Fegato epatite

Cibo

L'epatite è un grande gruppo di malattie infiammatorie del fegato. Il nome della malattia include già un'indicazione del luogo e della natura, per cui "epatite epatica" è errata. Un segno obbligatorio di epatite sono i tipici cambiamenti nel parenchima epatico.

Ad un certo stadio del processo, le funzioni dell'organo vengono interrotte e la persona soffre di intossicazione con sostanze scorie nocive, perdita di proteine, vitamine e metabolismo disturbato.

Lo studio di tipi di epatite ha permesso di stabilire la natura della malattia, di identificare gli agenti causali di alcuni tipi di infiammazione del fegato, di sviluppare approcci ottimali al trattamento, per prevenire il passaggio allo stadio della cirrosi.

Quali sono le epatiti?

L'attuale classificazione dell'epatite prevede l'assegnazione di specie per motivi, decorso clinico, attività del processo infiammatorio. Considerando le cause dell'epatite, la patologia è divisa in infettiva e non infettiva.

L'infiammazione epatica infettiva include:

  • un gruppo di epatite virale, sono stati chiamati con il nome latino del virus (epatite virale A, B, C e oltre a G), ognuno ha le sue caratteristiche, ma tutti si differenziano in una particolare lesione selettiva delle cellule epatiche (epatotropia);
  • epatite secondaria, quando il fegato colpisce altri virus (rosolia, herpes, influenza, parotite, mononucleosi, febbre gialla, AIDS), non hanno un effetto mirato ed entrano nel tessuto epatico da altri focolai;
  • epatite batterica causata da patogeni di leptospirosi, listeriosi, sifilide, pneumococco, stafilococco, streptococco;
  • epatite parassitaria - può verificarsi con toxoplasmosi, amebiasi, fascioliasi, schistosomiasi, opistorsiasi.

L'epatite non infettiva comprende:

  • tossico - a sua volta, è diviso in alcolici, medicinali ed epatiti causati da avvelenamento chimico;
  • radiazioni - è parte integrante della malattia da radiazioni;
  • autoimmune - più comune nelle donne e nei bambini, il principale meccanismo associato all'insufficienza congenita degli enzimi che fanno parte della guaina degli epatociti.

Forme della malattia

Le forme di epatite sono determinate dal decorso clinico, dalla risposta del corpo al trattamento dell'infiammazione del fegato. I medici distinguono le seguenti forme. L'epatite acuta - spesso causata da avvelenamento, enterovirus, batteri intestinali patogeni, si manifesta con un netto deterioramento della condizione, febbre, sintomi di intossicazione.

Le analisi del sangue mostrano un aumento delle transaminasi, della fosfatasi alcalina e di altri indicatori che indicano una rottura del fegato. Dura fino a tre mesi Nella maggior parte dei casi, il disturbo può essere interrotto, la malattia è considerata curabile.

Forma protratta - dura fino a sei mesi, le manifestazioni di epatite "lasciano" gradualmente, il decorso è lento, ma la prognosi è favorevole. Cronico - può verificarsi in caso di epatite acuta non trattata o in forma separata. Le forme acute sono caratterizzate da un tale indicatore come la frequenza della cronicità.

Il tradimento della patologia consiste in un lungo periodo segreto, una transizione graduale dei fenomeni infiammatori nella distrofia del tessuto epatico. Trattamento a lungo termine (più di 6 mesi), raramente è possibile curare la malattia. Una tipica trasformazione della cirrosi.

Che cosa causa l'infiammazione del fegato?

Le cause dell'infezione da epatite sono spesso determinate dalla natura del virus. I patogeni conosciuti hanno le loro caratteristiche nella struttura e nei modi di infezione. Assicurati di avere un nucleo con DNA o RNA che determini l'informazione genetica.

Le maggiori difficoltà nel determinare come trattare un paziente sono i virus mutanti (ad esempio, l'epatite C) per la loro capacità di modificare il genoma. Il meccanismo di trasmissione fecale-orale è caratteristico dell'epatite virale E e A. I microrganismi sono stabili nell'ambiente, arrivano a una persona con acqua contaminata, cibo, attraverso il contatto con un paziente.

Tali tipi di epatite come C, B, D e G hanno una via parenterale. La loro attività è inferiore a quella del virus di tipo A. Gli esseri umani penetrano con i componenti del sangue durante le trasfusioni, con manipolazioni mediche, ferite minori (manicure, tatuaggio), attraverso siringhe comuni, sessualmente, attraverso la placenta dalla madre al feto.

Entrando nel sangue umano dall'intestino o tramite l'infezione diretta con una siringa, i virus si spostano nel fegato, invadono le cellule del fegato, si moltiplicano all'interno e li distruggono.
Epatite tossica, eccetto alcol e suoi surrogati, causa:

  • contatto al lavoro e nella vita di tutti i giorni con composti di fosforo bianco, tetracloruro di carbonio, veleni industriali;
  • avvelenamento con funghi (pallido e bianco toadstool, amanita);
  • farmaci a lungo termine (paracetamolo, farmaci anti-TB, metildopa, amiodarone, nifedipina, azatioprina, antibiotici tetracicline, claritromicina, indometacina, ibuprofene, farmaci ormonali, contraccettivi).

L'epatite autoimmune - rilevata annualmente in 15-20 persone per 100 mila della popolazione, è considerata una malattia indipendente. La ragione principale dello sviluppo è un difetto nel sistema immunitario umano, in cui le cellule del proprio fegato vengono prese come estranee. Spesso accompagnato dal coinvolgimento del pancreas, della tiroide e delle ghiandole salivari.

Allo stesso tempo, non ci sono marcatori di epatite virale nel corpo del paziente, non ci sono prove di alcolismo, ma antinucleari e anticorpi per la muscolatura liscia, si trovano un alto livello di immunoglobuline IgG e anticorpi microsomiali epato-renali.

Quali sono i sintomi dell'epatite?

I sintomi di infiammazione del fegato sono suddivisi in epatico ed extraepatico, precoce e tardiva. Le manifestazioni epatiche dell'epatite includono: dolore addominale con localizzazione nell'ipocondrio a destra e nell'epigastrio, nausea, eruttazione, ingiallimento della pelle e delle mucose, ingrossamento del fegato e della milza.

I segni extraepatici di infiammazione del fegato si formano a causa dell'influenza dei disturbi dell'epatite sulle funzioni di vari organi e sistemi (cervello, metabolismo, vasi sanguigni, ghiandole endocrine). Includono:

  • encefalopatia epatica;
  • eruzione cutanea, prurito doloroso;
  • "asterischi" vascolari (telangiectasia), capillari;
  • gengive sanguinanti, sangue dal naso, le donne hanno un flusso mestruale prolungato;
  • palme rosse e lingua di lampone;
  • sanguinamento gastrico dalle vene dilatate dell'esofago;
  • infertilità.

I segni di ogni violazione sono spiegati da cambiamenti morfologici e funzionali caratteristici, confermati da metodi diagnostici (test biochimici, campioni bioptici durante la puntura epatica). Pertanto, sono combinati in tipici per le sindromi da epatite.

