Educazione ipoecogena - è spaventosa?

Cibo

Non abbiate paura di sentire dal dottore il termine "ipoecogenicità". Questa parola non significa una sorta di diagnosi, ma descrive una struttura con una densità inferiore a quella di tutti i tessuti vicini. Tale educazione può essere sia normale che patologica. Tutto dipende dal corpo in questione.

Maggiori informazioni sul fenomeno della "ipoecogenicità"

Il metodo di esame mediante ultrasuoni è che con l'ausilio di attrezzature speciali vengono generate vibrazioni sonore di una certa frequenza, inviate agli organi, e quindi viene ricevuta la risposta, cioè il suono riflesso, l'eco. La densità acustica (ecogenicità) può essere giudicata sulla struttura degli organi.

Qualche tipo di istruzione nel corpo può mostrare una densità acustica ridotta, appare più scuro sullo schermo rispetto ai tessuti vicini. Questo fenomeno è chiamato ipoecogenicità, cioè densità ridotta. In quest'area, il progresso degli ultrasuoni è più lento. Molto spesso, questo fenomeno ha una struttura liquida: può essere, per esempio, una cisti. Il medico non sarà in grado di dire immediatamente la diagnosi esatta.

Il fatto è che l'educazione può essere rotonda o con bordi frastagliati. Il round potrebbe essere:

  • Cisti.
  • Tumore.
  • Cisti parassitaria
  • Follicolo normale quando si tratta delle ovaie.
  • Galactocele, se trovato nella ghiandola mammaria.

La struttura con contorni irregolari può essere non solo una cisti, ma anche adenosi, fibroadenoma o un tumore. Tuttavia, solo la biopsia, così come la cistoscopia, laparoscopia o broncoscopia, è in grado di determinare con assoluta certezza.

Che cos'è una formazione ipoecogena (nodo) in vari organi?

Se l'esame riguarda la ghiandola tiroidea, non dovresti immediatamente andare nel panico e correre dall'oncologo. Di regola, solo il 5% dei pazienti scopre che la formazione apparente (nodo ipoecogeno) è una patologia oncologica. Molto spesso, il ritrovamento è una cisti, una formazione vascolare o una struttura fluida.

Tiroide normale su ultrasuoni

Prima di tutto, è necessario andare a un consulto per un endocrinologo e superare i test ormonali (maggiori dettagli a proposito del quale il medico ti dirà scrivendo il referral). Se non risulta niente di terribile, dopo sei mesi è opportuno ripetere tutti i test. Crescere o non modificare le dimensioni del nodo ipoecogeno dovrà essere esaminato usando la biopsia.

Nel caso in cui il nodo si trova nell'utero, molto probabilmente è un tumore. È solo necessario scoprire se è benigno o maligno. Se l'educazione ha anche una struttura di eco all'interno, allora è una questione di infiammazione dell'utero.

Il fenomeno della ridotta ecogenicità è molto importante nel caso della gravidanza:

  • se tale sito è localizzato vicino all'embrione, questo indica un aborto spontaneo.

Il nodo ipoecogeno può essere trovato nella ghiandola mammaria nel processo di mammografia. Di norma, tali siti possono essere:

  • carcinoma delle ghiandole. Ha contorni sfocati, irregolari, c'è un'ombra, una struttura non uniforme.
  • adenosis.
  • cisti tipica. I contorni in questo caso saranno chiari e la forma arrotondata.
  • cisti atipica che può essere maligna.
  • fibroadenoma. Ha contorni lisci e chiari, c'è somiglianza con tumori maligni.

In caso di rilevamento di tali formazioni, è necessario ripetere lo studio in un mese e, a seconda dei risultati, fare una biopsia.

Se un nodo ipoecogeno si trova nelle ovaie, non dovresti preoccuparti troppo: raramente può essere una patologia oncologica. Molto spesso, il fenomeno è una ciste, un follicolo, un corpo luteale o una formazione vascolare.

Cisti follicolare ovarica

Ma nel caso di un rene, tale nodo può essere una cisti (quindi ha un contorno chiaro, una struttura omogenea) o un tumore (maligno, se viene rilevato un aumento dei linfonodi retroperitoneali). Di norma, il paziente viene immediatamente inviato per ulteriori esami al fine di stabilire con precisione la natura del ritrovamento.

Nodi in altri organi

La presenza di nodi nel pancreas suggerisce che il medico possa affrontare i seguenti fenomeni:

  • Cisti (soprattutto se hanno contorni uniformi, struttura omogenea).
  • Pancreatite o processi fibrolipomatosi.
  • Metastasi (i bordi saranno sfocati).
  • Oncologia.

Per confermare la diagnosi, è necessario sottoporsi non solo a un'ecografia dell'organo, ma anche a un'ecografia Doppler.

Se viene rilevata una violazione della struttura nel fegato, la patologia può essere la seguente:

  • La conseguenza della cirrosi è quando i nodi sono rotondi o nodulari.
  • Cisti.
  • Trombosi.
  • Ascesso.
  • Una conseguenza dell'infiltrazione grassa del fegato, quando il nodo ipoecogeno è una particella di tessuto normale.
  • Iperplasia o adenoma
  • Oncologia e metastasi.

Ancora una volta, sono necessarie ulteriori ricerche per una diagnosi accurata.

conclusione

Una tale formazione ipoecogena, a seconda dell'organo in esame, può rivelarsi praticamente una patologia o un fenomeno naturale. Molto spesso vengono rilevati cisti o tumori, ma a volte possono essere fenomeni che devono essere urgentemente trattati o curati con l'aiuto di corsi di terapia. Gli ultrasuoni da soli non sono in grado di fornire una diagnosi accurata, quindi per tutte le raccomandazioni e l'elaborazione di un piano di trattamento, il medico dovrà inviare il paziente a un numero di esami aggiuntivi.

Istruzione nella ghiandola mammaria: i loro tipi e metodi diagnostici

La salute di ogni donna è nelle sue mani, e dipende dal suo atteggiamento verso se stessa se sarà possibile evitare gravi problemi di salute. Questo è particolarmente vero per le malattie del seno. Infatti, nonostante il fatto che la maggior parte dei tumori sia ancora benigna, la percentuale di mortalità per tumori maligni nella ghiandola mammaria aumenta di anno in anno. È molto importante condurre un autoesame del seno e non trascurare gli esami preventivi annuali.

Nuove crescite nelle ghiandole mammarie sono divise in benigni e maligni. Se al paziente viene diagnosticato un tumore benigno, questo non è assolutamente un motivo per rilassarsi. È necessario prendere tutte le misure possibili per liberarsene. Il fatto è che ci sono un certo numero di tumori benigni che tendono a cambiare il loro carattere nel tempo. È necessario sapere quali sono i tumori e quanto è pericolosa la loro presenza nella ghiandola mammaria.

La maggior parte dei tumori è benigna. Questi includono:

Le cause più importanti dello sviluppo di neoplasie sono:

- squilibrio ormonale, che è causato dalla disfunzione delle ovaie, della ghiandola tiroidea o dall'essere costantemente in situazioni stressanti;

- processo infiammatorio negli organi genitali femminili;

- insufficienza ormonale dovuta a contraccettivi ormonali.

Questi fattori portano principalmente alla formazione di fibroadenomi e cisti. Queste patologie sono il più delle volte causate dall'aumentata produzione di estrogeni.

Se parliamo di mastopatia, il gruppo di rischio comprende donne che hanno iniziato i loro periodi precocemente, una menopausa tardiva, frequenti aborti o aborti, hanno avuto una gravidanza tardiva, hanno avuto un breve periodo di allattamento al seno. Inoltre, lo sviluppo della mastopatia contribuisce a stress prolungati che hanno un effetto dannoso sullo stato delle ghiandole endocrine.
Per condurre una diagnosi differenziale aiuta l'ecografia. Grazie a questo metodo diagnostico, è possibile valutare la natura della neoplasia e i cambiamenti strutturali nel tessuto mammario. Secondo i risultati dell'ecografia, un medico esperto può dire esattamente quale patologia è presente nella ghiandola mammaria del paziente.

I tumori benigni più comuni sono la cisti e il fibroadenoma. Il fibroadenoma è una neoplasia ormono-dipendente che si verifica più spesso tra i 20 ei 40 anni. In genere, il tumore non raggiunge grandi dimensioni, quindi è difficile da rilevare durante un'ispezione di routine. Nella maggior parte dei casi, la neoplasia raggiunge una certa dimensione e non aumenta ulteriormente. È possibile osservare un leggero cambiamento nella dimensione del tumore, tranne durante le mestruazioni.

Solo la gravidanza e l'allattamento possono portare ad un aumento significativo dei fibroadenomi. Pertanto, una donna che pianifica un bambino dovrebbe sottoporsi a un esame completo.

Rilevare questa neoplasia è possibile, grazie alla mammografia e agli ultrasuoni. I risultati della ricerca descrivono il fibroadenoma come un tumore con contorni chiari, con una forma ovale. I bordi del tumore sono lisci o leggermente ondulati. La struttura è omogenea. Questa descrizione aiuta a distinguere il fibroadenoma da altri tipi di neoplasie.

Una cisti della ghiandola mammaria è una piccola neoplasia di forma rotonda o ovale piena di liquido. All'ecografia, è possibile vedere che il tumore ha contorni lisci e chiari. Di solito, questa neoplasia causa dolore solo se si unisce a un'infezione secondaria. Alla palpazione, la cisti è palpabile, specialmente se la sua dimensione non è molto piccola. C'è una patologia dopo 35 anni. Fino a questa età, lo sviluppo della cisti è un evento raro.

L'ecografia aiuta anche a rilevare un tumore maligno. Il cancro ha anche segni specifici, in base al quale il medico sarà in grado di determinare la diagnosi. Se si sospetta la patologia del cancro, è necessario prestare particolare attenzione alla posizione, alle dimensioni, alla forma, al contorno e alle condizioni dei tessuti circostanti. Il processo maligno è più spesso localizzato nel quadrante esterno superiore della ghiandola.

A seconda del tipo di crescita del tumore, la forma può essere corretta o irregolare, ma in tutti i casi con contorni sfocati. C'è anche un cambiamento nella struttura dei tessuti circostanti.

Come sapete, la prevenzione è sempre meglio che curare. Il fatto che così tante donne soffrano di tumori maligni nel loro seno dipende esclusivamente dalla negligenza della loro salute. I tumori al seno sono quelle malattie che sono abbastanza ben diagnosticate. L'unica condizione è il completamento tempestivo del sondaggio.

Cisti renali

RENI KIST DI TRATTAMENTO


Sito web personale di un urologo della massima categoria MD. Rotov Anton Evgenievich.

Attenzione!
Le informazioni sul sito sono a carattere informativo (cognitivo), riflettono l'opinione personale dell'autore del sito e non sono destinate a essere utilizzate a scopo di trattamento senza la completa consultazione di un medico!
Le risposte alle domande non sostituiscono in alcun modo una consultazione a tempo pieno con un medico, che è necessaria in tutti i casi prima e durante il trattamento.

Per favore, quando si effettua un appuntamento, contrassegnare il sito DR-ROTOV.RU come fonte di informazioni. Ciò supporterà il lavoro del sito e aiuterà a valutare la sua efficacia.

Copyright © 2013. Tutti i diritti riservati. L'uso dei materiali è possibile solo con il consenso del proprietario del sito. Allo stesso tempo è richiesto un riferimento alla fonte.

Cisti renali: classificazione CT

Una cisti renale è una formazione localizzata nel parenchima renale, piena di contenuti fluidi (o emorragici), in cui può anche essere trovata una componente di tessuto molle.

