Neutrofili nel sangue

Sintomi

I neutrofili (NE) sono un gruppo di cellule del sangue che è un tipo di globuli bianchi. Nella massa totale delle cellule leucocitarie, i neutrofili costituiscono la percentuale maggiore. Oltre a questo nome, puoi sentire un termine come i leucociti neutrofili.

Il processo di formazione di questi elementi cellulari, così come altri leucociti, si verifica nelle strutture del midollo osseo. E la distruzione dei neutrofili si verifica nei tessuti del fegato e della milza.

Le principali funzioni dei neutrofili:

  • cattura e digestione di particelle estranee intrappolate nel corpo - questo processo consiste nel riconoscere un microrganismo, avvicinarlo, catturarlo e metterlo all'interno della cellula, e quindi digerirlo a causa di un gran numero di sostanze enzimatiche;
  • partecipazione allo sviluppo del processo infiammatorio - questa funzione viene effettuata a spese di sostanze biologicamente attive che i neutrofili possono emettere;
  • impatto sulla funzione termoregolatoria del corpo;
  • partecipazione a reazioni di coagulazione del sangue.

Indicazioni per l'analisi

La determinazione del numero di neutrofili è inclusa nello standard per il conteggio ematico completo (UAC). Un esame emocromocitometrico completo è raccomandato per tutte le persone senza eccezioni quando si fa riferimento a procedure diagnostiche o terapeutiche in ambito policlinico o ospedaliero.

Indicazioni per determinare il numero di neutrofili:

  • malattie infiammatorie di qualsiasi sistema corporeo, ad esempio polmonite o reumatismi;
  • malattie infiammatorie chirurgiche - appendicite, peritonite;
  • gravi ustioni corporee;
  • processi distruttivi nel corpo, per esempio, infarto del miocardio;
  • malattie oncologiche;
  • malattie infettive - tubercolosi, morbillo, difterite, ecc.;
  • grave perdita di sangue a causa di traumi o emorragie interne;
  • avvelenamento chimico e tossico.

Preparazione per un esame del sangue per determinare il numero di neutrofili

Il numero di neutrofili viene determinato conducendo un esame emocromocitometrico completo. Si consiglia a una persona di astenersi da alcol, cibi fritti o grassi prima di somministrare il sangue. Almeno quattro ore prima della procedura, il paziente deve eliminare completamente l'assunzione di qualsiasi prodotto. È necessario limitare l'aumento dello stress fisico o psicologico alla vigilia della procedura.

Norme di conta dei neutrofili nei bambini e negli adulti

Nei risultati dell'analisi clinica generale del sangue, i neutrofili sono indicati come NE e sono misurati in percentuale.

  • da 1 giorno a 15 giorni - 31,0% -56,0%;
  • da 15 giorni a 1 anno - 17,0% -51,0%;
  • da 1 anno a 2 anni - 29,0% -54,0%;
  • da 2 anni a 5 anni - 33,0% -61,0%;
  • da 5 anni a 7 anni - 39,0% -64,0%;
  • da 7 anni a 9 anni - 42,0% -66,0%;
  • da 9 anni a 11 anni - 44,0% -66,0%;
  • da 11 anni a 15 anni - 46,0% -66,0%;
  • oltre 15 anni - 48,0% -78,0%.

Cause di conteggio di neutrofili anormali

Con livelli elevati di neutrofili nel sangue, viene usato il termine neutrofilia.

Cause dell'elevazione dei neutrofili:

  • condizioni patologiche del corpo causate da flora virale o batterica, ad esempio, polmonite;
  • malattie infiammatorie acute o croniche come colecistite;
  • esperienze stressanti prolungate o esaurimento fisico;
  • malattie oncologiche;
  • focolai di necrosi negli organi interni, ad esempio infarto miocardico;
  • avvelenando il corpo con sostanze tossiche;
  • prendendo alcuni farmaci, ad esempio glucocorticosteroidi;
  • periodo di riabilitazione dopo l'intervento chirurgico.

La diminuzione della percentuale di neutrofili nel sangue è chiamata neutropenia.

Cause di neutropenia:

  • alcuni tipi di lesioni infettive del corpo, come l'influenza o la febbre tifoide;
  • prendendo alcuni gruppi di farmaci, come antibiotici o farmaci antinfiammatori non steroidei;
  • condizioni anemiche;
  • predisposizione genetica alla riduzione della conta dei neutrofili;
  • disturbi endocrini, per esempio, tireotossicosi;
  • reazioni allergiche di tipo immediato, come shock anafilattico;
  • milza ingrossata.

Quando si identificano anomalie nella percentuale di neutrofili, si raccomanda di condurre un esame diagnostico completo del paziente al fine di identificare la condizione patologica che provoca tali violazioni. Se la causa delle deviazioni è la terapia farmacologica in atto, si raccomanda di rivedere l'elenco dei farmaci presi e regolarli.

Diagnosi dei sintomi

Scopri le tue possibili malattie e quale dottore dovresti visitare.

Neutrofili nel test del sangue

I neutrofili sono il gruppo più grande di globuli bianchi che proteggono il corpo da molte infezioni. Questo tipo di globuli bianchi si forma nel midollo osseo. Penetrando nei tessuti del corpo umano, i neutrofili distruggono i microrganismi patogeni e alieni con il metodo della loro fagocitosi.

Cosa sono i neutrofili?

Ci sono sei fasi consecutive di maturazione dei neutrofili: mieloblasti, promielociti, mielociti, metamyelociti (giovani), pugnalate e cellule segmentate. Le cellule mature sono neutrofili segmentati. Tutte le altre forme di queste cellule sono considerate immature (giovani). Nel sangue umano, i neutrofili segmentati sono molto più grandi delle forme giovani. Se una persona si ammala di qualche tipo di malattia infettiva, il midollo osseo rilascia cellule immature nel sangue. Con il loro numero, i medici determinano la presenza di un'infezione batterica, nonché il grado della sua attività.

Neutrofili nel test del sangue: decodifica

Quando decifrate un esame del sangue per i neutrofili, dovreste considerare il fatto che il tasso di queste cellule negli uomini e nelle donne è in realtà lo stesso. La fluttuazione della norma dipende principalmente dall'età. Poiché i grafici dei "neutrofili" nella forma generale del test del sangue non esistono, gli specialisti medici esaminano il tasso delle cellule sopra indicate in base ai grafici "neutrofili stab" e "neutrofili segmentati".

La norma indipendente dei neutrofili e la relazione tra cellule giovani e mature è di importanza diagnostica. La relazione tra neutrofili è chiamata "spostamento".

La neutrofilia (neutrofilia) è un eccesso del tasso di neutrofili nel sangue. La neutrofilia è un riflesso di un tipo di protezione del corpo contro l'infiammazione e l'infezione. Nella maggior parte dei casi, la neutrofilia è combinata con leucocitosi. Per un'infezione batterica, la neutrofilia con un colpo di arma da taglio è abbastanza tipica.

La neutropenia è una diminuzione della concentrazione di neutrofili nel sangue. Questa condizione indica l'inibizione organica o funzionale della formazione del sangue o la distruzione attiva dei neutrofili. Una diminuzione del contenuto di queste cellule nel sangue è osservata con l'uso di alcuni farmaci, così come con le infezioni virali. Neutropenia, di regola, indica una bassa immunità.

Le ragioni principali per l'aumento della concentrazione di neutrofili nell'analisi generale del sangue

Secondo gli esperti medici, la neutrofilia (livelli elevati di neutrofili nel sangue) può essere osservata nelle seguenti situazioni:

  • Processi necrotici (ustioni estese, ictus, cancrena, infarto miocardico).
  • Infezioni batteriche acute accompagnate da processi infiammatori purulenti (infezioni otorinolaringoiatriche, tonsillite, ascessi, tubercolosi, pielonefrite acuta, appendicite, salpingite, polmonite, peritonite, sepsi, scarlattina, colera, ecc.).
  • Intossicazione (avvelenamento) con tossine batteriche senza l'infezione stessa.
  • Intossicazione che colpisce il midollo osseo (piombo, alcool).
  • Tumori maligni
  • Vaccinazione recente
  • Malattie infettive trasferite di recente.

