Vaccinazione per l'epatite B per gli adulti

Cibo

L'epatite è una malattia virale del fegato che viene trasmessa da persona a persona. La malattia può essere cronica e alcuni tipi di questo a volte provocano cirrosi o insufficienza epatica. L'epatite ha tre sottospecie - A, B, C. La prima è più benigna per il fegato, e B e C possono portare alla sua distruzione.

Gli adulti hanno bisogno di un vaccino contro l'epatite?

L'epatite B virale (HBV) è considerata una delle infezioni più imprevedibili. In primo luogo, la malattia colpisce il fegato, quindi i vasi, la pelle, il sistema nervoso e gli organi digestivi sono coinvolti nel processo. La principale fonte di infezione sono i portatori di virus e le persone malate. Per essere infetto, hai bisogno solo di 5-10 ml di sangue infetto da epatite. Modi di infezione:

  • alla nascita dalla madre al bambino;
  • attraverso crepe, tagli, abrasioni, gengive sanguinanti;
  • con sesso non protetto;
  • attraverso manipolazioni mediche: trasfusioni di sangue, iniezioni e altri.

Per non essere infettati da un virus pericoloso, è necessario un vaccino contro l'epatite B per gli adulti. Questa è l'unica prevenzione della malattia. Quasi tutti frequentano ospedali, parrucchieri, usano i servizi di un dentista. Il gruppo di rischio comprende sia i visitatori che i dipendenti delle istituzioni pubbliche, perché possono facilmente infettarsi. Se una persona viene infettata dall'epatite B una volta, allora non sarà in grado di liberarsi di lui per sempre.

Quale vaccino viene usato

Ad oggi vengono utilizzati diversi farmaci per l'epatite B. Ognuno di essi può essere vaccinato, poiché tutti hanno proprietà e composizione simili, ma un prezzo diverso. Per vaccinare contro l'epatite B negli adulti, per sviluppare un'immunità a tutti gli effetti, è necessario fare tre iniezioni. Qualsiasi vaccino ha un buon effetto, ma i più popolari sono i seguenti farmaci:

  • Engerix (Belgio);
  • Biovac (India);
  • Regevak B (Russia);
  • Euvax B (Corea del Sud);
  • Eberbiovac (Cuba).

Dove si inocula

La vaccinazione contro l'epatite B viene introdotta negli adulti e nei bambini nel muscolo mediante iniezione. Se lo inserisci per via sottocutanea, ridurrà notevolmente l'effetto e porterà a sigilli non necessari. Neonati e bambini fino a 3 anni sono vaccinati nella coscia. Iniezioni di adulti messe nella spalla. La scelta della posizione è determinata dalla vicinanza della pelle ai muscoli ben sviluppati. Il muscolo gluteo giace troppo profondamente, quindi in questa zona la vaccinazione non viene più eseguita.

Come è la vaccinazione contro l'epatite B negli adulti - schema

Endzheriks, Regevak B o qualsiasi altro farmaco viene somministrato in diversi modi. Di norma, la prima dose viene somministrata immediatamente e le dosi successive vengono assunte in orari diversi con varie interruzioni. La vaccinazione per adulti e bambini è la stessa. Esistono tre schemi di vaccinazione:

  1. Standard. Il primo è giusto, il secondo è in un mese e il terzo è in sei mesi.
  2. Emergenza. Il primo è giusto, il secondo è in una settimana, il terzo è in tre settimane, il quarto è in un anno.
  3. Veloce. Il primo è giusto, il secondo è dopo 30 giorni, il terzo dopo 60 giorni, il quarto dopo un anno.

vaccinazione

Quante volte le persone vengono vaccinate contro l'epatite B se la persona non è mai stata vaccinata? In questo caso, il corso viene scelto in qualsiasi ordine, ma è necessario rispettare lo schema. Se è stata mancata un'iniezione e sono trascorsi 5 mesi o più, le vaccinazioni ricominciano. Se il paziente ha iniziato la procedura più volte, ma ha fatto solo 2 iniezioni, allora il corso è considerato come completato. Durante la vaccinazione primaria, sono necessarie tre iniezioni per formare un'immunità duratura. La durata della vaccinazione contro l'epatite B negli adulti, indipendentemente dal nome del farmaco e dal prezzo - da 8 a 20 anni.

ripetitore

L'essenza della vaccinazione è di introdurre nel corpo un agente infettivo che stimola la produzione di anticorpi contro il patogeno, in modo che una persona padroneggi l'immunità al virus. La rivaccinazione è un programma che ha lo scopo di supportare il sistema immunitario e si svolge un po 'di tempo dopo la vaccinazione. A scopo preventivo, la rivaccinazione per l'epatite dovrebbe essere effettuata per ogni persona ogni 20 anni. Se il neonato è stato vaccinato, l'immunità all'epatite persiste fino a 20-22 anni.

effetto

Impostare la necessità di vaccinazioni singolarmente. Il medico analizza l'età della persona, i livelli ematici di anticorpi del virus HBV. Secondo le istruzioni, la rivaccinazione obbligatoria una volta ogni 5 anni è riservata agli operatori sanitari, poiché la malattia viene trasmessa attraverso qualsiasi fluido biologico. Per una persona normale che è stata precedentemente vaccinata e non ha controindicazioni, è sufficiente mantenere l'immunità di un singolo vaccino una volta ogni 20 anni.

Epatite B - vaccinazione per adulti

L'epatite virale è una delle malattie infettive più imprevedibili. La malattia colpisce prima il fegato, quindi la pelle, i vasi sanguigni, gli altri organi digestivi e il sistema nervoso sono coinvolti nel processo della malattia. A causa dell'elevata probabilità di incontrare un virus, i bambini vengono vaccinati nei primi giorni della loro vita. Alcuni anni dopo la rivaccinazione, l'immunità contro il virus dell'epatite B si indebolisce, quindi tutti possono incontrarla di nuovo.

Cos'è questa malattia dell'epatite B e in quali condizioni colpisce una persona? Gli adulti sono vaccinati contro l'epatite B e in quali casi? Ti senti al sicuro se questa malattia colpisse i tuoi cari?

Cos'è l'epatite B?

Circa il 5% della popolazione mondiale soffre di epatite virale B. Ma in alcuni paesi questa cifra deve essere moltiplicata per 4. La principale fonte di infezione da epatite B è rappresentata dalle persone malate e dai portatori del virus. Per l'infezione, è sufficiente che nella ferita siano presenti solo da 5 a 10 ml di sangue infetto. Principali vie di infezione da epatite B:

  • sessuale - durante i rapporti non protetti;
  • l'infezione si verifica attraverso il danno vascolare: tagli, abrasioni, crepe nelle labbra, se ci sono gengive sanguinanti;
  • via parenterale, cioè attraverso manipolazioni o iniezioni mediche: attraverso trasfusioni di sangue, iniezioni con una singola siringa non sterile, come nei tossicodipendenti;
  • trasmissione verticale dell'epatite B - dalla madre al bambino alla nascita.

Come si manifesta l'epatite B?

  1. Una persona è preoccupata per l'intossicazione grave: mancanza di sonno, affaticamento, perdita di appetito, nausea e vomito.
  2. C'è una sensazione di dolore al fegato e pesantezza nella regione epigastrica.
  3. Macchia gialla della pelle e sclera.
  4. Grave prurito della pelle.
  5. Danni al sistema nervoso: irritabilità o euforia, mal di testa, sonnolenza.
  6. Più tardi, la pressione sanguigna inizia a diminuire, l'impulso diventa raro.

Questa condizione può durare per diversi mesi. Se sei fortunato, tutto finisce in recupero. Altrimenti, ci sono pericolose complicazioni:

  • sanguinamento;
  • insufficienza epatica acuta;
  • danno alle vie biliari, l'aggiunta di ulteriori infezioni.

