Perché i neutrofili si sono abbassati nel sangue, cosa significa?

Trattamento

I neutrofili sono il gruppo più grande di globuli bianchi che proteggono il corpo da molte infezioni. Questo tipo di globuli bianchi si forma nel midollo osseo. Penetrando nei tessuti del corpo umano, i neutrofili distruggono i microrganismi patogeni e alieni con il metodo della loro fagocitosi.

Lo stato in cui i neutrofili sono ridotti nel sangue è chiamato neutropenia in medicina. Questo di solito indica una rapida distruzione di queste cellule, una compromissione organica o funzionale della formazione di sangue nel midollo osseo e l'esaurimento del corpo dopo malattie di lunga durata.

A proposito di neutropenia, se il contenuto di neutrofili in un adulto è al di sotto della norma e varia tra 1,6 X 10 e meno. La riduzione può essere vera se la loro quantità nel sangue cambia e relativa se la loro percentuale diminuisce rispetto al resto dei leucociti.

In questo articolo, vedremo perché i neutrofili sono ridotti negli adulti, e cosa significa, così come come aumentare questo gruppo di leucociti nel sangue.

Qual è il tasso di neutrofili?

La conta dei neutrofili nel sangue dipende dall'età della persona. Nei bambini fino a un anno, i neutrofili costituiscono dal 30% al 50% dei leucociti, quando un bambino cresce, il livello dei neutrofili inizia ad aumentare e in sette anni il numero dovrebbe essere compreso tra il 35% e il 55%.

Negli adulti, il tasso può variare dal 45% al ​​70%. In caso di deviazioni dalla norma, quando l'indicatore è più basso, possiamo parlare di un livello ridotto di neutrofili.

Gradi di gravità

Neutropenia negli adulti:

  • Neutropenia leggera - da 1 a 1,5 * 109 / l.
  • Neutropenia moderata - da 0,5 a 1 * 109 / l.
  • Neutropenia grave - da 0 a 0,5 * 109 / l.

Tipi di neutropenia

In medicina, ci sono tre tipi di neutropenia:

  • congenita;
  • acquisita;
  • Origine sconosciuta

I neutrofili possono periodicamente diminuire, quindi tornare alla normalità. In questo caso stiamo parlando della ciclicità della neutropenia. Può essere una malattia indipendente o svilupparsi in alcune malattie. La forma benigna congenita è ereditata e non si manifesta clinicamente.

classificazione

La medicina moderna distingue due tipi di neutrofili:

  • Band-nerve - immaturo, con nucleo a forma di bastoncino non completamente formato;
  • Segmentale: ha un nucleo formato che ha una struttura chiara.

La presenza di neutrofili nel sangue, così come le cellule come monociti e linfociti, è breve: varia da 2 a 3 ore. Quindi vengono trasportati ai tessuti, dove rimarranno da 3 ore a un paio di giorni. L'ora esatta della loro vita dipende dalla natura e dalla vera causa del processo infiammatorio.

Cause di neutrofilo ridotto

Cosa significa? Se un esame del sangue mostra che i neutrofili sono abbassati, è necessario iniziare immediatamente l'eliminazione attiva della causa.

Questi fattori sono:

  • processo infiammatorio di lunga durata nel corpo;
  • grave infezione virale (morbillo, rosolia, HIV);
  • infezione fungina generalizzata;
  • agenti parassitari (toxoplasmosi, malaria);
  • patologia ereditaria (sindrome di Kostman);
  • esposizione alle radiazioni;
  • chemioterapia nel trattamento dell'oncologia;
  • elminti, più specificamente, tossine secrete da loro;
  • allergie (i neutrofili sono abbassati dopo anafilassi);
  • l'azione delle tossine esogene (alcuni veleni e sostanze chimiche);
  • assunzione di alcuni farmaci (cloramfenicolo, zidovudina, antibiotici sulfanilammide);
  • lesione del processo tumorale del midollo osseo, inclusa la metastasi.

Tuttavia, giudicare la malattia solo sulla base di un singolo esame del sangue non è molto affidabile. Per fare una diagnosi corretta, è necessario non solo stimare il numero di neutrofili nel sangue, ma anche altri importanti indicatori. Ecco perché molte persone credono che fare una diagnosi corretta sia solo per donare il sangue. Ma i conteggi del sangue sono indiretti. Inoltre, solo con questa analisi e senza esaminare il paziente, è difficile determinare con che cosa esattamente la persona si è ammalata: elminti o rosolia.

I neutrofili segmentati si abbassano e i linfociti si alzano

Se i neutrofili segmentati sono abbassati e i linfociti sono elevati, le cause di questa condizione possono essere:

  • malattie virali;
  • HIV;
  • la tubercolosi;
  • problemi alla tiroide;
  • leucemia linfocitica;
  • linfosarcoma.

Quindi, possiamo concludere: se i linfociti sono elevati e i neutrofili sono abbassati, allora è presente nel corpo un'infezione, molto probabilmente un virus. Tuttavia, i risultati degli esami del sangue devono essere confrontati con il quadro clinico.

Se non ci sono segni di malattia, può essere un portatore del virus. Con una diminuzione del livello dei granulociti con un aumento simultaneo dei linfociti, è necessario un esame completo, dal momento che patologie così pericolose come l'epatite e l'HIV non sono escluse.

trattamento

Dovrebbe essere chiaro che non ci sono mezzi diretti per aumentare i neutrofili negli adulti. Per loro, si applicano le stesse condizioni come con i leucociti ridotti in generale. Quando viene rilevata una deviazione pronunciata dalla norma, il medico dovrebbe adottare misure per eliminare la causa della patologia il più presto possibile.

Se i neutrofili negli adulti sono abbassati a causa del farmaco assunto, allora il medico deve correggere il regime di trattamento, compresa la sostituzione o l'abolizione dei farmaci che sopprimono la produzione di neutrofili.

In alcuni casi, la causa è uno squilibrio di nutrienti, e quindi il compito è correggere lo sfondo delle vitamine del gruppo B (in particolare B9 e B12) con l'aiuto di droghe o una dieta. Di norma, dopo che il fattore provocante è stato eliminato, il conteggio dei neutrofili ritorna normale entro 1-2 settimane.

Cosa significa se i neutrofili si abbassano in un esame del sangue?

La medicina moderna implica una diagnosi rapida e di alta qualità basata su vari studi. È IMPORTANTE che una persona comune abbia un'idea dei risultati del test e delle possibili conseguenze in assenza di un trattamento adeguato. NEUTROFILI - le cellule del sangue che fanno parte del gruppo dei leucociti granulociti, sono coinvolte nel mantenimento delle difese del corpo. Sono solo poche ore nel flusso sanguigno e sono distribuiti agli organi in cui vi è infiammazione. Assicurati che il medico presta attenzione al livello ridotto di neutrofili.

Cosa sono i neutrofili e le specie

Quali sono i tipi di neutrofili

Tutti i tipi di leucociti nel test del sangue costituiscono la formula dei leucociti. I tipi di neutrofili differiscono l'uno dall'altro per il grado di maturità e le funzioni in un organismo vivente.

  • mieloblasto - cellula staminale, progenitore dei granulociti del sangue;
  • promielocita è il prossimo passo nella differenziazione cellulare;
  • mielocita è una cellula giovane granulocita situata solo nel midollo osseo;
  • il metamioelocita è una cellula giovane dalla quale si sviluppano i seguenti tipi di neutrofili;
  • banda - un tipo di cellula immatura con un nucleo a forma di asta;
  • segmentato - cellule mature.

PRESTARE ATTENZIONE! Il rapporto di questi elementi nel test del sangue, il medico determina il grado di infiammazione e possibile malattia.

Richiede immediatamente una diagnosi e un trattamento se c'è una diminuzione dei neutrofili.

Quali sono le funzioni dei leucociti neutrofili nel corpo?

I neutrofili insieme ad altre cellule sono coinvolti nella protezione degli organi interni da organismi patogeni. La lotta contro l'infezione coinvolge la fagocitosi, il processo di invadere e digerire le cellule di particelle estranee. Vengono prodotti diversi enzimi lisosomiali che distruggono la proteina delle cellule batteriche. Poi c'è una chemiotassi - la transizione attraverso le membrane basali delle cellule e il movimento mirato verso i microrganismi al centro dell'infiammazione. Dopo un intenso attacco, muore il neutrofilo, uccidendo circa 7 cellule patogene. Inoltre, quando diretti verso l'organo infiammato, forniscono anche enzimi proteolitici che distruggono i tessuti morti.

I neutrofili hanno proprietà antibatteriche e antitossiche, causano un aumento della temperatura corporea e supportano il processo infiammatorio.

Indicatori di tariffe nei risultati di ricerca

I neutrofili sono designati con le lettere NEU. Nella formula dei leucociti vengono considerate le cellule mature (segmentate) e le cellule giovani immature (nucleate dalla banda).

Per un adulto, quando è sano, l'indicatore va dal 45 al 70%, è considerato del volume totale di leucociti nel sangue, o 1,80-6,5 × 109 / l. Questi dati sono adatti sia per uomini che per donne, ma dipendono dall'età.

Per i bambini sani fino a un anno, il rapporto è dal 30 al 50% o 1,8-8,5 x109 / l.

Fino a 6 anni - dal 40 al 60% o 2.2-6.2x109 / l.

Il numero di cellule immature è inferiore a quello segmentato e costituisce lo 0,5-6% del volume totale di sangue "bianco".

Cause del declino dei neutrofili

Per uno specialista, i risultati dei test sono di grande importanza per la corretta diagnosi e selezione del trattamento appropriato. Ci sono diverse fonti di diminuzione della conta dei neutrofili nel sangue:

  • prima di tutto, il processo infiammatorio;
  • infezione virale;
  • estesa malattia fungina;
  • infezione da parassiti, elminti;
  • fattore ereditario;
  • sullo sfondo delle allergie;
  • avvelenamento con veleni;
  • prendendo alcuni farmaci;
  • esposizione alle radiazioni, chemioterapia per pazienti oncologici;
  • danno al midollo osseo.

La ragione della diminuzione dei leucociti neutrofili determina la diagnosi della malattia e il regime di trattamento.

Come funzionano i neutrofili

Tipi di condizioni con basso numero di neutrofili nel sangue

Una condizione in cui la conta dei neutrofili del sangue è ridotta è chiamata neutropenia. Agranulocitosi - con un basso livello di tutti i granulociti, una forma più grave di leucopenia. La neutropenia differisce per eziologia congenita, acquisita e non chiara. Ci sono gradi di gravità:

  1. luce (1 - 1,5 x109 / l);
  2. moderato (0,5 - 1x109 / l);
  3. pesante (0)

IMPORTANTE! La riduzione dei neutrofili è assoluta e relativa. Solo il numero assoluto di cellule mature è considerato affidabile.

Patologie in cui vi è una diminuzione dei leucociti neutrofili

Il livello dei granulociti è influenzato da varie malattie che rappresentano un rischio per la salute del corpo e richiedono un trattamento immediato:

  • cancro del midollo osseo;
  • malattie ulcerative dell'apparato digerente;
  • la leucemia;
  • basso numero di piastrine;
  • diminuzione dell'emoglobina nel sangue;
  • avvelenamento del corpo;
  • complicazioni dopo il trattamento;
  • tireotossicosi.

ATTENZIONE! Per determinare il numero di neutrofili consente il solito esame del sangue generale da un dito.

Esame del sangue delle dita

Quando i neutrofili sono abbassati, la persona ha urgentemente bisogno di consultare un medico.

Meccanismo di neutropenia

Esistono 2 tipi principali di meccanismo per ridurre i leucociti neutrofili nel sangue circolante: la produzione di nuove cellule si è deteriorata e la distruzione delle cellule mature è aumentata. C'è una distinzione nel corso di processi patologici in 4 tipi:

  • diminuisce la produzione di giovani neutrofili nel midollo osseo;
  • rallentando il rilascio di cellule dal midollo osseo nel sangue;
  • ridotto tempo di circolazione nel sangue;
  • c'è una ridistribuzione dei leucociti nel sangue.

Con un processo infiammatorio di lunga durata, un gran numero di cellule di difesa muoiono, il loro indice diminuisce e viene richiesta un'assistenza qualificata agli operatori sanitari.

Neutropenia - Bassi neutrofili

Come trattare la riduzione dei neutrofili

Comprendere il meccanismo della caduta dell'indice dei leucociti neutrofili in un esame del sangue fornisce una risposta a una domanda sul trattamento. Poiché queste cellule sono coinvolte nei processi immunitari, quindi una diminuzione dei neutrofili mostra la presenza di un organo infiammato. Prima di tutto, il medico deve trovare la causa.

