Esami del sangue per controllare il fegato

Trattamento

Il fegato è una delle più grandi ghiandole del corpo umano. Dal momento che è quasi completamente assente terminazioni nervose, il dolore caratteristico nelle malattie del corpo di una persona non si sente. Molto spesso, la patologia viene rilevata nelle fasi successive. Quale analisi del sangue mostra lo stato del fegato? Questo sarà discusso.

Indicazioni per lo studio

Ci sono alcuni segni che indicano danni al fegato. Di regola, i sintomi caratteristici compaiono già in fasi avanzate, il che complica il trattamento della patologia. La biochimica del sangue per controllare il fegato è nominata nel seguente caso:

  • Giallo di pelle. Un tipico segno di aumento dei livelli di bilirubina. Il giallo della sclera della pelle e degli occhi indica un'infiammazione di lunga durata.
  • Aumentare le dimensioni del corpo. Identificare la deviazione nella fase iniziale può utilizzare gli studi ecografici. Con un forte aumento dell'organo del paziente, si osserva un aumento dell'addome in assenza di cambiamenti nel peso totale.
  • Perdita di peso. Per patologie del fegato, la nausea e il rifiuto di mangiare sono tipici, con conseguente perdita di peso.
  • Sapore amaro in bocca Per malattie del fegato, sapore amaro in bocca, lingua di pelo, densa patina giallo-marrone o bianca, sono tipiche fessure sulla superficie della lingua.

Indicatori chiave per le malattie del fegato

La condizione del fegato consente di monitorare determinati enzimi. Questo è:

  • albumina;
  • bilirubina;
  • aminotransferasi (AST e ALT)
  • fosfatasi alcalina (fosfatasi alcalina)
  • glutammato deidrogenasi (GLDG)
  • sorbitolo deidrogenasi (SDG)
  • γ-glutamiltransferasi (GGT)
  • fruttosio monofosfato aldolasi (FMFA).

albumina

È la principale proteina prodotta dai tessuti del fegato. Un organo sano produce 24-250 mg / kg di albumina entro 24 ore. La tariffa per un adulto è di 35-53 g / l. Se lo studio ha mostrato una diminuzione, la causa potrebbe essere: insufficienza epatica, epatite cronica, cirrosi.

bilirubina

È un pigmento giallo derivante dalla scomposizione dell'emoglobina. La risultante bilirubina indiretta entra nel fegato, si neutralizza e viene espulsa naturalmente. Normalmente, 250-300 mg (bilirubina totale) si formano nel corpo umano durante il giorno. L'interesse diagnostico è un indicatore della bilirubina diretta. Norma: non superiore a 5,1 micron / l.

Il superamento dei valori consentiti nell'analisi del sangue indica le seguenti patologie:

  • infiammazione della ghiandola di origine virale;
  • cirrosi;
  • intossicazione da alcol;
  • colangite;
  • concrementi nei dotti biliari.

Un aumento delle frazioni di bilirubina diretta / indiretta può essere causato da:

  • infiammazione tossica / virale della ghiandola;
  • suppurazione, neoplasie maligne nel fegato;
  • danno d'organo cirrotico;
  • mononucleosi;
  • echinococcosi.

Alanina aminotransferasi (ALT, ALT)

Le percentuali di ALT dipendono dal sesso del paziente: per gli uomini - 10-40 unità / l, per le donne - 12-32 unità / l. Un aumento del numero di enzimi nel sangue può essere accompagnato da epatite acuta, ittero ostruttivo. L'aumento del tasso di ALT rispetto al tollerabile è fissato in caso di cirrosi e sullo sfondo del trattamento con farmaci epatotossici.

Un aumento nell'attività dell'enzima 4-6 volte e più indica una grave malattia del fegato. Una deviazione viene rivelata prima della comparsa dei sintomi tipici - ittero, sindrome del dolore e altri - in circa 1-4 settimane. Dopo lo sviluppo del quadro clinico, i valori elevati di ALT persistono per non più di 2 settimane, il che è un segno di danno d'organo significativo.

Aspartato aminotransferasi (AST, Asat)

Il tasso dipende dal genere: per gli uomini - 15-31 unità / l, per le donne - 20-40 unità / l. Un'aumentata attività AST è registrata in caso di morte di epatociti. Tuttavia, maggiore è il danno al corpo, maggiore è la performance dell'enzima. L'aumento degli indicatori quantitativi si verifica anche nell'epatite infettiva e tossica acuta.

La diagnosi di patologie del fegato comporta il calcolo del coefficiente de Rytis - il rapporto tra i numeri AST / ALT. Normalmente, è uguale a e supera il numero 1.3. Il cambio di numeri nella parte inferiore dell'indicatore indica la sconfitta dell'organo.

Fosfatasi alcalina (fosfatasi alcalina)

L'attività enzimatica dipende dal sesso e dalla fascia d'età. In un adulto sano - 30-90 unità / l. L'aumento della fosfatasi alcalina si verifica negli adolescenti (fino a 400 unità / l) e nelle donne incinte (fino a 250 unità / l). Un significativo aumento della fosfatasi alcalina - 10 volte o più - si verifica con lo sviluppo di ittero ostruttivo. A eccesso non così significativo è possibile sospettare una delle forme di epatite.

Glutammato deidrogenasi (GLDG)

Normalmente, l'analisi biochimica del sangue mostra livelli insignificanti di GLDH. Il motivo è che è uno degli enzimi epatici localizzati all'interno della cellula. E l'aumento della sua attività consente di stabilire la forza della lesione del corpo. Risultati aumentati indicano l'insorgenza di processi distrofici nei tessuti del fegato, causati sia da fattori esterni che interni.

  • neoplasie;
  • metastasi epatiche;
  • sostanze tossiche;
  • patologia infettiva.

Il calcolo del coefficiente di Schmidt aiuta significativamente a stabilire la diagnosi: KS = (AST + ALT) / GLDG. Con lo sviluppo di ittero ostruttivo, è nell'intervallo 5-15, per l'epatite acuta l'indice raggiunge 30, con le metastasi - circa 10.

Sorbitolo deidrogenasi (SDH)

La norma è un indicatore non superiore a 0,4 unità / l. Se il sondaggio ha mostrato un aumento di SDH 10-30 volte, allora questo è un chiaro segno di epatite acuta.

γ-glutamil

In una persona sana, la concentrazione ammissibile di γ-glutamiltransferasi è: negli uomini - 250-1800 nmol / l * s, nella metà femminile - 167-1100 nmol / l * s. Un aumento delle prestazioni enzimatiche è possibile con i seguenti problemi:

  • ittero ostruttivo, colestasi - sono tipici di un aumento di 10 volte o più;
  • Tumori maligni - l'attività enzimatica aumenta 10-15 volte;
  • epatite cronica - 7 volte.

Fruttosio monofosfato aldolasi (FMFA)

FMF dovrebbe essere presente nel sangue solo in tracce. La definizione di questo indicatore è necessaria per diagnosticare la forma acuta di epatite. Nella maggior parte dei casi, viene utilizzato per valutare la funzionalità epatica in persone la cui attività professionale è causata dal contatto diretto con sostanze tossiche per il fegato.

Esame del sangue per neoplasie maligne

Il cancro del fegato e l'epatite sono determinati identificando gli antigeni di alcune malattie. Marcatori dell'epatite: A (HAV) - Anticorpi anti-HAV-IgM, IgM del virus A; B (HBV) - Anticorpi anti-HBs all'antigene HBs del virus B; C (HCV) - Anticorpi anti-HCV-totali agli antigeni del virus C.

Il marcatore per il cancro è il marcatore tumorale AFP. La conferma della malattia è il risultato di oltre 10 UI. Un aumento dell'indice può indicare la presenza di una neoplasia maligna nell'organo stesso, la presenza di metastasi, il cancro embrionale.

Con un leggero eccesso si può sospettare:

  • cirrosi;
  • l'epatite;
  • insufficienza renale.

Preparazione per l'analisi

La biochimica del sangue è prescritta se è necessario controllare la funzionalità del fegato. Una corretta preparazione della donazione di sangue aiuterà a ottenere i risultati più precisi. Due o tre giorni prima della visita al laboratorio, è necessario escludere dal menu cibi grassi, fritti, fast food, dolciumi, carni affumicate, cacao, caffè, sottaceti.

L'assunzione di alcol dovrebbe essere abbandonata una settimana prima dell'analisi. L'etile colpisce non solo lo stato degli epatociti, ma anche l'indice di coagulazione del sangue. La mattina della donazione di sangue, il paziente non deve fumare. Ma è meglio rinunciare alla nicotina 10-12 ore prima di visitare il laboratorio.

7 giorni prima dell'analisi, è necessario interrompere l'assunzione di qualsiasi farmaco, compresi i complessi vitaminici. Se questo non è possibile, allora devi abbandonare le pillole almeno la mattina della donazione di sangue. Una donna deve essere sicura di non essere in uno stato di gravidanza. Sullo sfondo della gestazione, è possibile l'eccesso di norme accettabili E questo non può essere considerato come un sintomo di una condizione patologica.

La mattina della donazione di sangue, è necessario rifiutarsi di eseguire esercizi mattutini, poiché un aumento dell'attività fisica può influire sulla conta ematica. La resa del biomateriale viene effettuata al mattino, a stomaco vuoto. L'ultimo pasto dovrebbe avvenire la sera prima. La cena dovrebbe essere leggera.

Il prelievo di sangue viene eseguito dalla vena cubitale. La procedura è indolore, ma può essere accompagnata da lievi capogiri. La decodifica dell'analisi deve essere effettuata dal medico curante, poiché solo uno specialista qualificato è in grado di confrontare tutti i dati e determinare la presenza o l'assenza di patologia.

Analisi biochimiche del sangue nelle malattie del fegato e delle vie biliari

L'analisi biochimica del sangue è un metodo di ricerca di laboratorio che riflette lo stato funzionale di organi e sistemi del corpo umano. Nelle malattie del fegato e delle vie biliari, questa analisi viene eseguita per determinare la funzionalità epatica.

Molte malattie del fegato portano a disturbi pronunciati di alcune funzioni del fegato nello stato normale di altre funzioni. Pertanto, è impossibile diagnosticare accuratamente in base ai risultati di un solo test utilizzato come metodo affidabile per valutare la funzione complessiva del fegato. Ogni paziente deve selezionare i set di test più appropriati, valutarne le potenzialità e interpretare i risultati in base alle manifestazioni cliniche della malattia. Test selezionati dovrebbero aiutare il medico a valutare le varie funzioni del fegato, le loro dinamiche nel corso della malattia durante uno studio seriale. Quando si interpretano i risultati ottenuti, si dovrebbe prendere in considerazione la possibilità della loro erroneità.

Test funzionali della funzionalità epatica

La bilirubina si forma nel processo di catabolismo della porzione non proteica dell'emoglobina (eme) da globuli rossi degenerativi nelle cellule del sistema reticoloendoteliale (70-80%). Un'altra fonte del restante 20-30% della bilirubina è l'emoproteina, localizzata prevalentemente nel midollo osseo e nel fegato. La bilirubina dovuta ai legami idrogeno interni non si dissolve in acqua. La bilirubina non coniugata (libera) viene trasportata nel plasma come composto con l'albumina, non passa attraverso la membrana glomerulare e quindi non appare nelle urine.

