operazione dipende in gran parte dalla categoria di età dei pazienti e dalle loro condizioni. Il più spesso possibile:

  • rifiuto del trapianto. L'acuto viene rapidamente eliminato, la cronica è raramente osservata e non è curabile.
  • Lo sviluppo dell'infezione. Può essere fatale per il destinatario.
  • perdita di bile. È stato osservato nel 20-30% dei pazienti, è anche possibile lo sviluppo di tale condizione nei donatori.
  • problemi vascolari (formazione di stenosi o trombosi). Raramente diagnosticato, ma molto pericoloso per la vita del paziente.
  • dimensione sbagliata È richiesto un trapianto secondario.

Possibili complicazioni per il donatore

Una persona che dona una parte del suo fegato è teoricamente obbligata a recuperare rapidamente, poiché questo è l'unico organo in grado di recuperare in 1-2 mesi. Tuttavia, ci sono alcune conseguenze negative che possono verificarsi non solo dopo la procedura, ma anche dopo un lungo periodo di tempo.

Molto spesso ci sono lamentele sullo sviluppo di diarrea, problemi digestivi, in particolare intolleranza agli alimenti grassi, sintomi di reflusso gastrico. In casi isolati è stata segnalata una grave depressione.

prospettiva

L'aspettativa di vita dopo il trapianto di fegato è in gran parte dovuta all'età del paziente, al benessere fisico e alla diagnosi. Molti vivono una vita piena per 15 -25 anni.

Se il trapianto è stato eseguito con oncologia o cirrosi estesa con complicanze, la durata della vita è significativamente ridotta.

Vita dopo trapianto di fegato

Possibili complicazioni

Dopo un trapianto di fegato, inizia un periodo molto importante, pericoloso per lo sviluppo di possibili complicanze. Queste complicazioni includono:

  1. malattia da trapianto contro ospite, che si basa su un conflitto immunologico tra cellule donatrici e riceventi. Per sopprimere questo attacco immunologico, ai pazienti sottoposti a trapianto di fegato vengono prescritti farmaci immunosoppressori;
  2. infezione, che in alcuni casi può essere asintomatica e terminare con la morte. Per prevenire questa complicazione nel periodo postoperatorio, ai pazienti vengono prescritti farmaci antimicrobici;
  3. l'inazione primaria dell'organo è una complicazione rara, che richiede, tuttavia, un nuovo intervento;
  4. complicazioni vascolari (stenosi, trombosi dell'arteria epatica o della vena) in alcuni casi richiedono il re-trapianto.

Ci sono altre complicazioni, ma si stima che la frequenza del loro sviluppo sia di basso peso specifico.

Quanti vivono dopo il trapianto di fegato

[box type = "tick" style = "rounded"] La domanda che interessava la maggior parte dei pazienti sottoposti a un'operazione di trapianto di fegato. Va notato che in assenza di complicanze o di una loro soppressione tempestiva, in conformità con tutte le raccomandazioni del medico e il passaggio di esami medici regolari, l'aspettativa di vita di una persona sottoposta a trapianto non è diversa dall'aspettativa di vita di una persona sana. [/ Box]

Raccomandazioni per i pazienti dopo il trapianto di fegato

La vita dopo il trapianto di fegato dovrebbe essere soggetta all'implementazione di raccomandazioni semplici e semplici:

  • l'uso di farmaci prescritti da un medico (immunosoppressori per sopprimere il conflitto immunologico);
  • monitoraggio regolare da parte di un epatologo;
  • analisi periodica generale del sangue e delle urine, monitoraggio dei parametri biochimici del sangue e una serie di altri metodi di ricerca di laboratorio e strumentali;
  • restrizione nella dieta di cibi fritti, affumicati, salati, in salamoia, caffè, tè forte;
  • rifiuto categorico di alcol;
  • il cibo deve essere di piccole dimensioni, ma frequenti (5 - 6 volte al giorno).

Il rispetto di tutte le raccomandazioni, il mantenimento di uno stile di vita sano e il monitoraggio dinamico dello stato di salute sono i principali fattori che influenzano non solo la percentuale di sopravvivenza postoperatoria, ma anche la qualità della vita di una persona sottoposta a trapianto di fegato.

Trapianto di fegato in cirrosi, metastasi e cancro - conseguenze per il donatore, indicazioni e controindicazioni

Il trapianto di fegato è una misura terapeutica radicale per la cirrosi e il cancro. Viene eseguito secondo indicazioni vitali, quando è chiaro che senza un trapianto umano, la morte attende. Il fegato è una ghiandola che svolge importanti funzioni secretorie e fisiologiche. Neutralizza e rimuove le sostanze estranee, le tossine, gli allergeni, i prodotti finali del metabolismo, gli ormoni in eccesso dal corpo.

Il fegato è un elemento importante per il metabolismo: la sintesi di colesterolo, acidi biliari, bilirubina, ormoni ed enzimi alimentari. Regola il metabolismo dei carboidrati ed è coinvolto nel sangue. Se una persona può vivere una vita normale senza una milza remota, un rene, un pancreas, allora muore senza un fegato.

Il fallimento del fegato a lavorare causa molte malattie. Nel corso degli anni, il loro numero è in aumento. Esistono sostanze che stimolano la rigenerazione del fegato, ma con ampie lesioni progressive sono inefficaci. In questo caso, utilizzare l'unica opportunità per salvare la vita del paziente - effettuare un trapianto.

