Epatite virale nei bambini: sintomi, trattamento

Sintomi

L'epatite virale è una malattia ben nota, ma non ancora completamente studiata. In sostanza, questa non è una malattia, ma diverse: un gruppo di malattie infettive e infiammatorie del fegato di natura virale pericolose e abbastanza comuni. Molto spesso, puoi trovare altri nomi per queste infezioni: la malattia di Botkin; epatite sierica o trasfusionale; epatite infettiva o epidemica; ittero infettivo.

Tutta l'epatite virale è caratterizzata da un ingrossamento del fegato, una ridotta funzionalità, sintomi di intossicazione e, spesso, una colorazione itterica della pelle e delle mucose. Considera in questo articolo i sintomi dell'epatite virale nei bambini, così come il trattamento di questa malattia.

L'epatite virale (forma acuta) in frequenza è la terza tra le malattie infettive dopo infezioni intestinali e ARVI. E l'incidenza tra i bambini varia dal 60% all'80% (in diverse regioni) dell'incidenza totale dell'epatite. La malattia è registrata sotto forma di casi isolati o focolai epidemici, ma sono possibili anche epidemie.

L'epatite virale è pericolosa non solo nel periodo acuto, ma anche durante il passaggio alla forma cronica, perché l'epatite cronica (spesso causata dai virus B e C) è una delle 10 cause più frequenti di morte secondo le statistiche di tutto il mondo.

La causa dell'epatite virale

L'agente causale dell'epatite può essere un numero di virus (al momento sono noti 8, forse ce ne sono altri): A, B, C, D, E, F, G, SEN, TTV. Ognuno di essi ha la capacità di infettare le cellule del fegato e causare malattie che differiscono nel meccanismo di infezione, nelle manifestazioni cliniche, nella gravità e nei risultati.

Più spesso, l'epatite è causata dai virus A, B e C. Nei bambini, l'epatite A è la più comune (75% di tutti i casi di epatite nei bambini). I restanti tipi di epatite virale (F, D, E, G, SEN, TTV) non sono ben compresi.

I virus dell'epatite sono estremamente resistenti all'ambiente: insensibili alle basse e alte temperature (il riscaldamento a 60 ° C può resistere a 30 minuti), l'essiccazione, l'azione di molti prodotti chimici e la radiazione ultravioletta. Ma la resistenza di diversi virus dell'epatite è diversa.

La fonte di virus è una persona malata o un vettore di virus (solo per l'epatite A, non esistono portatori sani di virus), ma il meccanismo di infezione è diverso per i diversi tipi di epatite.

Nell'epatite A ed E, il meccanismo di infezione è fecale-orale. Il virus viene escreto dal corpo del paziente con feci e urina. Attraverso mani o giocattoli sporchi, oggetti domestici contaminati, il virus entra nella bocca del bambino. Il cancello d'ingresso per l'infezione è il tratto digestivo.

Le modalità di trasmissione dell'epatite A ed E sono le seguenti:

  • contatto domestico: usando mani o giocattoli sporchi, oggetti domestici, il virus entra nel corpo del bambino attraverso la bocca;
  • a base acquosa: focolai di corpi idrici possono causare focolai di epatite con infezioni trasmesse dall'acqua se il sistema di approvvigionamento idrico è di scarsa qualità;
  • cibo: l'infezione attraverso il cibo è possibile se la persona che lo ha preparato è soggetta alle norme igieniche;
  • diffusione aerea dell'epatite virale A (non tutti gli scienziati riconoscono).

La suscettibilità all'epatite A nei bambini nel primo anno di vita è minima a causa dell'immunità innata, che scompare entro l'anno. Massima suscettibilità - nei bambini da 2 a 10 anni. La più alta incidenza di bambini si osserva da 3 a 9 anni a causa di frequenti violazioni delle norme igieniche a questa età.

Per l'epatite virale A, c'è la stagionalità autunno-inverno, per altri tipi di epatite non c'è stagionalità.

Tutti gli altri virus dell'epatite sono trasmessi attraverso il sangue.

I virus dell'epatite B e C vengono trasmessi attraverso quantità trascurabili di sangue infetto. Il paziente diventa contagioso dalla fine del periodo di incubazione.

L'infezione dei bambini può avvenire attraverso la trasfusione di sangue donato o di emoderivati ​​ottenuti da un vettore di donatore di virus o (che è improbabile) da un paziente durante il periodo di incubazione della malattia. Inoltre, i bambini possono essere infettati da strumenti medici riutilizzabili malamente processati (dentali, chirurgici).

I pazienti con forme cancellate, anicteri di epatite B e persone con epatite cronica C che potrebbero non sapere della loro malattia sono particolarmente pericolosi come fonte di infezione - non sono isolati e continuano a diffondere l'infezione.

Il virus B è contenuto non solo nel sangue, ma anche nelle feci, nell'urina, nella saliva, nel latte materno, nel liquido lacrimale e in altri fluidi biologici del paziente. Ma l'infezione del bambino di solito avviene attraverso il sangue e, in casi estremamente rari, attraverso la saliva della madre. In rari casi, l'infezione può verificarsi con l'uso generale di spazzolini da denti, spugne abrasive, ecc.

La suscettibilità nei bambini al virus B è molto alta. Tuttavia, tenendo conto delle modalità di trasmissione dell'infezione, l'incidenza dei bambini con questo tipo di epatite è solo l'11% del numero totale di epatiti virali. I bambini di età infantile (casi perinatali), così come i bambini che ricevono un trattamento nel reparto di emodialisi, dopo trapianto di organi, plasmaferesi, in cliniche oncologiche, sono più spesso malati; bambini con immunodeficienza.

Il virus C viene trasmesso con sangue infetto o emoderivati. La fonte di questo non è solo il paziente con epatite acuta o cronica, ma anche un vettore di virus sano.

Il feto può essere infetto dal portatore del virus madre durante il parto, così come utilizzare per via parenterale oggetti da taglio e da taglio, compresi strumenti medici, mal lavorati e contenenti quantità di sangue trascurabile su di essi (durante operazioni chirurgiche, rimozione dei denti, ecc.).

I bambini adolescenti possono essere infettati in questo modo quando si tatuano, piercing, manicure, piercing all'orecchio per orecchini.

Nell'adolescenza, l'epatite virale B e C può essere trasmessa sessualmente da un partner virale durante il contatto non protetto. Anche gli adolescenti che usano droghe narcotiche possono essere infettati con l'iniezione.

Non esiste un'immunità incrociata tra diversi tipi di epatite.

I sintomi dell'epatite virale

L'epatite virale è caratterizzata dal decorso ciclico della malattia. Nello sviluppo dell'epatite virale acuta, si distinguono i seguenti periodi:

  • incubazione;
  • preicteric;
  • ittero;
  • periodo di recupero (recupero).

