Estratto e tesi sulla pedagogia 13.00.02 per la stesura di un articolo scientifico o lavoro sul tema: Formazione interconnessa di competenze comunicative ed educative nell'insegnamento della lettura familiare agli studenti in un'università linguistica

Diete

Estratto e tesi sulla pedagogia 13.00.02 per la stesura di un articolo scientifico o lavoro sul tema: Formazione interconnessa di competenze comunicative ed educative nell'insegnamento della lettura familiare agli studenti in un'università linguistica

Estratto di tesi sul tema "La formazione interrelata di competenze comunicative ed educative nell'insegnamento a casa di studenti in un'università linguistica"

Come manoscritto

Maryanovskaya Elena Leonidovna

FORMAZIONE CORRELATA DI COMPETENZE COMUNICATIVE ED EDUCATIVE NELL'INSEGNAMENTO DELLA CASA LETTURA DEGLI STUDENTI NELL'UNIVERSITÀ DELLA LINGUA

13.00.02 - teoria e metodologia della formazione e dell'istruzione (lingue straniere)

Estratto di tesi per il grado di candidato di scienze pedagogiche

Lavoro svolto nella Ryazan State University. SA Esenina.

candidato di scienze pedagogiche, professore

Kolker Yakov Moiseevich.

dottore in filologia, professore

Nelyubin Lev Lvovich;

Candidato di scienze pedagogiche, professore associato

Kashcheeva Anna Vladimirovna.

Novosibirsk State University.

■ Capacità di prevedere la fine del testo (progettazione, decisione intelligente).

- La capacità di determinare l'intento comunicativo e l'intenzione rappresentata

nel titolo (costruzione, prendendo una decisione significativa).

- La capacità di determinare l'atteggiamento dell'autore

all'oggetto dell'istruzione (selezione, raggruppamento, generalizzazione),

- La capacità di prevedere il contenuto del testo

sulla base di realtà, concetti ben noti, ecc. (selezione, costruzione, decisione semantica). '

- La capacità di confrontare i dettagli e trarre conclusioni (congruenza, prendere una decisione semantica).

La capacità di navigare in realtà estere, attirando le conoscenze di base necessarie (selezione, prendendo una decisione semantica).

La capacità di interpretare le realtà della lingua straniera come elementi importanti che portano significato (selezione, processo decisionale). - La capacità di trovare allusioni di copyright che aiuteranno a comprendere le informazioni contenute implicitamente (selezione, sintesi).

La capacità di valutare e confrontare culture diverse dal punto di vista dei valori umani

Inoltre, l'analisi della classificazione proposta di abilità e competenze in lettura ha permesso di chiarire la gerarchia della formazione per vari tipi di lettura nei corsi elementari. La raffinata gerarchia (lettura introduttiva ■ => lettura lettura ■ => lettura lettura recuperata) ha aiutato a determinare la natura della difficoltà di ogni tipo di lettura. I risultati della nostra analisi dei vari tipi di lettura e delle loro abilità intrinseche, presentati graficamente, mostrano che l'implementazione dell'analisi del discorso richiede le competenze necessarie per attuare vari tipi di lettura.

Schema 2. Il rapporto tra tipi di analisi di lettura e discorso

Lo studio ha dimostrato che per l'implementazione di tutti i tipi di lettura, è necessario sviluppare la competenza della nomina e della verifica delle ipotesi, che, a sua volta, è il risultato dell'implementazione di molte competenze, sia funzionali che discorsive. È una delle competenze principali, poiché le competenze più discorsive e funzionali si formano, più l'esperienza del lettore diventa e più armoniosamente è la competenza di proporre e verificare le ipotesi. Questa competenza è fondamentale anche perché i meccanismi di percezione e comprensione nella lettura sono attivi. Questi meccanismi sono basati sull'anticipazione (VP Belyanin, MM Bakhtin, R. Stauffer, P. e J. Cunningham e altri), che è considerata la manifestazione più importante dell'attività del lettore. L'interazione del lettore con l'autore assicura la dia-consistenza della percezione e della comprensione, di cui MM sta parlando nei suoi scritti. Bachtin.

In termini di insegnamento degli studenti nelle facoltà di lingue straniere, che non devono essere insegnati solo, ma anche per riqualificare, e in condizioni in cui inizialmente gli studenti hanno un significativo bagaglio ricettivo, è necessario fare affidamento sulla ricezione, che è attualmente molto più avanti della riproduzione. Pertanto, nei corsi junior, la lettura a casa viene insegnata, da una parte, in classe, e dall'altra parte, a casa, a causa del livello di competenza raggiunto in classe e delle istruzioni dell'insegnante su come migliorare questo livello nel lavoro indipendente e, se possibile, a un livello superiore.. L'analisi generalizzata retrospettiva viene applicata all'esperienza acquisita, sia al lettore che alla vita, verifica la comprensione della lettura e discute motivi linguistici ed extralinguistici di incomprensione. Successivamente, c'è un'analisi coerente di quanto sia efficace il lettore, che sono inevitabili

Apprendimento + Ricerca Lettura

Lettura introduttiva Visualizzazione visione

ma usa l'autore per consentire al lettore di penetrare nel suo piano. Questa analisi porta all'organizzazione della lettura del prossimo passaggio del lavoro a casa. Un'analisi discorsiva indipendente, realizzata al di fuori del pubblico, diventa possibile, prima di tutto, per la natura sistematica delle lezioni nella lettura di casa e, soprattutto, grazie alla lettura filologica in classe.

Basato su interpretazioni di metodologi stranieri e nazionali (MV Sergievsky, NF Koryakovtseva, R. Johnson, P. Kain, J. Lynch, E. Martin, J. Webster, C. Wheeler), comprendiamo la lettura filologica attenta "sottrazione" di informazioni, esplicite e implicite, che è la risposta alla domanda, "come la parola giusta diventa nel posto giusto" (VV Levik). La lettura filologica coinvolge tutti gli aspetti della lingua: fonetica, lessicale, grammatica. Spiega la sintassi del testo come un fenomeno non solo grammaticale, ma anche retorico, oltre che culturale. Il fattore principale della lettura filologica è l'intenzione dell'autore del lavoro e le aspettative del lettore in termini di acquisizione di esperienza dalla lettura di questo o quel testo. La base della lettura filologica è la competenza della nomina e della verifica delle ipotesi, che è stata menzionata sopra. La competenza della nomina e della verifica delle ipotesi è specifica; non può essere formato immediatamente, una volta per tutte, poiché è realizzato e migliorato man mano che l'esperienza di lettura, linguistica, cultura e vita si accumula durante il corso.

Da quanto precede si può vedere che il termine chiave nell'analisi della lettura filologica come fenomeno è l'accumulo di esperienza, sia il lettore che la vita. Se ripensiamo lo schema della "ruota dell'esperienza" (Robinson 1997: 104) e lo presentiamo per caratterizzare il processo di lettura filologica, allora possiamo dire che la base dell'intuizione è una certa quantità di esperienza (linguistica ed extralinguistica). Grazie all'intuizione, il lettore costruisce ipotesi e propone ipotesi confermate o confutate nel processo di lettura. Dal fatto che una persona ha acquisito sulla base di congetture e ipotesi, vengono tratte conclusioni che si aggiungono all'esperienza che già esiste. Sulla base della nuova esperienza, vengono costruite nuove ipotesi, vengono avanzate nuove ipotesi e il processo presentato sopra si sviluppa a spirale.

Schema 3. "Ruota dell'esperienza"

Come si può vedere dal diagramma, le "aspettative" del lettore sono il punto di partenza che innesca la "ruota dell'esperienza". Con ogni nuova rivoluzione, acquisiscono un diverso carattere qualitativo, e questo carattere delle aspettative del lettore dovrebbe corrispondere a una tipologia di opere selezionate per la lettura nel pubblico e oltre. Nella selezione dei testi, a nostro avviso, si dovrebbe prestare particolare attenzione all'autenticità del materiale, poiché solo testi autentici forniscono informazioni sulle caratteristiche dei vari tipi di discorso scritto, l'aspetto linguistico del testo, i tratti caratteristici dello stile dell'autore e la cultura di un certo periodo. È con l'autenticità che un altro criterio chiave per la selezione del materiale è connesso - il potenziale interiore del testo come discorso. In altre parole, selezionando il materiale, l'insegnante deve decidere se questo testo permetterà di raggiungere gli obiettivi stabiliti prima della lezione (diverse lezioni), se è possibile formare le abilità e le competenze necessarie usando l'esempio di questo testo.

Riassumendo, va sottolineato che i criteri di selezione per il materiale di lettura a casa dovrebbero includere la considerazione della vita e dell'esperienza linguistica degli studenti, nonché il dialogo e la co-creazione in diversi modi: insegnante - pubblico, studente - studente, studente - pubblico e l'inevitabile considerazione del paradigma: "Lettore - autore".

Lo sviluppo delle competenze che contribuiscono all'analisi del discorso dovrebbe essere effettuato con l'aiuto di un sistema di tipi di compiti appositamente selezionati, la cui organizzazione in classe e al di fuori della classe è dedicata al secondo capitolo dello studio "Organizzare compiti nelle classi di lettura a casa". Inoltre, questo capitolo discute l'uso di materiali audio e video nell'insegnamento della lettura a casa.

L'analisi della letteratura sui metodi di insegnamento delle lingue straniere, la psicologia della comunicazione e della linguistica, così come molti anni di esperienza nell'insegnamento della lettura, ci ha permesso di sviluppare una tipologia di classi e, di conseguenza, incarichi per insegnare la lettura a casa nelle scuole medie. Sia l'una che l'altra tipologia ti permettono di combinare compiti in gruppi e più in blocchi. Le caratteristiche delle tipologie includono l'impostazione target della lezione e dei compiti (quali competenze, abilità e abilità dovrebbero essere formate tra gli studenti), il grado di assegnazione esterna del contenuto linguistico (numero di supporti, disponibilità di istruzioni dettagliate, informazioni che stimolano la dichiarazione, ecc.), Condizioni in quali classi e compiti sono implementati (tempo e luogo di attuazione, grado di indipendenza nell'implementazione, ecc.) e modi per verificare il livello di formazione di competenze e abilità.

Sulla base degli obiettivi della lettura a casa, i compiti nella classe di lettura della casa possono essere divisi in quattro blocchi. Il primo blocco di attività è legato alla lettura con una copertura generale del contenuto; il secondo blocco è associato allo studio e alla lettura di ricerca; il terzo è finalizzato a formalizzare una dichiarazione orale sulla lettura e allo stesso tempo illustra uno dei principi specifici dell'insegnamento di una lingua straniera: l'interconnessione di tutti i tipi di attività linguistiche; Il quarto blocco di compiti è legato alla professionalizzazione delle attività

cioè, prepara gli studenti per l'insegnamento e implica una selezione indipendente di materiale da parte degli studenti e la preparazione di compiti per la lettura a casa.

Dal punto di vista dell'indipendenza degli incarichi in ciascun blocco, si possono distinguere tre tipi di incarichi: 1) compiti sotto la diretta supervisione dell'insegnante; 2) compiti svolti dagli studenti indipendentemente dall'aula, ma con una successiva sintesi e discussione; 3) compiti svolti in modo indipendente, il cui scopo è monitorare i risultati dello sviluppo di capacità e competenze. Ogni tipo corrisponde a un livello specifico di formazione delle competenze educative, mentre i compiti nei blocchi sono finalizzati alla formazione delle abilità e delle competenze necessarie per una lettura di successo, sia in classe che al di fuori di esso.