La bilirubina viene assorbita dal fegato, nelle cellule di cui si lega con l'acido glucuronico. La bilirubina Digilkoronid o la bilirubina coniugata (legata) si formano. È solubile in acqua e attraverso la membrana dell'epatocita attraverso l'escrezione entra nei capillari della bile. Pertanto, il normale trasporto della bilirubina attraverso l'epatocita avviene solo in una direzione, dal flusso sanguigno al capillare della bile.

La bilirubina coniugata viene secreta nei tubuli biliare insieme ad altri componenti della bile. Nell'intestino, sotto l'azione della flora intestinale, la bilirubina viene deconviata e ripristinata a stercobilinogeno e urobilinogeno. Sterobilinogeno si trasforma in stercobilina, viene escreto nelle feci, dando alle feci un colore marrone. L'urobilinogeno viene assorbito nel flusso sanguigno, entra nel fegato ed è ri-escreto nella bile.

La bilirubina ematica di solito è determinata dal metodo di Endrashek, secondo il quale è normale:

  • la concentrazione totale di bilirubina è 6,8-21,0 μmol / l,
  • la concentrazione di bilirubina libera è 1,8-17,1 μmol / L (75% o più del totale),
  • la concentrazione di bilirubina legata è 0,86-4,3 μmol / l (non più del 25% del totale).

Determinazione degli enzimi sierici viene effettuata al fine di identificare l'entità del danno delle cellule del fegato, specialmente di citoplasma e organelli di cellule con permeabilità della membrana compromessa caratterizzanti sindrome citolitica, relative ai parametri di base di attività della patologia epatica, compresa epatite acuta, fase attiva di epatite cronica e cirrosi epatica. L'attività enzimatica viene anche studiata in caso di ostruzione delle vie biliari. Va ricordato che la sensibilità e la specificità di tutti i campioni è limitata e talvolta l'attività degli enzimi aumenta durante i processi extraepatici.

AST e ALT. L'aspartato aminotransferasi (AST, ossalato transaminasi) e alanina aminotransferasi (ALT, transaminasi piruvica) sono gli indicatori più indicativi dei disturbi epatocellulari.

  • AST è normale: 7-40 servizi. unità, 0,1-0,45 μmol / l
  • ALT è normale: 7-40 conv. unità, 0,1-0,68 μmol / l

L'alanina aminotransferasi negli epatociti si trova esclusivamente nel citosol, nell'aspartato aminotransferasi nei mitocondri e nel citosol. Il livello di questi enzimi è nettamente aumentato in caso di necrosi massiva, epatite virale grave, danno epatico tossico, epatite cronica diffusa e focolaio. Con l'ostruzione delle vie biliari, il livello degli enzimi aumenta in minima parte.

Tipicamente, il livello di AST è parallelo al livello di ALT, ad eccezione dell'epatite alcolica, in cui il rapporto AST / ALT può raddoppiare come conseguenza di una diminuzione della quantità di ALT dovuta a una carenza del cofattore piridossina-S-fosfato. Ma l'iperfermetemia (AST e ALT) si sviluppa non solo con danno epatico, ma anche con patologia muscolare, a volte con nefrite acuta, gravi malattie emolitiche, ecc.

La fosfatasi alcalina (fosfatasi alcalina) è normale (a seconda del metodo di ricerca):

  • con uno studio standard di 25-85 UI,
  • nello studio di Costanza - 1.4-4.5 servizi. pz.,
  • a ricerca in King - Armstrong unità - 1,5-4,5 servizi. u
La fosfatasi alcalina riflette la disfunzione delle vie biliari, una maggiore sintesi dell'enzima da parte degli epatociti e dell'epitelio delle vie biliari. L'attività dell'enzima aumenta spesso con l'ostruzione delle vie biliari, colestasi, lesioni e lesioni diffuse del fegato. Per determinare la causa dell'aumentata attività della fosfatasi alcalina, che può essere associata alla patologia del tessuto osseo, dell'intestino e di altri tessuti, viene utilizzato il frazionamento termico. La fosfatasi epatica alcalina è stabile se esposta al calore (56 ° C per 15 minuti).

Gammaglutamyltransferase (GGTP) è normale:

  • negli uomini 15-106 servizi. unità, 250-1770 nmol / l;
  • nelle donne 10-66 conv. unità, 167-1100 nmol / L.
Il gammaglutamiltransferasi catalizza il trasferimento del gruppo glutammina in altri amminoacidi, si trova nel sistema epatobiliare e in altri tessuti ed è l'indicatore più sensibile delle vie biliari. Il livello di GGTP aumenta nelle malattie del pancreas, cuore, reni e polmoni, diabete e alcolismo. Il metodo non è specifico, il che riduce il suo valore diagnostico per la clinica.

Il glutammato deidrogenasi (GDH) è normale: 0-0,9 conv. unità, 0-15 nmol / l. Il livello di GDH aumenta con l'intossicazione acuta da alcol e droghe, con colestasi acuta e tumori epatici.

5'-nucleotidasi normale: 2-17 servizi. unità, 11-12 nmol / L. Aumenta nelle stesse malattie del fegato, che sono accompagnate da un aumento di GGTP e fosfatasi alcalina. Con l'ostruzione delle vie biliari, colestasi e malattie del fegato diffuse, il valore diagnostico dei cambiamenti nell'attività della 5'-nucleotidasi e della fosfatasi alcalina è pressappoco lo stesso.

La lattato deidrogenasi (LDH) è normale: 100-340 servizi. unità, 0,8-4 μmol / L. La lattato deidrogenasi è determinata in tutti i tessuti e la sua misurazione di solito non aiuta nella diagnosi della malattia del fegato. Il livello di LDH è moderatamente aumentato nell'epatite virale acuta, nella cirrosi, nelle metastasi tumorali nel fegato e talvolta nelle malattie delle vie biliari.

Definizione dei prodotti di sintesi

Le proteine ​​del siero riflettono la funzione sintetizzante del fegato. Non sono né segni precoci né indicatori sensibili di malattie del fegato e pertanto non sono di grande valore per la diagnosi differenziale.

  • L'albumina è la principale proteina sintetizzata dal fegato (la norma nel siero è 35-50 g / l). Una diminuzione dei livelli sierici riflette gravi malattie, come la cirrosi epatica.
  • Le globuline sieriche (normali nel siero 20-35 g / l) sono alfa-globuline e beta-globuline, compresa la frazione gamma e le immunoglobuline A, G, M:
    - Gamma globuline sieriche (la norma è 8-17 g / l o 14-21,5% della quantità totale di proteine);
    - Ig A: normale 97-213 unità, 90-450 mg / ml;
    - Ig G: normale 70-236 unità, 565-1765 mg / 10 ml;
    - Ig M: normale 105-207 unità, uomini - 60-250 mg / 100 ml, donne 70-280 mg / 100 ml.
    Un marcato aumento della gamma globulina e delle immunoglobuline viene rilevato con epatite cronica attiva e forme attive di cirrosi epatica.

I fattori di coagulazione del sangue, ad eccezione del fattore VIII, sono sintetizzati nel fegato. L'emivita della maggior parte di loro è di poche ore o giorni. Sintesi dei fattori II, VII, IX e X dipende vitamina K. La possibilità di sintetizzare fegato fattori di coagulazione del sangue vengono valutati determinando il tempo di protrombina (tasso di 11-16 s), che riflette l'interazione di questi fattori (il tasso di conversione della protrombina in trombina in presenza di tromboplastina e calcio). La maggior parte dei fattori di coagulazione dipende dalla vitamina K. Malattie epatiche gravi o croniche del parenchima cronico sono accompagnate da un prolungato tempo di protrombina, che indica una prognosi sfavorevole. aumenta il tempo di protrombina anche quando una carenza di vitamina K. La sua carenza mostra un tempo di discesa della protrombina dopo somministrazione parenterale di vitamina K. Il tempo di tromboplastina parziale, che riflette l'attività di fibrinogeno, protrombina e fattori V, VIII, IX, X, XI e XII nelle malattie epatiche gravi e possono allungarsi.

Il colesterolo, i lipidi e le lipoproteine ​​sono sintetizzati nel fegato. I cambiamenti nel loro contenuto in siero di sangue sono sensibili, ma non gli indicatori specifici di malattia di fegato. Nei pazienti con gravi lesioni parenchimali epatiche, i livelli di colesterolo sono generalmente bassi e i livelli di lipoproteina diminuiscono. La colestasi intra e extraepatica è accompagnata da un aumento dei livelli sierici di colesterolo e fosfolipidi non esterificati.

Gli acidi biliari si formano nel fegato e sono coinvolti nella scomposizione e nell'assorbimento dei grassi. Dal sangue della vena porta entra nel fegato, ma se il parenchima e lo shunt portocavale sono danneggiati, gli acidi biliari possono ritornare nel sangue. La determinazione degli acidi biliari nel siero non ha ancora ricevuto un uso diffuso nella pratica clinica.

L'ammoniaca del sangue (una norma di 19-43 μmol / l) aumenta in alcune malattie epatiche acute e croniche a causa di una violazione del ciclo dell'urea, mediante la quale il fegato disintossica i gruppi amminici. Tuttavia, il valore assoluto di questo indicatore non è correlato con la gravità delle manifestazioni cliniche.

Il test di Bromsulfalein consente di valutare la funzione escretoria del fegato. Dopo somministrazione per via endovenosa di una soluzione sterile al 5% di bromsulfaleina alla velocità di 5 mg / kg, il suo livello sierico diminuisce entro 45 minuti e normalmente rimane non più del 5%, quindi aumenta entro 2 ore, il che riflette il processo di assorbimento di bromsulfaleina da parte del fegato, la sua coniugazione e tornare al sangue. Ma quando si utilizza bromsulfalein possibili reazioni tossiche, che limita l'uso di questo campione.

α-fetoproteina (alfa-fetoproteina). L'indicatore di rigenerazione e crescita tumorale del fegato - α-fetoproteina - nel siero è assente o determinato in concentrazioni minime - inferiore a 15-25 ng / ml. Un aumento significativo (da cinque a otto volte) della α-fetoproteina nel siero è un segno caratteristico del carcinoma epatocellulare. Quando i processi rigenerativi si verificano nel fegato in forme gravi di epatite, la concentrazione di α-fetoproteina aumenta di 1,5-4 volte. Nella clinica, la definizione di α-fetoproteina viene utilizzata come test di screening.

Gli antigeni e gli anticorpi virali hanno un importante valore diagnostico:

  • Nell'epatite virale B nel sangue sono determinati:

- HBs Ag - antigene di superficie;

- Hag Ag - antigene, che indica la replicazione virale;

- HBc Ag - core antigen ("cow");

- anti-HBs - anticorpi all'antigene di superficie;

- anti-HBc - anticorpi contro l'antigene della mucca.

