Fibrosi nel fegato

Diete

Lascia un commento 20,566

La diagnosi di fibrosi epatica di primo grado è difficile, ma solo durante questo periodo è trattata bene. Per questo, è necessario controllare regolarmente e sottoporsi a esami con un medico. Il trattamento tempestivo e il giusto approccio possono garantire il recupero senza conseguenze per il corpo. La terapia dovrebbe essere completa. Dopo il recupero, al paziente viene attribuita la dieta e uno stile di vita sano per prevenire le ricadute.

Nella fase iniziale, la fibrosi epatica è difficile da rilevare, ma è più facile da trattare.

Cos'è la fibrosi?

La malattia appartiene all'ICD 10 (classificazione internazionale delle malattie 10 revisione). La malattia è caratterizzata da una crescita attiva del tessuto connettivo. Il principale pericolo della malattia è lo sviluppo a lungo termine, che porta alla formazione di un tumore maligno. La fibrosi viene diagnosticata in quasi tutti i disturbi cronici del corpo.

Cause e progressione della malattia

Ci sono diverse cause della malattia. A seconda di questo, condividi:

  • Fibrosi cardiaca del fegato. Si verifica a causa di irregolarità nel lavoro del sistema cardiovascolare. La ragione principale - la fame di ossigeno del corpo.
  • Fibrosi portale o periportale del fegato. Diventa il risultato di un trattamento improprio della cirrosi o dell'epatite C. Osservato quando si avvelena con tossine e sostanze nocive, compreso l'accumulo nel corpo di un gran numero di farmaci.
  • La fibrosi congenita è osservata nei bambini. La causa di ciò sono le predisposizioni genetiche. Nello stesso momento la fibrosi pronunciata del tipo portale è osservata.

Lo sviluppo della fibrosi inizia quando la quantità di collagene prodotta supera la quantità della sua rottura. La causa è lo strato perivascolare attivato del fegato, che è responsabile della palla grassa. Questo inizia la cicatrizzazione dell'organo. A seconda della posizione della lesione, allocare:

  • Fibrosi focale È caratterizzato dal verificarsi di cicatrici sul sito di una parte del fegato precedentemente danneggiata.
  • Fibrosi zonale. Il primo segno di questo tipo di malattia è la sclerosi del tratto portale.
  • Fibrosi periducleare. Viene dopo l'indurimento dei dotti biliari infiammati.
  • Perivenulyarny. Viene fornito con l'abuso di alcol.
Torna al sommario

Forme di flusso

Per la corretta determinazione dello stadio della malattia utilizzando una biopsia, ecografia e analisi del sangue. La più moderna e accurata è la definizione che utilizza un dispositivo ultrasonico "Fibroskan", che determina la densità dell'organo. I risultati sono riportati sulla scala di Metavir, dove F0 indica un fegato completamente sano e F4 significa cirrosi.

Estensione della malattia

La durata di ciascuna fase è di 4-5 anni. Inoltre, con l'aggravamento della malattia, questo periodo è ridotto. A seconda dei sintomi e della durata, separare le fasi della fibrosi epatica:

  • Malattia 1 grado di sviluppo assomiglia a un processo infiammatorio nella milza. Negli studi di laboratorio, vi è una diminuzione del numero di leucociti e globuli rossi nel sangue. Allo stesso tempo, i marcatori epatici non mostrano anomalie. I tessuti connettivi sono presenti in quantità trascurabili. È possibile fare la diagnosi corretta dopo aver condotto studi strumentali. L'inizio del trattamento della fibrosi di 1 grado si verifica rapidamente e senza conseguenze per il paziente.
  • La fibrosi di grado 2 è caratterizzata da cambiamenti nelle porzioni portale. Con i raggi X o gli ultrasuoni, i loro grandi aumenti sono visibili. La diagnosi in questa fase termina con il recupero con la terapia di associazione corretta.
  • Se non si inizia il trattamento, il paziente inizia con fibrosi di grado 3 del fegato. Allo stesso tempo, un grande numero di cicatrici si forma sul fegato, a seguito del quale l'organo aumenta in modo significativo. La prognosi per il recupero dipende dalla risposta del corpo al farmaco usato. Nel caso di una risposta positiva, puoi fare senza chirurgia.
  • La fibrosi di grado 4 è caratterizzata da processi irreversibili nel fegato. In questo caso, le cicatrici coprono l'intera superficie dell'organo e formano falsi lobi nella struttura. Trattare la malattia in questa fase con i farmaci non ha senso. La possibilità di una cura è data solo da un'operazione di trapianto di fegato.
Torna al sommario

I sintomi della fibrosi epatica

I cambiamenti fibrosi nel fegato avvengono molto lentamente e possono essere necessari fino a 6 anni dall'esordio della malattia all'insorgere dei primi sintomi. Per tutto questo tempo, i pazienti possono provare affaticamento e affaticamento. Inoltre, un gran numero di lividi sul corpo, che si verifica dopo il minimo soffio, parlano anche di problemi al fegato. Tuttavia, poche persone prestano attenzione a questo. Quando il danno al fegato raggiunge il massimo, il paziente inizia a mostrare segni di fibrosi:

  • costantemente in crescita e aumentando le dimensioni della milza;
  • vene varicose e sanguinamento frequente da loro;
  • un esame del sangue mostra anemia da carenza di ferro e un cambiamento nella conta piastrinica;
  • i marcatori di fibrosi epatica mostrano un rapporto AST / ALT> 1.
Torna al sommario

Caratteristiche della malattia nei bambini

Un bambino può essere diagnosticato con fibrosi epatica congenita. La malattia è ereditaria, si sviluppa a causa di un trattamento improprio della malattia del fegato o a causa di un malfunzionamento del sistema immunitario. Identificalo nei bambini o negli adolescenti. I segni della malattia sono un aumento delle dimensioni del fegato e dei reni, la presenza di un gran numero di cisti in tutto il corpo e ipertensione persistente. Quando si diagnostica la fibrosi congenita, l'aspettativa di vita è determinata dal livello di danno agli organi interni. Ma se la malattia non ha avuto il tempo di causare danni, i suoi sintomi possono comparire solo tra 6-8 anni. La diagnosi di fibrosi in un bambino che ha afflitto il fegato si verifica in modo simile agli adulti.

Diagnosi della malattia

La diagnosi di fibrosi epatica comprende una serie di procedure. Prima di tutto, il medico analizza le condizioni di vita del paziente. In questa fase è necessario parlare delle malattie congenite o ereditarie esistenti. Dovresti anche descrivere i sintomi e la durata delle loro manifestazioni. Dopo la comunicazione, il medico procede a esaminare l'addome. Dovrebbe essere effettuato con l'aiuto della palpazione. In questo momento, il medico nota il dolore della cavità addominale e nella regione del fegato. Per valutare lo stadio della malattia, il medico valuta lo stato mentale del paziente. Ciò è dovuto al possibile sviluppo di avvelenamento tossico dovuto alla presenza di un gran numero di cellule danneggiate.

Il prossimo passo, che aiuterà a determinare la fibrosi, sono i test di laboratorio su sangue e fegato. In alcuni casi viene anche prescritto un esame delle feci e delle urine. Per confermare la diagnosi di fibrosi epatica, vengono utilizzati metodi strumentali. Questi includono l'esame ecografico della cavità addominale, la tomografia computerizzata e la biopsia epatica. Per determinare la diagnosi esatta, tutti questi metodi e passaggi dovrebbero essere eseguiti nel modo più rapido e completo possibile.