Una variante della norma della neutrofilia è:

  • Gravidanza.
  • Trasferita attività fisica
  • Carico mentale trasferito.
  • Un pranzo abbondante.
  • Neutrofilia moderata - fino a 10 * 10 9 / l.
  • Neutrofilia severa - da 10 a 20 * 10 9 / l.
  • Neutrofilia grave - da 20 a 60 * 10 9 / l.

Il grado di neutrofilia consente di determinare l'intensità della malattia proposta: maggiore è la conta dei neutrofili, più difficile è il progredire della malattia.

Le ragioni principali per la diminuzione dei neutrofili nel test del sangue

Neutrofili ridotti nell'analisi del sangue (neutropenia) possono indicare le seguenti condizioni patologiche:

  • Malattie batteriche gravi (brucellosi, tularemia, febbre paratifo, febbre tifoide).
  • Malattie virali gravi, che sono caratterizzate da un aumento dei livelli ematici di monociti e linfociti (epatite, rosolia, morbillo, influenza).
  • La reazione del corpo a determinati farmaci (sulfonamidi, antidolorifici, immunosoppressori, interferone, ecc.).
  • Affezione del midollo osseo innescata dalla chemioterapia, dalla radioterapia o dall'esposizione alle radiazioni.
  • Anemia aplastica.
  • Leucemie.
  • Carenza di acido folico e vitamina B12.
  • Neutropenia lieve - da 1 a 1,5 * 10 9 / l.
  • Neutropenia moderata - da 0,5 a 1 * 10 9 / l.
  • Neutropenia grave - da 0 a 0,5 * 10 9 / l.

Attualmente, ci sono diverse patologie con neutropenia caratteristica:

  • Neutropenia benigna. Un gran numero di persone sul nostro pianeta ha una neutropenia cronica. In questo caso, tutti gli altri indicatori del numero di emocromi totali sono normali. Tali pazienti non hanno nemmeno le più piccole lamentele. La neutropenia benigna è considerata una variante della norma.
  • Neutropenia ciclica. Oggi, c'è una piccola percentuale di persone che subiscono un calo periodico dei neutrofili nel sangue nel corso della loro vita. Nel giro di pochi giorni, i neutrofili spariscono completamente dal sangue. Il loro posto, di regola, è occupato da eosinofili e monociti. Il resto del tempo i neutrofili nell'analisi del sangue generale sono presenti senza alcuna anomalia.
  • Neutropenia Kostman. Questa malattia è una malattia ereditaria autosomica recessiva congenita, in cui il bambino non ha neutrofili nel sangue. Tali pazienti hanno un'enorme propensione a varie infezioni. La neutropenia di Kostman è una malattia molto grave con una percentuale piuttosto alta di mortalità infantile.

Cosa significa se i neutrofili si abbassano in un esame del sangue?

La medicina moderna implica una diagnosi rapida e di alta qualità basata su vari studi. È IMPORTANTE che una persona comune abbia un'idea dei risultati del test e delle possibili conseguenze in assenza di un trattamento adeguato. NEUTROFILI - le cellule del sangue che fanno parte del gruppo dei leucociti granulociti, sono coinvolte nel mantenimento delle difese del corpo. Sono solo poche ore nel flusso sanguigno e sono distribuiti agli organi in cui vi è infiammazione. Assicurati che il medico presta attenzione al livello ridotto di neutrofili.

Cosa sono i neutrofili e le specie

Quali sono i tipi di neutrofili

Tutti i tipi di leucociti nel test del sangue costituiscono la formula dei leucociti. I tipi di neutrofili differiscono l'uno dall'altro per il grado di maturità e le funzioni in un organismo vivente.

  • mieloblasto - cellula staminale, progenitore dei granulociti del sangue;
  • promielocita è il prossimo passo nella differenziazione cellulare;
  • mielocita è una cellula giovane granulocita situata solo nel midollo osseo;
  • il metamioelocita è una cellula giovane dalla quale si sviluppano i seguenti tipi di neutrofili;
  • banda - un tipo di cellula immatura con un nucleo a forma di asta;
  • segmentato - cellule mature.

PRESTARE ATTENZIONE! Il rapporto di questi elementi nel test del sangue, il medico determina il grado di infiammazione e possibile malattia.

Richiede immediatamente una diagnosi e un trattamento se c'è una diminuzione dei neutrofili.

Quali sono le funzioni dei leucociti neutrofili nel corpo?

I neutrofili insieme ad altre cellule sono coinvolti nella protezione degli organi interni da organismi patogeni. La lotta contro l'infezione coinvolge la fagocitosi, il processo di invadere e digerire le cellule di particelle estranee. Vengono prodotti diversi enzimi lisosomiali che distruggono la proteina delle cellule batteriche. Poi c'è una chemiotassi - la transizione attraverso le membrane basali delle cellule e il movimento mirato verso i microrganismi al centro dell'infiammazione. Dopo un intenso attacco, muore il neutrofilo, uccidendo circa 7 cellule patogene. Inoltre, quando diretti verso l'organo infiammato, forniscono anche enzimi proteolitici che distruggono i tessuti morti.

I neutrofili hanno proprietà antibatteriche e antitossiche, causano un aumento della temperatura corporea e supportano il processo infiammatorio.

Indicatori di tariffe nei risultati di ricerca

I neutrofili sono designati con le lettere NEU. Nella formula dei leucociti vengono considerate le cellule mature (segmentate) e le cellule giovani immature (nucleate dalla banda).

Per un adulto, quando è sano, l'indicatore va dal 45 al 70%, è considerato del volume totale di leucociti nel sangue, o 1,80-6,5 × 109 / l. Questi dati sono adatti sia per uomini che per donne, ma dipendono dall'età.

Per i bambini sani fino a un anno, il rapporto è dal 30 al 50% o 1,8-8,5 x109 / l.

Fino a 6 anni - dal 40 al 60% o 2.2-6.2x109 / l.

Il numero di cellule immature è inferiore a quello segmentato e costituisce lo 0,5-6% del volume totale di sangue "bianco".

Cause del declino dei neutrofili

Per uno specialista, i risultati dei test sono di grande importanza per la corretta diagnosi e selezione del trattamento appropriato. Ci sono diverse fonti di diminuzione della conta dei neutrofili nel sangue:

  • prima di tutto, il processo infiammatorio;
  • infezione virale;
  • estesa malattia fungina;
  • infezione da parassiti, elminti;
  • fattore ereditario;
  • sullo sfondo delle allergie;
  • avvelenamento con veleni;
  • prendendo alcuni farmaci;
  • esposizione alle radiazioni, chemioterapia per pazienti oncologici;
  • danno al midollo osseo.

La ragione della diminuzione dei leucociti neutrofili determina la diagnosi della malattia e il regime di trattamento.

Come funzionano i neutrofili

Tipi di condizioni con basso numero di neutrofili nel sangue

Una condizione in cui la conta dei neutrofili del sangue è ridotta è chiamata neutropenia. Agranulocitosi - con un basso livello di tutti i granulociti, una forma più grave di leucopenia. La neutropenia differisce per eziologia congenita, acquisita e non chiara. Ci sono gradi di gravità:

  1. luce (1 - 1,5 x109 / l);
  2. moderato (0,5 - 1x109 / l);
  3. pesante (0)

IMPORTANTE! La riduzione dei neutrofili è assoluta e relativa. Solo il numero assoluto di cellule mature è considerato affidabile.

Patologie in cui vi è una diminuzione dei leucociti neutrofili

Il livello dei granulociti è influenzato da varie malattie che rappresentano un rischio per la salute del corpo e richiedono un trattamento immediato:

  • cancro del midollo osseo;
  • malattie ulcerative dell'apparato digerente;
  • la leucemia;
  • basso numero di piastrine;
  • diminuzione dell'emoglobina nel sangue;
  • avvelenamento del corpo;
  • complicazioni dopo il trattamento;
  • tireotossicosi.

