Prevenzione per la cirrosi epatica

Sintomi

Lascia un commento 802

La cirrosi è una malattia pericolosa che porta a cambiamenti irreversibili nel corpo, quindi la prevenzione della cirrosi è un passo importante nella prevenzione della malattia. Le misure preventive sono anche utilizzate per mantenere un corpo malato. Aiuteranno a prolungare la vita del paziente ed evitare le conseguenze.

Per prevenire l'infiammazione del fegato, è possibile abbandonare cattive abitudini e sottoporsi a esami periodici.

Modi per prevenire la cirrosi

loading...

La prevenzione non dà la certezza assoluta che la cirrosi non influisce sul fegato, ma può aumentare le possibilità di un potenziale paziente. Quando compaiono i primi sintomi della malattia, dovresti consultare immediatamente un medico.

Il fattore più pericoloso che può scatenare la malattia è l'alcol. L'uso a lungo termine di alcol più spesso di altri provocatori della malattia è la causa dello sviluppo della cirrosi. È anche importante prevenire infezioni virali e parassitarie, intossicazioni da avvelenamento, ecc.

La prevenzione della malattia non può fare a meno di speciali farmaci che influenzano positivamente il funzionamento del fegato.

Modifica dello stile di vita: raccomandazioni generali

La prevenzione della cirrosi inizia con un cambiamento nel corso e nel ritmo della vita. Le nostre cattive abitudini distruggono lentamente il fegato e altri organi.

Misure profilattiche per la cirrosi:

  • sottoporsi a terapia vitaminica con un complesso di vitamine e minerali;
  • l'epatite proibisce qualsiasi intenso sforzo fisico e stress;
  • calma fisica e psico-emotiva in presenza di cirrosi inattiva;
  • divieto totale sull'uso di bevande alcoliche;
  • smettere di fumare e uso di droghe;
  • ricco di vitamine alimentari;
  • mantenere un equilibrio di proteine, grassi e minerali nella dieta quotidiana;
  • divieto di qualsiasi nocività (ad esempio cibo affumicato e piccante);
  • stile di vita attivo;
  • studi programmati sull'apparato digerente con esofagoduodenoscopia;
  • azioni preventive contro l'epatite e la loro terapia in presenza della malattia;
  • trattamento tempestivo adeguato delle malattie dell'apparato digerente, ad esempio gastrite, ulcera, pancreatite, ecc.

La cessazione di alcol

Il punto più importante nella prevenzione della cirrosi è il rifiuto dell'uso di bevande alcoliche, indipendentemente dalla loro forza. In ogni alcool c'è l'etanolo, che ha un effetto così devastante sul fegato - l'unica differenza nella quantità.

Le norme distruttive del consumo di alcol per le donne sono 3 volte meno che per gli uomini, inoltre, le donne avranno un periodo più breve di alcolismo, portando alla cirrosi. Ciò è dovuto alle differenze ormonali negli organismi del sesso femminile e maschile.

Il rifiuto di bere alcolici in caso di cirrosi alcolica non è solo prevenzione, ma anche trattamento. L'eliminazione di una cattiva abitudine per gli alcolisti è un passo estremamente difficile, che spesso richiede l'aiuto di parenti e medici.

Protezione da virus

Epatite virale B, C, D sono malattie gravi che spesso si sviluppano in cirrosi, quindi è necessario sapere come proteggersi da loro. L'epatite virale si diffonde con il sangue, quindi sono ampiamente rappresentati nei circoli dei tossicodipendenti. Usano un ago non sterile per tutti, che fa passare la malattia da un paziente all'altro.
Puoi anche infettarti con trasfusioni di sangue o con l'introduzione dei suoi componenti, anche se tutto il sangue donato dai donatori è in fase di test.

Gli strumenti che non sono stati sottoposti a una sterilizzazione adeguata possono portare alla malattia, quindi è possibile essere infettati quando si visita un cosmetologo, un manicure o un dentista. È importante andare da un maestro esperto e monitorare la sterilità dei materiali.

La malattia viene trasmessa sessualmente, pertanto, come misura preventiva, è necessario prendere sul serio la scelta di un partner e utilizzare una contraccezione barriera (preservativo), indipendentemente dal tipo di rapporto sessuale.

L'epatite può essere trasmessa da madre a figlio, quindi è importante prestare maggiore attenzione alla gestione della gravidanza.

L'epatite B è la più facilmente tollerata e facilmente stabilita, quindi è meglio avere un vaccino.

Protezione parassita

Per prevenire l'infezione parassitaria, è necessario seguire semplici regole:

  • lavarsi bene le mani dopo aver fatto il bagno, prima di usare il cibo;
  • lavare accuratamente verdure e frutta;
  • aderire all'igiene personale;
  • effettuare il corretto trattamento termico dei prodotti;
  • prestare attenzione alla freschezza e alla qualità dei prodotti, ecc.
Torna al sommario

Protezione contro l'azione di sostanze tossiche

L'uso di droghe senza prescrizione medica può avere effetti estremamente negativi sullo stato del fegato, causando cirrosi di origine medicinale. Ciò è dovuto al fatto che quasi tutti i farmaci sono metabolizzati dal fegato.

Il tasso di sviluppo della malattia diventa significativamente inferiore in 2-8 mesi dopo il fallimento del farmaco.

Il provocatore tossico può essere il risultato del lavoro nella produzione pericolosa. In questo caso, non sarà possibile limitarsi completamente dall'impatto negativo, ma usando l'equipaggiamento di protezione personale si può ridurre il danno.

Prevenzione delle malattie cardiovascolari

Problemi con il lavoro del muscolo cardiaco possono provocare processi congestizi nelle vene del fegato, che è una causa comune di cirrosi.

  • corretta alimentazione;
  • sport e passatempo attivo;
  • limitare la quantità di sodio nella dieta;
  • rifiuto di cattive abitudini, ecc.
Torna al sommario

Modalità di alimentazione

La dieta non è importante solo per la prevenzione delle malattie, è parte integrante del trattamento.

Prima di tutto, è necessario rifiutare grassi, fritti, salati, piccanti, affumicati, ecc. Tali prodotti sono pesanti per gli organi digestivi. La quantità di sale si consiglia di ridurre a 2 grammi al giorno.

È necessario regolare la modalità di mangiare cibo. Hai bisogno di mangiare in piccole porzioni 5-6 volte al giorno.

Prevenzione della cirrosi con l'aiuto di farmaci per il fegato

loading...

Per mantenere la funzionalità dell'organo nelle prime fasi della cirrosi, vengono prescritti farmaci che lo supportano, così come gli epatoprotettori. Questi fondi non sono sufficienti per la cirrosi diagnosticata, poiché è necessaria una terapia complessa, che include molti farmaci.
Gli epatoprotettori raccomandati per la cirrosi si basano su:

  • amminoacidi;
  • piante;
  • prodotti animali;
  • fosfolipidi essenziali.

Si ritiene che un buon effetto sul cardo mariano, così spesso consigliato decotti basati su questa pianta. Il cardo mariano protegge l'organo e promuove la rigenerazione a livello cellulare. I medici prescrivono farmaci che includono una pianta, come Kars.

Gli esperti raccomandano anche l'uso di diuretici.

Oggi ci sono molti strumenti che possono prolungare la vita del paziente. Le misure preventive e il trattamento possono rallentare la progressione della malattia.

Prevenzione della cirrosi epatica

loading...

La cirrosi epatica può essere causata da molte ragioni, quindi le misure per la sua prevenzione sono ridotte all'eliminazione o alla riduzione dell'influenza di questi fattori.