Caratteristiche del trattamento

di farmaci

Prima della nomina del trattamento è necessario identificare la causa alla radice della malattia. A seconda di ciò, il medico determina l'elenco dei farmaci necessari: un trattamento efficace è l'uso di un complesso di farmaci volti a correggere il lavoro dell'intero sistema. Per il trattamento della fibrosi epatica, vengono prescritti epatoprotettori - un mezzo per preservare la normale attività delle cellule epatiche. Questi includono "Maxar", "Liv 52" e "Heptral". I farmaci coleretici sono prescritti in assenza di calcoli del pancreas. Altrimenti, non saranno in grado di curare, ma contribuiranno al peggioramento della urolitiasi. Esempi sono Allochol, Odeston e Nikodin. Farmaci anti-infiammatori, immunomodulatori e farmaci ormonali sono considerati efficaci nel trattamento della fibrosi.

Intervento operativo: quanti vivono

Il trattamento della fibrosi epatica nelle fasi successive viene effettuato con l'aiuto della chirurgia. Prima della sua implementazione, si dovrebbe essere convinti dell'inefficienza di altri metodi. La controindicazione alla chirurgia è la gravidanza. Intervento chirurgico prescritto per il passaggio all'ultimo stadio della malattia - cirrosi epatica. Usa il trapianto di organi. Per il successo della procedura, è necessario garantire la compatibilità con il fegato del donatore. L'opzione migliore sarebbe un trapianto da un parente stretto. Secondo le statistiche, le persone con fegato di donatore vivono 10 anni o più, fornendo un'adeguata nutrizione e test di laboratorio periodici.

Dieta durante il trattamento

Dieta per la fibrosi comporta l'uso di elenchi di prodotti del quinto tavolo. I pasti dovrebbero essere costituiti da ingredienti consentiti. Dovresti mangiare 5-6 volte al giorno e le porzioni dovrebbero essere piccole. È importante osservare il regime di bere, bevendo almeno 2,5-3 litri di liquidi al giorno. Allo stesso tempo vale la pena di bere acqua minerale non gassata. Nella preparazione della dieta si usa il consiglio di un nutrizionista.

Trattamento di rimedi popolari

Non ci sono ricette popolari speciali per la fibrosi. Applicare infusi e decotti di piante medicinali per ripristinare o mantenere le funzioni del fegato. Il cardo, la rosa canina e la seta di mais hanno proprietà utili. L'uso di erbe senza il permesso di un medico è proibito.

Possibili complicazioni

La causa delle complicazioni nella fibrosi epatica è l'inizio tardivo del trattamento e le diagnosi errate. Ciò è dovuto alla manifestazione tardiva dei sintomi della malattia del fegato. Molto spesso, la conseguenza della fibrosi è l'ipertensione, che diventa cronica. Di conseguenza, il paziente è costretto a prendere potenti farmaci. Come risultato della costante pressione elevata, si sviluppano le vene varicose dello stomaco, dell'esofago e dell'intestino. Le conseguenze di questo sono sanguinamento. Le complicazioni includono l'accumulo di liquido nella cavità addominale. Quando la malattia viene rilevata negli stadi successivi, si sviluppa insufficienza renale e degenerazione del tessuto in un tumore maligno. Una delle complicazioni sfavorevoli è la cirrosi epatica.

Prevenzione e ulteriore prognosi

Le misure preventive sono nel rifiuto delle cattive abitudini, specialmente dall'uso di bevande alcoliche e in una dieta equilibrata. Per prevenire la fibrosi, vale la pena rifiutare di abusare di droghe e sostanze che possono accumularsi nel corpo. È anche importante che eventuali deviazioni dallo stato normale consultino un medico per un consiglio. L'autotrattamento è inaccettabile, in quanto porta al varo della malattia e delle complicanze. Con l'inizio tempestivo del trattamento, le previsioni sono piuttosto ottimistiche. Un corretto trattamento e la conformità con tutte le raccomandazioni del medico portano ad un aumento dell'aspettativa di vita.

Cos'è la fibrosi epatica e come trattare la malattia?

La fibrosi epatica è un processo patologico in cui si verifica una graduale sostituzione delle cellule degli organi mediante tessuto connettivo cicatriziale. Questa condizione è associata a molte malattie croniche del fegato (epatite, alcol e disordini tossici). La fibrosi epatica si sviluppa lentamente e nelle fasi iniziali è asintomatica, il che rende difficile la diagnosi. Nella maggior parte dei casi, la malattia è già rilevata nella fase in cui compaiono segni di gravi complicanze.

Il meccanismo della fibrosi

Il fegato è la più grande ghiandola spaiata del corpo umano, che svolge molte funzioni diverse. Questo corpo neutralizza veleni, tossine, prodotti di decomposizione formati durante i processi metabolici. Nel fegato, la sintesi degli acidi biliari necessaria per la normale digestione, sostanze nutritive - vitamine, oligoelementi, accumuli di carboidrati, albumina e globuline sono sintetizzati. Questo organo è coinvolto nei processi di formazione del sangue, regola il metabolismo dei grassi, delle proteine ​​e dei carboidrati. La salute umana dipende in gran parte dal normale funzionamento del fegato e dalle sue capacità compensatorie.

Il fegato è l'unico organo capace di autorigenerazione, cioè le sue cellule possono essere ripristinate anche in caso di gravi lesioni tossiche. Tuttavia, con la fibrosi, il processo patologico diventa spesso irreversibile, dal momento che le cellule epatiche danneggiate vengono gradualmente sostituite da tessuti fibrosi che non svolgono alcuna funzione utile e perdono completamente la loro efficienza.

Il tessuto fibroso è costituito da un gran numero di fibre del tessuto connettivo, rappresentate dal collagene e dalla sostanza intercellulare amorfa. Il processo patologico inizia con vari effetti tossici sul parenchima epatico. Con il danno cellulare parziale, vengono attivati ​​i processi di formazione e accumulo di tessuto fibroso. Col passare del tempo, mentre il funzionamento degli epatociti muore, il tessuto fibroso cresce e il fegato perde la sua funzione. Cioè, la fibrosi epatica non è una malattia separata - questa condizione è osservata in molte lesioni croniche d'organo, accompagnata da una progressiva distruzione delle sue strutture.

Cause di fibrosi

La fibrosi epatica si sviluppa come complicazione di molte patologie croniche, che possono essere suddivise in patologie ereditarie e acquisite. Tra le cause più comuni di fibrosi epatica, i medici chiamano:

  • epatite virale cronica (B, C e D);
  • epatite tossica (droga, alcool);
  • avvelenamento con veleni, sostanze chimiche o tossine;
  • epatite autoimmune;
  • epatite toxoplasmosi;
  • echinococcosi epatica;
  • cirrosi biliare (primaria e secondaria);
  • epatite (malattia del fegato grasso);
  • malattie concomitanti.

Per ragioni ereditarie che contribuiscono alla formazione di tessuti fibrosi comprendono:

  • l'emocromatosi è una malattia associata alla deposizione di ferro nei tessuti;
  • galattosemia - una patologia congenita causata da una violazione dello scambio di galattosio;
  • La malattia di Wilson-Konovalov - si sviluppa sullo sfondo di un metabolismo improprio del rame;
  • La fibrosi congenita è una malattia ereditaria associata a uno sviluppo anormale del tessuto epatico.