ATTENZIONE! Per determinare il numero di neutrofili consente il solito esame del sangue generale da un dito.

Esame del sangue delle dita

Quando i neutrofili sono abbassati, la persona ha urgentemente bisogno di consultare un medico.

Meccanismo di neutropenia

Esistono 2 tipi principali di meccanismo per ridurre i leucociti neutrofili nel sangue circolante: la produzione di nuove cellule si è deteriorata e la distruzione delle cellule mature è aumentata. C'è una distinzione nel corso di processi patologici in 4 tipi:

  • diminuisce la produzione di giovani neutrofili nel midollo osseo;
  • rallentando il rilascio di cellule dal midollo osseo nel sangue;
  • ridotto tempo di circolazione nel sangue;
  • c'è una ridistribuzione dei leucociti nel sangue.

Con un processo infiammatorio di lunga durata, un gran numero di cellule di difesa muoiono, il loro indice diminuisce e viene richiesta un'assistenza qualificata agli operatori sanitari.

Neutropenia - Bassi neutrofili

Come trattare la riduzione dei neutrofili

Comprendere il meccanismo della caduta dell'indice dei leucociti neutrofili in un esame del sangue fornisce una risposta a una domanda sul trattamento. Poiché queste cellule sono coinvolte nei processi immunitari, quindi una diminuzione dei neutrofili mostra la presenza di un organo infiammato. Prima di tutto, il medico deve trovare la causa.

IMPORTANTE! Non automedicare. Condurrà ricerche di alta qualità e fornirai l'assistenza necessaria in ospedale. Nessuna tisana in questo caso non aiuta.

I neutrofili sono sulla protezione del nostro corpo. Il loro numero deve essere monitorato regolarmente, in quanto previene le infezioni generalizzate, mantiene la salute umana. Contattare l'istituto medico più vicino con una richiesta di analisi del sangue generale e non dimenticare di consultare uno specialista sui risultati dello studio.

Come sbarazzarsi di vene varicose

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato ufficialmente le vene varicose come una delle malattie moderne più pericolose. Secondo le statistiche, negli ultimi 20 anni il 57% dei pazienti con vene varicose muoiono nei primi 7 anni dopo la malattia, di cui il 29% - nei primi 3,5 anni. Le cause della morte differiscono da tromboflebiti a ulcere trofiche e cancro causato da loro.

Come salvare la tua vita, se ti è stata diagnosticata la presenza di vene varicose, è stato detto in un'intervista dal capo dell'Istituto di ricerca di flebologia e accademico dell'Accademia russa delle scienze mediche. Vedi l'intervista completa qui.

Neutrofili nel test del sangue

Neutrofili - cellule suicide

I neutrofili sono il più grande gruppo di globuli bianchi (cellule del sangue immunitario), la cui funzione principale è quella di proteggere il corpo dai batteri. Agendo come una sorta di "cellule suicide", entrano in una lotta con un corpo estraneo, lo scindono dentro di sé e alla fine muoiono.

Prima di diventare una vera e propria cellula del sistema immunitario umano, un neutrofilo attraversa diverse fasi di "maturazione":

  1. myeloblast
  2. progranulocyte
  3. metamielociti
  4. Kernel della banda
  5. segmentato

La più alta concentrazione di neutrofili si trova nel midollo osseo, dove avviene la loro maturazione. Un po 'meno - negli organi interni e nel tessuto muscolare. Circa l'1% di tutti i neutrofili si muove attraverso i vasi sanguigni. Allo stesso tempo, nel numero travolgente di casi, le cellule senior (cellule staminali e segmentate) partecipano al processo immunitario (protezione contro agenti patogeni), e solo in situazioni molto difficili "individui" immaturi vengono a fare i conti. Nel sangue di una persona sana, possono essere del tutto assenti.

Il numero di neutrofili è direttamente proporzionale al numero di problemi che la nostra immunità sta attualmente affrontando. Come determinare se questo parametro è normale e cosa fare se per qualche motivo è sovrastimato o sottostimato? Proviamo a capire questo articolo.

Il tasso di contenuto di neutrofili nel test del sangue

Per determinare la concentrazione di granulociti neutrofili nel sangue, è necessario passare un esame emocromocitometrico completo. Dopo qualche tempo, riceverete un pezzo di carta con i risultati, in cui, tra gli altri parametri, ci saranno colonne come neutrofili "a banda nucleare" e "a segmenti" nucleari. Un oggetto come "neutrofili" nel sommario dell'analisi che non troverai.

Il tasso di questo tipo di cellule differisce principalmente tra i gruppi di età, vale a dire, per bambini e adulti ci sono diversi significati. Il contenuto di neutrofili è determinato in due modi: relativo (come percentuale del numero di leucociti) e assoluto (numero di granulociti per 1 litro di sangue). Quindi lavoreremo con il tipo relativo di definizione.

Il rapporto di concentrazione dei neutrofili a banda:

  • Negli adulti: 1-4%
  • Nei neonati: dal 5 al 15%
  • Nei bambini all'età di 2 settimane: 1-4%
  • Nei bambini di età 1 mese: 1-5%
  • Nei bambini da 2 mesi a un anno: 1-5%
  • Nei bambini dai 4 ai 12 anni: 1-4%

I valori di questo parametro sono approssimativamente uguali nelle persone di tutte le età, esclusi i neonati. Differenze significative iniziano quando parliamo di neutrofili segmentati:

  • Negli adulti e nei bambini dai 6 ai 12 anni la percentuale è del 40-60%.
  • Nei neonati: 50-70%
  • Nei bambini di età inferiore a 1 settimana: 35-55%
  • Nei bambini da 2 settimane: 27-57%
  • Nei bambini di età compresa tra 2 e 12 mesi: 45-65%
  • Nei bambini di età compresa tra 4-5 anni: 35-55%

Se tu oi tuoi figli avete dei valori secondo le norme di cui sopra, allora potete rilassarvi - siete sani e la vostra immunità funziona in modo ottimale. Per coloro che hanno scoperto che il loro livello di neutrofili è al di sopra della norma, diremo in maggiore dettaglio perché questo potrebbe essere successo.

Cause di elevati livelli di neutrofili

Il fenomeno in cui vi è una deviazione positiva dalla norma dei neutrofili è chiamato neutrofilia. La neutrofilia (o neutrofilia) non è una malattia indipendente ed è sempre associata ad altre malattie, come la leucocitosi (un livello anormale di leucociti nel sangue). Il catalizzatore della neutrofilia può essere una comune infezione virale respiratoria acuta o un raffreddore, ma non si possono escludere altre malattie più gravi. Ecco una lista di tutte le possibili cause.

  • Carico emotivo
  • Eccessivo stress fisiologico
  • Avvelenamento batterico
  • Recentemente vaccinato
  • Cuscinetto del feto
  • Danni ai tessuti causati da graffi, lividi, tumori.
  • Intossicazione da alcol
  • Strokes, attacchi di cuore, cancrena e altri processi necrotici
  • Processi acuti infiammatori purulenti causati da infezioni (tonsillite, tubercolosi, appendicite, salpingite, malattie otorinolaringoiatriche e altri)
  • Il solito pranzo abbondante.

A seconda del contenuto di neutrofili per 3 litri di sangue, ci sono 3 gradi di gravità della malattia:

  • 1 grado (neutrofilia moderata) - fino a 10 * 109 / l.
  • 2 gradi (neutrofilia espressa) - da 10 a 20 * 109 / l.
  • 3 gradi (forma grave di neutrofilia) - da 20 a 60 * 109 / l.

Più alto è il livello di neutrofilia, più grave è la malattia sospetta.

In nessun caso non si deve prendere il panico e "diagnosticare" in modo indipendente in una varietà di malattie. Se noti valori elevati di neutrofili nel test del sangue, consulta uno specialista, in primo luogo un terapeuta.

Egli esaminerà la vostra salute generale, condurrà ulteriori esami, vi rimanderà ai dottori giusti, che prescriveranno anche un corso di trattamento. Ma ignorare questo problema certamente non dovrebbe essere - dopo tutto, puoi saltare lo sviluppo di una malattia pericolosa.

