Cisti del fegato - che cos'è? Cause di patologia e trattamento

Trattamento

Una cisti epatica è un tumore benigno pieno di liquido. Una cisti può apparire sia all'interno che sulla superficie di quasi tutti gli organi, incluso il fegato. Su come trattare una cisti epatica e se è in pericolo di vita, imparerai da questo articolo.

Il fegato è uno degli organi più importanti di una persona, che a causa di vari fattori può essere soggetto a determinate malattie.

Cos'è una ciste epatica?

Cisti del fegato - neoplasma addominale, che è pieno di liquido. Di solito questo liquido non ha colore e odore. In alcuni casi, il contenuto della cisti ha una consistenza gelatinosa. Nel caso in cui il sangue penetri nella cavità cistica, il liquido acquista una tonalità viola e quando la cisti si infetta, il suo contenuto diventa purulento.

La cisti può essere localizzata praticamente in qualsiasi segmento del fegato, a volte si forma sui legamenti. Il diametro della cisti varia da pochi millimetri a 25-30 centimetri. In rari casi, la neoplasia può raggiungere dimensioni più impressionanti.

La cisti epatica è diagnosticata nello 0,8% dei pazienti. In questo caso, le donne soffrono di questa patologia circa 4 volte più spesso degli uomini. Una cisti del lobo epatico sinistro è più comune di una cisti del lobo epatico destro.

classificazione

La cisti può essere multipla o singola. Un singolo appare in un lobo del fegato. Il multiplo può essere localizzato in più parti, coprendo fino al 30% del fegato.

Secondo l'eziologia, le cisti parassite e non parassitarie sono isolate. A sua volta, la cisti parassitaria del fegato è divisa in due tipi:

  • echinococco. Di solito, una cisti echinococcica del fegato si sviluppa nel lobo destro dell'organo. Gli elminti che si sviluppano nel fegato causano lo sviluppo di tumori;
  • alveokokkovaya. In questo caso, la causa della cisti diventa un'infezione del corpo con il cestode, la cui fase larvale è parassitaria nel fegato.

Le cisti non parassitarie sono suddivise in acquisite e congenite. La cisti congenita (vera) deriva dal fatto che durante lo sviluppo prenatale la formazione dei dotti biliari è stata interrotta. La causa delle cisti epatiche acquisite può essere lesioni e processi infiammatori.

Una vera cisti epatica può essere dei seguenti tipi:

  • cisti di fegato solitario. Tale tumore si trova nel segmento inferiore destro dell'organo. Di solito una cisti ha una gamba. Una cisti epatica solitaria in un bambino è una condizione congenita che richiede un costante monitoraggio da parte di un medico;
  • policistico. Nuove crescite si trovano in tutto il corpo: sia all'interno che all'esterno. Le cisti epatiche multiple tendono a crescere di dimensioni per tutta la vita del paziente;
  • fibrosi cistica. Questa condizione è considerata la più pericolosa: le cisti influenzano non solo l'organo, ma anche la vena porta.
Cisti del fegato solitario

Cosa causa una cisti?

Fino ad ora, i medici non sono stati in grado di determinare esattamente il motivo per cui si sviluppa la cisti epatica. Molto probabilmente, ci possono essere diverse ragioni.

Ecco le principali teorie che spiegano la patologia:

  • predisposizione genetica: la cisti epatica appare spesso nei bambini ai cui genitori viene diagnosticata la stessa malattia;
  • farmaci ormonali;
  • precedente intervento chirurgico;
  • lo sviluppo del processo infiammatorio nel fegato;
  • danno d'organo traumatico, per esempio, una rottura del fegato.

Nel caso delle cisti parassitarie, si origina una neoplasia dovuta all'infezione di una persona con elminti.

Segni di

Se la cisti è piccola, il paziente potrebbe non avere sintomi. A volte una neoplasia viene rilevata accidentalmente durante un esame ecografico degli organi addominali.

Nel caso in cui una cisti sia grande e inizi a esercitare pressione sugli organi vicini, possono verificarsi i seguenti sintomi:

  • nausea frequente;
  • sensazione di pesantezza nello stomaco;
  • dolori sul lato destro dell'addome, che tendono ad aumentare con lo sforzo fisico;
  • disagio dopo aver mangiato;
  • bruciore di stomaco.
Il bruciore di stomaco è uno dei possibili segni di una ciste epatica.

Infine, durante l'esame, il medico può notare che il fegato del paziente è ingrandito.

Nel caso in cui il contenuto della cisti sia infetto, il paziente può manifestare sintomi di intossicazione del corpo: affaticamento, mancanza di appetito, debolezza, tachicardia. Anche di sera, la temperatura del paziente aumenta (fino a 37-37,5 gradi).

La cisti epatica è pericolosa?

Cos'è la cisti epatica pericolosa? Forse puoi rifiutare il trattamento? Queste domande sono di interesse per molte persone che hanno imparato a conoscere la presenza di una neoplasia cistica nel loro fegato. È importante sapere che anche una piccola cisti è un pericolo per la salute umana. Dopotutto, può cominciare a crescere di dimensioni e causare sensazioni abbastanza spiacevoli.

Inoltre, se non trattata, possono verificarsi le seguenti complicanze:

  • la cisti epatica può rompersi con il rilascio del suo contenuto nella cavità addominale;
  • emorragia accompagnata da dolore acuto può verificarsi nella cavità cistica;
  • in alcuni casi, quando una cisti si rompe, si verifica un sanguinamento grave che minaccia la vita del paziente;
  • se la cisti schiaccia i dotti biliari, l'ittero si sviluppa;
  • quando una cisti si infetta, si verifica una malattia pericolosa - ascesso epatico;
  • una cisti può degenerare in un tumore maligno anche se di dimensioni sufficientemente ridotte;
  • se un pus è apparso nella cisti del fegato, il paziente ha sintomi di intossicazione;
  • le cisti, la cui formazione è provocata dall'infezione da parassiti, possono rompersi, a seguito della quale gli echinococci con flusso sanguigno si diffondono in tutto il corpo. Allo stesso tempo, numerosi focolai di infezione possono formare, ad esempio, le cisti dei polmoni;
  • in presenza di più cisti epatiche, il paziente può sviluppare insufficienza epatica. Questa condizione è molto pericolosa: dal 50 all'80% dei pazienti muoiono per insufficienza epatica.

Fai attenzione! Quando una ciste cresce di grandi dimensioni, l'aspetto del paziente cambia. La sua pelle diventa itterica, il fegato aumenta. Spesso il paziente perde molto peso e il suo stomaco diventa asimmetrico. In alcuni casi, la cisti può essere palpata sotto forma di una massa elastica, indolore alla palpazione.

La mancanza di trattamento per le cisti epatiche può essere fatale.

diagnostica

In genere, durante l'ecografia viene rilevata una cisti epatica. In questo caso, il medico può vedere il numero di tumori e determinarne le dimensioni.

Oltre agli ultrasuoni, ricorrono spesso alla puntura, che consente di esaminare il contenuto di una ciste e determinare se contiene sangue e pus.

Nei casi difficili, può essere necessaria la risonanza magnetica: un esame che può determinare non solo il numero di cisti, ma anche la possibile causa del loro aspetto.

Se si sospetta un'origine parassitaria di una neoplasia, può essere necessario un esame sierologico per determinare il tipo di parassita.

terapia

È impossibile curare completamente una cisti epatica con l'aiuto di medicinali: solo i sintomi del paziente scompariranno da loro. Tuttavia, l'intervento chirurgico non è utilizzato in tutti i casi.

