Primi sintomi di cancro al fegato

Diete

I primi sintomi del cancro del fegato non sono specifici e cominciano ad apparire gradualmente per un lungo periodo di tempo. La patologia si sviluppa in due forme: primaria e secondaria. Durante la formazione del primo tipo di malattia, un tumore maligno e le sue cellule compaiono solo nel fegato.

La forma secondaria della patologia viene diagnosticata nei pazienti molto più spesso. Si forma sotto l'influenza di metastasi da altri organi che sono entrati nel fegato. Abbastanza spesso, un aumento del numero di pazienti con cancro è associato ad un aumento del numero di pazienti con epatite cronica.

Il rischio di comparsa di carcinoma epatocellulare negli uomini è significativamente più alto rispetto alle donne. Lo sviluppo della patologia contribuisce alla presenza dell'epatoma. Nei pazienti con tale indicatore e presenza di cirrosi nel 60-90% dei casi viene diagnosticato un tumore. Anche la sifilide, il consumo di alcol e il fumo contribuiscono alla formazione di neoplasie maligne.

Un cancro può progredire sotto l'influenza di tali fattori:

  • contatto con tossine mortali - aflatossine;
  • abuso di droghe;
  • metabolismo cattivo - diabete;
  • la presenza di sostanze cancerogene nei prodotti consumati;
  • parassiti nel tratto gastrointestinale;
  • predisposizione genetica.

Nello sviluppo del cancro ci sono 4 fasi. Ad ogni stadio di sviluppo della patologia, compaiono sintomi diversi che sono visibili sia esternamente che internamente. L'organo del paziente viene modificato, le metastasi compaiono e si diffondono.

Per diagnosticare efficacemente la patologia, è consigliabile che un paziente venga esaminato:

  • ultrasuoni;
  • tomografia - computer e risonanza magnetica;
  • biopsia della formazione del tumore;
  • esami del sangue generali e biochimici, urine, coprogram;
  • donare il sangue per determinare l'infezione da epatite virale e la presenza di marcatori tumorali.

Il medico può fare le prime conclusioni sulla malattia del paziente dopo aver esaminato e identificato il quadro clinico. Nelle fasi iniziali, la malattia si manifesta in sintomi generali, tuttavia, durante la palpazione, il medico può determinare la dimensione ingrandita del fegato, la sua ruvidità e densità.

Sintomi comuni

Il cancro del fegato è una malattia terribile in cui i primi sintomi non sono specifici e non si manifestano così rapidamente. Poiché la patologia si forma sotto l'influenza delle malattie di cui sopra e il deterioramento della condizione, il paziente avverte un numero di sintomi che portano un disagio generale.

Il paziente nota segni comuni di malattia:

  • letargia e debolezza;
  • un aumento dell'addome;
  • pesantezza nel fegato;
  • ittero;
  • febbre;
  • vomito;
  • nausea;
  • violazione delle feci sotto forma di diarrea;
  • gonfiore degli arti;
  • l'anemia;
  • sanguinamento dal naso.

Il paziente avverte un forte dolore nella parte bassa della schiena, nel giusto ipocondrio e nell'addome superiore. Nei primi giorni, periodi di natura periodica si verificano sotto carichi pesanti e poi si trasformano in dolore costante.

Sintomi caratteristici

Il processo canceroso nel corpo umano si manifesta nei sintomi classici - nausea, vomito, febbre, ecc. Tuttavia, i medici hanno determinato che nelle fasi iniziali della patologia ha segni caratteristici con cui è possibile riconoscere il processo patologico e prevenirlo nel tempo. Questi indicatori includono:

  • febbre;
  • la debolezza;
  • l'anemia;
  • dolore nell'ipocondrio destro opaco e dolorante;
  • perdita di peso notevole.

L'anemia si manifesta in molti pazienti e si manifesta con ulteriori cambiamenti nella forma di una diminuzione della pressione, affaticamento grave, mani tremanti, frequenti capogiri, svenimento e talvolta svenimento.

Dopo un po ', il fegato inizia a crescere. In questo caso, il corpo diventa più nodoso e denso. Allo stesso tempo, l'ittero appare sul corpo del paziente, che indica insufficienza epatica.

Nel 15% dei casi, ai pazienti viene diagnosticata una emorragia intra-addominale con lo sviluppo di uno shock. Inoltre, i sintomi sono caratterizzati da perturbazione endocrina, che è causata dal rilascio di sostanze simili all'emopode da parte di cellule maligne.

Con lo sviluppo del cancro sullo sfondo della cirrosi epatica, il paziente avverte i sintomi di una condizione cancerosa. Questo processo è caratterizzato da aumento del dolore, ascite, febbre e ittero.

Il cancro metastatico (secondario) è caratterizzato dagli stessi sintomi del primario. Tuttavia, questo tipo di patologia è caratterizzato dalla formazione di cellule tumorali da altri organi e linfonodi.

Sintomi del cancro in stadio 1

Al primo stadio della formazione del danno epatico, al paziente viene diagnosticato un leggero aumento del tumore. Ci vuole circa un quarto del volume del corpo, non influenza i vasi e il tessuto più vicino. Abbastanza spesso, i sintomi della fase primaria della formazione di un tumore maligno vengono diagnosticati come altre malattie. La funzionalità del fegato non si deteriora, il che non causa sospetti. Il paziente è preoccupato per tali segni:

  • la debolezza;
  • affaticamento durante lo stress fisico e mentale.

A causa della bassa espressione del quadro clinico, la malattia è difficile da diagnosticare nella prima fase. Pertanto, nel gruppo di rischio principale - i pazienti che hanno una malattia del fegato, è auspicabile che si sottopongano a un esame regolare.

Symptomatology stage 2 cancer

Quando la patologia passa al secondo stadio di sviluppo, il paziente avverte sintomi più pronunciati. La dimensione del tumore aumenta in modo significativo e coinvolge i vasi sanguigni. Il quadro clinico è costituito dai seguenti segni:

  • attacchi dolorosi all'addome durante il sovraccarico fisico;
  • riflesso di nausea e vomito;
  • sgabelli sciolti;
  • aumento della formazione di gas;
  • perdita di appetito.

In questa fase, i sintomi riducono notevolmente il corpo e portano a una notevole perdita di peso del paziente. In alcuni pazienti, la temperatura corporea può aumentare come reazione del corpo alle tossine, che vengono rilasciate durante l'attività vitale delle cellule maligne.

Sintomi del cancro allo stadio 3

È in questa fase che è più facile diagnosticare la patologia. Il quadro clinico è pronunciato, il corpo supera la norma. Durante il periodo di formazione del neoplasma, il paziente stesso nota i segni della malattia. I primi indicatori caratteristici includono:

  • dimensioni del fegato notevolmente aumentate;
  • corpo sporgente;
  • gonfiore in violazione del deflusso di fluido;
  • ittero;
  • sanguinamento dal naso;
  • ascite;
  • sanguinamento intra-addominale;
  • rottura endocrina;
  • manifestazione sulla pelle di piccole navi.

