Fegato epatite

Diete

L'epatite è un grande gruppo di malattie infiammatorie del fegato. Il nome della malattia include già un'indicazione del luogo e della natura, per cui "epatite epatica" è errata. Un segno obbligatorio di epatite sono i tipici cambiamenti nel parenchima epatico.

Ad un certo stadio del processo, le funzioni dell'organo vengono interrotte e la persona soffre di intossicazione con sostanze scorie nocive, perdita di proteine, vitamine e metabolismo disturbato.

Lo studio di tipi di epatite ha permesso di stabilire la natura della malattia, di identificare gli agenti causali di alcuni tipi di infiammazione del fegato, di sviluppare approcci ottimali al trattamento, per prevenire il passaggio allo stadio della cirrosi.

Quali sono le epatiti?

L'attuale classificazione dell'epatite prevede l'assegnazione di specie per motivi, decorso clinico, attività del processo infiammatorio. Considerando le cause dell'epatite, la patologia è divisa in infettiva e non infettiva.

L'infiammazione epatica infettiva include:

  • un gruppo di epatite virale, sono stati chiamati con il nome latino del virus (epatite virale A, B, C e oltre a G), ognuno ha le sue caratteristiche, ma tutti si differenziano in una particolare lesione selettiva delle cellule epatiche (epatotropia);
  • epatite secondaria, quando il fegato colpisce altri virus (rosolia, herpes, influenza, parotite, mononucleosi, febbre gialla, AIDS), non hanno un effetto mirato ed entrano nel tessuto epatico da altri focolai;
  • epatite batterica causata da patogeni di leptospirosi, listeriosi, sifilide, pneumococco, stafilococco, streptococco;
  • epatite parassitaria - può verificarsi con toxoplasmosi, amebiasi, fascioliasi, schistosomiasi, opistorsiasi.

L'epatite non infettiva comprende:

  • tossico - a sua volta, è diviso in alcolici, medicinali ed epatiti causati da avvelenamento chimico;
  • radiazioni - è parte integrante della malattia da radiazioni;
  • autoimmune - più comune nelle donne e nei bambini, il principale meccanismo associato all'insufficienza congenita degli enzimi che fanno parte della guaina degli epatociti.

Forme della malattia

Le forme di epatite sono determinate dal decorso clinico, dalla risposta del corpo al trattamento dell'infiammazione del fegato. I medici distinguono le seguenti forme. L'epatite acuta - spesso causata da avvelenamento, enterovirus, batteri intestinali patogeni, si manifesta con un netto deterioramento della condizione, febbre, sintomi di intossicazione.

Le analisi del sangue mostrano un aumento delle transaminasi, della fosfatasi alcalina e di altri indicatori che indicano una rottura del fegato. Dura fino a tre mesi Nella maggior parte dei casi, il disturbo può essere interrotto, la malattia è considerata curabile.

Forma protratta - dura fino a sei mesi, le manifestazioni di epatite "lasciano" gradualmente, il decorso è lento, ma la prognosi è favorevole. Cronico - può verificarsi in caso di epatite acuta non trattata o in forma separata. Le forme acute sono caratterizzate da un tale indicatore come la frequenza della cronicità.

Il tradimento della patologia consiste in un lungo periodo segreto, una transizione graduale dei fenomeni infiammatori nella distrofia del tessuto epatico. Trattamento a lungo termine (più di 6 mesi), raramente è possibile curare la malattia. Una tipica trasformazione della cirrosi.

Che cosa causa l'infiammazione del fegato?

Le cause dell'infezione da epatite sono spesso determinate dalla natura del virus. I patogeni conosciuti hanno le loro caratteristiche nella struttura e nei modi di infezione. Assicurati di avere un nucleo con DNA o RNA che determini l'informazione genetica.

Le maggiori difficoltà nel determinare come trattare un paziente sono i virus mutanti (ad esempio, l'epatite C) per la loro capacità di modificare il genoma. Il meccanismo di trasmissione fecale-orale è caratteristico dell'epatite virale E e A. I microrganismi sono stabili nell'ambiente, arrivano a una persona con acqua contaminata, cibo, attraverso il contatto con un paziente.

Tali tipi di epatite come C, B, D e G hanno una via parenterale. La loro attività è inferiore a quella del virus di tipo A. Gli esseri umani penetrano con i componenti del sangue durante le trasfusioni, con manipolazioni mediche, ferite minori (manicure, tatuaggio), attraverso siringhe comuni, sessualmente, attraverso la placenta dalla madre al feto.

Entrando nel sangue umano dall'intestino o tramite l'infezione diretta con una siringa, i virus si spostano nel fegato, invadono le cellule del fegato, si moltiplicano all'interno e li distruggono.
Epatite tossica, eccetto alcol e suoi surrogati, causa:

  • contatto al lavoro e nella vita di tutti i giorni con composti di fosforo bianco, tetracloruro di carbonio, veleni industriali;
  • avvelenamento con funghi (pallido e bianco toadstool, amanita);
  • farmaci a lungo termine (paracetamolo, farmaci anti-TB, metildopa, amiodarone, nifedipina, azatioprina, antibiotici tetracicline, claritromicina, indometacina, ibuprofene, farmaci ormonali, contraccettivi).

L'epatite autoimmune - rilevata annualmente in 15-20 persone per 100 mila della popolazione, è considerata una malattia indipendente. La ragione principale dello sviluppo è un difetto nel sistema immunitario umano, in cui le cellule del proprio fegato vengono prese come estranee. Spesso accompagnato dal coinvolgimento del pancreas, della tiroide e delle ghiandole salivari.

Allo stesso tempo, non ci sono marcatori di epatite virale nel corpo del paziente, non ci sono prove di alcolismo, ma antinucleari e anticorpi per la muscolatura liscia, si trovano un alto livello di immunoglobuline IgG e anticorpi microsomiali epato-renali.

Quali sono i sintomi dell'epatite?

I sintomi di infiammazione del fegato sono suddivisi in epatico ed extraepatico, precoce e tardiva. Le manifestazioni epatiche dell'epatite includono: dolore addominale con localizzazione nell'ipocondrio a destra e nell'epigastrio, nausea, eruttazione, ingiallimento della pelle e delle mucose, ingrossamento del fegato e della milza.

I segni extraepatici di infiammazione del fegato si formano a causa dell'influenza dei disturbi dell'epatite sulle funzioni di vari organi e sistemi (cervello, metabolismo, vasi sanguigni, ghiandole endocrine). Includono:

  • encefalopatia epatica;
  • eruzione cutanea, prurito doloroso;
  • "asterischi" vascolari (telangiectasia), capillari;
  • gengive sanguinanti, sangue dal naso, le donne hanno un flusso mestruale prolungato;
  • palme rosse e lingua di lampone;
  • sanguinamento gastrico dalle vene dilatate dell'esofago;
  • infertilità.

