Vitamine per il fegato

Diete

Un organo così importante come il fegato lavora tutto il giorno per tutta la vita della persona. In pratica, può essere giustamente confrontato con una fabbrica che sintetizza le sostanze necessarie, deposita una parte per il futuro e neutralizza i prodotti tossici.

Le vitamine per il fegato servono come supporto per malattie, sovraccarico, protezione da fattori dannosi, recupero del proprio tessuto. I medici raccomandano spesso complessi vitaminici non solo per malattie del fegato, ma anche per la profilassi (pulizia). Ti aiuteremo a capire i nomi dei farmaci moderni, ti mostreremo a cosa dovresti prestare attenzione in farmacia.

Come ottenere i componenti per la sintesi e le vitamine pronte nel fegato?

La maggior parte delle vitamine che il corpo ricava dal cibo. Prima che entrino nelle cellule, subiscono un "controllo" e un raffinamento negli epatociti. L'assorbimento di sostanze essenziali e tossiche fornisce l'intestino tenue. Con il deflusso nella vena porta, entrano nelle cellule del fegato (epatociti), solo dopo che le modifiche sono state inviate al flusso sanguigno generale.

Attraverso la vena porta, il fegato riceve l'80% del sangue. Nella composizione, ha un carattere misto, poiché contiene sia sangue arterioso che venoso del tratto gastrointestinale. La rete capillare è chiamata "miracolosa" perché, a differenza di altri organi, è formata da due sistemi:

  • uno, il solito - forma una connessione tra le arteriole dell'arteria epatica e le vene;
  • l'altro consiste solo dei capillari della vena porta.

Tra di loro, sono collegati da anastomosi e, se necessario, "aiutano" a vicenda. Quindi, la natura ha deciso di proteggere il parenchima epatico dai problemi con la fornitura di ossigeno e materiali per le trasformazioni biochimiche.

Cosa succede alle vitamine?

Tutte le vitamine tranne B12, una persona può avere abbastanza di prodotti a base di erbe. il12 trovato solo in alimenti di origine animale Le vitamine liposolubili in entrata (D, A, K, E) sono in grado di passare attraverso la parete intestinale solo se c'è una quantità sufficiente di acidi biliari.

Sono prodotti dal fegato, inviati alla cistifellea e da esso attraverso i dotti escretori nel duodeno. Il processo è disturbato in malattie del fegato, pancreas, intestino, cistifellea.

Alcune vitamine sono depositate nel corpo e "liberate" a seconda dello stato di digestione, della circolazione sanguigna e del tasso metabolico. Questi includono: A, P, B1, E, PP, K. Sia le vitamine liposolubili che quelle idrosolubili sono depositate in magazzino. Ma "lavorare" con sostanze liposolubili richiede molto più tempo.

Nei processi biochimici, C, K, gruppo B (B1, il2, il5, il12). Alcune vitamine per l'attivazione richiedono la fosforilazione (aggiunta di acido fosforico alla struttura) - colina, B1, il2, il6. Ciò conferma l'opinione che un livello sufficiente di vitamine dipende più dallo stato del fegato e non dalla quantità fornita con il cibo e il trattamento.

Negli epatociti, l'acido nicotinico è sintetizzato dal triptofano, la struttura della vitamina D cambia (in idrossicalciferolo). Per garantire la partecipazione delle vitamine al metabolismo epatico:

  • trasporta le proteine ​​di trasporto che trasportano le sostanze attive attraverso il sistema circolatorio;
  • sintetizza i principali coenzimi, sostanze biochimiche estremamente utili con le proprietà di un catalizzatore per la reazione, il metabolismo si ferma senza di loro (NAD, NADP, metilcobalamina, deossiadenosilcobalamina e altri).

Le vitamine nel fegato risolvono i problemi di recupero degli organi. Il parenchima ha un'alta capacità di rigenerazione in giovane età. Nei giovani, quando vengono rimossi fino al 70% del tessuto epatico a causa di ferite e lesioni, l'organo viene riportato in eccesso dopo alcune settimane. Questa proprietà non possiede più alcun corpo.

Pertanto, nel trattamento dell'epatite e della cirrosi, c'è sempre speranza di miglioramento a causa della comparsa di tessuto sano. Quanto più una persona è anziana, tanto peggio sono le possibilità di rigenerazione, le malattie croniche distruggono il meccanismo debuggato di auto-guarigione.

Quali sono gli antivitamine?

Se stiamo parlando dell'importanza delle vitamine, non dovremmo dimenticare i composti biochimici che hanno la capacità di distruggere o distruggere l'effetto delle vitamine. Sono chiamati "anti-vitamine". Ascorbaxilase - ha un effetto negativo sull'acido ascorbico al di fuori del corpo durante la cottura. Si trova nelle verdure e nei succhi.

Provoca l'ossidazione della vitamina C, attivata in modo significativo quando riscaldata. Quindi una bollitura di tre minuti di marmellata "mangia" acido ascorbico al 100%. Il prodotto, ad eccezione del gusto, non ha proprietà utili. In 15 minuti, più della metà dell'ascorbinka nel succo di barbabietola viene distrutta dall'ossidazione.

Thiaminase - parte di pesce crudo e uova, riso, bacche (ribes, mirtilli, ciliegie), caffè, cavoletti di Bruxelles. Se solo questi prodotti sono utilizzati nella dieta, il cibo sarà privato della vitamina B1. Lo stoccaggio a lungo termine produce effetti simili.

Su quali basi si può giudicare una disfunzione epatica?

In assenza di patologia epatica, il corretto funzionamento è influenzato dalla nutrizione, da una grande quantità di alcol, dall'uso di medicinali e dallo stress trasferito.

I segni dell'affaticamento del fegato sono:

  • sensazione di pesantezza nell'ipocondrio a destra;
  • mancanza di umore, depressione;
  • urina scura;
  • la comparsa di prurito sulla pelle, "stelle" vascolari, macchie senili, acne;
  • un aumento dell'emicrania;
  • decolorazione della pelle su un colore opaco e giallastro;
  • cerchi scuri sotto gli occhi;
  • perdita di appetito, sensazione di amarezza in bocca;
  • nausea a volte temporanea, eruttazione;
  • odore sgradevole di sudore e bocca.

È possibile determinare che tipo di vitamina non è abbastanza fegato?

Naturalmente, l'opzione migliore è fare un esame del sangue e scoprire se contiene abbastanza vitamina. Ma a causa della complessità di tale ricerca può essere solo in centri specializzati. Medici nutrizionisti, nutrizionisti, che si occupano di problemi di nutrizione, sono guidati dai ben noti sintomi di ipovitaminosi.

Ad esempio, una carenza di vitamine:

  • A - causa disabilità visiva, arresta la crescita dei bambini;
  • D - ammorbidisce lo scheletro osseo, nell'infanzia forma rachitismo, sottosviluppo dei denti;
  • K - riduce la coagulazione del sangue, una persona ha lividi sulla pelle, c'è una tendenza al sanguinamento nasale, sanguinamento delle gengive e dolore;
  • il2 - nelle persone del magazzino nevrastenico, contribuisce alla caduta dei capelli, provoca insonnia, interrompe il corso della gravidanza;
  • il1 - riduce le capacità mentali, la forza fisica.