La suddivisione dell'intera varietà di compiti in blocchi e raccomandazioni sul luogo e il metodo di esecuzione dei compiti ha permesso di indagare i problemi associati all'organizzazione di classi nell'insegnamento della lettura familiare e del lavoro indipendente. Abbiamo formulato il principio base di organizzare le lezioni per la lettura a casa - i compiti svolti dagli studenti in classe sono un sistema di azioni, da un lato, che formano le competenze necessarie e, dall'altro, una "base provvisoria" (P.Ya. Halperin), che gli studenti potrebbe essere usato per il testo di auto-lettura di qualsiasi natura, dal momento che la lettura a casa, nella nostra comprensione, non si limita al discorso artistico, ma include anche scienza scientifica, divulgativa, scientifica e giornalistica e Altri tipi di discorso.

Per ottenere una base teorica per la pianificazione di classi per la lettura a casa, abbiamo correlato le fasi di percezione della lettura proposte dagli psicologi (VA Artyomov, ZI Klychnikova, AA Leontyev, ecc.) Con le fasi di lavoro sul testo proposto da metodologi (N.I. Gez, E.A. Maslyko, OG Polyakov, G.V. Rogova, EH Solovova, ecc.). Dal punto di vista delle fasi di percezione nel processo di apprendimento di leggere un testo come lavoro su un discorso scritto, la sintesi primaria, cioè la prima percezione olistica del testo, è: • leggere il testo a casa prima della lezione. Affinché la comprensione del significato del testo avvenga, devono aver luogo la seconda e la terza fase della percezione, dell'analisi e della sintesi secondaria, che vengono svolte direttamente in classe. Il pretesto e le fasi testuali forniscono un'analisi del testo già letto durante la lezione e lo stadio post-testo fornisce una sintesi secondaria, che consente una nuova comprensione del discorso dal punto di vista della determinazione dell'intenzione dell'autore e dei mezzi della sua attuazione.

L'analisi dei tipi di compiti che compongono gli stadi selezionati presenti nella classe di lettura domestica ha permesso il ruolo del processo di proporre e verificare ipotesi nella classe, che, essendo parte dei meccanismi psicologici generali di percezione e comprensione, porta all'interpretazione del discorso analizzato. Il processo di presentazione e verifica delle ipotesi è anche la manifestazione più importante dell'attività del lettore e della sua interazione con l'autore, ad es. assicura il processo di dialogo di percezione e comprensione

Nia. Inoltre, la competenza che garantisce il processo di ipotesi e verifica è la base della lettura filologica - una componente integrale dell'apprendimento da leggere a casa, che è presente in ogni lezione. Questa competenza consente di combinare l'analisi stilistica del discorso in più direzioni, sistematizzare e accumulare esperienze linguistiche e di ogni altra esperienza, e aiuta a stabilire il dialogo professionale necessario con l'insegnante. Le competenze formate, a loro volta, contribuiscono alla formazione della competenza comunicativa.

La base per condurre classi in classe e l'auto-lettura a casa è uno schema di studio. Crediamo che la sinossi, costruita sul principio della "visione condivisa" del lettore e dell'autore, sia la forma più efficace di condurre la lezione. L'abstract fornisce un aumento del grado di indipendenza degli studenti nello svolgimento di ciascuna attività. Questo è collegato, prima di tutto, al principio di coerenza (attenta graduazione delle difficoltà, graduale rimozione dei supporti) e complessità (ogni unità di analisi è considerata come componente di un sistema più complesso) (Kolker, Ustinova 1997: 226-238). Poiché la sinossi consente di valutare attentamente le difficoltà, consente di rimuovere gradualmente i supporti, variando il grado di indipendenza degli studenti con l'aiuto di una catena di compiti. Dallo sviluppo metodologico del libro per l'insegnante, il compendio differisce nella bidirezionalità (sull'insegnante e sullo studente), così come un resoconto dettagliato del corso della lezione. Un abstract non è un insieme di compiti separati, ma una sequenza che riflette la gerarchia e la continuità degli obiettivi principali e intermedi. In preparazione alla lezione, lo studente vede il processo di formazione o miglioramento di una specifica competenza o abilità. Pertanto, la sinossi è una base indicativa per il processo di nomina e verifica di ipotesi e ottimizza l'organizzazione della lezione, principalmente a causa della coerenza incorporata nella struttura della lezione separata, nonché nella continuità dei riassunti.

Il curriculum vitae (la sua classe e le opzioni fuori classe), insieme al "diario di lettura", possono servire come un modo per organizzare e controllare la lettura indipendente degli studenti. Un "diario di lettura" è una tecnica che, mentre si legge un testo artistico (o qualche altro), gli studenti scrivono le loro idee, pensieri, associazioni, ecc. Nelle sezioni pertinenti del diario di lettura (anticipando, immaginando, valutando ecc). Lo scopo di questa tecnica metodica è stimolare l'attività di pensiero verbale attraverso un appello alla propria esperienza e cercare di afferrare l'intenzione dell'autore (NF Koryakovtseva, TG Sgabello, N. Grant, G. Lazar).

La considerazione dei meccanismi dei tipi di attività vocali ricettivi, la loro interazione e interdipendenza ci ha permesso di formulare il requisito principale per gli strumenti di apprendimento audiovisivo focalizzati sulla lettura familiare (il cui utilizzo può essere in classe e fuori classe), vale a dire: i materiali audiovisivi direttamente o indirettamente dovrebbero contribuire al miglioramento delle stesse competenze e competenze, che sono finalizzati allo sviluppo di lezioni di lettura a casa. Questo è possibile a causa della vicinanza della meccanica

Spostare la percezione durante la lettura e l'ascolto (poiché entrambi i tipi di attività linguistiche sono ricettivi) assicurerà lo sviluppo integrato delle abilità e delle competenze necessarie.

La validità delle proposizioni teoriche confermate nei primi due capitoli dello studio è evidenziata dai risultati dell'apprendimento esperienziale, che è descritto nel terzo capitolo "Sperimentazione sperimentale dell'efficacia del metodo proposto per insegnare la lettura familiare e il lavoro indipendente nelle scuole medie".

La formazione sperimentale è stata condotta in due gruppi selezionati a caso del 1 ° anno del dipartimento di inglese della Facoltà di Lingue straniere della RSU. Per una maggiore affidabilità dei risultati, sono stati selezionati due gruppi di controllo dello stesso corso, in cui l'insegnamento è stato condotto con metodi tradizionali che non suggeriscono l'apprendimento sistemico graduale per il lavoro indipendente come parte integrante del sistema di compiti finalizzato all'apprendimento della lettura a casa. Inoltre, le classi non hanno ricevuto un'attenzione costante per trasferire le abilità del lavoro indipendente in classe a lavorare in condizioni extrascolastiche, alle quali era stato dedicato un piano di contorno separato ai gruppi sperimentali.

Per quanto riguarda l'insegnamento della corretta lettura, la natura complessa della maggior parte delle abilità, il loro sviluppo e il miglioramento in una certa sequenza hanno anche permesso di introdurre il sistema in formazione per vari tipi di lettura. D'altra parte, le stesse competenze fanno parte delle competenze discorsive e funzionali considerate all'inizio dello studio, che, a loro volta, sono componenti importanti della competenza comunicativa.

Nel processo di apprendimento esperienziale, i livelli di forma ™ di abilità e competenze selezionate sono stati confrontati con i quattro studenti correlati all'inizio, a metà e alla fine del semestre (secondo la terminologia di Z. Tsvetkova, "opposizione orizzontale" è stata effettuata). La formazione sperimentale è stata condotta in condizioni reali, che erano uguali per i gruppi sperimentali e di controllo. Vale a dire: i materiali letti dagli studenti (racconti di D. Cheever, U. Saroyan, K. Chopin e K. Mansfield) ei metodi per verificare ciò che leggevano erano gli stessi, il numero di classi e le date per loro erano uguali in tutti i gruppi. La differenza, come accennato in precedenza, era nell'approccio scelto ai metodi di organizzazione e conduzione di lezioni e lavoro indipendente sulla lettura familiare. L'approccio "basato sulle competenze" ci ha permesso di stabilire una gerarchia di competenze, coerentemente sviluppate in classe, per collegare insieme il lavoro degli studenti sotto la diretta supervisione di un insegnante e il lavoro indipendente degli studenti, sia in classe che al di fuori di esso. Inoltre, l'approccio scelto ha fornito un collegamento tra competenze comunicative ed educative.

Il primo passo per raggiungere la coerenza che distingue il nostro approccio è stato quello di condurre un questionario di formazione in gruppi sperimentali. Nel corso della compilazione del questionario di formazione, sono stati risolti due compiti: scoprire cosa ha l'esperienza dello studente (apprendimento) e segnalare il nuovo nel modo di apprendimento discreto.

Questo si riferisce alla creazione di incentivi per la nomina e la verifica di ipotesi, passando sulla base di informazioni finora sconosciute agli studenti. Il questionario di formazione ha permesso di introdurre i concetti e la terminologia necessari per l'analisi del discorso in modo che gli studenti potessero trovare le risposte giuste come risultato dell'analisi e del lavoro indipendente. Quindi, la differenza fondamentale tra il questionario di formazione e quello tradizionale è che "la formazione avviene simultaneamente con la conduzione di procedure diagnostiche" (Kolker, Ustinova 1997: 58).

Ogni lezione di lettura familiare si svolgeva secondo un piano precedentemente sviluppato per una formazione sistematica graduale delle abilità per analizzare il discorso, e la gradazione delle difficoltà era considerata una condizione indispensabile per l'apprendimento. Nel controllo e nei gruppi selezionati, la forma di organizzare le lezioni è diventata uno schema di studio, poiché la consideriamo la forma più efficace di condurre la lezione. Ma nei gruppi selezionati, gli studenti hanno effettivamente ricevuto due note per ogni lezione, mentre nei gruppi di controllo, agli studenti è stata data una nota. Questo approccio aveva in pratica una serie di vantaggi significativi, poiché consentiva: a) di combinare i compiti a casa e il lavoro in classe; b) aumentare la motivazione degli studenti per l'apprendimento, perché gli studenti, da un lato, hanno capito che ogni compito svolto in modo indipendente in classe faciliterebbe i compiti, e il lavoro svolto a casa, d'altro canto, è un lavoro preparatorio, perché la lezione richiederà la capacità di usare fatto a casa in nuove condizioni più difficili e una diversa situazione comunicativa; c) aumentare il numero di compiti per i pensieri scritti, eseguiti in classe alla presenza dell'insegnante e dotati di un numero sufficiente di supporti, e quindi monitorare il processo di formazione delle abilità.

Una parte integrante di ogni lezione era una lettura filologica, che si svolgeva all'inizio della lezione o dopo gli incarichi mirati a verificare la comprensione del contenuto generale della lettura, la formulazione in prima approssimazione dell'obiettivo dell'autore. La lettura filologica era una lettura congiunta con l'insegnante del paragrafo della storia, frase per frase, a partire dal titolo, e leggendo tutte le informazioni possibili, costruendo ipotesi e verificandole. Durante le prime lezioni, la lettura filologica ha avuto più tempo per insegnare agli studenti a leggere e leggere le informazioni, come dovrebbero fare i filologi. Affidarsi alla nomina e alla verifica delle ipotesi a tutti i livelli ha reso il processo gestibile. Dopo diverse classi, gli studenti hanno iniziato a ricevere compiti speciali a casa, al fine di migliorare la competenza della nomina e della verifica delle ipotesi. Tra il pubblico, il livello di questa competenza e il suo miglioramento sono stati testati e sviluppati in altri paragrafi, anche se è stata fornita una riflessione su ciò che gli studenti hanno incontrato a casa.