Indicazioni per il trapianto

La ragione dell'evento è una malattia incurabile, quella fase, che causa un completo fallimento del fegato nell'eseguire le sue funzioni.

Spesa per il trapianto:

  • Con anomalie congenite del fegato;
  • Tumori inutilizzabili;
  • All'estremo stadio di malattia progressiva di tipo diffuso;
  • Con insufficienza epatica acuta.

Le malattie causano cambiamenti cicatriziali nella struttura del corpo, che provocano disfunzioni e influiscono negativamente sul lavoro degli altri sistemi corporei.

Il più delle volte, il trapianto viene eseguito con cirrosi. La malattia è caratterizzata da una sostituzione irreversibile delle cellule sane da parte del tessuto fibroso.

La cirrosi può essere diversa in natura:

  • Alcolica. Si sviluppa a causa della dipendenza da alcol;
  • Viral. Si sviluppa con l'epatite C, B;
  • Stagnante. È diagnosticato come risultato di ipossia e stasi venosa;
  • Biliari primari. Il colpevole sono i disordini genetici.

Complicazioni della cirrosi non compatibili con la vita - encefalopatia epatica, ascite, emorragia interna.

In caso di cirrosi, la decisione sull'operazione non è presa dalla presenza della malattia, ma dal grado di progressione dell'insufficienza epatica. Con l'aumento dei sintomi nella ricerca di un donatore accelerato.

Controindicazioni

Le controindicazioni al trapianto sono assolute e relative:

Se il trapianto è richiesto in caso di cirrosi e la malattia è causata da epatite, viene prima guarita da un'infezione virale e poi accodata per il trapianto.

Chi può essere un donatore

La donazione è una procedura volontaria in cui un organo o un tessuto di una persona viene trapiantato in un'altra.

I requisiti tecnici per il donatore consistono nelle seguenti fasi:

  1. Prova con una visita medica dell'assenza di controindicazioni all'operazione;
  2. Prova di biocompatibilità con il ricevente;
  3. Passaggio della procedura per il controllo delle possibili conseguenze per il donatore;
  4. Firma dei documenti di consenso per il trapianto.

Un adulto con buona salute può diventare un donatore, disposto a donare parte del proprio corpo a un parente oa qualsiasi altro destinatario. La donazione può essere un post-mortem. In questo caso, il fegato viene prelevato da una persona con una morte cerebrale fissa (più spesso dopo una grave lesione craniocerebrale). In un certo numero di paesi, la presa di organi cadaveri è vietata.

Un trapianto da un donatore con morte cerebrale fissa comporta sempre un'operazione di emergenza. Allo stesso tempo, una commissione speciale rivede con urgenza la lista d'attesa, nomina un candidato per il trapianto. Il candidato viene portato urgentemente al centro trapianti (non più di 6 ore), vengono effettuati i preparativi urgenti per l'operazione e il trapianto.

Un altro tipo di donazione è correlato. Il trapianto del lobo epatico è da un parente del sangue. I donatori sono genitori, figli, fratelli, sorelle che hanno raggiunto la maggiore età e hanno un gruppo sanguigno adeguato. Il trasferimento da un parente è il più preferito.

Il fegato di un bambino può essere trapiantato? La donazione di bambini è permessa. Ma nella scelta del corpo dovrebbe tener conto delle sue dimensioni per la migliore sopravvivenza.

Se il bambino ha meno di 15 anni, allora la metà di un lobo epatico adulto viene trapiantato da lui, mentre un adulto ne ha bisogno per l'intera proporzione.

Benefici del trapianto da un parente:

  • Il tempo di attesa del fegato donatore è incommensurabilmente ridotto. Secondo la lista d'attesa, la maggior parte dei destinatari attende il corpo per diversi mesi e anni;
  • Opportunità per una preparazione completa per l'operazione per il destinatario e il donatore;
  • Il fegato di un donatore vivo è preferibile cadavere;
  • Garantito un buon tasso di sopravvivenza, dal momento che la rimozione e il trapianto vengono eseguiti contemporaneamente;
  • Psicologicamente, è più facile per un paziente sottoporsi a trapianto di organi da una persona autoctona;
  • L'elevata capacità di rigenerazione garantisce il recupero graduale dell'organo in entrambi i partecipanti all'operazione.

Il fegato si rigenera a dimensioni normali, anche se mantiene un quarto del suo peso iniziale.

Tipi di trapianto

I principali metodi di trapianto 2 - ortotopico ed eterotopico. Nel primo caso, rimuovere prima il fegato malato del paziente. Un fegato o un lobo del donatore viene posto al suo posto. In questo caso, il corpo prende il suo posto fisiologico nello spazio sotto il diaframma.

Nel secondo caso, l'organo non funzionale non è tagliato fuori dal corpo del paziente. Un trapianto di organi viene eseguito nel sito della milza o del rene, unendosi al sistema vascolare corrispondente.

Preparazione per la chirurgia

Il trapianto è tecnicamente difficile da eseguire. Un lungo periodo è riservato alla riabilitazione.

Durante la preparazione per un trapianto (il paziente è già in lista d'attesa), è necessario osservare le seguenti regole:

  • Rifiuto di cattive abitudini (fumo e alcol);
  • Rispetto delle raccomandazioni alimentari, dieta;
  • Controllo del peso, esercizio quotidiano;
  • Accettazione di farmaci dal corso di preparazione.

