Trattamento dell'ascite per la cirrosi epatica

Trattamento

L'ascite può essere rilevata se c'è più di 1 litro di liquido nella cavità addominale. Appare nella cirrosi epatica, schiaccia gli organi interni e aggrava le condizioni del paziente. Non è stato infine determinato quali processi portano al rilascio di una grande quantità di fluido nella cavità addominale, ma questo è un punto di svolta durante la malattia principale.

L'ascite è una complicanza della cirrosi epatica

loading...

Molti fattori negativi possono causare danni al fegato:

  • abuso di alcol;
  • qualsiasi forma di epatite;
  • avvelenando il corpo con sostanze tossiche.

Questi fattori uccidono le cellule del fegato. Invece, formano il tessuto muscolare che non svolge la funzione di pulizia delle cellule epatiche. L'ascite è l'accumulo di una grande quantità di una sostanza liquida nello stomaco. Si verifica con lo sviluppo di cirrosi come complicanza.

Il meccanismo di questo processo è il seguente:

  • Il tessuto connettivo chiude il lume dei vasi sanguigni nel fegato.
  • Il sangue non lo attraversa.
  • La pressione nelle vene aumenta e gli organi sono avvelenati da prodotti di scarto.
  • Fluido ematico - plasma, filtra attraverso le pareti sottili dei vasi sanguigni e riempie lo spazio intestinale.

Segni di ascite

loading...

Il volume del liquido nello stomaco aumenta rapidamente. È una sostanza trasparente giallastra completamente sterile. Contiene il 2,5% di proteine.

  1. L'addome del paziente è gonfiato e si riduce. Quando esposto a esso è sentito il movimento di liquido all'interno.
  2. Ci sono emorragie interne nell'esofago.
  3. Le vene safene sull'addome diventano prominenti e prominenti.
  4. L'aumento di peso si verifica a causa dell'accumulo di liquido nella cavità addominale.
  5. Gli organi soppressi funzionano male, compaiono vomito e dolore nel tratto gastrointestinale.
  6. Le membra scorrono, la circolazione cerebrale è disturbata, la memoria e le funzioni cerebrali si indeboliscono.

L'ascite progressiva è caratterizzata da:

  • distensione addominale, tensione della pelle su di esso;
  • vasi sanguigni dilatati;
  • abbattere l'ombelico;
  • la comparsa di un'ernia.

Varietà di ascite

loading...

Ci sono tre gradi della malattia:

  1. Una piccola quantità di liquido (meno di 3 litri) viene rilevata con laparoscopia o con ultrasuoni. Il trattamento iniziato in tempo dà buoni risultati.
  2. Il volume del liquido è superiore a 3 litri, lo stomaco è ingrandito. Ci sono segni di attività cerebrale compromessa.
  3. Uno stomaco grande contiene più di 10 litri di liquido, è difficile per il paziente respirare, il cuore sta lavorando con difficoltà. L'intero corpo si gonfia. L'uomo perde forza

Per la natura del fluido contenuto, la malattia è classificata come ascite transitoria, stazionaria e intensa.

  1. Il tipo transitorio è curabile.
  2. In ospedale - il trattamento conservativo non funziona.
  3. Stress - nonostante il trattamento, la quantità di liquido aumenta.

Le cause di edema addominale sono:

  • compromissione della funzionalità epatica;
  • scarsa qualità del cuore e dei reni;
  • distruzione dei vasi sanguigni del fegato;
  • termine della corrente venosa e linfatica nel fegato.

trattamento

loading...

Il trattamento dell'ascite in caso di cirrosi epatica si riduce, prima di tutto, al trattamento della causa principale - la cirrosi. La medicina moderna non ha un farmaco efficace per curare la malattia. Le manipolazioni dei medici hanno lo scopo di eliminare le conseguenze delle cause che le hanno provocate: virus, intossicazione, alcol e così via.

Se è possibile rallentare i processi di disintegrazione del tessuto epatico, allora la minaccia dell'idropisia scompare. In questo può giocare un ruolo importante una corretta alimentazione.

  • aumentare l'intensità del lavoro del fegato;
  • il lavoro del corpo è attivato;
  • le funzioni dei sistemi di scambio vengono ripristinate;
  • l'immunità migliora, la forza del corpo viene ripristinata;
  • non c'è nessuna minaccia di complicazioni

Il tipo di malattia compensata richiede una nutrizione proteica completa. Le proteine ​​in quantità sufficienti si trovano in prodotti lattiero-caseari, varietà a basso contenuto di grassi di carne e pesce, soia, miglio, grano saraceno. Le proteine ​​aiutano a ripristinare gli epatociti.

Con un tipo di malattia scompensata, il paziente è vicino a un coma. Questa è una condizione seria. Nella dieta, in questo caso, è necessario limitare la proteina a 20 g al giorno.

Il potassio è particolarmente importante per la funzione cardiaca. Il suo livello è in diminuzione e deve essere reintegrato con frutta secca, succhi e bacche. I giorni utili per frutta, bacche e fiocchi di latte una volta alla settimana sono utili per i pazienti con cirrosi epatica. L'uso di liquidi anche nei giorni di digiuno non può essere aumentato.

Trattamento farmacologico

Con l'ascite, i diuretici sono inefficaci. È necessario limitare il paziente a bere. È importante stabilire una sedia regolare, eliminare la possibilità di stitichezza. Aiuta efficacemente in questi farmaci lassativi duphalac, senade.

Se il trattamento farmacologico e la dieta non aiutano, i medici usano una misura estrema - la puntura. Un ago spesso viene inserito nella cavità addominale appena sotto l'ombelico e viene prelevata una quantità significativa di liquido. Dopo questa procedura, al paziente vengono prescritti diuretici e viene prescritta una dieta. La perdita di proteine ​​viene reintegrata mediante iniezioni endovenose di albumina.

Al primo sospetto di ascite in presenza di malattia del fegato, è necessario essere esaminato. Uno sforzo moderato, un'alimentazione sana, l'evitare l'alcol aumentano le possibilità di recupero.

Poiché l'ascite è il risultato di un complesso processo di distruzione del fegato, è difficile da trattare. L'ascite complica la vita del paziente, peggiora la salute. L'uso semplice di farmaci diuretici non dà effetto. Per rimuovere il liquido senza l'uso di una puntura, è necessario fornire fluido ai reni con l'aiuto di diuretici, dove sarà filtrato e allevato in modo naturale.

Dieta ascite

Il sale trattiene l'acqua nel corpo. Ogni grammo di sale contiene un bicchiere d'acqua. Pertanto, è necessario escluderlo dalla dieta del paziente. Se ciò non è possibile, limitare l'assunzione di sale a 5 grammi al giorno. Allo stesso tempo, la quantità di fluido consumata non supera 1 l. Se non si riduce il sodio, l'uso di diuretici non darà un effetto positivo.

Lo scopo principale della nutrizione nella malattia è limitare il sale e reintegrare la nutrizione del cibo vegetariano. Il valore energetico della dieta al giorno - 2000 Kcal.

I pazienti con ascite non possono muoversi attivamente e sperimentare lo sforzo fisico. In posizione supina aumenta anche il flusso di sangue nel fegato.

L'ascite può essere trattata con successo nelle fasi iniziali della malattia.

Trattamento dell'ascite che complica la cirrosi negli adulti

loading...