In aggiunta a quanto sopra, il dolore in tutto il corpo aumenta, la condizione peggiora e il lavoro del tratto digestivo è aggravato.

Sintomi del cancro allo stadio 4

L'ultimo stadio della patologia è caratterizzato da un netto deterioramento. Il paziente avverte forti dolori in molti organi interni. Diagnosticato con danno epatico, la diffusione di metastasi ad altri organi. Il paziente ha aggravato tutti i sintomi di una malattia acquisita in precedenza. In questa fase, qualsiasi terapia è impotente e i medici stanno cercando solo di mantenere la vita del paziente, fermando sentimenti dolorosi nel paziente.

Va notato che quando compaiono i suddetti primi segni di cancro al fegato, è necessario consultare urgentemente un medico.

Sintomi di cancro al fegato nelle fasi iniziali e tardive

È particolarmente importante conoscere i primi sintomi del cancro del fegato a persone che hanno una predisposizione ereditaria o che soffrono di una delle malattie che possono innescare lo sviluppo di un processo oncologico. Spesso la formazione di un tumore inizia senza preavviso, è asintomatica, quindi, non è possibile identificare la patologia in una fase precoce.

Quali sono i sintomi del cancro del fegato?

Il cancro del fegato, come molti altri tumori, è stato a lungo inosservato dal paziente. Frequentemente, una persona non sospetta nemmeno la patologia oncologica e talvolta i periodi che precedono l'inizio della morte sono solo una settimana. Le caratteristiche distintive del tessuto epatico ancora una volta mascherano i segni del cancro del fegato nelle fasi iniziali sotto altre malattie meno gravi o nascondono completamente il processo; la cosa principale in questo collegamento è la capacità di rigenerazione dei tessuti alti. Le cellule del fegato non solo sono in grado di aumentare in modo significativo le loro riserve funzionali, ma anche di riprodurre il loro tipo.

Si scopre la seguente situazione: un tumore maligno costituito da cellule extraepatiche cresce, cresce di dimensioni e sta già iniziando a metastatizzare ai linfonodi più vicini, e il paziente non ha lamentele - il fegato stesso sta cercando di compensare la mancanza di cellule efficienti dalla loro divisione intensiva. Spesso, i primi sintomi del cancro del fegato compaiono non appena la rigenerazione non regge il passo con la crescita del tumore. Se aggiungiamo qualche altra settimana di attesa all'autocurarsi del paziente, poiché nessuno sa esattamente cosa sta succedendo nel suo corpo, senza intervento medico, diventa ovvio perché il cancro del fegato rimane sconosciuto per molto tempo e perché forme trascurate, e quindi l'alta mortalità.

I primi sintomi del cancro al fegato in una fase precoce (con foto)

Per quanto riguarda i primi sintomi del cancro del fegato in una fase precoce, perdita di appetito, dolori periodici di natura a bassa intensità nella zona subcostale destra, episodi minori di febbre, nausea e perdita di peso vengono alla ribalta. Leggendo attentamente i primi segni del cancro al fegato in una fase precoce, è possibile che ogni persona porti una dozzina di malattie, sia potenzialmente letali che banali, per le quali questi sintomi sono caratteristici. Certo, nessuno andrà all'ospedale senza motivo: qualcuno ha paura di un uomo in camice bianco, qualcuno non ha il tempo di mettersi in fila, qualcuno non vuole prestare la giusta attenzione alla propria salute. Ad ogni modo, il tempo prezioso è perso.

Non ci sono sintomi specifici di cancro al fegato in una fase precoce, ma ci sono una serie di segni che suggeriscono una lesione maligna di questo organo, una "catastrofe nella cavità addominale".

Quali sono i primi segni di cancro al fegato sono importanti da notare prima? La prima cosa che deve essere evidenziata è il giallo della sclera e della pelle. Se non tutti possono prestare attenzione a questa sclera, la pelle ingiallita, la cui tonalità non cambia a seconda dell'illuminazione del luogo dell'esame, viene guardata da tutti. Secondo le statistiche, la pelle diventa gialla nel 90% dei casi proprio a causa della patologia del fegato, e non si tratta solo di cancro e altri tumori. La prima cosa che chiunque dovrebbe fare è prepararsi a pensare alla presenza di una malattia in lui, che deve essere trattata con tutte le forze e mezzi il più presto possibile. Se si contatta immediatamente il medico, verranno effettuati ulteriori esami e, molto probabilmente, verrà effettuata una diagnosi accurata.

In quale altro modo il cancro del fegato appare in una fase iniziale? La seconda cosa a cui il paziente dovrebbe prestare attenzione è il dolore di intensità variabile nella zona subcostale destra o metà dell'addome, che non cambiano la loro posizione per un giorno o più. Va detto che questo sintomo del cancro del fegato si verifica spesso in appendicite, colecistite e in una serie di altre patologie, ma il fatto della presenza di questo tipo di dolore "tifo" dovrebbe anche costringere il paziente a sottoporsi ad un ulteriore esame.

Guarda la foto dei primi sintomi del cancro al fegato e, se trovi qualcuno di loro in te o nei tuoi cari, passa attraverso una visita medica:

Quali sono i primi segni di cancro al fegato in una fase iniziale?

Quali sono i sintomi del cancro del fegato in un gruppo separato? Al terzo posto in termini di frequenza e importanza dei segni di cancro del fegato, si dovrebbe porre quanto segue: perdita di appetito, perdita di peso, nausea, vomito, lieve aumento della temperatura corporea. I reclami dei pazienti descritti sono spesso rilevabili, ma quando la loro durata è superiore a 5 giorni, questo è un segno prognostico sfavorevole. Spesso devi pensare al processo oncologico maligno - non importa se è un cancro del fegato, dell'intestino o dello stomaco.

L'ultimo, meno comune, ma, comunque, grave e prognosticamente sfavorevole sintomo del cancro del fegato è l'ascite: eccessivo accumulo di liquido libero nella cavità addominale e, di conseguenza, un aumento del volume dell'addome. Per un chirurgo esperto, la rilevazione anche di piccoli segni di ascite indica una fase difficile dello sviluppo del processo. Di norma, si verifica nelle lesioni epatiche, meno spesso con la compressione diretta della vena porta o la disintegrazione di un tumore di un'altra sede. Il meccanismo di formazione di questo uno dei primi sintomi del cancro del fegato è semplice: il sangue che scorre dall'intestino è diretto attraverso il fegato attraverso la vena porta (in esso, viene neutralizzato da sostanze nocive) oltre al ventricolo destro del cuore. Se, a causa di un certo numero di circostanze, la vena porta viene pizzicata o diventa invalicabile per il sangue, il corpo umano scarica reflazionalmente il fluido libero dal letto vascolare nella cavità addominale, e la piccola parte rimanente di fluido insieme a tutti gli elementi del sangue percorre il percorso corretto. L'ascite si verifica con la cirrosi e il cancro del fegato. Nel caso di quest'ultimo, il tumore maligno cresce a tal punto che preme la vena porta. Si noti che in questo caso si tratta di una forma trascurata di oncopatologia, quando sono già state osservate metastasi a distanza. La prognosi in questo caso è sfavorevole.