La fibrosi congenita del fegato è più spesso diagnosticata nei bambini di età precoce e prescolare. Questa malattia ereditaria viene trasmessa in modo autosomico recessivo. Cioè, se uno dei genitori è malato, la probabilità di sviluppare una patologia in un bambino è del 50%.

Forme di fibrosi

Prendendo in considerazione le cause di insorgenza e l'area di localizzazione del processo patologico, la fibrosi epatica è divisa in diverse forme:

Fibrosi portale o periportale del fegato - di solito accompagna vari tipi di epatite cronica (alcolica, tossica, virale). In questa forma della malattia, i tessuti fibrosi si formano nell'area dei tratti portali (ad esempio si accumulano nei dotti intraepatici, nei rami dell'area portale, nei vasi linfatici). Questo tipo di fibrosi può svilupparsi in caso di avvelenamento da tossine o durante l'infezione da parassiti (trematodi).

Fibrosi pericellulare - in questo caso, le formazioni fibrose si trovano intorno alle cellule del fegato (epatociti). La patologia si sviluppa sullo sfondo dell'abuso di alcol o dell'epatite virale cronica.

Fibrosi perivenulare (venulare) - il tessuto connettivo si forma nel centro dei lobi epatici e nella regione della vena centrale. Questa forma di fibrosi è associata alla lesione alcolica del fegato o si sviluppa sullo sfondo dell'insufficienza cardiaca cronica.

Fibrosi periduttale - i cambiamenti caratteristici si verificano a causa della rottura del normale flusso di bile dal fegato. La causa principale del processo patologico sono le comorbidità: cirrosi biliare (primaria), difetti nello sviluppo delle vie biliari, infiammazione dei dotti biliari (colangite).

Fibrosi del setto (ponte) - in questa forma della malattia, setti (setti del tessuto connettivo) di diverso spessore e dimensione appaiono in aree di morte massiva degli epatociti. Possono collegare percorsi adiacenti del portale o penetrare nell'intero spessore dei lobuli epatici, il che porta ad un cambiamento nella normale struttura del fegato. La patologia si sviluppa sullo sfondo dell'epatite cronica.

Fibrosi mista: in questa forma della malattia è possibile rilevare varie combinazioni di tutti i tipi di fibrosi nel tessuto epatico. La forma mista è considerata la più comune e si sviluppa in varie patologie del fegato.

Stadio della malattia

Le fasi della fibrosi sono valutate dai medici su varie scale: Ishak, Knodell, METAVIR. I principali criteri di valutazione sono: la presenza di fibrosi portale, il numero di setti, il grado di espansione dei tratti portale. La descrizione delle fasi in tutte le scale presentate ha molto in comune. Pertanto, diamo una valutazione delle fasi della fibrosi sulla scala di Metavir:

F0 - manifestazioni di fibrosi sono assenti;

F1 - i processi del metabolismo intercellulare sono disturbati, con conseguente malfunzionamento del fegato;

F2 - il processo patologico sta progredendo, l'area della lesione è in aumento, sempre più epatociti vengono sostituiti dal tessuto connettivo;

F3 - nel parenchima epatico, forma delle foche, si sviluppano cambiamenti irreversibili, la fibrosi entra nella fase terminale;

F4 - la cirrosi si sviluppa, il fegato perde la sua funzione.

Nell'ultimo stadio della malattia, l'unico modo per evitare la morte è il trapianto di organi. La corretta determinazione dello stadio di fibrosi consente al medico di scegliere il regime terapeutico più efficace in grado di arrestare o rallentare l'ulteriore progressione del processo patologico.

Segni di fibrosi epatica

Il principale pericolo di fibrosi è che non ha sintomi specifici. Tutti i disturbi caratteristici che il paziente lamenta possono essere segni di altre malattie del fegato (epatite, insufficienza epatica, epatite, ecc.). Su tali manifestazioni come nausea, dolore nel giusto ipocondrio o prurito della pelle è impossibile determinare se ci sono cambiamenti fibrosi nel fegato.

Questo è il motivo per cui è così importante, quando appaiono segnali di allarme, sottoporsi a un esame approfondito con l'aiuto di metodi di laboratorio e strumentali al fine di determinare in modo tempestivo la natura e la gravità del processo patologico. La fibrosi epatica nelle fasi iniziali è asintomatica e solo pochi anni dopo si dichiara soggettiva e segni oggettivi.

Segni soggettivi:
  • debolezza, malessere, stanchezza;
  • mancanza di appetito, nausea, a volte ci sono attacchi di vomito;
  • mal di testa;
  • distensione addominale, sensazione di pesantezza;
  • dolore ricorrente di varia intensità nel giusto ipocondrio;
  • aumento prolungato della temperatura a valori subfebrillari;
  • prurito;
  • gengive sanguinanti;
  • sanguinamento nasale.

La comparsa di questi sintomi è associata a un progressivo deterioramento del fegato, all'accumulo di sostanze neurotossiche, allo sviluppo del processo infiammatorio, a una ridotta produzione biliare, a disturbi delle funzioni digestive e ematopoietiche ea un aumento della concentrazione di acidi biliari nel sangue.

Segni oggettivi:

All'esame del paziente, il medico trova una serie di segni oggettivi che indicano direttamente un processo patologico nel fegato:

Fegato ingrandito

È determinato dalla palpazione e dalla percussione durante l'esame del paziente. Con un aumento significativo dell'organo, si osserva un'asimmetria destra del lato dell'addome, sporgente del bordo del fegato da sotto l'arco costale. Se, sullo sfondo della fibrosi, c'è una difficoltà nel deflusso venoso, si nota un aumento della milza.

L'espansione delle vene sulla parete addominale

Questo è un sintomo comune che si verifica negli stadi finali della fibrosi. Allo stesso tempo, un modello venoso appare sull'addome, mostrando attraverso la pelle. La dilatazione delle vene è causata da ipertensione portale (aumento della pressione nella vena porta).

Le stelle vascolari - assomigliano a fasci vascolari viola-rossastro che appaiono sul viso, sul collo, sul torace, sull'addome. Si formano a causa dell'espansione di piccoli vasi sottocutanei (capillari).

itterizia

Il gonfiore della pelle e della sclera si osserva negli ultimi stadi della fibrosi. La ragione del colore caratteristico è l'accumulo di pigmento giallo nel sangue - la bilirubina, che in condizioni normali è completamente degradata dal fegato. Man mano che il processo patologico si sviluppa, il fegato perde la sua funzione e perde la sua capacità di espellere la bilirubina tossica, che gradualmente si accumula nei tessuti e nelle mucose.

gonfiore

Con le lesioni del fegato, l'edema è localizzato nelle gambe e nei piedi, meno spesso - nell'area dei fianchi e delle mani. La gravità di questo sintomo di solito aumenta di sera, specialmente nei casi in cui il paziente è costretto a stare in una posizione statica per un lungo periodo di tempo.

Scolorimento delle urine

Quando la fibrosi è marcata dall'oscuramento delle urine, diventa il colore della birra, che è associato ad un aumento della concentrazione di bilirubina e di uno dei prodotti intermedi del suo metabolismo - urobilinogeno.