Questa guida è dedicata principalmente al trattamento dell'ascite, nonché alla diagnosi, al trattamento e alla prevenzione della peritonite batterica spontanea (SBP) in pazienti adulti con cirrosi epatica. Patogenesi di ascite e SPB, informazioni complete sulla diagnosi differenziale di ascite, diagnosi e trattamento di ascite di diversa eziologia (non dovuta alla cirrosi), la sindrome epatorenale è rimasta al di fuori di questa guida.

1. Esame iniziale

loading...

2. Raccolta del liquido ascitico diagnostico

loading...

3. Lo studio del fluido ascitico

loading...

4. Trattamento di ascite diuretica-sensibile

loading...

1. Il valore del gradiente stimato dell'albumina nel siero e nel fluido ascite.

I pazienti con un leggero gradiente di albumina sierica e liquido ascitico non rispondono abbastanza bene da limitare l'assunzione di sodio e i farmaci diuretici, a meno che non abbiano anche la sindrome nefrosica. Questa guida si occupa di casi con gradienti elevati.

L'astinenza dall'alcol riduce il danno agli epatociti, aiuta a migliorare il corso dei processi reversibili nella malattia epatica alcolica; negli alcolisti, l'astinenza può ridurre l'ipertensione portale.

3. Terapia di Nediuretichesky

  • La ritenzione di sodio da parte dei reni è un processo che inizialmente è alla base del ritardo nel fluido corporeo e della formazione di ascite. Questa situazione si verifica alcuni mesi prima che i reni espellano l'acqua.
  • Lo scopo del riposo a letto rigoroso non è mostrato.
  • La restrizione dei liquidi non è indicata fino a quando il contenuto di sodio nel siero non è di 78 mmol / die solo nel 10-15% dei pazienti.

4. Terapia diuretica

La terapia convenzionale nella fase iniziale consiste nell'assunzione quotidiana di 100 mg di spironolattone o una combinazione di 100 mg di spironolattone + 40 mg di furosemide. Se la perdita di peso e l'escrezione di sodio con l'urina rimangono inadeguate, la dose giornaliera di spironolattone in monoterapia deve essere aumentata a 200 mg e, se necessario, a 400 mg; quando assumono due farmaci, furosemide e spironolattone, le loro dosi vengono aumentate simultaneamente in un rapporto 2: 5 tra due dosi al fine di preservare la normokalemia, ad es. 80 e 200 mg, 160 e 400 mg. La dose massima per furosemide è di 160 mg / die e 400 mg / die per lo spironolattone al giorno. La monoterapia con spironolattone può essere efficace nei casi in cui la ritenzione di liquidi nel corpo è minima. La monoterapia con spironolattone è più efficace della monoterapia con furosemide. Tuttavia, la monoterapia con spironolattone può essere complicata da iperkaliemia e dallo sviluppo della ginecomastia. L'effetto dello spironolattone per intero potrebbe non iniziare immediatamente dopo l'inizio della sua ricezione, ma dopo alcuni giorni. La tolleranza allo spironolattone può diminuire in presenza di patologia del parenchima renale, dovuta a iperkaliemia. L'amiloride e il triamterene possono essere sostituti dello spironolattone.

In caso di ipokaliemia, la furosemide può essere temporaneamente cancellata.

Con l'edema, non ci sono restrizioni per la perdita di peso giornaliera. Quando il gonfiore inizia a dissolversi, per la prevenzione dell'azotemia (a causa di una diminuzione del volume intravascolare), la perdita giornaliera di peso deve essere mantenuta ad un livello fino a 0,5 kg.

Nei pazienti sensibili ai diuretici, il trattamento con l'uso di paracentesi frequente con la rimozione di grandi quantità di liquido ascitico non è raccomandato.

5. Paracentesi con la rimozione di una grande quantità di liquido ascitico

Nei casi in cui lo stress creato dal fluido ascitico porta a sintomi clinici gravi, una singola paracentesi può essere eseguita come misura terapeutica, eliminando grandi quantità di liquido - fino a 4-6 litri senza complicazioni emodinamiche e la necessità di soluzioni colloidali concomitanti. Nei casi in cui il volume di liquido rimosso supera i 6 litri, si raccomanda l'infusione endovenosa di albumina alla velocità di 6-8 g per litro di liquido ascites rimosso.

Per prevenire il rapido re-accumulo di liquido ascitico, si raccomanda di limitare l'assunzione di sodio e di condurre una terapia diuretica.

La paracentesi con la rimozione di una grande quantità di liquido ascitico non si applica alla terapia primaria per tutti i pazienti con ascite intensa.

6. Tattiche di trattamento di pazienti ambulatoriali

  • Se i pazienti rispondono adeguatamente alla terapia farmacologica, il loro ricovero non è obbligatorio.
  • In questi pazienti devono essere monitorati i seguenti indicatori: peso corporeo, presenza di sintomi ortostatici, contenuto di elettroliti, urea e creatinina sierica.
  • Il monitoraggio periodico del sodio urinario deve essere effettuato se la perdita di peso sembra inadeguata.
    Se il contenuto di sodio nelle urine è> 0 e 78 mmol / die di sodio e non c'è diminuzione del peso corporeo, è necessario raccomandare una più stretta aderenza alla dieta.
    Pazienti che non perdono peso e escrezione di sodio di 2,0 mg / dl.
  • Effetti collaterali clinicamente significativi di diuretici.
  • Iperkaliemia e acidosi metabolica (spironolattone).

6. Trattamento di ascite refrattaria

loading...

L'ascite refrattaria è l'accumulo di liquidi, la cui quantità non diminuisce quando l'assunzione di sodio è limitata a 88 mmol / die e si assumono le dosi massime di farmaci diuretici (furosemide + spironolattone), ma senza l'uso di inibitori delle prostaglandine (ad esempio, farmaci anti-infiammatori non steroidei). Tale ascite può anche essere considerata refrattaria, quando il paziente ha intolleranza ai diuretici.

Un'indicazione dell'inefficacia della terapia diuretica è la minima perdita di peso o la sua mancanza, accompagnata da una diminuzione dell'escrezione di sodio 5 litri) al fine di minimizzare l'ipovolemia intravascolare, attivare la vasocostrizione e il sistema antinatriuretico e la funzionalità renale compromessa. Dextran 70 è meno efficace per questi scopi rispetto all'albumina. In caso di evacuazione inferiore a 5 litri di liquido ascitico, non è necessaria un'infusione sostitutiva con soluzioni colloidali.

3. Stent-shunt intraepatico transgiugulare porto-system (TIPSS)

TIPSS è uno shunt porto-sistemico (da lato a lato) impiantato con un chirurgo a raggi X. TIPSS è un mezzo efficace per aiutare i pazienti con ascite refrattaria. In questo tipo di trattamento, l'incidenza di encefalopatia, di regola, non aumenta e il tasso di sopravvivenza può essere maggiore rispetto ai pazienti nei quali il trattamento viene eseguito ricorrendo alla paracentesi ripetuta con l'evacuazione di grandi volumi di liquido ascitico. L'impianto dei risultati TIPSS nella soppressione del sistema antinatriuretico, il miglioramento della funzione renale e la risposta renale in risposta alla somministrazione di diuretici.

4. Shunt peritoneo venoso

Gli shunt peritoneo-venosi (LeVeen o Denver) hanno una brevissima durata di pervietà, spesso accompagnati da complicanze piuttosto gravi, inclusa la fibrosi peritoneale, quindi non hanno vantaggi in termini di aumento della sopravvivenza dei pazienti rispetto alla terapia standard.