Eziologia delle cisti renali

Le cisti renali possono essere acquisite o congenite. Nel caso di una cisti congenita, si sviluppa da tubuli embrionali che non hanno alcuna connessione con i dotti escretori, la causa della cisti congenita del rene è considerata come un'ostruzione dell'uretra o della contrattura del collo della vescica (secondo Ziegeler M. 1974). Le cisti renali acquisite si sviluppano a seguito di una varietà di processi ritentivi derivanti da pielonefrite, danno renale ai reni, tubercolosi renale e ostruzione del tratto urinario nella urolitiasi. (principalmente nelle donne). Al secondo posto la urolitiasi e lo sviluppo anormale dei reni e delle vie urinarie sul lato della cisti o sul lato opposto (meno spesso).

Patogenesi delle cisti renali

Nella patogenesi dello sviluppo delle cisti renali, ci sono tre teorie principali: ritenzione-infiammatoria (una ciste si sviluppa a causa dell'ostruzione del tratto di efflusso dell'urina contro lo sfondo del processo infiammatorio); proliferativo-neoplastico (la cisti si verifica a causa dell'eccessiva proliferazione dell'epitelio dei reni con un probabile degrado in seguito); embrionale (la cisti si verifica a causa di uno sviluppo anormale dei reni).

Classificazione delle cisti renali alla localizzazione CTD

A seconda della loro posizione nell'organo, le cisti renali sono suddivise in: sottocapsulare (localizzato sotto la capsula renale), corticale (localizzato nella corteccia renale), intramidollare (situato nel midollo del rene), periolanale (situato vicino alla pelvi renale) e cisti renali seno (situato vicino al bacino o al suo interno, e causando una violazione del deflusso di urina).

Illustrazione che mostra diverse opzioni di localizzazione per le cisti renali. Quindi, il numero 1 indica una cisti corticale (nella sostanza corticale del rene), 2 è una cisti intraparenchimale, 3 è un periolchanic (parapelvico), 4 e 5 sono varie varianti della cisti del seno renale, 6 è una cisti sottocapsulare.

Classificazione delle cisti renali (tomografia computerizzata) di Bosniak

La classificazione bosniaca delle cisti renali è a raggi X ed è utilizzata solo per l'esame TC del rene con contrasto endovenoso. Le immagini delle strutture renali e delle formazioni patologiche nel suo parenchima sono valutate nelle fasi arteriosa, venosa e nefrografica. Lo scopo principale di questa classificazione è di distinguere tra semplici cisti renali (con una probabilità praticamente nulla di malignità) da tumori potenzialmente maligni e una neoplasia renale maligna virtualmente affidabile.

Quindi, la prima categoria include cisti renali aventi una struttura omogenea sia nelle immagini native che nelle immagini arteriose, e in altre fasi di contrasto, la cui densità varia tra 0... 15 unità Hounsfield ed è identica in tutte le sezioni della cisti. Non ci sono oggetti ipo-o iperdensi all'interno della cisti, addensamenti delle pareti, calcinati, setti, impurezze del sangue. Una semplice cisti renale con CT ha bordi lisci, pareti lisce e chiaramente visibili, con localizzazione vicino alla pelvi renale o coppe dà il sintomo "falcetto". Non potenziato in tutte le fasi di contrasto. Non richiede l'osservazione dinamica ed è un reperto abbastanza frequente alla TC degli organi retroperitoneali.

Una rappresentazione schematica di cisti renali semplici Bosniak 1 (a sinistra e al centro). Nel mezzo della freccia, il sintomo falciforme è marcato (una sottile striscia di corteccia renale allungata da una cisti). Con un tumore renale (immagine più a destra), il sintomo della "falce" non sarà - si può solo visualizzare il difetto del calice o della pelvi renale che si riempie a causa della germinazione del tumore nel sistema pelvi-pelvi renale.


Bosniak-1 Esempi di cisti renali semplici con CT con contrasto (nella fase arteriosa): tutte le immagini sono rese formazioni ipodenali con una densità di 10... 15 unità sulla scala di Hounsfield, pareti lisce, contorni chiari, non contenenti componenti dei tessuti molli, calcificazioni, non avendo partizioni nella struttura.


Cisti multiple di entrambi i reni Sulla destra ci sono cambiamenti più pronunciati nel tipo di policistico, con la presenza anche di pietre ad alta densità nel gruppo superiore di coppe.

Anche le cisti renali di categoria 2 di Bosniak sono considerate benigne, ma a differenza delle cisti semplici, possono richiedere il controllo a ultrasuoni (o CT) dopo un certo periodo di tempo (3 o 6 mesi). Se ci sono calcificazioni nella parete della cisti o partizioni all'interno della cisti, viene impostata la categoria Bosniak 2.

Rappresentazione schematica di una cisti di un rene della 2a categoria da parte di Bosniak (a sinistra e al centro). Si può vedere un setto e molteplici inclusioni iperdensi (calcinati) nel muro (immagine nel mezzo) o calcificazione della parete della cisti dappertutto (come nell'immagine a sinistra). Sulla destra c'è un esempio di cisti renale nella tomografia computerizzata (Bosniak-2).

Le cisti di terza categoria sono molto più sospettose di neoplasie maligne e di solito richiedono un intervento chirurgico - rimozione della cisti con successiva analisi istologica del tessuto. Le cisti emorragiche (contenenti sangue) appartengono anche alla terza categoria di cisti renali con CT.


Bosniak-3 Esempio di diagramma di una cisti emorragica del rene a CT. Si vede che la cisti ha una densità eterogenea, così come le partizioni (a sinistra). Sulla riformulazione CT dei reni nel piano coronale (a metà e a destra), la freccia e il numero 3 indicano cisti renali di alta densità uniforme sospette per maligni (emorragici). Queste cisti richiedono un trattamento chirurgico - biopsia della resezione.

La cisti della quarta categoria in Bosniak è una neoplasia maligna affidabile del rene. Nella tomografia computerizzata, tali cisti sembrano formazioni che si intensificano in modo non uniforme nella fase arteriosa del contrasto con contorni sfocati e irregolari, contenenti una componente dei tessuti molli (vicino al muro o sulle partizioni). Tali cisti possono germogliare nel sistema coppa-bacino, causando la sindrome ematica (coaguli di sangue iperdense nel CLS o nella vescica).

Bosniaco-4.KT. Rappresentazione schematica di una cisti renale (a sinistra) e di una riforma coronale alla TC dei reni. La formazione del polo superiore del rene contiene sia una componente liquida che una di tessuto molle, più partizioni (a destra) e cavità cistiche (a destra sono contrassegnate da un asterisco). È altamente probabile che questi cambiamenti siano dovuti al carcinoma delle cellule renali o ad un altro tumore maligno.

Un esempio di formazioni cistiche dei reni (Bosniak-4 con CT), altamente sospettoso per maligni.

Secondo parere di esperti medici

Invia i dati della tua ricerca e ricevi l'aiuto di esperti dei nostri esperti!

Cos'è l'ecogenicità: decifrare le immagini degli ultrasuoni

L'esame ecografico è uno dei metodi diagnostici più accessibili e diffusi per molte malattie. Si basa sul principio di ecolocalizzazione, vale a dire la capacità dei tessuti di riflettere i raggi ultrasonici. Il parametro principale che caratterizza la composizione e le proprietà di tessuti e fluidi sugli ultrasuoni è l'ecogenicità.

Fai clic per espandere / chiudere il menu dell'articolo →

Cos'è l'ecogenicità

L'immagine in bianco e nero invertita è ciò che vede il sonografo durante l'esame. Tutti gli organi umani riflettono gli ultrasuoni a modo loro. Il colore dipende dalla densità del corpo: più denso è, più bianco è il quadro. Ad esempio, il liquido è raffigurato in nero. L'abilità dei tessuti degli organi di riflettere gli ultrasuoni è l'ecogenicità.

"data-medium-file =" https://i1.wp.com/medcentr-diana-spb.ru/wp-content/uploads/2017/07/e`hogennost.jpg?fit=450%2C298 "dati- large-file = "https://i1.wp.com/medcentr-diana-spb.ru/wp-content/uploads/2017/07/e`hogennost.jpg?fit=790%2C523" class = "dimensione aligncenter -large wp-image-5520 "src =" http://medcentr-diana-spb.ru/wp-content/uploads/2017/07/e%60hogennost-830x550.jpg "alt =" echo "width =" 790 "height =" 523 "/>

Parametri principali degli ultrasuoni

Eseguendo un'ecografia, il medico valuta diversi parametri, i principali dei quali sono l'ecogenicità, la struttura e i contorni dell'organo.

L'immagine sul monitor dell'apparecchio ad ultrasuoni è costituita da punti - pixel, ciascuno dei quali è colorato da una delle 1024 sfumature di grigio. Il grado di intensità del colore dipenderà direttamente dal volume dei raggi ultrasonici riflessi. Gli organi più densi riflettono molto bene le onde, poiché ricevono le vibrazioni del mezzo e diventano intense fonti secondarie di suono. Pertanto, l'ecografia viene restituita al sensore quasi nel suo stato originale.

Questo fenomeno è molto simile all'eco in montagna. Quindi, una forte riflessione colorerà l'immagine in grigio chiaro o bianco, e una debole darà una sfumatura grigio scuro, vicino al nero. In base al colore dell'immagine risultante, il medico determina lo stato degli organi e dei tessuti.

Tipi di ecogenicità dei tessuti

Esistono diversi tipi di ecogenicità:

  • l'iso-ecogenicità è normale (i tessuti e gli organi degli ultrasuoni sono visualizzati in grigio);
  • ipoecogenicità - ridotta (oggetti di colore scuro, più vicini al nero);
  • iperecogenicità - aumentata (i pixel sono dipinti in tonalità di bianco o grigio chiaro);
  • anecogenicità - eco negativo, cioè mancanza di ecogenicità (struttura nera).

Per la natura del colore dell'organo, c'è un'omogeneità (colore uniforme) ed eterogeneità (colorazione eterogenea dell'organo). Ad esempio, un'immagine ecografica di un fegato sano sarà omogenea sull'ecografia del fegato e un fegato affetto da cirrosi sarà eterogeneo. Cioè, l'uniformità del colore è un indicatore dello stato normale di un organo.

La struttura di un corpo sano è solitamente omogenea. Se ci sono inclusioni o eterogeneità della struttura, il medico esamina attentamente questi cambiamenti. In alcuni casi, una struttura eterogenea viene rilevata alternando le regioni ipo-e iperecogene, in cui vi è una sorta di modello "colorato".

Un parametro importante degli ultrasuoni è il contorno di organi e formazioni. Normalmente, la silhouette dovrebbe essere liscia, chiara. Nel caso di un organo, una deviazione dalla norma può indicare un processo infiammatorio in esso, e, con l'educazione, la sua malignità. In un cancro, i bordi saranno storti, in neoplasie benigne - lisce.

Iperecogenicità dei tessuti - macchie bianche nell'immagine degli ultrasuoni

Organi e tessuti densi riflettono le onde ultrasoniche ad alta velocità. Ciò significa che sono iperecogene. L'aumento dell'ecogenicità è tipico delle ossa, dei depositi di calcio (pietre, sabbia), dei tessuti infiammati, delle cicatrici o dell'accumulo di grasso nel tessuto.

Elevata ecogenicità può essere rilevata quando si modifica il parenchima del tessuto - il tessuto principale di organi incompleti. La sua iperecogenicità indica una diminuzione della saturazione cellulare con il fluido, che si verifica in seguito a:

  • squilibrio degli ormoni nel corpo (per la mammella, la tiroide, le ghiandole della prostata vengono rilevate dagli ultrasuoni delle ghiandole mammarie, dall'ecografia della prostata, dall'ecografia della tiroide);
  • fallimento dei processi metabolici (metabolismo);
  • nutrizione scorretta (specialmente per il pancreas - chiaramente visibile sull'ecografia del pancreas);
  • fumo, alcol o droghe;
  • processo patologico nel parenchima;
  • gonfiore infiammatorio o traumatico del tessuto.

Cosa significa aumentare la densità dell'eco: norme e patologia?