Aspetto di xantelasma e xantoma

Si tratta di formazioni sottocutanee morbide, di piccole dimensioni, che sporgono sopra la superficie della pelle. I piccoli noduli ovali o arrotondati sono solitamente localizzati nell'area delle palpebre, delle piante dei piedi o dei palmi, ma possono comparire su altre aree del corpo. Tali formazioni si verificano sullo sfondo del metabolismo dei lipidi, aumento dei livelli di acidi grassi e colesterolo nel sangue e dei loro depositi nel derma.

ascite

Condizione patologica, accompagnata da accumulo di liquido nella cavità addominale. La causa dell'ascite è l'ipertensione portale e una diminuzione del livello di albumina nel plasma sanguigno. A causa dell'accumulo di liquidi, l'addome aumenta e può raggiungere dimensioni significative.

Disturbi mentali

Quando le funzioni di disintossicazione del fegato sono compromesse, i prodotti di decadimento neurotossico entrano nel flusso sanguigno, che influisce maggiormente negativamente sul cervello, sul sistema nervoso e sulla salute mentale del paziente. Con la fibrosi epatica, c'è una diminuzione dell'umore, una sensazione di depressione, pessimismo, aumento dell'ansia e dell'affaticamento e la comparsa di paure infondate. I pazienti lamentano bassa concentrazione di attenzione, letargia, insonnia, nei casi più gravi, una tendenza al suicidio.

diagnostica

Se si sospettano cambiamenti fibrosi nel fegato, il paziente dovrà sottoporsi a una varietà di procedure diagnostiche. Oltre all'ispezione visiva e all'anamnesi, il medico valuterà necessariamente lo stato mentale del paziente al fine di determinare i segni di encefalopatia epatica a causa del danneggiamento delle cellule cerebrali da parte delle tossine accumulate.

I test di laboratorio includono:

  • analisi del sangue clinico e biochimico;
  • analisi delle urine;
  • esami del sangue immunologici.

Emocromo completo per fibrosi mostrerà un aumento della VES, leucocitosi, una diminuzione del livello di emoglobina (anemia). Negli studi biochimici viene determinato un aumento del livello di bilirubina, colesterolo, acidi biliari, aumento di AST e ALT e fosfatasi alcalina. Un esame del sangue immunologico può determinare le cause della fibrosi (per esempio, rilevare l'invasione parassitaria) e valutare lo stato immunitario dell'organismo.

I metodi strumentali per lo studio del fegato comprendono procedure ecografiche, TC o RM, che possono essere utilizzate per diagnosticare un'ampia gamma di patologie. Inoltre, per determinare il grado di fibrosi, il medico può prescrivere i seguenti studi:

  • biopsia epatica;
  • fibroscan - un tipo di ultrasuoni che determina l'elasticità del parenchima epatico;
  • fibrotest, fibrospect, fibromax, fibrometer sono varietà di analisi biochimiche del sangue, che consentono di valutare il grado di lesioni fibrose del fegato.

La forma di fimbrosi epatica può essere stabilita in modo affidabile solo mediante l'esame al microscopio di tessuti ottenuti mediante biopsia.

Trattamento della fibrosi epatica

Il trattamento della fibrosi è un compito difficile e cruciale. Non esiste un singolo farmaco in grado di sopprimere efficacemente i cambiamenti fibrosi. Pertanto, la terapia della malattia comprende una serie di misure terapeutiche volte ad affrontare le cause profonde della patologia e l'uso di vari farmaci che sopprimono le reazioni infiammatorie e sopprimono i processi di formazione dei tessuti fibrosi.

Per combattere le cause che contribuiscono allo sviluppo del processo patologico, vengono prescritti i seguenti gruppi di farmaci:

  • nell'epatite virale vengono usati antivirali (Sofosbuvir, Ribavirina, Daclatasvir, ecc.);
  • con lesioni associate a invasioni parassitarie e toxoplasmosi, prescrizione di farmaci antielmintici e antiprotozoari, nonché di antibiotici (Azitromicina, Spiromicina);
  • in caso di cardiopatie che portano alla fibrosi cardiaca, vengono prescritti anticoagulanti e trombolitici per prevenire la formazione di coaguli di sangue nei vasi;
  • i farmaci con effetto disintossicante aiutano a rimuovere i prodotti di decadimento che si accumulano nel sangue;
  • i rimedi del colagogo eliminano il ristagno della bile, migliorano la sua escrezione dal fegato e contribuiscono al miglioramento della colecistite, della colangite e di altre malattie associate;
  • Enzimi (Mezim, Creonte, Festal) migliorano il corso dei processi digestivi.

I seguenti farmaci sono utilizzati per eliminare le reazioni infiammatorie che si verificano nel fegato:

  • avere un potente effetto antinfiammatorio dei glucocorticoidi (prednisone, desametasone), che è prescritto per molte patologie del fegato;
  • epatoprotettori (Karsil, Essentiale Forte, Gepabene, Silimarina) proteggono le cellule del fegato e contribuiscono al loro recupero nelle prime fasi della fibrosi;
  • Gli antiossidanti sono più efficaci in combinazione con epatoprotettori, bloccano attivamente gli effetti tossici dei radicali liberi;
  • citostatici - prescritti per i processi autoimmuni e neoplastici, bloccano la crescita e la riproduzione delle cellule tumorali;
  • immunosoppressori - sopprimono l'attività del sistema immunitario nelle patologie autoimmuni del fegato, riducendo così la gravità del processo infiammatorio.

Al fine di sopprimere l'attività delle cellule stellate che contribuiscono alla formazione di tessuto fibroso, vengono utilizzati vari tipi di antagonisti, agenti antiproliferativi, antiossidanti, ACE inibitori e interferoni.

Nelle fasi successive del processo patologico, che non è suscettibile di trattamento medico, è necessario ricorrere alla chirurgia - trapianto di organi.

Dieta per la fibrosi epatica

La regolazione della dieta è una parte importante del trattamento completo. In caso di fibrosi epatica, si consiglia al paziente di utilizzare la nutrizione frazionata, per prevenire il ristagno della bile, è spesso necessario mangiare in piccole porzioni. L'uso del sale è limitato, i piatti dovrebbero essere cotti al vapore, bolliti o in umido.

Escludere fritti, piatti al forno, marinate, sottaceti, carni affumicate dalla dieta, non aggiungere grattugia nelle zuppe. I grassi animali refrattari sono vietati a mangiare, l'accento dovrebbe essere posto sugli oli vegetali. Utili zuppe di verdure, cereali e latte, insalate e contorni di verdure, porridge viscoso, latticini, carni magre e pesce.

Quando la fibrosi epatica dalla dieta esclude:

  • pasticceria, muffin;
  • caffè, cacao;
  • cioccolato;
  • gelato;
  • funghi;
  • cibo in scatola;
  • prodotti semilavorati

Le bevande gassate e qualsiasi tipo di alcol sono completamente vietati.

Previsione della vita nella fibrosi epatica

Con questa patologia, la prognosi non è molto favorevole. Se i cambiamenti fibrotici vengono rilevati in una fase precoce, quindi con un trattamento tempestivo, circa il 70% dei pazienti ritorna alla vita a pieno titolo. Nei casi avanzati, nelle fasi finali della fibrosi, il rischio di morte è molto alto.

Quanti vivono con la fibrosi epatica? La risposta a questa domanda dipende da molti fattori: le cause alla radice della malattia, l'età del paziente, la presenza di malattie concomitanti e complicanze. L'ultimo stadio di fibrosi (cirrosi) è considerato irreversibile, ma con un trattamento di mantenimento il paziente vive da 3 a 7 anni.