  • Nell'epatite virale D, anti-HDV (anticorpi anti-D) della classe IgM, HBs Ag, che è una membrana del virus D, e altri marker HBV sono rilevati nel sangue.
  • Nell'epatite C virale, anti-HCV IgM e G e HCV RNA, che è un indicatore della replicazione del virus, circolano nel sangue.
  • Gli anticorpi ai mitocondri hanno un importante valore diagnostico. Sono rilevati in titoli alti nel 95% dei pazienti con cirrosi biliare primitiva del fegato, nel 30% dei pazienti con epatite autoimmune cronica e in alcuni pazienti con collagenosi. Questi anticorpi sono assenti in pazienti con ostruzione meccanica delle vie biliari e colangite sclerosante primitiva. Nel 70% dei pazienti con epatite cronica nel sangue, vengono rilevati anticorpi per levigare le fibre muscolari e anticorpi antinucleari a DNA a doppio filamento.

    Quali esami del sangue mostreranno lo stato del fegato?

    Il fegato svolge una serie di funzioni importanti per il nostro corpo, quindi è importante monitorare le sue condizioni. Ci sono una serie di studi che possono raccontare la presenza di patologie. Gli esami del sangue sono uno dei metodi molto accessibili e informativi. Descriveremo in dettaglio quale test del sangue mostra lo stato del fegato.

    Fegato e sue funzioni

    Il fegato si trova sul lato destro nella cavità addominale. Questa è la più grande ghiandola del corpo umano, il suo peso è pari al 2,5% del peso corporeo totale di un adulto. Le funzioni del corpo sono diverse.

    La funzione più importante è secretoria. Il ferro produce la bile, che entra nel duodeno. Non meno importante è la funzione di barriera. Veleni, allergeni e tossine sono neutralizzati nel fegato. È in grado di assorbire particelle nocive, cellule morte e batteri. Il prossimo ruolo è un deposito di proteine, grassi, carboidrati, vitamine, minerali, ormoni ed enzimi.

    Con la malattia del corpo può sentire la gravità e il dolore nel giusto ipocondrio. La pelle gialla e la sclera sono anche caratteristiche della patologia della ghiandola. Le malattie sono spesso accompagnate da letargia, stanchezza, perdita di appetito, nausea, bruciore di stomaco e amarezza in bocca.

    Le malattie comuni includono epatite, fibrosi, cirrosi, steatosi, ascessi e cisti, nonché oncologia maligna. Vi sono amiloidosi, emocromatosi, colangite sclerosante, iperbilirubinemia funzionale.

    In relazione alla varietà di funzioni, al fine di verificare le violazioni del lavoro di un organo, è impossibile fare con una analisi. La diagnostica che può indicare lo stato del fegato comprende: analisi del sangue biochimiche (per gli enzimi AST e ALT, bilirubina, albumina, gamma-glutamil transferasi (GGT) e fosfatasi alcalina) - questi indicatori sono chiamati campioni di fegato. Così come un esame del sangue per i marcatori di virus dell'epatite e cellule tumorali.

    Interpretazione degli indicatori AST e ALT

    L'aspartato aminotransferasi (AST) è un enzima presente in ogni cellula del corpo, ma in maggiore concentrazione nel cuore e nel fegato. Quando il danno al fegato e ai muscoli AST viene rilasciato, il suo contenuto nel sangue inizia a crescere. Ciò è facilitato da varie malattie - epatite, cirrosi, ecc. Inoltre, si osserva un alto valore quando molte tossine entrano nel corpo, che il fegato non riesce a sopportare, a seguito del quale viene distrutto.

    Gli indicatori di fino a 41 unità / l per gli uomini e fino a 31 unità / l per le donne sono considerati normali. I valori più alti si trovano nell'epatite acuta, quando c'è una vasta distruzione della ghiandola.

    Alanina aminotransferasi (ALT) - un enzima, come l'AST, è presente in tutte le cellule. Principalmente localizzata nel fegato e nei reni. In caso di patologia della ghiandola, l'enzima entra nel flusso sanguigno anche prima delle evidenti manifestazioni dei sintomi. La norma per gli uomini è fino a 41 unità / l, per le donne - fino a 33 unità / l. Molto spesso, questi test sono assegnati nel complesso, dal momento che entrambi i risultati sono molto istruttivi e sono fondamentali nella diagnosi di danno a questo organo.

    Viene calcolato anche il rapporto tra ALT e AST. Questo è consigliabile solo nel caso in cui almeno uno degli indicatori sia fuori dal range normale. Questo rapporto è chiamato Coefficient de Ritis. Normalmente, è compreso tra 0.91-1.75. Se il valore è inferiore a 0.91, questo indica la distruzione della ghiandola.

    Test epatici e interpretazione dei risultati

    La bilirubina è un pigmento giallo. Si forma durante la scissione dell'emoglobina (un componente dei globuli rossi). Normalmente, la bilirubina si forma in una quantità di 250-300 mg al giorno. Il pigmento è comune, diretto e indiretto. La velocità della bilirubina totale è di 2,3-20,5 μm / l, diretta - fino a 5,1 μm / l, indirettamente fino a 15,4 μm / l.

    L'aumento della bilirubina prevalentemente diretta indica le seguenti malattie: epatite virale, cirrosi, intossicazione alcolica dell'organo, coledocolitiasi, colangite. L'aumento del pigmento prevalentemente diretto e indiretto parla di malattie come epatite tossica e virale, ascessi, tumori cancerogeni dell'organo e metastasi, cirrosi, echinococcosi, mononucleosi.

    L'albumina è la principale proteina del fegato. Una ghiandola sana produce 150-250 mg / kg di albumina al giorno. Di conseguenza, nell'insufficienza epatica, l'indice proteico diminuirà. Normale per un adulto sono considerati indicatori di 35-53 g / l.

    La proteina diminuisce in insufficienza di fegato, epatite cronica, cirrosi. Il valore scende al di sotto del limite inferiore della norma anche prima della comparsa dei sintomi.

    Fosfatasi alcalina e gamma-glutamiltransferasi (GGT). Le anormalità di questi indicatori indicano una stasi della bile. Le cause più comuni di blocco e violazione del deflusso associato a processi tumorali e blocco della pietra del condotto nella malattia del calcoli biliari. Norma di fosfatasi alcalina per gli uomini - fino a 270 unità / l, per le donne - fino a 240 unità / l. GGT - uomini - 10-71 unità / l, donne - 6-42 unità / l.

    Le analisi per la cirrosi epatica, la malattia più comune, mostreranno un aumento di tutte le frazioni di bilirubina, HCT, fosfatasi alcalina. In relazione al deterioramento del lavoro a pieno titolo, un esame del sangue per la cirrosi epatica mostrerà un contenuto ridotto di proteine ​​albumina.

    Esame del sangue per il cancro al fegato e l'epatite

    Nessuna malattia passa senza lasciare traccia nel corpo, i marcatori aiuteranno a determinare la presenza di antigeni a determinate malattie.

    Marcatori dell'epatite. trascrizione:

    • Marcatore per epatite virale A (HAV) - Anticorpi anti-HAV - IgM, IgM per il virus A. Risultato positivo: anti HAV IgM, anti HAV IgG, Ag HAV, HAV RNA.
    • Anticorpi virali dell'epatite B (HBV) - Anticorpi anti-HBs dell'antigene HBs del virus B. Risultato positivo: Pre-S1, Pre-S2, anti Pre-S2, HBsAg, HBeAg, anti-HBs, anti-HBc IgM, anti -HBc IgG, anti-HBe, HBV DNA, DNA polimerasi.
    • Un marcatore per gli anticorpi anti-epatite C (HCV) -Anti-HCV-totale agli antigeni del virus C. Risultato positivo: Ag HCV, anti-HCV-IgM, anti-HCV-IgG, HCV RNA.

    Marcatore tumorale AFP (alfa-fetoproteina) - un marker per il cancro. La composizione dell'AFP e dell'albumina sono simili. Un risultato patologico è considerato superiore a 10 UI.

    Un alto livello di AFP parla di oncologia maligna, metastasi nella ghiandola di altri tumori, e un alto valore può essere nel cancro embrionale. Un leggero aumento di AFP può indicare cirrosi, epatite e insufficienza renale.

    Preparazione per un esame del sangue

    Si consiglia di venire in laboratorio la mattina. Prima della diagnosi, è importante non mangiare cibo per 8-12 ore, è consentito solo bere acqua. E 'vietato superare l'esame dopo aver bevuto alcol, ne distorce enormemente il risultato, perché il ferro elaborerà attivamente le tossine. Almeno un giorno prima dell'ispezione, escludere le bevande alcoliche e non fumare 1 ora prima della donazione di sangue.

    Per diversi giorni (idealmente una settimana) non esercitare. Per escludere il cibo grasso almeno un giorno prima dell'esame, e alla sera, alla vigilia della diagnosi, non consumare caffè e latticini (è consentito il latte scremato). Per evitare un forte stress è necessario anche per un risultato affidabile. Un certo numero di farmaci può distorcere il risultato dell'esame. È necessario informare il medico in anticipo sull'assunzione di qualsiasi farmaco.

    Le malattie del fegato hanno un enorme impatto su tutto il corpo. La migliore prevenzione è una corretta alimentazione, eliminando le cattive abitudini ed evitando l'assunzione incontrollata di medicinali. Le malattie trascurate delle ghiandole portano a conseguenze irreversibili. Al minimo sospetto di patologia di un organo, è necessario consultare un medico, egli effettuerà il necessario controllo dello stato e fornirà una trascrizione dei risultati diagnostici.

    Indicatori di funzionalità epatica

    Lascia un commento 5,098

    Per determinare correttamente la natura della malattia, è spesso richiesta la biochimica del fegato. L'analisi in ospedale avviene in questo modo: vengono effettuati esami del fegato, cioè il sangue viene esaminato in laboratorio per un complesso di elementi biologici e chimici. Un risultato cattivo o positivo aiuta a identificare la presenza o l'assenza di patologia nel fegato. Determina anche il tipo di deviazioni nella malattia: quanti tessuti biologici sono interessati e in quale forma procede la malattia (acuta o cronica).

    Biochimica del sangue - analisi di laboratorio sulla salute del fegato.

    Indicatori di funzione e loro norme

    Esiste un intero elenco di sostanze contenute nel sangue e determinate dall'analisi biochimica. Quanti enzimi sono concentrati nel corpo determina il grado e il tipo di deviazione funzionale del fegato. Dopo aver esaminato la composizione del sangue, è decifrato. Le più comuni di queste prestazioni cellulari sono:

    • bilirubina: generale, indiretta e diretta;
    • alanina aminotransferasi - ALT;
    • aspartato aminotransferasi - AST;
    • Y-glutamiltransferasi - GGT;
    • fosfatasi alcalina - fosfatasi alcalina;
    • albumina;
    • proteina comune.

