Malattia di calcoli biliari: sintomi e trattamento

Cibo

La malattia da calcoli biliari (ICD) è un processo patologico, accompagnato dalla formazione di calcoli nella cistifellea.

Il secondo nome della malattia è la colecistite calcicola. Poiché GCB colpisce l'organo del tratto digestivo (cistifellea), di solito viene trattato da un gastroenterologo.

Caratteristiche dei calcoli biliari

I calcoli sono la principale manifestazione della malattia del calcoli biliari. Consistono di calcio, colesterolo e bilirubina e possono avere dimensioni diverse. Con una piccola quantità, stiamo parlando della cosiddetta "sabbia" nella cistifellea, ma se le formazioni sono grandi, sono considerate pietre a tutti gli effetti (pietre).

Tali formazioni possono aumentare di dimensioni nel tempo. Quindi, da un piccolo granello di sabbia possono verificarsi dimensioni di pietra di 1 cm o più. Un calcolo può avere una forma diversa, da quella rotonda o ovale a quella di un poliedro. Lo stesso vale per la densità delle pietre. Ci sono concrezioni piuttosto forti, ma ce ne sono anche di molto fragili che possono sbriciolarsi al tocco di un solo tocco.

La superficie della pietra può essere piatta, appuntita o porosa (nelle fessure). Queste caratteristiche sono tipiche di tutte le pietre, indipendentemente dalla loro posizione. Tuttavia, spesso le pietre si trovano nella cistifellea. Questa anomalia è chiamata malattia del calcoli biliari, o calcolo della cistifellea. Meno comunemente, le pietre vengono rilevate nei dotti biliari. Questa malattia si chiama choledocholithiasis.

I concrements nella cistifellea possono essere singoli o multipli. Potrebbero esserci decine, persino centinaia. Tuttavia, va ricordato che la presenza di un solo calcolo può causare gravi danni alla salute. Inoltre, le complicazioni pericolose sono spesso il risultato di piccoli calcoli biliari piuttosto che di grandi dimensioni.

Cause della formazione di calcoli

Se per qualsiasi ragione l'equilibrio quantitativo dei componenti che compongono la bile è disturbato, si formano strutture solide - fiocchi. Man mano che crescono, si fondono per formare pietre. Spesso la malattia si sviluppa sotto l'influenza dell'accumulo di una quantità eccessiva di colesterolo nella bile. In questo caso, la bile è chiamata litogenica.

L'ipercolesterolemia può derivare da:

  • l'obesità;
  • abuso di cibi grassi contenenti grandi quantità di colesterolo;
  • ridurre la quantità di acidi specifici che entrano nella bile;
  • ridurre la quantità di fosfolipidi che impediscono l'indurimento e la sedimentazione della bilirubina e del colesterolo;
  • ristagno di bile.

La stasi biliare può essere meccanica o funzionale. Se stiamo parlando della natura meccanica di questa deviazione, allora fattori come:

  • tumori;
  • adesioni;
  • eccessi della cistifellea;
  • ingrandimento di organi adiacenti o linfonodi;
  • formazione di cicatrici;
  • processi infiammatori accompagnati da edema della parete dell'organo;
  • stenosi.

Fallimenti funzionali sono associati a motilità alterata della colecisti stessa. In particolare, si verificano in pazienti con discinesia biliare ipocinetica. Inoltre, lo sviluppo della colelitiasi può essere il risultato di disturbi nel sistema biliare, malattie infettive e allergiche, patologie di natura autoimmune, ecc.

classificazione

La malattia da calcoli biliari è suddivisa in diverse fasi:

  1. Fisico-chimico o pre-stone. Questa è la fase iniziale della colelitiasi. Durante il suo corso ci sono cambiamenti graduali nella composizione della bile. Non si verificano manifestazioni cliniche speciali in questa fase. È possibile rilevare lo stadio iniziale di JCB durante lo studio biochimico della composizione della bile.
  2. La fase di portatore latente (nascosto). In questa fase, le pietre nella cistifellea o nei suoi dotti stanno appena iniziando a formarsi. Anche il quadro clinico non è tipico per questa fase del processo patologico. Per identificare i tumori calcoli biliari è possibile solo durante le procedure diagnostiche strumentali.
  3. Lo stadio in cui i sintomi della malattia iniziano ad apparire più luminosi e difficili. In questo caso, è possibile parlare dello sviluppo della colecistite calcanea acuta, o di affermare il fatto della sua transizione verso la forma cronica.

In fonti separate si può vedere una gradazione in quattro fasi della malattia del calcoli biliari. L'ultima, quarta fase della malattia è caratterizzata come tale, in cui si sviluppano le complicazioni che accompagnano il processo patologico.

Tipi di calcoli biliari

Le pietre localizzate nella cistifellea possono avere una diversa composizione chimica. Secondo questo criterio, di solito sono divisi in:

  1. Colesterolo. Il colesterolo è uno dei componenti della bile, ma se è esagerato, si possono formare calcoli. Questa sostanza entra nel corpo umano con il cibo ed è uniformemente distribuita tra le sue cellule, contribuendo al suo pieno funzionamento. Se c'è una violazione del processo di assimilazione del colesterolo, inizia ad accumularsi nella bile, formando delle pietre. Le pietre del colesterolo hanno una forma rotonda o ovale e possono raggiungere da 1 a 1,5 centimetri di diametro. La loro posizione spesso diventa il fondo della cistifellea.
  2. Bilirubina. La bilirubina è un prodotto di degradazione dell'emoglobina. Pietre che si formano quando sono abbondanti nel corpo, chiamato anche pigmento. I calcoli di bilirubina hanno dimensioni inferiori a quelle del colesterolo, ma potrebbero essercene di più. Allo stesso tempo, influenzano non solo il fondo della cistifellea, ma sono anche in grado di localizzarsi nel tratto biliare.

Le pietre nella cistifellea possono avere diversi gradi di saturazione con il calcio. Dipende da quanto chiaramente puoi vedere il tumore sullo schermo della macchina ad ultrasuoni o sulla radiografia. Inoltre, la scelta della tecnica terapeutica dipende dal grado di saturazione del calcolo con il calcio. Se la pietra è calcificata, significa che sarà molto più difficile affrontarla usando droghe.

A seconda delle dimensioni dei gallstones sono:

  1. Piccolo. Le dimensioni di tali tumori non superano i 3 cm di diametro. Con pietre singole localizzate nell'area del fondo della cistifellea, non si manifestano specifici sintomi clinici del paziente.
  2. Grande. Queste sono chiamate pietre, il cui diametro supera i 3 cm. Interferiscono con il normale flusso della bile e possono causare attacchi di colica biliare o altri sintomi spiacevoli.