Il paziente deve essere costantemente in contatto, avere un pacchetto assemblato di documenti e cose in caso di un'operazione di emergenza. Quando cambi le condizioni fisiche, assicurati di riferirlo al medico.

Per un esame di emergenza prima del trapianto è necessario:

  • Emocromo avanzato;
  • ECG;
  • Onkotesty;
  • Ultrasuoni degli organi addominali;
  • Somministrazione profilattica dei tessuti dei donatori per prevenire il rigetto.

Trapianto ortotopico

Tale operazione viene eseguita nell'80% dei casi. Dura da 8 a 12 ore, viene effettuato a tappe.

epatectomia

Rimozione del fegato con parte della vena cava inferiore, a condizione che l'intero fegato sia trapiantato con il frammento di vena desiderato. L'intersezione delle navi e del dotto biliare, che porta al fegato. La circolazione viene mantenuta con shunt e una pompa speciale.

impianto

Il fegato del donatore viene impostato al posto del telecomando. In questa fase, è estremamente importante ripristinare il movimento del flusso sanguigno attraverso l'organo. Il chirurgo vascolare produce cuciture delle arterie e delle vene.

La ripresa del fiele

Donatore di fegato trapiantato senza cistifellea. Per la ripresa dell'escrezione biliare si forma una giunzione dei dotti biliari del ricevente e dell'organo donatore. Per la prima volta, il drenaggio viene stabilito all'incrocio. Quando il livello di bilirubina nel sangue viene normalizzato, il drenaggio viene rimosso.

Per condizioni di sopravvivenza ideali, è necessaria la rimozione simultanea di un organo sano dal donatore e l'epatectomia dal ricevente. Se è impossibile rispettare questa condizione, l'organo donatore viene conservato in una forma refrigerata (0 ° -4 °).

Periodo di riabilitazione

Tutti i tipi di trapianto sono tra le operazioni più complesse che richiedono un lungo recupero. La prima settimana dopo il trapianto si svolge nell'unità di terapia intensiva.

Nel periodo postoperatorio, possono verificarsi complicazioni:

  • Insufficienza epatica primaria Il trapianto non svolge le funzioni, il corpo aumenta l'intossicazione. Il tessuto epatico è sottoposto a necrosi. A volte è necessario un re-trapianto urgente per evitare la morte del paziente;
  • sanguinamento;
  • peritonite;
  • Trombosi della vena porta;
  • Processo infiammatorio della natura infettiva;
  • Rifiuto dell'organo

Il rifiuto si verifica a seguito della risposta del sistema immunitario a un corpo estraneo. La reazione di rifiuto è soppressa artificialmente dagli immunosoppressori. Prendili per molto tempo. Se nel tempo diminuisce il rischio di rigetto, la dose viene ridotta.

Per garantire una qualità di vita normale, il paziente deve anche:

  • Regolarmente osservato da un epatologo;
  • Traccia indicazioni per analisi cliniche generali e ultrasuoni;
  • Segui la dieta. La dieta corrisponde alla "Tabella numero 5";
  • Non essere soggetto ad alti sforzi fisici;
  • Evita le malattie virali a causa dell'immunità depressa.

Immediatamente dopo il trapianto, i pazienti sono osservati al centro. Dopo la dimissione, dovrebbero presentarsi 1-2 settimane alla settimana in clinica per un esame a breve termine e una corretta selezione della dose di immunosoppressori.

Nonostante il fatto che il rischio di rigetto persista per tutta la vita, la maggior parte dei pazienti riesce a condurre una vita normale, a crescere i figli ea praticare una professione.

Costo del trapianto

L'operazione costa un sacco di soldi in tutto il mondo. Tutti i costi comprendono la preparazione e il mantenimento del paziente in ospedale, la rimozione del corpo, la sua conservazione, il trasporto, l'esecuzione della procedura di trapianto, il periodo di riabilitazione durante il primo anno e la retribuzione del personale medico.

Secondo il servizio di supporto dei donatori americano, il costo è di oltre 300 mila dollari USA con ulteriori costi di trattamento di oltre 20 mila dollari all'anno. In Russia, l'ammontare delle spese può essere fino a 3 milioni di rubli.

Il trapianto è effettuato sotto programmi statali. Il Ministero della salute regionale dà le indicazioni per uno dei centri di trapianto, viene effettuato un esame dettagliato, il paziente viene messo in lista d'attesa. Per coloro che vogliono trapiantare un organo da un donatore correlato, c'è anche una coda separata.

Quanto vive dopo il trapianto

L'aspettativa di vita media delle persone dopo il trapianto di fegato:

  • Più di un anno vive fino al 90% dei destinatari;
  • Oltre 5 anni - 85%;
  • Oltre 15 anni - 58%.

Il metodo di trapianto più promettente, più sicuro e più economico è da donatore vivo. L'estrazione di una parte di un fegato in questo caso è possibile perfino in un modo endoscopico, traumatico basso.

Allo stesso tempo, il recupero dei donatori del 100% avviene in soli sei mesi. Poiché l'organo donatore viene trapiantato quasi istantaneamente dopo l'estrazione, non ha il tempo di subire l'ipossia e fornisce un buon tasso di sopravvivenza.

"I pazienti dopo il trapianto di fegato vivono per trenta e cento anni".