Va notato che oltre alla formazione di abilità e competenze nella lettura, sono state formate abilità simili anche nell'ascolto con l'uso del cosiddetto "ascolto analitico". Agli studenti è stato offerto di ascoltare

racconti di K. Chopin, B. Hart, D. Cheever. Gli incarichi erano finalizzati alla formazione di competenze simili e suggerivano la penetrazione nell'intenzione dell'autore della storia, ma differivano dagli incarichi che comportavano l'analisi del testo scritto e l'organizzazione del lavoro.

Come risultato di una tale integrazione, sistematica e graduale formazione di abilità e competenze, gli studenti hanno formato una sequenza comune di azioni correlate con una storia breve, la cui implementazione ci permetterà di scoprire l'idea dell'autore nel modo più profondo possibile. Questa sequenza può quindi essere trasferita alla lettura e all'analisi di altri tipi di discorso. Sequenza di azioni correlate:

1. Chi è il narratore: a) l'autore della storia (un obiettore, spettatore distaccato o commentatore soggettivo); b) l'eroe della storia (dalla prima persona o dalla terza persona, ristretto all'analisi dei pensieri, sentimenti di un eroe).

2. Qual è la storia nel suo complesso: a) su una certa filosofia; b) sui modi e le tradizioni caratteristiche di una certa epoca; c) un evento importante, decisivo nella vita di una persona; d) un evento importante che caratterizza l'umanità nel suo complesso; e) sulla solita situazione di vita; e) sulle proprietà della persona.

3. Gli eventi sono presentati in ordine cronologico o con violazioni intenzionali della cronologia?

4. Impostazione: il momento in cui avviene l'azione, la scena, una descrizione del tempo, cose e oggetti appartenenti ai personaggi, suoni, odori, ecc.

5. Eroi della storia: il principale, secondario.

6. Conflitto: esterno o interno.

7. Determinare il climax della storia nella storia e il suo (momento) risultato.

8. L'oggetto della dichiarazione, ad es. la caratteristica principale dell'oggetto o fenomeno in questione.

9. Le principali caratteristiche dell'oggetto, i. le caratteristiche più significative della caratteristica principale, situate in una certa gerarchia ad essa.

10. La frase chiave che limita l'oggetto e riflette lo scopo dell'autore.

12. Intento comunicativo: la tattica scelta per raggiungere l'obiettivo, ad es. come l'autore copre l'oggetto: dà un esempio dalla vita, classifica

le azioni dell'eroe, cercando di spiegarle, mettono a confronto le azioni (eroi, situazioni) tra di loro, creano un certo stato d'animo, costringendo il lettore a sperimentare lo stato emotivo dell'eroe.

13. Affinamento dei modi di dettagliare i pensieri: chiarimento, elencazione, ripetizione, ironia, contrasto, confronto, ecc., Che aiuta anche a determinare il tono e l'umore della storia.

14. Il motivo è la ragione che spinge l'autore a perseguire questo obiettivo.

15. Lo scopo dell'autore: il desiderio di ottenere un certo impatto sul lettore. Gli oggetti dei tagli condotti a metà e alla fine della formazione sperimentale nei gruppi sperimentali e di controllo, come nei gruppi di controllo, erano i livelli di formazione delle abilità dell'analisi del discorso e la profondità della penetrazione nell'idea dell'autore. La distribuzione dei risultati tra i quattro quadri ha mostrato che i due gruppi sperimentali hanno affrontato le sezioni di controllo proposte con maggior successo.

Grafico 1. Risultati dei test intermedi

Il taglio finale è stato effettuato al termine dell'allenamento del pilota. I gruppi di studenti hanno ricevuto nuovamente il testo per la lettura indipendente. Il taglio finale è stato fatto sotto forma di compiti di prova, in cui era necessario scegliere la risposta corretta tra le opzioni offerte, raccogliere i fatti dal testo che dimostra un postulato o un altro, distribuire gli eventi nell'ordine del testo, ecc.

Diagramma 2. Risultati del taglio finale

Dopo aver verificato il grado di uniformità della distribuzione dei dati tra i gruppi, abbiamo concluso che i dati sono stati equamente distribuiti e che l'effetto di apprendimento è stato raggiunto e la validità della metodologia proposta è stata dimostrata. I risultati della sezione hanno mostrato che i gruppi sperimentali hanno affrontato i compiti molto più efficacemente di quelli di controllo.

Per confermare la validità della metodologia proposta, abbiamo condotto un taglio ritardato nei gruppi sperimentali e di controllo alla fine di giugno 2006 prima dell'esame di inglese. Il test ritardato è stato simile a quello finale, ma è stato eseguito su un altro materiale. I migliori risultati in gruppi sperimentali con un taglio ritardato possono essere spiegati dal fatto che in questi gruppi le abilità e le competenze dell'analisi del discorso erano formate sistematicamente e gli studenti usavano i termini letterari e linguistici come strumenti che li aiutassero a penetrare nell'idea dell'autore, che è molto importante per organizzare il lavoro indipendente degli studenti. Naturalmente, l'uso della lettura filologica e dell'ascolto "analitico", nonché la visualizzazione di video in gruppi sperimentali, spiega anche i migliori risultati in questi gruppi rispetto a quelli di controllo.

I risultati completi della formazione sperimentale hanno dimostrato l'efficacia del metodo proposto per formare abilità e competenze nel quadro della lettura a domicilio nei corsi junior. La conclusione fondamentale della formazione sperimentale condotta può essere formulata come segue: le abilità dell'analisi del discorso, che permettono di rivelare al massimo l'intenzione dell'autore e di costituire la complessa competenza comunicativa, possono e dovrebbero essere sviluppate già nel primo anno. Ciò dovrebbe essere fatto sistematicamente, sulla base di una gerarchia ben ponderata di abilità e competenze, aggiungendo costantemente e consapevolmente difficoltà, creando al tempo stesso un solido quadro indicativo per lo sviluppo di abilità e competenze più complesse, necessarie per organizzare il lavoro indipendente e organizzare in particolare la lettura della casa. L'analisi dei processi di percezione e comprensione e, in particolare, il processo di previsione probabilistica, ha aiutato a sviluppare una sequenza di azioni correlate con testi, in cui il nucleo è la competenza di proporre e verificare ipotesi, che ci consente di massimizzare l'idea dell'autore, migliorando così il lavoro indipendente con la lingua straniera scritta.

La definizione del concetto di "lettura filologica", la chiarificazione del concetto di "lettura familiare", nonché la chiarificazione del contenuto delle competenze educative e comunicative nell'ambito della lettura familiare permettono di determinare il rapporto tra loro nell'attività scelta per la ricerca. L'analisi dei livelli formati dalla competenza educativa e la distribuzione delle capacità di lettura in base alle competenze che compongono la competenza comunicativa nell'insegnamento della lettura familiare, ci permettono di individuare modi per accumulare esperienza di lettura, che contribuisce alla divulgazione di meccanismi per l'attuazione dei già noti principi metodologici per la formazione di queste abilità e competenze

questo tipo di attività. Le caratteristiche evidenziate della lettura a casa, la compilazione di una nomenclatura di abilità e competenze e la loro classificazione rivelano importanti legami tra competenze, tra competenze, nonché tra abilità e competenze che garantiranno una formazione più economica e sistematica, nonché sviluppare e giustificare una tipologia di compiti e lezioni a casa. leggere ai corsi junior.

I risultati, sia teorici che pratici, confermano in modo convincente la validità delle disposizioni presentate e l'ipotesi avanzata, dimostrano che la lettura a casa è sia un processo di apprendimento che un processo di apprendimento e mostra anche che la formazione simultanea e interrelata di competenze comunicative ed educative è un fattore portante quando apprendi a casa a leggere come un processo controllato. Lo studio aiuterà gli insegnanti universitari a pianificare in dettaglio il processo di apprendimento per la lettura a casa, a partire dalla selezione delle competenze di destinazione, selezionando i tipi di compiti necessari e terminando con la pianificazione della sequenza di classi. Il sistema sviluppato di questionari e test aiuterà a rendere gestibile il processo di apprendimento a casa e allo stesso tempo permetterà agli studenti di essere consapevoli dei loro obiettivi all'inizio dei loro studi e in ogni fase separata. I materiali presentati nella domanda possono servire come base per lo sviluppo di un supporto didattico sulla lettura a casa per gli studenti del primo anno di un'università linguistica.

Le prospettive di ulteriori ricerche nello sviluppo delle competenze educative e comunicative nell'insegnamento della lettura a casa ci sembrano le seguenti: a) lo sviluppo di gerarchie di abilità e competenze nell'insegnamento della lettura a domicilio per altri corsi di un'università linguistica; b) lo sviluppo di una tipologia di compiti e lezioni nella lettura a domicilio in altri corsi di un'università linguistica; c) migliorare l'unità dello sviluppo delle competenze educative e comunicative degli studenti nell'insegnamento della lettura familiare.

Le principali disposizioni del lavoro si riflettono nelle seguenti pubblicazioni:

1. Maryanovskaya E.L. Utilizzo dell'esperienza linguistica e di lettura come strategia per insegnare la lettura a casa nelle scuole di lingue universitarie // Bollettino dell'Università di Tambov. Serie: studi umanistici. - Tambov, 2007. - Vol. 3. - pp. 291-296.

2. Maryanovskaya E.L. L'uso di materiali audio e video come uno dei modi per organizzare il lavoro indipendente degli studenti nella lettura a casa // Ottimizzazione del lavoro extracurricolare in una lingua straniera in facoltà non linguistiche: Materiali mezhvuz. metodo scientifico Conf., 30 gennaio 2004 / Ed. Ed. TA Egorova, S.A. Lamzin; Ryaz. Stato. ped. non li S.A. Esenina. - Ryazan, 2004. - p. 46-52.

3. Maryanovskaya E.L. Lezione sulla lettura a casa nelle facoltà delle lingue straniere // Lingue straniere nelle scuole superiori: Nauch. la rivista. - Ryazan: casa editrice dell'Università pedagogica statale russa. S.A. Esenina, 2005. - Vol. 2. - Pag. 31-38.

4. Maryanovskaya E.L. Organizzazione del lavoro indipendente degli studenti nell'università linguistica // Lingue straniere nelle scuole superiori: Nauchn. la rivista. - Ryazan: la casa editrice di RSU li. SA Yesenin, 2005. - Vol. 3. - P. 47-54.

5. Maryanovskaya E.L. Tipologia di compiti per l'insegnamento della lettura a casa presso la scuola di specializzazione // Postgraduate Bulletin of RSU. SA Yesenina: Sci. la rivista. - Ryazan: la casa editrice di RSU li. S.A. Esenina, 2006. - № 7. - P. 33-42.

6. Maryanovskaya E.L. "Lettura filologica" come componente integrale dell'insegnamento della lettura familiare in un'università linguistica // Bollettino dello sviluppo della scienza e dell'istruzione. - M.: Science, 2007. - № 1. - P. 111 -116.