Le vitamine più utili

È difficile selezionare le vitamine più utili. Vi presentiamo alcune delle informazioni nella tabella. Vitamina A o Retinolo - stimola la produzione di acidi biliari, partecipa alla trasformazione del glucosio in glicogeno e alla deposizione delle sue riserve (deposito di energia), regola la sintesi del colesterolo. Fonti: carotene vegetale da agrumi, carote, frutta secca, verdure e radici, trovato in carne, pesce, uova.

Vitamina E o Tocoferolo - fornisce protezione antiossidante contro i radicali liberi, è necessaria per la sintesi degli ormoni sessuali, è responsabile della densità delle membrane degli epatociti, è coinvolta nella regolazione del metabolismo dei grassi, nella sintesi degli aminoacidi. Fonti: piantine di grano, oli vegetali (semi di lino, soia, camelina, zucca) senza raffinazione, formaggio, ricotta.

La vitamina K o Filoquinone - è coinvolta nella sintesi della protrombina, migliora la coagulazione del sangue, attiva la secrezione biliare. Fonti: ortica e foglie di lattuga, leguminose, cavoli, spinaci, patate, latte, mais, menta, rosa canina, uva.

Vitamina C o L-ascorbato - aiuta a ridurre il contenuto di lipoproteine ​​a bassa densità, riduce il rischio di degenerazione grassa nelle cellule del fegato, funge da antiossidante, favorisce l'assorbimento delle vitamine A ed E (dovrebbero essere prescritte insieme), ferro. Sostiene l'immunità, rafforza le pareti dei vasi sanguigni. Fonti: rosa canina, bacche (mirtilli rossi, ribes rosso e nero, mirtilli rossi, cenere di montagna), agrumi, foglie di prezzemolo, cavoli.

Vitamina B1 o tiamina - necessaria per la rimozione dei lipidi in eccesso dal fegato, la sintesi di proteine, carboidrati. Fonti: germe di grano, orzo, grano saraceno, riso integrale, pane nero (lievito), soia, tutte le verdure, prodotti a base di carne di rene, semi di girasole, noci.

Vitamina B2 o Riboflavina - influenza la produzione di bile, la formazione di glicogeno, la protezione del fegato dai processi ossidativi. In natura sono ricchi di noci, uova, latticini, grano saraceno, lievito.

Vitamina B4 o colina - riduce la concentrazione di lipoproteine ​​a bassa densità e trigliceridi, protegge la membrana degli epatociti, migliora il metabolismo dei grassi. Contenuto in tuorlo d'uovo, ricotta grassa e panna acida, datteri.

Per migliorare le funzioni, non è sufficiente limitare le vitamine: sono necessari minerali che fungono da catalizzatori (magnesio, rame, zinco, selenio).

Quali preparati vitaminici sono raccomandati dai nutrizionisti?

I nutritologi possono contribuire a rendere la selezione più corretta di vitamine per il fegato in combinazione con i minerali necessari, i rimedi a base di erbe e la nutrizione. Sono consultati presso cliniche private.

Gli integratori moderni sono rappresentati da combinazioni ottimali. L'appuntamento tiene conto di quante vitamine specifiche possono essere assunte e in che modo. Si ritiene che il modo più utile naturale di ricezione di droghe dal cibo.

Ma con una malattia epatica attiva o danni allo stomaco e all'intestino, è meglio iniettare vitamine. Per questo è necessario conoscere la compatibilità dei farmaci, la sensibilità individuale. Per la prevenzione e la "purificazione" del fegato, i corsi di terapia vitaminica sono raccomandati almeno due volte l'anno.

Phytocomplex "Liver Nutrilite active" - ​​è usato nel trattamento delle malattie del sistema epatobiliare. La composizione comprende: estratti di piante medicinali (cardo mariano, acerola, tarassaco), tutte le vitamine del gruppo B, flavonoidi di limone e pompelmo. Disponibile in capsule

La droga americana "ottimizzatore del fegato" - provoca la rimozione di intossicazione, normalizza i processi metabolici, stimola l'escrezione delle tossine dalla bile. Ingredienti: estratto di cardo mariano, portulaca, koptis giapponesi, vitamine del gruppo B.1, B6, B7, N, amminoacido L-cisteina. Compresse prese prima dei pasti.

La ditta farmaceutica combinata Evalar "Hepatrine" - ha un effetto protettivo e antiossidante sugli epatociti, allevia l'intossicazione. Creato sulla base di note erbe medicinali (cardo mariano e carciofo), lecitina fosfolipide e vitamine E, dal gruppo B B1, B2, B6. Disponibile in capsule Prenditi almeno due volte al giorno.

"Eparosi forte" è particolarmente raccomandato dopo aver sofferto di epatite, per normalizzare la composizione qualitativa della bile nelle discinesie. Include 6 estratti vegetali (tra cui cardo mariano, tarassaco, rosa canina, semi d'uva, stimmi di mais), 11 vitamine essenziali e 7 tipi di minerali (manganese, zinco, calcio, magnesio, ferro, rame, potassio). Disponibile in capsule, si consiglia di bere con i pasti.

Complesso "Hepaton-2" - progettato per migliorare il metabolismo nel fegato, la rimozione di effetti tossici, migliorando la funzione di sintesi. Migliora l'attività delle ghiandole endocrine. I componenti sono: un grande insieme di vitamine (A, l'intero gruppo B, D3, E, N, PP, C,), sostanze estrattive di piante medicinali, gli amminoacidi necessari L-glutammina, metionina, glutatione, lecitina fosfolipidica). Il farmaco è raccomandato per l'ammissione prima dei pasti.

La scelta di farmaci utili è necessario ricordare che anche le vitamine più costose e migliori devono essere prese per un lungo periodo, con corsi ripetuti. Allo stesso tempo osservare dieta e dieta. Altrimenti, l'effetto previsto non lo sarà.

Preparati vitaminici per il fegato

Il fegato è un organo con un'alta capacità di auto-guarigione. Quando neutralizzi la causa della malattia, l'uso corretto dei farmaci, puoi contare su una cura completa.

Nell'epatite cronica e nell'epatosi grassa alcolica, vi è un effetto costante sulle cellule del fegato, che non consente di curare l'organo di disintossicazione.

L'eliminazione della causa della nosologia è una condizione importante prima di assumere medicinali!

Quali vitamine aiutano con la malattia del fegato

Vitamine di base per il fegato: il nome dei farmaci:

  1. La riboflavina è una vitamina B2 che è coinvolta nelle reazioni biochimiche all'interno degli epatociti. Il composto è solubile in acqua ed è un coenzima di molti enzimi. Altre vitamine B per il fegato non sono importanti quanto la riboflavina;
  2. La vitamina E (tocoferolo) è una sostanza antiossidante che lega le specie di ossigeno attivo che distruggono i tessuti. I prodotti di perossidazione sono formati da qualsiasi processo patologico associato ad un aumento dell'acidità del mezzo;
  3. Retinolo (vitamina A), acido ascorbico (vitamina C) - sostanze necessarie per l'attivazione di reazioni biochimiche intracellulari, aiutano a legare le forme di perossido di ossigeno.

Gli epatologi prestano grande attenzione agli acidi grassi insaturi omega-3, che non sono sintetizzati nel corpo, ma provengono dal cibo. I preparati a base di questi ingredienti aiutano a sciogliere i calcoli biliari, prevengono l'aterosclerosi (deposizione all'interno del muro di colesterolo).

Mezzi con acidi lipoici sono prescritti per normalizzare il metabolismo di carboidrati e grassi.

