Colica nel fegato

Diete

Molti pazienti lamentano di avere un fallimento del fegato, ma non sanno nemmeno quali malattie questo sintomo possa indicare. Il fatto è che il dolore nella parte destra nella maggior parte dei casi non parla di patologie epatiche, ma di un'ostruzione acuta dei dotti biliari. Le sensazioni dolorose in questo caso sono acute e angoscianti, possono essere date a diverse parti della cavità addominale. Per scoprire il motivo esatto per cui la colite nel giusto ipocondrio e determinare come alleviare il dolore acuto, è possibile solo attraverso uno studio completo.

Cause di dolore acuto nell'ipocondrio destro

Il dolore nell'area della proiezione del fegato è la principale manifestazione della malattia del calcoli biliari. Sono preoccupati per il 75% dei pazienti con questa patologia, per lo più uomini. Il dolore si verifica se pietre affilate feriscono le pareti della cistifellea o se grosse pietre bloccano i dotti biliari.

Le cause del dolore nel fegato possono variare, ma sono principalmente associate a vari disturbi del flusso della bile nel duodeno. Tra loro ci sono:

  • spasmo delle vie biliari;
  • ostruzione dei dotti associati al blocco con calcoli o muco;
  • il processo di spostamento del calcolo lungo i dotti biliari;
  • spasmo dello sfintere di Oddi o suo blocco;
  • mangiare cibo spazzatura o alcol.

I processi infiammatori nella colecisti o nelle vie biliari (colecistite, colangite) possono anche causare colica epatica. Un segno caratteristico che il sintomo è associato a queste malattie - il dolore nella parte destra diventa permanente nel tempo. Oltre alle sensazioni dolorose, il paziente lamenta un generale peggioramento della salute, tensione nella parete addominale, scolorimento delle urine e delle feci.

Colica epatica e sue manifestazioni

Colica epatica è un termine che significa dolore acuto nel giusto ipocondrio. Nella maggior parte dei casi, è causato da spasmi muscolari della cistifellea o dal passaggio di una pietra appuntita lungo i dotti biliari. A differenza delle sensazioni persistenti nell'epatite o nella cirrosi, il dolore non è costante e spesso si risolve da solo.

La colica del fegato può essere distinta dalle seguenti caratteristiche:

  • la sua localizzazione è la regione dell'ipocondrio destro, meno spesso si estende fino alla parte superiore della parete addominale;
  • in alcuni casi, il paziente ha una puntura nello sterno, nella scapola o nel collo, che può far cadere il paziente, assomigliando ad un attacco di angina pectoris;
  • dolore accompagnato da nausea e vomito con aggiunta di bile;
  • il paziente non può trovare una posizione comoda del corpo in cui l'attacco si fermerebbe;
  • se il vomito non si ferma per molto tempo, ciò può significare che il pancreas è coinvolto;
  • c'è un gonfiore acuto.

L'attacco di dolore può durare da 15-20 minuti a diverse ore. Soprattutto lungo sarà colica, che si verifica quando si passa una piccola pietra lungo i dotti biliari. Se l'attacco non si ferma, può indicare la manifestazione di colangite acuta o colecistite. Anche la temperatura corporea può aumentare, tornerà ai valori normali solo dopo il sollievo dal dolore.

Fai questo test e scopri se hai problemi al fegato.

L'ostruzione del dotto biliare può anche essere accompagnata da ittero meccanico. Se la bile non ha accesso al duodeno, i suoi componenti penetrano nel flusso sanguigno e si diffondono in tutto il corpo. Normalmente, vengono escreti nelle feci e nelle urine, colorandoli in una sfumatura caratteristica. Con acuta ostruzione dei dotti biliari, si accumula nella cistifellea, causando l'espansione e l'infiammazione delle sue pareti, che è accompagnata da dolore acuto.

Metodi di trattamento per colica biliare

La puntura del fegato è un sintomo allarmante che dovrebbe essere un motivo per una diagnosi e un trattamento più approfonditi. Dal momento che può manifestarsi in varie malattie, è necessario consultare un medico al primo attacco. È particolarmente pericoloso se il paziente ha una storia di calcoli alla cistifellea, colecistite, colangite, epatite e altre patologie croniche.

Il trattamento dipenderà dai risultati della diagnosi. Può includere:

  • metodi conservativi (farmaci);
  • chirurgia - chirurgia per rimuovere la cistifellea.

Se taglia nel lato, non automedicare. I farmaci sintomatici possono alleviare temporaneamente il dolore, ma è importante determinarne la causa. Forse è stato causato da un singolo caso di violazione del deflusso della bile, che può essere associato a eccesso di cibo o assunzione di determinati gruppi di farmaci. In questo caso, il trattamento sintomatico sarà sufficiente, e da quel momento in poi il paziente dovrà essere più attento alla dieta e all'attività fisica. Tuttavia, la diagnostica aggiuntiva aiuterà a scoprire cosa causa la colica e cosa fare per eliminare il dolore.

Devo chiamare l'assistenza di emergenza?

Il dolore acuto nell'area del fegato è un motivo per chiamare una brigata di emergenza. Non devi aspettare fino a quando il dolore scompare da solo o prendere farmaci specifici senza la prescrizione del medico. Un complesso sintomatologico caratteristico, a causa del quale deve essere chiamato un medico, avrà questo aspetto:

  • dolori di cucitura nell'ipocondrio destro, che possono estendersi alla regione dell'addome, collo, scapola;
  • febbre;
  • comparsa improvvisa di giallo della pelle o delle mucose;
  • improvviso calo della pressione sanguigna;
  • disturbi della percezione, confusione, vertigini.

I medici di emergenza valuteranno la gravità dei sintomi e saranno in grado di iniettare gli antidolorifici necessari, anche per via endovenosa o intramuscolare. Ulteriore ospedalizzazione e trattamento competente è necessario. Ci sono due modi per risolvere questo problema. Se la malattia può essere curata con farmaci, è sufficiente seguire un corso di terapia e normalizzare la dieta. Se la patologia è grave, può essere necessario un intervento chirurgico. Non dovresti aver paura di questo - dopo che la cistifellea viene rimossa, il paziente si riprenderà completamente e sarà in grado di vivere una vita normale.

Algoritmo di azione per colica epatica

Dolore nella maggior parte dei casi associato a spasmo dello strato muscolare della parete della cistifellea. In casa il kit di pronto soccorso dovrebbe essere antispasmodico, che rilassa i muscoli e quindi allevia il dolore. Un buon effetto ha i soliti antidolorifici (No-spa, Spazmalgon), che possono essere acquistati in qualsiasi farmacia senza prescrizione medica. Non meno efficace è la nitroglicerina nella quantità di 1 compressa sotto la lingua. Con una sindrome del dolore più pronunciata i farmaci vengono somministrati per via endovenosa o intramuscolare (Papaverina).

Se non ci sono medicine a portata di mano, ci sono diversi modi per alleviare il dolore prima dell'arrivo del medico. Uno di questi è un massaggio della cistifellea, che rilassa le pareti del corpo e stimola il flusso della bile. Non è raccomandato per l'uso a temperatura corporea elevata, in quanto questo sintomo può indicare colecistite acuta o espansione dell'organo. Se la colecisti viene massaggiata in uno stato in cui la bile non è in grado di entrare nel duodeno, una parete d'organo può rompersi.