Spesso sugli ultrasuoni c'è il concetto di "aumentato ekhoplotnost". Puoi spiegarlo in questo modo. L'iperecogenicità di diversi organi su ultrasuoni sembra diversa e ha un significato variabile:

Formazione ipoecogena nella ghiandola mammaria: eterogenea, omogenea, con contorni chiari, avascolare

"Educazione ipoecogena" - spesso questo termine viene usato quando si descrive l'immagine durante l'ecografia. Cosa può significare questo termine misterioso per un paziente ordinario? Prima di tutto, non bisogna farsi prendere dal panico: una formazione ipoecogena nella ghiandola mammaria non è ancora una malattia e non una diagnosi, ma solo una descrizione strutturale di ciò che il medico vede prima di sé quando esegue un'ecografia. In poche parole, tutti i tessuti che hanno una densità relativamente bassa rispetto ad altri tessuti circostanti hanno una struttura ipoecogena.

La formazione ipoecogena nella ghiandola mammaria non è sempre un sintomo della malattia. Tuttavia, in alcuni casi, la presenza di un tale segno può indicare la presenza di una patologia sufficientemente grave.

Codice ICD-10

epidemiologia

Le formazioni ipoecogene nelle ghiandole mammarie sono considerate le patologie più comuni tra la popolazione femminile. Quindi, si trovano in circa la metà di tutte le donne intervistate.

La frequenza di rilevamento delle formazioni ipoecogene raggiunge il suo livello massimo di 45 anni e diminuisce al raggiungimento del periodo di premenopausa.

Cause della formazione ipoecogena nella ghiandola mammaria

Nel caso in cui un esame ecografico rivela una massa ipoecogena nella ghiandola mammaria, possiamo assumere la presenza di tali malattie:

  • Il carcinoma ghiandolare è una formazione ipoecogena con contorni sfumati e poco chiari, con presenza di un'ombra acustica strutturalmente eterogenea;
  • l'adenosi è una formazione ipoecogena con contorni sfocati, prevalentemente di forma irregolare;
  • cisti ordinaria è una formazione ipoecogena arrotondata nella ghiandola mammaria, con contorni chiari;
  • cisti atipica è una formazione ipoecogena della ghiandola mammaria con contorni chiari, con una capsula densa e un gran numero di calcinati interni; di solito in uno stadio avanzato di sviluppo della malattia, il numero di calcificazioni aumenta significativamente;
  • fibroadenoma è una formazione focale ipoecogena della ghiandola mammaria con confini chiari, ma a volte può assomigliare ad una crescita cancerosa con distribuzione limitata;
  • un tumore benigno è una formazione ipoecogena avascolare della ghiandola mammaria, la cui struttura non ha una rete vascolare;
  • la mastopatia fibrocistica è una formazione omogenea ipoecogena nella ghiandola mammaria, spesso multipla. Nella maggior parte dei casi, ha un'eziologia ormonale.

Va notato che le formazioni naturali nella ghiandola mammaria hanno anche una struttura ipoecogena, come i dotti lattiferi o la rete vascolare.

Fattori di rischio

Ci possono essere molti fattori che contribuiscono alla comparsa di formazioni ipoecogene patologiche nella ghiandola mammaria. Convenzionalmente, possono essere suddivisi in diversi gruppi:

  1. Fattore di età: età media e vecchia
  2. Fattore sessuale: le donne si ammalano 100 volte più spesso degli uomini.
  3. Il fattore costituzionale: le donne grasse si ammalano più spesso di quelle magre.
  4. Fattore ereditario: se i parenti diretti hanno casi di malattia al seno, possono essere ripetuti nelle generazioni successive.
  5. Fattore riproduttivo: lo sviluppo sessuale precoce e la mancanza di parto contribuiscono allo sviluppo di malattie del seno.
  6. Fattore metabolico: il rallentamento del metabolismo e la sua violazione contribuiscono allo sviluppo di malattie del seno.
  7. Fattori esterni: ipotermia, lesioni al torace, ecologia avversa, radiazioni possono influire negativamente sulla condizione delle ghiandole mammarie.
  8. Fattori interni: abusi regolari di bevande alcoliche, situazioni stressanti frequenti possono portare allo sviluppo di malattie delle ghiandole mammarie.

L'elenco elencato aiuta a determinare il rischio di sviluppare formazioni ipoecogene nella ghiandola mammaria. Pensa a cosa puoi cambiare nella tua vita per ridurre la probabilità di malattia.

patogenesi

Il principale meccanismo di diagnostica ad ultrasuoni è la generazione di onde sonore ad alta frequenza da parte di un sensore ad ultrasuoni e la loro trasmissione ai tessuti esaminati.

Un sensore a ultrasuoni riceve una riflessione di frequenza dai tessuti e dalla parte posteriore - questo fenomeno può essere confrontato con la trasmissione dell'eco naturale. Questo è il motivo per cui l'ecografia viene spesso definita un termine come l'ecografia.

Il medico che conduce lo studio ecografico, può valutare l'immagine visibile sullo schermo in base ai seguenti criteri:

  • Maggiore è la frequenza delle onde ultrasoniche, più chiara è l'immagine;
  • più piccola è la frequenza delle onde, più profonda è la penetrazione.

Durante lo studio, il medico valuta la localizzazione complessiva e la dimensione delle ghiandole mammarie, nonché la loro struttura. Per la valutazione della struttura viene solitamente applicata una cosa come "densità acustica". Questo concetto è stato creato per descrivere la velocità dell'onda ultrasonica nel tessuto esaminato. Il grado di densità acustica (o, in un altro modo, l'ecogenicità) varia da un organo all'altro. Il sonologo (specialista ecografico) conosce sempre il grado di ecogenicità di tutti i tessuti corporei, pertanto determina immediatamente la presenza della norma o della patologia.

Sintomi di una massa ipoecogena nella ghiandola mammaria

Cosa si intende con il termine "formazione ipoecogena nella ghiandola mammaria"? Una tale descrizione significa che una zona con una densità acustica ridotta si trova nella ghiandola mammaria.

I primi segni di tale zona sono una struttura più scura (rispetto ai tessuti più vicini), in cui le onde ultrasoniche si muovono più lentamente rispetto alle strutture adiacenti.

La formazione del fluido ha caratteristiche simili. Il più delle volte viene diagnosticato ulteriormente, poiché una cisti è un elemento di cavità con contenuto liquido all'interno.

Perché lo specialista ecografico non caratterizza immediatamente una formazione ipoecogena come una cisti?

Il fatto è che, a differenza del termine "ipoecogenicità", una cisti è già una diagnosi, non una descrizione. E per confermare la diagnosi di una singola ecografia non è sufficiente: sono necessari ulteriori test e studi, che il medico prescrive se si sospetta una particolare malattia.

Di conseguenza, una formazione ipoecogena arrotondata può essere:

  • cisti;
  • gonfiore;
  • lesione echinococcica;
  • galattoceli.

Se i limiti fuzzy si trovano in una formazione ipoecogena, allora si può essere sospettato:

Complicazioni e conseguenze

Lo sviluppo di conseguenze negative e complicanze in presenza di una massa ipoecogena nella ghiandola mammaria dipende dalle sue caratteristiche strutturali. Quindi, la prognosi peggiore potrebbe essere la malignità del tumore, cioè la sua trasformazione in una neoplasia maligna. Questo può accadere, ad esempio, con fibroadenoma non trattato: in un caso su 150, la malattia degenera in sarcoma.

La mastopatia fibrocistica può anche in alcuni casi essere complicata da un cancro, ma il più delle volte la malattia prende un decorso recidivante e periodicamente "ritorna", nonostante il trattamento venga dato. Ciò accade quando la causa della mastopatia non viene stabilita o è installata in modo errato.

Il trattamento tardivo di qualsiasi formazione nelle ghiandole mammarie può portare a gravi conseguenze. Allo stesso tempo, se l'assistenza medica viene fornita in tempo, non è esclusa una cura rapida e completa della malattia.

Diagnosi della formazione ipoecogena nella ghiandola mammaria

In caso di rilevamento di una formazione ipoecogena nella ghiandola mammaria, il medico prescriverà sicuramente ulteriori procedure diagnostiche che permetteranno di chiarire o smentire la diagnosi.

  • analisi:
  1. emocromo completo, che indica la presenza di infiammazione e anemia;
  2. analisi del sangue per gli ormoni;
  3. esame del sangue per marker tumorali CA-15-3.
  • Diagnostica strumentale:
  1. mammografia;
  2. biopsia degli elementi di formazione del tessuto;
  3. imaging a risonanza magnetica o computato;
  4. mammoscintigraphy.

Cosa hai bisogno di esaminare?

Diagnostica differenziale

La diagnosi differenziale viene solitamente effettuata tra diversi tipi di formazioni ipoecogene nella ghiandola mammaria. I più comuni sono questi tipi di patologie come le cisti, i tumori maligni e benigni.

Chi contattare?

Trattamento della formazione ipoecogena nella ghiandola mammaria

Il regime di trattamento delle formazioni ipoecogene dipende completamente dalla diagnosi finale, stabilita dopo aver condotto una diagnosi completa.

Quando vengono individuate cisti benigne e altre formazioni simili, viene applicato un trattamento medico che può includere i seguenti farmaci:

  • Medicine a base di erbe
  1. Indinol - è prescritto per la mastopatia fibrocistica, 1 capsula al giorno con il cibo. Durante la ricezione, è possibile modificare la durata del ciclo mensile, nonché il dolore a breve termine nell'addome.
  2. Phytolone - utilizzato per vari tumori al seno (compresi maligni), 1-2 compresse 2-3 volte al giorno. Il corso del trattamento è progettato per 1-6 mesi. A volte un farmaco può causare una reazione allergica.
  • Agenti ormonali:
  1. Utrogestan è un gestagen, che è prescritto per mastopatia fibrocistica - 200-300 mg al giorno. Il farmaco può influenzare il decorso del ciclo mestruale e causare dolore alla testa.
  2. Estrogel è un agente estrogenico che viene utilizzato esternamente per il trattamento di neoplasie estrogeno-dipendenti. Una dose del gel viene applicata una volta al giorno, quotidianamente, sulla pelle dell'addome o sulla superficie interna delle cosce.
  3. Duphaston - gestagen, che è prescritto su uno schema individuale, in base al flusso del ciclo mestruale. Il farmaco può causare mal di testa, emicrania e talvolta nausea e disturbi mestruali.
  • Farmaci anti-infiammatori:
  1. Ibuprofene - prescritto per infiltrati infiammatori e sindrome dolorosa, 200 mg fino a 4 volte al giorno. L'uso del farmaco è talvolta accompagnato da dolore addominale, dispepsia. Forse lo sviluppo della pancreatite.
  2. Wobenzym è un agente antinfiammatorio che viene spesso prescritto per la mastopatia. Il dosaggio medio del farmaco - 3 compresse tre volte al giorno.

Il trattamento delle formazioni ipoecogene nella ghiandola mammaria è prescritto solo dopo la diagnosi finale. Come abbiamo accennato all'inizio dell'articolo, il termine "formazione ipoecogena" è solo un segno di una possibile malattia, o una descrizione strutturale di un'immagine ottenuta su una macchina ad ultrasuoni.

vitamine

Per quanto riguarda l'assunzione di vitamine, è preferibile utilizzarle principalmente sotto forma di prodotti a base di erbe: frutta e verdura.

Ad esempio, la vitamina A - retinolo - è presente in grandi quantità in carote, pesche, pomodori, albicocche e uva spina. Il retinolo ha un effetto diretto sulla crescita cellulare, facilita la funzionalità epatica e la produzione di ormoni.

Praticamente tutti i prodotti vegetali contengono vitamina C, in misura maggiore o minore, acido ascorbico, che potenzia le reazioni redox, migliora l'apporto energetico del corpo e promuove l'eliminazione delle sostanze tossiche.

Vitamina E - tocoferolo - può essere ottenuta da oli vegetali, latte e uova. Il tocoferolo protegge le cellule sane dagli effetti dei radicali liberi e normalizza anche la produzione di proteine.

