Come si basa il carciofo per il fegato e le droghe?

Trattamento

Nel trattamento delle patologie epatiche nella medicina popolare sono state utilizzate piante medicinali largamente utilizzate. Uno di questi è un carciofo per il fegato, che può essere tranquillamente definito epatoprotettore di piante con proprietà curative uniche. Sulla sua base, vengono preparati decotti, infusi aggiunti alla composizione delle tasse di impianto.

L'industria farmaceutica produce farmaci e integratori alimentari con estratto di carciofo, la cui popolarità è spiegata dalla composizione naturale e dall'effetto terapeutico pronunciato.

Carciofo: pianta caratteristica

Il carciofo è una pianta perenne della famiglia Aster. La sua patria - i paesi del Mediterraneo e del Sud America. Questa pianta senza pretese sembra un cardo, ha un gambo massiccio, che raggiunge i 2 metri di altezza, con ampie foglie pennute e grandi infiorescenze carnose che vengono mangiate. In realtà, i cestini di carciofi sono la gemma chiusa di un fiore futuro. Sono apprezzati per il loro gusto e sapore speciali, aggiunti alle insalate, trattati termicamente (bolliti, in umido, al forno), fatti i contorni, aggiunti al ripieno di torta, ai dessert, marinati o conservati.

Il carciofo è usato non solo in cucina. I guaritori dell'antico Egitto e della Grecia conoscevano le sue proprietà curative e applicavano con successo la pianta nel trattamento degli organi interni. Il frutto fresco di carciofo veniva usato per combattere i reumatismi, lo scorbuto, la gotta, il cuore e le malattie del fegato 5000 anni fa. Studi di scienziati moderni hanno confermato il beneficio del carciofo per gli organi digestivi, che i farmacisti hanno immediatamente adottato e creato sulla base di preparazioni con proprietà epatoprotettive che forniscono protezione e ripristino delle cellule epatiche.

L'effetto terapeutico del carciofo è dovuto alla sua composizione chimica unica. I gambi, le foglie e le infiorescenze della pianta contengono cinarina, che stimola il fegato, attiva la produzione e l'escrezione della bile e ha un effetto benefico sul lavoro del tratto digestivo nel suo complesso. Inoltre, il carciofo contiene un magazzino di sostanze bioattive che influenzano positivamente i processi metabolici nel fegato. Tra loro ci sono:

  • sali minerali;
  • acidi organici (caffeina, glicerina, clorogenica);
  • flavonoidi;
  • un complesso di vitamine (A, B, C, PP);
  • polisaccaridi (inclusa l'inulina);
  • tannini;
  • pectine;
  • oligoelementi (potassio, calcio, magnesio, sodio, ferro, fosforo, rame, molibdeno, zinco, ecc.)

Proteine, grassi e carboidrati contenuti nei fiori di carciofo sono materiali per la costruzione di amminoacidi essenziali e per il fegato per la sintesi di ormoni ed enzimi essenziali. Le vitamine supportano la respirazione cellulare, aiutano a rinforzare le pareti vascolari, prevengono gli effetti negativi dei radicali liberi, rafforzano il sistema immunitario. Gli acidi organici attivano il metabolismo energetico, le sostanze minerali - mantengono l'equilibrio idrico ed elettrolitico, assicurano la conduttività del tessuto.

I benefici del carciofo per il fegato

In relazione al fegato, il carciofo ha effetti antinfiammatori, epatoprotettivi e rigeneranti. L'uso di ricette popolari o preparati basati su questa pianta migliora significativamente lo stato funzionale dell'organo stimolando l'escrezione e il deflusso della bile, attivando i processi biochimici nei tessuti del parenchima, normalizzando il metabolismo dei grassi, riducendo la produzione di colesterolo "cattivo".

A causa del contenuto di sostanze bioattive, il carciofo riduce la gravità delle reazioni infiammatorie nell'epatite, protegge il parenchima epatico e contribuisce al rinnovo degli epatociti a livello cellulare. L'accelerazione dei processi biochimici, in particolare il metabolismo dei lipidi, impedisce lo sviluppo dell'epatosi, in cui le cellule epatiche normali vengono sostituite dal tessuto adiposo.

La pianta ha un lieve effetto diuretico, riduce il gonfiore associato a molte patologie epatiche. I preparati e i rimedi popolari a base di carciofo hanno un effetto coleretico, grazie al quale la stagnazione viene eliminata e le funzioni del sistema biliare sono normalizzate, il che ha un effetto benefico sul lavoro del fegato e del tratto digestivo nel suo complesso.

Vitamine e acidi organici contenuti nel carciofo, si accumulano nel fegato, sono coinvolti nei processi metabolici, nella produzione di ormoni, colesterolo, bilirubina e bile. Inoltre, agiscono come antiossidanti, aiutano a purificare il corpo, accelerare l'escrezione di sostanze tossiche e rafforzare il sistema immunitario.

Indicazioni per l'uso

Si raccomanda di includere i rimedi a base di carciofo nel trattamento alle seguenti condizioni:

  • epatite cronica;
  • le fasi iniziali della cirrosi;
  • colangite (infiammazione dei dotti biliari);
  • danno epatico tossico ed alcolico;
  • eliminazione di edema e manifestazioni dispeptiche (distensione addominale, dolore nell'ipocondrio destro, nausea, stitichezza, ecc.).

Il carciofo può essere utilizzato anche per scopi profilattici, in caso di intossicazione cronica del corpo, presenza di malattie concomitanti della cistifellea, del dotto biliare o del pancreas, patologie del cuore e dei vasi sanguigni, problemi al tratto gastrointestinale, che influiscono negativamente sul fegato.

Controindicazioni

Il trattamento del fegato con carciofo ha una serie di controindicazioni. I fondi basati su di esso hanno un marcato effetto coleretico, quindi non possono essere assunti in presenza di calcoli nella cistifellea (colelitiasi), una forma acuta di pancreatite, insufficienza renale ed epatica grave. Non è consigliabile utilizzare il carciofo per la gastrite con bassa acidità, ulcera gastrica, ipertensione (pressione alta).

Altre controindicazioni includono l'ipersensibilità individuale al carciofo o ai componenti di preparati a base di esso, l'età del bambino (fino a 12 anni). Durante il periodo di gravidanza e allattamento, è possibile prendere denaro con carciofo solo dopo aver consultato il proprio medico.

Preparati di carciofo per il fegato

Il fegato è il principale filtro del corpo, quindi qualsiasi malfunzionamento del corpo porta all'intossicazione del corpo. Se la ghiandola più importante non affronta le sue funzioni, i prodotti di decomposizione, gli acidi biliari, il colesterolo "cattivo", il pigmento bilirubina biliare e altre sostanze nocive si accumulano nel sangue. Prima di tutto, influenzano negativamente il tessuto cerebrale e il sistema nervoso, di conseguenza il paziente diventa eccessivamente nervoso, irritabile, ansioso, si lamenta di problemi di memoria, concentrazione e si tuffa in uno stato di depressione.

Man mano che il processo patologico si sviluppa, aumenta la gravità degli altri sintomi. C'è dolore nel giusto ipocondrio, nausea, manifestazioni dispeptiche. In futuro, segni specifici indicano danni al fegato, edema, gonfiore della pelle e sclera, comparsa di macchie caratteristiche sulla pelle, aumento delle dimensioni dell'addome.

La complessa terapia delle patologie epatiche include spesso farmaci basati su rimedi naturali a base di erbe che mostrano una buona efficacia con un numero minimo di controindicazioni ed effetti collaterali. Considerare i prodotti a base di carciofo più popolari usati nel trattamento delle malattie del fegato:

Hofitol

Le proprietà terapeutiche del farmaco sono dovute al complesso di sostanze biologicamente attive contenute nelle foglie del carciofo. Hofitol è prodotto sotto forma di compresse e soluzione destinate alla somministrazione orale. Le compresse contengono estratto di carciofo in forma secca, la soluzione consiste in un estratto acquoso denso della pianta, sciolto in una base di alcool etilico e integrato con un aroma di arancia per migliorare il gusto.

L'Hofitol ha un pronunciato effetto coleretico ed epatoprotettivo, normalizza i processi metabolici nel fegato, attiva la funzione della formazione della bile e dell'escrezione biliare, riduce il livello di colesterolo e acido urico nel plasma sanguigno.

Indicazioni per l'uso del farmaco sono malattie del fegato e delle vie biliari. Hofitol prescritto nelle seguenti condizioni:

  • le fasi iniziali della cirrosi;
  • epatite cronica;
  • intossicazione da sali di metalli pesanti, alcaloidi e altri composti epatotossici;
  • epatite grassa, obesità.

