Confronto tra AIDS e epatite

Trattamento

Per qualche motivo, le persone hanno terribilmente paura dell'AIDS, ma l'epatite è considerata una malattia più lieve. Ma in realtà, il tasso di mortalità dalla seconda diagnosi è più di due volte superiore rispetto al primo. Sì, l'HIV è incurabile e puoi liberarti dell'epatite se diagnosticata precocemente. Ma c'è un problema: ai primi segni di epatite, poche persone si rivolgono al medico. Il resto non attribuisce importanza al deterioramento della loro salute, anche senza sospettare che siano stati infettati da un virus pericoloso.

In questa pagina abbiamo inserito l'infografica, che spiega brevemente la differenza tra le due malattie più pericolose. Nessuno di loro dovrebbe essere sottovalutato. A proposito, secondo le statistiche, la probabilità che le persone con HIV sviluppino l'epatite o che l'HIV si trovi in ​​un paziente con epatite è molto alta. La coinfezione (cioè l'infezione simultanea dei virus) complica in modo significativo la situazione: la malattia progredisce rapidamente l'una contro l'altra e il trattamento raramente è efficace.

Proteggi il fegato durante l'assunzione di farmaci?

meglio per posta

Il fegato è uno degli organi più importanti del corpo umano. Produce la bile, che è necessaria per la disgregazione dei grassi, così come la stimolazione della motilità intestinale. Il fegato neutralizza veleni e tossine, pulisce il sangue che passa attraverso il suo spessore dalle sostanze chimiche. In questo corpo, il processo di distruzione di alcune vitamine e ormoni. Il fegato umano è un deposito di vitamine B12, A, D, glicogeno e minerali. Può essere chiamato una fabbrica di acidi grassi e persino di colesterolo. La salute dell'intera persona dipende da quanto è sano il fegato. Per aiutarti a mantenere questo corpo sano e salvo, il nostro portale è stato creato.

Leggi l'intero testo.

Dai materiali pubblicati sulle pagine del sito, imparerai che i più comuni fattori dannosi per il fegato sono i virus e varie sostanze tossiche. Il cancro è una patologia rara, ma nel fegato, metastasi di qualche altra neoplasia maligna si trovano 20 o più volte più spesso. L'elenco delle patologie epatiche è piuttosto esteso:

  • epatite acuta o cronica;
  • cirrosi;
  • lesioni infiltrative;
  • neoplasie;
  • disordini funzionali con presenza di ittero;
  • danno ai dotti biliari intraepatici;
  • patologia vascolare.

I nostri esperti parlano delle caratteristiche di ciascuna di queste malattie, dei metodi di diagnosi e di trattamento. Imparerai che i sintomi della malattia del fegato hanno una certa somiglianza. I segni asteno-vegetativi sono iniziali. Debolezza, stato lento, affaticamento, sonnolenza - il risultato del processo di violazione della disintossicazione nel fegato di composti contenenti azoto.

I sintomi delle malattie sono dedicati a un'enorme sezione del portale, perché anche la natura del dolore può differenziare la patologia del fegato.

  1. Il dolore costante, dal dolore allo sordo e opprimente, è caratteristico dell'epatite, della cirrosi, del cancro.
  2. Un dolore scoppiante con una sensazione di pesantezza indica insufficienza cardiaca, cirrosi cardiaca.
  3. In oncologia, il dolore ha un carattere crescente, a seconda delle dimensioni del tumore.
  4. I dolori della natura lancinante o talvolta pressante, luminosa e intensa, corrispondono alle lesioni dei dotti biliari.
  5. Il dolore acuto, o la cosiddetta colica epatica, si verifica quando il dotto viene bloccato con una pietra.

In varie malattie del fegato, sono possibili manifestazioni dispeptiche sotto forma di nausea, sapore amaro in bocca, diminuzione o perdita di appetito, vomito periodico, diarrea.

I materiali del nostro portale descrivono i diversi metodi di trattamento di una malattia, in cui sono indicati i casi di trattamento conservativo e quando è necessario un intervento chirurgico. Puoi studiare le proprietà dei farmaci e dei rimedi popolari, scoprire come sono combinati. Le sezioni separate del sito sono dedicate alla nutrizione dietetica e alla pulizia del fegato. È importante prendersi cura di questo importante organo del tuo corpo, liberarlo dalle tossine e dalle scorie, non sovraccaricarlo.

Gli specialisti del portale monitorano costantemente le notizie nel campo del trattamento e della diagnosi delle malattie del fegato, al fine di informare tempestivamente i lettori su di loro. Se sei interessato a qualsiasi informazione specifica o hai bisogno di consigli da un medico esperto, chiedi al nostro esperto. Questo, ovviamente, non è un sostituto per l'assunzione di esami e per andare da un vero medico, ma il consiglio del nostro specialista non sarà mai finito. Abbi cura di te e del tuo fegato - e lei ti ripagherà ugualmente!

ATTENZIONE! Le informazioni pubblicate sul sito sono solo a scopo informativo e non costituiscono una raccomandazione per l'uso. Assicurati di consultare il tuo medico!

Qual è la differenza tra l'epatite C e l'HIV e la loro relazione

Se a una persona viene diagnosticata l'HIV e l'epatite C contemporaneamente, allora si parla di coinfezione. Ad oggi, circa il 20% di questi pazienti sono registrati. A questo proposito, sorge una domanda abbastanza pertinente: in che modo l'HIV differisce dall'epatite e può peggiorare la situazione.

Gruppi di rischio

L'infezione da HIV, come l'epatite C, viene trasmessa attraverso il sangue, quindi c'è un certo gruppo di persone più a rischio di ammalarsi:

  1. Prima di tutto, sono i tossicodipendenti che usano droghe per via endovenosa. Spesso, con tali iniezioni, vengono utilizzate siringhe non sterili, attraverso le quali l'infezione entra ed entra nel sangue. Pertanto, il 90% di tutti i pazienti con epatite C e AIDS sono infetti.
  2. Un altro modo comune per trasmettere il virus dell'AIDS e l'infezione da HIV è il sesso anale, praticato dagli omosessuali.

Esiste il rischio di trasmettere il virus attraverso trasfusioni di sangue se non è stato adeguatamente testato ed elaborato, ma al momento tali casi sono rari. Pertanto, i pazienti con emofilia e hanno bisogno di una trasfusione di sangue più volte l'anno, non devono avere paura di contrarre l'AIDS o l'epatite C.

Sono l'infezione da virus dell'epatite e dell'HIV

Come è noto, l'infezione da HIV, ovvero il virus dell'immunodeficienza umana, non è una malattia. Piuttosto, è una sindrome, cioè un insieme di sintomi, in questo caso - la mancanza della protezione immunitaria di una persona. Una persona non è malata, ma il suo corpo ha perso la capacità di combattere qualsiasi malattia. Quando qualsiasi infezione penetra in un corpo non protetto, l'HIV diventa AIDS - una sindrome da immunodeficienza acquisita. E se una persona può vivere con l'infezione da HIV per decenni, allora con la morte dell'AIDS avviene in pochi mesi.

Quindi, sorge la domanda: se l'epatite C può tradurre l'HIV in AIDS o no, perché è un'infezione abbastanza forte, e se esiste separatamente, è considerata incurabile. La differenza tra l'epatite C e le forme A e B della stessa malattia sta nel fatto che la forma C porta sempre alla cirrosi epatica.

Tuttavia, con la giusta terapia, la durata e la qualità della vita del paziente rimangono ad un livello così alto che anche con l'infezione da HIV la transizione all'AIDS non avverrà per anni. Così, oggi la scienza non può dare una risposta univoca alla domanda se la co-infezione può causare l'AIDS. Questa transizione dipende dai seguenti fattori:

  • il desiderio del paziente di vivere;
  • conformità con tutti i requisiti dei medici;
  • terapia prescritta.