Firmato alla stampa il 20.03.2007. Stampa risografica Rivista per cuffie. Formato 60x90 / 16. Cond. Pec. l. 1.4. Circolazione 100 copie. Stampato in LLC "Centro di pubblicazione" Banker House "390023, Ryazan, ul. Yesenin, 82/26. Tel. (4912) -24-49-36

Il contenuto della tesi è l'autore di un articolo scientifico: candidato di scienze pedagogiche, Maryanovskaya, Elena Leonidovna, 2007

Capitolo 1. Approccio basato sulla competenza per la formazione di abilità in vari tipi di lettura nelle scuole di lingue universitarie

1.1. Leggere il potenziale come un tipo di attività linguistica che promuove l'organizzazione del lavoro indipendente degli studenti in un'università linguistica

1.2. Giustificazione della classificazione delle competenze e abilità nell'apprendimento di vari tipi di lettura

1.3. L'accumulo e l'uso dell'esperienza linguistica e di lettura come strategia per insegnare la lettura a domicilio nelle scuole di lingue universitarie

Capitolo 2. L'organizzazione dei compiti in classe per la lettura a casa e nel lavoro indipendente degli studenti nelle scuole di lingua junior

2.1. Tipi e forme di compiti di apprendimento a casa

2.2. Organizzazione di lezioni e lavoro indipendente sull'apprendimento della lettura a casa

2.3. La possibilità di utilizzare materiali audio e video in classe per la lettura a casa

Capitolo 3. Test sperimentali sull'efficacia del metodo proposto per insegnare la lettura a casa e il lavoro indipendente nelle scuole medie

3.1. Caratteristiche metodiche delle condizioni di apprendimento e dei materiali utilizzati

3.2. Modi per testare l'efficacia del metodo proposto per insegnare la lettura a casa: la struttura e l'organizzazione della formazione sperimentale

3.3. I risultati ottenuti nel corso e al termine della formazione sperimentale nella lettura a casa

Introduzione della dissertazione sulla pedagogia, sul tema "La formazione interrelata di competenze comunicative ed educative nell'insegnamento della lettura familiare agli studenti in un'università linguistica"

Questa ricerca di tesi è dedicata alla considerazione del processo di formazione interrelata di competenze comunicative ed educative nell'insegnamento della lettura familiare agli studenti universitari di un'università linguistica.

La rilevanza dello studio è la seguente:

1) L'organizzazione del lavoro indipendente degli studenti è uno dei problemi pressanti e ampiamente discussi nell'insegnamento delle lingue straniere, poiché questa forma di attività può servire come riserva per migliorare l'efficienza del processo educativo in un'università linguistica nel contesto di un volume sempre crescente di compiti di apprendimento. Inoltre, a causa del generale riorientamento verso attività di educazione produttiva, il lavoro indipendente diventa una componente essenziale del processo educativo, poiché nelle condizioni di carenza di ore di studio e di un programma ricco, la maggior parte del materiale dovrebbe essere studiato a casa senza perdita di qualità. Pertanto, la lettura familiare indipendente orientata filologicamente è un fattore che contribuisce alla percezione armoniosa della forma e del contenuto come un'unità inseparabile, che aumenta la motivazione degli studenti ad apprendere una lingua e una cultura straniere. La componente della lettura familiare, a nostro avviso, è la cosiddetta lettura filologica (MV Sergievsky, NF Koryakovtseva), lettura attenta (J. Webster, P. Kain, R. Johnson, J. Lynch, K. Wheeler, E. Martin e altri) in terminologia straniera. Una lettura filologica, oltre a un'analisi dettagliata del discorso in linea, consente un'analisi stilistica di un lavoro in due aspetti: 1) analisi funzionale in termini di stilistica come scienza delle tecniche per aumentare l'efficacia dell'impatto sul lettore; 2) analisi del discorso in termini di stilistica come scienza dello stile dell'autore, cioè, che distingue il modo di scrivere dell'autore dal modo di scrivere di altri autori.

La lettura filologica dovrebbe essere vista non solo come mezzo per penetrare l'intento dell'autore, ma anche come mezzo per sviluppare una prospettiva filologica e un'analisi filologica indipendente. L'introduzione della lettura filologica nel processo di apprendimento della lettura a casa sottolinea solo la rilevanza dello studio.

2) L'apprendimento permanente è uno degli obiettivi dell'istruzione in generale e una componente integrante dell'apprendimento di una lingua straniera in particolare. A questo proposito, vi è la necessità di sviluppare un sistema di formazione che contribuisca alla formazione di un tipo speciale di competenze, vale a dire, competenze indipendenti basate sulla propria esperienza di apprendimento, in cui apprendimento e apprendimento si fondono in un unico insieme, tenendo conto della valutazione indipendente del livello e del grado di progresso in ogni singolo caso P.P. Zinchenko, N.F. Koryakovtseva, E.S. Kuvshinova, I.P. Pavlova, I.D. Salistra, ecc.).

3) Nonostante il fatto che la lettura a domicilio sia utilizzata dagli insegnanti, sia a scuola che all'università, il compito principale di questa forma di attività e il sistema per la sua attuazione non sono chiaramente definiti. Non esiste inoltre un approccio sistematico alla struttura delle classi di lettura domestica, che servirebbe da base per un lavoro indipendente adeguatamente organizzato di studenti di filologia, non c'è chiarezza nella comprensione del termine "lettura familiare". La maggior parte della ricerca su questo argomento è rivolta principalmente a scuole e università non linguistiche (IM Berman, IL Bim, M.JI. Weissburd, MA Kudashova, AK Operenko, IL Pluzhnik, GV Rogova, TS Serova, SK Folomkina, ecc.). Le opere che sono dedicate all'insegnamento della lettura nelle università linguistiche sono le seguenti:

1) approccio linguistico e culturale nell'insegnamento dell'IYA e formazione delle conoscenze di base nel processo di lettura di testi autentici (E. Vereshchagin, V. G. Kostomarov, S. P Plyasunova, HA Selivanova, Y. Skugarova, E. Surino WA, GD Tomakhin e altri);

2) imparare a leggere e comprendere vari tipi di testi (IL Bim, Yu.B. Borisov, LA Borkhodoeva, VA Buchbinder, N.I. Gez, ZI Klychnikova, B.A. Lapidus, E.V. Pomanisochka, E.S.Troyanskaya, S.K.Folomkina e altri);

3) l'organizzazione del lavoro indipendente degli studenti, in particolare la lettura indipendente (VS Babkina, MK Borodulina, G. M. Burdenyuk, A. I. Demchenko, I. A. Zimnyaya, I. I. Ilyasov, N. F. Koryakovtseva, VD Krulikovskaya, LD Tsukanova e altri);

4) lo studio del discorso come oggetto di ricerca linguistica (J1.B. Borisova, TAA Van Dyck, LI Grishaeva, N.V. Elukhina, GV Kolshansky, E.S. Kubryakova, M.J1. Makarov, RP Milrud, HH Mironova, N.V. Petrova, J1.B. Tsurikova, G. Brown, LR Fellag, G. Lazar, R. Schank, R. Stauffer, G. Yule, ecc.);

5) linguistico-stilistica e stilistica del testo (I.V. Arnold, M.P. Brandeis, PA Budagov, A.I. Gorshkov, I.R. Halperin, V.A. Kukharenko, J1.B. Slavgorodskaya, G. Y. Solganik, T.N. Khomutov e altri);

6) Approccio socio-semiotico all'analisi del discorso (TM Dridze, VP Kasitskaya, EI Roerich, JI.B. Sugar, A.B. Sokolov, ecc.).

Tuttavia, nella maggior parte degli studi menzionati, la lettura a casa non è considerata come un aspetto separato, ma più spesso è un tipo di lavoro ausiliario, un mezzo per garantire: a) la preparazione di materiale per il lavoro nello spettatore sullo sviluppo di altri tipi di attività linguistiche; b) l'arricchimento del vocabolario attivo degli studenti; c) miglioramento delle abilità linguistiche e abilità già elaborate durante la lezione (BV Desyatnikov, ZI Klychnikova, VD Krulikovskaya, L. G. Chernin e altri).

Come si può vedere da quanto sopra, il fatto che la lettura a casa sia considerata nel nostro lavoro come uno strumento efficace per attuare il lavoro indipendente degli studenti universitari di un istituto di istruzione superiore di lingua, determina in definitiva la rilevanza di questo studio.

L'obiettivo di questo studio è quello di insegnare a casa gli studenti universitari di un'università di lingue come tipo di lavoro indipendente.

L'oggetto della ricerca è la formazione interconnessa di competenze comunicative ed educative nell'insegnamento della lettura familiare agli studenti di un'università linguistica.

Lo scopo di questo lavoro è quello di creare un sistema metodico per insegnare la lettura a casa agli studenti universitari di un'università linguistica, che contribuirebbe allo sviluppo delle competenze comunicative ed educative necessarie per svolgere il lavoro indipendente sia in classe che all'estero.

Raggiungere questo obiettivo è complicato dal fatto che la lettura da casa include quasi tutti i tipi di lettura, con il ruolo principale di visualizzazione e ricerca (S. Folomkin). Inoltre, secondo le principali operazioni mentali, la lettura a casa è sintetica-analitica (ZI Klychnikova, ID Salistra e altri), poiché implica un'analisi retrospettiva generalizzata della lettura.

Quindi, la lettura familiare è da noi intesa come una lettura indipendente di vari tipi di discorso con vari gradi di completezza e profondità di penetrazione nel piano, a seconda dei compiti comunicativi predeterminati da un ulteriore uso delle informazioni ottenute. Pertanto, la lettura a domicilio è studiata non solo come mezzo per migliorare la competenza comunicativa, ma anche come un tipo di lavoro indipendente, la cui importanza è determinata anche dal fatto che promuove l'apprendimento permanente e lo studio autonomo ed è uno dei principali fattori che garantiscono l'efficacia di tale apprendimento e autoapprendimento.

Come ipotesi principale, prendiamo la seguente ipotesi: la lettura a casa come aspetto dell'apprendimento di una lingua straniera in un'università linguistica diventa un processo sistematico e gestibile per imparare a lavorare su un discorso scritto in lingua straniera, soggetto alla formazione simultanea e interrelata di competenze di apprendimento e comunicazione, e il risultato permettendo di organizzare autonomamente il processo di apprendimento nel corso del lavoro su un discorso scritto in lingua straniera.

Per raggiungere l'obiettivo e testare l'ipotesi è necessario risolvere i seguenti compiti:

- determinare e giustificare lo stato della lettura familiare come unità di classe e lavoro extrascolastico indipendente, nonché lavorare sotto la guida di un insegnante, finalizzato a sviluppare competenze comunicative ed educative;

- sostanziare teoricamente le forme di tale guida, la scelta di ognuna delle quali dipende non solo da obiettivi comuni, ma dal grado di competenza formativa formata e dalle caratteristiche della situazione di apprendimento;

- chiarire il contenuto del concetto di "lettura familiare", nonché il contenuto della competenza comunicativa nel quadro della lettura familiare, ad es. determinare la gamma di abilità e competenze in questo tipo di attività, oltre a classificarle;

- evidenziare i principi metodologici della formazione di abilità e competenze nel quadro della lettura a casa presso la scuola di lingue universitaria e giustificare la loro gerarchia, a seconda della composizione componente di ciascuna abilità e di ciascuna competenza, al fine di determinare la sequenza del loro sviluppo;

- determinare i principi per la selezione del materiale per le classi nella lettura a casa;

- determinare e convalidare la struttura e il ruolo della lettura filologica come uno dei mezzi principali per sviluppare competenze comunicative ed educative.

- sviluppare una tipologia di compiti e classi nel campo della lettura a casa nei corsi di laurea e giustificare l'uso di ciascun tipo di compito a seconda del tipo di lezione;

- sviluppare modi per controllare direttamente e indirettamente il grado di formazione delle capacità e delle competenze necessarie;

- effettuare una verifica sperimentale del complesso sistema sviluppato di insegnare a leggere a casa come un processo di formazione interrelata delle competenze comunicative ed educative degli studenti universitari in un'università linguistica;

- sviluppare raccomandazioni per la conduzione di lezioni nella lettura a casa.

