Malattia epatica alcolica: identificazione ed eliminazione delle cause

Diete

Malattia epatica alcolica è un cambiamento nella struttura di un organo e una violazione delle sue funzioni sotto l'influenza di abuso sistematico di alcol. Secondo le statistiche, colpisce oltre il 70% delle persone che soffrono di alcolismo cronico, cioè, bere alcolici in grandi quantità per 5 anni o più.

Meccanismi di sviluppo

loading...

Nell'85% dei casi, quando l'etanolo entra nel corpo, interagisce con gli enzimi alcol deidrogenasi (ALDD) e acetato deidrogenasi, che producono lo stomaco e il fegato. Dividi nel corpo dell'alcool a velocità diverse, che sono predeterminate da caratteristiche genetiche. Come conseguenza della scissione, si accumulano prodotti tossici che colpiscono direttamente le cellule del tessuto epatico.

epidemiologia

loading...

Ad ovest, la quantità di alcol consumata è molto alta. Così, negli Stati Uniti, un americano consuma in media 10 litri di alcool etilico puro, oltre 15 milioni di persone sono fortemente dipendenti dall'alcol. Per 11 alcolisti maschi, ci sono 4 donne dipendenti.

L'incidenza di BPO in alcuni paesi può raggiungere il 40% tra le altre malattie del fegato. L'alcolismo causa cirrosi solo nel 15% dei casi.

La malattia epatica alcolica è inclusa nella classificazione internazionale delle malattie 10 - ICD 10 e ha il codice K70.

Fattori di rischio

loading...

Le donne hanno un rischio più elevato di sviluppare la malattia rispetto agli uomini in tutte le stesse condizioni. Inoltre, la genetica e la nutrizione umana sono di grande importanza. Inoltre parleremo di tutti questi fattori in modo più dettagliato.

Nonostante il frequente abuso di alcol negli uomini, le donne sono più a rischio per l'insorgenza di ALP, che è associato a un basso contenuto di AlCDH nella mucosa gastrica. Nelle donne, la dipendenza da alcol non è così spesso sospettata, e sono più spesso all'ultimo stadio della malattia con il medico. Quando prende una dose inferiore di alcol, c'è ancora un alto sviluppo di ALP. Ciò è dovuto alla lenta distribuzione di etanolo nello stomaco. Per questo motivo, anche dopo il completo ritiro dall'alcol, le donne possono sperimentare la cirrosi.

genetica

A livello genetico, la propensione all'ABP è assente, sebbene esista uno schema di trasmissione di modelli comportamentali associati all'uso di alcol. Persone diverse hanno diversi tassi di escrezione di alcol dal corpo. Inoltre, nei gemelli identici si riscontra una maggiore tendenza all'alcolismo rispetto a quelli fraterni.

Il tasso di eliminazione dell'alcol etilico è influenzato dal poliformismo dei sistemi enzimatici. Il poliformismo di forme particolarmente attive di AlkDG2 e AlkDG3 agisce come una proprietà protettiva, poiché maggiore è il livello di accumulo di acetaldeide, minore è la tollerabilità dell'alcol. Nel caso in cui una persona con tali forme di CDA stia abusando di alcol, la quantità di acetaldeide nel suo fegato aumenterà eccessivamente, il che garantirà un'alta probabilità di sviluppare BPA.

L'acetaldeide diventa un acetato sotto l'influenza dell'aldeide deidrogenasi (AldDG). Il processo di ossidazione dell'aldeide si verifica, principalmente a causa del principale enzima mitocondriale AldDGN2. Gli eterozigoti per il gene che è l'encoder di AldDGN2 mostrano una violazione del metabolismo dell'acetaldeide, che determina una significativa probabilità di sviluppo di ALPD. Non un difetto genetico, ma una combinazione di più geni, molto probabilmente, colpisce la sufficiente vulnerabilità del fegato agli effetti dannosi dell'etanolo.

cibo

La scarsa situazione socio-economica determina la scarsa qualità della nutrizione in una persona che soffre di alcolismo. Peggio è, maggiore è la probabilità di sviluppare l'ABP, perché il numero di proteine ​​che entrano nel corpo è piccolo e, in generale, il valore energetico del cibo è basso. In condizioni sufficientemente confortevoli, lo sviluppo della malattia è improbabile. Nella fase scompensata della malattia, le condizioni del paziente migliorano gradualmente se segue una dieta con la presenza nella dieta della quantità di alcol che fornisce all'organismo 1/3 dell'apporto calorico giornaliero. Se il corpo non ottiene la giusta quantità di proteine, un rifiuto completo dell'alcol non cambierà lo stato del fegato. L'effetto tossico dell'alcol a causa della mancanza di proteine ​​è in aumento.

Meccanismi di danno epatico

loading...

Una certa dose di alcol può fornire all'organismo il 50% dell'apporto calorico giornaliero. Condurre un esperimento sull'effetto epatotossico diretto dell'alcol ha dimostrato che per 8-10 giorni i volontari che hanno consumato 300-600 ml di alcol hanno avuto cambiamenti grassi e anche la struttura del fegato ne è stata influenzata.

Negli alcolisti, il livello di acetaldeide aumenta nel sangue, ma solo una piccola parte di esso lascia il fegato. I rapporti di NADH / NAD, epatociti, che ossidano i prodotti di decomposizione dell'alcool, sono significativi, portando a disturbi metabolici significativi. Sotto l'influenza di acetaldeide, i mitocondri si gonfiano e cambiano le loro creste.

Man mano che le proteine ​​si accumulano nel corpo, l'acqua viene trattenuta, il che porta a gonfiore degli epatociti, che sono l'impulso per la comparsa di epatomegalia negli alcolisti.

Il consumo regolare di alcol etilico porta ad un accumulo di grasso nel fegato e si verifica il suo danno immunitario. La cirrosi può verificarsi parallelamente alla fibrosi, saltando la fase dell'epatite alcolica.

Patologia ABP

loading...

L'anatomia patologica dell'affezione epatica alcolica comprende diverse forme:

  1. Epatopatia adattativa all'alcool - è la fase iniziale dell'ALD e viene rilevata nel 15-20% dei pazienti. È quasi asintomatico, potrebbe esserci dolore nella parte destra.
  2. Malattia di fegato grasso alcolico - il fenomeno iniziale, più comune causato dall'abuso di etanolo. La malattia comporta l'accumulo di grasso microvascolare nel fegato, il suo aumento si verifica, appare una tinta gialla.
  3. L'epatite alcolica (steatoepatite) è una combinazione di epatite grassa, ampia infiammazione del fegato e necrosi epatica di diversa gravità.
  4. La cirrosi epatica è una malattia epatica diffusa cronica in cui i tessuti muoiono e vengono sostituiti da fibre fibrose. Nel corso della malattia, si formano varie dimensioni di nodi, cambiando la struttura dell'organo. Più lunga è la durata della malattia, maggiore è la probabilità che anche se si astiene dal bere alcol, continuerà a svilupparsi.
  1. Insufficienza epatica alcolica - una serie di sintomi, che è una violazione di una o più funzioni del fegato. È acuto e cronico.

sintomi

loading...