Non dovresti bere tutti i preparati descritti per il fegato. Ci sono discussioni tra medici sui farmaci epatici benefici e dannosi, che saranno discussi nell'articolo.

Acidi grassi insaturi omega-3 per il fegato: i benefici e i danni

Le proprietà benefiche degli acidi omega-3 dopo il consumo umano sono note negli anni '80 del secolo scorso. Gli scienziati hanno notato i benefici dei composti dopo aver esaminato la salute degli eschimesi che consumano quantità significative di pesce.

Molluschi e pesci di alto mare, alghe, pesci piallati sono ricchi di acidi grassi insaturi.

Esperimenti epidemiologici condotti hanno indicato una riduzione della mortalità per malattia coronarica con l'uso costante di varietà di pesci con un alto contenuto di acidi insaturi.

Studi randomizzati su suini, conigli, scimmie hanno mostrato una dipendenza significativa dell'attività dell'epatite virale sulla dose di acidi omega-3. Con l'aumento del dosaggio, viene rilevata una diminuzione dell'attività del processo infiammatorio nel fegato e nella cistifellea.

Per ottenere l'effetto degli acidi omega-3-insaturi deve essere ricevuto ogni giorno per almeno 1 mese. Pesce grasso e olio d'oliva sono fonti disponibili di acidi grassi insaturi.

Attenzione! Per l'uso a lungo termine, selezionare varietà di pesce a basso contenuto di mercurio. Vedere l'elenco di individui con basso accumulo di metalli pesanti nella rete globale.

L'effetto positivo degli acidi omega-3-6 è associato alla normalizzazione del metabolismo dei lipidi. Si osserva una diminuzione del contenuto di lipoproteine ​​dannose a bassa densità con l'uso regolare di olio d'oliva. Lo strumento è raccomandato per i pazienti con epatite adiposa di etiologia alcolica o tossica.

I risultati di studi clinici hanno mostrato il beneficio degli acidi omega-3, 6 nell'aterosclerosi delle arterie coronarie ed epatiche. Una dieta a base di prodotti ittici mostra una diminuzione delle dimensioni delle placche aterosclerotiche, confermata da studi angiografici (introduzione di un mezzo di contrasto in una nave, seguita da radiografia).

I benefici dell'uso regolare dei farmaci omega-3 sono stati dimostrati studiando i meccanismi patogenetici dell'effetto degli acidi polinsaturi omega-3. Riduzione comprovata della formazione di citochine infiammatorie. Riducendo la sintesi del fattore di necrosi tumorale, l'interleuchina riduce l'intensità del processo infiammatorio.

Gli esperimenti pratici hanno mostrato una diminuzione della concentrazione delle sostanze descritte in persone di razze diverse e caratteristiche di peso quando si utilizza l'olio d'oliva. Non sono stati condotti studi sugli effetti degli omega-6-acidi dai prodotti ittici, ma dovrebbero essere osservati meccanismi patogenetici simili.

L'effetto antitrombotico dell'olio di pesce sugli indicatori emostatici (proprietà del sangue) è una diminuzione del tasso di coagulazione del sangue, una diminuzione dell'intensità dell'aggregazione. L'aumento del flusso sanguigno è un aspetto positivo del trattamento con olio d'oliva o pesce grasso.

Esperti medici americani hanno stabilito la possibilità di assumere acidi omega-3-6-polinsaturi per prevenire la formazione di calcoli all'interno dei dotti epatici e della cistifellea.

Vitamina E per il trattamento dell'epatite

Gli studenti dei professori delle università mediche sottolineano la necessità di assumere regolarmente il tocoferolo (vitamina E) per prevenire la distruzione dei tessuti sotto l'influenza delle forme di ossigeno del perossido. Per verificare l'approvazione del cardiologo americano Penn ha condotto una ricerca in un ampio gruppo di pazienti.

Per 12 anni, 140mila persone sane hanno assunto vitamina E insieme a vitamina A per prevenire l'aterosclerosi. Dopo aver analizzato i risultati, non è stata riscontrata alcuna diminuzione della frequenza delle placche aterosclerotiche rispetto al gruppo di controllo di persone che non assumevano vitamine. Anche l'effetto positivo del tocoferolo e del carotene sulle cellule del fegato è incerto.

Lo scienziato israeliano Levi, con uno schema simile, ha studiato l'effetto delle vitamine C ed E sulla calcificazione della parete vascolare. L'essenza dell'esperimento - alcune persone hanno preso le pillole con queste vitamine, il secondo gruppo - le sostanze neutre del "manichino", che sono state emesse per i preparati vitaminici.

I risultati hanno mostrato un aumento del numero di pazienti con depositi di calcio nella parete vascolare nel primo gruppo (che ha assunto queste vitamine).

Esperimenti alternativi condotti da scienziati nel sud della California hanno portato alla conclusione che la vitamina C (acido ascorbico) porta ad un ispessimento della parete dell'arteria cerebrale.

Uno studio USA-serbo su 170.000 persone ha mostrato una maggiore probabilità di cancro ai polmoni nei fumatori bevendo vitamina A. La combinazione di acido ascorbico con beta-carotene aumenta la probabilità di cancro intestinale del 30%.

È ovvio che gli scienziati sono inclini all'inutilità delle vitamine in una persona moderna con una dieta normale, quindi per il fegato senza particolari necessità non dovresti usarli.

Quali oligoelementi hanno bisogno del fegato

Le seguenti sostanze sono necessarie per la funzionalità epatica ottimale:

  1. colina;
  2. niacina;
  3. Cianocobalamina (vitamina B12);
  4. selenio;
  5. zinco;
  6. Ferro.

Studi pratici sull'effetto di questi composti sugli epatociti, l'autore non ha incontrato nella letteratura medica. È richiesta la prova scientifica dell'uso di fondi per epatite, colecistite, discinesia biliare. Non raccomanderemo preparazioni farmaceutiche. È meglio fare affidamento su ingredienti naturali a base di erbe in dosi naturali (naturali), poiché dovrebbero essere consumati per lungo tempo.

Analisi dell'efficacia degli epatoprotettori

I fosfolipidi essenziali sono i farmaci più comuni prescritti per le malattie che comportano la distruzione delle cellule epatiche. I produttori indicano che la composizione dei farmaci da soia. Il meccanismo d'azione è la sostituzione dei gusci lipidici danneggiati da fosfolipidi esterni. Quando si assumono farmaci, gli epatociti non hanno bisogno di sprecare energia per la produzione di queste sostanze, perché le cellule epatiche si riprendono più velocemente.

L'efficacia dei farmaci è dimostrata da esperimenti clinici condotti nel 2001. I ricercatori hanno stabilito l'efficacia dei farmaci solo per prevenire e ridurre la probabilità di ricadute ripetute per l'epatite C.

I fosfolipidi essenziali non sono efficaci nel trattamento farmacologico della steatosi alcolica, dell'epatite virale, della cirrosi.

Nel 2003, i ricercatori americani hanno identificato l'attivazione del processo infiammatorio durante l'assunzione di Essentiale Forte da parte di persone con epatite B virale, steatosi ed epatosi grassa.

Esistono studi clinici che mostrano la bassa efficacia dei fosfolipidi essenziali se usati nelle pillole. La distribuzione del principio attivo nel corpo porta ad un basso accumulo di epatociti. Se si tiene conto dell'elevato costo del farmaco, è necessario determinare il rapporto tra il prezzo della qualità.