Per risolvere i compiti e verificare la verità dell'ipotesi, sono stati utilizzati i seguenti metodi di ricerca:

- analisi della letteratura metodologica, linguistica, psicolinguistica sul problema in esame;

- osservazione del processo educativo nei gruppi universitari, studio dell'esperienza degli insegnanti del dipartimento e sintesi dei risultati dell'osservazione;

- testare e interrogare studenti e insegnanti;

- studio dei risultati di un allenamento esperto

Oltre alle opere sopra menzionate, le basi metodologiche della ricerca sono le opere:

- nel campo della psicologia (V.A. Artemov, J1.C. Vygotsky, P.Ya. Halperin, V.V. Davydov, N.I. Zhinkin, V.P. Zinchenko, A.N. Leontyev, AA Leontyev, A R. Luria, J. Piaget e altri);

- nel campo dei problemi teorici della psicolinguistica e della teoria della comunicazione e dell'interazione vocale (MM Bakhtin, BV Belyaev, VP Belyanin, P.B. Gurvich, TM Dridze, I.A. Zimnyaya, G. A. Kitaygorodskaya, Ya.M. Kolker, G.V. Kolshansky, A.N. Leontiev, A.A. Leontyev, A.Ruria Luria, R.P. Milrud, I.I. Khaleeva, T.K. Tsvetkova, S. Clarke, S. Silberstein e altri);

- nel campo dei metodi comunicativi e consapevolmente comunicativi nell'insegnamento delle lingue straniere (J.M. Kolker, B.A. Lapidus, R.P. Milrud, E.I. Passov, O.G. Polyakov, E.S. Ustinova, Z M. Tsvetkova, BC Tsetlin, J. Sheiles, M. Celce-Murcia, RC Gardener, RB Goodman, W. Littlewood, RR Potter, J. Richards, J. Sheils, JA Van Ek e altri);

- nel campo dell'approccio basato sull'apprendimento (T.Yu Bazarov, AB Barannikov, ND Galskova, N.V. Yelukhina, AA Zalevskaya, IA Zimnyaya, OE Lebedev, R.P. Milrud, R.K. Minyar-Beloruchev, KG Mitrofanov, AA Pinsky, E.N. Solovova, I.I. Khaleeva, W, Lohre, D. Raven, A. Toffler e altri);

- nel campo del dialogo delle culture (S. Averintsev, M. Bakhtin, B.C. Bibler,

A. Wezhbitskaya, Yu.N.Karaulov, V.G. Kostomarov, Yu.M. Lotman, V.A. Maslov

VV Safonova, S.G. Ter-Minasova, V.P. Furmanova, I.I. Khaleeva e altri).

La novità scientifica della ricerca è la seguente: un approccio integrato qualitativamente nuovo allo sviluppo delle competenze comunicative ed educative è offerto come parte dell'insegnamento della lettura a casa in un corso di lingua universitaria junior, durante il quale viene data enfasi metodologica alla lettura filologica, basata sulla formazione della competenza per proporre e verificare ipotesi caratteristica della lettura in generale (MM Bakhtin e altri). Da queste posizioni, la novità del nostro approccio sta nel fatto che la lettura a casa è considerata, da un lato, come mezzo per penetrare l'intento di una dichiarazione, d'altra parte, come mezzo per insegnare il lavoro indipendente e una condizione di educazione permanente necessaria per migliorare le competenze di un filologo.

Il significato teorico del lavoro sta nel fatto che:

- le opinioni di vari autori sulla lettura familiare vengono confrontate e viene formulato un contenuto qualitativamente diverso di questo concetto;

- ha sviluppato un approccio all'insegnamento della lettura presso la scuola di lingue universitaria come base per l'ulteriore insegnamento della lettura nei corsi di alto livello e come base per l'analisi indipendente del discorso scritto;

- ha determinato il contenuto del concetto metodologico di "lettura filologica" (lettura attenta) come componente integrale della lettura a casa dell'apprendimento;

- determinato il contenuto della competenza comunicativa in relazione alla lettura di casa, determinato il rapporto tra competenze educative e comunicative in questo tipo di attività, vale a dire la nomenclatura delle abilità e delle competenze e la loro classificazione è stata compilata;

- ha rivelato relazioni significative tra abilità e competenze che garantiranno una formazione più economica e sistemica;

- una tipologia di compiti e classi nel campo della lettura familiare nei corsi universitari è stata sviluppata e comprovata

Il significato pratico di questo lavoro sta nel fatto che:

- Il sistema sviluppato di azioni correlate con i testi consente agli studenti junior di rivelare al massimo l'intenzione dell'autore, poiché è in correlazione con la formazione di abilità e può diventare la base per il lavoro indipendente con un discorso scritto in lingua straniera;

- il sistema sviluppato di lezioni di lettura a domicilio consente di migliorare il processo educativo in questa attività e di raggiungere un livello qualitativamente più alto di formazione delle competenze comunicative ed educative;

- i risultati, le conclusioni e le raccomandazioni formulate al termine della formazione sperimentale assicurano la pianificazione e lo svolgimento delle lezioni e l'organizzazione del lavoro indipendente degli studenti universitari di un'università linguistica nel campo della lettura; I risultati possono anche essere usati per sviluppare strumenti didattici per la lettura a domicilio in un'università linguistica.

Le seguenti disposizioni devono essere difese:

1. La lettura familiare è un modo efficace per organizzare il lavoro indipendente degli studenti, in quanto è un processo controllato di apprendimento per leggere e analizzare il discorso.

2. A casa, durante le lezioni di lettura, è possibile formare abilità in diversi tipi di lettura e analisi del discorso, a patto che ci sia una definizione flessibile del rapporto tra lavoro indipendente in classe e al di fuori di esso, e in senso più ampio, le lezioni di lettura a domicilio offrono opportunità per la formazione economica di competenze educative e comunicative che sono visti e formati in unità ininterrotta.

3. L'analisi del processo di nomina e verifica delle ipotesi non è solo la base dell'organizzazione del processo di lettura, ma anche un modo per aumentare la motivazione degli studenti, nonché la base per l'auto-miglioramento delle competenze di lettura.

4. L'enfasi sulla lettura filologica attiva, il processo di "lettura" attenta delle informazioni contenute nel testo a diversi livelli, contribuisce alla formazione della competenza della nomina e verifica delle ipotesi e, di conseguenza, alla competenza comunicativa in ciascuna classe che legge casa. La competenza nel proporre e verificare le ipotesi, essendo fondamentale nel processo di apprendimento della lettura familiare, è direttamente correlata a tutte le componenti della competenza comunicativa, poiché la condizione necessaria per la previsione è la presenza e la sistematizzazione dell'esperienza passata, linguistica, culturale, vita ecc.

La validità e l'attendibilità delle conclusioni e delle raccomandazioni sono fornite, soprattutto, dai risultati delle summenzionate direzioni degli studi teorici. Un fattore importante sono i dati quantitativi e qualitativi ottenuti nel corso della ricerca e dell'apprendimento esperienziale, nonché una varietà di metodi di misurazione e controllo per analizzare i risultati dell'apprendimento esperienziale.

Approvazione del lavoro e implementazione dei risultati. Le principali disposizioni della tesi sono state presentate nelle pubblicazioni dell'autore; in presentazioni a conferenze interculturali e metodologiche sull'ottimizzazione del lavoro extrascolastico in una lingua straniera (Ryazan, 2004) e sull'uso della letteratura inglese moderna nel processo educativo nelle università russe (Perm, 2006); in un discorso alla conferenza scientifico-pratica della RSU sui risultati del 2006; in discorsi alle riunioni del dipartimento di lingua inglese e metodi del suo insegnamento e il dipartimento di linguistica e comunicazione interculturale; nel processo di guida della scrittura di corsi e lavori finali di qualificazione da parte degli studenti, oltre a esercitazioni pratiche sulla lettura a casa e sui metodi di insegnamento dell'inglese in RSU. SA Esenina.

La struttura della tesi corrisponde alle finalità e agli obiettivi, consiste in introduzione, tre capitoli, conclusione, bibliografia e applicazioni.

La conclusione della tesi è un articolo scientifico sul tema "Teoria e metodi di formazione e istruzione (per aree e livelli di istruzione)"

Conclusioni del capitolo 3:

1. I tagli volti ad identificare la qualità delle abilità e delle competenze formate, mettendo in discussione studenti e insegnanti, che hanno permesso di determinare il loro atteggiamento nei confronti della formazione sperimentale condotta, ci convince della correttezza dell'approccio scelto per la lettura a casa, il cui nucleo è la formazione controllata, sistemica e consapevole di abilità e competenze analisi del discorso, con il ruolo principale della competenza nella nomina e nella verifica delle ipotesi. Solo in tali condizioni, insieme alla competenza comunicativa, la competenza educativa viene costantemente formata, che non è una componente della competenza comunicativa. Tuttavia, solo nel caso in cui entrambi si formino, si può parlare di preparazione per attuare un lavoro indipendente efficace sulla padronanza di una lingua straniera, in particolare, le abilità di analisi indipendente del discorso nel processo di lettura familiare.

2. La gerarchia di abilità selezionata, che consente all'autore di scoprire l'idea nella sua massima estensione, è stata formata in modo completo, sistematico e coerente durante l'intero corso di studi attraverso un unico sistema di studi gerarchicamente localizzato. Allo stesso tempo, ogni classe di letture domestiche era un esempio che si formava per gli schemi di azioni degli studenti con vari testi. Come risultato dell'apprendimento esperienziale, gli studenti hanno formato uno schema generale (sequenza) di azioni con una breve storia correlata con la gerarchia proposta di abilità e può essere successivamente trasferita all'analisi di altri tipi di discorso e, di conseguenza, alla lettura di altri generi letterari.

3. La definizione della competenza della nomina e della verifica delle ipotesi come cardine ha permesso di dimostrare la sua importanza in ogni fase della formazione di una gerarchia selezionata di abilità, poiché la previsione probabilistica su cui si basa questa competenza è una componente integrale dell'attività mentale attiva e determina il successo della percezione e comprensione in qualsiasi tipo di lettura e analisi del discorso.

4. La competenza dell'ipotesi promozione e verifica è anche direttamente correlata a tutte le componenti della competenza comunicativa, poiché la presenza e la sistematizzazione di esperienze passate, linguistiche, culturali, di vita ecc. Sono una condizione necessaria per la previsione.

5. L'enfasi sulla lettura filologica attiva (lettura attenta), il processo di "lettura" attenta di tutte le informazioni contenute nel testo, sia esplicitamente che implicitamente, informazioni a diversi livelli, nonché la sistematizzazione dell'esperienza (grazie a ciò è possibile rimuovere gradualmente i supporti) lo sviluppo dell'attività mentale, il successo della percezione e della comprensione e la competenza comunicativa in ogni classe che legge casa.

6. La formazione sperimentale condotta ha mostrato l'opportunità di risparmiare tempo in classe gestendo il lavoro indipendente degli studenti che, secondo il sondaggio, hanno aumentato la loro motivazione a leggere la letteratura in una lingua straniera, poiché avevano un interesse non solo nei contenuti, ma anche nelle strategie di scrittura dell'autore funziona e ai mezzi per aumentare l'efficacia dell'impatto sul lettore.