Fondamentalmente, la distrofia grassa è quasi senza sintomi. Un paziente con steatosi può notare un dolore sordo nel lato destro, il suo appetito peggiora e spesso si verifica nausea. Con una probabilità del 15-20%, l'ittero può essere presente insieme alla steatosi.

Il decorso dell'epatite alcolica può passare senza sintomi significativi. La malattia passa rapidamente, il che può portare ad una morte rapida. In questa fase della malattia in un paziente:

  • appetito peggiore;
  • il peso è ridotto;
  • appare la nausea;
  • debolezza generale presente;
  • la sedia è rotta;
  • l'ittero è possibile;
  • frequenti lamentele di febbre, prurito.

Nella forma cronica della malattia compaiono i sintomi:

  • sindrome del dolore (dolore sordo nella parte destra);
  • bruciori di stomaco;
  • problemi con la sedia;
  • perdita di appetito;
  • possibile presenza di ittero.

Con la malattia di cirrosi in un paziente si alza:

  • un gran numero di piccoli vasi sottocutanei sul corpo e sul viso;
  • le vene safene della parete addominale si espandono;
  • la pelle dei palmi diventa rossa;
  • chiodi e falangi terminali sono deformati;
  • negli uomini è possibile una diminuzione dei testicoli e un aumento delle ghiandole mammarie.

La malattia è accompagnata dall'insorgenza della contrattura di Dupuytren (curvatura e accorciamento dei tendini nel palmo della mano), le ghiandole parotide aumentano significativamente.

complicazioni

loading...

Se non si abbandona l'eccessivo consumo di alcol, nel tempo si svilupperà una malattia epatica alcolica cronica. Può portare a cancro al fegato, ascite (accumulo di liquido nella cavità addominale), peritonite, disfunzione renale significativa e sanguinamento gastrointestinale. Dopo un po 'di tempo, il fegato smette di neutralizzare l'accumulo di sostanze tossiche prodotte dall'intestino.

Accumulando nel cervello, contribuiscono allo sviluppo dell'encefalopatia epatica. I segni caratteristici della malattia sono:

  • ridotta concentrazione di attenzione;
  • sonno povero;
  • depressione;
  • irritabilità;
  • ansia;
  • sonnolenza;
  • vari disturbi comportamentali;
  • non fatale.

diagnostica

loading...

Prima del trattamento, il paziente deve essere esaminato. Il medico raccoglie l'anamnesi, che tiene conto del tipo, della frequenza e del numero di alcolici consumati, identifica le malattie associate del sistema nervoso e degli organi interni e conduce test di laboratorio. Inoltre, il medico interroga il paziente per la presenza di cattive abitudini, malattie, viene effettuato un esame.

Partendo dal presupposto che il paziente ha dipendenza da alcol, è possibile utilizzare il questionario CAGE, che contiene domande metodologiche che aiutano il paziente a rilevare la presenza di problemi associati all'abuso di alcol.

Per identificare la malattia viene effettuata la seguente diagnosi:

  1. Ultrasuoni degli organi addominali e del fegato;
  2. risonanza magnetica;
  3. Doppler;
  4. Scansione TC;
  5. studio radionucleico;
  6. biopsia del tessuto epatico.
MRI

Trattamento della malattia alcolica del fegato

loading...

Per una terapia di successo, il paziente deve smettere di bere alcolici per primo. Viene prescritta una dieta speciale bilanciata. Per il trattamento della malattia epatica alcolica si utilizzano: terapia infusionale con soluzioni di piridossina, glucosio, cocarbossalasi.

I fosfolipidi essenziali sono prescritti per la riparazione del tessuto epatico. Durante la prevenzione dell'epatite viene nominato Ursosan. Agisce come agente coleretico e aiuta anche a regolare il metabolismo dei lipidi. Gli effetti neurotossici vengono eliminati dalla preparazione di Heptral. Il trattamento viene effettuato sotto la supervisione di un medico. Nel caso in cui la malattia sia in uno stadio potenzialmente letale, vengono utilizzati i corticosteroidi e il trapianto di fegato è possibile.

Linee guida cliniche per l'epatopatia alcolica:

  • Cessazione dell'alcool.
  • Cibo equilibrato e abbastanza ipercalorico.
  • Trattamento tempestivo della malattia epatica alcolica.

Sono disponibili anche trattamenti tradizionali per ALD. Ma possono essere applicati solo su consiglio di un medico e non per auto-medicare. Le ricette della medicina tradizionale per la salute del fegato includono l'uso di stimmi di mais, curcuma, aglio, avena, miele con cannella e alcuni altri prodotti.

prospettiva

loading...

La prognosi dell'ABP determina lo stadio in cui si trova la malattia. Nella distrofia grassa, è il migliore, in presenza di cirrosi - il peggiore. Inoltre, la positività della previsione è influenzata dall'astensione dall'alcol.

La principale raccomandazione per la prevenzione della malattia epatica alcolica è di evitare l'abuso di alcol.

Modi per trattare il danno al fegato alcolico

loading...

Nel corpo di una persona sana, il fegato svolge una serie di compiti importanti: protezione dagli agenti esterni, purificazione da tossine e ormoni in eccesso, partecipazione al processo digestivo. L'assunzione prolungata regolare di bevande alcoliche ha un effetto dannoso sull'organo, innescando reazioni chimiche durante le quali gli epatociti sono danneggiati. Di conseguenza, si sviluppa una malattia epatica alcolica - una condizione patologica durante la quale gli epatociti vengono rigenerati e il fegato funzionale è disturbato.

La patologia si sviluppa in individui che abusano sistematicamente di alcol per più di 8-12 anni. A rischio - gli uomini, le donne sono suscettibili al danno alcolico al fegato 3 volte meno. Ma i rappresentanti del sesso debole sviluppano la malattia in un tempo più breve, che è collegato alla fisiologia del corpo femminile. A causa del costante aumento del numero di persone che consumano regolarmente alcolici, la malattia alcolica è un problema medico e sociale globale.

Fattori di sviluppo

loading...

La ragione principale che provoca lo sviluppo della malattia epatica alcolica è la dipendenza patologica dalle bevande alcoliche, specialmente se una persona li consuma in grandi quantità e regolarmente. Di conseguenza, sotto l'azione dell'etanolo, non solo muoiono gli epatociti, ma si forma un tessuto connettivo grossolano, si verifica la carenza di ossigeno nei tessuti del fegato con il loro successivo gonfiore (epatomegalia).

Altri fattori che contribuiscono al verificarsi della malattia includono:

  • Sesso femminile Le donne si ammalano più velocemente e i cambiamenti patologici nel fegato sono più attivi.
  • Predisposizione genetica. Se il corpo non produce sufficienti enzimi che distruggono l'alcol, nel fegato si verificano cambiamenti distruttivi a partire da piccole dosi di etanolo e in un periodo più breve.
  • Disturbo del metabolismo sullo sfondo delle disfunzioni endocrine (diabete, obesità) e comportamento alimentare scorretto.
  • Malattie infiammatorie trasferite e attuali del fegato (epatite virale, fibrosi, steatosi).

sintomatologia

loading...