Gli adulti dovrebbero essere vaccinati contro l'epatite B? - Sì, dal momento che l'epatite B è una malattia cronica, una volta infettata, una persona non se ne libererà mai più. Allo stesso tempo, la suscettibilità al virus negli altri è elevata e i sintomi dell'epatite passano lentamente. La vaccinazione contro l'epatite B negli adulti è necessaria per evitare di contrarre questa pericolosa malattia. Questo è l'unico modo per prevenire la malattia.

Indicazioni per la vaccinazione

Il primo a vaccinare i bambini subito dopo la nascita, ad eccezione di coloro che hanno controindicazioni. Dopo la rivaccinazione (a 6 o 12 mesi), l'immunità è instabile e dura per cinque, massimo sei anni.

Gli adulti sono vaccinati a seconda delle prove. Dove gli adulti ricevono un vaccino contro l'epatite B? La vaccinazione viene effettuata nella clinica nel luogo di residenza o di permesso di soggiorno o al lavoro (con un dispositivo in una clinica specializzata, ospedale, clinica). Facoltativamente, a pagamento, è possibile inserire il vaccino in una clinica privata. In casi eccezionali, i pazienti gravi in ​​emodialisi o quelli che ricevono trasfusioni di sangue possono essere vaccinati in ospedale se il vaccino è disponibile.

Chi è vaccinato? - Tutti gli adulti a rischio.

  1. Persone nella cui famiglia c'è un vettore di virus o una persona malata.
  2. Studenti di medicina e tutti gli operatori sanitari.
  3. Persone con gravi malattie croniche che vengono regolarmente trasfuse con prodotti sanguigni.
  4. Persone precedentemente non vaccinate che non avevano l'epatite virale B.
  5. Adulti che sono venuti in contatto con materiale infettato da un virus.
  6. Persone il cui lavoro è legato alla produzione di droghe dal sangue.
  7. Pazienti preoperatori nel caso in cui non siano stati vaccinati in precedenza.
  8. Pazienti oncoematologici vaccinati.

Programma di vaccinazione contro l'epatite B

I programmi di vaccinazione dell'epatite B per gli adulti possono differire a seconda della situazione e del tipo di farmaco.

  1. Uno degli schemi è la prima vaccinazione, poi un mese dopo un altro, e poi un altro 5 mesi dopo.
  2. La vaccinazione di emergenza si verifica quando una persona viaggia all'estero. Si tiene il primo giorno, il settimo e il ventunesimo giorno. 12 mesi più tardi viene prescritta una rivaccinazione dell'epatite B negli adulti.
  3. Il seguente schema è usato nei pazienti in emodialisi (purificazione del sangue). Secondo questo programma, un adulto viene vaccinato quattro volte tra le procedure nello schema da 0-1-2 a 12 mesi.

Dove sono gli adulti vaccinati contro l'epatite B? - per via intramuscolare, nel muscolo deltoide. In rari casi, quando una persona ha una malattia con alterata coagulazione del sangue, è possibile iniettare il farmaco per via sottocutanea.

Per evitare false reazioni al vaccino, verificare se è stato conservato correttamente.

  1. Nella fiala con il farmaco non dovrebbero essere impurità dopo l'agitazione.
  2. Il vaccino non deve essere congelato, le condizioni ottimali di conservazione - 2-8 ºC, altrimenti perde le sue proprietà. Cioè, l'infermiera non dovrebbe prenderla dal congelatore, ma dal frigorifero.
  3. Controlla le date di scadenza.

Tipi di vaccini contro l'epatite B

Esistono sia vaccini individuali contro l'epatite B virale, sia complessi, che contengono inoltre anticorpi di altre malattie. Questi ultimi sono più spesso usati durante l'infanzia.

Quali farmaci possono essere somministrati agli adulti?

  1. Endzheriks-B (Belgio).
  2. HB-Vaxll (USA).
  3. Il vaccino contro l'epatite B è ricombinante.
  4. Il vaccino contro l'epatite B è un lievito ricombinante.
  5. "Sci-B-Vac", che è prodotto in Israele.
  6. Eberbiovac HB è un vaccino congiunto russo-cubano.
  7. "Euvaks-B».
  8. Shanwak-B (India).
  9. "Biovak-B».

Quanto spesso viene fatto un vaccino contro l'epatite B agli adulti? Puoi essere vaccinato per la prima volta se ce ne sono delle indicazioni e quindi controllare la quantità di anticorpi del virus nel sangue. Se c'è una forte diminuzione in loro - il vaccino può essere ripetuto. Gli operatori sanitari dovrebbero essere immunizzati regolarmente, almeno una volta ogni cinque anni.

Controindicazioni per gli adulti

Controindicazioni per la vaccinazione contro l'epatite B negli adulti sono:

  1. Periodo di gravidanza e allattamento.
  2. Reazione alla precedente somministrazione di vaccino.
  3. Intolleranza a uno dei componenti del farmaco.
  4. Malattie infettive acute
  5. Esacerbazione di malattie croniche. La vaccinazione è raccomandata nel periodo di normalizzazione.

Reazioni e complicanze da vaccinazione

Gli adulti tollerano bene il vaccino contro l'epatite B, ma a causa delle caratteristiche individuali del corpo, possono verificarsi le seguenti reazioni:

  • dolore e infiammazione nel sito di iniezione;
  • compattazione del tessuto, formazione di cicatrici;
  • la reazione generale può manifestarsi con febbre, debolezza, malessere.

Quali possono essere le complicazioni negli adulti per il vaccino contro l'epatite B?

  1. Dolore alle articolazioni, all'addome o ai muscoli.
  2. Nausea, vomito, indebolimento delle feci, in analisi, possibilmente un aumento del livello dei parametri epatici.
  3. Reazioni allergiche generali e locali: prurito della pelle, comparsa di un'eruzione cutanea sotto forma di orticaria. In situazioni gravi, è possibile lo sviluppo di angioedema o shock anafilattico.
  4. Sono stati registrati casi isolati della reazione del sistema nervoso: convulsioni, neurite (infiammazione dei nervi periferici), meningite, paralisi dei muscoli motori.
  5. A volte c'è un aumento dei linfonodi e nell'analisi generale del sangue diminuisce il numero di piastrine.
  6. Ci possono essere svenimenti e una temporanea sensazione di mancanza di respiro.

Se i sintomi non sono pronunciati, vengono disturbati per diverse ore e scompaiono da soli - non c'è bisogno di preoccuparsi. Per lunghi e persistenti reclami, è necessario consultare un medico e informare gli operatori sanitari che hanno vaccinato contro l'epatite B circa la comparsa di una reazione al vaccino. Come evitare tali situazioni? È importante imparare a comportarsi correttamente prima e dopo la vaccinazione.

Comportamento prima e dopo la vaccinazione

  1. Le vaccinazioni devono essere pianificate in anticipo. La necessità di vaccinazione viene segnalata entro pochi giorni. Per avere una minima quantità di effetti collaterali sulla vaccinazione contro l'epatite B in un adulto, è meglio farlo prima del prossimo fine settimana. Si consiglia di rimanere a casa in questo periodo difficile per il corpo quando il sistema immunitario sta vivendo un carico pronunciato.
  2. Dopo la vaccinazione, non pianificare una vacanza attiva con gli amici o con la tua famiglia, cerca di non andare in posti con un gran numero di persone e fare scorta di prodotti del fine settimana.
  3. Assicurati di sottoporti a un esame di routine da un medico prima dell'immunizzazione e, 30 minuti dopo la vaccinazione, rimani sotto la supervisione di un operatore sanitario che ha iniettato il vaccino.
  4. Non bagnare il sito di iniezione per almeno 24 ore.
  5. Insieme al tuo medico, devi scegliere il programma migliore per la vaccinazione contro l'epatite B negli adulti e discutere la possibilità di usare farmaci sintomatici in caso di complicanze.

Un adulto ha bisogno del vaccino contro l'epatite B? Sì, se è a rischio e può incontrare pazienti con epatite B. Un decorso leggero della malattia non salva una persona da possibili complicazioni. È molto più facile far fronte a una reazione di vaccinazione che curare l'epatite virale in caso di infezione per mesi.