Questa ricerca di tesi conferma l'approccio sistemico e basato sulle competenze nell'insegnare la lettura a casa e dimostra che la formazione simultanea e interrelata di competenze comunicative ed educative è un fattore di formazione del sistema nell'insegnare la lettura familiare come un processo controllato. La tesi conferma anche la scelta della lettura a casa come lo strumento più efficace per l'implementazione del lavoro indipendente degli studenti. La chiarificazione dei concetti di "lavoro indipendente", "lettura familiare" e il chiarimento del contenuto delle competenze educative e comunicative nel quadro della lettura familiare consentono di determinare la relazione tra loro nell'attività scelta per la ricerca. L'analisi dei livelli di formazione delle competenze educative e la distribuzione delle capacità di lettura in base alle competenze che compongono la competenza comunicativa nell'insegnamento della lettura familiare, ci permettono di individuare modi per accumulare esperienze di lettura, che contribuisce alla divulgazione di meccanismi per attuare i già noti principi metodologici per la formazione di queste capacità e competenze in questo tipo di attività.

Le caratteristiche evidenziate della lettura a casa, la compilazione della nomenclatura delle abilità e delle competenze e la loro classificazione rivelano importanti legami tra competenze, tra competenze e anche tra abilità e competenze che garantiranno una formazione più economica e sistematica, nonché sviluppano e giustificano una tipologia di compiti e classi in lettura a casa sui corsi junior.

L'analisi dei processi di percezione e comprensione e, in particolare, il processo di previsione probabilistica, ha aiutato a sviluppare un sistema di azioni correlate con testi, in cui il nucleo è la competenza di proporre e verificare ipotesi, che ci consente di massimizzare l'idea dell'autore, migliorando così il lavoro indipendente con il discorso scritto in lingua straniera.

La nomenclatura delle classi nella lettura familiare, basata sul sistema di azioni sopra menzionato e sullo sviluppo sistematico e sistematico delle abilità gerarchiche correlate a questo sistema, è stata testata nell'ambito della formazione sperimentale degli studenti del primo anno nel dipartimento di inglese della facoltà di lingue straniere. I risultati, sia teorici che pratici, confermano in modo convincente la validità delle disposizioni presentate per la difesa e l'ipotesi avanzata, e dimostrano anche che il processo di lettura familiare è allo stesso tempo un processo di apprendimento e un processo di apprendimento.

Lo studio aiuterà gli insegnanti universitari a pianificare in dettaglio il processo di apprendimento per la lettura a casa, a partire dalla selezione delle competenze di destinazione, selezionando i tipi di compiti necessari e terminando con la pianificazione della sequenza di classi. Il sistema sviluppato di questionari e test aiuterà a rendere gestibile il processo di apprendimento a casa e allo stesso tempo permetterà agli studenti di realizzare i loro obiettivi all'inizio degli studi e in ogni fase separata. I materiali presentati nella domanda possono servire come base per lo sviluppo di un supporto didattico sulla lettura a casa per gli studenti del primo anno di un'università linguistica.

Le prospettive per ulteriori ricerche nello sviluppo delle competenze educative e comunicative nell'insegnamento della lettura a casa ci sembrano come le seguenti:

- sviluppo di gerarchie di abilità e competenze nell'insegnamento della lettura a domicilio per altri corsi di un'università linguistica;

- sviluppo di una tipologia di compiti e classi nella lettura a casa in altri corsi di un'università linguistica;

- migliorare l'unità dello sviluppo delle capacità educative e comunicative degli studenti nell'insegnamento della lettura familiare.

References dissertation autore di un lavoro scientifico: candidato di scienze pedagogiche, Maryanovskaya, Elena Leonidovna, Ryazan

1. Azimov, E.G., Schukin, A.N. Dizionario dei termini metodici (teoria e pratica dell'insegnamento delle lingue) Testo. / E.G. Azimov, A.N. Shchukin. SPb.: Zlatoust, 1999.-472 p.

2. Aleshko, I.A., Yuriev, L.P. Le principali caratteristiche del materiale testuale per imparare a leggere il testo. / I.A. Aleshko, L.P. Yuriev // Problemi di filologia e metodi di insegnamento di una lingua straniera. Spb., 1999.- Vol. 3. - P. 224-233.

3. Artyomov, V.A. Psicologia dell'apprendimento delle lingue straniere Testo. / V.A. Artemov. M.: The Enlightenment, 1969. - 279 p.

4. Arnold, I.V. Interpretazione del testo e definizione della gerarchia delle sue parti Testo. / I.V. Arnold // Linguistica del testo: Atti della conferenza scientifica 4.1.-M., 1974. P.28-32.

5. Bakhtin, M.M. I principali problemi del metodo sociologico nella scienza del linguaggio Testo. / MM Bakhtin // General Psycholinguistics / Comp. KF Sedov. M.: Labyrinth, 2004.-P.66-109.

6. Bakhtin, M.M. Estetica della creatività verbale Testo. / MM Bachtin. M.: Arte, 1979. - 423 p.

7. Belyaev, B.V. Saggi sulla psicologia dell'insegnamento delle lingue straniere Testo. / B.V. Belyaev. -M., 1965.-227 p.

8. Belyanin, V.P. Nozioni di base sulla diagnosi psicolinguistica: modelli mondiali nel testo della letteratura. / V.P. Belyanin. M., 2000. - p. 13

9. Belyanin, V.P. Testo psicolinguistico. / V.P. Belyanin. M.: Flint, 2004.-232 p.

10. Berdichevsky, A.JI. Ottimizzazione del sistema di insegnamento delle lingue straniere Testo. / A.J1. Berdichevsky. M.: Higher School, 1989.

11. Berman, I.M. Metodi per insegnare l'inglese in un testo universitario non linguistico. / IM Berman. M.: Higher School, 1970.

12. Bim, I.L., Evsikova, A.N. Modi per migliorare l'efficacia dell'insegnamento leggendo il testo. / I.L. Bim, A.N. Evsikova // Lingue straniere a scuola. 1977. -№4.-p. 33-43.

13. Borisov, Yu.B. Modi per intensificare l'apprendimento della lingua straniera sul materiale dei testi letterari Testo. / Yu.B. Borisov // Guida metodologica per studenti del terzo anno di un'università linguistica. Minsk, 1986. - 108 p.

14. Borisova, JI.B. Una guida pratica per l'interpretazione del testo (prosa) Testo. / JI.B. Borisova: studi. manuale per in-t e fatto. estera. Lang. Mn: superiore. orario scolastico, 1987.- 103 p.

15. Borodulina, M.K. Insegnare una lingua straniera come una specialità (tedesco) Testo. / M.K. Borodulin. M.: Higher School, 1975. - P.84-88, 154-222.

16. Borodulina, M.K. Il ruolo e il posto del lavoro indipendente nel sistema di apprendimento di una lingua straniera in un'università linguistica. / M.K. Borodulin // Metodi per insegnare la lingua straniera al liceo / Sab. scientifica. tr. MGPI loro. M. Toreza. M., 1973. - Vol. 86. - p. 5-17.

17. Weisburd, M.JL, Blokhina, S.A. Imparare a capire il testo straniero quando si legge come attività di ricerca. Testo. / M.JI. Vaisburd, S.A. Blokhina // Le lingue straniere a scuola. 1997. - №1,2.

18. Benediktova, N.K. Disponibilità dei testi come condizione per la loro comprensione. / N.K. Benediktova // Psicolinguistica e Insegnamento della lingua russa ai non russi. -M.: Russo, 1977. S. 43-55.

19. Vitlin, J. e L. L. Abilità e abilità in psicologia e metodi di insegnamento delle lingue. Testo. / J.L. Vitlin // Lingue straniere a scuola. -1999. №1. - P.21-26.

20. Voropaeva, N.F. Selezione e organizzazione di testi per la lettura (inglese) Testo. / N.F. Voropaeva: autore. Dis. cand. ped. Scienze. M., 1982.

21. Gaivoron, C.K. Fondamenti linguistici e metodologici del sistema di lavoro sul testo letterario con studenti stranieri della Facoltà di Filologia. / S.K. Guyvoron: autore. Dis. cand. ped. Scienze. M., 1994.

22. Halperin, I.R. Testo come oggetto di ricerca linguistica Testo. / I.R. Halperin. M., 1987.

23. Graf, V., Ilyasov, I.I., Lyaudis, V.Ya. Nozioni di base di auto-organizzazione delle attività educative e lavoro indipendente degli studenti. Testo. / V. Graf, I.I. Ilyasov, V.I. Liaudis. M.: Casa editrice dell'Università statale di Mosca, 1981. - 78 p.

24. Gurvich, P.B. Teoria e pratica dell'esperimento nella metodologia dell'insegnamento delle lingue straniere. Testo. / P.B. Gurvich. Vladimir, 1980. - 104 p.

25. Demchenko, A.I. Istruzione per la lettura indipendente degli studenti del primo anno di un'università linguistica (sul materiale della lingua inglese) Testo. / A.I. Demchenko: Dis. cand. ped. Scienze. L., 1980. - 242 p.

26. Desyatnikov, B.V. Lettura a domicilio come mezzo per arricchire l'aspetto lessicale del discorso orale in un I corso di un'Università di lingua (sulla base della lingua inglese) Testo. / Bv Desyatnikov: Dis. cand. ped. Scienze. L., 1974. - 219 p.

27. Domashnev, V.A. Testo di interpretazione del testo. / V.A. Domashnev. M., 1988.

28. Dridze, T.M. Attività testuale nella struttura della comunicazione sociale: problemi di semiosociopsicologia Testo. / T.M. Dridze. M.: Casa editrice "Science", 1984. - 176 p.

29. Elukhina, N.V. Il ruolo del discorso nella comunicazione interculturale e il metodo di formazione della competenza discorsiva. Testo. / N.V. Elukhina // Le lingue straniere a scuola. 2002. - №3. - p.9-13.

30. Zagoruiko, H.H. Sistematismo come inizio organizzativo dei processi di apprendimento e apprendimento. Testo. / H.H. Zagoruiko // Bollettino dell'Università pedagogica statale di Ryazan. SA Esenina. 2002 №1 (7). Pp. 43-55.

31. Inverno, I.A. Competenze chiave come base obiettivo efficace di un approccio basato sulle competenze nel testo dell'istruzione. / I.A. Inverno: versione dell'autore. - M.: Centro di ricerca per i problemi della qualità della formazione, 2004.

32. Inverno, I.A. Linguopsicologia dell'attività del linguaggio. Testo. / I.A. Inverno. M.: MPSI, Voronezh: NPO "MODEK", 2001. - Pag. 312-368.

33. Inverno, I.A. Psicologia pedagogica Testo. / I.A. Inverno. M.: Logo, 2003.-383 p.

34. Inverno, I.A. Aspetti psicologici dell'apprendimento di parlare in una lingua straniera Testo. / I.A. Inverno. M., 1978.

35. Inverno, I.A. Psicologia dell'insegnamento delle lingue straniere a scuola. / I.A. Inverno. M., 1992. - 222 p.

36. Ivanova, I.T., Brandes, M.P. Interpretazione stilistica del testo. / I.T. Ivanova, M.P. Brandes. M., 1991.

37. Ilyina, V.I. Alla domanda dello studio comparativo di lettura e ascolto del testo. / V.I. Ilyin // Uchenye zapiski MGPIIA. M., 1970.

38. Kapaeva, A.E. Metodi di organizzazione di lavori indipendenti sullo studio di una lingua straniera tra studenti junior di facoltà di lingue straniere. Testo. / A.E. Kapaeva: Dis. cand. ped. Scienze. Mosca, 2001. 226 p.

