Fegato artificiale - la creazione di scienziati russi

Sintomi

Ciao, cari lettori!

Tutti sanno quale ruolo gioca il fegato nel mantenere la salute umana. Questo organo è chiamato il principale componente biochimico del corpo umano. Il fegato svolge molte funzioni, che vanno dalla formazione e secrezione della bile, dalla partecipazione al metabolismo alla neutralizzazione di batteri, virus e sostanze tossiche che entrano nel sangue. Le persone che sono malnutrite, abusano di alcool, distruggono i loro fegati, abbreviano le loro vite. E ci sono casi in cui solo un fegato artificiale può salvarli.

Il fegato può sopportare carichi piuttosto grandi, è anche in grado di recuperare velocemente. Ma arriva un momento in cui sorgono problemi in esso. Le sue malattie si riflettono nel benessere generale di una persona, possono avere un impatto sul suo aspetto, sulla sua psiche. Coloro che desiderano trascorrere anni di vita lunghi e, soprattutto, sani, pensano sempre di mantenere questo organo in condizioni eccellenti, ma per molti questa parte interna del corpo potrebbe non recuperare. I medici raccomandano di seguire una dieta. Senza la giusta dieta, questo importante strumento umano non può essere curato.

Scienziati in molti paesi hanno ripetutamente cercato di creare questa parte degli organi interni in una forma artificiale per aiutare migliaia di pazienti. Infine, gli scienziati russi hanno realizzato questo sogno. Hanno creato un fegato artificiale. Questa incredibile notizia si è diffusa rapidamente in tutto il mondo. Gli specialisti affrontano il compito del trapianto di questo importante organo nell'uomo. Gli scienziati stanno già conducendo un esperimento. Durerà 2 anni.

Gli esperimenti sono condotti su ratti, che dovevano morire un anno fa. Ma a seguito degli esperimenti, l'organo malato iniziò gradualmente a riprendersi. Le sue cellule sono ancora in provette, dove crescono e si dividono, e si contraggono in un unico centro. Il suo trapiantato all'animale da esperimento. Dopo il trapianto di cellule sane, gli animali hanno iniziato a riprendersi e comportarsi come i loro fratelli. Hanno un grande appetito. Ora il loro corpo è completamente restaurato. Gli scienziati ritengono che questi ratti non siano minacciati di morire di malattia, solo dalla vecchiaia. Gli esperti dicono che senza l'uso della tecnologia a livello cellulare, il 50% dei ratti sperimentali sarebbe morto.

La persona ha altre parti vitali interne del corpo, che gli scienziati dovranno lavorare in futuro per ripristinare. M. Shagidulin, un dipendente del Centro scientifico per trapianti e organi artificiali, ha parlato di questo esperimento.

Bene, come ti è piaciuto l'articolo? Se è così, assicurati di condividerlo sui social network, iscriviti all'aggiornamento del blog e attendi la continuazione.

Album Dialysis Machine MARS: Fegato artificiale

Come ripristinare e mantenere la funzione epatica?

Il problema del trattamento dell'insufficienza epatica rimane di grande rilevanza ed è uno dei problemi più importanti e complessi della medicina, poiché l'incidenza aumenta di anno in anno, in particolare - forme gravi di epatite virale acuta, nonché lesioni tossiche alcoliche e medicinali del fegato. Violazione sintetico, metabolica e la funzionalità epatica disintossicante porta all'accumulo di varie sostanze tossiche, come ammoniaca, acidi biliari, ossido nitrico, lattato (acido lattico), prodotti del metabolismo dell'acido arachidonico, benzodiazepine endogene, indoli, mercaptani, citochine infiammatorie. Di conseguenza, si sviluppano lesioni sistemiche - disturbi circolatori che portano a circolazione ipertensiva, coagulazione e disturbi immunologici. Inoltre, vi è una lesione secondaria dell'organo a causa di un eccesso di mediatori dell'infiammazione, che porta alla manifestazione clinica di insufficienza multiorgano, seguita dall'aggiunta di complicanze settiche.

Nonostante alcuni progressi nella moderna terapia intensiva, la mortalità dei pazienti con insufficienza epatica acuta o scompenso del processo cronico rimane inaccettabilmente elevata e non scende al di sotto del 60% anche in centri epatologici specializzati. Quindi, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l'insufficienza epatica è costantemente al sesto posto tra le cause di morte (Kamath P.S., 2001; Cardenas A., et al., 2005; D, Amigo G., et al., 2006). L'attuale terapia farmacologica standard (SMT) di insufficienza epatica è finalizzata alla possibilità di rigenerazione spontanea del fegato nelle lesioni acute, così come il trattamento delle complicanze e la prevenzione della progressione del processo nei pazienti con insufficienza epatica cronica. Tuttavia, nei pazienti con insufficienza epatica fulminante e insufficienza cronica allo stadio terminale, la terapia medica standard (SMT) è completamente inefficace. Va notato che tradizionalmente la maggior parte delle cliniche epatologiche aderisce a tattiche conservative di gestione del paziente.

Le speranze e i successi dell'epatologia moderna sono in gran parte connessi con il significativo progresso della medicina moderna e, prima di tutto, con la possibilità di trapianto di fegato a pazienti precedentemente senza speranza. Tuttavia, questo metodo di trattamento non può fornire a tutti coloro che ne hanno bisogno a causa della mancanza di organi da donatore, dell'elevato costo della vita e di lunghi tempi di attesa. Tuttavia, il fegato è un organo unico e unico, che possiede non solo un gran numero di funzioni, ma anche la possibilità di rigenerazione e recupero funzionale quando le sue funzioni vengono temporaneamente sostituite da metodi hardware extracorporei. Pertanto, la creazione e l'uso di sistemi artificiali per supportare la funzionalità epatica è l'idea principale della moderna terapia intensiva per pazienti con insufficienza epatica, che ha ridotto la mortalità dall'85% al ​​60% (Kim WR, Brown RS, 2002, Wilmer A., ​​et al., 2002; H., et al., 2005; Laleman W., et al., 2006; Ronco C., 2007). Al momento nel mondo collaudato e implementato l'applicazione anticipata della correzione del sangue extracorporea nel trattamento di insufficienza epatica acuta e fulminante, con - nello sviluppo di disfunzione trapianto di fegato nei pazienti trapiantati sottoposti a chirurgia, così come scompenso di lesioni diffuse croniche del fegato. Ciò ha permesso di prevenire lo sviluppo di insufficienza multiorgano e di migliorare significativamente i risultati del trattamento complesso dei pazienti. Pertanto, l'attuale approccio per ripristinare la funzione epatica comprende la rimozione dal flusso sanguigno metaboliti patologici fattori infiammatori e sostanze vasoattive utilizzando extracorporeo sangue correzione apparato albumina dialisi MARS (Jalan R., Williams R., 2002; Stange J., et al, 2002. ; Davenport A., 2003; Evenepoel PW, et al., 2005).