    Quando i marker sono ingranditi, significa che la presenza di Y e B-globuline è aumentata nel sangue ed è possibile che il rapporto albumina sia sottostimato. Questa immagine indica la riduzione della funzionalità epatica e l'infiammazione. L'analisi biochimica affidabile di sostanze del sangue è fatta in confronto a indicatori normali. Per un adulto, a seconda del genere, questi sono:

    • AST - 47 unità / l;
    • ALT-37 u / l;
    • GGT- 49 unità / l;
    • bilirubina totale - 8-20 mmol;
    • bilirubina dritta - 15,4 mmol / l;
    • bilirubina indiretta - 4,6 mmol / l;
    • proteine ​​totali - 60-80 g;
    • albumina - 40/60%.
    • AST - 31 unità / l;
    • ALT-31ed / l;
    • GGT-32ed / l;
    • bilirubina totale - 8-20 mmol / l;
    • bilirubina rettilinea - 15,4 mmol;
    • bilirubina indiretta - 4,6 mmol / l;
    • proteine ​​totali - 60-80 g;
    • albumina - 40-60%.
    Torna al sommario

    Decodifica dell'analisi biochimica del fegato

    Se, dopo aver superato le analisi, i risultati hanno mostrato una lieve serie di anomalie e il paziente non mostra sintomi di malattie, l'esame dovrà essere ripetuto nuovamente dopo un breve periodo di tempo. Ciò contribuirà ad evitare diagnosi errate. Dopo aver decifrato il sondaggio, è possibile identificare l'insufficienza epatica o confermare l'assenza di tale. Inoltre, le analisi biochimiche mostrano quanti composti tossici nel corpo, come gli organi affrontano indipendentemente la loro conclusione e come si comporta il metabolismo, la quantità di bile secreta. Sulla base di questi risultati, è possibile giudicare le malattie del fegato. I seguenti fattori sono considerati per la valutazione.

    bilirubina

    Io distinguo 3 tipi di bilirubina nel corpo - ognuno di essi dà la sua caratteristica generale dello stato:

    1. La bilirubina totale è un tipo di pigmento che viene secreto dal fegato dall'emoglobina reagita. Se c'è una violazione nella struttura del tessuto epatico, il suo contenuto nel sangue aumenterà. E tali indicatori possono indicare la presenza di malattie gravi come la cirrosi o l'ittero. In alcuni casi, la quantità di bilirubina totale significa bloccare il passaggio della bile. Con un aumento dei coefficienti, è spesso possibile osservare l'infiammazione dei tessuti. Ed è questa sostanza che produce pigmento giallo nell'epatite.
    2. La bilirubina diritta è parte integrante del generale. Questo composto, come gli altri di questo gruppo, contiene sostanze tossiche. La sua rimozione dal corpo avviene attraverso il flusso della bile. Pertanto, la deviazione degli indicatori suggerisce patologie biliari.
    3. Bilirubina indiretta - è la differenza tra bilirubina totale e diretta. I suoi marcatori aumentano a causa della decomposizione degli elettrociti, che si verifica quando l'infiammazione dei tessuti o l'anemia.

    Aspartato aminotransferasi e alanina aminotransferasi

    L'aspartato aminotransferasi o ATS è un chiaro indicatore di laboratorio di insufficienza epatica. I suoi cambiamenti possono indicare la presenza di anomalie nel miocardio. Quando si osserva un aumento degli enzimi, ciò indica un possibile sviluppo dell'oncologia o della presenza di epatite. Il coefficiente di alanina aminotransferasi (ALT) è una prova diretta della malattia epatica, che richiede molto tempo in forma acuta ed è caratterizzata dalla presenza di infiammazione.

    Tassi troppo cari possono essere osservati nei casi in cui i sintomi non sono ancora evidenti. Ciò rende possibile identificare lo squilibrio funzionale in fase di sviluppo. AST e ALT sono un tipo di enzima. Sono concentrati nelle cellule che svolgono un ruolo importante nel metabolismo degli amminoacidi. Quindi, a seconda di quanto sono contenuti nel corpo, possono essere considerati come un indicatore di necrosi degli epatociti. Il rapporto delle sostanze AST e ALT è calcolato come il cosiddetto indicatore di laboratorio de-Ritis. Se ci sono sospetti di processi infiammatori del fegato di natura cronica, che sono accompagnati da una diminuzione del volume dell'organo (distrofia), il valore sarà più alto. Nell'epatite virale, il valore dell'indicatore sarà inferiore a uno. Quando c'è un aumento nel contenuto di sostanze più di 2 - indica cirrosi alcolica.

    Fosfatasi alcalina

    La modifica della quantità del contenuto di questo composto suggerisce la presenza di oncologia maligna o colestasi. Solo in aggiunta al cambiamento dei risultati dell'analisi biochimica dei liquidi del sangue, nel complesso, anche i valori di altri fattori di questo gruppo dovrebbero cambiare. Ciò è dovuto al fatto che gli elementi della fosfatasi alcalina si trovano anche in altri organi - nell'intestino, nel tessuto osseo, ecc. Se i cambiamenti sono localizzati, questo riflette il decorso delle malattie nelle cellule del fegato.

    Gammaglutamine transpeptidase e albumina

    Il contenuto dell'enzima gammaglutamina transpeptidasi nel sangue analizza i processi di malattie del fegato causate da dipendenza da alcol, infiammazione, colestasi, oncologia. Aumentare il numero di GGTPE, possono anche essere sonniferi, sostanze stupefacenti, tossine e barbiturici. L'albumina, nella sua essenza, è una proteina che svolge il metabolismo del trasporto - fornisce vitamine, acidi, nutrienti, ormoni, ecc. Alle cellule del corpo.I risultati degli esami del sangue durante la formazione del latte materno e la gravidanza possono aumentare leggermente. La riduzione dell'albumina si verifica durante il decorso cronico della malattia.

    Indice di proteine ​​e timolo totali

    Se il rapporto proteico è ridotto in analisi biochimiche - l'ipoproteinemia - può indicare insufficienza epatica, che si presenta in forma cronica. I risultati del test proteina-sintetico possono indicare un eccesso di attività fisica per il corpo e la disidratazione. L'indicatore di timolo è uno studio biochimico che aiuta a determinare la quantità di proteine ​​che il fegato può sintetizzare.

    Una grande concentrazione di proteine ​​può essere osservata nelle cellule del fegato, sono responsabili dell'esecuzione delle funzioni di questo organo. Pertanto, il metabolismo proteico controlla la pressione sanguigna e la mantiene normale, e questo vale anche per la quantità di plasma nel fegato. Inoltre, le proteine ​​contribuiscono alla coagulazione del sangue, forniscono farmaci in tutto il corpo, pigmento bilirubina, colesterolo. Quando si analizza il sangue, fino a 5 unità sono considerate appropriate. Un aumento della norma diagnostica la presenza di epatite di gruppo A.

    Colinesterasi e glutammato deidrogenasi

    HE è un altro gruppo di enzimi delle specie idrolasi. Gli indicatori di questo enzima si riducono in caso di fuoriuscita della bile o durante i processi distruttivi nei tessuti del fegato. La norma di CE è considerata di 5-12 mila unità / l. Il glutammato nelle fibre del fegato è basso ed è possibile determinare le anomalie presenti nel fegato. Se viene superata la concentrazione della sostanza, è possibile diagnosticare la distrofia dell'organo. In relazione al GDG, distinguono una cosa come il coefficiente di Schmidt. È la somma di ATP e LDH divisa per GFH. Aiuta a determinare la presenza di epatite (5-15 unità / l), con manifestazione acuta di 30 unità / l, e con tumori - 10 unità / l.

    Lo squilibrio della lattato deidrogenasi è un satellite di epatite e cirrosi epatica. Torna al sommario

    Lattato deidrogenasi e sorbitolo deidrogenasi

    Il corpo umano è ricco di questo composto - è contenuto nel plasma e nei globuli rossi. La sua norma è 140-350 unità. Con la manifestazione acuta delle isoforme ittero entrano in attività e il suo valore può essere calcolato nei primi giorni dello sviluppo della malattia. Nei casi in cui si verifica la formazione di calcoli biliari, la presenza di LDH diminuisce bruscamente e in modo quasi impercettibile. SLH è una sostanza speciale, la cui comparsa causa lo sviluppo di malattie gravi come la cirrosi e l'epatite di vari gruppi. I suoi indicatori dovrebbero essere considerati rispetto al contesto generale di altri cambiamenti al fine di determinare in modo affidabile il grado di danno.

    Indice di protrombina e colesterolo

    L'indice di protrombina è un fattore responsabile della velocità della coagulazione del sangue. Per questo processo, il fegato produce un enzima speciale, la protrombina, e se la sua concentrazione diminuisce, significa che c'è una compromissione funzionale degli epatociti nel corpo. La sua norma è la concentrazione del 75-142%. Gli enzimi del colesterolo vengono assorbiti nel sangue con il cibo o prodotti dalle cellule del corpo. Il tasso consentito è di circa 2,9-7,8 mmol / l. Le fluttuazioni possono essere causate da tutta una serie di disturbi, e soprattutto spesso si verificano in overdose alcoliche e cirrosi.

    Sangue ammoniacale

    La formazione di questo composto è dovuta al processo di rottura delle molecole di amminoacidi ed è la prova di anomalie nei processi metabolici del fegato causate da gravi deviazioni nelle sue funzioni. La valutazione del contenuto di ammoniaca varia con l'età del paziente. Quindi, per i bambini, le percentuali normali sono comprese nell'intervallo 64-207 mmol / l, negli adulti 11-32 mmol / l.

    Inoltre, quando si analizzano il fluido ematico e le presunte anomalie nella funzionalità epatica, vengono presi in considerazione altri indicatori, quali: indice bromolulemico, che aiuta a indagare sull'indice escretivo; alfa-fetoproteina: descrive le condizioni dei neonati e delle donne in gravidanza; antigeni virali e anticorpi - manifestazioni di infezione da epatite; gli anticorpi ai mitocondri sono indicatori di cirrosi epatica.

    Test biochimici per malattie del fegato

    La prima cosa che un medico suggerisce che un paziente dovrebbe essere sospettato di avere una particolare malattia è donare il sangue. Infatti, i test biochimici per le malattie del fegato possono essere molto utili per uno specialista. Noi, ovviamente, non siamo specialisti, ma è necessario che il paziente sappia quali sono i test di funzionalità per le malattie del fegato. Almeno per possedere informazioni.

    Indicatori di aspartato aminotransferasi (AsAT)

    AsAT è un enzima cellulare che è coinvolto nel metabolismo degli amminoacidi. Poiché in organi importanti come cuore, reni e fegato, è contenuto in quantità sufficienti, un esame del sangue per le malattie del fegato può rivelare il suo alto contenuto. Questo può indicare epatite acuta, cancro al fegato, ittero congestizio o emolitico.

    Standard AsAT:

    • per le donne - non più di 31 unità / l
    • per gli uomini - non più di 41 unità / l

    Indicatori di alanina aminotransferasi (ALT)

    Questo enzima epatico è anche coinvolto nel metabolismo degli amminoacidi. Quando le cellule del fegato (e di altri organi) vengono distrutte nel sangue, la biochimica del sangue per le malattie del fegato come l'epatite cronica e acuta, i tumori e l'ittero congestizio mostrerà i suoi livelli elevati.