Se vengono rilevate formazioni patologiche ipoecogene nelle ghiandole mammarie, si raccomanda di bere almeno 100 ml di verdura fresca o succo di frutta ogni giorno. Di notte, puoi anche bere una tazza di composta a base di frutta secca o un prodotto a base di latte fermentato.

fisioterapia

Quando si rilevano formazioni ipoecogene nella ghiandola mammaria, è severamente vietato utilizzare la fisioterapia nell'area del seno fino a quando non viene formulata una diagnosi definitiva che non proibisca tali procedure.

Il fatto è che una formazione ipoecogena può alla fine rivelarsi un tumore maligno, o avere un alto grado di rischio di trasformazione maligna. E la fisioterapia in questo caso può fungere da catalizzatore per i processi maligni, quindi tali procedure non vengono mai prescritte prima di una diagnosi definitiva.

Trattamento popolare

È possibile applicare le ricette della medicina tradizionale se una formazione ipoecogena si trova nella ghiandola mammaria? Ammettiamolo: prima di impostare la diagnosi finale dovrebbe essere rinviato con eventuali misure terapeutiche, comprese quelle basate sul trattamento con metodi tradizionali.

Se si trova una formazione ipoecogena nella ghiandola mammaria:

  • non è possibile applicare impacchi caldi, così come il vapore nella vasca da bagno e prendere il sole;
  • non applicare unguento per il riscaldamento;
  • le lozioni e le compresse a base alcolica non devono essere utilizzate.

Dovresti sempre aspettare che il dottore effettui una diagnosi accurata, dopodiché, dopo aver consultato lo stesso medico, effettuare un trattamento.

  • Di notte, puoi applicare una bardana o un foglio di farfara a un torace malato, e la mattina dopo asciugare il seno con un panno umido e applicare un po 'di olio di bardana su di esso.
  • Puoi preparare una miscela di parti uguali di radice di bardana fresca, miele e olio di ricino. Distribuire uniformemente la massa su un panno di lino e applicare al seno durante la notte.
  • È utile applicare per gli impacchi notturni di polpa di zucca fresca grattugiata.
  • Puoi prendere la foglia di cavolo fresco, mettere un po 'di burro fresco, cospargere con sale fino e attaccare al seno colpito. Questo impacco è anche meglio da usare di notte.

Medicina di erbe

  • Se l'acqua bollente viene versata sulle foglie di assenzio e avvolta in un panno di lino, una tale crema può essere applicata al seno malato al mattino e alla sera, per circa 1 ora. Le stesse foglie possono essere utilizzate fino a 4 volte.
  • Puoi fare un impacco basato sull'infusione di Hypericum: 1 cucchiaio. l. erbe versare 1 tazza di acqua bollente e insistere 40 minuti. Successivamente, dovresti inumidire un tovagliolo nell'infusione e applicarlo al punto colpito. Invece di Hypericum a volte usi altre piante - per esempio, alpinista, affluente o genziana.
  • Le compresse preparate sulla base dell'infusione di trifoglio hanno un buon effetto antitumorale. Per preparare questa infusione dovrebbe prendere 2 cucchiai. l. fiori di trifoglio e versare 250 ml di acqua bollente su di loro. Dopo 10-15 minuti, il farmaco può essere usato per le compresse.
  • La bardana a foglia scorre attraverso il tritacarne. La massa risultante viene applicata all'area interessata, coperta con un asciugamano sopra. Quindi si raccomanda di trattare, per esempio, la mastopatia.

omeopatia

Il trattamento omeopatico può essere usato in aggiunta - cioè come coadiuvante del trattamento principale. Per le malattie delle ghiandole mammarie, che sono accompagnate dalla comparsa di formazioni ipoecogene, si consiglia di utilizzare i seguenti rimedi omeopatici:

  • Mastodinon: prendere almeno 3 mesi, 1 compressa due volte al giorno.
  • Cyclodinone: assumere 1 compressa al giorno per 3 mesi.
  • Mastopol - il dosaggio standard del farmaco - 1 compressa tre volte al giorno, mezz'ora prima dei pasti. La durata del trattamento è di 2 mesi.
  • Mastiol-Edas 127 - se il medico non ha prescritto un altro regime di trattamento, prendere 5 gocce del farmaco a 1 cucchiaino. acqua tre volte al giorno. La durata del trattamento è di 3 mesi (con interruzioni per le mestruazioni).

I farmaci omeopatici elencati sono praticamente privi di effetti collaterali negativi. Solo raramente si verificano casi di reazione allergica al farmaco.

Trattamento chirurgico

L'operazione è più spesso prescritta quando la massa ipoecogena nella ghiandola mammaria risulta essere un tumore maligno: in questo caso, la chirurgia può essere considerata come un metodo di trattamento indipendente o in combinazione con radioterapia e chemioterapia. Un approccio integrato di solito ti consente di ottenere il più alto tasso di guarigione.

Il trattamento chirurgico come metodo indipendente viene eseguito in pazienti con tumori benigni che non sono suscettibili o scarsamente suscettibili al trattamento farmacologico.

Tuttavia, a volte la chirurgia può essere controindicata: l'età avanzata del paziente, malattie cardiache e vascolari nello stadio di scompenso, così come lo stadio avanzato di tumori maligni con massicce metastasi possono essere controindicazioni. L'effetto migliore dopo l'operazione è previsto se il trattamento viene eseguito nelle prime fasi dello sviluppo dei tumori, tenendo conto di un approccio integrato al problema.

Cisti con contorni frastagliati

Educazione ipoecogena - è spaventosa?

La formazione ipoecogena non è una diagnosi, ma una descrizione di una struttura che ha una densità inferiore a quella del tessuto circostante. Questa "educazione" può essere o una manifestazione di patologia, oppure può verificarsi normalmente - tutto dipende dal tipo di corpo che è.

Sommario:

Come rilevare l'educazione ipoecogena

Il principio degli ultrasuoni (US) è ​​che il sensore ultrasonico genera vibrazioni sonore ad alta frequenza e li invia ai tessuti studiati.

Lo stesso sensore riceve anche le frequenze riflesse dagli organi, trasformandole sullo schermo in un'immagine. Gli ultrasuoni riflessi sono una specie di eco in natura. Pertanto, l'ecografia è anche chiamata ecografia.

La valutazione dei dati ecografici è molto soggettiva, in base a:

  • frequenze delle onde ultrasoniche generate dal dispositivo: maggiore è la frequenza, migliore è la chiarezza dell'immagine sullo schermo, minore è la profondità della sua penetrazione nel tessuto
  • caratteristiche anatomiche del paziente (ad esempio, il cuore sarà difficile da vedere con l'enfisema)
  • Qualifiche Sonologist
  • disponibilità di informazioni sui sintomi del paziente, sulle sue patologie croniche: questo aiuterà il sonologo a non perdere l'organo / i in cui potrebbe esserci una potenziale patologia.

Durante lo studio, non è solo la posizione e le dimensioni dell'organo che viene valutato, ma anche la sua struttura. Viene stimato utilizzando il concetto di "densità acustica".

Questo termine descrive la velocità con cui un'onda ultrasonica viaggia attraverso il tessuto (organo) in esame. La densità acustica (ecogenicità) per ciascun organo è la sua.

Ad esempio, nel fegato il suono va ad una velocità di 1570 m / s, e nel tessuto adiposo - da 1476 m / s. Questo può essere visto sullo schermo con varie sfumature. Il sonologo sa quale dovrebbe essere l'eco per ogni organo, se dovrebbe essere normale o meno.

Che cosa significa la frase "educazione con ridotta densità di eco (o ipoecoica)"? Questo termine suggerisce che in un intero corpo (o cavità) esiste un sito con una densità acustica ridotta. Sembra una struttura più scura (rispetto al tessuto circostante).

Quali sono le aree con densità ridotta

Ripetiamo ancora una volta cosa si intende per "struttura con densità di eco ridotta". Questa è un'area in cui gli ultrasuoni si muovono più lentamente rispetto allo spazio circostante.

Tali caratteristiche hanno una struttura liquida. Il più delle volte (ma non sempre) è una cisti, cioè una cavità con pareti sottili fatte di tessuto simile alla membrana mucosa, che è piena di liquido.

Perché il sonologo non scrive "cisti"? Perché questa diagnosi può essere fatta solo in base ai dati di tale studio, in cui il ricercatore vedrà quest'area non direttamente (come con gli ultrasuoni), ma direttamente. Questa può essere solo una biopsia (garantisce quasi il 99% di garanzia) o uno studio condotto usando tecniche video endoscopiche (laparoscopia, broncoscopia, cistoscopia).

Torniamo all'educazione. Dopo aver indicato che una tal area con un liquido è stata trovata in alcuni organi del test, il medico dovrebbe indicare le sue altre caratteristiche: la sua forma e i suoi contorni.

Quindi, una formazione rotonda suggerisce che può essere:

  • cisti
  • alcuni tipi di tumore
  • cisti parassitaria (echinococco)
  • nella ghiandola mammaria durante l'allattamento - galactocele
  • nell'ovaia, più vicino alla metà del ciclo, il normale follicolo.

Se è descritta come una struttura con contorni irregolari, ciò suggerisce che la formazione di liquido può essere:

  • cisti
  • adenosi del seno
  • tumore
  • fibroadenoma della ghiandola mammaria.

Descrizione della struttura ad ultrasuoni della tiroide

Se nella descrizione dell'ecografia della tiroide c'è la parola "struttura con una densità acustica ridotta", questo non ha bisogno di essere immediatamente spaventato. Questo termine in relazione a un dato corpo può indicare:

  • cisti
  • struttura fluida
  • formazione vascolare
  • solo il 5% dei casi - patologia oncologica.

In questo caso, le tue azioni dovrebbero essere le seguenti:

  1. consultazione endocrinologo
  2. sangue da una vena a ormoni come TSH, anticorpi della tireoglobulina, triiodotironina e T4.

Se non ci sono deviazioni nel livello degli ormoni, è necessario eseguire di nuovo un'ecografia della tiroide dopo 6 mesi. Se la formazione ipoecogena è nuovamente determinata, si trova lì, ha le dimensioni dello stesso o di più di 1 cm, è necessario studiare questo sito usando una biopsia. Ciò è particolarmente importante se la struttura descritta ha un contorno sfocato o una struttura eterogenea.

Quali sono le deviazioni nella struttura dell'utero

Il rilevamento di un nodo con ridotta ecogenicità nell'utero indica solitamente che si è sviluppato un tumore nell'organo. Può essere sia maligno che benigno.

  1. Il carcinoma è solitamente descritto come una struttura fuzzy. Si nota un aumento dell'eco-M e dell'espansione dell'utero. La struttura dell'endometrio è descritta come non uniforme.
  2. Se l'ecografia descrive una zona ipoecogena che ha una struttura interna dell'eco, di solito si tratta di un'infiammazione dell'utero.
  3. I fibroidi uterini, localizzati nella sua parete, sembreranno anch'essi un'area ipoecogena.
  4. L'area con ridotta ecogenicità si trova vicino all'ovulo - un segno che il sangue si è accumulato sotto l'embrione, indicando che l'aborto è iniziato.

La deviazione si è verificata nella struttura della ghiandola mammaria

Se la mammografia a ultrasuoni ha rivelato la struttura della ghiandola mammaria, in cui la densità dell'eco è ridotta, questo può indicare le seguenti patologie:

  • carcinoma della ghiandola: ipoecogenico, ha un contorno sfocato e irregolare, un'ombra acustica, è di struttura eterogenea. Non tutti i segni devono necessariamente verificarsi, ma in aggiunta, ci sono stati con una descrizione simile. Per considerare chiaramente l'educazione, è necessario ricordare in quale giorno del ciclo eseguire l'ecografia del seno
  • l'adenosi ha segni simili: ipoecogenicità, contorni sfocati e confini, spesso - la forma sbagliata
  • cisti tipica: ridotta ecogenicità, contorno chiaro, forma arrotondata
  • cisti atipica con sospetto malignità: pareti piuttosto spesse di formazione, crescita al suo interno, calcinato
  • fibroadenoma: ha un contorno chiaro e liscio; molto simile a un tumore maligno con crescita limitata.