Apparecchiatura albumina dialisi epatica "fegato artificiale" rappresenta adsorbimento ricircolo MARS molecolare - Molecolare Adsorbente Sistema e ricircolo disintossicazione extracorporea in insufficienza epatica di varia origine, comprese quelle causate da: epatite tossica, cirrosi, epatite infettiva e la preparazione pre-trapianto pazienti. La dialisi dell'albumina è l'emodiafiltrazione che utilizza dialisato arricchito di albumina, che aiuta a rimuovere le tossine legate alle proteine. Questa tecnica richiede un dispositivo di perfusione dell'albumina con monitoraggio dell'anello chiuso del dialisato di albumina (dialisi epatica di albumina), nonché di un apparato di emodialisi (rene artificiale). L'apparecchiatura proposta dovrebbe essere un'unità separata "fegato artificiale" (blocco albumina dialisi) per controllare i parametri della portata anello albumina, la durata del trattamento, la pressione e la temperatura di controllo, la capacità di combinare con l'apparecchiatura "rene artificiale" (blocco emodialisi) da diversi produttori: Gambro, Fresenius Medical Care, B.Braun Melsungen AG, Bellco Spa, Nipro Corporation, ecc.

Il sistema della dialisi dell'albumina, il fegato artificiale, consiste di:

  1. I. Apparecchio stazionario "MARS" (monitor MARS), che funziona in combinazione con qualsiasi dispositivo di emodialisi noto "rene artificiale" (l'apparecchio per emodialisi dovrebbe essere già in ospedale presso l'utente).
  2. II. Kit terapeutici "MARS-Set", che sono consumabili secondo il principio: 1 set, composto da 4 cartucce speciali per 1 procedura, della durata da 8 a 24 ore.

La composizione di ciascun set terapeutico "MARS-Set" comprende:

- DIALYZER MARS®FLUX per la rimozione di tossine legate alle proteine ​​con 20% di albumina donatrice, 500 ml (dialisato HAS).

- DIALIZZATORE DiaFLUX per l'eliminazione delle tossine idrosolubili a basso peso molecolare dal dializzato HAS nel sistema di circolazione MARS. Superficie effettiva: 1,7 mq

- La cartuccia di adsorbimento diaMARS® AC250 contenente carbone attivo non patinato - serve a pulire il dialisato HAS ea rimuovere composti non polari di basso peso molecolare, acidi biliari e grassi, nonché composti policiclici aromatici nel sistema di circolazione MARS.

- Una cartuccia di adsorbimento diaMARS® IE250 contenente una resina scambiatrice di anioni per rimuovere composti anionici e bilirubina nel sistema di circolazione MARS.

- Il sistema di tubi AS-02 collega i componenti sopra menzionati del sistema MARS ed è dotato di prese d'aria e filtro per particelle fini.

MARS Tecnologia - Molecolare Adsorbente ricircolo sistema richiede l'utilizzo di un dispositivo guidata per emodialisi (o modulo per esteso emofiltrazione veno-venosa), così come i dispositivi per infusione di albumina dializzato «monitorare MARS» monitoraggio della produzione Gambro circuito chiuso albumina. L'accesso venoso e venoso è necessario per la perfusione del sangue attraverso il dispositivo (un catetere a due lumi è più spesso usato). L'anticoagulazione nel circuito si ottiene mediante infusione di eparina, la cui dose viene adattata al tempo della coagulazione attivata e mantenuta tra 150-200s. La perfusione ematica viene effettuata dalla pompa del dispositivo per emodialisi o, in caso contrario, dalla pompa del sangue del modulo per emofiltrazione venosa venosa continua. La portata del sangue è mantenuta nell'intervallo da 150 a 200 ml / min, a seconda della stabilità emodinamica del paziente. Il sangue passa attraverso il flusso MARS-membrana impermeabile alla membrana albumina. Il circuito di albumina chiuso viene riempito con 500 ml di albumina di donatore al 20% e perfuso con una pompa a rullo MARS ad una velocità di 150 ml / min. Il dializzato di albumina passa attraverso il filtro dal lato dialisi della membrana, dopodiché viene rigenerato con dializzato bicarbonato (la macchina per dialisi o il modulo per terapia sostitutiva continua è responsabile del suo flusso), quindi il dializzato HAS entra nella colonna con carbone non rivestito, quindi la seconda colonna con resina a scambio anionico. Il tempo di trattamento varia in base alla tecnica adottata in clinica e alle indicazioni terapeutiche. In media, va da 6 a 8 ore (tecnica intermittente) o, nel caso di una tecnica continuata, 24 ore al giorno, che è più spesso utilizzato in unità di terapia intensiva.

! Attenzione! È molto importante per i potenziali clienti indicare la marca del dispositivo associato per emodialisi, da allora Il sistema di tubi flessibili di collegamento AS-02 ha un numero di ordinazione diverso per Gambro Prizma. Anche un altro numero di ordini di tubi ha kit terapeutici per bambini.

Fegato artificiale e tecnologie cellulari

Circa un litro e mezzo di sangue scorre attraverso il fegato umano in un minuto. Il compito di questo organo più importante è quello di pulire il sangue dalle sostanze nocive - le tossine, per garantire il normale metabolismo. Come è noto, il sangue non solo fornisce tutti gli organi con ossigeno e sostanze necessarie, ma, purtroppo, è anche un mezzo di consegna agli organi e ai tessuti di varie sostanze tossiche. E se il fegato non affronta la sua funzione di purificazione del sangue, il corpo risponde immediatamente a questo fallimento con un guasto che può verificarsi ovunque. E prima di tutto - nel sangue stesso.

Leggi l'ultima recensione settimanale di "UP": quali eventi nel periodo dal 4 al 9 giugno la maggior parte di tutti i residenti interessati della regione di Chelyabinsk.

Il noto medico di Chelyabinsk, Alexander Shlykov, compirà presto 97 anni. Ha attraversato l'intera guerra e ha ricevuto 5 ordini e 32 medaglie. La sua biografia riflette due dei più importanti eventi storici della guerra: la parata militare sulla Piazza Rossa a Mosca il 7 novembre 1941 e la Victory Parade del 24 giugno 1945, alla quale partecipò anche il nostro connazionale.

Mars - società mittek - attrezzature mediche

Nuova tecnologia "MARS - artificial liver" - un modo efficace per sostituire la funzionalità epatica.

Caratteristiche del sistema "MARS â - un fegato artificiale"

Allo stato attuale, lo sviluppo della medicina moderna nel campo della disintossicazione extracorporea rende possibile trattare con successo un contingente estremamente pesante di pazienti con disfunzione fatale degli organi interni.

Come risultato del supporto temporaneo per la funzionalità degli organi compromessa, diventa possibile ripristinarlo, seguito in alcuni casi dalla completa riabilitazione del paziente.

Uno dei più complicati metodi extracorporei di sostituzione di organi è attualmente sviluppato in Germania, la tecnologia di sostituzione del fegato denominata "MARS - fegato artificiale", che è stata utilizzata con successo in cliniche leader in Germania, Europa e Stati Uniti per 17 anni.