La malattia può manifestarsi in una variante tipica e atipica. Tipico è la forma itterica, le forme atipiche cancellate, anicteri e latenti. Il decorso dell'epatite virale può essere lieve, moderato, grave e maligno (fulminante). Ci sono anche (a seconda della durata della malattia) forme acute, prolungate e croniche di epatite.

È anche possibile avere un decorso aciclicico più lungo della malattia, quando, dopo il miglioramento o il recupero, si verificano nuovamente esacerbazioni e ricadute.

Il periodo di incubazione per l'epatite A può durare da 7 a 50 giorni (più spesso è pari a 2-4 settimane); con epatite B - da 1 a 6 mesi (più spesso - 1-1,5 mesi); con epatite C - da diversi giorni a 26 settimane (più spesso - 7-8 settimane).

Il periodo pre-itterico può verificarsi in diversi tipi:

  • simile all'influenza o alla catarrale;
  • gastrico o dispeptico;
  • asthenovegetative;
  • artralgia o reumatoide.

Nel tipo influenzale, la malattia inizia con un aumento della temperatura e la comparsa di manifestazioni catarrali della malattia (congestione nasale, tosse, debolezza, mancanza di appetito), sanguinamento nasale. A volte anche quando si visita un medico, durante questo periodo viene diagnosticato ad ARVI un bambino.

Nel caso di un tipo gastritico nel periodo preicterico, il bambino è disturbato dal dolore nella regione epigastrica, nel giusto ipocondrio, nausea, mancanza di appetito, debolezza e talvolta vomito. I genitori spesso cercano di associare questi fenomeni alla natura o alla qualità del cibo, sospettano un'intossicazione alimentare.

Quando la variante astenovegetativa segnava debolezza, sonnolenza, affaticamento, mal di testa, perdita di appetito.

La sindrome artralgica nel periodo pre-terziario è caratterizzata da un forte dolore alle articolazioni sullo sfondo di sintomi di intossicazione, potrebbe esserci un'eruzione cutanea. Questa variante del periodo del pre-filtro è più caratteristica dell'epatite virale B.

Con l'epatite A, il periodo pre -terticale dura circa una settimana, con epatite parenterale è più lungo (fino a 2-4 settimane).

Già alla fine del periodo preicterico compaiono un ingrossamento del fegato e delle urine scure.

Il periodo itterico dell'epatite è caratterizzato dall'aspetto e dal rapido aumento (in 1 o 2 giorni) della colorazione itterica della pelle e delle mucose. Innanzitutto, appare sulla sclera, sulla mucosa orale, sul viso, sul busto, sugli arti. Successivamente, il colore giallo scompare nell'ordine inverso.

Nell'epatite A, il giallo appare prima e sale più velocemente al massimo, per poi scomparire più rapidamente. Nell'epatite B, l'ittero appare dopo un periodo preicterico più lungo, e cresce lentamente e viene mantenuto per un tempo più lungo.

Il grado di gravità dell'ittero dipende dalla gravità dell'epatite, ma in età precoce il bambino potrebbe non avere questa corrispondenza. Quando appare l'ittero, l'urina acquista un colore molto scuro (ricorda un tè fermentato forte) e le feci, al contrario, si scoloriscono, assomigliano all'argilla bianca.

Nel grave ittero, il prurito può essere disturbato. Con l'avvento dell'ittero, il benessere del bambino, di regola, migliora, i sintomi di intossicazione si riducono significativamente. La dimensione del fegato durante questo periodo aumenta e le dimensioni della milza aumentano spesso. Inoltre, più piccola è l'età del bambino, più spesso aumenta la milza. Da altri organi, le modifiche non sono pronunciate.

Nei casi gravi nel periodo itterico si osservano manifestazioni emorragiche (emorragie petecchiali sulla pelle, epistassi); intossicazione continua ad aumentare. Particolarmente pericolosi sono i sintomi del danno al SNC: irrequietezza o letargia, ritmo del sonno disturbato, insonnia, incubi. Potrebbe verificarsi vomito, riducendo la frequenza cardiaca.

A poco a poco, il giallo scompare, la dimensione del fegato si normalizza, il normale colore della scarica viene ripristinato.

La durata del periodo itterico con una forma lieve è di circa 2 settimane, con uno moderato - fino a 1 mese, con una forma grave - circa 1,5 mesi.

Un ciclo prolungato è caratterizzato da un periodo più lungo di ittero (3 mesi o più).

La forma più grave di epatite è fulminante (maligna), in cui il tessuto epatico è necrotizzato e aree di necrosi (necrosi) possono verificarsi in qualsiasi fase del decorso della malattia. La vastità delle aree necrotiche è associata alla massiccia formazione di anticorpi e danni autoimmuni al fegato.

Questa forma grave di epatite si sviluppa prevalentemente nei bambini nel primo anno di vita, probabilmente a causa dell'imperfezione del sistema immunitario del bambino e di una grande dose del virus ottenuto con il sangue.

In questa forma, vi è un esordio precoce e aumento dei sintomi di intossicazione e danni al sistema nervoso centrale: letargia durante il giorno e ansia durante la notte, vomito, un significativo aumento del fegato e perdita di coscienza possono verificarsi. I bambini più grandi possono avere delirio. Il lungo sonno può alternarsi a periodi di eccitazione e irrequietezza motoria. I bambini possono urlare, saltare giù dal letto e cercare di scappare.

Successivamente, si verificano manifestazioni emorragiche: sanguinamento nasale, le masse emetiche assomigliano a fondi di caffè (sanguinamento gastrico). Vi è mancanza di respiro, un aumento significativo della frequenza cardiaca, la temperatura sale a 38 ° C, sono possibili convulsioni. Il fegato è doloroso non solo quando si sente l'addome, ma anche a riposo.

Più lontano il coma si sviluppa. Il fegato si riduce rapidamente di dimensioni, c'è un caratteristico odore zuccherino-dolciastro di fegato crudo ("odore di fegato") dalla bocca. La quantità di urina diminuisce, può verificarsi gonfiore.

Il livello di bilirubina nel sangue aumenta rapidamente e l'attività delle transaminasi (enzimi epatici), al contrario, diminuisce. La malattia più spesso finisce con la morte. Se lo sviluppo del coma può essere prevenuto, la malattia diventa prolungata o cronica. La prognosi per il coma epatico è difficile, ma non senza speranza.

Forme atipiche (lievi) di epatite

forma anitterico è caratterizzata da tutte le forme predzheltushnogo periodo, ingrossamento del fegato, ittero ma non appare e il livello di bilirubina nel sangue rimane nel range di normalità. Alcuni bambini possono avere un breve scurimento delle urine e scolorimento delle feci. Ma il livello di enzimi nel sangue (transaminasi) è sempre elevato.

Questi bambini sono pericolosi per gli altri. Le forme anterteriche sono più spesso caratteristiche dell'epatite virale A e di solito vengono diagnosticate durante i focolai di epatite nei gruppi di bambini. In casi sporadici, vengono diagnosticate altre malattie con sintomi simili. L'epatite B può anche sviluppare una forma anicterica, che di solito non viene riconosciuta, e la malattia diventa cronica.