La rimozione della cisti epatica è indicata se:

  • c'è una rottura della cisti;
  • il paziente ha seriamente compromesso i processi digestivi;
  • c'è sangue nella cisti o è infiammato;
  • il paziente non ferma il dolore nemmeno con l'assunzione costante di analgesici;
  • La cisti è in costante aumento di dimensioni. Di norma, la chirurgia è raccomandata se il tumore ha un diametro maggiore di 6 centimetri.
Chirurgia della cisti epatica

Rimuovere il liquido dalla cisti, è possibile utilizzare la puntura. Questo metodo più semplice può alleviare rapidamente il paziente dal dolore. Di solito la puntura viene eseguita alla vigilia di un'operazione per rimuovere una cisti epatica.

Per ridurre le dimensioni di una semplice ciste epatica, vengono introdotte preparazioni speciali. Sotto la loro influenza, le pareti della neoplasia si uniscono, a causa della quale diminuisce di dimensioni. L'introduzione di farmaci viene effettuata sotto il controllo degli ultrasuoni. Non si deve presumere che la cisti si sia risolta: è appena diventata più piccola, il che facilita l'intervento chirurgico ed elimina i sintomi spiacevoli.

Se la cisti ha un'origine parassitaria, il suo trattamento prevede la somministrazione di speciali farmaci antielmintici. Tuttavia, è possibile che l'operazione non possa essere cancellata, specialmente se la cisti ha una dimensione sufficientemente grande. Se il paziente ha complicanze gravi (ascesso, peritonite) durante l'intervento chirurgico, una parte dell'organo interessato può essere rimossa.

Fai attenzione! In alcuni casi, il fegato può essere danneggiato da una cisti così tanto che deve essere rimosso completamente. In questo caso, il paziente viene trapiantato con fegato di donatore. Pertanto, non rimandare la visita dal medico!

prospettiva

Il trattamento chirurgico delle cisti epatiche implica una prognosi favorevole: la maggior parte dei pazienti guarisce completamente. In rari casi, può verificarsi una recidiva della malattia, che richiede un intervento chirurgico ripetuto.

Se la cisti è piccola, è del tutto possibile trattarla in modo conservativo. In questo caso, il paziente deve essere monitorato da un medico per tutta la vita e sottoposto regolarmente ad ecografia.

In nessun caso si dovrebbe ignorare una cisti: le cisti possono danneggiare il fegato in misura tale che l'organo fallisce completamente, con il risultato che si sviluppa un'insufficienza epatica. È importante ricordare che le cisti non si risolvono da sole: non possono crescere e non farsi conoscere fino a un certo momento.

Il trattamento chirurgico di una cisti epatica spesso si completa con successo.

Ai pazienti a cui è stata diagnosticata una cisti epatica si consiglia di seguire una dieta speciale, che prevede:

  • rifiuto di cibi grassi, affumicati e piccanti;
  • rifiuto del cibo in scatola;
  • restrizione di dolci, caffè e tè forte;
  • mangiare grandi quantità di pesce, carne magra e succhi freschi.

I prodotti dovrebbero essere consumati in piccole porzioni e abbastanza spesso. Si consiglia ad ogni paziente di redigere un piano nutrizionale individuale consultando un dietologo per un consiglio. Una dieta con una ciste epatica dovrebbe essere permanente.

Un effetto negativo sul fegato ha una carenza nella dieta delle vitamine. Pertanto, dopo l'intervento chirurgico per rimuovere una cisti, si dovrebbe mangiare il maggior numero possibile di verdure fresche e frutta e scegliere anche un complesso multivitaminico adatto. Quando si scelgono le vitamine, è importante consultare il proprio medico.

Fai attenzione! Molti sono interessati a come curare una ciste epatica con metodi popolari. Non pensare che i rimedi popolari siano efficaci: le infusioni di erbe possono essere di aiuto alla terapia farmacologica, ma non possono sostituirle. Ricorda: prima di provare qualsiasi trattamento di rimedio popolare alle cisti del fegato, le recensioni che ti sono sembrate allettanti, dovresti consultare un medico! Da rimedi popolari le cisti non si dissolvono, al contrario, alcune erbe e le tasse possono influire negativamente sul lavoro del fegato.

Ora conosci le cause e le caratteristiche del trattamento delle cisti del fegato. Questa malattia richiede un costante controllo medico, altrimenti non sarà possibile evitare complicazioni gravi, alcune delle quali mortali. Cosa fare se viene diagnosticata una cisti epatica? Visita regolarmente il terapeuta, fai un'ecografia, segui una dieta e non rifiutare l'operazione, se raccomandato dal medico. Ora, nelle prime fasi dello sviluppo di una malattia, il trattamento viene eseguito attraverso una piccola incisione, cioè con un impatto minimo sul corpo del paziente. Da questo video imparerai esattamente come questo accade:

Semplice cisti epatica: cause e trattamento

Una cisti epatica semplice è un fuoco cavo benigno nei tessuti di un organo con una guaina e una capsula del tessuto connettivo all'interno, che si forma a causa di un blocco dei dotti biliari. All'interno di questa cavità è allineato con cellule epiteliali cilindriche o cubiche simili ai tessuti del sistema biliare (biliare) e riempito con un essudato trasparente. Secondo le statistiche, tali cisti sono rilevate in circa il 5-14% dei pazienti adulti e possono essere sia singole che multiple. In alcuni casi, sono distribuiti diffusamente nei tessuti, in questi casi gli esperti classificano la malattia come "malattia del fegato policistico". Spesso questi tumori sono combinati con le cisti dei reni.

In questo articolo, vi presenteremo le cause, i sintomi, le complicanze, i metodi di diagnosi e il trattamento delle cisti epatiche semplici. Queste informazioni aiuteranno a formare un'idea su una neoplasia benigna, e tu puoi fare domande al tuo dottore.

Più spesso, nelle donne si riscontrano cavità cistiche semplici e di solito si riscontrano in pazienti che hanno compiuto 30-50 anni. Spesso non si manifestano da molto tempo e diventano una scoperta diagnostica accidentale quando eseguono studi programmati o dispensari come ecografia, risonanza magnetica o TC.

Le cisti semplici possono essere localizzate in diverse parti dell'organo e situate sia sulla sua superficie che negli strati più profondi. Il loro diametro può variare da pochi millimetri a 2,5 cm, ma a volte, soprattutto nelle donne, si trovano gigantesche formazioni.

Per le piccole dimensioni, una semplice formazione cistica è circondata da un tessuto epatico immutato. Tuttavia, quando la dimensione aumenta, la cavità cistica comprime il parenchima, schiaccia i tessuti circostanti e causa processi atrofici in essi.

motivi

Mentre non vi è consenso tra gli specialisti sulle cause della comparsa di cisti epatiche semplici:

  • Alcuni medici e scienziati suggeriscono che la formazione della cavità cistica sia causata da iperplasia infiammatoria dei dotti biliari, accompagnata da un'ulteriore ostruzione durante lo sviluppo dell'embrione.
  • Alcuni specialisti continuano a considerare la relazione tra la somministrazione di estrogeni e l'insorgenza di una cisti.
  • La maggior parte dei medici è incline a credere che le cisti del fegato siano formate dai sottosviluppati dotti biliari inter-e intralobulari, che, durante l'embriogenesi, non sono mai stati coinvolti nel sistema biliare e sono rimasti "ridondanti". L'epitelio che ricopre la loro cavità continua a produrre un segreto che si accumula nel lume di un tale condotto e forma una cisti.