In Russia, il primo sistema MARS è apparso a metà del 2000.

Entrò nel mercato con il potente nome "MARS â - il primo fegato artificiale", suscitando così molte discussioni negli ambienti medici russi sulle ampie possibilità di sostituire le funzioni del fegato.

Già le prime applicazioni di MARS nelle cliniche russe hanno mostrato ai propri utenti le proprietà uniche di questo sistema e, di conseguenza, ha confermato la validità di un tale nome per questo dispositivo.

Ciò è dovuto principalmente ai risultati positivi del trattamento con il metodo MARS di un gruppo estremamente difficile di pazienti che di solito hanno una prognosi sfavorevole in quasi il 100% dei casi.

Va notato che di quei pazienti sottoposti a sedute di terapia MARS, oltre il 60% è sopravvissuto, il che supera significativamente il tasso di sopravvivenza noto per i pazienti di questa gravità prima, nel periodo "prematrimoniale".

Tutti i pazienti hanno avuto una regressione di encefalopatia epatica, una diminuzione della bilirubina sierica, stabilizzazione dell'emodinamica, dinamica positiva in termini di coagulogramma, in alcuni pazienti - inversione della sindrome epatorenale.

Oggi, dopo 14 anni di esperienza positiva con l'uso della tecnica MARSâ nelle istituzioni mediche russe, è assolutamente chiaro che questo sistema del primo fegato artificiale ha un grande futuro in Russia nelle aree della chirurgia (addominale, cardiochirurgia, trapianto, tossicologia (trattamento dell'avvelenamento grave) ed epatologia ( epatite, cirrosi epatica), salvando davvero vite umane oggi in casi che solo di recente sembravano senza speranza.

I potenziali utilizzatori del sistema MARS - Artificial Liver nella Federazione Russa sono centri di chirurgia e cardiochirurgia regionali e regionali, ospedali clinici regionali, centri regionali di nefrologia e tossicologia, tutti in Russia - circa 200 solo grandi istituzioni mediche.

Aspetti medici del sistema MARS - Fegato artificiale

È interessante notare che la soluzione tecnica alla creazione di una tecnologia così efficace non è lontana dalla tecnologia dell'emodialisi tradizionale, che è stata a lungo radicata come metodo per trattare l'insufficienza renale.

Tuttavia, nel caso di MARS, il dializzato è una soluzione di albumina umana del 20% donatore, che, passando attraverso una speciale membrana MARS, è in grado di rimuovere l'albumina dal sangue del paziente dalle tossine insolubili in acqua che si accumulano durante l'insufficienza epatica e costituiscono il principale anello nella catena di patogenesi dell'intossicazione endogena.

Dopo la saturazione della soluzione di dializzato di albumina con tossine idrofobiche, l'albumina viene rigenerata, o meglio, la deligandilizzazione della molecola di albumina durante la sua perfusione attraverso carbone attivo e una resina scambiatrice di anioni. Inoltre, nel circuito del dializzato di albumina esiste un filtro a bassa permeabilità, in cui vengono rimosse le tossine idrosolubili e, di conseguenza, rimane la possibilità di sostituire la funzione renale, che spesso soffre di insufficienza epatica e si manifesta nello sviluppo della sindrome epatorenale. Va detto che questo elemento è anche assolutamente necessario per la rimozione di un composto idrosolubile così altamente tossico come l'ammoniaca, il cui livello è elevato durante l'insufficienza epatica.

ie Invece di due circuiti (sangue e dialisi) nel sistema MARS, un terzo, l'albumina, appare, quindi questo sistema funziona in combinazione con un dispositivo di terapia sostitutiva renale. La combinazione è possibile con l'apparecchiatura dei produttori più noti di apparecchiature per emodialisi o apparecchiature per la terapia continuativa di sostituzione renale.

Da quanto precede, può essere inteso il nome MARS, che si basa su un'abbreviazione inglese (sistema di ricircolo adsorbente molecolare), che può essere tradotto come "un sistema di adsorbimento molecolare ricorrente" o "metodo di dialisi ricorrente mediata da albumina".

È ovvio che MARS sostituisce la funzione di disintossicazione del fegato. C'è una domanda sulla necessità di sostituire altre funzioni del fegato, tranne che per la disintossicazione. Infatti, in Russia e all'estero, ci sono molti sviluppi di sistema che dovrebbero sostituire, oltre alla disintossicazione, una funzione così importante del fegato come sintetica. Stiamo parlando dell'uso di epatociti auto- o allogenici extracorpori.

Tuttavia, è ormai noto dalla letteratura scientifica mondiale che nessuno degli studi condotti negli ultimi 16 anni ha mostrato un aumento del tasso di sopravvivenza dei pazienti con insufficienza epatica trattati con dispositivi contenenti coltura di epatociti extracorporei.

Oltre a ciò, anche il livello di attività metabolica di queste cellule in relazione alla sostituzione della funzione sintetica del fegato era discutibile. Inoltre, questi dispositivi soffrono di una serie di effetti collaterali e il costo estremamente elevato del trattamento, che ha limitato il loro uso nel mondo alle sperimentazioni cliniche.

La conclusione è che fino a poco tempo fa non esisteva alcun dispositivo extracorporeo in grado di sostituire efficacemente la funzione del fegato quando era disponibile in commercio.

Allo stesso tempo, l'esperienza globale dell'uso di MARS negli ultimi 16 anni (vale a dire, è passato molto tempo dalla prima applicazione clinica della tecnica) ha dimostrato in numerosi studi che, se si verifica una sostituzione adeguata della funzione di disintossicazione del fegato, nella maggior parte dei casi vengono ripristinate altre funzioni dell'epatocita, incluso sintetico. Ciò è spiegato dalla creazione di condizioni per la rigenerazione del proprio organo. La creazione di tali condizioni è causata da una clearance sufficientemente elevata contro le tossine legate all'albumina (acidi biliari, bilirubina, ecc.), Che porta alla rottura del circolo patologico dell'intossicazione endogena e all'elevata selettività del metodo. Dopotutto, la membrana MARS è permeabile solo per molecole la cui dimensione è inferiore a 50 kDa, quindi non c'è perdita di proteine ​​del sangue benefiche, compresi i fattori di crescita degli epatociti, che sono importanti per la loro rigenerazione. Allo stato attuale, si pone la questione se sia necessario cercare di sostituire la maggior parte delle funzioni dell'epatocita o sostituire in modo sufficientemente efficace uno per la disintossicazione, con il risultato che il proprio fegato sarà in grado di rigenerarsi e, quindi, iniziare a svolgere le sue funzioni da solo.

Qualche parola sulla biocompatibilità del metodo MARS.

È paragonabile alla biocompatibilità dell'emodialisi tradizionale quando viene eseguita utilizzando una moderna membrana sintetica.

Dopotutto, il contatto del sangue durante la dialisi dell'albumina si verifica solo con la superficie di una membrana asimmetrica impregnata di albumina.

