La necessità di vaccinazione contro l'epatite B

Cibo

Il vaccino contro l'epatite B è il primo vaccino somministrato a un bambino mentre è ancora in ospedale. L'epatite B è una malattia trasportata da un virus patogeno che, una volta infettato, induce una persona a distruggere le cellule del fegato. Le sue complicanze spesso portano allo sviluppo di malattie come epatite cronica, cirrosi e cancro del fegato, insufficienza epatica acuta. Tutte queste malattie sono mortali e possono essere fatali.

La vaccinazione contro l'epatite B oggi è il metodo più efficace per prevenire questa malattia più pericolosa. Oltre al solito per molte reazioni allergiche ai vaccini, questo vaccino di solito non causa alcun effetto collaterale. Il virus patogeno dell'epatite B è molto aggressivo e facilmente trasmissibile attraverso il sangue del paziente o altri fluidi. L'infezione più comune si verifica attraverso:

  • contatto con il sangue della madre durante il parto;
  • contatto del sangue con tagli, punture o punture;
  • contatto con oggetti igienici come rasoi, spazzolini da denti o accessori per unghie;
  • sesso non protetto con un partner infetto;
  • riutilizzo di siringhe o aghi;
  • iniezione accidentale con un ago usato;
  • allattamento al seno da madre a figlio;
  • alcune manipolazioni mediche.

La dose di sangue che può causare l'infezione è molto piccola - letteralmente una goccia. Allo stesso tempo, il virus rimane vivo e pericoloso per due settimane anche nello stato essiccato, ad esempio sui vestiti. Per confronto: per l'infezione da HIV richiede almeno un millilitro di sangue fresco.

In Russia, la vaccinazione di massa contro l'epatite B virale è dovuta all'ampia diffusione di questa malattia, che recentemente è diventata un'epidemia. Secondo le statistiche, il 90% dei tossicodipendenti è infetto da epatite B. Ma ora il virus è diventato sempre più comune tra le persone comuni che non sono nemmeno a rischio, mentre le vaccinazioni contro l'epatite B sono molto rare per gli adulti nel nostro paese. La vaccinazione di massa può ridurre il numero di infetti e prevenire la diffusione del virus in futuro. Dal 2002, il Ministero della Sanità della Federazione Russa ha inserito la vaccinazione contro l'epatite B nella lista dei bambini obbligatori. Anche se non tutti i genitori sono d'accordo con questo.

Epatite B pericolosa: vaccinazione per la salute

Queste vaccinazioni non rappresentano un rischio di infezione e possono essere somministrate ai pazienti a qualsiasi età. Nonostante questo, per molti anni, le controversie sulla sua convenienza e necessità, così come sui possibili danni alla salute, non si sono attenuate. I genitori ne discutono molto, timorosi di alcuni rapporti dei media sulle presunte gravi conseguenze dell'uso del vaccino sulla salute dei bambini. Questa informazione, di regola, non è confermata da nulla e persegue un solo obiettivo: la creazione di un'altra sensazione.

Oggi nessun medico può costringere una persona a farsi vaccinare, se non la vuole - questa è la posizione della Carta mondiale dei medici. Medici di famiglia, medici di medicina generale o pediatri possono solo informare i pazienti sulla possibilità di vaccinazione e fornire le loro raccomandazioni al riguardo.

La categoria di persone a rischio di contrarre l'epatite B comprende operatori sanitari, educatori e operatori sociali - persone che interagiscono con fluidi corporei infetti e / o vari: sangue, urina, saliva, sperma, ecc. Se una quantità sufficiente di anticorpi contro l'epatite B viene rilevata nel sangue di una persona da un gruppo a rischio per laboratorio, allora non è necessario fare vaccinazioni contro l'epatite.

Gli oppositori della vaccinazione sostengono la loro cancellazione o almeno la revisione di un rigido programma di vaccinazioni, citando come esempio i casi di gravi complicanze che si sviluppano dopo la procedura in momenti sfavorevoli: durante o dopo la malattia, durante il periodo postoperatorio, ecc. Tirando le informazioni fuori dal contesto, le presentano come prove inconfutabili del danno della vaccinazione, per qualche motivo dimenticando quali complicanze dell'epatite B possono minacciare la gente.Una prova della necessità di vaccinazione è l'opinione unanime dei virologi e dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Schema di vaccinazione

Il vaccino contro l'epatite B viene somministrato al neonato entro 12 ore dalla nascita. Ci sono 2 schemi per la sua attuazione: per i bambini ad alto rischio di infezione e per i neonati con rischi ordinari. Il primo gruppo comprende bambini che hanno:

  • la madre è la portatrice del virus;
  • la madre soffre di epatite B;
  • la madre non è stata esaminata per l'epatite B;
  • uno o entrambi i genitori usano droghe;
  • bambini che hanno portatori in famiglia o che sono malati di qualsiasi tipo di epatite.

Lo schema di vaccinazioni di neonati del 1o gruppo:

  • 1 - 12 ore dopo la nascita;
  • 2o - in 1 mese;
  • 3o - in 2 mesi;
  • 4o - in 1 anno.

Tutti gli altri bambini vengono vaccinati secondo uno schema diverso:

  • 1 ° - entro 12 ore dalla nascita;
  • 2o - in 1 mese;
  • 3 ° - in 6 mesi (solo 3 vaccinazioni).

I bambini che non sono vaccinati nella maternità possono essere vaccinati a qualsiasi età. La tendenza alle malattie catarrale non è un motivo per rifiutare la vaccinazione, è sufficiente aspettare fino a quando non ci vogliono 2 settimane dopo il pieno recupero. La vaccinazione può essere eseguita anche con un leggero raffreddore o tosse.

Se il bambino ha ricevuto la prima vaccinazione nell'ospedale per la maternità, e il secondo no e dopo più di 3 mesi, il ciclo dovrà essere ricominciato. In questo caso, il vaccino consegnato in 3 mesi o più tardi sarà considerato per primo.

La vaccinazione contro l'epatite B negli adulti viene effettuata in qualsiasi momento secondo lo schema 0-1-6 (cioè la seconda vaccinazione - in un mese, la terza - in 6 mesi).

Per ottenere un risultato sostenibile, è necessario effettuare tutte e tre le vaccinazioni, altrimenti l'organismo non sarà in grado di sviluppare l'immunità necessaria.

Quali vaccini ci sono?

Il vaccino contro l'epatite B è ricombinante (ottenuto attraverso l'ingegneria genetica). La preparazione contiene solo proteine, ma non il virus stesso, che elimina completamente il rischio di contrarre l'epatite B attraverso il vaccino.

Per la vaccinazione usare vaccini di produzione sia russa che estera, registrati nel paese. Di solito, le vaccinazioni sono fornite gratuitamente in una clinica della comunità in cui sono disponibili i vaccini acquistati dal comitato sanitario regionale. I vaccini domestici sono molto più usati - sono molto più economici, ma non peggiori di quelli importati. Su richiesta del paziente in istituzioni mediche commerciali possono essere vaccinati con qualsiasi farmaco di scelta (monocomponente o combinazione).

I seguenti farmaci sono disponibili sul territorio della Federazione Russa:

  • il vaccino ricombinante liquido lievito prodotto da Combotex Ltd, Federazione Russa - è ampiamente usato nelle nostre cliniche per vaccinare i bambini;
  • "Evuks V" prodotto da LG Chem (Corea) e "Sanofi Pasteur" (Francia) - prodotto in dosi per bambini, applicabile solo fino a 15 anni di età;
  • "Edgerix B" prodotto da Smith Cline Bechem (Belgio) e SKB-Biomed LLC (Russia-Belgio) - disponibile in dosaggi per bambini e adulti;
  • Eberibovac prodotto da Eber Viotek (Cuba) insieme a MPO Virion (Russia) viene anche acquistato per la vaccinazione di massa;
  • H-B-Vax IInbsp prodotto da Marc Sharp Dome, USA;
  • "Bubo-kok" è un vaccino combinato per DPT ed epatite B dei produttori russi di NPO Biomed e NPK Kombiotekh, utilizzato nelle cliniche pubbliche e a pagamento.

Tutti questi vaccini sono sicuri ed efficaci e la tecnologia di produzione è quasi identica, quindi gli schemi del loro uso sono gli stessi. Dopo il corso della vaccinazione, la quantità necessaria di anticorpi nel corpo viene mantenuta fino a 8 anni e più, proteggendo efficacemente contro l'infezione da epatite.

Controindicazioni ed effetti collaterali

Come ogni farmaco medico, il vaccino contro l'epatite B ha controindicazioni, oltre agli effetti collaterali di cui è necessario essere a conoscenza. È necessario distinguere chiaramente tra normali reazioni post-vaccinazione ed effetti collaterali (molti genitori tendono a confondere queste cose).

A causa del contenuto di idrossido di alluminio nel vaccino, l'infiammazione di solito si sviluppa nel sito di iniezione - questo è un fenomeno completamente naturale. La norma è la compattazione, il rigonfiamento dei tessuti e il rossore fino a 80 mm di diametro. Non deve essere trattato con unguenti o altri medicinali, fare lozioni, impacchi, agire meccanicamente sul sito di iniezione. Seal si passerà da solo.

Non ci sono quasi manifestazioni comuni dopo la somministrazione del vaccino. Molto raramente la temperatura può salire fino a 37,3 ° C. Se improvvisamente un bambino o un adulto ha nausea, vomito, febbre, qualsiasi manifestazione neurologica, allora la questione qui non è affatto nella vaccinazione. Ciò che può essere scambiato per un effetto collaterale della vaccinazione contro l'epatite B può essere qualsiasi malattia che coincide con il tempo di vaccinazione. Tutte queste manifestazioni richiedono cure mediche immediate.

Come qualsiasi altro farmaco, un vaccino può causare reazioni allergiche: dall'orticaria semplice allo shock anafilattico. Questo può accadere ai bambini che hanno intolleranza alla cottura del lievito, che sono controindicati per la vaccinazione contro l'epatite B. Inoltre, le esacerbazioni di malattie croniche e condizioni febbrili sono controindicazioni comuni. Un limite specifico per i neonati può essere estremamente basso peso - fino a 1,5 kg. In questi casi, la vaccinazione contro l'epatite B viene ritardata fino a quando il bambino non prende 2 kg.

Conoscendo la conoscenza oggettiva dei pericoli dell'epatite B e dei vaccini, è più facile valutare gli argomenti e fare una scelta informata a favore o contro la vaccinazione.

Vaccinazione contro l'epatite Neonato - Pro e contro

La vaccinazione dei bambini inizia alla nascita. Il primo vaccino contro l'epatite nei neonati viene fatto nell'ospedale di maternità. Ma perché hai bisogno di iniettare la droga così presto? È pericoloso per il bambino? Questi e molti altri problemi infastidiscono i genitori. Quali caratteristiche ha un vaccino contro i neonati da epatite e quanto è necessario, discuteremo con i nostri lettori.

Attenzione, pericolo!

L'epatite B può essere infettata non solo dopo un anno, ma anche dai neonati. Il virus infetta il fegato e può procedere apertamente o in forma latente, causando cirrosi epatica. In forma latente, la malattia provoca il cancro al fegato. Molte mamme chiedono dove un neonato può avere l'ittero?

La malattia viene trasmessa in diversi modi:

  • alla nascita dalla mamma;
  • attraverso il sangue, per trasfusione;
  • quando si usano siringhe riutilizzabili o strumenti medici che sono mal elaborati;
  • nella vita di tutti i giorni a stretto contatto con l'infetto.

Il bambino può essere infetto in ospedale o dalla madre, che è la portatrice nascosta. Se la mamma non ha avuto una vaccinazione prima del parto, allora potrebbe essere infetta.

Durante la gravidanza, i test per questa malattia non vengono eseguiti in tutte le regioni. Quindi, tanti bambini che nascono già infetti e in futuro la loro qualità della vita è notevolmente ridotta.

L'epatite B si sta diffondendo più velocemente di una forma, che può arrivare al bambino solo attraverso le trasfusioni di sangue. Si ritiene che un neonato possa essere stato infettato dalla madre insieme al latte, ma questo fatto non è dimostrato. Vaccinare un bambino in un ospedale per la maternità, prima del suo contatto con il mondo esterno, significa salvargli la vita nel primo anno di vita.

Caratteristiche della malattia

L'epatite entra nel corpo del bambino e si deposita nel fegato. Penetra nelle cellule del fegato, ne lascia il nucleo in esse. Il sistema immunitario inizia a percepire le cellule del fegato come qualcosa di estraneo e combatterà contro di loro.

Più giovane è il bambino, peggio la sua immunità ha paura dei batteri e dei virus. Bene, se il bambino ha l'epatite in una forma aperta (ittero), è peggio quando è nascosto. In un bambino del primo anno di vita, la probabilità di diventare infetto è più alta e la malattia può essere prevenuta solo con la vaccinazione.

Quali vaccini vengono usati per vaccinare un bambino

La vaccinazione di un neonato contro l'epatite B è gratuita. La prima iniezione verrà fatta al bambino in ospedale, la seconda viene eseguita a 3 mesi e l'ultima a 6 mesi. Questo è lo schema tradizionale di innesto di un bambino sano contro la malattia.

La vaccinazione è effettuata da droghe importate e domestiche. La cosa principale è che il vaccino venga inserito nel registro del calendario nazionale nella regione in cui è nato il bambino.

Tra i più popolari vi sono i farmaci vaccinali:

  • Il vaccino ricombinante liquido anti-epatite B è il più popolare domestico. La sua massa è utilizzata negli ospedali e negli ospedali per la maternità della Russia.
  • Endzheriks In - la droga belga. Fai un dosaggio di 10 e 20 mg. Bambini iniettati meno di 18 anni.
  • Ebirbiovac - Cuba produce vaccino insieme alla Russia. Nelle nostre cliniche viene spesso utilizzata la vaccinazione con questo farmaco.
  • Evuks B - prodotto congiuntamente da Corea e Francia. Ha meno effetti collaterali. Nelle cliniche sono usati molto raramente.
  • Bubo-M è un vaccino combinato americano, popolare nelle cliniche private in Russia. I bambini fanno a pagamento

Il vaccino per i bambini contro l'epatite può essere combinato o monocomponente. Il bambino è solitamente collocato in quello che ha acquistato il Ministero della salute regionale. Tradizionalmente, si tratta di droghe domestiche, in quanto il loro prezzo è inferiore. E la composizione e il metodo di utilizzo di tutti i vaccini non è molto diverso. Pertanto, qualsiasi iniezione effettuata nelle briciole di maternità è sicura e aiuterà il bambino ad acquisire l'immunità per 20 anni. La cosa principale è rispettare lo schema e non ritardare la seconda e la terza iniezione.

emergenze

Schema di vaccinazione diverso per i bambini a rischio. Quindi i bambini devono vaccinare i passi dell'epatite 4. Il primo per 12 ore dopo la nascita, il secondo in 1 mese, poi in due e un anno. Quindi, l'efficienza aumenta e il bambino sarà protetto.

Ci sono situazioni in cui, dopo la dimissione dall'ospedale di maternità, il bambino parte con i suoi genitori in un'altra regione. La mamma è preoccupata, è possibile continuare lo schema per i bambini con vari vaccini? Tutti i farmaci sono simili, quindi intercambiabili. Ma se non c'è alcun bisogno speciale, vale la pena terminare lo schema con un farmaco.

La combinazione dell'epatite B con altri vaccini non è raccomandata. L'eccezione è DTP e poliomielite complessi. Sono tradizionalmente messi insieme in policlinici. È impossibile combinare l'iniezione con una vaccinazione BCG. E se si presenta la necessità, per ragioni di richieste mediche o di fattori personali, è meglio usare il vaccino combinato Bubo-M. Il prezzo delle iniezioni nelle grandi città inizia da 13 000 r.

Ci sono casi in cui mamma non è riuscita a fare un'iniezione del bambino contro l'epatite subito dopo la nascita e, al suo arrivo a casa, è risultato che il bambino è a rischio. È necessario preparare il farmaco secondo lo schema accelerato 0-1-2-12 e, per aumentare l'efficienza, si trova anche l'immunoglobulina. Aumenterà l'immunità del bambino e contribuirà a far fronte a possibili infezioni.

Cosa aspettarsi dopo l'introduzione del farmaco?

Le mamme spesso rifiutano le vaccinazioni contro l'epatite B perché temono che gli effetti collaterali siano troppo pericolosi. A giudicare dalle recensioni, dopo la vaccinazione contro l'epatite, un bambino ha complicanze che si sviluppano in varie malattie croniche. Infatti, se il bambino è nato con disabilità e ha delle malattie nascoste, sono possibili varie complicazioni. Ma sono collegati non con la vaccinazione, ma con le caratteristiche individuali di un bambino.

In ogni ospedale c'è un medico per bambini competente. Prima della vaccinazione, il bambino sarà esaminato ed eseguirà tutti i test necessari. Se c'è una ragione per una sfida medica, nessuno attaccherà il farmaco a scapito delle briciole.

Da controindicazioni spiccano:

  • Prematurità, quando il peso del neonato è inferiore a 1, 5 kg. In tal caso, uno sbocco di miele è destinato a un guadagno di massa di 2 kg.
  • Temperature superiori a 37,5 gradi.
  • Il bambino è nato con una malattia congenita: cancro, malattie cardiache.

La vaccinazione contro l'epatite nell'ospedale per la maternità non presenta particolari complicazioni, pertanto, il ritiro medico viene dato in casi estremi.

Dalle reazioni conosciute del corpo, gli effetti collaterali identificati:

  • Hives. Appare a causa di una reazione allergica del bambino. L'allergia ai componenti del vaccino è stata osservata in 1 bambino su 30, quindi la reazione è rara. L'orticaria stessa passa, nessun intervento del medico è necessario.
  • Un leggero aumento della temperatura. Associato al lavoro naturale del sistema immunitario del bambino.

Altri effetti indesiderati: nausea, febbre alta, non sono associati alla vaccinazione, ma a una possibile infezione virale. Un evento frequente sono i sigilli e il leggero rossore nel sito di iniezione. Questa è una reazione fisiologica ai componenti del farmaco.

Non dovresti provare a spremere la protuberanza o a sporcarla con diversi unguenti. La reazione avverrà da sola e non arrecherà disagio al bambino.

Che cosa dice il Dr. Komarovsky sulla vaccinazione può essere visto nel video:

Quando sorge la domanda, se vaccinare un bambino contro l'epatite B e perché è così presto, pensa alle conseguenze di avere l'infezione da epatite B. Non ci sono farmaci dalla malattia, e quelli esistenti possono solo creare una remissione stabile. Un bambino sarà un vettore per tutta la vita, e il costante aumento dei prezzi dei farmaci costa da 100 tonnellate. per il corso.

Abbiamo preso in considerazione il vaccino contro l'epatite B. E se sei ancora in dubbio se farlo per un bambino o per astenersi, allora la salute del tuo bambino è come un biglietto della lotteria per te. Vincere o no non dipende da te!

Vaccinazione contro l'epatite B nei bambini: caratteristiche, termini, controindicazioni

L'epatite è una pericolosa malattia virale che colpisce il fegato e le vie biliari. L'infezione si manifesta in vari modi (domestico, sessuale, artificiale ecc.), Poiché un virus molto resistente può persistere in una varietà di condizioni e ovunque - nel sangue, nell'urina, nella saliva, nello sperma, nelle secrezioni vaginali e in altri fluidi biologici.

La malattia è molto grave, può portare a una diminuzione della funzione di disintossicazione del fegato, colestasi (interruzione del flusso biliare), perdita di sonno, aumento della fatica, confusione, coma epatico, fibrosi estesa, cirrosi, poliartrite, cancro al fegato.

Considerando tali gravi conseguenze e la difficoltà di trattamento, la vaccinazione è ampiamente utilizzata per prevenire l'infezione in tutto il mondo. Secondo l'OMS, il vaccino contro l'epatite B dovrebbe essere somministrato già nei primi giorni di vita del bambino. Tuttavia, molti genitori dubitano che acconsentire, a causa della mancanza di consapevolezza.

Pro e contro

Oggi, la vaccinazione contro l'epatite B per i bambini, come tutti gli altri, non è obbligatoria, quindi i genitori dubitano che sia necessario. Prima di firmare una rinuncia, devono soppesare i pro e i contro e prendere la decisione giusta. Ci sono una serie di ragioni per cui tutti i medici consigliano che è obbligatorio vaccinare i bambini sin dalla più tenera età per l'epatite B:

  1. la diffusione dell'infezione è diventata di recente un'epidemia, quindi il rischio di infezione è molto alto e può essere ridotto solo mediante vaccinazione;
  2. L'epatite B può essere cronologizzata, cioè può dare complicanze a lungo termine, molto gravi come il cancro o la cirrosi epatica, che porta alla disabilità e alla morte durante l'infanzia;
  3. un bambino infetto da epatite diventa una cronaca;
  4. se sei vaccinato contro l'epatite B, la possibilità di contrarre l'infezione esiste ancora, ma è molto bassa;
  5. anche se il bambino vaccinato è infetto, la malattia procederà in una forma lieve e il recupero arriverà molto più velocemente e senza conseguenze per la salute del bambino.

Molti genitori credono erroneamente di non aver bisogno di un vaccino contro l'epatite B, dato che semplicemente non hanno spazio da prendere: sono allevati in una famiglia prospera, non usano droghe. Questo è un errore fatale.

I bambini possono entrare in contatto con il sangue di qualcun altro, che può essere il portatore di un virus pericoloso, in una clinica, all'asilo, per strada: un'infermiera può dimenticare di indossare nuovi guanti durante l'analisi del sangue; un bambino può combattere, colpire, qualcuno lo morde; Sulla strada, il bambino può prendere una siringa usata e molte altre cose. Nessuno è assicurato contro l'infezione.

Quindi i genitori dovrebbero capire che la vaccinazione contro l'epatite B virale è molto utile e necessaria per tutti i bambini dalla nascita. Non c'è da meravigliarsi del calendario di vaccinazione, è uno dei primi.

Termini, orari, schemi di vaccinazione

Poiché l'epatite B è una malattia pericolosa e abbastanza grave, non esiste uno schema di vaccinazione, ma ben tre. Questi programmi medici sono venuti dopo un aumento catastrofico del numero di infetti:

  1. Standard: 0 - 1 - 6 (il primo vaccino contro epatite in neonati è messo nei primi giorni di vita, il secondo - in 1 mese, il prossimo - in sei mesi). Questo è il programma di vaccinazione più efficace per i bambini.
  2. Schema veloce: 0 - 1 - 2 - 12 (il primo è nella maternità, il secondo è vaccinato contro l'epatite nel neonato dopo 1 mese, il secondo dopo 2 mesi, il quarto dopo un anno). Con questo schema, il sistema immunitario viene prodotto immediatamente, quindi questo programma viene utilizzato per i bambini che hanno un alto rischio di infezione da epatite B.
  3. Vaccinazione di emergenza: 0 - 7 - 21 - 12 (la prima vaccinazione - alla nascita, la seconda - in una settimana, il terzo vaccino contro l'epatite B - dopo 21 giorni, il quarto - in un anno). Questo schema viene anche utilizzato per lo sviluppo rapido in un piccolo corpo di immunità, molto spesso prima di un'operazione di emergenza.

Se la vaccinazione contro l'epatite nell'ospedale per la maternità non è stata eseguita per qualche motivo, i tempi della prima iniezione sono scelti dal medico e dai genitori in modo arbitrario, dopo di che uno dei suddetti schemi deve essere seguito. Se la seconda vaccinazione è stata persa e dopo che sono trascorsi più di 5 mesi, il programma ricomincerà. Se la 3a iniezione viene saltata, eseguire lo schema 0 - 2.

Dopo una singola vaccinazione, l'immunità si forma solo per un breve intervallo di tempo. Per la formazione dell'immunità a lungo termine, è necessario un programma di vaccinazioni contro l'epatite nei neonati, consistente in 3 iniezioni. In questo caso, l'intervallo tra le iniezioni può essere allungato, ma non accorciato: ciò può portare alla formazione di un'immunità inferiore nei bambini.

Riguardo a quanto funziona il vaccino: se tutti gli orari sono stati seguiti esattamente, non si può sopravvivere per 22 anni: è per questo periodo che viene applicata la protezione contro l'epatite B. È particolarmente importante vaccinare quei bambini che sono a rischio.

Gruppo di rischio

Come già notato, il programma del vaccino contro l'epatite B dipende in gran parte da quanto velocemente è necessario per formare l'immunità contro l'infezione in un bambino. Se è a rischio, viene somministrata una vaccinazione rapida. È necessario nei seguenti casi:

  • L'epatite B è stata trovata nel sangue della madre del bambino;
  • la madre è stata infettata dall'epatite B ed è stata infettata in un certo periodo - dalla 24 alla 36 settimana di gravidanza;
  • la madre non è stata affatto esaminata per la presenza della malattia;
  • i genitori usano droghe;
  • tra i parenti del bambino ci sono malati o portatori di un virus pericoloso.

In tutti questi casi, i genitori non dovrebbero dubitare che un vaccino contro l'epatite B sia necessario per il loro bambino: è semplicemente necessario. In caso contrario, il rischio di infezione aumenta più volte e difficilmente può essere evitato. In un'azienda così importante e responsabile, è necessario ascoltare le raccomandazioni dei medici e non danneggiare il proprio figlio.

Un'ampia percentuale di rifiuti vaccinali è dovuta all'esperienza dei genitori, così come il vaccino contro l'epatite è tollerato dai bambini in così tenera età. Non dovresti neanche aver paura di questo: la reazione dei bambini di solito procede nel quadro della norma ed è monitorata dal personale medico ancora presente nell'ospedale di maternità.

reazione

Di solito, i bambini hanno una reazione locale al vaccino contro l'epatite, cioè la vaccinazione è facilmente tollerabile dai bambini e nella maggior parte dei casi indolore.

Come si possono notare gli effetti collaterali:

  • arrossamento, sensazione sgradevole, condensazione sotto forma di un piccolo nodulo nel sito di iniezione (i genitori dovrebbero sapere dove vengono vaccinati contro l'epatite - più spesso nella spalla, meno spesso nella coscia e mai nel muscolo gluteo) - queste sono reazioni allergiche alla presenza nella preparazione idrossido di alluminio, si sviluppano nel 10-20% dei bambini; il più delle volte si verificano quando il vaccino contro l'epatite è imbevuto: non è pericoloso, ma provoca effetti collaterali simili all'azione locale;
  • meno spesso (nell'1-5% dei bambini) vi è un aumento della temperatura che può essere ridotto da farmaci antipiretici elementari con il permesso di un medico;
  • può verificarsi malessere generale;
  • c'è una leggera debolezza;
  • mal di testa (a causa sua, un bambino piccolo piange ed è capriccioso entro 1-2 giorni dalla vaccinazione);
  • sudorazione eccessiva;
  • diarrea;
  • prurito, arrossamento della pelle (se la reazione allergica è pronunciata, il medico può raccomandare un antistaminico per diversi giorni).

Tutto questo è considerato la norma: una reazione simile a 1 mese o 1 anno per un bambino a un vaccino contro l'epatite B non dovrebbe preoccupare e disturbare i genitori. Tutti questi sintomi si manifestano per 2-3 giorni dopo la vaccinazione e scompaiono indipendentemente e senza lasciare traccia dopo il tempo indicato. Le complicazioni gravi dopo la vaccinazione contro l'epatite B sono raramente diagnosticate.

complicazioni

La frequenza di casi isolati in cui iniziano le complicanze dopo la vaccinazione contro l'epatite B è 1 per 100.000, cioè tali fenomeni sono estremamente rari. Le complicazioni includono:

  • orticaria;
  • rash cutaneo;
  • eritema nodoso;
  • shock anafilattico;
  • esacerbazione di allergie.

Oggi i produttori di vaccini riducono il dosaggio e addirittura eliminano completamente i conservanti, così che la composizione aggiornata del vaccino contro l'epatite B minimizzi le reazioni avverse e le complicanze. Ha tre componenti principali:

  • Antigene australiano (proteina virale, purificata dalle impurità);
  • idrossido di alluminio;
  • Il mertiolato è un conservante che mantiene attivo il farmaco.

Non c'è nulla di pericoloso nella vaccinazione contro l'epatite B, quindi le voci secondo cui essa provoca ulteriormente lo sviluppo della sclerosi multipla e altre gravi malattie non sono giustificate.

La ricerca dell'OMS ha dimostrato che questo vaccino non ha alcun effetto su alcun tipo di disturbi neurologici, non li aumenta o li riduce. Quindi i miti sul pericolo delle vaccinazioni non dovrebbero mettere in dubbio i genitori che hanno intenzione di abbandonarlo. Le complicazioni sono solo quando la non conformità con le controindicazioni ei medici stanno osservando molto strettamente.

Controindicazioni

Prima della vaccinazione, ogni bambino viene esaminato se ha controindicazioni per il vaccino contro l'epatite B. Questi includono:

  • allergico al lievito in cottura, che si esprime nella reazione alla birra, al kvas, ai prodotti dolciari e ai prodotti da forno;
  • forte reazione alla precedente iniezione;
  • diatesi (la vaccinazione è impostata dopo l'eruzione cutanea);
  • raffreddore e qualsiasi altra malattia infettiva nella fase acuta (la vaccinazione viene eseguita dopo il pieno recupero);
  • meningite (le iniezioni sono consentite solo dopo sei mesi);
  • malattie autoimmuni (sclerosi multipla, lupus eritematoso sistemico, ecc.).

I genitori dovrebbero avere le informazioni massime su cosa sia questa vaccinazione, a partire dalla sua composizione e termina con le controindicazioni, al fine di prendere la giusta decisione nel tempo e accettarla o rifiutarla.

Nonostante oggi ci siano ancora dispute tra la gente comune, sia che il vaccino contro l'epatite B sia obbligatorio, tutti i medici sostengono all'unanimità che è semplicemente necessario in condizioni moderne, quando la malattia assume le proporzioni di un'epidemia diffusa. La prevenzione è molto più efficace del trattamento, che in questo caso è protratto e non garantisce il recupero del 100%.

Ci sono una serie di conclusioni sui pericoli dei cosmetici detergenti. Sfortunatamente, non tutte le mamme appena costruite le ascoltano. Nel 97% di shampoo viene utilizzata la sostanza pericolosa Sodium Lauryl Sulfate (SLS) o i suoi analoghi. Molti articoli sono stati scritti sugli effetti di questa chimica sulla salute di bambini e adulti. Su richiesta dei nostri lettori, abbiamo testato i marchi più popolari.

I risultati sono stati deludenti: le aziende più pubblicizzate hanno mostrato la presenza di quei componenti più pericolosi. Per non violare i diritti legali dei produttori, non possiamo nominare marchi specifici. La società Mulsan Cosmetic, l'unica che ha superato tutti i test, ha ricevuto con successo 10 punti su 10 (vedi). Ogni prodotto è costituito da ingredienti naturali, completamente sicuro e ipoallergenico.

Se dubiti della naturalezza dei tuoi cosmetici, controlla la data di scadenza, non dovrebbe superare i 10 mesi. Vieni con attenzione alla scelta dei cosmetici, è importante per te e il tuo bambino.

vaccinazione contro l'epatite - a favore e contro

Commenti

Un tempo ho considerato se un vaccino contro l'epatite nei pro e contro è necessario in ospedale. E sono giunto alla conclusione che ho ancora bisogno di farlo. Dopotutto, il bambino entra in un ambiente completamente nuovo e sarà meglio se verrà preparato a questo ambiente.

FALSE. L'epatite B non è solo trasmessa sessualmente ed è molto contagiosa.! È sufficiente, per esempio, che nel trasporto del tuo bambino, il paziente venga schiacciato in modo che la saliva cada sulla sua membrana mucosa.. Puoi pensare a un altro esempio tu stesso.

In Europa, questa vaccinazione viene effettuata dopo tre mesi in una vaccinazione "a sei dimensioni" e viene ripetuta 8 due settimane. Poi si ripetono a scuola. Non siamo vaccinati. Sono già un adulto, devo pagare personalmente questo vaccino. circa 80 dollari. Ma lo farò da solo. La piccola e la seconda figlia, come suo marito, sono state a lungo vaccinate.

Noi della maternità rifiutiamo di essere vaccinati con l'epatite B e rifiuteremo un mese. La ragione è che questo vaccino è artificiale, nel nostro paese abbastanza recentemente, non ci sono risultati di pratica a lungo termine del suo uso, specialmente nei bambini. In realtà, ho studiato tutte queste vaccinazioni e opinioni diverse nelle ultime date, e mia suocera è un'epidemiologa - voglio dire, questo è tutto. Lei generalmente crede che gli adulti non abbiano nulla a che fare con questa epatite, se non sono a rischio. Ma penso ancora che gli adulti ne abbiano solo bisogno - non si sa mai cosa. ma aspetterò mia figlia fino a 12-13 anni - quindi, a mio avviso, lo fanno senza vaccinazione.

E a proposito. C'è una vaccinazione contro B, ma è curabile. E che dire di C, D ed E.? e se c'è una vaccinazione contro B, come reagirà il corpo a un'altra epatite? per esempio, è più facile essere infettati dall'epatite A. più accessibile e diffusa.

Ti avvertirò immediatamente: sono il protettore delle vaccinazioni

L'epatite B viene trasmessa attraverso il sangue. Puoi ottenerlo da un dentista, un chirurgo e molto altro. a proposito, il virus dell'epatite B è contenuto in tutti i fluidi corporei (sangue, saliva, urina, liquido cerebrospinale, ecc.) ma non è ancora stato dimostrato che possa essere trasmesso in altri modi tranne che attraverso il sangue. e sessuale...

sull'allergenicità. ecco un vaccino contro l'allergene BCG. e dall'epatite samy stessa è innocuo ricombinante. l'unica controindicazione è un'allergia al lievito di birra. Cioè sul pane. come uno dei componenti del vaccino è il lievito. ma hai incontrato spesso persone allergiche al pane.

L'epatite A è un vaccino molto necessario. Inoltre, non importa quale viene importato o il nostro. La nostra qualità è migliore solo per qualche motivo non si fidano di lei. perché il nostro

Posso dire molto sulla vaccinazione, le sue possibili complicazioni e così via. e anche dire quali aziende sono e come si differenziano. quindi se sei interessato a qualcuno, ti preghiamo di inviare messaggi privati ​​con domande.

Vaccinazione contro i bambini dell'epatite B: pianificazione ed effetti collaterali

L'epatite è un processo infiammatorio che colpisce il fegato di una persona. Lo sviluppo della malattia si verifica a seguito dell'ingestione di agenti infettivi - virus e batteri. Una prevenzione affidabile di questa pericolosa malattia sarà la vaccinazione dei bambini da epatite, che proteggerà il corpo dei bambini da possibili conseguenze pericolose.

In medicina, sono noti diversi tipi di epatite - A, B, C. Ecco perché molti genitori sono interessati a quale vaccino contro l'epatite B viene somministrato ai bambini, perché è conosciuta più di una forma del processo infiammatorio. L'epatite A è la forma più facile di questa malattia epatica infettiva: l'epatite C è la più difficile e pericolosa: oggi sono vaccinati da due tipi di epatite A e B, non esistono ancora farmaci contro gli agenti patogeni dell'epatite C che potrebbero fornire una protezione affidabile contro questa infezione.

I bambini con meno di un anno hanno bisogno del vaccino contro l'epatite A?

Epatite E noto anche come malattia di Botkin, o ittero. Considerando il fatto che la malattia di Botkin non costituisce un pericolo così grave per il corpo dei bambini come altri tipi di questa malattia del fegato, molti genitori rifiutano la vaccinazione. In realtà, i bambini hanno bisogno di un vaccino contro l'epatite A? In molti paesi, non è incluso nel calendario delle vaccinazioni obbligatorie, questo vale anche per la Russia. Tuttavia, gli esperti raccomandano vivamente di vaccinare tutti i bambini che non hanno precedentemente sofferto di questa malattia. Soprattutto non c'è dubbio che il bambino dovrebbe essere vaccinato contro l'epatite A in questi casi:

1. Prima di partire per riposare in paesi caldi, perché il rischio di diffusione del virus è particolarmente alto. La vaccinazione deve essere effettuata due settimane prima del viaggio programmato in modo che il corpo del bambino possa sviluppare una forte immunità alle infezioni.

2. Se in una cerchia di comunicazione del bambino ci sono persone che soffrono di ittero. La vaccinazione deve essere eseguita tutti i 10 giorni dal momento in cui il bambino contatta il portatore dell'infezione virale.

3. Nel caso di diagnosi di un bambino di malattie come l'emofilia o gravi malattie del fegato.

Questo vaccino è assolutamente sicuro e non ha controindicazioni ed effetti collaterali. Il vaccino viene somministrato due volte con una pausa di 6-18 mesi. Gli anticorpi del virus iniziano a essere prodotti nel corpo dei bambini due settimane dopo l'iniezione del farmaco. La protezione contro le malattie è prevista per 6-10 anni.

Prima dell'immunizzazione, gli specialisti eseguono un esame del sangue del bambino per la presenza di anticorpi in esso. Se sono stati trovati, significa che il bambino è stato precedentemente vaccinato contro l'ittero o che ha avuto questa malattia infettiva. Se gli anticorpi si trovano nel sangue, il bambino non ha bisogno di essere vaccinato, perché due volte questa malattia non si ammala, l'immunità a questo virus viene prodotta per tutta la vita. Da ciò consegue che la mancanza di anticorpi del sangue verso il virus è un'indicazione per la vaccinazione.

Questa vaccinazione contro l'epatite B non viene eseguita su bambini al di sotto di un anno. La vaccinazione dei bambini viene effettuata a partire dall'età di 1 anno. L'iniezione viene eseguita per via intramuscolare, solitamente nella spalla del bambino.

I genitori che decidono di vaccinare il loro bambino contro la malattia di Botkin devono sapere quali reazioni del corpo del bambino sono considerate la norma secondo gli standard medici. Di norma, non si verificano reazioni ai farmaci importati. Come mostra la pratica pediatrica, la reazione alla vaccinazione contro l'epatite A per i vaccini domestici in un bambino può manifestarsi con nausea, diarrea, vomito, mal di testa, malessere, perdita di appetito. Arrossamento, gonfiore, prurito possono verificarsi nel sito di iniezione. Tali effetti collaterali della vaccinazione contro l'epatite A sono considerati dagli esperti come la norma, e quindi non richiedono un intervento medico.

Un bambino dopo una vaccinazione contro l'epatite a volte ha una temperatura corporea elevata per diversi giorni. Se non supera le letture del termometro più di 38 gradi, non è consigliabile somministrare al bambino farmaci antipiretici.

Quante vaccinazioni contro l'epatite B vengono somministrate ai bambini e il programma di vaccinazione

Vaccinazione contro l'epatite B Nei bambini è un vaccino obbligatorio, è incluso nel calendario nazionale russo. Si consiglia a tutti i neonati di iniettare la prima dose di vaccino mentre si trovano ancora nell'ospedale di maternità, qualche tempo dopo la nascita del bambino. La necessità di vaccinare contro l'epatite in un bambino in così tenera età è che un bambino, infetto subito dopo la nascita, può diventare portatore cronico di questa infezione virale.

Per la vaccinazione possono essere utilizzati farmaci, sia domestici che importati, tuttavia il farmaco deve essere registrato in Russia. Il vaccino è inattivato, il che significa che non contiene un virus vivo, ma solo un antigene. Per questo motivo, è necessaria una somministrazione ripetuta del vaccino al corpo del bambino per creare una forte immunità.

Il programma di vaccinazione contro l'epatite B ha due opzioni: la prima è progettata per tutti i bambini che non appartengono a gruppi a rischio. Quante vaccinazioni contro l'epatite B vengono somministrate a bambini al di sotto di un anno? Se il bambino non ha controindicazioni per la vaccinazione, e i genitori danno il loro consenso alla vaccinazione, allora viene eseguito tre volte: immediatamente dopo la nascita del bambino, all'età di 3 mesi e 6 mesi.

Il secondo schema di vaccinazioni contro l'epatite B per i bambini: a 1 mese, 2 e 12 mesi

C'è un secondo schema di vaccinazione contro l'epatite B per i bambini. È stato sviluppato specificamente per i bambini nati da madri portatrici di questo virus, che hanno avuto durante la gravidanza o che non hanno ottenuto risultati di test per questa infezione. In questi casi, ai bambini vengono dati non tre, ma quattro iniezioni, secondo lo schema "0-1-2-12" mesi. Per i bambini a rischio, il primo vaccino deve essere somministrato entro 12-24 ore dopo la nascita. Il secondo vaccino contro l'epatite B viene somministrato a un bambino a 1 mese, quindi a due mesi e un anno.

Per la formazione di una forte immunità a deviare dallo schema di vaccinazione standard non è raccomandato. Tuttavia, i tempi della vaccinazione sono spesso violati e tollerati a causa della malattia dei bambini. Quando un bambino è malato, il programma di vaccinazione può essere spostato, ma, tuttavia, dovresti sapere che il periodo minimo consentito per la somministrazione di un vaccino è 1 mese. Il periodo massimo per la seconda dose di vaccinazione - non più di 4 mesi, per il terzo - da 4 a 18 mesi. Pertanto, si scopre che se un bambino di un mese non è stato vaccinato contro l'epatite, allora può essere fatto non oltre i 4 mesi di età. In questo caso, l'immunità dei bambini all'agente patogeno sarà formata completamente.

La reazione del bambino al vaccino contro l'epatite: temperatura e altri effetti collaterali

I bambini sono vaccinati nella parte superiore della coscia o della spalla, ma non nel muscolo gluteo, tutti i genitori dovrebbero possedere questa informazione. Il vaccino non viene introdotto nel gluteo, per la ragione che anche nei neonati c'è uno strato grasso pronunciato in questa parte del corpo, pertanto l'efficacia della vaccinazione è significativamente ridotta. Inoltre, ci sono grandi vasi e nervi e il rischio di danni è molto alto.

Nella maggior parte dei casi, i bambini hanno una reazione locale al vaccino contro l'epatite. Si manifesta in arrossamento, gonfiore, indurimento dei siti di iniezione del vaccino. Tali effetti collaterali del vaccino contro l'epatite possono anche avere effetti collaterali quali:

  • capricciosità, pianto, irritabilità;
  • leggera debolezza;
  • vertigini o mal di testa;
  • sudorazione eccessiva;
  • aumentati sgabelli, diarrea.

La temperatura di un bambino dopo la vaccinazione contro l'epatite B aumenta molto raramente, solo nell'1-5% dei bambini. Tutti questi sintomi non dovrebbero causare preoccupazione ai genitori, sono considerati la norma e, di regola, vengono osservati entro 2-3 giorni dalla vaccinazione.

È possibile fare il bagno a un bambino di un mese dopo essere stato vaccinato contro l'epatite?

Molti genitori sono interessati alla questione se sia possibile fare il bagno a un bambino di un mese dopo essere stato vaccinato contro l'epatite, perché è noto che quando l'acqua penetra nel sito di iniezione, possono verificarsi alcuni cambiamenti sulla superficie della pelle. Non è raccomandato bagnare il sito di iniezione, non è pericoloso, ma può portare a reazioni allergiche di azione locale. Si consiglia di rifiutare di fare il bagno entro 2 giorni dalla vaccinazione.

Gravi complicazioni dopo la vaccinazione contro l'epatite B si verificano molto raramente. Queste complicanze includono orticaria, eruzione cutanea, eritema nodoso, shock anafilattico. Per evitare gravi complicazioni, prima della vaccinazione, il bambino viene esaminato per vedere se ha controindicazioni alla vaccinazione. A loro appartengono:

  • reazioni allergiche alla cottura del lievito;
  • forte reazione alla precedente vaccinazione;
  • se il bambino ha diatesi o dermatite, la vaccinazione viene eseguita dopo che l'eruzione cutanea sul corpo scompare;
  • freddo o qualsiasi malattia infettiva;
  • malattie autoimmuni.

In modo che non ci siano complicazioni sulla vaccinazione, può essere fatto solo da un bambino completamente sano. Sfortunatamente, il vaccino contro l'epatite C non esiste ancora, quindi non esiste una profilassi affidabile contro questa pericolosa malattia.

Tutti i pro e contro delle vaccinazioni contro l'epatite B per i bambini

Attualmente, l'epatite virale è una delle malattie meno prevedibili del fegato. Predire la gravità con cui una persona porterà una tale infezione è estremamente difficile, così come non si sa come andrà a finire la malattia. Trovato che il danno epatico patologico di qualsiasi tipo influisce negativamente non solo sul funzionamento del sistema digestivo, ma porta anche a cambiamenti irreversibili nel corpo nel suo insieme. Quindi, parliamo se è consigliabile utilizzare il vaccino contro l'epatite B in relazione ai bambini, vedere quando e dove viene somministrata tale vaccinazione e discutere altre caratteristiche di questo metodo medico di affrontare la malattia.

A proposito di malattia virale

L'epatite B è una malattia infettiva. Oggi la malattia ha un altissimo significato sociale ed è alla pari con problemi gravi come le infezioni da HIV, l'epatite C e le malattie neoplastiche. La malattia in esame è provocata da un virus specifico dell'epatite B. Quest'ultimo, dopo essere entrato nel corpo umano, causa infiammazione nei tessuti del fegato. Le forme della malattia sono diverse. A volte sono completamente asintomatici e il paziente può essere portatore del virus senza alcun sospetto. In altri casi, le forme possono trasformarsi in ittero, insufficienza epatica acuta e persino cancro al fegato.

Fare o no?

Oggi, la vaccinazione contro l'epatite B per i bambini non è un'attività obbligatoria, motivo per cui un numero piuttosto elevato di genitori dubita che sia necessario nel suo insieme. Prima di rifiutare una tale vaccinazione, è importante valutare i pro ei contro. Faranno un'iniezione con il farmaco al bambino o no, dipende completamente da quale decisione sarà presa dai genitori. Alcuni di loro ritengono che sia necessario effettuare tutte le vaccinazioni in programma, mentre altri tendono a credere che le vaccinazioni non dovrebbero essere fatte in modo che l'immunità dei bambini possa essere formata indipendentemente e far fronte a varie disgrazie.

Tutti i professionisti

I "professionisti" tradizionali che guidano coloro che considerano la vaccinazione contro l'epatite B un evento obbligatorio sono:

  • La vaccinazione è estremamente necessaria, perché se non fornisce una protezione al 100% contro le malattie infettive, avrà certamente un effetto positivo sulla riduzione del rischio di ammalarsi.
  • Anche se il bambino vaccinato è malato, soffrirà molto più facilmente della malattia rispetto a chi non è vaccinato.
  • I bambini che non sono stati vaccinati si ammalano più spesso e più difficile sopportare la malattia.
  • La vaccinazione di massa aiuterà ad evitare le epidemie, perché i bambini non vaccinati portano una sorta di minaccia per la salute degli altri.

Tutti "contro"

Gli oppositori della vaccinazione credono che:

  • I vaccini attuali non sono abbastanza efficaci.
  • Al momento, al bambino vengono somministrate troppe vaccinazioni diverse, che mettono l'immunità dei bambini sotto grave stress e non gli permettono di svilupparsi pienamente (tali genitori spesso rifiutano le vaccinazioni o li tollerano temporaneamente).
  • Le vaccinazioni contro la tubercolosi e l'epatite B, che vengono eseguite prima, non dovrebbero essere somministrate ai bambini immediatamente dopo la loro nascita, perché un bambino che vive in buone condizioni non è praticamente a rischio di infezione nel prossimo futuro. Allo stesso tempo, il rischio di conseguenze negative della vaccinazione è considerato molto più serio.
  • Spesso i genitori sono dell'opinione che il pericolo di un certo numero di malattie sia enormemente esagerato. Credono che il morbillo o la rosolia per un bambino piccolo non siano così spaventosi come si suol dire.
  • La necessità di un approccio individuale per ogni bambino. Si ritiene che le complicazioni dopo la vaccinazione avvengano molto spesso, il che significa che non si dovrebbe parlare di vaccinazione "totale".
Tuttavia, sarebbe consigliabile non andare agli estremi, ma prendere una decisione riguardo a questo problema non solo in termini di sentimenti e opinioni degli amici, ma anche sulla base dei consigli e delle raccomandazioni dei medici specialisti.

Quando fare un'inoculazione: schemi e programma

Il programma e lo schema di vaccinazione possono variare a seconda delle caratteristiche di un bambino. Descriviamo i principali che sono più spesso utilizzati oggi.

standard

Nel nostro paese, lo schema standard di vaccinazione contro l'epatite B per i bambini rimane all'incirca lo stesso, che è stato approvato nel 1982. Seguendo questo schema, somministrare il vaccino ai bambini:

  • durante i primi giorni della vita del bambino;
  • un mese dopo la nascita del bambino;
  • nel sesto o settimo mese della vita del bambino.
Cioè, al fine di formare un'immunità stabile nel neonato, è necessario applicare una triplice vaccinazione. Si ritiene che un tale schema sia il più efficace e versatile.

veloce

Va notato che il metodo standard di cui sopra non è adatto ai bambini a rischio. Questi sono i bambini che sono nati da madri infette dal virus. In tale situazione, sarà necessario vaccinare il bambino in questo modo:

  • Nelle prime 24 ore di vita del bambino, il farmaco viene somministrato per la prima volta. Inoltre, sarà necessario introdurre anticorpi contro l'epatite B. Si tratta di una sorta di "immunizzazione passiva", che dovrebbe fornire protezione al bambino fino a quando il suo corpo inizia a produrre autonomamente anticorpi.
  • Il secondo vaccino viene somministrato al bambino un mese dopo la sua nascita.
  • La terza iniezione viene somministrata due mesi dopo la nascita.
  • Dopo 12 mesi, è necessaria una quarta vaccinazione.
Gli esperti ritengono che questo schema ti permetta di sviluppare quasi immediatamente l'immunità di un bambino, che è particolarmente importante per i bambini a rischio. L'immunità persiste per almeno 10 anni, ma naturalmente questo indicatore può fluttuare.

emergenza

Uno schema di vaccinazione di emergenza viene utilizzato quando il corpo ha bisogno di sviluppare l'immunità il più rapidamente possibile, ad esempio, quando è pianificato un intervento chirurgico urgente. L'essenza di questo schema è la seguente:

  • la prima iniezione viene somministrata alla nascita;
  • il secondo vaccino viene somministrato in una settimana;
  • la terza iniezione viene somministrata dopo 21 giorni;
  • Il quarto vaccino viene somministrato in un anno.
Succede che per qualche motivo un neonato non venga vaccinato contro l'epatite B in un ospedale per maternità. Di conseguenza, i tempi della vaccinazione sono posticipati e dovrebbero essere discussi individualmente con un pediatra in futuro. Lo schema che verrà scelto deve essere rigorosamente seguito, perché quando salti la seconda vaccinazione, dovrai iniziare il programma fin dall'inizio.

Tipi di vaccini

Il vaccino discusso si riferisce al ricombinante, cioè a tale, che è prodotto come risultato dell'ingegneria genetica. Nella composizione componente del farmaco c'è una proteina, ma non il virus stesso. Questa funzione consente di eliminare completamente il rischio di danni al corpo causati dall'epatite B mediante vaccinazione. Per la vaccinazione vengono utilizzati come farmaci domestici e fondi da produttori stranieri. Tali iniezioni sono spesso effettuate gratuitamente presso le cliniche locali.

I vaccini domestici vengono utilizzati più spesso, in quanto sono più economici e allo stesso tempo efficaci rispetto a quelli stranieri. Nelle istituzioni mediche commerciali, il paziente può determinare il farmaco che sarà somministrato al bambino. Attualmente, i vaccini più popolari sono:

  • Combiotex LTD. Questo è un vaccino domestico, che è spesso usato in policlinici per le vaccinazioni dei bambini.
  • "Evuks V". Il farmaco è di fabbricazione coreana. Può essere utilizzato solo per bambini sotto i 15 anni.
  • Sanofi Pasteur. Produttore - Francia. Può essere usato per bambini sotto i 15 anni di età.
  • "Edgerix V". Produttore - Belgio. Viene presentato sia nei dosaggi per bambini che in quelli per adulti.
  • "Eberibovak". Paese di produzione - Cuba. Applicabile per vaccinazione di massa.
I suddetti vaccini sono efficaci e sicuri. La tecnologia della loro produzione è quasi identica, il che può dirsi degli schemi applicativi.

Condizioni per la procedura

Certamente, prima di tutto è necessario discutere la questione della vaccinazione con un dottore. Il medico deve esaminare il bambino, fare degli esami, misurare la temperatura del corpo. Ci sono anche una serie di condizioni che sono importanti da rispettare:

  • Sia il bambino che i suoi familiari devono essere in salute.
  • La combinazione di vaccinazione e introduzione di nuovi alimenti è inaccettabile.
  • È impossibile entrare nella preparazione considerata durante il periodo quando i denti da bambino eruttano.
  • Dopo che il bambino ha avuto la malattia, la vaccinazione deve essere eseguita non prima di un mese.
  • Un bambino allergico deve somministrare antistaminici per tre giorni prima della vaccinazione, ma solo dopo che la procedura è stata concordata con il medico.
  • Il giorno della vaccinazione per fare il bagno il bambino non può.
  • Dopo la vaccinazione, si consiglia di sedersi con il bambino vicino alla sala vaccinazione per 30-40 minuti. Pertanto, se il corpo dei bambini reagisce pesantemente al farmaco, lo staff medico sarà in grado di assistere rapidamente.
  • Dopo aver ricevuto la vaccinazione, si raccomanda di evitare di camminare e luoghi affollati.

Come e dove fare l'iniezione

I bambini di età inferiore a tre anni, il farmaco viene iniettato nella coscia. Un bambino più grande e gli adulti hanno già ricevuto il vaccino nella spalla. Non è un caso che un tale posto venga scelto, dal momento che sono i muscoli della coscia che si sviluppano meglio nel neonato. Si trovano vicino alla pelle, evitando così complicazioni impreviste e rendendo la procedura indolore. Molti sono abituati a ciò che le iniezioni di solito fanno nel gluteo. E i genitori che apprendono che il farmaco non verrà iniettato nel gluteo, ma nella coscia, potrebbero iniziare a dubitare. Dovrebbe essere capito che è molto difficile ottenere il muscolo nel gluteo, poiché lo strato sottocutaneo è ben sviluppato lì. Tra le altre cose, una tale iniezione può minacciare danni ai vasi sanguigni e alle fibre. Pertanto, è l'iniezione nella coscia che è l'opzione migliore per i bambini piccoli.

Reazione di vaccinazione

Nei neonati, le reazioni avverse al vaccino contro l'epatite B sono spesso locali:

  • Rossore o lieve compattazione di piccole dimensioni nel sito di iniezione. Queste reazioni possono manifestarsi nel 10-20% dei bambini. Molto spesso, questo effetto si ottiene a causa del fatto che il sito di iniezione è bagnato. Pericolo che una tale reazione non porti.
  • Un numero molto piccolo di bambini (1-5%) può manifestare un aumento della temperatura corporea. Può essere normalizzato usando farmaci antipiretici convenzionali, ma solo dopo il permesso del medico.
  • Il bambino può provare leggero disagio e debolezza.
  • Prurito della pelle. Se l'allergia è pronunciata, il medico può consigliarti di usare un antistaminico.
  • La diarrea.
Tutte le reazioni di cui sopra sono considerate la norma e non dovrebbero preoccupare i genitori. I sintomi di solito scompaiono dopo 2-3 giorni.

Controindicazioni e possibili complicazioni

Come ogni altro prodotto medico, i vaccini in questione hanno alcune controindicazioni da usare. Per controindicazioni assolute includono:

  • Se il bambino è allergico a uno qualsiasi dei componenti (ad esempio, il lievito).
  • C'è stata una grave reazione alla precedente somministrazione del farmaco.
  • allergie (angioedema, miocardite allergica, malattia da siero);
  • reazioni allergiche cutanee (dermatiti, orticaria, eritema);
  • mialgia;
  • shock anafilattico;
  • Sindrome di Guillain - Barre;
  • neuropatia periferica;
  • paralisi dell'occhio, nervo facciale.
Tali complicazioni si manifestano estremamente raramente, solo in casi isolati, ma sono molto pericolose, pertanto l'assistenza medica fornita in tempo è estremamente obbligatoria. Solo i genitori possono decidere se vaccinare il loro bambino. Tale procedura per il tempo corrente non si applica a obbligatoria, quindi vi è la possibilità di valutare i pro ei contro, parlare di questo argomento con il medico al fine di prendere una decisione definitiva e corretta.

Articolo Precedente

Epatite V. come vivere?

Articolo Successivo

Dio con noi gott mit uns