L'assunzione del farmaco aiuta a migliorare il funzionamento del fegato in presenza di malattie concomitanti - colecistite senza calcoli, dispepsia, discinesia biliare, alterazioni aterosclerotiche, patologie renali.

Il medico seleziona il dosaggio dei farmaci individualmente. La dose standard per gli adulti è di 3 compresse al giorno, 1 pz. ad ogni ricevimento. Soluzione di Hofitol diluita con acqua prima dell'uso e assumere 1 misurino 3 volte al giorno.

Un rimedio naturale è ben tollerato dai pazienti, raramente causa effetti collaterali, ma ha alcune limitazioni da usare. Controindicazioni all'appuntamento Hofitola sono forme acute di malattia del fegato, malattie renali, ostruzione delle vie biliari, presenza di calcoli nella cistifellea.

"Estratto di carciofo"

Famose serie di integratori alimentari della ditta Evalar, usati per mantenere la salute del fegato. Disponibile in due versioni: sotto forma di compresse e capsule contenenti estratto secco di foglie di carciofo. I farmaci forniscono un lieve effetto diuretico, coleretico e disintossicante. Proteggere le cellule del fegato dalla distruzione e promuovere la loro rigenerazione, avere un effetto ipolipemizzante, cioè ridurre la produzione di colesterolo dannoso a bassa densità.

Il farmaco "Estratto di carciofo" migliora la digestione e riduce il carico sul fegato quando si mangia cibi grassi, fritti e molti carboidrati. Inoltre, l'additivo biologicamente attivo aiuta ad accelerare l'eliminazione delle tossine, protegge il parenchima epatico dagli effetti distruttivi dell'alcool, aiuta a ridurre il gonfiore rimuovendo il fluido in eccesso dal corpo. BAA migliora i processi biochimici, normalizza il metabolismo del colesterolo, dei lipidi e delle proteine ​​nelle cellule del fegato.

Il farmaco è raccomandato per l'epatite cronica, intossicazione del corpo (medicinali, chimici, alcolici), per violazioni del deflusso della bile, patologie della cistifellea, reni, manifestazioni dispeptiche.

"Estratto di carciofo" viene preso 1 compressa o capsula 3-4 volte al giorno, con abbondante acqua. In media, il ciclo di trattamento dura 3-4 settimane, dopo di che si dovrebbe fare una pausa. Ha poche controindicazioni - intolleranza individuale, ostruzione delle vie biliari e forme gravi di patologie epatiche.

Tsinaholin

Il farmaco sotto forma di un estratto alcolico dalle foglie di carciofo è un liquido denso e marrone con un odore caratteristico e specifico. Tsinakholin attiva la produzione di bile, accelera la sua escrezione, riduce il livello di colesterolo nel sangue, normalizza i processi metabolici nel fegato e stimola la sua rigenerazione. Inoltre presenta un effetto diuretico, allevia i sintomi della dispepsia.

Tsinakholin prescritto nel trattamento dell'epatite cronica e di altre malattie che causano il malfunzionamento del fegato. Questi includono discinesia biliare, colecistite cronica (non calcoli), disordini metabolici.

Prima di assumere il farmaco deve essere diluito con succo di frutta, per un uso un paziente adulto non può bere più di 2,5 ml della soluzione. La medicina naturale ha un minimo di controindicazioni. Tra questi, l'ipersensibilità ai componenti e la colelitiasi.

Rimedi popolari con il carciofo

Le ricette a base di carciofi sono ampiamente utilizzate come agenti terapeutici e profilattici. A questo scopo vengono utilizzate le infiorescenze, le radici e le foglie della pianta. I frutti di carciofo possono essere acquistati presso il negozio, e materie prime vegetali - nella catena di farmacie.

Per le malattie del fegato, è possibile aggiungere frutta di carciofo a zuppe, insalate, piatti principali, bollire in umido e infornare. In qualsiasi forma, questo ortaggio andrà a beneficio del fegato a causa di sostanze bioattive, vitamine benefiche, acidi organici e oligoelementi. Dalle foglie e dalle radici delle piante prepara brodi e infusi per la somministrazione orale. Ecco alcune ricette:

Brodo di carciofi

Per la preparazione di decotti adatti piccoli frutti di carciofo. Per litro d'acqua occorre 50 g di infiorescenze e far bollire per 5-10 minuti. Quindi il brodo deve insistere sotto il coperchio chiuso per un'ora, filtrare e prendere prima dei pasti in un volume di 200 ml (1 tazza). Il brodo può essere preparato da foglie di carciofo secche. Per questo 2 cucchiai. i materiali vegetali vengono preparati con 500 ml di acqua bollente, infusi per 15 minuti e bevuti prima di mangiare.

Infusione di bile

Avrete bisogno di: cestini di carciofo (100 g), foglie secche di menta (1 ° cucchiaio), corteccia di salice tritato (2ch.l.), semi di finocchio (1ch.l.). Tutti i componenti di cui sopra sono combinati, versare 500 ml di vodka e aggiungere 1 cucchiaio di zucchero. Il contenitore con la miscela viene rimosso in un luogo buio per 2 settimane. Alla fine del periodo prescritto, filtrare la tintura di carciofo e prendere 1-2 cucchiaini. con il tè al carciofo. Il tè viene preparato come segue: 100 g di infiorescenze di carciofo producono 3 litri di acqua bollente. La tintura deve essere assunta 2 ore dopo i pasti. Può essere conservato a lungo in frigorifero.

Tintura di carciofo

È fatto con foglie di carciofo essiccate, nella proporzione di 500 g di materie prime vegetali per 1 litro di vodka. Le foglie devono essere riempite in una bottiglia di vetro scuro, versare con la vodka e mettere in un luogo buio e fresco per 14 giorni. La tintura finita viene filtrata e presa prima di ogni pasto. Per fare questo, in 100 ml di acqua bollita fredda, diluire 1 cucchiaio. l. tinture e bevande.

Recensioni

I brufoli cominciarono ad apparire sul mio corpo e la mia condizione della pelle peggiorò: divenne secca, squamosa. Anche le creme, le maschere e le altre procedure cosmetiche costose non hanno aiutato. Si rivolse a un dermatologo e gli consigliò di bere un corso di pillole con estratto di carciofo. Il medico ha suggerito che la condizione della pelle fosse affetta da insufficienza epatica. Ho comprato pillole in farmacia, si chiamano "Estratto di carciofo", ho preso un mese e ho notato un risultato positivo. La pelle è fresca, l'eruzione è scomparsa, il peeling si è fermato. Risulta che il carciofo contiene molte sostanze utili che sono benefiche per il lavoro del fegato e contribuiscono alla sua purificazione.

Per mantenere la tintura epatica del carciofo. È stato facile prepararlo: è stato più difficile trovare nel negozio frutta fresca di carciofo, adatta alla preparazione di un agente terapeutico. Finora questo ortaggio esotico viene venduto lontano da noi. Ha preso la tintura 2 settimane, ora ha preso una pausa. Dopo il primo corso, ha notato che il dolore nell'ipocondrio destro, il disagio e la pesantezza nell'addome sono scomparsi. Ciò significa che il carciofo aiuta davvero a preservare la salute del fegato.

Come trattare l'epatite C

L'epatite C virale è una malattia infettiva causata dal virus dell'epatite C (HCV), che si moltiplica nelle cellule del fegato, causando infiammazione e danni a questo organo.
Nel nostro paese, questa infezione è stata diagnosticata in 950 mila cittadini. Gli epidemiologi avvertono che questa è solo la punta dell'iceberg, perché ogni anno ci sono 2500 nuovi pazienti. Quindi, l'OMS crede che 1/4 della popolazione terrestre sia infettata da questo virus.

L'infezione si verifica principalmente attraverso il contatto con il sangue di una persona infetta. Il virus viene anche trasmesso durante le procedure mediche: raccolta e trasfusione di sangue, operazioni chirurgiche, manipolazioni dal dentista. La fonte dell'infezione può essere strumenti per manicure, tatuaggi, aghi, forbici, rasoi, ecc. Se la pelle o le mucose sono danneggiate, l'infezione può verificarsi a contatto con il sangue di una persona infetta. In rari casi, l'epatite C trasmette attraverso il contatto sessuale. Le donne incinte infette hanno il rischio che il bambino sia stato infettato dal virus durante il parto.