Pertanto, a parte un certo numero di effetti dei cambiamenti nei parametri del sangue insiti in queste membrane (diminuzione del numero di piastrine, leucociti, ecc.), La procedura non ha praticamente effetti collaterali e, di conseguenza, controindicazioni, che lo distingue in modo significativo da altri metodi usati nel trattamento dell'insufficienza epatica (emosorbimento, assorbimento del plasma, plasmaferesi).

Va sottolineato che oggi solo la terapia MARS è in grado di trattare pazienti estremamente difficili, in precedenza invisibili, dando loro la possibilità di sopravvivere a seguito del ripristino della propria funzione epatica o di un trapianto, nel secondo caso considerando la dialisi dell'albumina come un "ponte" per questa operazione.

Terapia MARS per il trattamento dell'insufficienza epatica.

Valore e funzione del fegato

Il fegato appartiene ad organi assolutamente vitali, svolge diverse funzioni vitali. In inglese, le parole "live" e "liver" sono praticamente omonimi: "live" e "liver", rispettivamente. In russo, la parola "fegato" deve la sua origine al fatto che la temperatura nel fegato è superiore alla temperatura media del corpo, dalla parola "fornace". In una parola che designa un fegato, i kazaki si riferiscono a una persona cara, vicina. Nei tatari di Crimea, gli amati si chiamavano "il mio fegato" per sottolineare che non potevano vivere senza di lui o lei. Era il fegato che beccava il Prometeo incatenato all'aquila, inviato da Zeus per punirlo per aver dato fuoco alle persone.

Le principali funzioni del fegato:

  • Neutralizzazione ed eliminazione di composti tossici, in particolare, la conversione dell'ammoniaca tossica nell'urea,
  • Mantenere livelli normali di glucosio nel sangue. Nel fegato ci sono le riserve di glicogeno polisaccaride, con una diminuzione del glucosio nel sangue, il glicogeno viene scisso e si forma il glucosio monosaccaride, che è disponibile per l'assorbimento da parte delle cellule del corpo e penetra nel cervello
  • Mantenimento della necessaria composizione di aminoacidi e proteine ​​del sangue. Nel fegato, si verifica la sintesi e la rottura di molte proteine, in particolare di albumina, globuline, ecc.

Sintesi della bile. La stessa bile ha diverse importanti funzioni.

  • Sintesi di fattori di coagulazione del sangue. Nelle malattie del fegato ci sono disturbi della coagulazione del sangue, spesso dal tipo di sanguinamento
  • L'assimilazione di "energia" del corpo (grasso)
  • Partecipazione allo scambio di ormoni. Quando le malattie del fegato spesso si verificano disturbi ormonali, trattamento ed escrezione di droghe, sostanze tossiche, alcol, ecc.

Quindi, il fegato prende parte al metabolismo di proteine, grassi, carboidrati, vitamine, è un deposito in cui queste sostanze vengono "immagazzinate" per il caso di necessità.

Una condizione in cui una malattia del fegato compromette la funzionalità epatica è chiamata insufficienza epatica. Le sue principali manifestazioni possibili sono: gonfiore della pelle e delle mucose, aumento dell'addome dovuto all'accumulo di liquidi, flatulenza, diarrea, pesantezza nell'addome, cattiva digestione degli alimenti grassi, vene varicose nell'addome specialmente nell'ombelico, odore di acetone, forte deterioramento, disturbi neurologici (epatica encefalopatia) e, alla fine della malattia, coma epatico.

Cause della malattia epatica

Gli scienziati sono già stati in grado di raggiungere un certo successo nel trattamento delle lesioni virali del fegato (epatite), ma la prevalenza dell'epatite virale rimane depressivamente alta. Secondo l'Oms, 240 milioni di persone sono cronicamente infette dal virus dell'epatite B e 130-150 milioni di persone soffrono di epatite C.

Con la cirrosi epatica sviluppata, il trattamento farmacologico è inefficace e il trapianto di fegato è un'operazione complessa e costosa, inaccessibile alla maggioranza dei bisognosi. Oltre ai virus, il fegato può colpire varie tossine (alcol, funghi velenosi, componenti alimentari dannosi, rischi professionali e fattori ambientali), quantità eccessive di ferro e rame nel corpo. La malattia epatica può svilupparsi a causa di disturbi autoimmuni, disturbi circolatori.

Metodi di trattamento

In medicina, se la funzione dell'organo non può essere ripristinata, provare a sostituirla. Questi sono i cosiddetti metodi extracorporei, cioè "fuori dal corpo". Conoscete i dispositivi del "rene artificiale" (emodialisi), la ventilazione artificiale dei polmoni e la circolazione del sangue, che ha salvato o prolungato la vita, rendendola più confortevole per milioni di pazienti. È stato più difficile creare qualcosa di simile in relazione al fegato, data la sua struttura anatomica e multifunzionalità.

Cos'è MARS?

I tentativi di purificare il sangue di sostanze tossiche secondo il principio del rene artificiale non hanno avuto successo, perché, in questo caso, la maggior parte delle tossine non sono solubili in acqua, ma tendono a legarsi alle proteine. Pertanto, gli scienziati per molti anni alla ricerca di sostanze necessarie per la dialisi. Come risultato di queste ricerche, è stato creato un sistema MARS innovativo e moderno: un sistema di riciclaggio adrenolico molecolare. Nella letteratura inglese, viene usato il termine MARS. Cosa significano queste parole?

M - Le molecole di albumina legano sostanze tossiche che sono insolubili in acqua

A - queste sostanze sono adsorbite (cioè "tirate fuori") dal sangue del paziente. L'adsorbimento è un processo che si svolge al confine di due media (solido e liquido, liquido e gassoso).

P - il prefisso "Re" significa che il ciclo viene ripetuto più volte.

Nel sistema MARS, l'albumina è usata come fluido dialitico, la principale proteina del sangue prelevata da donatori sani. Il sangue di un paziente con insufficienza epatica circola nei capillari (tubi di piccolo diametro) di un filtro speciale (hemofilter), e al di fuori di questi tubi c'è una soluzione di albumina. Questa soluzione di albumina esterna preleva le tossine dal sangue del paziente. Questo perché la membrana da cui è fatto l'emofiltro è semipermeabile, vale a dire le sostanze tossiche possono muoversi solo in una direzione, dal sangue alla soluzione di albumina.

In fisica, c'è un concetto - un gradiente di concentrazione. La concentrazione di sostanze nocive nel sangue del paziente è elevata, nel fluido dialitico - non lo sono. Pertanto, a causa della differenza di concentrazione, le tossine vengono trasferite dal sangue alla soluzione di dialisi (diffusione) e sono collegate a molecole di albumina. La soluzione di albumina continua, passa ciclicamente attraverso una resina scambiatrice di anioni, un sorbente (filtro con carbone attivo non patinato) e un emofiltro speciale. Il catrame cancella l'albumina dalla bilirubina, il carbone attivo dagli acidi biliari e l'emofiltro dalle tossine idrosolubili. Successivamente, la soluzione di dialisi purificata viene nuovamente fornita al circuito di dialisi esterna.