Sintomi di cancro al fegato nell'ultima fase

Si consiglia di porre all'ultimo posto i sintomi delle manifestazioni di cancro del fegato, che sono quasi universalmente presenti nei casi dell'ultima fase di oncopatologia, quando i medici conducono solo una terapia sintomatica. Questi sintomi non hanno quasi alcun valore diagnostico nel cancro del fegato, ma per ovvi motivi, è necessario parlarne.

I seguenti sono i sintomi dell'ultimo stadio del cancro al fegato rilevati, a partire dal più comune e facilmente rilevabile.

I. Lividi, ematoma. Stiamo parlando di piccole emorragie, oltre a un sanguinamento massiccio, che quasi non può essere fermato. Come è noto, il fegato è direttamente coinvolto nello sviluppo dei fattori di coagulazione del sangue. Sia le piastrine che i fattori della coagulazione sono coinvolti nella formazione di un coagulo di sangue. Con la mancanza di almeno uno dei collegamenti, il corpo perde la sua capacità di trombare rapidamente la nave danneggiata, da cui derivano lividi di varie dimensioni.

Il meccanismo per ridurre la concentrazione dei fattori della coagulazione come sintomo del cancro del fegato nell'ultimo stadio è chiaro: le cellule epatiche sane vengono sostituite dalle cellule tumorali o rinate in esse e quindi non possono formare una percentuale singola dei fattori di coagulazione. La loro inferiorità funzionale si manifesta nella forma del sintomo descritto.

II. Cachexia, pesante perdita di peso. Alcuni paragrafi sopra, abbiamo esaminato i reclami dei pazienti, tra cui la perdita di peso; sembrerebbe, perché ripetere? Tuttavia, in questo caso stiamo parlando di cachessia - un grado estremamente pronunciato di perdita di peso, quando una persona perde fino al 70% del suo precedente peso corporeo. Molte persone si chiedono: perché la persona non ha avuto l'idea di andare da un medico prima, quando era già stata osservata un'eccessiva perdita di peso? Il medico non può dare una risposta a questa domanda - ogni paziente ha le sue ragioni, pesanti e non molto. Sottolineiamo che con la cachessia c'è una diminuzione o una completa mancanza di appetito, che ancora una volta aumenta la perdita di peso, rendendo praticamente il corpo vulnerabile alla maggior parte delle malattie una volta non pericolose.

III. Diminuzione dell'appetito Nelle fasi terminali del cancro del fegato, questo sintomo della malattia appare molto chiaramente. I pazienti sono costretti a rifiutare il cibo - qualsiasi menzione del cibo li fa vomitare. I pazienti possono digiunare fino agli ultimi giorni di vita e la durata totale del rifiuto del cibo in caso di adeguato supporto medico può essere calcolata in mesi. Una persona beve solo acqua, in rari casi, mangia un paio di cucchiai di brodo. Ovviamente, le carenze nutrizionali "spingono il paziente con la sua malattia in un vicolo cieco" ancora più profondo.

IV. Sintomi associati alla comparsa di metastasi al fegato. A causa della presenza di vari percorsi per la diffusione delle metastasi, anche i segni del loro aspetto sono variabili. Elenchiamo i reclami più frequenti:

  • forte dolore all'addome, che indica irritazione del peritoneo, cioè l'insediamento della sua superficie con cellule tumorali metastatiche;
  • dolori ossei - rispettivamente, la sconfitta del tessuto osseo;
  • Dolori di cottura lasciati - metastasi al pancreas, che causa la pancreatite asettica (cioè senza la partecipazione della flora microbica iniziale) - una condizione grave che richiede un intervento palliativo (sintomatico).

La metastasi alla regione del muscolo cardiaco provoca aritmie e altre interruzioni nel lavoro del cuore. Se i fuochi metastatici si trovano nei polmoni, si sviluppa un'insufficienza respiratoria a gradiente.

V. Sintomi associati a insufficienza epatica. Questo gruppo di sintomi è strettamente intrecciato con specifici segni di cancro al fegato: ad esempio, la mancanza di fattori di coagulazione del plasma è una conseguenza della disfunzione epatica. Vorrei includere in questo articolo segni associati a insufficiente capacità epatica per neutralizzare i prodotti metabolici tossici - indolo acido acetico, ecc. Sfortunatamente, il cancro del fegato è una malattia progressivamente progressiva in cui pericolosi composti biologici iniziano ad accumularsi nel sangue umano senza una terapia appropriata.. Tutti, in un modo o nell'altro, colpiscono il tessuto nervoso del cervello, che in pratica si riflette in un cambiamento nella psiche umana. Occasionalmente, i pazienti sono soggetti a piccole deviazioni nel loro comportamento, che è persino impercettibile per gli altri, ma più spesso si tratta di una sofferenza mentale pronunciata. Il danno organico al sistema nervoso si unisce a sentimenti comprensibili sulla presenza di una malattia grave in una persona malata, quando è noto che non è possibile effettuare un trattamento adeguato - per rimuovere il cancro. In questo caso, la cura e il trattamento di tali pazienti da parte di parenti e personale medico dovrebbero essere estremamente attenti.

Queste foto mostrano i sintomi dell'ultimo stadio del cancro del fegato:

Come determinare il cancro del fegato dai primi sintomi, cause, foto, trattamento e aspettativa di vita dei pazienti

Il cancro del fegato è una di quelle malattie, la cui proporzione tra le lesioni oncologiche del corpo è in costante aumento.

E questo è associato principalmente con un aumento del numero di pazienti con forme croniche di epatite virale di diversi tipi, nonché con una serie di altri fattori che scatenano la malattia.

Il cancro del fegato è difficile da eseguire, l'identificazione della malattia nella fase iniziale del suo sviluppo rende il trattamento molto più semplice e può portare a un completo recupero.

Il concetto e le statistiche della malattia

Malignità epatica significa lo sviluppo di cellule tumorali in questo organo. La malattia può essere primaria o secondaria.

Nel primo caso, il tumore inizia direttamente a crescere dagli epatociti, cioè le cellule di questo organo o dai dotti biliari.

La forma secondaria di cancro al fegato è rilevata circa 30 volte più spesso e si verifica a causa di metastasi, cioè sotto l'influenza di cellule tumorali che provengono da altri organi con neoplasia maligna.

Foto di cancro al fegato - angiosarcoma

Ogni anno, il danno epatico maligno viene rilevato in quasi settecentomila persone in tutto il mondo. Ma la percentuale di lesioni primarie maligne tra i pazienti identificati è solo dello 0,2%.

L'uso di pesci termicamente non trattati termina con l'infezione da parassiti che infettano le cellule del fegato.

I tumori sono più sensibili alle persone con più di 40 anni e tra gli uomini quasi 4 volte di più.