Prevenzione delle coinfezioni

Per evitare che l'infezione da HIV si trasformi in AIDS, è sufficiente osservare una serie di misure preventive:

  1. Tutte le iniezioni devono essere effettuate solo con siringhe monouso. Non puoi assumere droghe per via endovenosa: nella maggior parte dei casi, uccidono una persona prima che l'AIDS lo faccia, ma succede che il fegato si rifiuti prima.
  2. Tutti gli oggetti di igiene personale (spazzolino da denti, rasoio, forbicine per unghie) devono essere tenuti puliti, non devono essere somministrati per un uso temporaneo ad altre persone.
  3. Non dovresti sottoporti alla procedura di tatuaggi, piercing e scarificazione decorativa, perché gli strumenti per queste manipolazioni sono di solito non sterili.
  4. Le relazioni sessuali con persone non familiari sono la causa di molte malattie, tra cui l'infezione da HIV e l'epatite C. A questo proposito, si dovrebbe evitare tale sesso o usare il preservativo, anche se i produttori di questo contraccettivo non danno una garanzia al 100% di protezione contro le infezioni.
  5. Per avere una prognosi positiva per l'infezione da HIV, è necessario conoscere il suo sviluppo nel corpo il più presto possibile. A questo proposito, è necessario sottoporsi a una visita medica con un esame del sangue obbligatorio per l'HIV e l'epatite C almeno 2 volte l'anno.

Prognosi per portatori di coinfezione

Conoscendo la differenza tra l'infezione da HIV e l'AIDS, il portatore di questo virus, mentre è sottoposto a terapia antiretrovirale e si protegge dalle coinfezioni, è in grado di sopravvivere fino alla vecchiaia. Allo stesso tempo, la qualità della vita di una persona è talvolta migliore di quella delle persone sane, perché nel corso della terapia mantiene una dieta sana, fa sport, cammina molto, non fuma e non beve alcolici. Cioè, una tale persona muore a causa dell'invecchiamento naturale del corpo e non di una malattia mortale che trasforma i suoi ultimi anni in un'esistenza dolorosa.

In un modo diverso, la sindrome si verifica durante la co-infezione con l'epatite C. Non hanno ancora imparato a trattare queste malattie e l'unica cosa che si può fare è trapiantare il fegato da un donatore sano. Ma nella maggior parte dei paesi, a causa dell'alto costo e della rarità degli organi dei donatori, il trapianto viene eseguito a persone senza infezione da HIV, dando così una possibilità a coloro che possono vivere una lunga vita. Ai tossicodipendenti e agli alcolizzati viene negato un trapianto, perché con la loro abitudine possono distruggere un fegato trapiantato. Tuttavia, il trapianto di un organo sano a una persona con cirrosi ed epatite C gli dà la possibilità di vivere altri 2-3 anni.

Investigando su questo problema, possiamo riassumere quanto segue. Un trattamento adeguato dell'epatite C e dell'HIV non è stato ancora trovato dalla scienza. Esiste solo una terapia di supporto finalizzata a stabilizzare le condizioni del paziente.

L'epatite C e l'AIDS non sono semplicemente interrelate, ma sono un fenomeno inseparabile, cioè l'AIDS si sta sviluppando sullo sfondo dell'epatite C. Si può solo proteggersi da queste malattie con l'aiuto di un'adeguata prevenzione e uno stile di vita sano senza abitudini nocive e pericolose.

HIV ed epatite C: quante persone convivono con questa diagnosi?

Le persone che convivono con l'infezione da HIV non possono nemmeno sospettare che il virus dell'epatite C sia presente nei loro corpi: l'epatite può essere diagnosticata dopo test speciali (un esame del sangue per l'epatite). Allo stesso tempo, il virus dell'epatite C potrebbe non manifestarsi. Per quanto tempo una persona può vivere con l'HIV e l'epatite C?

Differenza nei virus

L'AIDS e l'epatite C hanno molto in comune: la struttura del virus, i metodi di infezione, ecc. Ma allo stesso tempo, si tratta di malattie completamente diverse.

Cos'è l'HIV

Il virus dell'immunodeficienza umana (HIV) è un virus che disattiva gradualmente il sistema immunitario umano. Dopo aver penetrato il corpo umano, passa attraverso quattro fasi: primaria, latente, secondaria e terminale. Con funzioni protettive indebolite, l'immunità non è in grado di trattare con vari patogeni, più a rischio di sviluppare tumori maligni. Questo virus rimane nel corpo per tutta la vita. L'aspettativa di vita del paziente può arrivare fino a quindici anni, questa è una cifra approssimativa.

Modi per trasferire

La fonte dell'infezione è una persona con HIV e fluidi corporei:

  • il sangue;
  • latte materno;
  • perdite vaginali e sperma.

Nei fluidi del sistema escretore è presente anche l'infezione da HIV, ma la concentrazione è bassa.

Cos'è l'epatite C

L'epatite C è una malattia virale che colpisce il fegato. Ha un lungo periodo di incubazione e si manifesta, quando le conseguenze sono già irreversibili. In determinate condizioni e trattamenti tempestivi, una persona può vivere con la malattia per un numero imprecisato di anni. Una malattia trascurata porta alla cirrosi e alla morte.

Modi di infezione:

  • attraverso sangue infetto (fresco, essiccato);
  • dalla madre al bambino;
  • attraverso articoli di igiene generale non sterili.

Qual è la differenza tra l'infezione da HIV e l'epatite

  1. L'epatite C è curabile, l'HIV non può essere eliminato.
  2. L'HIV uccide le cellule immunitarie, l'epatite C - le cellule del fegato.
  3. Quando si cura con l'HIV, si può vivere per circa quindici anni, con epatite C - fino a 20 anni o più.
  4. L'epatite C ha sintomi distintivi, l'HIV è asintomatico nella fase iniziale.
  5. C'è un vaccino per l'epatite C, no per l'HIV.

L'epatite può trasformarsi in HIV

Il virus dell'epatite non può passare ad altri tipi di virus. Nel corso del tempo, assume una forma cronica. Quando il corpo prende forza per combattere l'epatite C, il sistema immunitario si indebolisce ed è più facile essere infettati da altri virus. La presenza simultanea di HIV ed epatite in una persona è chiamata co-infezione.

Impatto dell'HIV e dell'epatite

Se un paziente ha un'infezione da HIV, l'epatite C si sviluppa più rapidamente. In caso di rilevamento tardivo dell'epatite C, contemporaneamente al virus dell'immunodeficienza umana, la malattia assume una forma cronica. La presenza di due virus aggrava il decorso dell'epatite C 5 volte, poiché l'immunità è soppressa dall'infezione da HIV.

Complicazioni ed effetti dei virus l'uno sull'altro

  1. L'HIV accelera lo sviluppo della cirrosi nell'epatite C.
  2. La probabilità di trasmettere l'epatite C durante il rapporto non protetto aumenta con l'HIV.
  3. In presenza di HIV, il rischio di trasmissione dell'epatite C aumenta verticalmente - da madre a figlio.

l'aspettativa di vita

Il periodo di incubazione del virus è piuttosto lungo. Una varietà di fattori può influenzare la durata della vita di una persona con epatite C: stile di vita, età, stadio della malattia, trattamento, ecc. Fino al momento in cui il paziente sviluppa la cirrosi, potrebbero volerci circa venti anni.

Se l'epatite è complicata dalla presenza del virus dell'immunodeficienza umana, allora tutto dipenderà dall'approccio corretto al trattamento della coinfezione. Sarà difficile per una persona vivere allo stesso tempo con due malattie difficili. La moderna terapia per mantenere l'immunità dell'HIV consente di prolungare la vita dei pazienti per diversi anni. Ma, nel caso in cui si debbano affrontare entrambe le malattie contemporaneamente, a causa dell'elevato carico di droga, c'è una forte intossicazione epatica. Di conseguenza, le cellule vengono distrutte più rapidamente, si sviluppano cirrosi e crescite maligne.