Il massaggio viene eseguito nel seguente ordine:

  1. Prima di tutto, lo sfintere di Oddi, che si trova all'ingresso del duodeno, viene massaggiato. Si trova sulla parete addominale a pochi centimetri sotto il petto al centro.
  2. Successivamente è necessario stimolare la cistifellea, che si trova nell'ipocondrio sinistro.
  3. Infine, la colecisti può essere colpita direttamente. Si trova sotto le costole sul lato destro.

Il massaggio può essere eseguito in aggiunta al trattamento medico della colica biliare. Inoltre, alcune erbe medicinali hanno un buon effetto antispasmodico. Il tè con l'aggiunta di menta o di melissa è un rimedio sicuro ed efficace che consente di rimuovere lo spasmo dei muscoli lisci degli organi interni, inclusa la cistifellea.

Cosa non dovrebbe essere fatto con il dolore acuto nel fegato?

Quando compare il dolore acuto, è molto importante non provocare un ulteriore sviluppo della malattia. Ci sono molte cose che sono severamente vietate se sospetti una colica epatica. Questi includono:

  • assunzione di cibo e acqua;
  • riscaldatori caldi;
  • massaggiare direttamente nell'area del dolore;
  • movimenti attivi.

Mangiare è proibito, dal momento che il suo ingresso nello stomaco stimola la formazione di una nuova porzione di bile. Le medicine sotto forma di tè sono preferibili per preferire pillole o iniezioni. È meglio non bere i farmaci con l'acqua, poiché provoca anche la sintesi della bile da parte delle cellule del fegato. Il fatto è che la colica epatica è spesso causata da un trabocco della cistifellea e dall'impossibilità di deflusso del fluido. Se continua a essere prodotto, può causare uno stiramento acuto delle pareti dell'organo fino a quando non si rompe. Finché il cibo non entra nello stomaco e non influenza i suoi recettori, questo segreto non sarà sintetizzato.

I movimenti attivi possono anche aggravare la situazione. Se il dolore è causato dal passaggio della pietra attraverso i dotti biliari o il blocco delle vie biliari mediante il calcolo, aumenterà con lo sforzo fisico. È meglio prendere una posizione sdraiata e provare a muoversi il meno possibile. I riscaldatori caldi e caldi durante il periodo di dolore acuto sono controindicati in ogni caso. Il calore stimola la circolazione sanguigna nell'area infiammata, il che traduce il processo in una fase ancora più acuta. Inoltre, se il dolore è causato dall'infezione nella cistifellea e nei dotti biliari, sotto l'influenza di una piastra riscaldante, i microrganismi possono diffondersi con il flusso sanguigno in tutto il corpo.

Diagnosi di colica epatica

Il medico che si occupa della diagnosi e del trattamento delle coliche è un gastroenterologo. All'esame iniziale, è importante raccogliere l'anamnesi e determinare quali malattie dovrebbero essere sospettate come causa della colica epatica. Nei calcoli biliari, le convulsioni si verificano prima raramente e poi iniziano a manifestarsi più spesso. Aumenta anche la loro durata e intensità.

Esistono diverse tecniche per determinare la colica del fegato di un paziente. Per fare ciò, è necessario palpare determinati punti, e con una reazione positiva, il paziente sentirà un aumento del dolore. Il medico può controllare i seguenti riflessi:

  • sindrome da difesa muscolare: la tensione dei muscoli della parete addominale quando la si preme;
  • Il sintomo-dolore di Kera quando si preme su un punto, che è una proiezione della cistifellea, mentre si inala;
  • Sintomo di Grekov-Ortner - dolore con leggero picchiettamento sulle costole sul lato destro;
  • Il sintomo di Murphy - quando il paziente preme a fondo l'area che si trova nell'area della proiezione della cistifellea, il paziente ha una respirazione riflessiva.

Per una diagnosi più accurata sono stati utilizzati metodi di ricerca strumentali. Sull'ultrasuono, è possibile vedere l'espansione della cistifellea, l'infiammazione delle sue pareti. Nella sua cavità, si possono vedere sedimenti, oltre a concrezioni di diverse dimensioni e origine. La colica epatica deve essere distinta dalle altre patologie che si manifestano con sintomi simili: appendicite, pancreatite, colica renale, spasmi o invaginazione intestinale.

Possibili trattamenti

Il primo compito per le coliche è quello di alleviare un dolore acuto. Per questo, vengono usati antispastici o preparazioni combinate contenenti componenti antispastici e analgesici. L'ulteriore terapia dipende dalla causa del dolore:

  • se la colica è causata dalla contrazione spasmodica della parete muscolare della cistifellea, il trattamento sintomatico è sufficiente;
  • per rimuovere piccole pietre o sedimenti sono prescritti farmaci coleretici e dieta;
  • se le pietre sono grandi o hanno pareti affilate, è necessario un intervento chirurgico.

Il giorno dell'attacco e il giorno successivo, al paziente è vietato mangiare cibo, in modo da non provocare un'altra esacerbazione. Quindi, i prodotti liquidi e solidi vengono gradualmente introdotti nella dieta in piccole porzioni. La soluzione ottimale per tutti i pazienti con questo sintomo è la dieta n. 5, sviluppata per l'uso nelle patologie del sistema epatobiliare. Secondo le sue regole, tutti gli alimenti grassi, farina e fritti, fast food, fast food, alcol e bevande gassate dovrebbero essere esclusi dalla dieta. È necessario mangiare frazionalmente, in piccole porzioni, e prendere il cibo solo bollito o cotto a vapore.

La chirurgia per rimuovere la cistifellea è necessaria se vi è il rischio di lesioni alle pareti o ai dotti biliari da pietre appuntite. Viene anche eseguito se la dimensione delle pietre non consente loro di uscire naturalmente. In questo caso, il chirurgo rimuove completamente l'organo. La bile continua ad essere sintetizzata dalle cellule del fegato, ma non ha un serbatoio per l'accumulo ed entra direttamente nel duodeno. Nel tempo, il corpo si adatta a questi cambiamenti e il paziente può gradualmente tornare al solito modo di vivere.

Colica epatica è un dolore acuto cramping nel giusto ipocondrio, in cui il paziente non riesce a trovare una posizione comoda. Questo sintomo dovrebbe essere la ragione per chiamare un'ambulanza e condurre un esame completo. Nella maggior parte dei casi, indica un attacco acuto di malattia del calcoli biliari (colelitiasi), ma può essere un segno di infiammazione della colecisti, del fegato o delle vie biliari. Tra tutti i metodi di primo soccorso, è possibile distinguere solo l'uso di farmaci antispastici, che allevia brevemente lo spasmo. Ulteriore trattamento dovrebbe essere fatto da un gastroenterologo.

Dolore al fegato - cause, natura, diagnosi e trattamento

Dolori acuti o opachi, palpitanti e doloranti nel fegato sono quasi sempre indicativi della malattia di questo importante organo umano. Il fegato è una ghiandola della secrezione esterna e appartiene al sistema digestivo. I tessuti sani di un organo hanno una caratteristica unica: la rigenerazione e persino inerente alle grandi aree.