Non solo la specie, ma anche le dimensioni delle pietre possono influenzare la scelta delle tattiche terapeutiche in JCB. Le grandi pietre, di regola, non si sottopongono a dissoluzione medica. Inoltre, non vengono schiacciati con l'uso di ultrasuoni, poiché è improbabile che un simile approccio terapeutico fornisca i risultati attesi.

In questo caso, si verifica la colecistectomia - un'operazione per rimuovere la cistifellea, insieme alle pietre in essa contenute. Se le pietre sono piccole, vengono considerati metodi di trattamento più delicati.

In alcuni casi, l'attenzione dei medici può anche essere concentrata sulla posizione delle neoplasie. Le pietre situate sul fondo della cistifellea, raramente disturbano il paziente, perché non sono tipiche di nessun quadro clinico.

Se le pietre sono localizzate nelle immediate vicinanze del collo dell'organo malato, ciò potrebbe causare l'ostruzione del dotto biliare. In questo caso, il paziente sarà disturbato da sintomi spiacevoli, manifestati dal dolore nel giusto ipocondrio e da una violazione del processo digestivo.

Sintomi e segni di malattia di calcoli biliari

La malattia da calcoli biliari è un processo patologico che può essere completamente asintomatico per lungo tempo. Questo è particolarmente vero per le fasi iniziali della malattia, quando le pietre sono ancora troppo piccole, e quindi non intasano i dotti biliari, e non feriscono la parete della vescica.

Un paziente può non sapere a lungo sulla presenza della malattia, cioè essere un portatore di pietra latente. Quando le neoplasie raggiungono dimensioni piuttosto grandi, compaiono i primi segni premonitori del processo patologico nella cistifellea. Possono manifestarsi in modi diversi.

I primi sintomi della colelitiasi, che si verificano prima della comparsa del dolore nell'ipocondrio destro, includono:

  • sensazione di pesantezza nell'addome dopo aver mangiato;
  • periodi di nausea;
  • lieve ingiallimento della pelle (ittero ostruttivo).

Questo quadro clinico si verifica a causa di una violazione del processo di deflusso della bile. Sotto l'influenza di un tale fallimento, si verificano deviazioni nel funzionamento degli organi dell'apparato digerente.

I sintomi e i segni più comuni di JCB includono:

  1. Dolori nell'ipocondrio destro, che indicano lo sviluppo della colica biliare. La durata dell'attacco può durare da 10 minuti a diverse ore, mentre il dolore può essere acuto, insopportabile e dare alla spalla destra, altre parti dell'addome o della schiena. Se l'attacco non scompare entro 5-6 ore, il paziente può sviluppare gravi complicazioni.
  2. Aumento della temperatura corporea, che indica lo sviluppo di colecistite acuta - una malattia che è un frequente compagno di JCB. L'infiammazione intensa della cistifellea porta a un rilascio attivo di sostanze tossiche nel sangue. Se ci sono frequenti periodi di dolore dopo la colica biliare, e sono accompagnati da febbre, questo indica lo sviluppo di colecistite acuta. Se gli aumenti di temperatura sono temporanei e i segni del termometro raggiungono i 38 ° C, ciò potrebbe indicare il verificarsi di colangite. Ma, tuttavia, la temperatura non è un segno obbligatorio di JCB.
  3. Lo sviluppo dell'ittero Questa anomalia si verifica a causa di processi di stagnazione a lungo termine a causa della violazione del deflusso della bile. Prima di tutto, la sclera oculare diventa gialla, e solo allora - la pelle. Nelle persone con pelle chiara, questo sintomo è più evidente rispetto ai pazienti di pelle scura. Spesso, insieme con l'ingiallimento della pelle e il bianco degli occhi nei pazienti con il cambiamento del colore e delle urine. Acquisisce una tonalità scura, che è associata al rilascio di una grande quantità di bilirubina dai reni. In caso di colecistite calcolitica, l'ittero è solo un sintomo indiretto, ma non obbligatorio. Inoltre, può diventare una conseguenza di altre malattie - cirrosi, epatite, ecc.
  4. Risposta acuta all'assunzione di grassi. Sotto l'influenza della bile c'è la scissione e l'assorbimento dei lipidi nel sangue. Se le pietre si trovano vicino al collo o al dotto biliare nella vescica di gallio, bloccano semplicemente il percorso della bile. Di conseguenza, non può circolare normalmente nell'intestino. Tale anomalia provoca la comparsa di diarrea, nausea, flatulenza, dolore sordo nell'addome. Ma questi sintomi non sono manifestazioni specifiche di calcoli biliari, come si verificano nella maggior parte delle malattie gastrointestinali. L'intolleranza agli alimenti grassi può verificarsi in diverse fasi dello sviluppo della malattia del calcoli biliari. Tuttavia, anche un grande calcolo, se si trova sul fondo dell'organo malato, non è un ostacolo al flusso della bile. Di conseguenza, gli alimenti grassi saranno digeriti e assimilati abbastanza normalmente.

Se parliamo dei sintomi generali di JCB, allora può essere abbastanza vario. Ci possono essere differenti intensità e natura del dolore addominale, disturbi digestivi, nausea, a volte con attacchi di vomito. Ma poiché il quadro clinico della malattia è caratteristico di molte patologie del tratto gastrointestinale, i medici esperti prescrivono sempre un'ecografia della cistifellea per comprendere la causa del disagio del paziente.

diagnostica

Se esiste una caratteristica sintomatologica della colica biliare, contattare immediatamente uno specialista. Prima di tutto, viene effettuato un esame fisico e una raccolta di anamnesi, in base alla scoperta di quali sintomi soffre il paziente.

Alla palpazione dell'addome c'è tensione e indolenzimento della pelle nei muscoli della parete addominale nelle immediate vicinanze della colecisti malata. Inoltre, il medico nota che il paziente ha macchie giallastre sulla pelle, che si verificano a seguito di una violazione del metabolismo dei lipidi, dell'ingiallimento dell'occhio sclera e della pelle.

Ma un esame fisico non è una procedura diagnostica di base. Questo è un esame preliminare, che dà al medico un motivo per riferire un paziente per determinati studi. In particolare:

  1. Analisi clinica del sangue. Se c'è un processo infiammatorio nella colecisti, nei risultati del test si noterà un moderato aumento della VES e una leucocitosi pronunciata.
  2. Analisi biochimica del sangue Quando si decifrano i dati da un medico, si osserva un aumento del livello di colesterolo e bilirubina sullo sfondo di attività anormale della fosfatasi alcalina.
  3. Colecistografia. Questa tecnica diagnostica aiuta ad esaminare accuratamente le condizioni della cistifellea. Durante la procedura vengono rilevati un aumento dell'organo e la comparsa di inclusioni calcaree sulle pareti. Con l'aiuto della colecistografia, vengono rilevate le pietre calcaree localizzate all'interno dell'organo malato.
  4. L'ecografia addominale è la tecnica diagnostica più informativa per la presunta malattia del calcoli biliari. Oltre a identificare i tumori, gli specialisti hanno notato la deformazione della parete della cistifellea. Registra anche cambiamenti negativi nella motilità del corpo del paziente. Chiaramente visibile sugli ultrasuoni e segni caratteristici della colecistite.