Può la cura dell'epatite C? Sì. Dopo l'esclusione di possibili controindicazioni (ad esempio la malattia della tiroide), i pazienti vengono sottoposti a terapia farmacologica. Il trattamento dura da 24 a 48 settimane. La completa eliminazione del virus HCV dal sangue è possibile solo con farmaci regolari e monitorando il progresso della terapia (ultrasuoni, analisi del sangue). Inoltre, si raccomanda a casa di usare tutti i tipi di erbe per il fegato per accelerare il recupero di questo organo e livellare gli effetti spiacevoli della malattia.

sintomi

I segnali di allarme possono essere:

  • stanchezza;
  • nausea;
  • vomito;
  • difficoltà di concentrazione;
  • ansia;
  • depressione;
  • dolore alle articolazioni e ai muscoli;
  • prurito della pelle.

Con la diagnosi di epatite C, tali sintomi avvertono 1/3 di quelli infetti. In tutti gli altri casi, la gente non nota alcun segno sospetto, quindi la malattia viene definita "epidemia silenziosa". Puoi vivere per più di dieci anni senza avvertire i sintomi dell'epatite C. In alcune persone, dopo molti anni, gravi lesioni del fegato, come la cirrosi e / o il cancro, vengono rilevate dagli ultrasuoni e gli altri pazienti non lasciano segni. Se viene fatta una diagnosi precoce, l'epatite C virale può essere completamente curata, evitando le conseguenze.

Qual è la differenza dall'epatite C acuta da cronica?

L'epatite C acuta si sviluppa 4-12 settimane dopo il contatto con il virus e dura circa 6 mesi. Di solito non dà alcun sintomo, quindi il trattamento inizia già nelle fasi successive, quando compaiono gli effetti (cirrosi, cancro).

Nel 20 percento dei casi, il corpo stesso può superare l'infezione entro 6-12 mesi dal momento dell'ingresso del virus. Ma nell'80 percento dell'infezione entra nella fase cronica, che richiede un trattamento complesso. Se, 6 mesi dopo l'inizio dei primi sintomi della malattia, viene rilevato un virus nel sangue, possiamo parlare di epatite cronica, che può richiedere (non in tutti i casi) la terapia farmacologica.

È l'epatite C cronica che dà i primi sintomi dopo 6 mesi: nausea, dolori articolari, stanchezza. La riproduzione del virus provoca un aumento degli enzimi epatici nel sangue (questo è visibile agli ultrasuoni). L'epatite C cronica nel 30 percento dei casi porta alla cirrosi e / o al cancro del fegato e alla fibrosi.

prevenzione

L'unico modo per prevenire l'infezione da HCV è di evitare situazioni di rischio.

  1. Nelle istituzioni mediche e nei centri estetici, prestare attenzione alla sterilizzazione degli strumenti, all'uso di strumenti monouso, ecc.
  2. È altrettanto importante evitare il cosiddetto contatto sessuale rischioso - uno che può causare sanguinamento. Per le donne durante le mestruazioni, si consiglia di rinunciare all'intima.
  3. È molto importante usare un preservativo o farmaci per aumentare l'umidità nella vagina, che protegge dalle lesioni della mucosa.

dieta

Vivere con l'epatite C virale impone un divieto assoluto di bevande alcoliche. È anche consigliabile smettere di fumare.

Il buon senso ha una dieta con cibi facilmente digeribili: al vapore e al cartoccio, senza salse, grassi, carboidrati semplici e sale in eccesso. Le bevande energetiche non sono raccomandate, ma puoi bere un caffè.
È necessario rifiutare prodotti con coloranti artificiali e conservanti. I pazienti in generale dovrebbero condurre uno stile di vita sano - camminare, andare in bicicletta, nuotare.

trattamento

Il trattamento dell'epatite con i rimedi popolari dovrebbe essere considerato come un'aggiunta ai preparati farmaceutici prescritti da un medico. Farmaci preparati a casa, eliminano gli spiacevoli effetti della farmacoterapia e sostengono il lavoro del fegato.

Ma a volte le pillole sono controindicate - ad esempio, per i pazienti con malattia della tiroide o le donne durante la gravidanza. In questo caso, la medicina tradizionale sarà l'unica bacchetta salvante che pacificherà l'epatite C e rimuoverà i sintomi spiacevoli.

Cardo mariano

Questa pianta pulisce perfettamente e ripristina il fegato, protegge le cellule di questo organo, aiuta a sbarazzarsi del dolore dell'epatite. Non è controindicato anche per le donne in gravidanza.

Ogni giorno, al mattino e alla sera, prima di mangiare, mangia un cucchiaino di semi di cardo con un bicchiere d'acqua. Dopo un mese di tale trattamento, noterai miglioramenti significativi all'ecografia.

Non meno popolare è l'uso di olio di semi di lampone. Cucchiaio da tavola significa che devi bere la mattina a stomaco vuoto, afferrando uno spicchio d'aglio e un pezzo di pane. L'epatite virale può essere curata con olio di cardo o cardo mariano da solo? Dipende dalle caratteristiche del decorso della malattia in ogni singolo paziente.

carciofo

Il carciofo è una pianta molto efficace per il fegato. Protegge le cellule dai danni, riduce l'infiammazione, supporta la produzione di processi biliari e digestivi.

  1. A casa, puoi fare un decotto curativo di carciofo. Per fare questo, la pianta viene schiacciata, riempita con acqua in proporzioni di 1:10 e cotta a fuoco basso per 5 minuti. I brodi bevono mezzo bicchiere 3-4 volte al giorno.
  2. L'olio di carciofo viene preparato secondo questa ricetta: mescolare 2 cucchiai di piante tritate con 2 tazze di olio d'oliva, mettere a bagnomaria e far bollire per mezz'ora. Il burro sfibrato e raffreddato è conservato sul ripiano inferiore del frigorifero. Bevilo con un cucchiaino dopo ogni pasto.
  3. Per preparare la tintura spirito di carciofo, devi versare 100 g di pianta fresca con 300 ml di vodka e lasciare la miscela per 2 settimane in un luogo buio. La tintura filtrata viene bevuta mezzo cucchiaino due volte al giorno un'ora dopo i pasti.
  4. Il succo di carciofo appena spremuto viene mischiato con miele naturale in rapporto 1: 2 e prende un cucchiaio ogni mattina. Conservare questo medicinale nel frigorifero.

Dopo 2 mesi di assunzione regolare di prodotti dal carciofo si possono osservare cambiamenti positivi nell'ecografia.

dente di leone

Il tarassaco è un altro prodotto che può essere utilizzato per l'epatite e la sua ridotta funzionalità epatica associata. Tarassaco alleviare l'infiammazione, rimuovere il giallo della pelle, alleviare il dolore.

In estate si può semplicemente mangiare questa pianta nel cibo (aggiungere ad insalate e zuppe). Per l'inverno, puoi fare il vino dai denti di leone, mescolare 100 g di fiori con 500 ml di bevanda fortificata e tenere questa miscela per 2 settimane in un luogo buio (quindi filtrare). Il dosaggio dell'epatite è di 1 cucchiaio di vino al giorno.

A casa vengono preparati anche brodi di radici di tarassaco (2 cucchiai da tavola per mezzo litro d'acqua, cuocere per 5 minuti). Se un tale decotto un bicchiere ogni giorno, poi molto presto l'ecografia vi mostrerà che il fegato ha iniziato a recuperare. Il tarassaco non è controindicato per le donne incinte e le madri che allattano.

celandine

La celidonia è stata a lungo utilizzata nella medicina erboristica europea e cinese. Ildegarda Bingen e Paracelso lo usarono in pazienti con ittero (epatite B) e malattia del fegato. I moderni guaritori sanno come trattare l'epatite C con celidonia. Per questo è necessario preservare il succo con l'alcol. Girare la celidonia fresca nel tritacarne, spremere il succo e metterlo in frigorifero per 3 giorni. Quindi versare il liquido in un altro contenitore, assicurandosi che nessun precipitato arrivi lì. Aggiungi la stessa quantità di vodka. Prendi un cucchiaino di questo farmaco ogni mattina a stomaco vuoto, quindi mangia un cucchiaino di miele. Molto presto, un'ecografia mostrerà che il tuo fegato è sano.

Attenzione: la celidonia non viene utilizzata nelle donne incinte e in allattamento, nei bambini piccoli, nei pazienti con allergie e malattie cardiovascolari.

Impacchi di olio di ricino

La medicina tradizionale utilizza da lungo tempo l'olio di ricino nel trattamento degli organi interni, compresa l'epatite. Le compresse aiutano a pulire il fegato dalle tossine e riducono l'infiammazione. Tali procedure possono essere utilizzate anche in pazienti con febbre.