Un tale modello è stato rivelato - se un tumore si trova in un uomo, allora la probabilità che risultasse essere maligna si avvicina al 90%. La rilevazione delle formazioni epatiche nelle donne nel 60% dei casi stabilisce il loro processo benigno e il 40% maligno.

classificazione

In medicina, vengono utilizzate diverse classificazioni del cancro del fegato. Dalla sua origine, una neoplasia maligna è divisa in:

  • Primaria.
  • Secondario. Molto spesso, il tumore primario, che porta a danni agli organi, è localizzato nell'intestino crasso, nei polmoni, nel seno, nelle ovaie e nello stomaco.

Il cancro del fegato è suddiviso in base a quali cellule dell'organo si sviluppa:

  • Epiteliale. Questo gruppo comprende colangiocellulare, epatocellulare ed epato-colangiocellulare. Il cancro al fegato epiteliale può anche essere di tipo indifferenziato.
  • Non epiteliale. Questo gruppo include emangioendotelioma.
  • Misto - questo carcinosarcoma e epatoblastoma.

Video sui segni e il trattamento del cancro nel fegato:

  • Colangiocellulare - la crescita del tumore inizia dalle cellule epiteliali dei dotti biliari. All'inizio di una lesione maligna, non ci sono praticamente sintomi della malattia.
  • Epatocellular comincia a formarsi da hepatocytes, la frequenza di distribuzione è quasi nel primo luogo. Questo tipo di cancro può essere nella forma di un singolo tumore, o nella forma di una serie di piccoli noduli. Un sottotipo di questa lesione maligna è il carcinoma fibrolamellare, caratterizzato da danni a piccole aree del fegato, che migliora la prognosi della patologia.
  • L'angiosarcoma è una formazione maligna formata da cellule endoteliali vascolari. Differisce lo sviluppo estremamente aggressivo, la rapida comparsa di metastasi e la distruzione significativa del parenchima dell'organo.
  • Carcinosarcoma è un tipo misto di tumore costituito da cellule atipiche di un tumore colangiocellulare o epatocellulare e di cellule formate durante il sarcoma. Questo tipo di cancro viene rilevato raramente.
  • Epatoblastoma. Questo tipo di neoplasma maligno si sviluppa da cellule che sono simili nella struttura alle cellule degli organi embrionali. Soggetto a questa patologia, i bambini sotto i 4 anni. Manifestato da un rapido aumento dell'addome, febbre, diminuzione dell'attività.

primario

Il cancro del fegato primario è una neoplasia che inizia la sua formazione direttamente nell'organo stesso.

Nella maggior parte dei casi, la formazione di questo tumore maligno è causata da processi infiammatori cronici nell'organo e cirrosi.

Le cause del cancro primario includono:

  • Opisthorchiasis - invasione elmintica che si sviluppa quando si mangia pesce poco arrostito o crudo. Questa malattia è spesso rilevata nei fiumi Irtysh e Ob che vivono nei bacini e porta alla crescita di tumori con una struttura colangiocellulare.
  • L'impatto sul corpo dell'aflatossina è un prodotto del fungo che infetta i cereali e le noci.
  • Epatite virale In più della metà dei pazienti con carcinoma epatico primario, i test sono rilevati nel sangue dall'antigene dell'epatite B.

Si nota un effetto cancerogeno sulle cellule epatiche di catrame di tabacco, alcol, componenti di contraccettivi orali e farmaci usati dagli atleti per costruire muscoli.

Secondo la sua struttura anatomica è diviso in:

  • Massive. La dimensione della neoplasia raggiunge il pugno e dai tessuti sani dell'organo è limitata alla capsula.
  • Nodale. I tumori possono essere più di una dozzina, le loro dimensioni possono raggiungere le dimensioni di una noce.
  • Diffuse. In questa forma di lesione maligna, le cellule tumorali permeano l'intero organo.

Nella maggior parte dei casi, il carcinoma primario è il carcinoma epatocellulare. La malattia è più suscettibile agli uomini dopo 50 anni.

I primi sintomi di patologia includono l'aspetto del dolore nella parte superiore dell'addome, la rilevazione di un sigillo, la perdita di peso. La prima manifestazione di carcinoma epatocellulare è spesso la sindrome febbrile, l'ascite o la peritonite.

secondario

Secondario, cioè il cancro del fegato metastatico, si verifica quasi 30 volte più spesso rispetto alla sua forma primaria.

Con questo tipo di malattia, l'obiettivo principale è localizzato più spesso negli organi adiacenti - lo stomaco, il pancreas, i reni e le ghiandole mammarie. Meno comunemente, la causa principale della malattia si trova nelle donne nell'utero e nelle ovaie, negli uomini nella ghiandola prostatica.

Le cellule tumorali entrano nel fegato attraverso la vena porta con flusso sanguigno o flusso linfatico. Il cancro secondario è spesso la sua forma nodulare, in cui i nodi possono essere localizzati sulla superficie di un organo o al centro di esso.

I sintomi di un tumore secondario sono praticamente indistinguibili dal tipo primario di lesione maligna.

Emangioendotelioma epitelioide

L'emangioendotelioma epitelioide si sviluppa dall'endotelio che riveste i capillari del fegato. La diffusione di una neoplasia maligna si verifica lungo i vasi e copre anche i rami della vena porta.

Emangioendotelioma epitelioide deve essere differenziato da angiosarcoma e holongiocarcinoma.

cause di

La principale causa di danno epatico da parte delle cellule tumorali, così come in altri tipi di cancro, non è stata ancora stabilita.

Ma l'esame dei pazienti con questo tipo di educazione maligna ha permesso di scoprire che si verifica nella maggior parte delle persone, se uno o più dei seguenti motivi provocatori esercitano sui loro corpi:

  • Il decorso cronico dell'epatite virale, il più delle volte è l'epatite B, anche se ci sono molti casi in cui il cancro si verifica nelle persone con epatite C. Il virus è capace di mutazione, che predetermina i cambiamenti nella struttura delle cellule.
  • La cirrosi. A sua volta, la cirrosi si sviluppa spesso nelle persone con malattie virali, così come in coloro che soffrono di alcolismo. La causa della malattia può essere l'uso a lungo termine di determinati gruppi di farmaci. Nella cirrosi, il tessuto normale del fegato viene sostituito dal tessuto connettivo e questo porta a una violazione delle sue funzioni.
  • Effetti sul corpo aflatossina. Questa sostanza è un prodotto di decomposizione di funghi localizzati su prodotti le cui condizioni di conservazione sono violate. Più spesso, la tossina si moltiplica su noccioline, grano, riso, soia, mais.
  • Aumento dei livelli di ferro nel corpo. Questa patologia è denotata dal termine emocromatosi.
  • Malattia di calcoli biliari e diabete.
  • Infestazione da elminti
  • Sifilide. In questa malattia venerea, la struttura del tessuto epatico cambia costantemente.
  • L'uso di steroidi - farmaci utilizzati per aumentare la massa muscolare da parte di alcuni atleti.

Un tumore maligno è più spesso rilevato nelle persone che fumano, e l'alcol ha anche un effetto cancerogeno sugli epatociti. La probabilità di ammalarsi è aumentata nelle persone che lavorano in industrie pericolose, così come in coloro che hanno parenti stretti ereditari con questa patologia.