Uno studio approfondito dello stato della cistifellea è anche possibile con una risonanza magnetica o TC. Non meno tecnica diagnostica informativa, durante la quale vengono rilevate violazioni nella circolazione della bile, è la scintigrafia. Anche il metodo della colangiopancreatografia endoscopica retrograda è ampiamente utilizzato.

complicazioni

La formazione di pietre nella cistifellea non è solo una violazione della motilità dell'organo malato. JCB può avere un impatto molto negativo sul funzionamento di altri organi, specialmente quelli che si trovano in prossimità dello ZHP.

Così, i bordi delle pietre possono ferire le pareti della vescica, causando lo sviluppo di processi infiammatori in loro. Nei casi gravi, le neoplasie ostruiscono l'entrata e l'uscita del fiele, complicando così il flusso della bile. Quando tali deviazioni iniziano a verificarsi processi stagnanti, portando allo sviluppo di infiammazione. Questo processo può richiedere da alcune ore a diversi giorni, ma prima o poi sarà sicuramente sentito. L'estensione della lesione e l'intensità del fenomeno patologico possono essere differenti.

Quindi, è possibile la formazione di un piccolo gonfiore della parete della cistifellea o la sua distruzione. La conseguenza di questo pericoloso processo è la rottura dell'organo malato. Una tale complicazione della malattia del calcoli biliari minaccia direttamente la vita del paziente.

La diffusione del processo infiammatorio negli organi addominali è irto di sviluppo di peritonite. Una complicazione di questa condizione può essere shock tossico o insufficienza multiorgano. Con il suo sviluppo si verificano gravi malfunzionamenti nel funzionamento del cuore, dei reni, dei vasi sanguigni e persino del cervello.

Se l'infiammazione è troppo intensa e gli agenti patogeni rilasciano una quantità eccessiva di tossine nel sangue, possono comparire immediatamente. In tali circostanze, anche la rianimazione immediata non è una garanzia dell'uscita del paziente da uno stato pericoloso e della prevenzione della morte.

Trattamento della malattia di calcoli biliari

Il trattamento della patologia può essere conservativo e chirurgico. Di norma, i metodi terapeutici sono usati per cominciare. Questi includono:

  1. Dissoluzione dei calcoli biliari con l'aiuto di farmaci speciali. In particolare, acido chenodesossicolico e ursodesossicolico. Questa tecnica è efficace solo con il calcolo del colesterolo singolo. In assenza di controindicazioni al paziente, tale terapia viene prescritta per un anno e mezzo.
  2. La litotripsia extracorporea ad onde d'urto è un metodo conservativo per il trattamento dei calcoli biliari, che comporta l'uso di un'onda d'urto, che porta alla distruzione dei calcoli biliari. Tale onda viene creata utilizzando dispositivi medici speciali. Questo trattamento di calcoli biliari viene effettuato solo con pietre di colesterolo di piccole dimensioni (fino a 3 cm). La procedura praticamente non causa dolore ed è piuttosto facilmente tollerata dai pazienti. Pezzi di pietre vengono eliminati dal corpo durante i movimenti intestinali.
  3. Dieta. Questo è uno dei fondamenti di un recupero e rimozione dei sintomi spiacevoli. Nel corso della terapia dietetica, è necessario seguire le regole della nutrizione frazionata. Il cibo dovrebbe essere assunto 4-6 volte al giorno in piccole porzioni. Piatti grassi, piccanti, fritti, speziati, carni affumicate, sottaceti, bevande gassate e alcoliche, il cioccolato sono sempre esclusi dalla dieta. Il paziente dovrebbe abbandonare carni grasse e condimenti piccanti. L'alimentazione sana in JCR si basa sull'utilizzo di prodotti lattiero-caseari e prodotti vegetali. È necessario aggiungere la crusca di grano al menu.

Il trattamento chirurgico per la colelitiasi, la colecistectomia, è particolarmente popolare oggi. È effettuato in 2 modi:

Solo il chirurgo può determinare esattamente quale tipo di intervento chirurgico è consigliabile eseguire in ogni singolo caso. La colecistectomia è obbligatoria quando:

  1. Numerosi tumori nella cistifellea. Allo stesso tempo, il numero esatto e le dimensioni delle pietre non giocano alcun ruolo. Se occupano almeno il 33% dell'area dell'organo malato, la colecistectomia è obbligatoria. Né schiacciare né dissolvere questo numero di pietre non è possibile.
  2. Frequenti attacchi di colica biliare Il dolore con questa deviazione può essere piuttosto intenso e frequente. Vengono rimossi usando farmaci antispastici, ma a volte questo trattamento non porta sollievo. In questo caso, i medici ricorrono alla chirurgia, indipendentemente dal numero di pietre e dal loro diametro.
  3. La presenza di pietre nei dotti biliari. L'otturazione del tratto biliare nasconde una grave minaccia per la salute del paziente e peggiora significativamente il suo benessere. Il deflusso della bile è disturbato, la sindrome del dolore diventa più intensa e si sviluppa l'ittero meccanico. In questa situazione, l'operazione non può fare.
  4. Pancreatite biliare La pancreatite è un processo infiammatorio che si sviluppa e si verifica nei tessuti del pancreas. Il pancreas e la cistifellea sono collegati da un dotto biliare, quindi, un'interruzione nel lavoro di un organo comporta cambiamenti negativi nel lavoro di un altro. In alcuni casi, la colecistite calcarea porta all'interruzione del deflusso del succo pancreatico. La distruzione dei tessuti di un organo può portare a gravi complicazioni e minaccia direttamente la vita del paziente. Il problema deve essere risolto esclusivamente con la chirurgia.