Per la forma cancellata, sono caratteristici i sintomi lievi del decorso tipico dell'epatite virale. Non ci sono o possono essere facilmente manifestate manifestazioni del periodo pre-itterico senza sintomi di intossicazione; Il fegato è leggermente ingrossato. Anche l'epatite virale in questi casi non viene sempre diagnosticata.

La forma subclinica è caratterizzata dall'assenza di manifestazioni cliniche della malattia e dal normale benessere del bambino. Questa forma viene diagnosticata solo nei bambini che hanno avuto contatti con un paziente con epatite virale, sulla base di cambiamenti nel test del sangue.

Le forme atipiche sono più caratteristiche dell'epatite virale C. Solo ogni terzo bambino con epatite C virale ha manifestazioni cliniche nel periodo preicterico, e nei 2/3 dei bambini l'epatite si presenta in forma anterterica, ma dopo alcuni anni vi sono segni di epatite cronica.

Il periodo di recupero dura da alcune settimane a diversi mesi. Con l'epatite A procede piuttosto rapidamente, dopo 3-4 settimane le manifestazioni della malattia scompaiono e lo stato di salute ritorna normale. Il restauro completo del tessuto epatico si verifica dopo 3 mesi (a volte dopo sei mesi). L'esito dell'epatite A è favorevole, non esiste un processo cronico.

Con l'epatite B, il recupero è a volte prolungato a 3 mesi. Durante questo periodo, il bambino può essere infastidito dalla pesantezza dell'ipocondrio destro, debolezza. All'esame si nota un aumento del fegato. A volte ci sono sintomi di danno del tratto biliare.

Il recupero da un prolungato decorso dell'epatite è ritardato a 4-6 mesi. Entrambi i periodi icterici e post-ingialliti della malattia possono essere allungati. Allo stesso tempo, rimangono un aumento del fegato e un aumento dell'attività delle transaminasi. In alcuni casi, la bilirubina e le transaminasi aumentano e diminuiscono. A volte è abbastanza difficile distinguere tra il protrarsi dell'epatite e il processo cronico.

Con un decorso non liscio di epatite, possono comparire complicanze, esacerbazioni del processo e recidive. Complicazioni sotto forma di processi infiammatori nella colecisti o dotti biliari si sviluppano con l'aggiunta di microflora secondaria. Tale cholecystocholangitis differisce sintomi miti, durata del processo incendiario. Di conseguenza, queste infiammazioni ritardano il recupero dall'epatite e addirittura contribuiscono alla sua transizione verso la cronica.

Una riacutizzazione è chiamata la ricorrenza o l'intensificazione delle manifestazioni cliniche dell'epatite dopo un precedente miglioramento. Una riacutizzazione può svilupparsi anche durante il trattamento stazionario o dopo la dimissione. Può manifestarsi come un insieme completo di sintomi o solo come risultato del deterioramento dei parametri di laboratorio (il più delle volte attività enzimatica).

Una riacutizzazione può essere scatenata da errori nella dieta, violazione del regime protettivo, aggiunta di infezioni, farmaci con effetti collaterali sulle cellule del fegato.

La ricorrenza dell'epatite B è chiamata la comparsa di sintomi clinici di epatite dopo il recupero, dopo una lunga assenza di manifestazioni della malattia. La causa della recidiva può essere gli stessi fattori come per la riacutizzazione. Recidive particolarmente pericolose nelle fasi iniziali (fino a 3 mesi) della malattia, differiscono nella loro gravità fino allo sviluppo del coma.

Il più sfavorevole è la ricorrenza di esacerbazioni o ricadute. Malattie complicate (otite, polmonite, tonsillite e altre) possono anche complicare il corso dell'epatite.

Caratteristiche dell'epatite nei neonati

L'epatite nei bambini si sviluppa meno frequentemente rispetto ad altre categorie di età di bambini, ma, sfortunatamente, questa epatite è più spesso sierica (cioè, l'infezione avviene attraverso il sangue) e, quindi, più grave.

Caratteristiche di questa epatite:

  • L'infezione si verifica spesso a livello transplacentare, in utero. Se infettato nelle prime fasi della gravidanza, il virus può causare anomalie dello sviluppo fetale e parto pretermine.
  • La malattia può svilupparsi anche nella fase dello sviluppo fetale, e il bambino in questo caso nasce con epatite nei suoi diversi periodi.
  • Quando nel neonato vengono rilevati enzimi epatici di maggiore attività, aumento delle dimensioni della milza e del fegato, è possibile suggerire una forma anterteriosa di epatite congenita.
  • L'epatite congenita nei neonati alla nascita può già essere subacuta e anche nella fase cronica. Molto raramente, il processo può essere nella fase di formazione di cirrosi epatica con atresia (intasamento) delle vie biliari.
  • Spesso l'epatite virale nei bambini si manifesta sotto forma di infezione mista virale-microbica (spesso stafilococcica), confermata dai dati dell'esame di laboratorio.
  • L'epatite, sviluppata dopo la nascita di un bambino, può presentarsi in una forma latente, anicterica o con lieve ittero. In questi casi, la malattia può anche essere diagnosticata già nella fase acuta. Il sospetto di epatite dovrebbe verificarsi quando si individuano macchie scure di urina sul pannolino, rigurgito, ansia, insuccesso del seno.
  • L'epatite virale nei neonati (specialmente durante la prima metà dell'anno di vita) si distingue per la severità del corso.
  • Il periodo pre-itterico può essere assente, la malattia inizia acutamente con un aumento della temperatura ad alti numeri, lievi eventi catarrale. Molto spesso, la malattia può iniziare con il deterioramento di appetito, vomito, e alcuni bambini periodo preicteric si verifica solo cambiare il colore delle urine e feci.
  • Il periodo itterico varia in durata fino a un mese o più. La bilirubina aumenta in numero elevato. Il fegato è bruscamente e lungamente aumentato. La milza è ingrandita in quasi tutti i bambini e il suo ingrandimento a volte dura più a lungo dell'ampliamento del fegato.
  • Il decorso dell'epatite nei neonati è irregolare, le complicanze di natura infiammatoria, le esacerbazioni enzimatiche della malattia si sviluppano.

diagnostica

Oltre all'esame clinico del bambino, nella diagnosi dell'epatite vengono utilizzati vari metodi di ricerca:

  • analisi clinica del sangue e delle urine;
  • esame del sangue biochimico;
  • saggio immunoenzimatico;
  • esame del sangue sierologico;
  • PCR;
  • Ultrasuoni degli organi addominali.

Nell'analisi clinica del sangue in epatite virale marcata riduzione del numero di leucociti, un leggero aumento del numero dei monociti, la riduzione (o valori normali) ESR. L'aumento del numero di leucociti e l'accelerazione della VES si verifica quando la forma fulminante e la stratificazione dell'infezione batterica. L'urrobilina è rilevata nelle urine e quindi i pigmenti della bile.