Lo shunt peritoneo-venoso dovrebbe essere riservato a quei pazienti resistenti ai diuretici che non possono essere sottoposti a trapianto di fegato e non possono eseguire ripetute paracentesi "grandi" (a causa di più cicatrici chirurgiche o per vivere in un luogo dove non esiste un medico che potrebbe eseguire la paracentesi).

5. Trapianto di fegato

Nei pazienti con cirrosi epatica, lo sviluppo di ascite refrattaria alla terapia standard porta a circa il 50% della sopravvivenza a 6 mesi e circa il 25% alla sopravvivenza a 12 mesi.

7. Peritonite batterica spontanea (SBP)

loading...

Un esame diagnostico del liquido ascitico è obbligatorio e deve essere ripetuto se compaiono sintomi e / o dati di laboratorio che indicano un'infezione.

Una diagnosi di SBP può essere fatta se i batteri vengono rilevati nel liquido ascitico - Escherichia coli, Klebsiella polmonite o pneumococco con un aumento del numero di leucociti in esso a 250 e superiore in un cubo da 1 mm. nessuna evidente fonte di infezione intra-addominale o chirurgica.

Una diagnosi presuntiva di SBP può essere fatta a pazienti che, in assenza di batteri nel liquido ascitico, hanno una conta leucocitaria> 250 cellule / mm3 e hanno anche una serie di sintomi che indicano la presenza di un processo infettivo - febbre, brividi, dolore nella cavità addominale, tensione muscolare tesa addome, indebolimento dei suoni intestinali.

Nei pazienti con epatite alcolica e febbre, non è possibile effettuare una diagnosi di SBP sulla base di leucocitosi e dolore addominale in assenza di un aumento del numero di leucociti nel liquido ascitico.

Nella maggior parte dei pazienti con presenza di batteri nel liquido ascitico, il loro numero e leucocitosi di solito aumentano nel periodo iniziale di trattamento. La reazione dei neutrofili può svilupparsi dopo un certo periodo di tempo dopo la comparsa dei batteri nel liquido ascitico.

I pazienti con una diagnosi accertata o presunta di peritonite batterica spontanea dovrebbero essere prescritti antibiotici. L'inizio del trattamento non deve essere ritardato in previsione di un test positivo per la presenza di batteri nel liquido ascitico. La terapia antibatterica deve essere eseguita anche nei pazienti in cui è stata rilevata una contaminazione batterica del liquido ascitico e vi sono segni di un processo infettivo, sebbene non vi sia alcuna reazione neutrofila.

La terapia antibiotica empirica viene eseguita con antibiotici ad ampio spettro che non hanno effetti nefrotossici, come cefotaxime (cefalosporina di 3a generazione) per il suo uso endovenoso di 2 g ogni 8 ore.

Nei casi tipici di SBP, un corso di 5 giorni di antibiotico per via endovenosa è efficace quanto un corso di 10 giorni.

L'assenza di un risultato positivo sotto forma di miglioramento clinico è un'indicazione per paracentesi diagnostica ripetuta. Se c'è una diminuzione del numero di leucociti PML nel liquido ascitico e un risultato negativo per il rilevamento di batteri, il trattamento viene continuato usando lo stesso antibiotico. In caso di aumento di PMIA leucocitaria nel liquido ascitico e scoperta di nuovi microrganismi, altri antibiotici dovrebbero essere utilizzati per continuare il trattamento. Nel caso di un aumento del numero di batteri già identificati, si può sospettare lo sviluppo di peritonite batterica secondaria.

La somministrazione endovenosa simultanea di albumina alla dose di 1,5 g / kg dal momento della diagnosi e alla dose di 1 g / kg per 3 giorni riduce l'insorgenza di funzionalità renale compromessa e migliora le possibilità di sopravvivenza dei pazienti.

Ci sono rapporti secondo cui l'uso orale di oflocacina può essere efficace quanto l'uso endovenoso di cefotaximina per il trattamento di quei pazienti con PMS che non hanno azotemia, vomito o shock. Tuttavia, fintanto che questi messaggi non sono stati sufficientemente confermati, la via di somministrazione endovenosa di antibiotici è preferita.

3. La successiva paracentesi

La paracentesi successiva è necessaria solo se vi sono caratteristiche atipiche (sintomi, decorso clinico, test del liquido ascitico, risposta del / dei microrganismo / i al trattamento) che possono suggerire la presenza di peritonite secondaria.

4. Trapianto di fegato

La prognosi per la vita nei pazienti con SBP è talmente scarsa che la possibilità di un trapianto di fegato deve essere considerata in ogni paziente.

Pazienti con cirrosi epatica a basso contenuto proteico nel liquido ascitico (

Trattamento di ascite addominale

loading...

L'ascite deriva dalla parola greca "askites" - accumulo di liquido nella cavità addominale, nella medicina popolare, questa malattia è chiamata "idropisia addominale"

L'ascite è un accumulo patologico di fluido sieroso nella cavità addominale. Il nome della malattia "ascite" viene dal greco. askites - come pelliccia gonfia; gonfiore, accumulo di liquido nella cavità addominale (gonfiore addominale).

L'ascite addominale può essere causata da malattia epatica scompensata (cirrosi associata ad alcol o virus), insufficienza cardiaca, carcinomatosi addominale, tubercolosi, insufficienza epatica in rapida progressione, malattia pancreatica, malattie infiammatorie nella regione pelvica, malattie del tessuto connettivo e ipoproteinemia.

Cirrosi del fegato come causa di ascite

loading...

La cirrosi epatica nell'80% dei casi è la causa dell'ascite addominale. A differenza delle cause non alcoliche di malattia del fegato, con malattia epatica alcolica, l'ascite può essere ridotta dall'astinenza e limitando l'assunzione di sale. L'improvviso sviluppo di ascite dopo molti anni di cirrosi stabile dovrebbe essere considerato come una possibilità di carcinoma epatocellulare.

Diagnosi di ascite addominale

loading...

La percussione delle parti aiuta a differenziare l'ascite da altre cause dello stretching addominale. L'ottusità dovrebbe cambiare quando il paziente gira a sinistra oa destra. Un cambiamento di ottusità indica la presenza di almeno 1,5 litri di ascite.
L'aspetto di un "vetro torbido" con anse intestinali centrate localmente è evidente sui raggi X. Non è necessario o raccomandato per la valutazione o il trattamento delle ascite addominali.
Potrebbe essere necessaria un'ecografia per determinare la presenza o l'assenza di ascite. Gli studi sul sistema portale Doppler sono utili se si sospetta la sindrome di Budd-Chiari o la membrana della vena cava.
Una radiografia del torace e un ecocardiogramma sono utili per valutare pazienti con sospetta ascite cardiaca.