Una caratteristica di alcuni tipi di epatite cronica è un decorso lungo asintomatico (ad esempio, nell'epatite virale B e C). Quasi i primi sintomi di epatite sono impossibili da notare. In un sondaggio retrospettivo, i pazienti hanno notato debolezza periodica, rash cutaneo vago, sensazione di pesantezza nell'ipocondrio a destra dopo aver mangiato.

Per la diagnosi di epatite infettiva, è importante che durante questo periodo i pazienti siano già contagiosi per gli altri. Il compito di identificare e trattare è dovuto non solo alla prevenzione di complicazioni gravi in ​​un paziente, ma anche alla prevenzione della diffusione della malattia.

I primi segni di epatite possono essere indicati dal dolore muscolare, dall'aumento dell'affaticamento durante il lavoro, dall'aumento occasionale della temperatura e dal deterioramento dell'appetito. I sintomi tardivi sono causati da una complicazione in via di sviluppo. Rilevato da segni di cirrosi epatica, sanguinamento dalle vene dell'esofago, insufficienza epatica, sospetta neoplasia maligna.

Quali sindromi indicano l'infiammazione del fegato?

La diagnosi di epatite richiede la considerazione di una combinazione del quadro clinico, dei parametri di laboratorio biochimici e immunologici e dei risultati degli studi morfologici sulla biopsia tissutale. Non tutte le funzioni epatiche sono compromesse contemporaneamente. Lo sviluppo dell'infiammazione è accompagnato da una lesione primaria ed è manifestato da alcune sindromi cliniche e di laboratorio.

La sindrome da citolisi è associata alla distrofia e quindi alla necrosi degli epatociti causata dall'esposizione diretta a agenti infettivi, sostanze tossiche, tossine. La clinica può rilevare febbre, dolore e un aumento del fegato (specialmente dopo l'esercizio), è possibile un aumento della milza, l'urina diventa scura e le feci diventano grigie.

I segni di laboratorio sono:

  • aumento dei livelli di transaminasi epatiche (alanina e aspartico), enzimi (glutamil transpeptidasi, lattato deidrogenasi, colinesterasi, arginasi), questi dati sono considerati marker del processo di citolisi;
  • l'aumento della concentrazione totale di bilirubina a causa di non coniugati (indiretti), in misura minore - diretti.

Sindrome colestasi - la principale violazione è la rottura della sintesi e della secrezione dei dotti biliari intraepatici nel duodeno. Di conseguenza, si forma una stasi non meccanica (senza bloccare le mosse con le pietre).

I sintomi della colestasi sono rilevati durante l'esame e l'esame del paziente:

  • macchie giallo-marroni (xantomi) sulla pelle del viso e del corpo, xantelasmi sulle palpebre sotto forma di piccole verruche;
  • intenso ingiallimento della sclera, della pelle, delle mucose nella bocca;
  • urina scura e decolorazione fecale;
  • dolore acuto nel quadrante superiore destro dopo aver mangiato;
  • sanguinamento associato alla cessazione della sintesi della vitamina K;
  • visione offuscata al tramonto e di notte a causa di carenza di vitamina A;
  • aumento della secchezza della pelle, prurito.

Tra i test biochimici rilevati:

  • la crescita del sangue di bilirubina diretta, colesterolo, acidi biliari, lipoproteine, trigliceridi, fosfolipidi, fosfatasi alcalina enzima, gamma-glutamil transpeptidasi, rame;
  • il disturbo della coagulazione provoca cambiamenti nel coagulogramma;
  • il sangue diminuisce il contenuto di vitamine di calcio e liposolubili (E, A, D, K).

Sindrome immunoinfiammatoria - non si manifesta clinicamente, ma viene rilevata quando si controllano gli indicatori di immunità. Caratterizzato da aumentati livelli di gamma globulina (ridotto rapporto di albumina-globulina), presenza di anticorpi contro il DNA o l'RNA, per levigare le fibre muscolari.

Per lo studio ha utilizzato il dosaggio immunoenzimatico, l'immunoblotting e l'analisi radioimmunologica. I metodi consentono di calcolare la carica virale nell'epatite infettiva. Usando la reazione a catena della polimerasi, vengono rilevate informazioni genetiche sul tipo di virus.

Insufficienza epatocellulare - la sindrome si forma quando una parte degli epatociti muore e il fegato perde le funzioni di sintesi e disintossicazione. I principali segni di laboratorio di insufficienza epatica:

  • diminuzione delle proteine ​​nel sangue dovuta all'albumina, alla proconvertina, alla protrombina;
  • calo del metabolismo dei grassi (colesterolo, trigliceridi, fosfolipidi, lipoproteine);
  • timolo positivo e campioni sublimati;
  • l'esecuzione di test funzionali (bromsulfalein, antipirina, ammoniaca, fenolo) dà un risultato positivo.

L'insufficienza epatica fulminante come una sindrome è caratterizzata da un decorso rapido, con lo sviluppo di encefalopatia, paresi del tono vascolare, coagulopatia. Il paziente appare improvvisamente nausea, vomito, debolezza crescente, ittero.

Allo stesso tempo, le cadute di pressione arteriosa, il battito del cuore e la respirazione aumentano, l'aumento di temperatura, la coscienza è disturbata (il paziente cade in un coma). La condizione è così veloce che è impossibile fare qualsiasi cosa. La morte è causata dal gonfiore del cervello.

La sindrome da encefalopatia epatica è rilevata da segni di alterazioni neurologiche e mentali. In un paziente:

  • la coordinazione dei movimenti è disturbata;
  • rivelare un'apatia generale, perdita di interesse per le persone vicine;
  • il comportamento cambia in una tendenza all'irritabilità o letargia;
  • la funzione del linguaggio è compromessa;
  • defecazione involontaria, incontinenza urinaria;
  • dalla bocca circostante si sente un odore particolare (fegato);
  • possibile tremore e crampi agli arti;
  • la coscienza si perde gradualmente, entra in coma.

La sindrome da ipertensione portale è causata dallo sviluppo della cirrosi e da un aumento della pressione nel sistema della vena porta. In questo caso, il paziente appare:

  • nausea persistente;
  • gonfiore;
  • feci intermittenti;
  • sanguinamento, tendenza a sanguinamento gastrico e intestinale;
  • dolore e pesantezza nell'epigastrio e nell'ipocondrio destro dopo aver mangiato;
  • splenomegalia;
  • aumento del volume dell'addome dovuto all'accumulo di liquidi (ascite);
  • vene dilatate dell'esofago, dello stomaco, del retto, sottocutanee intorno all'ombelico.

Se l'epatite si verifica con un accumulo predominante di liquido nelle cavità (pleurico, addominale) e nei tessuti, la sindrome si chiama edematosa. Di solito si sviluppa come conseguenza dell'ipertensione portale, nella fase avanzata della malattia. Gonfiore alle membra, faccia (anasarca) si unisce all'ascite. La respirazione è difficile a causa del versamento nella cavità pleurica.