Nell'analisi biochimica del sangue nella forma itterica dell'epatite, vi è un aumento del livello di bilirubina (principalmente a causa della frazione diretta) e del campione di timolo. Il livello di iperbilirubinemia viene preso in considerazione quando si valuta la gravità della malattia. In violazione del deflusso della bile (colestasi) aumenta l'attività dei livelli di fosfatasi alcalina e colesterolo.

Ma l'importanza principale in qualsiasi forma di epatite è l'aumentata attività degli enzimi epatici (AlAt e AsAt) o aminotransferasi. Inoltre, AlAt (alanina aminotransferasi) aumenta in misura maggiore. Un'aumentata attività enzimatica indica la presenza di un processo di distruzione delle cellule epatiche.

L'attività dell'enzima epatico cambia già nel periodo del pre-filtro, che può essere utilizzato per la diagnosi precoce dell'epatite. Questo indicatore è anche di grande importanza nella diagnosi delle forme atipiche della malattia. Determinare l'attività degli enzimi aiuta anche a diagnosticare la forma fulminante dell'epatite: in primo luogo, gli enzimi aumentano drasticamente, e nella fase terminale diminuiscono anche bruscamente con un aumento del livello di bilirubina.

Una diminuzione del livello di protrombina e un aumento dell'ammoniaca nel sangue indicano anche la gravità dell'epatite. Una grande quantità di ammoniaca, secondo gli scienziati, è uno dei fattori che contribuiscono allo sviluppo del coma, indicando una forma maligna di epatite.

Gli esami del sangue sierologici possono rilevare le immunoglobuline di classe M e G, che consentono di monitorare le dinamiche del processo. La conferma più attendibile della diagnosi è la rilevazione dei marcatori dell'epatite virale nel sangue, che consente di determinare con precisione il tipo di virus.

Metodi altamente sensibili di ELISA e ROME (cioè immunoassay enzimatico e radioimmunoassay) in grado di rilevare antigeni virali e anticorpi a loro.

Gli ultrasuoni possono determinare non solo le dimensioni del fegato e della milza, ma anche identificare i cambiamenti strutturali nel fegato.

trattamento

I bambini con epatite virale sono trattati principalmente in un ospedale. Il trattamento domiciliare per i bambini più grandi con lieve epatite A è permesso.

Il complesso trattamento viene effettuato, tra cui:

  • riposo a letto;
  • dieta;
  • trattamento sintomatico (secondo indicazioni): terapia per disintossicazione, assorbenti, epatoprotettori, vitamine, farmaci coleretici, antibiotici, corticosteroidi e altri farmaci);
  • farmaci antivirali (per epatite parenterale).

In ospedale, i bambini vengono posizionati separatamente, a seconda del tipo di virus, per eliminare le infezioni crociate. Nel periodo acuto è prescritto un riposo a letto rigoroso fino al ripristino del normale colore delle urine. Con il miglioramento delle prestazioni di laboratorio e la diminuzione del giallo, il regime si espande gradualmente.

In caso di intossicazione grave, viene effettuata la terapia di disintossicazione - le soluzioni di glucosio e la soluzione salina sono somministrate per via endovenosa; l'assunzione di assorbenti (Enterosgel, Filtrum, Polifepam, carbone attivo) è prescritta.

I glucocorticosteroidi sono usati per forme di epatite maligne. In caso di marcata citolisi (danno) delle cellule del fegato, come evidenziato da un aumento degli enzimi 5 o più volte, vengono utilizzati farmaci antivirali (interferone, introne, viferone, roferon-a e altri). Sono anche prescritti induttori interferometrici e immunomodulatori (Cycloferon, Dekaris, Taktivin).

Al fine di mantenere la funzione della cellula epatica, vengono utilizzati epatoprotettori:

  • Essentiale Forte, Essentiale N - il preparato contiene fosfolipidi necessari per la riparazione delle cellule del fegato.
  • I preparati derivati ​​dall'estratto di cardo mariano: Silibor, Legalon, Kars, Mariol e altri - migliorano il recupero delle cellule epatiche.
  • LIV 52 - composto da estratti di varie erbe, ha un effetto rigenerante sul tessuto epatico.
  • Parzhin (contiene l'aminoacido essenziale arginina), Glyutargin - migliora la funzionalità epatica.

Indicato nel trattamento di epatite e complessi vitaminici, vitamine del gruppo B, acido ascorbico. Apilac (pappa reale) e Spirulina (contiene oligoelementi, amminoacidi, vitamine, acidi nucleici e altre sostanze biologicamente attive) sono usati come trattamento di rafforzamento generale.

I farmaci coleretici (Cholenzim, Hofitol, Flamin) sono usati nel periodo di recupero. I preparati a base di erbe possono essere utilizzati solo con il permesso del medico curante.

La dieta è molto importante nel trattamento dell'epatite. Le zuppe vegetariane o le zuppe nel terzo brodo sono consentite come primi piatti. I piatti di carne (di vitello, pollo, coniglio) vengono cotti al vapore o serviti. Anche le varietà di pesce a bassa percentuale di grassi dovrebbero essere cotte a vapore. Tutte le salsicce sono escluse.

Nella dieta dovrebbe usare grassi vegetali. Il cibo deve essere assunto in porzioni divise 4-5 volte al giorno. Come contorno, sono ammessi i porridge, in particolare la farina d'avena (ha un effetto lipotropico), le patate. Sono consentiti prodotti a base di latte fermentato (in particolare la ricotta consigliata). È preferibile utilizzare succhi di frutta freschi, angurie, composte, bevande alla frutta, frutta fresca.

Sono esclusi piatti fritti, grassi, speziati, condimenti, salse, sugo di carne, noci, funghi, cibi affumicati, cioccolato, halvah, torte, gelati, uova. Puoi cucinare omelette proteiche. Il pane può essere dato a un bambino bianco, leggermente essiccato. L'acqua minerale minerale è autorizzata a dare dopo il recupero.

La dieta dovrebbe essere seguita dal bambino per almeno 6 mesi dopo aver sofferto di epatite.

Prognosi e risultati dell'epatite virale nei bambini

L'epatite A virale nei bambini è lieve e moderata, termina con il recupero e non si trasforma in epatite cronica. Mentre l'epatite B virale ha spesso una forma moderata e grave, i risultati clinici e di laboratorio sono normalizzati non prima di 6 mesi e l'epatite cronica si forma nel 5% dei casi.

Sebbene l'epatite C sia più facile dell'epatite B, il processo cronico si sviluppa nell'80% dei casi. Il recupero si verifica più spesso con la forma itterica della malattia.

In generale, la prognosi dell'epatite B è favorevole per i bambini. La maggior parte dei casi termina con il recupero. La mortalità è inferiore all'1% (nei bambini è più alta). Corso avverso (possibile morte) in forme gravi con lo sviluppo del coma.

