Phosphogliv

Trattamento

Phosphogliv è un farmaco combinato che ha un effetto stabilizzante della membrana, antivirale ed epatoprotettivo.

Il farmaco aiuta a ripristinare le membrane cellulari delle cellule del fegato, migliora il flusso naturale delle sostanze attraverso di esse. Aiuta a ridurre i sintomi di infiammazione ed edema focale, inibisce la formazione di metaboliti negativi. Utilizzato per il trattamento della malattia epatica acuta e cronica, che si verifica con la sconfitta degli epatociti.

Phosphogliv viene processato nel fegato ed escreto con feci con la bile. Utilizzato principalmente negli adulti. Non causa effetti collaterali con l'uso prolungato.

Gruppo clinico-farmacologico

Epatoprotettore con effetti immunomodulatori e antivirali.

Condizioni di vendita dalle farmacie

Può essere acquistato senza la prescrizione del medico.

Quanto costa Phosphogliv nelle farmacie? Il prezzo medio è al livello di 550 rubli.

Composizione e forma di rilascio

La medicina si presenta in due forme:

  1. Capsule. Il corpo della capsula è arancione e il coperchio è nero. All'interno c'è una polvere leggera con una leggera sfumatura gialla. C'è un leggero odore particolare. Le capsule sono messe in 10 pezzi in bolle. Blister disposti in 5 scatole.
  2. Lyophilizate for on / nell'introduzione. Sembra una massa bianca o giallo chiaro. Si trova in flaconi da 2,5 g. Le bottiglie da 5 o 10 pezzi sono disposte in scatole di cartone.

La composizione di 1 capsula contiene i principi attivi:

  • Phospholipids (Lipoid C 80) (il componente principale - fosfatidilcholina 73-79% (basato su sostanza del 100%)) - 65 mg;
  • Glicirrizinato di sodio (sale trisodico acido glicirrizico) - 35 mg.

La composizione di 1 bottiglia con un liofilizzato per la preparazione della soluzione per iniezione include ingredienti attivi:

  • Fosfolipidi (Lipoid C 100) - 500 mg;
  • Glicirrizinato di sodio (sale trisodico dell'acido glicirrizico) - 200 mg.

Phosphogliv o Phosphogliv Forte - che è meglio?

Spesso puoi rispondere alla domanda: qual è la differenza tra Phosphogliv e Phosphoglv Forte? In effetti, la composizione dei farmaci è identica, se si guardano gli ingredienti, la differenza è solo nel dosaggio di queste sostanze.

È impossibile dire quale di questi farmaci sia migliore, poiché il dosaggio deve essere aggiustato tenendo conto del peso, dell'età, della diagnosi. Compra esattamente il farmaco che è stato prescritto dal medico.

Effetto farmacologico

Phosphogliv è un farmaco combinato che ha un effetto stabilizzante della membrana, epatoprotettivo e antivirale.

La fosfatidilcolina - il principale elemento strutturale delle membrane cellulari e intracellulari, è in grado di ripristinare la loro struttura e funzione quando danneggiata, fornendo un effetto citoprotettivo. Normalizza il metabolismo delle proteine ​​e dei lipidi, previene la perdita degli enzimi epatocitari, ripristina la funzione detossificante del fegato, inibisce la formazione del tessuto connettivo, riduce il rischio di fibrosi e cirrosi epatica.

Il glicirato ha proprietà antinfiammatorie, inibisce la riproduzione dei virus nel fegato e in altri organi stimolando la produzione di interferoni, migliorando la fagocitosi e aumentando l'attività delle cellule natural killer. Ha un effetto epatoprotettivo. Potenzia gli effetti dei glucocorticosteroidi endogeni, degli effetti antinfiammatori e antiallergici nelle lesioni non infettive del fegato.

Con lesioni cutanee dovute alle sue proprietà stabilizzanti e antinfiammatorie, limita la diffusione del processo e favorisce la regressione della malattia.

Indicazioni per l'uso

Cosa aiuta Phosphogliv? Il farmaco Phosphogliv è usato per trattare la maggior parte dei disordini patologici della funzionalità epatica, sia infettivi che non infettivi.

Indicazioni per l'uso della droga Phosphogliv sono tali malattie come:

  • epatite virale A, B, C, D in forme acute e croniche;
  • steatogepatoz,
  • steatoepatite,
  • cirrosi epatica,
  • danno epatico conseguente all'uso di droghe;
  • insufficienza epatica in forme acute e croniche,
  • intossicazione del corpo,
  • danno epatico sullo sfondo di malattie croniche del sistema cardiovascolare, sistema respiratorio, diabete, tubercolosi;
  • epatite grassa (degenerazione grassa del fegato),
  • danno epatico alcolico causato da alcolismo,
  • lesioni medicinali del fegato,
  • psoriasi.

Il liofilizzato e le capsule migliorano significativamente la funzione sintetica del fegato e riducono qualitativamente i sintomi dell'insufficienza epatica. In questo caso, il farmaco ha una buona tollerabilità e un profilo di sicurezza favorevole.

Controindicazioni

Controindicazioni per la prescrizione del farmaco sono:

  • Sindrome antifosfolipidica.
  • Bambini sotto i 12 anni (i dati sulla sicurezza e l'efficacia non sono sufficienti).
  • Il periodo di gravidanza e allattamento.
  • Aumento della sensibilità individuale alla fosfatidilcolina, acido glicirrizico o altri componenti ausiliari del farmaco.

Phosphogliv viene prescritto con estrema cautela nei pazienti con ipertensione portale e arteriosa.

Appuntamento durante la gravidanza e l'allattamento

L'esperienza con l'uso della droga Phosphogliv tra le donne incinte è assente o limitata. La ricerca sulla sicurezza del farmaco per il feto non è stata condotta, quindi le capsule non sono raccomandate per le donne durante la gravidanza.

Non è noto se la sostanza Phosphogliv venga escreta nel latte materno e in che modo ciò possa influire sul corpo del bambino. Data la mancanza di informazioni sulla sicurezza del farmaco, l'assunzione delle capsule di phosphogliv non è raccomandata per le donne durante l'allattamento. Se necessario, la terapia farmacologica dovrebbe decidere la cessazione dell'allattamento e trasferire il bambino alla nutrizione artificiale.

Dosaggio e modalità d'uso

Come indicato nelle istruzioni per l'uso di Phosphogliv assunto per via orale durante i pasti. Le capsule devono essere ingerite senza masticare, bevendo una piccola quantità di liquido.

  • Adulti e bambini sopra i 12 anni sono prescritti 2 caps. 3 volte al giorno

La durata dell'uso può essere fino a 6 mesi, in media - 3 mesi.

Reazioni avverse

L'uso di una soluzione iniettabile può causare i seguenti effetti collaterali:

  • Reazioni allergiche: con ipersensibilità - eruzione cutanea (di solito scompare senza ulteriori misure dopo l'interruzione della terapia);
  • Altri (con l'introduzione del farmaco in eccesso rispetto alle dosi giornaliere raccomandate): aumento della pressione sanguigna (PA), edema, ipopotassiemia, ritenzione di liquidi e sodio. Se si verificano tali disturbi, si raccomanda di ridurre la dose giornaliera del farmaco e / o utilizzare un diuretico a risparmio di potassio - spironolattone, 50-100 mg al giorno (determinato dalla gravità degli effetti collaterali).