Se una malattia viene diagnosticata prontamente e correttamente trattata, allora la fibrosi può essere invertita, il che significa che il paziente può vivere per molti anni se vengono seguite le raccomandazioni mediche.

Recensioni

A mio marito è stata diagnosticata colecistite, colangite e il primo grado di fibrosi epatica. Mi sono lamentato a lungo del dolore alla mia destra, ma sono andato al test proprio ora. Non rifiuta la birra, i cibi fritti, le varie prelibatezze, le carni affumicate. Quindi si lamenta del deterioramento del benessere. Il dottore ha prescritto un sacco di droghe, ha detto che se il processo è iniziato, la cirrosi è inevitabile. E tu devi seguire una dieta rigorosa. Come un marito rifiuta tutti i piaceri in questa vita, non lo so nemmeno. Ma per ora, sembra essere impostato per un trattamento serio.

Ho l'epatite C, 1 genotipo, che è considerato il più grave. E ora hanno diagnosticato la fibrosi epatica di secondo stadio (F2). Esiste un trattamento lungo e costoso a base di interferone e ribaverina, farmaci in diretta + alfapeg. Il medico spera che la terapia medica possa aiutare a sconfiggere il virus dell'epatite e rallentare la degenerazione delle cellule del fegato.

Sintomi e trattamento della fibrosi epatica, grado di malattia e prognosi

Il fegato è sottoposto a varie influenze negative che possono innescare la comparsa del processo infiammatorio. Quando si forma un centro di infiammazione, uno dei meccanismi protettivi viene attivato, formando una barriera peculiare del tessuto connettivo intorno alla zona interessata. Questo processo è chiamato fibrosi epatica. Il tessuto sano viene convertito in tessuto connettivo (grasso) con inclusioni di cicatrici, prevenendo la diffusione dell'infiammazione.

Patologia caratteristica

La fibrosi non è una malattia indipendente. Ma questo processo può progredire, causando vasti cambiamenti nel parenchima epatico. Le domande sorgono - che cos'è, come trattare e come prevenire le complicanze della fibrosi?

La fibrosi si presenta come una reazione protettiva del corpo in risposta a processi patologici nel fegato. Il tessuto fibroso, al primo stadio dell'apparenza, impedisce la diffusione dell'infiammazione ai tessuti adiacenti. Isola la parte infetta del flusso sanguigno, impedendo agli agenti patogeni di entrare nella circolazione sistemica.

In assenza di trattamento tempestivo, il tessuto epatico continua a subire cambiamenti, degenerando in grasso. Vi è una graduale violazione delle sue funzioni e complicazioni successive nella forma dello sviluppo della cirrosi.

Meccanismo di sviluppo della patologia

Come si fa la formazione del tessuto fibroso?

Il parenchima epatico (tessuto) è costituito da diversi tipi di cellule:

  • epatociti, il principale materiale cellulare;
  • cellule ovali ed epiteliali (CE), che sono in grado di trasformarsi in epatociti;
  • cellule mesenchimali - miofibroblasti (MK), che formano il tessuto connettivo.

Il meccanismo di sviluppo della fibrosi si innesca quando le cellule epiteliali (il loro tipo perivascolare) sono rinate in miofibroblasti mesenchimali sotto l'influenza di stimoli esterni. Questo processo di formazione di tessuto fibroso è chiamato transizione epiteliale-mesenchimale, o EMF.

In un fegato sano, le cellule epiteliali si trasformano in epatociti, quindi l'organo continua a funzionare correttamente e completamente. Ma, se le EC sono soggette a effetti patologici, sono rinate in cellule MK che hanno la capacità di proliferare - un processo protettivo di divisione rapida in presenza di infiammazione.

Questa caratteristica distintiva delle cellule simili al mesenchima è la ragione principale per cui la formazione fibrosa inizia a crescere rapidamente. Il parenchima costituito da epatociti è ridotto, viene gradualmente sostituito dal tessuto connettivo mesenchimale. Con la fibrosi, il fegato mantiene le sue dimensioni, solo il tessuto di cui è composto cambia.

Le cellule mesenchimali sono in grado di sintetizzare fibrina e collagene. La concentrazione di queste sostanze nel tessuto connettivo fibroso porta alla formazione di cicatrici in esso.

Le cause della malattia

Il fegato umano è piuttosto vulnerabile. Può soffrire di entrambe le malattie e l'influenza esterna di fattori negativi. Cambiamenti fibrosi nel parenchima epatico si verificano per diversi motivi.

Questi includono:

  1. Tutte le forme di epatite (virali, alcoliche, tossiche, medicinali, autoimmuni e altri).
  2. Infezioni parassitarie
  3. Herpes Cytomegalovirus.
  4. Mononucleosi infettiva
  5. Patologia cardiovascolare.
  6. Malattie ereditarie e congenite.

Queste patologie provocano processi infiammatori nel fegato. Se l'infiammazione diventa cronica, aumenta il rischio di sviluppare fibrosi, poiché il flusso sanguigno e la rigenerazione degli epatociti sono disturbati nell'organo.

Classificazione della patologia

Esiste una classificazione della fibrosi, che determina l'origine della patologia a seconda dei fattori che hanno provocato la sua comparsa:

Tabella 1. Forme di fibrosi

La gravità della fibrosi è valutata dal modello istologico, che viene ottenuto come risultato di una diagnosi completa.

Esistono diversi sistemi per valutare la complessità della patologia e il grado della sua diffusione:

  • La scala di Metavir (Metavir), evidenzia 4 fasi;
  • Knodell, gli stadi corrispondono alla scala di Metavir;
  • Ishak, 7 tappe.

La scala principale utilizzata nella diagnosi è METAVIR. La tabella mostra tutte le fasi con i valori di decodifica.

Tabella 2. Sistema per diagnosticare la fibrosi secondo la scala di Metavir

I sintomi della malattia

Come tutte le malattie del fegato, la fibrosi ha un lungo decorso asintomatico. La patologia può progredire da 5 a 8 anni senza alcuna manifestazione. I primi sintomi compaiono quando la patologia ha già uno stato cronico. In questo caso, l'area del danno epatico è piuttosto significativa.

I segni che il tessuto fibroma si sviluppa nel corpo possono essere i seguenti:

  • letargia, sonnolenza, disabilità;
  • perdita di concentrazione, ansia, depressione;
  • disturbi dispeptici (nausea, vomito, bruciore di stomaco, sapore amaro in bocca, eruttazione);
  • ittero;
  • indurimento del fegato e ingrossamento della milza;
  • vene e stelle a ragno, spesso sull'addome, sul torace, sulle mani e sul viso;
  • ginecomastia;
  • noduli grassi sotto la pelle (xantomi);
  • espansione e consolidamento dei tratti periportali;
  • emorragia interna dalle vene esofagee.

La fibrosi epatica spesso accompagna un segno simile all'edema periarticolare della parte inferiore del corpo (parte inferiore della gamba, piede). Uno dei sintomi più pericolosi è l'ascite: l'accumulo di acqua nella cavità addominale causata da ipertensione portale.

Complesso diagnostico di eventi

Poiché i sintomi della fibrosi sono simili a molte altre malattie, il paziente è in programma per un esame generale.