    Norme di Alat:

    • per le donne - non più di 31 unità / l
    • per gli uomini - non più di 41 unità / l

    Indicatori di fosfatasi alcalina

    Un partecipante importante nello scambio di acido fosforico. Se il test del sangue per la malattia del fegato ha rivelato il suo livello elevato, allora questo può confermare la malattia epatica tumorale maligna.

    Standard di fosfatasi alcalina:

    • per le donne - non più di 240 u / l
    • per gli uomini - non più di 270 unità / l

    Gamma Glutamyltranspeptidase (gamma GT)

    Il contenuto di questo enzima (coinvolto nella sintesi di aminoacidi) nel sangue di una persona sana è insignificante. Gli indicatori biochimici della funzionalità epatica, caratterizzati da un alto contenuto di questo enzima, possono indicare alcune malattie del fegato, del pancreas e di altri organi del tratto gastrointestinale.

    Norme GGT:

    • per le donne - non più di 32 unità / l
    • per gli uomini - non più di 49 unità / l

    Valori di bilirubina

    Questo prodotto di degradazione dell'emoglobina fa parte della bile e mostra molto bene come funziona il fegato. La bilirubina elevata viene solitamente rilevata con ostruzione delle vie biliari, epatite. La norma non è superiore a 20,5 mmol / l.

    Indicatori di albumina

    Le analisi biochimiche per le malattie del fegato tengono necessariamente conto della quantità di albumina - la principale proteina del sangue, che viene prodotta nel fegato. Quando diminuisce, ci sono motivi per parlare di morte delle cellule del fegato, cirrosi, disturbi dell'assorbimento, ecc. Normalmente, l'albumina è contenuta nel sangue nella quantità di 35-50 g / l.

    Tassi di colinesterasi (HE)

    La colinesterasi si forma nel fegato. I suoi indicatori sono utilizzati per una valutazione più completa della funzionalità epatica. Se un paziente ha malattie epatiche croniche, in particolare la cirrosi, la sua prestazione inizia a diminuire in modo significativo. La norma della colinesterasi è 5300-12900 unità / l.

    Indice protrombina

    La protrombina è uno dei principali indicatori della coagulazione, che caratterizza la coagulazione del sangue. La sua sintesi avviene nel fegato, e le sue analisi in caso di malattia del fegato ci permettono di valutare il lavoro di questo organo, per identificare e confermare le malattie. Gli standard di protrombina sono 78-142%.

    Indicatori del fegato nella biochimica del sangue: normale, con cirrosi

    Il fegato è un organo sottoposto a stress enormi ogni giorno. Passa attraverso ogni minuto fino a un litro e mezzo di sangue, è lei che è una specie di filtro. Stile di vita scorretto, in particolare abuso di alcol, tutti i tipi di infezioni, patologie da altri organi e sistemi: tutto ciò lascia un'impronta importante sul lavoro di questo corpo. Al fine di diagnosticare tempestivamente la malattia del fegato, è necessario sottoporsi a una serie di test di laboratorio seri.

    Il più importante di questi è la biochimica per la cirrosi epatica. Questo test di laboratorio aiuta a identificare il livello degli indici epatici da cui viene valutato lo stato dell'organo più importante. Oltre alla cirrosi, è possibile la diagnosi di varie epatiti.

    Indicazioni per l'analisi

    L'analisi del sangue biochimica per rilevare la patologia del fegato, inclusa la cirrosi, è nominata nei seguenti casi:

    1. Le persone con dipendenza da alcol
    2. Alcolisti e tossicodipendenti che usano più volte le stesse siringhe e gli stessi aghi
    3. Come follow-up dell'efficacia dei farmaci precedentemente prescritti.
    4. Con l'indebolimento dell'immunità associata al fallimento del funzionamento del sistema immunitario nel suo complesso
    5. In caso di violazione dei processi metabolici nel corpo, in particolare il metabolismo sbagliato
    6. Se il conteggio ematico completo mostra alti livelli di ferro nel siero
    7. Con l'ecografia, il medico ha scoperto i cambiamenti nel fegato.

    In tutti questi casi, l'analisi biochimica del sangue presta grande attenzione ai parametri epatici, che possono confermare o smentire la diagnosi precedente.

    I principali indicatori del fegato

    Un esame del sangue per la cirrosi epatica rivela patologia esclusivamente sulla base dei risultati che i test del fegato danno. Se le cifre sono lontane dalla norma, c'è sempre l'opportunità di donare il sangue separatamente per ciascuno di questi enzimi epatici.

    Considera i principali tipi di enzimi responsabili del fegato.

    Quali sono gli indicatori del sangue indicano malattie del fegato?

    Il fegato svolge una neutralizzazione, sintesi proteica e altre funzioni. Con la sua malattia, la sua attività cambia. Quando una parte degli epatociti (cellule del fegato) viene distrutta, gli enzimi contenuti in essi entrano nel sangue. Tutti questi processi si riflettono nello studio biochimico dei cosiddetti campioni di fegato.

    Le principali funzioni del fegato

    Il fegato svolge funzioni vitali, in particolare:

    • rimuove le sostanze nocive dal sangue;
    • converte i nutrienti;
    • preserva minerali e vitamine sani;
    • regola la coagulazione del sangue;
    • produce proteine, enzimi, bile;
    • sintetizza i fattori per combattere le infezioni;
    • rimuove i batteri dal sangue;
    • neutralizza le tossine nel corpo;
    • sostiene l'equilibrio degli ormoni.

    La malattia del fegato può compromettere significativamente la salute umana e persino causare la morte. Questo è il motivo per cui è necessario consultare un medico in tempo e superare il test per i test di funzionalità epatica quando tali segni compaiono:

    • la debolezza;
    • stanchezza;
    • perdita di peso inspiegabile;
    • pelle o sclera itterica;
    • gonfiore dell'addome, delle gambe e intorno agli occhi;
    • urina scura, decolorazione fecale;
    • nausea e vomito;
    • sgabelli sciolti in piedi;
    • pesantezza o dolore nel giusto ipocondrio.

    Indicazioni per lo studio

    Gli esami del fegato forniscono informazioni sullo stato del fegato. Sono definiti in questi casi:

    • diagnosi di malattie croniche come l'epatite C o B;
    • monitoraggio dei possibili effetti collaterali di alcuni farmaci, in particolare degli antibiotici;
    • monitorare l'efficacia del trattamento di una malattia epatica già diagnosticata;
    • determinazione del grado di cirrosi del corpo;
    • il paziente ha una gravità nel quadrante superiore destro, debolezza, nausea, sanguinamento e altri sintomi di malattia epatica;
    • la necessità di un trattamento chirurgico per qualsiasi motivo, così come la pianificazione della gravidanza.

    Molti studi sono utilizzati per valutare la funzione epatica, ma la maggior parte di essi è finalizzata all'identificazione di una singola funzione, ei risultati non riflettono l'attività dell'intero organo. Questo è il motivo per cui tali test epatici hanno ricevuto la massima applicazione nella pratica:

    • alanina aminotransferasi (ALT o ALT);
    • aspartato aminotransferasi (AST o AsAT);
    • albumina;
    • bilirubina.

    I livelli di ALT e AST aumentano quando le cellule del fegato sono danneggiate a causa della malattia di questo organo. L'albumina riflette quanto bene il fegato sintetizza le proteine. Il livello di bilirubina mostra se il fegato affronta la funzione di disintossicazione (neutralizzazione) dei prodotti metabolici tossici e l'escrezione di essi con la bile nell'intestino.

    Cambiamenti nei test di funzionalità epatica non sempre significano che il paziente ha una malattia di questo organo. Solo un medico può valutare il risultato dell'analisi, tenendo conto dei reclami, dell'anamnesi, dei dati dell'esame e di altri test diagnostici.

    I test del fegato più comuni

    I test epatici sono la determinazione di specifiche proteine ​​o enzimi nel sangue. L'anormalità di questi indicatori può essere un segno di malattia del fegato.

    Questo enzima si trova all'interno degli epatociti. È necessario per lo scambio di proteine ​​e quando il danno cellulare entra nel sangue. Il suo aumento è uno dei segni più specifici della rottura delle cellule del fegato. Tuttavia, a causa della natura della determinazione di laboratorio, non tutte le patologie, la sua concentrazione aumenta. Pertanto, negli individui con alcolismo, l'attività di questo enzima è ridotta e nell'analisi si ottengono risultati normali falsi.

    Oltre agli epatociti, questo enzima è presente nelle cellule del cuore e dei muscoli, pertanto la sua definizione isolata non fornisce informazioni sullo stato del fegato. Molto spesso, non viene determinato solo il livello di AST, ma anche il rapporto di ALT / AST. Quest'ultima cifra riflette più accuratamente i danni agli epatociti.

    Fosfatasi alcalina

    Questo enzima si trova nelle cellule del fegato, dei dotti biliari e delle ossa. Pertanto, il suo aumento può indicare un danno non solo agli epatociti, ma anche un blocco dei dotti biliari o, ad esempio, una frattura o un tumore dell'osso. Aumenta anche durante il periodo di crescita intensiva nei bambini, possibilmente aumentando la concentrazione di fosfatasi alcalina e durante la gravidanza.

    albumina

    Questa è la principale proteina sintetizzata dal fegato. Ha molte caratteristiche importanti, ad esempio:

    • trattiene il liquido all'interno dei vasi sanguigni;
    • nutre i tessuti e le cellule;
    • trasporta ormoni e altre sostanze in tutto il corpo.

    L'albumina bassa indica una compromissione della funzionalità epatica sintetica proteica.

    bilirubina

    Il termine "bilirubina totale" comprende la somma della bilirubina indiretta (non coniugata) e diretta (coniugata). Nella scomposizione fisiologica dei globuli rossi, l'emoglobina in essi contenuta viene metabolizzata per formare bilirubina indiretta. Entra nelle cellule del fegato e viene neutralizzato lì. Negli epatociti, la bilirubina indiretta viene convertita in una diretta innocua, che viene escreta nella bile nell'intestino.

    Un aumento nel sangue della bilirubina indiretta indica una maggiore ripartizione dei globuli rossi (ad esempio, nell'anemia emolitica) o un disturbo nella funzione disintossicante del fegato. Un aumento del contenuto di bilirubina diretta è un segno di una pervietà alterata del tratto biliare, per esempio, malattia del calcoli biliari, quando parte di questa sostanza non viene fuori con la bile, ma viene assorbita nel sangue.

    Facendo ricerca

    Se necessario, il medico fornisce istruzioni specifiche su quali farmaci devono essere cancellati prima di eseguire un esame del sangue. Di solito si raccomanda di non assumere cibi grassi e fritti per 2-3 giorni, se possibile, di rifiutarsi di assumere medicinali.

    Il prelievo di sangue viene effettuato nella sala di trattamento della vena cubitale nel solito modo.

    Le complicazioni sono rare. Dopo aver prelevato un campione di sangue, può verificarsi quanto segue:

    • emorragia sotto la pelle nel sito di una puntura venosa;
    • sanguinamento prolungato;
    • svenimento;
    • infezione delle vene con lo sviluppo della flebite.