IMPORTANTE! Non automedicare. Condurrà ricerche di alta qualità e fornirai l'assistenza necessaria in ospedale. Nessuna tisana in questo caso non aiuta.

I neutrofili sono sulla protezione del nostro corpo. Il loro numero deve essere monitorato regolarmente, in quanto previene le infezioni generalizzate, mantiene la salute umana. Contattare l'istituto medico più vicino con una richiesta di analisi del sangue generale e non dimenticare di consultare uno specialista sui risultati dello studio.

Come sbarazzarsi di vene varicose

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato ufficialmente le vene varicose come una delle malattie moderne più pericolose. Secondo le statistiche, negli ultimi 20 anni il 57% dei pazienti con vene varicose muoiono nei primi 7 anni dopo la malattia, di cui il 29% - nei primi 3,5 anni. Le cause della morte differiscono da tromboflebiti a ulcere trofiche e cancro causato da loro.

Come salvare la tua vita, se ti è stata diagnosticata la presenza di vene varicose, è stato detto in un'intervista dal capo dell'Istituto di ricerca di flebologia e accademico dell'Accademia russa delle scienze mediche. Vedi l'intervista completa qui.

Leucocitosi: quando e perché si verifica, forme, classificazione e funzione dei leucociti

La composizione e la funzione delle specie dei leucociti sono diverse. La reazione agli eventi che si svolgono nel corpo è istantanea. Nella maggior parte dei casi, la leucocitosi è considerata una reazione difensiva, ma ci sono altre ragioni per l'aumento del numero di globuli bianchi.

La popolazione dei leucociti (Le) è abbastanza organizzata, anche se sembra che abbiano quasi un'intelligenza, perché tutti sanno che cosa sta accadendo e dove sono inconfondibilmente inviati alle loro lesioni, riconoscono il loro e gli altri, uccidono gli ospiti indesiderati. che sono spesso agenti infettivi. Rispondono al malessere nel corpo aumentando l'attività e aumentando il contenuto nel sangue periferico. Leucocitosi - il cosiddetto processo.

C'è una rigida gerarchia nelle loro popolazioni: chi è destinato ad essere comandato e chi deve essere eseguito in modo impeccabile. È impeccabile, perché altrimenti la complessa struttura delle interazioni si romperà e il corpo non ce la farà. Ecco perché, solo una persona arriva in ospedale, prima di tutto prendono un "due", cioè ESR e leucociti, poiché la leucocitosi è un'importante caratteristica diagnostica di molte malattie.

Cause della leucocitosi

Per non essere spaventati e valutare correttamente la situazione in cui viene effettuata l'analisi e vi è un chiaro aumento dei globuli bianchi, è necessario conoscere le cause della leucocitosi, che può essere molto varia:

  • Qualsiasi processo infettivo acuto, persino ARVI, persino l'influenza, sebbene, Dio non voglia, la peste o il colera daranno la leucocitosi, poiché i leucociti, essendo cellule immunocompetenti, sicuramente reagiranno;
  • Malattie infiammatorie croniche localizzate in qualsiasi organo danno anche leucocitosi, sebbene non così pronunciate, dal momento che il corpo sembra abituarsi e non combatte così attivamente;
  • A causa del fatto che i leucociti corrono verso i luoghi dove c'è un problema, i tessuti feriti in caso di ferite devono "chiamare" i leucociti per aiutare;
  • Leucocitosi manifesterà e accetterà il cibo, quindi non è raccomandato prenderlo prima della consegna dell'analisi. Digestivo (leucocitosi alimentare) si verifica quando i leucociti entrano in circolo dal deposito di sangue e si accumulano nello strato sottomucoso dell'intestino dopo un abbondante pasto (funzione protettiva). Questo processo è fisiologico, tuttavia, costringerà una persona ad essere agitata e il medico può essere fuorviante;
  • Se ci sono evidenti manifestazioni di allergia, è meglio non passare l'analisi - i leucociti saranno sicuramente aumentati, lo stesso vale per le persone con malattie autoimmuni, perché il corpo è in costante lotta;
  • Livelli aumentati di leucociti possono essere osservati con dolore severo ed effetti emotivi, perché i globuli bianchi non rimarranno indifferenti al dolore, a gravi stress fisici e psico-emotivi;
  • I leucociti possono "sentire qualcun altro" quando certe sostanze medicinali entrano nel corpo e, "decidendo" che devono combattere, iniziano a moltiplicarsi vigorosamente;
  • La leucocitosi nei bambini è causata più spesso che negli adulti, le ragioni della sua insorgenza sono tutti i fattori sopra citati, ma, oltre a questo, bisogna tenere presente che il corpo dei bambini reagisce più velocemente e più spesso a qualsiasi effetto. I bambini amano i giochi all'aperto, corrono molto e se eseguono un'analisi subito dopo l'attività fisica, la leucocitosi è garantita. L'aumento del contenuto di globuli bianchi svolge la funzione metabolica nei neonati, quindi il suo alto tasso non è nemmeno un segnale di avvertimento;
  • Un tale processo fisiologico, come la gravidanza, porta anche alla leucocitosi, dal momento che il corpo della donna inizia a prepararsi a proteggere se stesso e il bambino molto prima della nascita, quindi un numero elevato di globuli bianchi durante la gravidanza è un fenomeno completamente naturale. Leucocitosi nelle donne in gravidanza di solito previene l'infezione nel corpo della donna durante il travaglio e stimola la funzione contrattile dell'utero;
  • La formula dei leucociti di un uomo è più stabile se non è appassionato di gola, non pratica sport di forza e non è particolarmente zelante nel lavoro muscolare pesante, poiché in queste condizioni fisiologiche questi fattori costituiscono le principali cause della leucocitosi. Inoltre, miogenico, causando un aumento dei globuli bianchi di un fattore di 3-5, leucocitosi può essere sia redistributiva che vera a causa dell'aumento della leucopoiesi;
  • Violazione della leucopoiesi nel midollo osseo, non associata ad effetti fisiologici - la peggiore ragione per aumentare il numero di globuli bianchi, perché quindi non sarà una questione di reazione del corpo, ma di una specifica malattia.

formazione di cellule del sangue, compresi i leucociti (leucopoiesi) nel midollo osseo

In relazione a quanto sopra, ci sono varietà di leucocitosi, che hanno costituito la base della sua classificazione.

Classificazione e caratterizzazione dei globuli bianchi

Circa mezzo secolo fa, il limite inferiore della norma dei leucociti variava da 5, 5-6,0 G / l, ora questo livello è sceso a 4,0 G / l, o anche meno. Ciò è dovuto all'urbanizzazione ubiquitaria, all'aumento del background radioattivo, all'uso di un gran numero di farmaci, a volte irragionevoli. Tuttavia, la leucocitosi non è scomparsa da nessuna parte e, in determinate circostanze, si fa sentire come un sintomo di qualche malattia, poiché non è un'unità nosologica indipendente.

Si distinguono i seguenti tipi di leucocitosi:

  1. Fisiologico (ridistributivo o, come si usava chiamare, relativo), a causa della ridistribuzione di un numero maggiore di globuli bianchi tra i vasi di vari organi;
  2. Patologico (reattivo o assoluto) associato a leucopoiesi alterata nella patologia degli organi che formano il sangue o che si presenta come risposta di un organismo a processi infettivi, infiammatori, settici e allergici.

La classificazione dei leucociti e delle leucocitosi si basa sui tipi di globuli bianchi, le loro funzioni e il loro comportamento. I globuli bianchi, a seconda della presenza o assenza di specifici granuli nel citoplasma, sono suddivisi in due file: granulociti e agranulociti.

Che tipo di cellule sono questi - leucociti? Perché si comportano in questo modo e perché a loro importa? Che cosa significano i termini "leucocitosi neutrofila ed eosinofila", che i medici menzionano spesso? Perché la leucocitosi è pericolosa o non è affatto pericolosa?

E puoi capire questo, se conosci le proprietà di base dei leucociti.

Le principali proprietà dei leucociti, i loro compiti e funzioni

Le dimensioni dei leucociti, a seconda del tipo, vanno da 7,5 a 20 micron, contengono molti enzimi (peptidasi, lipasi, diastasi, proteasi), che si trovano in uno stato di riposo in isolamento (nei lisosomi) e sono chiamati enzimi lisosomiali. I leucociti svolgono le loro funzioni all'esterno delle navi e usano il letto vascolare solo come una strada. Sono caratterizzati dal movimento amebico, attraverso il quale penetrano attraverso l'endotelio dei capillari (diapidi) e vengono inviati alla lesione (chemiotassi positiva). Il movimento inverso dei leucociti dalla fonte di irritazione è chiamato chemotassi negativa.

Se parliamo del tasso dei leucociti, qui l'intervallo di variazione è abbastanza ampio (4,0-9,0 G / l), inoltre, il sangue prelevato da un dito contiene informazioni solo sulla sesta parte dei globuli bianchi, perché il loro habitat principale è tessuti. E per capire dove si trova la norma e dove si trova la patologia, ovviamente, è necessario sapere qual è la popolazione di leucociti, quali attività svolge, a cosa servono e se vale la pena preoccuparsi se improvvisamente vi è un alto contenuto di globuli bianchi nel test del sangue generale.

La durata della vita dei leucociti dipende dalla specie e varia da diversi giorni a 20 anni o più. Lunga vita è destinato a quei leucociti che sono diventati "celle di memoria", perché anche dopo un lungo periodo di tempo sono obbligati a riconoscere lo "straniero" che hanno incontrato molti anni fa. "Ricordandolo", devono immediatamente "informare le specie interessate". Quelli, a loro volta, devono "dare il comando" per distruggere lo straniero.

I compiti principali dei globuli bianchi possono essere rappresentati come segue:

  • I leucociti sono coinvolti nella formazione dell'immunità cellulare e umorale, che è la loro funzione protettiva;
  • Entrano nel tratto gastrointestinale, assorbono i nutrienti e li trasferiscono nel sangue, che è particolarmente importante per i neonati che, essendo allattati al seno, preparano immunoglobuline madre inalterate insieme a latte che può proteggere una piccola persona da molte infezioni. Ecco perché un bambino di meno di un anno non ha paura, per esempio, dell'influenza. La natura pensava a tutto, dotando i leucociti della funzione metabolica;
  • Sciogliere (lisi - lisi) i tessuti danneggiati ed eseguire il compito istolitico;
  • Distruggono vari segnalibri che non sono affatto necessari, anche nel periodo embrionale, la funzione morfogenetica.

Un esame del sangue dettagliato prevede il conteggio non solo del numero totale di leucociti, ma anche della percentuale di tutti i tipi di globuli bianchi presenti in uno striscio. A proposito, il rapporto percentuale deve essere convertito in valori assoluti (profilo leucocitario), quindi il contenuto informativo dell'analisi aumenterà in modo significativo.

Serie di granulociti

Gli antenati dei leucociti (mieloblasti) appartenenti alla serie dei granulociti hanno origine nel midollo osseo, dove attraversano diversi stadi e non entrano nel flusso sanguigno fino alla fine della maturazione. Nel sangue periferico in determinate condizioni patologiche (o per puro caso - 1 cellula) si possono trovare metamelociti. Queste sono cellule giovani (giovani), sono anche i precursori dei granulociti. Tuttavia, se per qualche ragione i giovani appaiono nel sangue, e allo stesso tempo non possono essere visti, ma contati in una macchia, allora si può giudicare il passaggio a sinistra (per leucemia, malattie infettive e infiammatorie). Un aumento del tratto delle vecchie forme indica uno spostamento della formula a destra.

formazione di cellule del sangue da cellule staminali nel midollo osseo

Le cellule dei granulociti sono dotate di funzioni enzimatiche e metaboliche pronunciate, pertanto la granularità neutrofila, eosinofila e basofila intrinseca in esse è strettamente correlata all'attività della cellula, e per ogni specie è strettamente specifica, cioè non può trasformarsi da un tipo all'altro.

Rappresentanti granulocitari

Per maturare i granulociti appartengono:

I. Neutrofili

I neutrofili rappresentano il più grande gruppo di globuli bianchi e costituiscono il 50-70% dell'intera popolazione. I granuli nel loro citoplasma hanno un'elevata attività battericida (myeloperekksidaza, lisozima, proteine ​​cationiche, collagenasi, lattoferrina, ecc.). Inoltre, i neutrofili hanno recettori per immunoglobuline (IgG), citochine e proteine ​​del complemento. Solo l'1% di queste cellule nello stato normale è nel sangue, il resto è concentrato nei tessuti.