Sindrome epatorenale - rappresenta la contemporanea cessazione del funzionamento del fegato e dei reni. I segni clinici di insufficienza epatica esacerbano i sintomi di compromissione del lavoro escretore renale.

Ci sono alterazione del gusto, oliguria a diuresi giornaliera a 500 ml, cambiamenti nella forma delle dita ( "bacchette") e le unghie ( "clessidra"), un significativo aumento nel fegato e nella milza, si verifica la crescita del seno maschile.

Gli indicatori di laboratorio cambiano non solo i test del fegato, ma anche l'accumulo di creatinina, cresce l'azoto residuo. Con la proteina urinaria esce e nel sangue cade ancora di più. Le perdite di elettrolita sono in aumento a causa della cessazione del riassorbimento nei tubuli renali.

Qual è la differenza tra fasi di epatite e attività?

L'attività dell'infiammazione viene valutata per ciascun tipo di epatite mediante una combinazione di parametri biochimici (nel caso di una lesione non infettiva) e carica virale. Effettuato separatamente l'interpretazione dei cambiamenti morfologici nello studio della biopsia.

Per scegliere la tattica della terapia, è necessario identificare la fase dell'attività delle cellule immunitarie in risposta a un fattore dannoso. Serve come un indicatore della gravità del meccanismo di auto-aggressione. Con 1 grado di attività - linfociti e macrofagi si trovano lungo i vasi intraepatici, è possibile che ci siano cellule immunitarie all'interno dei lobuli, ma non vi è alcun danno alla piastra terminale.

L'immagine corrisponde al grado 1 dell'attività complessiva del processo patologico, nelle lesioni virali, nella fase di riproduzione dell'agente patogeno. 2 gradi - la proliferazione delle cellule immunitarie distrugge la membrana terminale dei lobuli epatici e raggiunge la zona centrale. I linfociti particolarmente aggressivi vengono introdotti nel citoplasma degli epatociti.

L'immagine morfologica coincide con il 2 grado di attività dell'epatite. 3 gradi - i cambiamenti sono caratterizzati da vaste aree di distruzione, necrosi cellulare. Durante l'epatite virale, ci sono 4 fasi:

  • incubazione;
  • pre-itterico (prodromico);
  • icteric;
  • convalescenza (recupero).

Quali sono le tecniche per il trattamento dell'epatite?

Nel trattamento dell'epatite, usare necessariamente una dieta moderata, il riposo a letto. Per contrastare i fattori dannosi e supportare le cellule del fegato, il paziente viene prescritto:

  • soluzioni endovenose con proprietà detossificanti (glucosio 5%, Hemodez, elettroliti di trisolo, lattosol);
  • viene somministrato il farmaco epatoprotettivo Heptral;
  • per via intramuscolare richiedono grandi dosi di vitamine;
  • per l'epatite virale, l'interferone-alfa, la ribaverina è l'unico trattamento eziologico;
  • l'epatite batterica richiederà l'uso di antibiotici;
  • Il dosaggio dei corticosteroidi dipende dall'attività del processo.

Per rimuovere in qualche modo i disturbi sintomatici, il medico prescrive farmaci coleretici, anemia, farmaci contenenti ferro, vitamine complesse e microelementi.

In caso di epatite tossica, è necessario interrompere il contatto con una sostanza tossica. Per le persone che soffrono di alcolismo, è importante abbandonare tutti i tipi di alcol. Identificare la causa esatta dell'epatite può essere difficile, quindi è necessario iniziare l'esame e il trattamento sintomatico per i primi segni della malattia.

Epatite epatica

L'epatite è una malattia grave che è difficile da curare. Pertanto, nella fase iniziale, il paziente e la sua famiglia si trovano ad affrontare problemi di natura psicologica: un aggravamento della paura della morte, un senso di inferiorità, una sensazione di solitudine, una paura di infettare i propri cari. Per il paziente è necessario che i suoi parenti lo sostengano in questa difficile situazione.

Oltre ai problemi psicologici, l'epatite è anche pericolosa con complicanze. Tra questi ci sono malattie delle vie biliari e coma epatico. Se una persona è stata infettata dal virus dell'epatite, l'epatite si svilupperà sicuramente. Dalla penetrazione del virus nel sangue fino alle prime manifestazioni della malattia, trascorre un certo tempo, che è chiamato il periodo di incubazione. Alcuni cambiamenti iniziano nel fegato. Per l'epatite A, B e C, il periodo di incubazione va da 10 a 200 giorni. Dipende da molte condizioni.

C'è una fase acuta nello sviluppo dell'epatite, durante la quale l'infezione sta appena iniziando a manifestarsi. Queste manifestazioni sono abbastanza evidenti e anche pesanti. Questi includono rare forme fulminanti che possono portare alla morte del paziente.

Quando il virus lascia il corpo e lo stato del fegato è normale, inizia il recupero. Quando l'epatite acuta A è malata, il recupero avviene sempre, con epatite B - nella maggior parte dei casi. Se il recupero non si è verificato, si sviluppa quindi l'epatite cronica. Non puoi dire chi si riprenderà, chi no. Dipende dallo stato del sistema immunitario dell'individuo.

L'epatite B diventa cronica nel 5-10% di quelli infetti e l'epatite C nel 60% dei casi.

Di solito, una persona è guarita dall'epatite acuta in 6 mesi. Se durante questo periodo il paziente non si è ristabilito, allora l'epatite diventa cronica. L'epatite B e C cronica richiede molti anni, senza sintomi di epatite per molto tempo. Tuttavia, il virus dell'epatite B è presente nel fegato e continua il suo lavoro. In futuro potrebbero esserci conseguenze pericolose. La conseguenza più pericolosa dell'epatite acuta è lo sviluppo di una grave forma fulminante della malattia. Fortunatamente, questo è raro - solo l'1% dei casi di epatite A e B. Regolari conseguenze pericolose della forma cronica di epatite sono la cirrosi epatica e il cancro. Nei pazienti con epatite B cronica, la cirrosi si sviluppa nel 20% e nei pazienti con epatite C cronica, nel 5-20%. Il cancro del fegato è più spesso causato da epatite virale. Sono anche la causa principale dei trapianti di fegato.

Se non ci sono manifestazioni di epatite, ma i segni del virus vengono rilevati regolarmente (marcatori di epatite virale), allora la persona è portatrice del virus. Tuttavia, può infettare altre persone. Per lui, anche il trasporto non è sicuro.

Nelle forme acute di epatite virale, il rischio di morte è basso. Queste sono principalmente forme fulminanti di epatite B e 0,1-2,1% dei casi di epatite A. Gli adulti sono più a rischio rispetto agli adulti. Il rischio di morte per gli effetti dell'epatite cronica è più alto - 15-50%. Se si sviluppa cirrosi, fino al 50% di quelli che si ammalano di epatite cronica B e C muoiono entro 5 anni. La morte per epatite B cronica è una delle 10 principali cause di morte per gli uomini nei paesi in via di sviluppo.