Livelli ridotti di protrombina e attività delle transaminasi durante l'altezza della malattia indicano una massiccia necrosi del tessuto epatico - un sintomo minaccioso.

Al culmine della malattia, l'epatite B virale è più pericolosa e l'esito a lungo termine è l'epatite C virale.

La prognosi a lungo termine dell'epatite virale è influenzata da molti fattori: il tipo di virus, la gravità della malattia, l'età del bambino, l'insorgenza di recidive precoci, esacerbazioni di epatite, l'aggiunta di altre infezioni, e la dieta e il regime dopo la dimissione.

I risultati dell'epatite virale sono vari:

  • Il pieno recupero nei bambini può verificarsi lentamente, circa la metà dei bambini che sono stati malati hanno effetti residui. Uno di questi è la sindrome post epatite: il bambino ha disagio, lamentele, ma se visti, i cambiamenti oggettivi sono pochi. Se segui la dieta e il regime raccomandati, gradualmente scompaiono, ma possono persistere per anni.
  • Un'altra variante degli effetti residui è un aumento del livello di bilirubina (la sua frazione libera) per un lungo periodo, ma non ci sono altre manifestazioni. Sebbene questa sia una manifestazione di insufficienza epatica funzionale, di solito procede in modo benigno.
  • Il fenomeno residuo più frequente è la patologia delle vie biliari (colecistite, colangite, discinesia). È consigliabile identificare tali cambiamenti il ​​prima possibile, dal momento che possono progredire e portare allo sviluppo dell'epatocolicinstituzione.
  • Dopo aver sofferto di epatite, altri organi dell'apparato digerente (duodenite, pancreatite) possono essere colpiti.
  • Oltre al recupero, l'esito dell'epatite virale può essere una transizione verso la forma cronica (l'epatite che dura più di 6 mesi è considerata cronica) e lo sviluppo della cirrosi epatica. Tale risultato si sviluppa più spesso con l'epatite C - nell'80% dei casi.

Dopo aver sofferto l'epatite, i bambini sono sotto la supervisione di un medico per 6-12 mesi, a seconda del tipo di epatite e della gravità del corso. Gli esami e gli esami medici consentono di diagnosticare tempestivamente e trattare le complicanze quando vengono rilevate. I bambini sono esentati dall'educazione fisica e dallo sport per 6 mesi.

prevenzione

Le misure di prevenzione dell'epatite A non differiscono da quelle con infezioni intestinali:

  • igiene personale;
  • fornitura di acqua di alta qualità;
  • isolamento dei pazienti per l'intero periodo infettivo (3 settimane dall'insorgenza dell'ittero, cioè circa un mese dall'inizio della malattia);
  • disinfezione al centro dell'infezione.

C'è anche un vaccino contro l'epatite A.

Le misure di prevenzione dell'epatite B e C sono più complesse:

  • uso massimo di strumenti medici monouso;
  • elaborazione e sterilizzazione di alta qualità di strumenti riutilizzabili;
  • esclusione del contatto dei bambini con sangue e strumenti usati (siringhe, aghi e altro);
  • test del sangue del donatore per i marcatori dell'epatite virale;
  • testare le donne in gravidanza per i marcatori dell'epatite virale;
  • lavoro esplicativo tra gli adolescenti sulle modalità di trasmissione di vari tipi di epatite e metodi di prevenzione, formazione di uno stile di vita sano (prevenzione dell'uso di stupefacenti e sesso non protetto);
  • Vaccinazione contro l'epatite B (vaccino di Engeriks) dei neonati entro 12 ore dalla nascita, quindi dopo 1 mese. e a 6 mesi. Se la madre è portatrice del virus B, allora la vaccinazione del bambino (nato sano) viene effettuata dopo la nascita e poi a 1 mese, a 2 mesi. e un anno I bambini che non hanno ricevuto il vaccino in tenera età possono essere vaccinati all'età di 13 anni e poi dopo un mese e dopo 6 mesi.

I bambini vengono anche vaccinati in famiglie con pazienti con epatite B cronica o portatori dell'antigene australiano, bambini in emodialisi o che ricevono spesso emoderivati, bambini con cancro e patologia ematologica.

I vaccini contro altri tipi di epatite non sono ancora stati creati.

Epatite nei bambini

Lascia un commento 4,131

L'epatite virale è un gruppo di malattie che colpiscono le cellule del fegato. I sintomi e il decorso della malattia dipendono dal tipo di virus che è entrato nel corpo. L'epatite nei bambini è una malattia infettiva comune. La maggior parte dei bambini soffre di epatite A a causa dell'abitudine di tirare tutto in bocca. Il pericolo per il corpo del bambino è il passaggio dalla patologia alla forma cronica. Segni di epatite nei bambini - una violazione del fegato, colorazione della pelle nei toni del giallo e intossicazione. Il trattamento dipende dal ceppo del virus e dallo stato del sistema immunitario.

Informazioni generali

L'epatite è un gruppo comune di malattie virali che colpiscono il fegato. Tra i bambini, il gruppo di virus A più comune, il nome comune - la malattia di Botkin. La malattia, indipendentemente dal tipo di virus, ha un effetto negativo sulle cellule dei bambini e sul tessuto epatico. Il ruolo del fegato nel corpo è la formazione di immunità e la rimozione di sostanze nocive, e la morte massiccia di epatociti provoca disfunzione epatica. La malattia cronica è una delle principali cause di mortalità infantile.

Le vie di penetrazione del virus nell'organismo dei bambini sono fecale-orali e attraverso il sangue. Il bambino viene infettato direttamente da una persona malata, attraverso sangue contaminato o attraverso un contatto familiare. Le epidemie di Botkin si verificano quando un virus entra nel sistema di approvvigionamento idrico. I bambini fino a un anno hanno meno probabilità di ammalarsi a causa della presenza dell'immunità dei genitori. La distribuzione stagionale differisce solo nell'epatite A. I bambini da 3 a 9 anni sono più spesso infetti. L'epatite C nei bambini è spesso asintomatica.

Cause dell'epatite nei bambini

Gli agenti patogeni sono virus che distruggono le cellule del fegato. Il meccanismo di distruzione di ciascun virus è diverso. La malattia causata da diversi ceppi differisce dalle manifestazioni cliniche, dalla modalità di trasmissione e dalla natura del corso. In medicina ci sono 8 tipi di virus: A, B, C, D, E, F, G, SЕN, ТТV. Il 75% delle infezioni si verifica nel virus di tipo A, il 20% nei virus B e C e altri tipi di epatite sono ancora in fase di studio.

L'infezione del feto può verificarsi durante lo sviluppo fetale.