La preparazione per l'ecografia delle ghiandole mammarie non è necessaria, quindi se trovi una tale patologia, puoi ripetere lo studio il mese prossimo, e se mostra la stessa cosa, devi eseguire una biopsia.

Patologia della struttura dell'ovaia

Un sito simile nell'ovaio con ridotta ecogenicità può essere:

  • follicolo
  • formazione vascolare
  • corpo luteale
  • cisti
  • molto raramente - cancro (più spesso ha una descrizione diversa).

Se la struttura si trova nel rene

Se nel rene si trova una patch a bassa densità per ultrasuoni, può essere una cisti o un tumore. Il primo ha spesso confini chiari e una struttura uniforme, mentre il secondo è il contrario. I linfonodi retroperitoneali ingranditi parleranno anche di un processo substandard. Quando si effettua un ulteriore flusso sanguigno Doppler nella formazione non sarà determinato.

Per differenziare una patologia da un'altra, non basta fare un'ecografia dei reni (leggi anche le informazioni su come prepararsi per un'ecografia dei reni). È necessario condurre la tomografia computerizzata, l'angiography. Se necessario, produrre una biopsia sotto il controllo degli ultrasuoni.

Patologia del pancreas

  1. metastasi tessutali: l'educazione non occupa tutto il tessuto pancreatico; è ipoecogeno, ha confini sfocati
  2. cisti: contorno liscio e uniformità (senza inclusioni) di formazione
  3. diversi siti della struttura ipoecogena parlano di pancreatite emorragica o processo fibrolipomatoso nella ghiandola
  4. cancro della ghiandola: la formazione ha escrescenze periferiche sottili, a esso la ghiandola è allargata, c'è uno spostamento di grandi navi che alimentano la ghiandola stessa. Se non si esegue solo l'ecografia del pancreas, ma la dopplerografia, il flusso di sangue in questa struttura non sarà determinato.

Violazione della struttura del tessuto epatico

Il rilevamento di un sito con ridotta ecogenicità nel fegato indica il possibile sviluppo di una tale patologia:

  1. Queste sono le restanti aree di tessuto normale sullo sfondo di infiltrazioni di organi grassi. Le loro caratteristiche: rilevamento nell'area vicino alla vena porta o al letto della cistifellea, hanno spesso una forma triangolare o ovale.
  2. Nodi in cirrosi: ipoecogeniche, arrotondate, possono essere irregolari alla periferia.
  3. Cisti con emorragie: i contorni sono lisci, ci sono echi interni.
  4. Trombosi del sito intraepatico della vena porta: la struttura dell'eco è libera, la forma è ovale, arrotondata o allungata.
  5. Ascessi: ci sono aree di diversa ecogenicità, spesso ci sono bolle di gas, i bordi sono irregolari, la membrana è ecologica.
  6. Iperplasia nodulare non è la norma di un'ecografia del fegato. La trama è ipoecogena, la forma è arrotondata, i contorni sono uniformi. Esistono processi ecogenici che si estendono fino alla periferia.
  7. Adenoma: omogeneo, con bordi uniformi, piccoli segnali possono essere rilevati all'interno.
  8. Cancro al fegato: la formazione eterogenea, può essere determinata aree di emorragia, calcificazioni. Anche i linfonodi locali sono cambiati, l'ascite può essere rilevata.
  9. Metastasi: confini irregolari, a volte può esserci un contorno ipoecogeno. Il tessuto epatico non è cambiato.

Quindi, una formazione ipoecogena può essere qualsiasi patologia. Fondamentalmente, è una cisti o un tumore, ma possono esserci altre condizioni: entrambe richiedono un trattamento chirurgico e quelle che possono essere curate con i farmaci. Affinché un sonologo possa fare un quadro chiaro della patologia rilevata, una persona deve prepararsi con cura allo studio, tenendo conto di tutte le sfumature.

Nel video: neoplasie renali focali su ultrasuoni.

Cisti renale complicata: caratteristiche, diagnosi e trattamento

Una cisti renale è un tumore maligno, che è una capsula che contiene fluido. In modo affidabile le cause della formazione di cisti sono sconosciute. Ma nella serie di neoplasie renali questo problema prende uno dei posti principali. Con l'età, le cisti renali stanno diventando più comuni. Quando viene diagnosticata una cisti renale complessa, si raccomanda un monitoraggio dinamico regolare per il paziente. E se ci sono prove - un'operazione. La ragione principale è la tendenza delle cisti complesse a diventare maligne.

Qual è il pericolo di una complessa cisti renale?

Una cisti complessa differisce da una semplice cisti dalle seguenti caratteristiche:

  • densità delle pareti (di norma, le cisti complesse sono "dure", poiché i sali di calcio si accumulano nelle loro pareti o partizioni);
  • irregolarità della capsula (forma irregolare, contorni sfocati o irregolari);
  • la presenza di formazioni all'interno della cisti (queste possono essere partizioni interne, sottili o dense, varie formazioni, vasi aggiuntivi).

Le cisti renali complesse possono degenerare in tumori maligni.

La percentuale di probabilità va da quindici a novanta. Il rischio di malignità aumenta con i seguenti fattori:

  • la presenza di setti densi e densi all'interno della cisti;
  • aumento del sangue locale, presenza di vasi supplementari;
  • un gran numero di irregolarità (più alto è il rischio);
  • rapida crescita di una cisti complessa, rapidi cambiamenti nella sua forma e struttura.

Il pericolo di una cisti complessa è anche nella dinamica negativa della crescita e della modificazione. Se studi dinamici affermano questi fatti, c'è il rischio di convertire le cisti in cancro.

Classificazione di cisti complesse

La sistematizzazione delle cisti consente agli specialisti di prevedere la probabilità di cancro del rene. La distribuzione in tipi e categorie avviene attraverso la classificazione bosniaca. Che posto occupano le cisti complesse?

1. Cisti benigne con complicazioni minime.

Si verificano ulteriori setti o fuochi di sali di calcio. Tali formazioni non si trasformano mai in tumori maligni. Ma l'osservazione dinamica è necessaria. Di regola, ecografia.

2. Cisti complicate con numerosi setti sottili.

Possono essere ispessimenti o depositi di calcio. La dimensione della cisti può essere più di tre centimetri. Quando tali entità necessitano anche di osservazione dinamica.

3. Cisti complesse con contorni sfocati, setti ispessiti fuzzy, depositi calcificati eterogenei.

Se compaiono in giovani senza contatto con ferite o infezioni, dovrebbero essere rimossi.

4. cisti complesse con un componente liquido, pareti irregolari e partizioni, contorno fuzzy.

Tali formazioni dovrebbero sempre essere trattate prontamente.

Diagnosi di cisti complesse

Le cisti complesse possono formarsi sotto l'influenza dei seguenti fattori:

  • età;
  • ipertensione;
  • la tubercolosi;
  • lesioni e chirurgia renale;
  • urolitiasi;
  • infezione del tratto urinario.

Una cisti complessa è determinata utilizzando studi come:

Ti permette di visualizzare la cisti, determinarne la struttura, le dimensioni.

2. Tomografia computerizzata.

Con il suo aiuto, si distinguono una cisti e un tumore, danno una caratteristica di educazione.

3. Imaging a risonanza magnetica.

Permette di differenziare una cisti di un rene.

Se necessario, è possibile assegnare altri metodi:

  • scintigrafia renale dinamica;
  • pielografia retrograda;
  • urografia escretoria;
  • angiografia renale.

Trattamento di cisti renali complesse

1. Se la cisti è piccola, viene utilizzata la scleroterapia. Un ago speciale viene iniettato nella formazione di una sostanza sclerosante.

2. Per le grandi cisti complicate da setti e dai fuochi di sali di calcio, è necessario un trattamento chirurgico. Il metodo specifico è selezionato in base alle opzioni di accesso:

  • operazione aperta ("taglia");
  • rimozione della cisti laparoscopica (attraverso la "puntura");
  • escissione retroperitoneale.

Con un alto rischio di malignità, un oncourologist è coinvolto nel trattamento di una cisti complessa.

Domande e risposte

Ciao, Jana. Penso che si tratti davvero di tumori benigni nella ghiandola mammaria, ma con fiducia si può solo parlare alla consultazione in loco. In ogni caso, è necessario concentrarsi sull'opinione del medico curante.

Ciao Regina. In tal caso, consiglierei solo l'osservazione - osomtr e ultrasuoni delle ghiandole mammarie 1 volta all'anno, forse in 6 mesi. Questa è una malattia fibrocistica delle ghiandole mammarie. Di solito prescrivo un trattamento per questa malattia se c'è dolore, in altri casi mi limito a raccomandazioni per uno stile di vita sano.

Ciao, Marina. Dotti ingranditi - un sintomo di malattia fibrocistica delle ghiandole mammarie. Non c'è pericolo in questo. In ogni caso, è necessario concentrarsi sull'opinione del medico curante.

Ciao, Julia. Dobbiamo guardarti per parlare definitivamente. Secondo la descrizione degli ultrasuoni non può escludere il cancro al seno. In ogni caso, è necessario concentrarsi sull'opinione del medico curante.

Ciao, Margarita. Secondo la descrizione, molto probabilmente stiamo parlando di fibroadenoma al seno: è un tumore benigno del seno. In questi casi, consiglierei il follow-up dopo l'ispezione - ripeterei l'ecografia del seno dopo 3 mesi. Se questa neoplasia aumentasse di dimensioni, allora suggerirei un intervento chirurgico - la rimozione di questa neoplasia con un esame istologico urgente. In ogni caso, è necessario concentrarsi sull'opinione del medico curante.

Ciao, Zinaida. Sono sicuro che è necessario contattare un oncologo per un esame, è necessario anche eseguire la mammografia. Secondo la descrizione e la conclusione è impossibile escludere il cancro al seno. Le neoplasie nella ghiandola mammaria sono piccole, in questi casi la diagnosi è difficile. Il cancro al seno, ovviamente, è caratterizzato dalla presenza di vasi sanguigni nel tumore, ma tuttavia l'opinione del medico ecografico non può essere ignorata. Potrebbe anche essere necessario eseguire una biopsia sotto controllo ecografico. Penso che non sia necessario posticipare una visita a un oncologo.

Penso che ti interesserà il mio libro "Cancro al seno. Risposte alle domande ", che può essere ottenuto con qualsiasi ordine da 3 migliaia di rubli nel negozio online Bintoff.ru, (http://www.bintoff.ru) o direttamente nel negozio al momento dell'ordine da 3 migliaia di rubli (San Pietroburgo, Elizarovskaya St. 41, ufficio 218). Il libro può sempre essere ottenuto nel dipartimento in cui lavoro. Per fare questo, devi solo venire mercoledì dopo 16 ore, contattami e senza alcuna condizione, te lo darò.

Ciao, Natalia. Sì, sembra che stiamo parlando di fibroadenoma al seno. Non penso che tu abbia bisogno di sbrigarti, aspetta fino all'appuntamento del medico programmato.

Ciao, Margarita. Prima della nomina della terapia ormonale sostitutiva, comprenderei sicuramente la neoplasia ipoecogena, che è determinata dagli ultrasuoni. Molto probabilmente, ha nominato un'ecografia con elastografia, se vi è flusso di sangue in questa neoplasia, quindi suggerirei di eseguire una biopsia di questa neoplasia. I tumori ipoecogeni sono sempre sospettosi di cancro (soprattutto se, in base ai dati ecografici, non è possibile determinare se vi sia o meno flusso di sangue). In ogni caso, è necessario concentrarsi sull'opinione del medico curante.