Tutta l'epatite virale è pericolosa a modo suo - alcuni nel periodo acuto, altri a causa del decorso cronico, dal momento che c'è un grande rischio di sviluppare cirrosi epatica. Pertanto, nessuno di loro non può essere ignorato. Va ricordato che se il trattamento viene avviato in tempo, è possibile preservare il fegato e interrompere la riproduzione del virus.

L'abuso di alcol porta al fegato da epatite

Il fegato dell'epatite alcolica (grasso) è un processo infiammatorio nel tessuto epatico, che si verifica a causa del suo danno tossico all'alcol, così come i suoi prodotti di decomposizione.

Con tale epatite, le gocce di grasso si accumulano all'interno degli epatociti (le stesse cellule del fegato). Esistono anche processi infiammatori in questo organo e la morte di alcune parti dei suoi tessuti normali. Nel corso del tempo, il tessuto normale nel fegato nel processo di fibrosi è sostituito da tessuto fibroso (cicatrice) grossolana.

Quando l'alcol viene consumato nell'uomo, si forma una sostanza speciale - l'acetaldeide, che colpisce le cellule di questo organo. L'alcol con i suoi prodotti di decadimento innesca una serie di reazioni chimiche che portano al danneggiamento del tessuto epatico.

A causa del fatto che il volume del tessuto sano del fegato è significativamente ridotto, il fegato non è in grado di far fronte alle sue funzioni. Di solito, la malattia si sviluppa nel periodo da 5 a 7 anni dall'inizio dell'abuso regolare di alcol, questa forma di epatite è cronica. Tali processi infiammatori e lesioni degenerative nella maggior parte dei casi sono in grado di passare alla cirrosi epatica.

L'epatite grassa può manifestarsi nei pazienti in due forme: persistente e progressiva.

Forma progressiva

È caratterizzato da piccole lesioni focali del fegato, successivamente trasformate in cirrosi. Questa forma è rilevata nel 15-20% di tutti i casi di epatite grassa rilevata. Se il paziente interrompe completamente l'assunzione di alcol e inizia un trattamento adeguato, può essere raggiunta la stabilizzazione di tutti i processi infiammatori nel fegato. Allo stesso tempo possono persistere effetti residui.

La forma progressiva è solitamente accompagnata da frequenti diarrea, nausea con vomito. Nei casi di epatite grassa moderata o grave, la malattia inizia a manifestarsi:

  • febbre;
  • sanguinamento;
  • ittero;
  • forte dolore sotto le costole nella parte destra (dove è il fegato).

Il paziente ha un alto contenuto di bilirubina, gammaglutamil transpeptidase, immunoglobulina A, così come un moderato test timolo ed elevata attività delle transaminasi (enzimi epatici - sostanze che contribuiscono a determinate reazioni chimiche).

L'insufficienza epatica in questi pazienti è fatale.

Forma persistente

Questa è una forma abbastanza stabile della malattia. Con lei, quando il paziente rifiuta l'alcol, può esserci una completa reversibilità di tutti i processi infiammatori in lui. Altrimenti, è possibile una transizione verso un complicato stadio progressivo di epatite grassa. Nel proseguimento della malattia, i pazienti si sentono sistematicamente in se stessi:

  • pesantezza o dolore nell'ipocondrio destro;
  • nausea;
  • sensazione di pienezza nello stomaco;
  • rutto.

L'epatite persistente del fegato è istomorfologicamente manifestata da una piccola fibrosi, così come la distrofia delle cellule del palloncino e la presenza di corpi di Mallory. Data la mancanza di progressione della fibrosi, questo modello può persistere per 5-10 anni, anche se il paziente consuma alcol in piccole quantità.

diagnostica

Nella forma cronica attiva, l'epatite grassa può essere caratterizzata dalla progressione della cirrosi epatica. Non ci sono fattori morfologici diretti dell'eziologia di questa malattia. Anche se ci sono misure che sono estremamente caratteristici degli effetti dell'alcol sul fegato, tra cui ci sono: ialina alcolica (vitello di Mallory) e cambiamenti ultrastrutturali negli epatociti stellati e nelle cellule del reticolo-cellulo. Questi cambiamenti mostrano il livello di azione dell'etanolo sul corpo umano.

Per stabilire la diagnosi può essere assegnato ai seguenti studi:

  • esami del sangue generali e biochimici;
  • coagulazione;
  • urina e feci generali;
  • Ecografia addominale;
  • esofagogastroduodenoscopia;
  • biopsia epatica.

Quando un paziente ha un'epatite grassa in forma cronica, l'esame ecografico della cavità addominale è di grande importanza nella diagnosi. Tale studio può determinare la struttura del fegato, determinare la dimensione della vena porta, rivelare una milza ingrossata, ascite e altri fattori che influenzano la malattia.

Ecografia Doppler L'ecografia Doppler viene effettuata per stabilire (o escludere) la presenza di un grado generale di sviluppo in un paziente di ipertensione portale (grado di aumento della pressione nella vena porta). Nella diagnosi può essere utilizzato anche il metodo di ricerca degli isotopi radioattivi - epatosplentigrafia di radionuclidi.

Secondo il grado di sviluppo della malattia, è consuetudine separare l'epatite alcolica cronica e acuta (grassi).

Sintomi comuni

Questa forma è una malattia in rapida evoluzione che causa danni infiammatori al fegato.

Con l'assunzione prolungata di alcol, l'epatite grassa acuta si forma in quasi il 65-70% dei casi e nel 4% dei pazienti viene rapidamente trasformata in cirrosi epatica. Il decorso e la prognosi di tale malattia dipendono dalla gravità dei disturbi esistenti nel fegato.

I sintomi comuni del decorso acuto di tale epatite iniziano di solito a comparire nei pazienti immediatamente dopo una lunga abbuffata. Sono particolarmente acuti nei pazienti che hanno già una cirrosi epatica. In questo caso, tutti i sintomi sono riassunti, mentre la prognosi per il paziente è significativamente peggiorata.

La forma clinica è rappresentata dalle seguenti varianti del decorso della malattia: latente, itterico, oltre che colestatico e fulminante.

Opzione Icteric

Molto spesso nella fase acuta c'è una variante itterica del corso. I pazienti vedono marcata debolezza, dolore nell'ipocondrio, vomito, anoressia, nausea, diarrea e ittero (senza prurito della pelle). Il fegato di tale paziente aumenta in modo significativo, è quasi sempre ispessito, doloroso e ha anche una struttura liscia (nel caso di cirrosi - bitorzoluta). La presenza di cirrosi in background in tali pazienti è indicata anche da asciti pronunciati, splenomegalia, teleangiectasia, eritema palmare e tremore alle mani.

Inoltre spesso sviluppano infezioni batteriche laterali: polmonite, infezioni urinarie, peritonite batterica improvvisa, setticemia, ecc. Tali infezioni insieme alla sindrome epatorenale (formazione di insufficienza renale) possono causare un serio peggioramento delle condizioni del paziente o persino la sua morte.

Opzione latente

Questa varietà non ha un proprio quadro clinico, pertanto viene diagnosticata sulla base di un aumento del livello delle transaminasi in una persona che abusa di alcol. Viene eseguita una biopsia epatica per confermare la diagnosi.

