Classificazione dell'epatite a

Sintomi

L'epatite A virale è una malattia acuta, che si manifesta ciclicamente, caratterizzata da sintomi a breve termine di intossicazione, disturbi transitori rapidi delle funzioni epatiche e decorso benigno.

Nell'infanzia, l'HAV rappresenta fino all'85% di tutti i casi segnalati di epatite virale.

L'eziologia. Il virus dell'epatite A (HAV) viene scoperto da S. Feinstone (1973). Il virus è una particella sferica contenente RNA con un diametro di 27 nm (figura 39). La parte centrale del virus è rappresentata dal nucleocapside, quella esterna ha una membrana a due strati costituita da capsomeri proteici. Per le sue proprietà, il virus è vicino agli enterovirus. Localizzato nel citoplasma degli epatociti. Insensibile all'etere, ma rapidamente inattivato dalle soluzioni di formalina e dall'irradiazione UV; a una temperatura di 100 ° C inattivato entro 5 minuti. Si trova nelle feci nel periodo iniziale (preicterico) della malattia, con la comparsa di ittero, la secrezione del virus diminuisce rapidamente. Un modello sperimentale di CAA sono scimmie e scimpanzé. È stata dimostrata la capacità di coltivare il virus A nel tessuto epatico trapiantabile umano.

Epidemiologia. L'HAV è comune in tutti i paesi del mondo. L'incidenza è sporadica o sotto forma di focolai epidemici. In diverse regioni del nostro paese, i tassi di incidenza non sono gli stessi. La più alta incidenza nelle repubbliche dell'Asia centrale.

Nella struttura complessiva dell'incidenza di HAV, i bambini rappresentano oltre il 70%. Più spesso bambini malati di età compresa tra 3 e 7-10 anni. Non mi sono ammalato del primo obiettivo di Petya a causa dell'immunità transplacentare ricevuta dalla madre.

La fonte dell'infezione è solo una persona malata. Il più grande pericolo epidemiologico è presentato da pazienti con forme cancellate, anterteri e inapparenti.

Il virus nei pazienti si trova nel sangue, nelle feci e nelle urine. La sua comparsa nelle feci è notata molto tempo prima dei primi sintomi clinici, ma la massima concentrazione si verifica nel periodo preicterico. Nei primi giorni del periodo itterico, il virus può essere rilevato nel sangue e nelle feci in non più del 10-15% dei pazienti e dopo 4-5 giorni dall'insorgenza dell'ittero, solo in casi isolati.

L'epatite virale A è una tipica infezione intestinale. La trasmissione del virus avviene prevalentemente attraverso la via di contatto familiare, così come con cibo e acqua. La trasmissione meccanica può essere effettuata dalle mosche. La trasmissione aviotrasportata è consentita. Tuttavia, se tale percorso si verifica, sembra essere molto raro. La trasmissione dell'epatite A per via transplacentare non è stata dimostrata. La suscettibilità al virus è estremamente alta. Tra la popolazione adulta, gli anticorpi contro il virus dell'epatite D si trovano nel 70-80%, il che dimostra la prevalenza dell'infezione negli esseri umani.

La più alta incidenza di HAV è registrata nel periodo autunno-inverno (settembre-gennaio), la più bassa - nel periodo estivo (luglio-agosto). I focolai epidemici di malattie sono solitamente notati nelle istituzioni.

Dopo aver sofferto di HAV, si forma un'immunità permanente persistente. Le malattie ricorrenti sono rare - nell'1-5% dei bambini. In questi casi, l'infezione con un altro tipo di virus epatotropico non può essere esclusa.

Patogenesi. Dopo l'infezione per via oro-fecale, il virus dall'intestino è ematogeno agli epatociti, dove trova le condizioni ottimali per la riproduzione. I meccanismi diretti che portano alla sconfitta degli epatociti non sono stati definitivamente stabiliti. Effetto citopatico diretto del virus; allo stesso tempo, il collegamento iniziale nel processo patologico di HAV è la penetrazione del virus negli epatociti e la sua interazione con macromolecole biologiche coinvolte nei processi di disintossicazione. Il risultato di questa interazione è il rilascio di radicali liberi che agiscono come iniziatori della perossidazione lipidica delle membrane cellulari. Il rafforzamento dei processi di perossidazione lipidica porta a un cambiamento nell'organizzazione strutturale dei componenti lipidici delle membrane dovuto alla formazione di gruppi di idroterapia, che provoca la comparsa di "buchi" nella barriera idrofobica delle membrane biologiche e, di conseguenza, un aumento della loro permeabilità. Esiste un legame centrale nella patogenesi della sindrome da HAV - citolisi. Diventa possibile spostare sostanze biologicamente attive lungo un gradiente di concentrazione. Poiché la concentrazione di enzimi all'interno dei geiatociti è decine o addirittura centinaia di migliaia di volte superiore al loro contenuto nello spazio extracellulare, l'attività sierica degli enzimi con aumenti citoplasmatici, mitocondriali, lisosomiali e di altra localizzazione, che indirettamente indica una diminuzione del loro contenuto nelle strutture intracellulari, e quindi su un regime bioenergetico ridotto di trasformazioni chimiche. La sostituzione del potassio intracellulare migliora i guasti nella fosforilazione ossidativa e promuove lo sviluppo dell'acidosi intracellulare.

La diversa reazione del mezzo negli epatociti e la violazione dell'organizzazione strutturale delle membrane subcellulari portano all'attivazione di idrolasi acide (RNasi, catepsine, leucina aminopeptidasi, ecc.), Che in una certa misura è anche dovuta ad una diminuzione dell'attività dell'inibitore delle proteinasi tissutali α2-macroglobulina.

L'effetto finale degli enzimi proteolitici è la degradazione idrolitica degli epatociti necrotici con il rilascio di complessi proteici, che possono agire da autoantigeni e, insieme al virus epatotropico, stimolare il sistema immunitario T e B, attivando da un lato le cellule killer ipersensibilizzate e dall'altro provocando la formazione di specifici anticorpi antiepatici in grado di attaccare il parenchima epatico. Tuttavia, il meccanismo di aggressione autoimmune in HAV non è completamente implementato, pertanto non si riscontrano forme gravi di questo tipo di epatite. Quindi, il processo patologico in HAV subisce una serie di fasi interdipendenti consecutive con la partecipazione obbligatoria del virus stesso e l'inclusione del fegato nel processo immunopatologico.

La patologia di HAV è studiata sul materiale della biopsia epatica, in quanto non vi sono quasi esiti mortali. Il processo patologico nel fegato inizia diversi giorni prima della comparsa dei primi sintomi clinici della malattia con l'attivazione e la riproduzione delle cellule reticoloendoteliali stellate (cellule di Kupffer), nonché l'infiltrazione mononucleare prevalentemente lungo i tratti del portale. I cambiamenti negli epatociti si uniscono alla fine del periodo prodromico. Inizialmente, i nucleoli si ingrandiscono, compaiono numerose mitosi e le alterazioni delle proteine ​​distrofiche compaiono negli epatociti, principalmente nella zona periferica degli acini.