L'effetto dell'epatite B sull'HIV, ad oggi, non è stato studiato.

È impossibile fornire dati precisi su quanto vivrà una persona con HIV ed epatite. Per quanto riguarda l'aspettativa di vita, oltre alle malattie, molti fattori influenzano: le caratteristiche dell'organismo, lo stile di vita, la qualità del trattamento, lo stato psicologico e altri.

Secondo la teoria, è possibile ottenere una disabilità in presenza di due malattie mortali. Ma in pratica, il 90% delle persone con tale richiesta viene rifiutato.

Sequenza di trattamento

Una persona che è portatrice di due virus dovrà sottoporsi a un trattamento complesso. In ogni caso, dovrebbe essere selezionato uno schema speciale.

Fasi del trattamento per una persona con epatite C e HIV:

  • Sulla base dei risultati della diagnostica, i medici devono decidere quale dei virus sarà interessato per primo. Le conclusioni sono fatte in base allo stato del fegato. Se si riscontra una forma lieve di epatite, si raccomanda di iniziare il trattamento con esso.
  • Con l'epatite C e l'HIV progressivi, vengono vaccinati contro l'epatite A e B. Perché c'è un alto rischio di contrarre questi virus.
  • Determinazione della presenza di malattie croniche concomitanti che complicano il trattamento.
  • Se una persona ha notevolmente ridotto le prestazioni immunitarie, allora la lotta contro l'epatite C non sarà efficace. In questo caso, i medici attaccano l'infezione da HIV per aumentare le funzioni protettive del corpo.
  • L'epatite e l'HIV possono essere trattati contemporaneamente. Tali pazienti devono essere attentamente monitorati dai medici. Le droghe volte a combattere queste malattie hanno un sacco di effetti collaterali. Un piccolo errore può rendere una persona disabilitata.

Oltre alla terapia, i pazienti con epatite C e HIV devono essere informati sulle regole di condotta in modo da non infettare gli altri e sulle possibili complicanze della terapia congiunta. Il compito dei medici di dare consigli al paziente su nutrizione e stile di vita. Il paziente dovrà abbandonare le cattive abitudini (alcol, fumo, stupefacenti) e il cibo, che esercita un carico maggiore sul fegato. Questo viene fatto per ridurre il carico sul fegato durante la terapia e non per ridurre l'efficacia del trattamento.

video

Epatite C + HIV: ogni problema ha una soluzione.

Diagnosi di epatite e HIV

Una diagnosi moderna e in costante miglioramento dell'epatite e dell'HIV è una delle condizioni più importanti per combattere con successo le malattie infettive.

Attualmente, gli approcci tradizionali vengono gradualmente sostituiti da due metodi di test più moderni:

  • Sofisticati analizzatori automatici che consentono di condurre ricerche su un singolo campione utilizzando più parametri contemporaneamente.
  • Metodi espressi, attraverso i quali è possibile ottenere rapidamente informazioni sullo stato di salute del paziente.

L'epatite è molto pericolosa a causa del fatto che possono portare allo sviluppo di cancro, cirrosi e altre gravi patologie. L'epatite è molto pericolosa in caso di complicazioni con altre malattie, in particolare l'infezione da HIV.

Questo è il motivo per cui i pazienti con epatite devono essere controllati per la presenza di AIDS.

In che modo l'HIV è diverso dall'epatite?

L'immunodeficienza si riferisce a malattie incurabili, mentre alcuni tipi di epatite possono essere curati completamente.

L'epatite procede senza sintomi visibili ed è particolarmente difficile rilevarla in una persona con coinfezione, cioè in combinazione con l'HIV.

Pertanto, è molto importante sapere quali sintomi manifestano queste malattie e quali caratteristiche distintive hanno.

Segni di epatite

  • Un malato si stanca rapidamente.
  • C'è una sensazione di pesantezza nella parte destra.
  • Pelle gialla
  • L'appetito scompare, il paziente periodicamente si ammala.
  • L'urina assume un colore scuro.
  • Pelle pruriginosa disturbata.

Segni di HIV

  • Per nessuna ragione apparente, la temperatura aumenta.
  • Sono preoccupati per il dolore alle articolazioni e alla gola, così come per il mal di testa.
  • Ci sono eruzioni cutanee.
  • Il paziente soffre di indigestione, diarrea.
  • I linfonodi si gonfiano.
  • Ulcere si formano nella cavità orale e si sviluppa il mughetto.

Si ritiene che l'HCV possa portare ad una progressione accelerata dell'infezione da HIV e allo sviluppo dell'AIDS.

E l'infezione da HIV contribuisce all'esacerbazione delle malattie epatiche causate dall'epatite B e C e può portare allo sviluppo di epatite o cirrosi cronica.

diagnostica

I primi sintomi di infezione sia da epatite che da infezione da HIV compaiono non prima di sei mesi dopo che il virus entra nel corpo.

Se c'è una co-infezione, i sintomi possono comparire prima.

Metodi diagnostici per l'epatite

I seguenti metodi sono utilizzati per rilevare l'epatite:

  • Analisi di laboratorio di urina e sangue.
  • Biochimica.
  • Ultrasuoni degli organi interni.
  • CRP (un metodo in cui il materiale genetico di una persona viene esaminato per identificare un'infezione).
  • HCV è usato per rilevare l'epatite C.
  • HBS: consente di determinare il gruppo di epatite B.

In alcuni casi può essere necessaria una biopsia epatica. A rivelazione di epatite è necessario condurre il monitoraggio continuo delle condizioni del paziente.

Il metodo di ricerca, che consente di determinare la classe di anticorpi, consente di determinare per quanto tempo una persona ha contratto un'infezione e come il suo sistema immunitario reagisce ad essa.

Diagnosi dell'HIV

Il metodo principale in grado di rilevare l'HIV è un esame del sangue. L'uso del test ELISA (immuno-assorbente legato all'enzima) è determinato dalla presenza o assenza nel corpo degli anticorpi anti-HIV, nonché dal loro numero.

Se a un paziente viene diagnosticata l'HIV, vengono condotti studi per determinare la carica virale. Inoltre, il medico invia una persona infetta ad un esame completo, che include i seguenti test:

  • Sangue per immunodeficienza.
  • Urina (totale).
  • Sangue per malattie infettive TORCH di natura ereditaria.
  • ECG.

Inoltre, il paziente potrebbe dover consultare specialisti e ultrasuoni degli organi interni.

prevenzione

Una condizione molto importante per prevenire lo sviluppo dell'HIV e dell'epatite è la prevenzione competente di queste malattie, che include:

  • Utilizzare solo articoli per l'igiene personale in casa.
  • L'uso di misure meccaniche di contraccezione durante i rapporti sessuali.
  • Vaccinazione contro l'epatite B.
  • Prevenzione della tossicodipendenza.
  • Mantenere uno stile di vita sano.
  • Uso di strumenti medici monouso.
  • Manipolazione attenta degli strumenti medici riutilizzabili.
  • Screening regolare per queste malattie.

La diagnosi e il trattamento delle malattie epatiche virali acute e croniche sono condotte secondo uno speciale protocollo sviluppato dai medici delle malattie infettive e approvato dal Ministero della Salute.

Qual è la differenza tra epatite e HIV

Cosa c'è di più pericoloso: HIV o epatite virale B e C?

Questi virus, gli scienziati spesso mettono insieme, perché hanno molte somiglianze - struttura, trasmissione, gruppi di rischio. Dicono molto sull'HIV, tranne che gli stessi virus dell'epatite B e C non sono meno pericolosi e allo stesso tempo molto più contagiosi del virus dell'immunodeficienza! Quindi, cos'hanno in comune l'epatite B e C con l'HIV, quali sono le differenze?