Sotto forma di capsule Phosphogliv, di regola, è ben tollerato dai pazienti, i disturbi si sviluppano in casi molto rari, in base ai risultati delle osservazioni post-registrazione -

Phosphogliv o Phosphogliv Forte - che è meglio?

Medicinali 20 marzo 2016 4,584 visualizzazioni

Uno degli organi più importanti e più grandi del nostro corpo, il fegato, può essere di grande preoccupazione se lo trattiamo senza la dovuta attenzione. Non c'è da meravigliarsi se la gente dice "seduto nel fegato" di qualcosa di doloroso e costantemente inquietante. La malattia epatica può essere prevenuta o alleviata da un gruppo di farmaci chiamati epatoprotettori. La base della loro azione è garantire l'apporto di fegato alle sostanze necessarie alla rigenerazione, come amminoacidi, fosfolipidi, fattori di crescita e vitamine. Tali farmaci comprendono l'epatoprotettore Fosfogliv di fabbricazione russa. Qual è la differenza tra Phosphogliv e Phosphogliv Forte, diamo un'occhiata a un piccolo articolo di recensione.

Phosphogliv Forte e Phosphogliv: qual è la differenza?

Entrambi i farmaci sono disponibili sotto forma di capsule e contengono la stessa composizione di principi attivi. Include fosfatidilcolina e acido glicirrizico di sodio. La differenza tra Phosphogliv e Phosphogliv Forte sta nel numero di componenti. Rispetto a Phosphogliv in Forte-droga più:

  • glicirrizinato di sodio a 30 mg,
  • fosfatidil colina in 4,6 volte.

Caratteristiche dei principi attivi

La radice di liquirizia è stata tradizionalmente usata nella medicina cinese, indiana e antica. Uno dei componenti principali in esso contenuti è il glicoside glicosilico triterpenico. Come si è scoperto, ha molte proprietà utili, vale a dire:

  • attività antivirale
  • effetti immunomodulatori
  • azione antiossidante
  • azione membranotropica

che lo rendono indispensabile nel trattamento delle malattie del fegato.

Inoltre, è stato stabilito l'effetto protettivo dell'acido glicirrizico nella malattia del fegato grasso. Con un aumento del livello di acidi grassi liberi nel plasma sanguigno nel fegato, si innescano processi biochimici che portano all'accumulo di grasso, che non è affatto lì. I glicirinati prevengono l'accumulo di grasso e proteggono gli epatociti dalla morte apoptotica.

La distruzione dell'integrità della membrana cellulare porta a una varietà di disturbi del fegato, del sistema nervoso e di altri organi. La fosfatidilcolina è uno dei 7 maggiori fosfolipidi coinvolti nella costruzione delle membrane cellulari. Rappresenta dal 40 al 55% del numero totale di fosfolipidi di membrana. Al fine di ripristinare la massa cellulare durante i processi rigenerativi, il fegato richiede un materiale da costruzione. Fornisce la droga Phosphogliv sotto forma di fosfatidilcolina.

Come dimostrato da studi sperimentali, la fosfatidilcolina ha un'intera gamma di proprietà biologiche, tra cui:

  • antivirale,
  • anti-infiammatori,
  • antiossidante,
  • attività anti-fibrotica.

Questa sostanza può proteggere direttamente le cellule del fegato da sostanze tossiche chimiche, come l'etanolo e il tetracloruro di carbonio.

In uno studio clinico, i pazienti affetti da epatite A e B hanno ricevuto 1,8 g di fosfatidilcolina al giorno con terapia convenzionale. Si è scoperto che in questo gruppo, i pazienti avevano meno recidive, la funzionalità epatica è stata normalizzata più velocemente rispetto ad altri soggetti. In un altro studio, i pazienti con epatite C cronica hanno assunto 3 g di fosfatidilcolina al giorno. Dopo il corso del trattamento, quasi tutti i pazienti hanno mostrato una diminuzione della gravità dei sintomi e in alcuni casi anche i segni istologici della malattia sono scomparsi.

Caratteristiche delle sostanze ausiliarie

Un'altra differenza tra Phosphogliv e Forto è un insieme di eccipienti. In Phosphogliv Forte, quelli sono:

  • etanolo, oli vegetali, butilidrossitoluene (cariche),
  • biossido di titanio, coloranti, gelatina (capsula).

In Phosphogliv, il guscio della capsula consiste praticamente degli stessi composti chimici, ma i riempitivi sono diversi: cellulosa microcristallina, carbonato di calcio e stearato, talco, aerosil.

Controindicato: fino a 12 anni, in gravidanza e in allattamento, con ipersensibilità ai componenti

La linea di farmaci Phosphogliv è prodotta da Pharmstandard. Ci sono differenze di prezzo tra i farmaci. 50 capsule di Phosphogliv costano da 507 a 530 rubli. Lo stesso pacchetto Phosphogliv Forte costerà circa 1,7 volte più costoso: da 882 a 959 rubli.

Phosphogliv o Phosphogliv Forte - che è meglio usare per risolvere i problemi del "fegato"? Certo, questa domanda è meglio indirizzata a uno specialista. Epatologo o gastroenterologo dopo l'esame vi aiuterà a scegliere il farmaco giusto e a prescrivere un corso di trattamento.

Quanto esattamente differisce il Phosphogliv dalla Phosphogliv Forte

Gli epatoprotettori sono farmaci concepiti con un obiettivo in mente: proteggere il fegato da tossine e veleni, dalla crescita anormale del tessuto connettivo e del tessuto adiposo. E, stranamente, non ci sono farmaci migliori di quelli basati su componenti di origine vegetale. Uno di questi farmaci è Phosphogliv. In totale ci sono due tipi di un tale farmaco, e quindi i potenziali acquirenti pongono la domanda: qual è la differenza tra Phosphogliv e Phosphogliv forte? Una persona che non ha istruzione medica non sarà in grado di dare immediatamente una risposta esatta.

Quando sono prescritti gli epatoprotettori

Il fegato è il filtro naturale del nostro corpo, che è il primo a prendere il peso di tutte le sostanze nocive. Ecco perché il suo carico è semplicemente colossale, e questo nonostante il fatto che il fegato compia dozzine di altre funzioni. Con una serie di malattie, l'attività di un organo può diminuire in modo significativo e nelle situazioni peggiori si può sviluppare persino un coma epatico. Gli epatoprotettori sono prescritti per il trattamento delle seguenti malattie:

  • epatite grassa;
  • epatite virale;
  • epatite tossica o da farmaci;
  • epatite alcolica;
  • cirrosi, ecc.

Oltre a Phosphogliv, ci sono altri mezzi per affrontare meglio i problemi al fegato. Questi farmaci includono Essentiale - una medicina di scienziati tedeschi, che consiste di fosfolipidi altamente purificati.

Quanto più grave è la malattia, tanto più lungo dovrebbe essere il ciclo degli epatoprotettori. Questa è la ragione della sfiducia di molti verso questi mezzi. Il prezzo di alcuni di loro è piuttosto alto, e dato il fatto che è necessario berli per un lungo periodo, dovrai pagare un sacco di soldi. Tuttavia, studi clinici hanno dimostrato che i fosfolipidi per un lungo periodo di tempo possono accelerare significativamente la rigenerazione cellulare e ripristinare la funzione degli organi.

