Epatite A (malattia di Botkin)

Sintomi

L'epatite A (il secondo nome è la malattia di Botkin) è un'infezione intestinale che si verifica spesso nei bambini. Durante il suo sviluppo, si verifica l'intossicazione generale dell'organismo, ma principalmente il fegato umano è interessato. Di norma, l'epatite A non si sviluppa in un bambino, ma in un intero gruppo di bambini che sono in stretto contatto l'uno con l'altro. Molto spesso la malattia colpisce bambini di età compresa tra tre e sette anni. Tuttavia, anche gli adulti soffrono di epatite A. In una percentuale di oltre il 60% dei casi di malattia si verificano nei bambini. La malattia è molto rara nei bambini, che sono protetti in modo affidabile dagli anticorpi della madre.

Virus dell'epatite A

L'epatite A è una malattia infettiva acuta che si sviluppa sotto l'influenza del virus.

Il virus dell'epatite A è resistente a numerose sostanze - acidi, etere, cloro. Allo stesso tempo, è sensibile alla formalina e quando è bollito muore dopo 5 minuti.

Il virus viene escreto dal corpo umano insieme alle feci e la persona è stata contagiosa dalla fine del periodo di incubazione e durante il periodo preicterico. Nelle feci di una persona con un virus ittero già sviluppato non viene rilevato. Il virus entra nel corpo attraverso le mucose del tratto gastrointestinale.

Nell'epatite virale A, la durata del periodo di incubazione può variare considerevolmente e va da 7 a 50 giorni. Ma per lo più varia da 15 a 30 giorni.

La riproduzione delle particelle virali si verifica nel citoplasma delle cellule epatiche. Dopo aver lasciato le cellule del fegato, entrano immediatamente nei dotti biliari e poi, insieme alla bile, finiscono nell'intestino.

Gli epatociti (cellule del fegato) sono danneggiati a causa di un'infiammazione che si sviluppa nel fegato. A sua volta, il processo infiammatorio è una conseguenza dell'attacco del sistema immunitario del corpo alle cellule epatiche colpite dal virus. Di conseguenza, gli epatociti infetti muoiono, la malattia di Botkin si manifesta e la funzionalità epatica è compromessa.

Come si verifica l'infezione?

La fonte dell'infezione è una persona infetta da un virus. Con le sue feci, miliardi di virus vengono rilasciati nell'ambiente. Se una persona consuma acqua o prodotti che sono stati infettati dal virus dell'epatite A, il virus entra nell'intestino umano e quindi, insieme al flusso sanguigno, si sposta nel fegato e invade gli epatociti.

Pertanto, la via di trasmissione del virus dell'epatite A è fecale-orale. Molto spesso, l'infezione con la malattia si verifica in paesi con un clima caldo in diversi continenti.

L'epatite è anche chiamata la "malattia delle mani sporche". Nei paesi civilizzati, a causa del normale funzionamento di servizi sanitari e di servizi pubblici, oltre che per il rispetto delle norme igieniche da parte della popolazione, le persone raramente ricevono l'epatite. Pertanto, gli anticorpi a questa malattia sono prodotti in un numero molto piccolo di persone. Il contatto con il vettore del virus, le persone che non hanno anticorpi, sono a rischio di infezione. Pertanto, quando si viaggia in paesi dell'Asia e dell'Africa, l'infezione tra i nostri concittadini è relativamente comune.

Una persona sana può avere contatti con il paziente senza rischiare infezioni. Allo stesso tempo è più importante seguire rigorosamente tutte le regole d'igiene. Ma è meglio isolare i bambini dai pazienti con epatite A.

Al fine di determinare il grado di rischio di infezione da parte della malattia al fine di decidere se la vaccinazione è consigliabile, può essere effettuato uno speciale esame del sangue che determina se nel corpo umano si trovano anticorpi del virus dell'epatite A. Se rilevati, significa che la persona è immune al virus, e la vaccinazione non è necessaria. Epatite Un re-popolo non si ammala quasi mai. In assenza di anticorpi, c'è il rischio di infezione, il che significa che è necessaria una vaccinazione.

Prima di una probabile infezione o dopo di essa per due settimane, a una persona può essere somministrata una immunoglobulina, che durante questo periodo proteggerà contro l'infezione o lo sviluppo di una malattia nel corpo.

I sintomi dell'epatite A

La malattia di Botkin durante il periodo di incubazione inizia gradualmente a mostrare alcuni segni caratteristici. Una persona può essere disturbata da febbre, oltre a manifestazioni dispeptiche (vomito, nausea, pesantezza allo stomaco e ipocondrio destro). Un bambino può aumentare leggermente la temperatura corporea nei primi giorni. Inoltre, i sintomi della malattia di Botkin si manifestano con la debolezza e l'oscuramento delle urine. Più tardi, il paziente sviluppa ittero - la sclera acquisisce un caratteristico colore giallo, la pelle e le feci allo stesso tempo si scoloriscono. Il colore giallo si manifesta molto rapidamente sul corpo, quasi da un giorno all'altro. Questo stato dura da tre a sei settimane. Inoltre, dopo la manifestazione di ittero, il paziente inizia a sentirsi un po 'meglio. In media, la malattia dura circa 40 giorni. In questo momento, viene effettuato un trattamento adeguato. Ma la durata del periodo di malattia può essere influenzata da vari fattori, come l'età, il giusto approccio alla terapia, la presenza di altre malattie di natura cronica.

In circa il 15% delle persone colpite dal virus dell'epatite, la malattia diventa cronica e può durare fino a 9 mesi. Nella maggior parte dei casi, l'epatite A presenta sintomi tipici e il paziente si riprende completamente se vengono seguite le raccomandazioni del medico, nonché una dieta appropriata.

L'epatite A è più gravemente colpita da bambini che non hanno ancora compiuto un anno di età, pazienti adulti e anziani. Nei bambini in età prescolare, l'epatite A virale è meno grave, mentre nei pazienti adulti, i sintomi dell'epatite A sono pronunciati, con grave intossicazione. La malattia può durare fino a tre mesi, nonostante il trattamento intrapreso.

È necessario tener conto del fatto che tutte le epatiti, che hanno origine, manifestano sintomi simili. Pertanto, è molto importante consultare immediatamente un medico e sottoporsi a un esame approfondito.

Epatite A e gravidanza

Se una donna sta pianificando una gravidanza, ha bisogno di un vaccino contro l'epatite A, dal momento che la malattia può provocare complicanze della gravidanza e persino un parto prematuro. Se la vaccinazione non è stata effettuata, la donna incinta dovrebbe sapere chiaramente come viene trasmessa la malattia di Botkin, poiché la prevenzione è molto importante in questo caso.

Classificazione dell'epatite A

Esiste una divisione dell'epatite A in diverse specie in base a criteri diversi. A seconda delle manifestazioni della malattia, viene secreta una variante tipica (l'ittero è presente nel paziente) e una variante atipica (non si osserva ittero). Se quest'ultimo è il caso, allora a volte la malattia passa inosservata, poiché il bambino in questo caso soffre solo di una breve malattia delle feci.

Valutando il decorso della malattia di Botkin in un bambino, i medici emettono una forma lieve (la maggior parte dei casi), una forma moderata (circa il 30% dei casi), una forma grave (raramente, circa 1-3% dei casi).

Diagnosi di epatite A

Per diagnosticare un paziente con epatite A, il medico deve esaminare attentamente la storia epidemiologica del paziente. In questo caso, stiamo parlando di quali paesi ha visitato la persona, di cosa ha mangiato, se ha avuto contatti con i pazienti, ecc. Inoltre, i test sono necessariamente eseguiti: analisi del sangue generali e biochimiche, analisi dei marcatori dell'epatite virale, analisi delle urine, coagulogramma.

Il criterio principale per la diagnosi della forma acuta della malattia di Botkin è l'isolamento degli anticorpi contro l'epatite A dal sangue umano e possono essere rilevati nel sangue solo durante il periodo acuto della malattia.

Trattamento dell'epatite A

Se a una persona è stata diagnosticata l'epatite A, la terapia specifica non viene praticata, in quanto il paziente si riprende senza trattamento. Nella medicina moderna, gli sforzi degli specialisti si concentrano sulla riduzione del contenuto di sostanze nocive nel corpo umano e sulla loro rimozione. Tali sostanze iniziano ad apparire nel corpo umano in un momento in cui il fegato è danneggiato e le sue funzioni di base sono compromesse. Di conseguenza, le soluzioni di disintossicazione e il glucosio vengono somministrate ai pazienti. Vengono mostrati prendendo vitamine ed epatoprotettori (questi farmaci proteggono le cellule del fegato). Con la malattia di Botkin non c'è bisogno di una terapia antivirale. Se i medici affrontano un caso grave della malattia, il principio di trattamento non cambia, ma aumenta il volume di farmaci prescritti.

Nel processo di trattamento, è importante aderire a un apporto dietetico specifico. Il cibo dovrebbe essere ricco di calorie ed equilibrato. È necessario introdurre nelle proteine ​​della dieta quotidiana sotto forma di carne magra e pesce, uova, formaggio magro. I carboidrati dovrebbero essere consumati sotto forma di porridge, patate, pane, zucchero. I grassi devono scegliere l'origine vegetale e consumare periodicamente burro. Inoltre, è importante che il bambino mangi molta frutta, verdura e succhi di frutta. Allo stesso tempo, grassi dietetici, carni grasse, pesce, salsicce, cibi piccanti, legumi, cioccolato, carni affumicate, ecc. Non sono ammessi nella dieta.

Non meno importante è un riposo completo e uno stato di pace emotiva e fisica. I bambini che portano facilmente la malattia, è necessario limitare l'attività fisica. Ma se il bambino si sente costantemente male, allora dovrebbe aderire al riposo a letto.

Dopo il recupero, i bambini devono essere sotto controllo medico. Se, dopo due esami, il bambino non mostra alcuna irregolarità nello stato di salute, allora viene rimosso dal registro.

Con l'epatite A, la prognosi è favorevole: negli esseri umani, il fegato è completamente restaurato. In rari casi, il fegato rimane ingrandito, ma non influenza la sua funzione.

Prevenzione dell'epatite A

La principale misura preventiva è il vaccino contro la malattia di Botkin. I vaccini moderni sono altamente efficaci e hanno un'alta immunogenicità. Il vaccino deve essere somministrato due volte, con un intervallo compreso tra sei mesi e un anno. Dopo l'introduzione del vaccino, la persona è protetta dall'infezione da un virus fino a 10 anni.

Le vaccinazioni sono somministrate ai bambini che hanno raggiunto l'età di tre anni, così come gli adulti che non hanno mai avuto l'epatite A. È anche importante vaccinare le persone che hanno un aumentato rischio di infezione.

Sono determinate diverse categorie di persone che hanno bisogno di vaccinare contro l'epatite A. Prima di tutto, questi sono membri della famiglia di un paziente con epatite A e persone che sono in stretto contatto con lui. Gli individui che hanno avuto un contatto sessuale con i pazienti dovrebbero ricevere le vaccinazioni. La vaccinazione è necessaria anche per coloro che vivono in regioni in cui sono registrati molti casi di malattia; persone che intendono visitare paesi in cui l'epatite A è comune; gli omosessuali; chi usa la droga

Le vaccinazioni per l'epatite dovrebbero essere ricevute anche dai dipendenti dei reparti infettivi degli ospedali, tutto il personale delle istituzioni per i bambini, i dipendenti dei settori approvvigionamento idrico e ristorazione, persone affette da malattie epatiche croniche.

Se qualcuno in famiglia è malato con la malattia di Botkin, si raccomanda che tutti i membri della famiglia siano esaminati per la presenza di anticorpi contro l'epatite A. Inoltre, come prevenzione della malattia, tutti dovrebbero seguire le più semplici regole d'igiene: lavarsi le mani il più spesso possibile, usare sempre il sapone. È molto importante insegnare ai bambini ad osservare le regole della prevenzione sin dalla tenera età.

Epatite virale A - sintomi, prevenzione, trattamento. Come viene trasmessa l'epatite A?

Epatite virale A - sintomi, prevenzione, trattamento. Come viene trasmessa l'epatite A?

Epatite A (o malattia di Botkin). L'agente eziologico è l'eziologia virale, che appartiene alla famiglia dei Picornaviridae. La principale modalità di diffusione: fecale-orale. Nella maggior parte dei casi, l'infezione si verifica attraverso il contatto con liquidi infetti, alimenti o articoli per l'igiene personale dei portatori di epatite A. Va notato che anche le escrezioni e le secrezioni mucose dei pazienti durante il periodo di incubazione sono pericolose per una persona sana.

Il virus dell'epatite A è altamente resistente alle temperature estreme (fino a 20 ° C) per due anni, mantiene la virulenza quando la temperatura sale a 60 ° C per quattro ore e persiste nell'ambiente per un lungo periodo. Ma suscettibile di disinfettanti contenenti cloro

Epatite una malattia

L'introduzione del virus dell'epatite A nel corpo umano avviene attraverso le mucose del tratto gastrointestinale. Ematogeneamente penetra nel fegato, dove trova le condizioni più favorevoli per un'ulteriore riproduzione e distribuzione. Come risultato della sconfitta degli epatociti e del deterioramento della permeabilità delle membrane delle membrane, aumenta l'attività degli enzimi (aminotransferasi, ecc.).

Con un forte fallimento del fegato, i medici notano spesso una diminuzione significativa delle sue dimensioni. Estesi cambiamenti necrotici nel parenchima, proliferazione cellulare, ecc. Sono stati riscontrati istologicamente, tuttavia tali forme di HA, fortunatamente, sono estremamente rare.

Il virus dell'epatite A può essere rilevato nel sangue e nelle feci del paziente entro la fine del periodo di incubazione, cessa di essere generato nell'organismo sotto l'influenza attiva delle reazioni immunitarie durante il decorso ciclico acuto della malattia già nei primi giorni del periodo itterico

Il periodo di incubazione per l'epatite A dura da 15 a 45 giorni, di solito da 20 a 30. L'epatite virale può assumere la forma itterica, anterterica e subclinica. Distinguono anche acuto (fino a 2 mesi), prolungato (fino a 6 mesi).Il decorso cronico della malattia non è stato dimostrato per l'HA. L'esordio è acuto con la fase preicterica, che richiede, in media, da 2 giorni a una settimana.

Questo periodo è anche caratterizzato da fenomeni prodromici: aumento a breve termine della temperatura corporea, perdita di appetito, nausea, conati di vomito, dolore al fegato, feci ritardate, fegato ingrossato e leggera milza, possono causare oscuramento delle urine e alleggerimento delle feci.

Nella fase itterica, l'ittero appare e si manifesta entro 2-3 giorni, a volte accompagnato da prurito della pelle, ma i sintomi di intossicazione nei casi tipici si placano.Il recupero è caratterizzato da un ittero graduale e normalizzazione della salute, ma un aumento dell'attività delle transaminasi può rimanere fino a 3-6 mesi, e solo a quest'ora dovrebbe essere attribuito al vero recupero da questa infezione.

Trattamento dell'epatite A

Dai primi giorni della malattia, l'osservanza del riposo a letto e una dieta delicata speciale (tabella n. 5) è di particolare importanza. Epatoprotettori. Si raccomanda al paziente di bere molti liquidi fino a 3 litri al giorno sotto forma di soluzioni di glucosio, tè dolce o acqua minerale contenente alcali.

Il riposo a letto rigoroso è eccessivamente importante per i pazienti con epatite A grave già alle prime manifestazioni dei sintomi della malattia. È anche necessario limitare il più possibile lo sforzo fisico, il loro rinnovo è possibile solo dopo sei mesi dal momento della dimissione dall'ospedale e sotto la supervisione dei medici, sulla base dei parametri biochimici del paziente.

La dieta deve essere diversa da quella normale (2500 - 3000 kcal al giorno), piena di proteine, carboidrati complessi e grassi facilmente digeribili (questo non si applica a carne di maiale, manzo o grasso di montone). Vedi Calorie Calculator.

Per accelerare i processi metabolici del corpo, viene prescritta una terapia vitaminica equilibrata. Nei primi giorni della malattia gli enterosorbenti sono appropriati (enterodez, enterosgel, ecc.)

La terapia per la diagnosi di forme più lievi della malattia è limitata alle attività sopra elencate.

In caso di epatite A moderata ed elevata, è inoltre necessaria una terapia anti-intossicazione: somministrazione di soluzioni di glucosio al 5%, Ringer-Locke (5-10%), albumina, idrolizzati di proteine, emodesi, sorbitolo, reopoliglyukin, ecc. Un effetto terapeutico efficace avrà un farmaco a base di enzimi - "Citocromo C", che attiva le reazioni redox del corpo. Il dosaggio del farmaco viene calcolato singolarmente e può raggiungere da 40 a 100 mg.

Con una bassa efficacia della terapia di disintossicazione dell'epatite virale A, i medici prescrivono inoltre l'uso di corticosteroidi.Questa decisione cruciale viene presa in quei rari casi con HA, quando la malattia si verifica con la minaccia di encefalopatia epatica.

Nei casi di sviluppo di encefalopatia che sono ancora più rari nell'HA, è necessario aumentare la quantità di corticosteroidi medici iniettati da 100 a 250 mg al giorno (per via intramuscolare o endovenosa), sono inoltre prescritti inibitori di enzimi proteolitici, come trasilolo, contrikal (10.000-30000 U). È anche necessario aumentare il volume di soluzioni che vengono introdotte nel corpo del paziente mediante infusione per la disintossicazione.

I sintomi di sovraidratazione richiedono il coinvolgimento di farmaci diuretici in misure terapeutiche: acido etacrinico, veroshpiron, furosemide, ecc.

Una misura necessaria è la soppressione della microflora intestinale con l'aiuto di sostanze assunte per via orale: neomicina (1 g 4 volte al giorno), kanamicina (0,5 g 4 volte al giorno). L'uso quotidiano di clisteri con una soluzione debole di bicarbonato di sodio (2%) è raccomandato anche per i pazienti.

Come accennato in precedenza, il recupero dopo l'epatite A inizia gradualmente, questo processo può essere leggermente accelerato subendo un corso di restauro di procedure in un sanatorio, è imperativo che il medico controlli le condizioni del paziente.

Indipendentemente dalla gravità, l'HA contribuisce alla sconfitta delle vie biliari (colecistite, ecc.). Per prevenirli e migliorare i processi di recupero del fegato, è consigliabile, a partire dal periodo itterico e dall'intero periodo di effetti residui (3-6 mesi), applicare l'UDCA in una dose di 10-12 mg / kg al giorno.

Prevenzione dell'epatite A

  • Controllo del focus della malattia entro 45 giorni, effettuando misure per la sua disinfezione.
  • Isolamento sulle condizioni di quarantena di un paziente con diagnosi di epatite A.
  • Esame urgente e in assenza di vaccinazione immunitaria contro l'HA di tutte le persone di contatto.
  • Dopo il recupero, un monitoraggio obbligatorio delle condizioni del paziente nel dispensario per 6 mesi.
  • Attuazione di misure per prevenire la diffusione del virus dell'epatite A per via phako-orale attraverso il rispetto delle norme sanitarie ed epidemiologiche.
  • Promozione di uno stile di vita sano tra la popolazione, diffusione di informazioni sulle caratteristiche dell'epatite A e modi per prevenirlo.

Tabella dietetica N5

Scarica l'app in Google Play e Apple Store

Qual è il trattamento dell'epatite a

Epatite A o Malattia di Botkin

- Malattia virale acuta che provoca danni alle cellule di un organo. Si manifesta per intossicazione generale e

. L'epatite A viene trasmessa per via oro-fecale, motivo per cui viene anche chiamata "malattia delle mani sporche".

Rispetto ad altre epatiti B, C, E, questa malattia è considerata la più benigna. Al contrario, l'epatite A non causa lesioni croniche e ha un basso tasso di mortalità inferiore allo 0,4%. Con un decorso non complicato, i sintomi della malattia scompaiono entro 2 settimane e le funzioni epatiche si risolvono entro un mese e mezzo.

Le malattie sono ugualmente sensibili sia agli uomini che alle donne di tutte le età. I bambini da un anno a 10 anni soffrono di una malattia lieve, mentre i bambini e gli anziani soffrono di una grave malattia. Dopo la malattia, l'immunità rimane forte, quindi l'epatite A è malata una volta.

Statistiche di incidenza dell'epatite A. Secondo l'OMS, ogni anno 1,5 milioni di persone soffrono di questa malattia. In effetti, il numero di casi è maggiore a volte. Il fatto è che il 90% dei bambini e il 25% degli adulti soffrono di una forma asintomatica nascosta della malattia.

L'epatite A virale è comune nei paesi in via di sviluppo con scarse condizioni igieniche ^ Egitto, Tunisia, India, i paesi del Sud-est asiatico, il Sud America e i Caraibi. Vale la pena ricordare per i turisti che vanno in vacanza in paesi caldi. In alcuni stati, la malattia è così comune che tutti i bambini soffrono prima dei dieci anni. Il territorio della CSI fa riferimento a paesi con un rischio medio di infezione: 20-50 casi ogni 100 mila abitanti. Qui, un aumento stagionale dell'incidenza è notato in agosto - inizio settembre.

Storia. L'epatite A è conosciuta fin dall'antichità come "malattia icterica". Durante la guerra scoppiarono grandi epidemie, quando le masse di persone si trovarono in condizioni antigieniche, così l'epatite fu anche chiamata "ittero di trincea". I medici per lungo tempo hanno associato la malattia solo con il blocco delle vie biliari. Nel 1888, Botkin ipotizzò che la malattia fosse di natura infettiva, quindi fu in seguito chiamata come lui.

Il virus dell'epatite è stato rilevato solo negli anni '70 del XX secolo. Poi c'erano opportunità di creare un vaccino che proteggesse contro le infezioni.

Proprietà del virus dell'epatite A.

Il virus dell'epatite A o HAV appartiene alla famiglia Picornavirus (dall'italiano "piccolo"). Differisce davvero dagli altri patogeni in dimensioni molto piccole - 27-30 nm.

Struttura. Il virus ha una forma sferica rotonda ed è un singolo filamento di RNA racchiuso in un guscio proteico: il capside.

HAV ha 1 sierotipo. Pertanto, dopo aver sofferto di una malattia, gli anticorpi ad esso sono conservati nel sangue e dopo ripetute infezioni la malattia non si sviluppa più.

Stabilità nell'ambiente Nonostante il fatto che il virus non abbia una shell, rimane per un tempo piuttosto lungo nell'ambiente esterno:

quando si asciuga su articoli per la casa - fino a 7 giorni; in un ambiente umido e sul cibo 3-10 mesi; se riscaldato a 60 ° C resiste fino a 12 ore; se congelato sotto i -20 ° C, persiste per anni. Neutralizzano il virus facendo bollire per più di 5 minuti o disinfettando soluzioni: candeggina, permanganato di potassio, cloramina T, formalina. Data la resistenza del virus, la disinfezione nelle stanze in cui si trovava il paziente deve essere eseguita con molta attenzione.

Ciclo di vita HAV. Con il cibo, il virus entra nella mucosa della bocca e dell'intestino. Da lì, penetra nel flusso sanguigno e nel fegato.

Dal momento in cui il virus entra nel corpo fino all'insorgenza della malattia, occorrono da 7 giorni a 7 settimane. Nella maggior parte dei casi, il periodo di incubazione dura 14-28 giorni.

Quindi il virus penetra nelle cellule del fegato - epatociti. Come lo gestisce non è ancora installato. Lì lascia il guscio ed è incorporato nei ribosomi delle cellule. Riorganizza il lavoro di questi organelli in modo tale da creare nuove copie del virus - i virioni. Nuovi virus con la bile entrano nell'intestino e vengono escreti nelle feci. Le cellule epatiche infette si logorano e muoiono e il virus si sposta verso gli epatociti vicini. Questo processo continua finché il corpo non ha sviluppato una quantità sufficiente di anticorpi che distruggeranno i virus.

Cause dell'epatite A

Il meccanismo di trasmissione è fecale-orale.

Una persona malata espelle una grande quantità di virus nell'ambiente. Possono entrare in acqua, cibo, oggetti per la casa. Se l'agente patogeno entra nella bocca di una persona sana suscettibile all'infezione, si svilupperà l'epatite.

È possibile ottenere l'epatite A in queste situazioni.

Nuotare in pozze e stagni inquinati. Il virus entra in bocca con acqua dolce e marina. Mangiare cibo contaminato. Spesso queste sono bacche, per le quali le feci umane sono state usate come fertilizzanti. Mangiare molluschi e cozze crudi da corpi idrici inquinati dove l'agente patogeno può durare a lungo. Quando si utilizza acqua scarsamente depurata. L'acqua contaminata è pericolosa non solo da bere, ma anche da usare per lavarsi le mani e i piatti. Quando convivono con un paziente, l'infezione si verifica attraverso oggetti domestici (maniglie delle porte, asciugamani, giocattoli). Con il contatto sessuale con il paziente. Questa modalità di trasmissione è particolarmente comune tra gli omosessuali. Per uso di droghe per via endovenosa con una siringa non sterile. Il virus circola nel sangue e passa da una persona all'altra attraverso un ago.

Fattori di rischio per l'epatite A

inosservanza delle norme di igiene personale, rimanere in luoghi di grandi concentrazioni di persone: collegi, caserme, rimanere in condizioni di approvvigionamento idrico e fognario: campi profughi, campi profughi di personale militare, viaggi in zone ad alta incidenza senza vaccinazione preventiva, convivenza con una persona con epatite A; acqua potabile sicura

I sintomi dell'epatite A

Trattamento dell'epatite A

Epatite Un trattamento con farmaci

Non esiste un trattamento farmacologico specifico per l'epatite A. La terapia ha lo scopo di eliminare i sintomi, alleviare l'intossicazione e accelerare il ripristino della normale funzionalità epatica.

Attualmente i medici stanno cercando di abbandonare i farmaci non necessari, prescrivendo solo il minimo necessario per eliminare i sintomi.

Avete bisogno di ricovero per il trattamento dell'epatite A?

In caso di epatite A, in questi casi è necessario il ricovero nel reparto di malattie infettive: nel caso di forme complicate di epatite A, con la progressione articolare della malattia di Botkin e altre epatiti con danno epatico alcolico nei pazienti anziani e nei bambini di età inferiore a 1 anno in pazienti indeboliti con gravi patologie concomitanti

Epatite A dieta

Nel trattamento dell'epatite A è raccomandata la dieta 5. La nutrizione medicinale svolge un ruolo importante nella lotta contro le infezioni. Riduce il carico sul fegato e protegge le sue cellule. Si raccomanda di consumare piccoli pasti 4-6 volte al giorno.

Prodotti consigliati per l'epatite A:

Prodotti a base di latte magro: formaggio magro, kefir, yogurt, panna acida a basso contenuto di grassi per la preparazione di carni magre: manzo, pollo, prodotti a base di carne di coniglio: polpette di vapore, polpette, polpette, salsicce e salsicce cotte con carne di pesce magro: luccioperca, luccio, carpa, nasello, pollock verdure: patate, zucchine, cavolfiori, cetrioli, barbabietole, carote, cavoli, pomodori contorni: cereali (eccetto legumi e orzo perlato), minestre di pasta a basso contenuto di grassi vegetali, prodotti lattiero-caseari con aggiunta di cereali, pane di ieri, uova di cracker: omelette proteica, 1 uovo dolcemente un dessert di giorno: mousse, gelatine, kis mangiato, marshmallows, marmellata, caramelle, biscotti lunghi, miele, marmellata fatta in casa, grassi di frutta secca: burro 5-10 g, oli vegetali fino a 30-40 g bevande: tè nero, tisane, composte, succhi, uzvar, decotto di rosmarino, caffè latte, acqua minerale alcalina, soluzione di glucosio al 5%. Si raccomandano i preparativi di reidratazione per il ripristino dell'equilibrio elettrolitico: Regidron, elettrolita Humana, Hydrovit Forte. Per escludere dalla dieta: pesce in scatola affumicato fritto, carne, carne vegetale, varietà grasse: maiale, oca, anatra pesce grasso: storione, manzo, aringa piccante, grassi di caviale: lardo, strutto, margarina, pasta sfoglia con burro e pasta sfoglia, pane fresco e grasso prodotti caseari: latte intero, panna, ricotta grassa, zuppe di formaggio salate in carne concentrata, brodo di pesce, verdure di cavolo aspro: ravanelli, ravanelli, crauti, acetosella, cipolle, prezzemolo, verdure sott'aceto, dessert di funghi: gelato, cioccolato, prodotti panna, dolci, bevande al vapore: cr Pky caffè, cacao, bibite, alcool, dieta dovrebbe essere seguito durante la malattia e per 3-6 mesi dopo il recupero. Limitare i grassi e i carboidrati semplici aiuta a prevenire la degenerazione grassa del fegato. I pasti facili da digerire e la nutrizione frazionata contribuiscono a un migliore deflusso della bile e normalizzano la digestione.

È molto importante aderire al regime di bere. Per eliminare le tossine, è necessario consumare almeno 2 litri di acqua pura senza gas.

L'epatite C può essere curata a casa?

Con una malattia lieve, l'epatite può essere curata a casa. Ciò richiede diverse condizioni:

il paziente è stato esaminato, ho superato il test, e sarà regolarmente visita la malattia del medico è la forma semplice mite è possibile isolare il paziente in una stanza separata e la modalità polupostelnogo dieta Al momento della comparsa di ittero, il paziente non è praticamente pericoloso per gli altri. Può mangiare allo stesso tavolo con la sua famiglia, usare un bagno e un bagno in comune.

Restrizioni. Non è consigliabile coinvolgere il paziente in cucina. Tutti i membri della famiglia devono seguire scrupolosamente le regole dell'igiene personale e lavarsi accuratamente le mani dopo aver usato il bagno.

Modalità. Periodo di Predzheltushny - il riposo a letto è necessario. Il paziente presenta una grave debolezza e i costi energetici in eccesso possono portare a ulteriori stress sul fegato. E nella posizione orizzontale, l'organo malato riceve più sangue, il che contribuisce alla pronta guarigione.

Periodo di ittero - è consentita la modalità semi-letto. Dopo che i sintomi della malattia si sono calmati, è possibile aumentare gradualmente l'attività. Ciò contribuisce al ripristino dello stato fisico ed emotivo.

Conseguenze dell'epatite a

Le complicazioni non sono tipiche dell'epatite A. Le conseguenze si verificano solo nel 2% dei casi. A rischio sono le persone che violano la dieta, non seguono la prescrizione di un medico, abusano di alcol e soffrono di patologie epatiche.

Le complicanze più comuni dell'epatite A

Discinesia biliare - una violazione della motilità delle vie biliari, con conseguente congestione della bile. Sintomi: il dolore nell'ipocondrio destro, che si estende alla spalla destra, si verifica dopo aver mangiato e fatto esercizio fisico. Amare in bocca, nausea, vomito, alitosi. La colecistite è un'infiammazione delle pareti della cistifellea, accompagnata dalla stasi della bile. Sintomi: dolore acuto nell'ipocondrio destro, che dà sul lato destro della vita e del collo. Rafforzato dal movimento, tossendo, cambiando la posizione del corpo. La metà destra della parete addominale è tesa. Ittero, prurito, nausea, vomito sono possibili. Nella colecistite cronica senza sangue dopo aver mangiato, nella metà destra dell'addome avvengono dolori dolorosi. La pancreatite cronica è un'infiammazione cronica del pancreas. Sintomi: dolore allo stomaco e ipocondrio sinistro, il dolore può essere costante o periodico, dare alla schiena, il cuore, spesso avere un carattere circostante. La malattia è accompagnata da diarrea, nausea e può causare il diabete.

Prevenzione dell'epatite A

La prevenzione dell'epatite A include diverse direzioni.

Disinfezione nello scoppio dell'epatite A

La disinfezione è effettuata nell'appartamento del paziente. Il personale medico insegna ai membri della famiglia come gestire gli oggetti che il paziente ha contattato.

Le lenzuola e gli indumenti vengono fatti bollire in una soluzione saponata al 2% (20 g di detersivo per ogni litro di acqua) per 15 minuti, quindi lavati come al solito. Dopo un pasto, i piatti sono bolliti per 15 minuti in una soluzione di bicarbonato al 2%, i tappeti vengono puliti con una spazzola inumidita con una soluzione all'1% di cloramina. Lavare i pavimenti e le altre superfici con un sapone caldo al 2% o una soluzione di soda. Allo stesso modo, maneggiare le maniglie delle porte della toilette e della cisterna. Vaccinazione dell'epatite A

La vaccinazione ha lo scopo di ridurre la suscettibilità al virus.

L'immunoglobulina umana è normale. Il farmaco viene somministrato per via endovenosa alle persone che vivono nello stesso appartamento con il paziente. Il farmaco contiene anticorpi donatori già pronti contro l'epatite A e altre infezioni. Il suo uso riduce il rischio di ammalarsi più volte. Il vaccino contro l'epatite A è una miscela di virus purificati neutralizzati. In risposta al vaccino, il corpo produce anticorpi specifici. Pertanto, se l'infezione si verifica, la malattia non si sviluppa - gli anticorpi neutralizzano rapidamente i virus.
Il vaccino non è incluso nella lista delle vaccinazioni obbligatorie a causa del suo costoso costo.

La sua introduzione è raccomandata per le persone a rischio:

I viaggiatori che servono in paesi con scarsa igiene Servicemen lungo tempo rispettosi nel campo per le persone in campi profughi e in altri luoghi dove è impossibile rispettare le norme igieniche a causa della mancanza di approvvigionamento idrico e fognario medica lavoratori del personale dell'igiene dell'industria alimentare lavarsi accuratamente le mani dopo essere andati a le toilette bevono solo acqua bollita, lavano verdure, frutta e verdura, non fanno il bagno nei bacini, in cui le acque reflue potrebbero far bollire a fondo e friggere il prodotto nella preparazione delle attività in relazione alle persone di contatto

Per prevenire la diffusione dell'infezione, gli operatori sanitari monitorano le persone che sono state in contatto con il paziente:

Quarantena in gruppi e gruppi di bambini per un periodo di 35 giorni dal momento dell'isolamento dell'ultimo malato Monitoraggio di tutti i contatti. Controlla se c'è il giallo sulle mucose e sulle scie, se il fegato è ingrossato. Quando compaiono sintomi simil-influenzali, devono essere isolati.Un test del sangue per la presenza di anticorpi specifici contro il virus dell'epatite A (IgG) L'epatite A è considerata una malattia relativamente benigna, ma richiede un trattamento e un trattamento serio. Altrimenti, i suoi effetti possono essere percepiti per mesi e anni.

Per le droghe citate nel testo, ci sono controindicazioni. È necessario leggere le istruzioni o consultare uno specialista.

Specialità: medico praticante della 2a categoria

Epatite virale A - sintomi, prevenzione, trattamento. Come viene trasmessa l'epatite A?

L'epatite C è una malattia che colpisce il fegato. Questa malattia è causata da un virus. Viene trasmesso da persona a persona attraverso il sangue. L'infezione può manifestarsi in diversi modi, ad esempio per uso di droghe per via endovenosa o per rapporti sessuali.

Epatite A (o malattia di Botkin). L'agente eziologico è l'eziologia virale, che appartiene alla famiglia dei Picornaviridae. La principale modalità di diffusione: fecale-orale. Nella maggior parte dei casi, l'infezione si verifica attraverso il contatto con liquidi infetti, alimenti o articoli per l'igiene personale dei portatori di epatite A. Va notato che anche le escrezioni e le secrezioni mucose dei pazienti durante il periodo di incubazione sono pericolose per una persona sana.

Il virus dell'epatite A è altamente resistente alle temperature estreme (fino a 20 ° C) per due anni, mantiene la virulenza quando la temperatura sale a 60 ° C per quattro ore e persiste nell'ambiente per un lungo periodo. Ma suscettibile di disinfettanti contenenti cloro

Epatite una malattia

L'introduzione del virus dell'epatite A nel corpo umano avviene attraverso le mucose del tratto gastrointestinale. Ematogeneamente penetra nel fegato, dove trova le condizioni più favorevoli per un'ulteriore riproduzione e distribuzione. Come risultato della sconfitta degli epatociti e del deterioramento della permeabilità delle membrane delle membrane, aumenta l'attività degli enzimi (aminotransferasi, ecc.).

Con un forte fallimento del fegato, i medici notano spesso una diminuzione significativa delle sue dimensioni. Estesi cambiamenti necrotici nel parenchima, proliferazione cellulare, ecc. Sono stati riscontrati istologicamente, tuttavia tali forme di HA, fortunatamente, sono estremamente rare.

Il virus dell'epatite A può essere rilevato nel sangue e nelle feci del paziente entro la fine del periodo di incubazione, cessa di essere generato nell'organismo sotto l'influenza attiva delle reazioni immunitarie durante il decorso ciclico acuto della malattia già nei primi giorni del periodo itterico

Il periodo di incubazione per l'epatite A dura da 15 a 45 giorni, di solito da 20 a 30. L'epatite virale può assumere la forma itterica, anterterica e subclinica. Distinguono anche acuto (fino a 2 mesi), prolungato (fino a 6 mesi).Il decorso cronico della malattia non è stato dimostrato per l'HA. L'esordio è acuto con la fase preicterica, che richiede, in media, da 2 giorni a una settimana.

Questo periodo è anche caratterizzato da fenomeni prodromici: aumento a breve termine della temperatura corporea, perdita di appetito, nausea, conati di vomito, dolore al fegato, feci ritardate, fegato ingrossato e leggera milza, possono causare oscuramento delle urine e alleggerimento delle feci.

Nella fase itterica, l'ittero appare e si manifesta entro 2-3 giorni, a volte accompagnato da prurito della pelle, ma i sintomi di intossicazione nei casi tipici si placano.Il recupero è caratterizzato da un ittero graduale e normalizzazione della salute, ma un aumento dell'attività delle transaminasi può rimanere fino a 3-6 mesi, e solo a quest'ora dovrebbe essere attribuito al vero recupero da questa infezione.

Trattamento dell'epatite A

Dai primi giorni della malattia, l'osservanza del riposo a letto e una dieta delicata speciale (tabella n. 5) è di particolare importanza. Epatoprotettori. Si raccomanda al paziente di bere molti liquidi fino a 3 litri al giorno sotto forma di soluzioni di glucosio, tè dolce o acqua minerale contenente alcali.

Il riposo a letto rigoroso è eccessivamente importante per i pazienti con epatite A grave già alle prime manifestazioni dei sintomi della malattia. È anche necessario limitare il più possibile lo sforzo fisico, il loro rinnovo è possibile solo dopo sei mesi dal momento della dimissione dall'ospedale e sotto la supervisione dei medici, sulla base dei parametri biochimici del paziente.

La dieta deve essere diversa da quella normale (2500 - 3000 kcal al giorno), piena di proteine, carboidrati complessi e grassi facilmente digeribili (questo non si applica a carne di maiale, manzo o grasso di montone). Vedi Calorie Calculator.

Per accelerare i processi metabolici del corpo, viene prescritta una terapia vitaminica equilibrata. Nei primi giorni della malattia gli enterosorbenti sono appropriati (enterodez, enterosgel, ecc.)

La terapia per la diagnosi di forme più lievi della malattia è limitata alle attività sopra elencate.

In caso di epatite A moderata ed elevata, è inoltre necessaria una terapia anti-intossicazione: somministrazione di soluzioni di glucosio al 5%, Ringer-Locke (5-10%), albumina, idrolizzati di proteine, emodesi, sorbitolo, reopoliglyukin, ecc. Un effetto terapeutico efficace avrà un farmaco a base di enzimi - "Citocromo C", che attiva le reazioni redox del corpo. Il dosaggio del farmaco viene calcolato singolarmente e può raggiungere da 40 a 100 mg.

Con una bassa efficacia della terapia di disintossicazione dell'epatite virale A, i medici prescrivono inoltre l'uso di corticosteroidi.Questa decisione cruciale viene presa in quei rari casi con HA, quando la malattia si verifica con la minaccia di encefalopatia epatica.

Nei casi di sviluppo di encefalopatia che sono ancora più rari nell'HA, è necessario aumentare la quantità di corticosteroidi medici iniettati da 100 a 250 mg al giorno (per via intramuscolare o endovenosa), sono inoltre prescritti inibitori di enzimi proteolitici, come trasilolo, contrikal (10.000-30000 U). È anche necessario aumentare il volume di soluzioni che vengono introdotte nel corpo del paziente mediante infusione per la disintossicazione.

I sintomi di sovraidratazione richiedono il coinvolgimento di farmaci diuretici in misure terapeutiche: acido etacrinico, veroshpiron, furosemide, ecc.

Una misura necessaria è la soppressione della microflora intestinale con l'aiuto di sostanze assunte per via orale: neomicina (1 g 4 volte al giorno), kanamicina (0,5 g 4 volte al giorno). L'uso quotidiano di clisteri con una soluzione debole di bicarbonato di sodio (2%) è raccomandato anche per i pazienti.

Come accennato in precedenza, il recupero dopo l'epatite A inizia gradualmente, questo processo può essere leggermente accelerato subendo un corso di restauro di procedure in un sanatorio, è imperativo che il medico controlli le condizioni del paziente.

Indipendentemente dalla gravità, l'HA contribuisce alla sconfitta delle vie biliari (colecistite, ecc.). Per prevenirli e migliorare i processi di recupero del fegato, è consigliabile, a partire dal periodo itterico e dall'intero periodo di effetti residui (3-6 mesi), applicare l'UDCA in una dose di 10-12 mg / kg al giorno.

Prevenzione dell'epatite A

Controllo del focus della malattia entro 45 giorni, effettuando misure per la sua disinfezione. Isolamento sulle condizioni di quarantena di un paziente con diagnosi di epatite A. Esame urgente e in assenza di vaccinazione immunitaria contro l'HA di tutte le persone di contatto. Dopo il recupero, il monitoraggio obbligatorio delle condizioni del paziente nelle condizioni del dispensario per 6 mesi. Attuazione di misure per prevenire la diffusione del virus dell'epatite A per via oro-fecale attraverso il rispetto delle norme sanitarie ed epidemiologiche. Promozione di uno stile di vita sano tra la popolazione, diffusione di informazioni sulle caratteristiche dell'epatite A e modi per prevenirlo.

Epatite virale A

L'epatite virale A (malattia di Botkin) è un'infezione acuta del fegato, caratterizzata da un decorso benigno, accompagnata da necrosi di epatociti. L'epatite virale A è inclusa nel gruppo delle infezioni intestinali, perché ha un meccanismo di infezione fecale-orale. Nel corso clinico dell'epatite virale A, si distinguono dozheltushny e periodi icteric, così come la convalescenza. La diagnosi viene effettuata secondo l'analisi biochimica del sangue, i risultati di RIA ed ELISA. Il ricovero in ospedale di pazienti con epatite A virale è necessario solo nei casi più gravi. Il trattamento ambulatoriale include la dieta e la terapia sintomatica.

Epatite virale A

L'epatite virale A (malattia di Botkin) è un'infezione acuta del fegato, caratterizzata da un decorso benigno, accompagnata da necrosi di epatociti. La malattia di Botkin è un'epatite virale trasmessa dal meccanismo fecale-orale ed è una delle più comuni infezioni intestinali.

Caratteristiche dell'agente patogeno

Il virus dell'epatite A appartiene al genere Hepatovirus, il suo genoma è rappresentato dall'RNA. Il virus è abbastanza stabile nell'ambiente, persiste per diversi mesi a 4 ° C e per anni a -20 ° C. A temperatura ambiente, rimane vitale per diverse settimane, muore quando viene bollito dopo 5 minuti. I raggi ultravioletti inattivano il virus di un minuto. L'agente eziologico può mantenere la sua vitalità in acqua clorata dalla rete idrica per qualche tempo.

L'epatite A viene trasmessa attraverso il meccanismo fecale-orale principalmente attraverso l'acqua e la via nutrizionale. In alcuni casi, la contaminazione per contatto con la famiglia è possibile quando si utilizzano articoli e piatti per la casa. Le epidemie virali di epatite A virale, quando si implementa un'infezione acquatica, si verificano solitamente quando il virus entra nei serbatoi di acqua pubblica, la via alimentare dell'infezione è possibile sia mangiando frutta e verdura contaminata, sia molluschi crudi che vivono in corpi idrici infetti. L'implementazione del modo di contatto quotidiano è tipica dei gruppi di bambini, dove non viene prestata sufficiente attenzione al regime igienico-sanitario.

La suscettibilità naturale al virus dell'epatite A nell'uomo è alta, è maggiore nei bambini di età pre-puberale, l'immunità post-infettiva è intensa (un po 'meno la tensione è caratteristica dopo un'infezione subclinica) e prolungata. L'infezione da epatite virale A si verifica più spesso nei gruppi di bambini. Tra gli adulti, il gruppo a rischio comprende i dipendenti delle cucine per i bambini in età prescolare e scolare, così come le strutture sanitarie e sanitarie-resort, gli impianti di trasformazione alimentare. I focolai di infezione collettiva tra tossicodipendenti e omosessuali sono ora sempre più comuni.

I sintomi dell'epatite virale A

Il periodo di incubazione dell'epatite virale A è di 3-4 settimane, l'esordio della malattia è generalmente acuto, il decorso è caratterizzato da un successivo cambio di periodi: dozheltushnogo, itterico e convalescenza. Il periodo dozheltushny (prodromico) procede in varie opzioni cliniche: febbrile, dispeptico, asteno-vegetativo.

La variante febbrile (simile all'influenza) del corso è caratterizzata da sintomi di febbre e intossicazione che si sviluppano bruscamente (la gravità della sindrome da intossicazione generale dipende dalla gravità del decorso). I pazienti si lamentano di debolezza generale, mialgia, mal di testa, tosse secca, mal di gola, rinite. I sintomi catarrali sono lievi, il rossore alla gola di solito non è osservato, forse la loro combinazione con dispepsia (nausea, perdita di appetito, eruttazione).