I virus dell'epatite B e C sono virus che infettano il fegato e possono in seguito portare a gravi complicazioni, come la cirrosi (cambiamento di struttura) e il cancro (neoplasia maligna) del fegato, e in alcuni casi fino alla morte.

I virus dell'epatite possono vivere al di fuori del corpo per diverse settimane e rimanere attivi.

L'epatite B è altamente contagiosa (100 volte più infettiva dell'HIV). Il virus dell'epatite B e l'HIV si trasmettono attraverso sangue, liquidi seminali e vaginali, così come da madre a figlio durante la gravidanza o il parto. Il periodo di incubazione (dal momento dell'infezione alla comparsa dei primi segni) dell'epatite B è in media di 12 settimane, ma può variare da 2 a 6 mesi.

La trasmissione dell'epatite B virale è possibile anche attraverso un contatto - percorso domestico (con asciugamani, accessori da bagno, ecc.). A questo proposito, qualsiasi microtrauma della pelle o delle mucose (sfregamento, tagli, crepe, forature, ustioni, ecc.), Che contengono anche tracce di persone infette (urina, sangue, sudore, sperma, saliva), sono pericolosi!

I seguenti sintomi possono comparire nella fase acuta della malattia: affaticamento; dolore articolare e muscolare; perdita di appetito, nausea, vomito; prurito e febbre; urina scura e decolorazione fecale; dolore nell'ipocondrio destro.

L'epatite B acuta o gradualmente passa con l'eliminazione completa del virus dal corpo e la formazione di un'immunità stabile (la funzione epatica viene ripristinata dopo alcuni mesi, anche se gli effetti residui possono accompagnare una persona per tutta la vita), o entra in una forma cronica (permanente).

L'epatite B cronica si manifesta in onde, con esacerbazioni periodiche (a volte stagionali). Le cellule del fegato muoiono, vengono sostituite da tessuto connettivo, si sviluppa gradualmente fibrosi e cirrosi epatica.

La vaccinazione è usata per prevenire l'epatite B. Nelle istituzioni mediche, puoi fare una serie di tre vaccinazioni che proteggono dall'epatite B.

Il virus dell'epatite C viene trasmesso principalmente attraverso il contatto diretto sangue-sangue, che si riscontra spesso quando si utilizzano strumenti di iniezione non sterili quando si utilizzano farmaci iniettabili. È anche possibile la trasmissione sessuale dell'infezione. Il rischio di infezione a trasmissione sessuale aumenta se la persona ha un'altra infezione a trasmissione sessuale. L'epatite C è 10 volte più contagiosa dell'HIV.

L'infezione da baci è improbabile e teoricamente possibile solo se c'è un danno alla mucosa orale di entrambi i partner (gengive sanguinanti o piaghe).

La trasmissione verticale dell'epatite C (da madre a figlio) è rara, ma il rischio è maggiore tra le madri affette da HIV.

Il periodo di incubazione (nascosto) della malattia dura da 4 giorni a 6 mesi.

La peculiarità dell'epatite C è il decorso lento del processo infiammatorio con conseguente sviluppo della cirrosi epatica. In caso di esordio acuto della malattia, il periodo iniziale dura 2-3 settimane e, come nel caso dell'epatite B, è accompagnato da dolore articolare, debolezza e indigestione. A differenza dell'epatite B, raramente si osserva un aumento della temperatura. L'ittero è anche raro nell'epatite C.

La più pericolosa è la forma cronica della malattia, che spesso si trasforma in cirrosi e cancro al fegato. Il decorso cronico si sviluppa in circa il 90% dei pazienti adulti e fino al 20% nei bambini.

Spesso la depressione e la stanchezza sono le uniche manifestazioni dell'epatite virale cronica ancor prima che venga fatta una diagnosi. Una persona può sembrare sana e, senza conoscere la malattia, infettare gli altri. Solo un esame del sangue può stabilire con precisione la diagnosi.

A differenza dell'epatite B, l'epatite C non sviluppa l'immunità al virus, il che significa la possibilità di re-infezione.

Non esiste un vaccino contro l'epatite C! Ma c'è un trattamento che può sopprimere la riproduzione del virus dell'epatite C e ridurre il tasso di sviluppo della cirrosi (la terapia è prescritta da uno specialista di malattie infettive).

Come evitare l'infezione da epatite B e C?

Per fare questo, devi fare un vaccino contro l'epatite B (corso completo - 3 vaccinazioni); nel caso di ferite (tagli, ulcere e soprattutto sulle mani), trattare sempre immediatamente con iodio o verde brillante, sigillare con nastro adesivo; durante i rapporti sessuali usare un preservativo; Evitare l'uso di rasoi, lamette da barba, stuzzicadenti, filo interdentale, spazzolini da denti.

Attualmente, l'epatite virale B e C può essere trattata con successo, ma la diagnosi tempestiva gioca un ruolo importante!

Ogni persona ha il diritto di fare la sua scelta: essere fedele, astenersi dal sesso non protetto o usare il preservativo - l'importante è proteggere te stesso e la tua salute!

Qual è la differenza tra epatite e HIV

Gli scienziati mettono spesso insieme questi due virus, perché hanno molte somiglianze: struttura, percorsi di trasmissione, gruppi di rischio. Le epatiti B e C sono talvolta chiamate anche "marcatori" di immunodeficienza - dicono che se trovi questa infezione, spesso anche l'AIDS si aggira.

Solo qui l'HIV è "più popolare", la stessa epatite B nella società è molto meno discussa. Ma non è meno pericoloso e allo stesso tempo molto più contagioso del virus dell'immunodeficienza!

In ogni caso, questi nemici dell'umanità devono essere conosciuti di persona.

Che cosa è comune tra l'epatite B e l'HIV, quali sono le differenze?

Virus dell'immunodeficienza umana.

Microparassite che si radica in

il genoma umano e distrugge le cellule del sangue

responsabile dell'immunità.

infetta le cellule del fegato e le distrugge.

Il più comune di tutti

Ufficialmente - 386 mila, stimato

esperti - fino all'1% della popolazione adulta

paesi (circa 1 milione di persone).

Ufficialmente, circa il 5% della popolazione

Russia (7 - 7,5 milioni di persone).

a) attraverso sangue infetto (trasfusioni, generali

siringhe infette per tossicodipendenti); b) durante

sesso non protetto; c) da madre a

bambino (durante la gravidanza, parto, alimentazione

latte); d) iniezione da un ago infetto.

a) attraverso sangue infetto (trasfusione, trapianto

organi, siringhe sporche, ecc.); b) non protetto

contatto sessuale; c) da madre a figlio; d) famiglia

- attraverso articoli igienici comuni.

a) 90%; b) circa il 25% (questo è con la condizione di regolare

contatti entro pochi mesi). Con un singolo

il rischio di contatto dipende dal tipo di sesso e lo è

dallo 0,1% al 10%. In questo caso, le donne vengono SEMPRE infettate

2 - 3 volte di più degli uomini! c) 2 - 10% (con speciale

il rischio terapeutico è ridotto al minimo); d) 0,3% (il virus può

vivi solo nel corpo umano, fuori muore rapidamente).

Senza trattamento, l'HIV va in AIDS in un massimo di 8 a 10 anni.

Con tutte le condizioni per il trattamento dell'HIV fino a più di 20 anni

gli anni non si trasformeranno in aiuti. Il trattamento è pagato dallo stato.

Il periodo di incubazione è fino a sei mesi. In questo momento

è impossibile rilevare un virus nel sangue e la malattia è spesso

riesce ad entrare nella fase cronica. su

un quarto di quelli infetti ha la cirrosi e

cancro al fegato. Trattamento a spese dello stato.