Qual è la differenza tra i farmaci

E lui e l'altra droga funzionano quasi allo stesso modo e la loro composizione può essere definita quasi identica. Infatti, hanno elementi attivi comuni - fosfolipidi, che costituiscono la base dell'intero farmaco. Tuttavia, a differenza del solito Phosphogliv, il farmaco con il prefisso forte è composto da più sostanze attive. E quanto è seria questa differenza nella concentrazione di sostanze attive?

  1. Il numero di fosfolipidi nel Phosphogliv forte è circa 4,5 volte superiore rispetto alla versione classica del farmaco.
  2. Il forte contiene 2 volte la quantità di sale trisodico.

Cosa è meglio bere

È impossibile rispondere in modo inequivocabile quale farmaco agisce in modo più efficace. Il fatto è che per una persona, ad esempio, sarebbe opportuno usare un farmaco molto forte con un prefisso prefisso, poiché c'è un grave danno al fegato. E se il problema non è così grave, allora la versione classica è sufficiente. La forma del farmaco è selezionata da un medico, che viene respinto dai seguenti fattori:

  • la presenza di allergie;
  • età;
  • condizioni del fegato;
  • il tipo e la gravità della malattia;
  • salute generale;
  • tolleranza ai farmaci, ecc.

Ogni scatola deve contenere le istruzioni per l'uso - in ogni caso, non è possibile auto-medicare e scegliere un particolare farmaco senza il consiglio di un medico. Osservare il dosaggio indicato e dopo alcuni mesi è possibile ripristinare in modo significativo il tessuto epatico interessato.

Le recensioni positive dei clienti dicono che il farmaco è molto efficace. Il suo costo può soddisfare quasi ogni famiglia. In alcuni casi, la versione classica può persino essere utilizzata come mezzo di prevenzione.

Phosphogliv è uno dei più popolari epatoprotettori domestici oggi sul mercato. Il suo prezzo è molto più basso rispetto agli analoghi, ad esempio Essentiale. La principale differenza dal farmaco tedesco è un diverso periodo di assunzione dei farmaci. Phosphogliv non ha sempre bisogno di bere sei mesi o più per vedere un risultato positivo.

Phosphogliv Forte e Phosphogliv: qual è la differenza?

I migliori epatoprotettori sono quei farmaci che si basano su materiali vegetali. Tali mezzi includono Phosphogliv. E 'stato sviluppato sulla base di estratti ed estratti da ingredienti naturali - radice di liquirizia e semi di soia. Il farmaco è disponibile sotto forma di una soluzione e capsule di due tipi, a questo proposito, molti pazienti si pone la domanda: Fosfogliv Forte e Fosfogliv - qual è la differenza? A prima vista, entrambi i tipi di pillole sono uguali.

Qual è la differenza tra Phosphogliv e Phosphogliv Forte?

Il farmaco epatoprotettivo considerato nella forma di capsule consiste di:

  • fosfolipidi - fosfatidilcolina e lipoide 80, ottenuti da semi di soia;
  • sale trisodico dell'acido glicirrizico dalla liquirizia.

La composizione di Phosphogliv Forte è completamente identica, inclusa la capsula di gelatina dura e gli eccipienti:

  • etanolo di prima scelta;
  • olio di mais o di girasole;
  • Butilidrossitoluene.

L'unica differenza tra Phosphogliv e Phosphogliv Forte è il dosaggio degli ingredienti attivi.

Nel primo caso (la classica forma di rilascio), la concentrazione di fosfatidilcolina e lipoide 80 è di 65 mg in 1 capsula. Lo stesso indicatore per Phosphogliv Forte - 300 mg. Inoltre, contiene un altro fosfolipide (lipidi PPL-400).

La situazione è simile con il secondo principio attivo: glicirrizinato di sodio o sale trisodico dell'acido glicirrizico. In 1 capsula di Phosphogliv standard contiene 35 mg, mentre sotto forma di Forte - 65 mg.

Pertanto, rispetto al tipo classico di agente presentato, Phosphogliv Forte comprende 4,5 volte più fosfolipidi (in totale) e 2 volte più del sale trisodico dell'acido glicirrizico.

Altrimenti, indicazioni e controindicazioni, meccanismo d'azione e proprietà farmacologiche, questi due tipi di farmaci sono completamente gli stessi.

Compresse Phosphogliv Forte o Phosphogliv - che è meglio?

La domanda su quale forma del farmaco è più efficace non è corretta. Il dosaggio degli ingredienti attivi viene selezionato individualmente per ciascun paziente, tenendo conto:

  • salute generale;
  • età;
  • malattia e la sua gravità;
  • la presenza di allergie;
  • tolleranza ai farmaci;
  • malattie associate, tra cui - cronica;
  • la comparsa di effetti collaterali dall'assunzione dei fondi;
  • la funzionalità del fegato e lo stato dei suoi tessuti;
  • una storia di precedente chirurgia.

Phosphogliv o Phosphogliv Forte - che è meglio?

Uno degli organi più importanti e più grandi del nostro corpo, il fegato, può essere di grande preoccupazione se lo trattiamo senza la dovuta attenzione. Non c'è da meravigliarsi se la gente dice "seduto nel fegato" di qualcosa di doloroso e costantemente inquietante. La malattia epatica può essere prevenuta o alleviata da un gruppo di farmaci chiamati epatoprotettori. La base della loro azione è garantire l'apporto di fegato alle sostanze necessarie alla rigenerazione, come amminoacidi, fosfolipidi, fattori di crescita e vitamine. Questi farmaci includono l'epatoprotettore di fabbricazione russa. Qual è la differenza tra Phosphogliv e Phosphogliv Forte, diamo un'occhiata a un piccolo articolo di recensione.

Ci sono controindicazioni, consultare uno specialista

Phosphogliv Forte e Phosphogliv: qual è la differenza?

Entrambi i farmaci sono disponibili sotto forma di capsule e contengono la stessa composizione di principi attivi. Include fosfatidilcolina e acido glicirrizico di sodio. La differenza tra Phosphogliv e Phosphogliv Forte sta nel numero di componenti. Rispetto a Phosphogliv in Forte-droga più:

  • glicirrizinato di sodio a 30 mg,
  • fosfatidil colina in 4,6 volte.

Caratteristiche dei principi attivi

La radice di liquirizia è stata tradizionalmente usata nella medicina cinese, indiana e antica. Uno dei componenti principali in esso contenuti è il glicoside glicosilico triterpenico. Come si è scoperto, ha molte proprietà utili, vale a dire:

  • attività antivirale
  • effetti immunomodulatori
  • azione antiossidante
  • azione membranotropica

Inoltre, è stato stabilito l'effetto protettivo dell'acido glicirrizico nella malattia del fegato grasso. Con un aumento del livello di acidi grassi liberi nel plasma sanguigno nel fegato, si innescano processi biochimici che portano all'accumulo di grasso, che non è affatto lì. I glicirinati prevengono l'accumulo di grasso e proteggono gli epatociti dalla morte apoptotica.

La distruzione dell'integrità della membrana cellulare porta a una varietà di disturbi del fegato, del sistema nervoso e di altri organi. La fosfatidilcolina è uno dei 7 maggiori fosfolipidi coinvolti nella costruzione delle membrane cellulari. Rappresenta dal 40 al 55% del numero totale di fosfolipidi di membrana. Al fine di ripristinare la massa cellulare durante i processi rigenerativi, il fegato richiede un materiale da costruzione. Fornisce la droga Phosphogliv sotto forma di fosfatidilcolina.

Come dimostrato da studi sperimentali, la fosfatidilcolina ha un'intera gamma di proprietà biologiche, tra cui:

  • antivirale,
  • anti-infiammatori,
  • antiossidante,
  • attività anti-fibrotica.

Questa sostanza può proteggere direttamente le cellule del fegato da sostanze tossiche chimiche, come l'etanolo e il tetracloruro di carbonio.

In uno studio clinico, i pazienti affetti da epatite A e B hanno ricevuto 1,8 g di fosfatidilcolina al giorno con terapia convenzionale. Si è scoperto che in questo gruppo, i pazienti avevano meno recidive, la funzionalità epatica è stata normalizzata più velocemente rispetto ad altri soggetti. In un altro studio, i pazienti con epatite C cronica hanno assunto 3 g di fosfatidilcolina al giorno. Dopo il corso del trattamento, quasi tutti i pazienti hanno mostrato una diminuzione della gravità dei sintomi e in alcuni casi anche i segni istologici della malattia sono scomparsi.

Caratteristiche delle sostanze ausiliarie

Un'altra differenza tra Phosphogliv e Forto è un insieme di eccipienti. In Phosphogliv Forte, quelli sono:

  • etanolo, oli vegetali, butilidrossitoluene (cariche),
  • biossido di titanio, coloranti, gelatina (capsula).

In Phosphogliv, il guscio della capsula consiste praticamente degli stessi composti chimici, ma i riempitivi sono diversi: cellulosa microcristallina, carbonato di calcio e stearato, talco, aerosil.

Controindicazioni e costo dei farmaci

Controindicato: fino a 12 anni, in gravidanza e in allattamento, con ipersensibilità ai componenti

La linea di farmaci Phosphogliv è prodotta da Pharmstandard. Ci sono differenze di prezzo tra i farmaci. 50 capsule di Phosphogliv costano da 507 a 530 rubli. Lo stesso pacchetto Phosphogliv Forte costerà circa 1,7 volte più costoso: da 882 a 959 rubli.

Phosphogliv o Phosphogliv Forte - che è meglio usare per risolvere i problemi del "fegato"? Certo, questa domanda è meglio indirizzata a uno specialista. Epatologo o gastroenterologo dopo l'esame vi aiuterà a scegliere il farmaco giusto e a prescrivere un corso di trattamento.

Commenti

Per il trattamento del fungo, il medico prescrisse un corso di nizoral, ma dopo il trattamento cominciò a sentirsi male e il fegato era preoccupato. Passato un esame del sangue, si è scoperto che il fegato non è al suo meglio. Il dottore ordinò phosphogliv di prendere tre mesi, il prezzo non è il più economico 55o rubli. per 50 capsule, ma l'effetto del trattamento è! In un corso, il fegato è tornato alla normalità e le prove sono andate bene!

Ho preso Phosphogliv per tre mesi l'anno scorso - ho avuto la polmonite, sono stato trattato con farmaci gravi che hanno avuto un effetto dannoso sul fegato. Oltre alla grave nausea e pesantezza nel mio lato destro, non ero in linea di principio disturbato da nulla, ma a volte ero così male che non riuscivo nemmeno a guardare il cibo. Si rivolse al medico, prescrisse un'ecografia e testò, secondo i risultati del sondaggio che consigliò a Fosfogliv. Dopo l'inizio dell'assunzione di Phosphogliv, la nausea, senza essere notata da sola, è passata. E gradualmente, sono tornato a una dieta normale. I parametri epatici dopo il trattamento sono tornati alla normalità. Il farmaco è molto buono e poco costoso.

Compresse Phosphogliv

analoghi

  • Non ci sono analoghi.

Prezzo online medio *, 538 r. (50 compresse)

Dove acquistare:

Istruzioni per l'uso

Phosphogliv e Phosphogliv forte appartengono al gruppo degli epatoprotettori. Come sostanze attive contengono fosfolipidi e glicirrizinato di sodio.

INN: (Acido glicirrizico + fosfolipidi) (Acidum glycyrrhizinicum + Phospholipida)

Qual è la differenza tra Phosphogliv e Phosphogliv Forte

La principale differenza tra gli epatoprotettori Phosphogliv e Phosphogliv Forte è nella quantità di sostanze attive. Il prefisso "forte" significa "azione potenziata", cioè il farmaco è disponibile in dosi più elevate. A causa dei diversi dosaggi, i farmaci hanno regimi diversi.

Inoltre, si differenziano per sostanze ausiliarie. All'interno della capsula Phosphogliv contiene una polvere di colore bianco-giallo e all'interno delle capsule Phosphogliv Forte è una massa oleosa e pastosa di colore giallo o marrone chiaro.

Ci sono piccole differenze nelle indicazioni e controindicazioni per l'uso, effetti indesiderati, condizioni di vendita.

testimonianza

Phosphogliv e Phosphogliv forte sono prescritti se osservati:

  • danno epatico di varie eziologie, tra cui droga, alcol, tossicità;
  • steatosi;
  • epatite virale, cirrosi, psoriasi (in associazione con altri medicinali).

Inoltre, Phosphogliv Forte è prescritto a pazienti affetti da neurodermatite ed eczema.

Dosaggio e somministrazione

Entrambi gli epatoprotettori sono raccomandati dopo i pasti. Ingerisca le capsule intere con acqua.

Phosphogliv è prescritto a pazienti di età superiore ai 12 anni ad una dose giornaliera di 6 capsule, devono essere assunti in 3 dosi.

Phosphogliv forte è prescritto per i bambini di età superiore a 12 anni ad una dose giornaliera di 3 capsule, gli adulti sono prescritti da 3 a 6 capsule al giorno.

La dose giornaliera deve essere divisa per 3 volte.

La durata della terapia può essere fino a sei mesi, in media - 3 mesi.

Controindicazioni

Entrambi gli epatoprotettori non prescrivono:

  • con intolleranza individuale alla composizione dei farmaci;
  • pazienti sotto i 12 anni.

Inoltre, Phosphogliv non è prescritto per la sindrome antifosfolipidica.

Deve essere preso con cautela nei pazienti affetti da ipertensione portale e arteriosa.

Farmaci da prescrizione Phosphogliv e Phosphogliv Forte per le donne in attesa di un bambino e l'allattamento

Non ci sono dati sul fatto che i principi attivi penetrino nella placenta e nel latte materno, quindi entrambi gli epatoprotettori non possono essere prescritti a pazienti in gravidanza e in allattamento.

overdose

Ad oggi, non è stato registrato un singolo caso di sovradosaggio con Phosphogliv e Phosphogliv Forte.

Effetti collaterali

Insieme all'assunzione di entrambi gli epatoprotettori, possono verificarsi reazioni allergiche sotto forma di eruzione cutanea.

Quando assume Phosphogliv, è possibile la tosse, l'infiammazione della congiuntiva dell'occhio e la respirazione nasale.

Inoltre, durante il trattamento con Phosphogliv, possono comparire reazioni indesiderate dal tratto gastrointestinale:

  • eruttazione;
  • nausea;
  • flatulenza;
  • disagio nell'addome.

Dal lato del cuore e dei vasi: edema delle estremità e ipertensione arteriosa transitoria.

Disturbi del CAS durante il trattamento con epatoprotettore Phosphogliv Forte possono svilupparsi quando il dosaggio giornaliero viene superato. In questo caso, nel corpo c'è un ritardo di ioni Na e liquidi, a seguito dello sviluppo di edema periferico, aumento della pressione sanguigna, ipopotassiemia.

struttura

Ogni capsula di Phosphogliv contiene 65 mg di fosfolipidi e 35 mg di glicirrizinato di sodio.

Come componenti ausiliari Phosphogliv contiene:

  • MCC;
  • carbonato di calcio;
  • E572;
  • talco;
  • diossido di silicio pirogeno;
  • capsule di gelatina - (caso: Orange Orange S colorante, ossido di titanio, gelatina, coperchio: titanio bianco, E 172, gelatina).

1 capsula di Phosphogliv Forte contiene 300 mg di fosfolipidi (in termini di componente principale) e 65 mg di glicirrizinato di sodio.

Come componenti aggiuntivi Phosphogliv Forte contiene:

  • antiossidante E 321;
  • girasole o olio di mais;
  • alcool etilico.

Il guscio della capsula è costituito da ossido di titanio, coloranti di ferro, ossido rosso, giallo, nero, gelatina.

Farmacologia e farmacocinetica

Entrambi i farmaci hanno un effetto stabilizzante della membrana, epatoprotettivo e antivirale.

I fosfolipidi sono il componente principale delle membrane.

Ripristinano la loro struttura e la loro funzione quando sono danneggiati, normalizzano il metabolismo delle proteine ​​e dei grassi, impediscono alle cellule del fegato di perdere enzimi e altre sostanze attive.

Ripristina la funzione detossificante del fegato, previene la formazione di tessuto connettivo e riduce la probabilità di sviluppare fibrosi e cirrosi epatica.

Il glicirato sopprime l'infiammazione, inibisce la riproduzione dei virus nel corpo, incluso nel fegato, poiché stimola la produzione di interferone, migliora la fagocitosi.

Ha effetto epatoprotettivo, antiossidante e stabilizzante della membrana. Migliora l'effetto dei glucocorticosteroidi interni nelle malattie non infettive del fegato, fornendo un effetto antinfiammatorio e antistaminico.

Poiché le sostanze attive sopprimono il processo infiammatorio e hanno un effetto stabilizzante della membrana, in caso di patologie cutanee, impediscono l'ulteriore diffusione della malattia.

Dopo l'ingestione di farmaci sono ben assorbiti nell'intestino, rapidamente penetrare nel fegato e altri organi.

Condizioni di vendita e conservazione

Phosphogliv è un farmaco senza obbligo di prescrizione medica, Phosphogliv Forte può essere acquistato solo su prescrizione medica. Entrambi i farmaci sono conservati a una temperatura massima di 25 gradi in un luogo asciutto e buio, dove sono fuori dalla portata dei bambini.

Recensioni

(Lascia il tuo feedback nei commenti)

* - Il valore medio tra più venditori al momento del monitoraggio non è un'offerta pubblica.

Compresse Phosphogliv: 1 commento

I problemi al fegato sono iniziati dopo aver visitato un altro paese. Non che mangiavano al resort, ma si concedevano costantemente con vari gadget. Niente di particolarmente doloroso, ma c'era un notevole aumento negli ultrasuoni, lei stessa sentiva un peso leggero, spesso un lato debole era dolorante. Il dottore prescrisse Phosphogliv per 3 mesi. Sensazioni di gravità e dolore passarono quasi immediatamente. I seguenti ultrasuoni hanno dimostrato che va tutto bene.

Phosphogliv e phosphogliv forte: cosa è diverso e cosa è meglio

Tra i migliori epatoprotettori ci sono i farmaci fatti sulla base di alcuni materiali vegetali. Uno di questi farmaci include Phosphogliv. E 'stato sviluppato sulla base di estratti, così come estratti di ingredienti naturali. Questi ultimi, più spesso, sono la famiglia di soia, così come la radice di liquirizia.

Producono questo farmaco sotto forma di soluzione, oltre a capsule, che possono essere di due tipi: "Phosphogliv Forte" e "Phosphogliv". Non ci sono così tante differenze tra loro. Tuttavia, quelli hanno ancora un posto dove stare, ed è su di loro che vi diremo in questa recensione!

Caratteristiche dei principi attivi

La radice di liquirizia, che funge da base necessaria per la fabbricazione di entrambe queste capsule, è stata utilizzata attivamente per molti anni nella medicina indiana e persino in quella cinese. Contiene glicoside glicosilico triterpenico, che ha la capacità di vantare la presenza di numerose proprietà, particolarmente utili. È caratterizzato da attività antivirale, effetti membranotropici e antiossidanti.

A proposito, i glicinato, che combinano questi due farmaci, perché sono presenti nella loro composizione, impediscono l'accumulo di grasso, rendendo impossibile aumentare il livello di acidi grassi liberi.

Caratteristiche delle sostanze ausiliarie

Phosphogliv e Phosphogliv Forte si distinguono anche per un insieme di eccipienti. Quindi, nel caso di Phosphogliv Forte, l'etanolo, tutti i tipi di oli vegetali e anche i filler agiscono come tali eccipienti. Inoltre, sono presenti biossido di titanio, coloranti e gelatina. Nel guscio della capsula Phosphoglive è costituito da composti chimici quasi identici. Allo stesso tempo, i riempitivi sono completamente diversi.

La composizione di questi due farmaci è completamente identica. Inoltre, non solo la capsula di gelatina dura, ma anche alcuni eccipienti li unisce. Questi ultimi includono:

  • Olio di mais, che a volte viene sostituito con il girasole.
  • Etanolo di prima scelta.
  • Butilidrossitoluene.

Qual è la differenza tra Phosphogliv e Phosphogliv Forte?

Se questi preparati differiscono in qualche modo, è il dosaggio degli ingredienti attivi presenti qui. Nel caso della varietà standard di questo farmaco, la concentrazione di fosfatidilcolina e lipoide in 1 capsula sarà solo di 65 mg. Se parliamo di Phosphogliv Forte, allora lì, la concentrazione di fosfatidilcolina e lipoide in 1 capsula è già di 300 mg.

Per inciso, inoltre, in quest'ultimo, contiene un fosfolipide. Una situazione simile si osserva anche con un'altra sostanza attiva, non meno importante. È il glicirrizinato di sodio, che in 1 capsula di Phosphogliv classico contiene 35 mg, mentre in Phosphogliv Forte è già 65 mg. Quindi, in totale, e in confronto con il tipo classico del farmaco che stiamo considerando oggi, Phosphogliv Fort include 4,5 volte più fosfolipidi. Inoltre, contiene anche 2 volte più acido siliglicirrizinico trisodico.

Quale è meglio: Phosphogliv o Phosphogliv Forte?

Questa domanda non è del tutto corretta, poiché il dosaggio dei componenti attivi deve essere selezionato tenendo conto delle caratteristiche individuali di ciascun paziente. In considerazione di ciò, possiamo dire con certezza che non esiste una preparazione universale, la scelta corretta delle capsule dipende direttamente dalle caratteristiche individuali. Questi ultimi includono quanto segue:

  • Età e salute generale.
  • La presenza di eventuali allergie, così come le malattie, soprattutto quelle croniche.
  • La funzionalità del fegato e lo stato dei suoi tessuti.
  • Tollerabilità di questi farmaci

Cos'è meglio e qual è la differenza tra Essliver Forte e Phosphogliv?

Ciascuna delle malattie del fegato richiede una certa selezione di farmaci, ma gli epatoprotettori sono necessariamente inclusi nel regime di trattamento di qualsiasi malattia. L'elenco delle droghe azione epatoprotettiva è abbastanza grande, ma il più delle volte, gli esperti prescrivono fondi con fosfolipidi essenziali.

Tali farmaci includono Phosphogliv ed Essliver, che sono simili nei loro effetti sul corpo, ma allo stesso tempo hanno composizione e indicazioni per l'uso differenti. Per capire in quale caso e quale medicina scegliere, è necessario considerare in dettaglio ciascuno di questi mezzi in modo più dettagliato.

Gruppo epatoprotettori

Gli epatoprotettori sono farmaci che rigenerano le cellule del fegato e li proteggono da fattori negativi. Dimostrata l'efficacia di tali farmaci per le lesioni virali del fegato, la degenerazione degli organi e le alterazioni degenerative.

Gli epatoprotettori sono anche prescritti per patologie epatiche derivanti da un malfunzionamento nella dieta, con uso eccessivo di alcool e altri danni al fegato tossici, inclusi i farmaci.

Meccanismi di azione ed effetti clinici degli epatoprotettori

Gli epatoprotettori sono costituiti da vari componenti, ma l'azione di qualsiasi è volta a normalizzare l'attività del fegato a causa delle seguenti proprietà:

  1. Normalizza i processi metabolici nel corpo e, direttamente, nelle cellule del fegato.
  2. Rimuovere le sostanze tossiche che influiscono negativamente sul corpo.
  3. Aumentare la resistenza degli epatociti a fattori distruttivi.
  4. Accelerare la rigenerazione delle cellule del fegato.

I preparati fosfolipidi essenziali hanno mostrato la massima efficacia nel trattamento delle malattie del fegato. Queste sono sostanze che sono contenute nelle membrane di ogni cellula del corpo. Svolgono molte funzioni: trasporto di sostanze, partecipazione alla divisione cellulare e alla riproduzione, supporto della funzione rigenerativa delle cellule, stimolazione dell'attività enzimatica. I fosfolipidi essenziali sono essenziali per il normale funzionamento delle cellule epatiche.

Una volta nel corpo come parte degli epatoprotettori, i fosfolipidi ripristinano l'integrità degli epatociti, accelerano la loro rigenerazione e migliorano il metabolismo intercellulare.

Anche i farmaci con fosfolipidi essenziali possono trasformare i grassi a bassa densità in forma trasportabile, avere un effetto detossificante e prevenire la crescita del tessuto connettivo nel fegato. È a tali farmaci hepatoprotectors Phosphogliv ed Essliver.

Epatoprotettori dimostrati di efficacia

Oggi è la droga più popolare dell'azione epatoprotettiva. Sono prescritti per varie malattie del fegato per sostenere la sua attività e riparare le cellule danneggiate.

Nella pratica medica, due epatoprotettori vengono spesso prescritti allo stesso tempo se hanno una composizione diversa e, di conseguenza, un'azione, ad esempio, Ursosan ed Essliver. L'assunzione simultanea di Eslivier e Phosphogliv è possibile, ma non consigliabile, dal momento che hanno sostanze attive simili e può anche causare un sovradosaggio.

Ogni farmaco ha una composizione aggiuntiva diversa, alcune indicazioni, controindicazioni e metodi di utilizzo, quindi per capire quale medicinale è meglio, è necessario considerarli separatamente.

Caratteristiche distintive di Phosphogliv

Il farmaco appartiene agli epatoprotettori con effetto antivirale. Questo farmaco è anche attribuito ad un lieve effetto immunostimolante, quindi è ampiamente prescritto per le lesioni virali del fegato.

Phosphogliv è disponibile in tre forme:

  1. Le capsule contengono 65 mg di fosfolipidi essenziali e 35 mg di glicirrizinato di sodio.
  2. Capsule Phosphogliv Form - contengono 400 mg di fosfolipidi e 35 mg di acido glicirrizico.
  3. Liofilizzato - ogni flaconcino contiene 500 mg di fosfolipidi e 200 mg di glicirrizinato di sodio.

effetto

I fosfolipidi essenziali e l'acido glicirrizinico rafforzano l'azione l'uno dell'altro, il che rende Phosphogliv uno dei farmaci più efficaci nelle malattie del fegato. L'azione dei componenti principali è la seguente:

I fosfolipidi essenziali sono presentati sotto forma di fosfatidilcolina, la sostanza principale contenuta nel guscio degli epatociti. È in grado di ripristinare la struttura cellulare, normalizzando l'attività delle cellule epatiche.

Effetti positivi dei fosfolipidi essenziali

La sua ricezione porta alla normalizzazione del metabolismo delle proteine ​​e dei grassi, alla sospensione della perdita di enzimi e di altre sostanze vitali dalle cellule, rimuove le tossine e resiste allo sviluppo della fibrosi, prevenendo la crescita del tessuto connettivo. È anche in grado di proteggere gli epatociti dagli effetti di fattori negativi che possono portare alla distruzione del fegato.

Il glicirrizinato di sodio o acido glicirrizinico ha un'azione antinfiammatoria, antivirale e immunostimolante pronunciata. È dimostrato che l'acido glicirrizico, insieme ai fosfolipidi, ha un effetto antifibrotico e protettivo sulle cellule del fegato.

Proprietà biologiche di base dell'acido glicirrizico

L'azione immunostimolante è causata dalla soppressione dei mediatori che provocano reazioni infiammatorie. La sostanza stimola la risposta immunitaria innata, sopprimendo il danno tissutale durante i processi autoimmuni e infiammatori.

L'acido glicirrizinico sopprime la replicazione delle particelle virali, stimola la produzione di interferone e normalizza l'attività dei linfociti T. Tutte queste funzioni della sostanza contribuiscono alla lotta contro l'epatite virale e non virale, così come altre patologie epatiche. Il glicirrizinato di sodio è in grado di avere un effetto antitumorale, che rende il farmaco efficace come prevenzione del carcinoma epatico.

Indicazioni e reazioni avverse

La medicazione è necessaria se ci sono:

  1. Epatosi del fegato.
  2. Epatite acuta e cronica.
  3. Cirrosi epatica.
  4. Danni al fegato con droghe, alcol e altre sostanze tossiche.

Phosphogliv è usato non solo per le malattie del fegato, il suo uso è possibile con:

  • psoriasi;
  • neurodermite;
  • eczema;
  • varie intossicazioni del corpo.
Caratteristiche di Phosphogliv

Non è consigliabile assumere il farmaco senza consultare uno specialista, in quanto vi sono alcune controindicazioni:

  1. Sensibilità ai componenti attivi e ausiliari.
  2. Periodi di gravidanza e allattamento.
  3. Sindrome antifosfolipidica.
  4. Età inferiore a 12 anni.

A causa del contenuto di acido glicirrizico, il farmaco viene prescritto con cautela ai pazienti con tendenza ad aumentare la pressione e mal di testa. Inoltre, l'ipertensione e il dolore alla testa sono gli effetti collaterali più frequenti con l'uso a lungo termine di Phosphogliv.

Altre reazioni avverse:

  1. Manifestazioni allergiche sotto forma di eruzioni cutanee, congestione nasale, congiuntivite.
  2. Disturbi dispeptici, dolore alla testa.
  3. Edema periferico.

Regime di trattamento

Il più delle volte, il farmaco è ben tollerato se non si supera il dosaggio giornaliero raccomandato. 1-2 capsule prese 3 volte al giorno dopo i pasti. Secondo le istruzioni, la durata del trattamento va dai 3 ai 6 mesi. Ma gli esperti avvertono che il trattamento per più di 1,5 mesi aumenta il rischio di sviluppare ipertensione portale.

Il trattamento di liofilizzazione dura 10 giorni, dopodiché viene prescritto un trattamento di supporto per la forma capsulare del farmaco. La polvere per la preparazione della soluzione viene diluita con acqua per iniezione, dopodiché il farmaco viene lentamente iniettato nella vena 2 volte al giorno. Se necessario, il trattamento con altri farmaci iniettabili non può essere miscelato in una siringa.

Il trattamento con Phosphogliv è efficace, quindi anche l'alto prezzo del farmaco non impedisce ai pazienti di usarlo. Il costo di capsule con un dosaggio di phospholipids di 65 mg - da 455 rubli, Phosphogliv Forte - costa più di 800 rubli. Ma le fiale sono molto più costose - 5 bottiglie con liofilizzato da 1.300 rubli.

Descrizione del farmaco Essliver

Essliver appartiene anche agli epatoprotettori, ma a differenza di Phosphogliv non ha effetto antivirale. Il preparato contiene fosfolipidi essenziali sotto forma di fosfatilcolina e fosfatil-etanolammine.

Sono queste sostanze i componenti attivi di Eslinger. Ogni capsula contiene 300 mg di fosfolipidi, nonché vitamine del gruppo B, tocoferolo e nicotinamide. La soluzione per iniezione contiene 357 mg di fosfolipidi, nonché vitamine B2 ed E.

Azione e indicazioni per l'ammissione

L'assunzione del farmaco consente di normalizzare rapidamente la funzionalità epatica. I fosfolipidi essenziali insieme alle vitamine hanno un potente effetto rigenerante sugli epatociti. I fosfolipidi sono coinvolti nella regolazione della permeabilità delle membrane cellulari, garantendo in tal modo il normale corso dei processi ossidativi.

Incorporati nella membrana cellulare, i fosfolipidi neutralizzano gli effetti delle tossine e prevengono la distruzione delle cellule epatiche. Le vitamine assumono funzioni per migliorare i processi metabolici, normalizzare la respirazione cellulare e resistere all'ossidazione lipidica.

Essliver prescritto per tali patologie del fegato:

Violazione del metabolismo dei lipidi.

  • Cirrosi epatica.
  • Degenerazione grassa del fegato.
  • Lesioni epatiche causate da alcol e droghe.
  • Danno da radiazioni
  • Intossicazione da droghe
  • Inoltre, il farmaco è prescritto per la psoriasi, ma non come farmaco principale, ma come parte di una terapia complessa. Essliver è necessario per varie malattie, quando ai pazienti viene prescritta una grande quantità di farmaci - la sua ricezione consente di proteggere il fegato e prevenirne la distruzione.

    Il farmaco può essere somministrato a donne in gravidanza con lo sviluppo di preeclampsia, ma solo dopo il permesso del medico curante e con dosaggi minimi.

    Ci sono alcune controindicazioni alla ricezione di Essliver: una maggiore sensibilità a qualsiasi componente e l'età del paziente fino a 12 anni. Inoltre, gli esperti notano che il suo ricevimento è vietato con ipervitaminosi, a causa del contenuto di vitamine in esso.

    Essliver non causa quasi reazioni avverse e, se usato correttamente, è ben tollerato. Ma rare manifestazioni negative sono possibili sotto forma di reazioni allergiche e dolore epigastrico.

    Come prendere?

    Per le malattie del fegato assumere 2 capsule del farmaco 2-3 volte al giorno - la frequenza di somministrazione è determinata dal medico curante, in base alla malattia del paziente. La durata del trattamento raccomandata è di 3 mesi, dopo i quali il corpo ha bisogno di riposo. La possibilità della durata del trattamento e la nomina di un secondo ciclo di trattamento vengono decise da uno specialista dopo aver esaminato il paziente.

    La soluzione di Esliver in fiale viene diluita con una soluzione di destrosio o in proporzioni uguali con il sangue del paziente. Il farmaco viene somministrato per via endovenosa, a bassa velocità - non più di 50 gocce al minuto. Il dosaggio è determinato dal medico - 2-3 volte al giorno, 0,5-1 g per una somministrazione.

    Nei casi più gravi, con la terapia iniziale, è possibile combinare la somministrazione di capsule e la somministrazione endovenosa del farmaco, dopodiché viene assunta solo la somministrazione orale. Gli esperti sottolineano che durante il trattamento è necessario ridurre l'uso di cibi grassi, salati e ricchi, e anche rinunciare completamente all'alcol, in modo da non sovraccaricare il fegato e ottenere rapidamente un effetto terapeutico.

    Il costo del farmaco Essliver è paragonabile favorevolmente con Phosphogliv: un pacchetto con 30 capsule costa da 350 rubli e con 50 capsule da 370 rubli. Fiale con una soluzione utilizzata in ospedale a causa della complessità dell'introduzione.

    Feedback da specialisti e pazienti

    Recensioni di pazienti che assumono epatoprotettori Phosphogliv ed Essliver, affermano che entrambi questi strumenti sono piuttosto efficaci. Considera alcuni di loro:

    Recensioni di esperti dicono che Phosphogliv è spesso prescritto a pazienti con malattie reumatologiche che devono rimanere in terapia immunosoppressiva per un lungo periodo di tempo. E Essliver è popolare tra i pazienti obesi, in quanto normalizza efficacemente il metabolismo e favorisce la perdita di peso.

    Quando le lesioni distrofiche del fegato o intossicazioni sono spesso prescritte Essliver - contiene una quantità maggiore di fosfolipidi, così come le vitamine che il corpo ha bisogno di recuperare.

    È inaccettabile prendere una decisione su quale farmaco scegliere - Essliver o Phosphogliv. Nonostante la somiglianza dell'azione, la medicina elie ha delle differenze, quindi solo un medico può prescrivere un trattamento. In ogni caso, prima della nomina di qualsiasi farmaco, è necessario sottoporsi a un esame completo, superare i test e solo successivamente iniziare la terapia.

    Phosphogliv o Essentiale - che è meglio? Confronto di farmaci

    Spesso, i farmacisti di una farmacia per migliorare la salute del fegato sono invitati a comprare Phosphogliv o Essentiale. Questi farmaci sono analoghi? O è meglio uno di loro? Analizzeremo in dettaglio!

    Cosa distingue Phosphogliv da Essentiale?

    Phosphogliv ed Essentiale hanno cinque principali differenze:

    1) Composizione. Entrambi questi farmaci come principio attivo contengono fosfolipidi, che sono in grado di ripristinare la membrana delle cellule epatiche danneggiate da fattori negativi (radicali liberi). Tuttavia, la composizione di Phosphogliv include un altro, forse il componente più importante - l'acido glicirrizico.