Cause della riduzione dei neutrofili

Questa condizione è chiamata neutropenia (come opzione - agranulocitosi). Porta a una diminuzione generale delle funzioni protettive del corpo e lo rende disponibile per infezioni come funghi, batteri, virus, ecc. L'agranulocitosi è acuta e cronica (che dura per molti mesi o anni). I medici distinguono anche 3 gradi di gravità di questa condizione a seconda del contenuto di neutrofili nel sangue:

  • luce (100-1500 cellule per microlitro di sangue),
  • moderato (meno di 1000 per microlitro),
  • pesante (500 e meno).

I sintomi, come la neutrofilia, non sono osservati come tali, ma la relazione tra la malattia e la causa che ne ha causato può essere rintracciata. La forma severa (febbrile) di neutropenia, di regola, è accompagnata da un aumento della temperatura fino a 38 ° C, una debolezza generale del corpo, brividi e un ritmo cardiaco disturbato. Allo stesso tempo, la forma cronica potrebbe non manifestarsi. Procede abbastanza "tranquillamente", senza ridurre le funzioni immunitarie del corpo, si mantiene un equilibrio ottimale di monociti ed eosinofili nel sangue, le funzioni ematopoietiche e la produzione di globuli rossi non si riducono. Tuttavia, la resistenza alle malattie nei pazienti con neutropenia cronica è ancora inferiore rispetto alle persone sane.

Per trattare efficacemente l'agranulocitosi, è necessario affrontare le cause della sua insorgenza. Tra loro possono essere:

  • Rosolia, influenza, ARVI e altre malattie infettive virali
  • Infezioni batteriche come brucellosi, febbre tifoide, dissenteria
  • toxoplasmosi
  • malaria
  • Anemia (aplastica e ipoplastica)
  • mielofibrosi
  • Insufficienza pancreatica
  • Infezione da HIV
  • eredità
  • Ipersplenismo (riduzione dei globuli rossi, delle piastrine, dei leucociti nel sangue)
  • Malattia da radiazioni, chemioterapia, radiazioni
  • Deplezione del corpo (cachessia), mancanza di peso corporeo
  • Assunzione di analgesici, cloramfenicolo, penicillina e altri farmaci
  • Carenza di vitamine, carenza di acido folico
  • Danno congenito al midollo osseo (sindrome di Kostmann), in cui la produzione di neutrofili è significativamente ridotta.

Come aumentare il livello dei neutrofili?

Questo problema è molto individuale e, nel complesso, dovrebbe riguardare un professionista. Tuttavia, ci sono alcuni modelli. Medici, ematologi o immunologi, a seconda delle cause della malattia, prescrivono di solito un ciclo di trattamento della neutropenia con antibiotici, agenti antifungini, immunosoppressori (proteine ​​antivirali speciali). A volte vengono usati glucocorticosteroidi - farmaci speciali che combattono gli anticorpi; G-CSF (fattore stimolante le colonie di granulociti) - per aumentare artificialmente la produzione di neutrofili nel midollo osseo.
Un fatto interessante: circa 5 miliardi di leucociti, 1 miliardo di globuli rossi e piastrine muoiono ogni ora in un adulto. Al loro posto arrivano nuove cellule che maturano nel midollo osseo e nella milza.

Neutrofili - difensori del corpo

I neutrofili sono piccoli corpi di un gruppo di globuli bianchi che, a costo della propria vita, resistono a vari virus e batteri nei nostri corpi. Non ignorare i nostri piccoli amici, e se dai risultati dell'analisi vedi che stanno combattendo attivamente qualcosa (neutrofilia) o, al contrario, non far fronte al compito (neutropenia), il tuo compito è quello di preservare la tua salute, di segnalare questi medico disabilità. Così, ti libererai dai possibili problemi in futuro e libererai le preoccupazioni nel presente.

neutrofili

I neutrofili sono granulociti, che fanno parte del volume totale dei leucociti. Sono rilevati da esami del sangue di laboratorio.

Il loro numero dovrebbe essere costante, è necessario per loro svolgere funzioni importanti. La deviazione del loro livello dalla norma indica problemi di salute. Pertanto, è necessario donare sangue periodicamente per controllare il numero di queste cellule del sangue.

Tipi di neutrofili e loro funzione nel sangue

I neutrofili sono prodotti dal midollo osseo umano, quindi un numero maggiore di essi (oltre il 55%) è contenuto in questo. Uscendo dal midollo osseo, le cellule del sangue entrano nel flusso sanguigno generale e quindi fluiscono direttamente negli organi e nei tessuti. Gli organi contengono circa il 40% del volume totale delle cellule. Pertanto, non più dell'1% dei neutrofili circola costantemente nel sangue.

Esistono diversi tipi di neutrofili, a seconda del loro grado di maturità:

  • Mieloblasti. Questo è il primo stadio di sviluppo di questa cellula del sangue.
  • Promielociti.
  • Metomielotsity. Sono anche chiamati "giovani cellule".
  • Stab. Questi sono neutrofili immaturi.
  • Segmentato. Questi sono neutrofili maturi che sono nel sangue in quantità maggiori.

La funzione principale di queste cellule è proteggere il corpo. I neutrofili maturi iniziano a fare i conti con agenti esterni (batteri e virus). Hanno la capacità di assorbire e distruggere i batteri patogeni nel sangue e nei tessuti del corpo. A questo proposito, il numero di cellule segmentate nel sangue diminuisce, ma aumenta il numero di neutrofili immaturi. Tale fenomeno in medicina è chiamato "spostamento dei leucociti a sinistra".

Oltre a proteggere il corpo, sono coinvolti nella termoregolazione e nella coagulazione del sangue.

Il tasso di neutrofili nel sangue di adulti e bambini

I neutrofili costituiscono la maggioranza di tutti i leucociti. Il loro numero varia dal 44 al 76%.

Normalmente, non dovrebbero esserci giovani cellule del sangue nel sangue (mieloblasti, promielociti, metomelociti). In uno studio di laboratorio sul sangue in una persona sana, è possibile rilevare l 'esistenza di neutrofili segmentati. Il loro numero varia con l'età della persona. Le loro norme devono essere note per una diagnosi accurata e una valutazione delle condizioni del corpo umano.

I conteggi di neutrofili sono normali:

  • Nei neonati (fino a 1 anno) - dal 29 al 51%;
  • Un bambino da 1 anno a 7 anni - dal 34 al 56%;
  • Un bambino dai 7 ai 12 anni - dal 41 al 61%.

Il rapporto tra granulociti stab e segmentati a seconda dell'età:

  • Neonato: stab - dal 5 al 13%, segmentato - dal 49 al 70%;
  • Un bambino ha 1 mese: stab-nuclear - dall'1 al 6%, nucleo segmentato - dal 16 al 30%;
  • Bambino di un anno: stab - indicatori, come in un bambino di un mese, segmentato - dal 45 al 66%;
  • Bambino 4 - 5 anni: pugnalata - da 1 a 4%; segmentato - dal 36 al 55%;
  • Un bambino da 6 a 12 anni: una pugnalata - numeri, come in bambini 4 - 5 anni, segmentati - da 39 a 60%;
  • Bambini oltre i 12 anni e adulti: pinzati - da 1 a 5%, segmentati - dal 40 al 61%.

Maggiori informazioni sulla percentuale di neutrofili nel sangue possono essere trovate qui.