Pertanto, il sistema MARS presenta chiari vantaggi: un circuito chiuso, vale a dire il sangue non è in contatto con gli elementi di pulizia del sistema e, di conseguenza, non vi è alcun rischio di trasferimento di microrganismi patogeni dal sangue nel sistema e il trasferimento del componente del filtro nel sangue del paziente. Solo le sostanze con un piccolo peso molecolare possono passare attraverso la membrana del filtro dal sangue nel liquido di dialisi.

Un altro vantaggio è la selettività, vale a dire selettività. Con l'aiuto di MARS, solo le sostanze nocive vengono rimosse dal corpo, tutti gli altri componenti del sangue ritornano nel flusso sanguigno, in contrasto con la plasmaferesi, che rimuove parte del plasma del paziente.

Considerando l'elevata efficienza e sicurezza della procedura, gli specialisti della clinica Hadassah Ein-Kerem raccomandano e conducono con successo la terapia MARS - terapia per pazienti con insufficienza epatica. La conduzione della dialisi dell'albumina migliora significativamente le condizioni e l'analisi dei pazienti, consente di guadagnare tempo per la selezione di un donatore compatibile per un trapianto di fegato.

Fegato - organo hi-tech

Operazioni robotiche

I robot Da Vinci sono conosciuti e amati da entrambi i chirurghi russi e stranieri: le operazioni con esso sono eseguite ovunque. Il medico controlla tutti i movimenti del robot - questo elimina gli errori associati al fattore umano. Da Vinci è usato per rimuovere il fegato e per rimuovere tutti i tipi di tumori e di cisti che si formano in esso.

Tali operazioni sono anche minimamente invasive e sostituiscono i sanguinosi cavitari. Per la resezione, ad esempio, le cisti, è necessario fare solo poche forature. E il robot può raggiungere le aree del corpo difficili da raggiungere - tali interventi includono operazioni sui segmenti posteriori e il lobo destro del fegato. Il robot ha quattro "mani" - una coppia svolge le funzioni di mani umane, la terza manipola l'endoscopio, la quarta esegue azioni ausiliarie.

laser

Il raggio laser può sostituire il bisturi. I suoi principali vantaggi sono che previene la grave perdita di sangue, in quanto "sigilla" i piccoli vasi sanguigni e previene qualsiasi infezione, poiché non vi è alcun contatto diretto del tessuto con lo strumento. Questo metodo è utilizzato per una varietà di malattie del fegato, inclusa l'asportazione di metastasi nel cancro.

Fegato e trapianto artificiale

Con la cirrosi e il cancro del fegato è necessario il trapianto, altrimenti la morte. Il costo dell'operazione è calcolato in decine di milioni di rubli. Per mantenere la vita del paziente prima dell'intervento, quando l'organo si guasta, o durante l'attesa del donatore, viene utilizzato un fegato artificiale. È vero, gli scienziati sperano di creare un cosiddetto organo bio-artificiale - quindi tutti i problemi con la mancanza di trapianti potrebbero essere risolti.

I lavori per la creazione di un organo artificiale sono iniziati negli anni '70 e da allora si è evoluto lo sviluppo di un fegato artificiale. Il primo fegato artificiale, la macchina per dialisi epatica all'albumina MARS (Molecular Absorbent Recirculation System), sostituisce la funzione di filtrazione del fegato: disintossica il sangue. Il resto delle molte funzioni deve essere compensato da altre procedure. Ma tutto questo è solo per il mantenimento della vita in previsione di un organo donatore.

Lo sviluppo di un fegato 3D è una delle principali aziende statunitensi di bioprinting. Nel 2013 sono stati stampati frammenti di organi contenenti vari tipi di cellule. Oggi, gli specialisti dell'azienda stanno testando un intero fegato che può vivere per 40 giorni. Il corpo non è inteso per trapianto, ma per studi clinici di farmaci.

A proposito del primo fegato bioingegneria ha iniziato a parlare nel 2010. L'ultimo risultato raggiunto nello sviluppo del fegato bio-artificiale appartiene agli scienziati di Shanghai. L'essenza della tecnologia è che gli epatociti - cellule del fegato - sono ottenuti da cellule staminali della pelle, tessuto adiposo o altro tessuto. L'organo risultante è al di fuori del corpo del paziente. Lo sviluppo ha già aiutato un paziente di 61 anni a sopravvivere al trapianto, mentre gli studi clinici continuano in parallelo.

Ci sono sviluppi simili in Russia, sono condotti da specialisti del Centro scientifico per il trapianto. Gli epatociti sono collocati in una speciale struttura di ingegneria tissutale, dove iniziano a dividersi, e quindi questa struttura viene collocata nell'organo malato. Durante gli esperimenti sui topi, l'efficacia della tecnologia è stata confermata: un topo con un fegato distrutto è stato posto su una costruzione, dopo di che un tessuto sano del fegato ha cominciato a formarsi nel suo stesso organo, l'animale non è morto e, secondo gli sviluppatori, si sente benissimo.

Una tendenza innovativa associata a un fegato artificiale è la coltivazione di un organo umano nel corpo di un maiale. Nell'embrione di un animale, i geni responsabili dello sviluppo dell'organo vengono tagliati, le cellule staminali del fegato umano vengono piantate e come risultato nasce un animale che ha un organo umano - in questo caso, il fegato. Si scopre un maiale con un fegato umano.

Il National Institutes of Health degli Stati Uniti ha deciso di interrompere il finanziamento di tali esperimenti per una valutazione dettagliata dei loro possibili effetti. Ma nel Regno Unito sta preparando una guida per lavorare con animali chimerici. A proposito, negli Stati Uniti, sono in corso esperimenti per modificare il DNA dei maiali in modo che i loro organi possano essere trapiantati nell'uomo.

Il fegato ha più di 500 funzioni e, sebbene questo organo abbia un'incredibile capacità di guarire se stesso, è molto vulnerabile alle malattie virali - l'epatite B e C e le conseguenze dell'abuso di alcol. Una delle principali conseguenze distruttive è la degenerazione del tessuto epatico nel tessuto connettivo - con la cirrosi. Lo stesso tessuto infinitamente auto riparatore cessa di esistere e, quindi, cessa di svolgere le sue funzioni - il corpo smette di funzionare. È in questi casi che è necessario un trapianto, l'unica possibilità di salvare la vita.

Apparecchio epatico artificiale

Gli scienziati di Chelyabinsk hanno inventato un fegato artificiale e scoperto un metodo per il trattamento della cirrosi del presente. La nuova unità fornirebbe un aiuto inestimabile alle persone i cui nomi sono in lista d'attesa per il trapianto di fegato e per i pazienti con malattia epatica acuta. Con l'aiuto del "fegato artificiale" è possibile eseguire una delle funzioni principali del fegato del presente - pulire o disintossicare il sangue, nonché migliorare i processi metabolici nel corpo del paziente.