La chirurgia obbligatoria è necessaria anche per:

  1. Peritonite. L'infiammazione degli organi addominali e dei tessuti del peritoneo stesso è una condizione pericolosa che può essere fatale. Il processo patologico può svilupparsi quando la cistifellea si rompe e la bile contaminata da microrganismi patogeni entra nella cavità addominale. In questo caso, l'operazione è mirata non solo alla rimozione dell'organo interessato, ma anche alla completa disinfezione degli organi adiacenti. Il ritardo nella chirurgia può essere fatale.
  2. Stenosi dei dotti biliari. Il restringimento del canale è chiamato stenosi. Il processo infiammatorio intensivo può portare a tali violazioni. Conducono alla stagnazione della bile e al suo accumulo nei tessuti del fegato, sebbene la cistifellea possa essere rimossa. Durante l'intervento chirurgico, gli sforzi del chirurgo mirano ad eliminare le stenosi. L'area ristretta può essere espansa, oppure una via di bypass per la bile può essere creata dal medico, con la quale viene portata direttamente nel retto. Senza intervento chirurgico per normalizzare la situazione è impossibile.
  3. Congestione del contenuto di pus. Quando un'infezione batterica si unisce ai tessuti della cistifellea, il pus si accumula in essi. L'accumulo di pus all'interno della colecisti stessa è chiamato empiema. Se i contenuti patologici sono raccolti al di fuori di esso, senza intaccare gli organi della cavità addominale, in questo caso stiamo parlando dello sviluppo dell'ascesso paravesico. Tali anomalie portano ad un netto deterioramento del paziente. Durante l'operazione, la cistifellea viene rimossa e l'ascesso viene svuotato, seguito da un attento trattamento con antisettici per prevenire la peritonite.
  4. Fistola biliare - Fori patologici localizzati tra la cistifellea (meno frequentemente - i suoi dotti) e gli organi cavi adiacenti. Per tale deviazione, qualsiasi quadro clinico specifico è insolito, ma può alterare in modo significativo il flusso della bile, portando al suo ristagno. Inoltre, possono causare lo sviluppo di altre malattie e disturbi digestivi. I buchi patologici sono chiusi durante l'intervento chirurgico, che aiuta a prevenire complicazioni indesiderate.

Oltre alla fase della patologia, la dimensione e la composizione delle pietre, l'età del paziente e la presenza di malattie concomitanti giocano un ruolo importante nella scelta della tecnica terapeutica. In caso di intolleranza agli agenti farmacologici, il trattamento farmacologico di GCB è controindicato per il paziente. In questo caso, l'unica via corretta per uscire da questa situazione sarà l'operazione.

Ma per le persone anziane con malattie del sistema cardiovascolare, reni o altri organi, la chirurgia può solo danneggiare. In questo caso, i medici cercano di evitare simili tattiche di trattamento.

Come si può vedere, la scelta dei metodi di trattamento per JCB dipende da molti fattori. Esattamente dire se c'è un bisogno di un intervento chirurgico, può solo il medico curante dopo tutte le misure diagnostiche necessarie.

Dieta per la colelitiasi

Il cibo a JCB dovrebbe essere frazionario. Il cibo dovrebbe essere assunto in piccole porzioni 4-6 volte al giorno. La temperatura del cibo non dovrebbe essere inferiore a 15 o più di 62 gradi Celsius. Per i prodotti vietati in JCB sono inclusi:

  • alcol;
  • legumi in qualsiasi forma;
  • latte in polvere e prodotti a base di latte acido;
  • arrosto;
  • acute;
  • sale;
  • affumicate;
  • pesce e carne grassi;
  • caviale;
  • dolci;
  • cibo in scatola;
  • funghi in qualsiasi forma;
  • pane fresco caldo, pane tostato, crostini;
  • spezie, condimenti;
  • marinata;
  • caffè;
  • prodotti a base di cioccolato;
  • di cacao;
  • forte tè nero;
  • formaggio duro o salato.

E, al contrario, i medici raccomandano di dare la preferenza:

  • pane secco a base di farina di 2 ° grado;
  • formaggi a basso contenuto di grassi;
  • verdure bollite, al vapore o al forno;
  • cavolo bianco tritato finemente (in quantità limitata);
  • carne magra al forno o bollita;
  • diversi tipi di cereali;
  • tagliatelle e pasta (entro limiti ragionevoli);
  • marmellate e marmellata;
  • frutti e bacche dolci;
  • tè debole;
  • dolci succhi fatti in casa;
  • mousse;
  • composta di frutta secca;
  • burro, che deve essere aggiunto a vari piatti per un massimo di 30 g al giorno;
  • varietà di pesce magro (lucioperca, luccio, nasello, ecc.);
  • latte intero Può essere usato sia in forma pura sia usato per cucinare i porridge.

Sono ammessi anche i formaggi magri a basso contenuto di grassi e gli yogurt naturali a basso contenuto di grassi (la cucina casalinga è migliore).

Prognosi e prevenzione di JCB

Per prevenire lo sviluppo della colelitiasi, è necessario, se possibile, evitare i fattori che possono causare lo sviluppo di ipercolesterolemia e bilirubinemia. È anche importante eliminare i processi congestizi nella cistifellea e nei suoi dotti. Questo è facilitato da:

  • equilibrata e buona nutrizione;
  • attività fisica;
  • attento monitoraggio del peso corporeo e, se necessario, sua regolazione;
  • individuazione tempestiva e completa cura delle malattie del sistema biliare.

Particolare attenzione alla circolazione della bile e del colesterolo dovrebbe essere data alle persone che hanno una predisposizione genetica alla colelitiasi.

Se parliamo della prevenzione della colica biliare nell'identificazione della malattia, allora i pazienti devono seguire una dieta rigorosa. Dovrebbero monitorare attentamente il loro peso e bere abbastanza liquidi (1,5 - 2 litri al giorno). Per evitare il rischio di movimenti di pietre sui dotti biliari, i pazienti dovrebbero evitare di svolgere lavori che richiedono una lunga permanenza in posizione inclinata.

Le previsioni riguardanti lo sviluppo della malattia del calcoli biliari per tutti i pazienti sono diverse, poiché dipendono direttamente dalla velocità di formazione dei calcoli, dalle loro dimensioni e dalla loro mobilità. Nella maggior parte dei casi, la presenza di calcoli nella cistifellea porta a una serie di complicanze avverse e gravi. Ma se l'intervento chirurgico viene eseguito in modo tempestivo, le pericolose conseguenze della malattia possono essere completamente prevenute!

Trattamento conservativo

Aggiungi il sito alla directory nbsp nbsp nbsp nbsp nbsp nbsp nbsp nbsp nbsp nbsp Aggiungi articolo

trattamenti conservativi per GSD - è, prima di tutto, l'assunzione di farmaci che prescritti dal medico dopo un esame completo del paziente. Principalmente, questi includono cholagogue e holinoliticheskie (riducendo crampi e dolore) mezzi, preparati vitaminici, integratori dietetici, e altri. Essi riducono l'infiammazione, migliorano il flusso della bile e stimola la funzione motoria della colecisti e dotti biliari. A seconda della fase della malattia: esacerbazione, colica biliare, la remissione - varia considerevolmente e strategia di trattamento. Pertanto, il paziente dal momento della diagnosi dovrebbe essere sotto la supervisione di un medico.
Naturalmente, un ruolo significativo nel trattamento conservativo giocare medicina dieto- e di erbe, che quando il metabolismo uso sistematico normalizzazione viene corretto disturbato fegato, pancreas e intestino. E, naturalmente, una componente importante nel trattamento della malattia di calcoli biliari è uno stile di vita sano, un regime razionale di lavoro e di riposo, da sforzo, microclima ottimale nella casa e al lavoro, la dieta, il sonno della buona notte, evitando abitudini dannose (alcol e fumo), etc.. d.