Considera le cause della cirrosi epatica:

  1. alcool
  2. Virus dell'epatite B, C, D
  3. parassiti
  4. Azione di sostanze tossiche
  5. Anomalie geniche
  6. Fattori autoimmuni
  7. Malattie del sistema cardiovascolare
  8. Malattie infiammatorie del fegato e della cistifellea

Anche la cirrosi epatica criptogenetica è comune: le sue cause sono sconosciute.

L'effetto di molti di questi fattori può essere escluso, anche se, ovviamente, è impossibile influenzare lo sviluppo di disturbi genetici e malattie della natura autoimmune al momento. Ma puoi prendere alcune misure per prevenire la cirrosi epatica.

Misura n. 1: rifiuto dell'alcol

loading...

Una delle prime misure di questo tipo sarà il rifiuto dell'alcool, o almeno il suo uso moderato. Questo si riferisce alle bevande alcoliche di qualsiasi natura e con qualsiasi contenuto di etanolo.

Il fatto è che lo sviluppo della cirrosi non è associato al tipo di bevanda, ma alla quantità totale di alcol etilico.

Pertanto, l'uso a lungo termine di 40 go più di etanolo al giorno può portare a cirrosi epatica. Per maggiore chiarezza: 40 g di etanolo sono contenuti in 100 ml di vodka, 330 ml di vino, 1000 ml di birra.

Per le donne, questa cifra è anche leggermente ridotta, perché sviluppano la cirrosi alcolica più velocemente a causa delle peculiarità dello stato ormonale.

Quindi, limitare l'uso di alcol è un importante contributo alla prevenzione della cirrosi epatica e di altre malattie di natura alcolica.

Misura n. 2: protezione da virus

loading...

È anche possibile proteggere contro l'infezione da virus dell'epatite. Per fare questo, è necessario prima conoscere il percorso dell'infezione - l'epatite B, C e D sono trasmesse attraverso il contatto con il sangue di una persona infetta. Ecco alcuni modi in cui ciò può accadere:

  • L'uso di droghe per via endovenosa. I tossicodipendenti soffrono spesso di epatite B o C e sono spesso infetti da HIV. Quando si usano i farmaci da una siringa, i virus vengono trasferiti da una persona all'altra.
  • Trasfusione di componenti e sangue intero. Nonostante il fatto che il sangue venga accuratamente controllato prima della trasfusione e durante la raccolta, è possibile un'infezione da epatite.
  • Mancanza di sterilità con varie procedure mediche, strumenti non sterili. Può essere dentale, cosmetico o manicure. Quando si visitano i saloni di unghie, si eseguono le procedure di iniezione con i cosmetologi, il trattamento in odontoiatria, è necessario monitorare la sterilità degli strumenti. Sentiti libero di chiedere che gli strumenti siano sterilizzati in tua presenza. Lo stesso vale per i saloni di tatuaggi e piercing.
  • Oggetti comuni di igiene personale con una persona malata. Pettine, spazzolino da denti, forbici, rasoio devono essere rigorosamente individuali, anche nel caso di membri della stessa famiglia.
  • È anche possibile la trasmissione sessuale. Bisogna fare attenzione a usare un preservativo. C'è anche un aumentato rischio di infezione durante rapporti sessuali "non standard" non protetti (attraverso il "sedile posteriore").
  • Trasmissione verticale durante il parto. In questo caso, una madre infettata dal virus dell'epatite deve essere attentamente monitorata ed esaminata da un ginecologo e da uno specialista in malattie infettive.

Devi anche sapere che è molto più facile essere infettati dal virus dell'epatite B che dall'epatite C. La quantità di virus dell'epatite B richiesta per l'infezione è molto piccola (a differenza di C), e la sua resistenza nell'ambiente esterno e ai soliti metodi di disinfezione è anche molto alta.

Il virus dell'epatite C muore quasi immediatamente nell'ambiente, bollendo e disinfettando. L'epatite D può essere infettata solo se il virus dell'epatite B è già presente nel corpo.

A questo proposito, oltre alle misure preventive sopra elencate, è consigliabile essere vaccinati contro l'epatite B. Attualmente, questo vaccino è incluso nel calendario nazionale e la prima volta viene fatto nell'ospedale di maternità.

Gli adulti possono farlo da soli in un centro di vaccinazione a pagamento o gratuitamente presso la clinica della comunità. Prima di vaccinarti, devi consultare un terapeuta sulla presenza di controindicazioni.

Misura n. 3: protezione contro i parassiti

loading...

Per proteggersi dall'infezione da parassiti, è necessario seguire le regole dell'igiene personale: lavarsi accuratamente le mani, così come verdure, frutta, frutta secca, ecc.

Misura n. 4: protezione da sostanze tossiche

loading...

Tale fattore, come l'effetto delle tossine, non può sempre essere completamente eliminato, ma è molto probabile che diminuisca. Va ricordato che molte sostanze medicinali (la maggior parte) sono metabolizzate nel fegato e alcune di esse hanno un effetto negativo e distruttivo su di essa.

Ecco perché è impossibile usare i farmaci in modo incontrollabile. Tutti i farmaci devono prescrivere un medico. Altre sostanze tossiche si trovano in alcune industrie, questo fattore, ovviamente, non può essere completamente escluso, ma devono essere utilizzati appropriati dispositivi di protezione.

Inoltre, i veleni dei funghi hanno un effetto negativo, quindi quando mangi questo prodotto per il cibo, devi stare attento.

Misura n. 5: Prevenzione delle malattie cardiovascolari

loading...

Alcune malattie cardiache causano congestione venosa nel fegato, portando a cirrosi.

Per la prevenzione delle malattie cardiovascolari, è necessario osservare almeno quanto segue: aderire ad una corretta alimentazione, non abusare di sale e bevande alcoliche, esercitare regolarmente o, almeno, lo sforzo fisico quotidiano.

È inoltre necessario controllare la pressione sanguigna e il peso.

Misura n. 6: corretta alimentazione

loading...

Le malattie infiammatorie del fegato e della cistifellea possono essere prevenute evitando cibi grassi, fritti, piccanti, alcool e fumo. Naturalmente, queste misure non escluderanno completamente la loro possibilità, ma ridurranno il rischio di queste patologie.

Cirrosi epatica: segni, trattamento, quanti vivono con essa

loading...

Cirrosi epatica: segni, trattamento, quanti vivono con essa

loading...

contenuto

loading...

La cirrosi epatica è una malattia cronica che è accompagnata da cambiamenti strutturali nel fegato con la formazione di tessuto cicatriziale, restringimento dell'organo e diminuzione della sua funzionalità.

La cirrosi può svilupparsi sullo sfondo dell'abuso di alcol a lungo termine e sistematico, dell'epatite virale, seguita dalla sua forma cronica, o come conseguenza di disordini autoimmuni, ostruzione dei dotti biliari extraepatici, colangite.

La scienza ha assistito a casi di prolungata insufficienza cardiaca, danni epatici parassitari, emocromatosi, ecc., Che hanno portato a questa malattia.

Cause della cirrosi epatica

loading...

- Epatite virale (B, C, Delta, G). I virus C e Delta sono i più cirrogenici e il virus dell'epatite C è definito un "killer delicato", poiché porta al cirrosi epatica nel 97% dei casi e la malattia non ha manifestazioni cliniche da molto tempo;

- Epatite autoimmune (quando il corpo percepisce le proprie cellule come straniere);

- L'abuso di alcol, la malattia si sviluppa in 10-15 anni dall'inizio (60 grammi / giorno per gli uomini, 20 g / giorno per le donne);

- Disturbi metabolici (emocromatosi, malattia di Wilson Konovalov, deficit di alfa-1-antitripsina, ecc.);

- Sostanze tossiche chimiche e medicinali;

- Farmaci epatotossici;

- Malattie delle vie biliari - ostruzione (blocco) delle vie biliari extraepatiche e intraepatiche. La cirrosi epatica si sviluppa 3-18 mesi dopo la violazione del dotto biliare;

- Congestione venosa prolungata del fegato (pericardite costrittiva, malattia veno-occlusiva, insufficienza cardiaca)

Sfortunatamente, è spesso impossibile identificare la causa della cirrosi, nel qual caso si chiama cirrosi criptogenica (cioè, con una causa sconosciuta).