Cause di neutrofilia

Vi sono 3 livelli di neutrofilia (x 10 μg / l):

  1. Neutrofilia moderata - fino a 10;
  2. Grave neutrophilia - da 11 a 20;
  3. Grave neutrophilia - da 21 a 60.

L'aumento dei neutrofili può accompagnare vari processi patologici che si verificano nel corpo del paziente:

  • Lo sviluppo di infezione del tratto respiratorio superiore e inferiore (polmonite, rinite acuta);
  • Patologia acuta degli organi addominali: peritonite (infiammazione purulenta del peritoneo), appendicite, colecistite;
  • Malattie degli organi genitali femminili: salpingite (infiammazione delle tube di Falloppio), salpingo-ooforite (infiammazione delle appendici, cioè le tube di Falloppio e le ovaie);
  • Malattie infettive: tubercolosi, scarlattina, colera;
  • Sviluppo di ascessi (accumulazione di pus in una cavità limitata) di varia localizzazione;
  • Formazione di necrosi (morte di cellule e parti di tessuti di organi): ictus ischemico, infarto miocardico, cancrena delle estremità;
  • La presenza di ustioni, occupando una vasta area della pelle con una lesione dello strato sottocutaneo e muscolare;
  • Avvelenamento da alcol o metalli pesanti, in questo caso, il processo patologico ha un impatto significativo sul midollo osseo;
  • La presenza di neoplasie maligne allo stadio di decadimento;
  • Danno fungino di organi e sistemi;
  • Sanguinamento massiccio, in questo caso, la perdita di sangue in grandi quantità avviene in un breve periodo di tempo (lesioni aperte con danni a grandi vasi);
  • Patologia dei reni (pielonefrite).

Oltre alle cause patologiche della neutrofilia, gli esperti identificano diversi aspetti fisiologici:

  • Gravidanza. Se una donna non ha identificato le malattie e le condizioni sopra elencate, aumentare il numero di granulociti di questo tipo è una variante della norma;
  • Un pasto ricco poco prima del prelievo di sangue;
  • Sovraccarico emotivo;
  • Eccessivo sforzo fisico.

Sui neutrofili elevati nei bambini può essere trovato qui.

Cause di neutropenia

Una diminuzione del livello dei neutrofili può essere sia temporanea che permanente (cronica). Quando si verifica la neutropenia cronica?

  • Neutropenia benigna. È considerato come una variante della norma e può verificarsi nei neonati. Questa condizione nei bambini va via dopo 1 - 2 anni e non ha bisogno di cure. Tuttavia, questa condizione può anche essere osservata negli adulti, senza lamentele da parte dei pazienti, e tutti gli altri indicatori di laboratorio rimangono entro il range normale;
  • Neutropenia Kostman. Questa è una malattia autosomica. È caratterizzato dalla totale assenza di questi granulociti nell'uomo. La malattia è congenita, quindi il bambino è suscettibile a tutti i tipi di infezioni. Ciò è dovuto alla mancanza di proprietà protettive nel corpo;
  • Neutropenia ciclica. In questo caso, la diminuzione del livello dei neutrofili si verifica con una certa natura ciclica, cioè, una volta al mese o sei mesi, la neutropenia viene registrata utilizzando la diagnostica di laboratorio. Per il resto del tempo, gli indicatori rientrano nell'intervallo normale.

Un aumento temporaneo del sangue di queste cellule indica la presenza delle seguenti patologie:

  • Malattie che si verificano con grave infiammazione, che ha un effetto negativo sul corpo nel suo complesso;
  • Infezioni di natura virale: morbillo, influenza, ARVI, rosolia;
  • Anemia dovuta a carenza di ferro e vitamina B12;
  • Infezioni di natura batterica: paratifo, febbre tifoide;
  • la malaria;
  • Perdita di peso significativa, digiuno, anoressia; ciò avviene con adesione prolungata a diete severe volte a ridurre il peso corporeo;
  • Trattamento di malattie oncologiche: radiazione e chemioterapia;
  • L'uso di droghe di alcuni gruppi (sulfonamides, antidolorifici, cytostatics).

Circa il livello ridotto di neutrofili nei bambini può essere trovato qui.

Come aggiustare il livello dei neutrofili

La deviazione dei neutrofili dalla norma deve essere corretta, altrimenti i processi che avvengono nel corpo subiscono cambiamenti. Con una diminuzione del numero di cellule del sangue, l'immunità è significativamente ridotta e si verifica un'infezione secondaria.

Prima di tutto, è necessario determinare la causa degli indici anormali dei neutrofili. Nella maggior parte dei casi, dopo l'eliminazione di questa causa, il livello delle cellule del sangue si normalizza.

Se il numero di neutrofili è cambiato a causa dell'uso di farmaci, è necessario modificare il farmaco. In casi estremi, è necessario cancellare completamente questo gruppo di farmaci. Questa domanda può essere risolta solo da uno specialista.

Nel caso in cui il sovraccarico fisico o mentale sia la causa del cambiamento degli indicatori, il medico fornisce raccomandazioni generali al paziente. È necessario normalizzare il sonno, abbandonare gli sport per un po '. Per evitare lo stress e le sue conseguenze, è necessario eseguire esercizi di respirazione.

In presenza di infezione, è prescritto un trattamento appropriato. Al completamento del corso di terapia, gli indicatori, di regola, si normalizzano.

Analisi dei neutrofili e del risultato

Ricerca di laboratorio finalizzata a determinare il numero di neutrofili - un esame del sangue generale o clinico. Oltre a queste cellule, il livello di emoglobina, eritrociti, piastrine, linfociti, tutti i leucociti (formula dei leucociti è scritto) e il tasso di sedimentazione degli eritrociti (ESR) è determinato nel sangue.

Non è richiesta una preparazione speciale per questo studio. Ci sono alcuni suggerimenti per aiutarti a ottenere un risultato affidabile:

  1. Il prelievo di sangue viene solitamente effettuato al mattino (ad eccezione delle situazioni di emergenza);
  2. Prima che la procedura non sia raccomandata per mangiare, l'ultimo pasto dovrebbe essere da 10 a 12 ore prima della raccolta del sangue;
  3. Qualche giorno prima dello studio, è necessario abbandonare lo sport, per eliminare le situazioni stressanti;
  4. Non è possibile donare il sangue direttamente dopo la fisioterapia e l'esame a raggi X;
  5. Per un paio di giorni devi rinunciare a bevande alcoliche e cibi grassi, non fumare prima del prelievo di sangue;
  6. Si consiglia alle donne di attendere con questo tipo di test di laboratorio durante le mestruazioni, ad eccezione di una grave malattia o emergenza.

Ti piace questo articolo? Condividilo con i tuoi amici sui social network:

Test del sangue decodificante per neutrofili

L'analisi del sangue (clinica) generale contiene molti indicatori con cui il medico valuta la salute del paziente. La modifica del valore di ciascuna di queste caratteristiche indica la possibilità di sviluppare una particolare patologia nel corpo. Il numero di neutrofili è uno degli indicatori importanti di un esame emocromocitometrico completo. Considera cosa significa questo indicatore e cosa è indicato dalle variazioni nel numero di neutrofili nel test del sangue.

Neutrofili nel sangue umano

I neutrofili sono il tipo più numeroso di leucociti del sangue (globuli bianchi che sono coinvolti nella formazione dell'immunità del corpo).

Queste cellule del sangue si formano nel midollo osseo rosso dal germe emopoietico granulocitario. I neutrofili appartengono alle cellule del sangue dei granulociti, che contengono granularità (granuli) nel loro citoplasma. In questi granuli di neutrofili ci sono mieloperossidasi, lisozima, proteine ​​cationiche, idrolasi acide e neutre, collagenasi, lattoferrina, aminopeptidasi. A causa di questo contenuto dei loro granuli, i neutrofili svolgono importanti funzioni nel corpo. Penetrano dal sangue agli organi e ai tessuti del corpo e distruggono i microrganismi patogeni e alieni. La distruzione avviene per fagocitosi, cioè i neutrofili assorbono e digeriscono le particelle estranee, dopodiché loro stessi muoiono.

Gli esperti identificano sei stadi di maturazione dei neutrofili: mieloblasti, promielociti, metamelociti (cellule giovani), pugnalati e segmentati. I neutrofili segmentati sono cellule mature e contengono un nucleo diviso in segmenti. Tutte le altre forme sono immature (giovani). Nel sangue umano, ci sono molti più neutrofili segmentati rispetto alle cellule immature. In caso di infezione o infiammazione nel corpo, il midollo osseo rilascia attivamente nelle forme immature di neutrofili nel sangue. Dal numero di tali neutrofili nel test del sangue, è possibile rilevare la presenza di un processo infettivo nel corpo e stabilire l'attività del suo corso.