Il capo del Centro scientifico e pratico repubblicano per il trapianto di organi e tessuti Oleg Rummo ha parlato della nuova operazione gestita dai medici bielorussi.

Il medico onorevole della Repubblica di Belarus è venuto a un'intervista con il corrispondente di "BN" immediatamente dopo l'operazione di resezione (rimozione - Nota dell'autore) del fegato. Circa 70 di loro sono tenuti ogni anno al centro, e questa è diventata una pratica comune. L'argomento della nostra conversazione è la resezione epatica extracorporea, che è stata eseguita in Bielorussia solo tre volte. E tutte e tre le volte - nel 2011.

- Oleg Olegovich, in quali casi viene eseguita la resezione epatica extracorporea?

- Viene eseguito quando il tumore non può essere rimosso all'interno del fegato stesso e quando al paziente non viene mostrato un trapianto di fegato. Molto spesso questo accade con tumori maligni del fegato.

- Qual è questa procedura?

- La sua essenza è che a un certo stadio dell'operazione, il fegato viene rimosso dal corpo, quindi il tumore viene rimosso da questo fegato, le normali relazioni anatomiche nell'organo vengono ripristinate e quindi il fegato viene cucito nel punto in cui si trovava.

- Quando è stata eseguita la resezione epatica extracorporea per la prima volta nel mondo?

- Questa operazione fu eseguita per la prima volta nel 1989 dal famoso chirurgo tedesco Rudolf Pihlmayr.

- Quali sono i vantaggi della resezione extracorporea?

- Ce ne sono diversi. Innanzitutto, ogni operazione ha le proprie indicazioni e controindicazioni. Nella situazione in cui il paziente ha un tumore maligno comune, non gli viene mostrato di sottoporsi a un trapianto di fegato - è semplicemente inutile. Il fatto è che subito dopo il trapianto di organi nel 95% dei casi, un tumore appare in un nuovo fegato e una persona muore molto rapidamente. Naturalmente, in questo caso nessuno sarà coinvolto nel trapianto. Ci sono diversi motivi per questo: ci sono altri pazienti che hanno il diritto e l'opportunità dopo un trapianto di fegato di vivere 30 o talvolta più anni. Un paziente che ne ha bisogno e che può vivere il resto della sua vita più a lungo e in modo più efficace riceverà una preferenza nel trapianto di fegato. Sfortunatamente, dopo una resezione epatica extracorporea, il paziente vive raramente da più di cinque anni. Ma nessuno dei medici ha dato il diritto di privare una persona di questi anni. Questa operazione ha quasi sempre un esito favorevole quando una persona ha un enorme tumore benigno. In questo caso, il paziente non deve sottoporsi a un trapianto di fegato e condannarlo a ricevere farmaci speciali, perché il suo fegato è sano. C'è semplicemente un enorme tumore che può rompersi, e quindi la persona morirà, o da una benigna può trasformarsi in una maligna. In questa fase, quando il tumore non può più essere rimosso all'interno del corpo, viene eseguita la resezione extracorporea. Dopo questa procedura, il paziente ha tutte le possibilità di vivere un centinaio di anni. La persona alla fine sa che non ha alcun tumore e, di conseguenza, non ci sono problemi con il fegato. Questi sono i casi in cui viene eseguita la resezione extracorporea o, come alcuni medici chiamano, l'autotrapianto di fegato.

- Per favore, parlaci dei tuoi tre pazienti che i medici del centro hanno eseguito una tale operazione.

- Il primo paziente, stranamente, venne dalla Moldavia. Fu rifiutato a San Pietroburgo e Mosca. Non aveva i soldi per andare in Germania per il trattamento, e si rivolse a noi per chiedere aiuto. Sapevamo che eravamo tecnicamente pronti. Gli specialisti del nostro centro hanno eseguito l'operazione con successo. Prima di lei, la paziente si sentiva male, aveva la febbre alta per più di un mese ed era esausta. E ora vive in Moldavia e non ci sono problemi con la sua salute.

Il secondo paziente ha avuto un tumore maligno. Abbiamo dovuto rimuovere la vena cava inferiore, protesizzandola. Dopo l'operazione, il paziente ha avuto una complicazione e, sfortunatamente, è morto. Abbiamo gestito la terza persona 2,5 settimane fa. Il ragazzo di 16 anni aveva un tumore benigno che poteva trasformarsi in un tumore maligno. Ha occupato completamente tutte le sue navi. L'operazione ha avuto successo, il giovane è ancora nel nostro ospedale e si sta preparando per la dimissione.

- Quanto dura il periodo di riabilitazione?

- La Bielorussia ha sviluppato un chiaro sistema di riabilitazione. Dopo due settimane nell'ospedale del nostro centro, il paziente viene di solito indirizzato all'ospedale clinico repubblicano per la riabilitazione medica ad Aksakov o all'ospedale clinico dell'11a città. In un mese, una persona può lavorare e vivere una vita piena in completa pace. In una situazione in cui abbiamo a che fare con un tumore benigno, non è necessario alcun esame speciale. Sfortunatamente, quando si tratta di un tumore maligno, il paziente deve essere all'osservatorio del dispensario presso l'oncologo. Dopo l'intervento, deve sottoporsi a un ciclo di chemioterapia, assumere farmaci speciali che impediscano il ripetersi del tumore.