Sintomi di cancro al fegato in donne, uomini e bambini

Nelle fasi iniziali della formazione, il tumore non manifesta un quadro clinico pronunciato. Ed è questo che influenza il fatto che a volte la malattia si trova troppo tardi.

Nel cancro del fegato si sviluppano sintomi specifici e non specifici. Questi ultimi includono segni di intossicazione da cancro, deterioramento generale della salute, perdita di peso.

Le manifestazioni specifiche della malattia includono lo sviluppo di ittero, epatomegalia, ascite, emorragia interna. Queste manifestazioni di cancro si verificano nella terza o quarta fase.

Sintomi in una fase iniziale

Il fegato è l'organo della digestione, con la partecipazione di cui la digestione del cibo e la neutralizzazione delle sostanze nocive. Un tumore in crescita interrompe le funzioni dell'organo e la natura dell'apparato digerente cambia di conseguenza.

Pertanto, in una fase precoce della malattia, la patologia può manifestarsi:

  • Nausea, diminuzione dell'appetito, costipazione o diarrea.
  • Aumento dell'affaticamento e sonnolenza.
  • Disagio e sensazione di pesantezza sotto il giusto ipocondrio.
  • Dolori. Spesso restituiscono e scapola.
  • La formazione di un sigillo sotto le costole.
  • Colore giallo della sclera degli occhi, pelle.

Spesso una persona malata risolve la febbre e la sindrome febbrile. Lo sviluppo di questi cambiamenti è associato al lavoro del sistema immunitario, che inizia autonomamente a combattere le cellule tumorali.

Un'altra manifestazione di neoplasia è la sindrome di Cushing, che è correlata a disturbi endocrini e, nei casi avanzati, è la causa del diabete steroideo. In alcuni pazienti nelle fasi iniziali della malattia inizia a perdere peso.

Segni in ritardo

L'ultima fase del cancro al fegato è esposta quando il tumore si diffonde alla maggior parte dell'organo e si metastatizza in altre parti del corpo.

A questo proposito, non solo l'organo funziona quasi completamente, ma i disordini patologici si sviluppano in tutto il corpo.

In una neoplasia, anche la circolazione sanguigna cambia, causando anche una serie di sintomi.

Gli ultimi sintomi del cancro del fegato includono:

  • L'aspetto di un dolore quasi costante.
  • Perdita di peso acuta. In questo contesto si sviluppa l'esaurimento del corpo e l'anemia, l'affaticamento e l'aumento di sonnolenza, compare il capogiro periodico, che spesso termina con lo svenimento.
  • Disturbi del sistema nervoso, apatia, depressione.
  • La comparsa di edema alle gambe, è associata ad alterata circolazione sanguigna. Gli edemi sono rilevati in più della metà dei pazienti, e specialmente negli anziani. Il gonfiore può essere così forte da disturbare il processo del camminare.
  • Ascite. Accumulo patologico associato di fluido in violazione della sua circolazione.
  • Sanguinamento interno La crescita del tumore porta alla sconfitta delle navi e alla loro rottura. Il sanguinamento è determinato dal crescente pallore, dalla caduta della pressione sanguigna, dallo shock del paziente. Spesso, si verificano pazienti con cancro al fegato e sangue dal naso.
  • Linfonodi ingrossati di diversi gruppi.
  • Istruzione sulla pelle delle macchie scure oblunghe.

Questi sintomi si sviluppano in altre patologie, quindi la diagnosi può essere fatta accuratamente dopo un esame approfondito.

Fasi dello sviluppo della malattia

Lo stadio del cancro del fegato è esposto secondo un sistema che tiene conto della dimensione della neoplasia (T), del grado di lesione patologica dei linfonodi (N) e della presenza di metastasi (M).

  • Il primo stadio è T1, N0, M0. Il tumore è uno, non c'è germinazione nei vasi, poiché non vi è alcun danno ai linfonodi e alle metastasi.
  • Il secondo stadio è T2, N0, M0. Sono state rilevate diverse piccole neoplasie o una grande germinazione nelle pareti dei vasi sanguigni. Ma non ci sono metastasi e danni ai linfonodi.
  • Il terzo stadio è T3, N0, M0. La neoplasia è grande, ma non va oltre i limiti dell'organo. A volte la germinazione si verifica nella vena porta. T4, N0, M0 - il tumore inizia a crescere nel peritoneo e nella parete esterna degli organi adiacenti al fegato. T4, N1, M0 - germinazione del tumore negli organi adiacenti e linfonodi.
  • Il quarto stadio - T1-4, N1-4, M1. Vengono rilevati un tumore del cancro al fegato, danni a diversi gruppi di linfonodi e metastasi di almeno un organo localizzato a distanza.

Cosa c'è di diverso dalla cirrosi e dall'emangioma?

La cirrosi è una malattia caratterizzata dalla graduale sostituzione del normale tessuto connettivo degli organi. Di conseguenza, il corpo si restringe e non può più svolgere tutte le sue funzioni.

Il processo patologico può essere sospeso se viene eliminata la causa principale della cirrosi.

In una lesione cancerosa, un ulteriore cambiamento nella struttura dell'organo dipende dal tipo di lesione maligna verificatasi e dal momento in cui è iniziato il trattamento.

Il cancro del fegato si sviluppa più spesso sullo sfondo di cirrosi già esistente, e il decorso congiunto di queste patologie aggrava solo i sintomi. La cirrosi e il cancro sono due malattie per le quali la prognosi è scarsa. Molto nel prolungamento della vita in caso di cirrosi dipende dal paziente stesso, e su quanto ascolterà il parere del medico.

Un emangioma è un tumore benigno che si sviluppa dai vasi sanguigni. Nella maggior parte dei casi, non causa alcun sintomo e non richiede trattamento. Ma con grandi dimensioni di emangioma, il fegato aumenta di dimensioni, c'è una compressione delle navi e degli organi vicini.

La crescita di emangiomi, in contrasto con i tumori maligni che colpiscono i vasi sanguigni del fegato, si verifica lentamente, a volte per decenni. Un grosso tumore può esplodere, con conseguente emorragia interna.

metastasi

La diffusione di metastasi oltre il fegato si verifica quando la forma primaria del cancro. La rapida metastasi è dovuta al fatto che è abbondantemente fornita di sangue, il portale e le vene epatiche lo attraversano, e c'è una connessione con l'aorta.

Oltre al flusso sanguigno, le cellule tumorali vengono trasportate attraverso il sistema linfatico. I fuochi secondari più vicini di cancro primario possono essere nei linfonodi situati alle porte del fegato, nella testa del pancreas, mediastino. Nelle fasi successive, i linfonodi del collo e del mediastino posteriore sono metastatizzati.

Con il flusso sanguigno, il cancro può andare alle vertebre e alle costole, con tale lesione i sintomi assomigliano al corso dell'osteocondrosi.

Successivamente, le cellule tumorali passano nel tessuto polmonare, nel diaframma, nel pancreas, nello stomaco, nelle ghiandole surrenali, nei reni, e il rene destro subisce metastasi molte volte più spesso.