    Questa sostanza di origine naturale ha la capacità di ridurre l'infiammazione, che è la causa principale del danno epatico e lo sviluppo di fibrosi e cirrosi sul suo suolo - fasi in cui il normale tessuto epatico è sostituito dalla cicatrice e la funzionalità epatica è estremamente deteriorata. Con la cirrosi - uno stadio estremo di fibrosi - è richiesto un trapianto di fegato. Negli alcolisti cronici, la cirrosi è spesso osservata. Ma l'epatite alcolica può essere trattata.

    Così, Phosphogliv, a differenza di Essentiale, non solo può ripristinare le cellule del fegato, ma riduce anche il rischio di ulteriore sviluppo della fibrosi a causa del doppio meccanismo d'azione, e quindi può essere utilizzato con successo in qualsiasi stadio della malattia epatica, sia per il trattamento e il ripristino delle sue funzioni, sia per prevenzione della transizione verso uno stadio più grave.

    2) Ricerca. Gli scienziati hanno dimostrato che Phosphogliv è efficace in molte malattie del fegato. Migliora in modo affidabile la salute del fegato, i risultati delle analisi del sangue e degli ultrasuoni sono normalizzati nei pazienti. Inoltre, in studi che hanno confrontato l'effetto del trattamento di una malattia del fegato grasso con Phosphogliv, o con la monopreparazione dei fosfolipidi essenziali, è stato dimostrato che l'agente combinato (Phosphogliv) funziona molto meglio (50%).

    3) Standard di trattamento. Essentiale, in considerazione di un'efficacia insufficientemente dimostrata, non è incluso negli standard delle cure mediche e nell'elenco dei farmaci essenziali ed essenziali (VED). Phosphogliv è incluso in questi elenchi ed è utilizzato con successo da medici sia in ospedale che in ambulatorio.

    4) Costo. Essentiale è un farmaco importato e quindi costoso. L'analisi farmacoeconomica dimostra che per il trattamento delle malattie del fegato è più vantaggioso utilizzare Phosphogliv, piuttosto che Essentiale.

    5) restrizioni di ricezione. Phosphogliv non è raccomandato per nominare donne in gravidanza e in allattamento, così come i bambini sotto i 12 anni. Ciò è dovuto alla mancanza di dati sulla sicurezza d'uso in questo gruppo di pazienti. In poche parole, il produttore si è rifiutato di fare ricerca tra bambini e donne incinte. Forse per ragioni etiche. Tuttavia, senza conferma di sicurezza, l'istruzione è debitamente controindicata.

    Ulteriori differenze di hepaprotect

    Essentiale è approvato per l'uso nei bambini e nelle donne in gravidanza e pertanto i ginecologi lo usano spesso. Mentre i terapeuti e gastroenterologi che osservano pazienti adulti non in gravidanza, nella maggior parte dei casi preferiscono prescrivere Phosphogliv.

    Si dovrebbe anche prestare attenzione alla modalità di temperatura di conservazione di entrambi i farmaci - Phosphogliv può essere conservato a temperatura ambiente cioè. fino a 25 ° C ed Essentiale ha bisogno di un luogo fresco - ad esempio, per evitare il deterioramento, Essentiale forte N viene conservato in una farmacia in frigorifero. Pertanto, affinché il trattamento con le capsule di Essentiale Forte H non sia inutile, si dovrebbe cercare di fornire la preparazione con le condizioni di conservazione richieste, ma scomode.

    Recensioni dei pazienti sulle droghe

    Sia Phosphogliv che Essentiale sono molto popolari. Numerose discussioni su siti Web, forum e social network consentono di confrontare i farmaci in base al feedback.

    Recensioni dei pazienti di fosfolico

    Anna Egorova, Bryansk "Il dottore nominò Phosphogliv, ma Essentiale fu invece consigliato in farmacia. Ho chiamato il dottore per scoprire quale è meglio - Phosphogliv o Essentiale? Ha risposto che Phosphogliv. Mi fido di lei, così ho comprato Phosphogliv. Lo bevo adesso. "

    Vika26 "Quando ho guardato l'annuncio, ho pensato a cosa era meglio comprare per curare il fegato: Phosphogliv o Essentiale. Ha chiesto in farmacia - mi è stato consigliato da Phosphogliv. Ha comprato, sono trattato un mese. Cominciò a sentirsi meglio. "

    Essentiale Recensioni dei pazienti

    Ulyana Bykova, Pervomaysky "Ma che differenza ha Phosphogliv o Essentiale? Prendo Essentiale da tre settimane - non ho sentito niente. Tutte queste cazzate! Le medicine non aiutano! "

    Mamma Ira "Essentiale mi è stato prescritto durante la prima gravidanza. Poi ho avuto una tossicosi terribile, terribilmente malata. Ho iniziato a bere - dopo un po 'tutto è andato via. Non lo so - ha funzionato, o è andato tutto via. A proposito, non c'era nessun danno per il bambino. I punti di nascita erano 9 su 10. "

    Cosa c'è di meglio di Phosphogliv o Essentiale?

    Sulla base del feedback delle persone che assumono Phosphogliv o Essentiale, è difficile dire quale di questi farmaci sia migliore. Tuttavia, se ci si basa su dati provenienti da studi clinici e l'opinione dei medici, sembra che Phosphogliv sia ancora migliore, poiché la sua efficacia è maggiore.

    Cosa è più efficace Phosphogliv o Essentiale?

    Secondo i risultati di studi comparativi, Phosphogliv mostra i migliori risultati nel trattamento delle malattie del fegato. Uno degli indicatori più importanti in base al quale viene valutato il grado di danno del tessuto epatico e l'attività del processo è il livello degli enzimi ALT e AST.

    AH - epatite alcolica

    Gruppo I - trattamento con Phosphogliv

    Gruppo I - trattamento con un farmaco contenente solo fosfolipidi essenziali

    In questo studio, l'efficacia del trattamento della malattia alcolica del fegato è stata valutata utilizzando vari farmaci. Secondo i risultati, si è scoperto che gli indicatori di biochimica e ultrasuoni erano con una differenza affidabile migliore tra coloro che hanno assunto Phosphogliv e non altri fosfolipidi essenziali.

    Cosa scegliere - Phosphogliv o Essentiale Forte N?

    Considerando che l'efficacia di Phosphogliv è significativamente superiore a quella di Essentiale, la sicurezza è paragonabile e l'unica categoria di persone che sono controindicate è Phofogliv molto piccola (concorda sul fatto che non abbiamo così tante donne in gravidanza) oi loro disturbi del fegato sono estremamente rari (bambini sotto i 12 anni non soffrire di malattie del fegato), quindi Phosphogliv ha vantaggi più significativi, compreso il prezzo.

    Per fare un confronto, il costo di un giorno di trattamento con Phosphogliv sarà di circa 60 rubli, mentre Essentiale avrà questa cifra nella regione di 150 rubli.

    Prima di utilizzare uno qualsiasi dei farmaci, consultare uno specialista, un medico o un farmacista, leggere le istruzioni per l'uso di entrambi i farmaci e sentirsi liberi di fare una scelta.

    Considera che le istruzioni per Essentiale forte H sono in una scatola sigillata e non potrai vederla in farmacia, quindi è meglio leggerla in anticipo sul sito.