    Dopo aver preso il sangue, puoi condurre una vita normale. Se il paziente ha le vertigini, è meglio che si riposi per un po 'prima di lasciare la clinica. I risultati dell'analisi sono solitamente pronti il ​​giorno successivo. Secondo questi dati, il medico non sarà in grado di dire esattamente quale tipo di malattia del fegato ci sia, ma elaborerà un ulteriore piano diagnostico.

    Valutazione dei risultati

    Il normale contenuto dei parametri studiati può variare in diversi laboratori ed è contrassegnato sulla forma del risultato. Tuttavia, ci sono regole indicative.

    • ALT: 0,1-0,68 μmol / L o 1,7-11,3 UI / L.
    • AST: 0,1-0,45 μmol / L o 1,7-7,5 UI / L.

    Le ragioni per l'aumento del livello di entrambi gli enzimi:

    • epatite acuta o cronica, cirrosi, fegato grasso;
    • infiammazione del dotto biliare;
    • ittero ostruttivo (ad esempio nella malattia del calcoli biliari);
    • cancro o danno tossico a questo organo;
    • degenerazione grassa acuta in donne in gravidanza;
    • gravi ustioni;
    • anemia emolitica;
    • mononucleosi infettiva;
    • effetti collaterali di anticoagulanti, anestetici, contraccettivi orali;
    • lesione muscolare, dermatomiosite, infarto miocardico, miocardite, miopatia.

    Cause dell'aumento dell'ALV a un livello AST normale o leggermente elevato:

    • infarto polmonare o mesenterico;
    • pancreatite acuta;
    • azione di cloroformio, tetracloruro di carbonio, vitamina C, dopegite, salicilati e il toadstool.

    Il rapporto AST / ALT è chiamato coefficiente di de Rytis, è pari a 1,33. Quando la patologia del fegato diminuisce, con malattie del cuore e dei muscoli aumenta di oltre 1.

    Fosfatasi alcalina: 0,01-0,022 UI / L.

    • epatite, cirrosi, cancro del fegato;
    • colangite;
    • neoplasma della cistifellea;
    • ascesso epatico;
    • cirrosi biliare primitiva;
    • lesione metastatica del fegato;
    • fratture ossee;
    • iperparatiroidismo;
    • La sindrome di Cushing;
    • Sarcoma di Ewing;
    • lesioni tumorali e metastatiche delle ossa;
    • colite ulcerosa;
    • infezioni microbiche intestinali, ad esempio dissenteria;
    • ipertiroidismo;
    • azione di anestetici, albumina, barbiturici, dopegita, FANS, acido nicotinico, metiltestosterone, metiltiouracile, papaverina, sulfonamidi.

    Albumina: la norma nel siero è 35-50 g / l.

    • fame e altre cause di compromissione dell'assorbimento delle proteine ​​nel corpo;
    • epatite acuta e cronica, cirrosi;
    • tumori maligni;
    • gravi malattie infettive;
    • pancreatite;
    • malattie dei reni, intestino, pelle (ustioni);
    • fibrosi cistica;
    • un significativo aumento dell'attività della ghiandola tiroidea;
    • Malattia di Itsenko-Cushing.

    Bilirubina: totale 8,5-20,5 μmol / l, linea retta 2,2-5,1 μmol / l.

    Le ragioni dell'aumento della bilirubina totale:

    • epatite, cirrosi, tumori epatici;
    • ittero di origine meccanica;
    • anemia emolitica;
    • intolleranza al fruttosio;
    • Sindrome di Crigler-Nayar o Dabin-Johnson;
    • Malattia di Gilbert;
    • ittero di neonati.

    Cause dell'aumento della bilirubina diretta nel sangue:

    • ittero di origine meccanica;
    • varie epatiti;
    • colestasi;
    • l'azione di androgeni, mercazolo, penicillina, aminoglicosidi, sulfonamidi, contraccettivi orali e acido nicotinico;
    • Sindrome di Dabin-Johnson o Rotor;
    • diminuita attività tiroidea nei neonati;
    • ascesso nel tessuto epatico;
    • leptospirosi;
    • infiammazione del pancreas;
    • degenerazione del fegato in donne in gravidanza;
    • intossicazione con veleno velenoso.

    Cause di un aumento della bilirubina ematica del sangue:

    • anemia di origine emolitica;
    • sindrome da schiacciamento;
    • Sindrome di Crigler-Nayar, malattia di Gilbert;
    • eritroblastosi;
    • galattosemia e intolleranza al fruttosio;
    • emoglobinuria parossistica;
    • Malattia di Botkin (epatite A);
    • leptospirosi;
    • trombosi venosa della milza;
    • azione di benzene, vitamina K, dopegita, anestetici, FANS, acido nicotinico, tetraciclina, sulfonamidi, veleno di funghi.

    Sindromi biochimiche

    Cambiare la funzione epatica è possibile con diverse patologie. Per evidenziare i danni al fegato, i medici usano appropriate sindromi biochimiche:

    • citolitico (disintegrazione degli epatociti);
    • infiammatorio (infiammazione, compresa la natura autoimmune);
    • colestatico (ristagno della bile).

    La variante citolitica della lesione è prevista con l'aumento di ALT e AST. Per confermarlo, ulteriori analisi sono utilizzate per il contenuto di fruttosio 1-fosfataldolasi, sorbitolo deidrogenasi, ornitilcarbamoiltransferasi, succinato deidrogenasi.

    La concentrazione di ALT e AST può determinare l'attività di epatite e cirrosi:

    Se si sospetta un processo autoimmune, i segni di una lesione infiammatoria mesenchimale sono determinati:

    • Il timolo aumenta più di 7 anni. e.;
    • riduzione del campione sublimatico inferiore a 1,6 y. e.;
    • aumento della gamma globuline superiore a 18 g / l o 22,5%.

    Nell'epatopatia senza componenti autoimmuni, questi campioni potrebbero non cambiare.

    La sindrome colestatica è associata a danni alle pareti dei dotti biliari. Può essere sospettato con quantità crescenti di fosfatasi alcalina e bilirubina. Ulteriori indicatori sono utilizzati per la diagnostica:

    • gamma-glutamiltranspeptidasi (normale 0-49 UI / l);
    • colesterolo totale (normale 3,3-5,2 μmol / l);
    • Colesterolo LDL (normale 1,73-3,5 μmol / l);
    • Colesterolo VLDL (normale 0,1-0,5 μmol / l).

    Interpretare esami del sangue biochimici può essere difficile anche per un medico esperto. Questo è il motivo per cui non è consigliabile impostare una diagnosi basata sui risultati degli esami del fegato. È necessario contattare il proprio gastroenterologo e sottoporsi a ulteriori diagnosi delle condizioni del fegato (ecografia, TC, risonanza magnetica, esami del sangue e delle urine, marcatori dell'epatite e altri studi).

    Lo specialista della Doctor Clinic di Mosca parla di AlAT e AsAT:

    Prove epatiche funzionali di base: decodifica di indicatori, norme *

    Secondo le raccomandazioni della International Federation of Clinical Chemistry, i test possono essere inclusi in un pannello espanso di campioni di fegato:

    • Proteine ​​totali
    • Frazioni proteiche.
    • Fattori di coagulazione del sangue.
    • Acidi biliari.

    Questo articolo parla dei test di screening del fegato obbligatori.

    Bilirubina - provoca aumento

    Tutto su bilirubina. Bilirubina diretta elevata - cosa significa?

    Il pigmento giallo, un prodotto del catabolismo dell'emoglobina, si forma a seguito della morte dei globuli rossi. Ogni giorno, fino a 300 mg di bilirubina tossica non liquida (indiretta) non coniugata, che entra nel fegato, viene coniugata con acido glucuronico e diventa bilirubina non tossica, idrosolubile diretta, entra nel sangue di una persona sana. Quest'ultimo è secreto con la bile nell'intestino, subisce una serie di trasformazioni ed è espulso dal corpo.

    Bilirubina BIL-T totale = ID-BIL non coniugato + D-BIL dritto

    Un aumento della concentrazione di bilirubina totale nel sangue di> 30-50 μmol / l è accompagnato da una colorazione gialla della pelle e delle mucose - ittero. Ma l'iperbilirubinemia si verifica non solo nella patologia del fegato e delle vie biliari; l'ittero è accompagnato da altre malattie.

    Cause frequenti di aumento della concentrazione totale di bilirubina nel sangue

    Epatite acuta / cronica.
    Cirrosi epatica.
    Danno tossico alle cellule del fegato (alcol, droghe, veleni).
    Metastasi del cancro nel fegato.
    Cottura del cancro primario.
    Insufficienza cardiaca (la morte delle cellule epatiche si verifica a causa di ipossia).

    Malattia da calcoli biliari.
    Cancro della testa pancreatica.

    La formazione di troppa bilirubina indiretta a causa della massiccia morte dei globuli rossi.

    Anemia emolitica
    Ittero neonatale
    Anomalie metaboliche ereditarie.

    Albumina di siero / plasma - cause di anormalità

    Il sangue contiene molte proteine ​​diverse (immunoglobuline, enzimi, fattori di coagulazione, ecc.). La frazione di albumina costituisce fino al 60% di tutte le proteine ​​plasmatiche del sangue. Le albumine - proteine ​​di trasporto - sono sintetizzate nel fegato da aminoacidi. Riducendo la concentrazione di albumina può indicare sia la malattia del fegato e altri processi patologici. Le albumine mantengono il volume e la densità del sangue circolante, prevengono la comparsa di edema. L'ascite (accumulo di liquido edematoso nella cavità addominale) può essere una manifestazione di insufficienza epatica.

    Cause dei cambiamenti nella concentrazione di albumina nel plasma sanguigno

    Incapacità delle cellule epatiche alla normale sintesi di albumina.

    Epatite cronica
    Cirrosi epatica.

    Insufficienza alimentare degli amminoacidi nel corpo a causa di malnutrizione, patologia gastrointestinale, compromissione dell'assorbimento degli aminoacidi.

    Dieta priva di proteine
    La malattia di Crohn.
    Il digiuno.

    Malattia renale (sindrome nefrosica).
    Nefropatia incinta.
    Insufficienza renale cronica.

    "Flusso" meccanico di albumina dal plasma al tessuto.

    Lesioni.
    Burns.
    Operazioni.

    Ispessimento del sangue (aumenta la concentrazione di albumina).

    Violazione del regime di bere, disidratazione.
    Assunzione di steroidi anabolizzanti.

    Assottigliamento del sangue (la concentrazione di albumina diminuisce).

    Violazione del regime di bere, sovraidratazione.

    Enzimi epatici - cause dell'aumentata attività nel sangue

    • ALT (o ALT) e AST (o AsAT)
    • GGT (o GGTG, GGTP)
    • Scudo alcalino

    ALT e AST sono elevati - cosa significa?

    In alte concentrazioni trovate nelle cellule del fegato e delle vie biliari, così come (in vari gradi) nelle cellule di altri organi. Gli enzimi intracellulari catalizzano (accelerano) specifiche reazioni biochimiche nella cellula, ma non funzionano al di fuori di essa. Normalmente, entrano nel sangue in pochi lobi scarsi dopo la naturale morte cellulare fisiologica. La distruzione patologica degli organi e la morte delle cellule di massa è accompagnata dal rilascio di un numero enorme di enzimi attivi nel sangue.