Altri tipi di cisti epatiche - parassitarie, traumatiche, infiammatorie - si formano a causa di:

  • danno ai tessuti del corpo da parte di parassiti (amebe, echinococchi, alveococchi);
  • lesioni da ferite o interventi chirurgici;
  • con necrosi di tumori, ecc.

sintomi

Le cisti epatiche di piccole dimensioni semplici possono essere asintomatiche per tutta la vita e possono essere rilevate per caso durante l'esame di un organo per altre malattie o solo durante l'autopsia. L'apparizione di segni di formazione cistica del fegato di solito si verifica con un aumento delle sue dimensioni fino a 7-8 cm o con la formazione di più cavità cistiche che colpiscono almeno il 20% di tutti i tessuti dell'organo.

Le grandi cavità cistiche possono causare dolore in un carattere opaco o opaco o altri fastidi nell'addome - nella zona dell'epigastrio (parte superiore dell'addome), dell'ombelico o nella proiezione del fegato. Con la loro disposizione superficiale, il paziente stesso può sentirli sotto il bordo inferiore destro.

Alcuni pazienti con cisti semplici presentano tali disturbi:

  • saturazione precoce degli alimenti;
  • eruttazione;
  • vomito;
  • mancanza di appetito;
  • dolore nella parte destra, aggravato da movimenti improvvisi o tremori durante la guida;
  • ridotta tolleranza allo stress;
  • sudorazione;
  • mancanza di respiro;
  • diarrea;
  • dimensioni del fegato ingrossate;
  • febbre di basso grado.

Con cisti semplici molto grandi, a volte un rigonfiamento della pelle su di loro. Con una dimensione così impressionante della cavità cistica, il paziente inizia a perdere peso e in alcuni pazienti l'ittero si sviluppa a causa della compressione dovuta alla formazione delle vie biliari. In alcuni casi, le grandi cisti esercitano una pressione sui tessuti localizzati in posizione ravvicinata e quindi disturbano il lavoro degli organi vicini.

A volte le cisti semplici causano lo sviluppo delle seguenti complicanze:

  • la rottura della formazione cistica e lo sviluppo della peritonite è accompagnata dalla comparsa di dolore acuto, un rapido aumento della sindrome da intossicazione e può portare alla morte;
  • la suppurazione della cavità cistica è provocata dall'infezione dei tessuti cisti con microrganismi portati con il sangue, causando un aumento della temperatura, lo sviluppo di intossicazione e peritonite;
  • emorragia nella cavità cistica o addominale provoca vertigini, pallore, grave debolezza, aumento della frequenza cardiaca, una rapida diminuzione della pressione sanguigna (fino al collasso), dolore di varia intensità, segni di un aumento o rottura della cavità cistica e con forte emorragia non-stop può portare alla morte del paziente.

La malignità (malignità) delle cisti epatiche semplici è estremamente rara.

diagnostica

Molte cisti epatiche semplici vengono rilevate casualmente durante un'ecografia o una tomografia computerizzata del fegato:

  1. Quando gli ultrasuoni - sono definiti nella forma di una cavità ovale o arrotondata ben definita con contenuto anecoico (a bassa densità) all'interno. Se nella ciste viene rilevato pus o sangue, la struttura dell'essudato diventa ecogenica (più densa).
  2. Quando la tomografia computerizzata - hanno la forma di formazioni rotonde e dense con contorni molto lisci e distinti. L'indicatore densitometrico di grandi formazioni è di 0-10 unità sulla scala di Hounsfield, che indica la presenza di fluido nella cavità identificata. Quando si tiene un'immagine di taglio più vicina al polo della cavità cistica, i confini diventano confusi. La capsula di una semplice cisti nelle immagini risultanti di solito non è visualizzata. Quando si misura l'indice densitometrico in piccole formazioni, l'indicatore può essere di circa 20 unità. In questi casi, vengono scattate istantanee più sottili per la diagnosi differenziale. E per escludere le metastasi durante la TC, si può usare il contrasto: una cisti semplice non macchia e nei tumori maligni si verifica un accumulo del farmaco usato.

La diagnosi di cisti epatiche mediante TC può essere complicata con setti multipli, ispessimento della capsula e emorragia intracistica. In questi casi, e se necessario, la differenziazione di una semplice cisti epatica da emangioma, edema della colecisti, lesioni metastatiche del fegato, tumori dell'intestino tenue, pancreas, spazio retroperitoneale e mesentere possono essere eseguiti i seguenti metodi aggiuntivi di esame:

  • risonanza magnetica;
  • angiografia delle arterie mesenteriche e del tronco celiaco;
  • scintigrafia epatica;
  • puntura percutanea con controllo a ultrasuoni;
  • laparoscopia diagnostica.

Per escludere la diagnosi di "cisti parassitaria", vengono effettuati esami del sangue sierologici che rilevano anticorpi contro microrganismi o protozoi:

trattamento

Quando il decorso asintomatico delle cisti semplici e le loro dimensioni non hanno più di 3 cm di diametro, si raccomanda al paziente di osservare dinamicamente la patologia identificata con ecografia periodica o CT.

Indicazioni per il trattamento chirurgico delle cisti epatiche semplici:

  • grandi dimensioni del tumore (più di 10 cm);
  • compressione dei dotti biliari o dei vasi della vena porta;
  • la presenza di sintomi che peggiorano la qualità della vita;
  • complicato da sanguinamento, suppurazione e rottura di una cisti;
  • ricorrenza di una cisti semplice dopo la sua puntura e aspirazione.

Aspirazione percutanea

Un certo numero di specialisti usa un metodo a basso impatto come l'aspirazione percutanea per rimuovere il contenuto di cisti. Tuttavia, tale manipolazione, eseguita sotto controllo ecografico, non assicura la completa rimozione di tutti i tessuti che formano una cisti semplice, e il rimanente epitelio può nuovamente produrre essudato. Di conseguenza, nel tempo, si ripresenterà una cisti.

Autore di numerose pubblicazioni sulla chirurgia mininvasiva del fegato e sulle sue neoplasie benigne J.F. Gigot afferma che il metodo della puntura percutanea e dell'aspirazione del contenuto di una cisti semplice può essere utilizzato solo come procedura diagnostica se non è possibile ottenere dati affidabili eseguendo altri studi non invasivi.

Secondo J.F. Gigot, risultati più promettenti si osservano nell'aspirare il contenuto cistico seguito dall'indurimento della cavità. Dopo tali interventi minimamente invasivi, il paziente riduce le manifestazioni cliniche della formazione e riduce il rischio di recidiva.

Le ciclidi possono essere sottoposte a cisti con piccole cavità fino a 5-6 cm introducendo alcune sostanze chimiche in esse.

Marsupializatsiya

Un altro modo per rimuovere le cisti epatiche semplici è la marsupializzazione. Durante questa operazione, il chirurgo svuota la cavità e orla i bordi ai bordi della ferita chirurgica. Tali interventi, che sono lo standard per il trattamento di cisti semplici, possono essere eseguiti sulle formazioni che:

  • situato centralmente al cancello del fegato;
  • accompagnato da ipertensione portale;
  • spremere i dotti biliari.

Altre tecniche

In caso di più cisti semplici o policistiche senza segni di ipertensione portale, il chirurgo può decidere sulla necessità di un'autopsia e l'escissione delle pareti cistiche libere. Tale operazione è chiamata fenestrazione.