Come fare un impacco dall'olio di ricino a casa:

  1. Devi piegare il tessuto di flanella in due o tre strati.
  2. Immergere questo panno nell'olio di ricino e applicare sul corpo. Non hai bisogno di immergere completamente la flanella nella ruota - basta versare dell'olio sul panno e distribuirlo uniformemente con le dita.
  3. Per il prossimo impacco, puoi usare lo stesso pezzo di flanella, ma versare l'olio dall'altra parte. Quindi, un pezzo di tessuto ti servirà in due procedure.
  4. Prima di immergere la flanella con olio, puoi scaldare l'olio di ricino in un contenitore che utilizzerai in seguito solo per questo scopo.
  5. Compress dovrebbe essere situato nell'area del fegato. Coprilo con una tela cerata per tenerlo caldo. È possibile fissare l'intera struttura con un bendaggio elastico in modo che l'impacco non scivoli via dal corpo.
  6. Per far funzionare l'olio di ricino, l'impacco deve essere tenuto per diverse ore, quindi è meglio fare questa procedura prima di andare a letto.
  7. Dovresti applicare le compresse per 3 giorni di fila e poi fare una pausa per consentire al corpo di recuperare. In questo momento, il sistema linfatico rimuoverà attivamente le tossine dal fegato.
  8. Al mattino, dopo aver rimosso l'impacco, lavare immediatamente la pelle con una soluzione acquosa di bicarbonato (mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio per mezzo bicchiere di acqua tiepida), quindi pulirla con acqua e sapone. Le tossine appaiono anche sulla pelle, quindi è necessario sbarazzarsi di loro in questo modo.

Dopo alcuni cicli di impacco per ruote, sentirai un significativo sollievo. Il fegato sarà ripristinato - sarà visto sugli ultrasuoni.

Miscele di erbe

Nel trattamento dell'infiammazione del fegato, le erbe in combinazioni appositamente selezionate funzionano meglio. Ad esempio, per l'epatite C, viene applicata la seguente tassa:

  • Sandy immortelle - 100g;
  • Erba Knotweed - 100 g;
  • Iperico - 100 g;
  • Foglie di tarassaco - 100 g;
  • Radice di tarassaco - 100 g;
  • Foglie di menta - 100 g;
  • Frutti di ginepro - 100 g;
  • Millefoglio - 100 g;
  • Celidonia erba - 100 g;
  • Corteccia di olivello spinoso - 100 g;
  • Bulk grass - 100g.

A casa da questa raccolta è preparata l'infusione. Per fare questo, in un thermos è necessario mescolare 500 ml di acqua bollente e 50 g di erbe. Tenere la droga in un thermos tutta la notte, il giorno dopo, bere mezzo bicchiere di 4-5 volte al giorno, un po 'di zucchero e miele. Il corso del trattamento è di 1 mese, dopodiché può essere eseguita un'ecografia per monitorare lo stato del fegato.
La ricetta è controindicata per le donne in allattamento e in gravidanza, in quanto contiene celidonia.
Dopo aver sofferto l'epatite C, il corpo ha bisogno di essere rigenerato. Per fare questo, utilizzare la seguente collezione:

  • Erba Knotweed - 100 g;
  • Frutti di corniolo - 50 g;
  • Foglie di ortica - 100 g;
  • Radice di tarassaco - 50 g;
  • Radice di bardana - 50 g;
  • Foglie di mirtillo - 50 g;
  • Foglie di menta - 50 g;
  • Foglie di betulla - 50 g;
  • Radice di ginseng - 20 g.

Al mattino, fai bollire 2 cucchiai di erbe in un litro di acqua bollente (dopo aver fatto bollire, riduci il calore e "tormenta" il prodotto per 10 minuti), poi bevi in ​​piccole porzioni durante il giorno quando hai sete. Questo farmaco pulirà il corpo dopo un lungo ricevimento di farmaci o sostanze chimiche, sosterrà il fegato e la cistifellea.

Anche nella gente la medicina da tali erbe ha vinto il riconoscimento largo:

  • Radice di Angelica - 100 g;
  • Lubrificare la radice e le foglie - 100 g;
  • Tea Rose Flowers - 50 g;
  • Foglie di ciliegio - 50 g;
  • Fiori di olmaria - 50 g;
  • Fiori di mela - 20g.

Preparare un cucchiaino di questa miscela in una tazza di acqua bollente, dopo 10 minuti, bere come un normale tè. Non dimenticare di bere un drink ogni mattina e sera, e quindi i risultati dell'ecografia ti delizieranno.

Scrivi nei commenti sulla tua esperienza nel trattamento delle malattie, aiuta altri lettori del sito!
Condividi contenuti sui social network e aiuta amici e familiari!

Compresse per il fegato Elenco di efficaci epatoprotettori per il trattamento del fegato. Realtà e miti

Il più grande organo del corpo umano, il fegato svolge una serie di funzioni vitali, tra cui garantire l'attività impeccabile di altri organi e sistemi. Dipende dallo stato del fegato come ci sentiamo, e quindi non c'è nulla di sorprendente nel desiderio universale di sostenere il corpo e aiutarlo nel duro lavoro. A tal fine, i consumatori ricorrono ai più svariati metodi e misure: dal molto discutibile e categoricamente rifiutato dai metodi di medicina ufficiale di "pulire" il fegato con l'aiuto di compresse dubbiose a farmaci ufficialmente approvati e ampiamente utilizzati del gruppo epatoprotettori.

Dovrebbe essere riconosciuto che il fegato è in realtà soggetto a numerose malattie. È molto vulnerabile alle infezioni, soffre dell'accumulo di tossine nel sangue, è danneggiato da alcuni potenti farmaci e alcool. Pertanto, non sorprende che gli epatoprotettori, farmaci progettati per proteggere le cellule del fegato, siano così popolari. Tuttavia, va notato immediatamente che i farmaci di questo gruppo farmacologico non sono riconosciuti in tutti i paesi del mondo. Inoltre, il gruppo di epatoprotettori ad ovest non esiste come tale. Ma nei paesi della CSI, molti "sostenitori del fegato" sono nel TOP delle vendite.

Quindi quali sono le proprietà degli epatoprotettori? Quali sono questi medicinali che molti medici non riconoscono come farmaci? Come funzionano e funzionano? Per queste e molte altre domande sugli epatoprotettori in compresse e fiale, cercheremo di trovare domande nel nostro articolo. E iniziamo con una descrizione delle condizioni patologiche in cui prescrivono farmaci per il trattamento del fegato.

Fegato in pericolo

"Qualcosa nel mio fegato è cattivo..." Questa allarmante osservazione suona abbastanza spesso. Quasi ogni persona adulta di volta in volta, specialmente dopo una cena pesante o una grande festa, ha pesantezza nel giusto ipocondrio e nausea. Sono questi segni che possono indicare lo sviluppo di una delle più comuni malattie croniche del fegato, epatite grassa o steatosi. Quindi, qual è la steatosi epatica? È una malattia non infiammatoria in cui le cellule epatiche e gli epatociti cambiano, degenerando in tessuto grasso.

Di norma, la steatosi si sviluppa a causa di eccesso di cibo, sovrappeso, cattiva alimentazione con eccesso di alimenti grassi. Un'altra causa comune di epatite grassa - l'abuso di alcol, e non sempre la probabilità di sviluppare la malattia è direttamente proporzionale alle dosi di alcol. Succede che anche l'assunzione periodica di una piccola quantità di alcol porta alla steatosi epatica. Inoltre, la malattia può svilupparsi sullo sfondo di assumere farmaci che influenzano negativamente il fegato.

L'epatosi colestatica è molto meno comune, in cui la formazione e il deflusso della bile vengono interrotti, a seguito del quale il pigmento biliare si accumula negli epatociti. Può essere causato dagli effetti negativi delle tossine o del carico sul fegato, ad esempio durante la gravidanza. In colestasi, c'è un prurito pronunciato della pelle, oscuramento del colore delle urine e scolorimento delle feci, così come i parametri biochimici del sangue.

Parlando di malattie comuni del fegato, è impossibile non menzionare l'infiammazione del fegato, l'epatite. Può svilupparsi a seguito di intossicazione da alcol, droghe o veleni e sullo sfondo di un'infezione virale. Il più comune è l'epatite B (circa 350 milioni di persone all'anno), l'epatite A (oltre 100 milioni) e l'epatite C (140 milioni di pazienti all'anno). Il decorso più aggressivo è l'epatite C, che, se non trattata, è complicata da cirrosi e cancro del fegato in un gran numero di casi. Sono anche noti virus dell'epatite D ed E. È stato dimostrato che l'infezione da virus dell'epatite B e C è la causa principale del cancro al fegato.