Variante colestatica

Questo tipo di malattia si verifica nel 7-13% dei pazienti e si manifesta con grave prurito. Inoltre, si verificano scolorimento fecale, scurimento delle urine e ittero. Se una persona ha dolore nell'ipocondrio superiore destro e si osserva anche la febbre, allora è clinicamente difficile distinguere l'epatite grassa dalla colangite acuta. Solo i test di laboratorio saranno in grado di determinare la malattia. Il decorso dell'epatite colestatica è abbastanza difficile per il paziente e protratto.

Variante fulminante

Questo tipo di epatite è caratterizzato da un inizio molto rapido dei sintomi. Il paziente è osservato: ittero, sindrome emorragica, insufficienza renale ed encefalopatia epatica. Nella maggior parte dei casi, la morte causa coma epatico e sindrome epatorenale.

sintomi

L'imposizione dei sintomi dell'epatite (processo infiammatorio nel fegato) sui sintomi della cirrosi peggiora significativamente la prognosi per il paziente. Tutte le manifestazioni di epatite alcolica (grasso) sono combinate nelle seguenti sindromi (aggregati stabili uniti da uno sviluppo comune):

Sindrome di Asthenic

  • aumento della fatica;
  • diminuzione della capacità lavorativa;
  • sonnolenza diurna;
  • la debolezza;
  • umore depresso;
  • perdita di appetito.


Manifestazioni di diarrea (disturbi della digestione)

  • nausea e vomito;
  • diminuzione dell'appetito;
  • dolore nella regione ombelicale;
  • gonfiore;
  • brontolando nello stomaco.

Manifestazioni di intossicazione da alcool (l'effetto dell'alcool sul corpo)

  • atrofia muscolare;
  • polineuropatia periferica (i nervi periferici del paziente sono danneggiati). Si manifesta limitando la gamma di movimenti e la sensibilità compromessa;
  • mancanza di respiro e tachicardia (battito cardiaco accelerato) a causa di danni al sistema cardiovascolare;
  • ipotensione arteriosa, che provoca una riduzione della pressione sistolica (il primo parametro nelle misurazioni) della pressione arteriosa a meno di 100 mm Hg;
  • cachessia (perdita di peso e esaurimento).

Sindrome di insufficienza epatocellulare in pazienti

  • telangiectasia ("stelle" vascolari in tutto il corpo e sul viso;
  • plantare (sulle piante dei piedi) o palmare (sui palmi delle mani) eritema (arrossamento) della pelle;
  • La contrattura di Dupuytren (accorciamento e flessione dei tendini sui palmi, che porta alla deformazione della flessione e alla restrizione delle funzioni);
  • ittero;
  • leuconichia (piccole strisce bianche sulle unghie);
  • il sintomo di "bacchette" (le punte delle dita sono ingrandite, diventando simili alle bacchette);
  • il sintomo di "occhiali da guardia" (arrotondamento delle unghie e aumento delle loro dimensioni).

C'è una femminilizzazione dell'aspetto, mentre gli uomini acquisiscono alcuni tratti femminili:

  • arti raffinati;
  • deposizione di grasso nei fianchi
  • scarsi capelli sotto le ascelle;
  • ginecomastia (ingrossamento del seno maschile);
  • atrofia testicolare (disturbo delle loro funzioni e riduzione dei volumi tissutali);
  • impotenza (disturbi nella funzione erettile e sessuale);
  • sintomo "criceto" (un aumento delle ghiandole salivari parotide pazienti).

Le condizioni del paziente possono migliorare significativamente dopo la cessazione dell'alcool. Periodi di forte deterioramento dello stato di salute sono direttamente correlati all'uso di alcol.

Sintomi di epatite grassa cronica

Questo tipo di malattia potrebbe non mostrare alcun sintomo specifico. Per i pazienti, un regolare aumento dell'attività delle transaminasi è tipico degli indici AST che dominano l'ALT. In alcuni casi, è possibile un moderato aumento dei sintomi della sindrome da colestasi. Allo stesso tempo, non ci sono segni di sviluppo nei pazienti con ipertensione portale. La diagnosi viene effettuata sulla base del quadro clinico e dei dati di laboratorio.

Questo tipo di malattia è caratterizzato da cambiamenti istologici, corrispondono al livello di infiammazione, tenendo conto dell'assenza di evidenti segni di sviluppo nella trasformazione cirrotica del paziente. Tale epatite è abbastanza difficile da diagnosticare, dal momento che non è sempre possibile ottenere informazioni complete dal paziente.

trattamento

Il processo di trattamento dell'epatite alcolica (adiposa) può avere successo solo se il paziente rifiuta completamente di assumere alcol, e segue anche una dieta, l'uso di farmaci, vitamine e tutte le raccomandazioni del medico. Il processo di cura di questa malattia è molto lungo e richiede un approccio sistematico. Di norma, tale trattamento dovrebbe iniziare in ospedale e terminare a livello ambulatoriale.

Le seguenti sostanze medicinali sono utilizzate per il trattamento conservativo:

  • Epatoprotettori (sostanze che preservano le cellule del fegato), i farmaci più efficaci dal cardo mariano (pianta medicinale). Karsil, Essliver Forte, Heptor, Heptral e altri sono usati nel trattamento.
  • Preparazioni ademethionine.
  • Vitamine A, B, C ed E.
  • Preparati di acido ursodesossicolico (UDCA sono componenti della bile che impediscono la morte cellulare nel fegato).
  • Glucocorticoidi (analoghi ormonali (sintetici) della corteccia surrenale), riducono la gravità dell'infiammazione e prevengono anche la formazione di tessuto connettivo (cicatrice). Inoltre, nel trattamento della soppressione della produzione di anticorpi che danneggiano il tessuto epatico.
  • Inibitori delle proteasi tissutali (inibiscono l'attività di sostanze che causano la rottura delle proteine) e prevengono anche la formazione di tessuto connettivo nel fegato.
  • Inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (tali ACE inibitori riducono la pressione sanguigna, sospendono lo sviluppo di alterazioni patologiche nei reni).

Inoltre, quando si trattano i pazienti, viene prescritta una dieta moderata n. 5.

Nei casi più gravi, condotta e trattamento chirurgico. Il trapianto di fegato (trapianto) viene eseguito quando è impossibile ripristinare le funzioni del fegato del paziente con metodi di trattamento conservativo. Fondamentalmente, parte del fegato viene trapiantata dal parente più prossimo. Prima dell'operazione (sei mesi) l'assunzione di alcol deve essere assolutamente esclusa.

epatite

L'epatite è un'infiammazione diffusa del tessuto epatico dovuta a un processo tossico, infettivo o autoimmune. Sintomi generali - pesantezza e dolore nel giusto ipocondrio con irradiazione sotto la scapola destra, nausea, secchezza e amarezza in bocca, mancanza di appetito, eruttazione. Nei casi gravi - ittero, perdita di peso, eruzione cutanea. Il risultato dell'epatite può essere una forma cronica, coma epatico, cirrosi e cancro al fegato. La diagnosi di epatite comprende lo studio di campioni di sangue biochimici, ecografia epatica, epatocardiocisti, biopsia con ago. Il trattamento si basa sul rispetto di una dieta, ammissione di epatoprotettori, disintossicazione, terapia etiotropica e patogenetica specifica.

epatite

L'epatite è una malattia infiammatoria del fegato. Per la natura del flusso, si distinguono epatite acuta e cronica. L'epatite acuta si manifesta con sintomi gravi e presenta due esiti: una cura completa o una transizione verso la forma cronica. La stragrande maggioranza dell'epatite (90%) ha un'eziologia alcolica, virale o farmacologica. L'incidenza dell'epatite in diversi gruppi di individui varia a seconda della forma e della causa della malattia.