Se il paziente ha una cisti gigante gigante, allora viene eseguito un trattamento per imporre il cistogastro o cistoenteroanastomosi. Durante tale operazione, uno specialista raggiunge la comunicazione della cavità cistica con la cavità gastrica o intestinale e quindi assicura il flusso di essudato.

Interventi condizionalmente radicali per l'eliminazione delle cisti semplici sono le seguenti tecniche laparoscopiche:

  • enucleazione di una ciste (cioè la sua esfoliazione);
  • asportazione delle pareti della cisti.

Metodi più radicali di trattamento della policistosi del fegato sono metodi chirurgici come il trapianto di fegato da un donatore o la resezione del fegato, accompagnata dalla rimozione della parte patologicamente cambiata dell'organo.

Nutrizione con cisti epatica

I pazienti dopo la rilevazione di una cisti epatica o la sua rimozione chirurgica sono consigliati di seguire una dieta in cui cibi fritti, speziati, affumicati, grassi e in scatola sono esclusi dalla dieta. Inoltre, l'uso di caffè, spezie, dolci, spezie e soda non è raccomandato.

Oltre all'esclusione dei prodotti e dei piatti sopra descritti, la dieta quotidiana di tali pazienti deve soddisfare i seguenti requisiti:

  • contenuto sufficiente di prodotti con proteine ​​facilmente digeribili (oltre 120 g / giorno);
  • la quantità di grasso (non più di 80 g) e di carboidrati (circa 450 g) è determinata dalle condizioni del paziente;
  • il contenuto calorico approssimativo del menu giornaliero è di circa 3.000 kcal;
  • pasto frequente (5-7 volte al giorno) in piccole porzioni;
  • l'inclusione nella dieta di latticini, pesce e verdure, bacche e frutti ricchi di vitamine e microelementi;
  • accurata elaborazione culinaria dei prodotti nella preparazione.

I componenti aggiuntivi del menu del paziente con una cisti epatica possono essere un dietista, guidati dai dati degli studi diagnostici e dalle condizioni generali del paziente.

previsioni

Nella maggior parte dei casi clinici, la prognosi delle cisti epatiche semplici è favorevole. Le eccezioni sono formazioni cistiche che:

  • sono stati erroneamente diagnosticati;
  • ha avuto un corso diffuso e complicato.

Quale dottore contattare

Se si identifica una cisti nel fegato o l'aspetto del dolore, la protrusione della pelle nell'ipocondrio destro, si dovrebbe contattare un epatologo o un chirurgo. Dopo un'ecografia, una TC, una risonanza magnetica e una serie di altre misure diagnostiche, il medico determinerà la tattica di un ulteriore monitoraggio o trattamento dinamico del paziente.

Una cisti epatica semplice è una neoplasia abbastanza comune di questo organo e, con le sue piccole dimensioni, non ha sempre bisogno di cure. Tuttavia, la presenza di questa formazione dovrebbe sempre diventare un motivo per andare da un medico, poiché solo uno specialista può diagnosticare e determinare correttamente la tattica di un'ulteriore gestione del paziente. Se necessario, le cisti semplici vengono rimosse usando tecniche chirurgiche minimamente invasive, laparoscopiche o tradizionali.

Il dottor Myasnikov nel programma "About the Important Important" risponde alla domanda "È una cisti pericolosa nel fegato":

Cisti epatica

Cisti epatica - formazione cavitaria focale del fegato, limitata alla capsula del tessuto connettivo con il liquido all'interno. La cisti epatica si manifesta con dolore nell'ipocondrio destro, disagio epigastrico, nausea, dispepsia e asimmetria addominale. La diagnosi di cisti epatiche si basa su dati di scansione ecografica e tomografica. Il trattamento di una cisti epatica può includere la sua rimozione radicale (scafo, resezione epatica, escissione delle pareti della cisti) o metodi palliativi (svuotamento, marsupializzazione della cisti, creazione di cistoentero-cistogastroanastomosi).

Cisti epatica

La cisti epatica è una formazione di cavità benigna piena di liquido, rivestita dall'interno da uno strato di epitelio cilindrico o cubico. Molto spesso, le cisti sono riempite con un liquido trasparente, inodore e incolore; più raramente, le cisti epatiche possono contenere una massa gelatinosa o un liquido verde-brunastro, costituito da colesterolo, bilirubina, mucina, fibrina, cellule epiteliali. Quando le emorragie nella cavità del fegato cisti contenuti diventano emorragici; se infetto: cremoso, purulento.

Le cisti del fegato possono essere localizzate in diversi segmenti, lobi e persino legamenti del fegato, superficialmente o in profondità; a volte ha un maglione sottile (gamba delle cisti). Il diametro delle cisti epatiche rilevabili varia da pochi millimetri a 25 centimetri o più. In epatologia e gastroenterologia, le cisti epatiche sono diagnosticate in circa lo 0,8% della popolazione. Nelle donne, le cisti del fegato sono rilevate 3-5 volte più spesso che negli uomini, di solito all'età di 40-50 anni. Secondo le osservazioni cliniche, le cisti epatiche possono essere combinate con la malattia del calcoli biliari, la cirrosi epatica, le cisti dei dotti biliari, l'ovaio policistico, il rene policistico e il pancreas.

Classificazione della cisti epatica

Il concetto di "cisti del fegato" unisce forme nosologiche di varia origine. Prima di tutto, le cisti del fegato vere e false sono secrete. Le vere cisti sono di origine congenita e hanno un rivestimento epiteliale interno. Tra le vere formazioni solitarie ci sono cisti del fegato dermoide semplici, di ritenzione, cistoadenoma multicamera.

Le false cisti sono secondarie, acquisite; spesso formato dopo l'intervento chirurgico, la ferita, l'infiammazione e quindi le pareti della loro cavità sono tessuto epatico fibroso modificato. Dal numero di cavità distinguono cisti singole e multiple del fegato. Con l'identificazione delle cisti in ogni segmento del fegato si parla di fegato policistico. Inoltre, le cisti del fegato non parassitarie e parassitarie sono isolate; questi ultimi, di norma, sono rappresentati da cisti echinococciche (echinococcosi epatica).

Cause di cisti al fegato

Non c'è consenso sull'origine delle vere cisti del fegato non parassitarie. Alcuni autori aderiscono al punto di vista che le cisti si formano a seguito di iperplasia infiammatoria delle vie biliari durante l'embriogenesi e la loro successiva ostruzione. Viene considerata la relazione tra l'insorgenza di una ciste epatica e di preparazioni ormonali (estrogeni, contraccettivi orali).

La medicina moderna prevalente è la teoria che spiega l'insorgenza di cisti epatiche da dotti biliari intra-e interlobulari aberranti, che non sono inclusi nel sistema del tratto biliare durante lo sviluppo embrionale. La secrezione dell'epitelio di queste cavità chiuse porta all'accumulo di liquidi e alla loro trasformazione in una cisti del fegato. Questa ipotesi è confermata dal fatto che il segreto della cisti non contiene la bile, e la cavità di formazione non è comunicata con i dotti biliari funzionanti.

Le false cisti si formano a causa della necrosi dei tumori, del danno traumatico al fegato, della lesione parassitaria del fegato con ehonokkok, dell'ascesso amebico.