Principi di trattamento delle malattie del fegato

La tattica del trattamento delle patologie epatiche si basa su due approcci principali:

  1. La cosiddetta terapia etiotropica, che è mirata alla causa della malattia. Un buon esempio di tale trattamento è la lotta contro il virus nell'epatite virale. Tuttavia, va notato che non tutta l'epatite virale ha bisogno di terapia di eliminazione. Quindi, con l'epatite A, non è necessario: il virus muore da solo. Ma con l'epatite, che sono trasmessi attraverso il sangue e sessualmente, il trattamento antivirale è davvero necessario.
  2. Terapia patogenetica, che implica l'influenza sulle varie fasi del processo patologico.

Per proteggere il fegato può prescrivere farmaci di vari gruppi farmacologici, tra cui:

  • vitamine, amminoacidi e altri mezzi per migliorare il metabolismo;
  • farmaci che aumentano la capacità di disintossicazione del fegato (ad esempio, adsorbenti);
  • significa stimolare la formazione e l'escrezione della bile (coleretica);
  • farmaci antivirali;
  • significa stimolare la risposta immunitaria (immunomodulatori). Svolgono un ruolo importante nella complessa terapia dell'epatite C;
  • antidolorifici e farmaci antinfiammatori (FANS);
  • antiossidanti che legano i radicali liberi e quindi prevengono danni all'organo;
  • epatoprotettori, che differiscono per struttura e origine e meccanismo d'azione.

Classificazione degli epatoprotettori

La classificazione universale degli epatoprotettori non esiste oggi - tra gli specialisti, anche quelli domestici, vi sono divergenze abbastanza serie su quali farmaci dovrebbero essere loro assegnati. Tuttavia, possono essere suddivisi in almeno cinque gruppi farmacologici:

  1. Preparati a base di erbe che contengono flavonoidi di cardo mariano. Questi includono Gepabene, Karsil, Silibor e altri.
  2. Altri rimedi a base di erbe, tra cui Hofitol, Liv-52.
  3. Epatoprotettori di origine animale, in particolare, Cerepar.
  4. Fondi contenenti fosfolipidi essenziali. La droga più famosa di questo gruppo è Essentiale.
  5. Farmaci appartenenti a diversi gruppi farmacologici.

Dovrebbe essere notato che, sebbene la classificazione e il concetto stesso di epatoprotettori nel mondo oggi non esistano, gli scienziati hanno tuttavia raggiunto un denominatore comune nella questione di quale dovrebbe essere il miglior farmaco ideale che ripristina il lavoro del fegato. Requisiti di base per questo:

  • alta biodisponibilità;
  • la capacità di legare le tossine, i radicali liberi;
  • effetto anti-infiammatorio;
  • stimolazione dell'auto-guarigione del fegato;
  • profilo di alta sicurezza.

Sfortunatamente, nonostante la lista piuttosto impressionante di epatoprotettori moderni, che sono pieni di scaffali di farmacie russe, nessuno di loro soddisfa i requisiti di cui sopra.

Nel mondo della medicina moderna, si ritiene che farmaci in grado di "lanciare" il processo di rigenerazione epatica semplicemente non esistano. Sì, e perché correre, se il fegato stesso è perfettamente restaurato, è sufficiente creare condizioni appropriate per questo, riducendo al minimo il carico di cibi grassi e tossine.

Riguardo la rigenerazione del fegato

Questa sezione è più indicata per coloro a cui piace "pulire" il fegato, che è "intasato" da scorie e altri prodotti di scarto, con l'aiuto di compresse. Molti dei nostri compatrioti credono sinceramente che nel corso degli anni di lavoro a beneficio del nostro corpo, il fegato "si consuma" e richiede un riavvio - pulizia. A tale scopo vengono utilizzati epatoprotettori, che hanno anche un effetto coleretico, procedure termali e farmaci popolari, come olio vegetale con succo di limone. Dopo le procedure, alcuni cittadini particolarmente zelanti trovano il calcolo nelle feci di una strana specie, che considerano sinceramente "pietre, scorie e rifiuti compressi" che hanno lasciato l'organo longanime sotto l'azione di efficaci farmaci epatoprotettivi e altre misure attive. In realtà, queste pietre si formano a causa della lavorazione di olio e succo di limone, che fungono da "detergenti" di produzione propria. "Bene, e il fegato? - il lettore chiederà, - non hai davvero bisogno di ripristinarlo? "Certo che no!

Il fegato è l'unico organo con una capacità davvero notevole di rigenerarsi. È noto che solo il 25% della massa iniziale del fegato può raggiungere le sue dimensioni normali.

Il ripristino del corpo avviene a causa della replicazione, cioè della riproduzione delle cellule epatiche, degli epatociti, dell'epitelio biliare e di alcune altre cellule. In questo modo, il fegato rigenera il proprio tessuto danneggiato, prevenendo così il suo danno. Ma torniamo ai farmaci, che, di fatto, dovrebbero stimolare la rigenerazione del fegato e aiutarlo a "autoripararsi", e cercare di elaborare il più famoso di loro.

Flavonoidi di cardo mariano

E iniziamo con i popolari rimedi a base di erbe contenenti flavonoidi di cardo mariano, che includono Carsil, Carsil forte, Legalon, Silimar, Silimarina e Silibinin.

Il cardo mariano è una pianta ampiamente diffusa nel Mediterraneo e nel Medio Oriente. Si ritiene che le proprietà medicinali dei frutti di cardo mariano contenenti composti flavonoidi, in particolare la silimarina, abbiano un effetto epatoprotettivo.

Meccanismo d'azione

Le silimarine contenute nei frutti del cardo mariano, interagiscono con i radicali liberi formati nel fegato e arrestano il loro effetto distruttivo. Inoltre, nelle cellule epatiche danneggiate, stimolano la sintesi di varie proteine ​​e fosfolipidi, componenti della membrana cellulare che assicurano il funzionamento delle cellule (in questo caso, degli epatociti). La silimarina accelera anche la rigenerazione delle cellule epatiche e impedisce la penetrazione di alcune sostanze tossiche in esse.

Si ritiene che i preparati di silimarina contribuiscano a migliorare la condizione delle malattie del fegato, a normalizzare i parametri di laboratorio e persino ad aumentare il tasso di sopravvivenza dei pazienti con cirrosi.

Quando è prescritto?

Indicazioni per l'uso di Karsil e altri epatoprotettori a base di silimarina sono danni al fegato tossici (a causa di esposizione all'alcool, vari veleni e droghe), epatite cronica, fegato grasso, cirrosi.

vantaggi

I benefici dei farmaci a base di estratto di cardo mariano includono la loro sicurezza: non hanno praticamente controindicazioni, e gli effetti collaterali quando vengono utilizzati sono registrati molto raramente.

Efficacia in termini di medicina basata sull'evidenza

Una revisione di questi studi sull'efficacia dei farmaci a base di cardo mariano per l'epatite alcolica, l'epatite B e C ha dimostrato che non hanno un effetto significativo sul decorso di queste malattie e sullo stato del fegato e, soprattutto, sulla mortalità.

Nonostante alcuni studi abbiano dimostrato il possibile effetto positivo della silimarina in caso di danno al fegato da parte di tossine industriali, la medicina occidentale è estremamente contenuta nel suo utilizzo.

Altri preparati a base di erbe

Le possibilità della fitoterapia nella protezione del fegato con estratto di cardo mariano non sono, ovviamente, esaurite, e nel mercato domestico sono presenti numerosi preparati a base di erbe che sono molto richiesti, a base di altri estratti naturali.

Questi includono:

  1. Preparati a base di estratto di carciofo - Hofitol, Cholebil, Estratto di carciofo
  2. Preparati a base di erbe combinate - Gepabene, Sibektan, Gepafor, Dipana, Liv-52.

Andiamo a conoscerli meglio.

Farmaci epatoprotettivi di carciofo

Proprietà medicinali del campo di carciofo a causa del contenuto nelle sue foglie di un composto chimico chiamato tsinarin. Le più alte concentrazioni di tsinarin sono in fogliame fresco, non trattato, molto più piccolo - in materiali vegetali secchi.

Meccanismo d'azione

Presumibilmente, l'estratto di carciofo mostra un effetto coleretico stimolando la produzione e la secrezione della bile dal fegato, inoltre l'effetto ipolipemizzante è attribuito alle droghe di carciofo - aiutano a ridurre il livello di colesterolo "cattivo" nel sangue.

Quando è prescritto?