Cronico riconosce l'epatite, che dura più di sei mesi. Il quadro morfologico del processo cronico è un cambiamento distrofico nel tessuto epatico di origine infiammatoria che non influisce sulla struttura lobulare dell'organo. L'epatite cronica primaria si verifica inizialmente senza sintomi gravi o con manifestazioni minime. La malattia viene spesso rilevata durante gli esami medici e gli esami per altre patologie. Più spesso si sviluppano negli uomini, ma le donne hanno una maggiore tendenza ad alcune epatiti specifiche. Particolare attenzione viene prestata alle condizioni del fegato nei pazienti sottoposti a epatite acuta, che sono portatori dell'antigene australiano, così come in quelli che abusano di alcol o sono sottoposti a trattamento con farmaci epatotossici.

Classificazione dell'epatite

  • a causa di sviluppo - epatite virale, alcolica, medicinale, autoimmune, epatite specifica (tubercolosi, opisthorchosis, echinococcal, ecc.), epatite secondaria (come complicazioni di altre patologie), epatite crittogena (di eziologia poco chiara);
  • con il flusso (acuto, cronico);
  • da segni clinici (forme itteriche, anterteri, subcliniche).

L'epatite virale è acuta (virus dell'epatite A e B) e cronica (epatite B, D, C). L'epatite può anche essere causata da infezioni virali e simili a virus che non sono specifiche per il fegato: mononucleosi, citomegalovirus, herpes, febbre gialla. L'epatite autoimmune varia di tipo a seconda degli anticorpi bersaglio (tipo 1, tipo 2, tipo 3).

Patogenesi dell'epatite

L'epatite acuta si sviluppa sia come conseguenza del danno epatico diretto da fattori epatotossici o di un'infezione virale, sia come risultato dello sviluppo di una reazione autoimmune - la produzione di anticorpi contro i tessuti del corpo. In entrambi i casi, l'infiammazione acuta si sviluppa nel tessuto epatico, il danno e la distruzione degli epatociti, l'edema infiammatorio e una diminuzione dell'attività funzionale dell'organo. La mancanza di funzionalità del fegato biliare è la causa principale della bilirubinemia e, di conseguenza, dell'ittero. Dal momento che non ci sono zone del recettore del dolore nei tessuti del fegato, la sindrome del dolore è raramente pronunciata ed è associata ad un ingrossamento del fegato, allungando la sua capsula ben innervata e i processi infiammatori nella cistifellea.

L'infiammazione cronica di solito si sviluppa a causa dell'epatite acuta non curata o insufficientemente guarita. Spesso, le forme anterteri e asintomatiche di epatite non vengono rilevate nel tempo e il processo infiammatorio diventa cronico, vi sono focolai di distrofia e degenerazione del tessuto epatico. La diminuzione dell'attività funzionale del fegato è aggravata. Spesso, l'epatite cronica si trasforma gradualmente in cirrosi.

Sintomi di epatite

Il decorso e i sintomi dell'epatite dipendono dal grado di danno al tessuto epatico. Dallo stesso dipende dalla gravità della malattia. Forme lievi di epatite acuta possono essere asintomatiche e spesso confluiscono nella forma cronica se la malattia non viene rilevata a caso durante un esame preventivo.

Nei casi più gravi, i sintomi possono essere espressi, in rapida crescita, combinati con intossicazione generale del corpo, febbre e danni tossici a organi e sistemi.

Per quanto riguarda l'epatite acuta, e per l'esacerbazione della forma cronica della malattia, l'ittero della cute e della sclera di un tipico tono di zafferano è comune, ma la malattia può anche verificarsi senza grave ittero. Tuttavia, per rilevare un leggero grado di ingiallimento della sclera, nonché per rivelare il giallo della mucosa del palato superiore è possibile con una forma lieve di epatite. L'urina si scurisce, con una pronunciata compromissione della sintesi degli acidi biliari, le feci perdono colore e diventano biancastre-argillose.

I pazienti possono manifestare sintomi quali prurito della pelle, comparsa di macchie rosse sulla pelle - petecchie, bradicardia, sintomi nevrotici.

Alla palpazione il fegato è moderatamente ingrossato, leggermente doloroso. Potrebbe anche esserci un aumento della milza.

L'epatite cronica è caratterizzata dallo sviluppo graduale delle seguenti sindromi cliniche:

  • astenovegetativa (debolezza, affaticamento, disturbi del sonno, labilità mentale, mal di testa) - a causa dell'intossicazione del corpo dovuta all'aumento dell'insufficienza epatica;
  • dispeptico (nausea, a volte - vomito, perdita di appetito, flatulenza, diarrea, in alternanza a stitichezza, eruttazione amara, sapore sgradevole in bocca) è associato a disturbi digestivi dovuti a insufficiente produzione epatica di enzimi e acidi biliari necessari per la digestione);
  • la sindrome del dolore (dolore di una natura costante e dolorante localizzata nel giusto ipocondrio, aggravata dallo sforzo fisico e dopo improvvise violazioni della dieta) - può essere assente o espressa in una moderata sensazione di pesantezza nell'epigastrio;
  • condizione subfebrilare (un aumento moderato della temperatura a 37,3 - 37,5 gradi può durare per diverse settimane);
  • arrossamento persistente delle palme (eritema palmare), teleangiectasia (vene varicose sulla pelle) sul collo, viso, spalle;
  • emorragico (petecchie, tendenza a lividi e lividi, nasale, emorroidaria, sanguinamento uterino) è associato ad una diminuzione della coagulazione del sangue dovuta alla sintesi insufficiente dei fattori di coagulazione nelle cellule del fegato;
  • ittero (ingiallimento della pelle e delle mucose - come risultato di un aumento del livello di bilirubina nel sangue, che a sua volta è associato a una violazione del suo utilizzo nel fegato);
  • epatomegalia - un aumento del fegato, può essere combinato con splenomegalia.

Diagnosi di epatite

La diagnosi di epatite si basa sulla presenza di sintomi, esame fisico di un gastroenterologo o terapeuta, studi funzionali e di laboratorio.

Gli studi di laboratorio comprendono: test biochimici del fegato, determinazione della bilirubinemia, diminuzione dell'attività degli enzimi sierici, aumento del livello della gamma albumina, diminuzione del contenuto di albumina; notare anche una diminuzione del contenuto di protrombina, fattori di coagulazione VII e V, fibrinogeno. C'è un cambiamento negli indicatori di timolo e campioni sublimati.