Il fegato svolge molte funzioni, ma le principali:

  • funzione antitossica;
  • escrezione biliare;
  • digestivo.

Eppure, perché il fegato fa male? E può esserci dolore al fegato se l'organo stesso non è dotato di terminazioni nervose?

Dolore al fegato

La persona non può davvero sentire come fa male il fegato, ma il suo guscio esterno è dotato di molti nervi, quindi quando il fegato cresce e preme sul guscio a causa di una malattia, appare quella sensazione di dolore nell'ipocondrio destro.

Inoltre, il dolore al fegato è sentito a causa della patologia della cistifellea.

Il dolore può essere descritto come sensazioni con intensità forte e tollerabile, bruciore, dolore, lancinante o palpitante nella parte destra. Il segno esatto che è il fegato che è preoccupato sarà l'irradiazione del dolore nella spalla o nella scapola sul lato destro.

Come determinare quale dolore viene dal fegato?

È necessario consultare un epatologo se si riscontrano i seguenti sintomi che si verificano in parallelo con il dolore al fegato:

  • debolezza e stanchezza costanti;
  • Rifiuto del cibo e, di conseguenza, drastica perdita di peso;
  • ittero, compresi i sintomi di ingiallimento dell'occhio sclera e della pelle;
  • mal di testa;
  • nausea, eruttazione;
  • insonnia;
  • prurito della pelle;
  • macchie gialle sulla lingua;
  • gonfiore;
  • urina e feci leggere in modo innaturale.

Cause del dolore al fegato

Provocare dolore al fegato può causare sia malattie che altri fattori aggravanti.

malattia

Il dolore più comune nell'ipocondrio destro dovuto a:

  • mononucleosi;
  • cisti nelle vie biliari (di solito accompagnate da dolore sordo);
  • epatite (tossico, autoimmune, radiazioni, virali, batteriche);
  • contatto costante con sostanze tossiche;
  • amiloidosi;
  • irritazione delle terminazioni nervose con giardiasi, alveococcosi, echinococcosi, fascioliasi;
  • colecistite;
  • epatite grassa;
  • tumori benigni e maligni;
  • metastasi da oncologia di altri organi.

Dolori ondulatori, acuti e dolorosi possono essere causati dal fenomeno dell'insufficienza epatica. Di solito è diviso in tre fasi:

  1. Iniziale o compensato,
  2. Espresso o scompensato,
  3. Distrofico o terminale, che spesso termina con un coma epatico.

Cause di insufficienza epatica:

  • condizioni gravi nell'epatite virale;
  • trasfusioni di sangue inadatte;
  • avvelenamento (con funghi, prodotti chimici, medicinali).

Altre circostanze che causano dolore

Altri motivi, oltre alla malattia, possono causare altre cause, come ad esempio:

  • gravidanza - quando tutti i sistemi lavorano sotto carico e l'utero in costante crescita sposta continuamente gli organi;
  • uso a lungo termine di contraccettivi ormonali orali;
  • automedicazione, specialmente quando c'è un farmaco antibiotico che non è concordato con il medico;
  • ipodynamia - quando il tono muscolare è indebolito a causa di uno stile di vita sedentario, e la cistifellea non viene completamente svuotata, dando garanzie per la formazione di calcoli;
  • ritmo errato della respirazione durante lo sforzo fisico, che provoca una pugnalata al lato;
  • sovraccarico di stomaco prima dell'esercizio;
  • dieta irregolare e malsana, quando specialmente nella dieta è dominata da cibi grassi;
  • abuso di alcool.

Effetto sul fegato epatico

Vale la pena ricordare ancora una volta il danno dell'alcol, perché è uno dei principali punti di influenza sulla salute del fegato.

Il mito delle "dosi sicure di alcool" rimane davvero un mito, i parametri dei grammi ammissibili per ciascuno sono molto individuali, qualcuno è più suscettibile all'azione delle tossine alcoliche, qualcuno di meno e persino una bottiglia, sembrerebbe, per molte birre innocenti può portare a gravi intossicazioni. Pertanto, si dovrebbe tenere presente che i parametri consentiti non esistono, qualsiasi quantità di alcol è dannosa in un modo o nell'altro. Il bere frequente e anche più regolare ha un effetto irreparabile sulle cellule del fegato, che inizialmente stanno ancora cercando di rinnovarsi, e in seguito, dopo aver esaurito le risorse, lasciano il posto al tessuto connettivo. Una tale sostituzione porta alla cirrosi e alla fibrosi. Garantito per fornire la cirrosi può 5-7 anni di uso regolare di alcol in una dose giornaliera di 80 grammi di ferita.

L'alcol infiamma il tessuto epatico e aumenta le sue dimensioni, effetto dannoso sulla cistifellea, favorisce la formazione di calcoli in essa contenuti. Dopo una settimana di "binge drinking", la steatosi inizia a svilupparsi, accompagnata da pesantezza e dolore doloroso nel giusto ipocondrio.

Se abusato, possono anche manifestarsi sintomi di epatite o epatite alcolica.

Epatite alcolica

Epatite alcolica - una malattia che combina una serie di processi infiammatori e distruttivi del fegato, innescati dagli effetti dell'alcool. Il pericolo di epatite alcolica risiede nella sua possibile transizione verso la cirrosi.

L'epatite non può essere diagnosticata a lungo a causa della debole gravità dei sintomi che sono inerenti a:

  • pesantezza nell'ipocondrio destro e nello stomaco;
  • leggera nausea;
  • ruttare.

Ci sono due fasi della malattia:

  • persistente - la forma iniziale di epatite alcolica, in cui rinunciando all'alcool in modo tempestivo, è possibile stabilizzare completamente la condizione, altrimenti, ignorare la malattia porterà ad uno stadio progressivo;
  • progressivo - caratterizzato da molte piccole lesioni, dopo le quali si sviluppa più spesso la cirrosi epatica. Se si smette di bere in tempo e si inizia il trattamento, la condizione può tornare alla normalità, ma si dovranno comunque affrontare gli effetti residui.

Epatite grassa alcolica

Lo sviluppo dell'epatosi grassa contribuisce al metabolismo compromesso, formato come risultato dell'assorbimento dell'alcool etilico. Ciò è dovuto al fatto che il processo di assorbimento di etile richiede l'uso di un gran numero di composti NAD utilizzati dal corpo allo stesso tempo per la scomposizione dei grassi. Il riciclaggio dell'alcool ingerito provoca una deficienza del composto NAD, dopo di che i grassi sono costretti ad accumularsi nel fegato.

L'epatosi grassa può anche non essere sentita per molto tempo, emettendo solo un sintomo su un'ecografia - un fegato allargato e particolarmente "arrotondato". Quando fai clic sull'area dell'organo è possibile un dolore moderato.

Una diagnosi accurata è possibile solo dopo una biopsia.

Il trattamento della condizione è fatto attraverso l'uso di aminoacidi: betaina e arginina.