I neutrofili si precipitano prima nei punti focali dell'infiammazione, fagocitari (cattura) e distruggono gli agenti nocivi, sono i principali difensori del corpo da microbi e tossine. Con varie infezioni, il loro numero può aumentare di 5-10 volte (leucocitosi neutrofila), e quindi non solo le cellule mature, ma anche quelle giovani, fino ai mielociti, iniziano a entrare nel sangue periferico. In questi casi, parla della formula dei leucociti con uno spostamento a sinistra.

II. eosinofili

Gli eosinofili rappresentano l'1-5% di tutti i leucociti. Il nome ha il suo, perché è ben suscettibile alla colorazione con colorante eosina. Rimangono nel flusso sanguigno per diverse ore, e poi vengono inviati ai tessuti, dove vengono distrutti. Gli eosinofili svolgono funzioni fagocitiche e disintossicanti (neutralizzano le tossine), distruggono le proteine ​​estranee, neutralizzano i prodotti di reazione dell'anticorpo antigene catturando l'istamina e altre sostanze, producono istaminasi, partecipano alla formazione del plasminogeno, cioè sono un'unità di fibrinolisi. Oltre ai vantaggi elencati, gli eosinofili contengono:

  1. Proteina alcalina antiparassitaria;
  2. prostaglandine;
  3. leucotrieni;
  4. histaminase;
  5. Inibitori della mastocita e degenerazione dei basofili;
  6. Hanno recettori per IgE, IgG, IgM.

Considerando una composizione così ampia di leucociti di questo tipo, la leucocitosi eosinofila è un indicatore diagnostico significativo per le invasioni elmintiche e le reazioni allergiche, quando aumenta il numero di eosinofili e un segno incoraggiante per ARVI e alcune altre infezioni. Un livello elevato di eosinofili in questi casi indica un recupero imminente.

III. basofili

Basofili - letteralmente single in una macchia, solo 0-1%. Il loro compito è quello di produrre istamina, che espande i vasi capillari e promuove la guarigione delle ferite, e l'eparina, che è un anticoagulante naturale (sistema anticoagulante del sangue). Essi, insieme ai mastociti, vengono chiamati anche eparinociti. I basofili comprendono fattore attivante piastrinico (PAF), prostaglandine e leucotrieni. Sono dotati di recettori per le IgE, che svolgono un ruolo importante nel rilascio di istamina e la manifestazione di reazioni allergiche (orticaria, shock anafilattico, asma bronchiale).

I granulociti sono anche interessanti perché ricostituiscono le riserve energetiche a causa della glicolisi anaerobica e si sentono bene nei tessuti poveri di ossigeno, quindi si precipitano in un'infiammazione che è scarsamente rifornita di sangue. I neutrofili stessi, quando muoiono, rilasciano enzimi lisosomali che ammorbidiscono i tessuti e formano un punto focale suppurativo (ascesso), così il pus distrugge i neutrofili ei loro frammenti.

Agranulociti di grano

L'importanza e il significato degli agranulociti in tutte le reazioni immunologiche non possono essere sovrastimati, dal momento che svolgono un ruolo guida nel fornire l'immunità cellulare e umorale. Alcuni tipi di leucociti-agranulociti sono progettati per svolgere le seguenti attività:

monociti

I monociti costituiscono il 2-10% dell'intera comunità dei leucociti (macrofagi). Arrivano sulla scena immediatamente dopo i neutrofili, possiedono potenti proprietà battericide (specialmente in un ambiente acido), microrganismi fagocitari, distrutti iucociti e cellule morte, liberando l'area di infiammazione, per la quale sono chiamati "tergicristalli";

linfociti

Linfociti - (20-40% di tutte le cellule) che hanno lasciato un vaso sanguigno, dopo la specializzazione, non ritornano indietro. Inoltre, vivono a lungo - per decenni, in particolare - "celle di memoria".

I linfociti sono il collegamento centrale del sistema immunitario (cellule immunitarie), si prendono cura di mantenere la costanza dell'ambiente interno del corpo e sono in grado di riconoscere "loro" e "alieni". Inoltre, l'attività dei linfociti non si limita a questi compiti:

  1. Sintetizzano gli anticorpi (linfociti B);
  2. Lisci celle estranee. Questa funzione appartiene ai killer naturali (N-killer), che sono chiamati zero, perché non appartengono alle comunità linfocitiche B o T;
  3. Fornire un trapianto contro ospite e reazioni immunologiche host vs trapianto;
  4. Distruggi le loro cellule mutanti;
  5. Porta il corpo in uno stato di sensibilizzazione all'entrata di proteine ​​estranee.

I linfociti sono formati da una comune cellula staminale. Alcuni vengono inviati alla ghiandola del timo (ghiandola del timo), dove subiscono "addestramento" e diventano linfociti T di varie "professioni":

  • T-helpers o helper (tutti sanno e danno comandi);
  • T-soppressori (sopprimere la risposta immunologica quando non è più necessario);
  • T-killer (si uccidono a livello dell'immunità cellulare);
  • T-amplificatori (effettori, acceleratori dei processi immunitari);
  • Cellule di memoria immunologica che trasportano informazioni su malattie passate (perché molte persone si ammalano una volta nella vita).

La differenziazione delle cellule B si verifica nel midollo osseo rosso e negli organi linfoidi. La loro funzione principale è la produzione attiva di anticorpi e la fornitura di tutti i livelli di immunità umorale.

Solo una piccola parte dei linfociti circola nel sangue periferico, il resto migra costantemente attraverso i linfonodi, la milza e il midollo osseo.

Leucocitosi - la norma e la patologia

Tornando alla domanda: è necessario preoccuparsi se c'è un aumento del contenuto di leucociti, se non ci sono segni della malattia. Molto probabilmente non dovresti preoccuparti, perché una leucocitosi fisiologica moderata non porta alcun pericolo, la formula dei leucociti viene rapidamente ripristinata quando i fattori provocanti scompaiono.

Leucocitosi patologica, a differenza fisiologica, può essere molto pericolosa, in quanto è un segno di gravi malattie.

Nei processi infettivi acuti si verifica dapprima la leucocitosi neutrofila, che viene sostituita dallo stadio di monocitosi (un segno della vittoria del corpo sull'infezione) e, a sua volta, entra nella fase di purificazione con un aumento dei linfociti e degli eosinofili (leucocitosi eosinofila). Il processo cronico, pigro, di regola, è accompagnato da limfotsitoz.

La proliferazione maligna incontrollata (riproduzione) viene chiamata leucemia o leucemia (non deve essere confusa con leucocitosi). I leucociti in questa malattia cessano di svolgere la loro funzione, dal momento che non possono differenziare a causa di un fallimento nella formazione del sangue. Pertanto, la leucemia è pericolosa non tanto per l'aumento della crescita del numero di globuli bianchi, quanto per la mancanza di capacità di svolgere le loro funzioni. Il trattamento della leucemia è un compito difficile per gli ematologi, che, purtroppo, non sempre viene risolto con successo. Dipende dalla forma di leucemia.

Molte persone credono che i leucociti esistano per mostrare la presenza o l'assenza di infiammazione e, nel frattempo, la sfera di attività dei globuli bianchi è molto ampia. Se i leucociti (in particolare le cellule T) non fossero colpiti dall'infezione da HIV, probabilmente avremmo potuto sconfiggere l'AIDS.

Il successo del trapianto di organi dipende interamente dal comportamento di queste cellule. Sentendo "qualcun altro", possono immediatamente emettere un comando per la distruzione, e l'organo nel nuovo proprietario non attecchirà.

Fattori chemiotossici di allergia e asma neutrofili ed eosinofili

Gli eosinofili e i neutrofili sono cellule mobili che "si appiattiscono" sul vetro e rispondono alla chemiotassi (migrazione graduale) e alla (o) chemochinesi (un aumento del tasso di movimento casuale).

Teoricamente, ci sono diversi meccanismi che spiegano l'accumulo di cellule nelle aree di infiammazione dei tessuti. Includono aumento della chemochinesi, ritardo di contatto delle cellule nel fuoco infiammatorio e riduzione della produzione di cellule dal fuoco. A questo proposito, il meccanismo più interessante è la migrazione delle cellule dalle navi sotto l'azione dei mediatori chemiotattici. Questo processo comporta l'attaccamento iniziale delle cellule all'endotelio vascolare (la maggior parte dei mediatori chemiotassici facilitano l'adesione dei granulociti), seguita da diapedesi e migrazione diretta lungo il gradiente chemotattico. I mediatori dell'infiammazione coinvolti in questo processo per le allergie e l'asma non sono stati stabiliti con precisione.

Fattori chemiotattici neutrofili per allergie e asma

L'attività chemiotattica neutrofila indotta dall'allergene (HXA) è identificata in vitro (cioè da cellule effettrici specificamente sensibilizzate) o in vivo (nei fluidi corporei in soggetti allergici dopo la provocazione di allergeni).

Nel 1977, Atkins et al. descritto NHA termostabile altamente termostabile rilasciato in circolazione nei pazienti con asma bronchiale dopo l'inalazione di un antigene specifico. Gli stessi ricercatori hanno dimostrato che l'introduzione preliminare di disodio cromo (DNCH, hromolin) sopprime la secrezione di NHA, che indica la connessione di questo fenomeno con i mastociti. L'osservazione dei cambiamenti nella concentrazione di NAA con il rilascio di istamina da frammenti sensibilizzati immunologicamente stimolati dei polmoni conferma questa visione.

Per esempio, O'Driscoll et al., Usando frammenti polmonari stimolati da anti-IgE di coniglio, ha mostrato che, negli esseri umani, l'HHA ad alto peso molecolare ha origine polmonare. La NAA del polmone umano sembra essere eterogenea, sebbene uno dei picchi di attività abbia caratteristiche quasi identiche (con filtrazione su gel, cromatografia a scambio ionico, messa a fuoco isoelettrica) con NAA isolata dal sangue di pazienti con asma.

Quindi, vi è evidenza dell'isolamento di composti altamente molecolari simili nella stimolazione immunologica di frammenti polmonari in vitro e provocazione per inalazione nell'asma bronchiale in vivo. Di interesse sono le osservazioni di Schenkel et al., Che ha descritto l'NAA ad alto peso molecolare dai frammenti polmonari di porcellini d'India attivamente sensibilizzati dopo l'introduzione della dose risolutiva di un antigene specifico. La NAA sembra rappresentare la parte principale dell'attività chemiotattica dei neutrofili (a differenza degli eosinofili) in questi supernatanti polmonari. L'evidenza per l'origine derivata dal grasso della NAA (come l'unica) rimane inconcludente, sebbene vi sia ragione di ritenere che la sostanza rilasciata insieme all'istamina e ai DNCH bloccati abbia qualcosa a che fare con i mastociti.

Secrezione non specifica della NAA

Di particolare interesse sono le osservazioni riguardanti la presenza di NAA con stimolazione non immunologica. Wasserman et al. descritto VM-NHF rilasciato nel sangue venoso (insieme all'istamina) dopo l'immersione a freddo di pazienti con orticaria da freddo. NAA simili sono stati identificati nell'orticaria colinergica, solare e termica dopo la presentazione di stimoli appropriati. Lee et al. ha dimostrato che l'NHA, determinato nel siero in caso di asma causato dall'esercizio (NHA-fn), è fisicamente e chimicamente identico alla NAA nei pazienti asmatici che hanno ricevuto una dose risolvente di antigene attraverso i bronchi (NHA-ag). Quindi, NHA-fn e NHA-ag hanno un peso molecolare di 600.000 dalton, eluiscono con un picco singolo di attività tra 0,15 e 0,30 M NaCl con cromatografia a scambio anionico su DEAE Sephacell, e i loro punti isoelettrici, determinati mediante elettrofocusing, sono nell'intervallo tra 6 e 6,5. L'intensità di NHA-fn e NHA-ag dopo incubazione con tripsina e chimotripsina è significativamente ridotta (sia nella dose che nella dipendenza temporale). Queste caratteristiche sono quasi simili a quelle osservate nell'orticaria fredda NHF (macromolecola con un punto isoelettrico neutro).

I dati ottenuti indicano chiaramente una stretta relazione o un'analogia completa tra gli NHP formati nell'asma e nell'orticaria dopo un'appropriata stimolazione e il NHF, secreto dai frammenti dei polmoni di cavie e umani. Tuttavia, fino alla definizione della struttura chimica, questo problema non può essere risolto alla fine. Fino ad ora, qualsiasi definizione dell'intensità della NAA include necessariamente test biologici (metodo di Boyden, in cui i normali neurotrofi fungono da cellule indicatrici).