39. Klychnikova, Z.I. Alla domanda del rapporto di attenzione e comprensione nella percezione di un testo di messaggio in una lingua straniera. / Z.I. Klychnikova // Lingue straniere nella scuola superiore. M. 1968. - Vol. 4.

40. Klychnikova, Z.I. Caratteristiche psicologiche di imparare a leggere in una lingua straniera Testo. / Z.I. Klytchnikova. M., 1973. - S. 29-188.

41. Kolker, J.M. et al. Come rendere una lezione di lingua straniera efficace e interessante (dalla teoria alla pratica) Testo. / Ya.M. Kolker e al. Ryazan, 1992. -262 p.

42. Kolker, Ya.M., Ustinova, E.S. Imparare a comprendere il testo parlato in inglese. / Ya.M. Kolker, E.S. Ustinov. M.: Centro editoriale "Academy", 2002. - 336 p.

43. Kolker, Ya.M., Ustinova, E.S., Enalieva, T.M. Metodi pratici di insegnamento di una lingua straniera Testo. / Ya.M. Kolker, E.S. Ustinova, T.M. Enalieva. Ryazan: Casa editrice dell'Università pedagogica statale russa. 1997. - 262 s.

44. Kolker, J.M. Sostanza teoretica della sequenza di apprendimento espressione scritta di pensieri in una lingua straniera Testo. / Ya.M. Kolker: Dis. cand. ped. Scienze. -M., 1975.

45. Approccio basato sulla competenza come mezzo per raggiungere una nuova qualità dell'istruzione. // Materiali per il lavoro sperimentale nel quadro del concetto di modernizzazione dell'istruzione russa per il periodo fino al 2010. - M., 2002. 95 p.

46. ​​Koryakovtseva, N.F. Metodi moderni di organizzazione del lavoro indipendente degli studenti di lingue straniere. Testo. / N.F. Koryakovtseva. M.: Arkti, 2002.-176 p.

47. Kudashova, M.A. Lettura a casa nella masterizzazione della lettura come tipo di attività del linguaggio. Testo. / M.A. Kudashova // Le lingue straniere nella scuola superiore. -M.: Liceo. 1980. - Vol. 15. - Pag. 33-38.

48. Kukharenko, V.A. Testo di interpretazione del testo. / V.A. Kukharenko: studi. pedale manuale dello studente in-tov nella specialità numero 2103 "Lingue straniere". L.: Illuminismo, 1978. - 327 p.

49. Kukharenko, V.A. Workshop sull'interpretazione del testo Testo. / V.A. Kukharenko. -M., 1987.

50. Lapidus, B.A. Insegnare una seconda lingua straniera come testo speciale. / B.A. Lapidus: Uch. indennità, - M.: Higher School, 1980. 173 p.

51. Leontiev, A.A. Questioni psicologiche della coscienza della dottrina Testo. / A.A. Leontyev // Opere psicologiche selezionate. In due volumi. T. I. M., 1981.

52. Leontiev, A.A. Unità psicolinguistiche e produzione di dichiarazioni vocali Testo. / A.A. Leontiev. M.: Scienza, 1969.

53. Luria, A.R. I principali problemi di neurolinguistica Testo. / A.P. Luria. -M., 1975.

54. Luria, A.R. Parola e testo di pensiero. / A.P. Luria. M., 1974.

55. Lyakhovitsky, M.V. L'uso di registrazioni audio nell'insegnamento di lingue straniere. Testo. / M.V. Lyakhovitsky: Uch. manuale per le università. M.: Higher School, 1979.- 133 p.

56. Makarov, M. L. Nozioni di base del testo della teoria del discorso. / M.L. Makarov. -M.: ITDGK Gnosis, 2003. - 280 p.

57. Padronanza della traduzione del testo. M.: scrittore sovietico, 1964. - 523 p.

58. Matrona, E.D. Opera nelle lezioni di lingua straniera Testo. / E.D. Matrona: guida allo studio. M.: Flint: Science, 2002. - 296 p.

59. Metodologia e linguistica: lingua straniera per scienziati / Ed. Ed. MJ Zwilling. M.: Casa editrice "Science", 1981. - 248 p.

60. Milrud, R.P. Competenza nell'apprendimento della lingua Testo. / R.P. Milrud // Lingue straniere a scuola. 2004. - №7. - Pag. 30-36.

61. Milrud, R.P. Contenuto e modi di attuare l'aspetto inerente allo sviluppo dell'insegnamento delle lingue straniere. Testo. / R.P. Milrud // Lingue straniere a scuola. 1990. - №3. - P.8-13.

62. Milrud, R.P., Maksimova, I.R. Principi concettuali moderni dell'insegnamento comunicativo delle lingue straniere Testo. / R.P. Milrud, I.R. Maksimova // Lingue straniere a scuola. 2000. - №4. - p.9-15.

63. Milrud, R.P., Goncharov, A.A. Problemi teorici e pratici dell'apprendimento per comprendere il significato comunicativo di un testo in lingua straniera Testo. / R.P. Milrud, A. A. Goncharov // Lingue straniere a scuola. 2003. - № 1. -С.12-18.

64. Mironova, H.H. Analisi del discorso di semantica valutativa Testo. / H.H. Mironova. -M., 1997.-P.9-15.

65. Il manuale di un insegnante di una lingua straniera: Sprav, manuale / Mas-lyko, EA, Babinskaya, PK e altri Minsk: il tuo. Shk., 2001. - 522 p.

66. Novoklinova, A. V. Organizzazione di letture indipendenti in lingua straniera presso l'università Text. / A.B. Novoklinova. http: // festival.lseptember.ru/ in-dex.php.

67. Nosonovich, E.V., Milrud, R.P. Criteri per l'autenticità sostanziale del testo. / E.V. Nosonovich, R.P. Milrud // Lingue straniere a scuola. 1999. -№2.-С.6-12.

68. Nosonovich, E.V. Autenticità metodica nell'insegnamento delle lingue straniere. Testo. / E.V. Nosonovich // Le lingue straniere a scuola. 2000. - №1. -C. 11-16.

69. Nosonovich, E.V., Milrud, R.P. Parametri di testo educativo autentico Testo. / E.V. Nosonovich, R.P. Milrud // Lingue straniere a scuola. 1999. -№1. - C.11-18.

70. Metodi generali di insegnamento delle lingue straniere: Lettore / Comp. Leontyev, A.A. M.: Lingua russa, 1991. - 360 p.

71. Metodi generali di insegnamento delle lingue straniere nelle scuole superiori / Ed. A.A. Mirolyubova, I.V. Rakhmanova, B.C. Tsetlin. M.: Casa editrice "Enlightenment", 1967. -504 p.

72. Onegin, N. Formazione delle competenze comunicative e interculturali tra gli studenti del primo anno. Testo. / N. Onegin. http://www.utmn.ru/irgf/No 16 / textl 6.htm

73. Passov, E.I. Fondamenti di metodi comunicativi di insegnamento della comunicazione in lingua straniera Testo. / E.I. Passow. M., 1989. - 276 p.

74. Petrova, N.V. Testo e testo del discorso. / N.V. Petrova // Domande di linguistica. -2003. -Ra 6. -S.123-131.

75. Pluzhnik, I.L. Sviluppo del discorso di iniziativa basato sulla lettura a casa (università non linguistica) Testo. / I.L. Pluzhnik. http://www.utmn.ru/frgf/No4/list.htm

76. Polyakov, OG Inglese per scopi speciali: teoria e pratica del testo. / O.G. Polyakov: Uch. pos. 2a ed., Stereotipo. - M.: NVI-THESAURUS, 2003 - 188 p.

77. Pomanisochka, E.V. Imparare a leggere la letteratura sulla specialità degli studenti del 1 ° corso della facoltà di filologia dell'università di formazione degli insegnanti di testo. / E.V. Pomanikochka: Avtoref. Dis. cand. ped. Scienze. M., 1996. - 18 p.

78. Problemi dell'insegnamento delle lingue straniere / Ed. Ed. Gurvich, P.B. Vladimir, 1977.-Volume XIII.-124 con.

79. Problemi dell'organizzazione degli studi nelle facoltà di lingue straniere degli istituti di formazione degli insegnanti. Testo. Ryazan, 1986. - 120 p.

80. Protopopova, T.A. Controllo della lettura nel sistema di formazione a più livelli di specialisti in una lingua straniera. Testo. / T.A. Protopopova // Variabilità nell'insegnamento di una lingua straniera in un'università non linguistica. M., 1999. - Vol. 425.-S. 95-102.

81. Psicologia nell'insegnamento della lingua straniera: una raccolta di articoli / Pod. Ed. RI Zelyanina. -M.: Casa editrice "Enlightenment", 1967. 184 p.

82. Rogatin, V.A. Il compito come unità integrale minima del processo educativo nell'università linguistica Testo. / V.A. Rogatin: Dis,.kand. ped. Scienze. Ryazan, 2005. -320 p.

83. Rogov, G.V. e altri metodi di insegnamento delle lingue straniere nella scuola secondaria. / G.V. Rogov et al., Mosca: Illuminismo, 1991. P.223-251.

84. Rogova, G.V., Manuelyan, Zh.I. Metodi di lavoro sul testo nella scuola superiore Testo. / G.V. Rogova, J.I. Manuelyan // Le lingue straniere a scuola. 1990. - №5. - P.28-41.

85. Salanovich, H.A. Imparare a leggere testi autentici di contenuto linguistico e culturale. Testo. / H.A. Salanovich // Lingue straniere a scuola. -1999. -№1. -S.18-21.

86. Salistra, I.D. Problemi di programmazione nel processo educativo in una lingua straniera Testo. / I.D. Salistra. M.: Higher School, 1977. - 168 p.

87. Salistra, I.D. Saggi sull'insegnamento delle lingue straniere Testo. / I.D. Salistra. M., 1966. - 252 p.

88. Selivanova, H.A. La lettura familiare è una componente importante del contenuto dell'insegnamento delle lingue straniere nel testo delle scuole superiori. / H.A. Selivanova // Lingue straniere a scuola. - 2004. - № 4. - p 21-26.

89. Selivanova, H.A. Approccio letterario-geografico alla selezione di testi per la lettura a casa del testo. / H.A. Selivanova // Lingue straniere a scuola. -1991.-№ 1. S. 60-65.

90. Skugarova, Yu.V. Il problema di capire il testo del testo letterario straniero. / Yu.V. Skugarova: autore. Dis. cand. filol. Scienze. Mosca, 2001. - 25 p.

91. Smolina, L.P. Informazioni sull'auto-lettura in una lingua straniera Testo. / L.P. Smolina // Lingue straniere a scuola. 1989. - № 3. - p 40-43.

92. La percezione semantica di un messaggio vocale (in termini di comunicazione di massa) / Ed. Dridze, TM, Leontyeva, A.A. M., 1976.

93. Lingue moderne: studio, insegnamento, valutazione. "Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza della lingua straniera" Draft 2 Text.. Strasburgo, 1996.-145 p.

94. Solovova, E.H. Metodi di insegnamento delle lingue straniere: corso di lezioni di base: un manuale per gli studenti ped. testo di università e insegnanti. / E.H. Solovova. 2a ed. - M.: Education, 2003. - 239 p.

95. Sorokina, T.G. Lavoro educativo extrascolastico indipendente di studenti sotto la guida di un insegnante nel primo anno di un'Università di lingua. / T.G. Sorokina: Dis. cand. ped. Scienze. M., 1991. - 155 p.