Ovviamente, un rifiuto totale dell'alcol nel mondo moderno è impossibile, ma sempre con l'uso di "bevande forti" non si dovrebbe ricordare solo le proprie capacità, ma anche il senso dell'intensità delle proporzioni.

Per ripristinare il corpo dopo gli effetti dannosi, è necessario rinunciare completamente all'alcol e avere pazienza, perché il processo di rigenerazione, se è ancora possibile, richiederà molto tempo.

Diagnosi del fegato

Per caratterizzare il dolore nella zona del fegato e le sue cause, il medico prescrive i seguenti studi:

esame del sangue per epatite e marcatori tumorali;

test di predisposizione genetica;

trattamento

Prima di tutto, si presume che se il fegato è dolente, non c'è bisogno di auto-medicare, ma appena possibile consultare un medico da un medico (quale dottore dovrebbe applicare?) Inoltre, cerca di evitare l'assunzione di antidolorifici e farmaci antispastici per fornire al medico i sintomi reali della malattia.

Dolori severi e acuti richiedono una chiamata di emergenza immediata.

Se non c'è una minaccia diretta per la salute e la vita del paziente, il medico prende una decisione sul trattamento domiciliare, ma sotto la regolare supervisione del medico curante. Questa modalità è adatta per il trattamento:

  • lesioni alcoliche dell'organo di lieve e moderata (vengono utilizzati assorbenti, amminoacidi ed epatoprotettori);
  • colecistite cronica (con antibiotici, antispastici, coleretici e sedativi);
  • lesioni tossiche leggere (uso di assorbenti, epatoprotettori, antidoti speciali, nonché l'uso di iniezioni di vitamine B);
  • patologie congenite che non richiedono un intervento chirurgico.

I reclami di puntura di dolore al fegato durante lo sforzo fisico, il più delle volte con farmaci non sono trattati, tali stati hanno bisogno di riposo e consultazione con un allenatore professionista, sulla corretta respirazione e un adeguato esercizio.

Tuttavia, l'epatite acuta è sempre soggetta a trattamento ospedaliero, così come gravi malattie parassitarie che richiedono la rimozione chirurgica di elminto o una cisti da essa formata. La colecistite acuta non fa eccezione. Quando un paziente viene ricoverato in ospedale con una sospetta malattia, gli vengono inizialmente prescritti farmaci antibiotici e antispastici, ma se non ci sono risultati attesi, viene urgentemente eseguita un'operazione per rimuovere la cistifellea. Casi difficili di avvelenamento tossico sono trattati in rianimazione.

Il trattamento dell'insufficienza epatica acuta, analogamente ad altre condizioni sopra menzionate, viene effettuato in un ospedale ospedaliero. L'aiuto dovrebbe essere fornito il prima possibile, preferibilmente nella prima fase.

L'oncologia è la ragione più seria e difficile per il trattamento del dolore nel fegato. I tumori e le metastasi vengono solitamente rimossi chirurgicamente, dopo di che le cellule rimanenti vengono eliminate mediante chemio e radioterapia.

dieta

Eventuali sintomi di malattia del fegato devono essere trattati con un'adeguata assunzione dietetica.

Molto spesso, in caso di dolore nell'area del fegato, viene prescritta la dieta n. 5. Lei suggerisce i seguenti divieti e raccomandazioni.

divieti

Non è possibile rispettare il numero di tabella 5 da mangiare:

  • carne grassa: oca, agnello, anatra, maiale, strutto;
  • frattaglie: fegato, rene, prodotti a base di fegato;
  • cibi fritti;
  • carne affumicata;
  • salse piccanti e aspre;
  • spezie, condimenti;
  • ricchi brodi di carne;
  • sottaceti e conservazione;
  • fast food;
  • prodotti semilavorati;
  • pesce rosso grasso;
  • uova di pesce;
  • fagioli;
  • funghi;
  • cipolle fresche, aglio, spinaci, acetosa;
  • frutti aspri, agrumi;
  • melone, perché è un frequente provocatore di fallimenti digestivi;
  • dolci, specialmente con creme;
  • muffin, pasta sfoglia;
  • pane fresco;
  • cacao, caffè, cioccolato;
  • acque minerali altamente gassate e bevande gassate;
  • specialmente bevande alcoliche e a bassa gradazione alcolica.

È inoltre necessario ricordare le condizioni di base dell'alimentazione in presenza di malattie del fegato: il divieto di tutti i raffreddori. Piatti, bevande, dessert dovrebbero essere serviti eccezionalmente caldi.

raccomandazioni

Puoi mangiare secondo la dieta:

  • carne: magro, senza pelle e tendini, carne di manzo, pollo, coniglio e tacchino;
  • dai piatti di carne ammessi: pilaf, involtini di cavolo, salsicce bollite fatte in casa;
  • pesce magro, al vapore, stufato o al forno;
  • I piatti di pesce sono ammessi: purè di patate, soufflé, cotolette di vapore;
  • zuppe: con pasta, cereali, ma solo su brodo vegetale e senza zazharki, è possibile aggiungere carne magra;
  • piatti a base di uova sotto forma di vapore di omelette proteiche;
  • prodotti lattiero-caseari fermentati: kefir magro, ricotta, ryazhenka, panna acida, formaggio senza condimento;
  • esclusivamente frutta non acida e frutta secca, bacche, come pesca, albicocca, ciliegia, anguria;
  • verdure: contorni di stufati e bolliti;
  • dolci: marmellata, marshmallow, marshmallow, marmellata;
  • pasticcini: il pane di ieri, a volte - torte con carne e pesce magri, mele, cheesecake;
  • bevande sotto forma di tè nero puro, debole e con latte, gelatina, succo di frutta, brodo, succo non acido di verdure e frutta con polpa.

Prevenzione delle malattie del fegato

La prevenzione della malattia del fegato è in tali misure:

  • Cibo sano e corretto.

Per la salute di questo corpo, è necessario mangiare più fibre e meno grassi, evitare cibi fritti, evitare il digiuno, ma anche non mangiare più spesso 5 volte al giorno, diete prive di proteine, limitare l'assunzione di alcol. Il volume del fluido consumato al giorno non deve essere inferiore a uno o anche due litri.

Il fumo di sigaretta per inalazione è una fonte di tossine, le cui sostanze, come i prodotti di decadimento dell'alcol etilico, vengono pulite dal fegato. Pertanto, vi è un'opinione secondo cui il fumo, insieme all'alcolismo, ha conseguenze particolarmente gravi il corpo deve fare i conti con il doppio lavoro.

Non auto-medicarsi in nessuna circostanza, in particolare, non prescrivere antibiotici a te stesso. Solo un medico può confermare la necessità di farmaci e la loro efficacia in ciascuno dei casi della malattia.

  • Non fare affidamento sulla medicina tradizionale.

Le erbe possono danneggiare non peggio delle medicine. Vischio, menta di palude, crotalaria, dubovnik, zucchetto, rane e consolida maggiore hanno un effetto particolarmente disastroso.

  • Estremamente attenti con sostanze tossiche

Indossare una maschera, una tuta protettiva e lavorare solo in aree ventilate quando si tratta di aerosol, vernici, solventi, prodotti chimici e ancora di più con veleni e pesticidi.

  • Prendere tutti i farmaci raccomandati dal dottore per il fegato e passare tempestivamente gli esami richiesti.

Qualsiasi malattia è sempre più facile da prevenire o curare i suoi sintomi nella fase iniziale piuttosto che trattare le forme avanzate in modo lungo e minuzioso. Non dovresti anche abbandonare la dieta prescritta, perché questa è la metà del trattamento riuscito.

TUTTI ANCORA QUELLO CHE RISCALDA IL CALORE DEL FEGATO?

A giudicare dal fatto che stai leggendo queste righe ora - la vittoria nella lotta contro le malattie del fegato non è dalla tua parte.

E hai già pensato alla chirurgia? È comprensibile, perché il fegato è un organo molto importante, e il suo corretto funzionamento è una garanzia di salute e benessere. Nausea e vomito, pelle giallastra o grigiastro, sapore amaro in bocca, urina scura e diarrea. Tutti questi sintomi ti sono familiari di prima mano.

Ma forse è più corretto trattare non l'effetto, ma la causa? Raccomandiamo di leggere la storia di Olga Krichevskaya, di come ha curato il fegato. Leggi l'articolo >>

Dolore al fegato: possibili cause e raccomandazioni

Il dolore al fegato non sempre indica la presenza di un processo patologico nell'organo stesso, quindi solo un medico può effettuare una diagnosi accurata dopo aver esaminato un paziente. È accettato classificare il dolore nella zona del fegato come acuto e cronico, così come dolorante, tirante, acuto, pressante. È la differenziazione della sindrome del dolore che può aiutare nella diagnosi anche prima dell'esame strumentale del paziente.

Cause del dolore al fegato

Ci sono diverse cause della sindrome del dolore, ognuna delle quali ha le sue caratteristiche, caratteristiche e può essere accompagnata da altri sintomi.

Epatite acuta e cronica

L'epatite è una malattia infiammatoria del fegato che può essere una causa infettiva o virale. Per questa condizione patologica, il dolore potrebbe non essere un sintomo caratteristico, ma saranno necessariamente presenti.

Epatite A. Questo tipo di infiammazione del fegato non è caratterizzata da intenso dolore, proprio all'inizio dello sviluppo della malattia la sindrome è completamente assente. Ma il paziente nota tutti i sintomi di una malattia respiratoria acuta banale - febbre (ipertermia), debolezza generale, febbre. Se, dopo 3-4 giorni dopo i primi segni di un raffreddore, ci sono dolori nel fegato (ipocondrio destro), allora si può sospettare lo sviluppo di epatite A acuta. Il dolore sarà tirato e permanente.

Epatite B. Inoltre, come il precedente tipo di infiammazione del fegato, la presentazione inizia con segni di raffreddore, ma letteralmente dopo una settimana, compaiono dolori costanti, opachi e pressanti nella posizione anatomica del fegato. Il paziente osserva che durante il giorno si verificano regolarmente sensazioni di pressione e il fegato aumenta costantemente di dimensioni. In questa fase dello sviluppo dell'epatite B, la diagnosi può essere fatta in modo errato - i segni indicano lo sviluppo dell'epatite di tipo A, ma il tipo di infiammazione in questione è caratterizzato da ittero.

Epatite E. Solo questo tipo di epatite acuta è caratterizzato da dolore severo, parossistico nel fegato e appena sopra l'ombelico.

I tipi cronici di epatite si verificano con un lieve dolore, che si verifica più spesso dopo aver mangiato cibi troppo grassi.

Cirrosi epatica

Una malattia pericolosa che può essere fatale - nel corso di questo processo patologico, la struttura di un organo viene distrutta e si sviluppano disturbi del tessuto epatico. Esistono diversi tipi di cirrosi epatica:

  • alcolizzato - si verifica sullo sfondo di abuso prolungato di bevande alcoliche;
  • virale - è una complicazione della forma acuta di epatite virale;
  • droga - una conseguenza della terapia a lungo termine con potenti farmaci;
  • biliare - la cirrosi è ereditaria;
  • stagnante - si sviluppa con la stasi del sangue nel corpo.

Il dolore al fegato con cirrosi è un dolore costante in natura ed è caratterizzato da ondulabilità - l'intensità della sindrome del dolore aumenta dopo una violazione della dieta o l'assunzione di alcolici.Nella cirrosi, la sindrome del dolore è sempre accompagnata da altri sintomi:

  • aumento della fatica senza motivo apparente, sonnolenza;
  • significative varici nelle gambe (ma non ci sono sintomi di vene varicose degli arti inferiori);
  • un aumento delle dimensioni dell'addome, che si verifica a causa dell'accumulo di liquidi nella cavità addominale;
  • forte prurito della pelle;
  • ittero.

Steatosi epatica

Questa patologia è associata alla formazione del tessuto adiposo nella struttura del fegato. I dolori in questo stato sono periodici, possono imitare gli spasmi, ma rapidamente scompaiono quando si adegua il programma / dieta. La steatosi del fegato è caratterizzata non solo dal dolore, ma anche da gravi disturbi dell'apparato digerente: diarrea (diarrea), feci grasse, coliche intestinali, sintomi di intossicazione generale del corpo.

Neoplasie tumorali

Neoplasie benigne di vario tipo si possono formare nel fegato, ma non tutte sono accompagnate da dolore. I medici distinguono i seguenti tipi di tumori in cui la sindrome del dolore è pronunciata:

  • emangioma - un tumore nei vasi;
  • iperplasia nodulare - la formazione nello spessore del fegato di molti noduli;
  • adenomi: una neoplasia si trova nelle cellule ghiandolari di un organo;
  • le cisti sono innate.

Fai attenzione: il dolore al fegato con tumori benigni inizia a manifestarsi solo con la loro crescita significativa. In questo caso, il dolore sarà doloroso, piuttosto intenso e accompagnato da nausea, vomito e sapore amaro in bocca.

I tumori maligni manifestano assolutamente sempre dolore - intenso, persistente, dolente, non rimovibile, anche farmaci antispastici.

Dolore al fegato senza patologie organolettiche

In molti casi, la sindrome del dolore non è associata a funzionalità compromessa del fegato stesso. Le seguenti condizioni possono provocare dolore nell'area del fegato:

  1. Colecistite acuta. L'infiammazione della cistifellea nella forma acuta è caratterizzata da forti dolori nella zona del fegato. È interessante notare che la sindrome ha una irradiazione ampia - nella mano destra, sotto la clavicola, nella scapola destra. Il dolore nella colecistite acuta è molto grave, il che costringe il paziente a cercare immediatamente un aiuto professionale, soprattutto perché in breve tempo la sindrome in esame viene "estinta" dalla distensione addominale, dal vomito incontrollato e dalla temperatura corporea elevata.
  2. Colecistite cronica. Diagnosi significa un processo infiammatorio di lunga durata nella cistifellea, accompagnato da periodiche recidive e remissioni. Il dolore al fegato, insito nella colecistite cronica, non è intenso, appare periodicamente - per esempio, durante il periodo di esacerbazione stagionale della patologia.
  3. Malattia da calcoli biliari. Se ci sono pietre nella cistifellea o nei suoi dotti, questo non significa che la sindrome del dolore sarà sempre presente fin dall'inizio dello sviluppo della patologia. Di solito un potente dolore al fegato si verifica quando la pietra si muove. La sindrome ha una manifestazione pronunciata, è di natura spastica, aumenta con il minimo movimento, non si placa anche dopo l'uso di antidolorifici.
  4. Eziologia infettiva mononucleosi. Questa è una malattia virale caratterizzata da dolore doloroso e sordo nel fegato. Oltre al dolore costante, il paziente lamenterà un aumento significativo del fegato e dei linfonodi vicini, mal di gola, febbre.
  5. Pancreatite acuta. Questa è un'infiammazione acuta del pancreas, in cui c'è sempre un forte, improvviso dolore al fegato, e in 30-60 minuti l'ipertermia (febbre), la febbre e il vomito incontrollabile si uniscono a esso. Fai attenzione: Il dolore al fegato e i sintomi associati alla pancreatite acuta hanno quasi le stesse caratteristiche per la manifestazione della colecistite acuta, ma nel primo caso il dolore sarà molto più pronunciato.

Il dolore al fegato può verificarsi con osteocondrosi, malattie renali e l'intero sistema urinario, appendicite acuta, ulcera gastrica. Ma non possono essere classificati come una sindrome del dolore nella patologia del fegato - una sindrome falsa appare a causa di irradiazione.

Dolore fisiologico nel fegato - cause

I medici distinguono tre cause fisiologiche dell'apparente dolore intenso nel fegato:

  1. Sindrome da postumi di una sbornia La sindrome del dolore di questa localizzazione non si verifica mai con l'uso diretto di bevande alcoliche, ma al mattino (o diverse ore dopo una bevanda pesante) una persona può provare un intenso dolore al fegato. Le ragioni della sua insorgenza dopo l'abuso di bevande contenenti alcol:
  • il fegato sta vivendo carichi molto pesanti quando l'alcol entra nel corpo;
  • le cellule del fegato sono influenzate dall'alcol etilico;
  • troppo cibo grasso, affumicato e salato consumato insieme all'alcool.
  1. Overdose di droga. Il dolore al fegato può manifestarsi dopo un lungo ciclo di terapia con potenti farmaci, ad esempio gli antibiotici. In questo caso, i pazienti con sindrome sono caratterizzati come tiranti, costanti, con un'intensità stabile, leggermente pronunciata.
  2. Esercizio eccessivo. Anche i bambini sono ben consapevoli del fatto che camminando velocemente o correndo, c'è dolore nella parte destra sotto le costole. La sindrome è una conseguenza del ristagno nelle vene del fegato. Il dolore in questo caso sarà forte, tirando e premendo.

Cosa si può fare con l'aspetto del dolore nel fegato

Se il dolore al fegato è apparso improvvisamente e per la prima volta, devono essere prese le seguenti misure:

  • assumere una posizione supina con una testa sollevata;
  • bere costantemente acqua semplice - non gassata, senza aromi;
  • È possibile attaccare all'area delle costole destra una piastra riscaldante con ghiaccio per 10 minuti.

Fai attenzione: In alcuni casi, un attacco acuto al dolore nel fegato può indicare lo sviluppo di un processo patologico pericoloso per la vita del paziente. Non è necessario assumere rischi e utilizzare farmaci auto-selezionati con un effetto anestetico: in primo luogo, è improbabile che abbiano l'effetto desiderato e, in secondo luogo, i farmaci possono "appianare" il quadro clinico - ciò renderà la diagnosi più difficile.

Nel caso di dolori che appaiono regolarmente nell'area del fegato e una diagnosi raffinata, puoi alleviare il tuo benessere con le ricette della categoria della medicina tradizionale. Ad esempio, avere un buon effetto analgesico:

  1. Miele e cannella Devi mescolare 500 ml di miele con 2 cucchiai di cannella e usare una miscela di un cucchiaio ogni giorno.
  2. Stigmi di mais. Prendi l'orecchio di mais fresco, sposta le foglie e vedi i sottili "peli" - questo è lo stigma, ma puoi comprarli in farmacia. Preparare questa pianta come tè e bere 500 ml al giorno, dividendo il volume totale in 2-4 dosi.
  3. Una miscela di burro e altri ingredienti. È necessario mescolare 500 ml di olio d'oliva, succo di un limone, 100 ml di aceto di sidro di mele e prendere la miscela un cucchiaio due o tre volte al giorno. Fai attenzione: durante il trattamento con questo rimedio è necessario mangiare un sacco di noci.

In generale, nella medicina popolare ci sono molte ricette che aiutano a sbarazzarsi del dolore al fegato piuttosto rapidamente. Ecco alcuni di loro:

  1. Miscelare 1 cucchiaio da tavola di orologi a tre foglie asciutti, achillea e erba di San Giovanni, versare 300 ml di acqua bollente e vaporizzare la composizione risultante. Assumere 30 ml due volte al giorno e dopo 2 giorni la condizione ritorna normale.
  2. Mescolare il succo di carote, prezzemolo, sedano e cetriolo - tale cocktail vitaminico stabilizza lo stato durante l'esacerbazione dell'epatite cronica.
  3. Preparare il succo dalle foglie di bardana - questo può essere fatto solo a maggio.

Dieta per la sindrome del dolore

I medici dicono che indipendentemente dalla causa del dolore al fegato, il paziente deve seguire un determinato programma di dieta / nutrizione. L'essenza della dieta in questo stato è la seguente:

  1. Rimuovi dall'uso:
  • pane fresco, pasticceria e pasticceria;
  • qualsiasi carne grassa, compreso il pollame;
  • conservazione della produzione domestica e industriale;
  • eventuali spezie, condimenti;
  • tuorli d'uovo;
  • cioccolato e caffè;
  • tè forte;
  • alcol;
  • funghi.
  1. Entra nella dieta quotidiana:
  • latte e suoi derivati;
  • prodotti lattiero-caseari fermentati, ma non in grandi quantità;
  • le zuppe non sono in brodi grassi;
  • verdure bollite;
  • albumi a forma di omelette cotta;
  • manzo, coniglio, tacchino;
  • pesce magro;
  • pasta.
  1. Mangi i piccoli pasti e spesso.
  2. Assicurati di utilizzare grandi quantità. sull'acqua Attenzione: le bevande gassate dolci sono severamente vietate!

Il dolore al fegato è piuttosto doloroso e causa molti disagi al paziente. Ma se l'esame è stato effettuato a livello professionale, la diagnosi è stata differenziata dal medico e il trattamento è stato prescritto, quindi se tutte le raccomandazioni sono state seguite, le condizioni del paziente si normalizzano rapidamente ed entrano in remissione a lungo termine.

Yana Alexandrovna Tsygankova, Revisore medico, medico generico della categoria di qualificazione più alta

8,825 visualizzazioni totali, 2 visualizzazioni oggi

Dolori al fegato: perché sorgono e cosa fare per eliminarli?

La malattia del fegato è chiamata la "seconda epidemia del nostro secolo". Varie patologie di questo organo prendono uno dei primi posti in termini di prevalenza, e il quinto posto è tra le cause più frequenti di morte. Ecco perché l'aspetto del dolore nel fegato dovrebbe prestare particolare attenzione a loro, perché questa ghiandola si fa sentire solo nei casi più gravi.

Perché il fegato "fa male"

Il fegato è la più grande ghiandola del corpo umano, che svolge più di 70 funzioni. Si trova nell'ipocondrio destro sotto il diaframma. L'unità strutturale e funzionale del fegato è il cosiddetto lobulo epatico - esaedro, attraverso il quale passa la vena centrale. Dal centro alla periferia, le placche epatiche, costituite da epatociti - cellule epatiche, divergono. Sangue e bile capillari passano attraverso ogni lobulo.

Il peso approssimativo del fegato è di 1,5 kg, dimensioni - 26-30 cm da destra a sinistra, dalla parte anteriore a quella posteriore - fino a 22 cm L'organo si trova in una capsula speciale, che è una membrana a due strati. Il primo strato è sieroso, il secondo è fibroso. La capsula fibrosa penetra nell'organo, formando uno scheletro, nelle cellule di cui ci sono i lobuli epatici.

Quando parliamo di "dolori" nel fegato, dovrebbe essere chiaro che questo stesso organo non può ammalarsi a causa dell'assenza di terminazioni nervose, i cosiddetti punti di dolore. Dolore o disagio si verifica con un aumento della ghiandola e stretching della capsula. Se il fegato è "dolente", significa che è significativamente ingrandito e dovresti consultare un medico il prima possibile. La maggior parte dei russi non è incline a prendere sul serio il "dolore" nel fegato, che è un grosso errore. Questo organo svolge un ruolo estremamente importante in molti processi metabolici nel corpo, e la morte delle cellule epatiche porta inevitabilmente a conseguenze e malattie molto gravi. Nonostante il fatto che il fegato abbia una capacità di rigenerazione molto elevata, il processo patologico cronico a un certo punto diventa irreversibile e quindi incurabile. Pertanto, la prevenzione delle malattie di questo corpo è estremamente importante.

Quindi, elenchiamo le principali funzioni del fegato:

  • Neutralizzazione e rimozione di sostanze tossiche formate nel corpo e intrappolate dall'esterno.
  • Sintesi di varie sostanze biologicamente attive.
  • Produzione di glucosio, la sintesi di alcuni ormoni ed enzimi.
  • L'accumulo e lo stoccaggio di "in riserva" di varie sostanze - glicogeno, vitamine, cationi metallici.
  • Sequestro del sangue: fino a 400 grammi di sangue "di riserva" possono essere contenuti nel fegato.
  • Partecipazione al metabolismo proteico e lipidico (grasso), sintesi di colesterolo, acidi biliari e pigmento biliare di bilirubina.

Il metabolismo lipidico è il processo di scissione, trasporto e scambio di lipidi costituiti da alcoli e acidi grassi. I lipidi complessi - fosfolipidi - sono composti da acidi grassi superiori e residui di acido fosforico. Il principio attivo dominante dei fosfolipidi - la fosfatidilcolina, è coinvolto nella protezione delle membrane cellulari.

Sintomi e cause della malattia del fegato

Quindi, se il tuo fegato è "dolente", dovresti prestare attenzione alla presenza di altri sintomi che indicano la patologia di questo organo. Nelle fasi iniziali della malattia, non si manifestano e possono essere completamente assenti per lungo tempo. In alcuni casi, ci sono segni non specifici inerenti a una varietà di processi patologici nel corpo. Ad esempio, il paziente può sperimentare una sensazione generale di debolezza, aumento della fatica. Ci sono disturbi del sonno, apatia e depressione, maggiore irritabilità. Ciò è dovuto ad un aumento del livello di intossicazione del corpo - il fegato cessa di svolgere pienamente la sua funzione di un "filtro universale", in conseguenza del quale tutti gli organi e il sistema nervoso soffrono senza eccezioni.

Inoltre, potrebbe esserci temperatura subfebrilare (37-38 gradi) con febbre intermittente, dolore articolare e muscolare, prurito della pelle, alterazioni del gusto, perdita di appetito, lieve nausea, scarsa tolleranza agli alimenti grassi, feci anormali, mal di testa e vertigini, sensazione pesantezza e disagio allo stomaco. Nelle fasi successive, ci può essere un dolore sordo e sordo nel fegato, ingiallimento della pelle e del bianco degli occhi (ittero), un cambiamento significativo nel peso corporeo (improvvisa perdita di peso o aumento di peso), un'eruzione cutanea. Elevati livelli di colesterolo e feci grasse possono indicare una violazione del metabolismo dei lipidi.

La condizione patologica estremamente grave del fegato è indicata da sintomi quali ingrossamento della milza, vene varicose dell'esofago e dello stomaco, ascite (accumulo di liquido nella cavità addominale), encefalopatia epatica, perdita di capelli.

Tra le cause più comuni di dolore al fegato sono le seguenti:

  • Intossicazione cronica causata dall'ingestione di alcool, droghe o avvelenamento da sostanze chimiche (di origine vegetale, animale o tecnologica).
  • Infezioni virali, batteriche e parassitarie.
  • Processi tumori.
  • Malattie dell'apparato digerente, malattie autoimmuni, patologie genetiche.

Secondo l'OMS, circa il 40% dei russi è a rischio di danni al fegato alcolico, il 27% ha una steatosi epatica non alcolica. Circa 5.000.000 dei nostri compatrioti sono ammalati di epatite cronica C. In diversi paesi, la cirrosi alcolica rappresenta dal 20 al 95% di tutte le malattie del fegato, infezioni virali (epatite) - 10-40%. Un totale di circa 170 milioni di persone nel mondo soffrono di epatite C, due volte di più - epatite B.

Cosa fare se il fegato "fa male"?

Se avverti dolore al fegato, dovresti contattare immediatamente un epatologo o un gastroenterologo. Dopo un esame fisico e un'anamnesi, uno specialista può indirizzarti a esami clinici, biochimici e sierologici di sangue, feci e urina, nonché ordinare un'ecografia del fegato e delle vie biliari. Sarà necessario escludere o confermare la presenza di epatite virale o meccanica, fegato grasso, altri disturbi funzionali del fegato e della cistifellea.

Il costante monitoraggio da parte di un gastroenterologo e di un epatologo è necessario per tutti coloro che consumano regolarmente alcol, sono obesi e hanno il diabete.

farmaci

Indipendentemente dalle cause del dolore al fegato, i medici prescrivono spesso l'uso di cosiddetti farmaci epatoprotettivi volti a ripristinare le funzioni del fegato e la protezione contro i danni agli epatociti - le cellule del fegato. Attualmente, circa 700 farmaci di questa categoria sono registrati in Russia. Tutti gli epatoprotettori consistono in varie combinazioni di principi attivi di 16 gruppi. Considera i principali principi attivi degli epatoprotettori:

  • I fosfolipidi sono gli elementi costitutivi delle membrane cellulari, sono coinvolti nella "dissoluzione" del colesterolo "nocivo", forniscono all'organismo acido fosforico. Pertanto, i preparati a base di fosfolipidi ripristinano la struttura delle cellule epatiche, prevengono la formazione di tessuto connettivo (fibrosi), aiutano a normalizzare gli scambi di proteine ​​e lipidi.
  • L'acido glicirrizinico è una sostanza naturale che fa parte della radice di liquirizia. Questo componente ha effetti antifibrotici, anti-infiammatori e antiossidanti. L'efficacia dell'acido glicirrizico è stata dimostrata in 54 studi clinici condotti in diverse categorie di pazienti, inclusi pazienti con epatopatia non alcolica e alcolica. Come risultato della ricerca, il profilo di sicurezza dell'acido glicirrizico è stato valutato come favorevole, il che ha permesso di includerlo nelle raccomandazioni dell'Associazione Asia-Pacifico per lo studio del fegato (APASL). I farmaci che combinano fosfolipidi e acido glicirrizico hanno un doppio effetto positivo sulla funzionalità epatica.
  • Gruppi separati di farmaci sono epatoprotettori a base di aminoacidi: metionina, ademetionina e ornitina, nonché vitamine del gruppo B, C, E e acido lipoico. L'acido lipoico o tioottico è una sostanza simile alla vitamina con proprietà antiossidanti vicine all'azione delle vitamine B. Questi tipi di epatoprotettori aiutano a ridurre la concentrazione di glucosio nel sangue, aumentano il glicogeno nel fegato, regolano il metabolismo dei lipidi e dei carboidrati, migliorano la funzionalità epatica, riducono l'effetto distruttivo tossine sugli epatociti.

dieta

Per il dolore al fegato di qualsiasi eziologia, viene prescritta la cosiddetta dieta n. 5 (o più severa, n. 5a), il cui scopo è quello di ridurre il carico su questo organo. Si raccomanda che i pasti regolari in piccole porzioni 5-6 volte al giorno, la dieta dovrebbe essere completa ed equilibrata. Il giorno hai bisogno di bere almeno 1,5 litri di acqua. Dovrebbero essere escluse bevande dolci gassate, tè e caffè forti. È necessario limitare l'uso di prodotti contenenti conservanti e altri additivi chimici dannosi. È necessario rifiutare fritto, salato, messo in salamoia, ha fumato. Il cibo dovrebbe essere bollito, cotto a vapore o nel forno. Grassi di origine animale (carne grassa e brodi di carne) e grassi (soprattutto margarina) dovrebbero essere esclusi dalla dieta. Prodotti lattiero-caseari grassi vietati (oltre il 6% di grassi), cioccolato, gelati, confetteria. Si sconsiglia inoltre di utilizzare i seguenti tipi di verdure: legumi, ravanelli, spinaci, ravanelli, acetosella, aglio, cipolle, così come frutta acida e bacche.

Medicina di erbe

La medicina tradizionale e la fitoterapia offrono molti strumenti per il cosiddetto "purificare" il fegato e ripristinare le sue funzioni. Tra i prodotti più famosi ci sono il cardo mariano, la cicoria, un'infusione di celidonia o calendula. Queste piante medicinali sono vendute in farmacia senza la prescrizione del medico. Tuttavia, questo non significa che siano assolutamente sicuri e avranno un effetto estremamente positivo sul corpo. Questi fondi possono essere utilizzati solo dopo aver consultato un medico, soprattutto in caso di gravi danni al fegato. La medicina a base di erbe si riferisce più alla prevenzione che al trattamento, e non sostituisce in alcun modo le misure mediche, e se usata in modo errato, può avere un effetto negativo non solo sul fegato, ma anche su altri organi.

Stile di vita

Quando il dolore al fegato è un prerequisito è un cambiamento di stile di vita. In particolare, è necessario rinunciare a qualsiasi cattiva abitudine: fumo, assunzione di alcol, fast food, cibi pronti. In presenza di fattori ambientali avversi, frequenti attività ricreative all'aperto, trattamento di sanatorio, rifiuto di lavorare in industrie pericolose, si raccomanda una moderata attività fisica. Particolarmente importante è l'osservanza della corretta routine quotidiana: il sonno profondo è la migliore medicina. Le lezioni di auto-allenamento e meditazione non saranno superflue, dal momento che stress e sovraccarichi emotivi rappresentano una seria minaccia per il fegato.

Come si può vedere dalla nostra recensione, la base della moderna terapia farmacologica si basa spesso su sostanze di origine naturale: vitamine, amminoacidi, glicirrizina e acido lipoico, ecc. Tuttavia, possono essere utilizzati se offerti dalla medicina convenzionale, che si basa sempre su metodi basati sull'evidenza e non offre farmaci non testati come agenti terapeutici. Lo stesso si può dire delle diete: c'è solo una serie di leggi sulla corretta alimentazione - questa è una dieta n. 5 scientificamente concepita, progettata per le persone con funzionalità epatica compromessa. Non è possibile usare altre diete nuove di zecca, come il consiglio della "nonna", preso alla cieca da Internet!

Come "rafforzare" il fegato?

Come già accennato, ci sono un sacco di hepaprotectors per la prevenzione e il trattamento delle malattie del fegato, ma va ricordato che alcuni di loro hanno subito un ciclo completo di studi clinici. Alcuni farmaci vengono venduti anche ad un prezzo irragionevolmente alto. Dagli ultimi sviluppi degli scienziati russi è possibile distinguere un complesso unico di fosfolipidi e acido glicirrizico. Questa combinazione è stata testata su pazienti con epatopatia alcolica, steatosi epatica non alcolica e malattia epatica indotta da farmaci. In tutti gli studi condotti sono stati ottenuti risultati positivi: è stata dimostrata l'azione antinfiammatoria e antifibrotica dell'acido glicirrizico. La combinazione di queste sostanze è inclusa negli standard di trattamento delle malattie del fegato, approvate dal Ministero della Salute della Federazione Russa, nonché nell'elenco dei farmaci essenziali ed essenziali (farmaci essenziali ed essenziali).

  • Il farmaco combinato a base di fosfolipidi e acido glicirrizico è il primo in termini di prescrizione da parte dei terapisti dei farmaci ATX - classe A05B "Preparati per il trattamento delle malattie del fegato" (secondo uno studio di Synoveit Comcon LLC a novembre 2014).
  • L'efficacia clinica e il profilo di sicurezza favorevole dell'acido glicirrizico sono stati ripetutamente confermati (54 studi clinici), questa sostanza ha una vasta gamma di indicazioni per l'uso.

La combinazione di acido glicirrizico e fosfatidilcolina (il componente principale dei fosfolipidi essenziali) esercita un effetto protettivo e rigenerante sulle cellule del fegato - gli epatociti, rafforzando le loro pareti e rendendo elastiche le membrane intercellulari.

Il fegato è un organo molto resistente e collassa lentamente. Pertanto, dovrebbe essere inteso che qualsiasi terapia farmacologica per le malattie del fegato, volte a ripristinare le funzioni di questa ghiandola, non è una questione momentanea, richiede un corso di più mesi combinato con una dieta rigorosa e cambiamenti di stile di vita.