- Potresti nominare il costo di una singola resezione epatica extracorporea?

- Questa operazione non è così costosa. Il suo costo, tenuto conto delle retribuzioni dei medici, del costo dell'elettricità, delle malte e di altri materiali, è improbabile che superi i mille dollari, anche se direi che abbiamo fatto le operazioni ai nostri cittadini gratuitamente.

- Quanti specialisti sono contemporaneamente impegnati nello svolgimento di tale operazione?

- Il team chirurgico di chirurghi - quattro persone, due anestesisti - questi sono già sei dottori. Inoltre lo staff medico. In media, circa 12 persone sono contemporaneamente impiegate in questo processo.

- Qual è la durata media della resezione epatica extracorporea?

- L'ultima operazione nel nostro centro al ragazzo è durata 12 ore. In media, tali procedure richiedono da 6 a 13 ore.

- Quanto sono popolari le operazioni simili nel mondo?

- È necessario procedere da cose semplici. L'operazione è molto complessa e richiede chirurghi altamente qualificati. Pertanto, anche in paesi con un livello avanzato di medicina, come Germania, Spagna, Stati Uniti, non tutti i centri sono in grado di eseguire la resezione epatica extracorporea. Un prerequisito sono i centri che hanno programmi di trapianto di fegato. Fortunatamente, il numero di pazienti per i quali è indicata solo questa procedura è piccolo. L'esperienza dei principali centri mondiali che praticano la resezione epatica extracorporea dal 1989 è limitata a 25 operazioni. In un anno, una clinica esegue da tre a cinque. Per la Bielorussia, la domanda media non supererà cinque operazioni all'anno. Pertanto, il nostro centro è pronto ad accettare cittadini stranieri, se hanno una testimonianza rilevante.

- Oleg Olegovich, grazie mille per la conversazione. Buona fortuna nel difficile compito!

Intervistato da Ekaterina ZABAVSKAYA, "BN"

Trapianto o trapianto di fegato: predizione della vita successiva

Il trapianto di fegato o trapianto è un'operazione chirurgica per sostituire l'organo interessato o qualsiasi parte di esso con un altro sano. Una procedura piuttosto costosa e molto complicata viene assegnata a un paziente con un organo patologicamente danneggiato, che a causa dello sviluppo di certe malattie non può svolgere le sue funzioni naturali. Tale operazione dura per diverse ore, quindi il paziente avrà un difficile periodo di riabilitazione della durata di diverse settimane. A quasi un anno di distanza da un trapianto di fegato di successo, una persona può tornare completamente a uno stile di vita normale, ma per il resto della sua vita assumerà farmaci immunosoppressivi speciali.

Il fegato di una persona sana - un bel organo multifunzionale che fa circa 400 funzioni diverse per un giorno: produrre abbastanza per digerire la quantità di bile, è coinvolto nella produzione di proteine ​​che promuovono la coagulazione del sangue, svolge un ruolo importante nella purificazione del sangue dalle tossine, neutralizzare gli effetti patologici di batteri, farmaci particelle e altre sostanze, aiuta a mantenere l'equilibrio di zuccheri, grassi, vitamine e oligoelementi nel corpo umano. Ma a volte ci sono varie malattie che influenzano patologicamente la struttura del fegato stesso e ne violano significativamente la funzionalità. Tali malattie includono l'epatite virale (diverso da epatite A), malattie congenite di sviluppo, e la cirrosi policistico, tumori, insufficienza epatica acuta causata da avvelenamento. Tutte queste malattie alla fine portano ad un aumento significativo delle fibre e delle cicatrici del fegato, che porta alla completa disfunzione dell'organo.

I processi patologici che si verificano nel fegato causano danni significativi a tutti gli organi e sistemi sani del corpo umano, poiché è questo organo che controlla tutti i processi metabolici e purifica il sangue dalle tossine, fornisce la termoregolazione e l'elaborazione degli alimenti. La distruzione del fegato passa attraverso diverse fasi, il sanguinamento del paziente finale negli organi dell'apparato digerente, l'ascite, l'ittero e il diametro dell'esofago aumentano in modo significativo: il paziente è minacciato di coma epatico e morte. È quasi impossibile ripristinare il lavoro dell'organo colpito, l'unica possibilità di prolungare la vita e salvare il paziente è un trapianto. L'emodialisi di albumina, che può mantenere le funzioni svolte da un organo sano per diverse ore, diventa una soluzione temporanea al problema, efficace per qualche tempo. Ma questa procedura viene solitamente applicata dopo il trapianto di fegato fino a quando l'organo donatore inizia a funzionare correttamente.

L'organo per il trapianto è di solito preso da una persona deceduta, in Russia, se non vi è alcun rifiuto da questa procedura, la rimozione può essere effettuata senza il consenso dei parenti del defunto. Una parte del fegato può essere prelevata da una persona vivente, di solito un parente del paziente: questo richiede solo il suo consenso. La persona da cui viene prelevato l'organo è chiamata donatore, e il paziente a cui viene trapiantato è chiamato il ricevente. Il donatore è l'unica persona che ha raggiunto la maggiore età, il cui gruppo sanguigno è adatto per un paziente in attesa di un trapianto di fegato. Il desiderio di una persona di diventare donatore per un parente non è sufficiente: una persona subisce una visita medica piuttosto seria, i cui risultati portano a una conclusione finale, se può diventare donatore o meno. La procedura di trapianto è sicura per il donatore, dal momento che la parte anatomica del fegato che è stata rimossa da esso per il trapianto è in grado di recuperare completamente entro pochi anni.