Secondo le istruzioni per l'uso di farmaci epatoprotettivi Hofitol e altri mezzi a base di carciofo, sono utilizzati in condizioni associate a formazione di colera compromessa, in particolare, pesantezza nella regione epigastrica, flatulenza, nausea, eruttazione.

In pratica, la gamma di prescrizioni per questi farmaci è molto più ampia. Pertanto, l'Hofitol viene spesso utilizzato in ostetricia per ridurre la gravità della tossicosi durante la gravidanza, nonché per mantenere il fegato in epatite, epatite grassa del fegato, aterosclerosi, cirrosi epatica, intossicazione cronica, obesità, insufficienza renale cronica. Inoltre, Hofitol prescritto per una malattia così controverso che non esiste nella maggior parte dei paesi sviluppati del mondo, come discinesia biliare.

vantaggi

Naturalmente, come nel caso di molti altri epatoprotettori vegetali, i prodotti a base di estratto di carciofo sono altamente sicuri. Sono prescritti a bambini, donne in gravidanza e in allattamento, che, ovviamente, sono una prova esauriente della loro eccellente resistenza.

NB! Poiché Hofitol e altri epatoprotettori contenenti estratto di carciofo, stimolano la formazione della bile, sono rigorosamente controindicati nella colelitiasi. Pertanto, prima di prendere questi fondi, è necessario assicurarsi che non vi siano concrezioni nel tratto biliare! Inoltre, l'estratto di carciofo non è raccomandato per l'uso nelle malattie acute dei reni, del fegato, delle vie biliari e del sistema urinario.

Efficacia in termini di medicina basata sull'evidenza

Mentre nelle istruzioni per le preparazioni di carciofo vediamo molte indicazioni che coprono la più ampia gamma di malattie del sistema epatobiliare e persino iperlipidemia (aumento dei livelli di colesterolo nel sangue), gli studi clinici non hanno confermato quasi nessuno degli effetti dichiarati di questi epatoprotettori vegetali. Ad oggi, non esiste un unico certificato medico completo che dimostri l'effetto positivo dei preparati contenenti estratto di carciofo sui livelli di colesterolo nel sangue e sulla formazione di colera. Nella medicina occidentale, il carciofo non si applica affatto.

Rimedi combinati a base di erbe per le malattie del fegato

Questa categoria include una gamma di farmaci piuttosto eterogenea, che, secondo le istruzioni, ha anche un effetto epatoprotettivo.

Il gepabene è uno dei leader tra i farmaci coleretici ed epatoprotettivi. Contiene due componenti attivi:

  • estratto di cardo mariano;
  • estratto di occhi di fumo.

Il primo ingrediente attivo, come abbiamo detto, mostra un effetto epatoprotore negli stati di intossicazione acuta e cronica. Il secondo componente, l'estratto di fumo, funziona contenendo l'alcaloide fumarin, che ha un effetto coleretico e riduce lo spasmo dei dotti biliari, che facilita il flusso della bile dal fegato nell'intestino.

Le indicazioni per la prescrizione di Gepabene sono lesioni epatiche croniche di varia origine e discinesia del tratto escretore. Il farmaco non deve essere utilizzato nelle malattie acute del fegato e delle vie biliari (colecistite acuta, epatite acuta), così come nei bambini di età inferiore ai 18 anni a causa della mancanza di test per questa categoria di pazienti.

Sibektan è una complessa preparazione combinata a base di erbe per lo sviluppo domestico. Consiste di estratti di tanaceto, cardo mariano, erba di San Giovanni, betulla. Protegge le cellule del fegato, le membrane cellulari degli epatociti, esibisce l'effetto antiossidante e coleretico. Una controindicazione all'uso di queste pillole è la colelitiasi, e le indicazioni sono varie lesioni croniche del fegato e delle vie biliari.

La composizione di un altro farmaco russo, Gepaphor, insieme all'estratto di cardo mariano comprende bifidobatteri e lattobacilli, progettati per ripristinare la flora intestinale e quindi normalizzare il lavoro dell'intestino.

Dipana, Liv-52 - mezzi di produzione di società farmaceutiche indiane, contenenti una varietà di ingredienti vegetali usati nella medicina ayurvedica. Entrambi i farmaci, secondo le istruzioni per l'uso, hanno un effetto epatoprotettivo, ripristinando la funzione del fegato, stimolano la rigenerazione delle sue cellule, mostrano un effetto coleretico, proteggono l'organo dall'azione delle tossine.

Efficacia in termini di medicina basata sull'evidenza

Una certa base di prove è stata accumulata in relazione ad alcuni farmaci epatoprotettivi a base di erbe, in particolare, Gepabene e Liv-52. Il primo è stato per lo più studiato in studi russi, il secondo, compresi quelli occidentali. La prova degli effetti benefici di questi epatoprotettori sulla funzionalità epatica è stata ottenuta, ma molti esperti occidentali non li considerano esaurienti. Questa opinione è confermata dai dati di alcune opere che dimostrano la mancanza di efficacia di Liv-52 nell'epatite alcolica.

NB! Uno studio scandaloso che coinvolgeva pazienti con epatite alcolica era collegato a Liv-52. Ha mostrato che il tasso di sopravvivenza nel gruppo di pazienti che hanno ricevuto Liv-52 era del 12% inferiore rispetto al gruppo di pazienti che assumevano compresse dummy (74% rispetto all'86%). Dei 23 decessi nel gruppo Liv-52, 22 sono stati associati a insufficienza epatica acuta. I risultati di questo lavoro sono diventati una ragione importante per il ritiro immediato dei fondi dal mercato statunitense.

Pertanto, l'efficacia degli epatoprotettori vegetali combinati in termini di medicina basata sull'evidenza rimane altamente discutibile. Eppure, nella pratica domestica, le droghe di questo gruppo sono ampiamente utilizzate e sono molto popolari.

Epatoprotettori di origine animale

In Russia, ci sono solo due epatoprotettori registrati di origine animale, Sirepar e Hepatosan.

Syrepar contiene idrolizzato di estratto epatico arricchito con vitamina B12. Secondo il produttore, il farmaco aiuta a ripristinare il tessuto epatico e mostra un effetto disintossicante. Viene somministrato solo per via endovenosa o intramuscolare, la forma orale non esiste. In questo caso, Sirepar è categoricamente controindicato nelle malattie acute del fegato e viene utilizzato solo nella fase di remissione per epatite cronica e altre patologie.

La composizione del secondo epatoprotettore, Hepatosan, include le cellule essiccate del fegato di maiale donatore. Si presume che siano biologicamente compatibili con le macromolecole del corpo umano. Secondo il produttore, Hepatosan ha un effetto epatoprotettivo e disintossicante e presenta anche proprietà adsorbenti e stabilizza le membrane cellulari. Le indicazioni per la prescrizione di Hepatosan sono la cirrosi, l'epatite, l'insufficienza epatica, il danno epatico con droghe e alcol e così via.

Efficacia in termini di medicina basata sull'evidenza

Non ci sono prove che i prodotti animali abbiano almeno qualche effetto benefico sulla funzionalità epatica. Ma il potenziale pericolo che sicuramente portano. Prima di tutto, questi strumenti non dovrebbero essere utilizzati nel periodo acuto della malattia, in quanto ciò può portare all'attivazione del processo patologico.

NB! È importante considerare l'allergenicità degli epatoprotettori di origine animale. Per escludere le reazioni di ipersensibilità, è necessario eseguire un test allergenico prima del trattamento e accertarsi che il farmaco non causi allergie.

Inoltre, alcuni esperti ritengono che l'uso di idrolizzati di fegato bovino aumenti il ​​rischio di infezione da infezione da prioni, che è associata alla micidiale malattia di Creutzfeldt-Jakob.

Ricco e famoso: fosfolipidi essenziali

I fosfolipidi sono una componente importante di ogni membrana cellulare, garantendo la sua integrità e funzionalità. Il bisogno del corpo per loro aumenta drammaticamente con l'aumentare di carichi e danni ad alcuni organi, in particolare il fegato. Allo stesso tempo, si forma un difetto nel muro degli epatociti, cellule epatiche, che possono essere reintegrate da preparati contenenti fosfolipidi essenziali.

Un certo numero di epatoprotettori con questo ingrediente attivo sono registrati nel mercato moderno:

  • Essentiale forte H;
  • Taglia il Pro;
  • Essliver;
  • Fosfontsiale;
  • Phosphogliv;
  • Brenziale forte;
  • Livolife Forte;
  • antral;
  • Liventsiale e altri.

Tutti loro sono di origine naturale: i fosfolipidi essenziali sono ottenuti dai semi di soia elaborando il loro olio.