Sintomi di cisti al fegato

Le piccole cisti di fegato singole, di regola, non hanno manifestazioni cliniche. La sintomatologia si sviluppa spesso quando una cisti raggiunge una dimensione di 7-8 cm, e anche se sono interessate più cisti, almeno il 20% del volume del parenchima epatico.

In questo caso, vi è una sensazione di pienezza e pesantezza nell'ipocondrio destro e nell'epigastria, che aumentano dopo aver mangiato o lavorato. Sullo sfondo di un aumento delle cisti del fegato, si sviluppano sintomi dispeptici: eruttazione, nausea, vomito, flatulenza, diarrea. Tra gli altri sintomi non specifici che accompagnano lo sviluppo di cisti epatiche, debolezza, perdita di appetito, aumento della sudorazione, mancanza di respiro, febbre di basso grado sono noti.

Le cisti epatiche giganti causano l'allargamento addominale asimmetrico, l'epatomegalia, la perdita di peso, l'ittero. In alcuni casi, una cisti viene palpata attraverso la parete addominale anteriore sotto forma di una massa indolore fluttuante ed elastica nell'ipocondrio destro.

La cisti epatica complicata si sviluppa quando l'emorragia nella sua parete o cavità, suppurazione, perforazione, attorciglia le gambe della cisti, degenerazione maligna. Con emorragia, rottura di una cisti o sfondamento del suo contenuto negli organi adiacenti, si sviluppa un attacco acuto di dolore addominale. In questi casi, vi è un'alta probabilità di sanguinamento nella cavità addominale, peritonite. Quando vengono pressati i dotti biliari adiacenti, compare l'ittero e, quando è infetto, si forma un ascesso epatico.

Le cisti epatiche di Echinococco sono pericolose per la diffusione dei parassiti per via ematogena con la formazione di focolai infettivi a distanza (per esempio, cisti polmonari echinococciche). Con il fegato policistico diffuso, l'insufficienza epatica può svilupparsi con il tempo.

Diagnosi di cisti epatiche

La maggior parte delle cisti del fegato si trovano casualmente durante l'ecografia addominale. Secondo l'ecografia, una cisti epatica è definita come una cavità ovale o arrotondata delimitata da una parete sottile con contenuto anecoico. Se c'è del sangue o del pus nella cavità della cisti, gli echi intraluminali diventano distinguibili. In alcuni casi, l'ecografia epatica viene utilizzata per condurre la puntura percutanea della cisti, seguita dall'esame citologico e batteriologico del segreto.

Utilizzando CT, MRI, scintigrafia del fegato, l'angiografia tronco celiaco e arterie mesenteriche viene eseguita diagnosi differenziale di cisti epatiche con emangioma, tumori spazio retroperitoneale, tumori del piccolo intestino, pancreas, mesentere, cistifellea edema, metastasi epatiche. In caso di dubbio sulla diagnosi, viene eseguita la laparoscopia diagnostica. Per escludere l'eziologia parassitaria delle cisti epatiche, vengono eseguiti specifici esami del sangue sierologici (ELISA, RNA).

Trattamento cisti al fegato

I pazienti con cisti epatiche asintomatiche, di diametro non superiore a 3 cm, richiedono l'osservazione dinamica da parte di un gastroenterologo (epatologo).

Le indicazioni per il trattamento chirurgico delle cisti del fegato operativamente sono complicazioni (sanguinamento, rottura, suppurazione, ecc.); cisti grandi e giganti (fino a 10 cm o più); compressione del tratto biliare con alterazione del flusso biliare; compressione del sistema venoso portale con lo sviluppo dell'ipertensione portale; sintomi clinici gravi che compromettono la qualità della vita; ricorrenza di una ciste epatica dopo aver tentato di forarla. Il trattamento delle cisti epatiche parassitarie viene effettuato sotto la supervisione di uno specialista in malattie infettive o parassitologo.

Tutti gli interventi chirurgici eseguiti su cisti epatiche possono essere radicali, condizionatamente radicali e palliativi. I metodi radicali per le cisti solitarie includono la resezione epatica; in caso di policistico - trapianto di fegato. I metodi condizionalmente radicali possono includere l'esfoliazione (enucleazione) della cisti o l'escissione delle pareti della cisti. Nell'eseguire questi interventi, l'accesso laparoscopico minimamente invasivo è ampiamente utilizzato.

intervento palliativo con cisti epatiche non implicano la rimozione della formazione incasso e può essere mirando un'aspirazione puntura di contenuti cisti seguita cavità scleroobliteration; apertura, svuotamento e drenaggio della cavità residua della cisti; cisti di marsupializzazione; fenestrazione della cisti; cistoenterostomia o cistogastrostomia.

Un effetto duraturo dopo l'aspirazione percutanea di una cisti e il suo indurimento si ottiene con dimensioni relativamente piccole (fino a 5-6 cm) della cavità. L'autopsia e il drenaggio esterno sono indicati per le cisti epatiche post-traumatiche complicate da rottura o suppurazione della parete. Marsupializatsiyu (cisti svuotamento sutura con le pareti contro i bordi della ferita chirurgica) viene condotta ad una localizzazione centrale di cisti nel cancello fegato, la compressione delle vie biliari, la presenza di ipertensione portale. Da fenestrazione - dissezione e cisti parete asportazione Normalmente ricorso con cisti multiple o fegato policistico in assenza di segni di insufficienza epatica e renale. Quando le cisti giganti prodotte tsistogastroanastomoza sovrapposizione o tsistoenteroanastomoza, t. Fegato E. messaggio viene creato cisti cavità con la cavità dello stomaco o nell'intestino.

Prognosi per cisti epatica

Dopo una rimozione radicale delle cisti del fegato solitario, la prognosi è generalmente favorevole. Dopo interventi palliativi in ​​vari termini distanti, le cisti epatiche possono ripresentarsi, richiedendo ripetute misure terapeutiche.

Un progressivo aumento delle cisti epatiche non trattate può portare a numerose complicazioni pericolose. In caso di danno epatico diffuso, è possibile un esito fatale a causa di insufficienza epatica.

Cisti epatica

I paesi con un clima caldo sono i leader nel numero di agenti patogeni parassitari (echinococco, alveococco e altri). Questi microrganismi sono in grado di provocare numerose patologie nel corpo umano e animale, comprese le cisti del fegato. I tumori causati da altre cause sono più caratteristici dei paesi economicamente sviluppati con un'industria attivamente sviluppata.

Descrizione della malattia

Una cisti epatica è una crescita benigna che si verifica in qualsiasi lobo del fegato e consiste in un guscio denso (capsula) pieno di liquido. Il colore del contenuto varia da trasparente a giallo, con varie inclusioni (sangue, bile, pus) o senza di esse.

Il tumore può essere presente in un singolo o multiplo (policistico) e avere dimensioni diverse.

Pericolo di malattia

Le piccole cisti di diametro fino a 3 cm non sono pericolose, ma richiedono un'attenta osservazione da parte di uno specialista.

Grandi formazioni possono portare a gravi complicazioni. Aumentando di dimensioni, spremono i tessuti di altri organi, vasi sanguigni e dotti biliari, interrompendo così il loro lavoro.

In alcuni casi, le capsule possono rompersi e causare il loro contenuto di entrare nella circolazione generale.

Come acquistare

Ad oggi, il meccanismo dell'insorgenza della patologia non è completamente compreso. Si ritiene che il ruolo principale sia svolto dai seguenti fattori:

  • ereditarietà;
  • malattia infiammatoria del fegato;
  • parassiti;
  • lesioni e interventi chirurgici;
  • farmaci a lungo termine;
  • cambiando i livelli ormonali.

Negli adulti e nei bambini

Secondo le ultime statistiche, la cisti epatica è una patologia rara, che colpisce lo 0,8-1% della popolazione.

Rappresentanti femminili sono nella lista più volte più spesso degli uomini. Questo modello è associato a frequenti cambiamenti ormonali che si verificano durante la pubertà, durante la gravidanza, l'allattamento e durante la menopausa. Nella maggior parte dei pazienti, la malattia viene diagnosticata all'età di 40-50 anni.

I bambini si ammalano anche meno spesso. Si ritiene che la formazione di tumori avvenga per le stesse ragioni degli adulti e non presenta differenze nella diagnosi e nel trattamento.

Sintomi comuni

I sintomi compaiono dopo che la cisti raggiunge una dimensione impressionante, di solito da 6 cm. Una persona può sentire:

  • disagio e dolore nella parte destra;
  • nausea, vomito;
  • amarezza in bocca;
  • perdita di appetito;
  • riduzione del peso;
  • chiarificazione delle feci e oscuramento delle urine;
  • giallo della pelle;
  • prurito;
  • deterioramento generale del benessere.

forma

Procedendo dall'origine, le cisti sono divise in:

  • Parassita. Causato da alveococco ed echinococco, tenie. Il periodo di incubazione, da 2 giorni a diversi anni.
  • Non parassitario. Include capsule formate durante lo sviluppo fetale (cisti vere), come risultato di dotti biliari impropriamente formati. Un altro tipo di patologia (cisti false) si forma a causa di tutti i tipi di danni agli organi.

A seconda del diametro, si distinguono i seguenti tipi di cisti:

  • fino a 1 cm (piccolo);
  • da 1 a 3 cm. (medio);
  • 3-10 cm. (Grande);
  • oltre 10 (grande o gigante).

Tutti i tipi di cui sopra possono essere osservati in quantità plurali, che pesano in modo significativo il decorso della malattia.

Se la capsula è strappata, infiammata e si forma pus su di essa, allora una tale cisti viene chiamata complicata. Questo tipo di tumore richiede un trattamento immediato, a causa del pericolo di conseguenze letali!

Metodi diagnostici

Il lungo decorso asintomatico non consente di sospettare la malattia in una fase precoce. Tali tumori vengono rilevati per caso, durante l'esame di routine o il sospetto di altre patologie.

L'aspetto dei sintomi è caratteristico di grandi formazioni, spesso palpato da un medico durante l'esame iniziale.

Per confermare la diagnosi, utilizzare i seguenti metodi diagnostici:

  • Ecografia addominale;
  • Risonanza magnetica e TC del fegato;
  • la scintigrafia.

Alla presenza di una cisti, inoltre effettui:

  • puntura per lo studio del contenuto liquido della capsula;
  • biopsia tessutale, per escludere l'oncologia;
  • analisi sierologica del sangue mediante i metodi di RNAA (reazione di emoagglutinazione indiretta), ELISA (saggio di immunoassorbimento enzimatico), che consente di identificare i parassiti;
  • analisi del sangue biochimica per valutare lo stato del fegato e altri organi.

operazione

L'indicazione per la rimozione della cisti è:

  • diametro superiore a 3 centimetri;
  • complicazioni;
  • deterioramento della salute del paziente;
  • la presenza di una cisti parassitaria.

L'operazione viene eseguita con uno dei seguenti metodi:

  • resezione - tagliare il lobo affetto del fegato;
  • aprendo la capsula con la rimozione di fluido da esso;
  • pericystectomy - cisti di sbucciatura;
  • marsupializzazione: apertura della capsula, seguita dalla connessione delle sue pareti con il sito di dissezione;
  • Cystogastroanastomoz - comunicazione di cisti con l'intestino o lo stomaco.

Trattamento farmacologico

I farmaci sono prescritti per alleviare il disagio del paziente.

  • antidolorifici e analgesici;
  • gepatoprotektory;
  • enzimi;
  • agenti di rivestimento;
  • farmaci coleretici;
  • vitamine;
  • assorbenti;
  • antibiotici.

Cibo dietetico

Nel periodo postoperatorio, al paziente viene prescritta una dieta rigorosa, che deve essere seguita per almeno sei mesi. In presenza di complicazioni, il termine è esteso.

Il primo giorno si raccomanda di rifiutare di mangiare e usare solo acqua. Per 2-3 giorni si può mangiare il porridge, bollito in acqua e brodi vegetali. A poco a poco, altri prodotti vengono introdotti nella dieta escludendo:

  • arrosto;
  • acute;
  • grasso;
  • affumicate;
  • cibo in scatola;
  • piatti in salamoia;
  • salse, maionese;
  • pomodori;
  • spezie;
  • caffè;
  • cioccolato;
  • di cacao;
  • alcol;
  • fagioli;
  • uova sode;
  • pane fresco e dolci.

Altri trattamenti

Come terapia adiuvante possono essere utilizzati rimedi popolari che non trattano una neoplasia, ma migliorano solo le condizioni degli organi del tratto gastrointestinale.

Le seguenti ricette avranno un buon effetto sullo stato del fegato:

  • Bardana. Dalle foglie della pianta spremere il succo e impiegare 30 minuti. prima dei pasti, 1-2 cucchiai, 3 volte al giorno.
  • Uova di quaglia Ogni mattina, a stomaco vuoto, bevono 5 uova crude.
  • Nard. 1 cucchiaio. l. foglie schiacciate della pianta (possono essere asciutte) versare un bicchiere di acqua bollente. Insistere finché non diventa caldo, filtrare. Consumare mezzo bicchiere, 4 volte al giorno, indipendentemente dal pasto.

Prevenzione delle malattie

Per ridurre la probabilità di malattia, devi:

  • rafforzare il sistema immunitario del corpo (sport, indurimento, camminare all'aria aperta);
  • lavarsi le mani dopo aver visitato luoghi pubblici;
  • stare estremamente attenti quando si viaggia verso paesi caldi;
  • lavare bene frutta e verdura prima di mangiare;
  • bere solo acqua bollita;
  • non mangiare troppo e limitare gli alimenti che non sono utili;
  • sbarazzarsi di cattive abitudini.

effetti

Spesso, le prime manifestazioni di cisti si fanno sentire dopo aver raggiunto una dimensione impressionante. Tali formazioni causano sintomi dolorosi e possono provocare le seguenti complicazioni:

  • suppurazione della cisti o del tessuto circostante;
  • penetrazione del liquido cistico nella cavità addominale e nella circolazione sanguigna, a causa della sua rottura;
  • emorragia nella cisti;
  • rinascita in oncologia (estremamente rara);
  • peritonite (infezione della cavità addominale);
  • insufficienza epatica (fallimento completo o parziale del fegato, spesso osservato in policistica).

Previsioni di vita

L'esito della malattia è difficile da prevedere. Le cisti piccole e medie possono arrestare la crescita e il trattamento non è richiesto per tutta la vita.

Dopo la rimozione di tumori di grandi dimensioni, è necessario per qualche tempo seguire tutte le raccomandazioni dei medici ed essere esaminati. Con un risultato favorevole, la formazione ripetuta di cisti potrebbe non esserlo.

In casi più rari, le capsule aumentano rapidamente di dimensioni, peggiorano la qualità della vita del paziente e possono causare seri problemi di salute. Non sono esclusi i decessi e la necessità di trapianto di fegato.

E in questo video, puoi vedere come eseguire un'operazione per rimuovere una cisti epatica. In questo caso, viene utilizzato il metodo di resezione laparoscopico.

Dopo aver confermato la diagnosi, non farti prendere dal panico. Spesso la malattia nelle prime fasi non è pericolosa e non ha bisogno di cure. Tuttavia, il paziente deve ricordare che una cisti può crescere di dimensioni e causare problemi di salute, pertanto ritardare una visita dal medico e ignorare le sue raccomandazioni è pericolosa. Se ci sono indicazioni per la chirurgia, il medico selezionerà il metodo migliore per eseguirlo. Con un esito favorevole, dopo sei mesi puoi tornare al solito modo di vivere.

Cisti nel fegato: tipi, cause di formazione cistica nel fegato, sintomi, trattamento con farmaci e rimedi popolari

Il fegato umano svolge la funzione del filtro principale. Le sostanze tossiche intrappolate nel sangue, a causa del lavoro del corpo, vengono neutralizzate e distrutte. Pertanto, il fegato è costantemente sotto attacco di varie malattie. Uno di questi disturbi gravi è una cisti epatica.

Cos'è una ciste epatica

Cisti epatica è la formazione sulla superficie di un organo o al suo interno di tessuti connettivi riempiti con vari contenuti del fluido. Fondamentalmente, il contenuto di questa formazione è un liquido incolore e inodore. Tuttavia, può consistere in una massa di tonalità verde-marrone, che consiste in fibrina, colesterolo, cellule epiteliali e altre particelle.

Posizione. Una cisti può essere localizzata in qualsiasi parte del fegato: sulla sua superficie, al suo interno, nel suo lobo sinistro o destro.

La dimensione della cisti: può raggiungere 25 cm o più. Con il suo aumento, la cisti colpisce negativamente molti organi del corpo del paziente, i loro dotti, causando un fallimento nel corretto funzionamento. A volte la capsula con il contenuto può scoppiare. Ciò porterà all'ingresso di sostanze nocive nel sistema sanguigno.

Cause della formazione della ciste epatica

Le cause di questa malattia non sono esattamente definite. Tuttavia, si considera che uno dei ruoli principali in questo problema è giocato:

  • infiammazione del fegato (sconfitta echinococco e altri parassiti);
  • eredità (forma congenita di questa entità);
  • cambiamenti nel background ormonale (contraccettivo, estrogeno);
  • lesioni gravi e successivi interventi chirurgici;
  • uso a lungo termine di droghe.

Inoltre, per provocare una cisti epatica può:

I sintomi della malattia

Il fegato umano non ha terminazioni nervose e quindi il dolore, come la sindrome principale, può essere assente per molto tempo. Sorge in quelle situazioni in cui la pressione dal fegato sugli organi in prossimità di esso aumenta significativamente.

La cisti nel fegato di piccole dimensioni non si manifesta. Può essere diagnosticato solo tramite ultrasuoni.

I primi sintomi compaiono al momento della crescita di una cisti fino a 7-8 cm, o in caso di una lesione maligna di oltre il 20% del volume della massa epatica. Poi c'è una sensazione di pesantezza e dolore nella parte destra al livello della vita, che aumenta ogni volta dopo aver mangiato o anche un leggero sforzo fisico.

I sintomi più caratteristici della comparsa di una ciste nel fegato di una persona sono anche:

  • un aumento (gonfiore);
  • disagio allo stomaco;
  • grave diarrea, nausea prolungata e vomito.

Con l'aumento delle dimensioni della formazione o con un forte danno al fegato, cominciano a comparire numerosi altri sintomi pericolosi:

  • mancanza di appetito;
  • rapida perdita di peso;
  • aumento asimmetrico delle dimensioni dell'addome, dovuto al fatto che il fegato aumenta le sue dimensioni;
  • può verificarsi ittero;
  • alta sudorazione del corpo (iperidrosi).

Un ulteriore allargamento della cisti epatica è accompagnato da una forte suppurazione, la formazione di nuove cellule maligne. Durante questo periodo, si sviluppano periodi di intenso dolore, sanguinamento nella cavità interna è possibile.

Tipi e tipi di formazione di cisti nel fegato

Le cisti nel fegato possono essere parassitarie (echinococciche e alveocitarie) e non parassitarie (false e vere). Che cos'è e qual è il loro pericolo?

  • Vera cisti - questo tipo di neoplasma nel corpo ha origine nel grembo materno, quindi può manifestarsi nei neonati. Un altro nome per questa formazione è congenito. Non è pericoloso nel caso in cui non ci sia crescita. La ragione di tali eventi può essere le complicanze posticipate in qualsiasi stadio dello sviluppo fetale. La vera cisti può essere di diversi tipi:
    • cisti solitaria. Formata nel fegato, nella sua parte inferiore. È montato sulla gamba, per cui può essere appeso nella cavità addominale o si trova direttamente sul fegato;
    • policistico. Questa malattia è causata da cambiamenti nei geni. L'area interessata si estende a tutto il fegato da tutti i lati (non all'interno del fegato);
    • fibrosi cistica. La forma più dura di questa malattia. Più pericoloso per i bambini piccoli. La lesione si estende alla vena porta e al fegato stesso.
  • False cisti non sono una formazione acquisita; appare nel processo della vita. Secondo il numero di formazioni che si verificano nel fegato, sono divisi in cisti con una singola manifestazione e più cisti. Dalla dimensione della formazione di cisti può essere:
    • piccole dimensioni - meno di 10 mm;
    • dimensione media - 10-30 mm;
    • grande - 30-100 mm;
    • dimensioni giganti - più di 100 mm.

Il processo patologico può verificarsi con complicanze di vario grado di gravità (sanguinamento pesante, processi infiammatori e rotture) e senza di essi (processo patologico non complicato).

Metodi per la determinazione e la diagnosi

Ecografia (ecografia)

Negli adulti, spesso, una cisti nel fegato con i primi termini di insorgenza e sviluppo viene rilevata casualmente durante l'ecografia della cavità interna del corpo.

Se si sospetta la formazione di cisti, viene eseguita un'ecografia del fegato. Con questo metodo è possibile stabilire la dimensione delle formazioni, il loro numero e la composizione dei contenuti all'interno della cavità della cisti.

Con l'aiuto degli ultrasuoni, la puntura viene eseguita attraverso la superficie della pelle del corpo per determinare la composizione del fluido cistico. Questo metodo controlla il processo dell'operazione di piercing.

CT e RM

Con l'aiuto del computer (CT) e la risonanza magnetica (MR) è possibile analizzare e determinare le dimensioni esatte di strutture, il loro numero, per stabilire le possibili cause e ulteriori complicazioni.

Questo tipo di ricerca viene eseguita quando vi sono sufficienti sospetti di un tipo parassitario di cisti.

analisi

Le analisi per determinare la presenza di cisti nel fegato includono:

  • complemento reazione di fissazione (RAC);
  • saggio immunoassorbente legato all'enzima (ELISA);
  • Analisi della fluorescenza a raggi X (XRF);
  • analisi radioimmune (RIA);
  • marcatori per la presenza di epatite C;
  • reazione a catena della polimerasi (PCR).

Trattamento della formazione di cisti nel fegato

I principali metodi di trattamento delle cisti includono:

  • un intervento chirurgico;
  • trattamento con farmaci;
  • dieta;
  • trattamento con l'aiuto della medicina tradizionale.

Il modo più efficace per sbarazzarsi delle cisti è un metodo chirurgico. A differenza di altri metodi, solo ti permette di liberare completamente il fegato di un paziente da una cisti. Le droghe mediche spendono solo la rimozione dei sintomi della malattia.

Trattamento chirurgico

Questo metodo è appropriato nel caso in cui:

  • c'è una lacuna nelle pareti della cisti;
  • ci sono tutti i segni di alterazioni dei processi digestivi nel corpo;
  • la cisti ha una grave infiammazione o sanguina copiosamente;
  • durante il trattamento, il dolore non diminuisce;
  • rilevato crescita della cisti.

L'intervento chirurgico viene effettuato quando la cisti raggiunge le dimensioni di oltre 6-10 cm.

Spesso nella pratica, usare la puntura come metodo di esposizione. Il liquido viene rimosso dalla cavità della cisti, riducendo il dolore ed eliminando i sintomi. Questa procedura viene eseguita principalmente prima dell'operazione.

Le grandi cisti sono trattate solo chirurgicamente. Se, oltre a questo, la malattia è passata con alcune complicazioni, potrebbe essere necessario rimuovere qualsiasi parte del fegato.

Il metodo chirurgico per sbarazzarsi delle formazioni sul fegato è di tre tipi:

  • Il metodo della chirurgia radicale condizionale. Con questo metodo di trattamento, c'è una rimozione completa della cisti, così come il tessuto epatico della zona interessata.
  • Il metodo di esposizione palliativa. In realtà, è un'operazione per aprire il fegato. In questo caso, tutti i contenuti interni della cisti vengono completamente rimossi, ma i suoi muri (shell) rimangono al loro posto.
  • Il metodo dell'intervento radicale. Il fegato del corpo è danneggiato così tanto che ha bisogno di una "sostituzione" completa - un trapianto.

Il modo per rimuovere la formazione è scelto dal medico curante.

Rimozione chirurgica delle cisti: quanto è pericolosa questa procedura? Secondo gli specialisti, le operazioni di rimozione non comportano alcun pericolo per la salute del paziente e procedono piuttosto tranquillamente, senza complicazioni.

La scleroterapia è anche molto popolare. Il guscio della cisti (cioè le sue pareti) si incastra sotto l'azione di speciali soluzioni potenti, a seguito delle quali riduce significativamente le sue dimensioni. Il farmaco viene iniettato nella cavità della cisti stessa. La procedura viene eseguita sotto il controllo obbligatorio del dispositivo ad ultrasuoni.

Trattamento farmacologico

L'uso di farmaci antibatterici è appropriato solo quando le dimensioni della cisti stessa o l'area del danno del tessuto epatico sono piccole. Il trattamento farmacologico è appropriato anche per la forma parassitaria del decorso della malattia ed è un metodo per combattere la tenia, l'echinococco e altri parassiti.

Il trattamento farmacologico può essere combinato con un metodo di trattamento chirurgico per eliminare più efficacemente la flora patogena.

L'obiettivo principale della riabilitazione medica con i preparati medici è l'eliminazione del dolore del paziente. Come farmaci usati:

  • complessi vitaminici (ALFABETO, Complivit);
  • colagogo (fitoepatolo, allohol);
  • antibiotici;
  • enzimi;
  • assorbenti;
  • epatoprotettori (Hepatosan, Bicyclol);
  • analgesici e antidolorifici (Analgin, Butadion, Amidopyrine).

Nei casi con una forma parassitaria di lesioni al fegato, i farmaci vengono usati come farmaci per distruggere i patogeni della malattia, dopodiché viene eseguita un'operazione sul fegato per rimuovere il tumore e i suoi focolai.

Trattamenti alternativi per le cisti al fegato (terapia popolare)

Come metodo alternativo per sbarazzarsi della malattia si possono usare gli strumenti comunemente usati dalle persone, che migliorano le condizioni generali di tutti gli organi coinvolti nel processo di digestione. Tuttavia, non influenzano i neoplasmi esistenti.

  • Bardana. Ottima bardana provata. Dalle foglie di bardana spremere il succo e bere tre volte al giorno 1-2 cucchiai 30-40 minuti prima dei pasti.
  • Uova di quaglia Ogni giorno, devi bere cinque uova di quaglia cruda a stomaco vuoto.
  • Nard. Le foglie tritate finemente della pianta vengono versate con acqua bollente e insistono. Dopo il raffreddamento, filtrare e bere mezzo bicchiere ogni giorno, 4 volte al giorno.

Se il paziente è trattato a casa, la supervisione di uno specialista è obbligatoria. Il medico, sulla base della complessità della malattia, determinerà i farmaci necessari, ti dirà come e come trattare questo disturbo.

Lo sciroppo monastico è molto efficace in questa malattia.

Consiste dei seguenti ingredienti naturali:

  • radici di elecampane
  • stimmi di mais;
  • camomilla;
  • Helichrysum;
  • finocchio, altri ingredienti benefici.

Grazie alla sua composizione, lo sciroppo purifica bene il fegato delle sostanze tossiche, riduce l'infiammazione, rafforza i processi diuretici, allevia gli spasmi, promuove un buon flusso di bile. L'uso regolare di questo sciroppo è un ottimo modo per attuare misure preventive contro le malattie del fegato.

Nutrizione durante la ciste epatica

Quando una cisti si trova sul fegato, è necessario rivedere la dieta. Il menu correttamente selezionato contribuirà a ridurre il rischio di recidiva, rallentando la crescita del tumore negli adulti e nei bambini piccoli.

Cosa posso mangiare se c'è una cisti nel fegato?

È permesso mangiare verdure, magra pesce bollito e prodotti a base di carne, frutta e latticini.

È severamente vietato consumare: succo di pomodoro, gelato, condimenti piccanti, cibi ricchi di grassi, alcol, cibo in scatola e cioccolato.

Prevenzione delle malattie del fegato

Al fine di ridurre i rischi di cisti dovrebbe:

  • lavati sempre le mani accuratamente;
  • Non eccedere eccessivamente e ridurre, o addirittura eliminare completamente, il consumo di prodotti che non sono utili;
  • impegnarsi in più sport, procedure di indurimento, camminare più all'esterno, respirare aria fresca;
  • lavare accuratamente frutta e verdura prima di mangiare;
  • utilizzare acqua solo dopo l'ebollizione;
  • abbandonare cattive abitudini.

prospettiva

La prognosi dopo l'intervento chirurgico per rimuovere una cisti è spesso favorevole. Per la prevenzione delle conseguenze dovrebbe essere almeno una volta all'anno per visitare il medico.

Se la diagnosi di una ciste epatica è confermata, non fatevi prendere dal panico. La malattia nelle primissime fasi non è pericolosa per la salute e non richiede l'esecuzione di procedure mediche. Tuttavia, dovresti sempre ricordare la possibilità di aumentare le dimensioni della cisti, il che potrebbe comportare conseguenze per la salute. Non tirare con una visita dal medico e ignorare i suoi consigli e raccomandazioni.

Di regola, la ricrescita delle cisti non viene rilevata. Nei casi più rari, le cisti del fegato possono riapparire, e quindi questo richiederà un trattamento più serio.

Dopo sei mesi, il paziente sarà in grado di tornare al suo solito modo abituale di vita.

Articolo Precedente

Kymdan-2 in ampolle

Articolo Successivo

Vinokurova Ekaterina Leonidovna