La ricerca di un organo sano, adatto a tutti i parametri per il trapianto a un paziente da una persona deceduta è una procedura piuttosto complicata ea lungo termine. Il trapianto è possibile solo se il defunto è morto di recente, solo il cervello è morto e tutti gli altri organi continuano a funzionare normalmente per qualche tempo. Solo in questo caso, e possibile trapianto di fegato (e qualsiasi altro organo) al ricevente. A volte una persona dal vivo si comporta come un donatore. In ogni caso, lo stato dell'organo trapiantato - il fegato - importa.

Se il donatore è un parente stretto del paziente, l'efficienza del trapianto aumenta notevolmente, c'è la possibilità di una preparazione più accurata per l'operazione e la sua implementazione, in alcuni paesi del mondo questa è l'unica via d'uscita dalla situazione attuale, dal momento che alcuni canoni religiosi non consentono l'uso di un organo morto. Per un trapianto di fegato a un bambino, il lobo sinistro di un organo donatore viene solitamente assunto, e per una persona adulta - il lobo destro, poiché è la dimensione più ottimale e si trova in un'area abbastanza facilmente accessibile. Il trapianto da una persona vivente ha alcune difficoltà:

  • il rischio di complicanze dopo l'intervento chirurgico presso il donatore stesso aumenta significativamente;
  • l'operazione stessa sta diventando tecnicamente più complessa;
  • di solito solo una parte dell'organo viene trapiantata, quindi la sua sopravvivenza nel corpo del paziente diventa molto più complicata, e c'è anche il rischio di recidiva.

Al momento, il meccanismo per condurre questo intervento chirurgico è stato elaborato in tutto il mondo, poiché il compito principale è la conservazione della vita sia per il ricevente che per il donatore stesso.

Chirurgia del trapianto di fegato: preparazione, condotta, dove e come fare

Il fegato è il più grande organo interno del nostro corpo. Esegue circa un centinaio di funzioni, le principali delle quali sono:

  • Produzione e rimozione della bile, che è necessaria per la digestione e l'assorbimento delle vitamine.
  • Sintesi di proteine.
  • Disintossicazione del corpo.
  • L'accumulo di sostanze energetiche.
  • Sviluppo di fattori di coagulazione del sangue.

Senza una persona una persona non può vivere. Puoi vivere con una milza remota, pancreas, reni (anche con il fallimento di entrambi i reni, la vita in emodialisi è possibile). Ma la medicina non ha ancora imparato a imparare come sostituire le funzioni del fegato con qualcosa.

E le malattie che portano al completo fallimento del fegato, molto, e ogni anno il loro numero aumenta. Non ci sono farmaci che riparino efficacemente le cellule del fegato (nonostante la pubblicità). Pertanto, l'unico modo per salvare la vita di una persona durante i processi sclerotici progressivi in ​​questo organo rimane un trapianto di fegato.

Il trapianto di fegato è un metodo piuttosto giovane, le prime operazioni sperimentali sono state effettuate negli anni '60 del XX secolo. Ad oggi, ci sono circa 300 centri di trapianto di fegato in tutto il mondo, sono state sviluppate diverse modifiche di questa operazione, il numero di trapianti di fegato eseguiti con successo ha centinaia di migliaia.

L'insufficiente prevalenza di questo metodo nel nostro paese è spiegata dal numero limitato di centri per trapianti (solo 4 centri in tutta la Russia), da lacune nella legislazione e da criteri insufficientemente chiari per l'innesto dei trapianti.

Indicazioni chiave per il trapianto di fegato

In poche parole, il trapianto di fegato è indicato quando è chiaro che la malattia è incurabile e senza la sostituzione di questo organo una persona morirà. Quali sono queste malattie?

  1. Malattia epatica progressiva diffusa allo stadio terminale.
  2. Anomalie congenite del fegato e dei dotti.
  3. Tumori inutilizzabili (cancro e altre forme focali del fegato).
  4. Insufficienza epatica acuta.

I principali candidati per il trapianto di fegato sono i pazienti con cirrosi. La cirrosi è una progressiva morte delle cellule del fegato e la loro sostituzione con il connettivo.

La cirrosi può essere:

  • La natura infettiva (nel risultato dell'epatite virale B, C).
  • Cirrosi alcolica
  • Cirrosi biliare primitiva.
  • Come risultato dell'epatite autoimmune.
  • Sullo sfondo di disordini metabolici congeniti (malattia di Wilson-Konovalov).
  • Nel risultato della colangite sclerosante primitiva.

I pazienti con cirrosi epatica muoiono a causa di complicanze - emorragia interna, ascite, encefalopatia epatica.

Le indicazioni per il trapianto non sono la sola presenza di una diagnosi di cirrosi, ma il tasso di progressione dell'insufficienza epatica (più velocemente aumentano i sintomi, prima devono essere prese le misure per trovare un donatore).

Controindicazioni per il trapianto di fegato

Esistono controindicazioni assolute e relative a questo trattamento.

Le controindicazioni assolute per il trapianto di fegato sono:

  1. Malattie infettive croniche in cui vi è una lunga persistenza di un agente infettivo nel corpo (HIV, tubercolosi, epatite virale attiva, altre infezioni).
  2. Grave disfunzione di altri organi (insufficienza cardiaca, polmonare, insufficienza renale, cambiamenti irreversibili nel sistema nervoso).
  3. Malattie oncologiche

Controindicazioni relative:

  • Età oltre 60 anni.
  • Operazioni eseguite in precedenza sul piano superiore della cavità addominale.
  • Pazienti con una milza remota.
  • Trombosi della vena porta.
  • Scarsa intelligenza e stato sociale del paziente, anche sullo sfondo dell'encefalopatia alcolica.
  • L'obesità.

Quali sono i tipi di trapianti di fegato?

Esistono due principali tecniche di trapianto di fegato:

Un trapianto di fegato ortotopico è un trapianto di fegato di un donatore al suo solito posto nello spazio subfrenico a destra. Allo stesso tempo, in primo luogo, il fegato malato viene rimosso insieme a una porzione della vena cava inferiore, e al suo posto viene collocato il fegato del donatore (intero o solo una parte).

Il trapianto eterotopico è il trasferimento di un organo o di una sua parte sul posto di un rene o milza (ai vasi corrispondenti) senza rimuovere il suo fegato malato.

Secondo i tipi di trapianto utilizzati, il trapianto di fegato è suddiviso in:

  • Trapiantare un fegato intero da un cadavere.
  • Trapianto di una parte o di un lobo di un fegato cadaverico (metodo SPLIT - separazione del fegato di un donatore in più parti per più destinatari).
  • Trapianto di una parte di un fegato o di un lobo da un parente stretto

Come viene selezionato il donatore?

Il fegato è un organo molto conveniente per la selezione di un donatore. Per determinare la compatibilità, è sufficiente avere lo stesso gruppo sanguigno senza tenere conto degli antigeni del sistema HLA. Un altro molto importante è la selezione dell'organo più grande (questo è particolarmente vero per il trapianto di fegato nei bambini).

Un donatore può essere una persona con un fegato sano, che ha la morte cerebrale (il più delle volte si tratta di persone che sono morte per gravi ferite alla testa). Ci sono parecchi ostacoli alla raccolta di un organo da un cadavere a causa dell'imperfezione delle leggi. Inoltre, in alcuni paesi è proibito il prelievo di organi dai cadaveri.

La procedura per trapiantare un fegato da un cadavere è la seguente:

  1. Quando stabilisce le indicazioni per il trapianto di fegato, il paziente viene inviato al più vicino centro trapianti, dove viene sottoposto agli esami necessari e viene messo in lista d'attesa.
  2. Il posto in coda per il trapianto dipende dalla gravità della condizione, dal tasso di progressione della malattia, dalla presenza di complicanze. Abbastanza chiaramente è determinato da parecchi indicatori - il livello di bilirubin, creatinine e INR.
  3. Quando compare un organo cadavere adatto, la commissione medica speciale rivede la lista d'attesa ogni volta e determina il candidato per il trapianto.
  4. Il paziente viene chiamato urgentemente al centro (entro 6 ore).
  5. Preparazione preoperatoria di emergenza e l'operazione stessa.

Un trapianto correlato di una parte del fegato viene eseguito da un parente di sangue (genitori, figli, fratelli, sorelle), a condizione che il donatore raggiunga l'età di 18 anni, consenso volontario e anche coincidenza di gruppi sanguigni. Il trapianto correlato è considerato più accettabile.

I principali benefici di un trapianto correlato sono:

  • Non è necessario aspettare a lungo per un fegato donatore (il tempo di attesa in coda per un fegato morto può variare da diversi mesi a due anni, molti dei quali semplicemente non vivono).
  • C'è un tempo per la normale preparazione sia del donatore che del ricevente.
  • Il fegato di un donatore vivente è solitamente di buona qualità.
  • La reazione di rigetto è meno comune.
  • Il trapianto di fegato da un parente è psicologicamente più facile che da un cadavere.
  • Il fegato è in grado di rigenerarsi dell'85%, una parte del fegato "cresce", sia nel donatore che nel ricevente.

Per un trapianto di fegato correlato, un bambino sotto i 15 anni ha bisogno di metà di un lobo, un adulto solo un lobo.

Breve descrizione delle fasi del trapianto di fegato ortotopico

L'80% di tutti i trapianti di fegato sono trapianti ortotopici. La durata di tale operazione è di 8-12 ore. Le fasi principali di questa operazione:

  1. Epatectomia. Il fegato malato viene rimosso insieme alla regione della vena cava inferiore adiacente (se il fegato intero viene trapiantato anche con un frammento della vena cava). Allo stesso tempo tutte le navi che vanno al fegato, così come il dotto biliare comune, si intersecano. Per mantenere la circolazione sanguigna in questa fase, vengono creati shunt che conducono il sangue dalla vena cava inferiore e dagli arti inferiori al cuore (una pompa speciale è collegata per pompare il sangue).
  2. Impianto di fegato di donatore. Un fegato di donatore (intero o parte) viene posizionato al posto dell'organo rimosso. L'obiettivo principale di questa fase è ripristinare completamente il flusso sanguigno attraverso il fegato. Per fare questo, tutte le navi sono suturate (arterie e vene). Un chirurgo vascolare esperto è sempre presente nella squadra.
  3. Ricostruzione del fiele. Il fegato del donatore viene trapiantato senza la cistifellea, durante l'operazione si forma l'anastomosi del dotto biliare dell'organo donatore e il ricevente. L'anastomosi, di norma, viene drenata e il drenaggio viene rimosso per la prima volta all'esterno. Dopo la normalizzazione del livello di bilirubina nel drenaggio del sangue viene rimosso.