Il modello sperimentale, prodotto dall'impianto di apparecchiature mediche Miass, ha già dimostrato che può supportare efficacemente la vita delle persone in crisi. Ora gli scienziati potrebbero salvare e prolungare la vita delle persone malate. Ma loro non lo fanno. Perché? Il direttore del Center for Cellular Technologies ha risposto a questa domanda il giorno prima.RU

Domanda: Vyacheslav Evgenievich, dicci che cos'è un "fegato artificiale"?

Vyacheslav Ryabinin: Non dovresti pensare che un "fegato artificiale" sia come un vero organo - è cucito nel corpo - e una persona è salvata. No. Il "fegato artificiale" è piuttosto un nome convenzionale per l'extracorporeo - cioè, situato all'esterno del corpo umano - un apparato simile nella sua azione, per esempio, a una macchina per emodialisi, il cosiddetto rene artificiale, o all'apparato circolatorio, un cuore artificiale.

Domanda: e come funziona questo dispositivo?

Vyacheslav Ryabinin: Il principio di funzionamento è abbastanza semplice - con l'aiuto di un "fegato artificiale" viene effettuato usando

Domanda: Quindi, in altri paesi ci sono analoghi di questo dispositivo?

Vyacheslav Ryabinin: In generale, la ricerca in questo settore è stata condotta più intensamente negli ultimi dieci anni. Per quanto ne so, le prove cliniche di dispositivi di questo tipo sono attualmente condotte negli Stati Uniti e in Europa.

Domanda: E perché il russo costa meno?

Vyacheslav Ryabinin: Perché tutti i materiali derivati ​​sono locali. È successo così. Un campione di prova è stato creato dall'impianto di tecnologia medica Miass - sono stati portati via con la nostra idea. Stimato, si è scoperto che la produzione costa questa quantità, e la manutenzione e i materiali di consumo - in questo.

Domanda: quante sedute sono necessarie per pulire il sangue?

Vyacheslav Ryabinin: Da tre a dieci, e dovrebbero essere tenuti in serie. Cioè, come tu capisci, il trattamento con l'aiuto dell'apparato tedesco richiederebbe decine di migliaia di euro dal paziente.

Domanda: questa serie è sufficiente per salvare un paziente?

Vyacheslav Ryabinin: questa serie è in grado di sostenere la vita. Questo è molto importante per le persone i cui nomi sono in lista d'attesa.

Domanda: il dispositivo è già stato utilizzato per il trattamento?

Vyacheslav Ryabinin: ci sono molte ragioni. In primo luogo, è stato necessario dimostrare la sicurezza e l'efficacia dell'estratto utilizzato nell'apparato del fegato del maiale. Dopo che il comitato farmaceutico ha confermato la possibilità di utilizzare questo estratto in dispositivi di questo tipo, i documenti sono stati inviati a

Domanda: Prendi qualche passo?

Vyacheslav Ryabinin: Sì, certo. L'unica cosa che richiede è tempo e denaro. Tutti i materiali di consumo dovranno essere pagati a noi - non per richiedere loro dai pazienti, un campione esperto. E anche il design di tutti i tipi di documenti vale la pena. Ci aspettiamo di spendere per questi test le nostre borse di studio - una sovvenzione della Fondazione per l'assistenza allo sviluppo delle piccole imprese nella sfera scientifica e tecnica e una sovvenzione del Ministero della Pubblica Istruzione.

Domanda: cosa, se non un segreto?

Vyacheslav Ryabinin: ad esempio, con l'aiuto delle cellule fetali. Sono derivati ​​dal materiale abortivo. Hanno un'alta attività biologica e contengono, in particolare, un gran numero di fattori di crescita degli epatociti, cioè, se li si immette nel corpo affetto dalla malattia, contribuirà al suo recupero.

Domanda: hai testato questo metodo?

Domanda: puoi licenziare questo metodo?

Vyacheslav Ryabinin: Finora è molto difficile.

Le difficoltà sono principalmente etiche - il lavoro viene svolto con materiale per aborti. Inoltre, si verificano difficoltà normative: in nessun luogo è scritto chi ha il diritto di condurre una terapia con l'uso di tali tecnologie. Solo 5-6 organizzazioni in Russia hanno le licenze per lavorare nel campo della terapia cellulare, e i requisiti per loro sono molto alti - le attrezzature più moderne, il più alto livello di personale. Per arrivare a questo livello, hai bisogno di tempo e denaro. Ma continuiamo a condurre ricerche.

Nato il 1 settembre 1949 a Yuryuzan, biochimico, dottore in scienze biologiche (1990), professore (1991), membro della New York Academy of Sciences (1996), membro effettivo di RAMTS (1998).

Nel 1971 si è laureato presso la facoltà di scienze naturali e geografia del ChGPI, ha lavorato per 2 anni come batteriologo presso la Stazione Sanitaria ed Epidemiologica di Chelyabinsk; Nel 1972-74, ricercatore junior presso il laboratorio di biogeocenologia dell'Università statale di Ilmensky. Riserva della USSR Academy of Sciences. Nel 1975-90, assistente, docente senior, dal 1991, prof. Dipartimento di Biochimica ChGMI.

Dal 1994, il capo. Dipartimento di Chimica Generale e Bioorganica. L'autore di oltre 130 studi scientifici. opere, ha ricevuto 3 certificati di copyright e 1 brevetto per l'invenzione. Nel 1999 ha conseguito un diploma presso l'Università di Cambridge "Eccezionali scienziati del XX secolo".

Verdetto Annullato

Vyacheslav Ryabinin, Dottore in Scienze Biologiche, Capo del Dipartimento di Biochimica dell'Accademia Medica Statale di Chelyabinsk, lavora nel suo staff da 15 anni. E lui non è solo. Per molti anni scienziati di Germania, Stati Uniti, Francia, Italia, Paesi Bassi hanno cercato di risolvere questo problema più complicato.

- In linea di principio, l'uso di organi artificiali non è nuovo, afferma Ryabinin. - Ma non esiste ancora un sostituto adeguato per il fegato umano. Il problema è che questo corpo, oltre a rimuovere le tossine dal corpo, fornisce sostanze benefiche - proteine, ormoni, amminoacidi, vitamine, ecc. La combinazione di queste funzioni in una singola unità si è rivelata estremamente difficile.

Ciò è confermato dal dispositivo tedesco "Fegato artificiale - Marte", presentato oggi sul mercato medico mondiale, che rimuove solo le tossine dal sangue, ma al posto di una "fabbrica" ​​per lo sviluppo di sostanze utili, al paziente viene offerta una procedura primitiva e complicata - iniezioni multiple. su Marte, per un semplice russo è semplicemente fantastico - circa 30 mila dollari.

Il dott. Ryabinin ha cercato di combinare, come si dice, in una bottiglia entrambe le funzioni importanti del fegato: purificazione e sintesi. Come droga, lo scienziato ha usato un estratto di fegato di maiale, che è il più vicino all'uomo nei suoi parametri anatomici e fisiologici. Già i primi esperimenti con i ratti hanno avuto successo. E presto ci fu un'occasione unica per testare studi teorici sul corpo umano.