La malattia epatica alcolica si verifica in sequenza, attraversando diverse fasi, in ciascuna delle quali si forma un determinato quadro clinico. Lo stadio iniziale della malattia alcolica è la degenerazione adiposa del fegato, che si verifica nel 90% dei pazienti dopo 8-10 anni di consumo sistematico di alcol. La distrofia del fegato grasso si presenta senza manifestazioni ovvie e occasionalmente una persona può lamentarsi di:

  • appetito ridotto;
  • episodi di nausea;
  • dolore nell'addome in alto a destra;
  • giallo della pelle.

Nella fase successiva del danno alcolico al fegato si forma l'epatite alcolica che si manifesta in diverse varianti: fulminante, acuta o cronica. Il corso superveloce della forma alcolica dell'epatite è raro, ma un massiccio danno epatico può essere fatale in poche ore. L'epatite alcolica acuta si manifesta con una serie di sintomi negativi:

  • aumentare il dolore nella parte destra, opaco dalla natura del dolore;
  • manifestazioni dispeptiche sotto forma di nausea, distensione addominale, feci rapide;
  • perdita di appetito;
  • perdita di peso;
  • sindrome ipertermica;
  • ittero epatico.

Il quadro clinico dell'epatite alcolica in forma cronica è caratterizzato da un cambiamento nei periodi di ricaduta e remissione. Durante il periodo di esacerbazioni, le condizioni del paziente sono caratterizzate da instabilità - è tormentato da dolori sordo sistematici nell'addome, nausea, eruttazione, sgabello instabile (alternando costipazione con diarrea). A volte si sviluppa l'ittero.

Se una persona continua a prendere alcol, una malattia alcolica progredisce, causando la formazione di cirrosi - la fase finale della patologia. La cirrosi epatica è determinata dalle caratteristiche:

  • arrossamento delle palme;
  • un aumento delle dimensioni delle orecchie;
  • ispessimento delle falangi superiori delle dita;
  • cambiare la forma delle unghie, la loro consistenza;
  • la comparsa di molteplici vene a ragno sulla pelle del viso e del corpo;
  • espansione della rete venosa sull'addome attorno all'anello ombelicale.

Occasionalmente negli uomini nella fase finale della malattia alcolica, compare ginecomastia (un aumento del volume delle ghiandole mammarie) e ipogonadismo (diminuzione nei testicoli), impotenza. Con un lungo decorso di cirrosi, la fibromatosi palmare si verifica con la formazione e la crescita di un sito denso leggero sopra i tendini tra il 4 ° e il 5 ° dito. In futuro, c'è il rischio di sviluppare una completa immobilità dell'anulare e del mignolo.

complicazioni

loading...

Un lungo decorso di danni alcolici al fegato provoca gravi disturbi nel funzionamento della ghiandola. Di conseguenza, possono verificarsi numerose complicazioni:

  • sanguinamento interno dal tratto gastrointestinale, che indica vomito con striature di sangue e feci nere (melena);
  • sindrome di tutte le funzioni renali;
  • sindrome epato-polmonare;
  • infiammazione acuta del peritoneo;
  • ascite con accumulo di grandi volumi di fluido nella cavità peritoneale;
  • carenza di ossigeno a causa della circolazione sanguigna più lenta.

L'encefalopatia epatica è considerata una delle complicanze più gravi di una malattia alcolica nella fase di epatite e cirrosi. La condizione si verifica a causa di intossicazione del cervello e di tutto il corpo dalle tossine intestinali. L'encefalopatia epatica è accompagnata da disturbi comportamentali e psico-emotivi e può portare a coma epatico.

Il cancro del fegato è una complicazione non meno formidabile del danno alcolico. I pazienti con epatite alcolica e cirrosi hanno un aumentato rischio di formazione di tumori maligni nel fegato. Molto spesso questi pazienti sviluppano un carcinoma epatocellulare.

diagnostica

loading...

La diagnosi di un presunto danno alcolico al fegato inizia con la raccolta dell'anamnesi e la conferma dell'abuso di alcol. Il medico presta particolare attenzione all'esperienza di bere, al volume e alla frequenza dell'assunzione di alcol. L'esame fisico comprende una valutazione della condizione della pelle e delle mucose, la palpazione e le percussioni del fegato.

La diagnosi di laboratorio include:

  • emocromo completo per determinare l'accelerazione della VES, l'aumento del numero di globuli bianchi, la macrocitosi, i segni di anemia da carenza di ferro e megablastic;
  • analisi biochimica del sangue, mediante la quale viene rilevato un aumento di ALT e AST, un aumento della concentrazione di bilirubina, transferrina e ferro sierico;
  • uno studio immunologico del sangue, che rivela un aumento della concentrazione di immunoglobulina A (che è tipica per i pazienti con un fegato infiammato).

A tutti gli individui sospettati di avere una malattia alcolica viene prescritto un esame del sangue per l'alfa-fetoproteina a causa dell'elevata probabilità di sviluppare tumori maligni nel fegato. Se la concentrazione di alfa-fetoproteina supera i 400 mg / ml, si può argomentare sulla presenza di cancro al fegato.

La diagnostica hardware comprende gli ultrasuoni, l'ecografia Doppler, la TC e la risonanza magnetica, la biopsia e gli studi sul radionuclide.

  • L'ecografia del fegato rivela un aumento caratteristico delle dimensioni della ghiandola, un cambiamento nei suoi contorni e nella sua forma. Utilizzo degli ultrasuoni per determinare la presenza e il grado di degenerazione grassa del tessuto epatico.
  • L'ecografia Doppler è necessaria per identificare l'ipertensione portale e determinare la pressione nelle vene epatiche.
  • La TC e la RM del fegato come metodi di alta precisione ci permettono di studiare lo stato del parineham epatico e dei vasi sanguigni da diverse proiezioni.
  • Uno studio sul radionuclide mostra cambiamenti diffusi nel paringham epatico. Inoltre, le capacità secretorie della ghiandola e la velocità di produzione della secrezione biliare vengono valutate usando il metodo.
  • Biopsia epatica. Campioni di biopsia seguiti da analisi istologiche sono necessari per la conferma finale della diagnosi.

Metodi di trattamento

loading...

Il successo nel trattamento del danno epatico alcolico dipende dalla fase in cui è stata diagnosticata la patologia. Se il paziente ha una fase iniziale - degenerazione grassa - le misure terapeutiche sono ridotte all'organizzazione della dieta, completo abbandono dell'alcool e assunzione di complessi multivitaminici. Il miglioramento della condizione con tale trattamento avviene in 2-4 settimane, con il tempo, le funzioni epatiche vengono ripristinate.