Come determinare la malattia?

Se si sospetta il cancro del fegato, al paziente viene assegnato un numero di esami strumentali, tra cui:

Come curare un tumore maligno?

Nel caso in cui il cancro del fegato sia rappresentato da una educazione di dimensioni singole e piccole, viene prescritto un trattamento chirurgico. Dopo che la rimozione dell'organo ha avuto successo, può recuperare e quindi c'è un risultato favorevole della malattia.

La chemioterapia viene utilizzata se è impossibile eseguire un intervento chirurgico o come un ulteriore metodo di trattamento. Una maggiore efficacia dei farmaci viene osservata se vengono iniettati direttamente nell'arteria che fornisce il tumore.

In alcuni casi, l'introduzione di acido tricloroacetico o alcool è mostrata nel tumore, queste sostanze hanno un effetto distruttivo. Negli stadi avanzati del cancro, viene selezionato il trattamento palliativo.

Quanti pazienti vivono?

La prognosi della malattia epatica maligna è influenzata dalla dimensione del tumore, dal numero di neoplasie e dalla presenza di metastasi nell'organo stesso. Il tasso di sopravvivenza dei pazienti è più alto se l'intervento chirurgico è il meno traumatico.

I pazienti con un singolo nodo sopravvivono in non più della metà dei casi, con due nodi si ha un esito favorevole per circa il 30%. La prognosi più sfavorevole se ci sono diversi nodi - con una tale lesione, solo il 12 e fino al 18% delle persone sopravvive per cinque anni.

Nella fase 3-4 del cancro del fegato si verifica una rapida metastasi e quindi la morte è possibile in pochi mesi.

Video sul cancro epatico:

Come si può ottenere il cancro del fegato, dire il seguente video:

I primi sintomi e manifestazioni del cancro del fegato negli adulti e nei bambini

Tra le gravi patologie tumorali con rapida progressione e esiti avversi si annoverano il cancro al fegato. La malattia si sviluppa quando cellule epatiche sane vengono sostituite da cellule tumorali per una serie di motivi. I tumori nel fegato possono essere primari e secondari. I tumori primari provengono direttamente dalle cellule del fegato che costituiscono la struttura dell'organo e vengono diagnosticati nel 3% del numero totale di pazienti oncologici. Un problema serio è il cancro secondario, in cui il fegato è affetto da cellule tumorali portate da altri organi.

Negli ultimi anni, l'incidenza dell'oncopatologia del fegato è aumentata. Secondo le statistiche, la malattia colpisce annualmente 250 mila persone nel mondo. I tumori del fegato sono più spesso diagnosticati negli uomini e le donne sono ammalate 4 volte meno spesso. Per quanto riguarda la relazione tra l'incidenza del cancro al fegato e l'età non ci sono dati esatti - la patologia può apparire a qualsiasi età, incluso il periodo dei bambini.

Varietà e fasi

Oltre alla divisione del cancro del fegato in primario (nella forma di carcinoma epatocellulare) e secondario (metastatico), esiste una classificazione diversa. Al suo centro è l'isolamento delle varietà di oncopatologia per caratteristiche strutturali e posizione del tumore.

  • Carcinoma colangiocellulare di epatite Forma combinata di carcinoma epatico primario, è tra i tumori maligni di tipo epiteliale. Differisce asintomatico nelle fasi iniziali e rapido progresso con esito fatale.
  • Carcinoma fibroplamellare. Colpisce i bambini sotto i 5 anni e i giovani sotto i 35 anni. Il tumore è rappresentato da cellule tumorali eosinofile e tessuto fibroso. Formata nel fegato di parineham.
  • Cistoadenocarcinoma epatico. Presentato dal tipo di struttura del tumore con una struttura cistica. Colpisce le vie biliari e il parinema. Cistoadenocarcinoma spesso ha origine da cisti ordinarie e tumori benigni del tipo di cistoadenoma.
  • Emangioendotelioma epitelioide. Ha un carattere maligno più piccolo e una crescita lenta, a differenza di altri tumori del fegato. Ma spesso dà focolai metastatici agli organi più vicini e lontani, il che aggrava il decorso della malattia.
  • Cancro colangiocellulare. Formata durante le mutazioni delle cellule epiteliali che rivestono i dotti biliari. Viene diagnosticato raramente, ma è caratterizzato da un decorso grave.
  • Angiosarcoma. Si manifesta negli anziani e nelle persone affette da agenti chimici (arsenico, cloruro di vinile). L'angiosarcoma colpisce non solo il paranormale epatico, ma anche il sistema di rifornimento di sangue della ghiandola. Il tumore non è praticamente operabile.
  • Epatoblastoma. Presentato sotto forma di tumore maligno primario del fegato con origine embrionale. Si verifica nei bambini di età non superiore ai 4-5 anni. In casi eccezionali, l'epatoblastoma viene diagnosticato in persone di età matura.
  • Sarcoma indifferenziato. Si sviluppa dagli elementi del tessuto connettivo del parineham e dei vasi epatici. Prona alla germinazione negli organi più vicini. Il sarcoma indifferenziato è caratterizzato da un corso di lampo e da un quadro clinico vivido. Colpisce principalmente i bambini.

Fasi di oncopatologia

Ci sono 4 stadi di cancro al fegato. Ognuno è caratterizzato da alcuni sintomi, la dimensione e l'attività della neoplasia, il grado di distribuzione generale del processo patologico.

  • Fase I Un singolo tumore maligno nel fegato, le dimensioni possono variare. Il tumore è concentrato all'interno della ghiandola, senza lasciare i suoi contorni. Il processo oncologico non interessa i vasi epatici, i linfonodi e gli organi adiacenti.
  • Fase II Nel fegato, si forma un singolo nodulo tumorale che cresce in vasi sanguigni localizzati in posizione ravvicinata. Se ci sono diverse formazioni tumorali, ma la loro dimensione non supera i 5 cm, la malattia viene anche riferita allo stadio II.
  • Fase III. Flussi in diversi periodi. Nel primo stadio (stadio IIA), nel fegato sono presenti più nodi tumorali superiori a 5 cm, ma i linfonodi e gli organi adiacenti non sono coinvolti nel processo patologico. Nel secondo periodo (stadio IIIB), la neoplasia inizia a germinare nelle grandi vene epatiche. Allo stadio IIIC, il tumore si metastatizza agli organi più vicini. I linfonodi e gli organi distanti non sono ancora influenzati dalle cellule tumorali.
  • Stadio IV. È terminale Il tumore colpisce gli organi interni, le vene e le arterie. Le cellule tumorali si diffondono attraverso il flusso sanguigno in tutto il corpo, invadendo qualsiasi organo (incluse le ossa) e i linfonodi.