Quando si esegue un'ecografia degli organi addominali, si nota un aumento del fegato e un cambiamento nella sua permeabilità del suono e, inoltre, si nota un aumento della milza e, possibilmente, un'espansione della vena cava. Per la diagnosi di epatite sarà anche utile la reoepatografia (studio del flusso ematico epatico), l'epatocherecistoscintografia (studio radioisotopico del tratto biliare), la biopsia del fegato con puntura.

Trattamento dell'epatite

Trattamento dell'epatite acuta

Il trattamento è necessariamente eseguito in ospedale. Inoltre:

  • la dieta n. 5A è prescritta, riposo semi-letto (in caso di decorso grave - riposo a letto);
  • in tutte le forme di epatite, l'alcol e i farmaci epatotossici sono controindicati;
  • viene eseguita una terapia intensiva di disintossicazione per compensare questa funzione epatica;
  • prescrivere farmaci epatoprotettivi (fosfolipidi essenziali, silimarina, estratto di cardo mariano);
  • prescritto clisma giornaliero alto;
  • produrre la correzione metabolica - preparati di potassio, calcio e manganese, complessi vitaminici.

L'epatite virale è trattata in reparti specializzati di ospedali per malattie infettive, reparti tossici in specializzazione in avvelenamento. Quando l'epatite infettiva produce la sanificazione della fonte dell'infezione. Gli agenti antivirali e immunomodulatori non sono ampiamente utilizzati nel trattamento delle forme acute di epatite.

Buoni risultati nel miglioramento della condizione generale nell'ipossia grave sono forniti dall'ossigenoterapia, dall'ossigeno-bariatria. Se ci sono segni di diatesi emorragica, prescrivere la vitamina K (vikasol) per via endovenosa.

Trattamento dell'epatite cronica

Ai pazienti con epatite cronica viene anche prescritta una terapia dietetica terapeutica (dieta n ° 5A nella fase acuta e dieta n ° 5 senza patologia acuta), è richiesto un rigetto completo dell'alcool e una diminuzione dello sforzo fisico. Nel periodo di esacerbazione, il trattamento ospedaliero è necessario nel reparto di gastroenterologia.

La terapia farmacologica comprende la terapia di base con epatoprotettori, la prescrizione di farmaci che normalizzano i processi digestivi e metabolici e i preparati biologici per la correzione della flora batterica intestinale.

La terapia epatoprotettiva viene eseguita con preparati che promuovono la rigenerazione e la protezione del tessuto epatico (silimarina, fosfolipidi essenziali, tetraossiflavonolo, orotato di potassio) e sono prescritti in cicli di 2-3 mesi con pause semestrali. Nei corsi terapeutici comprendono complessi multivitaminici, preparati enzimatici (pancreatina), probiotici.

Come misure di disintossicazione è stata utilizzata infusione di soluzione di glucosio al 5% con aggiunta di vitamina C. Enterosorbenti (carbone attivo, lignina idrolizzata, microcellulosa) sono prescritti per la disintossicazione dell'ambiente intestinale.

La terapia antivirale è prescritta per la diagnosi di epatite virale B, C, D. Nel trattamento dell'epatite autoimmune sono usati corticosteroidi e immunosoppressori. Il trattamento viene effettuato con il monitoraggio continuo di campioni di sangue biochimici (attività di transferasi, bilirubina ematica, test funzionali).

Prevenzione e prognosi per l'epatite

Prevenzione primaria dell'epatite virale - conformità alle normative igieniche, attuazione di misure sanitarie ed epidemiche, ispezione sanitaria delle imprese che possono diventare fonte di infezione, vaccinazione. La prevenzione di altre forme di epatite è l'evitare l'azione dei fattori traumatici epatici - alcool, droghe, sostanze tossiche.

La prevenzione secondaria dell'epatite cronica è conforme alla dieta, al regime, alle raccomandazioni mediche, all'esame periodico, al monitoraggio dei parametri clinici del sangue. I pazienti sono raccomandati trattamenti termali regolari, idroterapia.

La prognosi per la diagnosi tempestiva e il trattamento dell'epatite acuta è generalmente favorevole e porta al recupero. L'epatite alcolica acuta e tossica è letale nel 3-10% dei casi, spesso un decorso grave associato ad un indebolimento del corpo da parte di altre malattie. Con lo sviluppo dell'epatite cronica, la prognosi dipende dall'utilità e dalla tempestività delle misure terapeutiche, della dieta e del regime di risparmio.

Il decorso avverso dell'epatite può essere complicato dalla cirrosi epatica e insufficienza epatica, in cui un esito fatale è molto probabile. Altre complicazioni comuni dell'epatite cronica sono disordini metabolici, anemia e disturbi della coagulazione, diabete mellito, neoplasie maligne (cancro del fegato).

Sintomi e trattamento dell'epatite epatica

L'epatite è un nome generico per un gruppo di gravi malattie infiammatorie di un organo specificato di varie eziologie. Il trattamento tardivo o improprio della malattia può portare a cancro o cirrosi epatica, con conseguente morte del paziente.

Secondo gli scienziati, negli ultimi anni le forme individuali di epatite sono diventate sempre più diffuse in tutto il mondo, minacciando di trasformarsi in un'epidemia globale.

A questo proposito, è necessario ottenere quante più informazioni possibili sull'epatite.

Cause di diversi tipi di epatite

A seconda di cosa si basa la classificazione, questa malattia può essere considerata:

  • per ragioni di apparenza;
  • nel corso della malattia.

A seconda della natura dell'evento, l'epatite ha i seguenti tipi:

  • virale;
  • tossico (alcolico, medicinale);
  • autoimmune e altri

Secondo il decorso della malattia, l'epatite può avere una fase acuta e cronica, con il primo che si sposta gradualmente nel secondo. L'epatite cronica porta alla morte del fegato.

L'epatite virale si verifica negli esseri umani quando infettati da virus epatotropici. L'infezione più frequente si verifica con i virus del gruppo A, B, C.

L'infezione umana da epatite A si manifesta in modo domestico attraverso le mani sporche. I sintomi della malattia compaiono solo dopo alcune settimane e quindi possono scomparire. In questo momento, la persona infetta è il distributore attivo dell'infezione. Con la rilevazione tempestiva della malattia e un sistema immunitario sano, la prognosi del decorso della malattia è favorevole. In rari casi, ci possono essere gravi complicanze.

L'infezione umana da epatite B si manifesta attraverso fluidi e sangue del corpo, compresi rapporti sessuali, tossicodipendenza, trasfusioni di sangue, agopuntura, ecc. L'epatite B è una forma più complessa della malattia, caratterizzata da un decorso più prolungato e segreto della malattia e frequenti complicazioni gravi. Attualmente esiste una vaccinazione contro questa forma di epatite.

L'epatite C infettiva è piena di pericolose conseguenze e complicanze. È trasmesso attraverso il sangue, più spesso attraverso la trasfusione di sangue infetto.