Il trattamento della malattia epatica alcolica in presenza di epatite e segni iniziali di cirrosi ha lo scopo di eliminare i sintomi negativi, prevenire complicazioni e combattere i processi distruttivi. La terapia è complessa e include:

  • rifiuto di assumere alcol;
  • l'organizzazione della nutrizione dietetica;
  • misure per disintossicare il corpo utilizzando fluidi per via endovenosa di soluzioni con glucosio, piridossina e cocarbossilasi;
  • assumere farmaci (epatoprotettori, fosfolipidi essenziali) per rigenerare il tessuto epatico, ripristinare la funzionalità degli epatociti e migliorare le loro proprietà protettive;
  • assunzione di farmaci diuretici in presenza di ascite sullo sfondo dell'ipertensione portale;
  • assunzione di farmaci corticosteroidi per grave epatite alcolica, quando vi è un alto rischio di morte.

Il trattamento può includere farmaci con acido ursodesossicolico al fine di normalizzare il funzionamento del fegato, regolare il metabolismo dei lipidi e migliorare l'abilità secretoria. Se lo stato mentale del paziente è compromesso, il farmaco viene prescritto in base alla S-alenosilmetionina. I pazienti con degenerazione cicatriziale dei tendini palmari necessitano di terapia fisica, e quando trascurati hanno bisogno di una correzione chirurgica.

Il trattamento del danno alcolico al fegato nella fase terminale (cirrosi sviluppata) ha lo scopo di prevenire le complicazioni e alleviare i sintomi sotto forma di dolore, dispepsia, ecc. L'opzione migliore è trapiantare un fegato sano da un donatore. Una condizione importante per l'attuazione del trapianto: un rifiuto completo dell'alcool per sei mesi.

Un ruolo significativo nell'accelerazione del recupero dei pazienti con danno epatico alcolico è assegnato a una dieta. Nel corso della patologia si sviluppano carenza proteica, carenza di un certo numero di vitamine e di oligoelementi (zinco, vitamine A, D, E, C). Pertanto, ai pazienti viene mostrata una buona alimentazione con un alto contenuto calorico, un contenuto ottimale di carboidrati e proteine.

previsioni

loading...

Esiste una relazione diretta tra lo stadio della malattia epatica alcolica e la prognosi per la sopravvivenza. Con la diagnosi precoce, la prognosi è favorevole - la degenerazione grassa dei tessuti del fegato è reversibile, con una terapia adeguata, è possibile un recupero completo. La prognosi migliora con una breve durata della malattia e l'assenza di sovrappeso.

Se la malattia viene rilevata nella fase di epatite e cirrosi alcolica, la prognosi cambia in direzione sfavorevole. Solo il 50% dei pazienti con malattia alcolica nella fase della cirrosi vive 5 anni o più. Se il cancro del fegato si unisce alla patologia, il tasso di sopravvivenza diminuisce drasticamente, fino a 1-3 anni.

La malattia epatica alcolica è più facile da prevenire che curare. Per fare questo, è importante seguire una serie di semplici regole: ridurre al minimo l'uso di bevande alcoliche (o eliminarle completamente), mangiare bene, controllare il peso corporeo e trattare tempestivamente le malattie delle vie biliari e degli organi gastrointestinali.

Malattia epatica alcolica

loading...

Le persone che abusano di alcol regolarmente affrontano problemi come la malattia alcolica del fegato. Come risultato del suo sviluppo, sono possibili cirrosi, degenerazione grassa ed epatite del fegato. Queste malattie sono molto gravi e difficili da trattare. Più spesso colpiscono gli uomini, ma il loro sviluppo è più veloce nelle donne. Un'assistenza tempestiva nell'individuare un tale problema si libererà di gravi conseguenze.

Sommario:

  • I sintomi della malattia alcolica del fegato
  • Primo stadio
  • Secondo stadio
  • Forma cronica
  • forma
  • Forma progressiva
  • Forma persistente
  • Cause della malattia
  • Fasi di malattia epatica alcolica
  • Steatosi epatica
  • Epatite alcolica
  • Cirrosi epatica
  • diagnostica
  • Trattamento della malattia epatica alcolica presso il Centro medico clinico K + 31
  • complicazioni
  • prevenzione
  • Dieta per malattia epatica alcolica

I sintomi della malattia alcolica del fegato

loading...

I sintomi differiscono nelle fasi in cui si verifica la malattia.

Primo stadio

Il primo stadio della malattia è asintomatico. Ma in alcuni pazienti può essere osservato:

  • dolore nell'ipocondrio destro;
  • appetito ridotto;
  • nausea.

Possibile manifestazione di ittero.

Secondo stadio

Malattia epatica alcolica acuta non mostra sintomi. Inizia e procede rapidamente e spesso termina con la morte. In questa fase, è possibile osservare i seguenti sintomi:

  • dolore sordo sul lato destro;
  • nausea e vomito;
  • diarrea;
  • perdita di appetito;
  • debolezza.

Inoltre, indipendentemente dallo stadio della malattia, molto spesso è accompagnato da ipertermia.

Forma cronica

La forma cronica è lunga e con complicazioni. Tali sintomi appaiono regolarmente:

  • dolore moderato nell'ipocondrio destro;
  • eruttazione;
  • nausea;
  • costipazione e diarrea.

Molto raramente è possibile l'ittero. Quando la malattia inizia a progredire, si sviluppa la cirrosi. In questo caso, è possibile osservare i sintomi caratteristici:

  • arrossamento delle palme;
  • vene di ragno;
  • cambiare la consistenza delle unghie;
  • ginecomastia.

Più si sviluppa la cirrosi, più si osservano i sintomi. Ecco perché è importante diagnosticare la malattia in tempo e iniziare il trattamento.

forma

loading...

La malattia epatica alcolica si manifesta in due sole forme: progressiva e persistente. Ogni forma ha le sue caratteristiche.

Forma progressiva

Procede in tre fasi:

In questa forma si verifica un danno al fegato, che quasi sempre porta alla cirrosi. Se si smette di bere alcolici in tempo utile per individuare i sintomi primari, è possibile stabilizzare completamente la situazione. Ma non fare a meno del giusto trattamento e delle misure preventive. Ma anche con questo approccio, sono possibili ricadute e manifestazioni di fenomeni residui. Dopo che è stata rilevata una malattia epatica alcolica, i sintomi e il trattamento devono essere determinati dal medico e devono essere eseguite tutte le procedure di ripristino.

Forma persistente

Questa forma della malattia è considerata stabile. Cioè, se si interrompe l'uso di prodotti alcolici in modo tempestivo, è possibile interrompere completamente lo sviluppo di processi infiammatori. Altrimenti, la malattia si svilupperà in una forma progressiva con tutte le conseguenze che ne conseguiranno. Per identificare l'epatite alcolica di questa forma, è necessario sottoporsi a una serie di test di laboratorio, in quanto procede senza sintomi pronunciati.

motivi

La malattia si sviluppa a causa dell'uso incontrollato dell'alcool. Di conseguenza, l'etile è contenuto nel corpo. In realtà, è un veleno per il corpo umano. Entra nello stomaco e nel fegato, dove viene scisso ed espulso dal corpo in modo naturale. Ma se l'alcol viene consumato regolarmente, il corpo non ha il tempo di affrontarne l'elaborazione e la rimozione. Pertanto, le sostanze tossiche si accumulano nel fegato, causando varie malattie.