    Sebbene ALT, AST, GGT e ALP siano chiamati enzimi "epatici", un aumento della loro concentrazione nel sangue non sempre indica una malattia epatica. Ad esempio, l'AST in grandi quantità è contenuto nel miocardio, pertanto è più ragionevole considerare l'ALT come un indicatore del danno agli epatociti. Fonte extraepatica nota di GGT - i reni e il pancreas.

    La fosfatasi alcalina è abbondante nelle ossa, nelle membrane delle cellule intestinali, nella placenta.

    Un aumento moderato transitorio dell'attività della fosfatasi alcalina nelle donne nell'ultimo trimestre di gravidanza è considerato una variante della norma.

    Cause di aumentata attività ALT (AST) nel sangue

    Epatite virale acuta.
    Epatite tossica acuta (alcolica, medicinale, ecc.)
    Insufficienza epatica acuta a causa di shock cardiogeno.
    Cirrosi epatica.
    Epatite cronica
    Carcinoma epatico primitivo / metastatico.
    Mononucleosi.

    Danni / morte di altri organi e tessuti.

    Cause di aumentata attività GGT nel sangue

    Distruzione / danno alle cellule del fegato, della cistifellea e delle vie biliari.

    Epatite acuta di varia genesi.
    Mononucleosi.
    Malattia da calcoli biliari. Carcinoma epatico primitivo / metastatico.

    Cancro al pancreas
    Pancreatite.
    Diabete.

    L'alcolismo.
    Intossicazione da droghe

    Cause di aumento dell'attività della fosfatasi alcalina nel sangue

    Distruzione / danno alle cellule del fegato, della cistifellea e delle vie biliari.

    Malattia da calcoli biliari. Carcinoma epatico primitivo / metastatico.
    Epatite acuta virale.
    Epatite tossica.
    Epatite attiva cronica
    Cirrosi epatica.
    Mononucleosi.

    Distruzione / danno osseo

    La malattia di Paget.
    Fratture delle ossa
    Tumori ossei primari.
    Metastasi nell'osso
    Iperparatiroidismo.
    Gozzo tossico diffuso.

    Sono aumentati i test epatici - interpretazione

    Legenda:
    > - lieve aumento
    >> - aumento moderato
    > / >> - aumento leggero o moderato
    >>> - aumento elevato (decine, a volte centinaia di volte)

    Come prendere gli esami del fegato

    I test funzionali del fegato vengono eseguiti come parte di un esame del sangue biochimico.

    Preparazione del paziente:
    Non ci sono restrizioni speciali nella dieta prima della ricerca.
    Il sangue viene prelevato per analisi al mattino, rigorosamente a stomaco vuoto (dopo il sonno non bere, mangiare, non fumare).
    Per evitare livelli di GGT falsamente elevati, è necessario interrompere l'assunzione di alcol 3 giorni prima della donazione di sangue (l'alcol stimola la produzione di questo enzima).

    Requisiti per un campione di sangue per test del fegato:
    Per l'analisi assumere 5 ml di sangue venoso.
    Per evitare l'albumina falso-alta, un laccio emostatico prima che venga imposto il prelievo di sangue per non più di 1-2 minuti.
    Per evitare la bilirubina falso-bassa, un campione di sangue viene conservato e trasportato al buio (sotto l'azione della luce, la bilirubina viene distrutta).

    L'effetto dei farmaci sugli esami del fegato

    Il danno al fegato e i cambiamenti nell'attività degli enzimi epatici possono essere causati da molti farmaci.

    • Antibiotici (in particolare farmaci anti-tubercolari).
    • Paracetamolo.
    • Aspirina.
    • Antidepressivi.
    • Barbiturici.
    • Fenitoina.
    • Contraccettivi orali.
    • Farmaci citotossici (chemioterapia).
    • e molti altri.

    Prima di donare il sangue per gli esami del fegato, un paziente che assume regolarmente farmaci (per diabete, ipertensione, terapia ormonale sostitutiva, ecc.) Dovrebbe informare il medico di laboratorio.

    Test funzionali del fegato - test diagnostici di screening progettati per identificare i segni di patologia del fegato e delle vie biliari. Questi test da soli non sono sufficienti per fare una diagnosi definitiva.

    I test di funzionalità epatica sono diversi dal normale? Per scoprire il motivo, fare riferimento al medico - egli prescriverà un esame aggiuntivo individuale, chiarire la diagnosi, scegliere un trattamento.

    Indicatori di aspartato aminotransferasi (AsAT)

    AsAT è un enzima cellulare che è coinvolto nel metabolismo degli amminoacidi. Poiché in organi importanti come cuore, reni e fegato, è contenuto in quantità sufficienti, un esame del sangue per le malattie del fegato può rivelare il suo alto contenuto. Questo può indicare epatite acuta, cancro al fegato, ittero congestizio o emolitico.

    Standard AsAT:

    • per le donne - non più di 31 unità / l
    • per gli uomini - non più di 41 unità / l

    Indicatori di alanina aminotransferasi (ALT)

    Questo enzima epatico è anche coinvolto nel metabolismo degli amminoacidi. Quando le cellule del fegato (e di altri organi) vengono distrutte nel sangue, la biochimica del sangue per le malattie del fegato come l'epatite cronica e acuta, i tumori e l'ittero congestizio mostrerà i suoi livelli elevati.

    Norme di Alat:

    • per le donne - non più di 31 unità / l
    • per gli uomini - non più di 41 unità / l

    Indicatori di fosfatasi alcalina

    Un partecipante importante nello scambio di acido fosforico. Se il test del sangue per la malattia del fegato ha rivelato il suo livello elevato, allora questo può confermare la malattia epatica tumorale maligna.

    Standard di fosfatasi alcalina:

    • per le donne - non più di 240 u / l
    • per gli uomini - non più di 270 unità / l

    Gamma Glutamyltranspeptidase (gamma GT)

    Il contenuto di questo enzima (coinvolto nella sintesi di aminoacidi) nel sangue di una persona sana è insignificante. Gli indicatori biochimici della funzionalità epatica, caratterizzati da un alto contenuto di questo enzima, possono indicare alcune malattie del fegato, del pancreas e di altri organi del tratto gastrointestinale.

    Norme GGT:

    • per le donne - non più di 32 unità / l
    • per gli uomini - non più di 49 unità / l

    Valori di bilirubina

    Questo prodotto di degradazione dell'emoglobina fa parte della bile e mostra molto bene come funziona il fegato. La bilirubina elevata viene solitamente rilevata con ostruzione delle vie biliari, epatite. La norma non è superiore a 20,5 mmol / l.

    Indicatori di albumina

    Le analisi biochimiche per le malattie del fegato tengono necessariamente conto della quantità di albumina - la principale proteina del sangue, che viene prodotta nel fegato. Quando diminuisce, ci sono motivi per parlare di morte delle cellule del fegato, cirrosi, disturbi dell'assorbimento, ecc. Normalmente, l'albumina è contenuta nel sangue nella quantità di 35-50 g / l.

    Tassi di colinesterasi (HE)

    La colinesterasi si forma nel fegato. I suoi indicatori sono utilizzati per una valutazione più completa della funzionalità epatica. Se un paziente ha malattie epatiche croniche, in particolare la cirrosi, la sua prestazione inizia a diminuire in modo significativo. La norma della colinesterasi è 5300-12900 unità / l.

    Indice protrombina

    La protrombina è uno dei principali indicatori della coagulazione, che caratterizza la coagulazione del sangue. La sua sintesi avviene nel fegato, e le sue analisi in caso di malattia del fegato ci permettono di valutare il lavoro di questo organo, per identificare e confermare le malattie. Gli standard di protrombina sono 78-142%.

    Fegato e sue funzioni

    Il fegato si trova sul lato destro nella cavità addominale. Questa è la più grande ghiandola del corpo umano, il suo peso è pari al 2,5% del peso corporeo totale di un adulto. Le funzioni del corpo sono diverse.

    La funzione più importante è secretoria. Il ferro produce la bile, che entra nel duodeno. Non meno importante è la funzione di barriera. Veleni, allergeni e tossine sono neutralizzati nel fegato. È in grado di assorbire particelle nocive, cellule morte e batteri. Il prossimo ruolo è un deposito di proteine, grassi, carboidrati, vitamine, minerali, ormoni ed enzimi.

    Con la malattia del corpo può sentire la gravità e il dolore nel giusto ipocondrio. La pelle gialla e la sclera sono anche caratteristiche della patologia della ghiandola. Le malattie sono spesso accompagnate da letargia, stanchezza, perdita di appetito, nausea, bruciore di stomaco e amarezza in bocca.

    Le malattie comuni includono epatite, fibrosi, cirrosi, steatosi, ascessi e cisti, nonché oncologia maligna. Vi sono amiloidosi, emocromatosi, colangite sclerosante, iperbilirubinemia funzionale.

    In relazione alla varietà di funzioni, al fine di verificare le violazioni del lavoro di un organo, è impossibile fare con una analisi. La diagnostica che può indicare lo stato del fegato comprende: analisi del sangue biochimiche (per gli enzimi AST e ALT, bilirubina, albumina, gamma-glutamil transferasi (GGT) e fosfatasi alcalina) - questi indicatori sono chiamati campioni di fegato. Così come un esame del sangue per i marcatori di virus dell'epatite e cellule tumorali.

    Interpretazione degli indicatori AST e ALT

    L'aspartato aminotransferasi (AST) è un enzima presente in ogni cellula del corpo, ma in maggiore concentrazione nel cuore e nel fegato. Quando il danno al fegato e ai muscoli AST viene rilasciato, il suo contenuto nel sangue inizia a crescere. Ciò è facilitato da varie malattie - epatite, cirrosi, ecc. Inoltre, si osserva un alto valore quando molte tossine entrano nel corpo, che il fegato non riesce a sopportare, a seguito del quale viene distrutto.

    Gli indicatori di fino a 41 unità / l per gli uomini e fino a 31 unità / l per le donne sono considerati normali. I valori più alti si trovano nell'epatite acuta, quando c'è una vasta distruzione della ghiandola.

    Alanina aminotransferasi (ALT) - un enzima, come l'AST, è presente in tutte le cellule. Principalmente localizzata nel fegato e nei reni. In caso di patologia della ghiandola, l'enzima entra nel flusso sanguigno anche prima delle evidenti manifestazioni dei sintomi. La norma per gli uomini è fino a 41 unità / l, per le donne - fino a 33 unità / l. Molto spesso, questi test sono assegnati nel complesso, dal momento che entrambi i risultati sono molto istruttivi e sono fondamentali nella diagnosi di danno a questo organo.

    Viene calcolato anche il rapporto tra ALT e AST. Questo è consigliabile solo nel caso in cui almeno uno degli indicatori sia fuori dal range normale. Questo rapporto è chiamato Coefficient de Ritis. Normalmente, è compreso tra 0.91-1.75. Se il valore è inferiore a 0.91, questo indica la distruzione della ghiandola.