Analisi del fluido ascitico

La paracentesi diagnostica deve essere eseguita di routine in tutti i pazienti con ascite diagnosticata. Un ago di dimensione 22 può essere inserito nel modo del tratto Z per ridurre al minimo le perdite dopo la paracentesi, nella linea mediana tra l'ombelico e la sinfisi dell'osso pubico per evitare i vasi collaterali. In presenza di una cicatrice sulla linea mediana, è possibile utilizzare in tutta sicurezza una posizione di circa 1,5 pollici più alta e più vicina al centro del sacro superiore anteriore dell'osso pelvico.
Il liquido ascitico è per lo più giallo paglierino o leggermente paglierino. La torbidità o torbidità si verifica a causa della presenza di neutrofili. L'ascite "lattea" è causata dalla presenza di trigliceridi. L'ascite non traumatica dovrebbe essere considerata come un sospetto di tubercolosi e neoplasie maligne. Il liquido color tè è talvolta osservato negli asciti pancreatici.
L'analisi iniziale del fluido ascitico dovrebbe includere i seguenti studi: conta dei globuli bianchi, albumina, proteine ​​totali e coltura. Glucosio, amilasi e colorazione del grammo hanno un valore basso, tranne nei casi di sospetta perforazione intestinale.
I pazienti con una conta leucocitaria polimorfonucleare (PML)> 250 per ml possono essere considerati infetti e devono essere trattati. In caso di tagli sanguinanti, solo 1 PML per 250 globuli rossi può essere attribuito alla contaminazione del liquido ascitico con sangue.
In ascite, a causa di peritonite tubercolare e carcinosi peritoneale, predominano i linfociti.

Altre cause di ascite

Il seguente indicatore di laboratorio è ampiamente utilizzato per identificare altre cause di ascite. Gradiente albumina / ascite (GASA) = [albumina sierica] - [albumina] ascite. Gradiente e 1,1 g / dl mostra ipertensione portale con una certezza di oltre il 90%.

Con un alto gradiente di albumina / ascite nel siero (GASA), possibili cause di ascite:
L'ascite cardiaca è una conseguenza del blocco della sinusoide epatica e mostra un'elevata proteina totale.
L'ascite nefrogenica si verifica nei pazienti in emodialisi con un aumento eccessivo del volume del liquido e ha anche una tendenza ad alto contenuto proteico totale.
Le metastasi epatiche multiple possono portare all'ostruzione dell'ingresso venoso portale e l'embolia tumorale delle radici della vena porta può causare ipertensione portale. I liquidi ascitici totali della proteina sono 2,5 mg / dl).

Con un basso gradiente di albumina / ascite nel siero (GASA), le possibili cause di ascite sono:
Peritonite tubercolare
La carcinosi peritoneale rappresenta circa il 50% di tutti i casi di ascite, che è una conseguenza di neoplasie maligne. La citologia è positiva nel 97-100% dei casi.
L'ascite pancreatica è 1.
Bassa ascite di GASA può verificarsi in pazienti con malattie del tessuto connettivo dovute a sieroprote in assenza di ipertensione portale.
La sindrome nefrotica è la causa di ascite povera di proteine.
Ascite con febbre in una giovane donna sessualmente attiva dovrebbe destare il sospetto di peritonite da clamidia. Tali ascite ha un'alta percentuale di proteine ​​e un numero maggiore di globuli bianchi.

Preparati per il trattamento delle ascite addominali

loading...

È necessario interrompere l'assunzione di inibitori delle prostaglandine e altri farmaci che riducono il GFR (ad esempio i FANS).
Limitare il sodio (cloruro di sodio) è la chiave per il successo del trattamento dell'ascite. Il paziente deve essere istruito a seguire una dieta con 2 g di sodio al giorno. Non è necessario limitare il fluido, a meno che non sia presente iponatriemia.
Se il paziente sta assumendo diuretici risparmiatori di potassio allo stesso tempo, la necessità di evitare sostituti del sale contenenti cibi potassio e fortificati potassio dovrebbe essere particolarmente enfatizzata.
Se la sola restrizione del sale è inefficace, possono essere somministrati diuretici orali. L'associazione di spironolattone e furosemide è generalmente efficace nell'applicazione della natriuresi senza provocare iper- o ipokaliemia. Le solite dosi iniziali sono il 100 mg di richiamo di spironolattone al giorno e il richiamo di 40 mg di furosemide al giorno.
È possibile controllare l'urina di sodio e di potassio e regolare la dose di diuretici per ottenere il rapporto Na / K> 1. L'aumento della dose di furosemide provoca un aumento del sodio urinario e una perdita di potassio, e un aumento della dose di spironolattone provoca un aumento del contenuto di potassio.
Le dosi di spironolattone e furosemide possono essere titolate a un massimo di 400 mg al giorno e 160 mg al giorno, rispettivamente, usando il rapporto di 100 mg / 40 mg per mantenere la normokalemia. L'obiettivo del trattamento diuretico dovrebbe essere quello di raggiungere una perdita di peso di 1-2 kg al giorno. Peso corporeo, elettroliti sierici, urea e creatinina sono parametri importanti per il monitoraggio delle condizioni del paziente.
Il trattamento con diuretici deve essere interrotto con lo sviluppo di encefalopatia, iponatremia (Na 2 mg / dL). Una diuresi eccessivamente aggressiva può anche portare alla sindrome epatorenale, una condizione irreversibile, che si traduce in una progressiva insufficienza renale dovuta a ipoperfusione renale in pazienti con stadi avanzati della malattia epatica. Evitare la diuresi sopra 1 l al giorno.
La paracentesi di grandi volumi può essere eseguita in pazienti con ascite tesa, influenzando la sensazione di sazietà e respirazione. Per migliorare i sintomi, è possibile rimuovere circa 4-6 litri di liquido. Quando si rimuovono fino a 5 litri di liquido ascitico, la sostituzione dell'albumina non è raccomandata. Quando la paracentesi è di volume elevato, è possibile immettere in / in albumina (8 g / l di fluido ascitico selezionato).
L'ascite addominale resistente ai farmaci (perdita di peso minima o nulla, nonostante i diuretici, o lo sviluppo di complicazioni del trattamento diuretico) si verifica in meno del 10% dei pazienti con cirrosi e ascite. Il trattamento può essere effettuato mediante paracentesi terapeutica ripetuta, shunt venoso-peritoneale. Sebbene il trapianto di fegato debba essere considerato prima dopo l'insorgenza dell'ascite, i pazienti con resistenza diuretica dovrebbero essere considerati come pazienti primari per il trapianto, poiché il 50% di essi muore entro 6 mesi.
Peritonite batterica spontanea. Pazienti con una concentrazione di proteine ​​totali nel liquido ascitico

Albumina con ascite

loading...

Questo articolo presenta le tattiche di gestione dei pazienti con ascite, particolare attenzione è rivolta alle caratteristiche dell'esame di questo gruppo di pazienti, copre in dettaglio i problemi di diagnosi di laboratorio, metodi e indicazioni per laparocentesi diagnostica, nonché gli aspetti moderni della terapia conservativa, indicando le più frequenti complicazioni ed errori nella gestione di questi pazienti.

Funzionalità di gestione di pazienti con ascite

Questa è un'introduzione al gruppo di pazienti. nella gestione di questi pazienti.