Le principali cause della malattia del fegato:

  • assunzione di alcol a lungo termine a grandi dosi;
  • predisposizione genetica;
  • malattia del fegato, trasferita o recitazione.

Tutto ciò porta al primo stadio della malattia epatica alcolica. E se non si avvia un trattamento tempestivo, esso andrà in altre fasi, che saranno difficili da affrontare.

Fasi di malattia epatica alcolica

Ce ne sono tre: steatosi, epatite alcolica, cirrosi.

Steatosi epatica

Questo è il primo stadio - malattia del fegato grasso alcolica. Si sviluppa in quasi tutte le persone che usano eccessivamente l'alcol. Se smetti di bere, entro poche settimane lo stato dell'organo torna alla normalità senza l'intervento dei medici. Ma se continui ad usare l'alcol, prima si svilupperà l'epatite da alcol, poi la cirrosi d'organo.

Epatite alcolica

In questa fase si sviluppa un'infiammazione sub-acuta del fegato. È caratterizzato dall'apparizione di mitocondri giganti, la Taurus Mallory, si sviluppa la fibrosi. La malattia che si verifica in questa fase è accompagnata da un malfunzionamento del fegato e alla fine si sviluppa la cirrosi. Molto spesso ci sono complicazioni, come il sanguinamento delle vene varicose. Questo è un sintomo del fatto che la malattia sta progredendo ed è necessario iniziare immediatamente il trattamento contattando il centro medico.

Cirrosi epatica

L'ultimo stadio della malattia, che si sviluppa molto spesso nelle persone dipendenti dall'alcool. Accompagnato da fibrosi massiva, disturbi delle principali funzioni del fegato. Porta allo sviluppo dell'ipertensione portale. Aumenta significativamente il rischio di sviluppare altre malattie, ad esempio il carcinoma epatocellulare. Di conseguenza, è fatale.

diagnostica

Dopo aver identificato i sintomi della malattia alcolica del fegato, è necessario contattare il centro medico e completare la diagnosi. Inizia con una storia medica per identificare la frequenza e la quantità di alcol consumato. Il medico pone le domande principali che devono essere risolte nel modo più sincero possibile. Da questo stadio dipende da quali saranno i prossimi passi da parte del medico per diagnosticare e risolvere il problema.

Quindi vengono prescritte le analisi del sangue. Negli studi di laboratorio, è possibile identificare la condizione del fegato e quali misure possono essere prese per normalizzarlo. Dopo di ciò, è richiesto un esame ecografico non solo del fegato, ma anche della cavità addominale. Sono in corso altri studi aggiuntivi:

  • risonanza magnetica;
  • ecografia doppler;
  • tomografia computerizzata;
  • studio radionucleico.

È possibile condurre studi strumentali, che includono la biopsia, studiare le dimensioni e la forma del fegato e, cosa più importante, i cambiamenti che si verificano in esso. È la biopsia che dà la risposta finale sullo stato del fegato, dopo di che il medico sviluppa una strategia di trattamento.

Trattamento della malattia alcolica del fegato

Se viene rilevata una malattia epatica alcolica, il trattamento in una fase precoce può impedire il suo sviluppo e persino ripristinare la piena funzionalità dell'organo. Quando la malattia passa ad altre fasi, il trattamento consiste nell'alleviare i sintomi e nel prevenire la progressione della malattia. Assicurati di prendere misure preventive per prevenire complicazioni.

Il fattore più importante nel trattamento, accelerando l'intero processo e garantendo il completo recupero - un completo rifiuto dell'alcol. Inoltre, migliorerà sensibilmente le condizioni generali di una persona e lo salverà da una malattia epatica alcolica precoce.

Il principale metodo di trattamento del miele di fegato. Il centro consiste in una dieta speciale e l'uso di complessi multivitaminici. In caso di grave anoressia, il cibo viene prodotto da una sonda specializzata. La disintossicazione è importante. Per fare questo, ha effettuato una terapia farmacologica con l'uso di soluzioni di piridossina e glucosio. Farmaci usati in grado di rigenerare le cellule del fegato per ripristinarne la funzionalità.

Il trattamento prevede l'assunzione di corticosteroidi. Sono particolarmente rilevanti nella forma acuta o grave della malattia epatica alcolica e quando la vita del paziente è in pericolo. L'acido ursodesossicolico è prescritto come epatoprotettore, che contribuisce alla regolazione del metabolismo dei lipidi. Ma oltre a questo trattamento, è necessario normalizzare lo stato psicologico del paziente. Heptral è usato per questo scopo.

L'ultima fase del trattamento - procedure di riabilitazione:

  • riflessologia;
  • fisioterapia
  • elettroforesi;
  • terapia di massaggio;
  • Esercitare la terapia.

In casi estremi, viene applicata la correzione chirurgica, ma più spesso ne fanno a meno. Se la malattia è in corso, sarà richiesto un trapianto di fegato. Prima dell'inizio di tale operazione, l'uso di alcol è vietato per 6 mesi (prima che inizi). I risultati finali sono registrati nella storia della malattia, dove sono registrati anche la cirrosi e l'eziologia alcolica.

Non automedicare. Ai primi segni di una malattia epatica alcolica, è necessario contattare il centro medico per assistenza qualificata. Questo aiuterà a raggiungere la completa guarigione.

complicazioni

Malattia epatica alcolica porta a complicazioni come:

  • encefalopatia epatica;
  • sanguinamento nel tratto digestivo;
  • insufficienza renale.

La formazione del cancro al fegato è possibile. Le complicazioni portano sempre a gravi conseguenze e, senza la loro tempestiva eliminazione, è possibile un esito fatale. Per evitarli, devi seguire le semplici regole di prevenzione.

Prevenzione della malattia epatica alcolica

Le raccomandazioni del medico curante dovrebbero essere rigorosamente seguite. La principale regola di prevenzione è evitare l'alcol. Anche se il fegato è già danneggiato, evitare l'alcol normalizza la sua condizione. Non dimenticare che la maggior parte dei pazienti muoiono di malattia epatica alcolica entro 5 anni. Pertanto, le misure preventive sono essenziali.

La prevenzione non è solo rinunciare all'alcol. Per prevenire la transizione della malattia ad un altro stadio, richiede il suo trattamento tempestivo presso il centro medico. E a questo scopo si consiglia di sottoporsi a una diagnosi regolare. E soprattutto - una corretta alimentazione, che dovrebbe essere sviluppata da un nutrizionista esperto.

Dieta per malattia epatica alcolica

La cosa principale con una dieta è di bilanciare il metabolismo e proteggere il fegato dai fattori dannosi che portano alla sua distruzione. I pasti dovrebbero includere proteine, carboidrati. Non abusare dei cibi fritti, piccanti e grassi. Non è consigliato mangiare troppo. I piatti più utili sono al vapore o cotti. Il cibo al forno e in umido non fa male. Non usare sale.

Le seguenti verdure e frutta hanno un effetto efficace sul fegato:

Puoi mangiare carne, ma magra: manzo e vitello si adatteranno perfettamente. Il pesce dovrebbe essere magro, bollito. Il latte - a basso contenuto di grassi, ricotta e panna acida - non danneggerà (in piccole quantità).

Dalla dieta dovrebbe essere escluso:

  • pane di segale;
  • brodo;
  • cibo in scatola;
  • aglio;
  • funghi;
  • fagioli;
  • verdure in salamoia;
  • grasso;
  • salsicce;
  • margarina;
  • caffè e cacao;
  • cioccolato.

La dieta deve essere selezionata individualmente con un nutrizionista. Pertanto, è necessario contattare il centro medico per raccomandazioni dettagliate sulla corretta alimentazione.

Malattia epatica alcolica (ABP) come malattia sistemica: prospettive cliniche e tattiche terapeutiche

Circa l'articolo

Autore: Vovk E.I. (FSBEI di HE "MSMSU. AI Evdokimov" del Ministero della Sanità della Russia)

Per la citazione: Vovk E.I. Malattia epatica alcolica (ABP) come malattia sistemica: prospettive cliniche e tattiche terapeutiche // BC. 2013. №20. P. 993

L'abuso di alcol o intossicazione da alcool cronico (HAI) è un grave problema sociale e medico di importanza globale. Nella seconda metà del XX secolo. in tutti i paesi del mondo c'è stato un significativo aumento nell'uso di bevande alcoliche, che ha portato ad un aumento della patologia associata degli organi interni. Ad esempio, in Germania nel periodo dal 1978 al 1985, la prevalenza della cirrosi alcolica del fegato (CP) è aumentata del 225% [1]. In Russia, fino all'ultimo decimo anniversario del XX secolo. l'abuso di alcol è diventato un disastro nazionale. Tra i paesi europei, la Russia è diventata il leader assoluto nel consumo pro capite di alcol. La quota di un lavoratore adulto nel 1998 rappresentava circa 25 litri di etanolo all'anno, con una percentuale significativa di bevande forti e prodotti con un alto contenuto di sostituti alcolici tossici [2]. Negli ultimi 10 anni, il consumo specifico di alcol in Russia è leggermente diminuito e nel 2012 è stato inferiore a 14 litri pro capite. Tuttavia, la percentuale maggiore di alcol forte tra i paesi europei rimane nella struttura dell'alcol consumato. Nella maggior parte dei paesi europei, ad eccezione dell'Irlanda, della Finlandia e del Regno Unito, non più di 3,5 litri di etanolo per persona all'anno vengono consumati con forti bevande alcoliche (Fig. 1).

23. Malattia epatica alcolica Patogenesi. Opzioni. Caratteristiche del flusso della clinica. Diagnosi. Complicazioni. Trattamento e prevenzione.

La malattia epatica alcolica è una malattia che si manifesta con un consumo prolungato (più di 10-12 anni) di alcol, che ha un effetto epatotossico diretto.

Le dosi giornaliere medie di etanolo puro, che portano allo sviluppo della malattia, sono: più di 40-80 g per gli uomini; più di 20g - per le donne. 1 ml di alcol contiene circa 0,79 g di etanolo.

La malattia epatica alcolica può manifestare sintomi di fegato grasso (steatosi), epatite alcolica e cirrosi. La fase più precoce e reversibile del danno al fegato dovuta all'abuso di alcool è la steatosi (si verifica nel 90-100% dei casi).

Classificazione della malattia epatica alcolica

Ci sono tre stadi della malattia epatica alcolica:

La steatosi del fegato dovuta ad abuso di alcol si sviluppa nel 90-100% dei pazienti. Nell'Italia meridionale, la steatosi viene diagnosticata nel 46,4% delle persone che abusano di alcol (più di 60 g / die) e nel 95,5% di coloro che soffrono di obesità.

Se si smette di bere alcol, i cambiamenti patologici nel fegato, caratteristici della steatosi, si normalizzano entro 2-4 settimane. Asintomatico durante questa fase è spesso notato.

Con l'abuso prolungato di alcol, si verificano epatite alcolica e cirrosi.

L'epatite alcolica è un'infiammazione subacuta del tessuto epatico. La caratteristica istologica di questo stadio è l'infiltrazione polimorfonucleare centrilobulare, i mitocondri giganti e i corpuscoli di Mallory. Appare fibrosi centrilobulare e perisinusoidale.

L'epatite alcolica è accompagnata dalla distruzione degli epatociti, dalla disfunzione epatica, dalla formazione di cirrosi epatica. Il paziente ha debolezza, perdita di peso, nausea, vomito, dolore nell'ipocondrio destro, ittero. Il fegato se osservato è ingrandito e denso.

Complicazioni di epatite alcolica sono: sanguinamento da vene varicose, encefalopatia epatica, coagulopatia, ascite, peritonite batterica spontanea. Lo sviluppo di complicanze indica una prognosi infausta.

Lo stadio finale della malattia epatica alcolica è la cirrosi (che si sviluppa nel 10-20% dei casi), caratterizzata da fibrosi massiva, focolai di rigenerazione. I pazienti hanno alterazioni della funzionalità epatica, sviluppano ipertensione portale.

Fattori che contribuiscono allo sviluppo della malattia epatica alcolica: l'uso di alcol in grandi dosi, la frequenza e la durata del suo consumo; - genere femminile (nelle donne, l'attività dell'alcol deidrogenasi, di regola, è di un ordine di grandezza inferiore); - predisposizione genetica alla ridotta attività degli enzimi distruttivi dell'alcool; - malattia epatica concomitante o pregressa; disordini metabolici (sindrome metabolica, obesità, abitudini alimentari dannose), disturbi endocrini.

La patogenesi della malattia epatica alcolica

La maggior parte dell'etanolo (85%) che entra nel corpo viene convertito in acetaldeide con la partecipazione dell'enzima alcol deidrogenasi dello stomaco e del fegato.

L'acetaldeide, con l'aiuto dell'enzima epatico mitocondriale acetaldeide deidrogenasi, subisce un'ulteriore ossidazione in acetato. In entrambe le reazioni, il nicotinamide dinucleotide fosfato (NADH) partecipa come coenzima. Le differenze nel tasso di eliminazione dell'alcool sono largamente mediate dal polimorfismo genetico dei sistemi enzimatici.

La frazione epatica di alcol deidrogenasi è citoplasmatica, metabolizza l'etanolo quando la sua concentrazione nel sangue è inferiore a 10 mmol / l. A concentrazioni più elevate di etanolo (più di 10 mmol / l), viene attivato il sistema di ossidazione dell'etanolo microsomale. Questo sistema si trova nel reticolo endoplasmatico ed è un componente del sistema citocromo P-450 2E1 del fegato.

L'uso prolungato di alcol aumenta l'attività di questo sistema, portando a una più rapida eliminazione dell'etanolo nei pazienti con alcolismo, alla formazione di un maggior numero di metaboliti tossici, allo sviluppo di stress ossidativo e al danno al fegato. Inoltre, il sistema del citocromo P-450 è coinvolto nel metabolismo non solo dell'etanolo, ma anche di alcuni farmaci (ad esempio il paracetamolo). Pertanto, l'induzione del sistema del citocromo P-450 2E1 porta ad una maggiore formazione di metaboliti tossici dei farmaci, portando a danni al fegato anche con l'uso di dosi terapeutiche di farmaci.

Il meccanismo del danno al fegato dall'alcol

L'acetaldeide, che si forma nel fegato, causa una parte significativa degli effetti tossici dell'etanolo. Questi includono: aumento della perossidazione lipidica; disfunzione dei mitocondri; Soppressione della riparazione del DNA; disfunzione di microtubuli; la formazione di complessi con proteine; stimolazione della sintesi del collagene; disturbi immunitari e disturbi del metabolismo lipidico.

Attivazione della perossidazione lipidica.

Con l'uso sistematico a lungo termine di radicali liberi da alcol si formano. Hanno un effetto dannoso sul fegato a causa dell'attivazione dei processi di perossidazione lipidica e inducono un processo infiammatorio nel corpo.

Disfunzione mitocondriale

L'uso sistematico a lungo termine dell'alcol riduce l'attività degli enzimi mitocondriali, il che, a sua volta, porta ad una diminuzione della sintesi di ATP. Lo sviluppo della steatosi microvascolare del fegato è associato al danno del DNA mitocondriale da parte dei prodotti di perossidazione lipidica.

Soppressione della riparazione del DNA.

La soppressione della riparazione del DNA con consumo sistematico a lungo termine di etanolo porta ad un aumento dell'apoptosi.

Disfunzione dei microtubuli.

La formazione di complessi di acetaldeide-proteina viola la polimerizzazione dei microtubuli di tubulina, che porta alla comparsa di tali caratteristiche patologiche come i corpi di Mallory. Inoltre, la disfunzione dei microtubuli porta alla ritenzione di proteine ​​e acqua con la formazione della degenerazione a palloncino degli epatociti.

La formazione di complessi con proteine.

Uno degli effetti epatotossici più importanti dell'acetaldeide, che risulta dall'aumento della perossidazione lipidica e dalla formazione di composti complessi stabili con proteine, è una disfunzione dei componenti strutturali delle membrane cellulari - fosfolipidi. Ciò porta ad un aumento della permeabilità della membrana, interruzione del trasporto transmembrana. La quantità di complessi di acetaldeide-proteina nei campioni di biopsia epatica è correlata ai parametri dell'attività della malattia.

Stimolazione della sintesi del collagene.

Gli stimolanti della formazione del collagene sono prodotti di perossidazione lipidica, così come l'attivazione delle citochine, in particolare, la trasformazione del fattore di crescita. Sotto l'influenza di quest'ultimo, le cellule del fegato Ito si trasformano in fibroblasti, producendo prevalentemente collagene di tipo 3.

Le risposte immunitarie cellulari e umorali svolgono un ruolo significativo nel danno epatico causato dall'abuso di alcol.

Il coinvolgimento di meccanismi umorali si manifesta in livelli aumentati di immunoglobuline sieriche (prevalentemente IgA) nella parete delle sinusoidi del fegato. Inoltre, vengono rilevati anticorpi contro complessi di proteina acetaldeidica.

I meccanismi cellulari consistono nella circolazione di linfociti citotossici (CD4 e CD8) in pazienti con epatite alcolica acuta.

Nei pazienti con malattia epatica alcolica, vengono rilevate elevate concentrazioni di citochine proinfiammatorie sieriche (interleuchine 1, 2, 6, fattore di necrosi tumorale), che sono coinvolte nell'interazione delle cellule immunitarie.

Interruzione del metabolismo lipidico

La steatosi epatica si sviluppa con un consumo giornaliero di oltre 60 grammi di alcol. Uno dei meccanismi per il verificarsi di questo processo patologico è un aumento della concentrazione di glicerolo-3-fosfato nel fegato (aumentando la quantità di nicotinamina dinucleotide fosfato), che porta ad un aumento dell'esterificazione degli acidi grassi.

Quando la malattia alcolica del fegato aumenta il livello di acidi grassi liberi. Questo aumento è dovuto all'effetto diretto dell'alcol sul sistema pituitario-surrenale e sull'accelerazione della lipolisi.

Il consumo sistematico a lungo termine di alcol inibisce l'ossidazione degli acidi grassi nel fegato e contribuisce al rilascio nel sangue delle lipoproteine ​​a bassa densità.

Può procedere senza manifestazioni pronunciate. In alcuni casi, ha una forte corrente di fulmine e conduce alla morte. Sindrome del dolore (dolore sordo nell'ipocondrio destro), dispepsia (nausea, vomito, diarrea), debolezza, disturbi dell'appetito e perdita di peso sono i sintomi dell'epatite alcolica che si verificano più spesso. L'ittero epatico (la pelle ha una tonalità ocra) è anche un sintomo frequente di questa malattia. L'epatite alcolica è accompagnata da ipertermia nella maggior parte dei casi. L'epatite alcolica cronica è caratterizzata da un lungo periodo di tempo con periodi di esacerbazioni e remissioni. Di tanto in tanto possono verificarsi moderati dolori. Possono anche verificarsi nausea, eruttazione, bruciore di stomaco, diarrea, alternati a costipazione. L'ittero è notato solo occasionalmente. Quando una malattia alcolica inizia a progredire, i segni che sono caratteristici dello sviluppo della cirrosi epatica si uniscono ai sintomi dell'epatite: eritema palmare (arrossamento dei palmi delle mani), telangiectasia (vene varicose) sul viso e sul corpo e sindrome della "bacchetta". Tra gli altri segni, l'aspetto di "occhiali da guardia" (cambiamenti patologici nella forma e consistenza delle unghie); "Testa di medusa" (vene dilatate della parete addominale anteriore intorno all'ombelico). La ginecomastia e l'ipogonadismo (un aumento delle ghiandole mammarie e una diminuzione dei testicoli) sono talvolta notati negli uomini. Un aumento caratteristico del padiglione auricolare nei pazienti è notato con l'ulteriore sviluppo della cirrosi alcolica. Le contratture di Dupoitren sono un'altra manifestazione caratteristica della malattia epatica alcolica. Inizialmente, appaiono sul palmo dei tendini delle dita IV-V. È lì che si trova un fascio di tessuto connettivo denso (a volte doloroso). La sua crescita si verifica in futuro con il coinvolgimento delle articolazioni della mano nel processo. I pazienti si lamentano di difficoltà a piegare l'anulare e il mignolo. La loro completa immobilizzazione potrebbe verificarsi in futuro.

Algoritmo per la diagnosi della malattia epatica alcolica

Per la diagnosi di malattia epatica alcolica richiede un'attenta raccolta di anamnesi. È importante considerare la frequenza, la quantità e il tipo di alcol consumato. A tale scopo, si applica il questionario CAGE.

I sintomi clinici dipendono dalla forma e dalla gravità del danno epatico e dalla debolezza manifesta, anoressia, dolore sordo nell'ipocondrio destro, nausea, vomito, perdita di peso, ittero, oscuramento delle urine, scolorimento delle feci, febbre.

All'esame del paziente possono essere rilevati un aumento del fegato e della milza, teleangiectasia, eritema palmare, ginecomastia, contratture di Dupuytren, aumento delle ghiandole parotidee, edema delle gambe, ascite e vene safene dilatate.

La diagnosi è confermata dai dati dei test di laboratorio: leucocitosi neutrofila, velocità di sedimentazione accelerata degli eritrociti, rapporto ACAT / ALAT> 2, elevata bilubina, gamma-glutamil transpeptidasi e fosfatasi isocellulare, aumento della concentrazione di immunoglobuline A.

In campioni di biopsia epatica in pazienti con epatopatia alcolica, palloncino e degenerazione grassa degli epatociti, vengono rilevati corpi di Mallory, segni di fibrosi perivenulare, infiltrazione lobulare con leucociti polimorfonucleati e aree di necrosi focale. Caratterizzato dall'accumulo di ferro nel fegato. La cirrosi epatica, sviluppandosi inizialmente come micronodulare, con il progredire della malattia, acquisisce le caratteristiche macronodulari.

Se vi sono segni di sovraccarico di ferro, è necessario condurre un esame aggiuntivo del paziente per escludere la diagnosi di emocromatosi.

Nei pazienti con cirrosi alcolica del fegato, aumenta il rischio di sviluppare carcinoma epatocellulare. Per diagnosticarlo, viene eseguita la risonanza magnetica degli organi della cavità addominale e viene determinato il livello di alfa-fetoproteina (per il cancro del fegato, questo indicatore è ≥ 400 ng / ml).

Complicanze della malattia alcolica del fegato

Lo sviluppo di sanguinamento gastrointestinale, encefalopatia epatica, epatopatia alcolica porta ad un numero sufficientemente ampio di casi. Come risultato di una diminuzione dell'attività di questo organo nel corpo, si accumulano sostanze tossiche che vengono poi depositate nei tessuti cerebrali. L'ABP determina anche una compromissione della funzionalità renale. Le persone che soffrono di malattie alcoliche sono a rischio di sviluppare un cancro al fegato.

Trattamento non farmacologico

Rifiuto di alcol.

Il principale metodo di trattamento della malattia alcolica del fegato è il completo rifiuto dell'alcool. In qualsiasi momento, questa misura contribuisce al decorso favorevole della malattia. I sintomi della steatosi possono scomparire astenendosi dall'alcool per 2-4 settimane.

È importante seguire una dieta che contenga una quantità sufficiente di proteine ​​e calorie, poiché le persone che abusano di alcol spesso sviluppano carenze di proteine, vitamine e oligoelementi (specialmente potassio, magnesio e fosforo). Per saperne di più: nutrizione medica per le malattie del fegato.

Le vitamine sono prescritte (B 6, il 12, C, K, E) nella composizione dei preparati multivitaminici.

Nell'anoressia si usa la sonda o la nutrizione parenterale. Maggiori informazioni: nutrizione enterale e parenterale.

Trattamento farmacologico

Le misure di disintossicazione sono necessarie in tutte le fasi della malattia epatica alcolica.

A tal fine, vengono introdotti:

Glucosio 5-10% pp, in / in, 200-300 ml con l'aggiunta di 10-20 ml di Essentiale o 4 ml di soluzione di acido lipidico allo 0,5%.

Piridossina4 ml di soluzione al 5%.

Thiamin4 ml di 5% p-ra o 100-200 mg di carbossilasi.

Piracetam (Nootropil, Piracetam) 5 ml di soluzione del 20%.

È necessario introdurre hemodezv / 200 ml, 2-3 infusioni per via.

Il corso delle misure di disintossicazione è di solito 5 giorni.

L'uso di questi farmaci è giustificato nei pazienti con grave epatite alcolica acuta in assenza di complicazioni infettive e sanguinamento gastrointestinale.

Un ciclo di trattamento di 4 settimane con metilprednisolone (Metipred) alla dose di 32 mg al giorno.

L'acido ursodesossicolico (Ursofalk, Ursosan) ha un effetto stabilizzante sulle membrane degli epatociti: un miglioramento dei parametri di laboratorio (AsAT, AlAT, GGTP, bilirubina) viene osservato sullo sfondo della terapia. Il farmaco viene somministrato alla dose di 10 mg / kg / die (2-3 capsule al giorno - 500-750 mg).

Il meccanismo d'azione di questi farmaci è quello di ripristinare la struttura delle membrane cellulari, normalizzare il trasporto molecolare, la divisione cellulare e la differenziazione, stimolare l'attività di vari sistemi enzimatici, effetti antiossidanti e antifibrotici.

Essenzialmente usato in / in (struino o drip) di 5-10 ml. Il corso consiste in 15-20 iniezioni con contemporanea assunzione di 2 capsule 3 volte al giorno per 3 mesi.

Ademetionin (Heptral) è prescritto in una dose di 400-800 mg i / v gocciolare o getto (lentamente) al mattino; solo 15-30 iniezioni. Quindi puoi continuare a prendere il farmaco su 2 compresse 2 volte al giorno per 2-3 mesi.

Un effetto importante di questo farmaco è il suo effetto antidepressivo.

Trattamento della contrattura di Dupuytren.

Il trattamento della malattia nelle fasi iniziali può essere conservativo (fisioterapia); nelle fasi successive del trattamento chirurgico.

Trattamento della cirrosi epatica.

Quando si verifica cirrosi epatica, il compito principale del trattamento è di prevenire e trattare le sue complicanze (sanguinamento da varici esofagee, ascite, encefalopatia epatica).

Trattamento delle complicanze della malattia epatica alcolica.

Le complicanze sono diagnosticate in pazienti con epatite alcolica e cirrosi epatica e sono il risultato dello sviluppo di ipertensione portale.

Il trattamento di ascite, peritonite batterica spontanea, sindrome epatorenale, encefalopatia epatica e sanguinamento da vene varicose viene effettuato con metodi medici e chirurgici.

Il trapianto di fegato viene eseguito in pazienti che si trovano nella fase terminale della malattia epatica alcolica.

La condizione principale per eseguire un trapianto di fegato è di almeno 6 mesi di astinenza da alcol.

L'operazione consente di raggiungere la sopravvivenza a 5 anni nel 50% dei pazienti con epatite alcolica acuta.