Include:

  1. Esami del sangue (generali, biochimici, con lo studio di campioni di fegato, immunologici). Emoglobina ridotta, globuli bianchi, albumina e globuli rossi, aumento dei livelli di transferasi ALT e AST, un aumento della bilirubina e della fosfatasi alcalina confermano la presenza di patologia. È richiesto un esame del sangue immunologico per determinare la natura della fonte che ha provocato lo sviluppo della fibrosi.
  2. Analisi delle urine La disfunzione epatica è determinata se la proteina, la bilirubina appare nel test delle urine totale e l'urobilinogeno aumenta.
  3. Diagnostica strumentale (RM, TC, ultrasuoni). Consentire di valutare i cambiamenti epatici e localizzare le aree interessate.
  4. Biopsia. Il campione di tessuto è progettato per diagnosticare completamente i cambiamenti fibrosi, per chiarire la forma e la gravità della malattia.
  5. Metodi non invasivi Utilizzato per uno studio completo del fegato nella fibrosi. Questi sono studi come Fibroscan (elastografia), FibroTest, FibroMetr V, Fibromax.

Dopo studi approfonditi che chiariscono il quadro istologico, lo specialista deve determinare lo stadio della fibrosi sulla scala di Metavir e prescrivere il trattamento. La fibrosi può essere completamente guarita se viene diagnosticata a uno stadio iniziale o intermedio di sviluppo.

trattamento

Il trattamento tempestivo della malattia rende reversibile la formazione di tessuto fibroso. L'assistenza alla droga ha lo scopo di sopprimere la malattia sottostante che ha creato un focus di infiammazione nel fegato e ha innescato lo sviluppo della fibrosi.

A seconda della causa principale, vengono utilizzati i seguenti gruppi di farmaci:

  • agenti antivirali, antimicrobici e antiprotozoari (per epatiti, mononucleosi, citomegalovirus);
  • farmaci antielmintici per invasioni parassitarie;
  • coleretica e colecisti (colagogo);
  • anticoagulanti;
  • agenti trombolitici;
  • citostatici;
  • gepatoprotektory;
  • interferoni.

Un aspetto importante nel trattamento dei cambiamenti fibrotici è l'osservanza di una corretta alimentazione. La dieta per la fibrosi comporta l'uso di alimenti digeribili cucinati in modo delicato.

I cibi piccanti e grassi, le marinate e i condimenti sono necessariamente esclusi dalla dieta. Si raccomanda di aderire a una dieta terapeutica progettata per la prevenzione delle malattie del fegato e gastrointestinali - Tabella di Pevsner n. 5.

IMPORTANTE! Per il trattamento efficace della fibrosi è necessario un rifiuto completo dell'alcool, inclusi prodotti a base di birra e alcol.

prospettiva

Non esiste una previsione inequivocabile in presenza di fibrosi epatica.

Gli esperti ritengono che un esito favorevole della malattia sia possibile se:

  1. I cambiamenti patologici non hanno avuto il tempo di causare gravi danni al corpo.
  2. Il fattore scatenante che ha causato lo sviluppo della fibrosi può essere curato.
  3. Le attività di trattamento sono iniziate in tempo e vengono svolte integralmente.
  4. Il paziente aderisce a tutte le raccomandazioni del medico generico essente presente.

Qual è la prognosi per il grado 3, quanti pazienti vivono con questo stadio di fibrosi? L'aspettativa di vita agli stadi 3 e 4 dipende dalla causa della comparsa della fibrosi e dall'insieme delle misure adottate per aiutare il paziente. Secondo la media, la sopravvivenza a cinque anni è garantita per il 70% dei pazienti.

Fibrosi epatica

La fibrosi epatica è una malattia in cui il normale tessuto parenchimale del fegato viene sostituito dal tessuto connettivo, con il risultato che il fegato perde la sua funzione.

La malattia si sviluppa in modo asintomatico per lungo tempo. Questo complica la diagnosi e il trattamento.

Considera in modo più dettagliato cos'è la fibrosi e come affrontarla?

Fattori predisponenti

Cause di fibrosi epatica:

  • il più basilare è l'alcolismo, a causa di un maggiore stress, il fegato sta lavorando per usura;
  • dieta scorretta (consumo eccessivo di cibi grassi e fritti, fast food, ecc.);
  • trattamento a lungo termine con potenti farmaci;
  • avvelenamento chimico;
  • epatite virale (specialmente C);
  • gravi malattie sistemiche (diabete mellito, ipertiti-iosi, malattia da calcoli biliari);
  • immunità ridotta.

Distinguere separatamente una tale malattia come la fibrosi epatica congenita. È un processo pesante, geneticamente determinato, a causa del quale non solo soffre il tessuto epatico, ma anche vasi e dotti biliari. Le anomalie si formano nel fegato durante lo sviluppo fetale.

Informazioni generali sulla malattia

La fibrosi prevalente è un'infiammazione cronica degli organi.

Per delimitare l'attenzione patogena, il fegato inizia a produrre tessuto connettivo fibroso. È più denso del parenchima epatico, quindi le cicatrici si formano sull'organo.

Il tessuto connettivo contiene una grande quantità di collagene e sostanza extracellulare. Il tessuto fibroso compromette la capacità del fegato di svolgere le sue funzioni, il che fa soffrire tutto il corpo.

Esistono tre tipi di fibrosi a seconda dell'origine:

  • non cirrotico primario - si verifica sullo sfondo di malattie cardiache croniche, echinococcosi e brucellosi. Il processo di compromissione della pervietà delle navi epatiche si manifesta, a seguito del quale la nutrizione dell'organo soffre;
  • periportale - causato dall'infezione del corpo con elminti (schistosomiasi);
  • fibrosi ereditaria (descritta sopra).

A seconda della posizione dei fuochi della fibrosi emettere:

  • venulare - fuochi al centro del fegato;
  • pericellulare - la membrana epatocitaria (l'unità strutturale del fegato) è interessata;
  • zonale - grandi fuochi di fibrosi, la struttura dell'intero organo è disturbata, consiste interamente di filamenti del tessuto connettivo;
  • tessuto periduttale - affetto vicino ai dotti biliari;
  • fibrosi mista.

Come si manifesta la malattia?

Non vi è alcun sintomo specifico per la fibrosi epatica. Molto spesso, la malattia viene diagnosticata a caso, durante l'esame degli organi vicini.

Con la malattia sono possibili le seguenti manifestazioni:

  • pesantezza e dolore doloroso nel giusto ipocondrio;
  • diminuzione dell'appetito;
  • disturbi digestivi (nausea, vomito);
  • feci alterate;
  • debolezza e sonnolenza;
  • irritabilità;
  • mal di testa.

Tutti questi sintomi compaiono dopo lo stadio 2-3 della fibrosi. Possono essere manifestazioni di un'altra malattia, perché la diagnosi di fibrosi epatica è significativamente difficile.

Nei casi avanzati (stadio 3-4) l'ittero, l'ascite (accumulo di liquido nella cavità addominale), il prurito della pelle, la decolorazione delle urine e delle feci, la coscienza alterata (encefalopatia epatica) sono associati.

Diagnosi di fibrosi

Con la comparsa di sintomi patologici, il paziente contatta la clinica. Il gastroenterologo o il medico generico tratta e diagnostica questa malattia.

Per fare una diagnosi, il medico effettua un esame. Nelle fasi iniziali, non sarà informativo. Ma se un paziente ha fibrosi di 3 o 4 gradi, allora la palpazione aumenterà notevolmente la dimensione del fegato, così come la sua struttura più densa. Un paziente può lamentare dolore con la pressione.