L'ascite (dal greco "askos" - borsa, borsa) è una condizione in cui vi è un accumulo patologico di liquido nella cavità addominale.
Sfondo per lo sviluppo di ascite nell'81,5% dei casi sono malattie del fegato (cirrosi, epatite alcolica acuta, cirrosi, cancro), nel 10% - tumori maligni, nel 3% - insufficienza cardiaca congestizia, nell'1,7% - peritonite tubercolare. Cause più rare sono la sindrome nefrosica, la pancreatite acuta.
L'esame del paziente è estremamente informativo. Se il liquido nella cavità addominale si è accumulato rapidamente, allora la pelle dell'addome è tesa, lucida, con la palpazione può esserci un dolore diffuso. Nel caso di un accumulo graduale di liquido, si può notare un'espansione dell'angolo epigastrico, le costole inferiori si muovono in avanti e verso l'alto, a seguito delle quali la cellula del torace si espande. L'aumento della pressione intra-addominale contribuisce all'emergenza di un'ernia ombelicale, inguinale, femorale e postoperatoria. Le più pronunciate sono l'ernia ombelicale e inguinale-scrotale. Il paziente dovrebbe raccomandare di indossare un corsetto o una benda. È necessario esaminare attentamente la pelle della borsa erniaria, poiché potrebbe diventare più sottile. Nella nostra pratica, c'erano 3 casi di rottura della pelle della borsa erniaria con l'effusione di liquido ascitico. È estremamente importante informare i pazienti con ascite tesa su possibile traumatizzazione della pelle di un sacco erniario sporgente quando si indossa un corsetto, tendendo.
L'ascite della percussione viene rilevata quando si accumula 1,5-2 litri di liquido. Con meno fluido, il suono timpanico verrà rilevato su tutta la superficie dell'addome. Con ascite non accentuate in posizione eretta, l'addome sembra cadente, mentre il fluido scorre verso il basso. Di conseguenza, con la percussione dell'addome in piedi, il suono timpanico è notato nell'addome superiore, il sordo del suono - nella parte inferiore. Se il paziente giace sulla sua schiena, l'intestino contenente l'aria si sposta verso l'alto e il fluido si sposta verso la parte posteriore della cavità addominale. Il suono della percussione sarà timpanico sulla superficie anteriore dell'addome e smussato sopra i fianchi (lati). Al fine di garantire la presenza di ascite, si consiglia di percepire il paziente in diverse posizioni: in piedi, sdraiato sulla schiena, così come sui lati. Se posizionato sul lato destro, il suono timpanico verrà rilevato sopra il fianco sinistro e in posizione sul lato sinistro, sopra la destra. L'accumulo di liquido nella cavità addominale è il più frequente, ma non l'unico motivo per aumentare le dimensioni dell'addome e allungare la parete. È anche necessario escludere la gravidanza, la distensione dell'intestino da gas, cisti (ovaie, mesenteri, retroperitoneali), stiramenti degli organi cavi - lo stomaco, la vescica e l'obesità. A seconda della quantità di fluido ascitico, l'ascite è divisa in minima (rilevata solo da ultrasuoni strumentali e tomografia computerizzata della cavità addominale), moderata (facilmente rilevabile mediante esame obiettivo) e pronunciata (con un aumento significativo della dimensione dell'addome).

Le manifestazioni secondarie di ascite includono:

• versamento pleurico, spesso lato destro dovuto al movimento del fluido peritoneale attraverso i vasi linfatici diaframmatici e al sudore del fluido ascitico attraverso i difetti del diaframma;

• elevata posizione del diaframma, che porta allo sviluppo di atelettasia discale nelle regioni inferiori dei polmoni e allo spostamento del cuore verso l'alto;

• vene emorroidali varicose;

• la formazione di un'ernia diaframmatica, un aumento del reflusso esofageo (spiegato da fattori meccanici in condizioni di aumento della pressione intra-addominale) aggravano il danno alla mucosa esofagea in presenza di vene varicose.

Quando l'ascite di nuova diagnosi, sospetta infezione del fluido ascitico, un tumore maligno, deve essere eseguita laparocentesi diagnostica: estrarre una piccola quantità di liquido ascitico (di solito 50-300 ml) per la ricerca clinica, biochimica, batteriologica e citologica. Il contenuto informativo dell'analisi del fluido ascitico è difficile da sovrastimare.

Il metodo per eseguire la paracentesi e la successiva cura del paziente

L'evacuazione del fluido ascitico (AF) viene effettuata utilizzando un catetere morbido, che fa parte di un kit sterile per eseguire la paracentesi. Il catetere viene inserito 2 cm sotto l'ombelico lungo la linea mediana del corpo, o 2-4 cm più medialmente e più in alto rispetto al processo anteriore superiore dell'osso (Figura 1). Per prevenire la successiva fuoriuscita di AF, la pelle viene spostata verso il basso di 2 cm prima dell'inserimento del trocar.

Figura 1. Siti di inserimento del catetere durante la paracentesi

Prima della paracentesi, è necessario ottenere il consenso informato del paziente alla procedura.

Lo studio del fluido ascitico inizia con una valutazione visiva del suo colore: il giallo paglierino è caratteristico della cirrosi epatica, della sindrome nefrosica, dell'insufficienza cardiaca; emorragico - per cancroomatosi, pancreatite; fangoso - per peritonite, pancreatite, tubercolosi; bianco latteo per ascite chilosa.

Lo studio della proteina consente di differenziare il trasudato e l'essudato: nella proteina transudata inferiore a 25 g / l (cirrosi, ipoalbuminemia), nell'essudato - oltre 30 g / l (malignità, infiammazione). È generalmente accettato di calcolare il gradiente di "albumina fluida di albumina / ascite sierica" ​​(SAAG), che suggerisce la causa di ascite e predice anche il rischio di infezione del fluido di ascite. Con SAAG inferiore a 1,1, il rischio di infezione aumenta a causa di una diminuzione del contenuto di opsonine nel liquido ascitico.

SAAG più di 1,1 viene rilevato quando:

• insufficienza epatica acuta;

• Sindrome di Budd - Chiari;

• danno epatico metastatico;

• fegato congestizio con insufficienza cardiaca;

SAAG meno di 1.1 si verifica quando:

• carcinosi peritoneale, mesotelioma;

• peritonite batterica spontanea;

Un indicatore importante è la composizione cellulare del fluido ascitico. Un contenuto di oltre 250 neutrofili per 1 mm 3 indica un'infezione del fluido. Qualsiasi crescita batterica è anormale. È importante ricordare che quando si semina il liquido ascitico, è necessario collocarlo immediatamente in fiale diverse (10 ml ciascuna) utilizzate per la semina del sangue per la flora anaerobica e aerobica. Il contenuto informativo dell'analisi aumenta al 90%.

La ricerca citologica per identificare le cellule atipiche è estremamente importante.

Livelli elevati di amilasi possono rilevare asciti pancreatici. Un aumento dei trigliceridi superiore a 5 mmol / l indica ascite del cile. Quando si tinge un liquido in un colore giallo scuro, è necessario determinare il contenuto di bilirubina in esso: se è minore nel siero che nel liquido ascitico, ciò significa che la bile entra nella cavità addominale.

La terapia di ascite di base consiste di diverse fasi:

1. Trattamento della malattia di base che ha portato alla comparsa di ascite.

2. Nei primi 4-7 giorni di trattamento i pazienti con ascite severa sono a riposo a letto raccomandati. Il riposo a letto è appropriato, poiché la posizione orizzontale del corpo influenza la produzione di renina-angiotensina e una diminuzione del tono del sistema nervoso simpatico. La posizione verticale stimola il sistema nervoso simpatico, riduce la filtrazione glomerulare e aumenta l'assorbimento del sodio nei tubuli, pertanto il riposo a letto è raccomandato per i pazienti con ascite severa durante i primi 4-7 giorni di trattamento.

3. Limitare l'assunzione di sale. Ogni grammo di sodio assunto mantiene approssimativamente circa 250-300 ml di acqua. Se viene rilevato un livello ridotto di sodio nel siero del sangue, l'uso di sale da cucina non dovrebbe essere raccomandato, dal momento che il contenuto totale di sodio nel corpo è significativamente aumentato. Per colmare la carenza di elettrolita devono essere farmaci. Se si sospetta che il paziente non limiti l'assunzione giornaliera di sale, è consigliabile determinare l'escrezione giornaliera di sodio nelle urine. Se più urina viene escreta al giorno nelle urine di quanto prescritto al paziente, questo indica la non conformità con le raccomandazioni.