La fonte della malattia è una persona malata o un vettore di virus senza sintomi della malattia. I virus che causano l'epatite in un bambino si adattano facilmente alla vita del fegato e sono resistenti all'ambiente. Rimanere praticabile per 30 minuti quando riscaldato a 60 gradi. I virus sono instabili per gli effetti delle radiazioni ultraviolette, temperature superiori a 60 gradi e preparazioni chimiche. Cause dell'apparenza:

  • contatto di un bambino con un fluido biologico infetto (sangue, urina, saliva);
  • l'allattamento al seno;
  • infezione intrauterina;
  • trapiantare un fegato infetto;
  • bere acqua contaminata;
  • l'uso di articoli per l'igiene stranieri (spazzolini da denti, set per manicure);
  • strumenti medici mal trattati;
  • avvelenamento con sostanze tossiche e droghe.

Tipi di malattia

  • L'infezione da epatite A è possibile attraverso il cibo.

A o Malattia di Botkin: l'infezione avviene attraverso la via oro-fecale attraverso acqua e cibo.

  • In o siero epatite - il bambino è infetto attraverso il sangue o in utero. In un terzo dei bambini infetti da epatite B durante l'infanzia, la cirrosi progredisce. L'epatite B nei bambini appare a causa della colpa degli adulti.
  • C è una forma cronica di epatite, la via di trasmissione è anche contatto con il sangue. Suscettibile a questo tipo di virus di bambini con immunodeficienza e cancro. A volte si presenta in forma latente, spesso vengono a conoscenza della malattia solo quando la pelle del bambino diventa gialla.
  • Tipo D o delta - un bambino è infetto che ha particelle di epatite B virale già presenti nel corpo.
  • E - trasmessa dalla via oro-fecale. Nei casi più gravi, porta a insufficienza epatica. Il virus è pericoloso per le donne e il feto durante la gravidanza.
  • F è un tipo appena identificato. L'infezione avviene per via fecale-orale e per contatto con il sangue.
  • G - il virus trasmesso da emocontatto. Appare come una complicazione dei tipi B e C.
  • SEN e TTV sono nuovi tipi nel processo di ricerca.
  • Torna al sommario

    Epatite C

    • Il sistema immunitario del corpo stesso distrugge le cellule del fegato nell'epatite autoimmune.

    Forma autoimmune. Le ragioni per lo sviluppo di questa forma non sono state studiate con precisione. Presumibilmente la malattia si manifesta come complicazione dei tipi A, B, C, infezione da herpes o con predisposizione genetica. La forma autoimmune è caratterizzata dal fatto che la distruzione del fegato avviene sotto l'azione delle proprie cellule immunitarie.

  • Forma tossica Si verifica a seguito di un forte avvelenamento con droghe, veleni, alcool, piante velenose o funghi. Possibile complicazione sotto forma di coma epatico. La terapia precoce di disintossicazione riduce il rischio di complicanze.
  • Forma fetale La ragione è l'infezione intrauterina con virus A e B. L'infezione precoce porta spesso alla morte del neonato a causa della cirrosi epatica. Meno del 30% dei bambini vive per avere 2 anni.
  • Forma reattiva Manifestato da violazioni nel tratto digestivo. Si forma a causa di malattie infettive, malattie polmonari e disturbi del sistema endocrino.
  • Forma cronica Formata come risultato di un'alimentazione squilibrata con carenza di alimenti proteici o in violazione dei processi metabolici nel corpo. I bambini le cui diagnosi hanno dimostrato epatite cronica sono registrati presso un ambulatorio.
  • La forma fulminante è la complicanza più grave, caratterizzata da necrosi epatica, nel 95% dei casi conduce alla morte.
  • Torna al sommario

    Periodo di incubazione

    Sintomi a seconda del tipo

    Epatite infettiva A

    • L'epatite A infettiva provoca un aumento della temperatura corporea a 39 gradi.

    febbre, con una temperatura corporea di 38-39 gradi;

  • vomito grave;
  • mal di testa e dolore nel peritoneo;
  • la debolezza;
  • rifiuto di mangiare;
  • urina marrone scuro;
  • feci brillanti;
  • un aumento delle dimensioni del fegato;
  • pelle gialla e bulbi oculari;
  • prurito.
  • Torna al sommario

    Segni di epatite B

    • la debolezza;
    • febbre;
    • diminuzione dell'appetito;
    • sapore amaro in bocca;
    • gonfiore;
    • giallo pelle;
    • decolorazione di urina e feci;
    • sangue dal naso;
    • vomito e nausea;
    • dolore nella parte destra.
    Torna al sommario

    I sintomi del virus C

    • temperatura fino a 39 gradi;
    • vomito, nausea, mancanza di appetito;
    • crescente stanchezza verso sera;
    • sclera gialla, mucose e pelle;
    • fegato ingrossato, accompagnato da forte dolore;
    • dolore articolare;
    • urina scura e feci leggere.
    Torna al sommario

    Diagnosi della malattia

    Al primo incontro con il paziente, il medico esamina attentamente i sintomi della malattia e fa un esame approfondito del bambino. Sulla base dei sintomi, il medico fa una storia epidemiologica, dove porta i risultati dei test. La prima cosa che fanno per un bambino è un esame del sangue biochimico, che nell'epatite di qualsiasi tipo mostrerà un aumento del contenuto di bilirubina ed enzimi epatici. La gravità della malattia è caratterizzata da una diminuzione della quantità di protrombina e un aumento del contenuto di ammoniaca. Altri metodi diagnostici:

    • un esame del sangue per la presenza di anticorpi al virus;
    • immunoanalisi enzimatica che mostra la velocità della risposta immunitaria alla malattia;
    • Test CRC per la presenza di tracce del virus;
    • Esame ecografico della cavità addominale, aiuta a conoscere le dimensioni degli organi interni e, per valutare il grado di danno.
    Torna al sommario

    trattamento speso

    I bambini con diagnosi di epatite vengono trattati in ospedale. In una struttura medica, i bambini sono isolati a seconda del tipo di virus. Solo una forma lieve della malattia di Botkin può essere curata a casa. Il periodo acuto della malattia richiede il rispetto del riposo a letto. Il trattamento dell'epatite comprende una terapia complessa - trattamento sintomatico, disintossicazione, dieta e farmaci:

    • per la riduzione dell'intossicazione - soluzione di glucosio e soluzione salina, Enterosgel, Sorbex, carbone attivo;
    • epatoprotettori che supportano e rigenerano il fegato - Karsil, Essenziale, Silibor, Parzhin, Glyutargin;
    • immunomodulatori - Dekaris, Immunal, Taktivin;
    • farmaci coleretici - "Hofitol", "Holenzim";
    • farmaci antivirali - "Viferon", "Interferon", "Laferobion";
    • vitamine complesse.
    Torna al sommario

    Prognosi e prevenzione

    La prognosi per il recupero dipende dal tipo di virus che ha causato la malattia. Per il bambino è più facile trasportare l'epatite virale A e B. Con un trattamento e una dieta adeguati, il recupero avviene in 2-4 settimane. La malattia trasferita forma l'immunità. Una malattia causata da un virus di tipo B termina nell'80% dei casi senza complicanze. I sintomi emergenti dell'epatite B nei bambini richiedono un trattamento immediato al medico. La cosa principale - per prevenire la transizione della malattia nel decorso maligno. In caso di una forma maligna del tipo B, è necessario essere trattato sotto osservazione costante, poiché tale forma è fatale nel 75% dei casi. La prognosi dell'epatite C in un bambino dipende dal decorso della malattia. Con una terapia adeguata, la forma acuta viene trattata per un anno. La forma cronica dura per anni e diventa la causa della cirrosi epatica, nella maggior parte dei casi finisce con la morte.