Inoltre per uso diagnostico:

  • emocromo completo - diminuzione dell'emoglobina, globuli rossi, aumento della VES;
  • analisi delle urine - presenza di proteine ​​in esso, cilindri, bilirubina;
  • esame del sangue biochimico - un aumento dell'attività di tutti i parametri epatici (ALT, AST, bilirubina, fosfatasi alcalina, ecc.);
  • Ultrasuoni del fegato: durante l'esame si può rilevare un aumento delle dimensioni dell'organo e un cambiamento nella sua struttura: corde di tessuto connettivo, fuochi di fibrosi, cisti parassitarie, espansione dei dotti biliari e vasi del fegato;
  • elastometria indiretta - eseguita con fibroscan, consente di valutare la struttura del fegato senza compromettere l'integrità della pelle. Il dispositivo valuta l'elasticità dei tessuti: il tessuto fibroso è più denso del normale parenchima del fegato;
  • Risonanza magnetica, TC: viene determinata la quantità e la qualità dei focolai fibrosi.

Ma per diagnosticare la fibrosi epatica, è necessario eseguire una biopsia. Durante l'esame, uno spesso ago da bava (sotto controllo a ultrasuoni) prende un pezzo del tessuto epatico interessato per l'analisi.

Per valutare le fasi della fibrosi, utilizzare la seguente scala:

Formazione di tessuto fibroso

  • 0 gradi - nessuna fibrosi;
  • Fibrosi di 1 ° grado - compromissione della funzionalità epatica. I tratti del portale sono a forma di stella. Se la malattia viene rilevata in tempo e il trattamento è iniziato, la prognosi è favorevole;
  • fibrosi di grado 2: aumenta il numero di lesioni fibrose. Sette singoli appaiono nei lobi epatici. Con l'aiuto di farmaci possibile normale funzionamento del fegato;
  • fibrosi di grado 3 - il fegato è cucito con corde di tessuto connettivo, le sue dimensioni vengono ingrandite, i dotti biliari vengono ingranditi. La prognosi è sfavorevole. La terapia farmacologica dà poco sollievo.
  • Grado 4: la malattia si trasforma in cirrosi, che non è curabile. L'unico modo per sopravvivere con una diagnosi del genere è il trapianto di fegato.

Se il paziente ha controindicazioni alla biopsia (ridotta coagulazione del sangue, cisti parassitarie, cattive condizioni del paziente), la diagnosi di fibrosi epatica può essere fatta sulla base dell'elastometria.

Terapia della malattia

Nella terapia, ci sono diverse aree:

  • effetti sulla causa della malattia (terapia antivirale, antielmintica);
  • eliminazione di infiammazione;
  • inibizione della crescita del tessuto fibroso.

Per ridurre l'infiammazione utilizzare:

  • farmaci anti-infiammatori ormonali - Prednisolone, Metilprednisolone;
  • epatoprotettori - contribuiscono al ripristino del tessuto epatico: Essentiale, Karsil, Ursosan, Ursofalk, Heptral, Heptor, Ursoliv, Livodeksa (utilizzati entro un mese);
  • antiossidanti - bloccano i processi ossidativi nelle cellule del fegato: vitamine E, C, A;
  • immunosoppressori - farmaci che sopprimono l'attività patologica del sistema immunitario: Azatioprina;
  • i citostatici sono farmaci che bloccano la rapida divisione delle cellule fibrose: Metotrexato, Metodo.

Per sopprimere la crescita del tessuto fibroso prescritto:

  • immunomodulatori - Viferon, Ergoferon (durata della somministrazione 10-14 giorni);
  • sostanze che migliorano la microcircolazione - pentossifillina;
  • farmaci anti-proliferativi - ridurre la produzione di cellule connettive: Altevir.

La correzione dello stile di vita è molto importante. Il paziente deve abbandonare completamente l'alcol e limitare l'uso di farmaci epatotossici (FANS, steroidi, ecc.). Assicurati di portare il tuo peso ai numeri normali e regolare la potenza. Nella dieta dovrebbero esserci abbastanza frutta e verdura fresca, oltre a carne magra e pesce.

Prevenzione e prognosi

Questa malattia è più facile da prevenire che curare. Per fare questo, devi mangiare bene, non abusare di alcool e droghe. Evita lo stress e il lavoro eccessivo. Più spesso all'aria aperta.

Quante persone vivono con la fibrosi epatica? Se la malattia viene diagnosticata nelle prime fasi, è probabile che il paziente viva fino alla vecchiaia. Con la diagnosi tardiva (stadio 3-4), l'aspettativa di vita è di 5-12 anni.

Al fine di iniziare il trattamento della malattia in tempo, sottoporsi a un controllo di routine con un medico almeno una volta all'anno.

Caratterizzazione della fibrosi epatica, grado, trattamento e prognosi della vita

Il fegato è spesso influenzato negativamente da una varietà di patologie. Una delle complicanze epatiche più comuni è la fibrosi o il fibroma epatico. Non appartiene a patologie indipendenti, ma è formato a causa di patologie che colpiscono specificamente le strutture epatiche.

patogenesi

La fibrosi epatica si riferisce a processi compensatori quando i tessuti dell'organo danneggiato vengono sostituiti da tessuto cicatriziale. Patologia simile è stata osservata in quasi tutte le malattie epatiche croniche, accompagnata da una lenta e progressiva distruzione delle strutture di organi.

Tali complicazioni sono legate al fatto che i tessuti fibrosi per definizione non hanno alcuna capacità di funzionare. Pertanto, la fibrosi epatica può essere definita una condizione in cui il parenchima sano di un organo viene sostituito da strutture fibrose patologiche che non presentano alcuna funzionalità.

Quando le cellule epatiche sono influenzate da fattori epatotropici, come microrganismi patogeni o farmaci, sono parzialmente danneggiati, il che innesca il meccanismo di attivazione di strutture cellulari specializzate.

Come risultato di tali processi, i tessuti fibrosi si accumulano, sostituendo completamente le cellule normali dell'organo. È l'attivazione di queste cellule stellate che è l'innesco per lo sviluppo del fibroma epatico.

motivi

Per provocare processi fibrosi nei tessuti del fegato può essere una varietà di fattori, tra cui:

  • Alcol. Il fibroma alcolico di solito si sviluppa sullo sfondo di un eccessivo consumo di alcol nell'arco di 7-8 anni.
  • Origine virale dell'epatite (D, C, B), in cui si sviluppano lesioni infiammatorie acute dei tessuti dell'organo.
  • Fattori ereditari per cui la presenza di fibromi nei parenti stretti del paziente.
  • Patologie virali come la mononucleosi infettiva o l'infezione da citomegalovirus.
  • Disturbi immunitari, che includono lesioni autoimmuni delle strutture bilaterali duttali (cirrosi biliare primitiva), epatite autoimmune - quando le cellule immunitarie iniziano a distruggere senza pietà le proprie cellule epatiche.
  • Epatite di origine tossica, in cui il fegato è influenzato da sostanze chimiche, veleni, sostanze tossiche, ecc.
  • Patologie delle vie biliari, per esempio, colelitiasi, colangite sclerosante del tipo primario o ostruzione extraepatica delle vie biliari.
  • Accettazione di farmaci con effetti epatotropici. Questi includono farmaci antitumorali, preparati di retinolo e retinoidi, farmaci antireumatici.
  • Congestione venosa nel fegato
  • Malattia ipertensiva della forma portale.
  • Alcune patologie geneticamente determinate come la malattia di Wilson-Konovalov, ecc.