Forse a questo punto della storia i nostri lettori si pone legittima domanda: è lì al momento mezzi per distruggere i calcoli biliari senza chirurgia? La risposta a questa domanda può deludere molti di voi: nel trattamento del metodo alternativo di calcoli biliari ad chirurgica, ancora. Nella maggior parte dei casi, l'operazione di funzionamento e solo elimina le pietre e le complicazioni gravi, e in alcuni casi a salvare la vita del paziente. Non è solo la rimozione delle pietre, che sono il risultato di alterazioni infiammatorie nella cistifellea, e la rimozione della fonte di infiammazione - la maggior parte della cistifellea, perché anche quando si rimuove l'ultimo nuovo delle pietre formano nella cistifellea. È importante trattare non l'effetto, ma la causa. Usato metodi radicali più di terapia conservativa nel trattamento della malattia di calcoli biliari: lo scioglimento e la distruzione di pietre - hanno alcune limitazioni. Il punto è che la maggior parte dei calcoli biliari appartengono al tipo cosiddetto misto: sono costituiti da colesterolo, bilirubina, calcio e altri componenti. "Clean" pietre colesterolo sono meno comuni, e sono la manifestazione della malattia, di regola, hanno già raggiunto una dimensione considerevole. La dissoluzione delle pietre si basa sull'azione degli acidi biliari, che sono il principio attivo di un certo numero di farmaci. Riducono l'assorbimento del colesterolo dall'intestino tenue, riduce la sua sintesi nel fegato e contribuire alla distruzione delle strutture colesterolo contenenti - lo più piccole, pietre "galleggianti". A causa di questo impatto, queste "pietre" sono ridotte di dimensioni e scompaiono. Va sottolineato che questo trattamento è effettuato con una colecisti pervietà funzionamento del dotto cistico ea condizione che le pietre non riempiono più di metà della bolla. Dissoluzione di calcoli in modo efficace non più del 10-15 per cento dei pazienti, e in caso di successo, si deve considerare per la vita sotto stretto controllo medico. Alcuni pazienti usano rimedi popolari che presumibilmente contribuiscono all'espulsione di calcoli dalla cistifellea. Questa prova è di solito il fatto seguente: dopo aver ricevuto la "medicina" con le feci lapideo assegnato, formazione plotnovata di dimensioni giallo-verdastro di nocciola. I pazienti ritengono che i calcoli biliari, derivato dalla cistifellea nel duodeno e nel retto. Infatti, le cosiddette pietre fecale - grumi di bile nell'intestino ricevuto un significativo (più del normale) importo dovuto all'azione intensa ricevuto agente coleretico. In sostanza questo effetto forti agenti coleretico, in cui le pietre effettivi rimangono nella cistifellea del paziente. Il pericolo qui è la seguente: sotto l'influenza di sostanze intensi calcoli biliari coleretiche può "ribelle". Poiché aumenta peristalsi muscolo della vescica, la pietra può muoversi verso la porta e bloccare il dotto cistico, causando idropisia, e quindi suppurazione della cistifellea. Chiaramente, se il diametro flusso cistica è inferiore a 2,3 mm, la dimensione della pietra con nocciola fisicamente non può passare attraverso di esso. A proposito, raccolti in un barattolo di vetro pietre fecali presto sparsi, formando una massa pastosa che consiste di bile e le feci. È pericoloso prendere "cumuli di solventi" su consiglio degli amici! L'automedicazione è particolarmente dannosa in caso di attacco colico biliare. Distruzione di pietre A tale scopo vengono utilizzati dispositivi che creano un'onda d'urto, focalizzata molto precisamente sulla pietra identificata. necessarie condizioni di trattamento - attraversati cistica cistifellea operabile, pietre colesteriche con un totale di fino a 30 mm o una pietra dimensioni di 20-30 mm. Conseguente distruzione della pietra frammenti dalla vescica nel dotto biliare e nel duodeno. Questo metodo è utilizzato nel 5-6 percento dei pazienti, mentre solo la metà di essi ha effettuato il trattamento può essere considerato un successo. Casi frequenti di recidiva della malattia. Il metodo è usato per controindicazioni al trattamento chirurgico.