Ciao, Anastasia. Sì, a 25 anni la mammografia non è informativa, dal momento che la ghiandola mammaria è rappresentata in questa età principalmente dal tessuto ghiandolare e come non si vede correttamente nell'immagine. La risonanza magnetica è di solito eseguita in casi come questo se si sospetta il cancro al seno. Secondo la descrizione che hai dato, molto probabilmente stiamo parlando di una malattia fibrocistica del seno. Penso che dovresti contattare un oncologo esperto per un esame, se dopo aver esaminato ed esaminato le immagini non vengono espressi sospetti sul cancro, allora puoi continuare l'osservazione. In ogni caso, è necessario concentrarsi sull'opinione del medico curante.

Ciao, Natalia. Secondo la descrizione, si tratta davvero di indebolire in relazione al cancro al seno. Un tumore nella ghiandola mammaria non è un fatto che è fibroadenoma. In questi casi, è possibile eseguire una biopsia sotto controllo ecografico, eseguire una resezione settoriale per rimuovere questo tumore nella ghiandola mammaria e condurre uno studio istologico. Quando si conferma la diagnosi di carcinoma mammario, condurre già uno studio immunoistochimico e poi effettuare ulteriori esami e pensare a un trattamento radicale. In un'operazione radicale, i linfonodi ascellari vengono solitamente rimossi.

Ora è necessario contattare un oncologo, preferibilmente in un istituto oncologico. Puoi venire da me alla reception - lo riceverò il lunedì successivo, sarò anche alla clinica di Kuzmolovo (GBUZ LOOD) il 24 febbraio tutto il giorno - Vedo, discuto le possibili opzioni.

uziprosto.ru

Enciclopedia di ultrasuoni e risonanza magnetica

Cos'è - l'educazione ipoecogena?

Non abbiate paura di sentire dal dottore il termine "ipoecogenicità". Questa parola non significa una sorta di diagnosi, ma descrive una struttura con una densità inferiore a quella di tutti i tessuti vicini. Tale educazione può essere sia normale che patologica. Tutto dipende dal corpo in questione.

Maggiori informazioni sul fenomeno della "ipoecogenicità"

Il metodo di esame mediante ultrasuoni è che con l'ausilio di attrezzature speciali vengono generate vibrazioni sonore di una certa frequenza, inviate agli organi, e quindi viene ricevuta la risposta, cioè il suono riflesso, l'eco. La densità acustica (ecogenicità) può essere giudicata sulla struttura degli organi.

Qualche tipo di istruzione nel corpo può mostrare una densità acustica ridotta, appare più scuro sullo schermo rispetto ai tessuti vicini. Questo fenomeno è chiamato ipoecogenicità, cioè densità ridotta. In quest'area, il progresso degli ultrasuoni è più lento. Molto spesso, questo fenomeno ha una struttura liquida: può essere, per esempio, una cisti. Il medico non sarà in grado di dire immediatamente la diagnosi esatta.

Il fatto è che l'educazione può essere rotonda o con bordi frastagliati. Il round potrebbe essere:

  • Cisti.
  • Tumore.
  • Cisti parassitaria
  • Follicolo normale quando si tratta delle ovaie.
  • Galactocele, se trovato nella ghiandola mammaria.

La struttura con contorni irregolari può essere non solo una cisti, ma anche adenosi, fibroadenoma o un tumore. Tuttavia, solo la biopsia, così come la cistoscopia, laparoscopia o broncoscopia, è in grado di determinare con assoluta certezza.

Che cos'è una formazione ipoecogena (nodo) in vari organi?

Se l'esame riguarda la ghiandola tiroidea, non dovresti immediatamente andare nel panico e correre dall'oncologo. Di regola, solo il 5% dei pazienti scopre che la formazione apparente (nodo ipoecogeno) è una patologia oncologica. Molto spesso, il ritrovamento è una cisti, una formazione vascolare o una struttura fluida.

Tiroide normale su ultrasuoni

Prima di tutto, è necessario andare a un consulto per un endocrinologo e superare i test ormonali (maggiori dettagli a proposito del quale il medico ti dirà scrivendo il referral). Se non risulta niente di terribile, dopo sei mesi è opportuno ripetere tutti i test. Crescere o non modificare le dimensioni del nodo ipoecogeno dovrà essere esaminato usando la biopsia.

Nel caso in cui il nodo si trova nell'utero, molto probabilmente è un tumore. È solo necessario scoprire se è benigno o maligno. Se l'educazione ha anche una struttura di eco all'interno, allora è una questione di infiammazione dell'utero.

Il fenomeno della ridotta ecogenicità è molto importante nel caso della gravidanza:

  • se tale sito è localizzato vicino all'embrione, questo indica un aborto spontaneo.

Il nodo ipoecogeno può essere trovato nella ghiandola mammaria nel processo di mammografia. Di norma, tali siti possono essere:

  • carcinoma delle ghiandole. Ha contorni sfocati, irregolari, c'è un'ombra, una struttura non uniforme.
  • adenosis.
  • cisti tipica. I contorni in questo caso saranno chiari e la forma arrotondata.
  • cisti atipica che può essere maligna.
  • fibroadenoma. Ha contorni lisci e chiari, c'è somiglianza con tumori maligni.

In caso di rilevamento di tali formazioni, è necessario ripetere lo studio in un mese e, a seconda dei risultati, fare una biopsia.

Se un nodo ipoecogeno si trova nelle ovaie, non dovresti preoccuparti troppo: raramente può essere una patologia oncologica. Molto spesso, il fenomeno è una ciste, un follicolo, un corpo luteale o una formazione vascolare.

Cisti follicolare ovarica

Ma nel caso di un rene, tale nodo può essere una cisti (quindi ha un contorno chiaro, una struttura omogenea) o un tumore (maligno, se viene rilevato un aumento dei linfonodi retroperitoneali). Di norma, il paziente viene immediatamente inviato per ulteriori esami al fine di stabilire con precisione la natura del ritrovamento.

Nodi in altri organi

La presenza di nodi nel pancreas suggerisce che il medico possa affrontare i seguenti fenomeni:

  • Cisti (soprattutto se hanno contorni uniformi, struttura omogenea).
  • Pancreatite o processi fibrolipomatosi.
  • Metastasi (i bordi saranno sfocati).
  • Oncologia.

Per confermare la diagnosi, è necessario sottoporsi non solo a un'ecografia dell'organo, ma anche a un'ecografia Doppler.

Se viene rilevata una violazione della struttura nel fegato, la patologia può essere la seguente:

  • La conseguenza della cirrosi è quando i nodi sono rotondi o nodulari.
  • Cisti.
  • Trombosi.
  • Ascesso.
  • Una conseguenza dell'infiltrazione grassa del fegato, quando il nodo ipoecogeno è una particella di tessuto normale.
  • Iperplasia o adenoma
  • Oncologia e metastasi.

Ancora una volta, sono necessarie ulteriori ricerche per una diagnosi accurata.

conclusione

Una tale formazione ipoecogena, a seconda dell'organo in esame, può rivelarsi praticamente una patologia o un fenomeno naturale. Molto spesso vengono rilevati cisti o tumori, ma a volte possono essere fenomeni che devono essere urgentemente trattati o curati con l'aiuto di corsi di terapia. Gli ultrasuoni da soli non sono in grado di fornire una diagnosi accurata, quindi per tutte le raccomandazioni e l'elaborazione di un piano di trattamento, il medico dovrà inviare il paziente a un numero di esami aggiuntivi.

Cisti renale

Una ciste è una fiala, una borsa costituita da una conchiglia e contenuti. La guaina separa la cisti dai tessuti circostanti. Sodezhimo può contenere contenuti di aria, liquidi o semiliquidi. Se il contenuto è pus, allora una tale cisti viene chiamata ascesso. Una volta formate, le cisti possono durare una vita, possono passare spontaneamente o essere rimosse chirurgicamente. Le cisti renali possono essere suddivise in diversi tipi, a seconda del loro numero, della posizione nel rene, della sconfitta di uno o due reni e dell'età del paziente.

Diagnosi di una cisti renale

Spesso le cisti renali non causano alcuna preoccupazione al paziente e non influenzano la funzionalità renale. D'altra parte, alcune cisti possono diventare maligne o essere una manifestazione della patologia del cancro. Il ruolo principale nella diagnosi delle cisti renali appartiene all'ecografia dei reni. Con l'aiuto di un'ecografia dei reni, è possibile non solo diagnosticare in modo affidabile la presenza di una cisti, ma anche determinare la sua struttura e le caratteristiche del flusso sanguigno quando si utilizza la scansione duplex dei vasi renali.

Solitario (singolo) o poche cisti renali negli adulti

Tali cisti sono divise in cisti semplici e complesse:

  • Le cisti renali corticali semplici sono la più frequente varietà di cisti. Si verificano a causa del blocco dei tubuli renali o dei difetti dello sviluppo embrionale. Quando i tubuli renali vengono bloccati, il contenuto si accumula nel lume, lo allunga e forma una cavità. Con l'età, aumenta il numero di cisti corticali semplici nell'uomo. La dimensione delle cisti renali corticali semplici può raggiungere i 10 cm, anche se più spesso le loro dimensioni non superano i 4 cm. Se ci sono diverse cisti nel rene, può essere difficile fare una diagnosi differenziale tra loro e malattia renale policistica autosomica dominante.
  • Le cisti parapelviche del rene si trovano nel seno renale e nella porta del rene. La pressione all'interno di tali cisti è trascurabile. Si ritiene che la causa del loro sviluppo sia un blocco dei vasi linfatici del seno renale. Pertanto, queste cisti renali non hanno la forma corretta. Spesso, con un gran numero di cisti sinusali, è difficile differenziare questa condizione innocua dall'idronefrosi.

Questa separazione di cisti renali semplici, in base alla loro localizzazione, è puramente accademica. Queste cisti renali sono completamente innocue e non richiedono alcun trattamento.

Cisti renali complesse

Le cisti renali semplici hanno una parete sottile, bordi chiari e regolari e contenuto anecoico all'ecografia del rene. Qualsiasi cisti che differisce in questi criteri è detta complessa. Le cisti complesse dei reni possono essere causate da numerose condizioni patologiche. Anche se non spesso, le cisti semplici possono ancora essere maligne. Al fine di valutare il potenziale oncogenico delle cisti, è stata creata una classificazione delle cisti renali, in cui tutte le cisti sono raggruppate in base al grado di suscettibilità alla neoplasia. Questa classificazione è stata sviluppata per la prima volta nel 1986 ed è stata completata nel 1997. Inizialmente, è stato creato per le esigenze di TC e risonanza magnetica, ma ora è ampiamente utilizzato nell'ecografia dei reni. Questa classificazione è utile in quanto fornisce anche indicazioni su ulteriori tattiche di monitoraggio e gestione dei pazienti con cisti renali rilevate.

Classificazione della ciste bosniaca

  • Cisti semplici semplici Non richiedono trattamento, solo osservazione.
  • Cisti benigne e minimamente complicate: la comparsa di sepali aggiuntivi o focolai di calcificazione. Queste cisti non sono mai maligne, ma richiedono un'osservazione dinamica - un'ecografia dei reni.

2F. Cisti renali con più setti sottili. Ci possono essere ispessimenti sulle pareti della cisti e partizioni, così come depositi di calcio. Le dimensioni possono essere maggiori o uguali a 3 cm. Tali cisti dei reni richiedono l'osservazione dinamica.

  • Cisti renali con contorni sfocati, partizioni sfocate ispessite e depositi di calcio non uniformi sfocati. Non c'è alcun collegamento con il trauma o le malattie infettive e la giovane età dei pazienti. Tali cisti dei reni devono essere trattate chirurgicamente.
  • Una cisti renale ha una grande componente fluida. Le pareti sono bitorzolute, con un contorno sfocato. Le partizioni sono collinari. Questa categoria dovrebbe essere sempre trattata chirurgicamente.

Le cisti complicate dei reni possono essere osservate nella forma cistica di ipernefroma, lesione echinococcica e in malacoplachia.