Come si può vedere, i fattori capaci di provocare questa patologia sono sufficienti, quindi la corretta identificazione dell'eziologia è cruciale.

sintomi

Nelle fasi iniziali, i processi fibrosi epatici non si esprimono in alcun modo, di solito i primi sintomi iniziano ad apparire dopo 5 anni dall'inizio dello sviluppo, o anche più tardi. Solo una diagnosi completa e completa consente di stabilire correttamente la diagnosi del paziente.

Abbastanza spesso, la milza è coinvolta nel processo patologico, che complica solo la diagnosi affidabile.

Le prime manifestazioni patologiche sono segni di stanchezza, mancanza di resistenza fisica, stress psicologico e prestazioni ridotte.

Con il passare del tempo, il paziente nota una diminuzione patologica delle difese immunitarie, lividi incomprensibili, formazione di vene varicose sulla superficie del corpo, può apparire emorragia, suggerendo un'emorragia delle vene esofagee. Il fegato inizia a crescere in modo irreversibile e, senza trattamento, si sviluppa la cirrosi.

Segni di epatite C, B

Di solito, con lesioni fibrotiche sullo sfondo dell'epatite, la progressione della patologia è permanente e irreversibile.

Nel processo di sviluppo di processi patologici c'è un cambiamento nelle strutture del fegato, la cui fase estrema è la cirrosi.

Il decorso naturale dell'epatite dipende direttamente dal tasso di sviluppo della patologia fibrosa. Il virus influenza in modo significativo la progressione dei processi patologici, che possono manifestarsi in modi diversi per ogni paziente, per alcune persone lo sviluppo di cambiamenti irreversibili viene rallentato, e per qualcuno, al contrario, viene accelerato.

Ma nella maggior parte dei casi, la clinica patologica sta rapidamente aumentando, sviluppando rapidamente la cirrosi, che complica ulteriormente il corso dell'epatite.

I pazienti sviluppano dolore doloroso nell'ipocondrio superiore destro, soffrono costantemente di mal di testa, l'ipertermia è spesso presente, il peso diminuisce, la sclera e la pelle diventano gialle, e nello stomaco e sulle gambe c'è sempre più accumulo di liquido.

Negli uomini, sullo sfondo della fibrosi e dell'epatite, la libido cade e si sviluppa la ginecomastia. Ci sono cambiamenti comportamentali, il fegato continua a crescere costantemente, le vene varicose si osservano sulla parete anteriore del peritoneo, l'urina diventa scura.

I disturbi mentali si manifestano in costante pessimismo, eccessiva irritabilità e ansia. I pazienti hanno una paura inspiegabile, hanno abbassato l'autostima e la concentrazione, spesso provano un senso di colpa irragionevole, sono in uno stato ritardato.

forma

A seconda dell'eziologia, della localizzazione del processo patologico e della sua prevalenza, la fibrosi è classificata in diverse forme cliniche:

  1. Periportale - ha un'origine parassita e si verifica sullo sfondo dell'infezione con trematodi, accompagnata dalla formazione di tessuto fibroso attorno ai dotti biliari e agli epatociti;
  2. Cardiaco - si sviluppa a causa di patologie cardiovascolari o insufficienza miocardica;
  3. Congenito - disturbi di scambio di materiale geneticamente determinati portano ad esso;
  4. Focale - si manifesta con piccole formazioni cicatriziali al posto dei noduli epatici, che indicano una diagnosi precoce di fibrosi;
  5. La forma del setto è caratterizzata da una massiccia necrosi dei tessuti del fegato con la formazione attiva degli strati del tessuto connettivo, che sta rapidamente portando a una violazione della struttura dorsale dell'organo;
  6. Misto - si verifica più spesso, accompagnato da segni caratteristici e cambiamenti in tutte le forme fibrose esistenti.

Fasi di fibrosi epatica

Gli epatologi distinguono quattro fasi successive nello sviluppo della fibrosi epatica:

  • Il primo grado è caratterizzato da piccoli cambiamenti nel parenchima dell'organo, sebbene siano già stati rilevati piccoli cambiamenti esterni nel fegato, la formazione del tessuto connettivo diventa evidente. Se la patologia viene rivelata in questa fase, allora la prognosi per il recupero è favorevole.
  • Il secondo grado è accompagnato da cambiamenti sierici, le strutture portale si espandono, che colpisce immediatamente l'aspetto dell'organo. In assenza di terapia, questa fase porta a gravi complicanze.
  • Il terzo grado di fibrosi è caratterizzato dalla formazione attiva delle strutture del tessuto connettivo. In questa fase, la fibrosi assume una forma a ponte. L'esito può essere favorevole se il corpo reagisce positivamente alla terapia in corso e il paziente aderisce rigorosamente a tutte le raccomandazioni mediche.
  • Nella quarta fase del processo patologico, che è considerato definitivo, le strutture cicatriziali avviluppano completamente il tessuto epatico, si formano falsi lobi. La patologia può ora essere curata solo con l'intervento chirurgico, il che implica il trapianto di un organo donatore.

Scala Metavir

Sulla scala Metavir, la fibrosi epatica è divisa in cinque gradi:

  • F0 - nessuna fibrosi;
  • F1 - funzionamento incompleto del fegato, lo scambio intercellulare tra l'organo e il sangue è disturbato;
  • F2 - i cambiamenti patologici sono in aumento, l'area della lesione aumenta, la malattia è difficile agli effetti del farmaco;
  • F3 - le foche sono formate nel parenchima dell'organo, la prognosi è sfavorevole, in assenza di terapia, la fibrosi entra nella fase terminale;
  • F4 - la cirrosi si sviluppa, senza trapianto del paziente, si prevede la morte.

Altre scale

Esistono altri gradi di determinazione della gravità delle lesioni fibrose del tessuto epatico, ad esempio il sistema Knodel, secondo il quale:

  • 0 - nessuna fibrosi;
  • 1-4 - un leggero grado di fibrosi;
  • 5-8 - l'inizio di processi incendiari;
  • 9-12 - moderata gravità delle lesioni infiammatorie;
  • 13-18 - Le lesioni dell'organo sono gravi e irreversibili.

Sulla scala di Ishak, i fibromi epatici sono classificati in modo diverso:

  • Stadio 0 - nessuna fibrosi è stata rilevata;
  • Fase 1 - la formazione di brevi setti si verifica con un leggero impatto sui percorsi del portale;
  • Fase 2: progressione della fibrosi, interessano aree significative del portale;
  • Fase 3: la lesione si estende su vaste aree;
  • Fase 4: aumenta il numero di setti;
  • Stadio 5: viene rilevata cirrosi epatica incompleta;
  • Fase 6: la cirrosi si sviluppa in pieno vigore.

La corretta determinazione dello stadio fibroso consente all'epatologo di selezionare la terapia più efficace.

diagnostica

Gli studi diagnostici per le lesioni fibrose delle strutture epatiche sono di ampia portata e comprendono molte procedure. L'analisi anamnestica viene condotta con la raccolta dei reclami dei pazienti, l'analisi della sua vita e l'eredità familiare.

La componente mentale del paziente viene necessariamente valutata per capire se vi sono segni di encefalopatia epatica dovuti a danni alle cellule cerebrali da parte di prodotti di decomposizione.