Revisione dell'aminoacido per fegato

La tabella clinica degli amminoacidi per le malattie del fegato è la seguente:

  • Heptor, Heptral, ademethionine - essenziale per la sintesi di fosfolipidi essenziali, che aumenta le proprietà rigenerative degli epatociti. Dopo la prima settimana di utilizzo, Heptral ha un effetto antidepressivo. Uso razionale di farmaci per la degenerazione grassa in depressione, astinenza, epatite tossica o cronica;
  • Nell'epatite virale cronica, durante la terapia combinata viene utilizzata la compromissione dell'epatite da droghe e alcol (ornitite aspartato). Il contenuto di ornitina nella composizione del farmaco aiuta a sbarazzarsi dell'infiammazione dei passaggi epatici, dell'epatosi, della cirrosi. Per proteggere e prevenire il farmaco può essere prescritto per un lungo periodo di tempo;
  • Rimedi di erbe con cardo mariano - silimar, gepabene, legalon. Ha proprietà antiossidanti. Assegnato ai corsi per almeno 3 mesi Milk Thistle stimola la formazione di nuove cellule, previene la distruzione di epatociti. Le droghe più accessibili di questo gruppo sono considerate "legalon", "Kars to forte";
  • Preparati con carciofo (cynarix, hofitol) sono prescritti per l'ittero. La pianta ha un effetto coleretico. Un effetto epatotropico debole è stato trovato in cinnarix, "Liv 52". Per migliorare l'effetto, il produttore aggiunge altri ingredienti a base di erbe alla preparazione per proteggere gli epatociti;
  • L'effetto terapeutico della maggior parte delle sostanze biologicamente attive (integratori alimentari) per il fegato non è stato clinicamente testato. La loro attività clinica rimane sulla coscienza del produttore. L'elenco degli integratori alimentari testati per uso medico, più di 5 anni - Dipana, Hepatrine, Ovesol, Hepatotransit.

Un gruppo separato è costituito da farmaci a base di acidi biliari - ursodesossicolico, chenodesoxycholic. Usato per il trattamento di malattie delle vie biliari, calcoli della cistifellea.

Queste medicine non si applicano a lungo. Controindicato nelle seguenti condizioni:

  • Infiammazione del pancreas;
  • Infiammazione del tratto gastrointestinale;
  • Esofagite da reflusso;
  • Cirrosi biliare;
  • Colangite sclerosante;
  • Epatopatia incinta.

I mezzi comuni di questo gruppo sono "Ursosan", "Ursofalk", "Urdoksa", "Ursoliv".

Farmaci epatici omeopatici possono essere utilizzati come terapia di mantenimento con altri farmaci - Carduus marianus, Chelidonium majus.

Vitamine per il fegato

Per il normale funzionamento del corpo serve una varietà di vitamine. Soprattutto le vitamine hanno bisogno di un organo così importante come il fegato. Il fegato prende parte a quasi tutti i processi del corpo ed è soggetto all'influenza negativa di tutte le tossine che entrano nel corpo dall'esterno.

Una mancanza di vitamina per il fegato porta allo sviluppo di processi e malattie infiammatorie:

Con la mancanza di un certo livello di vitamine sviluppare disturbi - ipovitaminosi.
Con una carenza completa (completa assenza) di uno o più tipi di vitamine per il fegato, la malattia si manifesta poliipovitaminosi.

Vitamine essenziali per il fegato

Vitamina C. Effetto benefico sul sistema immunitario, attiva le funzioni protettive del corpo, migliora il sistema cardiovascolare e un effetto positivo sull'apparato digerente. Aumenta la coagulazione del sangue, cura le malattie del fegato. Acido ascorbico nei prodotti: melanzane, carote, cipolle, ravanelli, rape, succo di pomodoro, pomodori, piselli, rosa canina, mandarini, limoni, peperoni, lime.

Tè vitaminico per il fegato

Tagliare a pezzi sottili di zenzero, versare acqua bollente su di esso e lasciarlo in infusione per 10 minuti sotto il coperchio. Aggiungi del succo d'arancia fresco al tè allo zenzero. Puoi aggiungere un cucchiaio di miele al tuo gusto (non caldo). Il tè allo zenzero con l'arancia saturerà il tuo corpo con la vitamina C, ti darà vigore ed energia per l'intera giornata.

  • Vitamina E. Supporta e nutre le cellule del fegato, previene la distruzione cellulare, normalizza gli ormoni e accelera il lavoro del sistema digestivo. Gli alimenti che contengono vitamina E includono mandorle, nocciole, soia, noci, anacardi, grano saraceno, olivello spinoso, fagioli, albicocche secche, piselli, ecc.
  • Vitamina A. Tali malattie del fegato come cirrosi ed epatite portano al fatto che le riserve di vitamina A sono ridotte.Il contenuto di vitamina A nei prodotti: olio di pesce, fegato di manzo e maiale, uova, burro.
  • Acido lipoico L'acido lipoico è necessario per il normale funzionamento del fegato e neutralizza l'effetto negativo delle "tossine". L'acido lipoico è utile nella cirrosi e nell'epatite. Acido lipoico nei prodotti: latte, fegato di manzo, spinaci, riso, broccoli, patate e altri.

Le vitamine del gruppo B prendono parte a reazioni chimiche di un fegato:

  • Vitamina B1. Partecipa alla sintesi di proteine ​​e grassi. Una mancanza di questa vitamina può portare a insufficienza epatica cellulare.
  • Vitamina B2. Ha un effetto benefico sui capillari sanguigni, sullo stomaco e sull'intestino, favorisce la guarigione della pelle, delle mucose e del fegato. Carenza di B2 nei prodotti: pinoli, fegato, uova, funghi, formaggio, ricotta, spinaci.
  • Vitamina B3. Protegge contro la formazione di coaguli di sangue, stabilizza gli ormoni, protegge dalle malattie del sistema cardiovascolare e ha anche un effetto positivo sul lavoro del sistema nervoso e aumenta le barriere protettive. B3 si trova negli alimenti: cumino, sgombro, grano saraceno, funghi bianchi, sesamo, salmone.
  • Vitamina B4. Protegge il cervello dall'invecchiamento, protegge dagli effetti delle sostanze tossiche, migliora l'intestino. A causa dell'effetto positivo di B4 su una persona, il livello di colesterolo nel corpo diminuisce, il che a sua volta migliora la funzione cardiaca. La composizione perniciosa di alcol riduce il livello di vitamina B nel corpo umano, che influisce negativamente su tutti gli organi. Vitamina B4 nei prodotti: arachidi, legumi, cavoli, uova, carne, ricotta.
  • Vitamina B6. Ha un effetto benefico sul funzionamento del fegato, sostiene l'equilibrio di potassio e sodio nel corpo, fornisce energia al cervello e al sistema nervoso. Contenuto in alimenti: gamberi, salmone, ostriche, uova, piselli, soia, lenticchie.
  • Vitamina B12. Le cellule ossigenate, normalizzano la bassa pressione sanguigna, attivano le funzioni protettive del corpo. Vitamina B12 negli alimenti: fegato di manzo, merluzzo, salmone, gamberetti, alghe e altri frutti di mare.
  • Vitamina K. Aumenta la coagulazione del sangue, rigenera il tessuto epatico, attiva la normale secrezione biliare. Contenuto in prodotti: spinaci, rosa canina, menta.