Multiple cisti renali bilaterali negli adulti

  • Malattia del rene policistico autosomica dominante. Questa malattia viene geneticamente trasmessa in modo autosomico dominante. Dopo semplici cisti corticali, questa è la seconda causa più comune di cisti corticali multiple negli adulti. Questa malattia è anche caratterizzata dalla comparsa di cisti non solo nei reni, ma anche nel fegato, nel pancreas e nella milza. Questa malattia è difficile da diagnosticare in giovane età quando il numero di cisti è piccolo. Nonostante il fatto che le cisti renali corticali semplici possono verificarsi non solo al singolare, si ritiene che la comparsa di 3 o più cisti renali al di sotto dei 40 anni suggerisce la presenza di una malattia renale policistica autosomica dominante. La diagnosi aiuta a stabilire la presenza di cisti in altri organi e casi simili nella famiglia. Le complicanze più frequenti della malattia renale policistica autosomica dominante sono l'insufficienza renale, il sanguinamento all'interno delle cisti renali e l'ipertensione arteriosa. La diagnosi è confermata dalla RM o dalla TC.
  • Malattia del rene cistica acquisita (cisti di dialisi). Sviluppato in pazienti in emodialisi a lungo termine a causa di insufficienza renale. Molteplici piccole cisti si sviluppano in quasi il 70% dei pazienti. Tali cisti renali possono diventare maligne.
  • L'epatopatia policistica primaria è caratterizzata dalla presenza di cisti nel fegato e nei reni. Può essere confuso con una malattia policistica autosomica dominante, ma la prevalenza del danno epatico aiuta a correggere la diagnosi.

Danno renale bilaterale cistico nei neonati e nei bambini

  • La malattia renale policistica autosomica recessiva è una malattia grave che spesso si risolve in insufficienza renale. Si sviluppa grazie all'espansione di numerosi tubuli renali. Il rene cresce di dimensioni e diventa iperecogeno con gli ultrasuoni.
  • La malattia renale policistica autosomica dominante è piuttosto rara nei neonati. Nel 50% dei casi, è possibile vedere le cisti renali sull'ecografia. Se il numero di cisti è piccolo o poche cisti, la diagnosi di una dominante autosomica è più probabile, e non una malattia renale policistica autosomica recessiva. Aiuta a stabilire la diagnosi e a raccogliere informazioni sulla presenza di tali malattie in famiglia.
  • Malattia renale glomerulocistica. Quando si esegue un'ecografia renale, questa malattia è simile a una malattia policistica autosomica dominante, ma le cisti renali in questa malattia sono inferiori a 1 cm. Anche la malattia glomerulocistica è spesso associata a sindrome di Zellweger, adenomi epatici e cisti epatiche, sindrome dell'apparato digerente.
  • Una malattia cistica midollare può avere un quadro normale con un'ecografia dei reni. A volte è possibile vedere la presenza di cisti nel rene.

Cisti renali unilaterali in neonati e bambini

Le cisti unilaterali dei reni si verificano in malattie diverse da quelle che causano danni renali bilaterali. Le eccezioni sono quando, il grado di danno renale in un processo bilaterale è diverso e nel caso degli ultrasuoni, la malattia è percepita come unilaterale. Ad esempio, in una malattia policistica autosomica dominante, ci sono spesso casi di danno più pronunciato a uno dei reni, mentre il secondo con ultrasuoni sembra intatto.

  • Le cisti corticali semplici dei reni nei bambini sono simili a quelle negli adulti. La presenza di più di una cisti suggerisce la possibilità di un'altra malattia cistica.
  • La displasia multicistica del rene è un'anomalia congenita che si sviluppa nella decima settimana di gestazione a causa del blocco dei tubuli renali, che porta alla sostituzione del tessuto renale con piccole cisti di diverso diametro. Una tale degenerazione porta ad una mancanza di afflusso di sangue e uretere. Spesso, un simile rene diventa invisibile all'ecografia. Sul rene opposto, si verificano spesso disturbi quali il reflusso vescico-ureterale e la stenosi del segmento ureterale pelvico. Dal restante rene displastico può verificarsi un tumore di Wilmse, pertanto viene eseguito un attento monitoraggio ecografico del rene interessato.
  • Il nefroma cistico multiloculare si verifica più spesso nei bambini di età inferiore ai 5 anni o nelle donne di età superiore ai 40 anni. Sull'ecografia dei reni viene visualizzato un gruppo di piccole cisti delimitate dai tessuti circostanti da una membrana sottile. Sinonimi di questa malattia: nefroma cistico benigno, amartoma cistico, tumore cistico di Wilms e rene parzialmente policistico.

Con tutte le cisti renali durante l'ecografia è richiesta la scansione duplex. Ciò rende possibile valutare il flusso sanguigno nelle formazioni e differenziare tra malattie benigne e maligne. Spesso, un'ecografia del rene è solo uno studio di screening in grado di rilevare la malattia e, a volte con una scansione renale, è possibile effettuare una diagnosi completamente chiara per le cisti renali. Nei casi difficili e per la verifica, gli esami ecografici designano ulteriori metodi di imaging TC e MRI.

In urologia lavoriamo in settori come:

cosa sono le cisti ovariche

Articoli popolari sul tema: quali sono le cisti ovariche

Il matrimonio infertile è l'assenza di gravidanza per 1 anno in coniuge in età fertile a condizione di una regolare vita sessuale senza l'uso di alcun mezzo contraccettivo.

Se, dopo l'esame e il trattamento, è stato riscontrato che, nonostante il fatto che la gravidanza non si verifica, le tecnologie di riproduzione assistita, in particolare la FIV e l'inseminazione artificiale, vengono in soccorso. La percentuale di successo in questi casi è piuttosto alta.

Domande e risposte su: cosa sono le cisti ovariche

Ho 27 anni, pesa 47 kg.

Dimmi, qual è la probabilità di confondere una cisti ovarica con un follicolo?

A volte ero infastidito dal dolore al basso ventre, i dottori con le mie parole e gli ultrasuoni suggerivano una cisti. Ma il chirurgo e il ginecologo dell'ultima ecografia hanno detto che non ci sono cisti.

I risultati degli ultrasuoni sono descritti nelle seguenti parole:

Ovaia destra 51x33 mm, "nel tessuto dell'ovaio una formazione ipoecogena di forma ovoidale con un contorno liscio e una struttura uniforme di dimensioni 36x23"

Ovaia sinistra 34x17 mm

Ovaia destra 50x28 mm (+ tubo?). I contorni sono irregolari, la struttura è eterogenea, i follicoli 1-5 mm.

L'ovaia sinistra - 30x19 mm., Tirata all'utero. I contorni sono irregolari, la struttura è eterogenea, i follicoli 1-4 mm.

L'ovaia destra è aumentata di 45х29 mm. La struttura è "non uniforme a causa del liquido 29x23 mm".

L'ovaia sinistra è allargata 44x33 mm, la struttura è "eterogenea a causa del liquido 21 mm".

Ovaia destra 46x35 "con una cisti disomogenea nella struttura 40x34 mm," struttura a rete "

Ovaia sinistra 29x18 mm, "piccoli follicoli"

"Ovaie con contorni chiari e regolari, di forma e dimensioni normali;

ovaia destra 43x23x24 mm.,

la struttura della loro ecogenicità moderatamente eterogenea, leggermente ridotta, con la presenza del corpo luteo nell'ovaio destro con un diametro di 20 mm. "

Secondo il risultato dell'ecografia, la mia vescica è distesa. Non ci sono pietre e sabbia in esso.

Ho un lavoro sedentario, non faccio sport.

Quando premo sull'ovaia destra, non ci sono disagi.

Non ho ancora trattato una ciste.

Dimmi, per favore, quanto è probabile che una ciste sia stata mescolata con un corpo giallo? Forse nei giorni sbagliati l'ecografia e il follicolo si confondevano con una cisti?

Grazie in anticipo

Dopo l'ecografia, l'analisi è stata inviata a un marcatore tumorale. Record della CA, 8

Il ginecologo invia una consulenza all'oncoginecologo. Il medico di famiglia dice che non c'è bisogno di una simile consultazione, da allora le cisti follicolari non sono maligne e devi scegliere OK, guardare la cisti. Riguardo all'analisi sul marcatore del tumore, il medico di famiglia dice che, fuori dal contesto, non può essere considerato un indicatore del cancro. E il mio indicatore indica la presenza di una cisti. Ho davvero bisogno di una consulenza ginecologica? E se necessario, che tipo di test o di diagnosi devono essere eseguiti in modo che l'oncoginecologo abbia un quadro più dettagliato. Non c'è modo di viaggiare in città qua e là. Mi piacerebbe sapere quali altri test potrebbero essere necessari.

3) Quali sono le conseguenze dopo tali operazioni.

Ho 33 anni, altezza 160 cm, peso 58 kg. Pianificazione di una gravidanza. Solo 6 mesi sono stati coinvolti in questo problema. fa. Costantemente faccio il monitoraggio ad ultrasuoni (folliculometria), di conseguenza, otteniamo la seguente immagine: nell'ovaio destro, il follicolo in crescita non scoppia e passa in una cisti follicolare di circa 4 cm, che si dissolve durante le mestruazioni. L'ultima volta nell'ovaia destra, il follicolo in crescita era 1,4 cm, ma poi si risolse in mestruazioni (non cresceva più di 1,4 cm, ma non si trasformava in una cisti follicolare). Non c'erano cisti follicolari nell'ovaia sinistra. Il follicolo in crescita era al massimo di 1,5 cm, non cresceva più e si risolveva immediatamente. Ed è stato anche che ci sono stati cicli di annuvulatory.

I miei periodi mensili sono scarsi, non c'è endometria più di 1 cm sugli ultrasuoni. Dimensioni uterine: 4 cm x 3,2 cm x 3,6 cm Dimensioni ovariche: OD - 3,7 cm x 3,2 cm, OS - 3,4 cm x 3,2 cm Ci sono sempre molti follicoli antrali!

Consegnate analisi a Sinevo per gli ormoni (al 7 ° giorno della MC), sembra che tutte le analisi rientrino nel range normale, eccetto per l'ormone anti-Mulleriano, che è = 8.04 (e la norma è 1.0 - 2.5) e gli anrogeni hanno il limite più alto della norma:

Ormone anti-Muller - 8.04

Cortisolo (siero) - 12.02

T3 gratuito - 3,21

T4 gratuito - 1,31

Anticorpi anti-tireoglobulina (ATTG) - 17.1

Estradiolo (E2) - 65,61

Testosterone totale (T totale) - 1,58

Globulina che lega gli ormoni sessuali (CCG, SHBG) - 77,12

L'indice androgeno libero (testosterone totale / SHBG) - 2,05

Diagnosi precoce con CJD.

Ho 24 anni. La vita sessuale non è vissuta. Il ciclo mensile non è permanente, per lo più dopo 40 giorni, accade dopo due termini. Conclusione Ecografia tiroidea - tiroidite cronica;

Periodicità del mese nel 2015: 12.01; 25 febbraio, 8 aprile, 9 giugno

conclusione dell'ecografia pelvica (DOPO l'ecografia pelvica nella seconda metà della giornata, MENSILE INIZIA): la cervice 39x23 senza caratteristiche, il corpo dell'utero 52 spessore 31 larghezza 46 mm, liscio, uniforme, endometrio 9,9 mm. Ovaia destra 41x22x22, contorno chiaro, struttura con follicoli fino a 6,1 mm, in tutto. Ovaia sinistra 57x47x47, contorno chiaro, struttura VIS formazione cistica 49x38x43, spessore della parete fino a 3,8 mm, con stratificazione dell'eco (+) alla vascolarizzazione in ppc lungo la periferia, il fluido libero non viene visualizzato. CONCLUSIONE: A DESTRA MULTIFOLICOLARE Ovario, una cisti dell'ovaio sinistro. I risultati degli studi di laboratorio (che hanno anomalie) globuline 33,38%, albumina 66,62%; rapporto internazionale normalizzato (MHO / INR) 1,04, ALBUMIN 52,3 g / l; testosterone totale 2,71 nmol / l; globulina legante gli ormoni sessuali (SHBG) 148 nmol / l; senza tirossina (FT4) -0.834 ng / dl; FT3 - 61,21 IU / ml. Ciò significa che l'ovulazione è sempre assente.