    La base della prevenzione - igiene. Fin dall'infanzia, al bambino viene insegnata l'importanza di lavarsi le mani prima di mangiare e il pericolo di mettere le mani sporche in bocca. Riduce significativamente il rischio di infezione programmata vaccinazione contro l'epatite, effettuata dai primi giorni di vita. Il vaccino contro l'epatite A e B protegge il bambino dall'infezione e facilita il decorso della malattia. Nel caso in cui il bambino fosse in stretto contatto con una persona a cui è stata diagnosticata l'epatite, dovresti consultare un medico e controllare il sangue per verificare la presenza di tracce del virus. Una diagnosi precoce e una terapia ben scelta contribuiranno ad evitare complicazioni.

    Tutto ciò che i genitori devono sapere sull'epatite virale (A, B e C) nei bambini. Segni, trattamento, recupero.

    L'epatite è una malattia infettiva pericolosa che è acuta nei bambini e può portare alle conseguenze più terribili. Insieme a questo, l'epatite viene trattata con successo oggi, l'importante è chiedere aiuto in tempo ed essere attenti alle istruzioni dello specialista.

    Parleremo di come vengono diagnosticati e trattati i 3 tipi più comuni di infezione tra i bambini: epatite A, B e C. L'epatite da madre a figlio viene trasmessa? Quanto è importante seguire una dieta terapeutica? La malattia è sempre accompagnata da ittero? Rispondiamo a tutte queste domande.

    Modi di infezione

    Tutti i virus dell'epatite sono resistenti alle influenze ambientali, che consente loro di resistere in modo sicuro a lunghi periodi di tempo al di fuori del corpo di chi li indossa. Ad esempio, il virus dell'epatite A è in grado di vivere in acqua per circa sei mesi, quindi è così spesso infettato da esso in corpi idrici sporchi, o mangiando abitanti acquatici che non hanno subito un trattamento termico sufficiente. Sebbene solo 5 minuti di ebollizione siano sufficienti per uccidere il virus.

    L'epatite B è resistente a molti disinfettanti. In un ambiente con una bassa temperatura, ad esempio, nel frigorifero, può vivere per circa 6 anni. Anche la bollitura uccide il virus solo dopo mezz'ora di esposizione.

    L'epatite C - uno dei virus più pericolosi - può vivere in una casa a temperatura ambiente normale per un massimo di 4 giorni. Può essere distrutto facendo bollire per due minuti o, ad esempio, lavando gli indumenti contaminati per 30 minuti ad una temperatura dell'acqua di 60 gradi.

    Quindi, un bambino può avere l'epatite mangiando acqua o pesce da acque sporche, cibo contaminato o semplicemente rimanendo in una stanza dove c'è un virus. Inoltre, l'infezione può essere trovata in verdure, bacche e frutti, in particolare quelli che sono in contatto diretto con la terra (fragole, zucchine, carote).

    Inoltre, il virus viene trasmesso da una persona, malata o portatrice, attraverso il sangue (attraverso strumenti medici infetti, attraverso trasfusioni di sangue, utilizzando gli accessori igienici del paziente). Per quanto riguarda la trasmissione da madre a figlio, è presente la più alta probabilità di tale infezione, se la madre ha l'epatite B, il virus dell'epatite C viene così trasmesso relativamente raramente. È importante sapere che il virus non viene trasmesso attraverso il latte materno, tuttavia, il bambino può infettarsi se ci sono crepe sui capezzoli della madre e attraverso di essi viene rilasciato anche un po 'di sangue.

    Periodi di incubazione:

    • Epatite A, 7-50 giorni;
    • Epatite B: 7-12 giorni;
    • Epatite C - 49-56 giorni.

    Sintomi e decorso della malattia

    L'epatite A viene comunemente chiamata ittero. Tuttavia, i tradizionali sintomi itterici non sono assolutamente indispensabili per questa malattia. I segni dell'epatite A nei bambini dipendono dalla forma in cui si manifesta la malattia. Ci sono i seguenti tipi di malattia.

    1. Tipico icteric. Nella prima settimana, il bambino ha la febbre alta, che per diversi giorni è mantenuta a circa 38-39 gradi. Ci sono dolori all'addome e alla testa, spesso non hanno una certa localizzazione, e il bambino non può mostrare esattamente dove fa male. Ci possono essere nausea, vomito, debolezza, perdita di appetito. L'urina si scurisce e le feci, al contrario, perdono il suo colore normale. Il fegato e la milza crescono di dimensioni.

    La seconda settimana porta con sé la manifestazione di sintomi icterici. Si sviluppano gradualmente e iniziano con l'ingiallimento della sclera degli occhi, delle mucose, delle orecchie e della pelle su altre parti del corpo. Quindi i picchi dell'ittero e diminuiscono. Anche altri sintomi diventano meno pronunciati, tuttavia l'urina rimane scura e il fegato condensato.

    2. Ittero con componente colestatica. In generale, questa forma è caratterizzata dagli stessi sintomi della precedente. Tuttavia, il periodo itterico è più pronunciato e prolungato + si verifica prurito cutaneo.

    3. Icteric atipico. È raro, soprattutto nei bambini adolescenti. I sintomi di intossicazione sono praticamente assenti, ma i segni itterici e il prurito della pelle sono molto pronunciati.

    4. Anticteric. Manifestati dalla debolezza, dal dolore all'addome, dalla mancanza di appetito, tuttavia, tutti questi sintomi sono espressi leggermente. Succede anche che i genitori non attribuiscono alcuna importanza a loro, a causa della scarsa manifestazione, scatenando la malattia.

    5. Apparativo e subclinico. Questa forma è caratterizzata da assolutamente nessun sintomo esterno. L'unica cosa che può causare sospetto è un leggero aumento delle dimensioni del fegato del bambino.

    La malattia dura da una settimana a 2 mesi e può terminare spontaneamente. Il periodo di recupero del corpo dura circa sei mesi.

    I segni dell'epatite B nei bambini sono simili a quelli del virus di tipo A. Sono debolezza, nausea e vomito, perdita di appetito, sapore amaro in bocca. Ciò include anche dolore e gonfiore, ittero delle mucose e della pelle. Con un decorso prolungato della malattia, può iniziare il sanguinamento dal naso e dalle gengive. Il fegato e la milza crescono di dimensioni. L'urina acquisisce un colore scuro, le feci, al contrario, si illumina.

    È interessante notare che durante i periodi di remissione, questi segni di epatite B sono meno pronunciati, e alcuni possono essere del tutto assenti.

    L'epatite C nei bambini, così come in altre forme della malattia, è caratterizzata da debolezza, nausea, vomito e perdita di appetito. C'è dolore all'aumento della temperatura addominale a 38,5 gradi. In questa forma di malattia, i sintomi di ittero compaiono solo in un terzo dei bambini malati. In primo luogo, la sclera degli occhi ingiallisce, poi le mucose e la pelle. Allo stesso tempo, altre manifestazioni della malattia si intensificano. L'urina si scurisce e lo sgabello, al contrario, si scolorisce. Il fegato è ingrossato e spesso doloroso.

    L'epatite C in un bambino può essere acuta, protratta o di natura cronica e durare, rispettivamente, per meno di 3 mesi, da 3 a 6 o più di mezzo anno. Nel decorso cronico della malattia, quasi non si manifesta, ma ha un effetto devastante sul fegato. È l'epatite C che porta a gravi conseguenze, come lo sviluppo della cirrosi epatica nel bambino, gravi danni ai reni e così via.

    diagnostica

    Se si sospetta un'epatite virale in un bambino, i genitori devono mostrare il bambino a un pediatra oa uno specialista in malattie infettive. Lo specialista esaminerà il piccolo paziente e prescriverà i seguenti test.

    1. Studio biochimico del sangue. Se uno dei virus dell'epatite è presente nel sangue, viene rilevata un'aumentata concentrazione di bilirubina ed enzimi epatici aspartato aminotransferasi (AsAT) e alanina aminotransferasi (AlAT). Inoltre, vi è un aumento del tasso di test del timolo.
    2. Esame del sangue per anticorpi. L'analisi consente allo specialista di determinare a quale stadio si trova la malattia e quanto è difficile per il corpo.
    3. PCR, o reazione a catena della polimerasi. Mostra se c'è un virus nel sangue del paziente.
    4. Saggio immunoenzimatico ELISA o enzimatico. Mostra quanto attivamente si sviluppa il virus dell'epatite nel sangue di un bambino.

    Oltre agli esami del sangue, il medico può prescrivere un'ecografia addominale. Questo metodo di diagnosi di epatite nei bambini consente di ottenere diversi indicatori:

    • la dimensione del fegato, milza, cistifellea e pancreas;
    • la dimensione dei vasi del fegato e della milza;
    • processi patologici che si verificano in questi organi, cambiamenti nella loro struttura.

    Inoltre, l'ecografia aiuta a identificare un'area adatta per la puntura di una biopsia puntura del fegato - un altro metodo di indagine. La biopsia è oggi uno dei metodi più istruttivi per diagnosticare l'epatite. Viene eseguito rapidamente, è sicuro e consente di valutare i cambiamenti che si verificano nella struttura del fegato a livello microscopico.

    trattamento

    Dopo le prove e chiarendo la natura dell'epatite, viene prescritta la terapia. In generale, il trattamento dell'epatite virale nei bambini delle specie A, B e C viene effettuato secondo gli stessi principi.

    Il trattamento può essere effettuato sia a casa che in ospedale. La prima opzione è possibile se la malattia è di natura lenta e il bambino si sente relativamente normale. Altrimenti, il bambino dovrà andare all'ospedale.

    La strategia di trattamento dipende dall'estensione della malattia e dalle condizioni del piccolo paziente. Di norma, la terapia è sintomatica e include i seguenti farmaci:

    • chelanti per rimuovere le tossine,
    • antiossidanti
    • farmaci per migliorare la circolazione sanguigna e i processi metabolici,
    • agenti antivirali
    • ormoni glucocorticoidi
    • epatoprotettori per proteggere le cellule del fegato.

    Tutti questi mezzi di trattamento dell'epatite nei bambini sono prescritti da un medico solo sulla base della ricerca effettuata. In nessun caso non può auto-medicare - questo può portare a conseguenze negative imprevedibili.

    Il bambino viene dimesso dall'ospedale solo dopo che tutti i sintomi della malattia sono scomparsi e il fegato ritorna alle dimensioni normali. Quindi, ogni 3 mesi il piccolo paziente dovrà sottoporsi a esami, e quindi per un anno, a meno che il medico non prescriva un altro termine.

    Raccomandazioni obbligatorie per i genitori

    Se il bambino è a casa, i genitori dovrebbero seguire rigorose linee guida per il loro trattamento, soprattutto all'inizio.

    Riposo a letto

    Il riposo completo e il riposo a letto sono prescritti fino a quando un bambino con epatite virale non mantiene alcun sintomo di intossicazione.

    Modalità di consumo

    Il bambino ha bisogno di bere molto per ripristinare l'equilibrio idrico nel corpo e rimuovere le tossine. Quindi, con un'epatite A moderata, i bambini dovrebbero bere 1,5-2 litri di acqua. Naturalmente, il bambino sarà difficile da bere quanto più fluido al giorno, quindi le regole sono determinate individualmente. Non è necessario forzare il bambino a bere, se non è più in grado, ma è necessario assicurarsi che abbia consumato liquidi per tutto il giorno.

    dieta

    Questo è uno dei punti principali nel trattamento dell'epatite nei bambini. Se un bambino ha segni di intossicazione, è necessario seguire una dieta di frutta e zucchero per 1-2 giorni. Dovrebbe essere accompagnato da un volume sufficiente di liquido: soluzione di glucosio al 5%, tè zuccherato, composta o brodo di rosa canina. Quindi è possibile guidare nella dieta di gelatina, frutta, bacche e succhi di verdura, nonché brodi vegetali. Quindi aggiungere il porridge di latte liquido grattugiato. Tale dieta viene solitamente fornita in ospedale.

    Quando i sintomi della tossicosi si placano e il bambino si sentirà meglio, puoi nutrirlo con carne magra e carne. I pasti devono essere morbidi, al vapore o bolliti. Perfettamente sufle, purè di patate, polpette di carne. È inoltre possibile guidare i cereali e le verdure in forma di terra bollita. Sono consentite le zuppe di latte e di verdure. Frutta e bacche sono servite sotto forma di succhi di frutta.

    Nei bambini con epatite, l'ulteriore dieta dovrebbe corrispondere alla Tabella n. 5a secondo la nomenclatura dell'Istituto di Nutrizione dell'Accademia Russa delle Scienze Mediche. Quando la condizione del bambino è stabilizzata, viene trasferita nella Tabella n. 5. Il menu di questa dieta si basa sugli stessi principi della Tabella n. 5a. Sarà utile per la mamma farne conoscenza, dal momento che i pasti dietetici dovrebbero essere mantenuti da 6 mesi a un anno dopo lo scarico del bambino dall'ospedale. Osservare la dieta è molto importante, dipende da lui le condizioni del bambino. Ciò significa che una madre dovrebbe affrontare la questione con piena responsabilità. Non è esagerato dire che ora la salute del bambino è interamente nelle mani della persona che organizza il suo cibo.