La metà di loro sono russi dai 14 ai 30 anni, non tossicodipendenti che hanno avuto rapporti sessuali casuali.

Qual è la differenza tra l'infezione da HIV e l'epatite?

Queste sono malattie fondamentalmente diverse. L'HIV colpisce il sistema immunitario umano, i virus dell'epatite B e C - il fegato e in rari casi altri organi. Le persone possono confondere queste malattie, poiché i virus dell'HIV e dell'epatite possono essere simultaneamente nell'uomo. E si trova spesso nelle persone che prima venivano iniettate droghe. Una persona con epatite non può mai diventare infetta da HIV e esattamente il contrario.

Esistono due tipi di virus dell'HIV (1 e 2) e una decina di virus dell'epatite, tra i quali ce ne sono quattro principali: A, B, C e D. L'epatite A è una malattia delle mani sporche, viene trasmessa attraverso l'acqua e il cibo (quasi tutti noi soffriamo di epatite A nell'infanzia). L'epatite B viene trasmessa più spesso a livello sessuale e l'epatite C viene trasmessa attraverso le iniezioni. Possono essere infettati dall'ingresso di sangue o di liquidi biologici nel sangue di una persona sana. L'epatite D è un "supplemento" all'epatite B, non è possibile ottenerla separatamente.

HIV ed epatite

Lascia un commento 1.891

La decisione che il paziente deve essere testato per l'HIV e l'epatite C, il medico prende in presenza di alcuni sintomi, così come nell'esame clinico. L'infezione da HIV, la sifilide e l'epatite vengono trasmesse in modi simili - attraverso il sangue entrano nel corpo umano. Le principali cause di infezione da coinfezione sono l'uso di droghe per via parenterale e rapporti sessuali non protetti.

L'epatite C e l'HIV sono la stessa cosa?

Spesso, il vettore HIV non sospetta la presenza del virus C perché l'epatopatia è asintomatica a causa dell'immunodeficienza. Nonostante l'identica modalità di diffusione, l'epatite C e l'HIV dovrebbero essere chiaramente separati. L'epatite C distrugge il fegato. L'AIDS, anche di natura virale, attacca il sistema immunitario. In confronto: l'AIDS è incurabile e l'epatite C può essere trattata fino al pieno recupero.

Sintomi e decorso: differenze nelle malattie

Fasi dello sviluppo dell'HIV

L'infezione da HIV ha diverse fasi, il tempo di ciascuna di esse è diverso - da 3 settimane a 10-20 anni. Il decorso della malattia dipende individualmente dallo stato del sistema immunitario del paziente. Fasi dell'HIV:

  • L'incubazione. Dura fino a 3 mesi Asintomatica. Il corpo sta cercando di produrre anticorpi contro un virus riproduttivo.
  • La fase iniziale. Sintomi di malattia virale, perdita di peso. Dopo 3 settimane, i sintomi scompaiono e la persona diventa contagiosa per gli altri.
  • Lo stadio subclinico è caratterizzato da un aumento dei linfonodi. L'immunodeficienza si sta sviluppando attivamente. Questo stadio della malattia può durare fino a 20 anni.
  • La fase secondaria richiede da 3 a 7 anni. Caratterizzato dall'emergere di gravi malattie sullo sfondo di bassa immunità - tumori, lesioni degli organi interni.
  • L'AIDS è una fase termica, dura fino a un anno.
Torna al sommario

Stadio dell'epatite C.

In confronto con l'HIV, la fase di sviluppo dell'epatite - 3:

  • Acuta. Asintomatica.
  • Cronica. Lo sviluppo di due forme è caratteristico:
    • latente, quando l'organismo è nausea, pesantezza nel fegato, diminuzione dell'appetito, debolezza;
    • reattivo, quando si manifestano i segni clinici della patologia, viene palpato un fegato ingrossato con una milza e una trascrizione dell'analisi conferma la diagnosi di elevati test di bilirubina e di funzionalità epatica.
  • Cirrotico. Manifestazione di specifici sintomi cutanei dell'epatite C - ittero, prurito, ascite. Lo stato è irto della transizione al cancro.
Torna al sommario

Influenza l'uno sull'altro

Allo stesso tempo perde, l'HIV porta ad uno sviluppo accelerato dell'epatite. Se, inoltre, l'epatite C viene rilevata in modo inopportuno, l'infiammazione del fegato si trasforma in uno stadio cronico. Negli adulti con immunità normale, l'epatite C assume una forma cronica nel 2-5% dei casi e, in combinazione con l'HIV, è 5 volte più alta. L'HIV intensifica il processo infiammatorio, perché il corpo non è in grado di combattere l'epatite a causa della depressione del sistema immunitario, che sta rapidamente progredendo in questo contesto.

Se sospetti che la coinfezione sia importante:

  • Visita lo specialista in malattie infettive per una consultazione primaria.
  • Fatti esaminare, donare il sangue per l'HIV e l'epatite, RW (RV o Wasserman). Forse conducendo test rapidi.
  • Rivedere il medico per decifrare l'analisi, registrarsi e seguire scrupolosamente le raccomandazioni ricevute.
Torna al sommario

diagnostica

Lo stadio iniziale dell'epatite, così come l'HIV, è asintomatico. I primi segni possono comparire solo un anno o 6 mesi dopo l'infezione. I termini dipendono dallo stato di immunità. Quando i sintomi di coinfezione si verificano prima. Non è raro che un paziente scopra l'infezione durante un normale esame passando un esame del sangue per epatite e RV. Se i risultati sono positivi, è necessario visitare immediatamente lo specialista in malattie infettive.

Diagnosi di epatite

Il metodo per rilevare la malattia epatica nei pazienti con infezione da HIV non è diverso dal solito. Il medico scrive le istruzioni per esami generali del sangue e delle urine, biochimica, diagnosi differenziale dei virus di tipo B e C mediante PCR, ecografia degli organi interni. A volte viene eseguita una biopsia epatica. Il periodo di incubazione dell'epatite C non sempre consente l'uso del metodo ELISA per la diagnosi dell'epatite.

Riconoscimento dell'HIV

All'HIV viene diagnosticato un esame del sangue. Il metodo ELISA consente di controllare il biomateriale per gli anticorpi contro l'HIV. Inoltre, viene utilizzato il metodo immunoblot. La PCR è rilevante quando un risultato positivo, quando è necessario determinare la carica virale. Quando una reazione positiva all'infezione dell'HIV invia il paziente a un esame completo, vale a dire:

  • emocromo completo per l'HIV;
  • analisi delle urine;
  • sangue per l'infezione della torcia;
  • consultazioni di specialisti ristretti;
  • ECG;
  • Ultrasuoni degli organi interni.

È possibile superare un test HIV in modo anonimo. In tutte le fasi, il segreto medico è preservato. Le carte di pazienti con HIV sono immagazzinate nelle malattie infettive sicure. I portatori di infezione dovrebbero visitare lo specialista in malattie infettive 2 volte l'anno e con sintomi dolorosi più spesso. Non è ancora possibile sconfiggere l'HIV, la malattia sta solo rallentando. L'epatite viene curata Ma quanto vivere con la coinfezione, anche il dottore non lo sa.

Trattamento: quanti vivono con la coinfezione?

Il trattamento dell'epatite con l'infezione da HIV è difficile. Quando una malattia viene rilevata nelle fasi successive, il medico pesa tutti i rischi dell'epatite C. Se viene presa la decisione di trattare il fegato, sulla base dei test per il CD4 e il grado di danno al fegato, viene determinato l'ordine di trattamento delle infezioni. I pazienti con CD sotto i 350 possono ritardare l'insorgenza.Il basso livello immunitario rende i medici concentrati sul trattamento dell'immunodeficienza. L'interferone è usato per trattare il fegato, che riduce il livello di CD. E con buone indicazioni, la terapia CD è più efficace. Spesso il trattamento è simultaneo e gli approcci sono complessi. Allo stesso tempo, i singoli schemi sono preparati sotto la stretta supervisione dei medici, poiché i farmaci, interagendo tra loro, causano effetti collaterali.