Meccanismo d'azione

Le proprietà dei fosfolipidi essenziali sono dovute alla loro somiglianza con i fosfolipidi nel corpo umano. Sono facilmente incorporati nella membrana cellulare, fornendo un effetto terapeutico completo. Gli epatoprotettori di questo gruppo stimolano il ripristino delle cellule epatiche e le proteggono dall'azione delle tossine, inclusi l'alcol, i prodotti chimici, i farmaci aggressivi e così via. Secondo alcuni rapporti, i fosfolipidi essenziali aiutano anche a ridurre il livello di colesterolo "cattivo" e, di conseguenza, riducono il rischio di aterosclerosi. Inoltre, il loro uso impedisce la formazione di calcoli biliari di colesterolo.

Quando è prescritto?

Epatoprotettori contenenti fosfolipidi essenziali sono utilizzati in varie malattie del fegato, sia nel periodo acuto che nella fase di remissione. Tra le indicazioni per il loro uso sono l'epatite acuta e cronica, la degenerazione adiposa del fegato, indipendentemente dalla sua origine, le lesioni alcoliche, la cirrosi, l'avvelenamento, compresi i farmaci, l'interruzione del fegato in altre patologie.

Va tenuto presente che l'efficacia del trattamento con fosfolipidi essenziali dipende in gran parte dalla durata del corso: secondo le istruzioni per l'uso, questi epatoprotettori sono prescritti in dosi elevate (600 mg fino a tre volte al giorno) per almeno tre mesi. Se necessario, il corso della terapia viene ripetuto ed esteso fino a diversi anni di uso continuo.

NB! I medici ritengono che la terapia parenterale con fosfolipidi essenziali mostri i migliori risultati. Quindi, Essentiale Forte N ei suoi generici vengono somministrati per via endovenosa in un flusso, diluendo preventivamente il farmaco con il sangue del paziente in un rapporto 1: 1.

Efficacia in termini di medicina basata sull'evidenza

Negli anni di utilizzo, i fosfolipidi essenziali e la loro efficacia sono stati studiati in molti studi clinici. Tuttavia, le conclusioni degli specialisti sull'opportunità del loro appuntamento rimangono ambigue.

Da un lato, un certo numero di opere testimoniano l'effetto positivo dei fosfolipidi essenziali sul fegato, confermando il loro meccanismo d'azione, l'efficacia terapeutica e la mancanza di tossicità. Alcuni studi hanno dimostrato che i fosfolipidi essenziali accelerano il miglioramento o la normalizzazione dei sintomi della malattia, oltre a contribuire al ripristino dei parametri biochimici del sangue.

Tuttavia, d'altra parte, né Essentiale né alcun altro farmaco contenente fosfolipidi essenziali sono inclusi nella farmacopea dei paesi sviluppati del mondo. Negli Stati Uniti e in alcuni paesi europei, possono essere acquistati come supplemento dietetico e niente di più.

Nei protocolli internazionali ufficiali per la gestione dei pazienti con malattie epatiche, non sono inclusi anche i fosfolipidi essenziali, rispettivamente. La posizione dei colleghi occidentali è supportata da alcuni medici locali. Pertanto, il comitato ufficiale dell'Accademia Russa delle Scienze includeva Essentiale nell'elenco dei farmaci con efficacia non dimostrata.

Sfortunatamente, oggi la situazione con i mezzi di questa serie rimane controversa: gli studi che dimostrano la loro efficacia, di regola, non soddisfano i requisiti della medicina basata sull'evidenza e non sono percepiti dagli esperti come prova che il farmaco funziona davvero.

Allo stesso tempo, Essentiale e le sue controparti più economiche rimangono gli epatoprotettori più designati, che sono molto popolari sia tra i medici che tra i consumatori e occupano posizioni di primo piano nei farmaci più venduti.

Epatoprotettori di diversi gruppi farmacologici

Tutti gli altri farmaci sono difficili da sistematizzare su una base comune, quindi sono considerati separatamente.

Geptral

Heptral, un farmaco della società italiana Abbot, così come i suoi generici (Heptor, Ademetionin) contengono un amminoacido, un derivato della metionina, ademetionion.

Meccanismo d'azione

Presumibilmente, il farmaco ha un effetto complesso sul corpo.

  1. Previene il ristagno della bile stimolando i fosfolipidi nelle cellule del fegato e migliorando così la loro funzione.
  2. Lega i radicali liberi, prevenendo il danno ossidativo al fegato e le tossine.
  3. Stimola la rigenerazione del fegato.
  4. Ha un effetto antidepressivo, anche durante le depressioni a lungo termine resistenti all'azione dell'amitriptilina.

Nei pazienti con colestasi (violazione dell'escrezione biliare, accompagnata dal rilascio di acidi biliari nel sangue e prurito doloroso), l'ademetionina riduce la gravità del prurito e aiuta a normalizzare gli indicatori epatici, compresa la concentrazione diretta di bilirubina, l'attività della fosfatasi alcalina e così via. Allo stesso tempo, secondo le istruzioni per l'uso, l'effetto epatoprotettivo di Heptral rimane per tre mesi dopo la fine del trattamento.

Quando è prescritto?

Heptral o suoi analoghi sono usati per danni al fegato di varia origine, tra cui tossicità, alcolismo, viremia, medicinali, insufficienza epatica. Un'importante indicazione del farmaco è la colestasi intraepatica.

A causa delle proprietà antidepressive, Heptral è usato per trattare la sindrome da astinenza nell'alcoolismo e nella tossicodipendenza, specialmente in pazienti con danno epatico.

NB! La biodisponibilità della forma orale di epatoprotettori contenenti ademetionina è piccola. Pertanto, la maggior parte dei medici preferisce le iniezioni endovenose di Heptral, che hanno un effetto più pronunciato.

Efficacia in termini di medicina basata sull'evidenza

La situazione con le evidenze di base di Heptral è in qualche modo simile a quella dei fosfolipidi essenziali. E in questo caso, diversi studi hanno dimostrato gli effetti positivi del farmaco sul fegato. Allo stesso modo, né Heptral né alcun altro farmaco contenente ademetionina è registrato negli Stati Uniti e nella maggior parte dei paesi europei (ad eccezione dell'Italia, dove viene prodotto). Ma è venduto con successo nelle farmacie in Malesia, India, Bulgaria, Argentina, Georgia, Ucraina, Messico e Repubblica Ceca. E sì, in Australia e in Nuova Zelanda è registrato come medicina veterinaria.

Pertanto, il mondo occidentale non ha accettato Heptral e non l'ha introdotto negli standard di trattamento delle malattie del fegato, basandosi ancora sulla mancanza di studi clinici affidabili che confermino la sua efficacia. E questo è nel contesto dell'ampia popolarità del farmaco in Russia e in altri paesi della CSI, dove l'ademetionina viene utilizzata sia per il trattamento di pazienti ambulatoriali che per gli ospedali.

Hepa-Merz

Hepa-Mertz è una preparazione originale contenente il composto complesso L-ornitina-L-aspartato. Nel corpo, si trasforma rapidamente in due sostanze attive indipendenti - ornitina e aspartato. Gli epatoprotettori di questo gruppo sono prodotti sotto forma di granuli per la preparazione della soluzione orale, nonché fiale per iniezioni intramuscolari e endovenose. Insieme a Gepa-Mertz, i suoi analoghi Ornicetil, Larnamin e Ornilutex sono registrati nella Federazione Russa.

Meccanismo d'azione

Il farmaco funziona grazie alla capacità degli aminoacidi formati durante la sua dissoluzione, di ridurre la concentrazione di ammoniaca nel plasma sanguigno, per normalizzare la composizione acido-base del corpo, esercitando così un effetto disintossicante. Inoltre, Gepa-Mertz aiuta a ridurre il dolore e la sindrome dispeptica in caso di avvelenamento, oltre a normalizzare molte cose (ad esempio, in caso di infiltrazione grassa del fegato).

Quando è prescritto?

Gli epatoprotettori contenenti questo ingrediente attivo sono prescritti per patologie epatiche acute e croniche in cui aumentano i livelli di ammoniaca nel sangue. Tra le indicazioni per Gepa-Mertz c'è anche la degenerazione grassa del fegato di varie origini.

Efficacia in termini di medicina basata sull'evidenza

La situazione con le prove nel caso di Gepa-Mertz e dei suoi analoghi è altrettanto vaga come con i nostri precedenti eroi. Da un lato, numerosi studi hanno dimostrato la sua efficacia nella cirrosi epatica, accompagnata da un aumento della concentrazione di ammoniaca nel sangue. D'altro canto, i risultati dell'uso di questo epatoprotettore nell'epatite, nel danno al fegato alcolico e in altre patologie rimangono altamente dubbiosi. Ancora una volta, nella medicina occidentale, l'epatoprotettore, che contiene L-ornitina-L-aspartato, non esiste.