Trattamento chirurgico
Purtroppo, nonostante i notevoli progressi nello sviluppo di metodi di terapia conservativa, il trattamento principale della malattia di calcoli biliari è ancora un intervento chirurgico. Molto spesso, le operazioni chirurgiche sono ricorse a quando il trattamento conservativo non porta l'effetto desiderato. Ma in alcuni casi, i medici raccomandano un'operazione quando il paziente prima visita l'ospedale. In tale gruppo comprende pazienti con colecistite acuta (infiammazione della cistifellea) e il pericolo di peritonite. In senso figurato, si tratta di una situazione in cui la colecisti è pieno di pietre, trasformata in una "polveriera" in attesa di esplodere in qualsiasi momento. In questo caso, i medici si rifiutano strategia di trattamento in attesa, applicando metodi conservativi e insistono su un intervento urgente. I pazienti anche qui non c'è tempo per pensare: essere d'accordo o non essere d'accordo per l'operazione - hanno bisogno di essere consapevoli del fatto che "procrastinazione è come la morte." Prontamente operare come i pazienti con chiari segni di colecistite acuta, anche se senza la minaccia di peritonite, ma aumentando segni di deterioramento - rafforzare dolore addominale e tenerezza alla palpazione, il mantenimento di una temperatura corporea elevata, aumento della leucocitosi sangue (10-12.000 e più). In questi casi, l'operazione non dovrebbe essere rinviata, sperando ancora nella regressione dei sintomi e nel miglioramento della condizione. Le operazioni urgenti vengono eseguite nelle successive 48-72 ore dall'insorgenza delle manifestazioni acute della malattia. I medici li raccomandano come palpabile, allargata, cistifellea doloroso quando il trattamento conservativo non è molto promettente. Di solito accade in colecistite acuta che si verificano nelle prime fasi, senza l'ebbrezza generale espressa, ad esempio, quando le condizioni generali del paziente è abbastanza soddisfacente Se si trova una bolla piccole pietre più, quando in particolare la vera minaccia per il loro movimento attraverso il dotto cistico nel dotto biliare allo sviluppo di colangite, ittero e altre complicazioni, i chirurghi insistono su un intervento urgente, anche se non ci sono sintomi di colecistite. Inoltre, non dobbiamo dimenticare che la presenza di calcoli biliari e l'infiammazione cronica a lungo esistente dei medici sono considerati come una condizione precancerosa che viene confermata da molte osservazioni. Tuttavia, la migliore opzione di chirurgia medici colelitiasi credere chirurgia elettiva, cioè un intervento chirurgico dopo la diagnosi di calcoli biliari o condotti. In questo caso, i chirurghi hanno il tempo di condurre un esame completo del paziente e preparazione preoperatoria, e, se necessario - il trattamento, selezionare le opzioni più ragionevoli per un intervento chirurgico. Come risultato dell'operazione e il periodo post-operatorio è stato tranquillo, riducendo in modo significativo il tempo di permanenza in ospedale. Il funzionamento di base nel trattamento di calcoli biliari è colecistectomia - rimozione con calcoli alla vescica alterati. Questa operazione in 85-90 per cento dei casi allevia le persone dalla sofferenza di una ricaduta della malattia e non provoca alcuna nuova disturbi a causa della perdita della colecisti. prima colecistectomia del mondo è stato eseguito più di 100 anni fa, nel 1882, il Dr. Langenbuhom in Germania, e la prima di tali operazioni in Russia ha fatto nel 1889 YF Kosinski. Il trattamento chirurgico per colecistite acuta, cioè nei casi in cui la cistifellea infiammata, è quello di rimuovere la colecisti e l'esame delle vie biliari (la colangiografia operativo applicato). Al rilevamento di pietre nel tratto biliare holedoholitotomiyu producono, cioè la loro dissezione e la rimozione di pietre. Ancora una volta sorge una domanda ragionevole: è necessario rimuovere la cistifellea? Perché non tagliare e rimuovere le pietre? In effetti, la chirurgia 'alba' colelitiasi considerato il funzionamento ideale holetsistolitotomiya - dissezione della cistifellea, la rimozione di pietre dal suo lume, seguita da sutura della parete della vescica. Tuttavia, finora da lei abbandonata ovunque, come quando viene usato quasi sempre inevitabile ricaduta. Se la normale funzione è interrotta
Ho una cistifellea, c'è un'infiammazione, quindi non vi è alcuna garanzia che le pietre non si formino più. Questo accade più spesso nei primi anni dopo l'intervento chirurgico (circa il 10% all'anno), e dopo 5 anni il numero di recidive si sta già avvicinando al 100%. Ecco perché nella maggior parte dei casi i chirurghi rimuovono la cistifellea. La questione delle indicazioni per la chirurgia nelle persone di età più avanzata e in presenza di gravi comorbidità non è facilmente risolvibile. È noto che tra coloro che soffrono di colecistite, oltre il 60 percento ha più di 50 anni, il 40 percento ha più di 60 anni. Cardiopatia ipertensiva, precedente infarto miocardico, angina pectoris, insufficienza cardiaca e altre gravi malattie sono comuni tra i pazienti di queste fasce d'età. Allo stesso tempo, la necessità dell'intervento chirurgico in molti casi risulta chiara e incondizionata. Questo grave problema non ha una soluzione semplice. Richiede sforzi congiunti del chirurgo, terapeuta, anestesista e, se necessario, dello specialista di rianimazione. L'esperienza dimostra che con l'interazione efficace di questi specialisti e la corrispondente preparazione preoperatoria, si può operare con successo 85

Il 90 percento dei pazienti in gruppi di età più avanzata con gravi comorbidità. In questi casi, i chirurghi ricorrono a operazioni di risparmio e spesso effettuano trattamenti chirurgici in due fasi. Questo deve essere fatto quando il rischio di un'operazione è molto alto, ma un'operazione è necessaria per ragioni di salute. Dal 1991, la Russia ha iniziato ad applicare un nuovo tipo di operazione - la colecistectomia laparoscopica, che dalla fine degli anni '80 è diventata diffusa in tutto il mondo. L'operazione viene eseguita con l'ausilio di attrezzature speciali attraverso quattro piccole incisioni. Laparoscopio consente di ispezionare bene gli organi addominali, trasmettendo l'immagine sullo schermo TV. Con l'aiuto di strumenti speciali eseguire la rimozione della cistifellea, l'ispezione dei dotti biliari e la rimozione di pietre dal tratto biliare (coledocolitotomia). I vantaggi della chirurgia laparoscopica sono evidenti: è meno traumatico ed è molto più facile da tollerare per i pazienti, consente di limitare l'uso di analgesici narcotici (antidolorifici), riduce l'incidenza di complicanze postoperatorie, riduce la durata della degenza in ospedale e il periodo di recupero (riabilitazione) dopo l'intervento. Va notato che l'attrezzatura, gli strumenti laparoscopici, la procedura dell'operazione stessa sono costantemente migliorati, vi è un continuo accumulo di esperienza chirurgica, che dà speranza per la massima riduzione del rischio di un intervento chirurgico e riduzione delle complicanze postoperatorie.

Vita senza cistifellea
Come dimostra la pratica, la maggior parte dei pazienti dopo la rimozione della colecisti si sente abbastanza bene alla dimissione dall'ospedale. Durante questo periodo, il corpo si adatta all'assenza della colecisti e il fegato assume le sue funzioni. La bile viene prodotta nelle cellule del fegato ed entra nel duodeno attraverso il dotto epatico. Dopo la rimozione della cistifellea, la bile cessa di concentrarsi e la sua secrezione nell'intestino aumenta di 50-130 ml / ora, la bile viene gettata nello stomaco e la mucosa dello stomaco e del duodeno a un eccesso di bile reagisce con l'infiammazione. Inoltre, per molti pazienti affetti da colecistite calcicola cronica, la cistifellea non funziona o presenta malfunzionamenti prima dell'intervento. Ciò porta allo sviluppo di gastrite e duodenite nel 70% dei pazienti. Inoltre, l'80% dei pazienti con colelitiasi ha anche danni agli organi vicini: fegato, pancreas, intestino. Dopo l'intervento, le malattie di questi organi persistono e richiedono un trattamento appropriato.
Pertanto, nel periodo postoperatorio, è molto importante osservare rigorosamente tutte le prescrizioni mediche (trattamento anti-ricaduta) e le misure preventive: dieta, fitoterapia, stile di vita sano, ecc. Troverete le raccomandazioni su questo argomento sulle pagine di questo libro.

Trattamento della malattia del calcoli biliari senza chirurgia

Le pietre nella cistifellea, purtroppo, sono un fenomeno comune. Questa malattia è affrontata da molte persone. La malattia da calcoli biliari può causare pancreatite, colangite, colecistite e altre malattie. La malattia da calcoli biliari colpisce prevalentemente le donne. Con l'età aumenta la probabilità di formazione di calcoli.

Sintomi caratteristici della malattia

La malattia del biliari (ICD) è una malattia del tratto gastrointestinale, caratterizzata dalla formazione e dalla crescita di pietre dure nella cistifellea. La malattia procede in tre fasi:

  1. Fisico-chimica. Nella prima fase, i processi predicono la formazione di pietre. Nella bile, il livello di colesterolo aumenta.
  2. Latente. I sintomi di uno stadio non sono mostrati, similmente al primo. Ma le pietre sono già presenti nella vescica, irritano la mucosa, graffiano. Il processo infiammatorio inizia nella cistifellea e nei dotti.
  3. Clinica. Allo stadio, i sintomi della malattia assunta per le convulsioni si manifestano pienamente.

Le pietre formate nell'organo durante il decorso della malattia cadono nei dotti biliari e sono in grado di intasarle. Ciò che sta accadendo causa complicazioni nella cistifellea. Il paziente ha una colica biliare, chiamata attacco di JCB.

cause di

La chiave per il normale funzionamento del tratto digestivo diventa una corretta alimentazione. Le pietre nella colecisti si formano quando viene ingerito un disturbo metabolico o un'infezione. Le cause della malattia sono molte. I medici che studiano violazioni che si verificano nel tratto gastrointestinale, hanno identificato alcuni fattori di rischio. La presenza di fattori spesso causa la comparsa della malattia:

  • Stile di vita sedentario
  • Predisposizione genetica.
  • Stile di vita scorretto, consumo di alcol.
  • Disturbi alimentari, digiuno, obesità.
  • Malattie del tratto gastrointestinale.

La malattia si manifesta spesso nelle donne durante la gravidanza. A causa dei fattori che accompagnano l'aspettativa del bambino, aumenta il livello di colesterolo, il componente principale delle pietre. Il processo contribuisce alla stagnazione della bile nella vescica. La probabilità della malattia aumenta se bevi ormoni.

I sintomi della malattia

Le prime due fasi della malattia sono asintomatiche. Il paziente non sa che diventa un portatore di calcoli biliari. I sintomi si verificano quando la pietra entra nel dotto biliare. I primi segni di violazione sono l'amarezza nella bocca, il dolore nel giusto ipocondrio, la pesantezza. Nausea, flatulenza, eruttazione.

Pietra di piccole dimensioni è in grado di passare attraverso i condotti direttamente nel duodeno. Quindi la formazione esce dal corpo insieme alle feci. In questi casi, l'attacco passa da solo, senza trattamento.

Se la pietra è grande, questo è un segno sicuro del pericolo di rimanere bloccati nei condotti. Simile minaccia con gravi complicazioni che richiedono un trattamento. Se il condotto è bloccato, il dolore non scompare, è indicato per consultare immediatamente un medico. Con l'esacerbazione di JCB, si verifica l'infiammazione della colecisti. Senza trattamento, un paziente sviluppa malattie gastrointestinali di terzi:

  • Pancreatite acuta.
  • Ittero ostruttivo.
  • Colecistite.
  • Ascesso epatico

Al fine di evitare effetti indesiderati non è necessario ignorare i sintomi della malattia. È importante iniziare il trattamento in tempo. Nelle prime fasi della malattia, il trattamento aumenta la probabilità di un completo recupero con il minor tempo e sforzo del paziente.

Diagnosi della malattia

La diagnosi e il trattamento di un paziente con colelitiasi è fatto da un gastroenterologo. Il medico raccoglie la storia e l'esame visivo, esamina la suscettibilità del paziente alla malattia. La diagnosi accurata è estremamente importante, i primi sintomi sono simili ad altre malattie del tratto gastrointestinale, ad esempio, gastrite e pancreatite.

Per chiarire la diagnosi viene assegnato un numero di studi aggiuntivi, compresi i metodi di laboratorio e strumentali. Il metodo principale di diagnostica strumentale nella determinazione del JCB è l'ultrasuono. Il metodo aiuta a determinare la presenza di pietre, a scoprire le dimensioni e la posizione.

Sulla base dei dati ottenuti, il medico stabilisce una diagnosi accurata. Un ruolo importante nella diagnosi è lo studio dello stile di vita del paziente, la predisposizione genetica. Osservando un quadro dettagliato del decorso della malattia, il medico prescrive un trattamento adeguato.

Metodi di trattamento

A seconda del grado di gravità e gravità, vengono determinati i metodi di trattamento della colelitiasi. Nel trattamento della maggior parte delle malattie, i medici cercano di fare con metodi conservativi. L'intervento chirurgico può portare a conseguenze indesiderabili per il funzionamento del corpo umano. Se la malattia assume una forma grave, il trattamento terapeutico non porta risultati, il medico decide di trattare la malattia con un intervento chirurgico.

È possibile fare senza chirurgia

Molti pazienti mettono in dubbio la possibilità di un trattamento efficace della malattia senza chirurgia - e si sbagliano. L'opportunità di fare a meno dell'operazione dovrebbe avvantaggiarsi. Il medico può assegnare il metodo corretto di trattamento solo dopo aver esaminato l'anamnesi del paziente, tenendo conto di possibili fattori e rischi. L'automedicazione è pericolosa.

Il trattamento della malattia del calcoli biliari senza chirurgia è prescritto se la dimensione delle pietre è fino a tre centimetri. Gli specialisti-gastroenterologi hanno studiato a sufficienza la malattia della colecisti. Sulla base della ricerca, sono stati sviluppati numerosi trattamenti. La dieta, come mezzo di trattamento, è ampiamente utilizzata come parte dei metodi, parlando anche di un metodo completo di trattamento di JCB.

Trattamento senza chirurgia

I trattamenti terapeutici comprendono il trattamento farmacologico e la litotripsia. Un ruolo importante è svolto aderendo a una dieta rigorosa. Il trattamento di sanatorio è riconosciuto come un modo positivo per curare la malattia. Non tutti i pazienti hanno l'opportunità di utilizzare il metodo indicato.

Le condizioni del trattamento termale aiutano a fornire al paziente un regime volto a normalizzare il lavoro del tratto gastrointestinale. Una tecnica simile è usata per i pazienti con diagnosi: gastrite, ulcera gastrica, pancreatite cronica. Un ruolo importante è giocato dalle condizioni climatiche assegnate alle passeggiate regolari del paziente. Questo è volto a migliorare l'attività del paziente. Il paziente prende l'acqua minerale, si mantiene a dieta. Per le persone che soffrono di disturbi nel tratto gastrointestinale, viene preparato un menu speciale. Al paziente vengono assegnati bagni minerali e fisioterapia.

Il compito principale del trattamento è il rilascio della colecisti e dei dotti dalle pietre, un ruolo importante è giocato dalla litotripsia. Il termine si riferisce alla procedura di frantumazione di pietre senza contatto al fine di passare indipendentemente le formazioni attraverso i condotti. Il metodo è usato per le pietre nella cistifellea a tre centimetri. Il pericolo della procedura è dovuto alla possibilità di ostruzione del dotto passando pietre frantumate. Insieme a farmaci prescritti per litotripsia che contribuiscono alla dissoluzione delle pietre. Per i pazienti prescritti farmaci acido ursodesossicolico.

Il medico controlla il metodo di trattamento con ultrasuoni. Inoltre, viene introdotto l'uso della fitoterapia. Il medico curante corregge la nutrizione in caso di malattia del calcoli biliari. Il cambiamento dello stile di vita con i calcoli biliari è il componente principale di un efficace trattamento non chirurgico.

Dieta per la colelitiasi

Per il pieno recupero, il paziente dovrà cambiare stile di vita. Il rispetto delle singole regole nutrizionali è importante per la colelitiasi. Non importa se la chirurgia è stata eseguita o il trattamento è stato prescritto senza chirurgia, la dieta svolge un ruolo enorme nel processo di guarigione. Elenco noto di diete popolari per i pazienti con JCB, un comune ed efficace dalla lista - №5.

Caratteristiche del quinto tavolo

MI Pevzner, il fondatore della dieta nazionale, nel 1929, sviluppò un metodo di dieta. Sulla base dei metodi creati una tabella di tabelle mediche. L'approccio di uno scienziato in nutrizione è ampiamente usato nel trattamento di sanatorio. Diete totali quindici. Per i pazienti con cistifellea ridotta, si raccomanda la dieta n. Il paziente viene prescritto una dieta dal medico curante, determinando il periodo di conformità. Seguire la dieta mostrata a casa, dopo aver studiato il cibo e le regole di cottura consentiti.

La dieta è mirata a una quantità normale di apporto proteico e di carboidrati, con una notevole riduzione dell'assunzione di grassi. Il valore energetico della dieta non supera le 2500 kcal al giorno. Una dieta simile è prescritta per i pazienti con diagnosi di pancreatite cronica, gastrite e problemi al fegato.

Al paziente viene assegnato un potere frazionario. Si consiglia di assumere il cibo in piccole dosi, senza caricare il sistema digestivo. Pasti da cinque a sei al giorno. Un elemento importante nella dieta è la lavorazione del cibo. Si raccomanda l'uso di cibo a forma di pezzi sminuzzati o puliti. Questo impedisce la produzione di eccesso di bile, riduce la probabilità di coliche.

I prodotti non devono essere fritti o affumicati. Si consiglia di cucinare i piatti per una coppia, far bollire. È consentito cuocere o stufare i piatti. È indicato per mangiare almeno sale (10 grammi). Il consumo giornaliero di acqua purificata semplice viene aumentato a due o più litri al giorno.

Cosa può e cosa non può

Il paziente dovrà regolare completamente il menu. Dovrai esaminare l'elenco di prodotti da escludere dalla dieta. L'alcol può causare spasmi della vescica e dei dotti, causando coliche. Rimuove i prodotti che sovraccaricano il fegato e la cistifellea, contribuendo alla produzione di formazione di bile e gas. Dal menu, rimuovi gli alimenti che irritano il tratto digestivo, sovraccaricando il sistema digestivo umano. Vietato utilizzare:

  • Pasticceria
  • Funghi.
  • Latticini grassi
  • Cavolo, fagioli
  • Pesce affumicato, salato e grasso.
  • Carne grassa, salsicce
  • Caffè, tè forte.
  • Spezie, spezie, cipolle, aglio.

La lista è molto più lunga. Include prodotti che contengono un'abbondanza di grassi animali, olii, carni affumicate, piatti speziati. È vietato il tè forte per la colelitiasi, è consentito bere tè con latte o bevande leggermente fermentate. Come un analogo di composte di uso del tè, fianchi di brodo. Un alimento ricco di fibre che migliora la digestione, pectine che riducono l'infiammazione, sostanze lipotropiche che sciolgono i grassi è raccomandato. L'effetto benefico sul corpo produce prodotti contenenti magnesio, allevia gli spasmi della cistifellea.

Hai bisogno di mangiare cibi:

  • Fette biscottate e pane di crusca
  • Carne magra
  • Zuppa di verdure dietetiche
  • Pesce magro e poco salato.
  • Latticini a basso contenuto di grassi.
  • Frutta a guscio, frutta secca e semi
  • Verdure contenenti pectina.

Alla frutta è permesso mangiare melograni, banane. Sono consentite mele cotte, marmellata, marmellata. I frutti di mare satura di iodio aiutano a legare il colesterolo. La vitamina D previene i depositi di sale. L'olio di pesce aiuta a svuotare la cistifellea. Prodotto consentito - formaggio, ma in uso limitato.

Il rispetto delle regole della dieta può influire positivamente sul lavoro della cistifellea, sul funzionamento del corpo nel suo complesso. Mangiare cibi sani migliora il funzionamento del tratto gastrointestinale, prevenendo molte malattie. Dieta per la colelitiasi aiuta a rafforzare il sistema immunitario, migliorare la salute generale.

Metodi tradizionali di trattamento

Nella medicina popolare sono state sviluppate prescrizioni selezionate, supportate da medici qualificati. Molte delle descrizioni usano barbabietole. La verdura è necessaria per tagliare e cuocere alla consistenza dello sciroppo. Bere mezzo o tre volte un bicchiere di brodo. Consentito l'uso di succo di barbabietola, separatamente o con succo di ravanello. Si ritiene che le barbabietole aiutino a dissolvere le pietre.

C'è un'enorme quantità di decotti a base di miele. Alle ricette si aggiungono rafano, rafano, linfa di betulla e altri mezzi. Il trattamento al miele ha un effetto coleretico, il prodotto aiuta a migliorare la digestione.

Varie erbe medicinali sono ampiamente utilizzate nelle ricette della medicina tradizionale. L'effetto curativo ha un decotto di celidonia e menta. Aggiungi la seta di mais, la salvia, la camomilla e altre erbe. Spesso i brodi devono essere insistiti e presi su un cucchiaio più volte al giorno, i bagni sono fatti con i tuoi preferiti, altri bevono come il tè.

Un noto metodo di trattamento e prevenzione di JCB kombucha. Il Kombucha giapponese contiene acido che aiuta ad abbattere i sassi.

Le ricette fatte in casa possono essere utilizzate solo dopo aver consultato un medico. La consulenza professionale aiuterà ad evitare gli effetti indesiderati dell'autoterapia. Viene mostrato cibo utile per il trattamento e la prevenzione della malattia da calcoli biliari. Preparare senza l'uso eccessivo di spezie e sale. È importante eliminare alimenti nocivi e grassi che influiscono negativamente sul lavoro del tratto gastrointestinale.