Vado regolarmente dai medici: ginecologo, ginecologo, endocrinologo, endocrinologo.

C'è, nel mio caso, la probabilità di rimanere incinta naturalmente in futuro o una diagnosi definitiva - infertilità. Dal momento che non partorito e non conduco uno stile di vita sessuale, non offrono trattamenti con ormoni. Ho paura dell'aggravamento.

Forse ci sono alcuni rimedi a base di erbe per non diminuire la diagnosi. Laparoscopia prescritta dell'ovaio sinistro.

Grazie per qualsiasi risposta sincera!

Il fegato si trova normalmente e ha bordi lisci, la dimensione è normale. Nei segmenti II, VII vengono definite singole cisti con dimensioni fino a 6 mm. La vena porta e il sistema di vena epatica non sono cambiati. Dotti biliari interni ed extraepatici normali.

Cistifellea a forma di pera, le pareti non sono ispessite, il calcolo radiopaco non è definito.

Dimensione normale della milza, situata normalmente. Ha contorni lisci e una struttura interna omogenea.

Il pancreas è di dimensioni normali, di solito localizzato. Si nota l'involuzione grassa del parenchima della ghiandola. Il dotto pancreatico non è dilatato.

Lo stomaco, le maglie dell'intestino tenue e crasso sono riempite in modo antegrado con l'agente di contrasto negativo ai raggi X "Diagnol". La posizione dei loop intestinali è normale. Il colon sigmoideo è allungato per formare un mezzo loop aggiuntivo. Jejunum è parzialmente crollato. L'ispessimento delle pareti, i difetti di riempimento e il restringimento del lume non sono stati rilevati. La membrana mucosa è uniformemente rinforzata con contrasto.

Ghiandole surrenali senza caratteristiche, non ingrandite.

Entrambe le gemme sono normalmente disposte, di dimensioni normali. La larghezza del parenchima renale è normale. Nel parenchima del polo superiore del rene sinistro c'è una cisti con le dimensioni di 35x30x27mm, diffondendola tra l'altro - fino a 2/3. Ectasia CLS no La funzione escretoria dei reni è preservata. Ureters sono passabili in tutto. La vescica è strettamente contrastata, senza caratteristiche. A destra c'è un raddoppio di CLS.

I vasi hanno contorni normali, non ci sono segni di linfoadenopatia.

Parti visibili dei polmoni senza cambiamenti infiltrativi focali.

I cambiamenti osteoporotici non vengono rilevati.

C'è un'osteoporosi diffusa. L'altezza degli spazi intervertebrali è ridotta in modo non uniforme, le piastre di commutazione sono sclerotiche, deformate, vi sono osteofiti marginali ruvidi, e a livello di Th9-L1 il legamento longitudinale anteriore è calcificato. A livello L1-S1, l'artrosi interstiziale è espressa. Le superfici articolari delle articolazioni arcuate sono sclerotiche, deformate, le fessure articolari sono fortemente ristrette. Il disco L4-L5 prolifica circolarmente fino a 4,5 mm. Disco L5-S1 con effetto vuoto. Le articolazioni sacro-iliache non sono cambiate. Il coccige della solita forma, dimensione, posizione.

CONCLUSIONE: cisti al fegato singolo. Cisti del rene sinistro. Raddoppio incompleto del rene destro. Osteoporosi diffusa. Pronunciata osteocondrosi, def. spondilosi, spondiloartrosi della colonna vertebrale toracica inferiore e lombare-crespale. Legamentosi di fissaggio nei segmenti Th9-L1. Sporgenza del disco L4-L5.

Comprendiamo la tua disperazione, ma sfortunatamente tu, (compresa mamma), non decidi nulla. Siamo sicuri che i medici hanno spiegato le ragioni di tutte queste lamentele. Lo vediamo nel dolicosigma (tra le altre cose, e non alcuni problemi della colonna vertebrale), allungamento patologico del colon sigmoideo, sullo sfondo del quale c'è una colite cronica.

Non è facile da trattare, a volte i medici devono raccomandare il parere di un chirurgo e concentrarsi sulle sue raccomandazioni. Presumibilmente, ha sofferto di stitichezza cronica per un lungo periodo, che, rispetto ad altri problemi gastrointestinali, potrebbe anche essere interconnesso con questa patologia.

Malattia ovarica

Cisti follicolari e cisti del corpo luteo

Cisti follicolare ovarica; macropreparations

Diagnosi di cisti follicolari

Ultrasonografia: cisti follicolare bicamerale

Le dimensioni delle cisti follicolari variano entro i mm. Le loro pareti sono sottili, i contorni esterni e interni sono uniformi.

Laparoscopia: cisti follicolare ovarica

Le cisti dell'ecostruttura del corpo giallo simile al corpo giallo stesso, di solito non superano i 7-8 cm di diametro, hanno pareti spesse e contenuti ipoecogeni.

Ultrasonografia: ciste del corpo giallo

In generale, le cisti del luteo corporeo, a differenza delle cisti follicolari, possono avere un'ecostruttura estremamente polimorfa dalla formazione finemente mediata di ecogenicità media a una cisti con contenuto uniforme e anecoico in combinazione con setti multipli o singoli di forma irregolare.

Ultrasonografia: ciste di luteo corporeo con inclusione iperecogena della parete

Lo sviluppo inverso della cisti del corpo giallo fino a completa scomparsa dura 2-3 mesi.

Endometriosi e cisti endometrioidi

  • piccoli punti focali di endometriosi sulla superficie delle ovaie e sul peritoneo della cavità utero-rettale;
  • cisti unilaterale endometriale con un diametro non superiore a 5-6 cm;
  • piccoli focolai di endometriosi sul peritoneo pelvico e aderenze attorno alle appendici;
  • cisti endometrioidi di entrambe le ovaie (diametro superiore a 5-6 cm) e / o focolai di endometriosi sulla copertura sierosa dell'utero, delle tube di Falloppio, del peritoneo pelvico, delle adesioni pronunciate;
  • grandi cisti bilaterali con il processo di transizione agli organi vicini.

Le cisti endometriosiche sono caratterizzate da aderenze con i tessuti circostanti, una capsula densa, contenuti emorragici del colore del catrame o del cioccolato.

Grande cisti ovarica di cioccolato endometrioide; macropreparations

Nel processo di accumulo del contenuto, può verificarsi la perforazione della parete della cisti. Microscopicamente, tutti i dettagli e le caratteristiche strutturali delle eterotopie sono determinati, i principali sono la presenza di un epitelio cilindrico a strato singolo (con ciglia sulla superficie di alcune cellule) e uno stroma citogenetico di gravità variabile identico all'endometrio. Sebbene le ghiandole tubulari delle eterotopie endometrioidi nel periodo premestruale si aggraffino, la loro attività secretoria è insignificante e la quantità di glicogeno nell'epitelio ghiandolare è molto limitata.

Diagnosi di cisti endometriali

NMT: fetta sagittale destra: cisti volumetrica endometriale dell'ovaio destro che dà un segnale eterogeneo

Lo spessore della parete dipende dalla durata della cisti ed è determinato dal volume dei coaguli di sangue parietale.

Ultrasonografia: cisti ovarica endometrioide

Spesso ci sono cisti endometriali, con un esame ecografico di cui determina contorni irregolari e partizioni interne, nonché contenuti ipoecogeni. In un terzo di tutti i casi, le ragazze e le giovani donne con una cavità patologica appena formata non hanno elementi eco-positivi nel lume di una cisti endometriale.

Ultrasonografia: una cisti ovarica endometrioide con un contenuto anecoico omogeneo eco

Durante la laparoscopia, una cisti ovarica endometrioide sembra una formazione simile a un tumore, con una densa capsula biancastra o bluastra, macchie di colore blu-viola appaiono attraverso di essa.

Laparoscopia: cisti ovarica endometrioide

Spesso vengono rilevate aderenze della cisti endometrioide con la superficie posteriore dell'utero, delle tube di Falloppio e del peritoneo pelvico. Quando una cisti viene perforata, il contenuto di cioccolato o di catrame viene versato. Sulla superficie della cisti endometriotica, di regola, vengono determinate eterotopie endometrioidi (fino a 3-5 mm di dimensione).

Laparoscopia: eterotopie endometrioidi sulla superficie di una cisti ovarica endometrioide

policistico

Sindrome dell'ovaio policistico in caso di ovaie policistiche secondarie (sullo sfondo di iperandrogenismo surrenale): le loro dimensioni, di regola, non raggiungono dimensioni tali da quelle primarie e l'aumento stesso è asimmetrico. La capsula non è così nettamente ispessita (come evidenziato dai pennelli follicolari traslucidi attraverso di essa) e, come si può vedere, sotto esame al microscopio, non è uniforme. Esiste anche un'iperplasia stroma marcatamente severa, follicoli atresibili, corpi bianchi e talvolta gialli.

La possibilità dell'ovulazione e della gravidanza sullo sfondo dell'iperandrogenismo surrenale e l'estrema rarità dei processi iperplastici nell'endometrio, caratterizzati da proliferazione o caratteristiche di atrofia lievemente grave, sono la principale differenza tra le ovaie policistiche primarie e quelle secondarie.

Diagnosi di policistico

Ultrasonografia: cambiamento dell'ovaio policistico

cystadenoma

Cistoadenoma sieroso dell'ovaio: aspetto; macropreparations

L'incisione ha un aspetto biancastro, consiste in una o più cisti contenenti liquido sieroso.

Cistoadenoma mucinoso ovarico: proliferazione epiteliale papillare; scivoli

In alcuni casi, la parete della cisti è rotta, il suo contenuto viene versato nella cavità addominale e si sviluppa pseudomixoma del peritoneo. In questo caso, è possibile l'impianto di cellule cistiche nel peritoneo e una grande quantità di massa mucosa secreta da esse si accumula nella cavità addominale.

Diagnosi di cistoadenoma

Laparoscopia: cistoadenoma ovarico

L'educazione ha una consistenza elastica rigida, agile. Il muro può essere traslucido, con una sfumatura bluastra, con una rete vascolare traslucida.

Ultrasonografia: cisti ovarica multicamera (cistoadenoma mucinoso)

Le cisti multiple e relativamente piccole si trovano all'interno delle formazioni cistiche più grandi. Le cavità cistiche contengono numerosi setti di vario spessore. In una formazione cistica dell'ovaio possono verificarsi elementi di cistoadenoma mucinoso e papillare.

Cisti renali

RENI KIST DI TRATTAMENTO

Inoltre, il trattamento chirurgico obbligatorio deve essere cisti appartenenti alla categoria III e IV secondo la classificazione Bosniaca.

Il termine di ospedalizzazione per questa operazione è da 3 a 5 giorni.

Sito web personale di un urologo della massima categoria MD. Rotov Anton Evgenievich.

Le informazioni sul sito sono a carattere informativo (cognitivo), riflettono l'opinione personale dell'autore del sito e non sono destinate a essere utilizzate a scopo di trattamento senza la completa consultazione di un medico!

Le risposte alle domande non sostituiscono in alcun modo una consultazione a tempo pieno con un medico, che è necessaria in tutti i casi prima e durante il trattamento.

Per favore, quando si effettua un appuntamento, contrassegnare il sito DR-ROTOV.RU come fonte di informazioni. Ciò supporterà il lavoro del sito e aiuterà a valutare la sua efficacia.

Copyright © 2013. Tutti i diritti riservati. L'uso dei materiali è possibile solo con il consenso del proprietario del sito. Allo stesso tempo è richiesto un riferimento alla fonte.

Articolo Precedente

Laferon, istruzioni per l'uso

Articolo Successivo

Ursodez