La maggior parte dei neutrofili (circa il 60%) si trova nel midollo osseo, poco meno del 40% di queste cellule si trova negli organi e nei tessuti e solo circa l'1% dei neutrofili circola nel sangue periferico umano. In questo caso, secondo la decodifica del test del sangue per i neutrofili, nel sangue periferico normale dovrebbe contenere solo cellule segmentate e stab.

La cellula neutrofila, dopo aver lasciato il midollo osseo, circola nel sangue periferico per diverse ore. Successivamente, i neutrofili migrano verso il tessuto. La sua durata nei tessuti è di 2-48 ore, a seconda della presenza del processo infiammatorio. I neutrofili sono determinati nell'analisi del sangue generale quando si calcola la formula dei leucociti (percentuale di diversi tipi di leucociti rispetto al loro numero totale).

Test del sangue decodificante per neutrofili

Il contenuto normale di neutrofili nell'analisi generale del sangue negli adulti è del 45-70% del contenuto totale di tutti i leucociti, o 1,8-6,5 × 10 9 / l. Nei bambini, il tasso di neutrofili nel sangue dipende dall'età. In un bambino del primo anno di vita, è del 30-50% o 1.8-8.4 × 10 9 / l, fino a sette anni - 35-55% o 2.0-6.0 × 10 9 / l, fino a 12 anni - 40-60% o 2,2-6,5 × 10 9 / l.

Allo stesso tempo, nel numero totale di neutrofili, il tasso di forme segmentate è del 40-68%, forme di banda - 1-5%.

L'aumento del numero di neutrofili (neutrofilia) è una forma specifica di protezione del corpo contro le infezioni e lo sviluppo del processo infiammatorio. Di solito, la neutrofilia è associata a leucocitosi (un aumento del numero di leucociti), mentre un aumento del numero di neutrofili da stab indica lo sviluppo di un'infezione batterica nel corpo.

Un lieve aumento del contenuto di neutrofili nel sangue viene osservato durante uno sforzo fisico eccessivo, forte stress psico-emotivo, dopo un pasto nutriente, durante la gravidanza.

Ma un aumento significativo del numero di neutrofili nel test del sangue può indicare lo sviluppo delle seguenti patologie:

  • processo infiammatorio moderato o localizzato (il livello di neutrofili nel sangue sale a 10,0 x 10 9 / l);
  • ampio processo infiammatorio nel corpo (il livello di neutrofili nel sangue sale a 20,0 x 10 9 / l);
  • processo infiammatorio generalizzato, per esempio, in sepsi di eziologia da stafilococco (il livello di neutrofili nel sangue sale a 40,0-60,0 × 10 9 / l);

Una condizione in cui le forme immature di neutrofili (mielociti, promielociti) appaiono nel sangue, il numero di pugnalate e forme giovani aumenta, è chiamato spostamento dei leucociti a sinistra. Questa condizione è osservata in processi infettivi particolarmente gravi ed estesi, in particolare nelle infezioni purulente.

Una diminuzione dei neutrofili in un esame del sangue (neutropenia) indica la soppressione funzionale o organica della formazione del sangue nel midollo osseo. Un'altra causa di neutropenia può essere la distruzione attiva dei neutrofili sotto l'influenza di fattori tossici, anticorpi anti-leucociti, complessi immunitari circolanti. Di solito si osserva una diminuzione del livello dei neutrofili con un sistema immunitario indebolito.

Gli specialisti distinguono la neutropenia di origine congenita, acquisita e non spiegata. La neutropenia cronica benigna si riscontra spesso nei bambini fino a un anno di vita. Questa condizione può normalmente essere nei bambini fino a due o tre anni, dopo i quali questo indice del sangue deve essere normalizzato.

La diminuzione più comune dei neutrofili nell'analisi del sangue è stata osservata nelle seguenti malattie e condizioni:

  • malattie infettive virali (influenza, rosolia, morbillo);
  • infezioni batteriche (febbre tifoide, brucellosi, febbre paratifo);
  • malattie infettive protozoi (toxoplasmosi, malaria);
  • infezioni da rickettsie (tifo);
  • malattie infiammatorie che si verificano in forma grave e acquisiscono il carattere di un processo infettivo generalizzato;
  • anemia aplastica e ipoplastica;
  • agranulocitosi (una forte diminuzione del numero di neutrofili nel sangue);
  • ipersplenismo (diminuzione del contenuto di leucociti, eritrociti, piastrine nel sangue a causa della loro distruzione o accumulo nella milza ingrossata);
  • radioterapia, esposizione alle radiazioni;
  • pronunciata mancanza di peso corporeo, cachessia (estrema deplezione del corpo);
  • prendendo alcuni farmaci (sulfonamidi, citostatici, analgesici, cloramfenicolo, penicilline).

In alcuni casi, la riduzione del numero di neutrofili è temporanea, di breve durata. Tale condizione, ad esempio, si verifica durante la terapia antivirale. Questa neutropenia è reversibile, passa dopo l'interruzione del trattamento. Tuttavia, se la diminuzione del numero di neutrofili in un esame del sangue persiste per un lungo periodo, ciò potrebbe indicare lo sviluppo di una malattia cronica del sistema ematopoietico. Inoltre, il rischio di malattie infettive aumenta se una conta dei neutrofili bassa persiste per più di tre giorni.

Neutrofili: pugnalati, segmentati, sollevati e abbassati, negli adulti e nei bambini

I neutrofili (NEUT) tra tutti i globuli bianchi occupano una posizione speciale e, a causa del loro numero, dirigono l'elenco dell'intero livello dei leucociti e della serie dei granulociti - separatamente.

Non un singolo processo infiammatorio può essere fatto senza neutrofili, perché i loro granuli sono riempiti con sostanze battericide, le loro membrane trasportano i recettori per le immunoglobuline di classe G (IgG), che consente loro di legare gli anticorpi di una data specificità. Forse la principale caratteristica utile dei neutrofili è la loro elevata capacità di fagocitosi, i neutrofili sono i primi a focalizzarsi sull'infiammazione e iniziano immediatamente ad eliminare l '"incidente": una singola cellula neutrofila può immediatamente assorbire 20-30 batteri minacciando la salute umana.

Giovani, giovani, bacchette, segmenti...

La percentuale di neutrofili nell'analisi generale del sangue adulto è del 45-70% (1-5% di stack + 60-65% segmentato), ma per una migliore chiarezza dell'immagine è più conveniente usare un valore più informativo - il contenuto assoluto di granulociti neutrofili. Normalmente, nel sangue periferico di un adulto, vanno da 2,0 a 5,5 Giga / litro.

A proposito, 40 anni fa, gli standard dei globuli bianchi, compresi i neutrofili, erano in qualche modo diversi, ma il maggiore background di radiazioni e altri fattori ambientali hanno fatto il loro lavoro.

Forse, guardando il modulo generale del test del sangue, il lettore ha notato che la colonna "neutrofili" è divisa in 4 parti:

  • Mielociti, che non dovrebbero essere normali (0%);
  • I giovani - possono "premere" accidentalmente e nella norma (0-1%);
  • Bastoncini: sono pochi - 1-5%;
  • I segmenti che costituiscono la maggior parte dei granulociti neutrofili (45-70%).

In condizioni normali, i neutrofili immaturi (metamyelocytes o giovani) non aspirano al sangue periferico, rimangono nel midollo osseo insieme ai mielociti e creano una riserva, ma se si trovano nel sangue, quindi solo in singoli esemplari. Valori elevati di questo indicatore, cioè la comparsa di forme giovani nel sangue in quantità inaccettabili (spostamento a sinistra) indicano gravi problemi di salute (leucemia, gravi processi infettivi e infiammatori).