Possibili cause

Lo sviluppo di patologie tumorali contribuisce ai numerosi fattori di rischio. Le più significative sono le patologie acute e croniche:

  1. Epatite virale L'infiammazione sullo sfondo dell'epatite influisce negativamente sulla struttura del fegato e provoca una mutazione degli epatociti a livello cellulare. Di conseguenza, le cellule del fegato si trasformano in cellule tumorali. Se una persona è malata di epatite virale per lungo tempo, aumenta il rischio di sviluppare un cancro al fegato.
  2. La cirrosi epatica con un lungo percorso porta alla sostituzione di tessuti a pieno titolo con un connettivo denso. Se la cirrosi è aggravata dal decorso dell'epatite o da una forma cronica di alcolismo, il rischio di sviluppare un cancro al fegato aumenta di 2-3 volte.
  3. L'emocromatosi come malattia ereditaria sistemica causa una violazione dell'assorbimento del ferro, a causa della sofferenza del fegato. Epatomegalia e cirrosi si sviluppano, gradualmente gli epatociti acquisiscono le proprietà delle cellule tumorali.
  4. Malattia da calcoli biliari. L'accumulo di calcoli nelle vie biliari causa stagnazione della bile, provocando complicazioni sotto forma di processi infiammatori e neoplastici.
  5. Sifilide. Il decorso della malattia influisce negativamente sullo stato delle cellule epatiche. E in individui con un lungo decorso di sifilide, il fegato viene distrutto e si forma un tumore canceroso.
  6. Il diabete mellito. La malattia causa gravi disturbi endocrini, i lipidi si accumulano nel sangue. Di conseguenza, il fegato soffre e le cellule del fegato vengono distrutte. C'è un aumentato rischio di cancro al fegato se un paziente con diabete ha una storia di epatite, fibrosi o alcolismo.

Oltre alle malattie somatiche, i fattori negativi nella forma di possono causare il cancro al fegato metastatico e primario:

  • Cattive abitudini L'assunzione sistematica di alcol e il tabagismo a lungo termine contribuiscono alla distruzione degli epatociti e al flusso di processi mutazionali.
  • Uso a lungo termine di steroidi anabolizzanti e contraccettivi orali. Questi fondi creano un carico intenso sul fegato, causando la formazione di tumori benigni (emangioma, adenoma) e la loro possibile trasformazione in strutture tumorali.
  • Eredità gravata. Se i parenti stretti hanno tassi di incidenza di oncopatologia del fegato, la probabilità di sviluppare il cancro di un paziente è alta.
  • Effetti prolungati di agenti cancerogeni e agenti chimici. I prodotti chimici industriali (veleni agricoli, arsenico, cloruro di vinile) e medicinali (diossido di torio) comportano un potenziale pericolo nello sviluppo di patologie del cancro del fegato.

I sintomi della malattia

Un tumore canceroso nel fegato si forma in sequenza. Il quadro clinico comprende sintomi non specifici simili alle manifestazioni di malattie delle vie biliari - colangite, colecistite, epatite. I segni di cancro del fegato nelle fasi iniziali sono spesso assenti - a volte il paziente si sente soddisfatto anche con un tumore in via di sviluppo e non presenta alcun problema di salute. Occasionalmente, ci possono essere debolezza e leggero disagio nella parte destra.

Allo stadio II, il quadro clinico diventa evidente a causa dell'aumento della formazione del tumore. Il paziente è preoccupato per la stanchezza e la sonnolenza. Il dolore nell'addome diventa periodico, intensificato dopo l'attività fisica. Dalla natura del dolore noioso o dolente, completato dalla pesantezza nell'ipocondrio destro. Inoltre, la dispepsia si sviluppa sotto forma di episodi di nausea e feci instabili (diarrea cambia in costipazione).

Nel cancro del fegato in stadio III, il benessere del paziente si deteriora rapidamente. Il fegato cresce di dimensioni, acquisisce una consistenza grumosa e densa. Il cancro può essere sentito attraverso la superficie esterna del peritoneo. Il processo di escrezione biliare è compromesso, la manifestazione principale è lo sviluppo di ittero ostruttivo. Il paziente soffre di prurito, le feci si scoloriscono e l'urina si scurisce. Altri segni di cancro al fegato nella fase III includono:

  1. perdita di appetito, intolleranza alla carne e preferenze di gusto inusuali;
  2. aumento dell'esaurimento;
  3. grave debolezza generale;
  4. comparsa di vene varicose sulla pelle, associata ad una maggiore fragilità dei vasi sanguigni;
  5. sensazioni di dolore che diventano permanenti.

Nella fase finale (terminale), i sintomi del cancro del fegato sono espressi intensamente. Le condizioni del paziente sono gravi - anemia, l'anoressia è in aumento, si verifica febbre con brividi. Quasi tutti i malati di cancro sviluppano la sindrome emorragica - sanguinamento spesso ripetuto dal naso o nel tratto digestivo. Un tipico segno di cancro allo stadio terminale è un aumento del volume dell'addome dovuto all'ascite. La fase terminale finisce inevitabilmente con la morte.

complicazioni

Complicazioni sullo sfondo del cancro del fegato possono verificarsi in qualsiasi momento, compresi quelli iniziali. Il più delle volte nei pazienti con cancro del fegato è complicato:

  • Suppurazione e disintegrazione del corpo del tumore, che è accompagnato da febbre, dolore all'addome di natura diffusa, malessere pronunciato, completa scomparsa dell'appetito. Durante l'ecografia, lo specialista richiama l'attenzione sull'accumulo di pus nel corpo della neoplasia e nei suoi contorni erosi.
  • Lo sviluppo di disturbi endocrini in base al tipo di sindrome di Itsenko-Cushing. La patologia si verifica in pazienti affetti da cancro in uno stato di eccessiva secrezione di cellule mutate di sostanze simili agli ormoni.
  • Sanguinamento intraperitoneale Una delle complicazioni gravi, che spesso termina con la morte per un'abbondante perdita di sangue e shock. Si verifica nel 15% dei pazienti con cancro epatico allo stadio terminale.
  • Ampie metastasi Si verifica in tutti i pazienti nelle fasi finali. Le metastasi nel cancro del fegato possono essere di natura intraorganica - quando il tumore penetra in altre parti della ghiandola; regionale - la penetrazione delle cellule tumorali nei linfonodi locali; e distante - la penetrazione delle cellule tumorali nell'esofago, spina dorsale, costole, ovaie.

diagnostica

Lo stadio iniziale della diagnosi per sospetto danno epatico maligno comprende una conversazione con il paziente sui reclami effettivi e sui periodi di prescrizione del loro aspetto. Il medico effettua un esame fisico, prestando attenzione ai dati oggettivi - un addome deformato ingrandito con una rete vascolare pronunciata, un giallo della pelle e degli occhi scleras, dolore durante la palpazione e percussione del fegato.

La diagnosi di laboratorio è obbligatoria e include:

  • test del fegato per determinare la concentrazione di enzimi epatospecifici (ALT e AST, GGT);
  • un esame del sangue per gli indicatori della bilirubina e delle sue frazioni, proteine ​​totali, fosfatasi alcalina;
  • sangue per i marcatori tumorali, compresa la determinazione del livello di alfa-fetoproteina;
  • coagulazione del sangue.