L'uso di alcool durante il trattamento è inaccettabile.

Trattamento dell'epatite C nell'infezione da HIV - da 3 mesi a un anno. I pazienti dipendenti da droghe e alcol-dipendenti sono sotto osservazione speciale. La specificità di alcuni farmaci è la possibilità di recidiva tra i tossicodipendenti, e il trattamento combinato per la dipendenza da alcol è possibile se l'ultimo uso di alcol è stato almeno sei mesi fa. La terapia completa non viene eseguita per le donne in gravidanza con HIV ed epatite C, con cirrosi epatica, con gravi malattie del cuore e dei vasi sanguigni e malattie mentali.

Caratteristiche dieta

Ai pazienti viene prescritta la dieta numero 5. A causa di ciò, le funzioni perse del fegato vengono ripristinate riducendo il carico sull'organo. È necessario ridurre il volume delle porzioni, abbandonare il piccante, fritto, grasso, affumicato. Le basi della nutrizione dovrebbero essere le verdure: cavolo, lattuga, pomodori, funghi, carote, spinaci. È severamente vietato bere alcolici, bevande gassate, caffè, tè, maionese, cioccolato, pasta. Prova a cucinare a casa, la ristorazione raramente fornisce cibo dietetico.

È consigliato mangiare il cibo nello stesso momento, frazionalmente, in 5-6 ricevimenti, bere più acqua, limitare l'immissione di sale. Il cibo dovrebbe essere a temperatura ambiente.

Gravidanza nelle malattie

Secondo l'OMS, la trasmissione da madre a figlio si verifica nel 45% dei casi in assenza di misure preventive. Se una donna viene sottoposta a trattamento, la probabilità di trasmissione attraverso la placenta viene significativamente ridotta. Il rischio che dopo il parto venga diagnosticata l'AIDS e l'epatite sia piccola e il bambino abbia la possibilità di essere in buona salute. Quando viene rilevata un'infezione in una donna incinta, viene presa sotto controllo speciale.

Non ci sono raccomandazioni precise sull'aiuto ostetrico. La minaccia è la stessa per il taglio cesareo e la risoluzione naturale. La decisione viene presa in base al corso della gravidanza e alla presenza di malattie concomitanti. Quando allatti al seno, vale la pena di essere estremamente attento e di usare rivestimenti speciali sui capezzoli, poiché se una goccia di sangue entra nel latte, il bambino viene infettato dal virus dell'epatite, ad esempio quando il capezzolo viene morso.

Confronto tra AIDS e epatite

Per qualche motivo, le persone hanno terribilmente paura dell'AIDS, ma l'epatite è considerata una malattia più lieve. Ma in realtà, il tasso di mortalità dalla seconda diagnosi è più di due volte superiore rispetto al primo. Sì, l'HIV è incurabile e puoi liberarti dell'epatite se diagnosticata precocemente. Ma c'è un problema: ai primi segni di epatite, poche persone si rivolgono al medico. Il resto non attribuisce importanza al deterioramento della loro salute, anche senza sospettare che siano stati infettati da un virus pericoloso.

In questa pagina abbiamo inserito l'infografica, che spiega brevemente la differenza tra le due malattie più pericolose. Nessuno di loro dovrebbe essere sottovalutato. A proposito, secondo le statistiche, la probabilità che le persone con HIV sviluppino l'epatite o che l'HIV si trovi in ​​un paziente con epatite è molto alta. La coinfezione (cioè l'infezione simultanea dei virus) complica in modo significativo la situazione: la malattia progredisce rapidamente l'una contro l'altra e il trattamento raramente è efficace.

Proteggi il fegato durante l'assunzione di farmaci?

meglio per posta

Il fegato è uno degli organi più importanti del corpo umano. Produce la bile, che è necessaria per la disgregazione dei grassi, così come la stimolazione della motilità intestinale. Il fegato neutralizza veleni e tossine, pulisce il sangue che passa attraverso il suo spessore dalle sostanze chimiche. In questo corpo, il processo di distruzione di alcune vitamine e ormoni. Il fegato umano è un deposito di vitamine B12, A, D, glicogeno e minerali. Può essere chiamato una fabbrica di acidi grassi e persino di colesterolo. La salute dell'intera persona dipende da quanto è sano il fegato. Per aiutarti a mantenere questo corpo sano e salvo, il nostro portale è stato creato.

Leggi l'intero testo.

Dai materiali pubblicati sulle pagine del sito, imparerai che i più comuni fattori dannosi per il fegato sono i virus e varie sostanze tossiche. Il cancro è una patologia rara, ma nel fegato, metastasi di qualche altra neoplasia maligna si trovano 20 o più volte più spesso. L'elenco delle patologie epatiche è piuttosto esteso:

  • epatite acuta o cronica;
  • cirrosi;
  • lesioni infiltrative;
  • neoplasie;
  • disordini funzionali con presenza di ittero;
  • danno ai dotti biliari intraepatici;
  • patologia vascolare.

I nostri esperti parlano delle caratteristiche di ciascuna di queste malattie, dei metodi di diagnosi e di trattamento. Imparerai che i sintomi della malattia del fegato hanno una certa somiglianza. I segni asteno-vegetativi sono iniziali. Debolezza, stato lento, affaticamento, sonnolenza - il risultato del processo di violazione della disintossicazione nel fegato di composti contenenti azoto.

I sintomi delle malattie sono dedicati a un'enorme sezione del portale, perché anche la natura del dolore può differenziare la patologia del fegato.

  1. Il dolore costante, dal dolore allo sordo e opprimente, è caratteristico dell'epatite, della cirrosi, del cancro.
  2. Un dolore scoppiante con una sensazione di pesantezza indica insufficienza cardiaca, cirrosi cardiaca.
  3. In oncologia, il dolore ha un carattere crescente, a seconda delle dimensioni del tumore.
  4. I dolori della natura lancinante o talvolta pressante, luminosa e intensa, corrispondono alle lesioni dei dotti biliari.
  5. Il dolore acuto, o la cosiddetta colica epatica, si verifica quando il dotto viene bloccato con una pietra.

In varie malattie del fegato, sono possibili manifestazioni dispeptiche sotto forma di nausea, sapore amaro in bocca, diminuzione o perdita di appetito, vomito periodico, diarrea.

I materiali del nostro portale descrivono i diversi metodi di trattamento di una malattia, in cui sono indicati i casi di trattamento conservativo e quando è necessario un intervento chirurgico. Puoi studiare le proprietà dei farmaci e dei rimedi popolari, scoprire come sono combinati. Le sezioni separate del sito sono dedicate alla nutrizione dietetica e alla pulizia del fegato. È importante prendersi cura di questo importante organo del tuo corpo, liberarlo dalle tossine e dalle scorie, non sovraccaricarlo.

Gli specialisti del portale monitorano costantemente le notizie nel campo del trattamento e della diagnosi delle malattie del fegato, al fine di informare tempestivamente i lettori su di loro. Se sei interessato a qualsiasi informazione specifica o hai bisogno di consigli da un medico esperto, chiedi al nostro esperto. Questo, ovviamente, non è un sostituto per l'assunzione di esami e per andare da un vero medico, ma il consiglio del nostro specialista non sarà mai finito. Abbi cura di te e del tuo fegato - e lei ti ripagherà ugualmente!

ATTENZIONE! Le informazioni pubblicate sul sito sono solo a scopo informativo e non costituiscono una raccomandazione per l'uso. Assicurati di consultare il tuo medico!