Oligoelementi per il fegato

Il normale funzionamento del fegato dipende direttamente dagli oligoelementi, gli elementi traccia più essenziali per il corpo sono il selenio e il rame. Nelle malattie del fegato si osserva una diminuzione dei livelli di selenio e rame. Il selenio tende a ridurre le "proprietà tossiche" dell'alcool e alcuni tipi di droghe. Selenio nei prodotti: cocco, aglio, maiale, frutti di mare.

Prodotti di rame: arachidi, nocciole, grano saraceno, semole di riso, grano, piselli, arachidi, pasta.

Complessi vitaminici per il fegato

Vitrum

Il farmaco contiene la giusta quantità di vitamine (A, B1, B2, B6, C, E, D3) e minerali per il lavoro corporeo completo.

Selmevit

Questo è un complesso di vitamine e minerali che sono indispensabili per la salute umana generale e la salute del fegato.

Vita Spectrum

Vitamina, macro e microelementi complessi per il trattamento dell'ipovitaminosi.

Sciroppo monastico

L'agente terapeutico basato su ingredienti naturali, che "delicatamente" purifica il fegato, non contiene sostanze chimiche pesanti che danneggiano le cellule del fegato. La composizione dello sciroppo monastico comprende:

  • Ginseng. Pulisce il fegato dalle tossine.
  • Vitamina B. Previene lo sviluppo di gravi malattie del fegato e riduce il rischio di infezione da parassiti.
  • Le erbe curative aumentano le barriere protettive contro l'immunità.

Lo sciroppo monastico non contiene additivi e coloranti artificiali. Lo sciroppo allevia il carico sul fegato dopo aver bevuto alcolici e alcuni tipi di medicinali. Inoltre, il complesso dello sciroppo monastico comprende un complesso di vitamine e oligoelementi.

Piante medicinali: una fonte di vitamine

La funzione principale del fegato è quella di purificare il sistema circolatorio dalle tossine dannose, regolare i processi di digestione. Il fegato è influenzato da fattori "aggressivi" che portano a processi infiammatori ea malattie epatiche più gravi. Pertanto, è fondamentale saturare il fegato con sostanze nutritive (vitamine, minerali e amminoacidi):

I grassi sono un tipo molto importante di nutrienti per il fegato. I grassi sono saturi e insaturi (bassa e alta densità). Esse svolgono la funzione di fornire energia alle cellule del corpo, regolare l'apporto di acqua, aminoacidi, sali e carboidrati al corpo e anche accelerare il rilascio di prodotti di decomposizione dalle cellule del fegato.

I grassi indispensabili si trovano in: noci, formaggio, pesce, olio vegetale.

proteine

Le proteine ​​sono il principale materiale da costruzione per il corpo umano (organi, pelle, muscoli). La mancanza di questo tipo di nutrienti porta a problemi di salute, perché le proteine ​​prendono parte alla riproduzione e alla crescita delle cellule epatiche.

Alimenti contenenti proteine: carne, pesce, fiocchi di latte, uova, fagioli e una varietà di integratori.

carboidrati

I carboidrati sono una fonte di energia per il corpo. I carboidrati sono composti da componenti essenziali per la salute generale del corpo: carbonio, ossigeno, idrogeno.

Carboidrati negli alimenti: miele, zucchero, legumi, asparagi, cetrioli, aglio, broccoli e patate.

Vitamine farmaceutiche per il fegato

Ottimizzatore del fegato

Multicomplex, composizione organica, che normalizza il lavoro del corpo. Il complesso comprende estratti di piante medicinali (cardo mariano, portulaca), vitamine del gruppo B (B1, B6, B7) e l'aminoacido L-cisteina. Il farmaco viene assunto 1 volta al giorno, una compressa per 5-10 minuti prima dei pasti.

Gepatrin

Si tratta di additivi alimentari biologici che contengono vitamine B1, B2, B6, E, nonché piante medicinali di cardo mariano e carciofo. Il farmaco ha un effetto benefico sul fegato, ha un effetto coleretico. Il farmaco viene assunto una volta al giorno 10 minuti prima dei pasti (al mattino o alla sera).

Eparosi Forte

Si consiglia di prendere un fito-kit per migliorare la funzionalità epatica e riparare le sue aree danneggiate dopo aver sofferto di epatite. Il preparato contiene estratti di tarassaco, semi d'uva, rosa canina, cardo mariano, vitamine A, C, E, D3, PP, Y, H, B1, B2, B5, B6, B9, B12 e anche minerali (zinco, ferro, magnesio e altri). Assumere 1 capsula 3 volte al giorno (ai pasti).

Gepaton-2

Un multicomplex che migliora il metabolismo, aumenta la circolazione sanguigna negli organi, riduce i livelli di colesterolo e ripristina il tessuto epatico danneggiato. La preparazione comprende vitamine (B1, B2, B5, B6, B7, B9, B12, C, PP), estratti di menta, bardana, barbabietola, rosa canina, tanaceto, iperico e gli aminoacidi L-glutammina, metionina, glutatione. Assumere 2 compresse due volte al giorno per 10-20 minuti prima dei pasti.

Vitamine per il fegato

Le vitamine per il fegato svolgono un ruolo importante per la sua salute. È la loro mancanza che spesso provoca molte malattie del più grande organo del corpo umano dopo la pelle.

Capendo quanto siano importanti per il normale funzionamento del fegato, non solo puoi sbarazzarti della malattia, ma anche prevenirne l'insorgenza. Per fare questo, è necessario capire quali proprietà ha ciascuna delle vitamine necessarie nel fegato e come influiscono sul suo lavoro. Diamo una lista di vitamine per il fegato, che, secondo i ricercatori, sono considerate le più importanti.

Vitamina E per il fegato

La vitamina E - è uno dei più potenti antiossidanti, che ha la capacità di fermare l'invecchiamento delle cellule. Rafforza le pareti dei vasi sanguigni, migliora il metabolismo energetico, riduce il rischio di coaguli di sangue. La sostanza non è in grado di essere sintetizzata e accumularsi nel corpo umano.

Con il suo flusso insufficiente dall'esterno, c'è una carenza. Il processo di elaborazione e assimilazione dei grassi viene violato. Quindi, una persona rischia di contrarre una pericolosa malattia - l'obesità al fegato. Il grasso si accumula gradualmente nei suoi tessuti, spostando le cellule sane. Nel tempo, il tessuto adiposo sostituisce completamente gli epatociti, il che porta all'arresto di tutte le funzioni del fegato.

Per il trattamento dell'obesità epatica, i medici usano una terapia complessa, che include l'assunzione obbligatoria di vitamine. La vitamina E in particolare è progettata per ripristinare il normale metabolismo dei grassi nel corpo. Studi clinici su pazienti con cirrosi epatica hanno dimostrato che l'assunzione di questa sostanza nella metà dei casi dà risultati positivi e la possibilità di un completo recupero.

La maggior parte della vitamina E si trova nei seguenti alimenti:

  • Oli vegetali, grassi animali;
  • Latte, panna acida, uova;
  • Carne di manzo e fegato, lardo;
  • Pane integrale;
  • Fagioli, piselli, broccoli, mele, pomodori, spinaci, verdure;
  • Tutti i tipi di noci.

Ogni giorno il corpo è in grado di assorbire non più di 10 mg di vitamina E. Non è consigliabile superare questa dose, poiché il suo eccesso può portare a disturbi metabolici.

Vitamina A - un partecipante al processo di produzione di glicogeno

Il fegato umano svolge molte funzioni importanti, una delle quali è la sintesi del glicogeno. Il glicogeno fornisce il metabolismo dei carboidrati nel corpo e produce energia vitale.

Ciò significa che il compito del fegato è di mantenere la concentrazione ottimale di glucosio nel sangue. Lo squilibrio nella direzione di aumentare o diminuire questo livello porta a pericolose violazioni e, di conseguenza, allo sviluppo di varie patologie nel lavoro di questo corpo.

La vitamina A è direttamente coinvolta nella sintesi e nell'elaborazione del glicogeno. Una persona consuma cibo quotidiano che viene elaborato nello stomaco. Quindi i nutrienti dal sangue fluiscono nel fegato.

Esegue la funzione di un filtro, memorizzando tutto ciò che è necessario per l'ulteriore sintesi del glicogeno. Anche la vitamina A è concentrata qui. Dal momento che non è prodotto dal corpo, può essere ottenuto solo dall'esterno.

La maggior parte della vitamina A si trova in questi alimenti:

  • Fegato di animali;
  • Carote, broccoli, peperoncino, prezzemolo, albicocche, patate dolci;
  • Olio di pesce

Oltre a partecipare alla sintesi del glicogeno nel fegato, la vitamina A svolge un ruolo importante nella stimolazione del sistema immunitario umano ed è un potente antiossidante.

Il più grande svantaggio di questa sostanza è la tossicità ad alte concentrazioni. Pertanto, se una persona ha una malattia al fegato, la vitamina deve essere assunta esclusivamente sotto la supervisione del medico curante.

Vitamina C e acido lipoico

La vitamina C è importante per il normale funzionamento del fegato, in quanto ripristina le funzioni protettive dell'organo e contribuisce alla rapida eliminazione delle tossine. La sua carenza rallenta il metabolismo e innesca i processi distruttivi nelle cellule.

Una buona fonte di vitamina C è costituita da agrumi e bacche. Per ottenere l'apporto giornaliero necessario di vitamina, è preferibile utilizzare quotidianamente:

  • Agrumi, kiwi;
  • Brodo di rosa canina;
  • Pepe bulgaro, verdi;
  • Fragole, ribes nero.

I medici prescrivono spesso i farmaci della vitamina C. Possono essere ottenuti in qualsiasi farmacia senza prescrizione medica. L'acido ascorbico 500 mg, l'ascorutina e altri sono molto popolari. Puoi chiarire l'elenco completo dei nomi dei preparati di vitamine per il fegato dal tuo medico.

L'acido lipoico è una sostanza che viene convenzionalmente chiamata vitamina. Parlando di un partecipante attivo in molti processi nel fegato, l'acido aiuta a migliorare il metabolismo dei carboidrati e dei grassi nel corpo. In piccole quantità, è prodotto nel fegato.

Puoi ottenerlo dall'esterno grazie a questi prodotti:

  • Fegato di manzo e carne;
  • Latte intero;
  • Riso bianco;
  • Cavolo bianco, spinaci, broccoli, patate, barbabietole, carote;
  • Lievito.

Il più delle volte, il medico raccomanda l'uso di farmaci da farmacia con acido lipoico (Berlition, Complivit). Il loro uso deve essere rigorosamente controllato, poiché una quantità eccessiva di questa sostanza può portare ad un aumento dell'acidità gastrica e alla formazione di un'ulcera.

Vitamine del gruppo B

Ecco una lista completa delle vitamine del gruppo B, con una descrizione delle loro proprietà e l'impatto sul normale funzionamento del fegato:

  1. B1 (tiamina) aiuta a sintetizzare proteine ​​e grassi, è coinvolto nel metabolismo energetico. La sua carenza porta allo sviluppo di insufficienza epatica;
  2. B2 (riboflavina) rafforza le pareti dei vasi sanguigni e dei capillari, migliora la produzione di bile, contribuisce al suo buon deflusso;
  3. B3 (niacina) protegge attivamente le cellule del fegato dalla distruzione, è coinvolto nel metabolismo dei carboidrati. Questa sostanza utile può essere tranquillamente chiamata immunità del fegato;
  4. B4 (colina) neutralizza efficacemente le tossine e i radicali liberi nel fegato. Previene l'accumulo di colesterolo nei tessuti del fegato e sulle pareti dei vasi sanguigni. Questa vitamina necessaria viene prodotta direttamente nel fegato da amminoacidi come la metionina e la serina;
  5. B6 (piridossina) produce un enzima importante nel fegato - transaminasi. È necessario per il trattamento di aminoacidi, l'assorbimento di grassi e proteine. È noto che questa sostanza è prodotta in una certa quantità da batteri intestinali;
  6. B12 (cianocobalamina) supporta e regola il processo di formazione del sangue. Pertanto, non è meno importante per il normale funzionamento del fegato. Viene spesso usato durante il trattamento di varie malattie.

Tutte le vitamine di questo gruppo sono nei soliti cibi. Basta seguire le regole di una dieta completa ed equilibrata per non mancarle.

Devo assumere complessi vitaminici?

I complessi vitaminici dovrebbero essere assunti solo dopo la nomina di un medico. In questo caso, il paziente deve sottoporsi a un esame completo. Se scegli le tue vitamine, puoi provocare lo sviluppo di ipervitaminosi.

Nessun complesso vitaminico sostituirà una buona alimentazione. Il trattamento di molte malattie del fegato richiede ai pazienti di seguire una dieta terapeutica speciale. L'uso di vitamine può essere usato solo come supporto durante la terapia farmacologica. Se sono considerati profilattici, un esame preliminare è ugualmente importante.

Il complesso vitaminico non è un integratore o un trattamento dietetico, ma un farmaco serio, quindi può avere una serie di controindicazioni. L'esame li aiuterà in tempo a identificare e selezionare lo strumento migliore adatto a un determinato paziente.

Se durante l'assunzione del farmaco si verificano disagio, dolore, nausea o vomito, il farmaco potrebbe non essere adatto. Il medico in questo caso lo sostituirà con un altro complesso vitaminico o lo cancellerà del tutto.

Quali vitamine dovrebbero essere prese per l'epatite C, che è meglio per il fegato

Una malattia così comune, come l'epatite, ha un effetto distruttivo sulle cellule epatiche sane e porta a una violazione delle sue funzioni. Il nome "epatite" è un termine generico e significa infezione e infiammazione dell'organo filtrante. Il trattamento del virus è un processo complesso che può essere ritardato per 10-14 mesi.

Assunzione di vitamine per l'epatite C aiuta a migliorare la funzione delle ghiandole del fegato e impedisce la formazione del decorso cronico della malattia. I pazienti il ​​cui sangue ha un'alta concentrazione di infezione vengono prescritti farmaci dal gruppo di acidi polinsaturi. I concentrati di alimenti naturali naturali e sostanze biologicamente attive (integratori alimentari, integratori alimentari) aiutano il paziente a ripristinare la funzionalità del fegato, ma non appartengono ai principali farmaci della terapia.

L'acido folico è il miglior aiuto

La vitamina idrosolubile migliora significativamente le prestazioni dell'organo filtrante. Inoltre, prende una parte attiva nei processi del metabolismo nel corpo. La cattiva salute di una persona è in gran parte dovuta alla mancanza di questa importante componente. Normalizza lo stato delle strutture nervose, rende il sistema immunitario irremovibile.

La carenza di acido folico con alterazioni patologiche nel fegato porta allo sviluppo di disturbi aggiuntivi:

  • malattia arteriosa cronica (aterosclerosi);
  • l'anemia;
  • mughetto (candidosi), che è un tipo di infezione fungina;
  • neoplasie maligne.

L'epatite interrompe la produzione naturale di acido folico. Una persona infetta sente un malessere generale e un brusco rallentamento dell'attività fisica e psicologica. Pertanto, al fine di compensare la sua carenza, la dieta del paziente deve essere reintegrata con verdure (prezzemolo, lattuga, cipolle germogliate).

Indicatore insufficiente di vitamina B9 nel corpo di un alcol infetto, che abusa, è particolarmente pericoloso. Una bassa concentrazione del componente porta a interruzioni delle funzioni dell'intestino tenue e interrompe il normale assorbimento delle sostanze minerali.

Vitamine per il fegato, in particolare, acido folico, eliminare debolezza, malessere generale e aumentare l'espressione emotiva dei bisogni nutrizionali del paziente.

La selezione di vitamine per terapia efficace è effettuata da un dottore, prendendo in considerazione i risultati di studi clinici del paziente. Una malattia virale (epatite, ittero) distrugge le cellule di un importante laboratorio del corpo umano (fegato), in cui vengono neutralizzati molti veleni e sostanze tossiche che entrano nel corpo. Il compito principale della terapia è di normalizzare l'attività di tutti gli organi e sistemi corporei, fino a ogni cellula.

L'efficacia del trattamento principale aumenta significativamente la cianocobalamina, che impedisce lo sviluppo intensivo del virus e, in combinazione con l'acido folico, riduce significativamente la permanenza del paziente in una struttura medica.

Il danno epatico significativo è diagnosticato in pazienti con una dipendenza da alcool. In questo caso, gli indici di emoglobina nel sangue diminuiscono, l'urina si scurisce, il colore degli escrementi cambia. Il decorso acuto della malattia porta alla completa distruzione di cobalamine nel corpo.

Molti pazienti sono interessati alla domanda: è possibile assumere complessi vitaminici con l'epatite C? Dopo gli esami diagnostici di un paziente, gli esperti prescrivono spesso l'assunzione di complessi vitaminici a base di cianocobalamina. Di conseguenza, tutti i processi metabolici tornano alla normalità, il paziente sente un'ondata di forza e la salute rimane per molti anni. Una dieta scorretta diventa il colpevole di fallimenti nella produzione di vitamina B12 nel corpo, nonostante la sua capacità di accumularsi in vari organi importanti. La sostanza biologicamente attiva migliora la funzione del sistema nervoso, la formazione del sangue, il metabolismo dei carboidrati e dei grassi, normalizza i livelli di colesterolo. La consegna delle risorse energetiche alle cellule viene normalizzata, il corpo viene ripristinato e guarisce.

Secondo le statistiche, un sovradosaggio del farmaco spesso causa lo sviluppo di manifestazioni allergiche, quindi è importante controllare il dosaggio e la durata dell'assunzione di vitamine.

Complessi vitaminici nella lotta per la salute

Una malattia così acuta come l'epatite C acquisisce un decorso cronico, che porta a profonde riorganizzazioni strutturali irreversibili del fegato e alla graduale perdita delle sue funzioni. Anche nel corpo ci sono disturbi associati a patologie ormonali e metaboliche: i medici tendono a credere che sia possibile ripristinare gli elementi mancanti del fegato, che fanno parte dei complessi vitaminici e accelerano il recupero.

Di norma, la terapia per l'infezione virale dura circa 12 mesi. Per il trattamento in ospedale, i medici utilizzano vari complessi di farmaci che influenzano negativamente l'agente eziologico. Più spesso, i medici integrano la terapia con Alphabet, Vita Spektrumm, sciroppo di Alvitil. Questi farmaci accelerano il processo di trattamento e inducono le cellule danneggiate al recupero naturale.

Non meno efficace complesso vitaminico Laviron Duo. Allevia il paziente da sensazioni spiacevoli nell'ipocondrio a destra, nella regione epigastrica (torace), elimina il malessere generale e normalizza l'appetito.

L'eparina detox contiene nella sua composizione la vitamina B8, che accelera il processo di rimozione delle sostanze tossiche dal corpo e fornisce una protezione affidabile alle cellule dell'organo filtrante.

Gli acidi grassi omega-3 hanno un effetto favorevole sullo stato dei tubi flessibili e flessibili attraverso i quali circola il flusso sanguigno. Quando si assumono 1000 mg di grassi polinsaturi al giorno, le funzioni dell'organo filtrante interessato vengono ripristinate durante la malattia virale.

La combinazione di vitamine neurotrofiche del gruppo B fa parte del farmaco Demoton-B12. Si è manifestato efficacemente in lesioni infettive del fegato con complicazioni come dipendenza da alcol cronica e carenza di ferro o anemia emolitica. I pazienti notano un significativo miglioramento della salute dopo l'assunzione del farmaco.

Proprietà utili dell'acido ascorbico

I processi patologici nel fegato riducono il tasso metabolico, con cui l'acido ascorbico è facile da gestire. L'effetto antiossidante della vitamina è volto a rallentare il processo di distruzione delle strutture cellulari da molecole di particelle cineticamente indipendenti. È possibile migliorare le condizioni del paziente aumentando il dosaggio del farmaco (almeno 5 g al giorno), tuttavia, il farmaco può essere bevuto sotto lo stretto controllo dei medici.

Un paziente con una storia di epatite C soffre di una carenza di acido ascorbico nel corpo. Per colmare la mancanza di un potente antiossidante possono essere i seguenti frutti di bosco:

I broccoli sono considerati una vera fonte di vitamina C.

Un tipico processo patologico nel fegato che si verifica sotto l'azione del patogeno comporta una rapida caduta degli indicatori di acido ascorbico nel sangue del paziente. Gli specialisti iniettano la vitamina per via endovenosa o prescrivono la somministrazione orale per il trattamento del primo ciclo dell'epatite C. Inoltre, questa vitamina blocca il passaggio della malattia alla forma cronica. Il composto biologicamente attivo solubile in acqua riduce i segni di infiammazione nei tessuti danneggiati degli organi, normalizza le funzioni naturali delle cellule della struttura immunitaria e la sintesi di una proteina speciale (interferone), che porta alla lotta contro tutti i tipi di infezioni nel corpo umano.