Idealmente, in un ospedale vengono eseguite contemporaneamente due operazioni: la rimozione di un organo da un donatore e l'epatectomia da un paziente. Se ciò non è possibile, l'organo donatore viene trattenuto in condizioni di ischemia fredda (il periodo massimo è di 20 ore).

Periodo postoperatorio

Il trapianto di fegato è una delle operazioni più difficili sugli organi addominali. Il ripristino del flusso sanguigno attraverso il fegato del donatore di solito avviene immediatamente sul tavolo operatorio. Ma l'operazione stessa non pone fine al trattamento del paziente. Inizia una fase postoperatoria molto difficile e lunga.

Circa una settimana dopo l'intervento, il paziente passerà nell'unità di terapia intensiva.

Le principali complicanze dopo il trapianto di fegato:

  • Fallimento dell'innesto primario. Il fegato trapiantato non soddisfa la sua funzione - intossicazione, la necrosi delle cellule epatiche è in aumento. Se non si esegue un re-trapianto urgente, il paziente muore. La causa di questa situazione è molto spesso una reazione acuta di rifiuto.
  • Bleeding.
  • Fuoriuscita di bile e peritonite biliare.
  • Trombosi della vena porta o dell'arteria epatica.
  • Complicanze infettive (processi purulenti nella cavità addominale, polmonite, infezioni fungine, infezione da herpes, tubercolosi, epatite virale).
  • Rifiuto del trapianto.

Il rigetto del trapianto è il problema principale dell'intero trapianto. Il sistema immunitario umano produce anticorpi contro qualsiasi agente estraneo che entra nel corpo. Pertanto, se non si sopprime questa reazione, si verificherà la morte delle cellule epatiche del donatore.

Pertanto, un paziente con qualsiasi organo trapiantato dovrà assumere farmaci che sopprimono l'immunità (immunosoppressori) per tutta la vita. La ciclosporina A e i glucocorticoidi sono più comunemente prescritti.

Nel caso del fegato, la particolarità è che nel tempo il rischio della reazione di rigetto diminuisce e una riduzione graduale della dose di questi farmaci è possibile. Quando un trapianto di fegato da un parente, sono richieste anche dosi più piccole di farmaci immunosoppressivi rispetto al trapianto di un organo cadaverico.

Vita con fegato trapiantato

Dopo essere stato dimesso dal centro, al paziente viene chiesto di non lasciare lontano e settimanalmente gli specialisti di un centro trapianti per 1-2 mesi. Durante questo periodo, viene selezionata la dose di terapia immunosoppressiva.

I pazienti con fegato trapiantato che ricevono costantemente farmaci che sopprimono l'immunità sono un gruppo ad alto rischio principalmente per complicanze infettive, e anche quei batteri e virus che normalmente non causano malattie opportunistiche in una persona sana possono causare malattie. Hanno bisogno di ricordare che per qualsiasi manifestazione di infezione hanno bisogno di ricevere un trattamento (antibatterico, antivirale o antifungino).

E, naturalmente, nonostante la disponibilità di farmaci moderni, il rischio di reazione di rigetto dura tutta la vita. Se compaiono segni di rifiuto, è necessario il re-trapianto.

Nonostante tutte le difficoltà, oltre trent'anni di esperienza nel trapianto di fegato dimostrano che i pazienti con fegato di donatore nella stragrande maggioranza vivono più di 10 anni dopo il trapianto, tornano all'attività lavorativa e persino alla nascita di bambini.

Dove posso ottenere un trapianto di fegato in Russia e quanto costa

Il trapianto di fegato in Russia è pagato dallo stato nell'ambito del programma di assistenza medica ad alta tecnologia. Il rinvio a uno dei centri di trapianto è rilasciato dal Ministero della salute regionale. Dopo l'esame e la determinazione delle indicazioni, il paziente viene inserito nella lista d'attesa del fegato del donatore. Nei casi di un trapianto correlato, la situazione è più semplice, ma dovrai anche attendere in linea.

I pazienti che non vogliono aspettare e avere soldi, sarà interessante conoscere il prezzo di un trapianto a pagamento.

La chirurgia del trapianto di fegato è tra le più costose. All'estero, il prezzo di una tale operazione varia da 250 a 500 mila dollari. In Russia, circa 2,5-3 milioni di rubli.

Ci sono diversi importanti centri per il trapianto di fegato e ci sono circa una dozzina di strutture mediche nelle principali città che sono autorizzate a farlo.

  1. Il principale centro di trapianto di fegato in Russia è il Centro di ricerca federale per il trapianto e gli organi artificiali intitolato Shumakova, Mosca;
  2. Centro di Mosca per l'Istituto di ricerca sul trapianto di fegato di Emergency Care. Sklifosovsky;
  3. RNTSCHT a San Pietroburgo;
  4. FBUZ "Volga district medical center" a Nizhny Novgorod;
  5. I trapianti di fegato sono praticati anche a Novosibirsk, Yekaterinburg, Samara.
Articolo Precedente

Vivi alla grande!

Articolo Successivo

La malattia di Gilbert