Cos'è l'hiv o l'epatite contagiosa c

GBUZ "Centro di prevenzione e controllo per l'AIDS del distretto di Yamalo-Nenets"

ricerca

accesso

Cosa c'è di più pericoloso: HIV o epatite virale B e C?

Questi virus, gli scienziati spesso mettono insieme, perché hanno molte somiglianze - struttura, trasmissione, gruppi di rischio. Dicono molto sull'HIV, tranne che gli stessi virus dell'epatite B e C non sono meno pericolosi e allo stesso tempo molto più contagiosi del virus dell'immunodeficienza! Quindi, cos'hanno in comune l'epatite B e C con l'HIV, quali sono le differenze?

I virus dell'epatite B e C sono virus che infettano il fegato e possono in seguito portare a gravi complicazioni, come la cirrosi (cambiamento di struttura) e il cancro (neoplasia maligna) del fegato, e in alcuni casi fino alla morte.

I virus dell'epatite possono vivere al di fuori del corpo per diverse settimane e rimanere attivi.

L'epatite B è altamente contagiosa (100 volte più infettiva dell'HIV). Il virus dell'epatite B e l'HIV si trasmettono attraverso sangue, liquidi seminali e vaginali, così come da madre a figlio durante la gravidanza o il parto. Il periodo di incubazione (dal momento dell'infezione alla comparsa dei primi segni) dell'epatite B è in media di 12 settimane, ma può variare da 2 a 6 mesi.

La trasmissione dell'epatite B virale è possibile anche attraverso un contatto - percorso domestico (con asciugamani, accessori da bagno, ecc.). A questo proposito, qualsiasi microtrauma della pelle o delle mucose (sfregamento, tagli, crepe, forature, ustioni, ecc.), Che contengono anche tracce di persone infette (urina, sangue, sudore, sperma, saliva), sono pericolosi!

I seguenti sintomi possono comparire nella fase acuta della malattia: affaticamento; dolore articolare e muscolare; perdita di appetito, nausea, vomito; prurito e febbre; urina scura e decolorazione fecale; dolore nell'ipocondrio destro.

L'epatite B acuta o gradualmente passa con l'eliminazione completa del virus dal corpo e la formazione di un'immunità stabile (la funzione epatica viene ripristinata dopo alcuni mesi, anche se gli effetti residui possono accompagnare una persona per tutta la vita), o entra in una forma cronica (permanente).

L'epatite B cronica si manifesta in onde, con esacerbazioni periodiche (a volte stagionali). Le cellule del fegato muoiono, vengono sostituite da tessuto connettivo, si sviluppa gradualmente fibrosi e cirrosi epatica.

La vaccinazione è usata per prevenire l'epatite B. Nelle istituzioni mediche, puoi fare una serie di tre vaccinazioni che proteggono dall'epatite B.

Il virus dell'epatite C viene trasmesso principalmente attraverso il contatto diretto sangue-sangue, che si riscontra spesso quando si utilizzano strumenti di iniezione non sterili quando si utilizzano farmaci iniettabili. È anche possibile la trasmissione sessuale dell'infezione. Il rischio di infezione a trasmissione sessuale aumenta se la persona ha un'altra infezione a trasmissione sessuale. L'epatite C è 10 volte più contagiosa dell'HIV.

L'infezione da baci è improbabile e teoricamente possibile solo se c'è un danno alla mucosa orale di entrambi i partner (gengive sanguinanti o piaghe).

La trasmissione verticale dell'epatite C (da madre a figlio) è rara, ma il rischio è maggiore tra le madri affette da HIV.

Il periodo di incubazione (nascosto) della malattia dura da 4 giorni a 6 mesi.

La peculiarità dell'epatite C è il decorso lento del processo infiammatorio con conseguente sviluppo della cirrosi epatica. In caso di esordio acuto della malattia, il periodo iniziale dura 2-3 settimane e, come nel caso dell'epatite B, è accompagnato da dolore articolare, debolezza e indigestione. A differenza dell'epatite B, raramente si osserva un aumento della temperatura. L'ittero è anche raro nell'epatite C.

La più pericolosa è la forma cronica della malattia, che spesso si trasforma in cirrosi e cancro al fegato. Il decorso cronico si sviluppa in circa il 90% dei pazienti adulti e fino al 20% nei bambini.

Spesso la depressione e la stanchezza sono le uniche manifestazioni dell'epatite virale cronica ancor prima che venga fatta una diagnosi. Una persona può sembrare sana e, senza conoscere la malattia, infettare gli altri. Solo un esame del sangue può stabilire con precisione la diagnosi.

A differenza dell'epatite B, l'epatite C non sviluppa l'immunità al virus, il che significa la possibilità di re-infezione.

Non esiste un vaccino contro l'epatite C! Ma c'è un trattamento che può sopprimere la riproduzione del virus dell'epatite C e ridurre il tasso di sviluppo della cirrosi (la terapia è prescritta da uno specialista di malattie infettive).

Come evitare l'infezione da epatite B e C?

Per fare questo, devi fare un vaccino contro l'epatite B (corso completo - 3 vaccinazioni); nel caso di ferite (tagli, ulcere e soprattutto sulle mani), trattare sempre immediatamente con iodio o verde brillante, sigillare con nastro adesivo; durante i rapporti sessuali usare un preservativo; Evitare l'uso di rasoi, lamette da barba, stuzzicadenti, filo interdentale, spazzolini da denti.

Attualmente, l'epatite virale B e C può essere trattata con successo, ma la diagnosi tempestiva gioca un ruolo importante!

Ogni persona ha il diritto di fare la sua scelta: essere fedele, astenersi dal sesso non protetto o usare il preservativo - l'importante è proteggere te stesso e la tua salute!


GBUZ OZ AIDS - Casa

Epatite C e HIV: risposte alle domande di base

Molte persone con diagnosi di HIV hanno un problema di salute come l'epatite C. La presenza di questa malattia richiede un atteggiamento serio, che influenza la normale routine della vita. Che cosa devono fare le persone con l'epatite C? E come aiutare te stesso in una tale situazione per vivere una vita piena?

Cosa è importante sapere

Questo articolo risponde alle principali domande che possono sorgere in relazione ai suddetti virus. Soprattutto responsabile è quello di affrontare lo studio di questo problema per coloro che soffrono della presenza di entrambi i virus nel corpo.

Questo virus ha un forte effetto negativo sul fegato, portando alla sua distruzione. Spesso la malattia diventa cronica, causando danni alla salute in generale. La situazione è aggravata dal fatto che la presenza dell'HIV può influenzare i metodi di trattamento stessi.

Coloro che sono infettati dal virus dell'immunodeficienza si ammalano molto spesso anche con l'epatite C, poiché le modalità di trasmissione sono le stesse. Pertanto, tutte le persone sieropositive devono essere testate anche per questa infezione. Le misure preventive sono anche importanti per ridurre il rischio di infezione. Coloro che soffrono di malattie del fegato, è importante sottoporsi a un trattamento in modo che la malattia non diventi cronica.

  • Chi è maggiormente a rischio di coinfezione?

La più grande probabilità di infezione è per coloro che iniettano droghe. Una grande quantità di coinfezioni è nel sangue, quindi è facilmente trasmessa. Puoi anche infettarti con trasfusioni di sangue. Fino al 1987, il sangue del donatore non è stato testato per la presenza di questi virus, pertanto, entrambi i virus sono stati spesso infettati da pazienti con emofilia che sono stati trasfusi fino a quest'anno. Per quanto riguarda la trasmissione sessuale dell'infezione, il rischio di contrarre l'epatite C è quindi superiore all'HIV.

Nel 70% di quelli infetti da epatite C, la malattia diventa cronica, che causa gravi problemi al fegato, tra cui la cirrosi. In presenza di HIV, cresce il titolo di coinfezione, il che significa che la malattia progredisce più velocemente. Il trattamento del virus dell'immunodeficienza generalmente rende i pazienti vivi e migliora il loro benessere, tuttavia, l'epatopatia continua a causare morte o ospedalizzazione.