I segni di ogni violazione sono spiegati da cambiamenti morfologici e funzionali caratteristici, confermati da metodi diagnostici (test biochimici, campioni bioptici durante la puntura epatica). Pertanto, sono combinati in tipici per le sindromi da epatite.

Una caratteristica di alcuni tipi di epatite cronica è un decorso lungo asintomatico (ad esempio, nell'epatite virale B e C). Quasi i primi sintomi di epatite sono impossibili da notare. In un sondaggio retrospettivo, i pazienti hanno notato debolezza periodica, rash cutaneo vago, sensazione di pesantezza nell'ipocondrio a destra dopo aver mangiato.

Per la diagnosi di epatite infettiva, è importante che durante questo periodo i pazienti siano già contagiosi per gli altri. Il compito di identificare e trattare è dovuto non solo alla prevenzione di complicazioni gravi in ​​un paziente, ma anche alla prevenzione della diffusione della malattia.

I primi segni di epatite possono essere indicati dal dolore muscolare, dall'aumento dell'affaticamento durante il lavoro, dall'aumento occasionale della temperatura e dal deterioramento dell'appetito. I sintomi tardivi sono causati da una complicazione in via di sviluppo. Rilevato da segni di cirrosi epatica, sanguinamento dalle vene dell'esofago, insufficienza epatica, sospetta neoplasia maligna.

Quali sindromi indicano l'infiammazione del fegato?

La diagnosi di epatite richiede la considerazione di una combinazione del quadro clinico, dei parametri di laboratorio biochimici e immunologici e dei risultati degli studi morfologici sulla biopsia tissutale. Non tutte le funzioni epatiche sono compromesse contemporaneamente. Lo sviluppo dell'infiammazione è accompagnato da una lesione primaria ed è manifestato da alcune sindromi cliniche e di laboratorio.

La sindrome da citolisi è associata alla distrofia e quindi alla necrosi degli epatociti causata dall'esposizione diretta a agenti infettivi, sostanze tossiche, tossine. La clinica può rilevare febbre, dolore e un aumento del fegato (specialmente dopo l'esercizio), è possibile un aumento della milza, l'urina diventa scura e le feci diventano grigie.

I segni di laboratorio sono:

  • aumento dei livelli di transaminasi epatiche (alanina e aspartico), enzimi (glutamil transpeptidasi, lattato deidrogenasi, colinesterasi, arginasi), questi dati sono considerati marker del processo di citolisi;
  • l'aumento della concentrazione totale di bilirubina a causa di non coniugati (indiretti), in misura minore - diretti.

Sindrome colestasi - la principale violazione è la rottura della sintesi e della secrezione dei dotti biliari intraepatici nel duodeno. Di conseguenza, si forma una stasi non meccanica (senza bloccare le mosse con le pietre).

I sintomi della colestasi sono rilevati durante l'esame e l'esame del paziente:

  • macchie giallo-marroni (xantomi) sulla pelle del viso e del corpo, xantelasmi sulle palpebre sotto forma di piccole verruche;
  • intenso ingiallimento della sclera, della pelle, delle mucose nella bocca;
  • urina scura e decolorazione fecale;
  • dolore acuto nel quadrante superiore destro dopo aver mangiato;
  • sanguinamento associato alla cessazione della sintesi della vitamina K;
  • visione offuscata al tramonto e di notte a causa di carenza di vitamina A;
  • aumento della secchezza della pelle, prurito.

Tra i test biochimici rilevati:

  • la crescita del sangue di bilirubina diretta, colesterolo, acidi biliari, lipoproteine, trigliceridi, fosfolipidi, fosfatasi alcalina enzima, gamma-glutamil transpeptidasi, rame;
  • il disturbo della coagulazione provoca cambiamenti nel coagulogramma;
  • il sangue diminuisce il contenuto di vitamine di calcio e liposolubili (E, A, D, K).

Sindrome immunoinfiammatoria - non si manifesta clinicamente, ma viene rilevata quando si controllano gli indicatori di immunità. Caratterizzato da aumentati livelli di gamma globulina (ridotto rapporto di albumina-globulina), presenza di anticorpi contro il DNA o l'RNA, per levigare le fibre muscolari.

Per lo studio ha utilizzato il dosaggio immunoenzimatico, l'immunoblotting e l'analisi radioimmunologica. I metodi consentono di calcolare la carica virale nell'epatite infettiva. Usando la reazione a catena della polimerasi, vengono rilevate informazioni genetiche sul tipo di virus.

Insufficienza epatocellulare - la sindrome si forma quando una parte degli epatociti muore e il fegato perde le funzioni di sintesi e disintossicazione. I principali segni di laboratorio di insufficienza epatica:

  • diminuzione delle proteine ​​nel sangue dovuta all'albumina, alla proconvertina, alla protrombina;
  • calo del metabolismo dei grassi (colesterolo, trigliceridi, fosfolipidi, lipoproteine);
  • timolo positivo e campioni sublimati;
  • l'esecuzione di test funzionali (bromsulfalein, antipirina, ammoniaca, fenolo) dà un risultato positivo.

L'insufficienza epatica fulminante come una sindrome è caratterizzata da un decorso rapido, con lo sviluppo di encefalopatia, paresi del tono vascolare, coagulopatia. Il paziente appare improvvisamente nausea, vomito, debolezza crescente, ittero.

Allo stesso tempo, le cadute di pressione arteriosa, il battito del cuore e la respirazione aumentano, l'aumento di temperatura, la coscienza è disturbata (il paziente cade in un coma). La condizione è così veloce che è impossibile fare qualsiasi cosa. La morte è causata dal gonfiore del cervello.

La sindrome da encefalopatia epatica è rilevata da segni di alterazioni neurologiche e mentali. In un paziente:

  • la coordinazione dei movimenti è disturbata;
  • rivelare un'apatia generale, perdita di interesse per le persone vicine;
  • il comportamento cambia in una tendenza all'irritabilità o letargia;
  • la funzione del linguaggio è compromessa;
  • defecazione involontaria, incontinenza urinaria;
  • dalla bocca circostante si sente un odore particolare (fegato);
  • possibile tremore e crampi agli arti;
  • la coscienza si perde gradualmente, entra in coma.