Il corso dispeptico non è accompagnato da sintomi catarrali, l'intossicazione non è molto pronunciata. I pazienti si lamentano principalmente di indigestione, nausea, vomito, sapore amaro in bocca, eruttazione. Dolore moderatamente opaco spesso pronunciato nell'ipocondrio destro, epigastrico. Forse un disturbo della defecazione (diarrea, stitichezza, loro alternanza).

Il periodo di dozheltushny che procede sulla variante astenovegetativa è un po 'specifico. I pazienti sono pigri, apatici, lamentano debolezze generali, soffrono di disturbi del sonno. In alcuni casi, i segni prodromici non vengono osservati (la variante latente del periodo ittero), la malattia inizia immediatamente con ittero. Nel caso ci siano segni di diverse sindromi cliniche, stanno parlando di una variante mista del decorso del periodo della gelatina. La durata di questa fase dell'infezione può variare da due a dieci giorni, in media, solitamente il periodo prodromico richiede una settimana, passando gradualmente alla fase successiva - ittero.

Nel periodo itterico dell'epatite virale A è caratterizzata dalla scomparsa dei segni di intossicazione, una diminuzione della febbre, un miglioramento delle condizioni generali dei pazienti. Tuttavia, i sintomi dispeptici di solito persistono e peggiorano. L'ittero si sviluppa gradualmente. In primo luogo, si nota l'oscuramento delle urine, la sclera, le membrane mucose del frenulo della lingua e il palato molle diventano giallastri. In futuro, la pelle diventa gialla, acquisendo un'intensa tonalità di zafferano (ittero epatico). La gravità della malattia può essere correlata all'intensità della colorazione della pelle, ma è preferibile concentrarsi sui sintomi dispeptici e di intossicazione.

Nei casi gravi di epatite, ci possono essere segni di sindrome emorragica (petecchie, emorragie su mucose e pelle, sangue dal naso). Quando l'esame obiettivo ha notato placca giallastra sulla lingua, i denti. Il fegato è ingrossato, la palpazione è moderatamente dolorosa, in un terzo dei casi si verifica un aumento della milza. L'impulso è in qualche modo contratto (bradicardia), la pressione sanguigna è bassa. Le feci si accendono fino a completare la decolorazione all'altezza della malattia. Oltre ai disturbi dispeptici, i pazienti possono lamentare la sintomatologia astenovegetativa.

La durata del periodo itterico di solito non supera il mese, in media 2 settimane. Dopodiché inizia il periodo di recupero: regressione graduale dei segni clinici e di laboratorio di ittero, intossicazione e normalizzazione della dimensione del fegato. Questa fase può essere piuttosto lunga, la durata del periodo di recupero di solito raggiunge 3-6 mesi. Il decorso dell'epatite virale A è prevalentemente lieve o moderato, ma in rari casi si verificano forme gravi della malattia. La cronologia del processo e il vettore del virus non sono caratteristici di questa infezione.

Complicazioni dell'epatite virale A

L'epatite A virale di solito non è soggetta alle esacerbazioni. In rari casi, un'infezione può provocare infiammazione nel sistema biliare (colangite, colecistite, discinesia biliare e cistifellea). A volte l'epatite A è complicata dall'aggiunta di un'infezione secondaria. Gravi complicanze del fegato (encefalopatia epatica acuta) sono estremamente rare.

Diagnosi dell'epatite virale A

In generale, vi è una ridotta concentrazione di leucociti nel sangue, linfocitosi, aumento della VES. L'analisi biochimica mostra un forte aumento dell'attività di aminotransferasi, bilirubinemia (dovuta principalmente alla bilirubina legata), un contenuto di albumina ridotto, un basso indice di protrombina, un aumento di sublimazione e una diminuzione dei campioni di timolo.

La diagnostica specifica viene effettuata sulla base di metodi sierologici (gli anticorpi vengono rilevati usando ELISA e RIA). Nel periodo icterico, c'è un aumento di Ig M, e in convalescente - IgG. La diagnosi più accurata e specifica è la rilevazione dell'RNA del virus nel sangue mediante PCR. L'isolamento dell'agente patogeno e la ricerca virologica sono possibili, ma in considerazione della complessità della pratica clinica generale non è pratico.

Trattamento dell'epatite virale A

La malattia di Botkin può essere trattata in regime ambulatoriale, l'ospedalizzazione viene eseguita per forme gravi, così come per ragioni epidemiologiche. Nel periodo di grave intossicazione, ai pazienti viene prescritto il riposo a letto, la dieta n. 5 (nella variante per il decorso acuto dell'epatite) e la terapia vitaminica. Nutrizione frazionata, cibi grassi eliminati, prodotti che stimolano la produzione di bile, hanno incoraggiato i componenti lattiero-caseari e vegetali della dieta.

Richiede l'eliminazione completa di alcol. La terapia etiotrope per questa malattia non è stata sviluppata, una serie di misure terapeutiche volte ad alleviare i sintomi e la correzione patogenetica. Ai fini della disintossicazione, è prescritto un consumo abbondante, se necessario, di infusione di soluzioni di cristalloidi. Al fine di normalizzare la digestione e mantenere la normobiocenosi intestinale, vengono prescritti preparati di lattulosio. Gli antispastici sono usati per prevenire la colestasi. Se necessario, prescrivi farmaci UDCH (acido ursodesossicolico). Dopo il recupero clinico, i pazienti sono sotto osservazione al gastroenterologo per altri 3-6 mesi.

Nella maggior parte dei casi, la prognosi è favorevole. Con le complicanze delle vie biliari, la cura è in ritardo, ma con una falsa terapia la prognosi non è aggravata.

Prevenzione dell'epatite virale A

Le misure preventive generali sono volte a fornire purificazione di alta qualità delle fonti di acqua potabile, controllo dello scarico delle acque reflue, requisiti sanitari e igienici per il regime negli stabilimenti di ristorazione, nei centri di trattamento alimentare delle istituzioni mediche e per bambini. Il controllo epidemiologico sulla produzione, lo stoccaggio, il trasporto di prodotti alimentari, durante i focolai di epatite A virale in gruppi organizzati (sia bambini che adulti) viene eseguito misure di quarantena appropriate. I pazienti sono isolati per 2 settimane, la loro contagiosità dopo la prima settimana del periodo itterico viene a nulla. Ammissione allo studio e lavoro svolto sull'inizio della ripresa clinica. Le persone di contatto sono monitorate per 35 giorni dal momento del contatto. In gruppi di bambini in questo momento è nominato quarantena. Le necessarie misure di disinfezione sono prese alla fonte dell'infezione.

La vaccinazione contro l'epatite A è raccomandata per i bambini a partire da 1 anno e per gli adulti che si spostano in aree pericolose per l'epatite virale A.