    Test epatici e interpretazione dei risultati

    La bilirubina è un pigmento giallo. Si forma durante la scissione dell'emoglobina (un componente dei globuli rossi). Normalmente, la bilirubina si forma in una quantità di 250-300 mg al giorno. Il pigmento è comune, diretto e indiretto. La velocità della bilirubina totale è di 2,3-20,5 μm / l, diretta - fino a 5,1 μm / l, indirettamente fino a 15,4 μm / l.

    L'aumento della bilirubina prevalentemente diretta indica le seguenti malattie: epatite virale, cirrosi, intossicazione alcolica dell'organo, coledocolitiasi, colangite. L'aumento del pigmento prevalentemente diretto e indiretto parla di malattie come epatite tossica e virale, ascessi, tumori cancerogeni dell'organo e metastasi, cirrosi, echinococcosi, mononucleosi.

    L'albumina è la principale proteina del fegato. Una ghiandola sana produce 150-250 mg / kg di albumina al giorno. Di conseguenza, nell'insufficienza epatica, l'indice proteico diminuirà. Normale per un adulto sono considerati indicatori di 35-53 g / l.

    La proteina diminuisce in insufficienza di fegato, epatite cronica, cirrosi. Il valore scende al di sotto del limite inferiore della norma anche prima della comparsa dei sintomi.

    Fosfatasi alcalina e gamma-glutamiltransferasi (GGT). Le anormalità di questi indicatori indicano una stasi della bile. Le cause più comuni di blocco e violazione del deflusso associato a processi tumorali e blocco della pietra del condotto nella malattia del calcoli biliari. Norma di fosfatasi alcalina per gli uomini - fino a 270 unità / l, per le donne - fino a 240 unità / l. GGT - uomini - 10-71 unità / l, donne - 6-42 unità / l.

    Le analisi per la cirrosi epatica, la malattia più comune, mostreranno un aumento di tutte le frazioni di bilirubina, HCT, fosfatasi alcalina. In relazione al deterioramento del lavoro a pieno titolo, un esame del sangue per la cirrosi epatica mostrerà un contenuto ridotto di proteine ​​albumina.

    Esame del sangue per il cancro al fegato e l'epatite

    Nessuna malattia passa senza lasciare traccia nel corpo, i marcatori aiuteranno a determinare la presenza di antigeni a determinate malattie.

    Marcatori dell'epatite. trascrizione:

    • Marcatore per epatite virale A (HAV) - Anticorpi anti-HAV - IgM, IgM per il virus A. Risultato positivo: anti HAV IgM, anti HAV IgG, Ag HAV, HAV RNA.
    • Anticorpi virali dell'epatite B (HBV) - Anticorpi anti-HBs dell'antigene HBs del virus B. Risultato positivo: Pre-S1, Pre-S2, anti Pre-S2, HBsAg, HBeAg, anti-HBs, anti-HBc IgM, anti -HBc IgG, anti-HBe, HBV DNA, DNA polimerasi.
    • Un marcatore per gli anticorpi anti-epatite C (HCV) -Anti-HCV-totale agli antigeni del virus C. Risultato positivo: Ag HCV, anti-HCV-IgM, anti-HCV-IgG, HCV RNA.

    Marcatore tumorale AFP (alfa-fetoproteina) - un marker per il cancro. La composizione dell'AFP e dell'albumina sono simili. Un risultato patologico è considerato superiore a 10 UI.

    Un alto livello di AFP parla di oncologia maligna, metastasi nella ghiandola di altri tumori, e un alto valore può essere nel cancro embrionale. Un leggero aumento di AFP può indicare cirrosi, epatite e insufficienza renale.

    A proposito della malattia

    Una malattia in cui c'è un cambiamento nei tessuti del fegato, nel tempo che porta a insufficienza epatica, un aumento della pressione nei tributari della vena porta e di per sé, si chiama cirrosi del fegato. È una malattia cronica che progredisce nel tempo.

    Le cause della cirrosi sono diverse, principalmente:

    • l'alcolismo;
    • epatite virale;
    • pietre della cistifellea;
    • intossicazione tossica;
    • infezione da elminti;
    • malattie autoimmuni.

    I sintomi della malattia sono i seguenti:

    • una persona si sente debole, stanca rapidamente;
    • il sonno è disturbato;
    • perdita di peso si verifica;
    • cambiare il colore delle urine;
    • prurito è osservato nella pelle;
    • la digestione è rotta;
    • una persona diventa irritabile, apatica, facilmente eccitata;
    • potrebbe esserci un aumento della temperatura.

    Nelle fasi successive dello sviluppo della malattia, la pelle e la sclera degli occhi diventano gialle, compare dolore nella zona del fegato e la persona si ammala e vomita.

    La diagnosi di cirrosi epatica si basa su quanto segue: si esegue un'ecografia, si esegue una biopsia tissutale, si effettuano esami del sangue per la cirrosi epatica.

    Quali esami del sangue dovrebbero essere fatti per diagnosticare la malattia

    Quali test devono passare per diagnosticare la malattia? Un esame del sangue per la cirrosi epatica può essere suddiviso nei seguenti sottogruppi:

    • biochimica. Gli indicatori di bilirubin, aspara-aminotransferase e alanine-aminotransferase sono studiati. Secondo gli indicatori ottenuti, il fegato viene valutato e viene rilevata la cirrosi;
    • gli enzimi vengono analizzati per il rilevamento dell'infiammazione, dal momento che è sullo sfondo di un processo infiammatorio di lunga durata che spesso la cirrosi inizia a sviluppare;
    • quando si trova la cirrosi in un paziente, vengono eseguiti dei test che determinano la causa della sua insorgenza. Grazie a queste analisi, il medico prescrive il giusto corso di trattamento;
    • ulteriori studi sono stati fatti che confermano la diagnosi. Ad esempio, viene assegnato un esame del computer.

    Per diagnosticare accuratamente la cirrosi epatica, è necessario esaminare completamente il proprio corpo, per conoscere i principali indicatori dei test di funzionalità epatica. Quando il paziente visita la struttura medica, sarà programmato un medico per le analisi del sangue generali, l'urina e le feci dovranno essere prese per l'esame. Quindi verrà scritta la direzione per la consegna delle analisi biochimiche, dopo di che è possibile trarre una conclusione sulla presenza della malattia e sullo stato del fegato. Ancora sarà necessario fare una biopsia epatica.

    Su esami del sangue per malattia

    La malattia stessa e la sua causa possono essere determinate da un esame del sangue.

    1. La prima cosa che un paziente deve fare è avere un esame emocromocitometrico completo. Il risultato indica se c'è un processo infiammatorio nel corpo del paziente. I valori ematici per la cirrosi epatica nella decodifica sono i seguenti:

    • i livelli di emoglobina diminuiscono. L'indice di emoglobina normale per le donne è di almeno 120 g / l, per gli uomini - almeno 130 g / l;
    • aumento del numero dei globuli bianchi;
    • ci sono cambiamenti nella composizione proteica del sangue;
    • Aumenti di ESR. Per gli uomini, questa cifra diventa superiore a 10 mm / h, per le donne - 15 mm / h;
    • contenuto di albumina ridotto.

    2. Oltre all'analisi generale, vengono effettuati test del fegato per la presenza della malattia:

    • gli indicatori dell'enzima epatico aspart-aminotransferase o AST non devono superare 41 U / L. Nella cirrosi epatica, l'analisi dovrebbe mostrare un aumento, il che significa che le cellule del fegato muoiono. AST è giudicato sulla profondità della lesione;
    • L'enzima epatico normale ALT o alanina aminotransferasi deve essere nell'intervallo non inferiore a 0,5 μmol e non superiore a 2 μmol. Un esame del sangue per cancro al fegato e cirrosi AST e ALT può essere cinque volte o più sopra la norma. ALT determina il volume del fegato interessato;
    • a causa del fatto che le cellule del fegato muoiono, l'indice lattico deidrogenasi aumenta;
    • la fosfatasi alcalina normale non deve essere superiore a 140 UI / l. In presenza di una malattia, il loro aumento si verifica;
    • un aumento della gamma-glutamil transpeptidasi può significare che ci sono alcuni disturbi nel tratto biliare. Con l'abuso di bevande alcoliche, questa cifra aumenta anche. Il suo valore normale non dovrebbe superare 61 UI / l per gli uomini, la metà per le donne per le donne.

    Gli indicatori principali che indicano che il paziente ha cirrosi sono i valori di alanina aminotransferasi e aspartato aminotransferasi. Determinano come funziona il fegato.

    3. Vengono prelevati campioni di fegato per determinare la causa della cirrosi. Questi sono i seguenti indicatori:

    • per l'individuazione del test dell'epatite C cronica per la presenza di anticorpi contro gli antigeni nucleari;
    • viene fornito un test per la rilevazione di anticorpi contro l'epatite B e C;
    • ceruloplasmin è determinato a rilevare la distrofia epatocerebrale;
    • per assicurarsi che il paziente sia malato di cirrosi biliare, è necessario passare un campione per la presenza di anticorpi anti-mitocondriale;
    • La conoscenza del livello di antitripsina alfa1 rende possibile determinare l'indicatore di ferro e quindi assicurarsi che il paziente non abbia malattie del sangue.

    Se il paziente ha cirrosi epatica, ci sono cambiamenti negli ormoni nel sangue, poiché la sintesi di molti di essi avviene nel fegato. Test ormonali, se un paziente ha questa malattia, mostrerà elevati livelli di estrogeni, insulina e testosterone ridotto.

    Informazioni sull'analisi biochimica

    Questa analisi conclude in quale fase si trova la malattia. I seguenti indicatori di biochimica sono controllati:

    • bilirubina;
    • globuline;
    • aptoglobina;
    • enzimi epatici speciali (arginasi, fruttosio-1-fosfatololasi),
    • tempo di protrombina;
    • fosfatasi alcalina;
    • alanina aminotransferasi e aspartato aminotransferasi.

    Con la malattia aumentano.

    Il valore degli indicatori: colesterolo, albumina, urea e protrombina, al contrario, con la malattia diminuisce.

    Un indicatore chiave della biochimica è la bilirubina nella cirrosi epatica. È caratterizzato da 2 stati: diretto (libero) e indiretto (associato). La norma della bilirubina legata non è superiore a 4,3 μmol / l.

    Con l'aumento di questi indicatori, il paziente cambierà il colore delle feci, la sclera della pelle e degli occhi assumerà una sfumatura giallastra, la pelle pruriginosa apparirà.

    Il tasso di bilirubina libera non supera 17,1 μmol / l. Gli indicatori di bilirubina libera con cirrosi epatica sono in aumento. Gli indicatori della bilirubina totale devono essere compresi nell'intervallo specificato: da 8,5 μmol / l a 20,5.

    Il medico analizzerà tutte le trascrizioni ricevute dei test passati e farà una diagnosi.

    Determinazione della gravità

    Per determinare la gravità della malattia utilizzando i risultati della ricerca. In questo caso, usa la classificazione di Child-Pugh.