Al culmine delle manifestazioni cliniche, compaiono gli effetti dell'aumento della distrofia del palloncino e la necrosi sparsa degli epatociti. Questi ultimi subiscono una disintegrazione autolitica o possono essere mummificati, trasformandosi in corpi eosinofili simili ai corpi di Cowsilman. Nelle aree di necrosi disseminata, si verifica l'infiltrazione linfoistiocitica delle cellule, che, insieme all'intensificazione degli infiltrati infiammatori lungo i tratti del portale, viola la struttura del parenchima epatico e causa la decomposizione della sua struttura a fascio. Contemporaneamente ai processi di distrofia e necrobiosi, avviene la rigenerazione. Durante il declino delle manifestazioni cliniche, il numero di cellule divisorie aumenta e lo stroma di reticolina del parenchima si ingrossa. L'infiltrazione cellulare diminuisce gradualmente. Il processo di solito termina alla 6-8a settimana della malattia, ma può essere ritardato fino a 4-5 mesi dalla malattia, terminando con un completo ripristino dello stato funzionale del fegato. L'epatite cronica non è formata, la fibrosi residua è possibile.

Il quadro clinico. In un tipico decorso della malattia, la ciclicità si esprime distintamente con un cambiamento consecutivo di quattro periodi: iniziale, o prodromico (pre-yelt), altezza (ittero), post-ingiallimento e convalescenza.

Il periodo di incubazione per HAV è compreso tra 10 e 45 giorni, in media 15-30 giorni. In questo periodo di manifestazioni cliniche della malattia non accade, tuttavia, nel sangue è già possibile rilevare il virus e l'elevata attività degli enzimi epatocellulari (AlAT, AsAT, F-1-FA, ecc.).

Come si può classificare l'epatite virale

loading...

Il processo infiammatorio che colpisce le cellule del fegato e porta alla morte degli epatociti, è una delle malattie più pericolose del nostro tempo. Il suo principale pericolo è l'assenza di sintomi pronunciati in una fase precoce della malattia. Ciò porta al fatto che nella maggior parte dei casi una diagnosi accurata è fatta in ritardo e diventa più difficile determinare il tipo di malattia. Al fine di condurre una terapia di alta qualità, i medici condividono l'epatite, la cui classificazione consente di isolare le malattie acute e croniche in un gruppo separato, che si verifica con ampie lesioni dell'apparato digerente e in misura abbastanza facile.

Caratteristiche di classificazione

loading...

Divisione di classificazione dell'epatite, approvata dall'organizzazione internazionale di medici.

Oggi vengono identificati 7 tipi di infiammazione del fegato, che sono eziologicamente indipendenti. Le lettere latine A, B, C, D, E, F, G sono scelte per designare ciascuna di esse.

Inoltre, tutti i tipi di malattia sono divisi per eziologia e caratteristiche di patogenesi:

  • Epatite virale, in cui l'infezione avviene per via orale (attraverso la bocca) e parenterale (attraverso il sangue). La fonte è acqua e cibo, non sottoposti a trattamento meccanico o termico obbligatorio. Nel secondo caso, la modalità di trasmissione è i vasi sanguigni attraverso strumenti non sterili (siringhe, set manicure, attrezzatura per tatuaggi).
  • Medicinale, derivante dall'assunzione incontrollata di medicinali che influenzano negativamente la condizione e la funzionalità del fegato.
  • Autoimmune, in via di sviluppo a causa del fatto che nel corpo del paziente ci sono cambiamenti ereditari nel sistema immunitario o autoanticorpi verso gli epatociti.
  • Infiammazione del fegato, la cui eziologia non è chiara. Sono chiamati epatite crittogena.

Esiste una classificazione della malattia in base al grado di attività del processo patologico, alle caratteristiche del corso e alle fasi.

Tutti i tipi di danno epatico infiammatorio sono suddivisi in acuta e cronica, che si verificano con vari gradi di attività del processo patologico:

  1. L'attività più bassa (epatite persistente).
  2. Attività debole
  3. Moderatamente pronunciato
  4. La forma attiva dell'epatite.

Se parliamo delle manifestazioni cliniche, ci sono le epatiti con una forma tipica del corso, che è caratterizzata dalla comparsa di pelle gialla, sclera e mucose, oltre che atipica. Questa forma è caratterizzata dall'assenza di sintomi pronunciati di ittero, obliterati, inespressivi o completamente assenti.

Epatite A

loading...

L'epatite A è una malattia infiammatoria acuta. La sua principale caratteristica distintiva è il corso con avvelenamento sintomatico a breve termine. Tutte le violazioni della funzionalità del fegato associate a questo processo patologico, piuttosto rapidamente passano. I sintomi sono pronunciati, il rischio di decorso maligno è assente.

In conformità con l'ICD-10 (Classificazione internazionale delle malattie), un codice è assegnato all'epatite A, a seconda del suo grado di pericolo:

  1. B15 è una forma acuta della malattia.
  2. B15.0 - con lo sviluppo del coma epatico.
  3. B15.9 - senza il rischio di coma epatico.

L'HAV o il virus dell'epatite A è stato scoperto alla fine degli anni '70 del secolo scorso. Questa è una particella contenente RNA, che non è sensibile all'etere, ma perde attività sotto l'influenza di soluzioni come la formalina e la cloramina. Il virus muore e sotto i raggi ultravioletti. L'alta temperatura è distruttiva per l'HAV. A 85 ° C, il virus muore entro un minuto.

Questa forma della malattia è direttamente correlata alle infezioni intestinali. Il virus viene trasmesso attraverso il contatto con una persona infetta attraverso mani sporche, acqua inquinata e cibo.

È possibile rilevare il virus durante un esame di laboratorio di feci, sangue e urina. È contenuto nel corpo del paziente in grandi quantità prima che compaia l'ittero. Quindi il suo contenuto diminuisce sensibilmente e il 5 ° giorno del periodo itterico è praticamente impossibile rilevare il virus.

Un'altra caratteristica distintiva è l'alto grado di suscettibilità al virus e lo sviluppo dell'immunità permanente dopo la malattia.

Considerando la patogenesi dell'epatite A, possiamo dire che il virus entra nello stomaco del paziente con acqua o prodotti contaminati, da lì entra nell'intestino tenue, nel flusso sanguigno e nel fegato, dove provoca la morte di epatociti. Sotto l'influenza del virus, il processo di produzione e rilascio della bilirubina viene interrotto, la capacità del fegato di svolgere la sua funzione di base diminuisce, agendo come un filtro che fornisce una disintossicazione di alta qualità.

Il trattamento non richiede l'uso di droghe. Con l'epatite A, l'obiettivo principale è cambiare la dieta del paziente, a cui viene prescritto un rigoroso riposo a letto per tutta la fase ittero della malattia. La durata della malattia è da 1 a 3 mesi, dopo di che viene il pieno recupero. Il processo patologico in questo tipo di epatite non si trasforma in una forma cronica.

Per il trattamento prescritto:

Tutti i farmaci vengono selezionati tenendo conto delle caratteristiche individuali di ciascun paziente. L'orario di ricevimento fissa solo il medico curante.

Caratteristiche di tipo B.

loading...

L'epatite B virale è causata da un virus contenente DNA. La malattia può manifestarsi sia in forma acuta che in forma cronica.

In accordo con l'ICD-10, l'epatite B acuta si distingue:

  1. Con coinfezione e coma epatico.
  2. Con coinfezione e senza coma epatico.
  3. Senza co-infezione, ma con un coma e senza di esso.

La principale caratteristica distintiva dell'HBV (virus dell'epatite B) è che consiste di 3 antigeni, senza i quali una diagnosi accurata e l'ottenimento di risultati dettagliati della ricerca di laboratorio sono impossibili:

  • antigene dell'infettività;
  • australiana;
  • nucleo.

HBV è resistente alle alte e alle basse temperature, perfettamente conservato durante il congelamento. Solo una persona la trasmette, essendo l'unica fonte di infezione. Vettori particolarmente pericolosi, pazienti con epatite B nella fase acuta. I pazienti cronici non rappresentano una minaccia così grande.

Percorso di trasmissione - parenterale. Ciò significa che l'infezione è possibile quando si usano siringhe sporche, manicure e saloni per tatuaggi. Ci sono casi di infezione negli studi dentistici. Non meno alto è il rischio di infezione da epatite B durante il rapporto non protetto, da madre a figlio durante il parto.

Tuttavia, dopo un'adeguata terapia di alta qualità, i pazienti sviluppano un'immunità permanente per tutta la vita e le malattie ricorrenti sono impossibili. I medici conoscono un numero enorme di forme del decorso clinico della malattia quando il virus dell'epatite B entra nel corpo umano e dipendono dalla qualità e dalla forza della risposta immunitaria all'introduzione del virus. Il corso del processo patologico dipende da come il virus è entrato nel corpo umano.

Con un'infezione lieve e una risposta immunitaria sufficientemente forte, la malattia procede in forma acuta e recupera rapidamente. Se la risposta immunitaria non è molto attiva, la malattia può diventare cronica. Per quanto riguarda l'infezione attraverso la trasfusione di sangue, è caratterizzata da una massiccia infezione, che si traduce in vaste aree di danno agli epatociti. Un tale corso di malattia può portare a un decorso grave della malattia e alla sua forma maligna. La più terribile complicazione è la cirrosi epatica.

La clinica non differisce da nessuna caratteristica. Tuttavia, in presenza di questa forma di epatite, la manifestazione di fenomeni catarrale è impossibile. I pazienti si lamentano di debolezza generale, malessere, stanchezza. Più tardi ci sono dolori nell'ipocondrio destro, e l'ittero si sviluppa, accompagnato da prurito.

Il dolore nei muscoli e nelle articolazioni è molto raro, come un'eruzione sulla pelle o un disturbo della sedia. Il sintomo principale nella fase iniziale della malattia è un aumento delle dimensioni e ispessimento del fegato. È possibile determinarlo con la palpazione durante l'esame iniziale nell'ambulatorio del medico. Con l'epatite B, il periodo preicterico dura non più di 3 settimane, poi l'ittero aumenta gradualmente, l'urina si scurisce e le feci si scoloriscono (le feci diventano bianche e l'urina diventa il colore della birra scura).

L'intensità dell'ittero dipende dalla gravità della malattia. Più complessa è la situazione, più scura è la colorazione della pelle del paziente, più scura è l'urina e più leggere le feci. Nei casi più gravi, piccole emorragie compaiono sulla superficie della pelle, con possibile sanguinamento del naso, e in alcuni pazienti un'eruzione compare sotto forma di piccole papule con un'area di peeling nel mezzo di una macchia rossastra. L'epatite B è classificata in base alla gravità e al decorso.

Per ottenere una disintossicazione rapida e di alta qualità in caso di epatite B grave, i sostituti del sangue (hemodez) e il glucosio vengono somministrati al paziente con un contagocce. Per decisione del medico curante condurre la terapia con l'uso di farmaci ormonali. Un regime di trattamento separato è in fase di sviluppo quando viene diagnosticata la forma maligna.

Dopo la dimissione dall'ospedale, il paziente è tenuto a frequentare un esame clinico dopo 3, 4 e 6 mesi. Se durante l'ultima visita dal medico nel sangue del paziente non è stato rilevato antigene e parametri clinici e biochimici anormali, viene rimosso dal registro.

Epatite D e C

loading...

Il virus viene trasmesso esclusivamente per via parenterale. L'infezione è possibile durante le trasfusioni di sangue, le procedure mediche, le procedure relative alle iniezioni e la violazione dell'integrità della pelle. Un bambino può essere infettato dalla madre attraverso il sangue placentare, ma il più delle volte l'infezione si verifica durante il parto. Coloro che sono stati diagnosticati con epatite B cronica e quelli che non hanno mai sperimentato questa malattia nelle loro vite sono particolarmente sensibili al virus dell'epatite D.

La particolarità del decorso della malattia causata dal virus IOP è che esistono 4 forme di malattia:

  1. Co-infezione mista (HBV acuta più IOP).
  2. Superinfezione IOP.
  3. Nello stesso momento l'epatite B e la D sono croniche.
  4. Epatite cronica D nei portatori di HBV.

Come con l'epatite C, i pazienti vanno dal medico con denunce di dolore nella parte destra e ipocondrio, nausea e vomito, indigestione e alterazioni delle feci, abbassamento della pressione sanguigna e debolezza generale, affaticamento costante (anche senza esercizio) e vertigini.

Durante l'esame iniziale, il palpatore specialista determina l'aumento non solo nel fegato, ma anche nella milza. Inoltre, c'è dolore quando si tocca, il giallo della pelle, nei casi più gravi, la comparsa di emorragie minori. Nel corso della ricerca di laboratorio e dell'esame strumentale è stata confermata la presenza del virus dell'epatite, che è penetrato nel corpo del paziente per via parenterale (attraverso il sangue).

La particolarità dell'epatite C è che il virus infetta gli epatociti senza produrre strutture proteiche e senza attivare il sistema immunitario, indirizzandolo alla distruzione delle cellule epatiche.

Le epatiti D e C sono trasmesse sessualmente, quindi il rischio di infezione è particolarmente alto tra coloro che mantengono relazioni omosessuali.

Probabilità di possibilità di infezione e altri tipi di classificazione

loading...

Se il virus entra nel corpo con acqua inquinata o cibo non trattato, si sviluppa una malattia di tipo A o E.

La classificazione di tutti i tipi di epatite prevede la separazione, a seconda della gravità e della durata della malattia:

  1. La forma acuta della malattia è caratterizzata da un rapido sviluppo e una durata non superiore a sei mesi.
  2. Cronica - si verifica sullo sfondo di trattamento inadeguato di epatite acuta o la completa assenza di terapia. L'infiammazione cronica del fegato può svilupparsi come una malattia indipendente. La causa è un'intossicazione prolungata causata da assunzione incontrollata di droghe o abuso di bevande contenenti alcol.

La base della classificazione moderna è la determinazione dell'eziologia, della patogenesi, del livello di attività del virus e del grado di cronicità.

A seconda della gravità della malattia, l'epatite si distingue:

Secondo l'eziologia emettere:

  • Processi infiammatori virali, come nell'epatite A, B, C, D, E. precedentemente descritta
  • Infettivo, causato da citomegalovirus, infezione da herpes, lupus eritematoso sistemico, AIDS.
  • Non virale (non infettivo), che si sviluppa sullo sfondo di un'esposizione prolungata al fegato di tossine, radiazioni, droghe.
  • Autoimmune, caratterizzata da un'ampia infiammazione del tessuto epatico. Il numero di anticorpi nel sangue del paziente aumenta drasticamente, la malattia progredisce rapidamente e può portare a gravi complicazioni, alla comparsa di una neoplasia maligna o addirittura alla morte.

Fondamentalmente tutti i tipi attualmente conosciuti di processi infiammatori che interessano il fegato, sono suddivisi in base alle caratteristiche del quadro clinico:

  • tipico;
  • atipico;
  • asintomatica;
  • cancellato (con un debole giallo);
  • senza ittero.

A seconda della gravità della malattia, la forma si distingue:

  • pesante;
  • fulminante (fulminante, rapido) con un possibile esito fatale.

È possibile evitare l'infezione, conoscendo le caratteristiche della malattia, la diffusione del virus, osservando le regole di igiene personale, evitando il contatto con il paziente. Di grande importanza sono le misure preventive, la cui attuazione è obbligatoria.

Prevenzione dell'epatite

loading...

Quali misure preventive dipenderanno esclusivamente dal tipo di malattia e dalla modalità di trasmissione del virus. Al fine di evitare l'infezione da epatite A, E dovrebbe seguire le regole dell'igiene personale.

L'epatite A o la malattia di Botkin è chiamata malattia da sporcizia. L'assenza dell'abitudine di lavarsi le mani dopo essere andati in bagno, bollire l'acqua, lavare verdure e frutta prima di bere fa entrare il virus dell'epatite nel corpo del bambino. A causa del lungo periodo di incubazione, lo sviluppo della malattia verrà appreso nel momento in cui un bambino malato comunica con bambini sani per 5-7 giorni, infettandoli.

Come prevenzione di altri tipi di epatite, è necessario evitare il contatto con il sangue di qualcun altro, i rapporti sessuali promiscui.

Sapendo che c'è un'alta probabilità di contrarre una malattia pericolosa quando si visita un chiodo o un salone di tatuaggi, durante il piercing o persino un appuntamento dal dentista, è necessario richiedere ai dipendenti di usare solo strumenti monouso e assicurarsi che tutte le manipolazioni vengano eseguite solo con guanti sterili.

Prevenzione efficace dell'epatite - vaccinazione. Viene eseguito da coloro che non hanno avuto la malattia di Botkin, così che il corpo inizia ad aumentare la produzione di anticorpi che forniscono protezione contro l'infezione improvvisa con il virus dell'epatite A per almeno 10 anni.

Per proteggere i pazienti dal virus dell'epatite B, la vaccinazione viene effettuata secondo la raccomandazione del medico.

Il gruppo di rischio comprende persone le cui attività professionali sono legate al contatto con il sangue di qualcun altro:

  1. Dipendenti di istituzioni mediche (sale operatorie, spogliatoi, sale per trattamenti, sale parto).
  2. Dipendenti tatuatori e parrucchieri.
  3. Assistenti di laboratorio.

Nonostante numerosi studi condotti dagli scienziati, non esiste attualmente un vaccino in grado di proteggere una persona contro l'epatite C. Fino a quando non si trova una costante proteina del virus, per la quale gli scienziati potrebbero creare anticorpi che lo neutralizzano. I medici raccomandano vivamente di evitare il sesso non protetto come misura preventiva, avvertono coloro che soffrono di tossicodipendenza o utilizzano i servizi di cliniche private.

Epatite: classificazione, via di infezione, sintomi e trattamento

loading...

L'epatite è una malattia infiammatoria acuta o cronica del fegato che si verifica a seguito di infezione con virus specifici o effetti sul parenchima dell'organo di sostanze tossiche (ad esempio alcol, droghe, droghe, veleni). Inoltre, i processi infiammatori nel fegato possono essere autoimmuni.

Il problema dell'epatite è molto rilevante a causa dell'ampia diffusione di questa malattia tra le persone, del suo frequente decorso asintomatico e dell'alto rischio di infezione (questo vale per l'epatite infettiva). Inoltre, il fatto che una malattia infiammatoria epatica di lunga durata possa comportare lo sviluppo di cambiamenti fibrotici irreversibili nell'organo e gravi insufficienze epatiche, che non è praticamente curabile, conferisce anche particolare importanza a questo problema.

Epatite C

loading...

A seconda della causa della malattia, si distinguono i seguenti tipi di epatite:

  • Infettivo o virale. Esistono cinque tipi principali di virus dell'epatite (A, B, C, D ed E) che possono causare l'infiammazione del fegato. Inoltre, l'epatite può essere una delle manifestazioni di altre malattie infettive - infezione da citomegalovirus, parotite, rosolia, ecc.
  • tossico. Questi includono l'epatite medicinale, alcolica e in via di sviluppo con avvelenamento industriale e vegetale. Tra i farmaci, anti-tubercolosi, antivirali, farmaci sulfanamide, antibiotici, antipiretici (paracetamolo, ibuprofene), anticonvulsivanti e farmaci antitumorali hanno particolare epatotossicità.
  • autoimmune, per il quale, per ragioni sconosciute alla medicina, il sistema immunitario inizia ad attaccare i propri epatociti (cellule epatiche).

A seconda delle caratteristiche del corso, ci sono anche due forme di malattia:

  • Epatite acuta. Si sviluppa improvvisamente, accompagnato da sintomi di intossicazione, febbre, ittero (ma non sempre). In questo scenario si sviluppano la maggior parte dell'epatite virale e dell'epatite tossica causata da avvelenamento con alcuni forti veleni. Se il paziente subisce il trattamento necessario in modo tempestivo, dopo una malattia acuta, si verifica il recupero nella maggior parte dei casi.
  • Epatite cronica. Può essere il risultato di epatite virale acuta, processi autoimmuni, il risultato di abuso di alcool o trattamento prolungato con farmaci epatotossici. Inoltre, l'epatite virale B e C può svilupparsi immediatamente come malattia cronica primaria. L'epatite cronica si presenta, di solito senza sintomi, quindi viene spesso diagnosticata quando c'è già un grave danno al fegato.

Cosa succede con l'epatite?

loading...

Il meccanismo di sviluppo dell'epatite infettiva e non infettiva è un po 'diverso. Nell'epatite B virale, i virus entrano nelle cellule del fegato e cambiano l'insieme delle strutture proteiche sulla loro superficie, così il sistema immunitario inizia a uccidere gli epatociti. Più virus vengono introdotti nelle cellule, più si verifica il danno epatico più esteso. Inoltre, il normale parenchima epatico è sostituito dal tessuto connettivo, cioè la cirrosi da epatite è complicata. In questo caso, la funzione dell'organo non può che soffrire. Più chiaramente, la capacità di disintossicazione del fegato è disturbata, a causa della quale la bilirubina e altre sostanze tossiche si accumulano nel corpo.

L'epatite C si sviluppa in qualche modo con un meccanismo diverso: i virus danneggiano gli epatociti da soli, pertanto, con questo disturbo, i cambiamenti fibrosi del fegato appaiono più velocemente e il rischio di cancro aumenta in modo significativo. Nell'epatite tossica causata da forti veleni, il danno epatico può essere fulminante, accompagnato da una massiccia necrosi d'organo.

L'epatite da farmaci ha anche diversi meccanismi di sviluppo, poiché ogni medicinale ha il suo specifico effetto. Per esempio, alcuni enzimi bloccano e interrompono i processi biochimici che si verificano negli epatociti, altri danneggiano la membrana cellulare e le strutture intracellulari (mitocondri), ecc.

Nell'alcolismo cronico, si sviluppa prima la degenerazione grassa del fegato, e già nella fase successiva, l'epatite. Inoltre, l'acetaldeide (un prodotto del metabolismo dell'etanolo) ha un pronunciato effetto tossico sugli epatociti, quindi se ne viene formata molta, per esempio, con grave avvelenamento da alcol, si può sviluppare una necrosi d'organo.

Posso avere l'epatite?

loading...

Solo l'epatite virale è contagiosa. Inoltre, possono essere infettati in diversi modi:

  • Attraverso mani sporche, piatti, acqua inquinata e cibo. Questo trasmette l'epatite A ed E.
  • Attraverso il contatto con il sangue del paziente. A questo proposito, molte procedure mediche e dentistiche, procedure per manicure, pedicure, tatuaggi, piercing, uso di droghe per via iniettiva, ecc. Sono pericolose. Questo percorso di trasmissione è caratteristico dell'epatite virale B, C, D.
  • Sessualmente. Lo sperma e le perdite vaginali dei pazienti con epatite B, C, D possono anche contenere virus. Particolarmente alto rischio di infezione nelle relazioni omosessuali.

Sintomi di epatite

loading...

I primi segni di epatite acuta:

  • Aumento della temperatura corporea.
  • Dolore e pesantezza nell'ipocondrio destro.
  • Giallo di pelle e occhi.
  • Scolorimento delle feci.
  • prurito della pelle.
  • Nausea.
  • Oscuramento delle urine.
  • Grande debolezza

Tuttavia, vale la pena notare che la presenza di questi segni non è richiesta. Nei casi lievi, la malattia può iniziare inosservata dal paziente - proprio come una lieve indisposizione.

L'epatite cronica è asintomatica molto più spesso che acuta. I pazienti spesso apprendono la malattia nel processo di alcuni esami programmati. Se ci sono sintomi, di solito sono inespressi e non specifici. Quindi, i pazienti possono essere disturbati da:

  • La sensazione di pesantezza e distensione nella parte destra, aggravata dopo aver mangiato.
  • Tendenza al gonfiore.
  • Nausea periodica
  • Diminuzione dell'appetito
  • Stanchezza aumentata

In caso di comparsa dei sintomi descritti, è necessario contattare un medico generico, uno specialista in malattie infettive o un epatologo.

Diagnosi di epatite

loading...

Per diagnosticare l'epatite e identificare le sue cause, il paziente deve condurre un esame completo:

  • Esame clinico (Il medico può rilevare un aumento di fegato, scolorimento della pelle e delle mucose).
  • Ecografia addominale.
  • Test di laboratorio dell'epatite. Se si sospetta un'epatite virale, i marcatori dell'epatite dovrebbero essere ricercati nel sangue. Per questo sono usati due metodi: PCR, ELISA. Se si sospetta un'infiammazione autoimmune del fegato, si cercano anticorpi contro le strutture cellulari degli epatociti (nucleo, microsomi, antigeni della membrana plasmatica, ecc.).
  • Analisi del sangue biochimica, che permette di identificare i segni di disfunzione dell'organo e la distruzione delle sue cellule. Il paziente viene analizzato per i cosiddetti test di funzionalità epatica (ALT, AST, bilirubina totale, diretta e indiretta, fosfatasi alcalina, proteine).
  • Biopsia epatica. Questo metodo diagnostico consente di valutare con precisione le condizioni del fegato (ci sono segni di infiammazione, indurimento, ecc.).

Principi di trattamento

loading...

Nel trattamento di qualsiasi epatite, tre cose sono importanti: una terapia farmacologica ben scelta, una dieta e l'abbandono di tutte le abitudini nocive.

Il trattamento farmacologico ha due obiettivi:

  • Elimina la causa della malattia.
  • Ripristinare la funzionalità epatica e prevenire ulteriori danni all'organo.

La terapia, progettata per eseguire il primo paragrafo, è determinata dall'eziologia dell'epatite:

  • se viene dimostrata la natura virale della malattia, al paziente vengono prescritti farmaci antivirali e interferoni;
  • se antidoti tossici specifici, assorbenti, terapia di disintossicazione;
  • se autoimmune - glucocorticosteroidi.

Per ripristinare la funzione del fegato e proteggere il corpo dagli effetti nocivi, vengono prescritti epatoprotettori. Ci sono un gran numero di tali farmaci, una delle seguenti sostanze può essere un ingrediente attivo in loro:

  • Silimarina derivata dal cardo mariano. Questa sostanza arresta i processi di perossidazione e distruzione degli epatociti.
  • I fosfolipidi essenziali, che sono elementi delle membrane cellulari degli epatociti, contribuiscono al loro ripristino e alla normalizzazione dei processi metabolici nelle cellule del fegato.
  • Ornitina. Protegge non solo le cellule del fegato, ma purifica il corpo dalle tossine.
  • Lecitina (è anche un fosfolipide).
  • L'ademethina è una sostanza derivata da un amminoacido, la metionina, che normalizza i processi biochimici che si verificano nel fegato.

Dieta dell'epatite

loading...

Le regole di base della dieta mostrata nell'epatite:

  • Rifiuto completo di alcol
  • Ridurre al minimo il consumo di grassi animali (carne e pesce solo varietà a basso contenuto di grassi, latticini a basso contenuto di grassi).
  • I grassi trans contenuti in margarine, creme spalmabili, maionese e altri prodotti simili, così come carni affumicate, sottaceti, spezie piccanti, aglio non possono essere consumati.
  • L'arricchimento della dieta con verdure e frutta sia in forma grezza che lavorata termicamente. Particolarmente utili sono mele, zucche, zucchine, carote. Le zuppe sono meglio cotte in brodo vegetale.
  • Le verdure non dovrebbero essere consumate come segue: acetosa, funghi, insalate speziate, mais, spinaci, ravanelli.
  • Nella dieta deve essere una ricotta a basso contenuto di grassi, kefir, yogurt.
  • Puoi concederti dolci salutari con moderazione. Questi dolci includono miele, frutta secca, marmellata naturale.
  • Tra i cereali, la preferenza dovrebbe essere data al riso, grano saraceno, farina d'avena.
  • È meglio sostituire caffè e cacao con tisane, composte, bevande alla frutta.

I pasti dovrebbero essere bolliti, cotti a vapore, cotti senza crosta. Mangiare cibo dovrebbe essere spesso, ma a poco a poco.

Dopo l'epatite, è anche importante seguire una dieta, poiché ci vuole tempo per ripristinare completamente il fegato.

Prevenzione dell'epatite

loading...

Le principali misure per la prevenzione dell'epatite virale:

  • Vaccino contro l'epatite B (dall'epatite A prima di andare in regioni con un'alta incidenza di questa infezione).
  • Mani pulite, cibo, acqua.
  • Sesso protetto
  • Manipolazione accurata del sangue e delle secrezioni di pazienti con epatite parenterale (B, C, D).

Bene, per prevenire lo sviluppo di epatite non infettiva, è importante assumere farmaci solo come prescritto da un medico, per condurre uno stile di vita sano, essere attenti con veleni industriali, funghi, piante velenose.

Olga Zubkova, Revisore medico, Epidemiologo

10.454 visualizzazioni totali, 1 visualizzazioni oggi

Classificazione dell'epatite

loading...

Un processo infiammatorio virale nel fegato, chiamato epatite, può svilupparsi da una forma acuta a una cronica.

La malattia è trasmessa a causa di infezione. Ci sono molti percorsi che implicano la divisione della malattia in specie.

Oggi sono conosciute 5 diverse specie, tutte le epatiti, la cui classificazione sarà presentata nell'articolo, rappresentano una grande minaccia per una persona.

L'infezione può verificarsi a causa dell'ingestione di veleni, droghe, virus nel sangue o altri fluidi corporei.

La situazione è complicata dal fatto che tutti i processi infiammatori nell'organo del fegato possono diventare autoimmuni.

Principali vie di trasmissione

loading...

I canali di trasmissione possono essere davvero diversi. Ad esempio, A ed E sono trasmessi attraverso le mani sporche. Puoi anche essere infettato attraverso il sangue di una persona malata.

Tatuaggio, pedicure, manicure, piercing all'orecchio e altri tipi di piercing sono a rischio. È inoltre possibile ottenere l'epatite C attraverso iniezioni, trasfusioni di sangue.

Puoi persino prendere il virus mentre fai sesso con il paziente. Questo modo di trasmissione è noto come virus B, C, D.

Classificazione dell'epatite

loading...

I tipi di epatite sono divisi in base al tipo di patologia: natura virale o infettiva.

La medicina distingue 5 diversi tipi di epatite:

Ognuno di loro può causare un grave processo infiammatorio nel fegato. Inoltre, la malattia può provocare complicazioni nella forma dello sviluppo di patologie infettive.

Questi includono:

  • rosolia;
  • citomegalovirus;
  • parotite epidemica.

Epatite di origine tossica

loading...

Sotto questo tipo di malattia dovrebbe essere attribuito a infiammazione del fegato, che è stato attivato da ingestione di alcol, droghe o sostanze tossiche.

Tra le droghe, un alto grado di tossicità è inerente a quei fondi che si concentrano sul trattamento della tubercolosi o sull'abbassamento della temperatura.

Dovrebbero anche includere fondi contro oncologia e convulsioni, antibiotici e sulfonamidi.

Indipendentemente dal modo in cui gli scienziati cercano di comprendere l'eziologia dell'epatite autoimmune, questa domanda non è ancora completamente compresa.

Quando si osserva l'epatite, si verifica un fallimento nel corpo. Il sistema immunitario inizia a comportarsi in modo anomalo, erogando colpi schiaccianti al fegato.

Il sistema cellulare del corpo è disturbato e quindi si verificano processi irreversibili.

Inoltre, la classificazione dell'epatite è divisa in diverse forme, che dipendono da come procede la patologia. Questa è una forma acuta e cronica di epatite.

Epatite acuta

La malattia si manifesta in modo imprevisto. I suoi primi segni sono espressi nell'intossicazione del corpo.

La temperatura corporea inizia a salire, i segni di ittero appaiono sulla pelle. Tale scenario non è sempre inerente solo nella forma acuta della malattia, perché si ripete nel caso della natura virale e tossica della patologia.

È importante non esitare a visitare uno specialista. Poiché la forma acuta, se non c'è recupero, sfocia in una cronica.

Epatite cronica

Come notato sopra, la malattia sarà il risultato di un danno acuto all'organo e ai processi di natura autoimmune.

Può verificarsi a causa dell'uso di bevande alcoliche, droghe e l'uso di farmaci epatotossici per il trattamento di altre patologie.

Inoltre, i tipi di epatite B e C si sviluppano immediatamente sotto forma di malattia cronica.

Questa forma differisce dal quadro clinico nitido. Questo è il problema principale, poiché i metodi diagnostici sono troppo tardi.

Succede che il medico determina il forte danno al fegato.

Patogenesi del processo infiammatorio

Il danno tissutale può essere sia primario che secondario. Nel caso in cui il danno sia stato causato da un virus, una tossina o un metodo fisico, viene osservato il processo primario.

La gravità della situazione dipenderà dalla durata dell'impatto negativo e dalla forza con cui il corpo resiste alla malattia.

Di conseguenza, le cellule del prezioso tessuto epatico inizieranno a subire gravi distruzioni. Le sostanze biologiche saranno rilasciate e saranno responsabili dell'ulteriore reazione infiammatoria del corpo.

Il prossimo grado di danno d'organo dipende dal cambiamento della struttura del tessuto e del processo metabolico nelle cellule. La modifica copre l'intero spazio intercellulare.

L'infiammazione di fase si verificherà con la partecipazione di piccoli capillari, venule e arteriole. Il plasma sanguigno si infiltrerà negli elementi intercellulari, che disturberanno la permeabilità della parete vascolare.

In questo caso, il medico registrerà la diapedesi degli elementi del sangue. Il fegato non soffre solo di un'istruzione compromessa, ma anche della rimozione della bile.

Le frazioni di bilirubina saranno significativamente aumentate, a seconda delle cause del processo infiammatorio.

Questa patologia si verifica spesso con la possibilità di sostituire gli epatociti con tessuto adiposo, che si traduce in distrofia epatica. Nei casi di tessuto fibroso, la cirrosi inizia a svilupparsi.

Manifestazioni cliniche della malattia

I sintomi possono dipendere dalla causa, dall'attività e dal periodo della malattia. Inoltre, le difese del corpo hanno un effetto speciale.

Se parliamo delle caratteristiche generali della patologia, vale la pena evidenziare:

  • malessere generale;
  • perdita di forza;
  • ridurre il livello delle prestazioni precedenti;
  • individuazione della sindrome del dolore nell'ipocondrio destro;
  • periodi di nausea;
  • impulso emetico, sia costante che crescente di volta in volta;
  • violazione delle feci associata a maggiore flatulenza, diarrea, stitichezza;
  • chiarimento delle feci;
  • urina scura;
  • ingiallimento della pelle;
  • organi ingrossati del fegato e della milza.

Questi sintomi sono inerenti alla forma acuta della patologia. Se si osserva epatite cronica, è possibile che la malattia diventi meno evidente nel quadro clinico.

I sintomi diminuiscono gradualmente. L'ittero passerà, le feci e l'urina saranno gli stessi a colori, ma se la patologia si aggraverà di nuovo, i segni saranno nuovamente avvertiti.

Molto spesso, la forma cronica sfocia in cirrosi epatica, che ha esiti sfavorevoli.

I sintomi includono manifestazioni extraepatiche. Questo può essere un eritema palmare, che implica un arrossamento dei palmi di una persona infetta da epatite.

Manifestazioni di emorragie minori sulla pelle e sanguinamento non sono escluse. Emorroidi, edema generale e ascite sono anche attribuiti ai sintomi.

Le donne possono sperimentare interruzioni delle mestruazioni e, nel sesso opposto, una diminuzione della libido e della potenza.

Una manifestazione estrema di epatite grave può essere insufficienza epatica, coma ed encefalopatia.

Caratteristiche della separazione del virus dell'epatite B.

C'è un'intera tabella della classificazione dell'epatite, la malattia è divisa in base al decorso, come è stato indicato sopra, ma anche per eziologia.

Succede: epatite alcolica, virale, autoimmune, batterica, tossica, farmacologica, colestatica ed ereditaria.

In effetti, non si può dire che questa divisione sia accurata. Il fatto è che è condizionale.

Dopo tutto, i virus dell'epatite B e C sono caratterizzati da una reazione autoimmune provocata dai virus.

Cosa dire di altri tipi, ma piuttosto di alcol, droga e tossico, anche qui il corso dell'epatite è simile.

Analizzando il quadro morfologico dell'epatite cronica, è consuetudine distinguere 2 fasi: attiva e persistente. A loro volta, ci sono fasi di remissione ed esacerbazione di questo tipo di malattia.

È molto importante che il medico diagnostichi correttamente, per capire esattamente quale tipo di patologia ha colpito una persona, cosa ha causato la malattia e quale fase è stata.

Il paziente è tenuto a contattare il medico dell'ospedale in modo tempestivo e ad adempiere a tutte le prescrizioni senza deviare dalla terapia del proprio libero arbitrio.

Azioni importanti per aiutare a evitare il sospetto di epatite

Come misura preventiva, è necessario assumere le medicine esattamente come indicato dal dosaggio del medico.

I mezzi dovrebbero essere usati esclusivamente per lo scopo previsto. Si sconsiglia inoltre l'uso di funghi di specie sconosciute e di origine, nonché di abbandonare completamente l'alcol, per monitorare la propria dieta.

Se il lavoro è correlato a sostanze chimiche dannose per il corpo umano, vale la pena consultare il medico. Forse, vale la pena connettere la ricezione di epatoprotectors.

Una misura importante è l'osservanza delle regole di igiene personale. È necessario utilizzare un rasoio individuale, non usare gli strumenti di altre persone per la manicure.

È necessario condurre una vita sessuale deliberata, senza entrare in contatto con partner diversi e utilizzare sempre un preservativo.

Azioni del dottore

Nel caso in cui una persona sospetti di avere il virus dell'epatite, ha bisogno di vedere un medico.

Un professionista qualificato dovrà condurre un'ispezione. Avendo identificato l'eziologia della patologia, prescriverà un ciclo di trattamento e condurrà una terapia dietetica per il paziente.

Ad oggi, è consuetudine fare un vaccino contro l'epatite B per tutti i neonati mentre sono ancora nell'ospedale di maternità. L'epatite A ha anche un vaccino speciale.

Non si dovrebbe mai presumere che durante una trasfusione di sangue o un trapianto di organi, non sia possibile catturare il virus dell'epatite.

Per controllare la tua salute, devi passare l'analisi sul marcatore sei mesi dopo.

Le istituzioni mediche sono scrupolose circa la condizione dei donatori e degli organi del sangue, ma c'è un periodo in cui gli anticorpi anti-patogeni non vengono rilevati, ad es. capire se esiste o meno un'epatite nei materiali biologici è semplicemente impossibile.

Conseguenze dell'epatite

Durante l'infezione del fegato con un virus, la degenerazione delle cellule degli organi viene osservata anche al momento del periodo di incubazione.

Nei casi con epatite virale forme A, B e C, questo periodo può durare da 10 giorni a 200!

In pratica, ci sono stati casi in cui le prime manifestazioni della malattia nella fase acuta sono molto evidenti, sono difficili da sopportare, ma ci sono anche casi in cui il paziente si trova di fronte allo sviluppo fulmineo della patologia che porta alla morte.

Una fase di recupero può anche verificarsi rapidamente, tale condizione viene osservata se il virus lascia il corpo e le cellule del fegato avviano il processo di rigenerazione.

Una complicazione sotto forma di cirrosi si riscontra nel 20 percento dei casi in pazienti che hanno sofferto di forme croniche di epatite virale C e B. Nel 15 percento dei casi si osserva un cancro - carcinoma epatocellulare.

Terapia terapeutica

La forma acuta di epatite non richiede la terapia antivirale. Ma cronica non è senza questa misura.

Nel caso di un ciclo di trattamento combinato, il paziente deve collegare gli interferoni. Questi fondi a livello cellulare contribuiscono a migliorare la resistenza del corpo al virus.

Inoltre, saranno utili i nucleosidi che sostituiscono le molecole del materiale genetico dell'infezione.

È molto importante non ricorrere all'autotrattamento, ma venire per una visita medica. Dopo la diagnosi, lo specialista sarà in grado di fare la diagnosi corretta e trovare un trattamento efficace.

Test dell'epatite

Per superare i test per l'individuazione dell'epatite, vale la pena contattare un terapeuta. Lo specialista darà l'appuntamento al laboratorio.

Di norma, vengono prescritte analisi del sangue per i test per l'epatite. Gli anticorpi dell'epatite sono definiti in esso.

Se si tratta di una forma che presenta un'eziologia non infettiva, si consiglia di eseguire un esame del sangue generale e biochimico, nonché test di funzionalità epatica. I risultati verranno consegnati al paziente prescrittore.

Di norma, tali test vengono effettuati in centri medici e policlinici distrettuali di città, gabinetti speciali, che collaborano con organizzazioni contrarie all'AIDS.

Riassumendo

L'epatite, la cui classificazione è stata presentata in questo articolo, comporta un grave pericolo per la vita umana.

La malattia può causare complicazioni e quindi un trattamento tempestivo è importante per evitare che la patologia diventi cronica o fatale.

Classificazione dell'epatite a

Uno speciale studio immunologico rivela anticorpi della muscolatura liscia (SMA) e antinucleari (ANA) nelle malattie di tipo I, anticorpi microsomiali epato-renali nei tipi II CAH, anticorpi contro l'ipertensione epatica solubile e anticorpi epato-pancreatici (LP) nell'epatite autoimmune di tipo III.

Per quanto riguarda l'epatite medicinale, va notato l'assenza di un quadro clinico specifico della malattia. La diagnosi in questo caso è fatta sulla base di anamnesi (di regola, l'uso a lungo termine di preparazioni epatotossiche) e è in gran parte basata su dati da studi preliminari che escludono le forme sopra di epatite cronica.

Pertanto, la diagnosi e la diagnosi differenziale dell'epatite cronica richiedono la differenziazione tra le varie forme della malattia tra di loro, così come con la cirrosi, le malattie metaboliche del fegato e la sua lesione alcolica.

La componente più importante del trattamento dell'epatite complessa è il trattamento etiotropico volto a eliminare o dissuadere la causa della malattia e i fattori predisponenti - virus, farmaci epatotossici, alcol, colestasi, ecc. Le vie della terapia etiotropica sono completamente opposte nei casi di natura virale e autoimmune della malattia.

Nell'epatite virale attiva, viene mostrata una terapia antivirale con farmaci di gruppo interferone e (o) nucleosidi, che ha sia un effetto inibitore diretto del virus che un'attività immunostimolante (interferoni alfa).

Al contrario, quando l'eziologia autoimmune dell'epatite cronica, vengono prescritti farmaci con orientamento immunosoppressivo - glucocorticosteroidi e citostatici.

Il trattamento con farmaci antivirali è mostrato nella fase replicativa della malattia, confermata da aumenti di laboratorio nei livelli di ALT di almeno 2 volte, dalla presenza di marcatori sierologici di attività dell'epatite. L'effetto della terapia antivirale è più pronunciato nei pazienti giovani, più spesso donne che non hanno cattive abitudini. In altri casi, l'efficacia degli interferoni è molto più bassa, gli effetti collaterali della terapia con interferone si sovrappongono a quelli principali. Inoltre, vi è una sensibilità individuale ai preparati di interferone (a causa dell'attività di recettori speciali).

Quando viene assegnata l'epatite virale B

 - interferone (reaferon, introne A, roferon A, velferon, ecc.) 5-6 milioni UI v / m 3 volte a settimana per 6 mesi o 10 milioni UI 3 volte a settimana per 3 mesi. ;

Lamivudin (zeffix) - 100 mg una volta al giorno per 12 mesi. (Monoterapia)

Nell'epatite C cronica, i farmaci interferone sono inizialmente prescritti in piccole dosi.

 - interferone di 3 milioni UI v / m 3 volte a settimana per 3 mesi, con l'effetto nella dose uguale o superiore fino a 12 mesi;

 - interferone nella stessa dose e ribaverin 100-1200 mg / die. entro 6 mesi

La terapia ad alte dosi di induzione è possibile, negli ultimi anni sono stati usati interferoni peghilati - pegasis, ecc.

L'epatite cronica D nella fase attiva richiede anche una terapia antivirale, con dosi più alte di interferone (5-6 o 10 milioni di UI) prescritte per un lungo periodo.

Una caratteristica della terapia dell'epatite autoimmune, basata sulla patogenesi della malattia, è la somministrazione dei glucocorticosteroidi, prednisolone, in dosi terapeutiche medie (30 mg / die) con finalità immunosoppressiva, con una graduale riduzione della dose al mantenimento (10-15 mg / die) per diversi anni.

Per lo stesso scopo, la prescrizione di farmaci citostatici, come l'azatioprina nella dose iniziale di 50 mg / die, è giustificata ed efficace, fino ad una dose di mantenimento di 25 mg / die.

L'uso di epatoprotettori, che aumentano la resistenza degli epatociti all'azione del virus e di altri fattori patogeni - Essentiale, Kars, Heptral, è dimostrato come terapia di base; somministrazione di glucosio, soluzione fisiologica e altre infusioni per scopi metabolici e di disintossicazione.

Per la correzione della concomitante disbiosi intestinale, l'uso di eubiotici, lattulosio e preparati enzimatici è efficace.

Data l'importanza della colestasi nella patogenesi dell'epatite cronica, è consigliabile utilizzare l'acido ursodesossicolico nella terapia complessa (Ursofalk, ecc.)

Prevenzione dell'epatite cronica

Di grande importanza per la prevenzione dell'epatite sono le misure antiepidemiche, compresa la disinfezione delle apparecchiature chirurgiche e dentistiche, un approccio rigoroso ed equilibrato ai problemi della trasfusione di sangue e dei suoi sostituti, misure preventive interne e altre misure sanitarie e igieniche.

Prevenzione del vaccino altamente efficace, progettata per due forme di epatite A e B.

Dal 2002, in conformità con la legge federale, le vaccinazioni dovrebbero essere effettuate nelle prime 12 ore di vita di un bambino, l'immunizzazione dei bambini all'età di 13 anni è stata introdotta e gli operatori sanitari sono immunizzati.

La prognosi della malattia è ambigua e dipende dal tipo di epatite, dallo stadio, dall'attività del processo, dai segni istologici, dalla presenza di cattive abitudini, ecc.

Sono possibili le seguenti opzioni:

Remissione clinica persistente - nessun sintomo, normalizzazione dei parametri di laboratorio per 1,5-2 anni

Passaggio alla cirrosi epatica nel 30-50% dei casi

Sviluppo del carcinoma epatocellulare

L'epatite cronica è in ogni caso oggetto di una lunga visita medica con l'uso di moderni metodi speciali di diagnostica immunologica sierologica e una valutazione obiettiva dell'efficacia delle misure terapeutiche e antiepidemiche in corso.