Gli stimoli che causano l'insorgenza di NAA con asma indotta dall'esercizio

La prova che la NAA si verifica con l'asma causata dall'esercizio (AVFN), ed è assente dal broncospasmo a causa di iperventilazione, indica l'esistenza di differenze tra l'AVFN e l'iperventilazione isocapnica (EKGV) [2]. Ad esempio, l'aria fredda IKGV non è accompagnata da una fase di broncodilatazione (osservata durante l'esercizio in pazienti con asma sintomatico), fase latente, periodo refrattario e basofilia del sangue. Inoltre, i farmaci anticolinergici che danno asma indotto dall'esercizio in una certa parte dei pazienti non influenzano la resistenza del flusso d'aria, che si verifica quando l'aria raffreddata con IKHV. Queste osservazioni mostrano che sebbene la perdita di calore e / o acqua nelle vie aeree possa essere un fattore di inizio (stimolo), anche altri fattori contribuiscono all'insorgenza dell'AVFN.

La partecipazione del NHA alle reazioni della fase finale

Abbiamo scoperto che la NAA viene rilasciata durante le reazioni asmatiche tardive dopo l'inalazione dell'antigene. Un aumento tardivo della NAA precede la caduta tardiva del FEV di circa 3 ore ed è più stabile rispetto a una reazione asmatica immediata (1015 minuti dopo il carico dell'antigene). Le caratteristiche fisico-chimiche dell'HCA tardiva sono simili a quelle della fase iniziale (stesso peso molecolare, parametri cromatografici identici sulla cellula DEAE-Sepha e punti isoelettrici). Queste osservazioni supportano la suggestione del coinvolgimento dei mastociti sia nelle fasi tardive che nelle prime fasi della reazione. L'esatto meccanismo di attivazione dei mastociti nelle reazioni tardive non è chiaro. Può essere associato al secondo rilascio spontaneo di mediatori da mastociti già attivati, come mostrato in

mastociti peritoneali di ratto. In alternativa, si presume che l'infiltrazione di cellule infiammatorie (probabilmente neutrofili) induca un secondo rilascio di NAA rilasciando il contenuto del lisosoma, come è stato dimostrato in precedenza in esperimenti in vitro. È improbabile che il secondo rilascio di NAA sia immunologicamente specifico (cioè a causa del lento assorbimento dell'antigene), poiché le reazioni asmatiche tardive durante l'esercizio fisico sono accompagnate anche da un aumento tardivo della NAA. L'entità e la dinamica della diminuzione del FEV1 e l'aumento di NHA nelle fasi iniziali e tardive dell'asma causate dall'esercizio fisico sono simili a quelle precedentemente descritte con il carico di inalazione antigenico.

NAA con stato asmatico

Il contenuto di NAA nel siero di pazienti con stato asmatico (stato asmatico) [Buchanan et al., 1987] aumenta rispetto al gruppo di controllo (asma lieve, ostruzione del flusso aereo irreversibile, malattie polmonari non infettive, condizioni asintomatiche). Modifiche seriali di NHA sono state eseguite anche in 12 pazienti con asma acuto al momento del ricovero in clinica, 3 giorni dopo l'inizio del trattamento e alla dimissione (circa il 7 ° giorno). Rivelato molto affidabile (p 7.0, è stato osservato nelle forme acute e lievi di asma e

Queste osservazioni indicano

quanto segue: a) l'attività chemotattica neutrofila altamente molecolare associata con l'asma (HMM-NHA) è determinata nel siero nella forma acuta della malattia; b) l'attività è significativamente ridotta durante il trattamento; c) BMM-NHA con stato asmatico (e in alcuni gruppi di controllo) è eterogeneo; d) il picco dell'attività chemiotattica è associato con una massa molecolare di 600 kD e un punto isoelettrico di pi tra 6.0 e 7.0. Pertanto, in base a questi parametri, l'attività è paragonabile a quella osservata nelle reazioni allergiche e precoci e tardive asmatiche causate dall'esercizio.

Il ruolo fisiopatologico della NAA nelle reazioni allergiche tissutali, al contrario del suo valore come marker per l'attivazione dei mastociti, è attualmente solo oggetto di indagine. A causa delle notevoli difficoltà nell'ottenere sufficienti quantità di NHA per studi biologici dettagliati, non è possibile il confronto della NAA con altri mediatori noti di ipersensibilità rispetto a un'attività specifica. Tuttavia, abbiamo dimostrato che NAA, come altri chemoattrattanti, ha vari effetti sulla funzione dei leucociti neutrofili, incluso un aumento del movimento casuale e direzionale, un aumento del numero di recettori S3B su leucociti neutrofili, stimolazione della secrezione di lisozima e (in misura minore) mieloperossidasi, così come l'accelerazione della morte dipendente dal complemento mediata dai neutrofili delle larve di elminti. Pertanto, l'NHA ha caratteristiche simili a quelle di altri chemoattrattanti, con il potenziale significato del principale partecipante alla risposta infiammatoria.

Macromolecola NHA-termostabile, che, a quanto pare, è un utile marker di attivazione immunitaria o non specifica dei mastociti. L'origine della NAA dai mastociti o da eventuali cellule secondarie attivate a causa della degranazione dei mastociti non è stata ancora stabilita. Questo fattore (o fattori) è stato identificato nell'orticaria fisica, così come nelle fasi iniziali e tardive dell'asma,

antigene o carichi. La NAA viene escreta in alcuni tipi di asma alimentare. L'attività biologica del NHA è simile ad altri fattori chemiotattici, ma il potenziale comparativo e l'attività specifica di questi fattori non sono ancora stati determinati. Probabilmente, questo mediatore è particolarmente interessante per i medici che vogliono determinare con precisione il ruolo delle cellule del mediatore e dei loro prodotti in varie malattie allergiche.

Riduzione dei neutrofili

In molti altri articoli di questo sito abbiamo già discusso le domande su quali fattori possono portare ad un aumento o diminuzione di vari tipi di globuli bianchi. Di norma, alcuni motivi specifici portano ad un aumento del loro numero, a seconda di cosa funzioni questa o quella cellula nel corpo. Ad esempio, i linfociti combattono i virus, quindi il loro numero aumenta con le infezioni virali. Il declino si verifica principalmente sotto l'azione di cause più generali che causano l'inibizione della formazione di tutti i leucociti. Anche il numero di neutrofili e le sue variazioni sono determinati dalle regolarità elencate. Bassi neutrofili possono essere il risultato del paziente che ha varie malattie e condizioni.

Infezioni a lungo termine (batteriche, fungine):

In generale, durante i processi infettivi, aumenta il numero di neutrofili, poiché aumenta la necessità di queste cellule e il corpo cerca di riempirlo. Sotto l'azione di certe sostanze secrete sia dai microbi stessi che dalle cellule del sistema immunitario, il midollo osseo rosso inizia a lavorare sodo, gettando nel sangue tutte le nuove porzioni di neutrofili. Il numero normale di tutti i leucociti nel sangue è 3-9 miliardi per litro. Con un numero di malattie, il loro numero può aumentare fino a 20-30 miliardi, e questo è principalmente dovuto al tipo descritto di cellule.

Sfortunatamente, le risorse del corpo sono esaurite. Se una persona non si riprende, arriva un momento in cui il midollo osseo "si stanca" e smette di rispondere a segnali allarmanti che lo costringono a produrre neutrofili. Nel frattempo, queste cellule nei tessuti e nel flusso sanguigno continuano a morire nella lotta contro i germi. Tutto ciò porta a una diminuzione dei neutrofili al di sotto dei livelli normali.

Nello stesso momento molto spesso c'è uno spostamento della formula di leucocita a destra. Poiché le nuove cellule non si formano e le giovani forme di neutrofili gradualmente "invecchiano", solo un piccolo numero di forme "vecchie" (neutrofili segmentati), che sono inferiori alla norma, vengono determinate nelle analisi.

Qualsiasi fattore esterno che sopprima la produzione di neutrofili:

Ci sono ragioni che influenzano le fasi iniziali della formazione di queste cellule. Bassi neutrofili si formano a causa del fatto che il midollo osseo è soppresso negli esseri umani. Ciò si verifica sotto l'influenza di alcuni rischi professionali di persone che lavorano nella produzione di sostanze pericolose e veleni. Inoltre, questo accade in casa e altri avvelenamenti, non legati all'attività professionale dell'uomo.

Nelle malattie che non sono correlate al sistema sanguigno, i livelli di neutrofili possono anche scendere al di sotto dei livelli normali. Questo, di regola, è causato dall'assunzione di farmaci che influenzano in modo aggressivo la formazione del sangue.

La capacità di sopprimere la formazione di neutrofili ha ormoni, corticosteroidi. Queste sostanze sono formate nel corpo umano nelle ghiandole surrenali. Normalmente vengono prodotti lì in piccole quantità e partecipano a determinati processi fisiologici. Gli ormoni derivati ​​artificialmente in grandi dosi vengono introdotti nel corpo, poiché hanno una serie di benefici effetti terapeutici. Sfortunatamente, influenzano negativamente le condizioni del sangue. Pertanto, quando trattano l'asma bronchiale grave, i processi autoimmuni e altre malattie, i pazienti possono manifestare effetti collaterali sotto forma di una diminuzione del sangue degli elementi formati.

Anche il numero di neutrofili diminuisce significativamente quando si usano farmaci per curare il cancro: la chemioterapia e la radioterapia. Queste tecniche sono progettate per sopprimere la formazione e la divisione delle cellule tumorali. Sfortunatamente, i farmaci e le radiazioni ionizzanti non hanno un effetto mirante solo sui tumori, quindi allo stesso tempo influenzano altri tessuti che si dividono in modo intensivo, incluso il tessuto del midollo osseo.

Delle influenze esterne che sono dannose per il numero di neutrofili, è opportuno ricordare la scarsa situazione ambientale. Per lungo tempo vivendo in un territorio con scarsa ecologia, una persona potrebbe non notare alcun inconveniente. Tuttavia, un aumento dell'incidenza, la comparsa di una tendenza alle allergie, un cambiamento nelle norme di laboratorio (compresa una diminuzione dei neutrofili) può indicare che la salute umana è in pericolo.

Disturbi del sangue:

Stiamo parlando principalmente di malattie congenite, in cui la produzione di neutrofili è ridotta a causa di una mutazione in alcuni geni. Ad esempio, nei pazienti con anemia aplastica, il midollo osseo non funziona affatto, quindi non si verifica la formazione di cellule del sangue. Ci sono altre malattie simili, ma in ogni caso sono estremamente rare. Pertanto, se si osserva una diminuzione dei neutrofili in voi, allora è improbabile che si verifichi sotto l'influenza di tali malattie.

Mantenere un numero normale di neutrofili è una condizione importante per mantenere la protezione completa del corpo contro i batteri. Questo è il motivo per cui dovremmo fare attenzione che il loro numero sia sempre normale. È impossibile influenzare lo stato di un solo tipo di cellule, quindi è importante pensare al benessere dell'intero sistema immunitario.

Uno stile di vita sano e la lotta contro le malattie esistenti sono semplicemente necessari per questo. Inoltre, è importante prendere mezzi speciali con effetti immunomodulatori. Tra questi, il miglior profilo di efficienza e sicurezza ha uno strumento chiamato Fattore di trasferimento. Il lieve effetto benefico sulla funzione del sistema immunitario consente di avere un buon effetto sullo stato immunitario e sulla salute di qualsiasi persona.

© 2009-2016 Transfaktory.Ru Tutti i diritti riservati.
Mappa del sito
Mosca, st. Verkhnyaya Radischevskaya d.7 bld.1 di. 205
Tel: 8 (495) 642-52-96

Neutrofili allergici

Perché i neutrofili si sono abbassati nel sangue, cosa significa?

I neutrofili sono il gruppo più grande di globuli bianchi che proteggono il corpo da molte infezioni. Questo tipo di globuli bianchi si forma nel midollo osseo.

Sommario:

Penetrando nei tessuti del corpo umano, i neutrofili distruggono i microrganismi patogeni e alieni con il metodo della loro fagocitosi.

Lo stato in cui i neutrofili sono ridotti nel sangue è chiamato neutropenia in medicina. Questo di solito indica una rapida distruzione di queste cellule, una compromissione organica o funzionale della formazione di sangue nel midollo osseo e l'esaurimento del corpo dopo malattie di lunga durata.

A proposito di neutropenia, se il contenuto di neutrofili in un adulto è al di sotto della norma e varia tra 1,6 X 10 e meno. La riduzione può essere vera se la loro quantità nel sangue cambia e relativa se la loro percentuale diminuisce rispetto al resto dei leucociti.

In questo articolo, vedremo perché i neutrofili sono ridotti negli adulti, e cosa significa, così come come aumentare questo gruppo di leucociti nel sangue.

Qual è il tasso di neutrofili?

La conta dei neutrofili nel sangue dipende dall'età della persona. Nei bambini fino a un anno, i neutrofili costituiscono dal 30% al 50% dei leucociti, quando un bambino cresce, il livello dei neutrofili inizia ad aumentare e in sette anni il numero dovrebbe essere compreso tra il 35% e il 55%.