4. Restrizione dell'uso del liquido a 750-1000 ml / giorni in assenza di febbre.

5. terapia diuretica L'uso di diuretici porta ad una diminuzione del volume plasmatico, che viene reintegrato mentre il fluido passa dal tessuto interstiziale (edema periferico) e la cavità addominale (ascite) nel flusso sanguigno. Per il trattamento dell'ascite, vengono spesso utilizzati diuretici a ciclo continuo (furosemide, acido etacrinico) e risparmiatori di potassio (spironolattone, triamterene). Il farmaco di prima linea è lo spironolattone (veroshpiron), in caso di insufficienza dell'effetto da cui vengono prescritti i diuretici dell'ansa. La selezione della dose diuretica si basa sulla gravità dell'ascite ed è controllata dalla diuresi, il livello di elettroliti. Il paziente dovrebbe concentrarsi sul calcolo giornaliero della diuresi e della pesatura, che consente di controllare l'adeguatezza della terapia diuretica. La terapia diuretica è considerata sufficiente se l'eccesso di liquido emesso rispetto al consumo non è superiore a 500 ml per i pazienti senza edema periferico e 800-1000 ml per i pazienti con edema periferico. Si consiglia inoltre di monitorare l'efficacia della terapia diuretica durante la pesatura del paziente (la perdita di peso per 1 settimana dovrebbe essere di 2,5-3 kg) e misurare la circonferenza della vita. Per controllare il livello di elettroliti nel siero dovrebbe essere almeno 2 volte a settimana.

6. Controllo dinamico dell'efficacia della terapia diuretica. Se le condizioni del paziente sono stabili, può misurare la diuresi 2-3 volte a settimana con la pesatura giornaliera. È consigliabile che il medico curante parli con i familiari del paziente per chiarire l'importanza della misurazione della diuresi e della pesatura, poiché, a causa della presenza di encefalopatia nei pazienti, può fornire al medico informazioni inesatte. I parenti dovrebbero essere avvertiti che la fase I dell'encefalopatia epatica può essere accompagnata da euforia, in virtù della quale il paziente si considera recuperato e rifiuta la terapia prescritta.

Con ascite piccola e moderata (nei pazienti con cirrosi del bambino, classi Child e Pugh) limitare l'assunzione di sale a 2 g / giorno e l'assunzione giornaliera di liquidi a 1 l, se il contenuto di sodio nel siero non supera i 130 meq / l. La terapia di base è lo spironolattone (veroshpiron) - 75-100 mg / die. Se necessario, la dose di spironolattone viene aumentata di 100 mg ogni 4-5 giorni al massimo, ovvero 300 mg / die. Abbastanza spesso, in ascite moderata (classe B), viene prescritta una combinazione di spironolattone e furosemide (rapporto approssimativo: per 100 mg di spironolattone e 40 mg di furosemide). Se l'ascite viene preservata, è consigliabile l'ospedalizzazione.

Nei pazienti con ascite grave (nei pazienti con cirrosi della classe C di Child-Pugh), i pazienti devono essere trattati in modo permanente. Agli albori veniva prescritta una dieta priva di sale. La terapia è combinata con spironolattone e furosemide. La conservazione di una piccola quantità di liquido ascitico è giustificata, poiché la funzione renale è meno frequentemente compromessa.

7. Valutazione dell'efficacia della terapia diuretica. Nel caso dell'efficacia della terapia durante l'esame del paziente annotato:

• perdita di peso;

• Ridurre le dimensioni dell'addome quando si misura la circonferenza della vita;

• riduzione dell'edema periferico;

• riduzione della gravità dell'encefalopatia epatica (numeri dei test di connessione);

• diuresi giornaliera positiva;

• una riduzione dell'escrezione giornaliera di sodio nelle urine.

Il refrattario è chiamato persistente, nonostante un trattamento adeguato, l'ascite. In questo caso, la limitazione dell'assunzione di sodio e l'assunzione di alte dosi di diuretici (400 mg / die di spironolattone e 160 mg / die di furosemide per 1-4 settimane) non portano a diuresi efficace, perdita di peso, risoluzione dell'ascite. I criteri diagnostici per l'ascite resistente sono mostrati nella Tabella 1.

Criteri diagnostici per ascite resistente (Moore K.P.)

3. Recidiva precoce dell'ascite: il ritorno di ascite di grado 2-3 entro 4 settimane dall'inizio del trattamento

4. Complicazioni associate all'assunzione di farmaci diuretici:

  • encefalopatia portosistemica, sviluppata in assenza di altri fattori provocatori
  • insufficienza renale - aumento della creatinina sierica di oltre il 100%, a un livello> 2 mg / dL in pazienti che rispondono al trattamento
  • iponatremia - una diminuzione del Na sierico superiore a 10 mmol / l inferiore a 125 mmol / l
  • ipopotassiemia: diminuzione del livello sierico K inferiore a 3,5 mmol / l
  • iperkaliemia - aumento del livello sierico K superiore a 5,5 mmol / l

Cause di ascite refrattaria:

• troppo sodio (con cibo, droghe);

• nessuna restrizione di assunzione di liquidi per l'iponatriemia;

• compromissione della funzionalità renale (con cautela è necessario utilizzare farmaci antinfiammatori non steroidei, aspirina, aminoglicosidi, metoclopramide).

Se lo sviluppo di complicanze della terapia diuretica non consente di aumentare la dose di diuretici, allora è possibile l'ossigenazione iperbarica e, in caso di fallimento, laparocentesi terapeutica.

Le indicazioni per laparocentesi terapeutica sono:

In questo caso, vengono contemporaneamente evacuati 4-6 litri di fluido ascitico, seguiti dall'introduzione di una soluzione di albumina al 20% alla velocità di 25 ml per 1 l di fluido rimosso per mantenere un volume intravascolare efficace. La somministrazione di albumina è obbligatoria e impedisce lo sviluppo di sindrome epatorenale e ipovolemia. Va ricordato che la rimozione di una grande quantità di liquido ascitico porta ad un significativo peggioramento dell'encefalopatia epatica.

Quando si forma l'idrotorace destro sullo sfondo dell'ascite, la toracocentesi è indicata per scopi diagnostici o per l'accumulo critico di livello del fluido. L'ascite refrattaria si forma spesso in tumori maligni che colpiscono gli organi della cavità addominale e della pelvi, e richiede laparocentesi ripetuta.

Complicazioni della terapia diuretica:

• encefalopatia (nel 25% dei casi);

• disturbi elettrolitici (nel 38-41% dei casi);

• sindrome epatorenale (HRS).

Le complicanze più frequenti della terapia diuretica sono i disturbi elettrolitici, la progressione dell'encefalopatia epatica, lo sviluppo della sindrome epatorenale (HRS). L'aumento dell'escrezione di potassio, sodio e cloruri nell'appuntamento dei diuretici a dosi elevate e di diuresi eccessiva può portare ad alcalosi metabolica ed esacerbazione di alcalosi respiratoria. L'ipokaliemia porta ad una diminuzione dell'escrezione di ammoniaca da parte dei reni. Nelle condizioni di alcalosi metabolica, il contenuto di ammoniaca libera aumenta nel plasma e la sua penetrazione nelle cellule del sistema nervoso centrale è facilitata, il che aggrava l'encefalopatia. È necessario cancellare saluretics e nominare la terapia di sostituzione con soluzione per il 3% di potassio in una dose di 60-80 mmol (4-6 g di cloruro di potassio) durante 4-6 giorni. Inoltre, terapia prescritta di encefalopatia epatica.

