domande

Metastasi

Le lesioni virali del fegato oggi si manifestano spesso nella pratica dei gastroenterologi. E il leader sarà certamente l'epatite C. Tra quelli che, passando allo stadio cronico, causano un danno significativo alle cellule del fegato, interrompendo le sue funzioni digestive e di barriera.

L'epatite C è caratterizzata da una corrente lenta, un lungo periodo senza manifestazione dei principali sintomi della malattia e un alto rischio di complicanze. La malattia non si autoalimenta da molto tempo e può essere rivelata solo con un test per gli anticorpi contro l'epatite C e altri marcatori.

Gli epatociti (cellule epatiche) sono colpiti dal virus, causa la loro disfunzione e distruzione. A poco a poco, dopo aver superato lo stadio della cronicità, la malattia porta alla morte di una persona. La tempestiva diagnosi del paziente per gli anticorpi dell'epatite C è in grado di arrestare lo sviluppo della malattia, migliorare la qualità e l'aspettativa di vita del paziente.

Il virus dell'epatite C è stato isolato per la prima volta alla fine del XX secolo. La medicina oggi distingue sei variazioni del virus e più di un centinaio dei suoi sottotipi. Determinare il tipo di microbo e il suo sottotipo negli esseri umani è molto importante, dal momento che determinano il decorso della malattia e, quindi, approcci al suo trattamento.

Dal momento in cui il virus entra per la prima volta nel sangue umano, passano da 2 a 20 settimane prima che compaiano i primi sintomi. In più dei quattro quinti di tutti i casi, un'infezione acuta si sviluppa senza alcun sintomo. E solo in uno dei cinque casi, è possibile lo sviluppo di un processo acuto con un quadro clinico luminoso e luminoso secondo tutte le regole del trasferimento dell'ittero. L'infezione cronica acquisisce più della metà dei pazienti, per poi passare alla cirrosi epatica.

Gli anticorpi rilevati in tempo per il virus dell'epatite C sono in grado di diagnosticare l'infezione nella sua fase più primaria e dare al paziente la possibilità di una cura completa.

Quali sono gli anticorpi contro l'epatite C?

Le persone che non sono legate alla medicina possono avere una domanda naturale - anticorpi contro l'epatite C, che cos'è?

Il virus di questa malattia nella sua struttura contiene un numero di componenti proteici. Quando vengono ingerite, queste proteine ​​fanno reagire il sistema immunitario e vengono formati anticorpi contro l'epatite C. Diversi tipi di anticorpi sono isolati, a seconda del tipo di proteina originale. Sono determinati in laboratorio in diversi periodi di tempo e diagnosticano vari stadi della malattia.

Come vengono effettuati i test degli anticorpi anti-epatite C?

Al fine di rilevare gli anticorpi contro l'epatite C, una persona viene presa in laboratorio per prendere sangue venoso. Questo studio è utile perché non richiede alcuna preparazione preliminare, tranne che per astenersi dal mangiare 8 ore prima della procedura. In una provetta sterile, il sangue del soggetto viene memorizzato, dopo il metodo di saggio di immunoassorbimento enzimatico (ELISA), basato sulla connessione antigene-anticorpo, vengono rilevate le immunoglobuline corrispondenti.

Indicazioni per la diagnosi:

  • interruzione del fegato, lamentele dei pazienti;
  • aumento degli indicatori di funzionalità epatica nell'analisi biochimica - transaminasi e frazioni di bilirubina;
  • esame preoperatorio;
  • pianificazione della gravidanza;
  • dati ecografici dubbiosi, diagnosi degli organi della cavità addominale, in particolare del fegato.

Ma spesso, gli anticorpi dell'epatite C si trovano nel sangue abbastanza per caso, quando si esamina una donna incinta o un'operazione pianificata. Per una persona, questa informazione è in molti casi uno shock. Ma non fatevi prendere dal panico.

Vi sono numerosi casi in cui sono probabili sia risultati diagnostici falsi-negativi che falsi-positivi. Pertanto, dopo aver consultato uno specialista, si raccomanda di ripetere l'analisi discutibile.

Se vengono rilevati anticorpi contro l'epatite C, non vale la pena sintonizzare il peggio. È necessario chiedere consiglio a uno specialista e condurre ulteriori esami.

Tipi di anticorpi contro l'epatite C

A seconda dell'antigene a cui sono formati, gli anticorpi per l'epatite C sono divisi in gruppi.

IgG anti-HCV - anticorpi di classe G contro il virus dell'epatite C.

Questo è il principale tipo di anticorpo rilevato per diagnosticare l'infezione durante lo screening iniziale nei pazienti. "Questi marcatori dell'epatite C, che cos'è?" Qualsiasi paziente chiederà al medico.

Se questi anticorpi contro l'epatite C sono positivi, significa che il sistema immunitario ha già riscontrato questo virus prima e una forma lenta della malattia può essere presente senza un quadro clinico vivido. Al momento del campionamento, non esiste alcuna replica attiva del virus.

La rilevazione dei dati delle immunoglobuline nel sangue umano è la ragione per un ulteriore esame (rilevazione dell'RNA dell'agente patogeno dell'epatite C).

Anticorpi IgM anti-HCV - anticorpi di classe M per proteine ​​nucleari di HCV

Questo tipo di marcatori comincia a emergere immediatamente dopo che il patogeno è entrato nel corpo umano. Il laboratorio può essere rintracciato un mese dopo l'infezione. Se vengono rilevati anticorpi contro l'epatite C di classe M, viene diagnosticata la fase acuta. La quantità di questi anticorpi aumenta al momento dell'indebolimento del sistema immunitario e dell'attivazione del virus durante il processo cronico della malattia.

Con una diminuzione dell'attività del patogeno e la transizione della malattia alla forma cronica, questo tipo di anticorpi può cessare di essere diagnosticato nel sangue durante la ricerca.

Anticorpi anti-HCV - anticorpi totali contro l'epatite C (IgG e IgM)

In situazioni pratiche, si fa spesso riferimento a questo tipo di ricerca. Gli anticorpi totali del virus dell'epatite C sono la rilevazione di entrambe le classi di marcatori, sia M che G. Questa analisi diventa informativa dopo l'accumulo della prima classe di anticorpi, cioè 3-6 settimane dopo il fatto dell'infezione. Due mesi dopo, in media, dopo questa data, le immunoglobuline di classe G vengono prodotte attivamente. Sono determinati nel sangue di una persona malata per tutta la sua vita o fino all'eliminazione del virus.

Gli anticorpi totali contro l'epatite C sono un metodo universale per lo screening primario della malattia un mese dopo l'infezione di una persona.

Anti-HCV NS - anticorpi anti-proteine ​​non strutturali di HCV

I marcatori di cui sopra appartenevano ai composti proteici strutturali del patogeno dell'epatite C. Ma esiste una classe di proteine ​​chiamate non strutturali. È anche possibile diagnosticare la malattia del paziente. Questi sono gruppi NS3, NS4, NS5.

Gli anticorpi per gli elementi NS3 vengono rilevati nella primissima fase. Caratterizzano l'interazione primaria con l'agente patogeno e fungono da indicatore indipendente della presenza di infezione. La conservazione prolungata di questi titoli in un grande volume può essere un indicatore di un aumento del rischio che l'infezione diventi cronica.

Anticorpi agli elementi NS4 e NS5 si trovano nei periodi successivi della malattia. Il primo dei quali indica il livello di danno epatico, il secondo - sul lancio di meccanismi cronici di infezione. Una diminuzione dei titoli di entrambi gli indicatori sarà un segnale positivo dell'inizio della remissione.

In pratica, la presenza di anticorpi non strutturali contro l'epatite C nel sangue viene raramente controllata, poiché ciò aumenta significativamente il costo dello studio. Più spesso, gli anticorpi centrali contro l'epatite C vengono utilizzati per studiare lo stato del fegato.

Altri marcatori di epatite C

Nella pratica medica, ci sono molti altri indicatori che giudicano la presenza del virus dell'epatite C in un paziente.

HCV-RNA - RNA del virus dell'epatite C

L'agente eziologico dell'epatite C - RNA - contenente, quindi, è possibile mediante PCR-metodo con trascrizione inversa per effettuare la rilevazione del gene del patogeno nel sangue o biomateriale prelevato da una biopsia epatica.

Questi sistemi di test sono molto sensibili e possono rilevare anche una singola particella del virus nel materiale.

In questo modo è possibile non solo diagnosticare la malattia, ma anche determinarne il tipo, che aiuta a sviluppare un piano per il trattamento futuro.

Anticorpi contro l'epatite C: analisi di decodifica

Se un paziente ha ricevuto i risultati di un test per l'individuazione dell'epatite C da parte dell'ELISA, potrebbe chiedersi - anticorpi contro l'epatite C, che cos'è? E cosa mostrano?

Nello studio del biomateriale per l'epatite C, gli anticorpi totali non vengono normalmente rilevati.

Considerare gli esempi di test ELISA per l'epatite C e la loro interpretazione:

Analisi del sangue HCV: che cos'è?

Secondo i concetti della medicina moderna, la superiorità della prevalenza sul globo appartiene ai virus. L'umanità ha dovuto usare molte forze e risorse per combatterli. Un ruolo estremamente importante appartiene alla diagnosi delle lesioni virali del fegato, in particolare dell'epatite virale C. Un'interpretazione corretta dei parametri di laboratorio per rilevare questa malattia è difficile a causa dell'elevato numero di risultati del test del sangue falsi positivi. Pertanto, è così importante la scelta corretta e l'interpretazione dello studio.

Metodi di rilevamento dei virus

Il virus dell'epatite C (hcv) è un piccolo filamento di RNA all'interno dell'involucro virale, che utilizza il materiale genetico delle cellule epatiche per la sua riproduzione. Il contatto diretto porta a:

  • L'inizio del processo infiammatorio nel fegato;
  • Distruzione delle cellule del fegato (citolisi);
  • Lancio di meccanismi immunitari con la sintesi di anticorpi specifici;
  • Aggressione autoimmune degli immunocomplessi contro gli epatociti infiammati.

Il virus dell'epatite C, che entra nel corpo, causa una risposta immunitaria molto lenta, che lascia inosservato per molto tempo. La malattia è spesso rilevata solo nella fase della cirrosi epatica, sebbene tutto il tempo le particelle virali e gli anticorpi corrispondenti circolino nel sangue. Tutti i metodi conosciuti per diagnosticare l'infezione da hcv si basano su questo. Questi includono:

  1. Test sierologici in laboratorio;
  2. Diagnostica della PCR (reazione a catena della polimerasi);
  3. Test rapidi per determinare la malattia a casa.

Video sull'epatite C:

Possibili indicazioni per la ricerca

Chiunque può testare l'infezione da hcv. Indicazioni speciali per questo non sono necessarie, tranne il desiderio di una persona di sottoporsi a questo esame del sangue. Ma c'è una categoria di persone che sono soggette a ricerche obbligatorie. Questi includono:

  • Donatori di sangue;
  • Le persone che hanno ricevuto trasfusioni di sangue, i suoi componenti o farmaci basati su di esso;
  • Aumento del livello di transaminasi epatiche (AlAT, AsAT), specialmente dopo precedenti interventi chirurgici, parto e altre procedure mediche;
  • Sospetta epatite virale C o la necessità di escludere questa diagnosi;
  • Test negativi per l'epatite virale B in presenza di sintomi di infiammazione del fegato;
  • Monitorare l'efficacia della terapia per l'infezione da hcv e decidere le domande sulla tattica di ulteriori trattamenti.

Caratteristiche della diagnosi sierologica e valutazione dei risultati

L'analisi del sangue di laboratorio per hcv prevede la rilevazione di anticorpi (immunoglobuline) delle classi M e G ai componenti antigenici del virus dell'epatite C. Per questo scopo vengono utilizzati il ​​saggio immunoassorbente legato all'enzima (ELISA) e il dosaggio radioimmunologico (RIA). I metodi di laboratorio per la rilevazione degli anticorpi sono considerati i più affidabili poiché consentono l'uso di diversi complessi antigenici dei più comuni tipi di virus dell'epatite C come reagenti.

Per lo studio, circa 20 millilitri di sangue venoso sono raccolti da una vena periferica. Viene centrifugato e difeso per ottenere plasma (parte trasparente liquida). Gli elementi sagomati e il sedimento vengono rimossi. Per evitare falsi positivi, è meglio prendere sangue la mattina prima dei pasti. Alcuni giorni prima, è consigliabile escludere i farmaci, in particolare quelli che influenzano lo stato del sistema immunitario.

I risultati dei test possono essere presentati come segue:

  1. Hcv è negativo. Ciò significa che nel corpo non sono stati rilevati anticorpi contro il virus dell'epatite C. Non c'è malattia;
  2. Hcv è positivo. Ciò suggerisce la presenza di anticorpi contro il virus dell'epatite C nei campioni di sangue studiati: la persona aveva avuto questa malattia o al momento soffriva di una forma acuta o cronica;
  3. Rilevata IgG anti-hcv. In questo caso, vale la pena di pensare all'epatite C cronica virale;
  4. Rilevata IgM anti-hcv. La sua presenza isolata indica un processo acuto e la sua combinazione con IgG anti-hcv indica una esacerbazione di quella cronica.

Caratteristiche di test rapidi

Chiunque può fare un esame del sangue per hcv da solo. Ciò è diventato possibile grazie alla creazione di speciali sistemi di test per la diagnosi rapida dell'epatite C virale. Le loro prestazioni sono inferiori ai metodi sierologici di laboratorio, ma è eccellente per una determinazione approssimativa della possibile infezione in breve tempo.

È possibile acquistare o ordinare un sistema di test presso qualsiasi farmacia. Include tutto il necessario per il test. L'analisi inizia con l'apertura di un contenitore sterile e la preparazione di tutti i componenti. Dopo il trattamento con un tovagliolo speciale con un dito antisettico, viene delicatamente forato con uno scarificatore. Usando una pipetta, 1-2 gocce di sangue vengono raccolte e trasferite nella rientranza sulla piastra di prova. Al sangue aggiungere 1-2 gocce di reagente dalla fiala, che fa parte del test. Il risultato dovrebbe essere valutato dopo 10 minuti. È estremamente importante non valutare il risultato dopo 20 minuti a causa della possibilità di un risultato falso positivo.

Un esame del sangue può essere interpretato come:

  1. Nella finestra del tablet è comparsa una striscia viola (test negativo). Ciò significa che non sono stati trovati anticorpi anti hcv nel sangue studiato. L'uomo è sano;
  2. Nella finestra del tablet sono comparsi due strisce viola (test positivo). Ciò suggerisce la presenza di anticorpi nel sangue del test e l'associazione del corpo con l'epatite C virale. Tali soggetti sono soggetti a metodi più approfonditi di diagnosi sierologica senza fallire;
  3. Non una singola striscia è comparsa nella finestra del tablet. Il sistema di test è rovinato. È consigliabile ripetere il test.

Caratteristiche della diagnostica PCR

La reazione a catena della polimerasi è il modo più moderno per rilevare il materiale genetico di qualsiasi cellula. In relazione all'epatite C virale, il metodo consente di rilevare molecole di RNA di particelle virali. Questo può essere fatto con metodo qualitativo e quantitativo. Il primo metodo può non essere informativo se il numero di particelle virali nel sangue del test non raggiunge il valore di soglia. Il secondo metodo consente di specificare con precisione il numero di catene virali rilevate di RNA e più sensibili.

L'analisi può essere rappresentata dai seguenti risultati:

  1. Hcv RNA non è stato rilevato. Ciò significa che non vi sono particelle virali nel sangue sottoposto a test;
  2. Rilevato HVV RNA. Questo suggerisce l'infezione da epatite C;
  3. Viene eseguita una PCR quantitativa con hcv-test per valutare il grado di infezione del sangue del paziente e l'attività del virus nel corpo. Elevata carica virale di sangue varia da 600 a 700 UI / ml. Gli indicatori sopra questa cifra sono chiamati molto alti, sotto di esso - bassa carica virale di sangue.

Un esame del sangue per hcv nella diagnosi di epatite C virale è l'unico metodo informativo, accessibile e innocuo per la verifica di una diagnosi. L'interpretazione corretta e la combinazione di diversi modi di implementazione minimizzano il numero di errori diagnostici.