- Nel 1993, non c'era alcuna legge sui trapianti, - ricorda Vyacheslav Ryabinin. - Un giorno, un agitatissimo capo di rianimazione del primo ospedale della città mi chiama: "Abbiamo un paziente con un fallimento epatico che sta morendo. Aiuto, ho sentito che hai qualcosa!" Rispondo che abbiamo condotto esperimenti solo sugli animali, sugli umani è impossibile. Ma alla fine mi ha convinto: non c'era davvero alcuna altra possibilità per un paziente che aveva 70 anni. Fortunatamente, tutto è andato bene.

Lo sviluppo, la progettazione e il miglioramento del dispositivo hanno richiesto anni. L'inventore è stato assistito dall'amministrazione regionale, con borse di diversi fondi. Finalmente fu creato "Fegato artificiale".

A prima vista, il dispositivo è abbastanza semplice. Due serbatoi sono posizionati nel bunker. In uno, il sangue viene eliminato dalle tossine, nell'altro lo stesso estratto di fegato. Da esso attraverso la membrana nel sangue penetra i nutrienti. Il clou è come rimuovere le tossine in modo che non cadano nel secondo serbatoio. Come fare un estratto, dove non ci sono cellule, ma rilasciare i nutrienti? Ryabinin ha risolto questi problemi e ha ricevuto un brevetto per la sua invenzione.

Recentemente, il Consiglio accademico dell'Accademia russa delle scienze mediche ha fatto conoscenza con il suo lavoro. Conclusione: l'invenzione deve essere mantenuta e sviluppata. Avanti - prove cliniche. A proposito, gli scienziati americani che creano macchine del fegato artificiali li hanno già iniziati. La principale differenza tra il modello oltremare e quello russo è l'uso di cellule di fegato di maiale intero, che sono diverse volte più costose del nostro materiale privo di cellule. Di conseguenza, il costo del dispositivo russo -15 mila dollari.

Inutile dire che nel nostro paese è necessario un fegato artificiale come l'aria. Abbiamo circa 200 mila casi di insufficienza epatica all'anno: è l'epatite, l'avvelenamento da alcol e il danno epatico dovuto all'uso di droghe. Molti di loro sono fatali.

Il dispositivo di Ryabinin è polivalente. Prima di tutto, può sostituire il fegato quando le persone sono in attesa di un intervento chirurgico per il trapianto. In Russia, sono fatti solo presso l'Istituto di ricerca di trapianto di organi artificiali accademico Shumakov e presso l'Istituto Sklifosovsky. Ma non vengono eseguite più di una dozzina di operazioni all'anno e decine di migliaia di persone bisognose. Inoltre, aiuta dopo il trapianto quando il paziente ha bisogno di essere allattato. E infine - il più interessante. Si scopre che l'uso di un dispositivo del genere può consentire ad alcuni pazienti di fare a meno dell'intervento chirurgico.

Il fatto è che il fegato è quasi l'unico organo umano in grado di rigenerarsi. E se rimane almeno il 30 percento delle cellule sane, dopo un po 'può essere rianimato. La cosa principale - per supportarla nel momento più difficile. Ma oggi il dispositivo stesso ha bisogno di supporto. Dopotutto, in Russia non ci sono sponsor disposti a finanziare un progetto unico. Molto probabilmente dovrai comprare americano ad un prezzo esorbitante.

L'emodialisi più la plasmaferesi offre una seconda possibilità al fegato.

Non molto tempo fa, è stato annunciato che gli scienziati di Chelyabinsk hanno inventato "artificiali"

A proposito di quando apparirà l'apparato salvavita negli ospedali ordinari e su cosa stanno lavorando i luminari locali, abbiamo chiesto al professore dell'Accademia medica statale cecena Vyacheslav Ryabinin.

La nostra conversazione con lo scienziato fu interrotta di tanto in tanto da un trillo cellulare. Persone provenienti da diverse parti della Russia hanno chiamato Ryabinin e hanno chiesto di "pulire" il fegato.

- Dove posso ottenere il trattamento sul tuo dispositivo ora? Quante vite hanno salvato nel suo account?

- Ora l'apparato "fegato artificiale" si trova in uno dei reparti dell'Ospedale Clinico Regionale di Chelyabinsk. Lì passa la prossima fase delle sperimentazioni cliniche. Sfortunatamente, mentre non possiamo accettare tutti. Primo, abbiamo mezzi limitati. Né l'ospedale né la regione sono finanziariamente coinvolti nel processo. Per iniziare il test ha permesso la sovvenzione assegnata per lo sviluppo scientifico. In secondo luogo, al fine di analizzare l'effetto del trattamento e ottenere dati statisticamente significativi, siamo costretti a restringere il gruppo di pazienti e solo quelli che soddisfano i criteri del protocollo approvato sono sottoposti a trattamento. Per quanto riguarda le vite salvate. Posso dire che oggi 10 persone sono state sottoposte a trattamento sul dispositivo.

L'effetto è buono, non peggiore di quello della controparte tedesca occidentale - l'apparato del MARS ("fegato artificiale"). Dopo il completamento dei test a Chelyabinsk, sono in arrivo prove cliniche sull'efficacia terapeutica del nostro apparato presso l'Istituto di Transplantologia e Organi Artificiali a Mosca. È troppo presto per sollevare la questione di quando il dispositivo andrà negli ospedali ordinari. Dopo aver completato le sperimentazioni cliniche, è necessario registrare una nuova tecnologia e un nuovo apparato di trattamento presso il Servizio federale per la vigilanza della sanità pubblica.

- Si dice che la principale differenza tra la tua invenzione non è l'apparato stesso, in quanto tale, ma la sua economicità rispetto a quelli stranieri?

-. Non esattamente Sul nostro dispositivo, a differenza di quello tedesco occidentale, è possibile effettuare vari tipi di disintossicazione e normalizzazione del metabolismo utilizzando vari assorbenti, filtri e fluidi biologici. Anche il prezzo di emissione gioca un ruolo importante. Lo stesso MARS costa circa 88 mila euro. E, soprattutto, che le forniture ad esso sono molto costose. Una sessione di trattamento sul dispositivo costa circa 4.000 euro.

A Chelyabinsk, c'erano idee per l'acquisto di questo dispositivo. Ma, in primo luogo, questo dispositivo acquistato alcuni anni fa non è attualmente utilizzato a causa della mancanza della possibilità di acquistare le forniture necessarie per esso, inoltre, al momento del calcolo, si è scoperto che anche il budget non può essere pagato. Per non parlare delle persone comuni. E ogni bisogno bisognoso di passare 3-4 sessioni di questo tipo. Il trattamento sul nostro dispositivo costa circa 15.000 rubli per sessione. D'accordo, c'è una differenza.

- In tutte le notizie sull'invenzione, è stato detto sull'uso dell'estratto del fegato del maiale nel trattamento.