Tuttavia, è necessario ricordare il possibile sviluppo di iperkaliemia, che manifesta un aumento della debolezza, segni di insufficienza cardiaca, aritmie. Sull'elettrocardiogramma, viene rilevata un'onda T ad alto picco, l'espansione del complesso QRS, l'allungamento dell'intervallo QT.

Una diminuzione della diuresi giornaliera, un aumento del livello di creatinina e urea può essere dovuto allo sviluppo di HRS, che richiede l'interruzione della terapia diuretica. Se il livello di urea supera 10 mg / 100 ml e la cretinina sierica superiore a 0,5 mg / 100 ml, i diuretici devono essere cancellati, almeno temporaneamente.

GDS è una disfunzione dei reni dovuta alla dilatazione delle arterie e attivazione riflessa dei fattori vasocostrittori endogeni che portano ad una diminuzione della velocità di filtrazione glomerulare.

Tipo 1 HRS: un aumento rapidamente progressivo (meno di 2 settimane) (2 volte) nel livello iniziale di creatinina ematica o una riduzione del 50% rispetto alla clearance iniziale giornaliera della creatinina. Con GDS del 2o tipo, l'insufficienza renale si sviluppa gradualmente. Il trattamento consiste nell'introduzione di una soluzione di albumina e vasocostrittori (terlipressina).

La rimozione ripetuta di una grande quantità di liquido ascitico porta ad una diminuzione della concentrazione di proteine ​​in esso e teoricamente può predisporre allo sviluppo di peritonite batterica spontanea (SBP) - infezione spontanea del fluido ascitico in assenza di infezione intra-addominale.

La diagnosi di SBP può essere confermata durante laparocentesi:

• il numero di neutrofili 250 in 1 mm 3;

• la semina di fluido ascitico consente di determinare lo spettro della flora patogena;

La mancanza di crescita dei patogeni nel fluido ascitico dei neutrofili 250 in 1 mm 3 indica una forma di SBP culturalmente negativa.

Per il trattamento di SBP prescrivere cefalosporine di terza generazione, fluorochinoloni, amoxacillina e acido clavulanico.

Tenere un paziente con l'ascite è un compito estremamente difficile che il terapeuta deve affrontare nella sua pratica quotidiana e richiede un'attenzione speciale da parte del medico curante e un buon addestramento teorico.

Un paziente con ascite richiede un ricovero urgente in caso di ascite:

• resistente alla terapia;

• complicato da sindrome epatorenale o SBP.

Gli errori più comuni nella gestione di un paziente con ascite sono:

• terapia diuretica intensiva;

• laparocentesi terapeutica forzata senza un'adeguata terapia sostitutiva;

• sottostima del significato dell'infezione batterica secondaria nella formazione di SBP.

Pertanto, la gestione dei pazienti con ascite può essere riassunta nella forma del seguente schema (Fig. 2).

Figura 2. Principi di trattamento dei pazienti con ascite 2 ° e 3 ° grado (secondo Cardenas).

ZM Galeeva

Accademia medica statale di Kazan

Galeeva Zarina Munirovna - Candidato di Scienze Mediche, Assistente del Dipartimento di Terapia

1. Malattie del fegato e delle vie biliari. Una guida per i medici a cura di V.T. Ivashkina. M.: Casa editrice "M-Vesti", 2002.

2. Buyever A.O. Complicazioni infettive della cirrosi epatica // Russian Medical Journal, 2008. - V. 6. - № 19. - P. 15-19.

3. Yeramishantsev A.K., V.M. Lebezev, R.A. Musin. Trattamento chirurgico di ascite resistente in pazienti con ipertensione portale // Chirurgia, 2003. - № 4. - P. 4-9.

4. Fedosina E.A. Caratteristiche del decorso della malattia e prognosi della vita dei pazienti con cirrosi epatica con ascite // Tesi per il grado di candidato di scienze mediche. - Mosca, 2006.

Ascite nella cirrosi epatica: trattamento della spaccatura del liquido nell'addome

loading...

L'ascite nella cirrosi epatica si verifica a seguito di disturbi metabolici. Questa è una complicanza comune di questa malattia, che a volte è definita anche come un sintomo di cirrosi. Le caratteristiche del trattamento e le cause di questa malattia sono considerate nelle informazioni contenute in questo articolo.

Cause dello sviluppo

loading...

L'ascite o l'idratazione addominale si verificano non solo nella cirrosi diagnosticata. A volte altre malattie, come l'insufficienza cardiaca o l'oncologia, precedono l'accumulo di liquidi.

Perché il fluido si accumula nella cavità addominale:

  1. La funzione escretoria dei reni è compromessa.
  2. Un effetto collaterale dello sviluppo dell'ipertensione portale.
  3. Patologia dei processi metabolici nel corpo.
  4. Disfunzione epatica nei processi di formazione del sangue.

La composizione del fluido che si accumula nello spazio addominale corrisponde al plasma del sangue. In generale, è davvero un componente del sangue, perché il meccanismo di formazione dell'ascite comporta un aumento del fluido nella cavità addominale a causa della insufficiente filtrazione del sangue attraverso il fegato.

Segni di ascite con cirrosi epatica

loading...

Nelle prime fasi della cirrosi, l'ascite aiuterà a identificare i problemi nel corpo, perché l'insorgenza di questa malattia è solitamente asintomatica. Di solito, l'accumulo di liquidi, con un volume inferiore a un litro, passa inosservato dal paziente e non provoca disagio e deterioramento della qualità della vita.

Ci sono le seguenti classificazioni di ascite:

  • Grado lieve Il volume del liquido accumulato non supera i due litri. Il volume dell'addome può essere leggermente aumentato, ma tali condizioni sono facilmente suscettibili di aggiustamento medico.
  • Grado medio. Il volume del fluido varia da due a cinque litri. I disturbi interni diventano evidenti, le condizioni generali e il benessere del paziente peggiorano. In genere, questi sintomi non influenzano la respirazione e la funzione muscolare.
  • Grado pesante. Caratterizzato dall'accumulo di liquidi fino a venti litri, il volume dell'addome è marcatamente aumentato, in posizione eretta, addirittura si blocca. La funzione respiratoria è compromessa, il paziente lamenta una grave mancanza di respiro, disturbi digestivi e l'incapacità di condurre una vita normale.

Oltre all'aumento del girovita, durante l'esame si riscontrano altri segni caratteristici di ascite nel paziente. Prima di tutto, è una pelle lucida e allungata dell'addome, ma con la quale il pattern venoso è chiaramente visibile.

In medicina, è spesso chiamata la "testa della medusa", perché i modelli consistono in linee convergenti.

Inoltre, l'area dell'ombelico è spesso gonfia, ma l'ernia può persino formare un'ernia, perché la pressione dall'interno sarà abbastanza forte. Un aumento del volume di liquidi può portare allo spostamento e alla deformazione degli organi interni.

Molto spesso, i reni e il cuore sono colpiti, ma spesso a causa dello sviluppo di ascite, possono verificarsi alterazioni patologiche nei polmoni, nel sistema urogenitale e nella comunicazione vascolare. Il paziente può essere preoccupato per il persistente gonfiore alle gambe, così come i sintomi caratteristici dell'anemia, perché lo sviluppo dell'ascite è solitamente preceduto da una compromissione della funzione ematopoietica.

Diagnosi di liquido nell'addome

loading...

Se trovi qualche ansia, dovresti visitare immediatamente un dottore. Quando si effettuano test di laboratorio, i cambiamenti caratteristici del sangue e delle urine, che indicano una violazione della funzionalità epatica, possono essere avvertiti.

La diagnosi consiste nei seguenti passaggi:

  1. Esame personale e colloquio paziente. Aiuta ad identificare possibili cause di patologia, l'area di localizzazione del dolore e fattori negativi e gruppi a rischio (abuso di alcool, predisposizione ereditaria, malattie pregresse, ecc.).
  2. Studi di laboratorio Di solito, per confermare la diagnosi, è sufficiente superare un esame del sangue complessivo (anemia, aumento della conta dei leucociti e delle escrescenze), urina (proteina come conseguenza della disfunzione renale) e un esame del sangue biochimico (aumento della bilirubina, ALT e AST).
  3. Diagnostica strumentale. Oltre alla radiografia e all'ecografia addominale, possono essere moderni metodi diagnostici: TC e RM.

Quando viene rilevato un accumulo di liquido, viene effettuata una puntura per determinarne la composizione.

Metodi di trattamento

L'efficacia del trattamento dipende dalla velocità di sviluppo della malattia di base. Se l'ascite è causata dalla cirrosi epatica, si deve prestare particolare attenzione al sostegno di questo organo.

Cosa viene usato nel trattamento dell'ascite:

  • Epatoprotettori di origine sintetica e vegetale. Tali farmaci proteggono le cellule del fegato sane e aiutano a migliorare l'apporto di sangue all'organo interessato. Inoltre, hanno un lieve effetto coleretico e aiutano a migliorare la funzione digestiva.
  • Fosfolipidi: farmaci speciali che stimolano la crescita degli epatociti (cellule del fegato), alleviano i sintomi dell'intossicazione del corpo e aiutano anche a regolare il metabolismo di acqua e grasso.
  • Diuretici che aiutano a rimuovere il fluido in eccesso dal corpo. Questi includono non solo preparati farmaceutici, ma anche preparati a base di erbe, il cui uso deve essere coordinato con il medico.
  • Albumina, che aiuta a ripristinare una normale quantità di proteine ​​nel sangue e a normalizzare la pressione sanguigna.
  • Farmaci anti-infiammatori steroidei sono utilizzati se la cirrosi è di natura autoimmune.
  • Gli amminoacidi aiutano a sostenere il corpo durante il trattamento.
  • Gli agenti antivirali sono usati per trattare l'epatite e altre malattie correlate.
  • Gli antibiotici vengono utilizzati se l'accumulo di liquidi può portare a infezioni degli organi interni.

Il dosaggio e la combinazione appropriata di farmaci sono determinati individualmente, in base alla diagnosi e alla gravità delle condizioni del paziente.

È noto che in questo periodo di sviluppo della medicina, un farmaco adatto non è stato inventato per eliminare completamente la cirrosi. Il trapianto di un organo donatore offre maggiori possibilità di recupero, ma questa è anche una procedura rischiosa.

dieta

L'indubbia condizione per il trattamento dell'ascite di varia origine è seguire una dieta rigorosa. I pazienti che si trovano in regime di degenza sono prescritti dalla tabella dietetica n. 5 e, per il trattamento ambulatoriale della cirrosi (e dell'ascite, ovviamente), è necessario attenersi alle seguenti regole.

Termini di dieta e routine quotidiana:

  • La razione giornaliera dovrebbe essere divisa in 5-6 pasti.
  • È necessario abbandonare completamente il sale e i piatti con l'inclusione di questo ingrediente.
  • Sotto il divieto di alcol, bevande sintetiche e soda.
  • Non puoi mangiare prodotti da pasticceria, carni affumicate, in scatola e pesanti per i piatti di stomaco.
  • L'attività fisica deve essere moderata, con forme gravi di ascite, si raccomanda il riposo a letto.

La dieta quotidiana può essere completata con carne magra bollita e pesce, verdure fresche e bollite e minestre leggere.

La dieta costante e il riposo a letto contribuiranno a ridurre efficacemente la quantità di liquido accumulato, ma, in casi particolarmente difficili, dovrai contattare un chirurgo.

Metodi chirurgici

Con ascite forte, quando il volume del liquido supera i cinque litri, viene spesso eseguita la procedura di pompaggio dell'eccesso dalla cavità addominale.

Questo intervento è chiamato paracentesi e, sebbene in precedenza molti medici rifiutassero questa pratica, le moderne possibilità della medicina le permettevano di essere ripristinata di nuovo, ma in una forma già migliorata.

L'essenza della procedura è di rimuovere l'eccesso di liquido attraverso una puntura nella cavità addominale.

La procedura è seguita dalla somministrazione successiva di dosi appropriate di albumina (6-8 g / litro di liquido) e, se necessario, terapia antibatterica aggiuntiva.

La frequenza di tali procedure non deve superare le due o le tre volte l'anno, altrimenti c'è un alto rischio di infezione e la formazione di aderenze nello spazio addominale. Inoltre, tali sessioni devono essere combinate con il mantenimento di una dieta priva di sale e riposo a letto, durante il quale i reni sono più facili da gestire pompando l'umidità in eccesso.

Oltre alla paracentesi, viene spesso utilizzata l'ultrafiltrazione o la reinfusione. Secondo il principio di azione, è simile alla procedura di dialisi, richiede determinate attrezzature e un lungo tempo di esposizione.

Un metodo più rischioso è lo smistamento peritoneo venoso, il cui risultato sarà la liberazione dell'ascite per molto tempo.

Allo stesso tempo, un tubo speciale viene inserito nello spazio della vena cava, che aiuta a rimuovere il liquido in eccesso. Tale intervento è estremamente rischioso e può essere fatale semplicemente sul tavolo operatorio con un alto grado di probabilità.

In termini di efficienza, tale operazione è considerata molto giustificata, ma solo in assenza di controindicazioni e alta professionalità del chirurgo che ha eseguito l'intervento.

Rimedi popolari

Nonostante le assicurazioni di molti guaritori tradizionali, è impossibile curare l'ascite con i rimedi casalinghi. Le tasse diuretiche e gli agenti fortificanti apporteranno benefici evidenti, ma è impossibile eliminare il disturbo solo con tali ricette.

Quanti vivono?

La prognosi per l'ascite è piuttosto deludente. Anche le forme lievi indicano gravi problemi nel corpo, senza l'eliminazione di cui non ci saranno progressi.

I decessi vengono dall'insufficienza cardiaca e renale, dai problemi polmonari e dall'infezione interna del corpo. Un trattamento di alta qualità e una dieta attentamente seguita contribuiranno ad evitare questa triste statistica, perché per i pazienti che seguono rigorosamente le prescrizioni del medico, ci sono frequenti ritardi fino a 8 - 10 anni di vita extra.

L'ascite con cirrosi epatica non è una malattia indipendente, ma un ulteriore sintomo e complicazione dei processi patologici che si verificano nell'organo interessato. Una diagnosi precoce di tali condizioni contribuirà a migliorare l'efficacia del trattamento della malattia di base, oltre a evitare la probabilità di ulteriori problemi.