Per quanto riguarda la questione se la co-infezione acceleri lo sviluppo dell'HIV, è impossibile rispondere in modo inequivocabile. La ricerca è ancora in corso a questo proposito.

Le misure preventive per prevenire la trasmissione di entrambi i virus sono fondamentalmente le stesse. Questa è, prima di tutto, la cessazione della somministrazione di farmaci per via endovenosa. Ciò potrebbe richiedere l'avvento di programmi speciali di riabilitazione.

Inoltre, si deve usare cautela con oggetti che potrebbero essere infetti da sangue infetto, come spazzolini da denti, rasoi e accessori per manicure di altre persone. La probabilità di trasmissione del virus durante i rapporti sessuali è bassa, ma dovresti comunque stare attento.

Se la diagnosi è fatta, richiede una revisione dello stile di vita. Assicurati di un trattamento aggiuntivo e il rispetto delle regole nutrizionali. Ad esempio, una persona infetta dovrebbe evitare l'abuso di alcol. Anche piccole dosi di alcol influenzano negativamente il fegato, il che può aggravare la situazione.

L'uso di metodi alternativi di trattamento è accettabile solo dopo aver consultato un medico. L'automedicazione può causare effetti collaterali e danni alla salute.

Se l'epatite C sta progredendo, si raccomanda di vaccinare contro i virus dei tipi A e B. Nel caso in cui l'organismo non produca anticorpi, la vaccinazione deve essere ripetuta.

La terapia antiretrovirale non influisce sul decorso della malattia epatica. Tuttavia, alcuni pazienti hanno effetti collaterali più pronunciati, pertanto è necessaria una costante attenzione medica. Se una persona abusa di alcol, è più a rischio per la sua salute. Inoltre, la terapia antiretrovirale potrebbe essere inefficace per lui. Prima di iniziare il trattamento per l'epatite A, si raccomanda di astenersi dall'alcol per sei mesi.

Dopo la fine del ciclo di trattamento, i pazienti devono mantenere uno stile di vita sano e osservare le misure preventive per non essere nuovamente infettati.

Accedi o registrati

I preservativi proteggeranno contro l'AIDS?

Accademico, capo del Centro federale per l'AIDS Vadim Pokrovsky ha risposto alle domande dei nostri lettori su varie infezioni virali che "incubo" sia giovani che anziani. [Video]

- Un sacco di rumore era intorno alla dichiarazione del Papa che i preservativi, si scopre, non proteggono contro l'AIDS. Quindi è vero? Olya.

- Bene, cosa posso dire. Vorrei, Dio perdonami, non attribuire un'importanza così sostanziale alle dichiarazioni del Papa di Roma. Ha già detto qualcosa del genere. E il problema è che c'è un punto di vista, a mio parere, un pseudo-religioso che, se dici alle persone che i preservativi non proteggono dall'infezione da HIV. allora le persone pecceranno di meno. Cioè, avranno meno probabilità di fare sesso. Ma questo è il pericolo che le persone continuino a fare sesso, ma trascurino i preservativi e, di conseguenza, il numero di infezioni aumenterà solo.

- E 'possibile ottenere l'epatite B, C con il sesso orale? Galina.

- Puoi. Particolarmente alto rischio di contrarre l'epatite B e molto piccolo - il virus dell'epatite C.

- Buona giornata! Mi piacerebbe sapere quando creeranno un vaccino contro l'HIV? Olesya.

- Non presto. Le ultime prove su larga scala di un vaccino sviluppato negli Stati Uniti. terminato in completo fallimento. Ora, in prospettiva, non ci sono progetti importanti che potrebbero presto essere completati con la creazione di un tale vaccino. Pertanto, dovrà aspettare almeno dieci anni.

- Benvenuto! Ho sofferto di epatite A e B durante l'infanzia (8 anni), avendo contratto un ospedale per bambini (entrambe le volte!). Ora ho 37 anni, mi sento in salute. Tuttavia, a volte mi chiedo: forse qualcosa deve essere fatto, data la gravità delle malattie, anche molto tempo fa rimandata? Prevenzione, screening? Dimmi, per favore. Jasmine.

- Dobbiamo iniziare con il sondaggio. Potresti essere stato completamente guarito dall'epatite B e devi essere guarito da A. Ma, se viene rilevata l'epatite B cronica, i problemi del trattamento dipendono dai risultati dell'esame. In tutti i centri regionali ci sono centri epatologici e centri per la prevenzione e la lotta contro l'AIDS, dove tali studi sono condotti.

Foto: Le domande dei nostri lettori su varie infezioni virali che "spaventano" giovani e meno giovani, sono state risolte dall'accademico, il capo del Centro federale contro l'AIDS Vadim Pokrovsky

- Sono un portatore del virus dell'epatite B. Il medico stesso e ogni sei mesi eseguo un esame del sangue. La visione obliqua della vita velenosa, e penso costantemente che alla fine sarò licenziato. Ma non sto seminando l'infezione! Inna.

- Naturalmente, nel servizio, la probabilità di trasmettere un virus è trascurabile, a meno che anche tu non abbia rapporti sessuali.

Il guaio è che abbiamo formato un eccessivo pregiudizio contro i portatori di eventuali infezioni. La discriminazione sul lavoro colpisce sia i portatori di tutte le epatiti, sia le persone con infezione da HIV, e persino le persone che sono state curate dalla tubercolosi. Per raggiungere una relazione normale non possiamo che discutere di questi problemi.

- La vaccinazione contro l'epatite B durante l'infanzia protegge una persona per tutta la vita o dovrebbe essere periodicamente ripetuta? Se uno dei partner ha l'epatite B, qual è la probabilità di ottenere il secondo? E il vaccino proteggerà in questo caso? Lana.

- Ora crediamo che la durata dell'immunità dopo la vaccinazione permanga per più di 20 anni. Ma se un partner sessuale è stato infettato dall'epatite B, il secondo deve essere vaccinato se non è stato ancora infettato. Poiché l'epatite B (durante i rapporti sessuali) è molto contagiosa.

Foto: non precipitarti a capofitto nel vortice della passione fatale!

- Ciao, Vadim Valentinovich! Dopo l'operazione, l'epatite B è stata data come un "dono": una volta ogni sei mesi donare il sangue, un'ecografia va bene. Una cosa è inquietante: per quanto tempo devo vivere? Ed è ancora possibile recuperare? Maria.

- Sembra che tu abbia sviluppato un'epatite cronica B. Ci sono diversi modi per combattere la malattia in modo che, Dio non voglia, non si trasformi in cirrosi epatica. Insieme alla dieta, puoi provare un trattamento specifico. Questi sono o interferoni, o ci sono ancora preparati volti a sopprimere gli enzimi di attività vitale del virus dell'epatite B. Gli interferoni spesso danno un effetto positivo, ma hanno molti effetti collaterali. E i farmaci antivirali sono apparsi relativamente di recente. Non sappiamo ancora, ad esempio, per quanto tempo dovrebbero essere applicati per ottenere un effetto terapeutico persistente. Ma quasi non causano gravi effetti collaterali. Il problema di questi e di altri farmaci nel loro costo elevato. Lo stato fornisce fondi per il trattamento dell'epatite B cronica, ma questa è una goccia nell'oceano. Cerca di contattare il Centro di epatologia o il Centro per la prevenzione e la lotta contro l'AIDS nella tua città e scopri come puoi ottenere tale trattamento gratuitamente.

Cosa è contagioso dell'HIV o dell'epatite B?

Accademico, capo del Centro federale contro l'AIDS, Vadim Pokrovsky ha risposto alle domande dei lettori il 7 aprile. Antonina PANOVA