L'epatite tossica è causata da un sovradosaggio di alcol, droghe, sostanze chimiche. Recentemente, a causa del consumo di vari additivi chimici, del degrado ambientale, dell'emergenza di farmaci più aggressivi, l'epatite tossica sta diventando sempre più diffusa.

Le cause di una malattia infiammatoria autoimmune del fegato dovrebbero essere considerate un fallimento nel corpo del paziente stesso, quando il tessuto epatico sano comincia a essere danneggiato dai suoi stessi anticorpi immunitari.

I sintomi della malattia e la sua diagnosi

Il processo infiammatorio che si verifica nel fegato può avere diversi gradi di gravità:

  • non ci sono segni evidenti della malattia;
  • febbre, malessere generale;
  • segni principali identificati della malattia, ma senza ingiallimento della pelle;
  • brillante severità con tutti i suoi segni e manifestazioni inerenti.

Nonostante i diversi tipi di malattia, è possibile chiamare i sintomi comuni per il fegato malato. Questi includono:

  • dolore o costrizione nell'ipocondrio destro;
  • costante sensazione di stanchezza;
  • aumento della temperatura;
  • dolore alle articolazioni o ai muscoli;
  • perdita di appetito;
  • amarezza in bocca;
  • bruciore di stomaco, nausea o vomito;
  • urina marrone scuro;
  • feci di colore chiaro;
  • colore giallo della sclera degli occhi;
  • colore della pelle gialla.

Se viene trovato uno qualsiasi dei sintomi elencati, è imperativo esaminare il fegato. La medicina moderna ha un intero arsenale di strumenti e metodi per l'individuazione delle malattie del fegato. Tutti i metodi di esame del paziente possono essere suddivisi in generali clinici, strumentali e specifici.

I metodi di esame clinico generale includono:

  • emocromo completo;
  • analisi del sangue biochimica;
  • analisi delle urine;
  • coagulazione;
  • test del fegato, ecc.

Analizzando il sangue del paziente, è possibile determinare con la massima precisione la presenza della malattia, il suo tipo, la natura virale e altre informazioni importanti. Gli esami del fegato sono in grado di mostrare il grado di disfunzione epatica.

Puoi chiamare i principali metodi strumentali di studio del fegato del paziente:

  • Ultrasuono del corpo del paziente;
  • Risonanza magnetica o TC;
  • biopsia epatica;
  • laparotomia diagnostica, ecc.

Con l'aiuto di metodi strumentali di ricerca di un organo, è possibile ottenere informazioni accurate e complete sulle dimensioni effettive del fegato, sulla presenza di eventuali cambiamenti, lesioni e sigilli. La biopsia epatica non solo determinerà il grado di danno all'organo, ma anche per stabilire la causa.

Soprattutto per l'epatite virale e autoimmune, possono essere usati metodi di ricerca specifici più dispendiosi in termini di tempo e dispendiosi, ma estremamente accurati:

Sulla base delle scoperte diagnostiche, un medico qualificato sarà in grado di stabilire il tipo di epatite e fare il corretto schema di trattamento efficace, fare una previsione del risultato della malattia.

Trattamento dell'epatite: gravi complicanze

A seconda del tipo di malattia, vengono utilizzati vari metodi di trattamento. Ci sono 3 direzioni:

  • trattamento farmacologico;
  • un intervento chirurgico;
  • dieta speciale

La più semplice delle malattie è considerata epatite virale acuta A e B, a condizione che il paziente abbia visitato un medico in modo tempestivo. Sono trattati secondo lo schema standard di tutte le malattie infettive. In questo caso, sarà sufficiente seguire tutte le raccomandazioni del medico curante, una dieta speciale e una routine quotidiana. È necessario per qualche tempo isolarsi dalla società per evitare di contagiare altre persone. La prognosi della malattia è quasi sempre favorevole.

L'epatite infettiva cronica B e C richiede un attento monitoraggio. Di solito, una terapia antivirale complessa è prescritta da un medico in regime di combinazione. Il trattamento include varie combinazioni di analoghi nucleosidici e interferoni, che consente di salvare il fegato dai danni.

Il trattamento dell'epatite tossica comprende i seguenti componenti essenziali:

  • cessazione dell'esposizione a una sostanza tossica;
  • disintossicazione endovenosa del corpo;
  • restauro del fegato danneggiato.

Per la disintossicazione utilizzata, haemo l'assorbimento, plasmaferesi. Per la rigenerazione attiva dell'organo vengono utilizzati epatoprotettori. In casi particolarmente difficili, il trapianto di fegato può essere considerato l'unico trattamento per l'epatite tossica.

In caso di trattamento prematuro o errato di epatite, vi è un'alta probabilità di insorgenza di vari tipi di complicanze che possono portare a un esito letale. Tra le complicazioni, più spesso trovato:

  • insufficienza epatica acuta;
  • cancro al fegato;
  • cirrosi epatica;
  • ipertensione portale;
  • coma epatico, ecc.

Una grande importanza nel trattamento di qualsiasi tipo di epatite è data ad una speciale dieta rigorosa, che deve essere osservata durante l'intero periodo di trattamento e qualche tempo dopo.

Con questa malattia, le funzioni digestive del fegato sono disturbate, quindi è necessario mangiare cibi leggeri e non grassi che siano ben assorbiti dal corpo. Gli alimenti dovrebbero essere mangiati bolliti, al vapore o al forno. È impossibile includere nella dieta prodotti marinati, speziati, affumicati, cioccolato, soda, pasticcini e alcolici.

Misure preventive della malattia

Come sapete, è più facile impedire che la malattia entri nel corpo piuttosto che trattarla in un secondo momento. L'epatite è una malattia molto grave, alcune delle quali sono difficili da trattare.

Esistono misure preventive di base della malattia, che dovrebbero diventare parte integrante della vita di ognuno:

  • vaccinazione costante per creare un'immunità attiva contro alcuni tipi virali della malattia;
  • igiene personale, lavaggio frequente delle mani;
  • divieto di utilizzo di prodotti igienici comuni;
  • l'uso di strumenti monouso in istituti cosmetici o medici;
  • evitare il contatto diretto con il sangue di qualcun altro;
  • visitando solo pedicure e saloni di bellezza comprovati;
  • rifiuto di droghe alcoliche e stupefacenti;
  • rispetto di tutte le raccomandazioni per il sesso sicuro;
  • corretta alimentazione;
  • acqua potabile solo da fonti autorizzate;
  • stile di vita sano;
  • svolgimento di lavori sanitari ed educativi, in particolare tra i bambini.

Ogni persona sana di mente deve seguire le regole di base della prevenzione per tutta la vita, al fine di minimizzare il rischio di contrarre l'epatite.

Quindi, avendo scoperto i principali segni e sintomi di una malattia così terribile come l'epatite, è necessario contattare immediatamente uno specialista, quindi è garantito un recupero rapido e completo.

Articolo Precedente

Farmacia Le Farm

Articolo Successivo

Farmaco antivirale Viferon