I sintomi della cirrosi

loading...

Per lungo tempo, per anni, sono possibili sintomi di debolezza o quasi completa assenza di sintomi. Le lamentele più comuni sono: debolezza, affaticamento, fastidiose sensazioni nel fegato.

Gli "asterischi" vascolari, l'ingrandimento dei piccoli capillari sanguigni della pelle della fascia scapolare, l'eritema delle mani ("palmi epatici"), ecc. Possono essere segni della malattia.

Con lo sviluppo della malattia, si forma l'ipertensione portale (stasi del sangue e aumento della pressione nella vena porta, attraverso la quale tutto il sangue dall'intestino deve entrare nel fegato), con sintomi speciali: ascite (liquido libero nello stomaco), un aumento delle dimensioni della milza, che è spesso accompagnato da leucocitopenia e trombocitopenia (una diminuzione del numero di piastrine e leucociti nel sangue), si manifesta la rete venosa nell'addome.

Un indicatore caratteristico della presenza di ipertensione portale in un paziente è le vene varicose esofagee, questo sintomo viene diagnosticato durante la gastroscopia o l'esame a raggi x.

Vi sono segni di ipoproteinemia (riduzione delle proteine), anemia, aumento del livello di ESR nel sangue, bilirubina, attività delle transaminasi. Questo è un indicatore della progressione della cirrosi epatica ("cirrosi attiva").

La malattia può essere accompagnata dalle ghiandole della pelle, l'ittero si manifesta, gli indicatori di colesterolo nel sangue (manifestazione di colestasi) sono in aumento.

Nei pazienti, la diminuzione della capacità lavorativa, il deterioramento della salute generale, la perdita di peso, l'esaurimento del corpo. Ciò porta allo sviluppo di insufficienza epatica.

I sintomi della cirrosi includono:

  • Gengive sanguinanti
  • epistassi
  • Aumento del volume dell'addome,
  • La comparsa di cambiamenti nella coscienza e nel comportamento.

Tutto questo parla delle complicazioni della malattia (secondo la classificazione internazionale, queste sono le classi B e C).

Reclami contro i pazienti con cirrosi epatica:

  • perdita di peso
  • aumento della fatica
  • vari disturbi della coscienza e del comportamento (diminuzione della concentrazione, sonnolenza durante il giorno, disturbi del sonno durante la notte, ecc.),
  • perdita di appetito e disagio addominale (gonfiore, sensazione di sazietà rapida mentre si mangia),
  • ittero (colorazione della pelle, sclera in giallo),
  • alleggerimento o scolorimento delle feci,
  • urina scura
  • dolore addominale
  • gonfiore delle gambe e (o) un aumento delle dimensioni dell'addome a causa del fluido libero nella cavità addominale (ascite),
  • sanguinamento: nasale, gastrointestinale, gengivale, emorroidario, così come emorragie sottocutanee, frequenti infezioni batteriche (vie respiratorie, ecc.),
  • diminuzione del desiderio sessuale
  • uomini - spesso ginecomastia (ingrossamento del seno).

All'esame del paziente vengono evidenziati i segni epatici caratteristici della cirrosi: telangiectasia vascolare (asterischi, ragni) sulla pelle della parte superiore del corpo, eritema delle palme, arrossamento delle palme (fegato dei palmi delle mani), lingua lacca di colore cremisi e lingua del fegato ".

Diagnosi di cirrosi epatica

loading...

È possibile diagnosticare la cirrosi epatica e identificare i cambiamenti nella struttura e nel funzionamento degli organi interni mediante la ricerca di ultrasuoni o radioisotopi, la tomografia computerizzata. La laparoscopia e la biopsia aiutano anche a determinare l'eterogeneità del fegato e della milza, lo stadio della cirrosi.

La fase iniziale della diagnosi (quando il paziente visita per la prima volta il medico) è il chiarimento dei reclami del paziente e l'esame generale del paziente. Sfortunatamente, a causa della capacità di recupero delle cellule del fegato, lo sviluppo della cirrosi può essere asintomatico per un lungo periodo.

Tuttavia, la maggior parte dei pazienti con cirrosi lamenta malessere generale, debolezza, perdita di appetito, perdita di peso, prurito, dolori articolari, perdita di peli pubici.

Alla palpazione dell'addome, notare il cambiamento delle dimensioni (diminuzione o aumento) del fegato e della sua struttura. La superficie del fegato diventa tuberosa e la consistenza si compatta. La palpazione del fegato è dolorosa.

Quando si esamina il paziente, si dovrebbe prestare la massima attenzione alle condizioni della pelle, delle unghie e dei capelli.

La pelle di un paziente con cirrosi epatica può essere itterica. Altre manifestazioni della cirrosi sulla pelle sono le "vene varicose" - piccoli granelli solitamente localizzati sulla pelle della parte superiore del corpo, costituiti da vasi sanguigni dilatati ed eritema del palmo (colore rosso dei palmi). L'aspetto di questi segni della pelle è dovuto all'incapacità del fegato di inattivare gli ormoni sessuali femminili che causano l'espansione dei vasi sanguigni. I capelli e le unghie del paziente sono sottili e fragili - un segno di un disordine metabolico di vitamine e ferro.

Nel 50% dei casi di cirrosi si osserva un aumento della milza.

Nel processo di raccolta dei dati anamnestici (indagine sui pazienti), è importante scoprire la possibile causa di cirrosi (epatite virale, alcolismo).

La prima fase della diagnosi consente di stabilire la diagnosi presuntiva della cirrosi. Tenendo conto del fatto che la cirrosi implica una profonda riorganizzazione morfologica del fegato, vengono effettuati ulteriori esami per determinare le caratteristiche morfologiche del danno epatico. Qualche volta è possibile istituire solo il tipo morfologico di cirrosi. Un aumento delle dimensioni del fegato e della milza viene rilevato utilizzando la radiografia addominale convenzionale.

L'esame ecografico (ecografia) consente di determinare la forma e le dimensioni complessive del fegato, il diametro della vena porta e la struttura del tessuto epatico. Inoltre, l'ecografia viene anche utilizzata per determinare i fuochi della degenerazione maligna del tessuto epatico (cancro).

Uno studio sul radionuclide (scintigrafia) comporta l'introduzione di un elemento radioattivo nel corpo (una sostanza radiofarmaceutica) e l'osservazione della sua fissazione negli organi. Questo metodo ha una risoluzione inferiore rispetto agli ultrasuoni, tuttavia, a differenza di quest'ultimo, la scintigrafia epatica fornisce l'opportunità di valutare la funzionalità epatica. Nella cirrosi, la capacità del fegato di catturare e trattenere i radiofarmaci è ridotta. La deposizione di radiofarmaci nelle ossa del bacino e della spina dorsale è un segno sfavorevole, indicando una diminuzione critica della funzionalità epatica.