Quando esaminate al microscopio, le cellule giovani (granulociti immaturi) differiscono dai leucociti nucleari segmentati maturi nella forma del nucleo (allentato "ferro di cavallo" succoso negli adolescenti). I bastoncini (i leucociti pugnalati non sono forme abbastanza mature) hanno un nucleo simile a un laccio emostatico ricurvo (da cui il nome).

Elevati o alti livelli di neutrofili (superiori a 5,5 x 10 G / l) sono chiamati neutrofilia (leucocitosi neutrofila). Per il numero ridotto o ridotto di leucociti neutrofili, il numero di cellule inferiori a 2,0 x 10G / l è considerato neutropenia. Entrambi gli stati hanno le proprie ragioni, che saranno discusse più avanti.

Dopo due traversate, le norme sono equalizzate.

La formula dei leucociti dei bambini (specialmente quelli piccoli) è notevolmente diversa da quella negli adulti. Tutto ciò è dovuto a un cambiamento nel rapporto tra linfociti e neutrofili dalla nascita ai 14-15 anni di età.

Molti hanno sentito che i bambini hanno una sorta di intersezioni (se si disegna un grafico) e questo è ciò che significa:

  1. In un neonato appena nato, il numero di granulociti neutrofili si aggira intorno al 50-72% e quello dei linfociti è del 15-34%, ma il numero di neutrofili continua ad aumentare nelle prime ore di vita. Quindi (non passa giorno) la popolazione di leucociti neutrofili cambia bruscamente direzione nella direzione opposta e inizia a diminuire, i linfociti, allo stesso tempo, si spostano verso di essa, cioè aumentano. Ad un certo punto, di solito accade tra il 3 ° e il 5 ° giorno di vita, i numeri di queste celle si equalizzano e le curve sul grafico si intersecano - questa è la prima croce. Dopo la sovrapposizione, i linfociti continueranno a salire per qualche tempo, e i neutrofili diminuiranno (approssimativamente fino alla fine della seconda settimana di vita), per poi tornare indietro.
  2. Dopo mezzo mese, la situazione cambia di nuovo: il livello dei linfociti diminuisce, il contenuto di neutrofili aumenta, solo che questo processo non progredisce a un ritmo così veloce. Il punto di intersezione di queste celle viene raggiunto quando il bambino sta andando al primo grado - questo è il momento della seconda intersezione.

Tabella: Norme nei bambini di neutrofili e altri leucociti per età

Neutrofili e linfociti - Rapporto

In generale, i neutrofili e i linfociti non solo in un bambino, ma anche negli adulti, sono in una certa dipendenza l'uno dall'altro. I neutrofili sono componenti dell'immunità cellulare e sono i primi ad andare "sul sentiero di guerra" con agenti esterni - leucocitosi a causa di elevati granulociti neutrofili nel test del sangue, ei linfociti sono ridotti in termini percentuali in questo momento.

I neutrofili, adempiendo alle loro funzioni, stanno morendo "sul campo di battaglia", trasformandosi in pus, e quelli nuovi non hanno il tempo di sostituirli. Successivamente, insieme ad altri prodotti di scarto (microbi e tessuti distrutti), i leucociti granulari morti (neutrofili) saranno rimossi dai "body wipers" - monociti. Ciò non significa che i neutrofili si siano "rifiutati" completamente di partecipare alla risposta infiammatoria, semplicemente si sono ridotti di numero, inoltre in questo momento le cellule del collegamento centrale del sistema immunitario - linfociti (popolazione T e agenti anticorpo - cellule B) sono inclusi nel combattimento. Differenziando attivamente, aumentano il loro numero totale, cioè aumentano, i neutrofili in questo momento, naturalmente, ridotti. Nella formula dei leucociti, si noterà molto bene. A causa del fatto che il contenuto di tutte le cellule del legame leucocitario è del 100%, un aumento dei neutrofili al 70% o più causerà una diminuzione delle cellule della serie di agranulociti - i linfociti (il loro numero sarà ridotto - meno del 30%). E viceversa: alti livelli di linfociti sono bassi nei neutrofili. Quando tutti i processi acuti che richiedono la mobilitazione dell'immunità cellulare e umorale, fine, e quelle e altre cellule arrivano alla loro norma fisiologica, come evidenziato dalla formula dei leucociti "calmo".

Dalla nascita alla maturità

I neutrofili iniziano il loro ciclo vitale nel midollo osseo dal mieloblasto e, passando attraverso gli stadi dei promielociti, i mielociti, i metamyelociti (adolescenti) raggiungono una cellula capace di lasciare il luogo di nascita. Nell'analisi del sangue, sono rappresentati da forme di maturazione - leucociti a stabilizzazione (il penultimo, quinto stadio di sviluppo di un neutrofilo in una cellula nucleare segmentata, quindi ce ne sono così pochi rispetto ai segmenti) e neutrofili nucleari segmentati maturi.

I granulociti neutrofili hanno ricevuto il nome "verghe" e "segmenti" a causa della forma del nucleo: nelle aste assomiglia ad un laccio emostatico, e in segmenti è diviso in segmenti (da 2 a 5 segmenti). Dopo aver lasciato il midollo osseo come una cellula matura, i granulociti neutrofili sono divisi in 2 parti: uno va "per il nuoto libero" a guardare costantemente "cosa e come", l'altro va alla riserva - si attacca all'endotelio e attende la sua ora (posizione parietale - pronto a fuori dalla nave). I neutrofili, come le altre cellule del legame leucocitario, svolgono le loro funzioni all'esterno dei vasi e il flusso sanguigno viene usato solo come una via per il centro di infiammazione, ma se necessario, il pool di riserva reagirà molto rapidamente e entrerà immediatamente nel processo di protezione.

La più grande attività fagocitaria è caratteristica dei neutrofili maturi, tuttavia, nelle infezioni gravi, non è ancora sufficiente, e quindi "parenti" della riserva, che attendevano con calma nel midollo osseo sotto forma di forme giovani (quelle che stavano aggrappate a pareti vascolari, a sinistra prima).

Tuttavia, quando tutte le riserve sono esaurite, il midollo osseo funziona, ma non ha il tempo di soddisfare i requisiti per i leucociti, quindi le forme giovani (giovani) e anche i mielociti iniziano a fluire nel sangue, che sono normali, come affermato sopra, non dovrebbe esserci alcun. A volte, queste cellule immature, cercando di correggere la situazione, lasciano il midollo osseo in grandi quantità, quindi con gravi processi patologici il conteggio ematico dei leucociti cambia così marcatamente. Va notato che le cellule immature che hanno lasciato il midollo osseo non hanno pienamente acquisito la capacità di neutrofili a segmenti completi maturi. L'attività fagocitica dei metamyelociti è ancora piuttosto elevata (fino al 67%), nei mielociti non raggiunge il 50% e nei promielociti l'attività della fagocitosi è complessivamente bassa - 10%.

I neutrofili si muovono come amebe, e per questo, muovendosi lungo le pareti dei capillari, non solo circolano nel flusso sanguigno, ma anche (se necessario) lasciano il flusso sanguigno, dirigendosi verso i luoghi di infiammazione.

I neutrofili sono microphage attivi, includono principalmente la cattura di agenti patogeni di infezioni acute, mentre i macrofagi, che includono monociti e istiociti immobili, sono coinvolti nella fagocitosi di agenti patogeni di infezioni croniche e prodotti di degradazione cellulare. La granularità nel citoplasma (la presenza di granuli) classifica i neutrofili come granulociti e in questo gruppo, oltre a questi, sono inclusi basofili ed eosinofili.

Oltre alla funzione principale - la fagocitosi, in cui i neutrofili agiscono da killer, queste cellule del corpo hanno altri compiti: eseguire una funzione citotossica, partecipare al processo di coagulazione (contribuire alla formazione di fibrina), contribuire a formare una risposta immunitaria a tutti i livelli di immunità (avere recettori per immunoglobuline E e G, agli antigeni leucocitari delle classi A, B, C del sistema HLA, a interleuchina, istamina, componenti del sistema del complemento).

Come funzionano?