Al momento, in Russia, come in molti altri paesi sviluppati, il processo di immunoprofilassi, cioè la vaccinazione, durante la quale il corpo umano diventa immune

Le vaccinazioni contro l'epatite A, B, C dovrebbero essere somministrate?

Al momento, in Russia, come in molti altri paesi sviluppati, il processo di immunoprofilassi, vale a dire la vaccinazione, è diventato ampiamente noto, durante il quale il corpo umano diventa immune alle infezioni, anche quando è in contatto con la fonte dell'infezione. Quindi, a causa della vaccinazione tempestiva, la diffusione di molte malattie è ridotta.

Ad oggi, sono stati creati vaccini efficaci che proteggono dall'epatite A e B. L'epatite A viene trasmessa, di norma, attraverso la vita quotidiana e si riferisce alle infezioni enterico-virali. Non dà gravi conseguenze per il corpo. Mentre l'epatite B può essere infettata solo attraverso il sangue. Sono complicazioni pericolose sotto forma di cirrosi e cancro del fegato.

La vaccinazione contro l'epatite A è indicata per adulti e bambini che non hanno mai avuto questa malattia, così come quasi tutte le persone con malattie del fegato. Questo vaccino non ha reazioni avverse ed è completamente sicuro. Questo vaccino deve essere somministrato due volte, con un intervallo di 6-12 mesi. Gli anticorpi del virus dell'epatite A vengono prodotti nell'organismo dopo la somministrazione della prima dose del vaccino, dopo circa 2 settimane. La protezione da questa malattia dovuta a questa vaccinazione è prevista per 6-10 anni.

Soprattutto il vaccino contro l'epatite A dovrebbe essere somministrato a persone con un aumentato rischio di infezione da questa malattia:

  • bambini e adulti che vivono o sono inviati in aree con un'alta incidenza di epatite A (turisti, impiegati delle forze dell'ordine);
  • persone con disturbi del sangue o malattie croniche del fegato;
  • acqua e addetti alla ristorazione;
  • personale medico di malattie infettive;
  • personale scolastico.

Il vaccino contro l'epatite B virale è geneticamente modificato e contiene solo una proteina immunogenica. Di norma, questo vaccino viene iniettato per iniezione nel muscolo dei neonati tre volte, ad intervalli di 1 mese dopo il primo (ancora in ospedale) e 5 mesi dopo la seconda vaccinazione. In questo caso, si formano anticorpi specifici che impediscono completamente lo sviluppo della malattia dell'epatite B nel 99% di quelli vaccinati. Questo vaccino è assolutamente sicuro e protegge in modo affidabile dal virus dell'epatite B per 8 o più anni, e talvolta per tutta la vita.

Vaccinato contro l'epatite B dovrebbe essere tutto, soprattutto le persone nel gruppo a rischio, che, in virtù di un tipo di attività associata al sangue e ai suoi componenti:

  • familiari di pazienti con epatite cronica B;
  • operatori sanitari (medici, infermieri, infermieri) e studenti di medicina;
  • pazienti associati a ospedalizzazione, chirurgia, ecc.;
  • pazienti che necessitano di trasfusioni di sangue continue o in emodialisi;
  • persone promiscue che iniettano droghe.

Di norma, le vaccinazioni contro l'epatite A e B sono di carattere consultivo e non sono obbligatorie. Molte persone scettiche potrebbero benissimo rifiutarle. Tuttavia, per i bambini questo vaccino è stato introdotto dal Ministero della Sanità della Russia nell'elenco delle obbligatorie dal 2002.

Quindi, sulla base di quanto sopra, possiamo concludere che la vaccinazione è l'unico modo per prevenire l'epatite A e B, dal momento che solo misure di igiene non sono in grado di proteggere contro l'infezione, che viene trasmessa in molti modi con una quantità minima di sangue. I portatori di queste infezioni sono circa il 10% della popolazione che non sospetta nemmeno di essere infetti. Vaccini sicuri ed efficaci richiederanno costi minimi, sono facilmente accessibili e ampiamente utilizzati, mentre il trattamento dell'epatite C costerà molto e spesso può essere inefficace. Pertanto, i benefici della vaccinazione contro l'epatite A e B superano i possibili rischi!

Sfortunatamente, l'attuale vaccino non esiste ancora per l'epatite C. Finora, gli scienziati non sono in grado di rilevare una proteina virale stabile, che produca anticorpi neutralizzanti.

Un gran numero di ricercatori sta cercando la creazione di vaccini contro questo virus e numerosi progetti sono stati sviluppati per sviluppare un vaccino contro l'epatite C, e le sperimentazioni cliniche sono in corso in Europa.

Vaccino contro l'epatite B.

L'epatite virale oggi rimane una delle malattie epatiche più imprevedibili. È difficile prevedere quanto duramente una persona patirà questa infezione e come finirà questa pericolosa malattia. Qualsiasi danno al fegato, come è noto, si riflette non solo nel lavoro del sistema digestivo, ma anche gravi cambiamenti irreversibili si verificano in tutto il corpo.

Il vaccino contro l'epatite B è richiesto oggi o no? Forse è più facile rifiutare un'altra iniezione e non ferire il bambino sin dalle prime ore di vita? Chi ha bisogno di tali vaccinazioni e quanto è pericoloso rifiutare l'immunizzazione?

Perché è necessaria la vaccinazione contro l'epatite B

Questa è una malattia grave, che spesso conduce alla morte. No, nessuno muore subito dopo l'infezione. Ma dopo una grave malattia acuta, qualsiasi risultato è un passo verso una mortale. Nell'epatite B, dal 6 al 15% dei casi si conclude con la transizione della malattia a un processo cronico che procede con numerose complicazioni, inclusa la fine dell'oncologia del fegato. Nei casi più gravi, questa ghiandola non regge e il trattamento non aiuta. Pertanto, la vaccinazione è l'unico modo per proteggere le persone dagli effetti della malattia. Il vaccino contro l'epatite B protegge i bambini immediatamente dopo la nascita. Perché è così importante essere vaccinati nelle prime ore di vita?

  1. Quanto prima una persona ha avuto questa infezione, maggiore è la probabilità che la malattia si trasformi in uno stadio cronico - nelle persone di età tale probabilità è solo del 5% circa, nei bambini al di sotto dei 6 anni nel 30% dei casi la malattia diventa cronica. La vaccinazione aiuta il corpo, perché in risposta alla sua introduzione, vengono prodotti anticorpi protettivi.
  2. Il virus dell'epatite B si adatta abilmente a molte condizioni di vita - può resistere a temperature di 100 ºC per diversi minuti, non perde la sua attività a meno 20 ºC anche se è nuovamente congelato e viene mantenuto a valori bassi di pH (2.4).
  3. La malattia si verifica spesso con l'epatite D virale, che nella maggior parte dei casi provoca cirrosi.

Quando vengono vaccinati contro l'epatite B? - se non ci sono controindicazioni, la vaccinazione viene effettuata le prime 12 ore dopo la nascita del bambino. Per molti genitori, una prevenzione così precoce provoca solo indignazione: perché è così presto ferire vaccinando un bambino, perché il suo sistema immunitario non è ancora stato formato? Ma per questo c'è una chiara giustificazione scientifica.

  1. Il virus dell'epatite B viene trasmesso per via parenterale (questa è la principale via di infezione) - durante le procedure chirurgiche, prendendo il sangue per i test, durante le trasfusioni di sangue, la chirurgia plastica, le procedure dentali, dopo aver visitato un salone di bellezza. La vaccinazione protegge in ogni situazione.
  2. È possibile la trasmissione del virus dalla madre incinta al bambino.
  3. Gli scienziati hanno scoperto che in un gran numero di casi, le persone soffrono di epatite B senza sintomi classici, o il trasporto asintomatico è notato.
  4. La vaccinazione contro l'epatite B è necessaria per un bambino nelle prime ore di vita, dal momento che è possibile essere infettati da persone vicine e non c'è stagionalità nello sviluppo della malattia, il che peggiora la diagnosi.

La vaccinazione è necessaria, perché il virus dell'epatite B non è scomparso dalla faccia della terra. Secondo le stime, oltre 350 persone in tutto il mondo sono ammalate di questa malattia, ma ci sono molti più vettori. Il pericolo è che solo 1 ml di sangue contenga un'enorme quantità di virus patogeno dell'epatite B ed è stabile nella maggior parte dei liquidi. L'infezione può verificarsi in qualsiasi momento e non esiste ancora un trattamento efficace ideale.

Chi viene vaccinato contro l'epatite B

Se una persona ha avuto una forma lieve di epatite senza gravi conseguenze, nel suo sangue si trovano indicatori specifici, uno di questi è HbsAg. Appare 1-4 settimane dopo l'infezione. Se un anno dopo il trasferimento della malattia è ancora trovato, e il numero rimane allo stesso livello - questo indica un processo cronico o la persona è portatrice del virus.

Perché è così importante e in che modo è correlato ai vaccini?

  1. La malattia non appare immediatamente.
  2. Ci vorrà molto tempo prima della diagnosi.
  3. Dopo il trattamento, il virus può circolare nel sangue per molto tempo.

C'è un'alta probabilità di essere infettati da un virus e i bambini sono più sensibili alla malattia. Pertanto, un vaccino contro l'epatite B è necessario prima per i neonati. Un altro modo per proteggere i bambini subito dopo la nascita dall'epatite B non è stato ancora inventato.

In quali casi la vaccinazione è vitale?

  1. Se una persona viene costantemente trasfusa con prodotti sanguigni.
  2. Tutti i membri della famiglia in cui vi è un paziente con epatite B o un portatore della malattia.
  3. La vaccinazione è necessaria per le persone che sono venute a contatto con materiale biologico infetto (sangue del paziente).
  4. Tutti i medici, in particolare quelli che lavorano con materiale biologico, dovrebbero essere vaccinati, questo gruppo comprende anche studenti di medicina.
  5. La vaccinazione è necessaria prima dell'operazione a qualsiasi persona precedentemente non vaccinata.
  6. Tutti i neonati che vivono in una zona con un'alta incidenza di epatite virale B.
  7. I vaccini contro l'epatite B vengono somministrati ai bambini? - sì, se c'erano delle controindicazioni nella maternità o i genitori rifiutavano temporaneamente la vaccinazione, vaccinano più tardi, a qualsiasi età.
  8. Bambini nati da madri di portatori del virus dell'epatite B.
  9. Assicurati di vaccinare i bambini nelle case dei bambini e nei convitti.
  10. Le vaccinazioni vengono somministrate a persone che vengono inviate in paesi in cui vi è un'alta probabilità di incontrare persone malate o portatori di infezione.

Quante volte nella tua vita dovresti essere vaccinato contro l'epatite B? - non c'è un certo importo. C'è un minimo richiesto è il numero normalizzato di vaccinazioni e rivaccinazioni. Tutto il resto viene fatto sulla base di indicazioni che, a loro volta, dipendono da molte circostanze:

  • il numero di vaccinazioni dipende da dove lavora la persona;
  • dove vive;
  • Le persone vicine sono in buona salute?
  • se ci sono viaggi di lavoro all'estero, in questo caso, le vaccinazioni sono fatte in aggiunta.

Programma di vaccinazione per le vaccinazioni contro l'epatite B.

Qual è lo schema per la vaccinazione contro l'epatite B? - Ce ne sono diversi.

  1. In condizioni normali, durante il parto normale, l'assenza di controindicazioni e circostanze impreviste, lo schema è il seguente: la prima vaccinazione viene somministrata al bambino dopo la nascita durante le prime 12 ore della sua vita, quindi a 1, 6 e 12 mesi. Un vaccino di quattro volte fornisce protezione immunitaria fino a 18 anni. Quindi la vaccinazione viene effettuata sulla base di indicazioni. Tutti gli studenti di medicina sono rilasciati dagli istituti di istruzione e devono essere vaccinati. Inoltre, i medici controllano i livelli di HbsAg ogni anno.
  2. Ci sono altri schemi di vaccinazione. Ad esempio, quando le vaccinazioni vengono somministrate ai bambini in emodialisi. Il vaccino viene somministrato quattro volte durante il periodo in cui la dialisi non viene eseguita. Assicurati di monitorare costantemente le analisi del sangue. L'intervallo tra la prima e la seconda vaccinazione non deve essere inferiore a un mese, tutto il resto è indicato. La rivaccinazione dell'epatite B viene effettuata due mesi dopo l'ultima, quarta vaccinazione.
  3. Se un bambino nasce da una madre che ha avuto l'epatite B ed è portatore del virus, lo schema subisce alcune modifiche e appare diverso: 0-1-2-12 mesi (le vaccinazioni standard sono prescritte il primo giorno, poi nel primo e nel secondo mese e all'anno).
  4. All'età di 13 anni e oltre, vaccinano tre volte secondo lo schema di 0-1-6 mesi.
  5. Coloro che vanno a lavorare o per una lunga permanenza all'estero in zone con una pericolosa situazione epidemica, ricevono un corso di emergenza - ricevono il vaccino contro l'epatite B nei giorni 1, 7, 21. La rivaccinazione deve essere effettuata un anno dopo l'ultimo vaccino.

Quanto funziona il vaccino contro l'epatite B? - Un corso completo di quattro ore è sufficiente fino a quando il bambino diventa maggiorenne. Quindi la rivaccinazione è raccomandata ogni cinque anni - la protezione non dura più a lungo. Ma le vaccinazioni ripetute non sono mostrate a tutti. Se lo si desidera, una persona può essere vaccinata da sola a pagamento.

La composizione della vaccinazione contro l'epatite B e la sua via di somministrazione

I vaccini contro l'epatite B includono:

  • la proteina busta del virus dell'epatite B, è anche chiamata antigene di superficie, nei vaccini infantili è contenuta in una quantità di 10 μg, negli adulti è 20 μg;
  • idrossido di alluminio (adiuvante);
  • il conservante è mertiolato;
  • piccole tracce di proteine ​​del lievito.

Produce vaccini contro l'epatite B mediante ingegneria genetica. Alcuni produttori non includono conservanti nei vaccini.

I vaccini sono disponibili in un dosaggio di 0,5 ml o 1 ml, che contengono il numero appropriato di unità dell'antigene di superficie del virus. Una singola dose fino a 19 anni, di solito 0,5 ml, per i gruppi più anziani, è raddoppiata, cioè pari a 1 ml. A coloro che sono in emodialisi viene somministrato un doppio dosaggio: per gli adulti 2 ml, per i bambini 1 ml.

Dove vengono vaccinati contro l'epatite B? - il vaccino viene somministrato per via intramuscolare. I bambini sono vaccinati nella regione anterolaterale (nella medicina, si può sentire la regione anterolaterale) della coscia. Perché proprio in questo posto? - in caso di reazione alla vaccinazione, è più facile da manipolare qui. Adulti e adolescenti sono vaccinati nel muscolo deltoide. La vaccinazione viene effettuata a qualsiasi età.

Non è necessario vaccinare le persone che hanno avuto l'epatite B o coloro che sono portatori di HbsAg. Ma se sono vaccinati, non arrecheranno danni e non ci sarà alcuna esacerbazione della malattia.

Prima della vaccinazione, è necessario ispezionare attentamente la bottiglia con il vaccino in modo che non vi siano impurità dopo l'agitazione. Fai attenzione a dove l'infermiere prende il vaccino - non può essere congelato.

Cosa devi fare prima e dopo la vaccinazione contro l'epatite B

Questi sono punti importanti che nella maggior parte dei casi non sono rispettati, ma dipende da loro quanto facilmente una persona porterà il vaccino contro l'epatite B.

  1. Prima dell'introduzione del vaccino dovrebbe essere esaminato - un semplice esame del sangue e delle urine, che aiuterà il medico a determinare se il bambino è sano o un adulto. Perché abbiamo bisogno di tali difficoltà? L'esacerbazione di malattie croniche o lo sviluppo di infezioni virali acute non inizia immediatamente con febbre, mal di testa, tosse e altri sintomi. L'analisi aiuta a determinare se una persona è sana e ha dimostrato di essere vaccinata contro l'epatite B.
  2. Due giorni prima della vaccinazione contro l'epatite B e tre o quattro mesi dopo, è impossibile rimanere in luoghi con grandi concentrazioni di persone. Ciò include andare al negozio, alla piscina, all'asilo, all'arrivo degli ospiti, alla partecipazione a qualsiasi evento culturale. Quindi i genitori escludono la possibilità di infezione, perché il corpo di un bambino indebolito dopo la vaccinazione è molto suscettibile alle infezioni.
  3. Posso fare il bagno al mio bambino dopo essere stato vaccinato contro l'epatite B? Puoi lavarti e anche molto necessario. È impossibile escludere dal solito modo tutte le procedure familiari e lenitive del bambino. Anche gli adulti sono interessati. Prurito al sito di iniezione causerà sudore anziché acqua pulita. È solo necessario ricordare che il sito di vaccinazione non può essere strofinato con una spugna o inumidito con acqua da un lago o da un fiume - in questo caso, aumenta la probabilità di infezione portata da corpi d'acqua discutibili.
  4. Prima della vaccinazione è richiesto l'esame da parte di un medico. Dovrebbe includere non solo la misurazione della temperatura, ma anche l'esame della gola, dei linfonodi, l'ascolto della respirazione e del cuore.
  5. Il vaccino non deve essere somministrato se il bambino non si sente bene. Qualche vera lamentela di mal di testa, dolore addominale o tosse e vaccinazione dovrebbe essere rimandata per un po '. Due o tre giorni possono aspettare.
  6. Posso camminare dopo un vaccino contro l'epatite B? Camminare è utile in qualsiasi condizione e la vaccinazione non è una controindicazione. È chiaro che nelle giornate piovose e molto fredde è meglio rinviare temporaneamente la passeggiata. Per i bambini in questo momento è meglio non andare al parco giochi, e per gli adulti non essere in grandi compagnie rumorose.
  7. Se la vaccinazione viene eseguita da un adulto, non bere alcolici o piatti piccanti.
  8. Per i bambini piccoli, un'altra regola importante è che i genitori non dovrebbero introdurre nuovi alimenti nella dieta una settimana prima della vaccinazione o immediatamente dopo di essa. Nessuno sa come reagirà il corpo a un nuovo cibo. A volte i bambini sviluppano manifestazioni allergiche non sul vaccino, ma su un prodotto insolito per un bambino.
  9. E per ultimo, entro 30 minuti dalla vaccinazione, è necessario rimanere sotto la supervisione dell'operatore sanitario che ha effettuato l'iniezione. In caso di una grave reazione nella clinica, è più facile fornire assistenza di emergenza che a metà strada verso la casa.

La reazione del corpo di bambini e adulti al vaccino contro l'epatite B

I vaccini moderni sono così ben fatti che le complicanze e le reazioni del corpo sono estremamente rare. Quali sono le reazioni collaterali al vaccino contro l'epatite B?

  1. Intolleranza individuale alle sostanze che compongono il vaccino, manifestano indisposizione, eruzioni allergiche al sito di iniezione, manifestazioni allergiche più gravi - lo sviluppo di angioedema.
  2. Le complicanze dopo la vaccinazione contro l'epatite B sono comuni e locali, i più comuni sono estremamente rari e manifestano indisposizione, febbre, nausea, dolore all'addome e alle articolazioni.
  3. Le complicanze locali si manifestano come arrossamento, dolore e indurimento nel sito di iniezione.

Non ci sono evidenti manifestazioni cliniche del vaccino contro l'epatite B - quasi tutti i vaccini sono ben tollerati e in rari casi si osservano reazioni ad esso. Spesso si trovano nel caso di non conformità con le regole di trasporto delle ampolle con il principio attivo o con il comportamento scorretto di una persona dopo la vaccinazione. A volte la reazione può svilupparsi non sulla prima iniezione, ma sul secondo o terzo vaccino contro l'epatite B. In questo caso, l'intolleranza delle sostanze che compongono il vaccino deve essere esclusa.

Controindicazioni per la vaccinazione contro l'epatite B

Buone ragioni sono necessarie per ottenere il farmaco dalla vaccinazione. Esistono controindicazioni temporanee e permanenti per l'immunizzazione.

Con l'esacerbazione di malattie croniche o infezioni acute, il vaccino dell'epatite B è in ritardo fino al completo recupero.

  • Se un bambino nasce prematuro e pesa meno di 2 kg, non vaccinare fino a quando il suo peso corporeo non sia normalizzato.
  • Dopo la chemioterapia con potenti farmaci che sopprimono il lavoro immunitario, il vaccino può essere posticipato per diversi mesi.
  • Controindicazioni alla vaccinazione contro l'epatite B sono anche stati di immunodeficienza: oncologia, gravidanza, AIDS, malattie del sangue maligne.
  • Non è possibile inserire il vaccino contro l'epatite B con una forte allergia al passato l'introduzione del farmaco.
  • Vaccini contro l'epatite B.

    Dopo tutto quanto sopra, resta solo da decidere sulla scelta del vaccino. Ce ne sono molti e stanno migliorando ogni anno. Dei vaccini più comunemente usati nel mercato medico, ci sono:

    • Endzheriks B (Belgio);
    • HB-Vaxll (Stati Uniti);
    • "Biovak-B»;
    • Vaccino contro l'epatite B ricombinante;
    • Vaccino ricombinante vaccino contro l'epatite B;
    • "Eberbiovak HB" - un vaccino congiunto russo e cubano;
    • Sci-B-Vac israeliano;
    • "Evuks B";
    • Indiano "Shanwak-B".

    Come scegliere un vaccino contro l'epatite B? È abbastanza che acquistato da istituzioni mediche. Tutte le vaccinazioni sono ben tollerate. Ma se c'è stata una reazione al primo vaccino, è meglio sostituire il prossimo. È importante consultare esperti che lavorano spesso con le vaccinazioni.

    È necessaria la vaccinazione contro l'epatite B? Ora questa domanda sembra inappropriata. È meglio essere completamente vaccinati durante l'infanzia che affrontare le conseguenze di una grave infezione. Se non è la stessa vaccinazione a essere terribile, ma le possibili conseguenze o reazioni a un vaccino contro l'epatite B in un bambino, allora è importante innanzitutto prepararlo chiedendo a uno specialista.

    Perché un bambino ha bisogno del vaccino contro l'epatite B?

    Vaccinazione di un bambino contro l'epatite B. Pericolo di epatite e possibili conseguenze

    Molti genitori alla reception chiedono ansiosamente al pediatra, perché è così presto per vaccinarsi contro il bambino dell'epatite B? Dove può essere infettato un bambino così piccolo? In effetti, l'epatite può ora essere un neonato e un vecchio vecchio. Nelle moderne condizioni di vita nessuno è immune da esso. Perché l'epatite è così pericolosa e perché i pediatri insistono sulla vaccinazione? Capiamo questo problema complesso in modo più dettagliato.

    A proposito dell'epatite B stessa

    L'epatite B è una malattia infettiva di interesse non solo per pediatri, specialisti di malattie infettive e scienziati. La malattia ha un alto valore sociale, insieme a malattie tumorali, epatite C e infezione da HIV.