La tomografia computerizzata e la risonanza magnetica nucleare aiutano a determinare i fuochi della crescita del cancro nel fegato affetto da cirrosi. Sotto il controllo degli ultrasuoni, questi fuochi possono essere perforati e i materiali ottenuti vengono esaminati per l'affiliazione istologica. Come accennato in precedenza, una delle complicanze della cirrosi è la trasformazione maligna delle cellule del fegato con lo sviluppo del carcinoma epatico primitivo (carcinoma epatocellulare). Di norma, la definizione di una lesione di crescita maligna nel fegato utilizzando uno dei metodi di imaging è correlata ad un aumento del contenuto ematico di una proteina speciale, l'alfa-fetoproteina, che è un marker di crescita del tumore.

Il metodo più informativo per diagnosticare il sanguinamento interno in caso di cirrosi è la fibrogastroduodenoscopia, che consente di esaminare le vene dilatate dell'esofago, lo stomaco cardiaco o determinare un'altra fonte di sanguinamento - un'ulcera gastrica o duodenale.

Studi biochimici rivelano un aumento del livello di fosfatasi alcalina (norma 30-115 U / l (U / l)) e ACAT (AST, aspartato aminotransferasi, norma 5-35 U / l (U / l)), nonché crescita progressiva concentrazione di bilirubina nel sangue (bilirubina normale legata 0,1-0,3 mg / dL; bilirubina libera 0,2-0,7 mg / dL). In parallelo, c'è una diminuzione della frazione di albumina del sangue (proteine ​​sintetizzate nel fegato) e un aumento della frazione di globuline.

Metodi di ricerca di laboratorio:
Emocromo completo nella maggior parte dei casi rivela anemia. L'anemia può essere causata sia da alterazione della formazione del sangue (mancanza di ferro, acido folico), perdita di sangue durante sanguinamento interno, o aumento della distruzione dei globuli rossi nella milza durante l'ipersplenismo. Un aumento del numero di leucociti è un segno di infezione, una diminuzione è un segno di ipersplenismo. La diminuzione della conta piastrinica è dovuta alla deposizione di gran parte delle piastrine nella milza ingrossata.

Trattamento della cirrosi

loading...

Il trattamento farmacologico della cirrosi epatica deve essere effettuato sotto la supervisione di uno specialista qualificato, accompagnato anche dalla stretta osservanza di una dieta speciale (dieta n. 5) e del regime giornaliero.

Gli epatoprotettori possono essere utilizzati come misure di supporto (Ursosan in caso di cirrosi primaria).

Misure preventive

  • prevenzione dell'infezione da epatite virale acuta
  • rifiuto di alcol
  • gepatoprotektory

dieta

Quando l'epatopatia è mostrata la tabella numero 5.

Acido osssodesossicolico

Per compensare la carenza di acidi biliari nell'intestino causata dall'insufficienza delle vie biliari, è consigliabile utilizzare l'acido ursodesossicolico (UDCA), prodotto con i nomi commerciali Ursosan, Ursofalk. Il dosaggio di 10-15 mg per 1 kg di peso del paziente una volta al giorno durante la notte contribuisce al ripristino dei processi digestivi. L'azione UDCA include i seguenti punti:

  1. un aumento del flusso di bile e succo pancreatico nell'intestino dovuto alla stimolazione dei loro prodotti
  2. risoluzione della colestasi intraepatica
  3. aumento della contrazione della cistifellea
  4. saponificazione dei grassi e aumento dell'attività lipasica
  5. aumentare la motilità intestinale, migliorando la miscelazione degli enzimi con chimo
  6. normalizzazione della risposta immunitaria, rimozione del danno epatico autoimmune

Terapia cellulare

Il trattamento tradizionale consiste principalmente nell'uso di farmaci per proteggere le cellule del fegato dal danno, stimolare la secrezione della bile e correggere i disturbi metabolici. Senza dubbio, questo migliora le condizioni del paziente, ma non è in grado di fermare lo sviluppo della malattia. Se i metodi di trattamento di cui sopra non aiutano, effettuare un trapianto di fegato (trapianto). Tuttavia, dopo l'introduzione della terapia con cellule staminali nella pratica clinica, le probabilità di sconfiggere la malattia sono aumentate in modo significativo.

Complicazioni di cirrosi epatica

loading...

La cirrosi epatica è spesso accompagnata da complicanze: abbondante sanguinamento dalle vene dilatate dell'esofago (vomito sanguinante, in cui il prematuro sollievo è carico di morte), trombosi della vena porta, peritonite, ecc. Tutti questi fattori determinano lo sviluppo di insufficienza epatica.

Il decorso della malattia nella cirrosi inattiva è lento, ma progressivo, con un transitorio attivo (per diversi anni).

Stile di vita scorretto, cattive abitudini, violazione della dieta, alcolismo innescano cambiamenti necrotici nei tessuti del fegato.

La combinazione di questi fattori con l'epatite virale accelera drammaticamente il passaggio alla cirrosi. Lo stadio terminale della malattia, indipendentemente dalla forma di cirrosi, è caratterizzato da sintomi di insufficienza epatica, fino a coma epatico.

Prevenzione della cirrosi epatica

loading...

Le misure terapeutiche e profilattiche nei pazienti con cirrosi iniziano con la prevenzione secondaria.

Ogni paziente affetto da cirrosi epatica ha bisogno di:
1. in misure protettive per prevenire l'infezione da epatite virale. La malattia dell'epatite virale acuta B in un paziente con cirrosi di eziologia non virale porta, secondo i nostri dati, alla morte del 50-60% dei pazienti entro un anno dallo sviluppo dell'epatite virale acuta B;
2. escludendo categoricamente l'alcol;
3. con l'aiuto di epatoprotettori (Ursosan). L'ammissione di questi farmaci è consentita secondo la raccomandazione di un medico.

L'implementazione di queste tre attività ha un chiaro impatto sull'estensione dell'aspettativa di vita dei pazienti con forme di cirrosi basse attive e inattive, che coprono circa l'80% di tutti i pazienti con forme comuni di cirrosi epatica.

Nella cirrosi virale, la terapia antivirale non è stata ampiamente utilizzata a causa della sua bassa efficacia e delle reazioni avverse significative.

Nella cirrosi alcolica, la cessazione dell'uso di alcol, ad eccezione delle fasi terminali della malattia, fornisce un effetto terapeutico eccezionalmente favorevole.

Dieta. Al di fuori delle esacerbazioni pronunciate e delle condizioni gravi, si raccomanda di solito una dieta equilibrata con condimento limitato. Tabella mostrata numero 5.

Cirrosi biliare primitiva

loading...

La cirrosi biliare primitiva (PBC) è una malattia epatica autoimmune progressiva quando il sistema immunitario del corpo combatte contro le sue cellule, danneggiandole e distruggendole.

La PBC è caratterizzata da lesioni dei dotti biliari, che portano allo sviluppo della cirrosi - una malattia epatica diffusa, in cui si verifica la morte del tessuto e la sua sostituzione graduale con tessuto fibroso grossolano (fibrosi epatica). Così come la formazione di nodi cicatriziali grandi o piccoli che cambiano la struttura del fegato. La cirrosi biliare primaria, di regola, è una malattia di persone di età più anziana e di mezza età, si sviluppa principalmente in donne 40-60 anni.

Attualmente, le cause della cirrosi biliare primaria del fegato non sono completamente rivelate. È noto che un certo ruolo qui è giocato dall'ereditarietà, cioè da una predisposizione genetica, quando la malattia viene trasmessa lungo la linea genitoriale ai bambini. Lo sviluppo e l'aspetto della malattia possono anche essere associati alla celiachia - una malattia cronica dell'intestino tenue, con intolleranza alle proteine ​​(glutine) contenuta nei cereali (segale, frumento, orzo, avena); l'artrite reumatoide è un danno infiammatorio autoimmune delle articolazioni grandi e piccole.

A stadi diversi: diversi sintomi della cirrosi biliare. I sintomi della fase iniziale sono la debolezza pronunciata, il prurito che si manifesta, l'oscuramento della pelle, la placca sulle palpebre, la milza ingrossata. Sintomi della fase avanzata: dolore muscolare progressivo, mancanza di appetito, forte perdita di peso; aumento del prurito; la milza e le dimensioni del fegato aumentano in modo significativo; possibile sanguinamento La cirrosi biliare secondaria come questi sintomi: prurito cutaneo già in fase clinica; dolore nell'ipocondrio destro; intenso ittero; aumento della temperatura, sudorazione, brividi; il fegato e la milza sono ingrossati e dolorosi; insufficienza epatocellulare, che è già un segno di cirrosi epatica.

Il fattore principale nel successo del trattamento della cirrosi biliare è la qualità e la diagnosi tempestiva. Nella fase della diagnosi vengono studiati esami del sangue e delle urine e materiale prelevato da una biopsia. L'ecografia, la colangiografia infusionale, l'esofagogastroduodenoscopia, la colangiopancreatografia retrograda endoscopica, l'epatologia del radioisotopo con biopsia epatica vengono eseguite. Trattamento - droga, secondo la situazione. Nella cirrosi biliare secondaria, si raccomanda anche una dieta con ridotto apporto di sale. Le previsioni per il trattamento sono molto più positive nel rilevare la malattia in una fase precoce. Confrontando la situazione attuale con i decenni precedenti, vi sono progressi significativi nella diagnosi e nell'emergenza di trattamenti efficaci. Uno studio recente ha dimostrato che tra i pazienti trattati con nuovi farmaci, il tasso di sopravvivenza è aumentato in modo significativo. Ciò testimonia la previsione più ottimistica.

Cirrosi epatica

loading...

La cirrosi epatica è una malattia caratterizzata dalla trasformazione del tessuto parenchimale epatico in tessuto connettivo fibroso. Accompagnato da dolore sordo nell'ipocondrio destro, ittero, aumento della pressione nel sistema della vena porta con sanguinamento (esofageo, emorroidario) caratteristico di ipertensione portale, ascite, ecc. La malattia è cronica. Nella diagnosi di cirrosi epatica, il ruolo decisivo è svolto dagli ultrasuoni, dall'IC e dalla risonanza magnetica del fegato, dagli indicatori dei test biochimici, dalla biopsia epatica. Il trattamento della cirrosi epatica comporta una rigida rinuncia all'alcol, dieta, assunzione di epatoprotettori; nei casi più gravi, trapianto di fegato da donatore.

Cirrosi epatica

La cirrosi è caratterizzata dalla comparsa di nodi del tessuto connettivo nel tessuto epatico, dalla crescita del tessuto connettivo, dalla formazione di lobuli "falsi". La cirrosi si distingue per la dimensione dei nodi di formazione sul nodo piccolo (molti noduli fino a 3 mm di diametro) e nodo grande (i nodi superano i 3 mm di diametro). I cambiamenti nella struttura dell'organo, a differenza dell'epatite, sono irreversibili, quindi la cirrosi epatica è malattie incurabili.

Tra le cause della cirrosi epatica è l'abuso di alcol (dal 35,5% al ​​40,9% dei pazienti). Al secondo posto è l'epatite C virale. Negli uomini, la cirrosi si sviluppa più spesso che nelle donne, che è associata ad un'alta prevalenza di abuso di alcool nell'ambiente maschile.

Eziologia e patogenesi

Nella maggior parte dei casi, la causa dello sviluppo della cirrosi è l'abuso di alcol e l'epatite virale B e C. Il consumo regolare di alcol in dosi di 80-160 ml di etanolo porta allo sviluppo della malattia epatica alcolica, che a sua volta progredisce con l'insorgenza della cirrosi. Tra coloro che abusano di alcol per 5-10 anni, il 35% soffre di cirrosi.

Anche l'epatite cronica porta spesso alla degenerazione fibrotica del tessuto epatico. In primo luogo nella frequenza della diagnosi sono l'epatite virale B e C (l'epatite C è soggetta a un decorso più distruttivo e progredisce fino alla cirrosi più spesso). Inoltre, la cirrosi può derivare da epatite autoimmune cronica, colangite sclerosante, epatite colestatica primaria, restringimento dei dotti biliari e ristagno della bile.

La cirrosi, che si sviluppa a seguito di disturbi nella circolazione della bile, è chiamata biliare. Sono divisi in primario e secondario. Nella maggior parte dei casi, le cause più comuni di cirrosi sono i virus cronici di epatite B e C e l'abuso di alcool. La ragione per lo sviluppo della cirrosi epatica può essere la patologia metabolica o la deficienza enzimatica: fibrosi cistica, galattosemia, glicogenosi, emocromatosi.

I fattori di rischio per la degenerazione del tessuto epatico sono anche: degenerazione epatolenticolare (malattia di Wilson), assunzione di farmaci epatotossici (metotrexato, isoniazide, amiodarone, metil-dopa), insufficienza cardiaca cronica, sindrome di Bad-Chiari, chirurgia intestinale e lesioni parassitarie intestinale e fegato. Nel 20-30% dei casi nelle donne, la causa dello sviluppo della cirrosi non può essere stabilita, tale cirrosi è chiamata criptogenetica.

Il principale fattore patogenetico nello sviluppo della cirrosi epatica è una violazione cronica del trofismo degli epatociti, la loro distruzione. Il risultato è una graduale formazione di un nodulo - un segmento di tessuto connettivo. I nodi formati comprimono i vasi sanguigni nei lobuli e l'insufficienza circolatoria progredisce. In questo caso, il movimento del sangue nel sistema delle vene portale rallenta, i vasi traboccano e si allungano eccessivamente. Il sangue inizia a cercare soluzioni alternative e si muove principalmente attraverso i vasi della circolazione collaterale, bypassando il fegato. Le navi che assumono il volume principale del flusso ematico epatico - le vene dell'esofago e dello stomaco, le emorroidali, la parete addominale anteriore - si estendono in modo significativo, c'è la loro dilatazione varicosa, l'assottigliamento delle pareti, che causa sanguinamento.

I sintomi della cirrosi

La gravità dei sintomi clinici dipende dalle cause della cirrosi, dall'attività di progressione e dal grado di danno epatico.

Il decorso asintomatico è stato osservato nel 20% dei pazienti, molto spesso la malattia si manifesta inizialmente con manifestazioni minime (flatulenza, diminuzione delle prestazioni), dolore ricorrente opaco nel giusto ipocondrio, innescato dall'alcol o da disturbi alimentari e non mitigato dall'uso di antispastici, saturazione rapida (sensazione di overflow stomaco) e prurito. A volte c'è un leggero aumento della temperatura corporea, sanguinamento nasale.

Con un'ulteriore progressione, vengono rilevati ittero, segni di ipertensione portale, sanguinamento varicoso dalle vene esofagee ed emorroidali, ascite (aumento della quantità di fluido nella cavità addominale).

Sintomi caratteristici nei pazienti con cirrosi epatica: "bacchette" (ispessimento specifico delle falangi delle dita), "occhiali da guardia" (cambiamento caratteristico delle unghie), eritema del palmo (arrossamento delle palme), telangiectasia ("vene varicose", protrusione di sottili vasi sottocutanei sul viso corpo).

Negli uomini, ci può essere un aumento delle ghiandole mammarie (ginecomastia) e testicoli diminuiti. Di regola, la cirrosi progressiva del fegato porta alla perdita di peso, alla distrofia.

Complicazioni di cirrosi

Una delle complicazioni potenzialmente letali della cirrosi è l'insufficienza epatica. L'insufficienza epatica acuta è una condizione terminale che richiede misure correttive urgenti, l'insufficienza epatica cronica porta a gravi disturbi del sistema nervoso a causa dell'eccesso di ammoniaca nel sangue e dell'avvelenamento del cervello. Se non trattata, l'insufficienza epatica sfocia nel coma epatico (la mortalità dei pazienti in coma epatico è compresa tra l'80 e il 100%).

Nella maggior parte dei casi, la cirrosi progressiva è complicata da ascite e ipertensione portale. L'ascite è un accumulo di liquido nella cavità addominale, manifestato come un aumento nell'addome, determinato dall'esame fisico, metodo a percussione. Spesso accompagnato da gonfiore delle gambe. La sua insorgenza è associata a una violazione dell'omeostasi proteica.

Ipertensione portale - stasi del sangue nel sistema delle vene portale, caratterizzata da un aumento del deflusso venoso bypass (collaterale). Di conseguenza, si formano le vene varicose dell'esofago, dello stomaco e del retto, si verificano lacerazioni delle pareti e sanguinamento. L'ipertensione visivamente portale è determinata dal sintomo "testa di una medusa" - vene dilatate intorno all'ombelico, divergenti in direzioni diverse.

In aggiunta a quanto sopra, la cirrosi epatica può essere complicata dall'aggiunta di infezione, dal verificarsi di una neoplasia maligna (carcinoma epatocellulare) nel fegato, e vi è anche la probabilità di sviluppare insufficienza renale.

Diagnosi di cirrosi epatica

La diagnosi viene effettuata da un gastroenterologo o da un epatologo sulla base di una combinazione di storia e esame fisico, test di laboratorio, test funzionali e metodi di diagnostica strumentale.

In generale, l'anemia, leucocitopenia, trombocitopenia (di solito indica lo sviluppo di ipersplenismo) può essere osservata nel test del sangue per cirrosi epatica, i dati del coagulogramma mostrano una diminuzione dell'indice di protrombina. L'analisi biochimica del sangue rivela un aumento dell'attività degli enzimi epatici (Alt, AST, fosfatasi alcalina), un aumento della bilirubina ematica (entrambe le frazioni), potassio e sodio, urea e creatinina, livelli ridotti di albumina. Vengono inoltre condotti test per la rilevazione di anticorpi anti virus dell'epatite e per la determinazione del contenuto di alfa-fetoproteina.

I metodi diagnostici strumentali che aiutano a completare il quadro clinico della cirrosi includono l'ecografia degli organi addominali (cambiamenti nelle dimensioni e nella forma del fegato, la sua permeabilità sonora è nota, i segni di ipertensione portale e cambiamenti nella milza sono anche visti). La tomografia computerizzata della cavità addominale consente una maggiore visualizzazione del fegato, dei vasi sanguigni, dei dotti biliari. Se necessario, viene eseguita la risonanza magnetica del fegato e la dopplerometria dei vasi epatici.

Per una diagnosi finale e una scelta delle tattiche di trattamento, è necessaria una biopsia epatica (consente di valutare la natura dei cambiamenti morfologici e di formulare un'ipotesi sulle cause della cirrosi). Come metodi ausiliari per identificare la causa di questa malattia, i metodi sono utilizzati per identificare le carenze enzimatiche, esplorare gli indicatori del metabolismo del ferro, l'attività delle proteine ​​- i marcatori dei disordini metabolici.

Trattamento della cirrosi

La terapia dei pazienti con cirrosi dovrebbe risolvere i seguenti compiti: fermare la degenerazione progressiva del tessuto epatico, compensare i disturbi funzionali esistenti, ridurre il carico sulle vene del flusso sanguigno collaterale, prevenire lo sviluppo di complicanze.

A tutti i pazienti viene assegnata una dieta speciale e una dieta raccomandata. In caso di cirrosi nella fase di compensazione, è necessario mangiare completamente, per mantenere un equilibrio di proteine, grassi e carboidrati, per assumere le vitamine e gli oligoelementi necessari. I pazienti con cirrosi epatica dovrebbero abbandonare categoricamente l'uso di alcol.

In presenza di un alto rischio di encefalopatia, insufficienza epatica, i pazienti vengono trasferiti a una dieta a basso contenuto proteico. Per ascite ed edema, il rigetto salino è raccomandato per i pazienti. Raccomandazioni sulla modalità: pasti regolari, 3-5 volte al giorno, esercizio fisico, evitamento dell'inattività fisica (camminare, nuotare, fare ginnastica). Molti pazienti sono controindicati nei pazienti con cirrosi epatica. È anche opportuno limitare l'uso di erbe medicinali e integratori alimentari.

La terapia farmacologica della cirrosi epatica è quella di correggere i sintomi associati a disordini metabolici, l'uso di epatoprotettori (ademetionina, ornitina, acido ursodesossicolico). Utilizzati anche farmaci che promuovono la rimozione dell'ammoniaca e la normalizzazione della flora intestinale (lattulosio), gli enterotermi.

Oltre al trattamento diretto della cirrosi, la terapia farmacologica è prescritta per combattere la patologia che ha causato la degenerazione del tessuto epatico: terapia con interferone antivirale, terapia ormonale delle condizioni autoimmuni, ecc.

Nelle ascite gravi, la paracentesi viene prodotta e il liquido in eccesso viene pompato fuori dalla cavità addominale. Per la formazione di un flusso sanguigno alternativo, i vasi collaterali vengono bypassati. Ma il metodo chirurgico cardinale per il trattamento della cirrosi è il trapianto di un fegato donatore. Il trapianto è indicato nei pazienti con decorso grave, progressione rapida, alto grado di degenerazione del tessuto epatico e insufficienza epatica.

Prevenzione e prognosi della cirrosi epatica

La prevenzione della cirrosi epatica consiste nel limitare l'assunzione di alcool, un trattamento tempestivo e adeguato dell'epatite virale e di altre malattie che contribuiscono allo sviluppo della cirrosi. Si raccomanda anche una dieta sana ed equilibrata e uno stile di vita attivo.

La cirrosi è una malattia incurabile, ma quando viene diagnosticata precocemente, estirpando con successo il fattore eziologico e seguendo le raccomandazioni dietetiche e di vita, la prognosi di sopravvivenza è relativamente favorevole. La cirrosi alcolica con la prosecuzione dell'abuso di alcol è soggetta a rapido scompenso e allo sviluppo di pericolose complicanze.

I pazienti con ascite sviluppata hanno una prognosi di sopravvivenza di circa 3-5 anni. Quando si verifica una emorragia da vene varicose del flusso sanguigno collaterale, il tasso di mortalità nel primo episodio è di circa il 30-50%. Lo sviluppo del coma epatico porta alla morte nella stragrande maggioranza dei casi (80-100%).

Prevenzione della cirrosi epatica

La cirrosi epatica è una malattia pericolosa con un'alta probabilità di morte. Al fine di prevenire la progressione di questa patologia, è necessario effettuare la prevenzione primaria, secondaria e virale della malattia, che consiste nella fortificazione della dieta, l'abbandono del tabacco e prodotti contenenti alcol e il trattamento delle malattie endocrine. Aderendo a tali procedure, si può fermare il progresso della patologia grave e prevenire una possibile ricaduta.

Prevenzione primaria

La profilassi iniziale ha lo scopo di prevenire lo sviluppo della cirrosi epatica. L'elenco delle misure obbligatorie include le seguenti procedure:

  • Restrizione dell'uso di prodotti alcolici.
  • Razionalizzazione della nutrizione.
  • Ricezione di vitamine E e D.
  • Limita l'attività fisica.