Negli adulti, il tasso può variare dal 45% al ​​70%. In caso di deviazioni dalla norma, quando l'indicatore è più basso, possiamo parlare di un livello ridotto di neutrofili.

Gradi di gravità

Neutropenia negli adulti:

  • Neutropenia leggera - da 1 a 1,5 * 109 / l.
  • Neutropenia moderata - da 0,5 a 1 * 109 / l.
  • Neutropenia grave - da 0 a 0,5 * 109 / l.

Tipi di neutropenia

In medicina, ci sono tre tipi di neutropenia:

I neutrofili possono periodicamente diminuire, quindi tornare alla normalità. In questo caso stiamo parlando della ciclicità della neutropenia. Può essere una malattia indipendente o svilupparsi in alcune malattie. La forma benigna congenita è ereditata e non si manifesta clinicamente.

classificazione

La medicina moderna distingue due tipi di neutrofili:

  • Band-nerve - immaturo, con nucleo a forma di bastoncino non completamente formato;
  • Segmentale: ha un nucleo formato che ha una struttura chiara.

La presenza di neutrofili nel sangue, così come le cellule come monociti e linfociti, è breve: varia da 2 a 3 ore. Quindi vengono trasportati ai tessuti, dove rimarranno da 3 ore a un paio di giorni. L'ora esatta della loro vita dipende dalla natura e dalla vera causa del processo infiammatorio.

Cause di neutrofilo ridotto

Cosa significa? Se un esame del sangue mostra che i neutrofili sono abbassati, è necessario iniziare immediatamente l'eliminazione attiva della causa.

Questi fattori sono:

  • processo infiammatorio di lunga durata nel corpo;
  • grave infezione virale (morbillo, rosolia, HIV);
  • infezione fungina generalizzata;
  • agenti parassitari (toxoplasmosi, malaria);
  • patologia ereditaria (sindrome di Kostman);
  • esposizione alle radiazioni;
  • chemioterapia nel trattamento dell'oncologia;
  • elminti, più specificamente, tossine secrete da loro;
  • allergie (i neutrofili sono abbassati dopo anafilassi);
  • l'azione delle tossine esogene (alcuni veleni e sostanze chimiche);
  • assunzione di alcuni farmaci (cloramfenicolo, zidovudina, antibiotici sulfanilammide);
  • lesione del processo tumorale del midollo osseo, inclusa la metastasi.

Tuttavia, giudicare la malattia solo sulla base di un singolo esame del sangue non è molto affidabile. Per fare una diagnosi corretta, è necessario non solo stimare il numero di neutrofili nel sangue, ma anche altri importanti indicatori. Ecco perché molte persone credono che fare una diagnosi corretta sia solo per donare il sangue. Ma i conteggi del sangue sono indiretti. Inoltre, solo con questa analisi e senza esaminare il paziente, è difficile determinare con che cosa esattamente la persona si è ammalata: elminti o rosolia.

I neutrofili segmentati si abbassano e i linfociti si alzano

Se i neutrofili segmentati sono abbassati e i linfociti sono elevati, le cause di questa condizione possono essere:

Quindi, possiamo concludere: se i linfociti sono elevati e i neutrofili sono abbassati, allora è presente nel corpo un'infezione, molto probabilmente un virus. Tuttavia, i risultati degli esami del sangue devono essere confrontati con il quadro clinico.

Se non ci sono segni di malattia, può essere un portatore del virus. Con una diminuzione del livello dei granulociti con un aumento simultaneo dei linfociti, è necessario un esame completo, dal momento che patologie così pericolose come l'epatite e l'HIV non sono escluse.

trattamento

Dovrebbe essere chiaro che non ci sono mezzi diretti per aumentare i neutrofili negli adulti. Per loro, si applicano le stesse condizioni come con i leucociti ridotti in generale. Quando viene rilevata una deviazione pronunciata dalla norma, il medico dovrebbe adottare misure per eliminare la causa della patologia il più presto possibile.

In alcuni casi, la causa è uno squilibrio di nutrienti, e quindi il compito è correggere lo sfondo delle vitamine del gruppo B (in particolare B9 e B12) con l'aiuto di droghe o una dieta. Di norma, dopo che il fattore provocante è stato eliminato, il conteggio dei neutrofili ritorna normale entro 1-2 settimane.

Leucocitosi: quando e perché si verifica, forme, classificazione e funzione dei leucociti

La composizione e la funzione delle specie dei leucociti sono diverse. La reazione agli eventi che si svolgono nel corpo è istantanea. Nella maggior parte dei casi, la leucocitosi è considerata una reazione difensiva, ma ci sono altre ragioni per l'aumento del numero di globuli bianchi.

La popolazione dei leucociti (Le) è abbastanza organizzata, anche se sembra che abbiano quasi un'intelligenza, perché tutti sanno che cosa sta accadendo e dove sono inconfondibilmente inviati alle loro lesioni, riconoscono il loro e gli altri, uccidono gli ospiti indesiderati. che sono spesso agenti infettivi. Rispondono al malessere nel corpo aumentando l'attività e aumentando il contenuto nel sangue periferico. Leucocitosi - il cosiddetto processo.

C'è una rigida gerarchia nelle loro popolazioni: chi è destinato ad essere comandato e chi deve essere eseguito in modo impeccabile. È impeccabile, perché altrimenti la complessa struttura delle interazioni si romperà e il corpo non ce la farà. Ecco perché, solo una persona arriva in ospedale, prima di tutto prendono un "due", cioè ESR e leucociti, poiché la leucocitosi è un'importante caratteristica diagnostica di molte malattie.

Cause della leucocitosi

Per non essere spaventati e valutare correttamente la situazione in cui viene effettuata l'analisi e vi è un chiaro aumento dei globuli bianchi, è necessario conoscere le cause della leucocitosi, che può essere molto varia:

  • Qualsiasi processo infettivo acuto, persino ARVI, persino l'influenza, sebbene, Dio non voglia, la peste o il colera daranno la leucocitosi, poiché i leucociti, essendo cellule immunocompetenti, sicuramente reagiranno;
  • Malattie infiammatorie croniche localizzate in qualsiasi organo danno anche leucocitosi, sebbene non così pronunciate, dal momento che il corpo sembra abituarsi e non combatte così attivamente;
  • A causa del fatto che i leucociti corrono verso i luoghi dove c'è un problema, i tessuti feriti in caso di ferite devono "chiamare" i leucociti per aiutare;
  • Leucocitosi manifesterà e accetterà il cibo, quindi non è raccomandato prenderlo prima della consegna dell'analisi. Digestivo (leucocitosi alimentare) si verifica quando i leucociti entrano in circolo dal deposito di sangue e si accumulano nello strato sottomucoso dell'intestino dopo un abbondante pasto (funzione protettiva). Questo processo è fisiologico, tuttavia, costringerà una persona ad essere agitata e il medico può essere fuorviante;
  • Se ci sono evidenti manifestazioni di allergia, è meglio non passare l'analisi - i leucociti saranno sicuramente aumentati, lo stesso vale per le persone con malattie autoimmuni, perché il corpo è in costante lotta;
  • Livelli aumentati di leucociti possono essere osservati con dolore severo ed effetti emotivi, perché i globuli bianchi non rimarranno indifferenti al dolore, a gravi stress fisici e psico-emotivi;
  • I leucociti possono "sentire qualcun altro" quando certe sostanze medicinali entrano nel corpo e, "decidendo" che devono combattere, iniziano a moltiplicarsi vigorosamente;
  • La leucocitosi nei bambini è causata più spesso che negli adulti, le ragioni della sua insorgenza sono tutti i fattori sopra citati, ma, oltre a questo, bisogna tenere presente che il corpo dei bambini reagisce più velocemente e più spesso a qualsiasi effetto. I bambini amano i giochi all'aperto, corrono molto e se eseguono un'analisi subito dopo l'attività fisica, la leucocitosi è garantita. L'aumento del contenuto di globuli bianchi svolge la funzione metabolica nei neonati, quindi il suo alto tasso non è nemmeno un segnale di avvertimento;
  • Un tale processo fisiologico, come la gravidanza, porta anche alla leucocitosi, dal momento che il corpo della donna inizia a prepararsi a proteggere se stesso e il bambino molto prima della nascita, quindi un numero elevato di globuli bianchi durante la gravidanza è un fenomeno completamente naturale. Leucocitosi nelle donne in gravidanza di solito previene l'infezione nel corpo della donna durante il travaglio e stimola la funzione contrattile dell'utero;
  • La formula dei leucociti di un uomo è più stabile se non è appassionato di gola, non pratica sport di forza e non è particolarmente zelante nel lavoro muscolare pesante, poiché in queste condizioni fisiologiche questi fattori costituiscono le principali cause della leucocitosi. Inoltre, miogenico, causando un aumento dei globuli bianchi di un fattore di 3-5, leucocitosi può essere sia redistributiva che vera a causa dell'aumento della leucopoiesi;
  • Violazione della leucopoiesi nel midollo osseo, non associata ad effetti fisiologici - la peggiore ragione per aumentare il numero di globuli bianchi, perché quindi non sarà una questione di reazione del corpo, ma di una specifica malattia.

formazione di cellule del sangue, compresi i leucociti (leucopoiesi) nel midollo osseo

In relazione a quanto sopra, ci sono varietà di leucocitosi, che hanno costituito la base della sua classificazione.

Classificazione e caratterizzazione dei globuli bianchi

Circa mezzo secolo fa, il limite inferiore della norma dei leucociti variava da 5, 5-6,0 G / l, ora questo livello è sceso a 4,0 G / l, o anche meno. Ciò è dovuto all'urbanizzazione ubiquitaria, all'aumento del background radioattivo, all'uso di un gran numero di farmaci, a volte irragionevoli. Tuttavia, la leucocitosi non è scomparsa da nessuna parte e, in determinate circostanze, si fa sentire come un sintomo di qualche malattia, poiché non è un'unità nosologica indipendente.

Si distinguono i seguenti tipi di leucocitosi:

  1. Fisiologico (ridistributivo o, come si usava chiamare, relativo), a causa della ridistribuzione di un numero maggiore di globuli bianchi tra i vasi di vari organi;
  2. Patologico (reattivo o assoluto) associato a leucopoiesi alterata nella patologia degli organi che formano il sangue o che si presenta come risposta di un organismo a processi infettivi, infiammatori, settici e allergici.

La classificazione dei leucociti e delle leucocitosi si basa sui tipi di globuli bianchi, le loro funzioni e il loro comportamento. I globuli bianchi, a seconda della presenza o assenza di specifici granuli nel citoplasma, sono suddivisi in due file: granulociti e agranulociti.

Che tipo di cellule sono questi - leucociti? Perché si comportano in questo modo e perché a loro importa? Che cosa significano i termini "leucocitosi neutrofila ed eosinofila", che i medici menzionano spesso? Perché la leucocitosi è pericolosa o non è affatto pericolosa?

E puoi capire questo, se conosci le proprietà di base dei leucociti.

Le principali proprietà dei leucociti, i loro compiti e funzioni

Le dimensioni dei leucociti, a seconda del tipo, vanno da 7,5 a 20 micron, contengono molti enzimi (peptidasi, lipasi, diastasi, proteasi), che si trovano in uno stato di riposo in isolamento (nei lisosomi) e sono chiamati enzimi lisosomiali. I leucociti svolgono le loro funzioni all'esterno delle navi e usano il letto vascolare solo come una strada. Sono caratterizzati dal movimento amebico, attraverso il quale penetrano attraverso l'endotelio dei capillari (diapidi) e vengono inviati alla lesione (chemiotassi positiva). Il movimento inverso dei leucociti dalla fonte di irritazione è chiamato chemotassi negativa.

Se parliamo del tasso dei leucociti, qui l'intervallo di variazione è abbastanza ampio (4,0-9,0 G / l), inoltre, il sangue prelevato da un dito contiene informazioni solo sulla sesta parte dei globuli bianchi, perché il loro habitat principale è tessuti. E per capire dove si trova la norma e dove si trova la patologia, ovviamente, è necessario sapere qual è la popolazione di leucociti, quali attività svolge, a cosa servono e se vale la pena preoccuparsi se improvvisamente vi è un alto contenuto di globuli bianchi nel test del sangue generale.

La durata della vita dei leucociti dipende dalla specie e varia da diversi giorni a 20 anni o più. Lunga vita è destinato a quei leucociti che sono diventati "celle di memoria", perché anche dopo un lungo periodo di tempo sono obbligati a riconoscere lo "straniero" che hanno incontrato molti anni fa. "Ricordandolo", devono immediatamente "informare le specie interessate". Quelli, a loro volta, devono "dare il comando" per distruggere lo straniero.

I compiti principali dei globuli bianchi possono essere rappresentati come segue:

  • I leucociti sono coinvolti nella formazione dell'immunità cellulare e umorale, che è la loro funzione protettiva;
  • Entrano nel tratto gastrointestinale, assorbono i nutrienti e li trasferiscono nel sangue, che è particolarmente importante per i neonati che, essendo allattati al seno, preparano immunoglobuline madre inalterate insieme a latte che può proteggere una piccola persona da molte infezioni. Ecco perché un bambino di meno di un anno non ha paura, per esempio, dell'influenza. La natura pensava a tutto, dotando i leucociti della funzione metabolica;
  • Sciogliere (lisi - lisi) i tessuti danneggiati ed eseguire il compito istolitico;
  • Distruggono vari segnalibri che non sono affatto necessari, anche nel periodo embrionale, la funzione morfogenetica.

Un esame del sangue dettagliato prevede il conteggio non solo del numero totale di leucociti, ma anche della percentuale di tutti i tipi di globuli bianchi presenti in uno striscio. A proposito, il rapporto percentuale deve essere convertito in valori assoluti (profilo leucocitario), quindi il contenuto informativo dell'analisi aumenterà in modo significativo.

Serie di granulociti

Gli antenati dei leucociti (mieloblasti) appartenenti alla serie dei granulociti hanno origine nel midollo osseo, dove attraversano diversi stadi e non entrano nel flusso sanguigno fino alla fine della maturazione. Nel sangue periferico in determinate condizioni patologiche (o per puro caso - 1 cellula) si possono trovare metamelociti. Queste sono cellule giovani (giovani), sono anche i precursori dei granulociti. Tuttavia, se per qualche ragione i giovani appaiono nel sangue, e allo stesso tempo non possono essere visti, ma contati in una macchia, allora si può giudicare il passaggio a sinistra (per leucemia, malattie infettive e infiammatorie). Un aumento del tratto delle vecchie forme indica uno spostamento della formula a destra.

formazione di cellule del sangue da cellule staminali nel midollo osseo

Le cellule dei granulociti sono dotate di funzioni enzimatiche e metaboliche pronunciate, pertanto la granularità neutrofila, eosinofila e basofila intrinseca in esse è strettamente correlata all'attività della cellula, e per ogni specie è strettamente specifica, cioè non può trasformarsi da un tipo all'altro.

Rappresentanti granulocitari

Per maturare i granulociti appartengono:

I. Neutrofili

I neutrofili rappresentano il più grande gruppo di globuli bianchi e costituiscono il 50-70% dell'intera popolazione. I granuli nel loro citoplasma hanno un'elevata attività battericida (myeloperekksidaza, lisozima, proteine ​​cationiche, collagenasi, lattoferrina, ecc.). Inoltre, i neutrofili hanno recettori per immunoglobuline (IgG), citochine e proteine ​​del complemento. Solo l'1% di queste cellule nello stato normale è nel sangue, il resto è concentrato nei tessuti.

I neutrofili si precipitano prima nei punti focali dell'infiammazione, fagocitari (cattura) e distruggono gli agenti nocivi, sono i principali difensori del corpo da microbi e tossine. Con varie infezioni, il loro numero può aumentare di 5-10 volte (leucocitosi neutrofila), e quindi non solo le cellule mature, ma anche quelle giovani, fino ai mielociti, iniziano a entrare nel sangue periferico. In questi casi, parla della formula dei leucociti con uno spostamento a sinistra.

II. eosinofili

Gli eosinofili rappresentano l'1-5% di tutti i leucociti. Il nome ha il suo, perché è ben suscettibile alla colorazione con colorante eosina. Rimangono nel flusso sanguigno per diverse ore, e poi vengono inviati ai tessuti, dove vengono distrutti. Gli eosinofili svolgono funzioni fagocitiche e disintossicanti (neutralizzano le tossine), distruggono le proteine ​​estranee, neutralizzano i prodotti di reazione dell'anticorpo antigene catturando l'istamina e altre sostanze, producono istaminasi, partecipano alla formazione del plasminogeno, cioè sono un'unità di fibrinolisi. Oltre ai vantaggi elencati, gli eosinofili contengono:

  1. Proteina alcalina antiparassitaria;
  2. prostaglandine;
  3. leucotrieni;
  4. histaminase;
  5. Inibitori della mastocita e degenerazione dei basofili;
  6. Hanno recettori per IgE, IgG, IgM.

Considerando una composizione così ampia di leucociti di questo tipo, la leucocitosi eosinofila è un indicatore diagnostico significativo per le invasioni elmintiche e le reazioni allergiche, quando aumenta il numero di eosinofili e un segno incoraggiante per ARVI e alcune altre infezioni. Un livello elevato di eosinofili in questi casi indica un recupero imminente.

III. basofili

Basofili - letteralmente single in una macchia, solo 0-1%. Il loro compito è quello di produrre istamina, che espande i vasi capillari e promuove la guarigione delle ferite, e l'eparina, che è un anticoagulante naturale (sistema anticoagulante del sangue). Essi, insieme ai mastociti, vengono chiamati anche eparinociti. I basofili comprendono fattore attivante piastrinico (PAF), prostaglandine e leucotrieni. Sono dotati di recettori per le IgE, che svolgono un ruolo importante nel rilascio di istamina e la manifestazione di reazioni allergiche (orticaria, shock anafilattico, asma bronchiale).

I granulociti sono anche interessanti perché ricostituiscono le riserve energetiche a causa della glicolisi anaerobica e si sentono bene nei tessuti poveri di ossigeno, quindi si precipitano in un'infiammazione che è scarsamente rifornita di sangue. I neutrofili stessi, quando muoiono, rilasciano enzimi lisosomali che ammorbidiscono i tessuti e formano un punto focale suppurativo (ascesso), così il pus distrugge i neutrofili ei loro frammenti.

Agranulociti di grano

L'importanza e il significato degli agranulociti in tutte le reazioni immunologiche non possono essere sovrastimati, dal momento che svolgono un ruolo guida nel fornire l'immunità cellulare e umorale. Alcuni tipi di leucociti-agranulociti sono progettati per svolgere le seguenti attività:

monociti

I monociti costituiscono il 2-10% dell'intera comunità dei leucociti (macrofagi). Arrivano sulla scena immediatamente dopo i neutrofili, possiedono potenti proprietà battericide (specialmente in un ambiente acido), microrganismi fagocitari, distrutti iucociti e cellule morte, liberando l'area di infiammazione, per la quale sono chiamati "tergicristalli";

linfociti

Linfociti - (20-40% di tutte le cellule) che hanno lasciato un vaso sanguigno, dopo la specializzazione, non ritornano indietro. Inoltre, vivono a lungo - per decenni, in particolare - "celle di memoria".

I linfociti sono il collegamento centrale del sistema immunitario (cellule immunitarie), si prendono cura di mantenere la costanza dell'ambiente interno del corpo e sono in grado di riconoscere "loro" e "alieni". Inoltre, l'attività dei linfociti non si limita a questi compiti:

  1. Sintetizzano gli anticorpi (linfociti B);
  2. Lisci celle estranee. Questa funzione appartiene ai killer naturali (N-killer), che sono chiamati zero, perché non appartengono alle comunità linfocitiche B o T;
  3. Fornire un trapianto contro ospite e reazioni immunologiche host vs trapianto;
  4. Distruggi le loro cellule mutanti;
  5. Porta il corpo in uno stato di sensibilizzazione all'entrata di proteine ​​estranee.

I linfociti sono formati da una comune cellula staminale. Alcuni vengono inviati alla ghiandola del timo (ghiandola del timo), dove subiscono "addestramento" e diventano linfociti T di varie "professioni":

  • T-helpers o helper (tutti sanno e danno comandi);
  • T-soppressori (sopprimere la risposta immunologica quando non è più necessario);
  • T-killer (si uccidono a livello dell'immunità cellulare);
  • T-amplificatori (effettori, acceleratori dei processi immunitari);
  • Cellule di memoria immunologica che trasportano informazioni su malattie passate (perché molte persone si ammalano una volta nella vita).

La differenziazione delle cellule B si verifica nel midollo osseo rosso e negli organi linfoidi. La loro funzione principale è la produzione attiva di anticorpi e la fornitura di tutti i livelli di immunità umorale.

Solo una piccola parte dei linfociti circola nel sangue periferico, il resto migra costantemente attraverso i linfonodi, la milza e il midollo osseo.

Leucocitosi - la norma e la patologia

Tornando alla domanda: è necessario preoccuparsi se c'è un aumento del contenuto di leucociti, se non ci sono segni della malattia. Molto probabilmente non dovresti preoccuparti, perché una leucocitosi fisiologica moderata non porta alcun pericolo, la formula dei leucociti viene rapidamente ripristinata quando i fattori provocanti scompaiono.

Leucocitosi patologica, a differenza fisiologica, può essere molto pericolosa, in quanto è un segno di gravi malattie.

Nei processi infettivi acuti si verifica dapprima la leucocitosi neutrofila, che viene sostituita dallo stadio di monocitosi (un segno della vittoria del corpo sull'infezione) e, a sua volta, entra nella fase di purificazione con un aumento dei linfociti e degli eosinofili (leucocitosi eosinofila). Il processo cronico, pigro, di regola, è accompagnato da limfotsitoz.

La proliferazione maligna incontrollata (riproduzione) viene chiamata leucemia o leucemia (non deve essere confusa con leucocitosi). I leucociti in questa malattia cessano di svolgere la loro funzione, dal momento che non possono differenziare a causa di un fallimento nella formazione del sangue. Pertanto, la leucemia è pericolosa non tanto per l'aumento della crescita del numero di globuli bianchi, quanto per la mancanza di capacità di svolgere le loro funzioni. Il trattamento della leucemia è un compito difficile per gli ematologi, che, purtroppo, non sempre viene risolto con successo. Dipende dalla forma di leucemia.

Molte persone credono che i leucociti esistano per mostrare la presenza o l'assenza di infiammazione e, nel frattempo, la sfera di attività dei globuli bianchi è molto ampia. Se i leucociti (in particolare le cellule T) non fossero colpiti dall'infezione da HIV, probabilmente avremmo potuto sconfiggere l'AIDS.

Il successo del trapianto di organi dipende interamente dal comportamento di queste cellule. Sentendo "qualcun altro", possono immediatamente emettere un comando per la distruzione, e l'organo nel nuovo proprietario non attecchirà.

Cause di una diminuzione dei neutrofili nel sangue e metodi di correzione

I neutrofili sono una forma di cellule del sangue come i leucociti. Insieme ai linfociti e ai monociti, proteggono il nostro corpo dagli abitanti nocivi dell'ambiente - i microbi.

Va da sé che una diminuzione del livello di queste cellule minaccia di indebolire la difesa e un'alta probabilità di sviluppo e diffusione dell'infezione in tutto il corpo.

Tipi di neutrofili

Come sapete, la popolazione dei leucociti è eterogenea e comprende i nostri neutrofili, così come i linfociti, i monociti, gli eosinofili e i basofili. I neutrofili costituiscono il gruppo più grande tra i leucociti. A loro volta, i granulociti sono suddivisi in segmentati e nucleati in bande. I neutrofili si formano nel midollo osseo rosso di mioeloblasto. Nel processo di maturazione, vengono trasformati.

Si vede chiaramente perché un aumento delle forme immature è chiamato spostamento a sinistra.

Pertanto, i granulociti segmentati sono una forma matura. Hanno un nucleo segmentato e circolano nel sangue. In un incontro con un microbo o una particella straniera, assorbendolo e distruggendolo, muori. Queste sono le cellule piccole ed eroiche.

Mielociti, metamelociti e banda - forme giovani e immature di neutrofili. Va da sé che la popolazione di cellule che muoiono durante l'infezione deve essere reintegrata. Il midollo osseo produce intensivamente giovani neutrofili. Il loro numero nel sangue aumenta e il contenuto dei linfociti segmentati diminuisce. Questo modello, caratteristico in presenza di un processo infettivo-infiammatorio, è chiamato spostamento neutrofilo a sinistra.

Qual è la norma e come determinare

Il tasso di contenuto di neutrofili è indicato come percentuale del numero totale di leucociti. Le cellule segmentali costituiscono percentuali. Il valore di Banda non dovrebbe essere superiore al 5 percento. Altre forme immature nel sangue non dovrebbero essere rilevate. Se nel sangue vengono determinate le cellule dei giovani neutrofili, allora c'è un consumo di massa di forme mature, il che significa che un grave processo infettivo si sviluppa nel corpo.

I neutrofili vengono rilevati in un esame emocromocitometrico completo.

Per questi scopi, il sangue capillare viene prelevato dal dito.

Quando i neutrofili sono abbassati

I motivi che hanno causato la diminuzione del livello sono vari. I neutrofili bassi possono essere dovuti a:

  • processo infiammatorio di lunga durata nel corpo;
  • grave infezione virale (morbillo, rosolia, HIV);
  • infezione fungina generalizzata;
  • agenti parassitari (toxoplasmosi, malaria);
  • elminti, più specificamente, tossine secrete da loro;
  • allergie (i neutrofili sono abbassati dopo anafilassi);
  • l'azione delle tossine esogene (alcuni veleni e sostanze chimiche);
  • assunzione di alcuni farmaci (cloramfenicolo, zidovudina, antibiotici sulfanilammide);
  • patologia ereditaria (sindrome di Kostman);
  • esposizione alle radiazioni;
  • chemioterapia nel trattamento dell'oncologia;
  • lesione del processo tumorale del midollo osseo, inclusa la metastasi.

Lo stato in cui i neutrofili si abbassano è chiamato neutropenia.

La diminuzione del numero assoluto di leucociti neutrofili sotto 0,5 per 109 / litro è chiamata agranulocitosi.

La neutropenia può essere assoluta e relativa. È importante tenerne conto al momento della decodifica dei risultati. Solo la conta assoluta dei neutrofili sarà affidabile. Sebbene nella maggior parte dei casi il contenuto, sia in percentuale che in equivalente numerico, sia lo stesso.

Diminuzione dei leucociti neutrofili contro i linfociti elevati

Le ragioni di questa condizione possono essere che una persona ha avuto recentemente un'infezione virale acuta o influenza. Abbastanza rapidamente, torneranno alla normalità da soli. Tuttavia, questa combinazione può essere un segno delle seguenti malattie:

Questo è importante da considerare durante la diagnosi, sulla base di dati clinici.

Caratteristiche del corso di un processo infettivo sullo sfondo di neutropenia

Come notato sopra, i neutrofili sono il principale legame che reagisce all'agente estraneo. Quando sono contaminati dall'infezione, corrono verso il luogo della sua dislocazione e formano una fonte di infiammazione, prevenendo la diffusione di germi. Pus nella ferita, intossicazione e sindrome infiammatoria - i risultati della lotta contro i neutrofili con un agente estraneo.

La malattia può essere asintomatica se la persona ha inizialmente neutropenia. Successivamente, l'infezione si diffonderà rapidamente in tutto il corpo, portando alla sepsi.

La neutropenia può prima manifestarsi clinicamente:

  • angina purulento-necrotica;
  • stomatite e gengivite;
  • cistite e uretrite;
  • processo infiammatorio asintomatico con successivo sviluppo di osteomielite, ascessi e successivamente sepsi.

È molto importante che i pazienti con neutropenia non abbiano contatti con pazienti infetti. Evitare l'ipotermia, bozze. Evita i luoghi affollati. È necessario prevenire malattie infettive stagionali. I microbi completamente sicuri per gli esseri umani con un normale contenuto di globuli bianchi possono avere gravi conseguenze in pazienti con bassi neutrofili.

Molto spesso, il processo infettivo primario si sviluppa sulle mucose a contatto con l'ambiente esterno (angina purulenta)

Come ripristinare il livello adeguato di neutrofili

Per aumentare il contenuto di neutrofili, prima di tutto è necessario determinare la causa del loro declino. Molto spesso dopo un'infezione si riprendono da soli. Il trattamento mira a eliminare il fattore primario che conduce alla neutropenia.

Il trattamento farmacologico include diversi tipi di farmaci. Sono nominati solo con neutropenia stabile e manifesta. In neutropenia moderata, è indicato l'appuntamento con stimolanti leucopoiesi. Metililacile, pentoxil è ampiamente usato. Il trattamento viene effettuato sotto il controllo dell'immunogramma con la consultazione obbligatoria dell'immunologo. Se non è possibile aumentare il contenuto di neutrofili, vengono prescritti preparati di fattori stimolanti le colonie (filgrastim, lenograstim). Inoltre, questi farmaci sono prescritti a pazienti con agranulocitosi inizialmente espressa. I preparativi dei fattori stimolanti le colonie sono potenti. Hanno un numero di effetti collaterali. Sono prescritti solo in condizioni stazionarie.

In ogni caso, con la neutropenia, è necessario un esame approfondito per identificare la causa. Il trattamento viene eseguito da medici esperti, tra cui un ematologo.

È molto importante identificare la neutropenia e scegliere le tattiche di trattamento corrette prima dello sviluppo di gravi complicanze infettive.

Cosa indica il basso contenuto di neutrofili nel sangue ed è possibile aumentarli?

I neutrofili sono una specie di globuli bianchi che proteggono il corpo dalle infezioni. La loro formazione avviene nel midollo osseo e, con ulteriore penetrazione nel tessuto, distrugge i microrganismi patogeni. Lo stato in cui i neutrofili si abbassano è chiamato neutropenia e indica la presenza di patologie nel corpo.

Ne: cosa significa - definizione

Neutrofili (designazione Ne) - un gruppo di globuli bianchi, che è diviso in due sottogruppi.

  • Segmentato. Cellule mature con un nucleo segmentato che circolano nel sangue e svolgono la distruzione dei batteri a seguito del loro assorbimento.
  • Stab. Hanno un nucleo solido e a forma di barra. "Crescere" per segmentare, che successivamente consente l'attacco di microrganismi alieni.

Nel processo del processo infiammatorio vi è una diminuzione del numero di cellule segmentate e un aumento delle cellule staminali.

Lo schema di riduzione dei neutrofili è chiamato spostamento sinistro neutrofilo, tipico di quasi tutte le patologie infiammatorie. Tuttavia, il midollo osseo non può produrre costantemente neutrofili in un grande volume e con patologie infettive a lungo termine vi è una diminuzione di questo indicatore.

Numero assoluto

Il numero di cellule segmentate dipende dall'età della persona.

Le norme relative medie sono presentate nella tabella:

Le cellule staminali dovrebbero essere presenti nel sangue in una quantità non superiore al 5%. Se si riscontra un grande numero di pugnalate nel sangue, le cause più comuni di questo sono infezioni gravi che portano al massiccio consumo di cellule "mature".

Il numero assoluto di neutrofili è un indicatore quantitativo che consente di ottenere risultati più accurati. Viene utilizzato per la diagnosi insieme ai dati relativi. I valori medi di ACN possono essere visualizzati nella tabella:

Conteggio quantità assoluta

Per calcolare il numero assoluto di neutrofili, il numero di leucociti in unità assolute viene moltiplicato per indicatori relativi, espressi in percentuale (8500 * 15% = 1275). I calcoli sono effettuati in condizioni di laboratorio sulla base delle analisi ottenute.

Cause del declino dei neutrofili

Le ragioni per il basso numero di neutrofili segmentati e nuclei ad alta stabilizzazione indicano più spesso la presenza di un processo infiammatorio.

La percentuale di neutrofili si riduce quando:

  • Processi infiammatori nel corpo.
  • Malattie virali e infettive.
  • HIV.
  • Con una riduzione assoluta del contenuto di neutrofili maturi (meno di 0,5 per 109 litri), si verifica agranulocitosi, che richiede un trattamento obbligatorio.

  • Allergie.
  • Elmintiasi.
  • Gotta.
  • Veleno avvelenante
  • Lesioni fungine
  • Diabete.
  • Dopo la chemioterapia
  • Esposizione alle radiazioni
  • Sindrome di Kostman.
  • Toxoplasmosi e malaria
  • Tumori.
  • Accettazione di antibiotici sulfanilammide e cloramfenicolo.

    La diminuzione del numero di neutrofili è chiamata neutropenia. Il declino relativo è espresso in percentuale e il più delle volte coincide con l'assoluto.

    Una diminuzione significativa dei neutrofili e un aumento dei linfociti si verificano più spesso dopo il trasferimento di infezioni virali acute. In un breve periodo di tempo, gli indicatori si normalizzano indipendentemente.

    Se si osservano tassi più bassi per un lungo periodo e si ingrandiscono i linfociti, si può essere sospettati:

    Nelle donne, i tassi possono essere sottostimati durante la gravidanza.

    Un numero ridotto di neutrofili non sempre indica la presenza di una particolare malattia.

    Per fare una diagnosi, sono necessari esami supplementari. La conta ematica bassa è indiretta e senza esaminare il paziente è impossibile prevedere quale sia la causa della patologia.

    Bassi livelli di neutrofili possono essere osservati dopo il superlavoro e un intenso sforzo fisico. In questo caso, le cifre abbassate in un breve periodo di tempo si normalizzano indipendentemente e non influenzano le condizioni generali della persona.

    Lo sviluppo di un processo infettivo sullo sfondo della neutropenia

    Con la comparsa di batteri patogeni nel corpo, i neutrofili tendono a loro, formando una sorta di centro di infiammazione che impedisce la diffusione dell'infezione. La bassa conta dei neutrofili e la presenza di neutropenia possono causare la diffusione dell'infezione in tutto il corpo e l'infezione del sangue.

    La conta dei neutrofili inizialmente significativamente più bassa può verificarsi:

    • Stomatite e gengivite.
    • Tonsillite purulenta.
    • Cistite.
    • Osteomielite e ascessi.

    Se la conta dei neutrofili è inferiore alla norma, una persona può essere facilmente infettata in luoghi affollati e se ci sono pazienti con patologie virali tra i propri cari.

    Le persone che soffrono di neutropenia dovrebbero escludere il contatto con pazienti infetti, nonché evitare l'ipotermia. al contenuto ↑

    Come aumentare il livello dei neutrofili?

    Come aumentare il livello dei neutrofili dipende dai motivi che hanno causato la loro diminuzione. Nella maggior parte dei casi, dopo un'infezione posticipata, le aliquote ridotte vengono ripristinate da sole. Al momento, i farmaci che consentono di aumentare i neutrofili, non esiste, quindi, i farmaci vengono utilizzati per un aumento generale dei leucociti.

    Se il tasso di neutrofili è ridotto a causa di una terapia farmacologica specifica volta ad eliminare qualsiasi malattia, il regime di trattamento viene corretto. Quando gli squilibri di nutrienti e i bassi neutrofili sono più spesso indicati l'uso di vitamine del gruppo B e dieta. Se alle allergie vengono prescritti antistaminici.

    Dopo la completa eliminazione del fattore che provoca la caduta dei neutrofili, gli indici diminuiti si normalizzano per 1-2 settimane.

    Il trattamento con farmaci per aumentare i leucociti è indicato solo con neutropenia stabile. In questo caso, possono essere prescritti stimolanti per leucopoiesi, pentossile e metiluracile. Alle donne e agli uomini viene prescritto un immunogramma e confrontare le percentuali ridotte per tutto il trattamento.

    Se il trattamento non è molto efficace, nella terapia vengono inclusi farmaci di fattori stimolanti le colonie. Questi includono farmaci potenti come filgrastim e lenograstim. Il trattamento con questi agenti è possibile solo in ospedale a causa dell'elevato numero di effetti collaterali.

    Perché i neutrofili vengono abbassati, installati individualmente, ea volte ciò richiede un esame completo del corpo. Se la patologia del sangue è spesso causata dalla presenza di elminti, a volte si tratta di una grave neoplasia oncologica. Il trattamento dei neutrofili abbassati e la formulazione di una diagnosi corretta dovrebbero essere eseguiti esclusivamente da uno specialista.

    Fattori chemiotossici di allergia e asma neutrofili ed eosinofili

    Gli eosinofili e i neutrofili sono cellule mobili che "si appiattiscono" sul vetro e rispondono alla chemiotassi (migrazione graduale) e alla (o) chemochinesi (un aumento del tasso di movimento casuale).

    Fattori chemiotattici neutrofili per allergie e asma

    L'attività chemiotattica neutrofila indotta dall'allergene (HXA) è identificata in vitro (cioè da cellule effettrici specificamente sensibilizzate) o in vivo (nei fluidi corporei in soggetti allergici dopo la provocazione di allergeni).

    Nel 1977, Atkins et al. descritto NHA termostabile altamente termostabile rilasciato in circolazione nei pazienti con asma bronchiale dopo l'inalazione di un antigene specifico. Gli stessi ricercatori hanno dimostrato che l'introduzione preliminare di disodio cromo (DNCH, hromolin) sopprime la secrezione di NHA, che indica la connessione di questo fenomeno con i mastociti. L'osservazione dei cambiamenti nella concentrazione di NAA con il rilascio di istamina da frammenti sensibilizzati immunologicamente stimolati dei polmoni conferma questa visione.

    Ad esempio, O'Driscoll et al., Utilizzando frammenti polmonari stimolati da anti-IgE di coniglio, hanno dimostrato che negli esseri umani, NAA ad alto peso molecolare è di origine polmonare. La NAA del polmone umano sembra essere eterogenea, sebbene uno dei picchi di attività abbia caratteristiche quasi identiche (con filtrazione su gel, cromatografia a scambio ionico, messa a fuoco isoelettrica) con NAA isolata dal sangue di pazienti con asma.

    Quindi, vi è evidenza dell'isolamento di composti altamente molecolari simili nella stimolazione immunologica di frammenti polmonari in vitro e provocazione per inalazione nell'asma bronchiale in vivo. Di interesse sono le osservazioni di Schenkel et al., Che ha descritto l'NAA ad alto peso molecolare dai frammenti polmonari di porcellini d'India attivamente sensibilizzati dopo l'introduzione della dose risolutiva di un antigene specifico. La NAA sembra rappresentare la parte principale dell'attività chemiotattica dei neutrofili (a differenza degli eosinofili) in questi supernatanti polmonari. L'evidenza per l'origine derivata dal grasso della NAA (come l'unica) rimane inconcludente, sebbene vi sia ragione di ritenere che la sostanza rilasciata insieme all'istamina e ai DNCH bloccati abbia qualcosa a che fare con i mastociti.

    Secrezione non specifica della NAA

    Di particolare interesse sono le osservazioni riguardanti la presenza di NAA con stimolazione non immunologica. Wasserman et al. descritto VM-NHF rilasciato nel sangue venoso (insieme all'istamina) dopo l'immersione a freddo di pazienti con orticaria da freddo. NAA simili sono stati identificati nell'orticaria colinergica, solare e termica dopo la presentazione di stimoli appropriati. Lee et al. ha dimostrato che l'NHA, determinato nel siero in caso di asma causato dall'esercizio (NHA-fn), è fisicamente e chimicamente identico alla NAA nei pazienti asmatici che hanno ricevuto una dose risolvente di antigene attraverso i bronchi (NHA-ag). Quindi, NHA-fn e NHA-ag hanno una massa molecolare di valdoni, eluiscono con un picco singolo di attività tra 0,15 e 0,30 M NaCl con cromatografia a scambio anionico su DEAE Sephacell, ei loro punti isoelettrici, determinati mediante elettrofocusing, sono tra 6 e 6.5. L'intensità di NHA-fn e NHA-ag dopo incubazione con tripsina e chimotripsina è significativamente ridotta (sia nella dose che nella dipendenza temporale). Queste caratteristiche sono quasi simili a quelle osservate nell'orticaria fredda NHF (macromolecola con un punto isoelettrico neutro).

    I dati ottenuti indicano chiaramente una stretta relazione o un'analogia completa tra gli NHP formati nell'asma e nell'orticaria dopo un'appropriata stimolazione e il NHF, secreto dai frammenti dei polmoni di cavie e umani. Tuttavia, fino alla definizione della struttura chimica, questo problema non può essere risolto alla fine. Fino ad ora, qualsiasi definizione dell'intensità della NAA include necessariamente test biologici (metodo di Boyden, in cui i normali neurotrofi fungono da cellule indicatrici).

    Gli stimoli che causano l'insorgenza di NAA con asma indotta dall'esercizio

    La prova che la NAA si verifica con l'asma causata dall'esercizio (AVFN), ed è assente dal broncospasmo a causa di iperventilazione, indica l'esistenza di differenze tra l'AVFN e l'iperventilazione isocapnica (EKGV) [2]. Ad esempio, l'aria fredda IKGV non è accompagnata da una fase di broncodilatazione (osservata durante l'esercizio in pazienti con asma sintomatico), fase latente, periodo refrattario e basofilia del sangue. Inoltre, i farmaci anticolinergici che danno asma indotto dall'esercizio in una certa parte dei pazienti non influenzano la resistenza del flusso d'aria, che si verifica quando l'aria raffreddata con IKHV. Queste osservazioni mostrano che sebbene la perdita di calore e / o acqua nelle vie aeree possa essere un fattore di inizio (stimolo), anche altri fattori contribuiscono all'insorgenza dell'AVFN.

    La partecipazione del NHA alle reazioni della fase finale

    Abbiamo scoperto che la NAA viene rilasciata durante le reazioni asmatiche tardive dopo l'inalazione dell'antigene. Un aumento tardivo della NAA precede la caduta tardiva del FEV di circa 3 ore ed è più stabile rispetto a una reazione asmatica immediata (1015 minuti dopo il carico dell'antigene). Le caratteristiche fisico-chimiche dell'HCA tardiva sono simili a quelle della fase iniziale (stesso peso molecolare, parametri cromatografici identici sulla cellula DEAE-Sepha e punti isoelettrici). Queste osservazioni supportano la suggestione del coinvolgimento dei mastociti sia nelle fasi tardive che nelle prime fasi della reazione. L'esatto meccanismo di attivazione dei mastociti nelle reazioni tardive non è chiaro. Può essere associato al secondo rilascio spontaneo di mediatori da mastociti già attivati, come mostrato in

    mastociti peritoneali di ratto. In alternativa, si presume che l'infiltrazione di cellule infiammatorie (probabilmente neutrofili) induca un secondo rilascio di NAA rilasciando il contenuto del lisosoma, come è stato dimostrato in precedenza in esperimenti in vitro. È improbabile che il secondo rilascio di NAA sia immunologicamente specifico (cioè a causa del lento assorbimento dell'antigene), poiché le reazioni asmatiche tardive durante l'esercizio fisico sono accompagnate anche da un aumento tardivo della NAA. L'entità e la dinamica della diminuzione del FEV1 e l'aumento di NHA nelle fasi iniziali e tardive dell'asma causate dall'esercizio fisico sono simili a quelle precedentemente descritte con il carico di inalazione antigenico.

    NAA con stato asmatico

    Il contenuto di NAA nel siero di pazienti con stato asmatico (stato asmatico) [Buchanan et al., 1987] aumenta rispetto al gruppo di controllo (asma lieve, ostruzione del flusso aereo irreversibile, malattie polmonari non infettive, condizioni asintomatiche). Modifiche seriali di NHA sono state eseguite anche in 12 pazienti con asma acuto al momento del ricovero in clinica, 3 giorni dopo l'inizio del trattamento e alla dimissione (circa il 7 ° giorno). Rivelato molto affidabile (p 7.0, è stato osservato nelle forme acute e lievi di asma e

    Queste osservazioni indicano

    quanto segue: a) l'attività chemotattica neutrofila altamente molecolare associata con l'asma (HMM-NHA) è determinata nel siero nella forma acuta della malattia; b) l'attività è significativamente ridotta durante il trattamento; c) BMM-NHA con stato asmatico (e in alcuni gruppi di controllo) è eterogeneo; d) il picco dell'attività chemiotattica è associato con una massa molecolare di 600 kD e un punto isoelettrico di pi tra 6.0 e 7.0. Pertanto, in base a questi parametri, l'attività è paragonabile a quella osservata nelle reazioni allergiche e precoci e tardive asmatiche causate dall'esercizio.

    Il ruolo fisiopatologico della NAA nelle reazioni allergiche tissutali, al contrario del suo valore come marker per l'attivazione dei mastociti, è attualmente solo oggetto di indagine. A causa delle notevoli difficoltà nell'ottenere sufficienti quantità di NHA per studi biologici dettagliati, non è possibile il confronto della NAA con altri mediatori noti di ipersensibilità rispetto a un'attività specifica. Tuttavia, abbiamo dimostrato che NAA, come altri chemoattrattanti, ha vari effetti sulla funzione dei leucociti neutrofili, incluso un aumento del movimento casuale e direzionale, un aumento del numero di recettori S3B su leucociti neutrofili, stimolazione della secrezione di lisozima e (in misura minore) mieloperossidasi, così come l'accelerazione della morte dipendente dal complemento mediata dai neutrofili delle larve di elminti. Pertanto, l'NHA ha caratteristiche simili a quelle di altri chemoattrattanti, con il potenziale significato del principale partecipante alla risposta infiammatoria.

    Macromolecola NHA-termostabile, che, a quanto pare, è un utile marker di attivazione immunitaria o non specifica dei mastociti. L'origine della NAA dai mastociti o da eventuali cellule secondarie attivate a causa della degranazione dei mastociti non è stata ancora stabilita. Questo fattore (o fattori) è stato identificato nell'orticaria fisica, così come nelle fasi iniziali e tardive dell'asma,

    antigene o carichi. La NAA viene escreta in alcuni tipi di asma alimentare. L'attività biologica del NHA è simile ad altri fattori chemiotattici, ma il potenziale comparativo e l'attività specifica di questi fattori non sono ancora stati determinati. Probabilmente, questo mediatore è particolarmente interessante per i medici che vogliono determinare con precisione il ruolo delle cellule del mediatore e dei loro prodotti in varie malattie allergiche.

    Emocromo completo - trascrizione. Articolo 1: leucociti.

    Un esame del sangue generale consente di determinare la presenza nel corpo di varie malattie: processi infiammatori di vario tipo, infezioni virali e batteriche, allergie, malattie del sangue, tumori, intossicazione, superlavoro fisico e molto altro.

    Non devi impegnarti nell'autodiagnosi utilizzando il materiale presentato di seguito. Questo materiale ti aiuterà, dopo aver ricevuto i risultati della UAC, a determinare se hai bisogno di correre dal medico, così come aiutarti a navigare nell'argomento e scegliere un medico competente e competente. Quando si sceglie un tal medico, la diagnosi e il trattamento dovrebbero essere forniti a lui.

    Globuli bianchi

    I globuli bianchi sono globuli bianchi, la cui funzione principale è quella di proteggere il corpo da infezioni, parassiti, tumori e altri elementi estranei. Nella pratica quotidiana, quando si lavora con varie malattie infettive, è questo indicatore che interessa innanzitutto i medici.

    Un aumento del numero dei leucociti è chiamato leucocitosi e una diminuzione è chiamata leucopenia.

    Quali sono le regole per prendere un emocromo completo e perché?

    Un aumento del numero di leucociti (leucocitosi) può essere associato a qualsiasi malattia e può essere puramente fisiologico o falso. In una vera leucocitosi, il midollo osseo umano produce e rilascia una maggiore quantità di leucociti nel sangue, e questo indica la presenza di processi patologici nel corpo. La leucocitosi falsa è anche chiamata redistributiva, perché i leucociti, in alcune situazioni attaccate alle pareti dei vasi sanguigni, possono staccarsi e circolare liberamente nel sangue. Pertanto, il numero di leucociti nel sangue aumenta naturalmente: a) alla sera b) dopo aver mangiato c) dopo l'esercizio attivo. Questo è il motivo per cui si raccomanda un emocromo completo da assumere al mattino dopo il sonno ea stomaco vuoto.

    È inoltre necessario considerare che nelle donne il numero di leucociti aumenta prima delle mestruazioni, così come nella seconda metà della gravidanza, questo è assolutamente normale e non indica alcuna irregolarità. Hai solo bisogno di saperlo e tenerlo in considerazione.

    È necessario assumere un KLA nel corso della malattia? Perché i medici cercano i leucociti con la SARS?

    Le malattie virali non causano un aumento del numero di leucociti. Al contrario, molte malattie virali (ad esempio l'influenza, il morbillo, la rosolia, la varicella, la malaria, la brucellosi, ecc.) Causano una diminuzione dell'immunità nel corpo e, di conseguenza, una diminuzione del numero di leucociti nel sangue (leucopenia).

    Nel caso di un'infezione batterica, aumenta il numero di leucociti. Se l'immunità di una persona viene severamente soppressa, allora questo non può accadere, ma nella maggior parte dei casi è ancora osservato. Pertanto, i medici spesso usano i dati del conteggio dei leucociti per determinare se è presente un'infezione batterica e se c'è bisogno di antibiotici.

    Aumentano i leucociti in caso di allergie?

    Il numero totale di leucociti durante un processo allergico non aumenta, ma vi è uno spostamento a sinistra nella formula dei leucociti (ne parleremo più avanti). La percentuale di eosinofili e basofili aumenta in percentuale.

    standard:

    Standard: 0-14 anni: 5.1-11.4 * 10 9; anni: 4.5-10 * 10 9; > 20 anni: 4-8,8 * 10 9

    Meno del normale: diminuzione dell'immunità, malattie del midollo osseo, leucemia, sepsi, shock anafilattico, collagenosi, reazioni ai farmaci, incl. alcuni antibiotici.

    Più del normale: infezioni, infiammazioni, tumori, uremia, traumi, reazione ad un aumento di adrenalina o all'azione degli ormoni steroidei.