La sindrome da ipertensione portale è causata dallo sviluppo della cirrosi e da un aumento della pressione nel sistema della vena porta. In questo caso, il paziente appare:

  • nausea persistente;
  • gonfiore;
  • feci intermittenti;
  • sanguinamento, tendenza a sanguinamento gastrico e intestinale;
  • dolore e pesantezza nell'epigastrio e nell'ipocondrio destro dopo aver mangiato;
  • splenomegalia;
  • aumento del volume dell'addome dovuto all'accumulo di liquidi (ascite);
  • vene dilatate dell'esofago, dello stomaco, del retto, sottocutanee intorno all'ombelico.

Se l'epatite si verifica con un accumulo predominante di liquido nelle cavità (pleurico, addominale) e nei tessuti, la sindrome si chiama edematosa. Di solito si sviluppa come conseguenza dell'ipertensione portale, nella fase avanzata della malattia. Gonfiore alle membra, faccia (anasarca) si unisce all'ascite. La respirazione è difficile a causa del versamento nella cavità pleurica.

Sindrome epatorenale - rappresenta la contemporanea cessazione del funzionamento del fegato e dei reni. I segni clinici di insufficienza epatica esacerbano i sintomi di compromissione del lavoro escretore renale.

Ci sono alterazione del gusto, oliguria a diuresi giornaliera a 500 ml, cambiamenti nella forma delle dita ( "bacchette") e le unghie ( "clessidra"), un significativo aumento nel fegato e nella milza, si verifica la crescita del seno maschile.

Gli indicatori di laboratorio cambiano non solo i test del fegato, ma anche l'accumulo di creatinina, cresce l'azoto residuo. Con la proteina urinaria esce e nel sangue cade ancora di più. Le perdite di elettrolita sono in aumento a causa della cessazione del riassorbimento nei tubuli renali.

Qual è la differenza tra fasi di epatite e attività?

L'attività dell'infiammazione viene valutata per ciascun tipo di epatite mediante una combinazione di parametri biochimici (nel caso di una lesione non infettiva) e carica virale. Effettuato separatamente l'interpretazione dei cambiamenti morfologici nello studio della biopsia.

Per scegliere la tattica della terapia, è necessario identificare la fase dell'attività delle cellule immunitarie in risposta a un fattore dannoso. Serve come un indicatore della gravità del meccanismo di auto-aggressione. Con 1 grado di attività - linfociti e macrofagi si trovano lungo i vasi intraepatici, è possibile che ci siano cellule immunitarie all'interno dei lobuli, ma non vi è alcun danno alla piastra terminale.

L'immagine corrisponde al grado 1 dell'attività complessiva del processo patologico, nelle lesioni virali, nella fase di riproduzione dell'agente patogeno. 2 gradi - la proliferazione delle cellule immunitarie distrugge la membrana terminale dei lobuli epatici e raggiunge la zona centrale. I linfociti particolarmente aggressivi vengono introdotti nel citoplasma degli epatociti.

L'immagine morfologica coincide con il 2 grado di attività dell'epatite. 3 gradi - i cambiamenti sono caratterizzati da vaste aree di distruzione, necrosi cellulare. Durante l'epatite virale, ci sono 4 fasi:

  • incubazione;
  • pre-itterico (prodromico);
  • icteric;
  • convalescenza (recupero).

Quali sono le tecniche per il trattamento dell'epatite?

Nel trattamento dell'epatite, usare necessariamente una dieta moderata, il riposo a letto. Per contrastare i fattori dannosi e supportare le cellule del fegato, il paziente viene prescritto:

  • soluzioni endovenose con proprietà detossificanti (glucosio 5%, Hemodez, elettroliti di trisolo, lattosol);
  • viene somministrato il farmaco epatoprotettivo Heptral;
  • per via intramuscolare richiedono grandi dosi di vitamine;
  • per l'epatite virale, l'interferone-alfa, la ribaverina è l'unico trattamento eziologico;
  • l'epatite batterica richiederà l'uso di antibiotici;
  • Il dosaggio dei corticosteroidi dipende dall'attività del processo.

Per rimuovere in qualche modo i disturbi sintomatici, il medico prescrive farmaci coleretici, anemia, farmaci contenenti ferro, vitamine complesse e microelementi.

In caso di epatite tossica, è necessario interrompere il contatto con una sostanza tossica. Per le persone che soffrono di alcolismo, è importante abbandonare tutti i tipi di alcol. Identificare la causa esatta dell'epatite può essere difficile, quindi è necessario iniziare l'esame e il trattamento sintomatico per i primi segni della malattia.

Quali sono i sintomi e i segni della malattia del fegato e i principali metodi di trattamento?

Secondo le statistiche, la malattia epatica in Russia è al terzo posto dopo patologie neurologiche e cardiovascolari. Il fegato è la più grande ghiandola del corpo umano, che svolge le funzioni vitali più importanti. Questo organo funziona come un potente laboratorio biochimico che produce la bile (necessario per la normale digestione e la scomposizione dei grassi), deposita depositi di glicogeno, neutralizza i veleni e le tossine dal cibo. Il fegato prende parte a tutti i processi metabolici, al metabolismo delle vitamine, agli ormoni e al rafforzamento delle funzioni del sistema immunitario. Pertanto, è così importante mantenere la salute di questo organo, conoscere i principali segni di malattie del fegato e le loro cause.

Malattia del fegato - le cause principali

I tessuti epatici mostrano un'elevata resistenza agli effetti esterni avversi e hanno un elevato potenziale di rigenerazione. Questo è l'unico organo umano in grado di recuperare da solo. Ci sono casi in cui una persona è sopravvissuta e ha continuato a condurre una vita normale con una perdita del 70% del fegato. Tuttavia, sotto l'influenza di fattori nocivi, il potenziale del fegato è ridotto, il che porta all'emergere di varie patologie. Elenchiamo le cause principali che innescano il meccanismo della malattia:

  1. Intossicazione del corpo. L'assunzione sistemica di tossine e sostanze tossiche porta a danni al fegato. Ciò contribuisce al lavoro a lungo termine nelle industrie pericolose associate ai sali di metalli pesanti, piombo, mercurio, acidi e altri composti chimici. A volte per violazione delle funzioni del fegato è sufficiente l'esposizione a una sola fase di sostanze nocive in alte concentrazioni. Con effetti tossici, i segni di danno si sviluppano gradualmente, ma la malattia progredisce nel tempo e finisce con la necrosi cellulare, che porta alla comparsa di insufficienza renale.
  2. Ricevimento di medicine I farmaci lunghi e disordinati impoveriscono le cellule del fegato, che sono costrette a neutralizzare le sostanze tossiche contenute nei preparati. Antibiotici, farmaci antifungini, ormoni e farmaci usati nella chemioterapia hanno il più alto grado di epatotossicità.
  3. Infezioni virali. L'infezione da virus dell'epatite di diversi tipi (A, C, B) provoca processi infiammatori acuti o cronici nei tessuti del fegato e distrugge gradualmente l'organo, causando cirrosi. L'epatite di tipo B è considerata la più pericolosa e raramente si manifesta con sintomi gravi e diventa rapidamente cronica. I medici non hanno motivo di chiamarlo "un gentile assassino". La prognosi più favorevole accompagna l'epatite A (popolarmente chiamata "ittero"), che non ha uno stadio cronico e non provoca gravi danni al fegato.
  4. Malattie infettive e parassitarie. Quando viene infettato da parassiti (ascaris, echinococcus, Giardia), il fegato soffre di tossine rilasciate da loro nel corso dell'attività vitale. Se non trattati, i sintomi della lesione aumentano e sviluppano una malattia epatica cronica. Nei processi infettivi si verificano ascessi epatici, si formano formazioni cistiche, si sviluppano insufficienza epatica e altre patologie.
  1. Abuso di alcol L'uso sistematico ed eccessivo di alcool porta alla distruzione del tessuto epatico e della cirrosi alcolica, che è fatale.
  2. Errori nell'alimentazione. La passione per piatti grassi, fritti, speziati e speziati, spezie, carni affumicate e altri prodotti nocivi provoca una violazione del deflusso della bile. Di conseguenza, la stagnazione favorisce la formazione di calcoli nei dotti del fegato.
  3. Povera ereditarietà, le malformazioni sono alla base delle patologie dei dotti e dei vasi epatici. Anomalie nella struttura del corpo causano ipoplasia epatica, fermentopatia e altre anomalie.
  4. Lesioni all'addome e agli organi interni. In tali situazioni, i problemi epatici possono verificarsi non solo nei primi giorni dopo il fattore traumatico. Anche dopo alcuni anni, gli effetti del trauma possono ricordare la formazione di cisti o il gonfiore nel parenchima epatico.
  5. L'impatto delle radiazioni o radiazioni ionizzanti. Tale esposizione può causare il cancro delle cellule del fegato.
  6. I fattori che influenzano lo stato del fegato sono molti, ma la maggior parte di essi sono legati allo stile di vita che conduce una persona. E questo significa che eliminando l'influenza dannosa, una persona può proteggersi da molte malattie gravi.

Le malattie più comuni

Lo stato dei dotti biliari e della cistifellea, con cui questo organo interagisce, si riflette necessariamente nel lavoro del fegato. Pertanto, in medicina è consuetudine suddividere le patologie epatiche in primarie e secondarie.

Le lesioni primarie del fegato comprendono le malattie acute che si verificano nei tessuti, vasi del fegato e delle vie biliari:

  • epatite (virale, batterica, tossica, ischemica);
  • attacco al fegato;
  • trombosi venosa epatica;
  • cirrosi epatica;
  • pileflebity;
  • pylethrombosis;
  • malattie del fegato e della colecisti (colangite, colangioepatite).

Le seguenti condizioni sono riferite a malattie epatiche secondarie:

  • processi tumorali (benigni e maligni);
  • malattie concomitanti del sistema endocrino, nervoso o vascolare che causano cambiamenti nel fegato;
  • epatosi grassa, glicogenosi, emocromatosi;
  • patologie associate della colecisti e delle vie biliari (discinesia, colecistite, colelitiasi);
  • Infezioni parassitarie (ascariasis, echinococcosi, giardiasi, trichinosi, ofchirchiasi).

Questa classificazione delle malattie del fegato non è definitiva, nella scienza ci sono altre opinioni nell'approccio a questo problema. Inoltre, la classificazione delle malattie con lo sviluppo delle possibilità della medicina è in continua evoluzione e in corso di revisione.

I sintomi della malattia del fegato

Le malattie del fegato possono a lungo non riuscire ad affermarsi, poiché questo è uno degli organi più "silenziosi", in cui non ci sono terminazioni nervose responsabili dell'insorgere del dolore. I dolori gravi di solito compaiono già in gravi danni al fegato, quando crescono di dimensioni e iniziano a esercitare pressione sulla membrana fibrosa (capsula del glisson), in cui i punti del dolore sono concentrati. I sintomi caratteristici della malattia epatica sono i seguenti:

  • malessere generale, debolezza;
  • sensazione di pesantezza nel giusto ipocondrio;
  • pelle gialla e sclera;
  • decolorazione delle urine;
  • disordini di feci, cambiamento in coerenza e colore di feci;
  • gonfiore;
  • sudorazione eccessiva;
  • fragilità dei vasi sanguigni, comparsa di ematomi;
  • tendenza al sanguinamento;
  • sapore amaro in bocca al mattino, alito cattivo, placca sulla lingua;
  • un aumento del volume dell'addome, la comparsa di un pattern venoso su di esso;
  • eruzioni cutanee, prurito, sensazione di bruciore;
  • drammatica perdita di peso;
  • mal di testa, problemi di memoria, menomazioni mentali;
  • disturbi dei sistemi nervoso e ormonale;
  • un aumento delle dimensioni del fegato.

La maggior parte dei sintomi di cui sopra si verifica già nelle fasi successive della malattia, quando la malattia diventa cronica. Un segno caratteristico che indica un danno al fegato può essere intorpidimento dei muscoli, sensazione di freddo alle dita delle mani e dei piedi, un cambiamento nella forma delle unghie e la comparsa di macchie rosse simmetriche sui palmi. L'ittero si sviluppa più spesso sullo sfondo di epatite virale o tossica acuta. Con la cirrosi, il caratteristico colore itterico della pelle, della sclera e delle mucose si verifica già nelle fasi successive.

Con danni al fegato, i pazienti spesso lamentano una sensazione di bruciore, prurito della pelle o vampate di calore, accompagnato da abbondante sudore. Tali sensazioni di solito si verificano durante la notte e non consentono al paziente di addormentarsi. Il dolore severo nell'ipocondrio destro di solito si verifica con lesioni concomitanti della colecisti e dei dotti biliari, o si verificano in stadio avanzato di epatite e cirrosi.

Il decorso dell'epatite o della cirrosi può essere accompagnato da un leggero aumento della temperatura corporea. Se aumenta in modo significativo (oltre 39 ° C), ciò può indicare lo sviluppo di un processo purulento nei dotti biliari e nella cistifellea.

Da parte del sistema nervoso centrale, si verificano disturbi come stanchezza, sonnolenza, debolezza, apatia, perdita di memoria e concentrazione e disturbi del sonno. Il fatto è che le cellule nervose sono molto sensibili a una diminuzione della funzione neutralizzante del fegato. Le tossine e i prodotti metabolici non sono completamente eliminati e influenzano negativamente lo stato del sistema nervoso, causando sintomi di nevrastenia, letargia o irritabilità e sensibilità. I pazienti si lamentano di mal di testa, vertigini, insonnia, disturbi della sfera sessuale.

Pelle con malattie del fegato

Con danni al fegato si verificano cambiamenti caratteristici sulla pelle. Perde la sua elasticità, diventa pallido, asciutto e traballante. Ci sono gonfiore pronunciato nel viso e nelle estremità, una tendenza a manifestazioni allergiche (dermatiti, eczemi). Ci sono vari tipi di eruzioni cutanee sulla pelle sotto forma di elementi pustolosi, rash allergico o emorragico (porpora epatica).

Le malattie del fegato nelle donne sono accompagnate dall'apparizione di caratteristiche vene varicose sulla pelle e smagliature (smagliature sotto forma di sottili strisce bluastre nell'addome). Anche con poco effetto sulla pelle, possono apparire ematomi (contusioni) che non vanno via per molto tempo. La ragione di tali cambiamenti è lo squilibrio ormonale nel corpo femminile, in cui il fegato malato non può neutralizzare completamente gli ormoni steroidei.

Un'altra caratteristica caratteristica è il giallo della pelle, delle mucose e della sclera degli occhi. Inoltre, dovresti prestare attenzione ai punti caratteristici delle malattie del fegato:

  • la comparsa di macchie brunastre e rughe profonde sulla fronte tra le sopracciglia;
  • oscuramento della pelle nella zona delle ascelle;
  • occhiaie e gonfiore sotto gli occhi;
  • macchie marroni sulla pelle nella spalla destra e scapola;
  • l'aspetto di un'eruzione con le teste nere sugli avambracci e sul dorso della mano;
  • chiari punti simmetrici rossi delle palme (palme del fegato).

Questi segni indicano un decorso cronico di una malattia del fegato. Inoltre, le donne possono sperimentare una diminuzione della crescita dei capelli sotto le braccia e nella zona pubica o, al contrario, un'eccessiva crescita dei capelli, atrofia delle ghiandole mammarie e disturbi mestruali. E per gli uomini - assottigliamento del cuoio capelluto sulla testa, fino a completa calvizie, un disordine della libido.

Il prurito nelle malattie del fegato è un sintomo caratteristico. La causa di questa condizione diventa una violazione della funzione di disintossicazione del fegato. Di conseguenza, le sostanze nocive si accumulano nel corpo, le tossine entrano nel flusso sanguigno e con esso penetrano nella pelle, causando irritazione delle terminazioni nervose e prurito doloroso.

diagnostica

Se ci sono problemi con il fegato, è necessario sottoporsi a un esame completo per chiarire la diagnosi e iniziare il trattamento. Per fare questo, andare da un terapeuta, un epatologo o un gastroenterologo. I test diagnostici per le malattie del fegato si basano su metodi di laboratorio, invasivi e non invasivi.

In laboratorio effettueranno esami del sangue e delle urine (generali e biochimici), condurranno ricerche per identificare l'epatite o le cellule cancerose e, se necessario, eseguiranno test genetici e immunologici.

L'uso della tecnologia informatica è un metodo di ricerca moderno, indolore (non invasivo). Il paziente sarà riferito ad un ecografia degli organi addominali, nei casi dubbi sarà eseguito con risonanza magnetica (RM) o TC (tomografia computerizzata), che fornirà informazioni complete sulla condizione, la dimensione dell'organo, la struttura dei suoi tessuti e l'entità del danno.

Nei casi difficili, vengono utilizzati metodi invasivi - biopsia, laparoscopia o puntura percutanea, che aiutano a fare una diagnosi accurata.

Metodi di trattamento

Il complesso delle misure terapeutiche per le malattie del fegato è l'uso di farmaci, dieta, adattamento dello stile di vita. La terapia farmacologica si basa sull'uso di droghe nei seguenti gruppi:

  1. Preparazioni a base di erbe Per ripristinare la funzione del fegato sono farmaci ampiamente utilizzati a base di cardo mariano. Tali farmaci come Gepabene, Karsil, Silymarin, Silymar contengono estratti di questa pianta e sono utilizzati nel trattamento di epatite, cirrosi, colecistite o danno epatico tossico. Lo stesso gruppo include farmaci LIV-52 (a base di achillea e cicoria), Hofitol (a base di carciofo). Dal gruppo di integratori alimentari, la droga Ovesol è molto popolare.
  2. Fosfolipidi essenziali I rappresentanti di questo gruppo (Essentiale, Essentiale Forte, Essliver, Phosphogliv) aiutano a normalizzare i processi metabolici nelle cellule epatiche e ad accelerarne la rigenerazione e il recupero.
  3. Medicinali di origine animale. I rappresentanti di questo gruppo sono fatti sulla base di idrolizzati di fegato di bovini, hanno proprietà protettive e forniscono la disintossicazione e la pulizia del fegato. I farmaci popolari sono Hepatosan e Syrepar.
  4. Farmaci con aminoacidi. Questi sono medicinali come Heptral e Heptor. Mostrano un potente effetto antiossidante e anti-tossico, proteggono il fegato e accelerano il suo recupero.

Oltre alla terapia conservativa, viene utilizzata la ginnastica terapeutica, che consiste in una serie di esercizi appositamente progettati. Nelle patologie epatiche, hanno un effetto benefico sui processi metabolici, eliminano gli spasmi delle vie biliari, rafforzano i muscoli addominali e migliorano il funzionamento dei sistemi nervoso, digestivo e cardiovascolare. Esegui questi esercizi meglio sotto la guida di un istruttore esperto.

Un buon effetto dà l'uso di metodi di medicina tradizionale, basati sulla ricezione di decotti e tinture di erbe medicinali. Ma prima di iniziare il trattamento, assicurati di consultare il tuo medico, questo ti aiuterà ad evitare complicazioni indesiderate. Per il trattamento del fegato, vengono utilizzati farina di cardo, decotti di radici di tarassaco e carciofi, vengono utilizzate piante con proprietà coleretiche e diuretiche (rosa selvatica, foglie di fragola, erba di San Giovanni, seta di mais, ecc.). Leviron Duo, farmaco naturale di provata efficacia.

Ma di particolare importanza nel trattamento delle patologie epatiche è la dieta. Quale dovrebbe essere la nutrizione per le malattie del fegato, cosa è possibile e cosa non dovrebbe essere incluso nel menu del giorno? Raccomandazioni su questo argomento possono essere ottenute dal medico e dal nutrizionista.

Dieta per malattie del fegato

Con danni al fegato, la dieta è vitale. La dieta scelta correttamente aiuterà a normalizzare i processi di secrezione biliare e digestione, a ridurre il carico sull'organo malato ea ripristinarne le funzioni. La base di una dieta terapeutica dovrebbe essere proteine, carboidrati, vitamine e oligoelementi, l'assunzione di grassi deve essere ridotta al minimo. I seguenti prodotti sono consentiti per le malattie del fegato:

  • minestre a base di latticini, verdure, cereali per muco;
  • prodotti lattiero-caseari fermentati (senza grassi);
  • carne magra (pollame, coniglio, vitello);
  • frutti di mare e pesce (varietà a basso contenuto di grassi);
  • pasta, cereali (grano saraceno, orzo, farina d'avena);
  • omelette proteiche al vapore;
  • insalate di verdure fresche con olio vegetale;
  • verdure, frutta fresca, verdura.

Non è consigliabile utilizzare il pane fresco, è meglio asciugarlo, fare crackers e non mangiare più di 2-3 fette al giorno con il primo piatto. Un altro requisito importante riguarda il metodo di cottura. Gli alimenti fritti devono essere completamente esclusi dalla dieta, si consiglia di cuocere a vapore, cuocere o cuocere al forno. Inoltre, è necessario monitorare la conformità con il regime idrico e bere almeno 1,5 litri di liquidi al giorno. Utile tè verde e alle erbe, composte, bevande alla frutta, acqua minerale (consigliato dal medico).

Cosa è proibito?

Per le malattie del fegato, il divieto si applica ai seguenti prodotti:

  • pasticcini, muffin, pasticcini, pane bianco fresco;
  • ricchi brodi, carne e pesce grassi;
  • dolci, caramelle, cioccolata;
  • prodotti semilavorati, cibo in scatola;
  • carne affumicata, salsicce;
  • alcol;
  • soda dolce;
  • forte caffè nero e tè;
  • salse grasse; grassi animali;
  • spezie e condimenti;
  • fagioli;
  • farina d'avena proveniente da orzo, mais, orzo e miglio;
  • ravanello, ravanello, aglio, rapa, cavolo bianco, acetosa, cipolle, spinaci;
  • uva, pomodoro, succo d'arancia.

Dal menu dovresti escludere le verdure con fibre grossolane, alcune bacche e frutti (agrumi, ribes, mirtilli rossi, lamponi, uva), abbandonare completamente qualsiasi bevanda, anche a bassa gradazione alcolica. Una tale dieta dovrebbe diventare uno stile di vita, dovrebbe essere tenuta costantemente, quindi, in combinazione con il trattamento farmacologico, aiuterà a ripristinare le funzioni del fegato.

Prevenzione delle malattie del fegato

Prevenire le malattie del fegato aiuterà misure come un'alimentazione corretta e adeguata, il rifiuto delle cattive abitudini, l'aderenza al lavoro e al riposo, aumenterà l'attività fisica, lo sport. Cerca di utilizzare solo prodotti freschi e sani, elimina completamente l'alcol dalla tua vita, abbandona l'uso incontrollato dei farmaci.

Per prevenire l'infezione da virus dell'epatite, è necessario eliminare il sesso non protetto e avere un solo partner affidabile e sano. Quando si lavora in industrie pericolose, è assolutamente necessario osservare le precauzioni di sicurezza quando si lavora con sostanze tossiche e usare dispositivi di protezione individuale.

Ricorda che la malattia del fegato è una seria minaccia per la salute. Pertanto, si dovrebbe cercare aiuto medico in modo tempestivo, quando compaiono i primi segnali di avvertimento che indicano una violazione delle funzioni del fegato.

Sintomi e trattamento dell'infiammazione del fegato

L'infiammazione del fegato (o epatite) è una malattia che è accompagnata da infiammazione e atrofia parziale o totale del tessuto epatico. Ha un numero di agenti patogeni e, a seconda della causa dell'evento, viene determinata un'ulteriore terapia.

Perché il fegato è infiammato?

Le cause di infiammazione del fegato possono avere un terreno diverso. Potrebbe essere un virus che ha causato epatite, bere eccessivo, infiammazione progressiva dei dotti biliari, ecc.

  1. Epatite infettiva Questa specie ha il nome di "Malattia di Botkin" ed è la meno pericolosa, ed è tollerata abbastanza facilmente. Tuttavia, le persone sono molto vulnerabili all'epatite infettiva e nel caso di virus che entra nel corpo, l'infezione si verifica nel 100%. Questo tipo di infiammazione del fegato include epatite virale e batterica. Questi ultimi stanno progredendo a causa di una malattia infettiva - Letospirosi.
  2. Epatite tossica. Questo tipo di pericolo per il paziente è al secondo posto. La causa dell'epatite tossica è l'ingestione di sostanze tossiche e chimiche. Con il ricovero in ospedale, le conseguenze possono essere imprevedibili e, in rari casi, la morte. La tolleranza di questo tipo di infiammazione del fegato dipende dalla composizione delle sostanze tossiche, dalla loro quantità e dal corpo umano. Le cause dell'epatite tossica sono l'avvelenamento da alcol, droghe e sostanze chimiche.
  3. Epatite da radiazioni Questo tipo di epatite ha in media un andamento favorevole, ma in alcuni casi provoca la morte. L'epatite da radiazioni è una rara forma di infiammazione del fegato ed è causata dall'esposizione alle radiazioni. Le cause di questa specie sono l'irradiazione corporea e la radioterapia.
  4. Epatite autoimmune. Questo tipo di epatite si riferisce alla grave malattia del fegato. Completamente le cause dello sviluppo di questa malattia non sono state completamente studiate fino ad oggi. Gli esperti dicono che l'ereditarietà del paziente e le caratteristiche strutturali dell'organismo giocano un ruolo chiave.

Tutti i tipi di infiammazioni epatiche si dividono in due forme: acuta e cronica. La forma acuta è causata da un'infiammazione del fegato dovuta a virus. La forma cronica è una continuazione dei processi infiammatori dopo la forma acuta.

Sintomi di infiammazione del fegato

Il fegato nel corpo umano è responsabile di molte funzioni. Il processo infiammatorio nel corpo non passa senza lasciare traccia. Se la malattia colpisce il fegato, l'organo perde la sua efficacia e questo processo accompagna i sintomi dell'infiammazione del fegato:

  1. Violazione del trattamento della bilirubina. La bilirubina è un pigmento biliare che è il componente principale della bile. La formazione si verifica a causa della scissione di proteine ​​saturate con emoglobina, myolgolobin e citocromo. Il processo infiammatorio nel fegato viola la sua elaborazione della bilububina. Il risultato di questo disturbo è lo sviluppo dell'ittero. La malattia di Gospele è accompagnata da sintomi esterni visibili: la pelle, la bocca e la lingua sono ingiallite. Con l'incapacità del fegato di trattare la bilirubina, questa sostanza tossica è depositata in tutto il corpo.
  2. Violazione del deflusso della bile. Quando l'epatite viene violata fuoriuscita di bile dal fegato. Per questo motivo, parte del fluido biliari entra nel flusso sanguigno e si diffonde alle cellule della pelle. A causa della sua composizione chimica, la bile porta all'irritazione delle cellule della pelle, appare un prurito caratteristico.
  3. Aumento delle dimensioni del fegato. La superficie del fegato copre una speciale capsula tissutale, che svolge una funzione protettiva. I processi infiammatori nel fegato causano un aumento delle sue dimensioni e la capsula protettiva è allungata. A causa del fatto che la superficie protettiva del fegato non è elastica, il suo allungamento è accompagnato da dolori caratteristici nel giusto ipocondrio.

Segni di infiammazione nel fegato

Lo sviluppo dell'epatite è accompagnato da una serie di segni, grazie ai quali il paziente può determinare la presenza di processi infiammatori nel fegato:

  • Debolezza del corpo
  • Fatica veloce
  • Mancanza di appetito
  • Imbavagliare e nausea
  • Colore delle urine più scuro
  • Colore più chiaro delle feci

diagnostica

Diagnosticare l'infiammazione del fegato è possibile attraverso l'identificazione dei suddetti segni e la rilevazione di virus nel sangue. Per rilevare i virus nel sangue, è necessario superare i test di laboratorio. Con l'aiuto di speciali marcatori di epatite, viene determinata la presenza di un virus:

  • Marcatore immunologico Questa analisi consente di determinare la presenza di anticorpi nel sangue che si formano in risposta alla presenza di virus.
  • Marcatore genetico Questa analisi consente di determinare i componenti delle cellule virali con l'aiuto della diagnosi ultrasensibile delle infezioni. Questo metodo diagnostico ti consente di scoprire la natura del virus e la sua quantità.

Trattamento dell'infiammazione del fegato

A seconda del tipo di epatite, ci sono un certo numero di terapie specializzate e trattamenti per l'infiammazione del fegato. La forma e i metodi di trattamento prescritti dal medico curante. Fondamentalmente, in qualsiasi forma di processi infiammatori nel fegato, viene prescritto un numero di farmaci antivirali.

Il più usato è l'agente antivirale Interferon. In alcuni casi, la terapia è combinata con ribavirina, che consente di aumentarne l'efficacia. L'intero processo di trattamento nel 99% richiede un ospedale e una stretta supervisione medica.

Medicina popolare

  • Barbabietola e ravanello Usando un frullatore, macinare barbabietole e ravanelli allo stato liquido mescolando entrambi gli ingredienti. Questo succo è necessario per bere tutti i giorni fino al recupero.
  • Crauti. È necessario spremere il cavolo nello spremiagrumi e bere questo succo al mattino e alla sera per 1-2 mesi.
  • Frutti di aneto 1-2 cucchiai di aneto dovrebbero essere tritati finemente, versare acqua bollente e lasciare fermentare il brodo per 2-3 ore. Non appena il decotto è presente, è necessario filtrarlo e bere tale succo fino alla scomparsa della malattia.

prevenzione

Per evitare lo sviluppo dell'epatite virale, si dovrebbe applicare una vaccinazione tempestiva. È necessario limitare il contatto con pazienti affetti da epatite, monitorare attentamente l'igiene personale ed evitare il contatto con oggetti di igiene estranei. L'eccessivo consumo di alcol può anche essere la causa dello sviluppo di processi infiammatori nel fegato, pertanto è necessario escluderne l'uso.

A causa della varietà nella dieta, è possibile proteggersi dal processo infiammatorio nel fegato. Arricchisci la tua dieta con un cibo che fornirà al tuo corpo abbastanza vitamine e sostanze nutritive. Tale nutrizione aiuta a ripristinare la normale funzionalità epatica.

Infiammazione del fegato - diversi sintomi di epatite, epatite, cirrosi

Lo stato di salute delle donne dipende dall'attività ormonale. Sintomi esacerbati di infiammazione del fegato nei disturbi mestruali nel periodo post-menopausale.

La dipendenza del funzionamento degli organi sui disturbi endocrini negli uomini è meno pronunciata, pertanto, nelle fasi iniziali, i processi infiammatori non sono accompagnati da sintomi.

Le manifestazioni cliniche dipendono dalla forma morfologica della malattia: epatite (infiammazione), steatosi (eccesso di grasso), epatosi, cirrosi.

Le differenze nei sintomi dei rappresentanti della metà forte e bella dell'umanità sono anche dovute all'abuso di alcol, che è più tipico per gli uomini.

Complicando il corso della malattia è l'assunzione di farmaci epatotossici, cambiamenti concomitanti in altri organi.

Sintomi di danno epatico con steatosi

L'infiltrazione grassa degli epatociti (steatosi) si sviluppa più spesso nelle persone che abusano di alcol. L'alcol etilico distrugge le cellule del fegato, attiva i meccanismi biochimici della deposizione di acido grasso nelle donne in sovrappeso. L'accumulo di grasso negli epatociti si trova anche in altre forme nosologiche:

  1. Restrizione delle proteine ​​nel cibo (quando si fa la dieta);
  2. Violazione delle reazioni di scambio (ipertrigliceridemia, sovrappeso);
  3. Infiammazione intestinale cronica;
  4. La malattia di Itsenko-Cushing è un disturbo ormonale associato a ridotta escrezione e formazione di ormoni della corteccia surrenale a causa del blocco del centro di stimolazione del cervello.

Nelle fasi iniziali e intermedie della steatosi, i sintomi non si verificano. Una malattia viene rilevata dopo un'ecografia del fegato.

Il danno epatico grasso nelle donne con steatoepatite può essere caratterizzato dall'apparizione periodica del dolore nell'ipocondrio destro a causa di un aumento delle dimensioni dell'organo. Negli uomini, i segni clinici di infiltrazione grassa compaiono solo quando l'insufficienza epatica, la formazione di cirrosi (sostituzione di tessuto sano con tessuto cicatriziale non funzionale).

Epatite femminile - ciò che è diverso dal maschio

La clinica di epatite acuta (infiammazione del fegato) è più pronunciata negli uomini che nelle donne. Il corso intensivo è complicato dall'uso di alcol. I sintomi dipendono dal tipo di epatite virale. La forma più pericolosa è l'epatite B, che non è curata e distrugge gradualmente gli epatociti, portando a insufficienza epatica.

Il decorso acuto dell'epatite A, C, D, E è caratterizzato dalle seguenti manifestazioni:

  • Il dolore dell'ipocondrio destro dovuto all'aumento delle dimensioni dell'organo;
  • Ingiallimento della pelle e della sclera con blocco dei dotti intraepatici, calcoli della cistifellea;
  • Prurito, aree irritate rosse di dermatite;
  • Vescicole di herpes zoster, prurito sotto l'ipocondrio sinistro con un aumento compensativo del pancreas;
  • Siti separati di espansione di navi superficiali (teleangiectasia) con una larghezza di non più di 3 mm;
  • Emorragia sottocutanea, sanguinamento dalle vene dell'esofago, retto.

Nelle donne, manifestazioni di distonia neurocircolatoria (caduta di pressione, arrossamento dei singoli segmenti cutanei) si uniscono ai segni sopra descritti sullo sfondo dei disturbi ormonali.

In caso di decorso cronico di sintomi gravi, né gli uomini né le donne possono essere rintracciati. Molto spesso, il corso latente viene scoperto casualmente quando si diagnostica una condizione di salute per altre malattie.

Manifestazioni cliniche di cirrosi

L'estremo grado di malattie epatiche trascurate è la cirrosi (proliferazione di tessuto cicatriziale nel sito di lesioni distruttive del parenchima). La formazione al posto dell'epitelio funzionale delle fibre del tessuto connettivo non funzionale causa l'insufficienza epatica.

Se i sintomi della malattia vengono rilevati tempestivamente e il trattamento inizia in modo tempestivo, la maggior parte delle persone riesce a eliminare le complicanze che portano alla cirrosi. Il tessuto connettivo sostituisce le cellule normali, portando al restringimento dell'organo. Questi cambiamenti sono causati da una serie di fattori provocatori:

  1. Abuso di alcool;
  2. Iniezione di stupefacenti;
  3. Infezioni batteriche - tubercolosi, sifilide, brucellosi.

La cirrosi porta a numerosi cambiamenti nel corpo, derivanti dall'aumento dell'accumulo di tossine nel sangue, da un eccesso di ammoniaca. È possibile assumere la patologia con i seguenti segni esterni: palmi rossi, emorragie sottocutanee, "vene varicose" sull'addome, prurito, una significativa riduzione del peso corporeo, distensione addominale. Disturbi digestivi si formano a causa di problemi di escrezione biliare, infiammazione secondaria del pancreas, problemi con l'elaborazione dei grassi.

Segni di danno epatico alcolico

Sotto l'influenza dell'alcol, ci sono 3 tipi di patologia morfologica:

  • Infiammazione tossica;
  • Accumulo patologico di acidi grassi (steatosi);
  • Crescita cirrotica o fibrosa.

Non vi è alcuna prova pratica di una relazione tra il dosaggio di alcol etilico e il tipo di danno epatico. Vi sono prove di un rapido sviluppo del danno nelle donne che consumano alcol. Per lo sviluppo della cirrosi abbastanza assunzione giornaliera di 10 grammi di etanolo.

Prima della proliferazione delle fibre cirrotiche, una persona ha una serie di sintomi clinici:

  • Sete intensa;
  • Forte dolore nella parte destra;
  • Stanchezza costante;
  • Problemi digestivi;
  • Giallo di mucose, sclera, pelle;
  • Puffiness degli arti inferiori, addome;
  • Perdita di peso

La sconfitta del pancreas nell'alcool è associata all'effetto diretto dei metaboliti tossici sui tessuti funzionali dell'organo. I primi segni di danno epatico possono essere prurito nell'ipocondrio sinistro, nausea e vomito.

Manifestazioni iniziali di avvelenamento da alcol:

  1. Arrossamento persistente degli arti superiori e inferiori;
  2. Decolorazione della pelle;
  3. Espansione tipo ragno dei vasi sanguigni sulla pelle dell'addome.

L'epatite alcolica in un bambino può manifestarsi anche con una singola dose di una piccola dose di alcol. Raccomandiamo ai genitori di prestare attenzione ai primi sintomi della malattia:

  • Vomito di contenuti simili al caffè;
  • Feci scure - con emorragia nell'intestino;
  • Epistassi frequenti

Attitudine attenta al corpo consentirà di diagnosticare la patologia epatica in modo tempestivo.

Suggeriamo anche di prestare attenzione ai disturbi neurologici che i bambini con epatite ed epatite tendono a:

  • Mancanza di concentrazione;
  • Stato eccitato costante (agitazione);
  • Difficoltà di memorizzazione;
  • Formicolio, intorpidimento agli arti;
  • Sbalzi d'umore;
  • Inibizione, encefalopatia.

Con un aumento dell'accumulo di tossine nel sangue, è possibile la comparsa di deliri allucinatori.

Un importante segno di infiammazione del fegato negli uomini è un aumento delle ghiandole mammarie, una diminuzione delle dimensioni dei testicoli.

Se una persona ha una grave infiammazione del fegato, che è chiaramente visibile, non vi è alcuna difficoltà nella diagnosi. La biopsia precoce può rivelare solo i primi cambiamenti - prendendo del materiale epatico con un ago per puntura.

Steatoepatite non alcolica - come manifestata

La causa più comune di degenerazione grassa è l'obesità. Con un eccesso di grasso corporeo, l'infiltrazione epatocitaria può essere rintracciata. Quando nosologia, il processo infiammatorio è lieve. L'accumulo di colesterolo all'interno degli epatociti porta a insufficienza epatica. Con abbondante degenerazione grassa, il tessuto può infiammarsi, causando cirrosi, blocco dei dotti biliari intraepatici.

La violazione della secrezione biliare è accompagnata da danni al pancreas con crescita irreversibile delle cicatrici. Non si formano sintomi speciali nella patologia. Solo con un'abbondante infiltrazione lipidica ci sono dolori nell'ipocondrio destro. Nei casi più gravi, compaiono ulteriori segni:

  1. Sudorazione eccessiva;
  2. Bocca secca;
  3. la sete;
  4. Dolore nell'addome;
  5. Debolezza.

I segni non sono specifici, quindi non consentono di sospettare la patologia.

In generale, nelle prime fasi dell'epatite o dell'epatosi, è difficile diagnosticare malattie nella clinica. Molto spesso, la patologia viene diagnosticata per caso. Con lo sviluppo della cirrosi, ci sono più cambiamenti che possono diagnosticare in modo affidabile la malattia, ma è già impossibile aiutare una persona. Prestare attenzione alla probabilità di disturbi iniziali del pancreas, che riflette indirettamente la patologia della secrezione biliare.