    La malattia è causata da un virus specifico dell'epatite B, che, quando entra nel corpo, provoca alterazioni infiammatorie nel tessuto epatico. Inoltre, ci sono varie forme di malattia - dal trasporto asintomatico del virus, a ittero, cirrosi, cancro del fegato e insufficienza epatica acuta. Permettetemi di darvi alcuni dati statistici - secondo i dati ufficiali dell'OMS, sono registrati fino a 2 miliardi di persone in tutto il mondo che hanno un virus o antigene dell'epatite B, circa 300 milioni di portatori cronici sono registrati e circa 1 milione di persone muoiono a causa degli effetti dell'epatite B ogni anno.. E circa un terzo di loro sono bambini, adolescenti e giovani sotto i 20 anni.

    Dove può essere infettato un bambino?

    Infetto da epatite B può essere diverso, ci sono diversi modi in cui il virus può entrare nel corpo. Ciò è possibile non solo con la trasfusione di sangue e dei suoi componenti, quando si effettuano manipolazioni mediche con strumenti non monouso, attraverso l'ago, comune tra i tossicodipendenti. Il virus viene trasmesso sessualmente, c'è una trasmissione del virus da madre a figlio, i contatti familiari in famiglia con pazienti o portatori del virus.

    Diverse opzioni sono rilevanti per diverse fasce di età dei bambini. Per il neonato, la modalità di trasmissione più rilevante è la "verticale" - dalla madre durante il parto. Il fatto è che il virus dell'epatite B non penetra nella placenta normalmente funzionante. Pertanto, solo i bambini di madri che hanno gravi patologie della barriera placentare possono essere infettati durante la gravidanza. Ma alla nascita la probabilità di infezione aumenta drammaticamente. Certo, i medici stanno facendo un grande sforzo per minimizzare questo rischio. Ma questo è solo quando la madre ha confermato il portatore o la malattia. E se è infetto, ma il virus è ancora nella fase di incubazione? Quindi può passarlo alle briciole.

    È possibile che il bambino sia stato infettato da epatite virale nell'ospedale di maternità e non dai genitori? Questo non può essere. Tutto il personale che lavora negli ospedali per la maternità prende costantemente sangue per l'analisi e deve essere vaccinato contro l'epatite B. Nessun medico, ostetrica o infermiera sarà assunto da una tale istituzione se non è vaccinato!

    La seconda variante della via di infezione per grudnichka - Si tratta di una trasfusione di sangue durante i conflitti Rh, anemie emolitiche o altre patologie che si verificano durante e immediatamente dopo la nascita. Alcuni medici insistono che le madri che allattano possono trasmettere il virus, ma questa teoria è controversa. Si ritiene inoltre che, a stretto contatto con la famiglia, il bambino sia sempre stato infettato da un familiare malato nei successivi 3-5 anni di vita. Ma questo può accadere solo se non è vaccinato!

    Per i bambini di età superiore ad un anno, vari interventi medici - la chirurgia, il trattamento e l'estrazione dei denti (se fatti con strumenti riutilizzabili), le trasfusioni di sangue oi suoi componenti - vengono alla ribalta nella probabilità di infezione. Il secondo elemento è il contatto familiare con i membri della famiglia infetti.

    Per i bambini e gli adolescenti dai 13 ai 18 anni, tutti i precedenti sono uniti come possibili modi di infezione e quelli che sono comuni per gli adulti - sessuali e "attraverso l'ago". Non è un segreto come la sottocultura adolescente si sta sviluppando ora. Pertanto, i genitori di adolescenti devono monitorare attentamente il circolo di comunicazione dei loro giovani uomini o donne, prestare attenzione ai minimi cambiamenti nel loro comportamento.

    Tuttavia, cari genitori, dovreste sapere che l'epatite B non viene trasmessa attraverso l'acqua e il cibo, durante una stretta di mano o in goccioline trasportate dall'aria.

    Qual è il pericolo dell'epatite B?

    Una persona infetta è un pericolo per il loro ambiente sano. E questo deve sempre essere ricordato. Il virus dell'epatite è centinaia di volte più contagioso dell'HIV - se l'HIV richiede diversi millilitri di sangue che sono entrati nel sangue o un contatto prolungato con sangue infetto, l'epatite a volte soffre di una iniezione con un ago infetto o una violazione della pelle con uno strumento infetto da epatite. Il virus è così piccolo e così attivamente propagato che penetra bene attraverso le mucose della bocca, degli occhi, del naso e del tratto genitale.

    Di per sé, il virus non distrugge le cellule del fegato. È incorporato nella struttura della cellula per moltiplicarsi al suo interno, lasciando una sorta di "faro" sulla sua superficie. Questi "segnali" segnalano al sistema immunitario che la cellula ha catturato il nemico. E anche se ha il suo, ma per l'immunità, la squadra viene inviata a distruggerlo, e il tessuto epatico si autodistrugge - questa è chiamata una lesione autoimmune. Il fegato viene distrutto a seguito dell'attacco immunitario del proprio corpo. Se questo interessa una grande parte del fegato. E poi si sviluppa un'insufficienza epatica acuta.

    Il fegato ha una buona riserva per la rigenerazione (recupero del danno), ma, tuttavia, a causa dei virus, il materiale genetico viene trasformato e le lesioni del cancro si formano nel fegato. Quindi si sviluppa un carcinoma (cancro) del fegato. Nel caso più favorevole, l'infiammazione acuta si sviluppa in risposta alla penetrazione del virus e al quadro classico dell'epatite con ittero, compromissione del benessere e clinica caratteristica. Questa malattia finisce in recupero.

    Sfortunatamente, i nostri piccoli pazienti hanno raramente un classico corso itterico. Più piccola è l'età del bambino, maggiore è la probabilità di un decorso asintomatico o di uno stato portatore che si trasformerà in epatite cronica incurabile B. Per i neonati, questa è una probabilità del 95%. Per bambini fino a tre anni - fino all'80%. Con l'età, la percentuale diminuisce, rendendo negli adulti la probabilità della malattia con ittero superiore al 30-40% e il rischio di transizione verso la forma cronica - 6-10%.

    Tutto ciò è dovuto alle peculiarità del sistema immunitario: più giovane è il bambino, più bassa è la sua attività antivirale, maggiore è la probabilità che il virus si stabilisca facilmente e si moltiplichi nelle briciole corporee. Se un bambino ha l'epatite B, che si manifesta con ittero, i genitori devono rallegrarsi - questo significa che il sistema immunitario del bambino sta attivamente resistendo, e il rischio di transizione verso la forma cronica è minimo.

    Quando le cellule del fegato si rompono, la bile entra nel flusso sanguigno, motivo per cui compaiono segni di ittero - colorazione della pelle e delle mucose, scolorimento delle feci e delle urine. Ed è questo sintomo che induce i genitori a cercare aiuto da un medico.

    Abbastanza spesso, l'epatite procede secondo il tipo di ARVI o influenza, con febbre, perdita di appetito, debolezza, leggero dolore all'addome e al lato, quindi viene rilevato solo più tardi - quando si esamina il sangue e rileva uno specifico "antigene australiano" in esso. E mette i genitori sotto shock, perché il periodo di incubazione per l'epatite B dura da quaranta a centottanta giorni (in media, in genere centoventi giorni). Questo è di circa 4 mesi. Pertanto, a volte è molto difficile ricordare e stabilire esattamente dove potrebbe essere avvenuta l'infezione. E dato il trasporto asintomatico a lungo termine, la fonte è talvolta impossibile da stabilire affatto. Verranno esaminati tutti i membri della famiglia del bambino. E forse quelli che sono in contatto con lui da molto tempo.

    Diagnosi e trattamento dell'epatite B

    Come già detto, è possibile confermare la malattia o lo stato portatore quando viene rilevato un marcatore specifico in un bambino - un antigene "australiano" o di superficie. Per fare questo, prendere il sangue da una vena. Ulteriori studi sono effettuati per determinare lo stadio dell'infezione, stimano le dimensioni dell'infiammazione del fegato e l'entità della sua sconfitta da parte del virus.

    Non esiste una specifica compressa, iniezione o polvere di epatite B che consentirebbe di eliminare completamente il corpo dai virus, e nel prossimo futuro è improbabile che appaia. Il trattamento è effettuato solo sintomaticamente - cioè, il processo infiammatorio è ridotto, la riproduzione di virus e la loro distruzione di gabbie è soppressa. Tutti i farmaci per scopi terapeutici sono estremamente costosi, il corso mensile di trattamento per l'epatite B è di circa $ 5.000. Ma i farmaci sono anche numerosi effetti collaterali.

    Ma devono ancora essere trattati. Ciò consente di ottenere una remissione stabile di circa 5-20 anni. Ciò significa che i virus possono persistere nel corpo, ma non si moltiplicano.

    Cosa fare?

    La risposta è semplice: inculcare se stessi e vaccinare i bambini, questo è l'unico modo per proteggere se stessi e i loro figli. Quindi, abbiamo affrontato senza problemi la domanda della necessità vaccinazione i bambini vengono vaccinati contro l'epatite B. Ora diamo un'occhiata ai punti chiave della vaccinazione stessa in dettaglio.

    La vaccinazione contro l'epatite B è diventata disponibile dal 1982, ma in Russia hanno iniziato a vaccinarsi molto più tardi. Ora, la vaccinazione contro l'epatite B è inclusa nel programma nazionale di immunizzazione. Data la via di trasmissione del virus, non esiste praticamente alcuna alternativa alla vaccinazione: nessuno è immune da infezioni e talvolta le misure sanitarie e igieniche e il lavoro educativo talvolta non sono sufficienti.

    Si raccomanda a tutti i bambini di ricevere la prima dose di vaccino nell'ospedale di maternità. Ma molti genitori non capiscono perché è fatto così presto. Dalla precedente storia sul virus stesso, diventa più chiaro che anche i genitori stessi possono infettare un bambino. "Come così? Sono stato esaminato durante la gravidanza! - si può dire." Sì, esaminato. Ma stiamo conducendo una vita piuttosto attiva - andiamo a curare i denti, a fare manicure, pedicure, a tagliare i capelli dal parrucchiere. In generale, non puoi continuare. Quindi diventa chiaro - il sangue potrebbe essere preso nella fase di incubazione della malattia. Ricorda quanto dura? Questa è quasi la metà della gravidanza! E in alcune regioni remote, l'esame delle future madri per il trasporto dei virus dell'epatite B e C non viene sempre eseguito, ei moderni test diagnostici non hanno una garanzia al 100% dei risultati - ci sono sia risultati falsi positivi che falsi negativi.

    Un bambino appena nato a rischio di infezione diventa un portatore cronico. Cosa ridurrà drasticamente la sua vita nel futuro, e anche la sua qualità. A proposito, l'efficacia della vaccinazione è inversamente proporzionale, il che significa che quanto prima inizierai a vaccinare un bambino, tanto più efficace sarà. Negli adulti, l'efficacia della vaccinazione è di circa il 70-90% e nei bambini è vicina al 98% alla prima iniezione. Inoltre, la vaccinazione proteggerà i bambini le cui madri sono malate o portatrici del virus.

    Nell'ospedale di maternità è più facile organizzare il processo di vaccinazione - dopo la dimissione, iniziano diversi ostacoli che creano ostacoli - o non c'è vaccino, o quarantena per influenza, o feci sciolte, o SARS, o storie dell'orrore che il vicino ha sentito parlare di vaccinazione, e così via. Quindi puoi posticipare all'infinito. O prima dell'infezione. E poi la vaccinazione sarà già inefficace e assolutamente inutile.

    Quali vaccini vengono utilizzati?

    Per la vaccinazione sono stati utilizzati vaccini sia nazionali che esteri. La condizione principale - il farmaco deve essere ufficialmente registrato in Russia (nello stato in cui si vive). Di solito la vaccinazione viene effettuata in clinica gratuitamente dai vaccini che sono stati acquistati dal comitato sanitario regionale. Molto spesso vengono acquistati vaccini domestici - sono più economici, ma assolutamente peggiori di quelli importati. Se lo desideri, allora nei centri medici a pagamento, la vaccinazione può essere effettuata da qualsiasi vaccino monocomponente o combinato.

    I seguenti vaccini sono disponibili nel nostro paese.

    1. Vaccino contro l'epatite B, liquido di lievito ricombinante (prodotto da Combiotech Ltd, Russia); Di solito questo vaccino viene usato per i bambini in massa in policlinici.
    2. "Endzheriks V" (prodotto da Smith Klein Beecham, Belgio, 000 SKB-BIOMED, ​​Belgio-Russia); vengono prodotte forme per bambini e adulti (rispettivamente 10 e 20 μg). Il dosaggio per adulti è usato negli adulti da 19 anni.
    3. Euvax B (prodotto da LG Chem, Corea in collaborazione con Sanofi Pass-Terre, Francia); produrre una dose per bambini, che si applica fino a 15 anni inclusi.
    4. Eberbiovac (prodotto da Eber Biotech, Cuba, insieme con MPO Vi-Rion, Russia); spesso acquistato per la vaccinazione di massa.
    5. H-B-Vax IInbsp; (prodotto da Merck Sharp Dome, USA); Rilasciare il vaccino in dosi multiple.
    6. Combinato Bubo-kok (DTP + epatite B) e Bubo-M (ADS-M + Hep.V) prodotto da Combiotech Scientific and Industrial Corporation - Associazione scientifica e produzione biomedica, sono utilizzati per la vaccinazione in istituti medici pagati e in sale di vaccinazione policliniche.

    Tutti questi vaccini sono assolutamente sicuri ed efficaci, la tecnologia della loro produzione è quasi identica, quindi gli schemi del loro uso sono gli stessi, i dosaggi del vaccino sono quasi gli stessi. Pertanto, gli schemi sono adatti a tutti questi farmaci.

    Dopo l'introduzione di un ciclo completo di vaccinazione, il livello di anticorpi protettivi viene mantenuto fino a 20 anni e, se mantenuto regolarmente con la rivaccinazione, protegge efficacemente il bambino e l'adulto dall'epatite.

    È possibile vaccinare un bambino con diversi vaccini?

    A volte ci sono casi in cui il vaccino, che ha iniziato la vaccinazione, non è disponibile. O non c'è la possibilità di vaccinare nello stesso posto dei precedenti. Quindi puoi sostituire il tipo di vaccino. Secondo le raccomandazioni internazionali, tutti i vaccini ricombinanti approvati sono intercambiabili. Ma senza una particolare necessità di cambiare il vaccino non ne vale la pena. Tutti questi vaccini sono equivalenti, è impossibile ottenere l'epatite da loro, sono non-viventi, creati artificialmente usando la stessa tecnologia. L'immunità da loro è la stessa.

    Posso mescolare il vaccino contro l'epatite B con altri vaccini per dare meno colpi? Se questo non è un vaccino combinato, allora è impossibile. Come risultato di tali azioni, vi è la possibilità di un forte aumento delle reazioni locali gravi e l'efficacia del vaccino stesso sarà ridotta. Secondo il calendario, si raccomanda di fare con la polio con DPT insieme al secondo vaccino contro l'epatite. In questo caso, è possibile creare un vaccino combinato, ad esempio Bubo-kok. Un giorno non puoi fare l'epatite solo con BCG.

    Programma vaccino

    Il vaccino contro l'epatite B è inattivato, cioè non contiene un virus vivente e contiene solo un antigene. Pertanto, per la formazione di immunità per creare una protezione completa richiede diverse amministrazioni del farmaco. Per questo sono stati sviluppati due schemi: il primo si applica a tutti i bambini che non sono a rischio.

    La vaccinazione viene effettuata secondo il metodo "0-3-6 mesi". Ciò significa che con il consenso dei genitori (se si decide di essere vaccinati), la prima dose verrà data al bambino in ospedale il primo giorno. Il bambino riceverà la seconda iniezione all'età di tre mesi e la terza - in sei mesi.

    Il secondo schema è applicabile ai bambini nati da madri di portatori di HBsAg, che sono ammalati di epatite B virale, che hanno avuto epatite B virale durante la gravidanza o che non hanno risultati di test dell'epatite B. Secondo lo stesso schema, i bambini nati da madri classificate come a gruppi di rischio sono vaccinati. In questo caso, non tre, ma quattro iniezioni sono fatte secondo lo schema 0-1-2-12, il che significa che la prima iniezione dovrebbe essere fatta nelle prime 12-24 ore di vita, poi in un mese e due. E poi l'ultima dose in un anno.

    Cosa succede se il circuito è rotto?

    Naturalmente, per una formazione ottimale dell'immunità, non è consigliabile deviare dallo schema standard. Ma succede che i termini della vaccinazione vengono violati, ad esempio, a causa di una malattia acuta. Quindi è necessario conoscere alcune regole - il periodo minimo accettabile tra le dosi di un vaccino è 1 mese. Il massimo per la seconda dose è considerato fino a 4 mesi, e per il terzo - da 4 a 18 mesi. In questo caso, il sistema immunitario sarà completamente formato. Se anche questi termini vengono superati, procedere come segue: vengono contate le vaccinazioni già completate e tutte le altre dosi iniziano ad essere somministrate a intervalli regolari (come raccomandato dal programma delle vaccinazioni), indipendentemente dal pass. Ma nota che il bambino può quindi aver bisogno di analizzare il livello di concentrazione degli anticorpi protettivi.

    Se non hai vaccinato un bambino in un ospedale per maternità, non appena hai deciso di vaccinarti, vale la pena aderire allo schema di vaccinazione da 0-1-6 mesi, secondo lo stesso schema, inoculare adolescenza e adulti. L'analisi preliminare per l'identificazione dell'antigene "australiano" non è richiesta (è eseguita a volontà), la vaccinazione è sicura anche per infetti e malati, ma, ovviamente, per loro è inutile.

    La rivaccinazione, cioè iniezioni aggiuntive dopo il completamento dell'intero ciclo di vaccinazione, non è richiesta per i bambini.

    Metodologia di vaccinazione

    Poiché il vaccino contiene un adiuvante (idrossido di alluminio), deve essere iniettato rigorosamente per via intramuscolare. Questo è importante perché con l'introduzione sottocutanea, l'efficacia dell'iniezione diminuirà drasticamente, una parte del vaccino può essere depositata nel tessuto adiposo e, per questo motivo, l'antigene entra frazionalmente, impedendo al sistema immunitario di sviluppare attivamente l'immunità. Se l'iniezione è stata erroneamente presa per via sottocutanea, non viene conteggiata e deve essere rifatta. Quando viene somministrato a un muscolo, l'intera dose agisce immediatamente e la difesa viene attivamente sviluppata. Inoltre, entrando nel tessuto sottocutaneo, l'idrossido di alluminio si forma in esso noduli a lungo assorbimento. Si sviluppano a causa della capacità di questo composto di causare un'infiammazione specifica, che è estremamente importante per la formazione di una focalizzazione dell'infiammazione nel muscolo, a seguito della quale vengono attratte più cellule immunitarie e si ottiene una risposta immunitaria più efficiente. Nel tessuto sottocutaneo, questa stessa infiammazione durerà per diversi mesi, perché il tessuto adiposo viene scarsamente rifornito di sangue e tutti questi elementi infiammatori vengono espulsi lentamente.

    Nei bambini, si raccomanda ora di eseguire la vaccinazione sulla superficie laterale della radice (terzo superiore della coscia). Ciò è dovuto al fatto che anche nei neonati appena nati in questo luogo lo strato muscolare è sufficiente. Nei neonati di 3 anni e adulti, il vaccino viene iniettato nel terzo superiore della spalla (l'area deltoide muscolare), è posizionato convenientemente e consente di inserire l'intero volume del vaccino in un'unica siringa.

    Ma perché non farlo nel gluteo, come prima? La somministrazione di un vaccino alla regione glutea è indesiderabile, perché nei bambini e negli adulti in questa zona lo strato grasso è molto pronunciato - l'efficacia sarà ridotta. Inoltre, ci sono grandi vasi e nervi, il rischio di lesioni a loro è piuttosto alto.

    Effetti collaterali e controindicazioni

    Come qualsiasi altro farmaco, il vaccino contro l'epatite B può sviluppare effetti collaterali e ci sono controindicazioni di cui bisogna essere consapevoli. E voglio subito notare che è necessario distinguere chiaramente tra le normali reazioni post-vaccinazione e gli effetti collaterali, spesso i genitori confondono l'uno con l'altro. Quindi, cosa è ammissibile come una normale reazione alla vaccinazione? A causa dell'idrossido di alluminio sopra descritto, l'infiammazione si sviluppa nel sito di iniezione - dovrebbe essere lì, questo è un normale processo di inoculazione. Pertanto, la compattazione, il rigonfiamento dei tessuti e il rossore nel sito di inoculo con un diametro fino a 80 mm sono considerati la norma. Non hai bisogno di spalmarlo di medicine, fare impacchi, lozioni, strofinare e fare pressione su questo posto. Tutto va da solo.

    Non ci sono quasi manifestazioni comuni di gestione del vaccino. Molto raramente può essere una piccola temperatura - fino a 37,3 gradi. Se un bambino ha la febbre alta, nausea, vomito, neurologico o qualsiasi altra manifestazione - la ragione non è nel vaccino - il bambino potrebbe essere infettato da qualsiasi malattia che ha coinciso con la vaccinazione. Tutte queste manifestazioni richiedono un consiglio medico immediato.

    Come qualsiasi altro farmaco, un vaccino può causare reazioni allergiche da kiv-pivnitsy a shock anafilattico (sebbene questo sia estremamente raro). Questo è particolarmente vero per quei bambini che hanno intolleranza alla cottura del lievito - per questi bambini, il vaccino contro l'epatite B è controindicato. Comune a tutti i bambini, una controindicazione per la vaccinazione contro l'epatite B è una malattia febbrile acuta o esacerbazione di malattia cronica. Una limitazione specifica all'uso di un vaccino può essere una forte prematurità - un peso inferiore a 1,5 kg. In tali casi, la vaccinazione verrà posticipata fino a quando il bambino raggiungerà un peso di 2 kg o più.

    Cos'è la prevenzione di emergenza?

    Ci sono situazioni in cui un bambino a causa della riluttanza dei genitori o di motivi medici non è stato vaccinato. Cosa fare se esiste una possibilità di contatto con il malato o infezione da epatite B?

    I medici credono che dal momento del contatto con il paziente al momento in cui la malattia diventa inevitabile, c'è un certo periodo in cui è ancora possibile aiutare il bambino. Questo di solito è la prima da una a due settimane, quando è possibile prevenire l'epatite B somministrando un vaccino secondo lo schema 0-1-2-12 mesi (profilassi d'emergenza) e l'introduzione di una speciale immunoglobulina è una preparazione di anticorpi umani pronti per il virus. Naturalmente, prima viene fatto tutto, meno rischi. C'è un'altra opzione per la vaccinazione - questo è ancora più accelerato: la prima dose viene somministrata alla prima visita dal medico, la seconda - il settimo giorno dopo la prima dose, la terza - il ventunesimo giorno dopo la prima dose, 6-12 mesi dopo la prima dose. l'iniezione passa un'altra dose. Questo schema non è usato nei bambini - è adatto per adolescenti e adulti.

    Immunoglobulina e vaccino devono essere somministrati contemporaneamente, ma in diverse parti del corpo, sufficientemente distanti tra loro.

    Ora conosci un po 'di più sull'epatite B e sulla vaccinazione. Possedendo le informazioni oggettive, è più facile valutare tutti gli argomenti a favore della vaccinazione o a favore di rifiutarli. La cosa principale è rendere consapevole la tua scelta. Lascia che i tuoi piccoli siano sani, divertenti e felici - con o senza vaccinazioni!

    Pediatra Alyona Paretskaya, consulente in HBV e nutrizione;
    Membro AKEV