Vaccinazione per l'epatite B per gli adulti

Diete

L'epatite è una malattia virale del fegato che viene trasmessa da persona a persona. La malattia può essere cronica e alcuni tipi di questo a volte provocano cirrosi o insufficienza epatica. L'epatite ha tre sottospecie - A, B, C. La prima è più benigna per il fegato, e B e C possono portare alla sua distruzione.

Gli adulti hanno bisogno di un vaccino contro l'epatite?

L'epatite B virale (HBV) è considerata una delle infezioni più imprevedibili. In primo luogo, la malattia colpisce il fegato, quindi i vasi, la pelle, il sistema nervoso e gli organi digestivi sono coinvolti nel processo. La principale fonte di infezione sono i portatori di virus e le persone malate. Per essere infetto, hai bisogno solo di 5-10 ml di sangue infetto da epatite. Modi di infezione:

  • alla nascita dalla madre al bambino;
  • attraverso crepe, tagli, abrasioni, gengive sanguinanti;
  • con sesso non protetto;
  • attraverso manipolazioni mediche: trasfusioni di sangue, iniezioni e altri.

Per non essere infettati da un virus pericoloso, è necessario un vaccino contro l'epatite B per gli adulti. Questa è l'unica prevenzione della malattia. Quasi tutti frequentano ospedali, parrucchieri, usano i servizi di un dentista. Il gruppo di rischio comprende sia i visitatori che i dipendenti delle istituzioni pubbliche, perché possono facilmente infettarsi. Se una persona viene infettata dall'epatite B una volta, allora non sarà in grado di liberarsi di lui per sempre.

Quale vaccino viene usato

Ad oggi vengono utilizzati diversi farmaci per l'epatite B. Ognuno di essi può essere vaccinato, poiché tutti hanno proprietà e composizione simili, ma un prezzo diverso. Per vaccinare contro l'epatite B negli adulti, per sviluppare un'immunità a tutti gli effetti, è necessario fare tre iniezioni. Qualsiasi vaccino ha un buon effetto, ma i più popolari sono i seguenti farmaci:

  • Engerix (Belgio);
  • Biovac (India);
  • Regevak B (Russia);
  • Euvax B (Corea del Sud);
  • Eberbiovac (Cuba).

Dove si inocula

La vaccinazione contro l'epatite B viene introdotta negli adulti e nei bambini nel muscolo mediante iniezione. Se lo inserisci per via sottocutanea, ridurrà notevolmente l'effetto e porterà a sigilli non necessari. Neonati e bambini fino a 3 anni sono vaccinati nella coscia. Iniezioni di adulti messe nella spalla. La scelta della posizione è determinata dalla vicinanza della pelle ai muscoli ben sviluppati. Il muscolo gluteo giace troppo profondamente, quindi in questa zona la vaccinazione non viene più eseguita.

Come è la vaccinazione contro l'epatite B negli adulti - schema

Endzheriks, Regevak B o qualsiasi altro farmaco viene somministrato in diversi modi. Di norma, la prima dose viene somministrata immediatamente e le dosi successive vengono assunte in orari diversi con varie interruzioni. La vaccinazione per adulti e bambini è la stessa. Esistono tre schemi di vaccinazione:

  1. Standard. Il primo è giusto, il secondo è in un mese e il terzo è in sei mesi.
  2. Emergenza. Il primo è giusto, il secondo è in una settimana, il terzo è in tre settimane, il quarto è in un anno.
  3. Veloce. Il primo è giusto, il secondo è dopo 30 giorni, il terzo dopo 60 giorni, il quarto dopo un anno.

vaccinazione

Quante volte le persone vengono vaccinate contro l'epatite B se la persona non è mai stata vaccinata? In questo caso, il corso viene scelto in qualsiasi ordine, ma è necessario rispettare lo schema. Se è stata mancata un'iniezione e sono trascorsi 5 mesi o più, le vaccinazioni ricominciano. Se il paziente ha iniziato la procedura più volte, ma ha fatto solo 2 iniezioni, allora il corso è considerato come completato. Durante la vaccinazione primaria, sono necessarie tre iniezioni per formare un'immunità duratura. La durata della vaccinazione contro l'epatite B negli adulti, indipendentemente dal nome del farmaco e dal prezzo - da 8 a 20 anni.

ripetitore

L'essenza della vaccinazione è di introdurre nel corpo un agente infettivo che stimola la produzione di anticorpi contro il patogeno, in modo che una persona padroneggi l'immunità al virus. La rivaccinazione è un programma che ha lo scopo di supportare il sistema immunitario e si svolge un po 'di tempo dopo la vaccinazione. A scopo preventivo, la rivaccinazione per l'epatite dovrebbe essere effettuata per ogni persona ogni 20 anni. Se il neonato è stato vaccinato, l'immunità all'epatite persiste fino a 20-22 anni.

effetto

Impostare la necessità di vaccinazioni singolarmente. Il medico analizza l'età della persona, i livelli ematici di anticorpi del virus HBV. Secondo le istruzioni, la rivaccinazione obbligatoria una volta ogni 5 anni è riservata agli operatori sanitari, poiché la malattia viene trasmessa attraverso qualsiasi fluido biologico. Per una persona normale che è stata precedentemente vaccinata e non ha controindicazioni, è sufficiente mantenere l'immunità di un singolo vaccino una volta ogni 20 anni.

Epatite B - vaccinazione per adulti

L'epatite virale è una delle malattie infettive più imprevedibili. La malattia colpisce prima il fegato, quindi la pelle, i vasi sanguigni, gli altri organi digestivi e il sistema nervoso sono coinvolti nel processo della malattia. A causa dell'elevata probabilità di incontrare un virus, i bambini vengono vaccinati nei primi giorni della loro vita. Alcuni anni dopo la rivaccinazione, l'immunità contro il virus dell'epatite B si indebolisce, quindi tutti possono incontrarla di nuovo.

Cos'è questa malattia dell'epatite B e in quali condizioni colpisce una persona? Gli adulti sono vaccinati contro l'epatite B e in quali casi? Ti senti al sicuro se questa malattia colpisse i tuoi cari?

Cos'è l'epatite B?

Circa il 5% della popolazione mondiale soffre di epatite virale B. Ma in alcuni paesi questa cifra deve essere moltiplicata per 4. La principale fonte di infezione da epatite B è rappresentata dalle persone malate e dai portatori del virus. Per l'infezione, è sufficiente che nella ferita siano presenti solo da 5 a 10 ml di sangue infetto. Principali vie di infezione da epatite B:

  • sessuale - durante i rapporti non protetti;
  • l'infezione si verifica attraverso il danno vascolare: tagli, abrasioni, crepe nelle labbra, se ci sono gengive sanguinanti;
  • via parenterale, cioè attraverso manipolazioni o iniezioni mediche: attraverso trasfusioni di sangue, iniezioni con una singola siringa non sterile, come nei tossicodipendenti;
  • trasmissione verticale dell'epatite B - dalla madre al bambino alla nascita.

Come si manifesta l'epatite B?

  1. Una persona è preoccupata per l'intossicazione grave: mancanza di sonno, affaticamento, perdita di appetito, nausea e vomito.
  2. C'è una sensazione di dolore al fegato e pesantezza nella regione epigastrica.
  3. Macchia gialla della pelle e sclera.
  4. Grave prurito della pelle.
  5. Danni al sistema nervoso: irritabilità o euforia, mal di testa, sonnolenza.
  6. Più tardi, la pressione sanguigna inizia a diminuire, l'impulso diventa raro.

Questa condizione può durare per diversi mesi. Se sei fortunato, tutto finisce in recupero. Altrimenti, ci sono pericolose complicazioni:

  • sanguinamento;
  • insufficienza epatica acuta;
  • danno alle vie biliari, l'aggiunta di ulteriori infezioni.

Gli adulti dovrebbero essere vaccinati contro l'epatite B? - Sì, dal momento che l'epatite B è una malattia cronica, una volta infettata, una persona non se ne libererà mai più. Allo stesso tempo, la suscettibilità al virus negli altri è elevata e i sintomi dell'epatite passano lentamente. La vaccinazione contro l'epatite B negli adulti è necessaria per evitare di contrarre questa pericolosa malattia. Questo è l'unico modo per prevenire la malattia.

Indicazioni per la vaccinazione

Il primo a vaccinare i bambini subito dopo la nascita, ad eccezione di coloro che hanno controindicazioni. Dopo la rivaccinazione (a 6 o 12 mesi), l'immunità è instabile e dura per cinque, massimo sei anni.

Gli adulti sono vaccinati a seconda delle prove. Dove gli adulti ricevono un vaccino contro l'epatite B? La vaccinazione viene effettuata nella clinica nel luogo di residenza o di permesso di soggiorno o al lavoro (con un dispositivo in una clinica specializzata, ospedale, clinica). Facoltativamente, a pagamento, è possibile inserire il vaccino in una clinica privata. In casi eccezionali, i pazienti gravi in ​​emodialisi o quelli che ricevono trasfusioni di sangue possono essere vaccinati in ospedale se il vaccino è disponibile.

Chi è vaccinato? - Tutti gli adulti a rischio.

  1. Persone nella cui famiglia c'è un vettore di virus o una persona malata.
  2. Studenti di medicina e tutti gli operatori sanitari.
  3. Persone con gravi malattie croniche che vengono regolarmente trasfuse con prodotti sanguigni.
  4. Persone precedentemente non vaccinate che non avevano l'epatite virale B.
  5. Adulti che sono venuti in contatto con materiale infettato da un virus.
  6. Persone il cui lavoro è legato alla produzione di droghe dal sangue.
  7. Pazienti preoperatori nel caso in cui non siano stati vaccinati in precedenza.
  8. Pazienti oncoematologici vaccinati.

Programma di vaccinazione contro l'epatite B

I programmi di vaccinazione dell'epatite B per gli adulti possono differire a seconda della situazione e del tipo di farmaco.

  1. Uno degli schemi è la prima vaccinazione, poi un mese dopo un altro, e poi un altro 5 mesi dopo.
  2. La vaccinazione di emergenza si verifica quando una persona viaggia all'estero. Si tiene il primo giorno, il settimo e il ventunesimo giorno. 12 mesi più tardi viene prescritta una rivaccinazione dell'epatite B negli adulti.
  3. Il seguente schema è usato nei pazienti in emodialisi (purificazione del sangue). Secondo questo programma, un adulto viene vaccinato quattro volte tra le procedure nello schema da 0-1-2 a 12 mesi.

Dove sono gli adulti vaccinati contro l'epatite B? - per via intramuscolare, nel muscolo deltoide. In rari casi, quando una persona ha una malattia con alterata coagulazione del sangue, è possibile iniettare il farmaco per via sottocutanea.

Per evitare false reazioni al vaccino, verificare se è stato conservato correttamente.

  1. Nella fiala con il farmaco non dovrebbero essere impurità dopo l'agitazione.
  2. Il vaccino non deve essere congelato, le condizioni ottimali di conservazione - 2-8 ºC, altrimenti perde le sue proprietà. Cioè, l'infermiera non dovrebbe prenderla dal congelatore, ma dal frigorifero.
  3. Controlla le date di scadenza.

Tipi di vaccini contro l'epatite B

Esistono sia vaccini individuali contro l'epatite B virale, sia complessi, che contengono inoltre anticorpi di altre malattie. Questi ultimi sono più spesso usati durante l'infanzia.

Quali farmaci possono essere somministrati agli adulti?

  1. Endzheriks-B (Belgio).
  2. HB-Vaxll (USA).
  3. Il vaccino contro l'epatite B è ricombinante.
  4. Il vaccino contro l'epatite B è un lievito ricombinante.
  5. "Sci-B-Vac", che è prodotto in Israele.
  6. Eberbiovac HB è un vaccino congiunto russo-cubano.
  7. "Euvaks-B».
  8. Shanwak-B (India).
  9. "Biovak-B».

Quanto spesso viene fatto un vaccino contro l'epatite B agli adulti? Puoi essere vaccinato per la prima volta se ce ne sono delle indicazioni e quindi controllare la quantità di anticorpi del virus nel sangue. Se c'è una forte diminuzione in loro - il vaccino può essere ripetuto. Gli operatori sanitari dovrebbero essere immunizzati regolarmente, almeno una volta ogni cinque anni.

Controindicazioni per gli adulti

Controindicazioni per la vaccinazione contro l'epatite B negli adulti sono:

  1. Periodo di gravidanza e allattamento.
  2. Reazione alla precedente somministrazione di vaccino.
  3. Intolleranza a uno dei componenti del farmaco.
  4. Malattie infettive acute
  5. Esacerbazione di malattie croniche. La vaccinazione è raccomandata nel periodo di normalizzazione.

Reazioni e complicanze da vaccinazione

Gli adulti tollerano bene il vaccino contro l'epatite B, ma a causa delle caratteristiche individuali del corpo, possono verificarsi le seguenti reazioni:

  • dolore e infiammazione nel sito di iniezione;
  • compattazione del tessuto, formazione di cicatrici;
  • la reazione generale può manifestarsi con febbre, debolezza, malessere.

Quali possono essere le complicazioni negli adulti per il vaccino contro l'epatite B?

  1. Dolore alle articolazioni, all'addome o ai muscoli.
  2. Nausea, vomito, indebolimento delle feci, in analisi, possibilmente un aumento del livello dei parametri epatici.
  3. Reazioni allergiche generali e locali: prurito della pelle, comparsa di un'eruzione cutanea sotto forma di orticaria. In situazioni gravi, è possibile lo sviluppo di angioedema o shock anafilattico.
  4. Sono stati registrati casi isolati della reazione del sistema nervoso: convulsioni, neurite (infiammazione dei nervi periferici), meningite, paralisi dei muscoli motori.
  5. A volte c'è un aumento dei linfonodi e nell'analisi generale del sangue diminuisce il numero di piastrine.
  6. Ci possono essere svenimenti e una temporanea sensazione di mancanza di respiro.

Se i sintomi non sono pronunciati, vengono disturbati per diverse ore e scompaiono da soli - non c'è bisogno di preoccuparsi. Per lunghi e persistenti reclami, è necessario consultare un medico e informare gli operatori sanitari che hanno vaccinato contro l'epatite B circa la comparsa di una reazione al vaccino. Come evitare tali situazioni? È importante imparare a comportarsi correttamente prima e dopo la vaccinazione.

Comportamento prima e dopo la vaccinazione

  1. Le vaccinazioni devono essere pianificate in anticipo. La necessità di vaccinazione viene segnalata entro pochi giorni. Per avere una minima quantità di effetti collaterali sulla vaccinazione contro l'epatite B in un adulto, è meglio farlo prima del prossimo fine settimana. Si consiglia di rimanere a casa in questo periodo difficile per il corpo quando il sistema immunitario sta vivendo un carico pronunciato.
  2. Dopo la vaccinazione, non pianificare una vacanza attiva con gli amici o con la tua famiglia, cerca di non andare in posti con un gran numero di persone e fare scorta di prodotti del fine settimana.
  3. Assicurati di sottoporti a un esame di routine da un medico prima dell'immunizzazione e, 30 minuti dopo la vaccinazione, rimani sotto la supervisione di un operatore sanitario che ha iniettato il vaccino.
  4. Non bagnare il sito di iniezione per almeno 24 ore.
  5. Insieme al tuo medico, devi scegliere il programma migliore per la vaccinazione contro l'epatite B negli adulti e discutere la possibilità di usare farmaci sintomatici in caso di complicanze.

Un adulto ha bisogno del vaccino contro l'epatite B? Sì, se è a rischio e può incontrare pazienti con epatite B. Un decorso leggero della malattia non salva una persona da possibili complicazioni. È molto più facile far fronte a una reazione di vaccinazione che curare l'epatite virale in caso di infezione per mesi.

L'importanza della vaccinazione contro l'epatite B, il programma di vaccinazione

Qualsiasi malattia è più facile da prevenire che curare. Ecco perché il compito principale dell'assistenza sanitaria è la prevenzione specifica e non specifica. Si può evitare lo sviluppo di processi patologici nel corpo in vari modi: mantenere uno stile di vita sano, un'alimentazione equilibrata e ricca di vitamine, un'attività fisica sufficiente e attività fortificanti. Nella prevenzione delle malattie infettive, rimane importante osservare le misure precauzionali e la protezione specifica - vaccinazioni familiari. Sulle misure per prevenire l'epatite B, la vaccinazione, le caratteristiche della condotta, le indicazioni e le controindicazioni al suo discorso nella nostra recensione.

Cos'è una malattia pericolosa

Prima di capire come condurre la profilassi dell'epatite B e la vaccinazione, è importante saperne di più sui meccanismi di sviluppo e sul decorso del danno virale al fegato.

L'epatite in medicina è ampiamente chiamata il gruppo di lesioni infiammatorie del fegato di varie eziologie, ma la maggior parte di esse sono di natura virale. Secondo la classificazione internazionale, si distinguono i seguenti tipi di epatite:

  • Infettiva (la causa principale sono i virus): A; B; C; > D; E; F; epatite in altre infezioni virali (CMV, parotite, herpes, HIV); epatite con infezioni microbiche (es. sifilide); epatite nelle invasioni parassitarie (shigellosi, amebiasi, opistorschiasi).
  • Tossico (a causa degli effetti dannosi sul fegato di alcol, droghe, alcuni prodotti chimici).
  • Radiazioni.
  • Autoimmune.

Le forme virali più comuni della malattia rimangono. Tra questi, l'epatite B occupa un posto speciale: nei paesi sviluppati questa forma di danno infiammatorio al fegato è più comune nelle persone giovani e di mezza età (tra 20 e 49 anni). Nei bambini e negli adolescenti, l'incidenza è stata ridotta a causa dell'effetto della vaccinazione contro l'epatite. In Russia, circa 8 milioni di pazienti e portatori di virus sono registrati ufficialmente e ogni anno vengono diagnosticati 40-60 mila nuovi casi di HBV. Secondo le statistiche, la mortalità per epatite B ha raggiunto tassi simili di malaria e AIDS. Ecco perché negli anni '80 del XX secolo è stato sviluppato un vaccino: l'epatite ha ridotto significativamente il tasso di aumento della morbilità e della mortalità.

Nei paesi in via di sviluppo in Africa e Indonesia, dove non sono immunizzati, la maggior parte dei pazienti viene infettata fin dall'infanzia. Nelle regioni con una situazione epidemiologica sfavorevole, il tasso di incidenza può raggiungere il 10% della popolazione totale.

Che tipo di epatite viene vaccinata e perché? Tradizionalmente, l'immunizzazione specifica viene effettuata contro le lesioni virali del tessuto epatico. L'azione del vaccino contro l'epatite B è finalizzata alla produzione di proteine ​​specializzate, anticorpi, dal sistema immunitario del corpo. Se l'agente patogeno entra nel flusso sanguigno, l'immunità formatasi attacca le particelle virali e la malattia non si sviluppa. Oggi, i vaccini contro A e B sono utilizzati con successo per l'epatite, il medico prescrive una vaccinazione in conformità con i requisiti del calendario nazionale o secondo le indicazioni epidemiologiche.

Fai attenzione! La vaccinazione contro l'epatite C non è attualmente disponibile. Sebbene lo sviluppo attivo del vaccino sia in corso, la sua produzione è irta di alcune difficoltà (differenze significative tra ceppi virali e alta mutagenicità).

Se la malattia di Botkin (HAV, ittero) ha una prognosi relativamente favorevole e il trattamento tempestivo non ha conseguenze pericolose per la salute, l'HBV (epatite virale B) spesso porta a cambiamenti irreversibili nel tessuto epatico. La malattia viene trasmessa attraverso sangue e fluidi biologici, quindi, nel gruppo ad alto rischio di infezione sono:

  • iniezione di tossicodipendenti;
  • coloro che hanno una vita sessuale promiscua o che hanno diversi partner sessuali;
  • persone gay, oltre a praticare contatti anale-genitali;
  • pazienti con malattie ematologiche che necessitano di trasfusioni regolari di FFP, globuli rossi e altri componenti del sangue;
  • pazienti in dialisi;
  • familiari e partner sessuali di un paziente con epatite B o un veicolo virale;
  • personale di centri di sangue, ospedali, compresi tutti gli operatori sanitari;
  • persone che si trovano nel SIZO e nelle istituzioni correzionali;
  • Persone che si recano in regioni con una situazione epidemiologica sfavorevole per 6 mesi o più.

Tra le complicazioni della malattia si trovano:

  • insufficienza epatica acuta / cronica;
  • cirrosi epatica;
  • carcinoma epatocellulare;
  • raramente, forme extraepatiche della malattia (eritema nodoso, crioglobulinemia).

Fai attenzione! La forma inaparantale della malattia (carrello) è abbastanza comune, in cui l'HbsAg patologico viene rilevato nel sangue di una persona, ma non vi sono sintomi clinici, manifestazioni di laboratorio e strumentali di epatite. Un tale paziente potrebbe anche non essere consapevole della sua diagnosi e libero di infettare altre persone.

Come proteggersi dalla malattia

La vaccinazione contro l'epatite B si è affermata come un metodo affidabile di immunoprofilassi, la cui efficacia e sicurezza sono confermate come risultato di studi clinici su larga scala. Nonostante questo, è importante osservare misure non specifiche che aiuteranno a proteggere dal danno virale al fegato. Questi includono:

  • Restrizione del sesso promiscuo, lealtà al tuo partner sessuale.
  • Uso di dispositivi di protezione individuale (preservativi).
  • Uso di siringhe monouso e strumenti medici.
  • Rispetto delle regole di igiene personale (utilizzo di uno spazzolino personale, spugne abrasive, rasoi, ecc.).
  • Controllo sulla sterilizzazione di strumenti nei saloni di bellezza (sale per manicure / pedicure), saloni per tatuatori.
  • Donazione "cosciente" (rifiuto di donare sangue in presenza di epatite B e altre infezioni trasmesse per via ematogena).

Spesso le attività di cui sopra non sono abbastanza efficaci. In questo caso è necessario un vaccino contro l'epatite B, che fornisce una protezione affidabile contro la malattia. Nel 2001, l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha assegnato alla comunità medica mondiale il compito di ridurre l'incidenza dell'HBV e ridurre al minimo il rischio di complicanze. Questo obiettivo è raggiunto in diversi modi, tra cui l'introduzione del vaccino contro l'epatite B nel programma di vaccinazione a livello nazionale.

Vaccino contro l'epatite: la storia della creazione

Per oltre trent'anni di storia, sono state ampiamente utilizzate sette varietà di vaccini HBV. Nonostante le differenze di composizione, tutti usano una delle proteine ​​del rivestimento del virus, nota come antigene di superficie, HbsAg.

Il primo vaccino contro l'epatite B fu prodotto con successo in Cina nel 1982. Il vaccino è stato ottenuto da plasma di donatore, ottenuto da pazienti con danno virale cronico al fegato. Dopo una breve fase di test, questo metodo di immunoprofilassi è diffuso negli Stati Uniti, dove è stato usato con successo nel 1982-1988. La vaccinazione è stata effettuata con un ciclo di tre vaccinazioni consecutive ed era altamente immunogenica (il periodo di vaccinazione e una buona risposta immunitaria persistevano per 10-15 anni o più). Tuttavia, gli studi clinici post-marketing hanno rivelato diversi casi di sviluppo di lesioni del SNC e di ANS in soggetti vaccinati (inclusa la plexite di varie localizzazioni, sindrome di Guillain-Bare), quindi l'uso della prima generazione di vaccini contro l'epatite è stato interrotto.

Dal 1987 ad oggi, le tecnologie di ingegneria genetica sono state utilizzate in medicina. Il DNA ricombinante di un virus è sottoposto a modificazione genetica nelle cellule di lievito. L'antigene HbsAg risultante, che conferisce l'immunogenicità del vaccino, viene sintetizzato distruggendo le cellule fungine.

Questo vaccino ha:

  • alta efficienza;
  • produttività (questo ha ridotto il costo della sua fabbricazione);
  • minor rischio di effetti collaterali rispetto al vaccino plasmatico.

Tipi di vaccino utilizzati nella Federazione Russa

In Russia, sei tipi di farmaci sono stati registrati per l'immunoprofilassi del danno epatico virale di vari produttori. Ogni vaccino contro l'epatite B ha una composizione simile e include:

  • HbsAg è una proteina busta del virus che assicura la produzione di anticorpi specifici da parte del sistema immunitario del corpo;
  • l'idrossido di alluminio è un adiuvante usato per migliorare la risposta immunitaria;
  • mertiolato (o Thiomersal) - un conservante;
  • tracce di proteine ​​del lievito.

Fai attenzione! Alcuni vaccini non contengono conservanti. L'OMS ordina di usarli per immunizzare neonati e neonati.

Nelle istituzioni mediche della Federazione Russa, la vaccinazione contro l'epatite virale B viene effettuata da preparati certificati fabbricati in India, Russia, Cuba, Corea, Israele e Stati Uniti (Endzheriks-V, Eberbiovac, Regevak V, ecc.). Inoltre, l'HBsAg ricombinante è incluso nella composizione di alcuni vaccini complessi: Infanrix Hex, Bubo-M.

Il precedente vaccino contro l'epatite B, EUVAX, non è attualmente utilizzato a causa della descrizione di numerosi casi fatali associati al suo utilizzo in Vietnam.

orario

La vaccinazione contro l'epatite B è un metodo importante per prevenire le malattie. È incluso nel programma nazionale di vaccinazione. E lei cosa dà? Tra gli obiettivi di questa procedura medica sono:

  • una diminuzione dell'incidenza dell'HBV;
  • ridurre il rischio di complicanze (tra cui cirrosi e cancro del fegato);
  • una diminuzione della mortalità totale dalla malattia (attualmente, 780 mila persone all'anno).

Vaccinazione dei bambini

Secondo le raccomandazioni dell'OMS, la vaccinazione contro l'epatite B dovrebbe essere somministrata a tutti i neonati (senza controindicazioni) durante le prime 24 ore di vita. Per completare la serie e creare una forte immunità, è accompagnata da due o tre vaccinazioni successive (secondo il programma). Quanti anni ha la vaccinazione? Tale immunizzazione dà un effetto duraturo: nel 75% dei vaccinati, i livelli protettivi di anticorpi sono determinati per 20 anni o più. Meno spesso, si forma un'immunità relativamente instabile, che non dura più di 5-6 anni.

Due regimi di vaccinazione per neonati e bambini sono considerati efficaci. Sono presentati nella tabella seguente.

Secondo il primo schema (a tre dosi), l'epatite viene vaccinata contro tutti i neonati nati da madri sane e privi di fattori di rischio. Un regime di quattro dosi è usato nei casi in cui un bambino nasce da:

  • portatore di madre HbsAg;
  • una donna che ha contratto l'HBV durante la gravidanza e ha avuto una malattia nel terzo trimestre;
  • donne non testate per HBV durante la gravidanza;
  • madri che assumono sostanze stupefacenti o psicotrope;
  • donne la cui famiglia ha un paziente con epatite B o un trasportatore di virus.

Adulti da vaccinazione

Gli adulti sono vaccinati individualmente, a seconda delle prove. Vaccinazione contro l'epatite virale put:

  • familiari di pazienti con HBV e portatori di virus;
  • operatori sanitari, personale dei centri di cura del sangue, studenti delle facoltà di medicina e università;
  • Persone con malattie ematologiche e altre malattie croniche che richiedono trasfusioni di sangue regolari (trasfusioni di sangue);
  • pazienti in dialisi;
  • Persone in contatto con materiale contaminato;
  • adulti precedentemente non vaccinati che non hanno precedentemente avuto HBV;
  • tutti, non avendo controindicazioni.

Esistono diversi regimi di immunizzazione per adulti. I termini di vaccinazione dei pazienti sono stabiliti dal medico individualmente. Le seguenti sequenze di somministrazione del vaccino sono più popolari:

  • Standard: 0 - 1 mese - 6 mesi.
  • Accelerato: 0 - 1 mese - 2 mesi - 12 mesi.
  • Emergenza: 0-7 giorni - 3 settimane - 12 mesi (rivaccinazione).

In ciascuno di questi schemi, "0" indica la data del trattamento - il giorno in cui è stato introdotto il primo vaccino contro l'epatite B; vaccinazioni in futuro, è auspicabile effettuare rigorosamente secondo il calendario.

Il primo schema è adatto agli operatori sanitari e alle persone a rischio. La durata della formazione della protezione completa è relativamente lunga, ma questo metodo di immunizzazione fornisce un titolo anticorpale elevato.

Il secondo schema è spesso assegnato a pazienti in emodialisi e pazienti indeboliti da gravi malattie croniche. L'immunità si forma già dopo 2 mesi, ma è meno resistente rispetto allo schema di immunizzazione standard. Pertanto, la quarta somministrazione di vaccino rimane necessaria un anno dopo la prima vaccinazione.

Il terzo metodo è utilizzato per l'immunizzazione di emergenza. Questo schema può essere utilizzato per le persone che viaggiano in regioni con una situazione epidemiologica sfavorevole o dopo il contatto con il biomateriale infetto.

Cosa fare se manca la scadenza per la vaccinazione

Dimostrato che l'aderenza al programma di vaccinazione garantisce la massima efficienza. E se le scadenze per qualsiasi motivo fossero state violate? È possibile continuare l'immunizzazione e quanto diminuirà l'intensità del trattamento?

  • Se il primo vaccino è mancato, puoi iniziare l'immunizzazione in un dato giorno. Prima di questo, è necessario assicurarsi che non vi sia sangue di un adulto o di un bambino con HbsAg patogeno.
  • Se la seconda vaccinazione viene saltata, che viene effettuata 1 mese dopo la prima, può essere consegnata entro 4 mesi. Allo stesso tempo, più lungo è l'intervallo tra le iniezioni, minore sarà l'efficacia dell'immunità formata in futuro. Un ampio intervallo tra la prima e la seconda vaccinazione può richiedere un'ulteriore individuazione di anticorpi nel sangue del paziente al fine di elaborare un ulteriore piano d'azione.
  • Se la terza iniezione viene saltata, la vaccinazione può essere completata entro 18 mesi. In alcuni casi, prima di essere immunizzato, il medico può prescrivere un test per gli anticorpi contro HbsAg.

Sfumature della procedura

L'immunopreparazione viene somministrata da un operatore sanitario certificato per via intramuscolare in quantità pari a 1 ml. Prima dell'iniezione, l'infermiera della stanza di trattamento deve controllare:

  • il nome e la durata di conservazione del farmaco;
  • la presenza di impurità nella soluzione;
  • condizioni di conservazione del vaccino (temperatura ottimale - 2-8 ° C).

Gli adulti sono vaccinati in m. spalla deltoideus, i bambini sotto un anno, compresi i neonati, sono nella coscia. È possibile inoculare un gluteo? No, riduce significativamente l'efficacia della risposta immunitaria nelle persone che sono state vaccinate in modo simile. In rari casi (patologie che comportano una violazione del sistema di coagulazione del sangue), la somministrazione sottocutanea del vaccino è possibile sotto la supervisione di uno specialista.

Come prepararsi per la procedura

Nonostante la buona tolleranza e la quasi completa assenza di effetti collaterali, durante la vaccinazione contro l'HBV, i medici raccomandano di seguire una serie di semplici regole:

  • Partecipa al sondaggio. Prima dell'introduzione del vaccino, un adulto e soprattutto un bambino dovrebbero essere esaminati da un medico per escludere la presenza di processi infettivi acuti e l'esacerbazione dei processi cronici. Se ti senti male, assicurati di parlarne al tuo medico: potresti dover posticipare la vaccinazione per diversi giorni e iniziare il trattamento per la malattia di base.
  • Pianifica una vaccinazione in pochi giorni. Se il bambino viene vaccinato, dopo aver visitato la stanza del trattamento, rifiutare di fare una visita o fare lunghe passeggiate. Si consiglia ad un adulto di programmare una vaccinazione per la seconda metà della giornata in modo da avere il tempo di rimettersi in forma entro il giorno lavorativo successivo. Idealmente, gli esperti consigliano di trascorrere diversi giorni a casa per ridurre il contatto con virus e batteri esogeni e ridurre il carico sul sistema immunitario, che sta lottando con il vaccino.
  • Guarda il tuo benessere e chiedi aiuto se necessario. Entro 30 minuti dall'introduzione del farmaco sono nella clinica. Ciò consentirà ai medici di fornire assistenza di emergenza nello sviluppo di una reazione allergica acuta. Se il bambino è stato vaccinato, osserva la temperatura e le condizioni generali del bambino per un giorno, dagli il seno su richiesta e osserva il sito di iniezione.
  • Non bagnare il sito di iniezione 24 ore.
  • Ricorda, e meglio scrivere la data della tua prossima visita dal medico per completare il corso di immunizzazione.

Complicazioni e reazioni post-vaccinazione

Secondo la ricerca post-marketing, i bambini e gli adulti che hanno ottenuto la vaccinazione contro l'HBV hanno raramente dovuto affrontare complicazioni e reazioni post-vaccinazione. Fino al 95% del volume del vaccino è occupato da un antigene "puro" senza impurità, quindi è generalmente ben tollerato. Minimi effetti collaterali sono spiegati dalla composizione monolitica, l'assenza di un gran numero di componenti che possono causare reazioni allergiche e moderne tecnologie di produzione.

In rari casi, un vaccino contro l'HBV può causare le seguenti complicazioni:

  • un leggero aumento della temperatura corporea;
  • manifestazioni allergiche acute, incluso shock anafilattico (in 1 caso per 600mila vaccinati).

Sono previste reazioni generali (debolezza, malessere, sonnolenza) e non richiedono alcun trattamento specifico. Di solito passano indipendentemente entro 12-24 ore.

Controindicazioni: chi non può essere vaccinato

L'unica controindicazione assoluta per l'uso del vaccino ricombinante HBV è un'allergia agli alimenti e ai farmaci che hanno il lievito di birra nella loro composizione.

Non è raccomandato essere vaccinato:

  • donne in gravidanza e in allattamento;
  • individui con gravi reazioni avverse alla precedente somministrazione di vaccino.

Processi infettivi acuti, patologia del sistema nervoso (danno del sistema nervoso centrale perinatale nei neonati, sindrome da ipertensione, danno cerebrale leggero alla luce) e esacerbazione di malattie croniche sono controindicazioni relative alla vaccinazione. La durata dell'assegnazione medica per loro può variare da 10 giorni a diversi mesi. L'introduzione dell'immunopreparazione viene effettuata solo dopo l'esame da parte del medico curante e della ricevuta di ammissione alla vaccinazione.

Il vaccino contro l'epatite B è un modo semplice, sicuro ed efficace per evitare danni virali al fegato e lo sviluppo di complicazioni potenzialmente letali. Il corso delle vaccinazioni ricevute da un bambino nell'ospedale di maternità e clinica nel luogo di residenza sarà in grado di fornire un'immunità affidabile per diversi anni e garantire la protezione del corpo anche quando il corpo viene a contatto con il virus. La vaccinazione tempestiva è importante per la salute del fegato e di altri organi interni.

Vaccino per l'epatite B Adulti

Lascia un commento 24,301

L'epatite B è molto contagiosa e può diffondersi da persona a persona. La vaccinazione aiuterà a prevenire l'infezione. Non è richiesta la vaccinazione contro l'epatite B negli adulti. Ma se una persona vuole proteggersi, e ancor più è a rischio di infezione, vale la pena vaccinare. La procedura è molto veloce, ma sono necessari diversi passaggi per la formazione dell'immunità.

Informazioni generali sulla malattia

L'epatite B è una malattia di tipo infettivo causata da un virus. Principalmente colpisce il fegato. Il periodo di incubazione della malattia varia da 2 a 6 mesi, quindi è abbastanza difficile identificarlo. Nell'ambiente a temperatura ambiente, il virus è in grado di resistere fino a diverse settimane, resistente al calore e al gelo. Queste proprietà spiegano l'alto livello di infezione da epatite B.

Meccanismi di infezione

L'infezione da epatite si manifesta in diversi modi:

  • durante i rapporti senza protezione;
  • quando l'integrità dei vasi sanguigni si rompe, molto spesso a causa di tagli, abrasioni, crepe sulle labbra o gengive sanguinanti;
  • durante manipolazioni e iniezioni mediche;
  • da un paziente con epatite B madre a figlio.
Torna al sommario

Manifestazioni sintomatiche

Manifestazioni sintomatiche dell'epatite B a causa della compromissione della funzionalità epatica. Non è in grado di neutralizzare completamente le sostanze tossiche, anche il deflusso della bile è disturbato. Pertanto, quando l'epatite B viene avvertita dolore al fegato. Ingiallimento e prurito della pelle, la decolorazione della sclera è associata a disfunzione epatica. Una persona non dorme bene o non riesce ad addormentarsi affatto, per questo si sente costantemente stanco. Il paziente perde l'appetito, c'è vomito e nausea prolungata. Con una malattia prolungata, si osservano bassa pressione sanguigna e polso.

complicazioni

Con un trattamento adeguato, questa condizione di un adulto passerà in un paio di mesi. Quando i sintomi non scompaiono per molto tempo, una persona non può riprendersi in alcun modo, c'è una probabilità di complicazioni:

  • sanguinamento;
  • insufficienza epatica acuta;
  • interruzione del dotto biliare;
  • sviluppo di un ulteriore processo infettivo.
Torna al sommario

Chi ha bisogno di essere vaccinato contro l'epatite B?

Le vaccinazioni contro l'epatite B sono fatte a tutti i bambini dopo la nascita, in assenza di controindicazioni. Ulteriore ri-vaccinazione è richiesta in sei mesi o un anno. Il bambino forma un'immunità instabile, che protegge dal virus fino a 5-6 anni. Le indicazioni per ulteriori vaccinazioni in età adulta sono:

  1. Nella famiglia c'è un portatore della malattia o un paziente con epatite.
  2. Lavora e pratica mentre studi in campo medico.
  3. La presenza di una malattia cronica, che richiede costante trasfusione di sangue.
  4. La persona non si ammalò mai di epatite B e non era mai stata vaccinata prima.
  5. In contatto con materiale contaminato raccolto per analisi.
  6. Lavoro correlato alla produzione di farmaci dal siero del sangue.
  7. Nelle malattie del tipo canceroso di tessuto ematopoietico e linfatico.
Torna al sommario

Schema di vaccinazione per adulti

Se per qualche motivo una persona non è stata vaccinata in tempo, può essere eseguita in un secondo momento. Quando un adulto ha mancato il secondo vaccino, non ha più di 4 mesi per farsi vaccinare. Non si dovrebbe ritardare con andare dal medico, perché più piccolo è l'arretrato dal programma, più forte sarà formata l'immunità al virus. Dopo 4 mesi sono scaduti, lo schema di vaccinazione dovrà iniziare dall'inizio. Se un adulto non aderisce al programma di vaccinazione e non ha effettuato una terza vaccinazione, rimangono altri 18 mesi. La vaccinazione dopo questa linea è considerata priva di significato, perché nel sangue non si accumula una quantità sufficiente di anticorpi. Il paziente dovrà reinserire tutte le vaccinazioni.

La durata della vaccinazione contro l'epatite

Nel caso della vaccinazione contro l'epatite durante l'infanzia, il calendario per l'efficacia della vaccinazione è di circa 22 anni. Inoltre, nel campione di sangue di questa categoria di pazienti, gli anticorpi del virus potrebbero non essere rilevati. Ciò è dovuto al fatto che durante il prelievo di sangue è difficile ottenere un campione in cui gli anticorpi saranno contenuti con una probabilità del 100%. Gli adulti hanno bisogno di una rivaccinazione obbligatoria dell'epatite 5 anni dopo la prima vaccinazione. Se l'adulto ha la giusta quantità di anticorpi contro il virus nel sangue, a questo punto, puoi essere vaccinato contro l'epatite un anno dopo.

Tipi di vaccini

Per gli adulti, viene usato il vaccino, che agisce esclusivamente contro l'epatite B (in contrasto con la versione per bambini, che è una miscela di droghe). Il vaccino si chiama:

  • Endzheriks-B (Belgio);
  • HB-Vaxll (USA);
  • vaccino contro l'epatite B ricombinante;
  • vaccino ricombinante del vaccino dell'epatite B;
  • Sci-B-Vac (Israele);
  • Eberbiovac HB (Russia-Cuba);
  • "Euvaks-B»;
  • Shanwak-B (India);
  • "Biovak-B».
Torna al sommario

Controindicazioni per la vaccinazione

Se un adulto è già stato infettato dall'epatite B, la vaccinazione non ha senso. Non è consigliabile essere vaccinati contro l'epatite B in tali circostanze:

  • durante il parto e l'allattamento;
  • età oltre 55 anni;
  • allergia al lievito;
  • alta temperatura;
  • se c'è una reazione allergica o negativa al primo vaccino;
  • intolleranza ai componenti del farmaco;
  • la presenza di malattie infettive acute;
  • con esacerbazione di malattie croniche esistenti.

Come prepararsi per la vaccinazione?

La vaccinazione contro l'epatite B negli adulti deve essere eseguita secondo un programma che è stato pianificato e concordato con il medico curante, tenendo conto delle controindicazioni. Prima di vaccinarsi è necessario sottoporsi a un'ispezione approfondita per assicurarsi che in futuro non ci saranno complicazioni e il corpo dell'adulto andrà a far fronte. Dopo l'introduzione del vaccino, il paziente è sotto la supervisione dell'operatore sanitario per mezz'ora. Se tutto è in ordine, puoi andare a casa. Si raccomanda di abbandonare il riposo attivo, lo sforzo fisico, rimanere in luoghi pubblici per un paio di giorni, poiché la vaccinazione è un grave problema per il sistema immunitario. Dopo la vaccinazione, è necessario prestare attenzione per evitare che l'acqua penetri nel sito di iniezione. Le precauzioni aderiscono durante il giorno.

Dove viene iniettato il vaccino?

L'epatite B viene iniettata nel muscolo. Ciò è dovuto alla migliore digeribilità del vaccino all'interno del tessuto muscolare. Non fanno un'iniezione sotto la pelle, dal momento che l'immunità acquisita sarà instabile per il virus, e nella zona della puntura ci sarà un indurimento. Questo metodo viene praticato solo se il paziente soffre di una scarsa coagulazione del sangue. La vaccinazione contro l'epatite B negli adulti viene praticata nella spalla a causa della vicinanza dei muscoli alla pelle.

Gli effetti delle vaccinazioni e complicanze

Spesso, gli adulti non manifestano reazioni avverse al vaccino, ma, tuttavia, dopo la sua introduzione possono apparire:

  • dolore e infiammazione attorno alla puntura;
  • cicatrizzazione del sito vaccinale;
  • alta temperatura;
  • debolezza.

Se il corpo non tollera il farmaco iniettato, l'adulto avrà dolori articolari e debolezza muscolare. Spesso c'è nausea e vomito. Alcuni hanno la diarrea. Quando allergici ai componenti del farmaco compaiono reazioni generali e locali sotto forma di eruzioni cutanee e prurito della pelle. Una persona può svenire o avere una mancanza di respiro. I sintomi simili dovrebbero andare via da soli in un paio d'ore. Se il disagio non passa, è indispensabile consultare un medico.

Nei casi gravi di allergia, il paziente presenta angioedema o shock anafilattico. In casi isolati, il vaccino colpisce il sistema nervoso. Possibile sviluppo di neurite, meningite, paralisi muscolare. A volte il vaccino colpisce le condizioni dei linfonodi e sotto la sua influenza aumentano. Con questo sintomo, l'analisi del sangue di un paziente mostrerà un numero ridotto di piastrine.

Come evitare spiacevoli effetti collaterali?

Nel caso in cui eventuali controindicazioni siano rilevanti per i pazienti, non viene somministrato un vaccino contro l'epatite. Può solo ferire. Se tutto è in ordine, prima di introdurre il vaccino, è necessario assicurarsi che le condizioni del suo deposito non siano state violate. Considera la bottiglia con il farmaco. Non dovrebbe contenere alcuna macchia dopo l'agitazione. Il vaccino conserva le sue proprietà a una temperatura compresa tra 2 e 8 gradi Celsius. Se è riscaldato o congelato, non sarà efficace. Il farmaco non dovrebbe essere scaduto. Questi sono requisiti obbligatori per un vaccino di qualità.

Dove è fatto il vaccino contro l'epatite B.

L'epatite B virale è una grave malattia infettiva. In modo che la malattia non si diffonda tra le persone e ai fini della prevenzione applicano la vaccinazione alla popolazione. Come risultato dell'inoculazione, il corpo umano non percepisce il virus. Anche a stretto contatto con il corriere, la persona vaccinata non si ammala.

In realtà, il vaccino è un virus dell'epatite inattivato che è stato ripristinato artificialmente. Un vaccino è una soluzione basata sulla proteina immunogenica di un virus.

Devo essere vaccinato contro l'epatite B

La società conduce instancabilmente una disputa di vecchia data sulla necessità di inculcare. E stanno discutendo sulla vaccinazione, in generale, da tutte le malattie, non fa eccezione, e l'uso di vaccini contro l'epatite.

Elenco dei vaccini per l'epatite B (B)

Possiamo dire che i voti "per" e "contro" sono stati divisi quasi allo stesso modo.

  • Naturalmente, tra i medici, la percentuale di oppositori evidenti della vaccinazione è molto più bassa, anche se ci sono oppositori di questo metodo tra le persone in camice bianco. La maggior parte delle persone resistono alla vaccinazione, chi non si rende conto dell'intero problema e delle conseguenze che potrebbero insorgere in una persona, se non vaccinato, otterrà l'epatite.
  • Per quanto riguarda i medici di virologia, quindi alla domanda: "Devo essere vaccinato contro l'epatite?", Risponderanno sicuramente: "SÌ". Perché è così importante non resistere alla vaccinazione, quanto il vaccino funziona, come avviene il processo e dove viene somministrata l'iniezione, impariamo dall'articolo.

Quindi, dobbiamo iniziare dal fatto che la diffusione della malattia nel nostro paese in alcuni anni arriva alla natura dell'epidemia. E ogni anno la malattia muta, o come dicono i medici, diventa cronica. Sempre più spesso, ci sono complicazioni dopo aver sofferto di epatite, come: cirrosi e cancro al fegato. Naturalmente, tali complicazioni non possono passare senza lasciare traccia per il corpo e, in casi eccezionali, una persona malata diventa invalida o muore completamente, essendo giovane.

I bambini sono meno protetti, perché la loro immunità è imperfetta e al giorno d'oggi anche la maggior parte dei bambini la indebolisce. Un bambino infetto da epatite rischia di diventare una cronaca per la vita. Quei genitori si sbagliano pensando che se la loro famiglia è benestante (non abusano di alcol, non prendono droghe, ecc.), Allora i loro figli sono assicurati contro le infezioni. È estremamente irresponsabile e persino pericoloso pensare in questo modo.

  • Non è necessario molto per fare esempi. Ad esempio, quando si fanno i test in una normale clinica per bambini, molti genitori probabilmente hanno più volte riscontrato il fatto che un'infermiera spesso non indossa guanti sterili prima di prendere il sangue o un'iniezione.
  • Considerate ora l'opzione quando i bambini litigano all'asilo o alla scuola, forse qualcuno morde e, quindi, l'infezione entra nel sangue di un bambino sano, e quindi tutto va secondo lo scenario peggiore.
  • I bambini possono prendere l'infezione sulla strada. Dopotutto, lì puoi trovare un po 'di siringhe usate, che si trovano persino nei campi da gioco. E i bambini amano giocare così tanto ai dottori.
  • È possibile contrarre l'infezione attraverso trasfusioni di sangue, visitare il dentista, oggetti per la casa (forbicine per unghie, ecc.), L'infezione può essere trasmessa da una madre infetta a un neonato.

Ora diventa chiaro che una persona civile normale che pensa al suo futuro e al futuro di suo figlio non si oppone alla vaccinazione.

Ora parliamo di quanta vaccinazione funziona. È stato scientificamente dimostrato che l'immunità contro l'epatite B persiste per un tempo molto lungo. In media, la fase protettiva attiva dura 8 anni e, in casi eccezionali, se il bambino è stato vaccinato durante l'infanzia, l'immunità può durare fino a 22 anni. Ci sono persone la cui immunità viene mantenuta dopo la prima vaccinazione per tutta la vita.

Il secondo vaccino viene eseguito dopo 5-7 anni (come raccomandato dal Ministero della Salute).

Programma di vaccinazione e dove ottenere vaccinati contro l'epatite

Il programma di vaccinazione è il seguente:

  • il primo vaccino viene somministrato ai neonati alla nascita (in ospedale il primo giorno di vita del bambino);
  • inoltre, si tiene un mese dopo;
  • prossimo - dopo 6 mesi

I bambini che non sono stati precedentemente vaccinati, la prima vaccinazione, di regola, ha luogo all'età di 13 anni.

Gli anticorpi del virus vengono prodotti 14 giorni dopo la prima iniezione.

Come si può vedere dal grafico, c'è un periodo di vaccinazione, che si svolge in tre fasi. Successivamente, l'immunità nell'uomo contro i virus dell'epatite B è prodotta resistente (almeno al 99%).

Il farmaco viene somministrato in un dosaggio di 1 ml per via intramuscolare. La vaccinazione di un adulto avviene nel muscolo deltoide della spalla e un bambino di età inferiore a 3 anni, incluso un neonato, viene iniettato nella coscia. Il posto sul corpo viene scelto per la vaccinazione in modo tale che in quest'area i muscoli siano ben sviluppati e posti poco a poco.

Il fatto è che un vaccino non può essere iniettato per via sottocutanea, perché ridurrà l'efficacia del farmaco e potrebbe causare un indurimento doloroso. Inoltre, non è consigliabile fare un'iniezione al gluteo perché in questo luogo non è possibile raggiungere facilmente un grande strato di grasso sottocutaneo e il muscolo. Tra le altre cose, sui glutei ci sono un gran numero di vasi sanguigni e terminazioni nervose che possono essere danneggiati.

I vaccini oggi sono così perfetti che per lo più non provocano reazioni avverse, almeno gravi. Tutto dipende dalla tolleranza individuale e dal corpo umano nel suo complesso.

A volte, dopo la vaccinazione, la temperatura aumenta, c'è un leggero disagio nell'area dell'iniezione, a volte c'è una leggera condensazione, raramente si può verificare una reazione allergica.

Tali sintomi si verificano spesso a causa di una somministrazione inappropriata del vaccino (sotto la pelle, non nel muscolo). Una persona può provare affaticamento, mal di testa, dolori alle articolazioni per un certo periodo di tempo, può essere nauseato, tutti i sintomi passano molto rapidamente e non richiedono un trattamento speciale. È importante ricordare che non è consigliabile bagnare il sito di iniezione per le prime 72 ore.

Se, per incuria, il punto dell'iniezione è stato bagnato, allora è necessario asciugarlo delicatamente con un asciugamano o un tovagliolo asciutto e pulito. In caso di gravi reazioni alla vaccinazione, consultare un medico.

È importante! La vaccinazione è assolutamente impossibile, perché sono presenti solo le proteine ​​e non il virus della malattia stessa.

Controindicazioni per l'iniezione

Considera i casi in cui è impossibile vaccinare:

  • con intolleranza a qualsiasi componente del farmaco;
  • malattie infiammatorie e croniche, infezioni virali, incluso;
  • la seconda iniezione non viene somministrata se dopo la prima vaccinazione c'era una forma di reazione grave;
  • con estrema cautela e solo sotto la stretta supervisione dei medici, vaccinano le persone con malattie autoimmuni (lupus eritematoso sistemico, sclerosi multipla e altre);
  • È controindicato vaccinare le persone che hanno una reazione emetica al farmaco.

Il vaccino contro l'epatite umana deve essere temporaneamente rinviato in questi casi:

  • se la temperatura corporea di una persona non corrisponde ai valori normali (temperatura elevata);
  • durante il periodo di malattia virale e infezioni respiratorie acute (dopo la meningite, non somministrare un'iniezione per 6 mesi);
  • se c'è un tratto digestivo alterato (feci instabili, vomito, nausea);
  • le malattie allergiche sono controindicate.

In caso di rilevamento del virus della malattia nel sangue, non ci sono controindicazioni per la vaccinazione, solo l'introduzione del farmaco non avrà l'effetto desiderato, sarà più facile dire che è una procedura inutile. Per lo più le persone che hanno un virus nel sangue non vengono vaccinate.

Dopo che una persona si riprende, deve superare i test (sangue, urina). Dopo l'esame conferma che la persona è in buona salute, possono essere vaccinati.

I componenti del farmaco vengono principalmente coltivati ​​in laboratorio. Le cellule di lievito sono usate per questo in Russia. Pertanto, per le persone che hanno un'allergia a questo componente, il vaccino non viene somministrato in modo da non causare una risposta allergica grave.

L'elenco delle persone che hanno controindicazioni per la vaccinazione include chiunque sia allergico al lievito di birra (pane kvas, birra, ecc.).

Prima della vaccinazione, assicurati di consultare un allergologo. Assicurarsi che l'allergia della persona non sia correlata alla reazione al lievito di pane può essere vaccinata contro l'epatite.

La vaccinazione della popolazione ha lo scopo di prevenire l'epidemia di epatite. Nel mondo esiste una certa categoria di persone per le quali è semplicemente necessario essere vaccinati per eliminare il rischio di infezione (operatori di laboratorio). La vaccinazione riduce il rischio di infezione molte volte. Sia gli adulti che i bambini devono essere vaccinati in modo che non debbano pagare con la loro salute in seguito.