Le procedure sono eseguite in fasi, a seconda delle condizioni e del grado di impiego del paziente.

Prevenzione secondaria

Nei pazienti con cirrosi acuta, la profilassi secondaria o l'esame clinico attivo vengono effettuati mediante screening per prevenire possibili recidive. La serie procedurale si presenta così:

  • Esame clinico e di laboratorio completo.
  • Sviluppa potenti difese immunitarie.
  • Conformità con le regole sanitarie dell'ostello.
  • Se necessario, al paziente vengono prescritti epatoprotettori.

La prevenzione secondaria rafforza solo il successo del primario.

Misure per la cirrosi alcolica

La misura prioritaria per la cirrosi alcolica è il rifiuto dei prodotti contenenti alcol. Quindi, il processo distruttivo si ferma, provocando il progresso della patologia. Ma per i pazienti criticamente dipendenti è difficile far fronte a se stessi. Una misura preventiva è la conversazione, che ricorda la codifica, ma senza effetti ipnotici.

Durante la procedura, la presenza di parenti adulti è obbligatoria. La misura sarà più efficace se si riunisce un consiglio di medici di un ospedale o di una clinica. Il compito principale è far capire al paziente che l'abuso di alcol peggiora ulteriormente il quadro clinico, con il risultato che è fatale. Solo 1/5 di tutti i pazienti sono consapevoli della gravità della situazione e prendono la difficile decisione di eliminare l'alcol dalle loro vite. Il restante 80% dei malati ritiene che questa sia "un'altra intimidazione". Alcuni individui riducono la quantità di alcol consumato, ma continuano a prenderlo. Sfortunatamente, l'alcolismo femminile non può essere fermato da questa misura preventiva. Un uomo si rifiuta di bere molto più facilmente.

Prevenzione della cirrosi virale

Tra i provocatori virali della cirrosi c'è l'epatite B e C. Per prevenire lo sviluppo della malattia, è necessario sapere quali fattori scatenanti possono causarla:

  • Farmaci iniettati nelle vene da tossicodipendenti usando una siringa.
  • Campionamento del sangue per ulteriori trasfusioni da una persona infetta.
  • Mancanza di sterilità e non conformità con gli standard sanitari nei luoghi pubblici.
  • La mancanza di singoli articoli per mantenere l'igiene.
  • Relazioni intime indiscriminate L'uso di contraccettivi aiuterà ad evitare l'infezione da parte del virus.
  • Infezione del bambino attraverso una madre infetta. I medici raccomandano l'aborto

Tra i tipi esistenti di virus, è più probabile la possibilità di essere infettati dall'epatite B. C'è un contatto minore con il sangue di una persona infetta o di una relazione sessuale con una persona malata. Misure di avvertimento ottimali:

  • Non usare articoli per l'igiene di altre persone.
  • Lavarsi le mani dopo essere stati in luoghi pubblici, preferibilmente con sapone antisettico.
  • Sterilizzare le forbicine per unghie prima dell'uso.
  • La via della gente: lavati le mani con la camomilla o la calendula. Queste erbe sono antisettici naturali che sopprimono le reazioni acute virali e infettive.

Immediatamente dopo la nascita, al bambino viene somministrato un vaccino contro l'epatite. Questa è la prima misura preventiva per prevenire lo sviluppo del virus.

Cirrosi medicinale

La malattia si verifica a causa dell'abuso di Dopegita, Beklason, Metotrexato e altri farmaci potenti simili. Il prodotto finale del metabolismo del farmaco viene assorbito nel fegato e agisce su di esso in modo distruttivo. Da ciò ne consegue che per prevenire lo sviluppo di questa patologia, è necessario assumere il farmaco (Heptral, Resalut e altri farmaci per stimolare il fegato) solo su indicazione di un medico, e anche seguendo le istruzioni.

Le misure preventive con vitamine possono prevenire lo sviluppo della cirrosi e dell'epatite C. Per completare il lavoro del fegato, al paziente vengono prescritte le vitamine D ed E, che rafforzano il sistema immunitario e stimolano il corpo a lavorare. Per consolidare l'effetto, vengono utilizzati epatoprotettori - una classe di farmaci che proteggono il fegato dagli effetti di una minaccia virale.

raccomandazioni

Per una prevenzione efficace, è necessario seguire le procedure prescritte da uno specialista, che sarà il seguente:

  • Stabilizzare la nutrizione I cibi grassi non dovrebbero essere una priorità. Una volta ogni pochi mesi dovrebbe essere fatta una dieta detergente (giorno del digiuno).
  • Non abusare di alcol.
  • Conduci uno stile di vita sano, pratichi sport.
  • Acquisisci farmaci come prescritto da uno specialista.

Le raccomandazioni di cui sopra non escludono il fattore di rischio della malattia, ma riducono significativamente questa possibilità. In caso di malattia, è necessario un trattamento completo. Secondo le statistiche, il 70% delle persone che abusano di alcol e droghe sono inclini a questa patologia. Il rifiuto delle cattive abitudini impedirà lo sviluppo della malattia e preserverà la salute del paziente.

Suggerimenti per prevenire la cirrosi epatica

La cirrosi è il risultato di un lungo processo anormale nel fegato. Non può essere solo sospeso, ma anche curato. Ciò richiede un consulto tempestivo da parte di un medico.

Le misure preventive sono associate all'eliminazione o alla riduzione dell'influenza sul corpo dei fattori che innescano il processo distruttivo.

Descrizione della malattia

La cirrosi si riferisce a malattie croniche in via di sviluppo del fegato, è caratterizzata da cambiamenti nella struttura dei tessuti di un organo, il letto vascolare, la crescita dei tessuti, la formazione di nodi di rigenerazione. Il numero di epatocidi funzionanti diminuisce nel corpo e l'insufficienza epatica si sviluppa nel tempo.

I primi sintomi manifestano debolezza, irritabilità. Quindi il paziente potrebbe notare disturbi digestivi sotto forma di nausea, amarezza in bocca. Con lo sviluppo della patologia appare una sensazione di pesantezza nell'ipocondrio a destra.

Come prevenire la malattia

La cirrosi si riferisce a tali malattie che sono più facili da prevenire. L'organo non ha terminazioni nervose, a causa di questa patologia viene diagnosticata in uno stadio avanzato. Nell'80% dei casi, il paziente muore.

La prevenzione primaria comporta l'abbandono dell'alcool e la prevenzione di malattie che influiscono negativamente sul corpo. Questi includono l'epatite virale, l'infiammazione, le malattie cardiovascolari.

La prevenzione secondaria è finalizzata al pieno funzionamento del sistema digestivo, al mantenimento di tutte le funzioni corporee. Inoltre, una persona deve monitorare il bilancio dei liquidi durante il giorno.

Un'attenta attenzione a se stessi può impedire lo sviluppo di molte malattie. Non fa eccezione e cirrosi epatica. La sua prevenzione consiste nel rispetto per la salute, il rifiuto delle cattive abitudini, il mantenimento delle difese del corpo.

Prevenzione delle infezioni virali

Puoi proteggerti dall'epatite virale. Ciò aiuterà la conoscenza dei principali modi di infezione da epatite B, C, D. Tutti loro sono associati al sangue di un paziente infetto.