- Per accelerare il già prolungato processo di test e registrazione del dispositivo, è stato deciso di sostituire l'estratto di fegato di maiale con l'albumina, una proteina che lega i composti tossici. L'uso di questo metodo è permesso in Russia.

- Quanto tempo ha dovuto implementare l'idea?

- E durante questo periodo non è obsoleto! Come è iniziato tutto?

- Incidente, che, come sai, è una manifestazione di necessità. Le osservazioni hanno rivelato che i pazienti con gravi ustioni soffrono di funzionalità epatica. E ho deciso di risolvere questo problema. Sperimentando su ratti. Hanno bruciato i ratti e poi hanno passato il loro sangue attraverso un dispositivo in cui il sangue interagiva con l'estratto di fegato. Gli studi hanno dimostrato l'alta efficacia di questo metodo per l'attuazione dei processi di disintossicazione (neutralizzazione) di varie sostanze tossiche che si accumulano nel corpo degli animali dopo ustioni termiche.

I risultati della ricerca e suggerito l'idea di un dispositivo per le persone. In seguito, numerosi studi su modelli e bench sono stati condotti per sviluppare tecnologie di trattamento, quindi esperimenti su cani e, infine, è stato ottenuto il permesso per studi clinici.

- Gli scienziati non possono senza idee. Che idea hanno ora i pensieri?

- Ora abbiamo un super-compito da fare, sulla base di un "fegato artificiale", un dispositivo multifunzionale che conterrebbe le funzioni di pulizia del fegato e la funzione di emodialisi. Dopotutto, non ci sono ancora macchine per emodialisi domestiche. Inoltre, dobbiamo fornire nell'apparato la funzione della plasmaferesi, l'emofiltrazione - tutti i metodi per pulire il sangue dalle tossine. Stiamo discutendo le possibili costruzioni di un apparato multifunzionale con gli ingegneri dell'impianto Miass di apparecchiature mediche (direttore generale V. Suprun). Dopo aver creato il dispositivo, dovremo registrarlo con il Ministero della Salute, la certificazione, l'inizio della produzione.

- Dicono che il tuo governatore si sia interessato alla tua invenzione?

- L'altro giorno, abbiamo ricevuto una chiamata dal Ministero dell'Industria della regione di Chelyabinsk e abbiamo chiesto di fornire un'annotazione urgente del progetto.

- Nella comunità scientifica, sei noto per lo sviluppo non solo di un "fegato artificiale", ma anche di tecnologie correlate a geni e cellule. Cosa c'è di nuovo in questa zona?

- In effetti, la genetica è il mio primo amore. Per diversi anni sono stato coinvolto nella mutagenesi chimica insieme al laboratorio di genetica a San Pietroburgo. Attualmente, abbiamo stabilito contatti con vari laboratori genetici, anche all'estero, per condurre test genetici e stabilire la predisposizione a varie malattie, tra cui cancro, cardiovascolare, endocrino, ecc. Inoltre, sulla base dell'analisi genetica, è possibile identificare i rischi intolleranza alla droga, ad es. È possibile scegliere una terapia individuale con effetti collaterali minimi.

È noto, ad esempio, che negli Stati Uniti circa 100.000 persone muoiono ogni anno a causa di dosi di droghe scelte in modo improprio e ignorando le caratteristiche genetiche individuali dei pazienti. Cioè, ora stiamo parlando di una nuova fase in medicina - medicina personalizzata, con l'aiuto di cui si può anche scegliere una dieta ottimale, effettuare l'identificazione di un individuo, e persino determinare una predisposizione ad alcuni tipi di attività fisica, vale a dire. condurre una selezione di atleti. E, naturalmente, la medicina personale è direttamente correlata ai nostri dispositivi. Il trattamento dei pazienti sarà più efficace se conosciamo il loro metabolismo genetico.

La necessità di introdurre la medicina personalizzata nella pratica dei medici è riuscita a convincere gli specialisti del centro medico privato.Ora, i residenti della regione di Chelyabinsk hanno l'opportunità di scoprire le informazioni incorporate nei geni. In precedenza, il destino di una persona era previsto dalle stelle, ora - analizzando i geni. Un passaporto genetico di una persona viene compilato utilizzando due gocce di sangue, tenendo conto del trattamento, della scelta della dieta e dell'attività fisica. In effetti, la conoscenza dei propri punti di forza e di debolezza è garanzia di una vita lunga e sana. Il successo non è la quantità di denaro, ma la qualità della salute.

- Sul sito del tuo centro di tecnologia cellulare c'è un'altra proposta altrettanto esotica per la bioassicurazione dei bambini. Cos'è questo?

- Bioinsurance è l'uso di cellule staminali del sangue del cordone ombelicale dopo il parto per il suo trattamento in caso di malattia oncoematologica, invece del trapianto di midollo osseo. Questo è anche legato alla medicina personalizzata, poiché l'analisi genica consentirà l'uso di queste cellule per trattare alcuni parenti del bambino. Attualmente sono state create banche speciali per la memorizzazione di tali celle. È necessario creare una tale banca a Chelyabinsk. Questo sarà un vero aggiornamento per l'assistenza sanitaria!

Come per altre tecnologie cellulari, posso dire che siamo qui all'inizio del percorso. Quest'anno verrà adottata una legge sulle tecnologie cellulari, in cui verrà determinato quali cellule staminali possono essere utilizzate per il trattamento, saranno approvate le normative pertinenti, ecc. Stiamo conducendo studi sperimentali in questo settore insieme all'Università medica statale russa per diversi anni, ma il fattore principale che limita l'efficacia del nostro lavoro è la mancanza di investitori. Nell'ospedale clinico regionale di Chelyabinsk è stato aperto un laboratorio di tecnologia cellulare, ma finora non sono disponibili né le tariffe né l'attrezzatura appropriata.

fascicolo

Nato il 1 settembre 1949 a Yuryuzan, biochimico, dottore in scienze biologiche (1990), professore (1991), membro della New York Academy of Sciences (1996), membro effettivo di RAMTS (1998).

Nel 1971 si è laureato presso la facoltà di scienze naturali e geografia del ChGPI, ha lavorato per 2 anni come batteriologo presso la Stazione Sanitaria ed Epidemiologica di Chelyabinsk; Nel 1972-74, ricercatore junior presso il laboratorio di biogeocenologia dell'Università statale di Ilmensky. Riserva della USSR Academy of Sciences. Nel 1975-90, assistente, docente senior, dal 1991, prof. Dipartimento di Biochimica ChGMI.

Dal 1994, il capo. Dipartimento di Chimica Generale e Bioorganica. L'autore di oltre 180 studi scientifici. opere, ha ricevuto 4 brevetti per l'invenzione. Nel 1999 ha conseguito un diploma presso l'Università di Cambridge "Eccezionali scienziati del XX secolo".

Vicepresidente della Sezione Ural della Società dei biotecnologi della Russia

Direttore del Centro per le tecnologie cellulari presso l'ospedale clinico regionale.