96. Presidente, T.G. Metodi di sviluppo della risposta del lettore ad un testo artistico in lingua straniera Testo. / T.G. Chair. http: // festival.lseptember.ru/ index.php.

97. Suvorov, M.A. Approccio linguoculturale nell'insegnamento delle lingue straniere agli studenti senior di un'università linguistica. Testo. / M.A. Suvorov: autore. Dis. cand. ped. Scienze. Ulan-Ude, 2000. - 26 p.

98. Surinova, E.A. Formazione della conoscenza di fondo letteraria come componente di una cultura di lingua straniera. Testo. / E.A. Surinova: autore. Dis. cand. ped. Scienze. Mosca, 2001. - 15 p.

99. Le basi teoriche dell'insegnamento delle lingue straniere nelle scuole superiori / Ed. AD Klimentenko, A.A. Mirolyubova. M., 1981. - 456 p.

100. Tipologia di compiti di prova in lingua inglese / Comp. Kolker, Ya.M., Ustinova, E.S., Guskova, H.H., Delerzon, NB, Manerko, L.A. e altri Ryazan: casa editrice dell'Università pedagogica statale russa, 2001. - 240 p.

101. Trojan, E.S. Insegnare a leggere letteratura scientifica. Per aiutare l'insegnante di lingue straniere Testo. / E.S. Trojan. M.: Scienza, 1989. -272 p.

102. Fadeev, V.M. Lettura a casa alle superiori, organizzazione e metodi di controllo del testo. / V.M. Fadeev // Le lingue straniere a scuola. 1979. - Pag. 29-30.

103. Folomkina, C.K. Imparare a leggere in una lingua straniera in un'università non linguistica. Testo. / S.K. Folomkina. M.: Higher School, 1987. - 7-196.

104. Folomkina, S.K. Testo nell'apprendimento delle lingue straniere Testo. / S.K. Folomkina // Lingue straniere a scuola. 1985. - № 3. -C. 18-22.

105. Khaleeva, I.I. Fondamenti della teoria dell'apprendimento per comprendere il linguaggio straniero (formazione dei traduttori) Testo. / I.I. Khaleeva. M., 1989. - 240 p.

106. Tsvetkova, T.K. Fondamenti teorici per la costruzione di un corso di insegnamento dell'inglese come lingua per la comunicazione interculturale. Testo. / T.K. Tsvetkova // Problemi reali della comunicazione interculturale, №444. M.: MGLU, 1999. -P. 170-180.

107. Tsvetkova, T.K. Problemi teorici di linguodidattica Testo. / T.K. Tsvetkov. M., 2002. - 107 p.

108. Tsetlin, B.C. Esperimento nella ricerca metodica. Testo. / B.C. Zetlin // Lingue straniere a scuola (Mosaico metodico). 2005. - №4. -S.8-16.

109. Tsukanova, LD Formazione della capacità di indovinare il linguaggio basato sulla formazione di parole nel processo di lettura indipendente del testo. / L.D. Tsukanova: Av-toref. Dis. cand. ped. Scienze. Mosca, 1994. - 17 p.

110. Chernina, L.G. Usare la lettura come mezzo per individualizzare il processo di ripetizione del vocabolario attivo Testo. / L.G. Chernina // Lingue straniere a scuola. 1990. - №3. - pp. 18-22.

111. Chernina, L.G. Sostanza teorica e sperimentale dell'uso della lettura per l'apprendimento del vocabolario attivo Testo. / L.G. Chernin: autore. Dis. cand. filol. Scienze. -M., 1983.

112. Schwartz, L.M. Psicologia lettura testo abilità. / L.M. Schwarz. M.: Uchpedgiz, 1941, 144 p.

113. Shtulman, E.A. Esperimento metodico nel sistema di metodi di ricerca Testo. / E.A. Shtulman. Voronezh, 1978. - 156 p.

114. Shtulman, E.A. Fondamenti dell'esperimento nella metodologia dell'insegnamento delle lingue straniere Testo. / E.A. Shtulman. Voronezh, 1971. - 144 p.

115. Schukin, A.N. Metodi di utilizzo degli strumenti audiovisivi (quando si insegna il russo come lingua straniera in un'università) Testo. / A.N. Shchukin. M.: lingua russa, 1981.

116. Allan, M. Insegnamento dell'inglese con VideoTeKCT. / M. Allan. Essex, Inghilterra: Longman, 1985.

117. Bock, S. Sviluppo di materiali per lo studio della letteratura Testo. / S. Bock // Articoli selezionati dal Forum di insegnamento inglese. 1993. - p. 154-159.

118. Brown, G., Yule, G. Testo analisi del discorso. / G. Brown, G. Yule. Cambridge: Cambridge University Press, 2001.

119. Carter, R.A., Long, M.N. Insegnare il testo della letteratura. / R.A. Carter, M.N. Long. -N.Y.: Longman Handbooks for Language Teachers, 1991. 200 p.

120. Celce-Murcia, M. testo di insegnamento o testo in lingua straniera. / M. Celce-Murcia. New York, 1991. - 382 p.

121. Clarke, C., Silberstein, S. Verso il testo. / S. Clarke, S. Silberstein. Apprendimento delle lingue, 1977. - No. 27 (1).

122. Cortina, J., Elder, J., Gonnet, K. Comprendono testi di testo del College. / J. Cortina, J. Elder, K. Gonnet. New-York: McGraw-Hill Publishing Company, 1989. -368 p.

123. Saggi critici su William Saroyan / Ed. di Harry Keyishian. New York: Prentice-Hall International, 1995.-192 p.

124. Giorno, R.R. Selezione di un passaggio per la classe di lettura EFL Testo. / R.R. Giorno // Forum didattico inglese. 1994. - Volume 32, n. 1 - p.20-23.

125. Dutta, S.K. Prevedere come attività di pre-lettura Testo. / S.K. Dutta // Forum didattico inglese. 1994. - Volume 32, No. 1 - p.39-41.

126. Fellag, L.R. Testo di vita, lingua e letteratura. / L.R. Fellag. Boston, Massachusetts: Heinle Heinle Publishers, 1993. - 273 p.

127. Folse, Keith S. Inizio delle pratiche di lettura. Costruzione di testi di strategie di lettura e vocabolario. / Keith S. Folse. University of Michigan Press, 1999. - 140 p.

128. Grant N. Rendere il testo del tuo libro di testo. / N. Grant. Londra: Longman Group UK Limited, 1994, - 128 p.

129. Gwin, Th. Abilità linguistiche attraverso il testo della letteratura. / Th. Gwin // Forum didattico inglese. Washington, 1990. - Volume 28, No. 3 - p. 10-18.

130. Hennings, D.G. Oltre a leggere il testo ad alta voce. / D.G. Hennings. Blooming-ton, Indiana, 1992.

131. Hewitt, G. Verso l'autonomia dello studente nella lettura: insegnamento reciproco del testo. / G. Hewitt // Forum didattico inglese. 1995. - Volume 33, No. 4 - p.29-30.

132. Hyland, K. Scopo e strategia: insegnare ampie capacità di lettura del testo. / K. Hyland // Articoli selezionati dal Forum di insegnamento inglese. 1993. - p.104-109.

133. Ibsen, E.B. Il doppio ruolo della fiction nell'apprendimento delle lingue straniere Testo. / E.B. Ibsen // Articoli selezionati dal Forum di insegnamento inglese. 1993. - p. 143.153.

134. Approccio interattivo alla lettura della seconda lingua // Ed. di P. L. Carrol. Cambridge: Cambridge University Press, 1988.

135. Johnson, R. Che cos'è una lettura stretta? Testo. / R. Johnson. -http: //www.mantex.co.uk/samples/closeread.htm.

136. Kolker, J. The Multiperspective Vision of W. Shakespeare's Sonnets Text. / J. Kolker. Università di Nagoya (Giappone), 2002 - 40 p.

137. Lado, R. Insegnamento della lingua. Un testo di approccio scientifico. / R. Lado // Reader in Methods of Teaching English. M., 1983.

138. Lazar, G. Letteratura e insegnamento della lingua. / G. Lazar. Cambridge: Cambridge University Press, 1993. - 268 p.

139. Littlewood, W. Insegnamento della lingua comunicativa: un testo introduttivo. / W. Littlewood. Cambridge, 1981.

140. Maruyama, F. Espansione del vocabolario attraverso la lettura di testo. / F. Maruyama // Forum didattico inglese. 1995. - Volume 33, No. 4 - p.36-37.

141. Mei-yun, Y. Insegnare un testo di lettura EFL efficiente. / Y. Mei-yun // Sviluppo degli insegnanti. Fare le giuste mosse. Ed. di T. Krai. Washington, 1994.

142. Lingue moderne: 1971 81 Testo.. - Strasburg: Council of Europe Press, 1981.

143. Potter, R. R., Goodman R. B. Globe Literature Text. / R.R. Potter, R.B. Goodman. Globe Book Company, Englewood Cliffs, New Jersey. Livello verde. 1990.

144. Priestley, J.B. Un'introduzione al testo romanzo inglese. / J.B. Pristley. -N.Y., 1949.

145. Raimes, A. Tecniche nella scrittura d'insegnamento. Testo di Oxford. / A. Raimes. Oxford University Press, 1983.

146. Robinson, D. Diventando un testo per traduttore. / D. Robinson. Catalogue-in-Publication Data Library, 1997. - 330 p.

147. Ross, D. The American Short Story Text. / D. Ross. Minneapolis: University of Minnesota Press, 1963. - 47 p.

148. Sheils, J. Communication nell'aula di lingue moderne Testo. / J. Sheils.- Strasbourg: Council of Europe Press, 1993.

149. Stern, S. Expanded Dimensions to Literature in ESL / EFL: un testo di approccio integrato. / S. Stern // Forum didattico inglese. Washington, 1987. - Volume 25, No. 4-p.47-55.

150. Stoller F.L. Film e videocassette nel testo di classe ESL / EFL basato sul contenuto. / F.L. Stoller // Articoli selezionati dal Forum di insegnamento inglese. 1993.- pp.62-69.

151. Stoller, F.L. Il testo del passaggio del testo di sviluppo delle abilità di lettura. / F.L. Stoller // English Teaching Forum 1994. - Volume 32, No. l-p.2-5.

152. The Power of Fine Literature. Il Mastery of Language Arts Text. Prentice-Hall Literature, Englewood, 1991. - 850 p.

153. Webster, 0. Leggi bene e ricorda il testo. / 0. Webster. Pan Books Ltd: Londra, 1965.-286 p.

154. Ovest, M. Insegnare l'inglese in circostanze difficili. / M. West. -Longman, 1960. -136 p.

155. Qual è l'inglese di cui abbiamo bisogno? Lettore di testo universitario in inglese / Comp. Shishkina T.A., Ledeneva T.V. e altri: M: Publishing House Prospectus, 2003.-792 p.

156. Istituto educativo statale per l'istruzione federale per l'istruzione professionale superiore

157. Ryazan State University prende il nome da S.A. Sìenin "1. Come manoscritto

158. Maryanovskaya Elena Leonidovna

159. La correlata formazione di competenze comunicative ed educative nell'insegnare la lettura familiare agli studenti di un'università linguistica1. Volume II

160. Specialità 13.00.02 teoria e metodologia dell'insegnamento e dell'istruzione (lingue straniere)

161. Tesi per il grado di candidato di scienze pedagogiche.

162. Il supervisore è un candidato di scienze pedagogiche, il professor Ya.M. Kolker1. Ryazan 20071. CONTENTS1. CONTENUTO 2