  • L'assunzione di droghe per via endovenosa aumenta il rischio di infezione, perché tra i tossicodipendenti ci sono molte persone con epatite B, C. È possibile utilizzare un farmaco da una singola siringa, che porterà ad infezione.
  • Trasfusione di sangue infetto e dei suoi componenti. Gli esperti controllano attentamente il sangue per la trasfusione, ma non garantiscono al 100% che il sangue non sia infetto.
  • Sterilità insufficiente. Una visita in sala odontoiatria, cosmetica o manicure aumenta il rischio di contrarre l'epatite. Perché gli strumenti possono essere non sterili. Il cliente può richiedere che tutti gli strumenti siano sterilizzati di fronte a lui.
  • Articoli per l'igiene personale Ogni membro della famiglia dovrebbe avere il proprio pettine, forbici, spazzolino da denti, rasoio. In casi estremi, le forbici dovrebbero essere sterilizzate.
  • Relazioni sessuali La malattia è trasmessa attraverso rapporti non protetti. I preservativi casuali dovrebbero essere evitati.
  • Trasmissione dalla madre al neonato. Una donna con epatite può infettare un bambino mentre passa attraverso il canale del parto. Per minimizzare questo rischio, è necessario essere monitorati da specialisti.

Il rischio di infezione da epatite B è il più alto: per l'infezione è necessaria una dose insignificante ed è anche resistente ai metodi di disinfezione standard. Pertanto, dall'epatite B viene vaccinato dal primo compleanno. Visualizza C muore durante l'ebollizione, la disinfezione, nell'ambiente esterno e la vista D può essere ottenuta solo se c'è un'epatite B nel corpo.

L'epatite virale influisce negativamente sul funzionamento del fegato. Distruggono l'organo, portando alla comparsa di fibrosi, cirrosi e oncologia.

Questo articolo descrive in dettaglio la dieta per la cirrosi epatica.

Puoi saperne di più sull'epatite dal seguente video:

Prevenzione delle infezioni parassitarie

I parassiti includono organismi che usano un individuo di una specie diversa per il cibo, rifugio. I parassiti possono diffondersi in qualsiasi parte di una persona, incluso il fegato.

Le misure preventive includono:

  • rispetto delle norme standard di igiene personale, che consiste nel lavarsi le mani;
  • mangiare cibi lavati, carne ben fatta e cotta;
  • minimizzare il contatto con gli animali, nelle feci di cui ci sono molte cisti parassite;
  • evitando di fare il bagno in luoghi non autorizzati, dal momento che le larve schistosome possono entrare nel corpo attraverso la pelle;
  • attenzione dovrebbe essere presa per evitare le punture di zanzara che trasportano vari parassiti;
  • igiene nei paesi tropicali;
  • indagine annuale per la presenza di parassiti.

Le malattie parassitarie spesso non hanno sintomi, sono confuse con allergie, dermatiti. Se il fegato è danneggiato, una persona può svegliarsi in un sogno. Ciò è dovuto al fatto che il picco del lavoro del corpo arriva di notte. Se infetti, si verificano problemi che disturbano il sonno.

Molto spesso, i parassiti causano infiammazione nel corpo, in alcuni casi possono portare ad un ascesso, infezioni, atrofia tissutale. Contribuiscono allo sviluppo dell'epatite. Gli schistosomi colpiscono i vasi sanguigni del fegato e, se sono presenti, la cirrosi può svilupparsi.

Eliminazione delle tossine

Le tossine sono sostanze chimiche che disturbano le cellule. Questi includono metalli pesanti, prodotti di degradazione delle proteine, inquinanti organici. Una persona può incontrarli al lavoro, durante le riparazioni, meno spesso nella vita di tutti i giorni.

Il mancato rispetto delle misure di sicurezza può portare all'ingestione di grandi quantità di tossine attraverso la pelle e il tratto respiratorio. Non trascurare l'equipaggiamento di protezione personale.

Molti farmaci appartengono anche alle tossine, sono metabolizzati nel fegato. Non prendere la medicina senza prima consultare un medico.

Le tossine influenzano negativamente il fegato, portando alla sua distruzione. Quando il corpo è saturo di tossine, invia segnali al corpo sotto forma di acne, mal di testa e stanchezza cronica. Se i sintomi si verificano, eliminare gli effetti delle tossine.

La cessazione di alcol

Per rifiuto si intende la cessazione dell'uso di bevande contenenti etanolo. Se è impossibile abbandonarlo completamente, è necessario ridurre significativamente la quantità di alcol consumato. Non importa che tipo di bevanda alcolica si intende.

Lo sviluppo della cirrosi è direttamente correlato alla quantità totale di alcol etilico nel corpo. Circa 40 g di etanolo possono portare a patologie epatiche ogni giorno per un lungo periodo. Questa quantità di alcol è contenuta in 100 ml di vodka, 1 litro di birra, 300 ml di vino.

L'alcol agisce sulle cellule del fegato come solvente, distrugge la membrana cellulare, traducendola in uno stato liquido. Il posto delle particelle distrutte è occupato dai tessuti connettivi. Il liquido si accumula tra le fibre del tessuto. Pertanto, il fegato di un bevitore può essere di grandi dimensioni e consistenza sciolta.

Corretta alimentazione

Per la prevenzione della cirrosi, è sufficiente per le persone sane evitare l'uso di bevande alcoliche, mangiare 4-5 volte al giorno in piccole porzioni. Non mangiare cibi troppo cotti, un gran numero di spezie. Per lavorare l'intestino e prevenire la stitichezza, è consigliabile dare la preferenza a verdure e frutta, prodotti caseari.

In questo articolo, le statistiche sull'aspettativa di vita nell'ultimo stadio della cirrosi.

Se viene diagnosticata la cirrosi, un'alimentazione adeguata accelererà il processo di guarigione. Il medico prescrive una dieta che dipende dal tipo di patologia.

Opzioni alimentari per patologia:

  • Compensato per cirrosi comporta l'uso di ricotta, latte, manzo, albume d'uovo, miglio, grano saraceno.
  • La cirrosi scompensata comporta l'esclusione di alimenti proteici e grassi animali diversi dai latticini. È permesso mangiare pane, marmellata, frutta, gelatina, budino, gelatina, miele.
  • La presenza di edema con ascite richiede la restrizione di sale e liquidi, è necessario mangiare verdure con frutta, uva passa, prugne secche. Il corpo deve essere reintegrato con potassio.
  • Le condizioni gravi comportano la somministrazione di carboidrati e vitamine facilmente digeribili. Hai bisogno di bere molti liquidi. Il paziente dovrebbe mangiare ogni 2-3 ore. La dieta è composta da succhi, infusi, composte, gelatina, miele. Con il miglioramento del menu viene reintegrato con purè di zuppe, latte, ricotta fresca.

Frutta, kefir, fiocchi di latte e altri prodotti dovrebbero essere freschi. Una volta alla settimana è permesso tenere un giorno di digiuno.

La nutrizione razionale unita alla terapia può prevenire la progressione della patologia, aumenta la capacità di recupero delle particelle di fegato. Attiva anche le funzioni protettive del corpo, migliora il metabolismo.

Stile di vita attivo

La migliore prevenzione della maggior parte delle malattie è uno stile di vita attivo. Per fare questo, è necessario dare al corpo l'esercizio quotidiano, mantenere il corpo in buona forma.

Come rendere la vita più attiva:

  • ginnastica mattutina;
  • allenamento in piscina, in palestra oa casa;
  • shopping e altri posti non molto distanti;
  • salendo le scale invece dell'ascensore;
  • pranzo e passeggiate serali;
  • passare i fine settimana nella natura, camminare;
  • allenarsi con expander manuale durante la giornata lavorativa;
  • trovare un hobby attivo, come il ciclismo.

Mantenere uno stile di vita attivo accelera il metabolismo, migliora la produzione di enzimi brucia grassi, rafforza il tono del muscolo cardiaco, aumenta la resistenza del corpo alle infezioni.