La fase strumentale dell'esame inizia con l'ecografia. Utilizzando l'ecografia, vengono rilevati la presenza di un tumore, la sua struttura, localizzazione e densità. Per ottenere le informazioni più dettagliate e accurate eseguite:

  1. La TC del fegato (con e senza contrasto) è un metodo che consente di rilevare i più piccoli noduli tumorali. Con l'aiuto della TC, si ottiene un'immagine di una sezione sottile del fegato, che consente di determinare la profondità della lesione del parinecham e del dotto biliare.
  2. Liver MRI è uno studio che esamina in dettaglio la struttura del corpo del tumore, la sua struttura da diverse angolazioni.
  3. La biopsia epatica - il metodo più informativo, conferma la presenza di cancro al 100%. Nei pazienti con sospetta malattia epatica maligna, una biopsia viene eseguita mediante puntura sotto guida ecografica.

Se ci sono dubbi nella diagnosi, condurranno a condurre studi chiarificatori sotto forma di scintigrafia statica, angiografia del tronco celiaco, splenoportografia, tomografia computerizzata a emissione monocromatica. Se il paziente sospetta un tumore metastatico, è necessario determinare la lesione tumorale primaria. Per fare questo, nomina:

  • clisma opaco;
  • fibrocolonoscopy;
  • endoscopia;
  • Ultrasuoni degli organi pelvici e del seno (nelle donne);
  • Ecografia della prostata;
  • radiografie del torace;
  • urografia endovenosa.

Metodi di trattamento

La tattica del trattamento del cancro del fegato è selezionata in base allo stadio e alla forma della malattia, alle condizioni generali e alle caratteristiche individuali dell'organismo. Se il tumore ha un'origine primaria ed è operabile, ricorre alla terapia combinata, inclusa la rimozione chirurgica del tumore mediante resezione seguita da un ciclo di chemioterapia (metotrexato, 5-fluorouracile). La resezione epatica può essere eseguita sotto forma di lobectomia, emiepatectomia o in forma atipica.

La resezione epatica non viene eseguita se il tumore raggiunge le dimensioni di oltre 3 cm e in presenza di cirrosi. L'intervento chirurgico è vietato se il corpo del tumore è germogliato nella rete di vasi sanguigni epatici. Dopo la resezione epatica, c'è il rischio di morte - fino al 10% dei pazienti muore principalmente da encefalopatia epatica. La resezione per il tumore secondario viene eseguita solo se il tumore principale è operabile e i fuochi metastatici sono concentrati in uno dei lobi del fegato.

Altre opzioni per il trattamento del cancro del fegato:

  • La chemioterapia nel trattamento dell'oncopatologia viene utilizzata da sola o in combinazione. Il metodo è spesso usato per alleviare la condizione dei pazienti con forme inoperabili di cancro al fegato. Il miglior effetto della chemioterapia si ottiene con l'introduzione di farmaci citotossici nella vena porta.
  • La terapia protonica è un modo moderno e altamente efficace per combattere il cancro al fegato. Con l'aiuto della terapia protonica, il tumore è influenzato dai raggi dei fotoni, la radiazione viene distribuita solo nell'area interessata.
  • La termoablazione a radiofrequenza è un metodo basato sull'effetto della corrente ad alta frequenza sul corpo di un tumore. Di conseguenza, la neoplasia viene riscaldata oltre 60 gradi e necrotica.
  • La radioterapia viene utilizzata raramente a causa della scarsa efficacia. Con l'aiuto della radioterapia, è possibile rallentare la crescita di un tumore canceroso e fermare il dolore, ma allo stesso tempo i tessuti sani sono influenzati dalle radiazioni.
  • Il trapianto di fegato è un metodo costoso ma molto efficace per trattare il cancro del fegato, dando la possibilità di un completo recupero. Basato sul trapianto di una ghiandola sana da un donatore a un paziente.

dieta

La dieta è necessaria per i pazienti con cancro del fegato. Lo scopo della dieta è ridurre il carico sul fegato e sul tratto digestivo e allo stesso tempo fornire i bisogni nutrizionali dell'organismo indebolito. Il principio principale dell'alimentazione: mangiare in piccole porzioni, ma spesso. Trattamento termico: solo bollire (può essere cotto a vapore), stufare, cuocere senza aggiungere olio. Limite di sale, così come il consumo di grandi volumi di liquidi - questo può causare gonfiore.

Il cibo dovrebbe essere vario e includere alimenti che sono utili per il funzionamento del fegato:

  1. latticini a basso contenuto di grassi come fonte di calcio e minerali;
  2. cereali (grano saraceno, avena) come fonte di carboidrati facilmente digeribili;
  3. succhi di verdura appena spremuti (carota, barbabietola rossa), che aiutano con l'assunzione regolare di aumentare l'emoglobina;
  4. carne magra (coniglio, vitello) e pesce (pesce persico, merluzzo) per prevenire il deficit proteico.

In quantità limitate, puoi mangiare verdure fresche e frutta, uova sode, fiocchi di latte, una varietà di oli - cremoso, oliva, girasole. Se i pazienti non hanno il desiderio di mangiare, è permesso mangiare piatti che aumentano l'appetito - aringa salata, crauti.

L'elenco dei prodotti vietati include:

  • cibi fritti;
  • carne grassa (maiale, agnello);
  • fast food e alimenti contenenti coloranti e esaltatori di sapidità;
  • piatti con spezie e aceto;
  • margarina;
  • confetteria (tranne marshmallow e marmellata);
  • liquori e caffè.

Prognosi e prevenzione

Con la diagnosi precoce (che è estremamente rara), la prognosi per la sopravvivenza è favorevole. Se un tumore maligno al fegato viene diagnosticato nella fase iniziale, dopo l'intervento chirurgico, oltre il 75% dei pazienti vive per 5 anni e più a lungo. Se il cancro viene rilevato più tardi, quando un tumore raggiunge una dimensione superiore a 3 cm, la sopravvivenza diminuisce bruscamente: non più del 20% dei pazienti vive più di 5 anni.

Le forme inoperabili di cancro del fegato primario sono estremamente sfavorevoli nei piani prognostici. L'aspettativa di vita dei pazienti con patologia allo stadio terminale non supera i 6 mesi dal momento della conferma della diagnosi. Anche le forme metastatiche di cancro al fegato non lasciano possibilità di guarigione.

Le misure preventive sono ridotte per ridurre al minimo l'impatto delle cause delle mutazioni cellulari e della loro neoplasia:

  1. prevenire lo sviluppo dell'epatite B attraverso la vaccinazione (vaccino contro l'epatite B);
  2. rifiuto di alcol e nicotina;
  3. buon comportamento alimentare;
  4. rispetto delle norme di sicurezza quando si tratta di sostanze chimiche dannose.

Le persone con una storia familiare gravata dal cancro o affette da forme croniche di malattie infiammatorie del fegato dovrebbero visitare periodicamente un epatologo, almeno un anno per sottoporsi a un'analisi del sangue avanzata e sottoporsi al controllo dispensario.