Come notato in precedenza, tutte le abilità funzionali dei fagociti sono caratteristiche dei neutrofili:

  • Chemiotassi (positivo - dopo aver lasciato un vaso sanguigno, i neutrofili seguono un percorso "verso il nemico", "spostandosi decisamente verso il punto di introduzione di un oggetto estraneo, negativo - il movimento è diretto nella direzione opposta);
  • Adesione (capacità di aderire ad un agente alieno);
  • La capacità di catturare indipendentemente le cellule batteriche senza la necessità di specifici recettori;
  • Capacità di svolgere il ruolo di killer (uccidere i microbi catturati);
  • Digest cellule aliene ("avendo mangiato bene", i neutrofili aumentano notevolmente di dimensioni).

Video: i neutrofili combattono i batteri


La granularità dei neutrofili consente loro (così come altri granulociti) di accumulare un gran numero di diversi enzimi proteolitici e fattori battericidi (lisozima, proteine ​​cationiche, collagenasi, mieloperexidasi, lattoferrina, ecc.), Che distruggono le pareti della cellula batterica e la "lisciano". Tuttavia, tale attività può influenzare le cellule del corpo in cui vive il neutrofilo, cioè le sue strutture cellulari, le danneggia. Ciò suggerisce che i neutrofili, infiltrandosi nel fuoco infiammatorio, insieme alla distruzione di fattori estranei, danneggiano i tessuti del loro stesso organismo con i loro enzimi.

Sempre e dappertutto prima

Le ragioni per l'aumento dei neutrofili non sono sempre associate a qualsiasi patologia. A causa del fatto che questi rappresentanti dei leucociti tendono sempre ad essere i primi, reagiranno a qualsiasi cambiamento nel corpo:

  1. Pranzo abbondante;
  2. Lavoro intensivo;
  3. Emozioni positive e negative, stress;
  4. Periodo premestruale;
  5. Aspettando il bambino (durante la gravidanza, nella seconda metà);
  6. Il periodo di consegna

Tali situazioni, di norma, passano inosservate, i neutrofili sono leggermente elevati e non eseguiamo analisi in questo momento.

Un'altra cosa è quando una persona sente di essere malata e i leucociti sono necessari come criterio diagnostico. I neutrofili sono elevati nelle seguenti condizioni patologiche:

  • Qualsiasi (cosa potrebbe essere) processi infiammatori;
  • Malattie maligne (ematologiche, tumori solidi, metastasi del midollo osseo);
  • Intossicazione metabolica (eclampsia durante la gravidanza, diabete);
  • Chirurgia il primo giorno dopo l'intervento chirurgico (come reazione al trauma), ma alti neutrofili il giorno dopo il trattamento chirurgico è un brutto segno (questo indica che l'infezione si è unita);
  • Trasfusioni.

Va notato che in alcune malattie l'assenza della leucocitosi attesa (o anche peggio - la riduzione dei neutrofili) è attribuita a "segni" sfavorevoli, per esempio, il livello normale di granulociti nella polmonite acuta non offre prospettive promettenti.

Quando diminuisce il conteggio dei neutrofili?

Anche le cause della neutropenia sono piuttosto diverse, ma dovrebbero essere tenute a mente: stiamo parlando di valori inferiori causati da un'altra patologia o degli effetti di alcune misure terapeutiche, o numeri veramente bassi, che possono indicare gravi malattie del sangue (soppressione ematopoietica). La neutropenia irragionevole richiede sempre un esame e quindi, forse, ci saranno delle ragioni. Questi possono essere:

  1. La temperatura corporea è superiore a 38 ° C (la risposta all'infezione viene inibita, il livello dei neutrofili diminuisce);
  2. Patologie del sangue (anemia aplastica);
  3. Grande necessità di neutrofili in gravi processi infettivi (febbre tifoide, brucellosi);
  4. Infezione con produzione soppressa di leucociti granulari nel midollo osseo (in pazienti debilitati o affetti da alcolismo);
  5. Terapia con citostatici, uso della radioterapia;
  6. Neutropenia da farmaci (farmaci anti-infiammatori non steroidei - FANS, alcuni diuretici, antidepressivi, ecc.)
  7. Collagenosi (artrite reumatoide, lupus eritematoso sistemico);
  8. Sensibilizzazione con antigeni leucocitari (alto titolo di anticorpi leucocitari);
  9. Viremia (morbillo, rosolia, influenza);
  10. Epatite virale, HIV;
  11. Infezione generalizzata (sepsi) - la neutropenia indica un decorso grave e una prognosi sfavorevole;
  12. Reazione di ipersensibilità (collasso, emolisi);
  13. Patologia endocrina (disfunzione tiroidea);
  14. Aumento della radiazione di fondo;
  15. Effetto di sostanze chimiche tossiche.

Le cause più comuni di riduzione dei neutrofili sono le infezioni fungine, virali (soprattutto) e batteriche, e sullo sfondo di bassi livelli di leucociti neutrofili, tutti i batteri che si sentono sulla pelle e penetrano nelle mucose del tratto respiratorio superiore e del tratto gastrointestinale, sono un circolo vizioso.

A volte i leucociti granulari stessi sono la causa delle reazioni immunologiche. Ad esempio, in rari casi (durante la gravidanza) il corpo di una donna nei granulociti del bambino vede qualcosa di "alieno" e, cercando di liberarsene, inizia a produrre anticorpi diretti verso queste cellule. Tale comportamento del sistema immunitario della madre può influire negativamente sulla salute del neonato. I leucociti neutrofili nell'analisi del sangue di un bambino saranno ridotti e i medici dovranno spiegare a mamma quale neutropenia isoimmune neonatale è.

Anomalie dei neutrofili

Per capire perché i neutrofili si comportano in questo modo in particolari situazioni, è necessario studiare meglio non solo le caratteristiche delle cellule sane, ma anche conoscere le loro condizioni patologiche, quando una cellula è costretta a sperimentare condizioni in sé o non è in grado di funzionare normalmente a causa di ereditarietà, difetti geneticamente determinati:

  • La presenza di più di 5 segmenti nel nucleo (ipersegmentazione) si riferisce a segni di anemia megaloblastica o indica problemi ai reni o al fegato;
  • La vacuolizzazione del citoplasma è considerata una manifestazione di alterazioni degenerative sullo sfondo di un processo infettivo (le cellule sono attivamente coinvolte nella fagocitosi - sepsi, ascesso);
  • La presenza di Dele Toro indica che i neutrofili sono sopravvissuti a condizioni estreme (intossicazione endogena) in cui hanno dovuto maturare (i granuli grossolani nella cellula sono granulosità tossica);
  • L'apparizione di corpi vicino ai polpacci del grano Amato indica più spesso la scarlattina (sebbene non escluda altre infezioni);
  • Anomalia Pelger-Hueta (anomalia Pelger, eredità autosomica dominante) è caratterizzata da una diminuzione dei segmenti nel nucleo e il neutrofilo stesso ricorda il pince-nez. La pseudo-anomalia di Pelger-Hueta può essere osservata sullo sfondo dell'intossicazione endogena;
  • La pelgerizzazione dei nuclei neutrofili è un segnale precoce di violazione della granulopoiesi, osservato nelle malattie mieloproliferative, nel linfoma non-Hodgkin, nelle infezioni gravi e nell'intossicazione endogena.

Anomalie acquisite e difetti alla nascita dei neutrofili non influenzano nel modo migliore le capacità funzionali delle cellule e la salute del paziente, nel cui sangue si trovano i leucociti inferiori. Interruzione della chemiotassi (sindrome dei leucociti pigri), attività enzimatica nel neutrofilo stesso, mancanza di risposta dalla cellula al segnale dato (difetto del recettore) - tutte queste circostanze riducono significativamente le difese del corpo. Le cellule che dovrebbero essere le prime nel centro di infiammazione "si ammalano" loro stesse, quindi non sanno che i compiti assegnati a loro sono in attesa di loro, o anche se arrivano al sito dell '"incidente" in questo stato. Qui sono importanti - i neutrofili.

Articolo Precedente

Enzimi epatici

Articolo Successivo

Dove viene trattato il fegato