Rimedi omeopatici e integratori alimentari

Il meccanismo d'azione degli agenti con "effetto epatoprotettivo" appartenenti a questa categoria rimane estremamente vago. Le medicine omeopatiche hanno un tale effetto inspiegabile dal punto di vista della medicina che è spesso impossibile da spiegare agli omeopati stessi.

Per quanto riguarda gli integratori alimentari, la situazione potrebbe teoricamente essere più trasparente, ma la loro composizione non è soggetta al controllo farmacologico. Cosa contengono, in quali dosaggi - il segreto dietro sette sigilli.

In termini di medicina basata sull'evidenza, l'omeopatia è una grande bolla di sapone. Un sacco di studi su larga scala testimoniano il completo fallimento dei farmaci omeopatici. A proposito di integratori alimentari e non ho da dire, perché anche la loro composizione è inaffidabile.

I consumatori che preferiscono sostenere il fegato con l'aiuto di epatoprotettori domiciliari (Hepel, Galstena e altri) o integratori alimentari devono capire che giocano alla roulette. Se sono fortunati, in quanto sono fortunati, ad esempio, coloro che sperimentano l'effetto placebo, possono sentirsi sollevati. Nessuna fortuna - nessuna sensazione. Ma non dobbiamo perdere di vista la possibilità che l'effetto possa essere negativo, perché le reazioni allergiche o gli effetti collaterali (specialmente nel caso di integratori alimentari che hanno una composizione dubbia) non sono stati cancellati.

UDCA - corvo bianco tra epatoprotettori

E poi, finalmente, arrivò il turno di raccontare la droga, che occupa un posto speciale nella serie di epatoprotettori. Facciamo subito una prenotazione per non tormentare il lettore, - uno speciale dal lato positivo.

L'acido ursodesossicolico è un acido biliare prodotto in piccole quantità nel corpo umano. Per la prima volta il farmaco è stato ottenuto dalla bile dell'orso, ma oggi è ottenuto sinteticamente.

Nelle farmacie nazionali, questo epatoprotettore è rappresentato da una pleiade di nomi commerciali, tra cui:

  • Ursofalk, la droga più costosa e originale
  • Urososan
  • Ursodez
  • Livodeksa
  • Urdoksa
  • Ursol
  • Grinterol
  • Holudekasan
  • Ursodex e altri.

Meccanismo d'azione

L'acido ursodesossicolico (UDCA) presenta un complesso effetto immunomodulatorio, epatoprotettivo e coleretico. Inoltre, abbassa il colesterolo nel sangue e previene il ristagno della bile.

Le proprietà dell'epatoprotettore sono dovute alla sua capacità di stabilizzare le membrane delle cellule epatiche e proteggere gli stessi epatociti. Inibisce l'assorbimento del colesterolo nell'intestino, determinando una diminuzione del suo contenuto nella bile e aumenta anche la solubilità del colesterolo. Questa qualità consente ai preparati UDCA non solo di proteggere il fegato, ma anche di aiutare a dissolvere i calcoli di colesterolo esistenti nella colecisti e nei dotti biliari e prevenire la formazione di nuovi.

Quando viene nominato?

Gli epatoprotettori contenenti acido ursodesossicolico sono utilizzati nella colelitiasi (solo nel caso di calcoli confermati di colesterolo, osservati nell'80-90% dei casi della malattia), come pure epatite acuta e cronica, danno epatico tossico, indipendentemente dal tipo di sostanza tossica che ha provocato la malattia, alcol tratto biliare discinesia epatica. Inoltre, l'acido ursodesossicolico è usato nella terapia combinata per la fibrosi cistica.

I farmaci epatoprotettivi UDCA sono utilizzati anche per la colestasi, anche per le donne in gravidanza - il loro profilo di sicurezza consente di prescrivere le categorie più vulnerabili di consumatori, compresi i bambini.

Efficacia in termini di medicina basata sull'evidenza

Gli epatoprotettori contenenti UDCA sono quasi gli unici rappresentanti di questo gruppo farmacologico che non hanno alcun disaccordo con la medicina basata sull'evidenza. Numerosi studi dimostrano che questo medicinale funziona davvero efficacemente con danni al fegato di varia origine, colestasi intraepatica, cirrosi alcolica (miglioramento della prognosi della malattia), steatosi e altre patologie epatiche.

E non meno la prova evidente che gli epatoprotettori basati su UDCA sono davvero efficaci è il loro riconoscimento a livello mondiale. I fondi di questo gruppo sono registrati e ampiamente utilizzati nei paesi sviluppati del mondo, tra cui Svizzera, Italia, Francia, Giappone, Germania e altri. È vero, va notato che è incluso nel gruppo dei coleretici che contribuiscono alla dissoluzione dei calcoli biliari e non degli epatoprotettori. Ma alla fine, questo aspetto non ha alcun effetto sul risultato.

Quindi, se si cerca la risposta alla domanda che spesso sorge tra i consumatori - quale epatoprotettore è il più potente, il più efficace e generalmente il più - il più - la risposta sarà inequivocabile: quella che ha dimostrato efficacia che non è soggetta a dubbi anche con l'atteggiamento più scettico. E questo requisito soddisfa solo un ingrediente attivo - acido ursodesossicolico.

"E gli altri epatoprotettori? - il lettore esiterà - dopo tutto, il medico ha detto (è stato scritto nell'articolo, hanno detto in TV) che è stata dimostrata anche la loro efficacia? "Sì, effettivamente, si verificano situazioni del genere. Ed ecco perché.

Ricerca clinica: non tutto ciò che luccica è oro

Alimentando la nostra conversazione sui moderni epatoprotettori, puniremo l'io in una domanda che confonde molti consumatori (e, sfortunatamente, anche i medici), e fornisce loro false idee sull'efficacia di questi farmaci.

Il fatto è che i risultati di vari studi sui farmaci non sono sempre affidabili. Per escludere la possibilità di ottenere dati falsi, il lavoro dovrebbe essere svolto in conformità con i requisiti specifici formulati nei principi di base della medicina basata sull'evidenza. Pertanto, i più affidabili sono studi in cui i partecipanti sono divisi in diversi gruppi che assumono il farmaco in studio e i manichini o altri mezzi di confronto (studio randomizzato). Nessun paziente deve sapere che sta ricevendo - farmaci o placebo (studio cieco), ma è meglio che anche un medico non lo sappia (studio in doppio cieco). Una condizione importante per la credibilità è l'inclusione di un gran numero di partecipanti nel lavoro - in opere di grandi dimensioni, questo coinvolge migliaia di volontari. E questo non è tutto per la ricerca moderna.

Tali esperimenti richiedono tempo e enormi costi materiali. Inoltre, nessuna azienda farmaceutica li condurrà se ci sono seri dubbi nei risultati, perché l'obiettivo del lavoro è quello di confermare l'efficacia, registrare il prodotto sul numero massimo di mercati, aumentare le vendite e ottenere il massimo profitto.

Per uscire dalla situazione e presentare almeno alcune "prove dell'efficacia" delle aziende che producono farmaci con dubbia efficacia, ricorrono a trucchi: avviano ricerche con risultati praticamente positivi. Nella migliore delle ipotesi, questi esperimenti sono condotti su diverse dozzine di pazienti e i requisiti della medicina basata sull'evidenza sono cambiati a modo loro. I dati ottenuti, che soddisfano gli interessi del produttore, sono usati per promuovere il farmaco - suonano nelle pubblicità, decorano libretti e confondono i consumatori.

Ahimè, una situazione simile nei paesi della CSI è la regola piuttosto che l'eccezione. E quindi, nella scelta dei farmaci OTC, dovrebbe agire la legge di un mercato crudele: non tutto è oro che luccica. Soprattutto quando si tratta di epatoprotettori.

L'articolo sopra e i commenti scritti dai lettori sono solo a scopo informativo e non richiedono auto-trattamento. Parla con uno specialista dei tuoi sintomi e malattie. Quando si trattano con qualsiasi medicinale, si consiglia di utilizzare sempre le istruzioni contenute nel pacchetto insieme a quelle del medico, come linea guida principale.

Per non perdere le nuove pubblicazioni sul sito, è possibile riceverle via email. Sottoscrivi.

Vuoi sbarazzarti di naso, gola, polmoni e raffreddori? Quindi assicurati di dare un'occhiata qui.

Vale la pena prestare attenzione ad altri articoli interessanti: