L'effetto del diabete sul fegato

Metastasi

Il diabete mellito influisce negativamente sulla condizione di tutti gli organi vitali. Il fegato tra loro soffre di uno dei primi, mentre il sangue passa attraverso di esso tutto il tempo. Una delle funzioni di questo corpo è la creazione e il mantenimento di carboidrati di glicogeno e la regolazione del metabolismo. A causa di disturbi endocrini, la filtrazione del sangue nel fegato è deteriorata, durante il quale deve essere eliminato sostanze tossiche, ormoni, allergeni e prodotti finali del metabolismo. Ma c'è una relazione inversa, perché alcune malattie del fegato possono provocare lo sviluppo del diabete di tipo 2. Molto spesso questo è dovuto a una dieta non salutare e uno stile di vita sedentario.

Il ruolo del fegato nel metabolismo dei carboidrati

Il fegato è un deposito di glucosio, che è immagazzinato in esso sotto forma di un polisaccaride di glicogeno costituito da una varietà di residui di carboidrati. Quando biologicamente necessario sotto l'influenza di enzimi, il glicogeno si rompe in glucosio e entra nel sangue. Anche nel fegato è un importante processo biochimico - gluconeogenesi. È una reazione della formazione di glucosio da altre sostanze organiche. La gluconeogenesi consente al corpo di ricostituire le riserve di carboidrati in condizioni estreme: durante lo sforzo fisico estenuante e il digiuno prolungato.

Il diabete mellito e il fegato sono strettamente correlati e questo influenza negativamente il benessere del paziente e la sua salute generale. Le cellule di questo organo riducono il livello di enzimi necessari per il legame del glucosio. Per questo motivo, entra nel sangue in quantità molto maggiori del necessario. Questa reazione non si ferma nemmeno con l'iperglicemia, anche se normalmente in una situazione del genere il fegato dovrebbe smettere di gettare zucchero nel sangue e iniziare a creare un deposito di glicogeno.

La gluconeogenesi è un evento frequente nel diabete mellito, a causa del quale il paziente può improvvisamente aumentare il livello di glucosio nel sangue. Anche questo meccanismo inizia a funzionare in modo non corretto e viene avviato non solo in quelle situazioni in cui è necessario. Il tessuto adiposo del fegato aumenta di volume a causa della mancanza di insulina nel diabete di tipo 1 e di un eccessivo accumulo di trigliceridi. Ciò porta all'epatosi grassa del fegato e al suo significativo aumento di volume, alla rottura del normale lavoro e ai problemi di digestione.

Il diabete mellito di tipo 1 è spesso associato a epatite non infettiva. Sullo sfondo della patologia pancreatica, il paziente può iniziare a produrre anticorpi contro le cellule del proprio fegato. In questo caso, stiamo parlando di epatite autoimmune, che richiede costante supervisione medica e trattamento.

Cirrosi ed epatosi grassa

La cirrosi è una malattia del fegato che è di natura cronica ed è caratterizzata da una violazione della sua normale struttura. Il tessuto connettivo inizia a crescere troppo intensamente e nelle sue cellule funzionali si verificano cambiamenti cicatriziali. Tutto ciò porta all'impossibilità del pieno lavoro del corpo e al deterioramento del benessere generale del paziente.

Le cause della cirrosi includono:

  • infezioni virali;
  • abuso di alcol;
  • lesioni fungine;
  • invasioni elmintiche.

A causa della cirrosi, il fegato non può abbattere adeguatamente l'insulina, il che porta a livelli ematici elevati. La sensibilità dei tessuti a questo ormone diminuisce, una persona sviluppa la sindrome metabolica, che è un precursore del diabete di tipo 2.

Se la cirrosi si sviluppa già sullo sfondo del diabete mellito, che è estremamente raro, la sua prognosi diventa più sfavorevole e il decorso è rapido. A causa di gravi disturbi nel metabolismo del corpo del paziente si indebolisce e non può normalmente resistere ad altre malattie. La cirrosi nei diabetici è più difficile da trattare, rispetto ai pazienti che non presentano anomalie nel metabolismo dei carboidrati. Questa caratteristica è una delle ragioni per cui i medici non raccomandano categoricamente di bere bevande alcoliche per i diabetici.

L'epatosi grassa è una condizione dolorosa del fegato, in cui una significativa quantità di grasso corporeo è definita nella sua struttura. L'eccesso di grasso gli impedisce di funzionare normalmente, a causa della quale il metabolismo del paziente viene disturbato e aumenta il rischio di ammalarsi di diabete insulino-indipendente. Ma l'epatite può anche svilupparsi in persone che già hanno il diabete di tipo 1. A causa dello squilibrio ormonale, cominciano a verificarsi cambiamenti dolorosi nelle cellule del fegato, che possono essere prevenute solo con l'aiuto di una dieta e di un trattamento medico regolare.

sintomi violazioni

Non sempre le malattie del fegato iniziano a disturbare il paziente all'inizio del loro verificarsi. Anche l'obesità epatica può essere asintomatica, inoltre, può verificarsi non solo con un eccesso, ma anche con un peso corporeo normale. Il dolore al fegato si verifica solo quando la sua capsula o i dotti biliari sono disegnati nel processo patologico.

Vale la pena non programmato di visitare un medico se una persona nota questi sintomi:

  • pesantezza allo stomaco dopo aver mangiato;
  • dolore nell'ipocondrio destro;
  • sapore amaro in bocca a stomaco vuoto o dopo aver mangiato;
  • gonfiore costante;
  • nausea e vomito;
  • eruzione cutanea;
  • frequenti reazioni allergiche.

Da soli, questi sintomi non indicano necessariamente problemi al fegato, ma per capire questo e stabilire la vera causa del verificarsi di violazioni può essere solo un medico qualificato. Oltre all'esame esterno e alla palpazione dell'addome, a una persona possono essere assegnati ulteriori metodi di esame strumentale e di laboratorio.

diagnostica

La diagnosi tempestiva dei disturbi del fegato consente di iniziare immediatamente il trattamento necessario e ridurre il rischio di sviluppare le sue gravi malattie in futuro. Tutti i pazienti con diabete devono essere sottoposti a ecografia del fegato, della cistifellea e delle vie biliari almeno una volta ogni sei mesi.

Dagli studi di laboratorio in termini di valutazione dell'attività funzionale di questo corpo, tali esami del sangue biochimici sono informativi:

  • Attività degli enzimi AST e ALT (aspartato aminotransferasi e alanina aminotransferasi);
  • livello di bilirubina (diretta e indiretta);
  • livello di proteine ​​totali;
  • concentrazione di albumina;
  • concentrazione di fosfatasi alcalina (fosfatasi alcalina) e gamma-glutamiltransferasi (GGT).

Con i risultati di questi test (vengono anche chiamati "test del fegato") e la conclusione di un'ecografia, il paziente deve consultare un medico e, in caso di deviazione dalla norma, non automedicare. Dopo aver installato una diagnosi accurata e una diagnosi completa, lo specialista può raccomandare il trattamento necessario, tenendo conto delle caratteristiche del decorso del diabete.

trattamento

Dal momento che il fegato spesso soffre a causa dell'assunzione di un gran numero di farmaci aggressivi, solo la quantità minima di farmaci è usata per trattarla, senza la quale non si può davvero rinunciare. Di norma, questi includono:

  • terapia farmacologica di base finalizzata alla correzione del metabolismo dei carboidrati (insulina o compresse);
  • epatoprotettori (farmaci per proteggere il fegato e normalizzare la sua attività funzionale);
  • acido ursodesossicolico (migliora il flusso della bile e neutralizza l'infiammazione);
  • complessi vitaminici e minerali;
  • lattulosio (per una pulizia regolare del corpo in modo naturale).

La base del trattamento non farmacologico è una dieta. In caso di malattie del fegato, il paziente può seguire i principi di nutrizione raccomandati per tutti i diabetici. Il cibo in eccesso e l'assunzione di acqua adeguata aiutano a normalizzare i processi metabolici e la corretta composizione chimica dei piatti aiuta a ridurre i livelli di glucosio. Lo zucchero e i prodotti che lo contengono, il pane bianco e i prodotti di farina, i dolci, le carni grasse e il pesce, le carni affumicate e i sottaceti sono completamente esclusi dal menu del paziente. È anche meglio astenersi dalle verdure in salamoia, perché, nonostante il basso contenuto calorico e il basso contenuto di carboidrati, possono irritare il pancreas e peggiorare il fegato.

Alcuni farmaci per il trattamento del diabete hanno epatotossicità. Questa è una proprietà negativa che porta alla rottura del fegato e cambiamenti strutturali dolorosi in esso. Ecco perché quando si sceglie un farmaco permanente è importante che l'endocrinologo tenga conto di tutte le sfumature e informi il paziente sui possibili effetti collaterali e sui sintomi ansiosi. Il monitoraggio costante dello zucchero e la somministrazione regolare di un esame del sangue biochimico possono rilevare l'insorgenza di problemi nel fegato e il trattamento corretto nel tempo.

Malattia epatica e diabete

Come viene colpito il fegato dal diabete

Il diabete non è solo un problema medico, ma anche sociale. La malattia si distingue non solo dalla natura cronica del decorso, ma anche dallo sviluppo di complicanze in tutti gli organi. Il fegato soffre anche di diabete, indipendentemente dal suo tipo, a causa della sua reazione ad elevati livelli di glucosio nel sangue e patologia nel metabolismo dell'insulina. Se il trattamento non viene intrapreso in tempo, può svilupparsi cirrosi epatica.

Come il diabete colpisce il fegato

Di norma, il diabete compensato ha un effetto minimo sul fegato e pertanto i pazienti non avvertono i sintomi delle lesioni di questo organo per un lungo periodo di tempo. Ma il tipo di diabete scompensato porta alla sua più rapida distruzione e ai cambiamenti nella sua struttura.

Spesso il fegato con diabete è ingrandito. La ragione di questo fenomeno - l'aumento della deposizione di grasso in esso. Con un significativo aumento del fegato, i medici parlano della cosiddetta epatomegalia.

Se durante l'infanzia si verifica un aumento del fegato, si sviluppa la cosiddetta sindrome di Mauriac. Il fegato è di dimensioni enormi e la crescita è in ritardo. Spesso una diminuzione delle dimensioni dei genitali.

Con il fegato grasso prolungato, vi è un'alta probabilità che la cirrosi si sviluppi.

Cos'è la cirrosi del fegato

La cirrosi è un riarrangiamento progressivo della normale struttura di un organo. Le cellule epatiche sono gradualmente rinate e sostituite dal grasso. Le sue funzioni sono seriamente compromesse. Ulteriore sviluppo di insufficienza epatica e coma epatico.

Un paziente con sospetta cirrosi fa i seguenti reclami:

  • aumento della fatica;
  • disturbo del sonno;
  • diminuzione dell'appetito;
  • gonfiore;
  • colorazione di pelle e pelle albuminosa di occhi in colore giallo;
  • decolorazione delle feci;
  • dolore addominale;
  • gonfiore delle gambe;
  • un aumento dell'addome dovuto all'accumulo di fluido in esso;
  • frequenti infezioni batteriche;
  • dolore sordo nel fegato;
  • dispepsia (eruttazione, nausea, vomito, brontolio);
  • prurito della pelle e l'aspetto di "stelle" vascolari su di esso.

Se la cirrosi è già formata, allora, purtroppo, è irreversibile. Ma il trattamento delle cause della cirrosi, ti permette di mantenere il fegato in uno stato compensato.

Insufficienza epatica nel diabete

Abbastanza spesso, il diabete, specialmente il primo tipo, causa l'insufficienza epatica. Non solo causa un malfunzionamento del fegato, ma contribuisce anche al malfunzionamento del sistema endocrino. Come risultato, i capelli di una persona cadono, negli uomini la potenza è disturbata, e nelle donne le ghiandole mammarie sono ridotte.

In totale, ci sono tre fasi della malattia. Al primo stadio, il colore della pelle cambia, il paziente ha principalmente disturbi endocrini. Nei bambini, la pubertà è compromessa. Spesso preoccupato per la febbre, i brividi, la perdita di appetito.

Il secondo stadio è caratterizzato da disturbi del tipo nervoso, a causa del danno progressivo al sistema nervoso centrale. È caratterizzato da uno stato emotivo altamente instabile e persino da una perdita di orientamento nel tempo e nello spazio. Attira l'attenzione sul tremore delle mani, sulla parola incomprensibile, sul movimento motorio alterato.

Nella terza fase, questi sintomi si intensificano e si sviluppa il coma epatico. Ci sono tre fasi nella progressione di questa condizione estremamente pericolosa per la vita.

  1. Quando il precoma è in crisi, confusione. I processi di pensiero sono rallentati, si nota sudorazione, disturbi del sonno.
  2. Il secondo stadio è minaccioso. Arriva il completo disorientamento del paziente, l'eccitazione cambia l'apatia e viceversa. Il periodo di minaccioso coma può durare fino a dieci giorni.
  3. Sullo stesso livello del coma, c'è un odore di ammoniaca dalla bocca, appare un respiro rumoroso. Se il paziente non riesce ad aiutare, iniziano le convulsioni e poi c'è una completa cessazione della respirazione.

Fegato in vari tipi di diabete

Il diabete mellito del primo tipo si sviluppa già in giovane età. La cirrosi epatica non si sviluppa quando viene somministrato un trattamento efficace. Ricorda che la terapia insulinica inizialmente intensifica gli effetti negativi sul fegato. Il fatto è che l'insulina aumenta prima il contenuto di glicogeno in esso. Ma poi la situazione si stabilizza.

Se il diabete è mal trattato o non viene trattato affatto, le cellule del fegato inevitabilmente muoiono e si sviluppa la cirrosi.

Nel diabete del secondo tipo si verifica una degenerazione grassa del fegato. Se il trattamento anti-diabete è in trattamento, allora questo di solito non accade e il fegato rimarrà in uno stato normale per un lungo periodo di tempo. Ancora una volta, se il paziente trascura l'uso di farmaci antidiabetici, il fegato nel diabete continuerà ad essere interessato.

Trattamento del danno epatico

Indipendentemente dal tipo di diabete, è necessario il trattamento del fegato. È influenzato dallo stadio in cui viene rilevato il danno al fegato.

Nelle fasi iniziali della malattia epatica è sufficiente una correzione tempestiva dei livelli di zucchero nel sangue. Affronta efficacemente la normalizzazione della funzionalità epatica e della dieta.

Al fine di proteggere le cellule del fegato, è necessario assumere farmaci epatoprotettivi. Stanno bene ripristinare le cellule epatiche colpite. Tra questi ci sono Essentiale, Hepatofalc, Gepamerts, ecc. In caso di steatosi, viene assunto Ursosan.

Quando il trattamento dell'insufficienza epatica è effettuato secondo i seguenti principi:

  • sbarazzarsi di malattie che portano a insufficienza epatica;
  • trattamento sintomatico;
  • prevenzione dell'insufficienza epatica;
  • dieta per formare meno ammoniaca nel corpo;
  • efficace pulizia dell'intestino, poiché la sua microflora dannosa ha un effetto sul fegato;
  • correzione del colesterolo e della bilirubina nel sangue;
  • Ricevimento dei mezzi diretti su prevenzione di una cirrosi.

È obbligatorio che i pazienti prescrivano preparati di potassio, lattulosio e vitamine. In caso di fallimento del trattamento, viene eseguita l'emodialisi, la plasmaferesi (purificazione del plasma con filtri e successivo ritorno nel corpo).

Dieta per danni al fegato e diabete

Indipendentemente dal tipo di diabete con danno epatico, è indicata una dieta. Ma è anche necessario mantenere il controllo sul livello di zucchero.

È necessario controllare rigorosamente il consumo di grassi. Il loro numero è limitato e gli altri componenti sono invece assegnati. Allo stesso tempo, gli alimenti contenenti carboidrati facilmente digeribili sono limitati. L'uso di alcol in qualsiasi forma è severamente proibito.

La preferenza è data agli alimenti proteici e ai prodotti contenenti carboidrati digeribili difficili (in particolare, bacche acide, pane integrale).

Invece di zucchero, puoi usare gli edulcoranti. I grassi vegetali sono utili, non danno un grosso carico al fegato. È necessario che il menu fosse abbastanza olio d'oliva.

Solo il rilevamento tempestivo di malattie del fegato nel diabete contribuisce alla conservazione del corpo e ritardare l'insorgenza dell'insufficienza epatica.

Diabete e fegato

Il fegato è uno dei primi a sperimentare cambiamenti nel diabete. Il diabete è una grave malattia endocrina con compromissione della funzione pancreatica e il fegato è un filtro attraverso il quale passa tutto il sangue e dove l'insulina viene distrutta. Il 95% dei pazienti con diabete mostra anomalie nella funzione del fegato. Ciò dimostra il fatto che l'epatopatologia e la presenza del diabete sono correlate.

Cambiamenti nel fegato nel diabete mellito

Si verificano cambiamenti nel metabolismo delle proteine ​​e negli amminoacidi, vengono rilevate deviazioni multiple. Quando il corpo inizia a combattere, l'insulina nel processo di lipolisi viene inibita. La scissione del grasso diventa incontrollabile. Esiste un numero illimitato di acidi grassi liberi. Le reazioni infiammatorie iniziano. In alcuni casi, le lesioni sono espresse da patologie indipendenti, in altre, provocando il carcinoma epatocellulare.

Nel diabete di tipo 1, il fegato è spesso ingrossato ed è doloroso alla palpazione. Nausea e vomito periodici, il dolore è possibile. Ciò è dovuto all'epatomegalia, che si sviluppa sullo sfondo dell'acidosi a lungo termine. L'aumento di glicogeno porta ad un aumento del fegato. Se lo zucchero è elevato, la somministrazione di insulina aumenta ulteriormente il contenuto di glicogeno, pertanto l'epatomegalia peggiora durante le prime fasi del trattamento. L'infiammazione può causare fibrosi. Cambiamenti irreversibili si verificano nei tessuti del fegato, il fegato perde le sue capacità funzionali. Il mancato trattamento porta alla morte di epatociti, si verifica cirrosi, accompagnata da insulino-resistenza.

Nel diabete, anche il fegato di tipo 2 viene spesso ingrandito, il bordo è appuntito, indolore. La malattia si sviluppa gradualmente. Un fegato ingrossato è spesso associato a un eccessivo deposito di grasso negli epatociti. L'insorgenza di diabete di tipo 2 nell'85% inizia proprio con l'obesità, sebbene la patologia pancreatica possa non essere rilevata. C'è una debolezza, affaticamento, secchezza delle fauci, frequente desiderio di urinare. Successivamente, è possibile osservare quasi l'intero spettro delle malattie con anomalie degli enzimi epatici: carcinoma epatocellulare, infiammazione e steatosi, insufficienza epatica acuta. Associazione con epatite virale C.

Rilevazione di cambiamenti nel fegato

Una visita da un medico per studiare la funzionalità epatica è necessaria immediatamente dopo aver fatto diagnosi come diabete (di qualsiasi tipo), ipertensione, infarto miocardico, angina pectoris, ischemia, ipotiroidismo, insulino-resistenza, aterosclerosi. Sono necessari test di laboratorio sul sangue per il colesterolo, le lipoproteine, l'emoglobina glicosilata; indicatori AST, SCHV, ALT, bilirubina.

L'aumento di almeno un indicatore è la ragione per un esame approfondito del fegato e dell'intero organismo per chiarire la diagnosi e assegnare il trattamento corretto.

L'automedicazione non ha ancora aiutato nessuno, ha solo aggravato il decorso della malattia e causato una serie di effetti collaterali.

Trattamento del fegato per il diabete

È importante eliminare i fattori che influenzano e aggravano il danno epatico. Basato sulla fase della malattia, caratteristiche individuali, indicatori di test di laboratorio e ultrasuoni. glicemia, viene prescritto il trattamento. I pazienti diabetici hanno bisogno di farmaci che influenzano il metabolismo epatico. Epatoprotettori e antiossidanti, la terapia vitaminica è obbligatoria. Importanti farmaci che rafforzano il sistema immunitario e ripristinano la microflora intestinale. Con il diabete di tipo 2, è importante ripristinare la sensibilità del fegato all'insulina, altrimenti la malattia non sarà curata, ma accompagnata.

Il buon lavoro del fegato, in primo luogo, garantisce un'alimentazione corretta per ogni cellula del corpo. Le cellule degli organi non possono funzionare bene se mancano meno di nutrizione. La corretta lavorazione di tutti i prodotti alimentari nei componenti necessari per il corpo, la loro consegna ad altri organi e cellule del corpo dipende dal lavoro del fegato al 100%. Allo stesso tempo, il buon funzionamento del fegato fornisce fino al 70% di pulizia del corpo dai prodotti di scarto e dalla normale qualità della vita umana. A seconda della misura in cui il fegato è compromesso, le fasi di recupero da questa condizione e malattia dipendono. Va ricordato che le malattie più gravi iniziano dal più leggero. Pertanto, diagnosi tempestiva e trattamento ben scelto sono fondamentali.

Farmaci per ripristinare la funzionalità epatica

Importanti nel trattamento sono gli epatoprotettori, che hanno sia una struttura vegetale che una chimica. Le loro proprietà sono diverse e il loro uso dipende dalla forma della malattia. Nelle malattie gravi sono prescritti diversi farmaci. Per l'obesità, sono necessari preparati di acido ursodesossicolico, fosfolipidi essenziali che riducono l'ossidazione dei grassi e cellule epatiche rigeneranti. Farmaci che prevengono l'infiammazione.

Per una significativa riduzione della steatosi, il trattamento inizia con la perdita di peso e la ginnastica terapeutica, ma senza azione forzata, in quanto ciò può portare a necrosi o fibrosi. Un kg e mezzo alla settimana è considerato ottimale per perdere peso in eccesso. Se necessario, terapia insulinica per malattie del fegato, la dose di insulina deve essere ridotta per ridurre l'intensità della gluconeogenesi. Altri pazienti devono affrontare il problema dell'aumentata richiesta di insulina, quindi è imperativo monitorare il rapporto glicemico con aggiustamenti della dose.

Il diabete e le malattie del fegato sono strettamente correlati. La diagnosi precoce e il trattamento dovrebbero essere prestati con attenzione tempestiva.

Pulizia del fegato per il rimedio popolare per diabetici:

Al mattino, a stomaco vuoto, bere 1 bicchiere di acqua minerale, dopo 20 minuti. un altro bicchiere È possibile aggiungere un cucchiaio di sorbitolo. Sdraiati con una bottiglia d'acqua calda sul fegato. La procedura viene eseguita entro 1,5-2 ore. (Secondo Malakhov).

È necessario usare la pulizia di un fegato molto accuratamente e dopo consultazione con il dottore.

Lessare un pezzo di fegato in acqua leggermente salata, tagliarlo. Soffriggere la cipolla e aggiungere il fegato tritato, soffriggere leggermente. Dopo che il pane è stato schiacciato in un frullatore, sono state aggiunte delle verdure fresche, un po 'di acqua è necessaria per la morbidezza e la massa è in umido per 5 minuti.

Manzo, pollo, fegato di maiale sono prodotti dietetici. Utilizzato per la prevenzione. Ha un alto contenuto di vitamine, oligoelementi, aminoacidi.

Articoli correlati:

Malattia epatica e suo trattamento per il diabete

A proposito di fegato nel diabete

Il fegato è l'organo principale in cui l'insulina si rompe. Tutti gli altri tessuti e persino gli organi lo distruggono in misura molto minore e prendono anche parte al processo di interazione con il glucagone. Pertanto, il ruolo che il fegato ha ricevuto nel diabete mellito non può essere sottostimato, così come la crusca. Questo è vero per il diabete, sia il primo che il secondo tipo. A questo proposito, anche il trattamento tempestivo è ugualmente necessario, il che aiuterà a far fronte a molti problemi emergenti, ad esempio, quando si tratta di cirrosi. Più dettagli su ciò che costituisce un fegato e persino il diabete sono più avanti nel testo.

A proposito di fegato

Il fegato è impegnato nella produzione di glucosio non solo per il fatto che il glicogeno (glicogenolisi) si disintegra, ma anche attraverso la sua trasformazione, cioè la gluconeogenesi dovuta al riso e ad altri prodotti. In uno stato normale, a stomaco vuoto, è possibile mantenere un equilibrio tra la produzione di zucchero da parte del fegato e il suo utilizzo con l'aiuto dei muscoli.

Dopo aver mangiato cibo in risposta ad un aumento del rapporto tra zucchero nel sangue aumenta e la concentrazione dell'insulina ormonale. In uno stato normale, quando non c'è il diabete del primo o del secondo tipo, l'insulina è responsabile della formazione di glicogeno nel fegato e inibisce processi quali:

  • gluconeogenesi # 8212; con frequente uso di kefir;
  • glicogenolisi, mentre il trattamento è necessario.

Nel caso di resistenza epatica agli effetti dell'insulina, si nota la commutazione sistematica di tutti i processi associati al metabolismo. In questo modo si aumenta la produzione e la secrezione di zucchero nel sangue, si nota la scomposizione del glicogeno e la sua formazione e accumulo nell'area del fegato, al contrario, peggiora in modo tale che neppure la ricotta non aiuta. Tutto ciò può provocare non solo la cirrosi, ma molti altri problemi.

Inoltre, la resistenza all'insulina nei muscoli di tipo scheletrico è caratterizzata da una violazione della fornitura di zucchero e dal suo utilizzo da parte delle cellule.

Quali sono le malattie del fegato?

Nel corso degli anni, una varietà di terminologia è stata utilizzata per denotare tutti i danni al fegato esistenti nel diabete mellito, inclusi concetti come epatopatia, epatite grassa e molti altri. Recentemente, tuttavia, la più rilevante è la denominazione "malattia del fegato grasso non alcolica", che combina diversi concetti. In particolare, steatosi non alcolica e steatoepatite non alcolica, oltre alla cirrosi n. 8212; con frequente uso di formaggio.

È importante ricordare che le persone con diabete di tipo 2 hanno una lista completa di malattie del fegato. Include anormalità associate a enzimi epatici, cirrosi e altro. Il trattamento di ciascuna di queste manifestazioni è di vitale importanza. Tuttavia, qual è la cirrosi e quali sono le sue manifestazioni?

A proposito di cirrosi

Cirrosi epatica - una delle più importanti cause di morte che si verificano con il diabete. Secondo i risultati delle autopsie, la frequenza della probabile formazione di fibrosi epatica gravata nel diabete è molto più alta che senza di essa. Il trattamento di questa malattia è necessario, come minimo, perché questo processo influisce negativamente non solo sul fegato umano stesso, ma anche su altri organi. In particolare, il diabete del primo e del secondo tipo è aggravato.

La cirrosi e il diabete sono complicati dal fatto che la cirrosi stessa è accompagnata dallo sviluppo di insulino-resistenza. Con questo:

  1. la destabilizzazione di tolleranza di glucosio è annotata nel 60%;
  2. diabete mellito evidente - nel 20% dei pazienti.

Allo stesso tempo, la gravità del diabete di tipo 2 in coloro che si trovano di fronte a una manifestazione come la cirrosi spesso va via con una diminuzione, piuttosto che un aumento della secrezione dell'ormone, pertanto, il trattamento sarà più efficace nelle fasi iniziali della malattia nel diabete di qualsiasi tipo.

Come eseguire il trattamento e la prevenzione, se diagnosticata con cirrosi, che aggrava il diabete mellito di primo o secondo tipo?

A proposito di trattamento e prevenzione

Su modi per trattare il fegato

I metodi esistenti di trattamento della patologia presentata, ovviamente, mirano ad eliminare o indebolire i fattori che portano alla sua formazione. Riduzione dell'indice generale del corpo, correzione dell'iperglicemia e iperlipidemia, rifiuto di farmaci epatotossici. Tutto questo è i principi di base della terapia quando la cirrosi viene diagnosticata con un primo o secondo tipo di disturbo zuccherino.

L'efficacia di tale trattamento sarà marcata sarà maggiore nelle persone che hanno confermato la diagnosi con una biopsia epatica o un cambiamento qualitativo nei fattori di rischio presentati.

L'inizio del processo di trattamento consiste nel ridurre l'indice corporeo e svolgere esercizi fisici. Questo aiuta ad aumentare il grado periferico di sensibilità all'ormone e riduce significativamente la steatosi epatica. Allo stesso tempo, un cambiamento forzato del peso corporeo nel diabete di qualsiasi tipo può portare a necrosi, infiammazione o fibrosi. Il loro trattamento sarà lungo e dovrebbe essere effettuato in un ordine separato. Tutto ciò potrebbe essere dovuto a:

  • un aumento degli acidi grassi liberi circolanti;
  • derivanti, a sua volta, a causa di una maggiore lipolisi.

Il tasso ottimale di diminuzione dell'indice corporeo dovrebbe essere di circa 1,5 kg ogni sette giorni. Allo stesso tempo, la cirrosi ridurrà gradualmente l'argomento. A causa del fatto che gli acidi grassi arricchiti contribuiscono ad aumentare la resistenza all'insulina, si raccomanda di osservare un'alimentazione corretta con un rapporto aumentato di acidi grassi insaturi e un numero ridotto di carboidrati. Tale trattamento sarà più efficace nel diabete mellito, sia nel primo che nel secondo tipo.

Metodi terapeutici moderni

Nell'implementazione della terapia insulinica in pazienti con malattia epatica che non possono essere compensati, il dosaggio di insulina può essere ridotto a causa di una diminuzione del grado di gluconeogenesi e del trattamento con insulina. Tuttavia, alcuni dei pazienti con funzione epatica destabilizzata potrebbero dover far fronte a un aumento del fabbisogno di insulina. Ciò richiede un attento monitoraggio del rapporto glicemico e frequenti aggiustamenti della dose.

Pertanto, il diabete e il fegato, in particolare, la cirrosi sono correlati. Il loro trattamento deve essere effettuato il prima possibile e richiede molto tempo, quindi è necessario prestare particolare attenzione ad esso. Dovrebbe essere eseguito in modo sintomatico, inoltre, recentemente il trattamento ambulatoriale è diventato sempre più popolare, il che rende possibile monitorare costantemente le condizioni del paziente per un lungo periodo di tempo. Grazie a ciò, è sicuro dire che la cirrosi epatica e qualsiasi deviazione nel lavoro di questo organo nel diabete mellito è curabile.

Come trattare il fegato nel diabete?

Il diabete colpisce tutti i sistemi del corpo. Il diabete mellito e il fegato sono i primi a interagire, perché c'è una violazione dei processi metabolici che agiscono direttamente sul corpo. Diversi tipi di diabete hanno un effetto diverso sul fegato, uno causa danni rapidi, l'altro non causa complicazioni da decenni. Tuttavia, il normale funzionamento del fegato è possibile solo con l'osservanza della terapia farmacologica, altrimenti gli effetti sono irreversibili.

L'effetto del diabete sul fegato

L'impatto del diabete di tipo 1 sul fegato è insignificante, quindi il paziente non avverte immediatamente i disturbi che si verificano nel fegato. Nel diabete di tipo 2 si avvertono immediatamente anomalie nel funzionamento del fegato, l'organo subisce una rapida deformazione e distruzione. Il fegato nel processo della malattia è aumentato a causa di depositi di grasso, che successivamente portano allo sviluppo della cirrosi.

Possibili patologie

Cirrosi: distruzione di organi

La cirrosi epatica si manifesta sostituendo le cellule normali con le cellule adipose, il che influisce drasticamente sulle funzioni svolte. Nel processo di sviluppo della malattia, si manifesta l'insufficienza epatica o il coma. La cirrosi formata non è curabile, questo stadio è irreversibile. Tuttavia, se la patologia non ha raggiunto questa fase, il trattamento mirato alla causa dello sviluppo della malattia contribuirà a mantenere il fegato in uno stato stabile.

Insufficienza epatica

Molto spesso, il diabete, nella maggior parte dei casi, il tipo 1 diventa un provocatore per lo sviluppo di insufficienza d'organo. La malattia provoca non solo anomalie funzionali nel fegato, ma provoca anche il disturbo del sistema endocrino. La conseguenza è la perdita di cuoio capelluto, lo sviluppo della potenza negli uomini, una diminuzione delle ghiandole mammarie nelle donne. Il fallimento ha diverse fasi di sviluppo.

Il primo e il secondo stadio

Il primo stadio è caratterizzato da un cambiamento nel tono della pelle, disturbi nel sistema endocrino. Il danno al fegato in giovane età viola la pubertà. Quando la malattia sviluppa febbre, brividi, la fame è inibita. Lo sviluppo del secondo stadio si manifesta con disturbi nervosi causati da danni al sistema nervoso. Caratterizzato da instabilità emotiva, disorientamento nel tempo e nello spazio.

Fase pesante (3a)

Lo sviluppo si manifesta attraverso il rafforzamento di tutti i segni e lo sviluppo del coma. Ci sono diverse fasi di sviluppo dello stato di coma:

  • Precoma. La coscienza e una forte perdita di forza vengono registrate, i processi di pensiero rallentano e la qualità del sonno peggiora.
  • Fase minacciosa Il paziente perde completamente l'orientamento. L'apatico viene a sostituire lo stato eccitato e viceversa. La durata dello stage raggiunge 10 giorni.
  • Coma. L'odore di ammoniaca viene sentito dalla bocca, la respirazione diventa rumorosa. La mancanza di assistenza medica porta a convulsioni e con il tempo di smettere di respirare.
Torna al sommario

Steatosi o malattia grassa non alcolica

Nel diabete, il lavoro del fegato è inibito. In questo caso, l'epatopatia grassa non alcolica viene spesso diagnosticata significa lo sviluppo di steatosi, accumuli costituiti da depositi di grasso.

La steatosi si sviluppa a causa di processi metabolici compromessi che portano all'obesità. Nel fegato si depositano depositi grassi che possono formare una cisti e impedire il funzionamento di un organo, contribuendo allo sviluppo del diabete e dei problemi cardiaci. Il principale fondamento della steatosi è la resistenza all'insulina e il metabolismo dei carboidrati e dei lipidi. La malattia progredisce gradualmente ed è pericoloso sfociare in cirrosi.

Caratteristiche delle violazioni a seconda del tipo di diabete

Il diabete di tipo 1 inizia a svilupparsi in giovane età, la glicemia è controllata da iniezioni di insulina. Allo stesso tempo, lo sviluppo delle patologie epatiche non progredisce, con la cessazione della terapia, si sviluppa la cirrosi. All'inizio, l'azione dell'insulina peggiora le condizioni del fegato, tuttavia, nel tempo, il farmaco fornisce una normalizzazione delle indicazioni e una condizione stabile.

Nel diabete mellito di tipo 2, si osserva la sostituzione di cellule epatiche sane con accumuli di grasso. La conduzione della terapia farmacologica previene lo sviluppo di lesioni grasse, il lavoro del corpo avviene a lungo in un ritmo normale. Tuttavia, se si ignora la terapia antidiabetica, i cambiamenti nel fegato diventeranno irreversibili.

Sintomi di patologia

Gli effetti sul fegato nel diabete mellito sono caratterizzati da sintomi quali:

  • letargia;
  • disturbo del sonno;
  • diminuzione dell'appetito;
  • gonfiore della cavità addominale;
  • il colore giallastro della pelle e il guscio bianco dei bulbi oculari;
  • decolorazione delle feci;
  • dolore nella cavità addominale;
  • gonfiore delle gambe;
  • espansione dell'addome dovuta al fluido accumulato;
  • dolore nella zona del fegato.
Torna al sommario

Trattamento della malattia

È necessario trattare il fegato nel diabete con metodi complessi. Inizialmente, il medico determina le cause che influenzano lo sviluppo della malattia e prescrive le tecniche per affrontarle. La terapia combina vari metodi, tra cui tecniche mediche, dieta, mantenimento di un regime giornaliero bilanciato, l'uso di complessi vitaminici, eliminazione del peso corporeo in eccesso.

Dieta per il paziente

La malattia epatica, indipendentemente dalla fase diabetica, richiede il rispetto di una dieta e anche le letture glicemiche sono controllate. La dieta richiede rigide restrizioni sui grassi, l'esclusione dei carboidrati leggeri e il rifiuto di bere alcolici. Lo zucchero è escluso, si usano invece gli edulcoranti. I grassi vegetali, l'olio d'oliva diventano utili, il fegato di un uccello magro è usato nel cibo.

Farmaci per l'uso

Prima di tutto, il trattamento del fegato viene effettuato trasferendo il diabete mellito nella fase di compensazione. Applicare farmaci che riducono la concentrazione di zucchero nel sangue, indipendentemente dal tipo di patologia, così come le iniezioni di insulina. La fase successiva è volta a prevenire lo sviluppo di complicanze. La pulizia del fegato nel diabete avviene attraverso l'uso di epatoprotettori, sostanze antiossidanti, farmaci che agiscono sul colesterolo, così come il ripristino della microflora intestinale. Quando si esacerbano la malattia, vengono utilizzati iniezioni, emodialisi, plasmaferesi.

Parola finale

Il diabete e il fegato sono correlati. Lo sviluppo del diabete colpisce tutti, senza eccezione, gli organi del corpo. Il fegato soffre in primo luogo perché nel corpo il processo metabolico è disturbato, il che porta a un disordine nel funzionamento dell'organo e provoca conseguenze pericolose. Il trattamento incurante del diabete e delle malattie concomitanti può portare a insufficienza o cirrosi.

Malattia epatica nel diabete mellito: sintomi di malattie (cirrosi, epatosi grassa)

Il diabete influisce sulla salute del fegato. Questo corpo produce e mantiene il glucosio, serve come una sorta di un tipo di riserva di zucchero, che è un combustibile per il corpo che supporta il livello richiesto di glucosio nel sangue.

Glucosio e fegato

A causa delle necessità del corpo, il glucagone e l'insulina riportano lo stoccaggio o il rilascio di zucchero. Quando si mangia, accade il seguente: il fegato immagazzina il glucosio, che ha la forma di glicogeno, che verrà consumato più tardi quando è necessario.

Aumento dell'insulina a e livelli di glucagone soppressi mentre si mangia cibo contribuiscono alla conversione del glucosio in glicogeno.

Il corpo di ogni persona produce glucosio, se necessario. Di conseguenza, quando una persona non mangia cibo (di notte, il divario tra colazione e pranzo), il suo corpo inizia a sintetizzare il suo glucosio. Il glicogeno diventa glucosio a seguito dell'eicogenolisi.

Pertanto, una dieta per diabetici, o persone con glicemia alta e glucosio nel sangue, è così importante.

Il corpo ha anche un altro metodo per generare glucosio da grassi, amminoacidi e prodotti di scarto. Questo processo è chiamato gluconeogenesi.

Cosa succede quando c'è carenza:

  • Quando il corpo è carente di glicogeno, sta tentando con tutte le sue forze di salvare un rifornimento continuo di glucosio agli organi che ne hanno bisogno in primo luogo - i reni, il cervello, le cellule del sangue.
  • Inoltre, oltre a fornire glucosio, il fegato produce un'alternativa al principale combustibile per organi - i chetoni derivati ​​dai grassi.
  • Un prerequisito per l'inizio della chetogenesi è la riduzione dei livelli di insulina.
  • Lo scopo principale della chetogenosi è di risparmiare glucosio per quegli organi che ne hanno più bisogno.
  • La formazione di molti chetoni non è un problema così comune, ma è un fenomeno piuttosto pericoloso, pertanto può essere necessaria un'assistenza medica di emergenza.

È importante! Molto spesso, un alto indice di zucchero nel sangue al mattino con diabete mellito diventa una conseguenza dell'aumento della gluconeogenesi durante la notte.

Le persone che hanno una malattia come il diabete non sono familiari, ma dovrebbero essere consapevoli che l'accumulo di grasso nelle cellule del fegato aumenta le possibilità di formazione di questa malattia.

Inoltre, la quantità di grasso in altre parti del corpo non importa.

Epatite grassa Dopo aver condotto molte ricerche, è emerso che l'epatite grassa è un fattore pericoloso per il diabete.

Gli scienziati hanno scoperto che nei pazienti con epatite grassa, sono ad alto rischio per la progressione del diabete di tipo 2 per cinque anni.

Una diagnosi simile all'epatosi adiposa obbliga una persona a stare attenta alla sua salute in modo che non sviluppi il diabete. Questo suggerisce che verrà utilizzata una dieta e un trattamento epatico completo per qualsiasi problema con questo organo.

L'epatosi grassa può essere diagnosticata mediante ultrasuoni. Un tale studio può predire la formazione del diabete nonostante la concentrazione di insulina nel sangue.

Fai attenzione! Anche con lo stesso contenuto di insulina nel sangue, le persone con epatite grassa sono a doppio rischio di sviluppare il diabete rispetto a quelle con cui questa malattia (degenerazione del fegato) non è familiare.

La diagnosi di epatite grassa è stabilita in 1/3 dei residenti negli Stati Uniti. A volte i sintomi di questa malattia non sono pronunciati, ma succede che la malattia può portare a insufficienza epatica e possibilmente danneggiare il fegato.

L'epatosi grassa è spesso indicata come una malattia epatica alcolica, ma questa malattia può avere altre cause e sintomi.

È importante! L'obesità epatica influenza l'insulino-resistenza.

statistica

In uno studio che è stato pubblicato sulla rivista di metabolismo e endocrinologia clinica, gli scienziati hanno condotto un'analisi, studiando come l'epatosi grassa influenza lo sviluppo del diabete.

Il progetto ha coinvolto 11.091 residenti della Corea del Sud. All'inizio (2003) dello studio e dopo cinque anni, la concentrazione di insulina e la funzionalità epatica sono state misurate nell'uomo.

  1. Nella fase iniziale dello studio, l'epatosi grassa è stata diagnosticata nel 27% dei coreani.
  2. Allo stesso tempo, il 60% di quelli testati ha sperimentato l'obesità, rispetto al 19% senza degenerazione del fegato.
  3. Il 50% delle persone con obesità epatica aveva picchi concentrazioni di insulina a stomaco vuoto (un marker di resistenza all'insulina), rispetto al 17% senza epatosi grassa.
  4. Di conseguenza, solo l'1% dei coreani che non hanno l'epatosi grassa ha sviluppato il diabete mellito (tipo 2), rispetto al 4% che soffre di degenerazione del fegato.

Dopo aver aggiustato i marker di insulino-resistenza nella fase iniziale dello studio, la probabilità di diabete mellito era ancora maggiore rispetto all'epatosi grassa.

Ad esempio, tra le persone con i più alti livelli di insulina, all'inizio di uno studio con obesità epatica, il rischio di diabete era due volte più alto.

Inoltre, nella fase iniziale dello studio, le persone con epatite grassa erano più suscettibili allo sviluppo di carenza di insulina (livelli elevati di colesterolo e glucosio).

Pertanto, l'epatosi grassa aumenta decisamente la probabilità di diabete. Per questo motivo, le persone con obesità epatica hanno bisogno di una dieta speciale, che dovrebbe evitare lo zucchero, controllare il glucosio nel sangue e limitare il consumo di pasti e alimenti ricchi di carboidrati semplici.

Fai attenzione! Coloro che hanno un peso extra, una tale dieta diventerà molto più magra, anche se la base della dieta è diretta non tanto alla perdita di peso, quanto al trattamento e alla prevenzione dell'epatosi.

Inoltre, una dieta speciale comporta la rinuncia all'alcol. È necessario per il pieno funzionamento del fegato, che svolge più di 500 funzioni diverse.

Cirrosi epatica

Durante lo studio con un carico di glucosio orale nelle persone con cirrosi, spesso si riscontra l'iperglicemia. Le cause della cirrosi non sono ancora completamente comprese.

  • Di regola, nella cirrosi, la resistenza del tessuto periferico all'insulina si sviluppa e diminuisce la clearance dell'insulina.
  • Anche la sensibilità degli adipociti all'insulina diminuisce.
  • Rispetto alla categoria di controllo, in caso di cirrosi l'assorbimento di insulina diminuisce durante il passaggio iniziale attraverso l'organo.
  • Fondamentalmente, l'aumento della resistenza all'insulina è bilanciato dalla sua aumentata secrezione da parte del pancreas.
  • Di conseguenza, c'è un aumento del contenuto di insulina e una normalizzazione della glicemia al mattino e una leggera diminuzione della tolleranza allo zucchero.

A volte dopo l'assunzione iniziale di glucosio, la secrezione di insulina si riduce. Ciò dimostra l'arresto del peptide C. Per questo motivo, l'assorbimento del glucosio rallenta in modo significativo.

Il grado di glucosio a stomaco vuoto rimane normale. Con una pronunciata iposecrezione di insulina, lo zucchero dal fegato entra nel sangue, a causa dell'assenza dell'effetto inibitorio dell'insulina sul processo di formazione del glucosio.

La conseguenza di tali trasformazioni è l'iperglicemia a stomaco vuoto e grave iperglicemia dopo aver consumato glucosio. Quindi si forma il diabete, e nel trattamento vale la pena considerarlo.

La diminuzione della tolleranza al glucosio nella cirrosi può essere distinta dal diabete reale, dal momento che Il contenuto di glucosio di una persona che non mangia cibo rimane generalmente normale. In questo caso, i sintomi clinici del diabete non sono espressi.

La diagnosi di cirrosi nel diabete non è difficile. Dopo tutto, quando la carenza di insulina non appare come sintomi come:

  1. ascite;
  2. vene di ragno;
  3. epatosplenomegalia;
  4. ittero.

Se necessario, è possibile diagnosticare la cirrosi con una biopsia epatica.

Il trattamento per la cirrosi epatica comporta il consumo di prodotti a base di carboidrati, e qui in primo luogo la dieta. Piuttosto, al paziente viene prescritta una dieta speciale, in particolare, è necessario per l'encefalopatia, il trattamento qui è strettamente correlato alla nutrizione.

Indicatori di funzionalità epatica

Con diabete mellito compensato, non ci sono cambiamenti negli indici della funzionalità epatica. E anche se vengono rilevati, i loro sintomi e cause non sono legati al diabete.

Se il metabolismo dei carboidrati è disturbato, possono comparire sintomi di iperglobulinemia e sintomi che indicano un aumento della bilirubina sierica.

Tali sintomi non sono caratteristici del diabete compensato. L'80% dei diabetici ha danni al fegato a causa dell'obesità. Quindi, ci sono alcuni cambiamenti nel siero: GGTP, transaminasi e fosfatasi alcalina.

Un aumento del fegato a causa di un alto indice di glicogeno nel diabete di tipo 1 o di alterazioni grasse, se la malattia è del secondo tipo, non è correlato con gli indicatori dell'analisi della funzione epatica.

Una semplice dieta terapeutica qui svolgerà il ruolo di prevenzione, mentre il trattamento nel complesso accoglie positivamente la presenza della nutrizione terapeutica.

Il rapporto tra malattie delle vie biliari e diabete del fegato

Nel diabete, la cirrosi si sviluppa raramente. Di norma, prima viene diagnosticata la cirrosi, quindi viene rilevata la carenza di insulina e viene sviluppato il trattamento.

Il diabete può anche essere un segno di emocromatosi ereditaria. È anche interconnesso con epatite autoimmune cronica e antigeni del complesso principale di istocompatibilità DR3, HLA-D8.

Anche con una forma di diabete insulino-indipendente, si possono formare calcoli biliari. Molto probabilmente, questo si riferisce non al diabete, ma a un cambiamento nella composizione della bile dovuta all'obesità. La dieta medica, come trattamento, in questo caso può impedire la formazione di nuove pietre.

Può anche essere attribuito a segni di una diminuzione della funzione contrattile nella cistifellea.

Il trattamento chirurgico della cistifellea nei diabetici non è rischioso, ma il funzionamento delle vie biliari spesso porta a infezioni della ferita e alla morte.

Un trattamento con sulfonilurea può portare a lesioni granulomatose o colestatiche del fegato.

Diabete mellito e malattia del fegato grasso

Diabete mellito e malattia del fegato grasso

Cos'è il diabete?

Il diabete mellito è una malattia associata a una violazione di una delle funzioni del pancreas, cioè la regolazione del livello di zucchero (glucosio) nel sangue. Questa è la situazione in cui il pancreas e le sostanze regolatorie secrete da esso non sopportano il carico posto su di loro.

Cosa fa il pancreas nel corpo?

Il pancreas consiste di 2 parti, una dentro l'altra. Una delle parti, più note a noi, svolge una funzione digestiva. Segue varie sostanze - enzimi che digeriscono prevalentemente grassi e carboidrati. La violazione di questa funzione del pancreas, associata alla sua infiammazione e alla diminuzione della produzione di enzimi, è chiamata pancreatite. È acuto e cronico. Tuttavia, nel quadro del diabete mellito, questo è di scarso interesse per noi.

Un'altra parte del pancreas, situata nella forma delle cosiddette isole di Langerhans, secerne un gran numero di sostanze regolatrici - gli ormoni. Alcuni di questi ormoni sono responsabili della crescita e dello sviluppo del corpo e sono più significativi in ​​giovane età. Un'altra parte degli ormoni, infatti, è responsabile della regolazione del livello di glucosio nel corpo.

Perché abbiamo bisogno di glucosio?

Il glucosio è la principale fonte di energia nel corpo, alimenta tutte le cellule, i tessuti e gli organi, compreso il cervello. Poiché il valore del glucosio nel corpo è estremamente alto, il corpo sostiene la sua quantità costante nel sangue in vari modi. Possiamo determinare il livello di glucosio, normalmente la sua concentrazione nel sangue va da 3,5 a 5,5 mmol / l (questo intervallo può variare in diversi laboratori, a seconda dei reagenti che usano).

Quindi, per il normale funzionamento, prima di tutto, il cervello e gli altri organi nel sangue devono mantenere una concentrazione costante di glucosio. Riducendo la sua quantità si chiama ipoglicemia e può portare a gravi complicazioni, anche coma ipoglicemico! Aumentare la quantità di glucosio si chiama iperglicemia e può anche portare allo sviluppo del diabete mellito, a gravi complicazioni da cuore, cervello, vasi, fino a coma iperglicemico o iperosmolare!

Il livello di glucosio (zucchero) nel corpo può essere confrontato con la quantità di benzina nell'auto. Ad esempio, quando l'autista nota il basso livello di benzina su cui è in funzione il motore, guida verso una stazione di servizio e rifornisce di carburante il serbatoio. Allo stesso modo, il corpo, notando bassi livelli di glucosio, con l'aiuto del cervello ci dice che abbiamo bisogno di mangiare. L'autista riempie la sua auto con la quantità di carburante di cui ha bisogno per raggiungere la prossima stazione di servizio o destinazione. Allo stesso modo, il cervello dà un segnale di saturazione quando segna il livello di cibo consumato, sufficiente fino allo spuntino successivo.

Come si sviluppa il diabete?

Questa malattia si sviluppa quando riempiamo il nostro corpo in abbondanza, in quantità tale da non aver bisogno. Ma, se l'autista versa troppa benzina nell'auto, si riversa fuori dal serbatoio del gas, creando il pericolo di incendio non solo dell'auto, ma dell'intera stazione di servizio. Al contrario, una persona che riempie il suo corpo con un eccesso di cibo ad alta energia crea un carico maggiore sul fegato e sul pancreas. Se l'eccesso di cibo, principalmente cibi ad alta energia ricchi di carboidrati e grassi, si verifica regolarmente, alla fine il corpo non resiste a questo carico... Quindi si sviluppano pancreatite, diabete e steatosi epatica.

In che modo il diabete mellito è correlato al fegato?

Risulta tutto abbastanza semplice. La nostra circolazione sanguigna è sistemata in modo tale che tutte le sostanze digerite nello stomaco e nell'intestino vengano assorbite nell'intestino nel sangue, che successivamente entra parzialmente nel fegato. E oltre all'alto carico sulla parte digestiva del pancreas, perché deve digerire tutto questo volume di cibo, si crea un carico elevato sul fegato e sulla parte regolante del pancreas.

Il fegato deve passare attraverso tutto il grasso dal cibo, e hanno un effetto dannoso su di esso. Il pancreas deve "attaccare" tutti i carboidrati e il glucosio ottenuti dal cibo - perché il suo livello deve essere stabile. Quindi il corpo trasforma i carboidrati in eccesso in grassi e di nuovo l'effetto dannoso dei grassi sul fegato! E il pancreas è impoverito, costretto a produrre sempre più gomonov ed enzimi. Fino a un certo punto, quando si sviluppa l'infiammazione. E il fegato, costantemente danneggiato, fino a quando un certo punto non si infiamma.

Cos'è la sindrome metabolica?

Quando entrambi gli organi sono danneggiati e infiammati, si sviluppa la cosiddetta sindrome metabolica. Combina 4 componenti principali: steatosi epatica e steatoepatite, diabete mellito o ridotta resistenza al glucosio, alterato metabolismo dei grassi nel corpo, danni al cuore e ai vasi sanguigni.

Steatosi epatica e steatoepatite

Tutti i grassi ottenuti contengono colesterolo, trigliceridi e varie lipoproteine. Si accumulano nel fegato in grandi quantità, possono distruggere le cellule del fegato e causare infiammazioni. Se il grasso in eccesso non può essere completamente neutralizzato dal fegato, viene trasportato dal flusso sanguigno ad altri organi. La deposizione di grasso e colesterolo nei vasi sanguigni porta allo sviluppo di aterosclerosi, inoltre provoca lo sviluppo di cardiopatia ischemica, infarti e ictus. La deposizione di grasso e colesterolo danneggia il pancreas, interrompendo il metabolismo del glucosio e dello zucchero nel corpo, contribuendo così allo sviluppo del diabete.

I grassi accumulati nel fegato sono esposti ai radicali liberi e inizia la loro perossidazione. Di conseguenza, si formano forme attive modificate di sostanze che hanno un effetto distruttivo ancora maggiore sul fegato. Attivano alcune cellule del fegato (cellule stellate) e il normale tessuto epatico inizia a essere sostituito dal tessuto connettivo. Si sviluppa la fibrosi epatica.

Pertanto, l'intera serie di cambiamenti associati al metabolismo dei grassi nel corpo danneggia il fegato, portando allo sviluppo di:

- steatosi (eccesso di grasso nel fegato),

- steatoepatite (alterazioni infiammatorie nel fegato grasso),

- fibrosi epatica (formazione di tessuto connettivo nel fegato),

- cirrosi epatica (violazione di tutte le funzioni del fegato).

Quando e come sospettare questi cambiamenti?

Prima di tutto, devi iniziare a dare l'allarme a quelli che sono già stati diagnosticati. Questa può essere una delle seguenti diagnosi: l'aterosclerosi, dislipidemia, malattia coronarica, angina pectoris, infarto del miocardio, aterosclerosi del miocardio, ipertensione, ipertensione essenziale, diabete mellito, ridotta tolleranza al glucosio, insulino-resistenza, sindrome metabolica, l'ipotiroidismo.

Se si dispone di una di queste diagnosi, consultare il proprio medico per controllare e monitorare le condizioni del fegato, nonché la nomina del trattamento.

Se il sondaggio aver identificato deviazione di uno o più valori di laboratorio di analisi del sangue, per esempio, colesterolo, trigliceridi, lipoproteine, cambiando glucosio o emoglobina glicosilata, e anche aumentare gli indicatori che caratterizzano funzionalità epatica - AST, ALT, TTG, AP in alcuni casi bilirubina.

Se c'è un livello elevato di uno o più parametri, consultare anche un medico per chiarire lo stato di salute, ulteriori diagnosi e prescrizione del trattamento.

Se si dispone di uno o più sintomi o fattori di rischio per lo sviluppo della malattia, è inoltre necessario consultare un medico per una valutazione del rischio più accurata, determinazione della necessità di esame e trattamento. I fattori di rischio o sintomi di sindrome metabolica sono l'obesità, vita alta, con un incremento periodica o permanente della pressione arteriosa, l'uso di grandi quantità di cibi grassi o fritti, dolci, alimenti ricchi di amido, e alcol.

Cosa consiglia il medico?

In ogni caso, in presenza di una malattia o presenza di tassi elevati nei test o presenza di sintomi e fattori di rischio, è necessaria la consulenza di uno specialista!

È necessario rivolgersi immediatamente a diversi specialisti: terapeuta, cardiologo, endocrinologo e gastroenterologo. Se in questa situazione la cosa più importante è lo stato del fegato, puoi contattare un gastroenterologo o un epatologo.

Il medico determinerà la gravità del disturbo o la gravità della malattia, a seconda di ciò, in caso di necessità reale, pianificare un esame e dirvi che cosa esattamente questo esame sarà importante per la valutazione del rischio.

Prima, dopo o durante l'esame, il medico può prescrivere un trattamento che dipenderà dalla gravità dei sintomi e dei disturbi riscontrati.

Nella maggior parte dei casi per il trattamento della steatosi epatica in combinazione con diabete, cioè in presenza della sindrome metabolica è usato diversi farmaci: per correggere lo stato del fegato, per ridurre i livelli di colesterolo, per il recupero della sensibilità al glucosio, per abbassare la pressione sanguigna per ridurre il rischio di infarto e colpi, e alcuni altri.

Non è sicuro sperimentare da solo con la modifica del trattamento o la selezione di farmaci! Vedi il tuo medico per il trattamento!

Quali farmaci vengono utilizzati per ripristinare la funzionalità epatica?

Un ruolo importante nel trattamento prende la perdita di peso, una maggiore attività fisica, una dieta speciale con ridotti livelli di colesterolo e veloci carboidrati, a seconda della situazione, si può avere nemmeno preso in considerazione "unità di pane".

Per il trattamento delle malattie del fegato, c'è un intero gruppo di farmaci chiamati epatoprotettori. All'estero, questo gruppo di farmaci chiamati citoprotettori. Questi farmaci hanno una diversa natura e struttura chimica - ci sono preparati a base di erbe, droghe di origine animale, droghe sintetiche. Naturalmente, le proprietà di questi farmaci sono diverse e vengono utilizzate principalmente per varie malattie del fegato. In situazioni gravi, vengono utilizzati diversi farmaci contemporaneamente.

Preparati di acido ursodesossicolico e fosfolipidi essenziali sono comunemente prescritti per il trattamento della malattia del fegato grasso. Questi farmaci riducono la perossidazione del grasso, stabilizzano e ripristinano le cellule del fegato. A causa di ciò, l'effetto dannoso dei grassi e dei radicali liberi è ridotto e anche i cambiamenti infiammatori nel fegato, i processi di formazione del tessuto connettivo sono ridotti, di conseguenza lo sviluppo della fibrosi e della cirrosi epatica è rallentato.

preparazioni UDCA (Ursosan) hanno più effetto stabilizzante sulle membrane cellulari, impedendo così la distruzione delle cellule epatiche e lo sviluppo di infiammazione nel fegato. Ursosan ha anche un effetto coleretico e aumenta l'escrezione di colesterolo insieme alla bile. Ecco perché è il suo uso preferito nella sindrome metabolica. Inoltre, Ursosan stabilizza dotto biliare, comuni nella cistifellea e del pancreas, fornendo a tali autorità un effetto benefico, che è particolarmente importante per pancreatite.

Malattia di fegato grasso, in combinazione con una violazione dello scambio di zucchero e glucosio, richiede l'uso nel trattamento di ulteriori farmaci.

Questo articolo fornisce informazioni limitate sui metodi e trattamenti per le malattie del fegato. La prudenza richiede di andare da un medico per scegliere il regime di trattamento giusto!