L'efficacia della terapia vitaminica

Ogni cellula dell'organo filtrante assorbe tossine, sostanze tossiche e prodotti di decomposizione del corpo umano. Oltre alle funzioni di base del filtro, purifica efficacemente il corpo umano ed è responsabile della produzione di enzimi e dell'attività di tutti gli organi e sistemi. Senza lipoproteine, vitamine e importanti elementi chimici necessari per la normale vita umana, il corpo perde la capacità di un funzionamento sano. Considerare le vitamine raccomandate per gravi patologie del fegato:

  • La vitamina B aiuta a migliorare il lavoro delle ghiandole della secrezione esterna dello stomaco, destinate alla digestione del cibo. Normalizza la flora intestinale, ripristina il fegato e le mucose, rafforza le pareti dei vasi sanguigni. Con una mancanza di sostanze nel corpo ci sono difficoltà con il deflusso della bile. Un'alta concentrazione di vitamina è fissata in pesche, latticini e spinaci.
  • Vitamina B È utile durante la sintesi di grassi e proteine, normalizza il metabolismo dei carboidrati. Carenza di vitamina sviluppa insufficienza epatica. Contenuto in fagioli e fiocchi d'avena.
  • B. Blocca la possibilità di danneggiare le cellule dell'organo di filtro, aumenta la resistenza del corpo, svolge un ruolo importante nel processo di decomposizione dei composti organici nei prodotti finali. La vitamina è riconosciuta come un aiuto indispensabile nella cirrosi. Un'alta concentrazione dell'elemento è stata trovata in semi, agrumi, noci, banane e varietà di tè verde.
  • B. Normalizza il lavoro del tratto gastrointestinale, riduce l'impatto negativo delle sostanze tossiche. Con la mancanza di un elemento, i grassi iniziano ad accumularsi attivamente nel fegato. Preparato da lievito, fegato di pollo e manzo, nocciola e noce.
  • B. L'elemento è indispensabile nella sintesi dei catalizzatori enzimatici (transaminasi), migliora l'assorbimento di grassi e proteine. La mancanza di vitamina porta a una violazione del deflusso della bile e provoca malattie dello stomaco. Questo prodotto è ricco di olivello spinoso, aglio e melograno.
  • B. Normalizza la formazione e lo sviluppo delle cellule del sangue e stabilizza il fegato.
  • C. La vitamina è un supporto per il sistema immunitario, normalizza l'emostasi e il metabolismo dei carboidrati. La mancanza dell'elemento rende le strutture cellulari dell'organo più vulnerabili. Un assistente indispensabile nei processi infiammatori e distruttivi nel fegato, nella fase di disintegrazione delle cellule del parenchima (epatociti). Preparato da verdure, peperoni, ribes, arance, pompelmo.
  • E. Assicura il buon funzionamento del fegato, protegge le cellule dagli effetti dannosi. Sono ricchi di more, olivello spinoso, maiale e frutti di mare.

Affinché il filtro del corpo umano funzioni continuamente, ha bisogno non solo di vitamine per l'epatite C, ma anche di un numero di elementi traccia utili. Garantiscono un'adeguata protezione del corpo contro gli effetti negativi delle sostanze tossiche. In questo gruppo può essere identificato:

  • Zinco. Accelera il recupero, nutre il fegato. Si trova in pesci, funghi e uova.
  • Selenio. Protegge il fegato dagli effetti dell'alcool e dalle sostanze nocive che si formano durante il ritiro dei farmaci. L'elemento è ricco di pistacchi, pesce, broccoli.

Efficace pulizia del fegato interessato

Prima di iniziare il trattamento per l'epatite C, al paziente viene prescritto un ulteriore esame, dopodiché il medico prende una decisione sulla necessità di pulire il fegato. A tale scopo, gli additivi biologici a base di cardo mariano (cardo mariano), avena medicinale e rosa canina hanno dimostrato la loro efficacia. Il cardo, che è divertente chiamato cardo mariano, rimuove rapidamente sostanze tossiche e accumuli nocivi dal fegato e avvia il naturale processo di rigenerazione delle strutture cellulari danneggiate. Molto spesso, la pulizia viene effettuata con l'aiuto di mezzi come Holosas e Ovesol.

Efficace pulizia è anche possibile durante il periodo di recupero. In questa fase, il paziente non sente dolore nella zona dell'organo e può prendere decotti medicinali di erbe che accelerano il deflusso della bile. Tarassaco e Celidonia erano noti nel gruppo coleretico delle piante medicinali. Forniscono al corpo una protezione contro gli effetti dannosi di un agente infettivo non cellulare. Con l'uso regolare c'è la possibilità di prevenire lo sviluppo della cirrosi.

Alimentazione dietetica ed equilibrata, mantenendo il fegato con vitamine in combinazione con vari additivi biologici può indurre le cellule del fegato a rigenerarsi. La pulizia del fegato da accumuli tossici non può essere effettuata senza una precedente irrigazione dell'intestino. Non è auspicabile ricorrere alla purificazione senza le raccomandazioni competenti di uno specialista. Altrimenti, minaccia di trasformarsi in conseguenze negative.

Le misure di pulizia non vengono effettuate a livelli elevati di acidità durante la gravidanza e durante l'allattamento. La procedura è auspicabile per effettuare durante il periodo di riabilitazione, quando il paziente non ha lamentele di dolore e le malattie croniche non sono nella fase acuta. Dopo l'epatite, è utile bere acqua minerale, calcolando la dose e la frequenza delle prese giornaliere con il medico. Se il processo infiammatorio nel fegato progredisce e i sintomi espressi dell'infezione non sono completamente eliminati, è necessario consultare immediatamente un medico, altrimenti non si possono evitare gravi complicanze.

Possibili complicanze e controindicazioni

La terapia dell'epatite C viene ritardata per un lungo periodo Prima di assumere il farmaco, il paziente viene informato delle controindicazioni e delle possibili manifestazioni corporee causate da un sovradosaggio di vitamine.

Un eccesso di acido ascorbico provoca i seguenti disturbi:

  • insonnia;
  • febbre;
  • prurito sulla pelle;
  • mal di testa;
  • diplopia (visione doppia).

La vitamina non è prescritta per il trattamento adiuvante dell'epatite nella urolitiasi.

Un sovradosaggio di acidi polinsaturi minaccia il paziente:

  • deterioramento della condizione generale;
  • l'emergere della voglia di vomitare;
  • disagio nella cavità addominale;
  • compromissione della funzionalità renale.

L'assunzione eccessiva di vitamina B6 e acido folico può comportare gravi rischi per la salute del paziente. La riboflavina non è prescritta a pazienti con intolleranza individuale alle proprietà del componente. Questo elemento cambia il colore dell'urina.

Gli esperti notano l'efficacia di Liverdetoks e integratore di fegato di Nutrilite nel trattamento dell'epatite C. Tuttavia, il loro uso è vietato in presenza di malattie allergiche, disturbi neuropsichiatrici, epatite grassa dell'organo filtrante e disturbi della funzione escretoria renale con accumulo di scorie azotate nel sangue (insufficienza).

Prima di utilizzare una vitamina di qualsiasi gruppo, è importante leggere attentamente le istruzioni. Ciò è spiegato dal fatto che molti farmaci, come Hepa-Merz, ad esempio, non interagiscono bene con antibiotici e psicofarmaci.

I pazienti nei quali il decorso della malattia è aggravato dall'indebolimento generale di tutte le funzioni del corpo spesso soffrono dello sviluppo di eventi avversi sotto forma di nausea e vomito.

I pazienti con una mancanza acuta di vitamine e micronutrienti benefici sono prescritti terapia vitaminica in caso di emergenza.

Può curare l'epatite?

Se hai letto questa pubblicazione fino alle ultime righe, sei ancora tormentato da dubbi sulla possibilità di una cura completa per l'insidiosa e terribile malattia del fegato e più spesso pensi ai metodi chirurgici di trattamento. Inutile dire che il fegato svolge un ruolo importante nella salute e nel funzionamento del corpo, e il suo normale lavoro è una garanzia di ottima salute e l'assenza di molti disturbi per molti anni. I medici sono inclini a credere che la chiave per il successo del trattamento dell'epatite C sia l'eliminazione non delle conseguenze, ma delle cause. E lanciare il meccanismo della rigenerazione cellulare naturale, come è noto, è possibile sotto il potere di erbe medicinali, vitamine e microelementi. La cosa principale è consultare un medico in tempo.